GRUPPO TRASPORTI. Cariche. Nel corso dell anno 2005 (e fino al 7 febbraio 2006) il Gruppo risultava composto dai seguenti membri:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GRUPPO TRASPORTI. Cariche. Nel corso dell anno 2005 (e fino al 7 febbraio 2006) il Gruppo risultava composto dai seguenti membri:"

Transcript

1 GRUPPO TRASPORTI Cariche Nel corso dell anno 2005 (e fino al 7 febbraio 2006) il Gruppo risultava composto dai seguenti membri: Presidente Vice Presidenti Consiglieri Mario Castaldo (TRENITALIA Spa) per i Trasporti Ferroviari Guido Passera (A.S.M. SILA Spa) per il Trasporto Persone Aldo Penati (MERZARIO Spa) per il Trasporto Merci- fino a marzo 2005 Giuliano Asperti (TANGENZIALI ESTERNE Milano Spa-(AUTOSTRADE) per i Settori Vari -TRASPORTO PERSONE Alberto Baldioli (ATTILIO BALDIOLI Spa) Giorgio Boitano (AUTO GUIDOVIE ITALIANE Spa) fino a settembre 2005 Alberto Cazzani (STAV Spa) Fabrizio Laudi (AUTOLINEE VARESINE Srl) Alessandro Oldrini (AIR PULLMAN Spa) Giuseppe Pinna (AZIENDA TRASPORTI MILANESI Spa)-da febbraio 2005 Pierluigi Zoncada (STAR Spa) -TRASPORTO MERCI Licia Arienti (ARIENTI R. TRASPORTI Srl) Fabrizio Cavalli (INTERNATIONAL POSTAL SERVICES Srl) Alessandro Cavanna (CAVANNA TRASLOCHI Sas) Graziano Muraro (TRANSCO SUD Srl) Giorgio Spadoni (OMTRA Srl) In data 7 febbraio 2006 il Gruppo si è riunito in Assemblea ordinaria ed ha rinnovato le cariche per il biennio Pertanto, attualmente, il Gruppo risulta composto come segue: Presidente Vice Presidenti Consiglieri Giuliano Asperti (AUTOSTRADE Spa) per i Trasporti Vari Mario Castaldo (TRENITALIA Spa) per i Trasporti Ferroviari Alberto Cazzani (STAV Spa) per il Trasporto Persone Giovanni Leonida (CLICKLOGISTIC.COM Srl) per il Trasporto Merci Giuseppe Pinna (AZIENDA TRASPORTI MILANESI Spa) per il Trasporto Persone - TRASPORTO PERSONE Guido Passera (SILA Spa)

2 Camillo Ranza (AUTO GUIDOVIE ITALIANE Spa) -TRASPORTO MERCI Licia Arienti (ARIENTI R. TRASPORTI Srl) Oscar Campana (CATRANS Srl) Fabrizio Cavalli (INTERNATIONAL POSTAL SERVICES Srl) Sebastiano Grasso (SOGEMAR Spa) Maria Teresa Rolfi (FEDERAL EXPRESS EUROPE INC.) Giorgio Spadoni (OMTRA Srl) Dati Il Gruppo è formato da 230 aziende con dipendenti. Funzionari di riferimento: dott. Alessandro Righetti e dott. ssa Gloria Mutti (ANAV). Nel periodo di riferimento sono state effettuate dagli Uffici del Settore 737 vertenze individuali e 13 collettive. Il Gruppo si è riunito in 5 Consigli e 1 Assemblea. Attività primo semestre 2005 Proprio sul delicato tema delle politiche infrastrutturali lombarde, per il terzo anno consecutivo, il Gruppo ha collaborato alla programmazione della terza edizione del progetto Assolombarda Mobility Conference Exhibition L evento, nel suo complesso, si è articolato in due giorni consecutivi (18 e 19 Gennaio) secondo modalità già sperimentate, con una parte espositiva ed una parte convegnistica. Il Consiglio di Gruppo, in data 7 aprile, ha esaminato ed approvato un Rapporto di analisi relativo alle risultanze del questionario-indagine sui flussi di trasporto sul territorio milanese, predisposto dal Centro Studi di Assolombarda sulla base delle indicazioni tecniche dei consiglieri. L indagine è stata condotta nel corso del 2004 tra i membri dei diversi Consigli dei Gruppi Merceologici di Assolombarda ed ha avuto, pur nell oggettivo limite numerico di risposte pervenute, indicazioni qualitativamente significative, in quanto provenienti da imprenditori portatori di interessi condivisi. In particolare, il rapporto evidenzia i seguenti temi di interesse: i flussi di trasporto attesi dalle aziende sono in aumento, con particolare riferimento al movimento di merci in entrata; la frequenza dei trasporti presenta una periodicità sostanzialmente giornaliera ed è ritenuta, da oltre il 60% degli intervistati, in aumento, probabilmente per la sempre crescente incidenza del just in time; la necessità di implementare le aree intermodali nell area metropolitana milanese, al fine di ottimizzare le dimensioni di carico in entrata e in uscita e consentire l abbattimento

3 del trasporto su gomma favorendo un graduale passaggio alla rotaia, riducendo altresì in tal modo l impatto ambientale; la necessità di una gestione condivisa degli orari di accesso alla zona urbana che possa consentire una ottimizzazione delle esigenze del trasportatore rispetto alle zone intermodali e ai punti di carico e scarico merci; la necessità di migliorare l organizzazione stradale urbana, anche attraverso un efficiente sistema di informazione e comunicazione tra i diversi gestori delle infrastrutture; la necessità di avere mezzi di trasporto ed infrastrutture adeguati, in funzione di uno scambio di merci sempre più a livello internazionale; l esigenza principalmente avvertita dagli utilizzatori dei servizi di trasporto è la tempestività nell esecuzione del servizio; ad essa corrisponde, viceversa, la principale criticità, che è il ritardo nei tempi di consegna. Alla luce di queste tendenze fotografate dall indagine, ad avviso del Consiglio si rendono opportuni interventi strutturali che costituiscono il focus del documento. E allo studio, con il Centro Studi, la messa in cantiere di una iniziativa di divulgazione del rapporto di analisi a tutti i Presidenti e Consiglieri dei G.M. di Assolombarda, per una condivisione strategica, da parte del sistema impresa, delle problematiche concernenti i flussi di traffico e delle possibili misure di intervento. Il 9 giugno si è svolto un incontro con l Assessore provinciale Matteucci finalizzato ad un esame, con le principali associazioni di categoria del trasporto, delle principali problematiche dell autotrasporto sul territorio provinciale. In particolare, da parte nostra, sono stati evidenziati alcuni dati (elaborazione del nostro centro studi su collaborazione tecnica del Gruppo) relativi ai flussi di traffico con frequenza e modalità sempre più frazionata, di piccole dimensioni e giornaliera (accessi all area metropolitana); è stata poi evidenziata la necessità di un sostegno politico ai principali progetti infrastrutturali strategici per la rete di traffico provinciale (Pedemontana, Brebemi, TEM). Sempre in tale occasione, è stato auspicato un maggior coordinamento tra gli Enti gestori delle diverse linee di traffico, al fine di una più efficace razionalizzazione dei flussi di movimentazione di merci e persone. Con riferimento, poi, alla particolare tematica della riconversione dei parchi veicolari, con la finalità di ridurre l impatto ambientale, è stato chiesto di prevedere specifici capitoli di finanziamenti alle imprese. Altro tema affrontato è stato quello riguardante la necessità di implementazione delle aree intermodali, anche all interno dell area metropolitana (per la distribuzione capillare e razionalizzata). L Assessore ha proposto la costituzione di un tavolo tecnico con le Associazioni e la elaborazione di un documento di sintesi programmatica da parte della stessa Amministrazione.

4 TRASPORTO PUBBLICO LOCALE (TPL) Anav Lombardia, in collaborazione con il Gruppo Trasporti di Assolombarda, ha organizzato un incontro associativo nell ambito della BIT L incontro, dal titolo Il trasporto collettivo tra cambiamento e scelte, si è svolto il 15 febbraio presso la Fiera di Milano e ha visto anche la partecipazione della dott.ssa Olivia Postorino, Dirigente dell Unità Organizzativa Trasporto Pubblico Locale della Regione Lombardia. Una tavola rotonda ha approfondito le tematiche di maggior interesse per il settore: il contratto collettivo nazionale di categoria 2004/2007; i finanziamenti per il rinnovo del parco autobus; le problematiche connesse ai contratti di servizio sottoscritti a seguito del processo, tuttora in corso, di riforma del settore; la disciplina delle agevolazioni tariffarie, così come modificata dalla l. r. 25/2003; l attività di noleggio autobus con conducente a seguito dell emanazione della l. 218/2003. Il 31 marzo Anav ed Asstra Lombardia, riunitesi in un assemblea straordinaria, hanno adottato, dopo un ampia ed approfondita discussione, un documento che successivamente è stato trasmesso al Presidente della Giunta regionale Formigoni. Il documento illustra la situazione del settore del trasporto pubblico locale in Lombardia, e si propone come punto di partenza per affrontare con la nuova Giunta un percorso condiviso che consenta la risoluzione delle maggiori criticità in cui versa il settore stesso. Nel corso del mese di maggio è stato notificato, agli Enti locali interessati, l atto di citazione relativo all azione legale intrapresa da Anav Lombardia per il recupero degli oneri contrattuali riferiti al primo biennio economico del ccnl 27 novembre 2000 (anno 2001). Nel contempo è in corso una trattativa con la Provincia di Milano volta a definire gli impegni di copertura finanziaria a carico dell Amministrazione provinciale. L Associazione è impegnata anche nella costruzione del Piano Triennale dei Servizi della Provincia di Milano, in quanto l Assessorato competente ha deciso di coinvolgere tutti i soggetti interessati nella stesura di questo importante strumento di programmazione dei servizi di trasporto pubblico. A questo proposito, un primo incontro tra l Assessorato e le Associazioni di categoria si è svolto il 16 giugno ed un secondo incontro è stato programmato per il 14 luglio. Il 22 giugno si è tenuta l Assemblea ordinaria annuale di Anav Lombardia, nel corso della quale si è discusso della situazione generale del settore, con particolare riferimento al

5 ccnl 2004/2007, per la cui copertura per gli anni 2004 e 2005 la Regione Lombardia ha chiesto alle aziende i dati necessari all emanazione del relativo Decreto ministeriale. Attività secondo semestre 2005 Il 6 dicembre 2005 si è svolto, come da programma, l evento di presentazione del Rapporto di analisi sui flussi di trasporto, elaborato dal Centro Studi di Assolombarda con la collaborazione del Gruppo. All evento ha partecipato anche l Area Monitoraggio del Territorio, per le notevoli implicazioni che il Rapporto ha sulle politiche di governo del territorio milanese. Nel corso dell evento è stato illustrato il metodo di analisi ed elaborazione dei risultati da parte del Centro Studi, cui ha fatto seguito un intervento da parte del responsabile dell Area Monitoraggio del Territorio, per evidenziare gli altri focus insistenti sul territorio e le difficoltà per le imprese; a seguire, una tavola rotonda tra committenti (individuati tra i compilatori dei questionari) e operatori del sistema trasporto, al fine di consentire un confronto sereno sui contenuti del Rapporto, sulle aspettative delle imprese e sulle possibili proposte di azione per l Associazione. Una delle possibili azioni ipotizzate successivamente all esito dell evento, è rappresentata dall eventualità di individuare le basi progettuali per la creazione di un Osservatorio dei trasporti. Il Consiglio si è mobilitato, come ogni anno, per sostenere a livello tecnico alcuni dei temi che sono stati oggetto della Mobility Conference Exhibition 2006, che si è tenuta il 30 e 31 gennaio In particolare il Gruppo ha contribuito direttamente alla realizzazione di alcuni workshop relativi alla liberalizzazione del trasporto locale, alla gestione della logistica nelle aree metropolitane ed al tema, purtroppo sempre più allarmante, del possibile collasso infrastrutturale del territorio milanese e lombardo. Nell ambito della Mobility, è stata dunque garantita una presenza istituzionale del Gruppo per il tramite del Presidente Castaldo. Il Presidente Castaldo, insieme ad alcuni altri consiglieri, hanno partecipato in prima persona alle attività del comitato tecnico sulle infrastrutture e sulla mobilità, coordinato dal vice Presidente Imperiali; tale comitato si è occupato, tra le varie priorità, anche della fase preparatoria della MCE 06. In tale sede, il Presidente e gli altri Consiglieri hanno operato in modo da evidenziare adeguatamente la posizione espressa, in più occasioni, dal Consiglio e valutare termini e modalità di un coinvolgimento istituzionale. Il 28 novembre, il Gruppo, rappresentato dal Consigliere Spadoni ed altri consiglieri, ha partecipato ad una missione in Belgio, come delegazione di trasportatori di Assolombarda, in occasione del salone trailer dedicato agli operatori del settore trasporto/logistica (dalla logistica ai semi-rimorchi, dalla componentistica all'equipaggiamento). La delegazione è stata ospitata a cura del dipartimento belga

6 Flanders Investment and Trade direttamente per il tramite dell Ambasciata del Belgio. L obiettivo principale di tale iniziativa è stato soprattutto quello di porre le prime basi per la costituzione di un network europeo in cui gli operatori del trasporto e della logistica di Assolombarda possano confrontarsi sulle principali tematiche e criticità del comparto con altri operatori in un ambito internazionale. In un ottica di rafforzamento della rappresentatività del comparto della logistica e dei trasporti, si sono svolti degli incontri tra Assolombarda e la direzione di Assologistica, finalizzati a valutare la percorribilità di una collaborazione operativa sul territorio. In particolare, qualora il progetto venisse definitivamente validato, Assolombarda ed il Gruppo Trasporti in particolare potrebbe realizzare interventi sia sul piano della promozione associativa e della fidelizzazione nel settore trasporti/logistica, sia sul piano di una maggiore e più ampia presenza attiva su tematiche settoriali, ampliando la possibilità di fornire servizi e rappresentanza coerente con le aspettative delle imprese. Per quanto concerne le valutazioni inerenti l andamento congiunturale di settore, suddiviso in TPL e Trasporto merci, logistica e altro si è evidenziato, nel secondo semestre, il consolidamento di una situazione generalmente sfavorevole già evidenziata nel corso del primo semestre. In particolare: Sez. Merci e logistica: congiuntura negativa, pur evidenziandosi una lieve ripresa del mercato che, tuttavia, gli operatori nazionali non sono riusciti proficuamente a cogliere, a causa della sempre più agguerrita concorrenza straniera (specie dai Paesi dell est europeo). I focus principali sono stati: la difficoltà ad ottenere tariffe remunerative e regolarità nei pagamenti; l aggravio della congestione di traffico da e per Milano; le problematiche ambientali; carenza di centri intermodali nell area metropolitana milanese; continua crescita del prezzo del gasolio. Sez. trasporto persone: congiuntura negativa. I focus principali sono stati: il permanere delle problematiche, non ancora pienamente risolte, connesse con la mancata attuazione della riforma del TPL, che non consentono di pianificare investimenti e sviluppo; la mancanza di risorse; la continua crescita del prezzo del gasolio.

7 TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Il 23 novembre si è svolta un assemblea straordinaria di Anav Lombardia, nella quale gli associati hanno approvato la sottoscrizione di un accordo con la Regione Lombardia riguardante la valorizzazione delle tessere regionali di trasporto (per il periodo 1 agosto luglio 2005) e il riconoscimento alle aziende degli oneri contrattuali di competenza regionale (ccnl autoferrotranvieri e biennio economico). Precedentemente Anav Lombardia aveva partecipato ad una serie di incontri, coordinati dall assessorato regionale ai trasporti, proprio per la definizione dei termini dell accordo, che è stato sottoscritto il 28 novembre. Complessivamente alle aziende del comparto, che contano circa addetti, verranno liquidati euro per le tessere di trasporto ed euro a copertura degli oneri contrattuali. Nel mese di novembre il Consiglio provinciale ha approvato il Piano Triennale dei Servizi della Provincia di Milano (triennio ), che prevede l effettuazione di una nuova gara d appalto per l aggiudicazione dei servizi di trasporto pubblico locale. Nel frattempo, però, il TAR ha accolto il ricorso che alcune aziende hanno presentato contro la delibera provinciale di annullamento della prima gara, e ora la Provincia sta valutando l ipotesi di ricorrere al Consiglio di Stato. Anav sta valutando, in una serie di incontri con l assessorato ai trasporti della Provincia di Milano, la possibilità di raggiungere un accordo in merito agli oneri contrattuali di competenza provinciale per l anno 2001, nonché la disponibilità dell assessorato a considerare anche le annualità 2002 e Con la firma dell accordo le aziende non procederebbero, nei confronti della Provincia di Milano, nell azione legale intrapresa proprio in riferimento al mancato riconoscimento degli oneri contrattuali per l anno Attività primo trimestre 2006 Il neo eletto consiglio di Gruppo, riunitosi il 14 marzo, ha iniziato a predisporre le prime linee operative per l anno 2006; in particolare sono state individuate alcune progettualità utili al fine di rafforzare la rappresentatività e la coesione associativa del comparto merci e logistica presente nel gruppo: 1. predisposizione di un indagine conoscitiva fra gli associati di questo specifico comparto per consentire, successivamente, la realizzazione di un incontro finalizzato alla più efficace comprensione dei bisogni e delle aspettative degli operatori del territorio milanese ed eventualmente una possibile apertura di un confronto con operatori europei ( in particolare, come riportato sotto, con operatori delle Fiandre);

8 2. programmazione di un incontro con i funzionari della Regione Lombardia per un esame dello stato dell arte concernente il piano regionale della logistica; 3. prosecuzione, in linea con quanto già messo a punto dal precedente Consiglio di Gruppo, dell indagine sui flussi di trasporto nel territorio milanese sfociata nella predisposizione del primo Rapporto di analisi (in collaborazione con il Centro Studi e l Area Monitoraggio del Territorio di Assolombarda); 4. predisposizione di un incontro informativo (in possibile collaborazione con Assologistica) aperto a tutte le imprese di Assolombarda, riguardante la recente normativa di riforma dell autotrasporto merci su strada (D.Lgs. 286/2005). Sempre in linea con la necessità di consolidare la rappresentanza della sezione del trasporto merci e logistica del Gruppo sono state poste in essere due operazioni: nomina dei nuovi rappresentanti di Assolombarda in seno alla Commissione Albo - autotrasporto conto terzi e conto proprio presso la Provincia di Milano; progettazione di una collaborazione strategica con Assologistica, finalizzata a: 1. aumentare la propria consistenza associativa, attraverso un incremento delle aziende del comparto attualmente non associate o dimesse (fattore non di secondo piano, il fatto che l attuale Presidente di Assologistica è anche l Amm.Del. DHL Express); 2. implementare le proprie capacità di risposta sui temi del trasporto e della logistica, anche attraverso la eventuale definizione di un Progetto coordinato (Assologistica/ Assolombarda) sul tema della logistica. TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Il 21 febbraio, presso Fiera Milano City, si è svolta la tavola rotonda Per una diversa politica della mobilità di persone, organizzata da Anav Lombardia in collaborazione con il Gruppo Trasporti di Assolombarda. L evento ha avuto lo scopo di far incontrare i protagonisti principali del trasporto di persone per stimolare un confronto strategico al fine di sviluppare una seria politica dei trasporti nella nostra Regione. Sono intervenuti: Mario Ricci e Massimo Locatelli - Presidente e Vice Presidente Anav Lombardia; Nicola Biscotti - Presidente Anav nazionale; Gianni Scarfone - Presidente Asstra Lombardia; Roberto Massetti - Direttore Generale ATM; Marco Piuri - Direttore Generale Ferrovie Nord Milano; Nino Cortorillo - Segretario Generale FILT Milano; Mario Finzi - Presidente Assoutenti.

9 Hanno partecipato inoltre Lucia Marsella (Dirigente dell'unità Organizzativa Trasporto Pubblico Locale della Regione Lombardia) e Luciano Minotti (Direttore Generale Trasporti e Viabilità della Provincia di Milano). Dopo una serie di incontri con la direzione del Settore Trasporti e Viabilità della Provincia di Milano, Anav Lombardia ha raggiunto un accordo con la Provincia in merito agli oneri contrattuali di competenza provinciale per l anno A seguito dell intesa, il 22 marzo le aziende operanti sul territorio di competenza della Provincia di Milano che avevano presentato ricorso contro la Provincia stessa per la mancata copertura di questi oneri hanno sottoscritto un atto di transazione con il dirigente del Settore Trasporti e Viabilità. Nell atto si stabilisce che, per l anno 2001, la Provincia erogherà alle aziende operanti sul proprio territorio un importo calcolato sulla base degli addetti e dei chilometri eserciti sul territorio di sua competenza. L importo per addetto equivale alla somma erogata dalla Regione Lombardia allo stesso titolo e per lo stesso periodo, in quanto nell accordo di rinnovo del ccnl autoferrotranvieri si afferma che il costo del primo biennio economico ( ), per la parte non coperta dalle aziende, è suddiviso in parti uguali tra Regioni ed Enti locali. Il contenuto di questo accordo verrà esteso anche alle aziende operanti sul territorio della Provincia che non hanno intrapreso alcuna azione legale, e per questo motivo Anav Lombardia ha chiesto alle proprie associate la documentazione necessaria agli uffici provinciali per la determinazione degli importi da erogare a ciascuna. Prospettive 2006 A) Rafforzamento e consolidamento della rappresentanza del particolare comparto del trasporto merci e della logistica, attraverso iniziative sia divulgative/seminariali sia di promozione e sviluppo delle interazioni tra aziende del comparto (v. punto ). B) Verifica in merito alla percorribilità di un progetto di collaborazione/convenzione con Assologistica (v. punto ). C) Verifica della possibilità di favorire un coordinamento tra le Associazioni di categoria Anav Lombardia, Asstra Lombardia ed il Gruppo, finalizzato a porre in essere un costante monitoraggio, che coinvolga attivamente la Regione Lombardia, relativo ai tempi e alle modalità di completa attuazione della riforma del trasporto pubblico locale.

10 Cruscotti (andamento congiunturale) Trasporto Merci Aprile 2005 Luglio 2005 Ottobre 2005 Dicembre 2005 Marzo 2006

11 Cruscotti (andamento congiunturale) Trasporto Persone Aprile 2005 Luglio 2005 Ottobre 2005 Dicembre 2006 Marzo 2006

12 DATI NAZIONALI GRUPPO TRASPORTI DATI ASSOLOMBARDA PESO % DATI ASSOLOMBARDA AZIENDE: AZIENDE: TPL (dati Anav/Asstra) TPL 99 9,77% MERCI/LOG (Albo naz.autotrasporto) MERCI/LOG 105 0,054% (di cui in Lombardia) (33.300) su Lombardia (0,32%) ALTRO N.D. ALTRO 9 ADDETTI: (dati ISTAT 2004) DIP.: ,76% TPL MERCI/LOG ALTRO (dato Federtrasp.) TPL MERCI/LOG ALTRO ,16% 0,37% 1,96% RETRIB. LORDE MEDIE ANNUE X DIP. euro ,00 (dato ISTAT 2004 terrestri e condotta) N.D.

13 GRUPPO TRASPORTI Sez. trasporto merci e logistica DATI NAZIONALI DATI NAZIONALI (Federtrasporto 2004) (Federtrasporto 2004) Dettaglio del trasporto su strada Merci complessivamente trasportate su STRADA Variazione 2004/ Ton + 14,6 % Ton/Km 196 miliardi ca. Variazione 2004/ % A) Conto Terzi Ton Variazione 2004/ ,5 % A1) Ton/Km B) Conto proprio Variazione 2004/2003 B1) Ton/Km Ca.175 miliardi Ton - 0,8 % Ca. 21 miliardi Merci complessivamente trasportate su FERRO Ton Ton/Km 22,8 miliardi ca.

14 GRUPPO TRASPORTI Sez. trasporto persone DATI NAZIONALI (Fonte Anav/Asstra) BUS KM ANNUI: tot , di cui: Asstra Anav DATI ASSOLOMBARDA BUS KM ANNUI: , di cui: Assol. (ATM) Anav Lomb. PESO % DATI ASSOLOMBARDA (comprende anche Anav Lombardia) 10,92% Nr. AUTOBUS: tot , di cui: Asstra Anav Nr. AUTOBUS: > 4.600, di cui: > Assol. (ATM) > Anav Lombardia 9,29%

15 AUTOTRASPORTO MERCI E SPEDIZIONI (nr. addetti ) NATURA STIPULA DECORRENZA SCADENZA NOTE Testo in uso ( ) ( ) Parte economica ( ) ( ) Rinn. econ.2 biennio Rinnovo ccnl In via di definizione In via di definizione Anita, insieme ad altre associazioni di categoria del trasporto tra cui Assologistica, ha sottoscritto l accordo che di fatto dà piena efficacia alla parte economica del rinnovo contrattuale di settore 29 gennaio 2005, rimasta in sospeso a causa del mancato recepimento, da parte del Governo, dell avviso comune sottoscritto tra le parti in materia di attuazione della direttiva comunitaria sull orario di lavoro dei conducenti. L efficacia del rinnovo viene espressamente esclusa per gli articoli riguardanti, appunto, l orario di lavoro del personale viaggiante. Per quanto concerne la parte normativa del contratto, con particolare riferimento al mercato del lavoro, le parti, a livello nazionale, stanno definendo l intera materia con la sottoscrizione di singoli e separati accordi Anita e OO.SS. siglano intese su: istituzione della Banca ore per il personale non viaggiante Anita e OO.SS. siglano accordo su apprendistato professionalizzante, che diventa operativo alla definizione dei profili formativi Accordo su definizione profili formativi Verbale tra le parti sulla necessità di pervenire alla completa definizione dell articolato sul rinnovo contrattuale entro il mese di dicembre Verbale d'accordo, che regolamenta il secondo livello di contrattazione, il rappresentante per la sicurezza, il diritto di assemblea, le modalità di gestione dei cambi di appalto, la previdenza complementare ed altri aspetti connessi con la gestione del rapporto di lavoro. Le parti hanno individuato un gruppo paritetico che dovrà consentire loro di individuare in forma condivisa il fondo di previdenza complementare cui aderire Il rinnovo prevede un aumento retributivo pari ad 88 al 3S così suddivisi, anche in relazione a quanto pattuito il : 60 con decorrenza ; 28 con decorrenza ; u_t di 380 (dedotta dall IVC) relativa agli arretrati gen-ago 2005, divisa in due tranches di 190 ciascuna (1^ tranche a set 05 e 2^ tranche a gen 06). L accordo prevede anche una u_t di 500 uguale per tutti i lavoratori relativa al periodo (1^ tranche con set 05 e 2^ tranche con mar 06).

16 TRASPORTO AEREO (gestione aeroportuale - ccnl Assaeroporti) (nr. addetti ) NATURA STIPULA DECORRENZA SCADENZA NOTE Testo in uso ultimo rinnovo In data le Parti (Assaeroporti e OO.SS. trasporto aereo, hanno sottoscritto l accordo per il rinnovo del CCNL scaduto il Per quanto concerne la parte normativa evidenziamo alcune delle principali novità: Mercato del lavoro: Introduzione di nuove forme contrattuali di cui al D. Lgs. 276/03 (c. somministrazione a tempo determinato, c. inserimento, apprendistato professionalizzante ecc ); Contratti a tempo determinato: ampliamento delle casistiche di utilizzo per effetto del recepimento del D. Lgs. 368/01; Contratto di lavoro a tempo parziale: introdotte nuove norme; Orario di lavoro: Si introducono nuove disposizioni in materia per effetto della recezione del D. Lgs. 66/03: possibilità di adottare orario multiperiodale Possibilità di adottare orario di lavoro flessibile entro il limite delle 48 h. settimanali per un max di 120 gg Per le ore prestate oltre il normale orario settimanale di lavoro (lavoro straordinario): maggioraz del 15% per le prime 60 ore di supero e del 25% per le successive da liquidare nei periodi di superamento medesimi Parte economica Rinnovo economico 2 biennio Rinnovo ccnl Con decorrenza 1 agosto 2005: aumento dei minimi contrattuali (V livello: + 66,27) Con decorrenza 1 dicembre 2005: aumento indennità giornaliera (+ 1,00), ai soli fini dell effettiva prestazione con le modalità attualmente in essere Per il personale a tempo indeterminato assunto prima dell 1 gennaio 2004 e in forza al 26 luglio 2005: prevista una una tantum ( in un importo forfetario e omnicomprensivo lordo di 1000,00) a copertura del periodo , erogato con le competenze del mese di agosto 2005 Per il personale di cui all accordo 11 luglio 2001 Cap. Trattamento economico lett. B): incremento EDR di 8,00 lordi mensili a decorrere dall 1 dicembre 2005 per 12 mensilità, con effetto di tale istituto solo sul TFR. (per il personale escluso dall accordo di cui sopra: riconoscimento di un importo di pari valore sotto il nome di EDNR erogato dall 1 dicembre 2005 per 12 mensilità, con effetto di tale istituto solo sul TFR).

17 AUTOFERROTRANVIERI (nr. addetti , di cui Asstra) NATURA STIPULA DECORRENZA SCADENZA NOTE T.U Testo in uso Ultimo rinnovo Dopo una lunga trattativa, il 18 novembre 2004 le OO.DD. Anav ed ASSTRA e le OO.SS. Filt- Cgil, Fit- Cisl e Uiltrasporti hanno siglato l accordo di rinnovo del ccnl scaduto il 31 dicembre Per quanto riguarda la parte normativa, le Parti hanno disciplinato alcuni degli istituti previsti dal d. lgs. 276/2003 (Legge Biagi): il lavoro part-time, il contratto di inserimento-reinserimento, la somministrazione (a termine), il telelavoro e il lavoro ripartito; è prevista inoltre una disciplina transitoria dell apprendistato professionalizzante, la cui regolamentazione diverrà pienamente operativa nelle singole Regioni quando saranno emanate le discipline regionali relative ai profili formativi. Parte economica Una tantum - a copertura del periodo al personale in forza alla data di stipula dell accordo di rinnovo è riconosciuta una somma omnicomprensiva di 500,00 lordi al par. 175 (da riparametrare) da erogare per il 50% con la retribuzione di gennaio 2005 e per il restante 50% con la retribuzione di marzo Aumento retributivo - è previsto un aumento di 105,00 lordi al par. 175 (da riparametrare) alle seguenti ricorrenze: 40,00 all ; 30,00 all ; 35,00 all Rinnovo economico 2 biennio Il 2 e 3 dicembre 2005 le OO.SS. Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e, con note separate, Faisa-Cisal e Ugltrasporti hanno trasmesso le piattaforme per il rinnovo del secondo biennio economico , chiedendo l avvio del confronto negoziale. La richiesta salariale è di 111,00 euro al parametro 175, che corrisponde ad una rivalutazione del 6%. La prima riunione tra le Parti si svolgerà il 31 gennaio 2006 presso la sede di ASSTRA. Dopo due incontri, svoltisi il 2 e il 22 febbraio, le trattative si sono interrotte in quanto la distanza tra le Parti è rimasta netta (euro 65,00 offerte da Anav ed Asstra a fronte di una richiesta sindacale di euro 111,00). Il 6 marzo si è svolta una prima azione di sciopero di quattro ore. Con la retribuzione del mese di aprile le aziende procederanno all erogazione dell indennità di vacanza contrattuale (pari al 30% del tasso programmato d inflazione applicato ai minimi contrattuali e all ex indennità di contingenza). Rinnovo ccnl

18 AUTOSTRADE (nr. addetti ) NATURA STIPULA DECORRENZA SCADENZA NOTE Il 15 luglio 2005 FISE e Federreti, in rappresentanza delle società autostradali, hanno sottoscritto Testo in uso l accordo con le Organizzazioni sindacali di categoria per il rinnovo del CCNL 16 febbraio 2000, scaduto il 31 dicembre 2003, per il periodo Parte economica Rinnovo economico 2 biennio Rinnovo ccnl L accordo prevede interventi di modifica normativa in materia di mercato del lavoro, orario di lavoro e relazioni industriali. Per la parte economica, il biennio è stato regolato con un incremento dei minimi mensili (livello C) pari a 75 euro dal 1 luglio 2005 e a 37 euro dal 1 dicembre 2005 e la corresponsione di una somma una tantum di euro, in due soluzioni, per la copertura del periodo di vacanza contrattuale di quasi 19 mesi.

19 ATTIVITA FERROVIARIE NATURA STIPULA DECORRENZA SCADENZA NOTE Testo in uso Il è stato sottoscritto da AGENS e da FILT -CGIL, FIT-CISL, UILTrasporti e SMA (successivamente, in data , anche dall ORSA) il primo contratto collettivo nazionale confederale delle attività ferroviarie. A latere di tale contratto è stato anche sottoscritto, con specifico riferimento alle aziende del Gruppo FS, l accordo di confluenza, finalizzato a consentire anche a tali aziende la possibilità di applicare, opportunamente adeguato, il CCNL di settore. Il CCNL prevede, come elementi di particolare innovazione: un nuovo sistema di rapporti e relazioni industriali; un sistema di informazioni (e non di contrattazione) finalizzato a valutare argomenti relativi alle strutture organizzative, agli obiettivi di produzione/produttività, alle evoluzione della composizione occupazionale l abrogazione del sistema dei cd. Bandi interni per i passaggi d area ; un più adeguato ruolo della contrattazione solo su materie ben definite (articolazione dei regimi di orario, organizzazione del lavoro ed effetti occupazionali); la soppressione di alcuni articoli concernenti il riequilibrio delle risorse umane e i processi di riorganizzazione; un articolata disciplina concernente l orario di lavoro (con particolare riferimento alla multiperiodicità, al lavoro e al riposo giornaliero, al numero delle notti, al riposo settimanale, etc.). Parte economica Rinnovo economico 2 biennio Rinnovo ccnl L intesa prevede un incremento medio di 100 euro mensili lordi al livello D2, distribuiti in tre tranches con decorrenze 1 settembre 2005 (40 euro), 1 gennaio 2006 (30 euro) e 1 settembre 2006 (30 euro) e un importo una tantum di 320 euro medi per il periodo 1 gennaio-31 agosto L intesa realizza soluzioni che tengono conto delle azioni previste nei vari settori produttivi a sostegno dello sviluppo e delle capacità competitive delle imprese del settore ferroviario.

Nel corso dell anno 2005 (e fino al 26 gennaio 2006) il Gruppo risultava composto dai seguenti membri: Lorenzo Pellini (OGENKIDE Srl)

Nel corso dell anno 2005 (e fino al 26 gennaio 2006) il Gruppo risultava composto dai seguenti membri: Lorenzo Pellini (OGENKIDE Srl) GRUPPO INDUSTRIE VARIE Cariche Nel corso dell anno 2005 (e fino al 26 gennaio 2006) il Gruppo risultava composto dai seguenti membri: Presidente Vice Presidente Consiglieri Lorenzo Pellini (OGENKIDE Srl)

Dettagli

Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI

Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI Ipotesi Rinnovo Contratto Integrativo Aziendale HPI PREMESSA Nel sottolineare l importanza del ruolo che il Contratto Collettivo Nazionale e gli accordi vigenti assegnano alla contrattazione di secondo

Dettagli

RINNOVO DEL CCNL LOGISTICA, TRASPORTO E SPEDIZIONE

RINNOVO DEL CCNL LOGISTICA, TRASPORTO E SPEDIZIONE RINNOVO DEL CCNL LOGISTICA, TRASPORTO E SPEDIZIONE In data 1 agosto 2013 è stato rinnovato il CCNL, scaduto il 31 dicembre 2012. Sul piano economico, l Accordo prevede, per il triennio 2013-2015, un aumento

Dettagli

Indagine sul comparto del trasporto merci e della logistica nell Area Milanese 2006

Indagine sul comparto del trasporto merci e della logistica nell Area Milanese 2006 Studi e Analisi presenta elaborazioni e indagini prodotte dal Centro Studi nei suoi ambiti d interesse Indagine sul comparto del trasporto merci e della logistica nell Area Milanese 2006 a cura di Maria

Dettagli

ACCORDO AZIENDALE INTEGRATIVO DELL ACCORDO DI CONFLUENZA AL CCNL AUTORIMESSE E NOLEGGIO AUTO

ACCORDO AZIENDALE INTEGRATIVO DELL ACCORDO DI CONFLUENZA AL CCNL AUTORIMESSE E NOLEGGIO AUTO ACCORDO AZIENDALE INTEGRATIVO DELL ACCORDO DI CONFLUENZA AL CCNL AUTORIMESSE E NOLEGGIO AUTO Addì 2 maggio 2007 Tra ACI Global SpA, rappresentata dalla Dott.ssa I. Galmozzi e dalla Dott.ssa N. Caprioli,

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 462 del 24/10/2013 A.G.C. 14 Trasporti e viabilità Settore 1 Autolinee e Vie di comunicazione Oggetto dell'atto: APPROVAZIONE DEL DOCUMENTO DENOMINATO "PIANO DI RIPROGRAMMAZIONE

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto:

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto: Oggetto: Modifica di alcune condizioni di svolgimento del Telelavoro nella Provincia di Bologna. Approvazione del relativo Progetto Generale e autorizzazione alla sottoscrizione del Contratto Collettivo

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

Premessa. Relazioni Industriali

Premessa. Relazioni Industriali Piattaforma per il rinnovo contrattuale del CCNL Trasporti e Onoranze Funebri private (FENIOF) 2012 2014 1 Premessa Il settore delle imprese esercenti attività di servizi e trasporto funebre composto da

Dettagli

ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 5 DICEMBRE 2007 PER I DIRIGENTI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE INDUSTRIALI

ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 5 DICEMBRE 2007 PER I DIRIGENTI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE INDUSTRIALI ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO 5 DICEMBRE 2007 PER I DIRIGENTI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE INDUSTRIALI Addì, 22 dicembre 2010, in Roma CONFAPI FEDERMANAGER e Premesso

Dettagli

tra in relazione: si conviene quanto segue:

tra in relazione: si conviene quanto segue: Addì 26 giugno 2009, in Roma tra Alitalia - CAI e le organizzazioni sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Ugl-TA in relazione: ai confronti avviati nel trimestre in corso ed alle questioni emerse

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Ipotesi di Accordo del 13 maggio 2014 - C.C.I.R.L. del 12 febbraio 2001 TABELLA DELLE RETRIBUZIONI VALIDA DAL 1 OTTOBRE 2015

Ipotesi di Accordo del 13 maggio 2014 - C.C.I.R.L. del 12 febbraio 2001 TABELLA DELLE RETRIBUZIONI VALIDA DAL 1 OTTOBRE 2015 AREA COMUNICAZIONE - (Arti grafiche Cartotecnica - Grafica pubblicitaria Grafinformatica Studi di progettazione - Tecnico grafica Fotografia - Video fotografia ed affini Eliografie Copisterie) Ipotesi

Dettagli

CONVENZIONE DI COOPERAZIONE TRA PREMESSO

CONVENZIONE DI COOPERAZIONE TRA PREMESSO CONVENZIONE DI COOPERAZIONE TRA LA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA (di seguito denominata Regione) nella persona dell Assessore regionale al lavoro, università e ricerca Alessia Rosolen, domiciliata

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Approvazione Linee guida per la predisposizione dei Piani triennali di ambito sociale obiettivi 2005-2007 LA VISTO il documento istruttorio, riportato in calce alla presente deliberazione, predisposto

Dettagli

1/Ferrovieri: convocazione progetto IVU ATTIVITA FERROVIARIE. 1/Targarent/Budget 2/Thirty Italbycar: lettera per richiesta di incontro AUTONOLEGGIO

1/Ferrovieri: convocazione progetto IVU ATTIVITA FERROVIARIE. 1/Targarent/Budget 2/Thirty Italbycar: lettera per richiesta di incontro AUTONOLEGGIO ATTIVITA FERROVIARIE 1/Ferrovieri: convocazione progetto IVU AUTONOLEGGIO TRASPORTO MERCI LOGISTICA ANAS 1/Targarent/Budget 2/Thirty Italbycar: lettera per richiesta di incontro 1/CCNL: Informativa incontri

Dettagli

Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B. Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha:

Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B. Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha: Appunti sull Orario di lavoro/e il Disegno di Legge n. 1167/B Premessa Il tema dell orario di lavoro è un tema molto complesso per le ricadute che ha: Sull o.d.l. Sulla qualità della vita Sulla competitività

Dettagli

Sintesi degli accordi. (*) Esclusi i comparti Autotrasporto merci e logistica, Edilizia e Servizi di pulizia, che non hanno rinnovato.

Sintesi degli accordi. (*) Esclusi i comparti Autotrasporto merci e logistica, Edilizia e Servizi di pulizia, che non hanno rinnovato. Settore Artigiano Accordo interconfederale - 15 dicembre 2009 Accordi - 15 dicembre 2009 Retribuzioni contrattuali dal 1º gennaio 2010 e bilateralità â Parti stipulanti: Confartigianato Imprese, Cna, Casartigiani

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013)

REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA POR OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PARTE FESR (2007-2013) Comitato di Sorveglianza 13 maggio 2011 REGIONE DEL VENETO PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

(Approvato dall Assemblea dei Sindaci ATI 3 con Deliberazione n. 1 del 19/01/2015)

(Approvato dall Assemblea dei Sindaci ATI 3 con Deliberazione n. 1 del 19/01/2015) Atto di indirizzo alla VUS spa sul contenimento dei costi del personale in attuazione dell art. 18 comma 2 bis della legge n. 133 del 2008, come modificato dall art. 19 della l. 102/2009, dall art. 1 comma

Dettagli

Tuttavia, occorre rimarcare come il perdurare di una siffatta condizione mette a rischio l attuazione di politiche di sviluppo del personale

Tuttavia, occorre rimarcare come il perdurare di una siffatta condizione mette a rischio l attuazione di politiche di sviluppo del personale LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE 2014 L esercizio 2014 è stato caratterizzato dal pieno recepimento degli indirizzi del socio unico Roma Capitale, che hanno imposto una linea di austerità e di totale compliance

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010

MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 Mobilità e competitività ità le azioni della Camera di Commercio di Varese MOBILITY MANAGEMENT UNA SOLUZIONE PER LA MOBILITA SOSTENIBILE DELL AREA VARESINA Varese, 14 maggio 2010 I FLUSSI DI LAVORATORI

Dettagli

CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO - PROVINCIALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO - PROVINCIALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CONTRATTO DI SECONDO LIVELLO - PROVINCIALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Il giorno 13 dicembre 2006, a Trento presso la sede della Federazione Trentina della Cooperazione,

Dettagli

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI

Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI Chimici PIATTAFORMA RINNOVO CCNL COIBENTI PREMESSA Anche se il settore della coibentazione termoacustica risente, inevitabilmente, delle difficoltà relative alle produzioni industriali ed alle realizzazioni

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

Studi Professionali, Accordo rinnovo CCNL - 1.10.1999-30.09.2003

Studi Professionali, Accordo rinnovo CCNL - 1.10.1999-30.09.2003 Studi Professionali, Accordo rinnovo CCNL - 1.10.1999-30.09.2003 VERBALE DI ACCORDO Il giorno 24 ottobre 2001, presso la sede della FEDERNOTAI in Roma, Via Flaminia 162 Tra Consilp-Confprofessioni rappresentata

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 25 giugno 2013 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale

BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale BOZZA PIATTAFORMA CCNL AGIDAE settore socio-sanitario-assistenziale Premessa L apertura del confronto per il rinnovo dei Contratti del Comparto Socio Sanitario - Assistenziale - educativo per gli anni

Dettagli

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Documento sulla politica di investimento Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 28 Marzo 2013 Sommario 1 PREMESSA...3 2 OBIETTIVI

Dettagli

Delibera n. 08/2013. VISTO il Decreto Legislativo n. 165 del 30.03.2001;

Delibera n. 08/2013. VISTO il Decreto Legislativo n. 165 del 30.03.2001; 1 Delibera n. 08/2013 Il Comitato Centrale per l Albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l autotrasporto di cose per conto terzi, riunitosi nella seduta del 31 luglio 2013; VISTA

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015

Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Piattaforma per il rinnovo del contratto autoscuole e agenzie automobilistiche 2012-2015 Premessa Il contesto nel quale avviene il rinnovo del contratto nazionale di lavoro delle autoscuole e agenzie è

Dettagli

Circolare Informativa n 1/2014. Scadenze CCNL DICEMBRE 2013

Circolare Informativa n 1/2014. Scadenze CCNL DICEMBRE 2013 Circolare Informativa n 1/2014 Scadenze CCNL DICEMBRE 2013 Pagina 1 di 12 INDICE 1) Alimentari PMI pag. 3 2) Area Alimentazione e panificazione pag.6 3) Autorimesse e noleggio automezzi pag.8 4) Carta

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6293 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NESI, BARRAL, CARLI, CHIAPPORI, SERGIO FUMAGALLI, FANTOZZI, GASTALDI, MANZINI, MASIERO, MAZZOCCHI,

Dettagli

UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA

UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA UN NUOVO SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE AUTOMOBILISTICO E MARITTIMO PER IL FRIULI VENEZIA GIULIA [CONFERENZA STAMPA] Udine - 27 Ottobre 2014 Assessorato Infrastrutture, Mobilità, Pianificazione

Dettagli

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri:

Presiede la seduta il sig. Dott. Donato GENTILE nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri: C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 392 DEL 30.09.2013 OGGETTO: PERSONALE COSTITUZIONE FONDO RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E DI RISULTATO PERSONALE DIRIGENTE ANNO 2013

Dettagli

ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria

ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria Vigenza contrattuale: 2010 / 2012 FILCA CISL - federazione italiana lavoratori costruzioni e affini 00184 ROMA Via del Viminale, 43 tel.

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Università degli Studi del Molise RELAZIONE ILLUSTRATIVA FONDO PER IL TRATTAMENTO ECONOMICO ACCESSORIO PER IL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Anno 2013 Relazione illustrativa Indice Modulo I Illustrazione

Dettagli

Circolare Informativa n 13/2014. Scadenze CCNL FEBBRAIO 2014

Circolare Informativa n 13/2014. Scadenze CCNL FEBBRAIO 2014 Circolare Informativa n 13/2014 Scadenze CCNL FEBBRAIO 2014 Pagina 1 di 11 INDICE 1) Abbigliamento e confezioni Aziende industriali pag.3 2) Alimentari PMI pag.3 3) Autotrasporti merci e logistica pag.3

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

CCNL per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata 2009-2011. Un contratto per il futuro.

CCNL per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata 2009-2011. Un contratto per il futuro. CCNL per i Dipendenti da Istituti di Vigilanza Privata 2009-2011. Un contratto per il futuro. Il settore della Vigilanza Privata italiana, in tempi recenti, ha conosciuto delle innovazioni di matrice normativa

Dettagli

Documento sulla politica di investimento

Documento sulla politica di investimento DEI DIPENDENTI DELLE IMPRESE DEL GRUPPO UNIPOL Iscrizione all Albo dei Fondi Pensione n 1292 Documento sulla politica di investimento Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 approvato

Dettagli

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione N. 141 OGGETTO: NOMINA DEL MOBILITY MANAGER D AREA DEL COMUNE DI NOVARA ATTO DI INDIRIZZO. L anno duemilaquattordici,

Dettagli

In data 23/08/2013 il/la sottoscritto/a FEZZARDI MARCO ha adottato la Determinazione Dirigenziale di seguito riportata.

In data 23/08/2013 il/la sottoscritto/a FEZZARDI MARCO ha adottato la Determinazione Dirigenziale di seguito riportata. PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AFFARI GENERALI, SERVIZI INFORMATIVI, POLIZIA PROVINCIALE SERVIZIO COORDINAMENTO TERRITORIALE Prot. Generale N. 0087553 / 2013 Atto N. 3785 OGGETTO:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 2013 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit Banca (di seguito

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RELAZIONE D.L. 18.10.2012, N.179, ART.34, CO. 20 E 21, CONVERTITO CON MODIFICHE DALLA L. N.221/2012

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 190/2014/R/GAS MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA Documento per la consultazione

Dettagli

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE DEI LAVORATORI DIPENDENTI DALLE IMPRESE DEL SISTEMA INDUSTRIALE INTEGRATO DI SERVIZI TESSILI E MEDICI AFFINI (Lavanderie Industriali) Premessa Il contesto nel quale

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DEI DIRIGENTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Sottoscritto in data 14.7.2011

CONTRATTO INTEGRATIVO DEI DIRIGENTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Sottoscritto in data 14.7.2011 CONTRATTO INTEGRATIVO DEI DIRIGENTI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Sottoscritto in data 14.7.2011 Il giorno 14 luglio dell anno 2011, alle ore 9,00, presso una sala del Rettorato, le

Dettagli

t r a le Delegazioni Sindacali di Banca Popolare di Vicenza di Dircredito, Fabi, Fiba-Cisl, Fisac-Cgil, Sinfub, Uil.C.A., UGL, P r e m e s s o c h e

t r a le Delegazioni Sindacali di Banca Popolare di Vicenza di Dircredito, Fabi, Fiba-Cisl, Fisac-Cgil, Sinfub, Uil.C.A., UGL, P r e m e s s o c h e II giorno 8 dicembre 2007, in Bergamo t r a UBI Banca S.c.p.a. Banca Popolare di Bergamo S.p.A. Banco di Brescia S.p.A. Banca Popolare Commercio & Industria S.p.A. di seguito Cedente, Banca Popolare di

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri DECRETO 400/2015 VISTA la Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri e successive modificazioni ed integrazioni;

Dettagli

Accordo territoriale per la Provincia Autonoma di Bolzano

Accordo territoriale per la Provincia Autonoma di Bolzano Accordo territoriale per la Provincia Autonoma di Bolzano Il giorno 27 del mese di Luglio dell anno 2005 tra Legacoop Bund di Bolzano, rappresentata da Alberto Stenico Ulderico Micocci e Iris Cagalli Confcooperatve

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO

AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO COMUNE DI NOICÀTTARO (Provincia di Bari) C.A.P. 70016 Tel. 080.4781313 Fax 080.4781298 C.F./P.Iva 05165930727 AMBITO TERRITORIALE N. 6 (COMUNI DI MOLA DI BARI RUTIGLIANO NOICATTARO) UFFICIO DI PIANO AVVISO

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

DIRIGENZA PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA ACCORDO SULL UTILIZZO DEI FONDI CONTRATTUALI PER GLI ANNI 2008, 2009 E 2010

DIRIGENZA PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA ACCORDO SULL UTILIZZO DEI FONDI CONTRATTUALI PER GLI ANNI 2008, 2009 E 2010 DIRIGENZA PROFESSIONALE, TECNICA ED AMMINISTRATIVA ACCORDO SULL UTILIZZO DEI FONDI CONTRATTUALI PER GLI ANNI 2008, 2009 E 2010 In data 21 Dicembre 2009, alle ore 10.30, presso la Sala Riunioni dell A.S.L.

Dettagli

PERSONALE DEL COMPARTO

PERSONALE DEL COMPARTO RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA E ILLUSTRATIVA AI SENSI DELL ART. 40 COMMA 3 SEXIES ALLEGATO ALLA PREINTESA DEL CONTRATTO INTEGRATIVO DELL AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LECCO 2006-2009 PER LE FINALITA

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

Dossier 2 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici. Dinamiche e confronti con il settore privato

Dossier 2 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici. Dinamiche e confronti con il settore privato Dossier 2 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici. Dinamiche e confronti con il settore privato Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Enrico Giovannini presso la Commissione Programmazione

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014 Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014 Nota informativa: Il Programma Ponte Generazionale in Lombardia

Dettagli

Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi.

Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi. Circolare n.3/2011 Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi. Il 6 aprile 2011 la Confcommercio insieme alla Fisascat Cisl e la Uiltucs Uil ha sottoscritto

Dettagli

Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (DIPE);

Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (DIPE); PROTOCOLLO D INTESATRA LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E LA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROGETTAZIONE DEL SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI MIP PREMESSO

Dettagli

IPOTESI DI PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL FEDERMECCANICA-ASSISTAL

IPOTESI DI PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL FEDERMECCANICA-ASSISTAL SEGRETERIE NAZIONALI Corso Trieste, 36-00198 - Roma - Tel. +39 06 852621 IPOTESI DI PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL FEDERMECCANICA-ASSISTAL definita dalle Segreterie nazionali Fim, Fiom, Uilm il 12

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Previdenza complementare: correggere lo svantaggio competitivo per i Fondi pensione del pubblico impiego rispetto al mercato

COMUNICATO STAMPA. Previdenza complementare: correggere lo svantaggio competitivo per i Fondi pensione del pubblico impiego rispetto al mercato Il FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE Roma, 18 dicembre 2014 Al Servizio economico- sindacale COMUNICATO STAMPA Previdenza complementare: correggere lo svantaggio competitivo per i Fondi pensione del pubblico

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 3 LUGLIO 2014 326/2014/R/GAS MODALITÀ PER IL RIMBORSO, AI GESTORI USCENTI, DEGLI IMPORTI RELATIVI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA

PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA PROTOCOLLO D INTESA PER L ANTICIPAZIONE SOCIALE DELL INDENNITÀ DI CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA In data 23 dicembre 2009 in Torino tra Provincia di Torino (di seguito Provincia ) Unicredit

Dettagli

IMPRESE DI PULIZIA, DISINFEZIONE, DISINFESTAZIONE, DERATTIZZAZIONE E SANIFICAZIONE Ipotesi di Accordo del 18 settembre 2014

IMPRESE DI PULIZIA, DISINFEZIONE, DISINFESTAZIONE, DERATTIZZAZIONE E SANIFICAZIONE Ipotesi di Accordo del 18 settembre 2014 Il 18 settembre 2014 è stato sottoscritto l accordo per il rinnovo del CCNL per i dipendenti dalle imprese artigiane esercenti Servizi di Pulizia, Disinfezione, Disinfestazione, Derattizzazione e Sanificazione

Dettagli

Il 2012 non ha prodotto serie iniziative di integrazione dei sistemi produttivi e del tessuto professionale di Inps, ex Inpdap, ex Enpals.

Il 2012 non ha prodotto serie iniziative di integrazione dei sistemi produttivi e del tessuto professionale di Inps, ex Inpdap, ex Enpals. Il 2012 non ha prodotto serie iniziative di integrazione dei sistemi produttivi e del tessuto professionale di Inps, ex Inpdap, ex Enpals. Il 2013 dovrà essere caratterizzato, a partire dal 1 aprile p.v.

Dettagli

COMUNICATO. Nella tarda serata del 18 giugno si è conclusa la trattativa raggiungendo una intesa sull ipotesi di rinnovo.

COMUNICATO. Nella tarda serata del 18 giugno si è conclusa la trattativa raggiungendo una intesa sull ipotesi di rinnovo. COMUNICATO Il giorno 17 giugno è ripresa la trattativa per il rinnovo del Contratto Integrativo Aziendale del Gruppo Allianz ed è proseguita il giorno successivo con l intento di giungere ad una fase finale.

Dettagli

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Nota informativa marzo 2014 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Provincia di Milano, Unione Confcommercio Milano, Associazioni imprenditoriali

Dettagli

14ª Proposta (Dec. G.C. del 30 dicembre 2014 n. 104)

14ª Proposta (Dec. G.C. del 30 dicembre 2014 n. 104) BOZZA DI STAMPA Protocollo RC n. 28129/14 Anno 2015 Ordine del giorno n. 4 14ª Proposta (Dec. G.C. del 30 dicembre 2014 n. 104) Indirizzi programmatici e linee guida per la predisposizione del nuovo Contratto

Dettagli

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro AGENDA In contratto di lavoro in Telecom Italia Sicurezza 1 Contrattazione: la vigenza Principali istituti Lo stato dell arte in Telecom Italia Principali temi trattati nel 1 livello di contrattazione

Dettagli

CONVENZIONE EXPO IN CITTÀ TRA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E. AGRICOLTURA DI MILANO (di seguito anche Camera di Commercio ), con

CONVENZIONE EXPO IN CITTÀ TRA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E. AGRICOLTURA DI MILANO (di seguito anche Camera di Commercio ), con CONVENZIONE EXPO IN CITTÀ TRA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI MILANO (di seguito anche Camera di Commercio ), con sede in Milano, Via Meravigli 9/b, P. IVA 04917150155, in persona

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 66 DATA 13/11/2014 OGGETTO: Misure organizzative per assicurare la tempestività

Dettagli

SISTEMA CODICE UNICO DI PROGETTO, CUP (codice: G17H03000130001), E SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI, MIP (codice: G17H03000130011)

SISTEMA CODICE UNICO DI PROGETTO, CUP (codice: G17H03000130001), E SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI, MIP (codice: G17H03000130011) SERVIZIO CENTRALE DI SEGRETERIA DEL CIPE UFFICIO VIII SISTEMA CODICE UNICO DI PROGETTO, CUP (codice: G17H03000130001), E SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI, MIP (codice: G17H03000130011) RAPPORTO

Dettagli

Poli di Innovazione. Polo di Innovazione INOLTRA: Innovazione nella Logistica e Trasporto. Questionario Informativo

Poli di Innovazione. Polo di Innovazione INOLTRA: Innovazione nella Logistica e Trasporto. Questionario Informativo Poli di Innovazione Decisione CE 2006/C/323/01; Decreto M.I.S.E. 27/3/2008 n. 87 POR FESR ABRUZZO 2007-2013 Attività I.1. Sostegno alla creazione dei Poli di innovazione Polo di Innovazione INOLTRA: Innovazione

Dettagli

Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori

Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori Statuto dell Ente Bilaterale Nazionale delle Società Concessionarie Autostrade e Trafori Art. 1 Costituzione, sede e durata Conformemente a quanto previsto dall art. 48 del Contatto Collettivo Nazionale

Dettagli

PROV. MILANO ACCORDO QUADRO. Premesso:

PROV. MILANO ACCORDO QUADRO. Premesso: ACCORDO QUADRO Premesso: o che coerentemente con quanto previsto dal piano industriale 2006-2009 al fine di proseguire e dare ulteriore impulso alla costante crescita conseguita negli ultimi anni, il Gruppo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA fra PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI MILANO GRUPPO TERZIARIO TURISTICO ASSOLOMBARDA UNIONE COMMERCIANTI ASSOTRAVEL-CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA fra PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI MILANO GRUPPO TERZIARIO TURISTICO ASSOLOMBARDA UNIONE COMMERCIANTI ASSOTRAVEL-CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA fra PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI MILANO GRUPPO TERZIARIO TURISTICO ASSOLOMBARDA UNIONE COMMERCIANTI ASSOTRAVEL-CONFINDUSTRIA ASTOI CONFESERCENTI-ASSOVIAGGI FIAVET LOMBARDIA per il

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE AZIENDE ARTIGIANE

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE AZIENDE ARTIGIANE UNIONE ITALIANA LAVORATORI TESSILI ABBIGLIAMENTO PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE AZIENDE ARTIGIANE Area TESSILE MODA Premessa Nell attuale fase di crisi finanziaria

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA 1 LEGGE REGIONALE. Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA 1 LEGGE REGIONALE. Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante DELLA PUGLIA 1 LEGGE REGIONALE Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante DELLA PUGLIA 2 LEGGE REGIONALE Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante Il Consiglio regionale

Dettagli

PATTO LOCALE TRA ENTI LOCALI E ASSOLOMBARDA PER LA SICUREZZA URBANA DELLE AREE PRODUTTIVE DEL SUD MILANO

PATTO LOCALE TRA ENTI LOCALI E ASSOLOMBARDA PER LA SICUREZZA URBANA DELLE AREE PRODUTTIVE DEL SUD MILANO Cerro al Lambro Melegnano Opera Rozzano San Donato Milanese San Giuliano Milanese Vizzolo Predabissi PATTO LOCALE TRA ENTI LOCALI E ASSOLOMBARDA PER LA SICUREZZA URBANA DELLE AREE PRODUTTIVE DEL SUD MILANO

Dettagli

Rinnovo del CCNL 18.7.2006 del settore elettrico

Rinnovo del CCNL 18.7.2006 del settore elettrico Rinnovo del CCNL 18.7.2006 del settore elettrico In data 5 Marzo 2010 è stato sottoscritto con Cgil-Filcem. Cisl-Flaei, Uil Uilcem, il rinnovo del CCNL 18.luglio 2006 scaduto il 30 giugno 2009. Il rinnovato

Dettagli

INTEGRAZIONE DEL CCDI 2006-2009 ANNO 2010

INTEGRAZIONE DEL CCDI 2006-2009 ANNO 2010 INTEGRAZIONE DEL CCDI 2006-2009 ANNO 2010 Il 29 dicembre 2010 si sono incontrati i rappresentati della delegazione trattante di parte pubblica dell ente Regione Emilia-Romagna e i rappresentanti sindacali

Dettagli

IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ

IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ Il rinnovo del ccnl 28 maggio 2012 sottoscritto in data 9 luglio 2015, contiene novità di rilievo, come si illustra di seguito. DECORRENZA E DURATA (Art. 203) Il

Dettagli

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale

Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale Alcune Linee Guida per l affidamento di appalti di servizi e forniture agli organismi della cooperazione sociale 1. Premessa. A partire dalle indicazione della Giunta Comunale, il Settore Lavori Pubblici

Dettagli

Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes»

Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes» Workshop «Un nuovo modello di governance per la city logistics: i primi risultati dell Osservatorio Mobilità e Trasporti di Eurispes» Dalla distribuzione urbana alla smart logistics Fulvio Lino Di Blasio

Dettagli

ACCORDO QUADRO TRA L UFFICIO PARLAMENTARE DI BILANCIO (UPB) L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (ISTAT)

ACCORDO QUADRO TRA L UFFICIO PARLAMENTARE DI BILANCIO (UPB) L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (ISTAT) ACCORDO QUADRO TRA L UFFICIO PARLAMENTARE DI BILANCIO (UPB) E L ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA (ISTAT) PER DISCIPLINARE LA COLLABORAZIONE IN MATERIA DI MODELLI DI PREVISIONE MACROECONOMICA E MODELLI

Dettagli

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA)

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Come è nato e a cosa serve Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Il Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) è stato istituito dall art. 1 ter del Decreto Legge n. 249/ 2004 convertito dalla

Dettagli

ALLEGATO N. 1. Alla lettera di invito prot. n. 1185/ATM 681 del 04.06.2013. CAPITOLATO TECNICO (GARA C.I.G. n. 5162201F03) per l affidamento del

ALLEGATO N. 1. Alla lettera di invito prot. n. 1185/ATM 681 del 04.06.2013. CAPITOLATO TECNICO (GARA C.I.G. n. 5162201F03) per l affidamento del Via Giuseppe Caraci, 36 Palazzina D 5 piano tel. 06.41.58.45.08 fax 06.41.73.30.90 ALLEGATO N. 1 Alla lettera di invito prot. n. 1185/ATM 681 del 04.06.2013 CAPITOLATO TECNICO (GARA C.I.G. n. 5162201F03)

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PER LA MESSA IN GRADUATORIA A FAVORE DELLA FROSINONE MULTISERVIZI SPA DI 100 ADDETTI:

AVVISO DI SELEZIONE PER LA MESSA IN GRADUATORIA A FAVORE DELLA FROSINONE MULTISERVIZI SPA DI 100 ADDETTI: AVVISO DI SELEZIONE PER LA MESSA IN GRADUATORIA A FAVORE DELLA FROSINONE MULTISERVIZI SPA DI 100 ADDETTI: 7 addetti in qualità di impiegati amministrativi di concetto che siano in grado di svolgere con

Dettagli