a cura di Paolo Tagini, vicedirettore della rivista ARMI MAGAZINE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "a cura di Paolo Tagini, vicedirettore della rivista ARMI MAGAZINE"

Transcript

1 Leggi e circolari Lo scopo di questo prontuario è quello di fornire delle indicazioni il più possibile chiare e semplici a quelle persone che intendono avvicinarsi al mondo delle armi o che già hanno avuto degli approcci ma che necessitano di maggiori informazioni. Spesso si sente dire che non è possibile ad un privato cittadino acquistare un'arma o che per andare a sparare al poligono è necessario avere il porto d'armi: queste sono grossolane imprecisioni. Con questa premessa vogliamo spiegare che nel campo delle armi, così come accade in molti altri settori, le leggi sono poco chiare: nel limite del possibile abbiamo tentato di riassumerle con chiarezza. Proprio siccome le norme non sempre sono ben chiare anche agli addetti ai lavori, esistano differenze nell'applicarle: può accadere che una Questura richieda certi documenti, mentre quella della provincia confinante non lo fa. È ovvio che è impossibile conoscere tutte queste sfaccettature nell'interpretazione delle norme e pertanto abbiamo fatto riferimento alla prassi più generalmente applicata. Questo lavoro non ha la pretesa di essere un trattatello giuridico e proprio per renderlo accessibile a chi è digiuno della materia legale abbiamo evitato di inserire nel testo riferimenti a leggi o ad altre norme. D'altra parte accade che, ad esempio, acquistiamo o cediamo un'auto ed effettuiamo tranquillamente tali operazioni secondo precise norme di legge che, nella stragrande maggioranza dei casi, ci sono perfettamente ignote. Sempre nello spirito di questo scritto, improntato alla semplicità e al desiderio di soddisfare le curiosità e i dubbi che si manifestano più di frequente, i suoi contenuti sono volutamente limitati e contemplano i casi d interesse più comune e generale. a cura di Paolo Tagini, vicedirettore della rivista ARMI MAGAZINE Sommario 1. L acquisto 1.1. L acquisto di armi comuni da sparo Il nullaosta Le licenze di porto d armi La dichiarazione di vendita 1.2. L acquisto delle armi antiche L acquisto delle munizioni e delle polveri da lancio L acquisto di armi ad aria o a gas compressi, sia lunghe sia corte, i cui proiettili sono dotati di un energia cinetica non superiore a 7,5 joule e delle repliche a colpo singolo di armi antiche ad avancarica di modelli anteriori al L acquisto di bossoli, inneschi, palle 1.6. L acquisto di armi disattivate 2. La detenzione 2.1. La denuncia 2.2. La detenzione delle armi comuni da sparo Le armi da caccia Le armi classificate per uso sportivo Le altre armi comuni da sparo Le armi ad aria o a gas compressi, sia lunghe sia corte, i cui proiettili sono dotati di un energia cinetica non superiore a 7,5 joule e le repliche a colpo singolo di armi antiche ad avancarica di modelli anteriori al La licenza di collezione 2.4. La detenzione delle armi antiche

2 2.5. La detenzione di munizioni e polveri La vendita di un arma La custodia delle armi Le alterazioni delle armi Le munizioni 3. Porto e trasporto delle armi da sparo La licenza di porto di fucile per lo sport del tiro a volo La licenza di porto di fucile per uso di caccia La licenza di porto di pistola o rivoltella per difesa personale La carta di riconoscimento per trasporto armi (carta verde) Il permesso di trasporto per armi sportive 3.1. Porto e trasporto delle armi ad aria o a gas compressi, sia lunghe sia corte, i cui proiettili sono dotati di un energia cinetica non superiore a 7,5 joule 3.2. Porto e trasporto delle repliche a colpo singolo di armi antiche ad avancarica di modelli anteriori al Il comodato Introduzione Lo scopo di questo prontuario, aggiornato e ampliato rispetto alle precedenti stesure, è quello di fornire delle indicazioni il più possibile chiare e semplici a quelle persone che intendono avvicinarsi al mondo delle armi o che già hanno avuto degli approcci ma che necessitano di maggiori informazioni. Spesso si sente dire che non è possibile ad un privato cittadino acquistare un arma o che per andare a sparare al poligono è necessario avere il porto d armi: queste sono grossolane imprecisioni. Con questa premessa vogliamo spiegare che nel campo delle armi, così come accade in molti altri settori, le leggi sono poco chiare: nel limite del possibile abbiamo tentato di riassumerle con chiarezza. Proprio siccome le norme non sempre sono ben chiare anche agli addetti ai lavori, esistano differenze nell applicarle: può accadere che una Questura richieda certi documenti, mentre quella della provincia confinante non lo fa. È ovvio che è impossibile conoscere tutte queste sfaccettature nell' interpretazione delle norme e pertanto abbiamo fatto riferimento alla prassi pi ù generalmente applicata. Questo lavoro non ha la pretesa di essere un trattatello giuridico e proprio per renderlo accessibile a chi è digiuno della materia legale abbiamo evitato di inserire nel testo riferimenti a leggi o ad altre norme. D altra parte accade che, ad esempio, acquistiamo o cediamo un auto ed effettuiamo tranquillamente tali operazioni secondo precise norme di legge che, nella stragrande maggioranza dei casi, ci sono perfettamente ignote. Sempre nello spirito di questo scritto, improntato alla semplicità e al desiderio di soddisfare le curiosità e i dubbi che si manifestano più di frequente, i suoi contenuti sono volutamente limitati e contemplano i casi d interesse più comune e generale. Abbreviazioni c.d. = cosiddetta cfr. = confronta p.es. = per esempio v. = vedere = paragrafo 1. L acquisto L acquisizione di un arma da sparo presuppone che l acquirente sia in possesso di un autorizzazione rilasciata dalla polizia. Questa norma di carattere generale contempla due importanti eccezioni, che riguardano:

3 - le armi ad aria o a gas compressi, sia lunghe sia corte, i cui proiettili sono dotati di un energia cinetica non superiore a 7,5 joule; - le repliche a colpo singolo di armi antiche ad avancarica di modelli anteriori al Per l acquisto di armi appartenenti a queste due ultime categorie non si richiede alcuna autorizzazione di polizia L acquisto di armi comuni da sparo L ordinamento prevede due grandi categorie di armi: quelle da guerra e quelle comuni da sparo. Per le prime le possibilità di acquisizione e detenzione da parte del privato cittadino sono ridotte a rarissimi e ben particolari casi, mentre le seconde sono quelle normalmente destinate al mercato civile e quindi, in definitiva, sono quelle che c interessano maggiormente. Esse sono: - i fucili con una o più canne ad anima liscia a ripetizione manuale o semiautomatica (non a ripetizione automatica, cioè capaci di tiro a raffica); - i fucili con due canne ad anima rigata (c.d. fucili Express); - i fucili con due o tre canne miste ad anime lisce o rigate (c.d. fucili combinati); - i fucili, le carabine, i moschetti con canna ad anima rigata a ripetizione manuale o semiautomatica (non a ripetizione automatica, vale a dire capaci di tiro a raffica); - i revolver; - le pistole (monocolpo o semiautomatiche); - le armi ad aria compressa, sia lunghe sia corte, di potenza superiore a 7,5 joule; - le repliche di armi antiche ad avancarica di modelli anteriori al 1890, fatta eccezione per quelle a colpo singolo Il nullaosta Per acquistare una delle armi comuni da sparo che abbiamo elencato in 1.1. è necessario possedere un titolo d acquisto; chi non è in possesso di un porto d armi (v ) dovrà munirsi di un nullaosta all acquisto. Questo documento è rilasciato dall autorità di polizia e per averlo occorre recarsi, secondo i casi, alla Stazione dei Carabinieri, al Commissariato della Polizia di Stato o alla Questura competente per territorio in base al luogo di residenza dell interessato. Per ottenere il nullaosta è necessario compilare una domanda in carta libera nella quale il richiedente, che deve avere compiuto la maggiore età e non deve essere stato obiettore di coscienza, specifica obbligatoriamente il motivo dell acquisto (p. es.: difesa abitativa, pratica dello sport del tiro a segno eccetera). Solitamente occorre accompagnare alla domanda per ottenere il nullaosta un certificato medico; la firma del richiedente deve essere autenticata. Trascorso un certo periodo (solitamente qualche settimana) il nullaosta è pronto e deve essere ritirato presso l ufficio ove era stato richiesto; può anche accadere che sia spedito direttamente a casa. Il nullaosta vale, su tutto il territorio nazionale, per trenta giorni ma può essere rinnovato per uguale periodo. In pratica, una volta ottenuto il nullaosta è finalmente possibile acquistare l arma; il passo successivo sarà la compilazione della dichiarazione di vendita (v ) Le licenze di porto d' armi Mentre il nullaosta è un titolo d acquisto occasionale (serve per effettuare un solo acquisto, anche se di più armi), le licenze di porto d armi sono invece dei titoli d acquisto permanenti, ossia possono essere utilizzate per acquistare armi più volte, fintanto che sono in corso di validità. Le licenze di porto d armi sono di tre tipi: - licenza di porto di fucile per lo sport del tiro a volo (v. 3.1.); - licenza di porto di fucile per uso di caccia (v. 3.2.); - licenza di porto di pistola o rivoltella per difesa personale (v. 3.3.). Esse abilitano all acquisto di qualunque tipo di arma comune da sparo (che sono state elencate in 1.1.).

4 La dichiarazione di vendita Chi cede un arma ad un altra persona è tenuto, oltre a verificare la validità del nullaosta ovvero a controllare che il porto d' armi non sia scaduto e che sia stata pagata la relativa tassa (nel caso di una licenza di porto di fucile per uso di caccia), a compilare una dichiarazione di vendita dell arma (o delle armi nel caso siano più di una). Questa dichiarazione può essere redatta in carta libera e deve indicare le generalità del cedente (data e luogo di nascita, indirizzo), quelle del compratore, gli estremi del titolo d acquisto (numero del nullaosta, numero e data di rilascio del porto d armi) nonché tutti i dati identificativi dell arma (tipo, marca, calibro, numero di matricola ed eventuale numero del catalogo nazionale). A volte le Questure predispongono dei modelli che distribuiscono gratuitamente per facilitare il compito dei cittadini. Se l acquirente utilizza il nullaosta, questo viene ritirato dal venditore. Se la transazione avviene fra due privati cittadini, la dichiarazione di vendita è compilata in due copie originali, entrambe firmate dal venditore e controfirmate dal compratore. Ognuna delle due parti tratterrà una copia del documento. Se il venditore è un armiere, sarà suo compito compilare la dichiarazione di vendita dell arma, che consegnerà all interessato; di solito è utilizzato un modulo stampato recante l intestazione dell armeria. Conclusa la fase dell acquisto, è ora necessario passare a quella successiva, la denuncia dell arma (v. 2.1.) L acquisto delle armi antiche Per la legge italiana sono armi antiche quelle ad avancarica e quelle fabbricate prima del È possibile acquistare le armi antiche con gli stessi modi relativi alle armi comuni da sparo, ossia con il nullaosta o con un porto d armi. Vi è però un ulteriore possibilità: costituisce titolo d acquisto per le armi antiche la licenza di collezione per le stesse (v. 2.4.). Anche per quanto riguarda le armi antiche è necessario compilare la dichiarazione di vendita e anche queste armi debbono essere denunciate L acquisto delle munizioni e delle polveri da lancio Per l acquisto delle munizioni (cartucce) e della polvere da lancio (o polvere da sparo), utilizzata da chi spara con armi ad avancarica o da chi ricarica domesticamente le cartucce, sono necessari gli stessi documenti per l acquisto delle armi comuni da sparo: il nullaosta o un porto d armi L acquisto di armi ad aria o a gas compressi, sia lunghe sia corte, i cui proiettili sono dotati di un energia cinetica non superiore a 7,5 joule e delle repliche a colpo singolo di armi antiche ad avancarica di modelli anteriori al 1890 Queste armi possono essere acquistate solo da maggiorenni muniti di valido documento di riconoscimento; sono consentiti la loro cessione e il comodato purché avvengano con scrittura privata tra maggiorenni. Non è però necessaria la scrittura privata qualora il comodato sia di durata non superiore a quarantotto ore L acquisto di bossoli, inneschi, palle Per questi altri componenti della cartuccia che sono di libera vendita non è necessario alcun titolo per procedere al loro acquisto L acquisto di armi disattivate La legge prevede che, seguendo particolari norme, le armi da sparo (sia comuni, sia da guerra) possano essere rese inattive in forma definitiva; in tal caso questi oggetti non sono più armi ai fini della legge e pertanto possono essere acquistati e detenuti liberamente da chiunque. 2. La detenzione Acquistata un arma, occorre espletare ancora una formalità? la denuncia? per poterla detenere regolarmente; inoltre si deve considerare che la legge pone dei limiti quantitativi al numero di armi

5 che si possono detenere in base alla loro tipologia. Certi tipi di armi possono essere detenuti in numero illimitato, per altri esistono delle precise limitazioni ai quantitativi che i privati cittadini possono avere: è importante conoscere questi dati per evitare di superarli. Un altro aspetto connesso alla detenzione che deve essere tenuto in debito conto al fine di evitare di infrangere la legge è che le armi non debbono essere assolutamente spostate dal luogo ove sono state denunciate; la legge prevede dei precisi modi per il loro porto e trasporto che saranno esaminate in seguito. Non sono soggette all obbligo della denuncia le armi ad aria o a gas compressi, sia lunghe sia corte, i cui proiettili sono dotati di un energia cinetica non superiore a 7,5 joule e le repliche a colpo singolo di armi antiche ad avancarica di modelli anteriori al La denuncia L ulteriore formalità che è necessario espletare per possedere legalmente un arma è la sua denuncia, un atto mediante il quale il neoproprietario dell arma stessa notifica all autorità l avvenuta acquisizione e il luogo ove l arma è custodita. La denuncia ha carattere permanente, cioè non deve essere rinnovata né è soggetta al pagamento di tributi, né presenti né successivi. Dal punto di vista pratico la denuncia è un modulo che può essere acquistato in cartoleria o in tabaccheria e che deve essere compilato in due copie. Quando ci si reca presso l autorità (Stazione dei Carabinieri, Commissariato della P.S. o Questura secondo i casi) bisogna consegnare i due moduli debitamente compilati e firmati e la copia della dichiarazione di vendita dell arma. La legge prescrive che il possesso dell arma sia denunciato nel più breve tempo possibile La detenzione delle armi comuni da sparo Il privato cittadino può detenere, se regolarmente denunciate, le seguenti armi comuni da sparo: - un numero illimitato di fucili da caccia; - sei armi classificate per uso sportivo; - tre altre armi comuni da sparo; - otto armi antiche Le armi da caccia La legge-quadro sulla caccia stabilisce quali armi sono da caccia ai fini del nostro ordinamento. Esse sono: - i fucili a una o più canne ad anima liscia di calibro non superiore al 12 con qualsiasi sistema di funzionamento; - i fucili ad una o più canne ad anima rigata di calibro non inferiore a 5,6 mm con bossolo di lunghezza non inferiore a 40 mm; - i fucili combinati a due o tre canne in cui la canna liscia (o le canne lisce) deve essere di calibro non superiore al 12 e quella rigata (o quelle rigate) di calibro non inferiore a 5,6 mm. Come sappiamo (cfr. 2.2.), queste armi sono detenibili in numero illimitato. La legge esclude esplicitamente che le armi ad aria compressa siano armi da caccia Le armi classificate per uso sportivo La c.d. legge Lo Bello ha introdotto nel nostro ordinamento la tipologia delle armi comuni da sparo classificate per uso sportivo. È il ministero dell Interno ad assegnare a un arma tale qualifica e in una decina di anni il loro numero è diventato di diverse centinaia. Quando s intende acquistare un arma classificata per uso sportivo (che come tale sarà denunciata) è necessario verificare che abbia effettivamente tale qualifica; di solito le case costruttrici o gli importatori specificano nella loro pubblicità se un arma è sportiva. Bisogna infatti considerare che un arma apparentemente con caratteristiche sportive potrebbe non avere la qualifica di legge (perché il costruttore o l importatore non l ha richiesta) e solo le armi comprese nell elenco

6 beneficiano dei vantaggi che derivano dalla qualifica di arma classificata per uso sportivo. Come sappiamo (cfr. 2.2.), queste armi sono detenibili in numero di sei Le altre armi comuni da sparo Oltre alle armi da caccia e a quelle classificate per uso sportivo, esiste nell ambito delle armi comuni da sparo (v. 1.1.) una terza categoria, definibile solo in negativo: sono le altre armi comuni da sparo, quelle cioè che non sono né da caccia né sportive. Appartengono a questa categoria tutte le pistole e i revolver da difesa (che non hanno cioè ottenuto la qualifica per uso sportivo), più tutti i fucili che non rientrano nella definizione di armi da caccia (v ). Così sono altre armi comuni da sparo un fucile con canna ad anima liscia di calibro superiore al 12 (p. es. una doppietta calibro 10), un fucile con canna ad anima rigata di calibro inferiore a 5,6 mm (p. es. una carabina in calibro.17 Remington) o di calibro uguale a 5,6 mm ma con bossolo di lunghezza inferiore a 40 mm (p. es. una carabina in.22 Long Rifle). Tutte le armi ad aria compressa, sia lunghe sia corte, sono altre armi comuni da sparo eccezione fatta per quelle classificate per uso sportivo e per quelle di potenza inferiore a 7,5 Joule. Come sappiamo (cfr. 2.2.), le altre armi comuni da sparo sono detenibili in numero di tre Le armi ad aria o a gas compressi, sia lunghe sia corte, i cui proiettili sono dotati di un energia cinetica non superiore a 7,5 joule e le repliche a colpo singolo di armi antiche ad avancarica di modelli anteriori al 1890 Una recente legge ha stabilito che queste due categorie non rientrano più fra le armi comuni da sparo. Sono detenibili, senza obbligo di denuncia, in numero illimitato La licenza di collezione Chi intende possedere armi in numero superiore ai limiti che la legge prevede mediante denuncia (v. 2.2.), deve ottenere il rilascio della licenza di collezione per armi comuni da sparo. In altre parole, se s intende possedere più di sei armi classificate per uso sportivo e più di tre altre armi comuni da sparo, è necessaria la licenza di collezione; essa, di fatto, non serve per le armi da caccia poiché, come sappiamo, sono detenibili in numero illimitato. Per le armi antiche, il caso è diverso perché esiste una licenza di collezione apposita che sarà trattata in seguito. La licenza di collezione per armi comuni da sparo permette dunque la detenzione di quante armi si vogliono, con un solo limite numerico: un esemplare per ogni tipo di arma iscritta al catalogo nazionale. È una licenza permanente (non deve essere rinnovata) e non è soggetta ad alcun tipo di tassa. Di solito, all atto della concessione della licenza, l autorità impone al suo titolare particolari obblighi per la custodia delle armi (antifurto, armadio blindato eccetera). È proibito detenere le munizioni delle armi in collezione e, anche se la legge non lo vieta esplicitamente, per prassi si ritiene che tali armi non possano essere usate. A questo proposito è opportuno ricordare che esiste anche un altro caso per il quale può essere richiesta la licenza di collezione. Chi intende detenere anche una sola arma comune da sparo, ma non vuole farne uso e quindi non intende avvalersi della facoltà di detenere il relativo munizionamento, può richiedere la licenza di collezione per l arma in questione anziché farne denuncia (v. 2.1) La detenzione delle armi antiche Come già sappiamo (cfr. 2.2.), è possibile detenere mediante denuncia otto armi antiche; chi intende possederne di più deve ottenere la licenza di collezione per armi antiche, rare, artistiche. Questo documento ha carattere permanente (non deve essere rinnovato) e non è soggetto ad alcun tipo di tassa; non vi sono limiti al numero di armi che possono essere inserite in questa licenza di collezione La detenzione di munizione e polveri Esistono precisi limiti al numero delle munizioni detenibili con denuncia, e cioè: 200 cartucce da pistola o revolver e 1500 cartucce da fucile da caccia. Nel caso si abbia in denuncia un fucile da

7 caccia, è possibile detenere fino a 1000 cartucce caricate a pallini senza bisogno di denuncia; in ogni caso, queste 1000 cartucce rientrano nel limite delle 1500 di cui si è appena detto. La legge prevede la possibilità di detenere mediante denuncia fino a 5 kg di polvere da sparo; bisogna però considerare che, ai fini del raggiungimento di questo plafond, la polvere detenuta sciolta fa cumulo con quella contenuta nelle cartucce eventualmente possedute. La legge prevede espressamente che possa essere detenuto un numero illimitato di bossoli innescati, senza obbligo di denuncia La vendita di un arma Chi detiene una o più armi e intende venderne deve, di fatto, seguire la procedura inversa che abbiamo indicato in 1.1., così di seguito riassumibile. In primo luogo è necessario verificare la validità del nullaosta dell acquirente ovvero controllare che il suo porto d armi non sia scaduto e che sia stata pagata la relativa tassa (nel caso di una licenza di porto di fucile per uso di caccia); assolte queste condizioni, il cedente deve compilare la dichiarazione di vendita dell arma (o delle armi). Come sappiamo, questa dichiarazione può essere redatta in carta libera e deve indicare le generalità del cedente (data e luogo di nascita, indirizzo), quelle del compratore, gli estremi del titolo d acquisto (numero del nullaosta, numero e data di rilascio del porto d armi) nonché tutti i dati identificativi dell arma (tipo, marca, calibro, numero di matricola ed eventuale numero del catalogo nazionale). Se l acquirente utilizza il nullaosta, questo viene ritirato dal venditore. Se la transazione avviene fra due privati cittadini, la dichiarazione di vendita è compilata in due copie originali, entrambe firmate dal venditore e controfirmate dal compratore. Ognuna delle due parti tratterrà una copia del documento. Se l acquirente è un armiere, sarà suo compito compilare una dichiarazione di acquisto dell arma, che consegnerà al venditore. A questo punto è necessario comunicare all autorità di polizia l effettuazione della vendita, in modo che possa essere scaricata l arma dalla denuncia di chi ha venduto. Ci si reca dall autorità presso di cui era stata denunciata l arma con la denuncia stessa, la dichiarazione di vendita e l eventuale nullaosta ritirato dall acquirente. Si consegna il tutto e, solitamente, la denuncia viene riconsegnata subito con l arma venduta debitamente depennata. Per la vendita delle armi ad aria o a gas compressi, sia lunghe sia corte, i cui proiettili sono dotati di un energia cinetica non superiore a 7,5 joule e delle repliche a colpo singolo di armi antiche ad avancarica di modelli anteriori al 1890 è sufficiente una scrittura privata tra maggiorenni La custodia delle armi La custodia delle armi e degli esplosivi deve essere assicurata con ogni diligenza nell interesse della sicurezza pubblica. Inoltre, è punito chiunque, anche se munito della licenza di porto d armi: 1) consegna o lascia portare un arma a persona di età minore dei quattordici anni, o qualsiasi persona incapace o inesperta nel maneggio di essa; 2) trascura di adoperare, nella custodia di armi, le cautele necessarie a impedire che alcune delle persone indicate in precedenza giunga a impossessarsene agevolmente. Come si può capire, la legge non pone delle condizioni precise al modo di custodire le armi, tuttavia pone l obbligo della massima diligenza. Esiste un caso particolare, che riguarda i titolari di licenza di collezione di armi (v. 2.3.): devono adottare e mantenere efficienti difese antifurto secondo le modalità prescritte dalla autorità di pubblica sicurezza. La legge distingue dunque il caso del titolare di licenza di collezione per armi comuni da sparo, sul quale non solo incombe l obbligo generale della diligente custodia, ma anche quello di adottare determinate precauzioni che sarà la stessa autorità di P.S. a stabilire Le alterazioni delle armi Le armi (ad eccezione di quelle ad anima liscia e di quelle ad avancarica), prima di essere immesse su mercato, sono sottoposte a una catalogazione preventiva da parte del ministero dell Interno. Si

8 tratta di una vera e propria fiche tecnica (viene pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale) che, fra i vari dati, comprende anche la capacità del caricatore. L uso di un caricatore con capienza maggiore costituisce, ad esempio, un reato. Le altre possibili alterazioni, oltre ad esempio alla trasformazione del congegno di scatto dell arma per consentirne il tiro a raffica, riguardano soprattutto le dimensioni dell arma stessa. In particolare, si deve evitare di accorciarla perché in questo modo si renderebbero più agevoli il porto e l occultamento. I dati contenuti nella catalogazione del Ministero dell interno di cui si è detto poc anzi comprendono anche la lunghezza totale dell arma e quella della canna, per questo è facile stabilire se un arma sia stata alterata Le munizioni La legge pone talune limitazioni alle munizioni utilizzabili nelle armi comuni da sparo: non possono comunque essere caricate con pallottole a nucleo perforante, traccianti, incendiarie, a carica esplosiva, ad espansione, autopropellenti, né possono essere tali da emettere sostanze stupefacenti, tossiche o corrosive. Per quanto riguarda le palle ad espansione, il divieto non riguarda le munizioni destinate alle armi da caccia o tiro al bersaglio, il che significa che non è possibile utilizzare cartucce caricate con palla ad espansione per la difesa personale, mentre le stesse munizioni possono essere usate in poligono. 3. Porto e trasporto delle armi da sparo Come abbiamo visto, in virtù della denuncia è concesso di detenere una o più armi (e munizioni) nell abitazione indicata in questo documento e nelle sue appartenenze (giardino, cortile, cantina, eccetera). La denuncia non presuppone assolutamente che l arma possa essere spostata dall abitazione e per fare ciò è necessario un documento apposito. Prima di entrare nei dettagli è opportuno chiarire la differenza fra porto e trasporto. Quest ultimo deve essere inteso come il trasferimento dell arma da un luogo ad un altro come oggetto inerte e non suscettibile d uso, in assenza quindi della pronta disponibilità che caratterizza invece il porto. Di seguito elenchiamo i vari documenti che abilitano al porto o al trasporto delle armi La licenza di porto di fucile per lo sport del tiro a volo Questo documento è rilasciato dal Questore e per averlo occorre recarsi, secondo i casi, al Commissariato della Polizia di Stato o alla Questura competente per territorio in base al luogo di residenza dell interessato. Per ottenerlo è necessario compilare una domanda; il richiedente deve avere compiuto la maggiore età e non deve essere stato obiettore di coscienza. Occorre accompagnare alla domanda alcune fotografie, un certificato medico e, in mancanza di un congedo dal servizio militare, un certificato di abilitazione all uso e maneggio delle armi rilasciato da una sezione del Tiro a Segno Nazionale. La licenza di porto di fucile per lo sport del tiro a volo non paga tassa di concessione governativa; vale per sei anni, senza necessità di rinnovo annuale. Con questo documento è possibile portare le armi utilizzate per il tiro a volo (il regolamento sportivo di questa disciplina permette solo l uso dei fucili con canna ad anima liscia di calibro non superiore al 12) durante l attività sportiva. Grazie ad una recente circolare del ministero dell Interno, con la licenza di porto di fucile per lo sport del tiro a volo è possibile trasportare tutte le armi comuni da sparo, sia lunghe sia corte La licenza di porto di fucile per uso di caccia Questo documento è rilasciato dal Questore e per averlo occorre recarsi, secondo i casi, al Commissariato della Polizia di Stato o alla Questura competente per territorio in base al luogo di residenza dell interessato. Per ottenerlo è necessario compilare una domanda; il richiedente deve avere compiuto la maggiore età e non deve essere stato obiettore di coscienza. Occorre accompagnare alla domanda alcune fotografie, un certificato medico e, in mancanza di un congedo dal servizio militare, un certificato di abilitazione all uso e maneggio delle armi rilasciato da una sezione del Tiro a Segno Nazionale. La licenza di porto di fucile per uso di caccia paga tassa di

9 concessione governativa annuale (attualmente fissata in lire? 134,30 euro); vale per sei anni, senza necessità di rinnovo annuale salvo l obbligo di pagare la tassa di cui si è detto se s intende portare o trasportare armi. Con questo documento è possibile portare le armi utilizzate da caccia (cfr ). Grazie ad una recente circolare del ministero dell Interno, con la licenza di porto di fucile per uso di caccia è possibile trasportare tutte le armi comuni da sparo, sia lunghe sia corte La licenza di porto di pistola o rivoltella per difesa personale Questo documento è rilasciato dal Prefetto. Per ottenerlo è necessario compilare una domanda nella quale si specificano i motivi per cui si desidera andare armati; il richiedente deve avere compiuto la maggiore età e non deve essere stato obiettore di coscienza. Occorre accompagnare alla domanda alcune fotografie, un certificato medico e, in mancanza di un congedo dal servizio militare, un certificato di abilitazione all uso e maneggio delle armi rilasciato da una sezione del Tiro a Segno Nazionale. La licenza di porto di pistola o rivoltella paga tassa di concessione governativa annuale (attualmente fissata in lire? 87,80 euro); vale per cinque anni ma ogni anno deve essere rinnovata con richiesta nella quale si specificano nuovamente i motivi per cui si desidera andare armati. Con questo documento è possibile portare fino a tre armi corte; secondo un interpretazione corrente della legge, non è possibile portare una pistola sportiva per difesa. Esistono specifici divieti di porto dell arma da difesa (nelle riunioni pubbliche, nelle aule di tribunale, nei seggi elettorali, negli stadi eccetera). Per quanto riguarda i mezzi di trasporto, sui treni l arma può essere portata ma solo se scarica e smontata, mentre per gli aerei deve essere consegnata all atto dell imbarco e deve essere seguita una particolare procedura. Grazie a una recente circolare del ministero dell Interno, con la licenza di porto d arma da difesa è possibile trasportare tutte le armi comuni da sparo, sia lunghe sia corte La carta di riconoscimento per trasporto armi (carta verde) Questo documento è rilasciato da una Sezione del Tiro a Segno Nazionale ed è vidimato dal Questore. Per averlo occorre informarsi presso il poligono; di solito è necessario compilare una domanda, il richiedente deve avere compiuto la maggiore età e non deve essere stato obiettore di coscienza. Occorre accompagnare alla domanda alcune fotografie e un certificato medico. Vale per un anno, non paga tassa e permette di trasportare le armi comuni da sparo, sia lunghe sia corte, utilizzabili in poligono lungo la via più breve che unisce il luogo in cui le armi si trovano al poligono stesso che l ha rilasciata e viceversa Il permesso di trasporto per armi sportive Questo documento è rilasciato dal Questore; per ottenerlo è necessario compilare una domanda. Il richiedente deve avere compiuto la maggiore età e non deve essere stato obiettore di coscienza. Occorre accompagnare alla domanda un attestazione rilasciata da una sezione del Tiro a Segno Nazionale o da un Club affiliato alla Fitav dal quale risulti che l interessato partecipa all attività sportiva. Il permesso di trasporto per armi sportive non paga tassa di concessione governativa; vale per un anno. Con questo documento è possibile trasportare tutte le armi classificate per uso sportivo, sia lunghe sia corte, su tutto il territorio nazionale Porto e trasporto delle armi ad aria o a gas compressi, sia lunghe sia corte, i cui proiettili sono dotati di un energia cinetica non superiore a 7,5 joule Per questa categoria non è richiesta licenza dell Autorità di pubblica sicurezza; esse non possono essere portate fuori della propria abitazione o delle appartenenze di essa senza giustificato motivo. Non possono, inoltre, essere portate in riunioni pubbliche. L utilizzo delle armi appartenenti a questa categoria è consentito ai maggiori d età o ai minori assistiti da soggetti maggiorenni, fatta salva la deroga per il tiro a segno nazionale, in poligoni o

10 luoghi privati non aperti al pubblico nel rispetto delle norme di pubblica sicurezza. Il loro trasporto deve essere effettuato usando la massima diligenza; esse debbono essere trasportate scariche, inserite in custodia Porto e trasporto delle repliche a colpo singolo di armi antiche ad avancarica di modelli anteriori al 1890 Questa categoria differisce dalla precedente (v. 3.2.) per quanto riguarda il porto, che è sottoposto alla normativa vigente per le armi comuni da sparo (e quindi è prescritta la titolarità di un porto d armi adatto al tipo di arma, cfr. 3.). Il trasporto delle repliche a colpo singolo di armi antiche ad avancarica di modelli anteriori al 1890, invece, si effettua liberamente, tenendo conto che deve essere effettuato usando la massima diligenza, con le armi scariche e inserite in custodia Il comodato In precedenza abbiamo utilizzato in qualche occasione questo termine mediante il quale la legge indica il contratto con il quale una parte (comodante) consegna all altra (comodatario) una cosa mobile o immobile, affinché se ne serva per un tempo o per un uso determinato, con l obbligo di restituzione della stessa cosa. Il comodato è essenzialmente gratuito. Per quanto riguarda le armi comuni da sparo, sono vietati la locazione e il comodato; due importanti eccezioni riguardano però le armi da caccia (cfr ) e quelle classificate per uso sportivo ( ). Non è dunque possibile prestare un arma da difesa ad un altra persona; tale possibilità riguarda esclusivamente le armi classificate per uso sportivo e quelle utilizzabili a caccia. Norme specifiche sono invece state previste per le armi ad aria o a gas compressi, sia lunghe sia corte, i cui proiettili sono dotati di un energia cinetica non superiore a 7,5 joule e per le repliche a colpo singolo di armi antiche ad avancarica di modelli anteriori al 1890 (v. 1.4.). COLTELLI E LEGGE A chi colleziona coltelli non deve sfuggire l importanza di un esatta conoscenza delle norme di pubblica sicurezza che regolano il possesso e l uso di questi oggetti. Peraltro, come ben sanno gli appassionati delle armi da sparo, le leggi italiane sono spesso confuse o carenti e quindi non sempre possono essere di agevole conoscenza o di applicazione certa ed immediata. di Paolo Tagini Cercheremo in queste pagine di riassumere? senza alcuna pretesa di esaustività? i principali aspetti delle norme che possono interessare i collezionisti e gli appassionati coltellinai. Che cos è un coltello? In primo luogo è necessario precisare che la legge non fornisce una definizione di coltello o pugnale e, tanto meno, classifica tali manufatti. Agli effetti della legge penale, per armi s intendono quelle da sparo e tutte le altre la cui destinazione naturale è l offesa alla persona. Si deve pertanto ricorrere alla definizione lessicale, in base alla quale il coltello è uno strumento da taglio costituito da una lama affilata da una sola parte inserita in un manico. Al contrario, il pugnale è definito come arma corta, da usare negli scontri ravvicinati, costituita da una lama a due tagli e a punta acuminata, infissa in un impugnatura di forma e materiale vario. La destinazione naturale del coltello è dunque quella di uno strumento d utilità e non può dunque essere considerato a pieno titolo arma. Viceversa, appare evidente che la finalità del pugnale è l offesa alla persona e, dunque, è un arma a tutti gli effetti. Di certo, tuttavia, appare altrettanto evidente che i coltelli, pur avendo una funzione principale diversa dall offesa alla persona, debbano essere considerati come strumenti atti ad offendere. Questo è stato tradizionalmente l orientamento della giurisprudenza, con l eccezione per i coltelli a

11 scatto e per quelli a lama pieghevole con dispositivo di blocco della medesima, che la Corte di Cassazione, in due distinte occasioni, ha considerato delle vere e proprie armi. Per quanto riguarda i coltelli a scatto, con circolare numero 559/C (17)1 il Ministero dell Interno ha fatto propria la sentenza della Cassazione e pertanto ritiene che siano da considerarsi armi proprie. La recente sentenza della Cassazione che ha dichiarato armi proprie i coltelli a lama pieghevole con dispositivo di blocco della medesima è sconcertante. Il blocco della lama è stato inventato per ragioni di sicurezza, per evitare che la lama si ripieghi improvvisamente e ferisca le dita di chi sta usando il coltello. Appare a nostro giudizio insostenibile la tesi secondo cui la presenza di tale dispositivo di blocco possa mutare la naturale destinazione del coltello (si pensi ad esempio ad un Opinel che, nonostante la presenza del Virobloc, rimane sempre un coltellino da lavoro che non ha proprio nulla dell arma). Si è detto che la differenza fra coltello e pugnale risiede nel doppio filo che caratterizza quest ultimo. Ci possono essere dei casi dubbi quando, ad esempio, si è in presenza di una parte seghettata della costa della lama (tipica dei coltelli da sopravvivenza). Poiché il criterio di distinzione fra una categoria e l altra è la destinazione naturale dell oggetto, la seghettatura serve per il taglio di particolari materiali (ad esempio, quella a doppia fila di denti sfalsati è tipica per segare il legno) e non per rendere il coltello più lesivo, appare pertanto chiaro che quel coltello che presenta il filo da un lato e la seghettatura dall altro lato della lama rimane un coltello e non un pugnale. La detenzione Al proprietario di un oggetto che la legge considera arma incombe l obbligo della denuncia all autorità del suo possesso. Ciò, come si è detto, riguarda i pugnali e quegli altri coltelli considerati armi. Viceversa, la detenzione degli strumenti atti ad offendere è libera e non sussiste l obbligo della denuncia. Ciò vale, in generale, per tutti i coltelli. Il problema del porto Esiste un divieto assoluto, anche a chi è titolare di licenza di porto d armi, di porto delle armi bianche (pugnale eccetera), con la sola eccezione del bastone animato con lama di lunghezza superiore a 65 cm a chi è in possesso di una licenza specifica. Viceversa, il porto e il trasporto dei coltelli, intesi come strumenti atti ad offendere, è regolato in maniera più articolata. L articolo 4 della legge 110 del 1975 stabilisce infatti che Senza giustificato motivo, non possono portarsi, fuori della propria abitazione o delle appartenenze di essa, bastoni muniti di puntale acuminato, strumenti da punta o da taglio atti ad offendere, mazze, tubi, catene, fionde, bulloni, sfere metalliche, nonché qualsiasi altro strumento non considerato espressamente come arma da punta o da taglio, chiaramente utilizzabile, per le circostanze di tempo e di luogo, per l offesa alla persona. Il contravventore è punito con l arresto da un mese ad un anno e con l ammenda da lire a lire Nei casi di lieve entità, riferibili al porto dei soli oggetti atti ad offendere, può essere irrogata la sola pena dell ammenda. Mentre per taluni strumenti da lavoro è facile individuare i tempi e i modi che ne rendono giustificabile il porto, lo stesso non è possibile, ad esempio, per i coltelli da tasca e per tutti quegli strumenti multiuso che non sono portati per uno scopo preciso, ma che possono rivelarsi utili in mille frangenti. In questi casi il giustificato motivo è insito nella natura dello strumento che, per la sua modestia offensiva, non si presta all uso per scopi lesivi. Solo in un caso si ha la piena certezza del diritto per quanto riguarda il porto del coltello: l art. 13 della legge 157 del 1992 (legge quadro sulla caccia) stabilisce infatti che Il titolare della licenza di porto di fucile anche per uso di caccia è autorizzato, per l esercizio venatorio, a portare, oltre alle armi, gli utensili da punta e da taglio atti alle esigenze venatorie. Note conclusive

12 In queste brevi note abbiamo tentato di riassumere, nel modo più chiaro e fruibile, l insieme delle norme che riguardano i coltelli. Proprio la mancanza di chiarezza delle norme rende, da un lato, più arduo il compito che ci siamo proposti, e dall altro necessario il ricorso alla massima discrezionalità nel momento in cui tali norme debbono essere applicate. Il campione di giurisprudenza che pubblichiamo è molto eloquente sotto questo aspetto. Il consiglio che ci sentiamo di dare ai lettori è di usare sempre buon senso e prudenza: il collezionismo è una passione, cosa che non giustifica minimamente comportamenti azzardati. Giurisprudenza Cassazione, V, 20 maggio 1982, n Il coltello chirurgico (bisturi) deve considerarsi arma impropria trattandosi di strumento che, per la funzione cui è destinato e per la struttura della lama, ha caratteristiche tali che lo rendono chiaramente utilizzabile per l offesa alla persona. Cassazione, I, 19 ottobre 1985, n Il coltello da lancio normalmente destinato ad uso sportivo (per il tiro al bersaglio), quale strumento da punta e taglio atto, sia occasionalmente, ad offendere, è qualificabile come arma impropria ai fini di cui all art. 4 comma secondo seconda della legge 18 aprile 1975 n Cassazione, I, 14 luglio 1993, n Il coltello a serramanico può essere inteso anche in senso più lato, onnicomprensivo pure di quello a scatto, caratterizzato dalla incorporazione della lama all interno del manico; sicché, ove manchi la speciale strutturazione dello scatto e del fissaggio della lama, il coltello la cui lama è semplicemente ripieghevole nel manico, ancorché chiamato a serramanico, non è esclusivamente destinato all offesa alla persona, potendo normalmente essere impiegato negli usi più svariati, come quelli domestici, agricoli, sportivi, anche se, occasionalmente, può essere adoperato come arma, in tal senso impropria. Cassazione, VI, 15 aprile 1975, n È punibile ai sensi dell art. 699 C.P. il porto del tipo molletta, poiché esso assume le caratteristiche di un pugnale o di uno stiletto. Invero, agli effetti dell art. 39 del T.U. legge di P.S., sono considerate armi proprie, oltre tutte le armi da sparo, tutte le altre la cui destinazione è l offesa alla persona e l art. 45 del regolamento comprende espressamente fra gli strumenti da punta e taglio la cui destinazione naturale è l offesa alla persona i pugnali e gli stiletti, per i quali non è ammessa licenza. Cassazione, I, 16 febbraio 1979, n La cosiddetta molletta, cioè il coltello con apertura a scatto e la cui lama, una volta spiegata, rimane fissa, assumendo in tal modo le caratteristiche di un pugnale o stiletto, rientra nella categoria delle armi non da sparo per le quali non è consentito il porto in senso assoluto. Cassazione, I, 29 ottobre 1981, n Il coltello a scrocco, e cioè il coltello a serramanico con lama a scatto, definito anche molletta o a molla, deve considerarsi, agli effetti della legge penale, secondo la definizione della legge n. 585, secondo comma prima ipotesi C.P., arma la cui destinazione naturale è l offesa alla persona, in quanto, secondo i dati dell esperienza tratti dal contesto storico-geografico in cui si vive, appare destinato a tale uso e cioè ad aggredire ed offendere proprio per la fulmineità con la quale può farsene scattare la lama. Cassazione, II, 31 ottobre 1981, n Il coltello a scatto, detto anche molletta, costituisce arma propria che deve essere denunciata all autorità di P.S. L omissione della denuncia integra gli estremi del reato di cui all art. 697 C.P. Cassazione, V, 20 marzo 1981, n L art. 4 della legge 18 aprile 1975 n. 110 stabilisce, abrogando il disposto dell art. 42 della legge di P.S., che senza giustificato motivo non possano portarsi fuori della propria abitazione e della appartenenza di essa, fra l altro, anche strumenti da punta e da taglio atti ad offendere. Non è perciò più necessario che un coltello per essere considerato arma presenti determinate dimensioni, così come era richiesto dalla precedente

13 normativa. Trattandosi di uno strumento da punta o da taglio deve essere considerato alla luce della nuova legge arma impropria, poiché è oggetto che, pur non avendo come destinazione naturale l offesa, è pur sempre idoneo a ledere e ad attentare all incolumità personale. Cassazione, I, 22 marzo 1986, n Poiché l art. 4 della legge 18 aprile n. 110, abrogando il disposto dell art. 42 della legge di P.S., stabilisce che senza giustificato motivo non possono portarsi fuori della propria abitazione o dalle appartenenze di essa, tra i vari oggetti elencati anche strumenti da punta o da taglio atti ad offendere, non è più necessario che il coltello per essere considerato arma presenti determinate dimensioni, così come era richiesto nella precedente normativa. Cassazione, I, 18 gennaio 1996, n Il reato di cui all art. 4 legge 18 aprile 1975 n. 110 sussiste soltanto allorché sia, tra l altro, provato che l agente ha portato senza giustificato motivo fuori della propria abitazione qualcuno degli oggetti elencati nel detto articolo. E deve intendersi per motivo giustificativo del porto quello determinato da particolari esigenze dell agente perfettamente corrispondenti a regole comportamentali lecite relazionate alla natura dell oggetto, alle modalità di verificazione del fatto, alle condizioni soggettive del portatore, ai luoghi dell accadimento, alla normale funzione dello oggetto. Ne consegue che il porto di coltello da caccia e di coltello con cavaturaccioli da parte di chi si reca per diporto in zona boschiva è pienamente giustificato atteso che detti oggetti sono tra quelli che normalmente un soggetto porta con sé, allorquando si reca in gita in zona boschiva di montagna ove gli stessi possono essere utilmente usati. Cass., VI, 22 dicembre 1989, n Il porto di coltello è sempre proibito, a norma dell art. 4 legge 18 aprile 1975 n. 110, a meno che non venga dimostrato il giustificato motivo, che, costituendo una eccezione alla configurabilità del reato, deve sottostare all onere della prova incombente sull imputato. Cassazione, I, 15 gennaio 1987, n Il porto di un coltello a serramanico è da ritenersi legittimo se detto oggetto deve essere impiegato nell uso suo proprio e rimane tale per tutto il tempo di durata della attività e, quindi, all assenza della abitazione. Ne consegue che non risponde di reato di cui all art. 4 legge n. 110 del 1975 colui il quale, avendo portato con sé un coltello per adempiere al suo lavoro nei boschi, successivamente, e prima del rientro a casa, si ubriachi e lo esibisca in pubblico perché il fatto non costituisce reato. Cassazione, I, 17 febbraio 1996, n In tema di reati concernenti le armi bianche, l art. 699 cod. pen. si applica alle armi bianche proprie, mentre l art. 4 legge 18 aprile 1975 n. 110 si applica agli oggetti atti ad offendere il cui porto non sia giustificato. Rientra nella categoria delle armi proprie non da sparo, con conseguente applicabilità dell art. 699 cod. pen., un coltello che, pur essendo semplicemente a serramanico senza essere munito di un congegno di scatto, sia dotato di lama fissa e rimovibile solo mediante l azionamento di apposito meccanismo, in tal modo assumendo la caratteristica propria di un pugnale o stiletto. Cass. I, 25 maggio 1996, n In materia di armi da punta e taglio, per quanto riguarda in particolare i coltelli, va operata una distinzione tra quelli muniti di lama non fissa, semplicemente azionabili a mano e privi di congegni meccanici che permettano l irrigidimento della lama aperta sino a contrario comando manuale, e quelli, invece, che dispongono di congegni di quest ultimo tipo, in grado di consentirne la fruibilità quali pugnali, stiletti e simili. Nella prima categoria rientrano gli arnesi da punta e taglio, il cui porto senza giustificato motivo è punito ai sensi dell art. 4 legge 18 aprile 1975 n. 110; nella seconda le armi proprie non da sparo il cui possesso è sanzionato dagli artt. 697 e 699 cod. pen., a seconda che si tratti di detenzione illegale o di porto abusivo.

14 E' vietata la ripubblicazione anche parziale del presente testo senza l'esplicito consenso dell'editore e dell'autore. Si ringrazia Armi Magazine per il consenso ricevuto, ( Terni 03/09/2002 )

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO''

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO'' PER IL CONTENUTO DI QUESTA SEZIONE SI RINGRAZIA LA RIVISTA ARMI MAGAZINE CHE HA MESSO A DISPOSIZIONE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELL'ARTICOLO ''COMPRARE UN'ARMA'' AGGIORNATO A OTTOBRE 2004 L'ACQUISTO DELLE

Dettagli

QUESTURA DI BOLOGNA DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE Ufficio Armi ed Esplosivi (Tel. 051 6401564 - fax 0516401562)

QUESTURA DI BOLOGNA DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE Ufficio Armi ed Esplosivi (Tel. 051 6401564 - fax 0516401562) QUESTURA DI BOLOGNA DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE Ufficio Armi ed Esplosivi (Tel. 051 6401564 - fax 0516401562) apertura al pubblico : dal lunedì al venerdì dalle ore 09,00 alle ore 12,00

Dettagli

Questura di Pesaro e Urbino Divisione Polizia Amministrativa e Sociale VADEMECUM DELLA NORMATIVA SULLE ARMI

Questura di Pesaro e Urbino Divisione Polizia Amministrativa e Sociale VADEMECUM DELLA NORMATIVA SULLE ARMI Questura di Pesaro e Urbino Divisione Polizia Amministrativa e Sociale VADEMECUM DELLA NORMATIVA SULLE ARMI Presentazione I motivi per cui un cittadino desidera acquistare un arma da fuoco possono essere

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RUGGERI, POLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RUGGERI, POLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5355 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI RUGGERI, POLI Modifica degli articoli 2 e 3 della legge 25 marzo 1986, n. 85, in materia

Dettagli

DIPLOMA MANEGGIO ARMI PRO-MEMORIA Cos è un arma

DIPLOMA MANEGGIO ARMI PRO-MEMORIA Cos è un arma Cos è un arma Un arma è ogni strumento in grado di consentire, all uomo, di aumentare la propria naturale capacità di offesa. Si definiscono armi proprie quelle che la mente umana ha pensato e realizzato

Dettagli

ARMI ED ARMERIA. Titolo I - ARMI

ARMI ED ARMERIA. Titolo I - ARMI ARMI ED ARMERIA Titolo I - ARMI ART. 1 - TIPO DELLE ARMI IN DOTAZIONE 1 - In conformità a quanto previsto dall art. 4 del D.M. 01.03.1987 N 145 l arma da difesa personale, in dotazione agli addetti con

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA PROVINCIALE

REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA PROVINCIALE PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA PROVINCIALE Marzo 2012 INDICE Art. 1 Disposizioni generali Art. 2 Tipo delle armi in dotazione Art. 3 Numero delel

Dettagli

CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI

CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA MUNICIPALE CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento

Dettagli

Disciplinamento previsto dal P-LArm: Tipo di arma Spiegazioni sul tipo di arma. in vigore:

Disciplinamento previsto dal P-LArm: Tipo di arma Spiegazioni sul tipo di arma. in vigore: Armi antiche Armi da fuoco portatili fabbricate prima del 1890; armi da taglio, da punta e altre armi fabbricate prima del 1900. Armi ad aria compressa/ armi a CO 2 Pugnali Dispositivi che producono un

Dettagli

LA LEGGE E LE ARMI. Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata.

LA LEGGE E LE ARMI. Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. Marte ZANETTE T.S.N. LECCE LA LEGGE E LE ARMI Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. Le leggi vigenti - Nozione di arma La legge penale stabilisce che per armi si intendono: quelle da sparo e tutte

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO

REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO Comune di Casatenovo Provincia di Lecco Comando Polizia Locale REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO approvato con delibera di C.C. n. 72 del 28.11.2008

Dettagli

Le armi e la legittima difesa. Le armi: acquisto, detenzione e porto.

Le armi e la legittima difesa. Le armi: acquisto, detenzione e porto. Le armi e la legittima difesa. È stato acutamente osservato che una società che ammette la legittima difesa non può negare ai singoli il possesso e il diritto a portare armi, che rappresentano l essenziale

Dettagli

QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova

QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova ORARIO lunedi 9,00/11,30 15,30/17,30 martedi 9,00/11,30 mercoledi chiuso

Dettagli

INTRODUZIONI DI ARMI, ESPLOSIVI E DI QUALSIASI MEZZO DI DISTRUZIONE E CATTURA DA PARTE DI PRIVATI ALL INTERNO DEL PARCO REGOLAMENTO

INTRODUZIONI DI ARMI, ESPLOSIVI E DI QUALSIASI MEZZO DI DISTRUZIONE E CATTURA DA PARTE DI PRIVATI ALL INTERNO DEL PARCO REGOLAMENTO INTRODUZIONI DI ARMI, ESPLOSIVI E DI QUALSIASI MEZZO DI DISTRUZIONE E CATTURA DA PARTE DI PRIVATI ALL INTERNO DEL PARCO REGOLAMENTO ART. 1) DEFINIZIONE Agli effetti e all applicazione del presente Regolamento

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE GUARDIE GIURATE VENATORIE VOLONTARIE

CORSO DI FORMAZIONE GUARDIE GIURATE VENATORIE VOLONTARIE PROVINCIA DI RIMINI UFFICIO TUTELA FAUNISTICA HYSTRIX S.R.L. CORSO DI FORMAZIONE GUARDIE GIURATE VENATORIE VOLONTARIE Le armi e le munizioni da caccia nella legislazione vigente Acquisto, detenzione, trasporto,

Dettagli

COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE

COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE Approvato con deliberazione C.C. n. 45 del 23.12.2010 Pubblicato all Albo Pretorio dal

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA Articolo 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

PORTO D ARMI. Informazioni Generali

PORTO D ARMI. Informazioni Generali PORTO D ARMI Informazioni Generali Nulla Osta all acquisto di armi (art. 35, III Co. T.U.L.P.S.) Denuncia di possesso e detenzione di armi (art. 38 T.U.L.P.S.) Licenza di collezione di armi comuni da sparo

Dettagli

IL MINISTRO DELLE FINANZE. di concerto con IL MINISTRO DELL'INTERNO

IL MINISTRO DELLE FINANZE. di concerto con IL MINISTRO DELL'INTERNO D.M. 24 novembre 1978 (1). Modalità per assicurare l'effettiva uscita dal territorio dello Stato delle armi destinate all'esportazione nonché per disciplinare l'esportazione temporanea, da parte di persone

Dettagli

CIRCOLARE N. 54/E. Roma, 23 dicembre 2004. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 54/E. Roma, 23 dicembre 2004. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 54/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 dicembre 2004 Oggetto: IVA. Territorialità delle cessioni di gas e di energia elettrica. Direttiva 2003/92/CE del Consiglio del 7 ottobre

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE

COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE Approvato con deliberazione C.C. n. 58/2010 INDICE ART. 1 - ART. 2 - ART. 3 - ART. 4 - ART. 5- ART. 6 - ART.

Dettagli

Polizia Municipale. Pratiche artigianato

Polizia Municipale. Pratiche artigianato Polizia Municipale L unità operativa Polizia Municipale si occupa di tutte le varie problematiche, inerenti alla vigilanza in materia stradale, edilizia e rurale, circoscritte nell ambito del territorio

Dettagli

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013 L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Con la presente circolare informativa si intende trattare l ingresso della

Dettagli

Legge federale sulle armi, gli accessori di armi e le munizioni

Legge federale sulle armi, gli accessori di armi e le munizioni Legge federale sulle armi, gli accessori di armi e le munizioni (Legge sulle armi, LArm) 514.54 del 20 giugno 1997 (Stato 1 maggio 2007) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo

Dettagli

Armi ed esplosivi. Notizie collegate. Galleria Fotografica. Documenti. Cerca (/) (/) Armi ed esplosivi (/articolo/category/312)

Armi ed esplosivi. Notizie collegate. Galleria Fotografica. Documenti. Cerca (/) (/) Armi ed esplosivi (/articolo/category/312) 1 di 9 17/04/2015 11:52 (/articolo/34118/) (https://twitter.com/agente_lisa) (https://www.youtube.com/user/poliziadistato) Cerca (/) (/) Armi ed esplosivi (/articolo/category/312) Difesa personale /articolo

Dettagli

Circolare 21. del 3 novembre 2014. Veicoli concessi in comodato Adempimenti nei confronti della Motorizzazione Civile INDICE

Circolare 21. del 3 novembre 2014. Veicoli concessi in comodato Adempimenti nei confronti della Motorizzazione Civile INDICE Circolare 21 del 3 novembre 2014 Veicoli concessi in comodato Adempimenti nei confronti della Motorizzazione Civile INDICE 1 Premessa... 2 2 Decorrenza... 2 3 Ambito soggettivo... 3 3.1 Soggetti legittimati

Dettagli

Tel.0121.541180 Fax. 0121.541548 e-mail: osasco@cert.ruparpiemonte.it REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE DI OSASCO

Tel.0121.541180 Fax. 0121.541548 e-mail: osasco@cert.ruparpiemonte.it REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE DI OSASCO COMUNE DI OSASCO P R O V I N C I A D I T O R I N O Tel.0121.541180 Fax. 0121.541548 e-mail: osasco@cert.ruparpiemonte.it REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE DI OSASCO (Approvato con

Dettagli

STRALCIO CIRCOLARE TELEGRAFICA 557/PAS.21221-XV.H.8 del 04.12.2009

STRALCIO CIRCOLARE TELEGRAFICA 557/PAS.21221-XV.H.8 del 04.12.2009 DIPARTIMENTO DELLA PUBBLICA SICUREZZA Ufficio per l Amministrazione Generale Ufficio per gli Affari della Polizia Amministrativa e Sociale STRALCIO CIRCOLARE TELEGRAFICA 557/PAS.21221-XV.H.8 del 04.12.2009

Dettagli

QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova

QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova ORARIO lunedi 9,00/11,30 15,30/17,30 martedi 9,00/11,30 mercoledi chiuso

Dettagli

QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova

QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova ORARIO DELL UFFICIO ARMI (in vigore dal 1 giugno 2015) lunedi 9,00/12,00

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BELLOTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BELLOTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4323 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BELLOTTI Modifiche al testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, di cui al regio decreto

Dettagli

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO

COMUNE DI MARANO SUL PANARO COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA C.A.P. 41054 REGOLAMENTO COMUNALE CONCERNENTE L'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE AI QUALI SIA CONFERITA LA QUALIFICA DI AGENTI

Dettagli

COMUNE di ORTELLE. PROVINCIA di LECCE REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE di ORTELLE. PROVINCIA di LECCE REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE di ORTELLE PROVINCIA di LECCE REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 7 del 30.04.2014 Comando Polizia Municipale 1 INDICE TITOLO I -

Dettagli

Armi comuni da caccia Parti di armi

Armi comuni da caccia Parti di armi Armi comuni da caccia: tutte le armi lunghe da fuoco usabili per cacciare in Italia e cioè quelle lunghe, sia a canna liscia (purché il calibro non sia più grande del 12; quindi non sono da caccia i calibri

Dettagli

Il marchio collettivo

Il marchio collettivo Il marchio collettivo Natura e definizione Il marchio collettivo è un segno distintivo che svolge principalmente la funzione di garantire particolari caratteristiche qualitative di prodotti e servizi di

Dettagli

I prodotti pirotecnici leciti ed illegali - Petardi, stelle filanti, cipolla, pallone di maradona fabbricazione, vendita, acquisto, scoppio -

I prodotti pirotecnici leciti ed illegali - Petardi, stelle filanti, cipolla, pallone di maradona fabbricazione, vendita, acquisto, scoppio - I prodotti pirotecnici leciti ed illegali - Petardi, stelle filanti, cipolla, pallone di maradona fabbricazione, vendita, acquisto, scoppio - La normativa di riferimento R.D. 773/31 ed s.m. - Tulps; L.

Dettagli

UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO *

UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO * UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO * Ai sensi dell art. 1803 del codice civile, approvato con R.D. 16 marzo 1942, n. 262, «il comodato è il

Dettagli

DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E GIOCO

DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO E GIOCO COMUNE DI SAREZZO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Commercio tel. 030/802021 DIRETTIVE PER LA DISCIPLINA DELLE SALE GIOCHI E PER L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI ESERCIZI DI APPARECCHI DI INTRATTENIMENTO

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA 20 aprile 2000, n. 0128/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA 20 aprile 2000, n. 0128/Pres. L.R. 30/1999, art. 26 e 42, c. 01 B.U.R. 31/05/2000, n. 22 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA 20 aprile 2000, n. 0128/Pres. Regolamento concernente il tesserino regionale di caccia per il Friuli-Venezia

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL CORPO DELLA POLIZIA LOCALE DI GRADO, IN POSSESSO DELLA QUALITA Dl AGENTE Dl PUBBLICA SICUREZZA. Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE Approvato con delibera C.C. nr. 36 del 11.08.2012 INDICE CAPO I GENERALITÀ - NUMERO E TIPO DI

Dettagli

PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE

PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE PROVINCIA DEL VERBANO CUSIO OSSOLA SETTORE III POLITICHE AGRICOLE E MONTANE TUTELA FAUNISTICA E POLIZIA PROVINCIALE CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE tel.: +39 0323 4950255-289; fax: +39 0323 4950271; e-mail:

Dettagli

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Vengono posti al Servizio scrivente diversi quesiti in ordine alla caducazione del

Dettagli

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito Prevenzione incendi: il Ministero dell Interno ha emanato chiarimenti in merito all applicazione del regolamento di semplificazione antincendio (lettera circolare del 18 aprile 2012 prot. n. 0005555) Canale:

Dettagli

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n.

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n. CIRCOLARE N. 59/E Roma, 23 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Iva Prot. n. OGGETTO: Applicabilità del meccanismo dell inversione contabile o reverse charge alle

Dettagli

Qui proteggiamo Natura e Cultura 1

Qui proteggiamo Natura e Cultura 1 REGOLAMENTO PER L'INTRODUZIONE E IL TRASPORTO DI ARMI E DI QUALSIASI MEZZO DISTRUTTIVO E/O DI CATTURA DELLA FAUNA NEL TERRITORIO DEL PARCO REGIONALE SIRENTE VELINO Approvato con Delibera di Consiglio Direttivo

Dettagli

COMUNE DI VEROLENGO NORME E DIRETTIVE PER L ATTIVITA DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI

COMUNE DI VEROLENGO NORME E DIRETTIVE PER L ATTIVITA DELLE SALE GIOCHI E L INSTALLAZIONE E L USO NEI PUBBLICI COMUNE DI VEROLENGO Via Rimembranza, 4 CAP 10038 P R O V I N C I A D I T O R I N O Tel. 011.91.49.102 / 011.91.49.135 Fax 011.91.49.397 Cod. Fisc. 82500370018 P.I. 01716930019 NORME E DIRETTIVE PER L ATTIVITA

Dettagli

Edoardo Mori Magistrato di Cassazione. Sintesi del Diritto delle Armi

Edoardo Mori Magistrato di Cassazione. Sintesi del Diritto delle Armi Edoardo Mori Magistrato di Cassazione Sintesi del Diritto delle Armi Bolzano, 18 marzo 2013 1 Questo testo è protetto da copyright, ma può essere utilizzato da chiunque per fini non commerciali e sono

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE DEGLI ESPERTI VERIFICATORI MODULO SPECIALIZZAZIONE SOLLEVAMENTO PERSONE

CORSO DI FORMAZIONE DEGLI ESPERTI VERIFICATORI MODULO SPECIALIZZAZIONE SOLLEVAMENTO PERSONE CORSO DI FORMAZIONE DEGLI ESPERTI VERIFICATORI MODULO SPECIALIZZAZIONE SOLLEVAMENTO PERSONE Le norme che disciplinano la costruzione, il funzionamento e la manutenzione delle attrezzature mar. 10 Dott.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE C O MUNE DI PAULARO P R O V I N C I A D I U D I N E Approvato con Deliberazione consiliare n. 35 di data 10/11/2008 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n. 20 del 28/05/2009 REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela SOMMARIO Ipotesi di attacco informatico La procedibilità su querela o d ufficio La querela: contenuto e modalità di presentazione Cosa è la denuncia Brevi cenni sull esposto Le ipotesi di attacco informatico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DEGLI APPARATI DI TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 215/20.12.2012 In vigore dal 1 febbraio 2013

Dettagli

COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMMOBILI COMUNALI

COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMMOBILI COMUNALI COMUNE DI VOBARNO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMMOBILI COMUNALI INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO.pag 3 Art. 2 INDIVIDUAZIONE DEGLI IMMOBILI.. pag. 3 Art. 3 UTILIZZO DEGLI

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI DECRETO LEGISLATIVO 29 settembre 2013, n. 121. Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 26 ottobre 2010, n. 204, concernente l attuazione della direttiva

Dettagli

www.gaglione.it La compravendita di beni immobili in Italia

www.gaglione.it La compravendita di beni immobili in Italia La compravendita di beni immobili in Italia Scheda A Normativa di diritto civile 1. La vendita 2. La vendita immobiliare 3. La forma del contratto 4. La conclusione del contratto 5. Il preliminare di vendita

Dettagli

Materiali da costruzione si

Materiali da costruzione si Materiali da costruzione si Antonio Oddo Seppur posticipato nel tempo, il passaggio da Direttiva a Regolamento determina rilevanti modifiche perché tocca diversi elementi di contenuto legati in primo luogo

Dettagli

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI

DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI DIRETTIVE CONCERNENTI L ESAME EFFETTUATO PRESSO L'UFFICIO PER L'ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) SUI MARCHI COMUNITARI PARTE A DISPOSIZIONI GENERALI SEZIONE 6 REVOCA DI DECISIONI,

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

Edoardo Mori Magistrato di Cassazione. Sintesi del Diritto delle Armi

Edoardo Mori Magistrato di Cassazione. Sintesi del Diritto delle Armi Edoardo Mori Magistrato di Cassazione Sintesi del Diritto delle Armi Bolzano, maggio 2012 1 Questo testo è protetto da copyright, ma può essere utilizzato da chiunque per fini non commerciali e sono lieto

Dettagli

Armi. Come districarsi nel labirinto di autorizzazioni e licenze di polizia. di Caterina Carannante

Armi. Come districarsi nel labirinto di autorizzazioni e licenze di polizia. di Caterina Carannante Armi Come districarsi nel labirinto di autorizzazioni e licenze di polizia di Caterina Carannante SOMMARIO pag. Introduzione 1. Tipologie 38 2. Attività 42 3. Come richiedere le licenze 48 ARMI Introduzione

Dettagli

Modifica alla disciplina IVA delle prestazioni di servizi di telecomunicazione

Modifica alla disciplina IVA delle prestazioni di servizi di telecomunicazione Modifica alla disciplina IVA delle prestazioni di servizi di telecomunicazione In data 25 Marzo 2008 l Agenzia delle Entrate ha divulgato la Circ. n. 25/E in merito alle modifiche apportate alla disciplina

Dettagli

Consignment stock: profili doganali

Consignment stock: profili doganali Consignment stock: profili doganali 1. Inquadramento generale Il consignment stock è un contratto con il quale beni di proprietà del fornitore (in genere materie prime o semilavorati) vengono trasferiti

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI

MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI SGD G 030 LE INVENZIONI DEI DIPENDENTI DEL MINISTERO DELLA DIFESA ROMA EDIZIONE 2015 MINISTERO DELLA DIFESA

Dettagli

C i r c o l a r i. Siri Consulenza e Organizzazione Srl Piazza IV Novembre, 5 20025 Legnano MI Tel. 0331-776177 Fax 0331-773216 www.siri.

C i r c o l a r i. Siri Consulenza e Organizzazione Srl Piazza IV Novembre, 5 20025 Legnano MI Tel. 0331-776177 Fax 0331-773216 www.siri. C i r c o l a r i E d i z i o n e I I I d i O t t o b r e 2 0 1 4 Siri Consulenza e Organizzazione Srl Piazza IV Novembre, 5 20025 Legnano MI Tel. 0331-776177 Fax 0331-773216 www.siri.it 2 AUTO IN COMODATO

Dettagli

COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 11 NOVEMBRE

COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 11 NOVEMBRE Legislatura 14º - Disegno di legge N. 3650 SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3650 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Ministro dell interno (PISANU) di concerto col Ministro della giustizia (CASTELLI)

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

I CONTENUTI DEL DM 65/2010

I CONTENUTI DEL DM 65/2010 I CONTENUTI DEL DM 65/2010 INTRODUZIONE Questo regolamento entrerà in vigore il giorno 19/05/2010. Sinteticamente, gli adempimenti documentali e burocratici a cui sono soggette le imprese sono i seguenti:

Dettagli

qualche consiglio per gli affitti estivi con allegato fac simile di contratto

qualche consiglio per gli affitti estivi con allegato fac simile di contratto Aggiornato 05/06/2010 STUDIO QUARANTA ALESSANDRO Rag. Commercialista Revisore dei Conti e Consulente del Lavoro 73040 Morciano di Leuca Via S. G. Bosco, 60 Telefono e fax : 0833 743362 e-mail: Alessandro_quaranta@fastwebnet.it

Dettagli

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1

CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 Convenzione 158 CONVENZIONE SULLA CESSAZIONE DELLA RELAZIONE DI LAVORO AD INIZIATIVA DEL DATORE DI LAVORO, 1982 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra

Dettagli

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 A seguito delle numerose domande inerenti al Patentino dei Frigoristi, giunte in redazione nei giorni scorsi, riportiamo le FAQ (domande

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art.

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. 87) CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO N 5 articoli (da art. 69

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

COMUNE di CASALGRANDE Provincia di REGGIO EMILIA

COMUNE di CASALGRANDE Provincia di REGGIO EMILIA COMUNE di CASALGRANDE Provincia di REGGIO EMILIA Regolamento speciale per la disciplina del porto delle armi in dotazione al Corpo di POLIZIA MUNICIPALE (Rif.D.M. 4 marzo 1987 n. 145) -Art. 1 - Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. Approvato con deliberazione consigliare n.31 dd.20/4/04 DISPOSIZIONI GENERALI. art. 1. art.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI. Approvato con deliberazione consigliare n.31 dd.20/4/04 DISPOSIZIONI GENERALI. art. 1. art. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI OGGETTI RINVENUTI Approvato con deliberazione consigliare n.31 dd.20/4/04 DISPOSIZIONI GENERALI art. 1 Nell ambito del Servizio Programmazione Acquisti del Comune di Trieste

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

Edoardo Mori SINTESI. del DIRITTO DELL ARMI

Edoardo Mori SINTESI. del DIRITTO DELL ARMI Edoardo Mori SINTESI del DIRITTO DELL ARMI Edoardo Mori Magistrato di Cassazione Sintesi del Diritto delle Armi Bolzano, 8 novembre 2014 2 Questo testo è protetto da copyright, ma può essere utilizzato

Dettagli

Artt. 22, 23, 24 D. Lgs. 9.04.2008, n. 81

Artt. 22, 23, 24 D. Lgs. 9.04.2008, n. 81 I DEBITORI ESTERNI DI SICUREZZA Artt. 22, 23, 24 D. Lgs. 9.04.2008, n. 81 EVOLUZIONE STORICA 1. ART. 7, D.P.R. 27.4.1955, N. 547; 2. ART. 6, D. LGS. 19.9.1994, N. 626 EVOLUZIONE STORICA ART. 7, D.P.R.

Dettagli

Iscrizioni: N.B.: in conformità di quanto previsto nella circolare del Ministero dell Interno 557/PAS/U/009667/10089(3) del 4 giugno 2014

Iscrizioni: N.B.: in conformità di quanto previsto nella circolare del Ministero dell Interno 557/PAS/U/009667/10089(3) del 4 giugno 2014 Iscrizioni: QUOTE E NORME PER ISCRIZIONE/TESSERAMENTO AL TIRO A SEGNO NAZIONALE Sezione di Soave (VR) Associazione Sportiva Dilettantistica 1890 CATEGORIE DI ISCRIZIONE ED ASSOCIATIVE (quote estratte dal

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO -TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Principi ed oggetto del regolamento... 3 Art. 2 Definizioni e Normativa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBIERI, CARLUCCI. Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari giurate

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBIERI, CARLUCCI. Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari giurate Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3916 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BARBIERI, CARLUCCI Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari

Dettagli

SINTESI DEL DIRITTO DELLE ARMI

SINTESI DEL DIRITTO DELLE ARMI EDOARDO MORI Magistrato di Cassazione SINTESI DEL DIRITTO DELLE ARMI AGGIORNATO AL 6 FEBBRAIO 2005 Questo testo è protetto da copyright, ma può essere utilizzato da chiunque per fini non commerciali e

Dettagli

Edizione 2008. Questura di Trento ARMI

Edizione 2008. Questura di Trento ARMI CARTA CARTA CARTA CARTA dei dei dei dei Servizi Servizi Servizi Servizi Edizione 2008 48 Questura di Trento ARMI INDICE Informazioni generali pag.5 Nulla Osta acquisto armi pag. 7 Denuncia di possesso

Dettagli

Munizioni non letali Portata effettiva utile (metri)

Munizioni non letali Portata effettiva utile (metri) Chi siamo Maxam Outdoors S.A. è il leader europeo per la produzione e commercializzazione delle cartucce per caccia e tiro sportivo. E una Società totalmente integrata dal punto di vista produttivo perché

Dettagli

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative n 27 del 22 luglio 2011 circolare n 416 del 21 luglio 2011 referente BRUGNOLI/mr Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative Nella Gazzetta ufficiale dell

Dettagli

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (D.Lgs. 196/2003) ====================== Incontri Formativi con il Personale della Direzione Didattica del 7 Circolo Didattico G. Carducci di Livorno

Dettagli

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 18 giugno 1991 relativa al controllo dell'acquisizione e della detenzione di armi (91/477/CEE)

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 18 giugno 1991 relativa al controllo dell'acquisizione e della detenzione di armi (91/477/CEE) 31991L0477 Direttiva 91/477/CEE del Consiglio, del 18 giugno 1991, relativa al controllo dell'acquisizione e della detenzione di armi Gazzetta ufficiale n. L 256 del 13/09/1991 pag. 0051-0058 edizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAVEZZO. Comune di CAVEZZO (MO)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAVEZZO. Comune di CAVEZZO (MO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAVEZZO Comune di CAVEZZO (MO) INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI 1 ART. 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina)

COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) COMUNE DI ROCCAGORGA (Provincia di Latina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DEL CONTRASSEGNO DI PARCHEGGIO PER INVALIDI E PER L ISTITUZIONE DEI PARCHEGGI RISERVATI (Simbolo e contrassegno redatto

Dettagli

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008 CIRCOLARE N. 52/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 luglio 2008 Oggetto: Adempimenti necessari per l immatricolazione di veicoli di provenienza comunitaria articolo 1, comma 9, del decreto

Dettagli

Schede operative. Adempimenti Iva. Definizione di mezzo di trasporto. Definizione di mezzo di trasporto «nuovo» o «usato»

Schede operative. Adempimenti Iva. Definizione di mezzo di trasporto. Definizione di mezzo di trasporto «nuovo» o «usato» Adempimenti Iva Il nuovo modello F24 «IVA immatricolazione auto UE» In attuazione dell art. 1, commi 9 e 10, del D.L. 3 ottobre 2006, n. 262 (convertito dalla L. 24 novembre 2006, n. 286), il Direttore

Dettagli

AUTOVEICOLI FUORI USO E PARTI DI RICAMBIO

AUTOVEICOLI FUORI USO E PARTI DI RICAMBIO AUTOVEICOLI FUORI USO E PARTI DI RICAMBIO di Avv. Rosa Bertuzzi Cassazione Penale, sez. III n. 194 del 07.01.2013 L art. 3 comma 3 del D.l.vo 209/2003 richiede che si sia in presenza di veicoli e parti

Dettagli

Edoardo Mori Magistrato di Cassazione. Sintesi del Diritto delle Armi

Edoardo Mori Magistrato di Cassazione. Sintesi del Diritto delle Armi Edoardo Mori Magistrato di Cassazione Sintesi del Diritto delle Armi Bolzano, 1 gennaio 2016 1 Questo testo è protetto da copyright, ma può essere utilizzato da chiunque per fini non commerciali e sono

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione)

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) Testo Approvato con Deliberazione C.C. n. 151 del 18/12/2004 Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

L ISCRIZIONE ANAGRAFICA DEI RICHIEDENTI ASILO DEI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FORMAZIONE OPERATORI SPRAR 2014. Avv. Anna Brambilla - ASGI

L ISCRIZIONE ANAGRAFICA DEI RICHIEDENTI ASILO DEI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FORMAZIONE OPERATORI SPRAR 2014. Avv. Anna Brambilla - ASGI L ISCRIZIONE ANAGRAFICA DEI RICHIEDENTI ASILO DEI TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE FORMAZIONE OPERATORI SPRAR 2014 Avv. Anna Brambilla - ASGI avvannabrambilla@gmail.com LA RESIDENZA COME DIRITTO La

Dettagli