Indice. settembre 2008 Il File System 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. settembre 2008 Il File System 2"

Transcript

1 Il File System

2 Indice 4. Il File System 5. Vantaggi del FS 6. Protezione 7. Condivisione 8. I file I file Attributi dei file 11. Directory 12. Livelli di astrazione Livelli di astrazione Struttura logica vs Struttura fisica 15. Compiti del file system 16. Integrità dei dati e affidabilità 17. Struttura logica di un file Struttura logica di un file Struttura logica di un file Struttura logica di un file Struttura logica di un file Metodo di accesso 23. Accesso sequenziale 24. Accesso diretto 25. Descrittore del file 26. Directory Directory Directory Directory simbolica 30. Directory di base 31. Tipi di directory Tipi di directory 2 settembre 2008 Il File System 2

3 Indice 33. Tipi di directory Operazione di I/O su file Operazione di I/O su file Operazione di I/O su file Operazione di I/O su file Operazione di I/O su file Operazione di I/O su file File system fisico 41. Descrittore sistema archiv Descrittore sistema archiv Allocazione spazio su disco 44. Allocazione contigua Allocazione contigua Allocazione concatenata Allocazione concatenata Allocazione concatenata FAT Allocazione concatenata FAT FAT FAT Allocazione indicizzata 53. Blocchi indice Blocchi indice Nodi indice (Unix Linux) 56. i-node 57. Blocchi liberi settembre 2008 Il File System 3

4 Il file system Il file system è quel modulo del sistema operativo che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa. Identifica e cataloga tutti i file presenti. Gestisce le operazioni sui file, offrendo primitive e utility di gestione. Assegna l uso dei file ai processi (attuando anche meccanismi di protezione). Gestisce l allocazione delle aree su disco. settembre 2008 Il File System 4

5 Vantaggi del file system Il compito di leggere e scrivere sui dispositivi potrebbe essere affidato ai processi, ma la gestione da parte del S.O. tramite il file system riduce i problemi per i processi e permette di controllare la protezione e di gestire la condivisione. Inoltre si solleva l utente dalla necessità di muovere esplicitamente i dati tra la memoria principale e la memoria secondaria e dal dover gestire i dati in modo diverso, a seconda del supporto su cui sono fisicamente memorizzati. settembre 2008 Il File System 5

6 Protezione Il file system offre meccanismi di protezione per stabilire chi può effettuare operazioni sui file e quali. Solitamente chi crea il file viene considerato il proprietario e può stabilire quali operazioni possono essere effettuate dagli altri utenti. Ogni volta che viene richiesta un operazione sul file il file system controlla se l operazione è permessa. settembre 2008 Il File System 6

7 Condivisione Più processi possono aprire sessioni contemporanee su uno stesso file: questo potrebbe causare situazioni di inconsistenza dei dati. Per evitare ciò il file system gestisce gli accessi contemporanei: un blocco può essere condiviso in fase di lettura, ma non se sono previste operazioni di aggiornamento. Questo tipo di gestione può portare a situazioni di stallo, che viene risolto predisponendo gli aggiornamenti in un ordine opportuno. settembre 2008 Il File System 7

8 I file - 1 I file sono l astrazione logica delle risorse che il S.O. definisce per conservare informazioni in modo permanente su memoria di massa. I dati contenuti in un file sono correlati e trattati unitariamente. Dal punto di vista dell utente un file è la più piccola porzione di informazione logica che può essere memorizzata in memoria di massa, in altre parole i dati non possono essere scritti in memoria secondaria se non vengono inclusi in un file. settembre 2008 Il File System 8

9 I file - 2 In generale un file è una sequenza di bit, byte, righe o record il cui significato è definito dal creatore del file e dall utente. I file possono contenere informazioni di vario tipo: Programmi (sorgente, oggetto, eseguibili) Dati (l estensione indica l applicazione che li ha generati) Speciali (file di sistema o astrazione di dispositivi) Directory (descrivono altri file) settembre 2008 Il File System 9

10 Attributi dei file Ogni file è individuato nel file system da un nome simbolico ed è caratterizzato da un insieme di attributi. Solitamente: tipo: stabilisce l appartenenza ad una classe (eseguibili, batch, testo, etc) indirizzo: puntatore alla memoria secondaria dimensione: numero di byte di cui è composto il file data e ora: di creazione e/o di modifica In S.O. multiutente anche: creatore e possessore (anche distinti) protezione: diritti di accesso al file per ciascun utente settembre 2008 Il File System 10

11 Directory Le informazioni su tutti i file sono mantenute nella directory, che risiede come il file in memoria secondaria. Tipicamente un valore nella directory consiste nel nome del file e in un identificatore univoco che, a sua volta, individua gli altri attributi del file. In un sistema con molti file la dimensione della directory può essere di alcuni MB: essa dovrà quindi essere caricata a pezzi in memoria, in base alle necessità. settembre 2008 Il File System 11

12 Livelli di astrazione -1 La struttura dei dati all interno di un file può essere vista da tre livelli di astrazione distinti: Livello utente Il programma utente associa significato al contenuto del file Livello di struttura logica I dati grezzi (non interpretati) sono raggruppati dal S.O. in strutture logiche per facilitarne il trattamento Livello di struttura fisica Il S.O. mappa le strutture logiche sulle strutture fisiche della memoria secondaria disponibile (es. blocchi su disco) settembre 2008 Il File System 12

13 Livelli di astrazione - 2 Livello Utenti interattivi (linguaggio dei comandi) Programmi applicativi e di sistema (chiamate al sistema operativo) Device driver Oggetti gestiti FILE PARTI DI FILE (indirizzamento logico all interno del file) SETTORI (cilindro, testina, settore) Chiamate tipiche (primitive) COPY, DELETE, RENAME OPEN, CLOSE, SEEK, READ, WRITE OPEN, CLOSE, SEEK, READ, WRITE settembre 2008 Il File System 13

14 Struttura logica vs Struttura fisica Sulle memorie di massa i dati sono raggruppati in modo da formare delle strutture, detti record fisici o blocchi, sulle quali è possibile compiere le operazioni di lettura/scrittura. In pratica il record fisico rappresenta l unità di informazione indivisibile che può essere trasferita dalla memoria di massa a quella centrale con una sola operazione di I/O. Tale unità dipende dalla struttura HW del sistema e, in generale, non coincide con l unità logica di informazione (record logico). È quindi possibile che un record fisico contenga più record logici o che un record logico richieda più record fisici per la sua registrazione. settembre 2008 Il File System 14

15 Compiti del file system Realizza l indipendenza dai dispositivi, nascondendo la collocazione dei file e la loro eventuale allocazione su più dispositivi quindi i processi che devono accedere ai file in lettura e/o scrittura non devono preoccuparsi di sapere dove questi sono allocati fisicamente: è sufficiente che usino primitive come read(..) o write(..). Fa corrispondere un modello logico del file a una struttura fisica sul supporto di memoria e stabilisce i metodi di memorizzazione e di accesso. settembre 2008 Il File System 15

16 Integrità dei dati e affidabilità Il file system deve garantire l affidabilità dei file con meccanismi di verifica e ripristino della consistenza. Le cause principali di inconsistenza dei dati sono l immissione di dati errati e l interruzione improvvisa di programmi di elaborazione. Procedure di validazione dei dati inseriti Procedure di recovery e transazioni settembre 2008 Il File System 16

17 Struttura logica di un file - 1 Le possibili strutture logiche di un file sono: A sequenza di byte (byte stream) A record di lunghezza fissa A record di lunghezza variabile settembre 2008 Il File System 17

18 Struttura logica di un file - 2 Sequenza di byte (byte stream) La struttura logica più rudimentale e flessibile la scelta di UNIX ( Linux) e Windows Il programma utente sa come dare significato al contenuto informativo del file minimo sforzo per il S/O L accesso ai dati utilizza un puntatore relativo all inizio del file Lettura e scrittura operano a blocchi di byte settembre 2008 Il File System 18

19 Struttura logica di un file - 3 Record di lunghezza fissa È difficile stimare a priori la lunghezza dei record Gli spazi non utilizzati sono riempiti da caratteri speciali (es. NULL o SPACE) L accesso ai dati può essere diretto o sequenziale e utilizza un puntatore al record corrente Lettura e scrittura operano su record singoli Scelta obsoleta e legata a specifiche limitazioni dell architettura di sistema settembre 2008 Il File System 19

20 Struttura logica di un file - 4 Record di lunghezza variabile Struttura interna di ogni record descritta e identificata univocamente da una chiave (key) posta in posizione fissa e nota nel record Chiavi raccolte in una tabella a sé stante (file indice), ordinata per chiave, contenente anche i puntatori all inizio del record Accesso ai dati per chiave di record settembre 2008 Il File System 20

21 Struttura logica di un file - 5 Record di lunghezza variabile Ab.. Be.. Bo.. Ma... Zi... File indice Ma... Be.. Ab.. Zi... Bo.. File dati L accesso a un record avviene a partire dal file indice tramite il campo chiave settembre 2008 Il File System 21

22 Metodo di accesso Per metodo di accesso si intende la modalità secondo cui è possibile accedere a un singolo elemento (record logico) del file. Accesso sequenziale: per accedere ad un determinato record è necessario scorrere sequenzialmente quelli che lo precedono Si applica a file di record di lunghezza variabile Accesso diretto: un puntatore consente di posizionarsi direttamente sull elemento desiderato Si applica a file di record di lunghezza fissa settembre 2008 Il File System 22

23 Accesso sequenziale Scansione dall inizio del file di tutti i record fino a quello cercato Per leggere il record 5 è necessario leggere prima tutti i byte dei record 1, 2, 3, 4 Carattere prefissato (es.cr) per indicare la fine del record settembre 2008 Il File System 23

24 Accesso diretto Accesso diretto (random) al record cercato Lunghezza prefissata Per leggere il record 5, sapendo la lunghezza dei record, ci si può posizionare direttamente sul suo primo byte settembre 2008 Il File System 24

25 Descrittore del file È la struttura dati che contiene gli attributi di un file, cioè tutte le informazioni necessarie per la gestione del file e per l accesso al suo contenuto. Deve essere memorizzato in modo permanente. Il descrittore di ogni file viene inserito come record nella directory. settembre 2008 Il File System 25

26 Directory - 1 Per catalogare i file presenti sulla memoria di massa, il file system utilizza un file (directory), memorizzato anch esso sulla memoria di massa in una posizione fissa e conosciuta al sistema operativo (di norma sulla traccia 0), che contiene le informazioni riguardanti tutti i file presenti sul supporto. settembre 2008 Il File System 26

27 Directory - 2 Per ogni file viene inserito nella directory un record contenente queste informazioni: ID-FILE LUNG.REC N.REC INDIRIZZO ACCESSO CREAZIONE MODIFICA dove: id-file = identificativo del file; lung.rec = lunghezza record; n.rec = numero record; indirizzo = indirizzo primo blocco; accesso = diritto di accesso (solo lettura, lettura e scrittura); creazione = data creazione; modifica = data ultima modifica. settembre 2008 Il File System 27

28 Directory - 3 La directory viene aggiornata dal file system ogni volta che si crea, si cancella o si modifica un file: per velocizzare queste operazioni, quando è richiesto l uso di una memoria di massa, la directory è portata nella memoria centrale sotto forma di tabella. La tabella directory può essere anche molto ampia e occupare troppo spazio nella memoria centrale. Per semplificare le operazioni di ricerca e di gestione, la tabella directory viene suddivisa in due parti: la directory simbolica e la directory di base. settembre 2008 Il File System 28

29 Directory simbolica La directory simbolica contiene, per ogni file, il nome simbolico e un puntatore al record della directory di base in cui sono contenute tutte le informazioni riguardanti il file. La directory di base contiene invece l insieme completo delle informazioni. DIRECTORY SIMBOLICA NUM ID-FILE ID dove: NUM = num. progressivo ID-FILE = identificativo file ID = identificativo del file nella directory di base settembre 2008 Il File System 29

30 Directory di base DIRECTORY DI BASE ID-FILE LUNG-REC N-REC INDIRIZZO ACCESSO CREAZIONE MODIFICA ID Solo la directory simbolica è caricata in memoria centrale: attraverso l identificativo (ID) sono reperite tutte le informazioni presenti nella directory di base. settembre 2008 Il File System 30

31 Tipi di directory - 1 Struttura gerarchica a N livelli La modalità più frequente è quella in cui le directory hanno una struttura ad albero: esistono più file directory e ogni descrittore può contenere il nome di un file o di un altra directory (sottodirectory), partendo da una directory principale (root). settembre 2008 Il File System 31

32 Tipi di directory - 2 settembre 2008 Il File System 32

33 Tipi di directory - 3 Tale struttura agevola i meccanismi di ricerca di un file, poiché ogni directory contiene un numero limitato di file Permette di avere file con lo stesso nome in directory diverse Il file system rende disponibili le operazioni di gestione delle directory (creazione, cancellazione..) e aggiorna le directory quando vengono eseguite operazioni sui file. settembre 2008 Il File System 33

34 Operazione di I/O su file - 1 Una operazione di I/O su file genera una interruzione che richiede l intervento del sistema operativo. Una generica richiesta di operazione su un record del file può avere la seguente sintassi: leggi (file, destinazione, i) nome del file su cui eseguire l operazione variabile in cui memorizzare il record posizione logica del record nel file settembre 2008 Il File System 34

35 Operazione di I/O su file - 2 Cosa accade dal momento in cui al File System perviene la richiesta di lettura? Vengono effettuate nell ordine le seguenti operazioni: 1. Scansione dell albero delle directories per trovare la directory del file a cui è richiesto l accesso 2. Estrazione dal descrittore delle informazioni relative al file cercato. Una volta reperito, il descrittore viene copiato in RAM nella cosiddetta tabella dei file aperti, in modo da rendere più veloce l elaborazione del file. L allocazione del descrittore nella tabella dei file aperti corrisponde all operazione di apertura del file. settembre 2008 Il File System 35

36 Operazione di I/O su file Verifica dei controlli d accesso, che possono essere di tipo statico (determinano se il processo ha il permesso di effettuare l operazione richiesta sul file) o dinamico (verificano se ci sono altri processi che stanno usando in modo condiviso il file e stanno eseguendo operazioni che impediscono al momento di procedere) 4. Calcolo dell indirizzo logico del record all interno del file (espresso in byte, come se il file fosse un byte stream), utilizzando le informazioni sul tipo di organizzazione e la lunghezza del record. La richiesta di operare su un record viene quindi trattata come richiesta di accesso a uno o più byte. settembre 2008 Il File System 36

37 Esempio: Operazione di I/O su file - 4 Se l organizzazione di un file fosse a record di lunghezza fissa, la dimensione di ciascun record LR = 512 bytes e l accesso fosse diretto, si avrebbe che la richiesta di accedere al 3 record (NR) si trasformerebbe nella richiesta di accedere al byte logico di indirizzo Ind = (NR 1) * LR = (3 1) * 512 = 1024 record 1 record 2 record 3 LR Ind = 1024 settembre 2008 Il File System 37

38 Operazione di I/O su file Calcolo dell indirizzo fisico: a partire dall indirizzo logico, il file system fisico individua il numero del blocco che contiene il record richiesto, in base alla lunghezza dei blocchi, e l indirizzo relativo del record all interno del blocco. Il calcolo del n. del blocco è ancora indipendente dal tipo e dalle caratteristiche della periferica e dalla modalità di allocazione dello spazio sulla periferica. 6. Interfaccia con la gestione dei dispositivi: l esecuzione vera e propria dell operazione richiede l intervento del gestore dei dispositivi e l utilizzo del driver della periferica. settembre 2008 Il File System 38

39 Operazione di I/O su file - 6 Utilizzando il driver della periferica si effettua la conversione del numero di blocco nell indirizzo fisico relativo alla periferica (per es. numero di cilindro, testina e settore su un disco). Viene generato un processo di I/O che al termine genera una interruzione. lettura di un blocco Buffer di I/O HD scrittura di un blocco settembre 2008 Il File System 39

40 File system fisico Ogni dispositivo che permette la memorizzazione dei file contiene anche un descrittore del sistema di archiviazione, una struttura con le informazioni sul modo in cui è organizzata la memorizzazione dei dati sul dispositivo. Le informazioni contenute nel descrittore del sistema di archiviazione dipendono dal tipo di dispositivo e dalla tecnica di allocazione utilizzata. settembre 2008 Il File System 40

41 Descrittore del sistema di archiviazione - 1 Il descrittore del sistema di archiviazione su disco può contenere: L etichetta del disco Il valore della lunghezza massima dei file che si possono memorizzare Informazioni sulla tabella dei descrittori dei file Informazioni sulle tabelle usate per l assegnazione dei blocchi ai file L indicazione del primo blocco utilizzato per i file e il numero di blocchi presenti settembre 2008 Il File System 41

42 Descrittore del sistema di archiviazione - 2 Dopo il descrittore del sistema di archiviazione si trovano: La mappa dei descrittori di file con lo stato di assegnazione dei descrittori di file La tabella dei descrittori la FAT con le informazioni dei blocchi ai file o la mappa dei blocchi che indica la disponibilità dei blocchi Al termine delle strutture di dati del file system si trovano i blocchi disponibili per i file. settembre 2008 Il File System 42

43 Allocazione dello spazio su disco L allocazione dello spazio su disco avviene per blocchi, secondo tre possibili tecniche: allocazione contigua, allocazione concatenata, allocazione indicizzata. In ogni caso bisogna usare delle informazioni aggiuntive per conoscere quali blocchi sono assegnati ad ogni file. settembre 2008 Il File System 43

44 Allocazione contigua - 1 Ogni file è mappato su un insieme di blocchi fisicamente contigui. Vantaggi: basso costo della ricerca di un blocco possibilità di accesso sequenziale e diretto Svantaggi: individuazione dello spazio libero per l allocazione di un nuovo file frammentazione esterna: a mano a mano che si riempie il disco rimangono zone contigue non utilizzabili Ricompattazione periodica molto costosa settembre 2008 Il File System 44

45 Allocazione contigua - 2 Esempio di allocazione contigua directory file inizio lunghezza count 0 2 f 6 2 tr 14 3 mail 19 6 list 28 4 settembre 2008 Il File System 45

46 Allocazione concatenata - 1 I blocchi sui quali viene mappato il file sono organizzati in una lista concatenata: ciascun blocco di file deve contenere il puntatore al blocco successivo (o fine lista). Vantaggi: non c è frammentazione esterna Non si deve dichiarare la dimensione del file quando lo si crea Svantaggi: possibilità di errore se un link viene danneggiato maggiore occupazione (spazio per i puntatori) costo della ricerca di un blocco (continui accessi al disco) l accesso sequenziale resta semplice, quello diretto diventa oneroso settembre 2008 Il File System 46

47 Allocazione concatenata - 2 directory file inizio fine prova 9 25 Esempio di allocazione concatenata settembre 2008 Il File System 47

48 Allocazione concatenata FAT - 1 Un importante variazione al metodo di allocazione concatenata è l uso della tabella di allocazione dei file (File Allocation Table o FAT), usato dai sistemi operativi MS-DOS. Si usa una tabella per ogni partizione formata da tanti elementi quanti sono i blocchi del disco; ogni elemento può contenere un puntatore al blocco successivo se il blocco appartiene a un file, o una indicazione che il blocco è libero. settembre 2008 Il File System 48

49 Allocazione concatenata FAT - 2 Il numero del primo blocco del file viene memorizzato nel descrittore del file e consente l accesso al resto del file. La catena di puntatori viene scorsa solo all interno della tabella, che può essere copiata in memoria centrale per rendere più veloce l accesso. settembre 2008 Il File System 49

50 FAT - 1 Si tratta di una tecnica di allocazione efficiente perché la ricerca di un blocco avviene accedendo alle informazioni riunite in un unica tabella piuttosto che dislocate nei vari blocchi sparsi sul disco. Vantaggi: Non comporta frammentazione esterna Consente accesso sequenziale e diretto settembre 2008 Il File System 50

51 FAT - 2 test. 2 nome blocco di partenza descrittore del file 0 # 0 1 # # EOF (n. blocchi del disco 1) 7 # 7 FAT lista blocchi liberi settembre 2008 Il File System 51

52 Blocchi indice Allocazione indicizzata Se il sistema operativo non supporta la FAT si ricorre all allocazione indicizzata, che riunisce i puntatori ai blocchi in strutture apposite (l intero blocco contiene quindi solo dati) Ci sono due strategie di organizzazione blocco indice nodo indice (i-node) Vantaggi: Non comporta frammentazione esterna Consente accesso sequenziale e diretto settembre 2008 Il File System 52

53 Blocchi indice - 1 Ogni file ha il proprio blocco indice, che è un array di indirizzi dei blocchi su disco. L i-esimo elemento nel blocco indice punta all iesimo blocco del file; la directory contiene l indirizzo del blocco indice. Svantaggi:spazio sprecato dal blocco indice nel caso in cui un file sia formato da pochi blocchi. Si pone la questione di quanto debba essere grande un blocco indice. settembre 2008 Il File System 53

54 Blocchi indice - 2 Esempio di allocazione indicizzata con blocchi indice settembre 2008 Il File System 54

55 Nodi indice (Unix Linux) Si usa una struttura indice (i-node) per ogni file, con gli attributi del file e i puntatori ai suoi blocchi L i-node è contenuto in un blocco dedicato Linux usa i-node da 64 bytes In RAM una tabella di i-node per i soli file in uso Un i-node contiene un numero limitato di puntatori a blocchi più livelli di puntatori (punt. indiretti) settembre 2008 Il File System 55

56 i-node Esempio di allocazione indicizzata con nodi indice (i-node) settembre 2008 Il File System 56

57 Blocchi liberi Il file system deve inoltre poter sempre individuare i blocchi liberi da assegnare ad un nuovo file: per questo utilizza tecniche che ne agevolino la ricerca blocchi liberi concatenati in una lista tabella di puntatori ai blocchi liberi organizzati a lista mappa dei blocchi liberi (ogni puntatore individua il primo blocco di un area libera seguito dal n. di blocchi liberi contigui) bit map: si usa una sequenza di bit, uno per blocco, che indica se il blocco corrispondente è libero o occupato settembre 2008 Il File System 57

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file 11 Realizzazione del File System 1 Metodi di allocazione Allocazione contigua Allocazione concatenata e varianti Allocazione indicizzata e varianti Gestione dello spazio libero 11.1.1 Struttura a livelli

Dettagli

Il File System. Il file system

Il File System. Il file system Il File System Il file system Parte di SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti astratti di file:

Dettagli

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa Il File System 1 Il file system E quella componente del SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti astratti

Dettagli

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione.

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione. C6. REALIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM Struttura del file system Un file è analizzabile da diversi punti di vista. Dal punto di vista del sistema è un contenitore di dati collegati tra di loro, mentre dal punto

Dettagli

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 12 LEZIONE REALIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 12 LEZIONE REALIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08 Sistemi Operativi Docente: Ugo Erra ugoerr+so@dia.unisa.it 12 LEZIONE REALIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Sommario della lezione

Dettagli

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Organizzazione logica ed implementazione di un File

Dettagli

Capitolo 11 -- Silberschatz

Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System File system: Definizione dell aspetto del sistema agli occhi dell utente Algoritmi e strutture dati che permettono

Dettagli

Interfaccia del file system

Interfaccia del file system Interfaccia del file system Concetto di file Modalità di accesso Struttura delle directory Montaggio di un file system Condivisione di file Protezione 9.1 File E un insieme di informazioni correlate e

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1 IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Infrastrutture Software

Infrastrutture Software Infrastrutture Software I componenti fisici di un sistema informatico sono resi accessibili agli utenti attraverso un complesso di strumenti software finalizzati all utilizzo dell architettura. Si tratta

Dettagli

12. Implementazione di un File System. 12.1.1 Struttura a livelli. 12.2.1 Allocazione contigua

12. Implementazione di un File System. 12.1.1 Struttura a livelli. 12.2.1 Allocazione contigua 12. Implementazione di un File System 1 Struttura del file system Metodi di allocazione Gestione dello spazio libero Implementazione delle directory Prestazioni ed efficienza 2 Utente 12.1.1 Struttura

Dettagli

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi Sistemi Operativi Lez. 16 File System: aspetti implementativi Layout disco Tutte le informazioni necessarie al file system per poter operare, sono memorizzate sul disco di boot MBR: settore 0 del disco,

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo

Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo Le Infrastrutture Software ed il Sistema Operativo Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Il Sistema Operativo (S0) (Inf.) E' l'insieme dei programmi che consentono

Dettagli

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12.

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12. File system Chiamate di sistema POSIX Esempi: 4.3 BSD Linux Chiamate di sistema Windows Esempio: NTFS Esercizi 12.1 Le chiamate di sistema di UNIX per file UNIX mette a disposizione sia chiamate di sistema

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II)

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II) SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) Realizzazione del file system Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 Sommario Realizzazione

Dettagli

Implementazione del File System

Implementazione del File System Implementazione del file system Implementazione del File System Struttura del file system. Realizzazione del file system. Implementazione delle directory. Metodi di allocazione. Gestione dello spazio libero.

Dettagli

Il Sistema Operativo. Introduzione di programmi di utilità. Elementi di Informatica Docente: Giorgio Fumera

Il Sistema Operativo. Introduzione di programmi di utilità. Elementi di Informatica Docente: Giorgio Fumera CPU Memoria principale Il Sistema Operativo Elementi di Informatica Docente: Giorgio Fumera Corso di Laurea in Edilizia Facoltà di Architettura A.A. 2009/2010 ALU Unità di controllo Registri A indirizzi

Dettagli

Forse la periferica più importante di un elaboratore File system:

Forse la periferica più importante di un elaboratore File system: Forse la periferica più importante di un elaboratore File system: Un insieme di funzionalità per astrarre i dati grezzi presenti in memoria di massa e interpretare questi ultimi in termini di files e cartelle

Dettagli

Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3)

Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3) Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3) Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega Architettura di NTFS 1 NTFS file system adottato

Dettagli

Lezione 12. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Lezione 12. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata Lezione 12 Sistemi operativi 19 maggio 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 12.1 Di cosa parliamo in questa lezione? Organizzazione e realizzazione dei

Dettagli

Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1. Introduzione

Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1. Introduzione Introduzione Fondamenti di Informatica: Sistemi Operativi 1 Elaboratori necessitano di SOFTWARE SOFTWARE DI SISTEMA (SISTEMI OPERATIVI): fanno funzionare le varie componenti del computer e permettono all

Dettagli

Sistemi Operativi File System (parte 2)

Sistemi Operativi File System (parte 2) Sistemi Operativi File System (parte 2) Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega Realizzazione del file system 1 I file system (FS) sono memorizzati

Dettagli

Il sistema operativo

Il sistema operativo Il sistema operativo Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Cos è un Sistema Operativo? Per capirlo, immaginiamo inizialmente

Dettagli

Funzioni del Sistema Operativo

Funzioni del Sistema Operativo Il Software I componenti fisici del calcolatore (unità centrale e periferiche) costituiscono il cosiddetto Hardware (ferramenta). La struttura del calcolatore può essere schematizzata come una serie di

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2011-12 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi:

1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi: 1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi: compile time, load time, execution time. Quale delle modalità precedenti necessita di un supporto hardware per poter essere

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

PROGETTAZIONE FISICA

PROGETTAZIONE FISICA PROGETTAZIONE FISICA Memorizzazione su disco, organizzazione di file e tecniche hash 2 Introduzione La collezione di dati che costituisce una BDD deve essere fisicamente organizzata su qualche supporto

Dettagli

Il Software. Il software del PC. Il BIOS

Il Software. Il software del PC. Il BIOS Il Software Il software del PC Il computer ha grandi potenzialità ma non può funzionare senza il software. Il software essenziale per fare funzionare il PC può essere diviso nelle seguenti componenti:

Dettagli

IL SOFTWARE TIPI DI SOFTWARE. MACCHINE VIRTUALI Vengono definite così perché sono SIMULATE DAL SOFTWARE, UNIFORMANO L ACCESSO SISTEMA OPERATIVO

IL SOFTWARE TIPI DI SOFTWARE. MACCHINE VIRTUALI Vengono definite così perché sono SIMULATE DAL SOFTWARE, UNIFORMANO L ACCESSO SISTEMA OPERATIVO IL SOFTWARE L HARDWARE da solo non è sufficiente a far funzionare un computer Servono dei PROGRAMMI (SOFTWARE) per: o Far interagire, mettere in comunicazione, le varie componenti hardware tra loro o Sfruttare

Dettagli

Il Sistema Operativo. Funzionalità. Sistema operativo. Sistema Operativo (Software di base)

Il Sistema Operativo. Funzionalità. Sistema operativo. Sistema Operativo (Software di base) Sistema Operativo (Software di base) Il Sistema Operativo Il sistema operativo è un insieme di programmi che opera sul livello macchina e offre funzionalità di alto livello Es.organizzazione dei dati attraverso

Dettagli

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

1. I dispositivi periferici

1. I dispositivi periferici La gestione dell I/O 1. I dispositivi periferici Un ulteriore aspetto fondamentale del SO è la gestione dei dispositivi periferici (periferiche) Dal punto di vista del sistema operativo per periferiche

Dettagli

File System Distribuiti

File System Distribuiti File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema 20.1 Introduzione File System Distribuito

Dettagli

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema Introduzione File System Distribuito

Dettagli

Realizzazione del file system

Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 11 LEZIONE INTERFACCIA DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 11 LEZIONE INTERFACCIA DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08 Sistemi Operativi Docente: Ugo Erra ugoerr+so@dia.unisa.it 11 LEZIONE INTERFACCIA DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Sommario della lezione

Dettagli

Sistema Operativo Compilatore

Sistema Operativo Compilatore MASTER Information Technology Excellence Road (I.T.E.R.) Sistema Operativo Compilatore Maurizio Palesi Salvatore Serrano Master ITER Informatica di Base Maurizio Palesi, Salvatore Serrano 1 Il Sistema

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Funzioni dei Sistemi Operativi!2 Le funzioni principali del SO Gestire le risorse dell elaboratore

Dettagli

Software di base. Corso di Fondamenti di Informatica

Software di base. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Software di base Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti

Dettagli

Il file system. File system. Fornisce il meccanismo per la memorizzazione e l accesso di dati e programmi Consiste di due parti

Il file system. File system. Fornisce il meccanismo per la memorizzazione e l accesso di dati e programmi Consiste di due parti Il file system File system Fornisce il meccanismo per la memorizzazione e l accesso di dati e programmi Consiste di due parti Collezione di file Struttura di cartelle (directory) 1! Interfaccia Implementazione

Dettagli

Struttura del File-System! Implementazione del File System! Filesystem!

Struttura del File-System! Implementazione del File System! Filesystem! Struttura del File-System Implementazione del File System Struttura dei File Unità logica di memorizzazione Collezione di informazioni correlate File control block (inode) struttura dati per le informazioni

Dettagli

Sistemi Operativi. Implementazione del File System

Sistemi Operativi. Implementazione del File System Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

Introduzione ai Sistemi Operativi

Introduzione ai Sistemi Operativi Introduzione ai Sistemi Operativi Sistema Operativo Software! Applicazioni! Sistema Operativo! È il livello di SW con cui! interagisce l utente! e comprende! programmi quali :! Compilatori! Editori di

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96

Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96 Il Software... A.A. 2013-14 Informatica 96 Il software L hardware non è direttamente utilizzabile Sono necessari dei programmi per far svolgere delle funzioni all insieme di circuiti Informatica 97 Il

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (J-Z)

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (J-Z) 2011-2012 Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (J-Z) 14 File e cartelle File system Software di utilità Il S.O. e le periferiche Il S.O. e la memoria

Dettagli

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (DF-M)

Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (DF-M) 2009-2010 Ingegneria Gestionale della logistica e produzione Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (DF-M) 13 File e cartelle File system Software di utilità Il S.O. e le periferiche Il S.O. e la memoria

Dettagli

Il software impiegato su un computer si distingue in: Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi

Il software impiegato su un computer si distingue in: Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi Il Software Il software impiegato su un computer si distingue in: Software di sistema Sistema Operativo Compilatori per produrre programmi Software applicativo Elaborazione testi Fogli elettronici Basi

Dettagli

Informatica. Il software (S.O.) e ancora sulle basi numeriche

Informatica. Il software (S.O.) e ancora sulle basi numeriche (S.O.) e ancora sulle basi numeriche http://159.149.98.238/lanzavecchia/docum enti/sscta.htm 1 Il sistema operativo Un insieme di programmi che gestiscono le risorse (cpu, memoria, dischi, periferiche)

Dettagli

Memorizzazione dei dati: Dischi e File

Memorizzazione dei dati: Dischi e File Memorizzazione dei dati: Dischi e File Query\update Query plan Execution Engine richieste di indici, record e file Index/file/record Manager comandi su pagine Query Compiler Buffer Manager Lettura/scrittura

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Il Sistema Operativo Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela Fogli Cos

Dettagli

Archivio: è un insieme organizzato di informazioni (movimenti contabili, archivi: clienti/fornitori, personale, magazzino) Proprietà:

Archivio: è un insieme organizzato di informazioni (movimenti contabili, archivi: clienti/fornitori, personale, magazzino) Proprietà: Prof. Emanuele Papotto Gli archivi Archivio: è un insieme organizzato di informazioni (movimenti contabili, archivi: clienti/fornitori, personale, magazzino) Proprietà: tra le informazioni esiste un nesso

Dettagli

GLI ARCHIVI DI DATI. File Un File è una sequenza di informazioni che costituisce una unità logica. Un file è un un contenitore di di informazioni

GLI ARCHIVI DI DATI. File Un File è una sequenza di informazioni che costituisce una unità logica. Un file è un un contenitore di di informazioni GLI ARCHIVI DI DATI File Un File è una sequenza di informazioni che costituisce una unità logica. Un file è un un contenitore di di informazioni» Un file può contenere un testo» Un file può contenere la

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID

SISTEMI OPERATIVI. Gestione dei dischi. Gestione dei dischi e sistemi RAID SISTEMI OPERATIVI 08.c Gestione dei dischi e sistemi RAID Gestione dei dischi Caratteristiche dei dischi magnetici Schedulazione degli accessi al disco Sistemi RAID 1 Struttura meccanica 2 traccia testina

Dettagli

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Lezione 11 system Sistemi operativi 12 maggio 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 11.1 Di cosa parliamo in questa lezione? L interfaccia : system 1 Il

Dettagli

10. Interfaccia del File System

10. Interfaccia del File System 10. Interfaccia del File System 10.1 Il concetto di File 10.2 Metodi di accesso 10.3 Struttura delle Directory 10.4 Protezione (Leggere) 10.5 Semantica della Consistenza (Leggere) Un File System consiste

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

IL FILE SYSTEM Memorizzazione delle Informazioni Permanenza delle Informazioni Indipendenza delle Informazioni I File Nome.

IL FILE SYSTEM Memorizzazione delle Informazioni Permanenza delle Informazioni Indipendenza delle Informazioni I File Nome. IL FILE SYSTEM Memorizzazione delle Informazioni Le applicazioni su un calcolatore hanno bisogno di memorizzare e rintracciare informazioni. Un processo può utilizzare il suo spazio degli indirizzi per

Dettagli

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Componenti del sistema Servizi di un sistema operativo Chiamate del sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progettazione e realizzazione

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 :

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 : Un Sistema Operativo è un insieme complesso di programmi che, interagendo tra loro, devono svolgere una serie di funzioni per gestire il comportamento del computer e per agire come intermediario consentendo

Dettagli

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1 Struttura dei Componenti Servizi di un sistema operativo System Call Programmi di sistema Struttura del sistema operativo Macchine virtuali Progettazione e Realizzazione

Dettagli

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO

ASPETTI PRINCIPALI DELLA GESTIONE AUTOMATIZZATA DI UN ARCHIVIO ARCHIVIO è un insieme di informazioni che hanno tra di loro un nesso logico (sono inerenti ad uno stesso argomento) e sono organizzate in modo tale da renderne facile la consultazione Le informazioni di

Dettagli

Gestione della memoria centrale

Gestione della memoria centrale Gestione della memoria centrale Un programma per essere eseguito deve risiedere in memoria principale e lo stesso vale per i dati su cui esso opera In un sistema multitasking molti processi vengono eseguiti

Dettagli

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI Archivio: - insieme di registrazioni (record), ciascuna costituita da un insieme prefissato di informazioni elementari dette attributi (campi) - insieme di informazioni relative

Dettagli

INTERAZIONE CON L UTENTEL

INTERAZIONE CON L UTENTEL IL SISTEMA OPERATIVO Insieme di programmi che opera al di sopra della macchina fisica, mascherandone le caratteristiche e fornendo agli utenti funzionalità di alto livello. PROGRAMMI UTENTE INTERPRETE

Dettagli

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione Il sistema di I/O Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O Introduzione 1 Sotto-sistema di I/O Insieme di metodi per controllare i dispositivi di I/O Obiettivo: Fornire ai processi utente un interfaccia

Dettagli

Il Sistema Operativo: il File System

Il Sistema Operativo: il File System Il Sistema Operativo: il File System Il File System è quella parte del S.O. che si occupa di gestire e strutturare le informazioni memorizzate su supporti permanenti (memoria secondaria) I file vengono

Dettagli

Corso di Introduzione all Informatica (corso A) MS-WINDOWS. Esercitatore: Francesco Folino

Corso di Introduzione all Informatica (corso A) MS-WINDOWS. Esercitatore: Francesco Folino Corso di Introduzione all Informatica (corso A) MS-WINDOWS Esercitatore: Francesco Folino IL SISTEMA OPERATIVO Il Sistema Operativo è il software che permette l interazione tra uomo e macchina (hardware).

Dettagli

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 4: SoftWare. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 4: SoftWare. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 4: SoftWare Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Software È un insieme di programmi che permettono di trasformare un insieme di circuiti elettronici (=

Dettagli

Link e permessi. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria delle TLC e dell Automazione. Corso di Sistemi Operativi A. A. 2005-2006

Link e permessi. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria delle TLC e dell Automazione. Corso di Sistemi Operativi A. A. 2005-2006 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria delle TLC e dell Automazione Corso di Sistemi Operativi A. A. 2005-2006 Link e permessi Link Un riferimento ad un file è detto link Ogni file può avere un numero

Dettagli

Interfaccia del file system. Fabio Buttussi HCI Lab Dipart. di Matematica ed Informatica Università degli Studi di Udine www.dimi.uniud.

Interfaccia del file system. Fabio Buttussi HCI Lab Dipart. di Matematica ed Informatica Università degli Studi di Udine www.dimi.uniud. HCI Lab Dipart. di Matematica ed Informatica Università degli Studi di Udine www.dimi.uniud.it/buttussi Cos'è il file system? Consiste in: Insieme di file Strutture dati per organizzare i file nel sistema

Dettagli

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino

Il Sistema Operativo. C. Marrocco. Università degli Studi di Cassino Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato software che: opera direttamente sull hardware; isola dai dettagli dell architettura hardware; fornisce un insieme di funzionalità di alto livello.

Dettagli

Il software: Istruzioni per il computer. I tre tipi di software di sistema. Compiti del sistema operativo

Il software: Istruzioni per il computer. I tre tipi di software di sistema. Compiti del sistema operativo Il software: Istruzioni per il computer I tre tipi di software di sistema Software applicativo aiuta a svolgere operazioni utili in vari campi programmi di videoscrittura, fogli elettronici, videogiochi

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella Il Sistema Operativo Sistema Operativo 2 Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato

Dettagli

La Gestione delle risorse Renato Agati

La Gestione delle risorse Renato Agati Renato Agati delle risorse La Gestione Schedulazione dei processi Gestione delle periferiche File system Schedulazione dei processi Mono programmazione Multi programmazione Gestione delle periferiche File

Dettagli

Software relazione. Software di base Software applicativo. Hardware. Bios. Sistema operativo. Programmi applicativi

Software relazione. Software di base Software applicativo. Hardware. Bios. Sistema operativo. Programmi applicativi Software relazione Hardware Software di base Software applicativo Bios Sistema operativo Programmi applicativi Software di base Sistema operativo Bios Utility di sistema software Software applicativo Programmi

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

Struttura del Micro Filesystem (µfs)

Struttura del Micro Filesystem (µfs) Struttura del Micro Filesystem (µfs) Il Micro Filesystem deve essere organizzato all'interno di un unico file regolare Linux (dev_ufs) ed può basato sul filesystem FAT-32 con la gestione dei permessi in

Dettagli

Il software. Il file system: organizzazione logica dei file. la parte contro cui si può solo imprecare. Funzioni principali del sistema operativo

Il software. Il file system: organizzazione logica dei file. la parte contro cui si può solo imprecare. Funzioni principali del sistema operativo Funzioni principali del sistema operativo Il software la parte contro cui si può solo imprecare Avvio dell elaboratore Gestione del processore e dei processi in esecuzione Gestione della memoria principale

Dettagli

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico Introduzione alle basi di dati Introduzione alle basi di dati Gestione delle informazioni Base di dati Modello dei dati Indipendenza dei dati Accesso ai dati Vantaggi e svantaggi dei DBMS Gestione delle

Dettagli

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 11.1

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 11.1 GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA 11.1 Memoria Secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Struttura RAID Affidabilità Implementazione della memoria

Dettagli

Sistemi Operativi. Memoria Secondaria GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione del disco

Sistemi Operativi. Memoria Secondaria GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione del disco GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA 11.1 Memoria Secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Struttura RAID Affidabilità Implementazione della memoria

Dettagli

memoria virtuale protezione

memoria virtuale protezione Memoria Virtuale Le memorie cache forniscono un accesso veloce ai blocchi di memoria usati più di recente La memoria virtuale fornisce un accesso veloce ai dati sulle memorie di massa usati più di recente.

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

uomo Software (sistema operativo) hardware

uomo Software (sistema operativo) hardware uomo Software (sistema operativo) hardware 1 Sistema operativo Insieme di programmi che svolgono funzioni essenziali per l uso del sistema di elaborazione Questi programmi sono i primi ad essere eseguiti

Dettagli

Software e Sistemi Operativi Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Software e Sistemi Operativi Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Software e Sistemi Operativi Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Cosa vedremo Il software applicativo Categorie di SW Il sistema operativo Gestione programmi in esecuzione (processi) Gestione memoria Gestione

Dettagli

Il software. la parte contro cui si può solo imprecare. (continua) Funzioni principali del sistema operativo. Gestione della memoria secondaria

Il software. la parte contro cui si può solo imprecare. (continua) Funzioni principali del sistema operativo. Gestione della memoria secondaria Il software la parte contro cui si può solo imprecare (continua) Funzioni principali del sistema operativo Avvio dell elaboratore Gestione del processore e dei processi in esecuzione Gestione della memoria

Dettagli

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione del buffer

Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione del buffer Buffer Basi di Dati / Complementi di Basi di Dati 1 Tecnologia di un Database Server (centralizzato) Gestione del buffer Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Buffer

Dettagli

Sistemi informatici. Informatica. Il software. Il sw di sistema. Il sw applicativo. Il sw di sistema. Il sistema operativo. Hardware.

Sistemi informatici. Informatica. Il software. Il sw di sistema. Il sw applicativo. Il sw di sistema. Il sistema operativo. Hardware. http://159.149.98.238/lanzavecchia/docum enti/sscta.htm Sistemi informatici Hardware Microprocessore Memoria Periferiche di input e output Software Software di sistema Programmi applicativi 1 2 Il sw applicativo

Dettagli

Il computer: primi elementi

Il computer: primi elementi Il computer: primi elementi Tommaso Motta T. Motta Il computer: primi elementi 1 Informazioni Computer = mezzo per memorizzare, elaborare, comunicare e trasmettere le informazioni Tutte le informazioni

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE TESTUALI INTERFACCE TESTUALI FUNZIONI DEL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE GRAFICHE

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE TESTUALI INTERFACCE TESTUALI FUNZIONI DEL SISTEMA OPERATIVO INTERFACCE GRAFICHE IL SISTEMA OPERATIVO Insieme di programmi che opera al di sopra della macchina fisica, mascherandone le caratteristiche e fornendo agli utenti funzionalità di alto livello. PROGRAMMI UTENTE INTERPRETE

Dettagli