1.4: Il File System. File, directory, file system. Struttura e operazioni su file e directory. Implementazione delle directory

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.4: Il File System. File, directory, file system. Struttura e operazioni su file e directory. Implementazione delle directory"

Transcript

1 1.4: Il File System File, directory, file system Struttura e operazioni su file e directory Implementazione delle directory Struttura del file system Metodi di allocazione Gestione dello spazio libero Miglioramento delle prestazioni Crash recovery Il file system di Unix Chiamate di sistema 1.4.1

2 Introduzione Il S.O. fornisce una vista logica uniforme della memorizzazione di informazioni; fa astrazione delle proprietà fisiche dei dischi e definisce un'unità logica di raggruppamento delle informazioni, il file. Un file è una collezione di informazioni correlate definito dal suo creatore; un file ha un nome. Normalmente i file rappresentano programmi (in forma sorgente o in linguaggio macchina) e dati. I file sono generalmente organizzati in cartelle (directory), per agevolarne l'uso. Un insieme di file e cartelle residenti in un volume fisico o logico costituisce un file system

3 Ruolo di un File System Un file system svolge anzitutto i seguenti compiti: Semplificare l'accesso al disco da parte dei programmi Permettere agli utenti di organizzare i propri dati in modo semplice e conveniente Il S.O. è responsabile delle seguenti attività riguardo la gestione dei file system: Creazione e distruzione di file Creazione e distruzione di directory Supporto di primitive per la manipolazione di file e directory Allocazione di spazio a un file Mappatura dei file nella memoria secondaria Fornire utility per il crash recovery (recupero dai guasti) 1.4.3

4 Struttura dei File Dal punto di vista del S.O.: Nulla sequenza di byte (approccio Unix) Struttura a record, semplice Righe (di testo) Lunghezza fissa Lunghezza variabile Struttura complessa File eseguibile Archivio di dati (generato da tar, cpio etc.) Vantaggi e svantaggi dell'approccio Unix: Maggior elasticità (tutto è deciso dai programmi utente) Se è il Kernel a decidere, il tutto è inamovibile! 1.4.4

5 Struttura dei Nomi di File Dal punto di vista del S.O.: Nulla sequenza di caratteri arbitrari, salvo "/" e "\0" (approccio Unix) Struttura a nome + "." + estensione command.com, ping.exe, autoexec.bat,... Discorso analogo al precedente: se è il S.O. a decidere, si deve fare necessariamente in quel modo In Unix, non esiste nel Kernel il concetto di estensione; esiste però nei programmi a livello utente; es. gcc:.c file sorgente linguaggio C.s file sorgente assembler.o file oggetto rilocabile.a libreria statica 1.4.5

6 Attributi dei File Nome in forma leggibile dall'uomo Tipo se supportato dal S.O. Ubicazione informazione sui blocchi di dati che compongono il file Dimensione lunghezza del file in byte Protezione controllo File: chi può leggere, scrivere, eseguire il file etc. Directory: chi può consultare il contenuto, chi può distruggere file nella directory, etc. Identificazione di utente proprietario, data e ora (di creazione, ultima modifica, ultimo accesso etc.) per i meccanismi di protezione e sicurezza Unix: anche identificazione di gruppo di appartenenza Queste informazioni sono memorizzate: 1.4.6

7 Struttura delle directory Differenti metodi sono possibili Il più diffuso: ad "albero rovesciato" (directory tree structure). Directory = file (quasi) normale; contiene al suo interno lista di nomi di file e di puntatori ai blocchi di dati o di controllo (Unix: inode). Una directory può contenere file e/o altre (sotto)directory. Esiste una directory radice, da cui si diparte tutto il file system. Caratteristiche: Ricerca efficiente di file e directory Concetto di cartella attiva (working directory), associata a un processo Pathname assoluto (relativo alla directory radice) o relativo (relativo alla cartella attiva) 1.4.7

8 Struttura delle directory (Cont.) / boot bin sbin lib var etc usr tmp home dev spool opt run bin sbin lib luca mario gianni at cron mail samba src bin text tmp C C

9 Implementazione delle Directory Lista lineare, di nomi di file + puntatori a blocchi Semplice da programmare Time consuming alla ricerca, se le directory non sono mantenute piccole Usata da Unix Tabella di hashing (hash table) Accelera il tempo di ricerca Complessa... e time consuming da programmare, per il S.O Hash values 1.4.9

10 Funzioni di hashing Tecnica generale di programmazione, utilizzata in molte parti di un S.O. es.: gestione dei blocchi della cache (in RAM) dei dischi. Meccanismo: Definire una funzione di hashing, con N valori finiti (es.: 0 63) Spesso si sceglie per N una potenza di 2 es.: h = (somma dei caratteri del nome file) modulo N Raggruppare gli elementi in N liste lineari; ciascuna lista contiene elementi con identico valore della funz. di hashing Ricerca elemento: Calcolare funz. di hashing Ricercare l'elemento (se c'è) nella sola lista corrispondente al valore della funzione Trovare valore ottimo di N, e "buona" funzione di hashing:

11 Operazioni Su un file: create, open, close create/open: ricerca della entry richiesta in una directory su disco, e copia del contenuto in memoria, per agevolare il lavoro del Kernel close: processo inverso. read, write seek (riposizionamento) remove truncate Su una directory: search entry (file) create entry, remove entry list dir. contents

12 Implementazione di un File System Un file system risiede in un disco fisico, o in una partizione di un disco fisico In generale: in un disco logico Aspetti principali di implementazione: Scelta del block size per il file system Mapping tra blocchi del disco e blocchi di un file es.: il blocco n. 3 del file "/tmp/data" corrisponde al blocco n del disco logico su cui risiede il file system Allocazione dei blocchi ai file Gestione dello spazio libero (blocchi) Strategie di ottimizzazione delle prestazioni

13 Block Size di un File System Valori usuali tra 512 byte e 8 KB Maggiori valori velocizzano il file system, ma aumentano la frammentazione interna (spazio inutilizzato per blocchi usati solo in parte) es.: file di 9000 byte block size = 8 KB 7384 byte inutilizzati; block size = 1 KB 216 byte inutilizzati. Ottimizzazione in 4.2BSD (FFS Fast File System), per diminuire la frammentazione esterna: due dimensioni di blocco, per file senza blocchi indiretti Block size es. 8 KB; fragment size es. 1 KB Tutti i blocchi di un file sono grandi block size, salvo l'ultimo L'ultimo blocco è un multiplo di fragment size, per completare il file Es.: file di byte 2 blocchi da 8KB + un frammento da 2 KB (non

14 Allocazione di Blocchi a un File Diverse tecniche (secondo le metriche prestazionali di interesse): Allocazione contigua (blocchi fisicamente succcessivi) Veloce per accesso random (adeguato per sistemi real time) Occorre prevedere a priori la dimensione del file Problema della frammentazione esterna (zone di blocchi non utilizzati, sparse nel file system). Allocazione collegata (lista collegata di blocchi) Ogni blocco contiene puntatore al prossimo Lento per accesso random (occorre traversare tutto il file) Non c'è frammentazione esterna FAT (File Allocation Table) è una variante di questa tecnica. Allocazione indicizzata (blocco indice che punta a tutti gli altri) Abbastanza veloce per accesso random

15 Allocazione di Blocchi a un File (Cont.) Unix: tecnica combinata (allocazione indicizzata + collegata) inode

16 Gestione dello Spazio Libero Diverse tecniche: Mappa di bit (o vettore di bit) (ogni blocco è un bit; 0 = libero, 1 = occupato) Algoritmo semplice e veloce per trovare prossimo blocco libero Overhead di spazio (per la bit map) È facile ottenere file con blocchi contigui Lista collegata (i blocchi liberi puntano ciascuno al prossimo) Non c'è overhead di spazio È meno facile (ma non impossibile) ottenere file con blocchi contigui Lista collegata con raggruppamento (un blocco libero della lista contiene gli indirizzi di N altri blocchi liberi) Variante dello schema precedente Utilizzato da Unix: La lista parte dal super block (struttura di controllo di tutto un file

17 Ottimizzazione delle Prestazioni Vari accorgimenti/strategie: Disk cache (parte di RAM dedicata al mapping di alcuni blocchi disco) Vale quanto detto in generale sul caching Algoritmo di sostituzione più usato: algoritmo LRU (Least Recently Used) Miglioramento accesso sequenziale: tecniche read ahead (lettura anticipata) e free behind (rilascio indietro) La ricerca di elementi viene accelerata con le tecniche di hashing Caching anche dei blocchi indice e strutture di controllo dei file (Unix: inode) Ottimizzazione (minimizzazione) dei movimenti delle testine del disco È il cosiddetto disk scheduling (v. oltre) riordinamento ottimale delle richieste pendenti di lettura/scrittura al disco Gap di prestazioni tra CPU e disco: ha senso aggiungere

18 Crash Recovery Un buon file system deve essere ridondante nella gestione dei dati, per permettere la ricostituzione di informazioni danneggiate (almeno nei casi comuni) Consistency checker Programma che confronta dati in una struttura di directory con quelli nei blocchi di dati sul disco, e tenta di riparare inconsistenze (sfruttando la ridondanza) Unix: fsck(8) Windows: scandisk Utility di backup e restore (già viste) Unix: dd, cp a, tar, cpio

19 Il File System di Unix Vedi Modulo 2.1, "Sistemi Unix e Linux" Un file è rappresentato da un inode: una struttura di dati che memorizza tutte le informazioni su uno specifico file su disco, e che sono necessarie a gestirlo. Utente: referenzia un file dal pathname; Kernel: referenzia un file dall'inode Kernel: mapping da pathname a inode (utilizzando le informazioni nelle directory)

20 Gestione del File System nel Kernel Unix Apertura di un file: Primitiva fd = open(name, mode, mask); Dal pathname, iniziando la ricerca Per pathname assoluti, dalla directory radice (inode sempre in memoria, dal bootstrap) Per pathname relativi, dalla directory di lavoro del processo (gli inode delle directory di lavoro di ogni processo attivo sono mantenute in memoria) Processo di ricerca: continua iterativamente, attraverso gli inode delle directory, fino alla fine del path e al raggiungimento dell'inode desiderato Vengono controllati i bit x delle directory, e i bit r e/o w del file finale L'inode è caricato in memoria (struct inode), in una tabella degli inode La rappresentazione di un inode in memoria è diversa da quella su disco Viene allocata una struct file, che punta all'inode; contiene:

21 Gestione del File System nel Kernel Unix (Cont.) La open() parte dal pathname e restituisce un file descriptor (fd) Piccolo intero, positivo o nullo Utilizzato da tutte le chiamate di sistema che referenziano un file aperto Il Kernel utilizza il fd per indicizzare una tavola dei file aperti di processo Ogni elemento della tavola contiene un puntatore a una struct file (vista prima), in una tavola dei file aperti di sistema Ogni elemento (struct file) contiene un puntatore a una struct inode (vista prima), in una tavola degli inode (di sistema). Gli elementi delle tavole dei file aperti di sistema e degli inode contengono un reference count (contatore dei riferimenti), dato che possono essere puntati più volte. La primitiva close() effettua il cammino inverso: a partire dal file

22 Tavole di Sistema per il File System Unix struct file *u_ofile[nr_open]; struct file file[nfile]; struct inode inode[ninode];

23 Introduzione alle Chiamate di Sistema Informazioni generali: Chiamate sistema Unix = funzioni C. Valore di ritorno: 1 in caso di errore, 0 se O.K. (salvo ove diversamente specificato) Inclusione tipica degli header file: #include <sys/types.h> /* pseudo tipi */ #include <unistd.h> #include <stdlib.h> pseudo tipi utilizzati: typedef long time_t; /* codifica di data+ora */ typedef long off_t; /* un offset in un file */ typedef unsigned int size_t; /* la dimensione di una stringa, etc. */ typedef short pid_t; /* il PID di un processo */

24 Chiamate di Sistema File System fd = open(path, flags, mode); path = percorso (relativo o assoluto) del file da aprire; mode = bit di protezione; flags: O_RDONLY, O_WRONLY, O_RDWR; O_APPEND, O_CREAT, O_TRUNC, O_EXCL mode è facoltativo; è usato (obbligatoriamente) solo se c'è O_CREAT ritorna file descriptor (f.d.) del file aperto creat(path, mode) equivale a open(path, O_CREAT O_WRONLY O_TRUNC, mode) es.: fd = open("./my_data", O_RDWR); close(fd); fd = f.d. del file da chiudere

25 Chiamate di Sistema File System (Cont.) nr = read(fd, buf, nb); legge fino a nb byte dal canale identificato da fd e li scrive a partire da buf ritorna il numero di byte effettivamente letti (<= nb), 0 se EOF, 1 se errore es.: nn = read(fd, buf, BUFSIZ); nw = write(fd, buf, nb); scrive nb byte sul canale identificato da fd, leggendoli a partire da buf ritorna il numero di byte effettivamente scritti es.: nn = write(fd, buf, BUFSIZ); newpos = lseek(fd, offset, whence); sposta l'i/o pointer (offset del prossimo read o write) whence: SEEK_SET, SEEK_CUR, SEEK_END offset: può essere negativo ritorna nuovo valore dell'i/o pointer; (off_t) 1 se errore

26 Chiamate di Sistema File System (Cont.) link(oldpath, newpath); crea nuovo hard link per un file (normale o speciale) oldpath e newpath devono essere nello stesso file system; oldpath deve esistere esiste limite massimo al numero di hard link di un file, che è memorizzato nell'i node (di solito 128) dopo l'operazione, oldpath e newpath sono indistinguibili ritorna 0 se OK, 1 se errore comando equivalente: ln old new symlink(oldpath, newpath); crea link simbolico per un file (normale o speciale o directory) oldpath e newpath possono non appartenere allo stesso file system; oldpath può non esistere ritorna 0 se OK, 1 se errore comando equivalente:

27 Chiamate di Sistema File System (Cont.) unlink(path); rimuove un hard link per il file: decrementa link count nello i node libera la entry della directory se il link era l'ultimo (link count scende da 1 a 0), il file è rimosso (blocchi di dati e i node deallocati) es.: rinomina di un file link("pippo", "pluto"); unlink("pippo"); rename(oldpath, newpath); cambia il nome di un file: la vecchia entry (oldpath) sparisce viene creata la nuova entry (newpath) è esattamente equivalente alla successione link(oldpath, newpath); unlink(oldpath);

28 Esempi di codice 1 copyfile(infile, outfile) { ifd = open(infile, read only); ofd = open(outfile, write only+crea se necessario, read write per tutti); if(open error) return ERROR; loop (nread = read(ifd, buffer, 4096); finchè nread diverso da 0) { if(read error) return ERROR; write(ofd, buffer, nread); } close(ifd); close(ofd); return SUCCESS;

29 Esempi di codice 2 copyfilesection(infile, outfile, offset) { ifd = open(infile, read only); ofd = open(outfile, write only+crea se necessario, read write per tutti); if(open error) return ERROR; lseek(ifd, offset, da inizio file); loop (nread = read(ifd, buffer, 4096); finchè nread diverso da 0) { if(read error) return ERROR; write(ofd, buffer, nread); } close(ifd); close(ofd);

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System

Sistemi Operativi. Organizzazione logica ed implementazione di un File System Modulo di Sistemi Operativi per il corso di Master RISS: Ricerca e Innovazione nelle Scienze della Salute Unisa, 17-26 Luglio 2012 Sistemi Operativi Organizzazione logica ed implementazione di un File

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1 IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Il file system. File system. Fornisce il meccanismo per la memorizzazione e l accesso di dati e programmi Consiste di due parti

Il file system. File system. Fornisce il meccanismo per la memorizzazione e l accesso di dati e programmi Consiste di due parti Il file system File system Fornisce il meccanismo per la memorizzazione e l accesso di dati e programmi Consiste di due parti Collezione di file Struttura di cartelle (directory) 1! Interfaccia Implementazione

Dettagli

Indice. settembre 2008 Il File System 2

Indice. settembre 2008 Il File System 2 Il File System Indice 4. Il File System 5. Vantaggi del FS 6. Protezione 7. Condivisione 8. I file - 1 9. I file - 2 10. Attributi dei file 11. Directory 12. Livelli di astrazione - 1 13. Livelli di astrazione

Dettagli

Digressione: man 2...

Digressione: man 2... Syscall File I/O Digressione: man 2... Le funzioni della libreria standard UNIX associate alle system call di Linux sono documentate nella sezione 2 di man e.g.: man 2 open Ogni manpage di system call

Dettagli

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione.

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione. C6. REALIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM Struttura del file system Un file è analizzabile da diversi punti di vista. Dal punto di vista del sistema è un contenitore di dati collegati tra di loro, mentre dal punto

Dettagli

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi

Sistemi Operativi. Lez. 16 File System: aspetti implementativi Sistemi Operativi Lez. 16 File System: aspetti implementativi Layout disco Tutte le informazioni necessarie al file system per poter operare, sono memorizzate sul disco di boot MBR: settore 0 del disco,

Dettagli

Capitolo 11 -- Silberschatz

Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System Capitolo 11 -- Silberschatz Implementazione del File System File system: Definizione dell aspetto del sistema agli occhi dell utente Algoritmi e strutture dati che permettono

Dettagli

File I/O. M. R. Guarracino: File I/O 1

File I/O. M. R. Guarracino: File I/O 1 File I/O M. R. Guarracino: File I/O 1 File I/O Gran parte delle operazioni su file in ambiente UNIX possono essere eseguite utilizzando solo cinque funzioni: open read write lseek close M. R. Guarracino:

Dettagli

12. Implementazione di un File System. 12.1.1 Struttura a livelli. 12.2.1 Allocazione contigua

12. Implementazione di un File System. 12.1.1 Struttura a livelli. 12.2.1 Allocazione contigua 12. Implementazione di un File System 1 Struttura del file system Metodi di allocazione Gestione dello spazio libero Implementazione delle directory Prestazioni ed efficienza 2 Utente 12.1.1 Struttura

Dettagli

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file

11 Realizzazione del File System. 11.1.1 Struttura a livelli (fig. 11.1) 11.4 Allocazione dei file 11 Realizzazione del File System 1 Metodi di allocazione Allocazione contigua Allocazione concatenata e varianti Allocazione indicizzata e varianti Gestione dello spazio libero 11.1.1 Struttura a livelli

Dettagli

Implementazione del File System

Implementazione del File System Implementazione del file system Implementazione del File System Struttura del file system. Realizzazione del file system. Implementazione delle directory. Metodi di allocazione. Gestione dello spazio libero.

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II)

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II) SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) Realizzazione del file system Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 Sommario Realizzazione

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12.

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12. File system Chiamate di sistema POSIX Esempi: 4.3 BSD Linux Chiamate di sistema Windows Esempio: NTFS Esercizi 12.1 Le chiamate di sistema di UNIX per file UNIX mette a disposizione sia chiamate di sistema

Dettagli

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

Realizzazione del file system

Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

Interfaccia del file system

Interfaccia del file system Interfaccia del file system Concetto di file Modalità di accesso Struttura delle directory Montaggio di un file system Condivisione di file Protezione 9.1 File E un insieme di informazioni correlate e

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

Lezione 12. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Lezione 12. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata Lezione 12 Sistemi operativi 19 maggio 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 12.1 Di cosa parliamo in questa lezione? Organizzazione e realizzazione dei

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II)

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2011-12 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata.

Lezione 11. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Lezione 11 system Sistemi operativi 12 maggio 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 11.1 Di cosa parliamo in questa lezione? L interfaccia : system 1 Il

Dettagli

10. Interfaccia del File System

10. Interfaccia del File System 10. Interfaccia del File System 10.1 Il concetto di File 10.2 Metodi di accesso 10.3 Struttura delle Directory 10.4 Protezione (Leggere) 10.5 Semantica della Consistenza (Leggere) Un File System consiste

Dettagli

Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3)

Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3) Sistemi Operativi Il Sistema Operativo Windows (parte 3) Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega Architettura di NTFS 1 NTFS file system adottato

Dettagli

Files, File I/O, File Sharing. Franco Maria Nardini

Files, File I/O, File Sharing. Franco Maria Nardini Files, File I/O, File Sharing Franco Maria Nardini UNIX file types UNIX non richiede una struttura interna del file. Dal punto di vista del sistema operativo c e un solo tipo di file. Struttura e interpretazione

Dettagli

CAP.8: Il file system

CAP.8: Il file system Struttura interna del sistema operativo Linux CAP.8: Il file system Primitive per la gestione dei file 28/10/2013 File System Il gestore del file system è quel componente del Sistema Operativo che realizza

Dettagli

Sistemi Operativi File System (parte 2)

Sistemi Operativi File System (parte 2) Sistemi Operativi File System (parte 2) Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega Realizzazione del file system 1 I file system (FS) sono memorizzati

Dettagli

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 12 LEZIONE REALIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 12 LEZIONE REALIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08 Sistemi Operativi Docente: Ugo Erra ugoerr+so@dia.unisa.it 12 LEZIONE REALIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Sommario della lezione

Dettagli

Il File System. Architettura del File System (2) Architettura del File System. Parte V. Il File System

Il File System. Architettura del File System (2) Architettura del File System. Parte V. Il File System Il File System Parte V Il File System I/O Virtuale: l'accesso alla memoria di massa avviene tramite tramite il SO La memoria di massa è organizzata in unità virtuali denominate file (archivio) File System:

Dettagli

Parte V Il File System

Parte V Il File System Parte V Il File System Sistemi Operativi - prof. Silvio Salza - a.a. 2008-2009 V - 1 Il File System I/O Virtuale: l'accesso alla memoria di massa avviene tramite tramite il SO La memoria di massa è organizzata

Dettagli

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Appunti di Sistemi Operativi Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Indice 1 Cenni su alcuni algoritmi del Kernel di Unix 1 1.1 Elementi di Unix Internals.................................

Dettagli

Il Software. Il software del PC. Il BIOS

Il Software. Il software del PC. Il BIOS Il Software Il software del PC Il computer ha grandi potenzialità ma non può funzionare senza il software. Il software essenziale per fare funzionare il PC può essere diviso nelle seguenti componenti:

Dettagli

Memorizzazione dei dati: Dischi e File

Memorizzazione dei dati: Dischi e File Memorizzazione dei dati: Dischi e File Query\update Query plan Execution Engine richieste di indici, record e file Index/file/record Manager comandi su pagine Query Compiler Buffer Manager Lettura/scrittura

Dettagli

File system II. Sistemi Operativi Lez. 20

File system II. Sistemi Operativi Lez. 20 File system II Sistemi Operativi Lez. 20 Gestione spazi su disco Esiste un trade-off,tra spreco dello spazio e velocità di trasferimento in base alla dimensione del blocco fisico Gestione spazio su disco

Dettagli

Scrivere alla fine di un file Vi sono due modi per scrivere alla fine di un file:

Scrivere alla fine di un file Vi sono due modi per scrivere alla fine di un file: Scrivere alla fine di un file Vi sono due modi per scrivere alla fine di un file: usare lseek per spostarsi alla fine del file e poi scrivere: lseek(filedes, (off_t)0, SEEK_END); write(filedes, buf, BUFSIZE);

Dettagli

IL FILE SYSTEM Memorizzazione delle Informazioni Permanenza delle Informazioni Indipendenza delle Informazioni I File Nome.

IL FILE SYSTEM Memorizzazione delle Informazioni Permanenza delle Informazioni Indipendenza delle Informazioni I File Nome. IL FILE SYSTEM Memorizzazione delle Informazioni Le applicazioni su un calcolatore hanno bisogno di memorizzare e rintracciare informazioni. Un processo può utilizzare il suo spazio degli indirizzi per

Dettagli

Link e permessi. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria delle TLC e dell Automazione. Corso di Sistemi Operativi A. A. 2005-2006

Link e permessi. Corso di Laurea Triennale in Ingegneria delle TLC e dell Automazione. Corso di Sistemi Operativi A. A. 2005-2006 Corso di Laurea Triennale in Ingegneria delle TLC e dell Automazione Corso di Sistemi Operativi A. A. 2005-2006 Link e permessi Link Un riferimento ad un file è detto link Ogni file può avere un numero

Dettagli

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema Introduzione File System Distribuito

Dettagli

File System Distribuiti

File System Distribuiti File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema 20.1 Introduzione File System Distribuito

Dettagli

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 11 LEZIONE INTERFACCIA DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 11 LEZIONE INTERFACCIA DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08 Sistemi Operativi Docente: Ugo Erra ugoerr+so@dia.unisa.it 11 LEZIONE INTERFACCIA DEL FILE SYSTEM CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Sommario della lezione

Dettagli

Filesystem. Introduzione Struttura logica Struttura fisica

Filesystem. Introduzione Struttura logica Struttura fisica Filesystem Introduzione Struttura logica Struttura fisica Filesystem Il filesystem E' un modulo del sistema operativo che si occupa di fornire una astrazione ai meccanismi di memorizzazione di massa Si

Dettagli

Struttura del File-System! Implementazione del File System! Filesystem!

Struttura del File-System! Implementazione del File System! Filesystem! Struttura del File-System Implementazione del File System Struttura dei File Unità logica di memorizzazione Collezione di informazioni correlate File control block (inode) struttura dati per le informazioni

Dettagli

Il File System. Il file system

Il File System. Il file system Il File System Il file system Parte di SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti astratti di file:

Dettagli

Realizzazione del File System

Realizzazione del File System Realizzazione del File System Realizzazione del file system Struttura del file system Realizzazione del file system Realizzazione delle directory Metodi di allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa Il File System 1 Il file system E quella componente del SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti astratti

Dettagli

Sistemi Operativi. Implementazione del File System

Sistemi Operativi. Implementazione del File System Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Implementazione del file system Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2008-09 Implementazione del File System Sommario Realizzazione del

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Implementazione del File System

Implementazione del File System Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. A.A. 2009-2010 Copyright c 2000 04 Marino Miculan (miculan@dimi.uniud.it) La copia letterale e la distribuzione di questa presentazione nella sua integrità

Dettagli

CORSO DI SISTEMI OPERATIVI A - ESERCITAZIONE 3

CORSO DI SISTEMI OPERATIVI A - ESERCITAZIONE 3 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica-Informatica-Telecomunicazioni a.a. 2001-2002 CORSO DI SISTEMI OPERATIVI A - ESERCITAZIONE 3 1 Trasferimento

Dettagli

Interfaccia del file system. Fabio Buttussi HCI Lab Dipart. di Matematica ed Informatica Università degli Studi di Udine www.dimi.uniud.

Interfaccia del file system. Fabio Buttussi HCI Lab Dipart. di Matematica ed Informatica Università degli Studi di Udine www.dimi.uniud. HCI Lab Dipart. di Matematica ed Informatica Università degli Studi di Udine www.dimi.uniud.it/buttussi Cos'è il file system? Consiste in: Insieme di file Strutture dati per organizzare i file nel sistema

Dettagli

1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi:

1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi: 1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi: compile time, load time, execution time. Quale delle modalità precedenti necessita di un supporto hardware per poter essere

Dettagli

CREAZIONE DI UN FILE

CREAZIONE DI UN FILE #include #include CREAZIONE DI UN FILE fd = creat(filename, mode); int fd, mode; char *filename; La primitiva creat crea un file, se non ne esiste uno col nome specificato, oppure

Dettagli

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 11.1

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 11.1 GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA 11.1 Memoria Secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Struttura RAID Affidabilità Implementazione della memoria

Dettagli

Sistemi Operativi. Memoria Secondaria GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione del disco

Sistemi Operativi. Memoria Secondaria GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA. Struttura del disco. Scheduling del disco. Gestione del disco GESTIONE DELLA MEMORIA SECONDARIA 11.1 Memoria Secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione del disco Gestione dello spazio di swap Struttura RAID Affidabilità Implementazione della memoria

Dettagli

CORSO DI SISTEMI OPERATIVI A - ESERCITAZIONE 3. 1 strace : visualizzazione delle system call invocate da un processo

CORSO DI SISTEMI OPERATIVI A - ESERCITAZIONE 3. 1 strace : visualizzazione delle system call invocate da un processo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica a.a. 2005-2006 CORSO DI SISTEMI OPERATIVI A - ESERCITAZIONE 3 1 strace : visualizzazione delle system call

Dettagli

PROGETTAZIONE FISICA

PROGETTAZIONE FISICA PROGETTAZIONE FISICA Memorizzazione su disco, organizzazione di file e tecniche hash 2 Introduzione La collezione di dati che costituisce una BDD deve essere fisicamente organizzata su qualche supporto

Dettagli

Forse la periferica più importante di un elaboratore File system:

Forse la periferica più importante di un elaboratore File system: Forse la periferica più importante di un elaboratore File system: Un insieme di funzionalità per astrarre i dati grezzi presenti in memoria di massa e interpretare questi ultimi in termini di files e cartelle

Dettagli

Tesina per l esame di Sistemi Operativi a cura di Giuseppe Montano. Prof. Aldo Franco Dragoni

Tesina per l esame di Sistemi Operativi a cura di Giuseppe Montano. Prof. Aldo Franco Dragoni Sistemi operativi real time basati su Linux: gestione delle risorse e dei processi. Tesina per l esame di Sistemi Operativi a cura di. Prof. Aldo Franco Dragoni Corso di laurea in Ingegneria Informatica

Dettagli

Lezione 14. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Lezione 14. Sistemi operativi. Marco Cesati System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata Lezione 14 Sistemi operativi 9 giugno 2015 System Programming Research Group Università degli Studi di Roma Tor Vergata SO 15 14.1 Di cosa parliamo in questa lezione? Ottimizzazione degli accessi alla

Dettagli

Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti

Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti Parte 3 Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti Interfaccia utente Gestore dell I/O Gestore del File System Gestore dei Processi Gestore della Memoria Centrale *KERNEL Informatica

Dettagli

File e Directory. M. Guarracino - File e Directory 1

File e Directory. M. Guarracino - File e Directory 1 File e Directory M. Guarracino - File e Directory 1 Date dei file Ogni volta che accediamo ai dati contenuti in un file, il sistema memorizza la data di ultimo accesso La stessa cosa accade quando modifichiamo

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Gestione della memoria Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007

SISTEMI OPERATIVI. Gestione della memoria Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007 2007 SISTEMI OPERATIVI Gestione della memoria Domande di verifica Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 18/06/2007 Gestione della memoria 1. Si descriva il concetto di memoria virtuale (esame del 19-06-2006)

Dettagli

Digressione: man (2)...

Digressione: man (2)... Syscall File I/O Digressione: man (2)... Le funzioni della libreria standard UNIX associate alle system call di Linux sono documentate nella sezione 2 di man e.g.: man 2 open Ogni manpage di system call

Dettagli

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 6.1

Sistemi Operativi GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 6.1 GESTIONE DELLA MEMORIA CENTRALE 6.1 Gestione della Memoria Background Spazio di indirizzi Swapping Allocazione Contigua Paginazione 6.2 Background Per essere eseguito un programma deve trovarsi (almeno

Dettagli

Lezione T11 Virtual File System

Lezione T11 Virtual File System Lezione T11 Virtual File System Sistemi Operativi (9 CFU), CdL Informatica, A. A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Fisiche, Informatiche e Matematiche Università di Modena e Reggio Emilia http://weblab.ing.unimo.it/people/andreolini/didattica/sistemi-operativi

Dettagli

Realizzazione del file system

Realizzazione del file system Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Realizzazione del file system Realizzazione delle directory Metodi di allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi

Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi Informatica e Bioinformatica: Sistemi Operativi 11 marzo 2013 Macchina Hardware/Software Sistema Operativo Macchina Hardware La macchina hardware corrisponde alle componenti fisiche del calcolatore (quelle

Dettagli

Il Sistema Operativo. Funzionalità. Sistema operativo. Sistema Operativo (Software di base)

Il Sistema Operativo. Funzionalità. Sistema operativo. Sistema Operativo (Software di base) Sistema Operativo (Software di base) Il Sistema Operativo Il sistema operativo è un insieme di programmi che opera sul livello macchina e offre funzionalità di alto livello Es.organizzazione dei dati attraverso

Dettagli

2. Strutture dei Sistemi Operativi

2. Strutture dei Sistemi Operativi 1 2. Strutture dei Sistemi Operativi Quali servizi un generico sistema operativo mette a disposizione degli utenti, e dei programmi che gli utenti vogliono eseguire? interfaccia col sistema operativo stesso

Dettagli

Il sistema operativo LINUX Il file system. Indice. Blocchi logici. Indice. Super block. G. Di Natale, S. Di Carlo

Il sistema operativo LINUX Il file system. Indice. Blocchi logici. Indice. Super block. G. Di Natale, S. Di Carlo Il sistema operativo LINUX Il file system Giorgio Di Natale Stefano Di Carlo Politecnico di Torino Dip. Automatica e Informatica Blocchi logici Il file system è

Dettagli

La memoria virtuale. La gerarchia di memorie. Indirizzo fisico. Memoria virtuale. Architetture Avanzate dei Calcolatori. Valeria Cardellini

La memoria virtuale. La gerarchia di memorie. Indirizzo fisico. Memoria virtuale. Architetture Avanzate dei Calcolatori. Valeria Cardellini La memoria Architetture Avanzate dei Calcolatori Valeria Cardellini Nelle lezioni precedenti { Memoria La gerarchia di memorie Registri Istruzioni, operandi L Cache Blocchi L2 Cache Blocchi Memoria Pagine

Dettagli

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1

Memoria secondaria. Sistemi Operativi mod. B 14.1 Memoria secondaria Struttura del disco Scheduling del disco Gestione dell unità a disco Gestione dello spazio di swap La struttura RAID Affidabilità dei dischi Connessione dei dischi 14.1 Memoria secondaria

Dettagli

Utenti e File System

Utenti e File System Utenti e File System C. Baroglio a.a. 2002-2003 1 Gestione degli utenti Unix è un sistema multiutente ovvero più utenti possono lavorare su di una stessa macchina, anche contemporaneamente. Tutti gli utenti

Dettagli

Gestione della memoria centrale

Gestione della memoria centrale FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Gestione della memoria centrale 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide

Dettagli

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Lezione 5 Alessandro Dal Palù email: alessandro.dalpalu@unipr.it web: www.unipr.it/~dalpalu Processi in Unix Approfondimenti: http://gapil.gnulinux.it/download/

Dettagli

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Introduzione ai Device Drivers in Linux E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it 1 Device Drivers Moduli software che gestiscono le periferiche attraverso il file system Tutte le periferiche sono viste come file

Dettagli

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Impossibile visualizzare l'immagine. Nastro magnetico Gestione della memoria di massa Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Può contenere grosse quantità di dati Principalmente

Dettagli

= 0, 098 ms. Da cui si ricava t 2 medio

= 0, 098 ms. Da cui si ricava t 2 medio 1. Una macchina ha uno spazio degli indirizzi a 32 bit e una pagina di 8 KB. La tabella delle pagine è completamente nell hardware, con una parola a 32 bit per voce. Quando parte un processo, la tabella

Dettagli

Esempi di domande della seconda provetta

Esempi di domande della seconda provetta Esempi di domande della seconda provetta Data la seguente stringa di riferimenti a pagine virtuali: S = 1, 7, 5, 1, 2, 1, 7, 1, 5, 7, 2, 1, 5 valutare la percentuale di Page Fault se il rimpiazzamento

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI 14 settembre 2015 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR

SISTEMI OPERATIVI 14 settembre 2015 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR SISTEMI OPERATIVI 14 settembre 2015 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR Cognome: Nome: Matricola: 1. Ricordate che non potete usare calcolatrici o materiale

Dettagli

1. I dispositivi periferici

1. I dispositivi periferici La gestione dell I/O 1. I dispositivi periferici Un ulteriore aspetto fondamentale del SO è la gestione dei dispositivi periferici (periferiche) Dal punto di vista del sistema operativo per periferiche

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella Il Sistema Operativo Sistema Operativo 2 Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo è uno strato

Dettagli

Progettazione Fisica FILE

Progettazione Fisica FILE Progettazione Fisica Organizzazione dei files Organizzazione indici FILE Insieme di record lunghezza fissa (R) lunghezza variabile Record Header BH RH record1 RH record2 RH record2 RH record3 Block Header

Dettagli

Varie tipologie di memoria

Varie tipologie di memoria Varie tipologie di memoria velocita` capacita` registri CPU memoria cache memoria secondaria (Hard Disk) Gestione della memoria Una parte della viene riservata per il SO I programmi per poter essere eseguiti

Dettagli

I SISTEMI OPERATIVI (1)

I SISTEMI OPERATIVI (1) I SISTEMI OPERATIVI (1) 1 un computer può essere pensato come una stratificazione di macchine virtuali, ciascuna delle quali mette a disposizione alcuni servizi, che sono utilizzabili mediante chiamate

Dettagli

Introduzione al Linguaggio C

Introduzione al Linguaggio C Introduzione al Linguaggio C File I/O Daniele Pighin April 2009 Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C 1/15 Outline File e dati Accesso ai file File I/O Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C

Dettagli

AXO. Operativi. Architettura dei Calcolatori e Sistemi. memoria virtuale

AXO. Operativi. Architettura dei Calcolatori e Sistemi. memoria virtuale AXO Architettura dei Calcolatori e Sistemi Operativi memoria virtuale concetto di memoria virtuale Separare il concetto di: spazio di indirizzamento di un programma eseguibile e dimensione effettiva della

Dettagli

Introduzione alla programmazione in C

Introduzione alla programmazione in C Introduzione alla programmazione in C Testi Consigliati: A. Kelley & I. Pohl C didattica e programmazione B.W. Kernighan & D. M. Ritchie Linguaggio C P. Tosoratti Introduzione all informatica Materiale

Dettagli

Sistemi Operativi. 5 Gestione della memoria

Sistemi Operativi. 5 Gestione della memoria Gestione della memoria Compiti del gestore della memoria: Tenere traccia di quali parti della memoria sono libere e quali occupate. Allocare memoria ai processi che ne hanno bisogno. Deallocare la memoria

Dettagli

Il Sistema Operativo: il File System

Il Sistema Operativo: il File System Il Sistema Operativo: il File System Il File System è quella parte del S.O. che si occupa di gestire e strutturare le informazioni memorizzate su supporti permanenti (memoria secondaria) I file vengono

Dettagli

Il File System di Linux

Il File System di Linux Il File System di Linux La struttura ad albero / Cartella radice, detta ROOT DIRECTORY, di cui sono figlie tutte le altre Ci si muove nel file system con percorsi relativi o percorsi assoluti In un albero,

Dettagli

Gestione dei processi. Marco Cesati. Schema della lezione. Blocco di controllo 2. Sezioni e segmenti. Gestione dei processi. Job.

Gestione dei processi. Marco Cesati. Schema della lezione. Blocco di controllo 2. Sezioni e segmenti. Gestione dei processi. Job. Di cosa parliamo in questa lezione? Lezione 4 Cosa è un processo e come viene gestito dal SO 1 e job 2 Il blocco di controllo Sistemi operativi 3 Struttura di un file eseguibile 4 La schedulazione dei

Dettagli

Le operazioni di allocazione e deallocazione sono a carico del sistema.

Le operazioni di allocazione e deallocazione sono a carico del sistema. Allocazione della memoria In C++ è possibile creare (allocare) variabili in maniera statica o dinamica. Nell allocazione statica una variabile esiste ed è utilizzabile dal momento della sua dichiarazione

Dettagli

PARTE 4 La Macchina Software

PARTE 4 La Macchina Software PARTE 4 La Macchina Software 94 Macchina Hardware e Macchina Software applicativi sistema operativo macchina hardware Agli albori dell'informatica, si programmava in binario, cioe` in linguaggio macchina,

Dettagli

Il software: Istruzioni per il computer. I tre tipi di software di sistema. Compiti del sistema operativo

Il software: Istruzioni per il computer. I tre tipi di software di sistema. Compiti del sistema operativo Il software: Istruzioni per il computer I tre tipi di software di sistema Software applicativo aiuta a svolgere operazioni utili in vari campi programmi di videoscrittura, fogli elettronici, videogiochi

Dettagli

Struttura dei dischi

Struttura dei dischi Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. A.A. 2007-2008 Copyright c 2000 04 Marino Miculan (miculan@dimi.uniud.it) La copia letterale e la distribuzione di questa presentazione nella sua integrità

Dettagli

Sommario. G. Piscitelli

Sommario. G. Piscitelli Sommario Fondamenti dei Sistemi Operativi Il File System Necessità di organizzazione dei dati: i file Concetto di file e contenuto Strutture dei file Attributi comuni dei file Tipi di file Operazioni sui

Dettagli