Forensic Science Overview Parma 15 novembre Magg. CC Ing. Marco Mattiucci -

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Forensic Science Overview Parma 15 novembre 2008 - Magg. CC Ing. Marco Mattiucci -"

Transcript

1 Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche Forensic Science Overview Parma 15 novembre Magg. CC Ing. Marco Mattiucci -

2 Ordinamento Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche Ufficio Comando Reparto Tecnico Reparto Addestramento Reparto Analisi Criminologiche Reparto Dattiloscopia Preventiva Reparto Investigazioni Scientifiche RIS ROMA Reparto Investigazioni Scientifiche RIS MESSINA Reparto Investigazioni Scientifiche RIS PARMA Reparto Investigazioni Scientifiche RIS CAGLIARI Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche

3 Ordinamento : il Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche Ufficio Comando Sezione Telematica Reparto Tecnico Reparto Addestramento Reparto Analisi Criminologiche Sezione Informatizzazione e Ricerca Scientifica Reparto Dattiloscopia Preventiva 2006 ISTITUZIONE DEL REPARTO

4 Sezione Telematica La Sezione Telematica svolge indagini tecnico scientifiche (246 nel 2007 e già oltre 250 nel 2008) a supporto dei reparti territoriali e speciali dell Arma nei settori: Memorie digitalii e computer; Telefoni cellulari; Internet e reti di computer; Carte di credito e bancomat; Sistemi elettronici speciali.

5 Sezione Informatizzazione e ricerca scientifica Sezione Informatizzazione e ricerca scientifica tratta le complesse problematiche inerenti i l informatizzazione dei Reparti del Ra.C.I.S. e la gestione delle banche dati scientifiche; cura la ricerca scientifica inerente strumenti e metodologie per lo svolgimento delle indagini tecniche; ha il compito di studiare e adottare tutte le misure necessarie a garantire il rispetto della normativa concernente il trattamento dei dati personali ed in particolare assicurare l aderenza alle direttive specifiche del garante sulle banche dati scientifiche

6 Ordinamento Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche Reparto Investigazioni Scientifiche RIS Reparto Investigazioni Scientifiche ROMA RIS Reparto Investigazioni Scientifiche MESSINA RIS Reparto Investigazioni Scientifiche PARMA Sezione Personale e Addestramento RIS CAGLIARI Sezione di Balistica( BALISTICA.-MICROSCOP. ELETTR-RIP.MATR.) Sezione di Impronte (DATTILOSCOPIA- CALCHI E IMPRONTE) Sezione di Biologia (PREPAR.- AMPLIF.- TIPIZZ. DNA-MICROSCOP. ) Sezioni Laboratori Sez. di Chim., Esplos. (PREPAR.- ANAL.- TIPIZZ. ESP E INF. ). Sezione di Grafica e Fotografia (GRAFICA- FOTOGRAFIA) Sezione di Fonica

7 Ordinamento Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche Reparto Investigazioni Scientifiche RIS Reparto Investigazioni Scientifiche ROMA RIS Reparto Investigazioni Scientifiche MESSINA RIS Reparto Investigazioni Scientifiche PARMA RIS CAGLIARI Parma Cagliari Roma Messina

8 Ordinamento Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche Reparto Investigazioni Scientifiche RIS Reparto Investigazioni Scientifiche ROMA RIS Reparto Investigazioni Scientifiche MESSINA RIS Reparto Investigazioni Scientifiche PARMA RIS CAGLIARI Roma

9 Statistiche Sezione Telematica - Attività

10 Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche Indagini tecniche (accertamenti ripetibili) su memorie di massa: Ufficio Comando Recupero di file cancellati Password Reparto Tecnologie cracking di Informatiche documenti cifrati Ricostruzione di navigazione in Internet Analisi Reparto di Tecnico posta elettronica archiviata Individuazione di documenti contraffatti Controllo Reparto Addestramento di autenticità del software Reparto Analisi Criminologiche Sezione Telematica Sezione Informatizzazione e Ricerca Scientifica Reparto Dattiloscopia Preventiva

11 Ordinamento : il Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche Indagini tecniche (accertamenti ripetibili) su memorie di massa: Accertamenti Ufficio Comando tecnici su telefoni cellulari: Recupero di file cancellati Password Reparto Tecnologie cracking di Informatiche documenti cifrati Estrazione Ricostruzione dati sul di navigazione traffico telefonico in Internet Estrazione Analisi Reparto di Tecnico di posta contatti elettronica in rubrica archiviata Estrazione Individuazione messaggi di documenti SMS e MMS contraffatti Estrazione Controllo Reparto Addestramento di di contenuti autenticità multimediali del software Estrazione di dati raccolti da ricevitori GPS Reparto Analisi Criminologiche Sezione Telematica Sezione Informatizzazione e Ricerca Scientifica Reparto Dattiloscopia Preventiva

12 Ordinamento : il Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche Indagini tecniche (accertamenti ripetibili) su memorie di massa: Ufficio Comando Sezione Telematica Accertamenti tecnici su telefoni cellulari: Recupero di file cancellati Password cracking di documenti cifrati Reparto Tecnologie Accertamenti su carte di pagamento, Informatiche terminali POS e lettori / Estrazione Ricostruzione dati sul di navigazione traffico telefonico scrittori di carte magnetiche in Internet Estrazione Analisi Reparto di Tecnico di posta contatti elettronica in rubrica archiviata Analisi Estrazione Individuazione delle tracce messaggi di ISO documenti 7813 SMS e ISO MMS contraffatti 4909 Estrazione Controllo Reparto dati Addestramento di di contenuti autenticità di bande multimediali magnetiche del software Individuazione Estrazione dati delle raccolti manomissione da ricevitori sui GPS POS Sezione Informatizzazione Accertamenti Reparto Analisi bancari Criminologiche su carte di credito e Ricerca Scientifica Analisi tecnica hardware/software degli apparati skimmer Reparto Dattiloscopia Preventiva

13 Ordinamento : il Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche Indagini tecniche (accertamenti ripetibili) su memorie di massa: Ufficio Comando Sezione Telematica Accertamenti tecnici su telefoni cellulari: Recupero di file cancellati Password cracking di documenti cifrati Reparto Tecnologie Accertamenti su carte di pagamento, Informatiche terminali POS e lettori / Estrazione Ricostruzione dati sul di navigazione traffico telefonico scrittori di carte magnetiche in Internet Estrazione Analisi Reparto di Tecnico di posta contatti elettronica in rubrica archiviata Indagini Analisi Estrazione Individuazione tecniche delle tracce messaggi su Internet: di ISO documenti 7813 SMS e ISO MMS contraffatti 4909 Estrazione Controllo Reparto dati Addestramento di di contenuti autenticità di bande multimediali magnetiche del software Individuazione Estrazione dati delle di raccolti siti manomissione Internet da ricevitori dal contenuto sui GPS POS illecito Sezione Informatizzazione Accertamenti Tracciamento Reparto Analisi bancari on-line Criminologiche su di carte indirizzi credito IP e Ricerca Scientifica Analisi Analisi tecnica i di materiali hardware/software scambiati con degli file-sharing apparati i skimmer Individuazione Reparto Dattiloscopia del mittente Preventiva di Accertamenti su caselle di posta elettronica Analisi di sistemi di messaggistica on-line

14 Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche Legge 18 marzo 2008, n. 48 (pubblicata in Gazzetta Ufficiale 4 aprile 2008, n. 80) recante la ratifica della Convenzione del Consiglio d'europa di Budapest sulla criminalità informatica del 23 novembre Magg. CC Ing. Marco Mattiucci -

15 Focalizzazione Art. 244 Casi e forme delle ispezioni 1. L'ispezione delle persone, dei luoghi (103) e delle cose è disposta con decreto motivato quando occorre accertare le tracce e gli altri effetti materiali del reato (354 1 e2, 364). 2. Se il reato non ha lasciato tracce o effetti materiali, o se questi sono scomparsi o sono stati cancellati o dispersi, alterati o rimossi, l'autorità giudiziaria descrive lo stato attuale e, in quanto possibile, verifica quello preesistente, curando anche di individuare modo, tempo e cause delle eventuali modificazioni. L'autorità giudiziaria può disporre rilievi segnaletici, descrittivi e fotografici fi i e ogni altra operazione tecnica (359), anche in relazione a sistemi informatici o telematici, adottando misure tecniche dirette ad assicurare la conservazione dei dati originali e ad impedirne l alterazione. lt

16 Focalizzazione Art. 244 Casi e forme delle ispezioni Osservazioni: a) Persone, luoghi, cose e sistemi informatici o telematici b) Cos è un sistema telematico? La remotizzazione può creare strane situazioni c) adottando d misure tecniche dirette ad assicurare la conservazione dei dati originali e ad impedirne l alterazione frase ricorrente ed importante ma le misure tecniche vanno standardizzate. In altre parole, cosa vuole dire assicurare la conservazione? Tempi o luoghi?

17 Focalizzazione Art. 247 Casi e forme delle perquisizioni 1. Quando vi è fondato motivo di ritenere che taluno occulti sulla persona il corpo del reato o cose pertinenti al reato (253), è disposta perquisizione personale. Quando vi è fondato motivo di ritenere che tali cose si trovino in un determinato luogo ovvero che in esso possa eseguirsi l'arresto dell'imputato o dell'evaso, è disposta perquisizione locale. 1-bis. Quando vi è fondato motivo di ritenere che dati, informazioni, programmi informatici o tracce comunque pertinenti al reato si trovino in un sistema informatico o telematico, ancorché protetto da misure di sicurezza, ne è disposta la perquisizione, adottando misure tecniche dirette ad assicurare la conservazione dei dati originali e ad impedirne l alterazione. 2. La perquisizione è disposta con decreto motivato. 3. L'autorità giudiziaria può procedere personalmente ovvero disporre che l'atto sia compiuto da ufficiali di polizia giudiziaria (57) delegati con lo stesso decreto.

18 Focalizzazione Art. 247 Casi e forme delle perquisizioni Osservazioni: a) Il ancorché protetto da misure di sicurezza, ne è disposta la perquisizione ratifica la possibilità di applicare tecniche di cracking a sistemi protetti. b) I limiti della perquisizione, quando applicata con tali sistemi di rottura delle protezioni i software, sono molto difficili ili da stabilire.

19 Focalizzazione Art. 352 Perquisizioni 1. Nella flagranza del reato (382) o nel caso di evasione (385 c.p.), gli ufficiali di polizia giudiziaria (57) procedono a perquisizione personale o locale (247 s.) quando hanno fondato motivo di ritenere che sulla persona si trovino occultate cose o tracce pertinenti al reato che possono essere cancellate o disperse ovvero che tali cose o tracce si trovino in un determinato luogo o che ivi si trovi la persona sottoposta alle indagini o i evaso. 1-bis. Nella flagranza del reato, ovvero nei casi di cui al comma 2 quando sussistono i presupposti e le altre condizioni ivi previsti, gli ufficiali di polizia giudiziaria, adottando misure tecniche dirette ad assicurare la conservazione dei dati originali e ad impedirne l alterazione, procedono altresì alla perquisizione di sistemi informatici o telematici, ancorché protetti da misure di sicurezza, quando hanno fondato motivo di ritenere che in questi si trovino occultati dati, informazioni, programmi informatici o tracce comunque pertinenti al reato che possono essere cancellati o dispersi. segue

20 Focalizzazione Art. 352 Perquisizioni - segue 2. Quando si deve procedere alla esecuzione di un'ordinanza che dispone la custodia cautelare ( , 292) o di un ordine che dispone la carcerazione (656) nei confronti di persona imputata o condannata per uno dei delitti previsti dall'art. art. 380 ovvero al fermo di una persona indiziata di delitto (384), gli ufficiali di polizia giudiziaria (113 att.) possono altresì procedere a perquisizione personale o locale se ricorrono i presupposti pp indicati nel comma 1 e sussistono particolari motivi di urgenza che non consentono la emissione di un tempestivo decreto di perquisizione. 3. La perquisizione domiciliare può essere eseguita anche fuori dei limiti temporali dell'art. 251 quando il ritardo potrebbe pregiudicarne l'esito. 4. La polizia giudiziaria trasmette senza ritardo, e comunque non oltre le quarantotto ore, al pubblico ministero del luogo dove la perquisizione è stata eseguita il verbale delle operazioni compiute. Il pubblico ministero, se ne ricorrono i presupposti, nelle quarantotto ore successive, convalida la perquisizione.

21 Focalizzazione Art. 352 Perquisizioni Osservazioni: La perquisizione personale ed anche quella dei luoghi è curata negli aspetti di dettaglio (gli avvisi, le autorizzazioni, i dettagli, ecc.). a) La perquisizione dei sistemi informatici e telematici non vede tale cura: Art. 249 Perquisizioni personali 1. Prima di procedere alla perquisizione personale è consegnata una copia del decreto all'interessato interessato, con l'avviso della facoltà di farsi assistere da persona di fiducia, purchè questa sia prontamente reperibile e idonea a norma dell'art La perquisizione è eseguita nel rispetto della dignità e, nei limiti del possibile, del pudore di chi vi è sottoposto (79 att.). Art. 250 Perquisizioni locali 1. Nell'atto di iniziare le operazioni, copia del decreto di perquisizione locale è consegnata all'imputato (60, 61), se presente, e a chi abbia l'attuale disponibilità del luogo, con l'avviso della facoltà di farsi rappresentare o assistere da persona di fiducia, purchè questa sia prontamente reperibile e idonea a norma dell'art Se mancano le persone indicate nel comma 1, la copia è consegnata e l'avviso è rivolto a un congiunto, un coabitante o un collaboratore ovvero in mancanza, al portiere o a chi ne fa le veci (80 att.). 3. L'autorità giudiziaria, nel procedere alla perquisizione locale, può disporre con decreto motivato che siano perquisite (247) le persone presenti o sopraggiunte, quando ritiene che le stesse possano occultare il corpo del reato o cose pertinenti al reato (253). Può inoltre ordinare, enunciando nel verbale i motivi del provvedimento, che taluno non si allontani prima che le operazioni siano concluse. Il trasgressore è trattenuto o ricondotto coattivamente sul posto (131, 378). Art. 251 Perquisizioni nel domicilio. Limiti temporali 1. La perquisizione in un'abitazione o nei luoghi chiusi adiacenti a essa non può essere iniziata prima delle ore sette e dopo le ore venti. 2. Tuttavia nei casi urgenti l'autorità giudiziaria può disporre per iscritto che la perquisizione sia eseguita fuori dei suddetti limiti temporali.

22 Focalizzazione Art. 259 Custodia delle cose sequestrate 1. Le cose sequestrate sono affidate in custodia alla cancelleria o alla segreteria. Quando ciò non è possibile o non è opportuno, l`autorità giudiziaria dispone che la custodia avvenga in luogo diverso, determinandone il modo e nominando un altro custode, idoneo a norma dell`art. 120 (82 att.; 11 reg.). 2. All`atto della consegna, il custode è avvertito dell`obbligo di conservare e di presentare le cose a ogni richiesta dell`autorità giudiziaria nonchè delle pene previste dalla legge penale per chi trasgredisce ai doveri della custodia (334, 335 c.p.). Al custode può essere imposta una cauzione. Dell`avvenuta consegna, dell`avvertimento t dato e della cauzione imposta è fatta menzione nel verbale. La cauzione è ricevuta, con separato verbale, nella cancelleria o nella segreteria. Quando la custodia riguarda dati, informazioni o programmi informatici, il custode e` altresì avvertito dell obbligo di impedirne l alterazione o l accesso da parte di terzi, salva, in quest ultimo caso, diversa disposizione dell autorità giudiziaria

23 Focalizzazione Art. 259 Custodia delle cose sequestrate Osservazioni: a) Nell ipotesi che si stia considerando una copia dei dati, la il custode e` altresì avvertito dell obbligo di impedirne l alterazione alterazione implica l impiego limpiego di sistemi di immagazzinamento dei dati complessi ed estremamente costosi in quanto i dati su un supporto digitale medio, che non incorpori i particolarissime i i misure tecniche, tendono naturalmente ad alterarsi con il tempo e possono quindi essere persi con grande facilità.

24 Focalizzazione Art. 254-bis Sequestro di dati informatici presso fornitori di servizi informatici, telematici e di telecomunicazioni L autorità giudiziaria, quando dispone il sequestro, presso i fornitori di servizi informatici, telematici o di telecomunicazioni, dei dati da questi detenuti, compresi quelli di traffico o di ubicazione, può stabilire, per esigenze legate alla regolare fornitura dei medesimi servizi, che la loro acquisizione i i avvenga mediante copia di essi su adeguato supporto, con una procedura che assicuri la conformità dei dati acquisiti a quelli originali e la loro immodificabilità. In questo caso e`, comunque, ordinato al fornitore dei servizi i di conservare e proteggere adeguatamente i dati originali.

25 Focalizzazione Art. 254-bis Sequestro di dati informatici presso fornitori di servizi informatici, telematici e di telecomunicazioni Osservazioni: a) La mediante copia di essi su adeguato supporto, con una procedura che assicuri la conformità dei dati acquisiti a quelli originali e la loro immodificabilità apre l interessante domanda: che tipo di copia? Ne esistono diverse che garantiscono diversi livelli di successiva analisi investigativa. b) Rimane poi, ovviamente l enorme onere economico del provider nel porre in campo sistemi di conservazione validi.

26 Fine della presentazione Fine

Polizia Postale e delle Comunicazioni. INDAGINI DIGITALI Camerino 2 Maggio 2011

Polizia Postale e delle Comunicazioni. INDAGINI DIGITALI Camerino 2 Maggio 2011 INDAGINI DIGITALI Camerino 2 Maggio 2011 Decreto del Ministero dell Interno 30 Marzo 1998 istituisce SERVIZIO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Coordinamento operativo degli uffici periferici - Compartimenti;

Dettagli

informatica 30 maggio 2011

informatica 30 maggio 2011 L informatica Forense: profili critici i della prova informatica 30 maggio 2011 volatilità modificabilità alterabilità Nuove Reti e nuovi strumenti Legge n. 48 del 2008 Ratifica della convenzione di Budapest

Dettagli

Questionario n. 3 Tecnica di Polizia Giudiziaria

Questionario n. 3 Tecnica di Polizia Giudiziaria Questionario n. 3 Tecnica di Polizia Giudiziaria Sezione I La tecnica delle perquisizioni personali e locali 1) Che cos è una perquisizione? A) atto di coercizione che consiste in una misura cautelare

Dettagli

02/10/2010 ABILITA INFORMATICHE E TELEMATICHE. Introduzione. Excursus Normativo. Digital Forensics (A.A. 2010-2011)

02/10/2010 ABILITA INFORMATICHE E TELEMATICHE. Introduzione. Excursus Normativo. Digital Forensics (A.A. 2010-2011) ABILITA INFORMATICHE E TELEMATICHE Digital Forensics (A.A. 2010-2011) 1 Introduzione La ICT ha pervaso così tanto la Società attuale da produrre significativi impatti a livello economico, sociologico e

Dettagli

Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche

Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche Reparto Tecnologie Informatiche L Arma LArma dei Carabinieri ed i Crimini ad alta tecnologia Narni, 15 maggio 2009 Magg. CC Ing. Marco Mattiucci Reparto

Dettagli

La recente normativa in tema di data retention

La recente normativa in tema di data retention Security Summit Roma 11 giugno 2009 La recente normativa in tema di data retention Stefano Aterno Docente informatica giuridica La Sapienza di Roma www.studioaterno.it La normativa in vigore: in Italia

Dettagli

Polizia di Stato DIGITAL FORENSICS. Forma e Sostanza. CAMERINO, 27 Aprile 2015. Raul Guido Capriotti

Polizia di Stato DIGITAL FORENSICS. Forma e Sostanza. CAMERINO, 27 Aprile 2015. Raul Guido Capriotti Polizia di Stato DIGITAL FORENSICS Forma e Sostanza CAMERINO, 27 Aprile 2015 Raul Guido Capriotti 1 DEFINIZIONE DI DIGITAL FORENSICS Insieme di indagini, rilievi, accertamenti ed altre operazioni tecniche,

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE E DIRITTI Centro Il Sole. Grosseto, 17 giugno 2011

NUOVE TECNOLOGIE E DIRITTI Centro Il Sole. Grosseto, 17 giugno 2011 NUOVE TECNOLOGIE E DIRITTI Centro Il Sole Grosseto, 17 giugno 2011 Nuove Tecnologie e processo penale: Il dialogo processuale, la ricerca e la circolazione probatoria, il dibattimento stanno mutando. Sono

Dettagli

La professione dell'informa0co forense: percorsi forma0vi e metodologie di intervento. Avv. Pierluigi Perri Università degli Studi di Milano

La professione dell'informa0co forense: percorsi forma0vi e metodologie di intervento. Avv. Pierluigi Perri Università degli Studi di Milano La professione dell'informa0co forense: percorsi forma0vi e metodologie di intervento Avv. Pierluigi Perri Università degli Studi di Milano Il corso di perfezionamento dell Università degli Studi di Milano

Dettagli

DIRITTO PROCESSUALE. mansa

DIRITTO PROCESSUALE. mansa 1 DIRITTO PROCESSUALE LE INDAGINI PRELIMINARI. Nel codice di procedura penale, gli articoli che interessano le indagini preliminari vanno dall articolo 326 in poi. Art. 326. - Finalità delle indagini preliminari.

Dettagli

ATTI DI P.G. PERQUISIZIONE Art. 352 C.P.P.

ATTI DI P.G. PERQUISIZIONE Art. 352 C.P.P. PERQUISIZIONE LOCALE DI INIZIATIVA P.G. ART 352 C.P., comma 1, c.p.p. Norme di riferimento art. 352, comma 1, c.p.p. artt. 247, 248, 250, 251, 285, 286, 292, 380, 382, 385, c.p.p. artt. 80, 113, 114 att.

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

INFORMATIVA GENERALE

INFORMATIVA GENERALE UNIMEC S.R.L. Via Palazzo, 36 Albano S. Alessandro Bg Informazioni rese ai sensi dell art. 13 del D. Lgs.vo 196/03 Codice in materia di protezione dei dati personali e successive modifiche ed integrazioni.

Dettagli

ATTI DI P.G. ISPEZIONE ART. 103 D.P.R. 9.10.1990 n. 309

ATTI DI P.G. ISPEZIONE ART. 103 D.P.R. 9.10.1990 n. 309 ISPEZIONI PERSONALI IN MATERIA DI STUPEFACENTI Norme di riferimento Art. 103 D.P.R. 309/90 Organo procedente Documentazione Garanzie di difesa Utilizzabilità Ufficiali di p.g. Delle operazioni è redatto

Dettagli

sul captatore informatico avv. Prof. Stefano Aterno

sul captatore informatico avv. Prof. Stefano Aterno Le novità giurisprudenziali i i sulle indagini i iinformatiche i e sul captatore informatico avv. Prof. Stefano Aterno settembre 2013 Scena del crimine (non solo) informatico volatilità modificabilità

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI AMMINISTRAZIONE E SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATIVI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI AMMINISTRAZIONE E SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATIVI 84 REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO GENERALE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI AMMINISTRAZIONE E SICUREZZA DEI SISTEMI INFORMATIVI ADOTTATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 310/215 PROP.DEL. NELLA SEDUTA

Dettagli

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 (codice in materia di protezione dei dati personali) prevede la tutela delle

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE

CODICE DI PROCEDURA PENALE N u m e r o 2 4 CODICE DI PROCEDURA PENALE Parte seconda CODICE DI PROCEDURA PENALE Sommario LIBRO QUINTO - INDAGINI PRELIMINARI E UDIENZA PRELIMINARE... 3 LIBRO SESTO - PROCEDIMENTI SPECIALI... 32 LIBRO

Dettagli

Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato

Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Prot. n. 1034/CGV Ministero dell economia e delle finanze Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Rimozione dei casi di offerta in assenza di autorizzazione, attraverso rete telematica, di giochi,

Dettagli

RICHIESTA ACCERTAMENTI FOTODATTILOSCOPICI

RICHIESTA ACCERTAMENTI FOTODATTILOSCOPICI ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE DI CITTADINO ITALIANO MAGGIORENNE INDAGATO 10068 10037 10035 10001/10006 PIETRO CUSTODI-VERBALE DI ACCOMPAGNAMENTO IN UFFICIO PER IDENTIFICAZIONE se fotosegnalato

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CIRCOLARE 8 settembre 2005 Doveri degli enti di servizio civile e infrazioni punibili con le sanzioni amministrative previste dall art.3 bis della legge 6 marzo 2001,

Dettagli

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA

Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Comune di Viadana (Provincia di Mantova) DISCIPLINARE SULL UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET E DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 170 del 07.11.2011 Indice

Dettagli

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive"

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 Disposizioni in materia di indagini difensive Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 2 del 3 gennaio 2001 Capo I MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA PENALE Art. 1 1. All'articolo

Dettagli

) FINALITÀ DEL TRATTAMENTO CUI SONO DESTINATI I DATI

) FINALITÀ DEL TRATTAMENTO CUI SONO DESTINATI I DATI Informativa sul trattamento dei dati personali ex ar t. 13 D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 Il D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, Codice in materia di protezione dei dati personali (di seguito più brevemente il

Dettagli

Dati e informazioni in azienda: sicurezza, vincoli legali e novità legislative. Gabriele Faggioli

Dati e informazioni in azienda: sicurezza, vincoli legali e novità legislative. Gabriele Faggioli Dati e informazioni in azienda: sicurezza, vincoli legali e novità legislative Gabriele Faggioli La Tutela dei dati personali: il D.lgs 196 del 2003 Concetti fondamentali: - Dati personali: Dati comuni

Dettagli

COMUNE DI LECCO. Corpo di Polizia Locale CENTRALE VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI LECCO. Corpo di Polizia Locale CENTRALE VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI LECCO Corpo di Polizia Locale CENTRALE VIDEOSORVEGLIANZA MODELLO 1 VISIONE E RIPRODUZIONE DELLE IMMAGINI DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DISPOSIZIONE DI SERVIZIO In ottemperanza a quanto previsto dal

Dettagli

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO Determina del Ragioniere generale dello Stato concernente le modalità di trasmissione e gestione di dati e comunicazioni ai Registri di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, concernente la

Dettagli

Regolamento attuativo delle linee guida del Garante in tema di utilizzo e controllo degli strumenti elettronici

Regolamento attuativo delle linee guida del Garante in tema di utilizzo e controllo degli strumenti elettronici Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena Regolamento attuativo delle linee guida del Garante in tema di utilizzo e controllo degli strumenti elettronici Testo adottato con delibera del Consiglio

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Delitti informatici e trattamento illecito dei dati Approvato con determinazione A.U. del 23.12.2014 1/11 Sommario 1. Ambito

Dettagli

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del 2013 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 INDICE

Dettagli

http://www.sabart.it

http://www.sabart.it Via Zoboli,18-42124 Reggio Emilia - Italy Tel. +39 0522 508511 Fax. +39 0522 514542 Web: www.sabart.it e-mail: info@sabart.it PEC: sabartsrl@legalmail.it Oggetto: Informativa per il sito web In questa

Dettagli

La prevenzione e il contrasto dei reati ambientali. polizia municipale. Normativa, casi pratici, modulistica. Mar c o Ma s s a v e l l i

La prevenzione e il contrasto dei reati ambientali. polizia municipale. Normativa, casi pratici, modulistica. Mar c o Ma s s a v e l l i Mar c o Ma s s a v e l l i La prevenzione e il contrasto dei reati ambientali. Il ruolo della polizia municipale Normativa, casi pratici, modulistica Aggiornato con la Legge 22 maggio 2015, n. 68 Il testo

Dettagli

Codice di Procedura Penale

Codice di Procedura Penale CODICI Numero 24 Codice di Procedura Penale CODICE DI PROCEDURA PENALE Sommario LIBRO QUINTO - INDAGINI PRELIMINARI E UDIENZA PRELIMINARE... 3 LIBRO SESTO - PROCEDIMENTI SPECIALI... 32 LIBRO SETTIMO -

Dettagli

Il diritto processuale penale dell informatica e le investigazioni. informatiche. Sommario

Il diritto processuale penale dell informatica e le investigazioni. informatiche. Sommario Il diritto processuale penale dell informatica e le investigazioni informatiche* Sommario 1 La computer forensics. - 2 Le origini della computer forensics. - 3 La prova digitale. - 4 Il documento informatico

Dettagli

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE - L art. 19 del decreto legge 24 giungo 2014 n. 90, convertito con modificazioni dalla l. 11 agosto 2014, n. 114, ha ridefinito

Dettagli

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali)

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) 1. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 dell articolo 16-bis del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici

Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici Tutela legale delle aziende in caso di cyber crime e attacchi informatici WORKSHOP LE SFIDE DELLA SICUREZZA INFORMATICA Confindustria, Cuneo, 10 Luglio 2015 Avv. Marco Cuniberti 1 QUALI RISCHI LEGALI?

Dettagli

TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL

TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL 30.6.2003 Il Codice in materia di protezione dei dati personali, adottato con

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 22/10/2013. in data

COMUNE DI SESTU. Ambiente - Servizi Tecnologici SETTORE : Scarteddu Ugo. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 22/10/2013. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Ambiente - Servizi Tecnologici Scarteddu Ugo DETERMINAZIONE N. in data 2091 22/10/2013 OGGETTO: Impegno di spesa per inserimento di uno spazio nell'elenco telefonico

Dettagli

CODICE DI DEONTOLOGIA E DI BUONA CONDOTTA PER AVVOCATI E INVESTIGATORI Mauro Alovisio, avvocato in Torino. In vigore da gennaio 2009

CODICE DI DEONTOLOGIA E DI BUONA CONDOTTA PER AVVOCATI E INVESTIGATORI Mauro Alovisio, avvocato in Torino. In vigore da gennaio 2009 CODICE DI DEONTOLOGIA E DI BUONA CONDOTTA PER AVVOCATI E INVESTIGATORI Mauro Alovisio, avvocato in Torino In vigore da gennaio 2009 Il codice di deontologia adatta i principi della normativa sulla protezione

Dettagli

Prot. n. 0004601 del 05/02/2015 Monterotondo, 5 febbraio 2015

Prot. n. 0004601 del 05/02/2015 Monterotondo, 5 febbraio 2015 Prot. n. 0004601 del 05/02/2015 Monterotondo, 5 febbraio 2015 Al Dirigente del Dipartimento Governo del Territorio arch. Luca Lozzi Al Dirigente del Dipartimento Risorse Finanziarie ed Economiche dr.ssa

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

BRACCIALETTO ELETTRONICO

BRACCIALETTO ELETTRONICO BRACCIALETTO ELETTRONICO La copertura normativa Il cosiddetto Braccialetto elettronico trova piena copertura normativa come Sistema per il controllo elettronico delle persone sottoposte alla misura degli

Dettagli

REGOLAMENTO SULL UTILIZZO DELLE RISORSE INFORMATICHE, INTERNET E POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO SULL UTILIZZO DELLE RISORSE INFORMATICHE, INTERNET E POSTA ELETTRONICA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Rivanazzano Terme Via XX Settembre n. 45-27055 - Rivanazzano Terme - Pavia Tel/fax. 0383-92381 Email pvic81100g@istruzione.it

Dettagli

1. FINALITÀ DEL TRATTAMENTO

1. FINALITÀ DEL TRATTAMENTO INFORMATIVA EX ART. 13 DEL D.L. 196 DEL 30.6.2003 CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Il Codice in materia di protezione dei dati personali, adottato con il decreto legislativo 196 del 30

Dettagli

SENATO. 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507

SENATO. 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507 SENATO 6 Commissione (Finanze) 5 novembre 2008 TESTO UNIFICATO PROPOSTO DALLA RELATRICE SUI DISEGNI DI LEGGE N. 414 E N. 507 Disposizioni di contrasto al furto d identità e in materia di prevenzione delle

Dettagli

Allo stesso modo il Decreto citato garantisce i diritti delle persone giuridiche e d ogni altro ente o associazione.

Allo stesso modo il Decreto citato garantisce i diritti delle persone giuridiche e d ogni altro ente o associazione. PRIVACY POLICY PRIVACY POLICY GENERALE RIVOLTA AI NAVIGATORI DEL SITO WWW.ITALIANCONVERTER.IT RESA AI SENSI DELl ART. 13 DEL D.LGS. 196/2003 Il D. Lgs 196/2003, denominato Codice in materia di protezione

Dettagli

La soluzione software per Commercialisti e Consulenti Fiscali

La soluzione software per Commercialisti e Consulenti Fiscali StudioPro La soluzione software per Commercialisti e Consulenti Fiscali DATI E DOCUMENTI PROTETTI Sempre. Ovunque. La Soluzione per Commercialisti e Consulenti fiscali La realtà operativa degli Studi Commercialisti

Dettagli

15/10/2013 DEFINIZIONE DEI SISTEMI RIS-PACS FUNZIONE DEI SISTEMI RIS-PACS ARCHITETTURA DEI SISTEMI RIS-PACS ATTIVITA' TIPICHE DEI SISTEMI RIS-PACS

15/10/2013 DEFINIZIONE DEI SISTEMI RIS-PACS FUNZIONE DEI SISTEMI RIS-PACS ARCHITETTURA DEI SISTEMI RIS-PACS ATTIVITA' TIPICHE DEI SISTEMI RIS-PACS ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA' DI BOLOGNA CIRSFID DOTTORATO DI RICERCA IN DIRITTO E NUOVE TECNOLOGIE Bologna, 5 luglio 2013 DEFINIZIONE DEI SISTEMI RIS-PACS RIS (Radiology Information System) Sistema

Dettagli

LA SCENA DEL CRIMINE DIGITALE. Le Tecniche di Intervento in un Nuovo Campo di Investigazione. Roma, 23-24 Maggio 2014

LA SCENA DEL CRIMINE DIGITALE. Le Tecniche di Intervento in un Nuovo Campo di Investigazione. Roma, 23-24 Maggio 2014 CORSO INTERNAZIONALE DI ALTA FORMAZIONE LA SCENA DEL CRIMINE DIGITALE Le Tecniche di Intervento in un Nuovo Campo di Investigazione Roma, 23-24 Maggio 2014 L Osservatorio sulla Sicurezza e Difesa CBRNe

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO Oggetto del presente regolamento è la disciplina del trattamento dei dati personali effettuato

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ROMA

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ROMA ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ROMA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.. 534. del 12.12.2012 OGGETTO: Approvazione nuovo REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DELLE SPESE

Dettagli

Oggetto: Informativa per il sito web

Oggetto: Informativa per il sito web Oggetto: Informativa per il sito web In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta dell informativa

Dettagli

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e Linee guida per il TRATTAMENTO E GESTIONE DEI DATI PERSONALI Articolo 1 Oggetto e ambito di applicazione e principi di carattere generale 1. Il presente documento disciplina le modalità di trattamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA.

SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO CONCERNENTE DISPOSIZIONI PER L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l articolo 87, quinto

Dettagli

www.costruireholding.it/ corrispondente alla pagina iniziale del sito ufficiale della Costruire Holding S.r.l.

www.costruireholding.it/ corrispondente alla pagina iniziale del sito ufficiale della Costruire Holding S.r.l. PRIVACY POLICY In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un informativa che è resa anche

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI MEDIANTE SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI MEDIANTE SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 72 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO IN MATERIA DI TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI MEDIANTE SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con D.G.P. in data 17.10.2005 n. 610 reg. SOMMARIO

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218

DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218 DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218 Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, recante codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Avv. Angelo Cugini www.iuslaw.it . La PEC è uno strumento che, al pari della posta elettronica ordinaria consente la trasmissione un documento informatico composto dal testo

Dettagli

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Manuale Informativo Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali INDEX Il D.Lgs. 196/2003 Termini e Fondamenti Gli attori Organizzazione e Responsabilità

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 Le principali novità Iscrizione a ruolo del processo esecutivo per espropriazione (art. 518 co.6)

Dettagli

Codice di procedura penale Italiano

Codice di procedura penale Italiano Codice di procedura penale Italiano Norme in materia di perquisizioni: Art. 247. Casi e forme delle perquisizioni 1. Quando vi e' fondato motivo di ritenere che taluno occulti sulla persona il corpo del

Dettagli

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.125 del 28/09/2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto pag. 3 Articolo

Dettagli

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto concernente la prenotazione di visite ed esami in farmacia.

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto concernente la prenotazione di visite ed esami in farmacia. Roma 04/10/2011 Ufficio: Protocollo: Oggetto: DIR/PF 20110006941/A.G. DM 8.7.2011 Erogazione da parte delle farmacie, di attività di prenotazione delle prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale,

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI INFORMATICI Approvato. Data. Rev C.d.A 02/01/2012

PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI INFORMATICI Approvato. Data. Rev C.d.A 02/01/2012 . PROT. 8 Pag 1/7 PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI E DEL TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI, PER LA PREVENZIONE DEI DELITTI IN MATERIA DI VIOLAZIONE DEL DIRITTO D AUTORE E DEI DELITTI CONTRO

Dettagli

Il disciplinare tecnico viene pubblicato nell area riservata del sito della scuola

Il disciplinare tecnico viene pubblicato nell area riservata del sito della scuola - Visto il D.Lgs 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali ; - Visto il Regolamento emanato dal Ministero della Pubblica Istruzione con decreto 7 dicembre 2006 n 305; - Visto il provvedimento

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Martino Longhi di VIGGIÙ Via Indipendenza 18, Loc. Baraggia 21059 VIGGIU (VA) Tel. 0332.486460 Fax 0332.488860 C.F.

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 6 maggio 2009 Disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini. (09A05855) IL PRESIDENTE

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 196/03 E CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 196/03 E CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI La privacy policy di questo sito INFORMATIVA AI SENSI DELL ART. 13 DEL DECRETO LEGISLATIVO 196/03 E CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Perché questo avviso? In questa pagina si descrivono le modalità

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI Pagina:1 di 6 MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI INDICE 1. INTRODUZIONE...1 2. ATTIVITÀ PRELIMINARI ALL INIZIO DELLE VERIFICHE...2 3. PIANO OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ...2

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 Determinazione del Direttore Generale n. 25 del 5 marzo 2013 REGOLAMENTO PER

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2699 PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA il 16 settembre 2009 (v. stampati Senato nn. 414-507)

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

del 4 luglio 2014 4) AIFMD: aggiornate le Q&A dell ESMA

del 4 luglio 2014 4) AIFMD: aggiornate le Q&A dell ESMA AGGIORNAMENTO NORMATIVO N. 25/2014 del 4 luglio 2014 1) Nuovo procedimento di sequestro conservativo sui conti bancari: pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea il Regolamento UE n. 665/2014

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO WI-FI DUE MARI

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO WI-FI DUE MARI REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO WI-FI DUE MARI Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina il servizio di accesso a internet, mediante l utilizzo di hot spot WiFi (il

Dettagli

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi PRIVACY E SICUREZZA LA PRIVACY DI QUESTO SITO In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Tale politica

Dettagli

L attività istruttoria. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe.

L attività istruttoria. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe. L attività istruttoria Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe. Zizzo 1 oggetto della lezione l attività istruttoria la liquidazione delle

Dettagli

Approvato con delibera di Consiglio comunale n.75 del 5 ottobre 2009.

Approvato con delibera di Consiglio comunale n.75 del 5 ottobre 2009. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ACQUISITI MEDIANTE L IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA ATTIVATO NEL TERRITORIO URBANO DEL COMUNE DI MACERATA Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA (APPROVATO CON DELIBERAZIONE di C.C. n. 3 del 18/03/2008) INDICE Articolo 1 Oggetto del regolamento Articolo 2 Principi e finalità Articolo 3

Dettagli

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI VIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Approvato con deliberazione di G.C. n. 73 del 28.11.2000 INDICE TITOLO 1 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE

COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE Roma, 8 aprile 2010 Cap. Sergio Tirrò Roma, 8 aprile 2010 Cap. Sergio Tirrò La verbalizzazione Legge di depenalizzazione 24/11/1981 nr. 689 Modifiche al sistema

Dettagli

Trattamento dei dati personali

Trattamento dei dati personali Trattamento dei dati personali In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un informativa

Dettagli

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale Forlì, 25 gennaio 2007 1 Adempimenti previsti dal Codice della Privacy per le APS 2 Codice della Privacy Nel 1996 la legge n. 675 regolamentò la tutela

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Rosate ( Provincia di Milano) REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 17 del 05/07/2012 Modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

20.03.2015. REV. 2015/00 Pag. 1 di 5

20.03.2015. REV. 2015/00 Pag. 1 di 5 REV. 2015/00 Pag. 1 di 5 PROCEDURA 9 GESTIONE DELLE INDICE: 1. OBIETTIVI 2. DESTINATARI 3. PROCESSI AZIENDALI COINVOLTI 4. PROTOCOLLI DI PREVENZIONE 4.1. DOCUMENTAZIONE INTEGRATIVA 4.2. PROCEDURE DA APPLICARE

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE Pubblichiamo la delibera del 19.4.2001 dell'unione DELLE CAMERE PENALI ITALIANE, con la quale è stato approvato il testo definitivo delle Regole di comportamento del penalista nelle investigazioni difensive,

Dettagli

Il processo civile telematico e la consulenza tecnica di ufficio. Commissione di studio Area Giudiziale Sottocommissione alle CTU

Il processo civile telematico e la consulenza tecnica di ufficio. Commissione di studio Area Giudiziale Sottocommissione alle CTU Il processo civile telematico e la consulenza tecnica di ufficio Commissione di studio Area Giudiziale Sottocommissione alle CTU Art 16-bis D.L. 179/2012 come convertito in Legge "Salvo quanto previsto

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Adottato dal C.C. con delibera n. 57 del 28/07/2008 REGOLAMENTO PER L

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14 REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato dall AU - il 13/06/14 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, tenuto conto delle specifiche

Dettagli

Per l utilizzo dei sistemi di videosorveglianza sul territorio

Per l utilizzo dei sistemi di videosorveglianza sul territorio COMUNE DI CASALE MARITTIMO (Pisa) Via del Castello, 133 REGOLAMENTO COMUNALE Per l utilizzo dei sistemi di videosorveglianza sul territorio comunale di CASALE MARITTIMO (PISA) Indice generale Art. 1 Art.

Dettagli

Privacy policy. Obiettivo dell avviso

Privacy policy. Obiettivo dell avviso Privacy policy Obiettivo dell avviso La presente Privacy Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione del Sito web: http://www.reteivo.eu (di seguito anche il Sito ), in riferimento al trattamento

Dettagli

Comune di Corbetta Provincia di Milano. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio

Comune di Corbetta Provincia di Milano. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio Comune di Corbetta Provincia di Milano Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio INDICE Articolo 1 Finalità e definizioni Articolo 2 Ambito di

Dettagli

Via Siena 37/23 Firenze ( Fi ) Tel. Magazzino/Ufficio: 055-791191-055/791129 Fax: 055/791061 P.Iva E C.F. 03952230484 sito web: www.ricci2.

Via Siena 37/23 Firenze ( Fi ) Tel. Magazzino/Ufficio: 055-791191-055/791129 Fax: 055/791061 P.Iva E C.F. 03952230484 sito web: www.ricci2. INFORMATIVA E CONSENSO PER L'UTILIZZO DEI DATI PERSONALI - D.Lgs. 30.06.2003 n.196, Art. 13 Questa Informativa si applica ai dati personali raccolti attraverso il presente sito. La presente non si applica

Dettagli