A TUTTI I CALCIATORI E LE CALCIATRICI DILETTANTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A TUTTI I CALCIATORI E LE CALCIATRICI DILETTANTI"

Transcript

1

2

3 AIC PERCHÉ ASSOCIARSI PERCHÉ ASSOCIARSI PERCHÉ ASSOCIARSI A TUTTI I CALCIATORI E LE CALCIATRICI DILETTANTI Anche per la nuova stagione sportiva, con questa lettera rivolta a tutti i calciatori e a tutte le calciatrici dilettanti, Vi auguriamo di raggiungere tutti quei risultati di squadra e personali prefissati. Il calcio è un gioco di squadra fondato sui principi della lealtà sportiva. Questi principi devono essere rivolti sia alla classe arbitrale che agli avversari. Per questo Vi invitiamo a mantenere un comportamento corretto e leale, rispettoso dei valori sportivi e dei protagonisti fuori e dentro il rettangolo di gioco. La vittoria è importante, ma ha valore solo se ottenuta con sacrificio, passione e rispetto delle regole. Dipartimento Dilettanti Associazione Italiana Calciatori 1

4 PERCHÉ ASSOCIARSI PERCHÉ ASSOCIARSI AIC Seppure in condizioni difficili e senza alcuna concessione da parte degli interlocutori istituzionali, l AIC prosegue l attività di assistenza e miglioramento dello status del calciatore dilettante. Nel 2002 l AIC ha intrapreso la storica decisione di estendere la propria attività di tutela e supporto, iniziata nel 1968, anche ai calciatori dilettanti. È stato quindi dato il via ad un lavoro di confronto con la Lega Nazionale Dilettanti che ha portato, nella fase iniziale durata alcune stagioni, a risultati decisamente importanti: a) l abolizione del vincolo per i calciatori over 25; b) la previsione obbligatoria e la tutela di accordi economici per i calciatori/calciatrici partecipanti al Campionato Nazionale Dilettanti (Serie D), Serie A, A2 e B del Calcio a 5 e Serie A e B del Calcio Femminile. c) la sottoscrizione di un protocollo d intesa che, pur senza avere valore di norma, individua con precisione materie di interesse comune e fissa dei principi guida ai quali l AIC e soprattutto la LND dovranno conformare le rispettive attività istituzionali in previsione di possibili future modifiche regolamentari; d) la redazione di nuove norme finalizzate a garantire l obbligatorietà dell esecuzione delle delibere della CAE; e) la modifica dell art. 108 NOIF nel senso che l inclusione nelle liste di svincolo suppletive dei calciatori che hanno sottoscritto un regolare accordo economico ai sensi dell art. 94 ter è consentita nel solo caso in cui il modulo sia sottoscritto anche dai calciatori medesimi. Attualmente però il confronto con la Lega si è interrotto o è comunque in grave ritardo (non certo per volontà dell AIC), ma altre conquiste fondamentali per la categoria sono allo studio: innanzitutto, l ulteriore diminuzione dell età utile per chiedere lo svincolo, in quanto l Italia continua ad essere con la Grecia uno dei due paesi dell Europa occidentale nei quali la federazione calcistica riconosce la legittimità del vincolo sportivo per i calciatori dilettanti che hanno più di 18 anni. In proposito, l AIC ha intrapreso una procedura nel tentativo di attaccare il vincolo anche in sede giudiziaria. I ricorsi sono stati presentati e respinti in successione dalla Commissione Tesseramenti, dalla Corte di Giustizia Federale FIGC e in seguito dal TNAS (Tribunale Nazionale di Arbitrato dello Sport) del CONI. 2

5 AIC PERCHÉ ASSOCIARSI PERCHÉ ASSOCIARSI DIPARTIMENTO DILETTANTI AIC Il Dipartimento Dilettanti AIC rappresenta un ramo interno dell Associazione Italiana Calciatori che ha la specifica finalità di occuparsi dei calciatori e delle calciatrici dilettanti. L attività effettuata e sviluppata dal Dipartimento è finalizzata a dare seguito ai principi cardine dello Statuto AIC ovvero:... di tutelare gli interessi morali, professionali ed economici di tutti i propri associati e di intraprendere ogni iniziativa per il completo riconoscimento dei loro diritti costituzionalmente garantiti sia in ambito professionistico che dilettantistico.... Un po di storia Dal 10 aprile 2000 l AIC ha esteso la propria tutela anche a tutti i calciatori Dilettanti, al Calcio Femminile e al Calcio a 5. Nel maggio del 2011, con l elezione alla Presidenza di Damiano Tommasi, nasce il Dipartimento Dilettanti. Il Dipartimento viene inaugurato il 30 gennaio 2012 a Roma, alla presenza dei massimi esponenti del calcio italiano: il Presidente FIGC Abete, il Presidente LND Tavecchio, il Presidente della Lega Pro Macalli e il Presidente dell AIA Nicchi. Conquiste In questi 10 anni l AIC ha dato vita ad un lungo lavoro di confronto con le istituzioni e soprattutto con la Lega Nazionale Dilettanti attraverso il quale sono stati ottenuti a favore dei calciatori dilettanti risultati rilevanti: in primo luogo l abolizione graduale del vincolo sportivo, poi la tutela dei rapporti economici. Per quanto riguarda il vincolo, lo storico accordo AIC/LND ha portato nel luglio 2004 l età minima per ottenere lo svincolo a 25 anni. Sulla tutela degli accordi economici nel giugno 2003 è stata ottenuta l importante conquista di avere reso il loro deposito presso la FIGC obbligatorio oltre ad essere state previste delle penalizzazioni nei confronti delle società inadempienti. 3

6 PERCHÉ ASSOCIARSI PERCHÉ ASSOCIARSI AIC Recentemente, infine, è entrata in vigore la modifica dell art. 107 NOIF il quale ora prevede che l inclusione nelle liste di svincolo suppletive dei calciatori che hanno sottoscritto un regolare accordo economico ai sensi dell art. 94 ter è consentita nel solo caso in cui il modulo sia sottoscritto anche dai calciatori medesimi. Struttura e obiettivi Il Dipartimento Dilettanti comprende al proprio interno il Calcio a 11, il Settore Calcio Femminile, il Settore Calcio a 5, l ufficio legale e l ufficio previdenziale, offrendo agli associati assistenza per la risoluzione delle problematiche relative ai rapporti economici con le società, informazioni su questioni inerenti il tesseramento e di carattere assicurativo nonché su tutte quelle materie di carattere normativo, previdenziale e fiscale che coinvolgono i calciatori. Il Dipartimento Dilettanti, inoltre, grazie ad una rete organizzata di collaboratori regionali, garantisce la sua presenza presso le squadre dilettanti su tutto il territorio nazionale. L ufficio legale può contare su una rete di avvocati fiduciari che permette di dare assistenza ai calciatori in ogni regione d Italia. Gli obiettivi principali del Dipartimento sono: l abolizione del vincolo e il miglioramento della tutela sanitaria del calciatore dilettante. Sulla problematica concernente l abolizione del vincolo sportivo il Dipartimento sta continuando a lavorare sul progetto che prevede ulteriori e graduali diminuzioni di età, in modo da arrivare allo svincolo al compimento del diciottesimo anno di età come prevedono le normative dei principali paesi europei. 4

7 AIC PERCHÉ ASSOCIARSI PERCHÉ ASSOCIARSI Settore Calcio Femminile Il Settore Calcio Femminile opera all interno del Dipartimento Dilettanti dell Associazione Italiana Calciatori informando, assistendo e tutelando le giocatrici di tutte le categorie. Le squadre di club e le nazionali sono visitate personalmente dalla Responsabile e dai collaboratori regionali per creare sinergie divulgative e di sviluppo per il settore. Viene svolta un importante opera di relazione e di confronto con la FIGC, la Lega Nazionale Dilettanti, il Dipartimento Calcio Femminile e altre istituzioni nella gestione della normativa e dei rapporti politici necessari per il funzionamento del sistema. Per di più, attraverso l ufficio legale del Dipartimento Dilettanti, vengono assistite le calciatrici nelle vertenze contro le società oltre che nello svolgimento delle pratiche assicurative e su ogni questione legale. Il calcio femminile ha un proprio rappresentante nel Consiglio Direttivo dell AIC e ha suoi rappresentanti nella Commissione Federale di Sviluppo e Promozione dell attività femminile. La presenza del calcio femminile all interno dell AIC, consentito grazie al Decreto Melandri, ha rappresentato una crescita importante per la figura della calciatrice. Nel corso degli anni, a livello sindacale sono state raggiunte conquiste importanti: - l assegno di liquidazione infortunio intestato direttamente alla calciatrice; - l abolizione graduale del vincolo a 25 anni; - l introduzione e la tutela dei rapporti economici, in base alla quale le società che non saldano le delibere della CAE riceveranno delle penalizzazioni a stagione in corso, o non verranno ammesse al campionato di competenza se la situazione di morosità persisterà oltre il 30 maggio di ciascuna stagione sportiva; - lo svincolo concordato di dicembre; - la ripartizione dell infortunio in nazionale al 50% tra giocatrice e club; - la presenza a bordo campo dell ambulanza durante le partite; - il gettone di presenza per le partite disputate con la maglia azzurra. 5

8 PERCHÉ ASSOCIARSI PERCHÉ ASSOCIARSI AIC Nel 2012 è stato fatto un ulteriore passo in avanti con la creazione del Settore Calcio Femminile che si prefigge l obiettivo principale di informare, assistere e tutelare le giocatrici di tutte le categorie attraverso i suoi uffici, ed estende la sua attività visitando le squadre e le nazionali con la Responsabile e i collaboratori regionali per creare sinergie divulgative e di sviluppo per l intero settore. La direzione futura mira a raggiungere degli obiettivi per un attività maggiormente garantita e tutelata ed è rivolta anche ad un opera di sensibilizzazione e promozione del movimento attraverso l ufficio marketing e comunicazione. Il futuro e prossimo obiettivo da raggiungere sicuramente sarà quello di modifica dello status delle calciatrici che militano nel campionato di Serie A equiparabili agli atleti professionisti. È stato realizzato, inoltre, il libro Il calcio è donna per diffondere l immagine della donna che gioca a calcio, prima pubblicazione nel suo genere. Settore Calcio a 5 Il Settore Calcio a 5 opera all interno del Dipartimento Dilettanti dell Associazione Italiana Calciatori informando, assistendo e tutelando i giocatori di Calcio a 5 di Serie A, A2, B e Femminile, ed anche i calciatori del settore Regionale. Il Settore svolge una fondamentale opera di relazione e di confronto con la FIGC, la Lega Nazionale Dilettanti e, in modo particolare, con la Divisione Calcio a 5 per la gestione di tutta la normativa che riguarda il rapporto giocatori di Calcio a 5/società. Con la riforma del calcio dilettantistico del 2002, che ha previsto l abolizione graduale del vincolo sportivo e la tutela degli accordi economici, sono state introdotte le prime significative tutele per il giocatore di Calcio a 5. Prima fra tutte la disciplina specifica che prevede (art. 94 ter, comma 7 delle NOIF), per i soli giocatori di Calcio a 5 che svolgono attività a livello nazionale, la possibilità di sottoscrivere accordi economici pluriennali (per un massimo di tre stagioni sportive); in caso di accordo pluriennale è inoltre possibile inserire nell accordo 6

9 AIC PERCHÉ ASSOCIARSI PERCHÉ ASSOCIARSI stesso una ulteriore indennità rispetto al massimale previsto per i calciatori dilettanti. Questo meccanismo viene completato dalla previsione, per il giocatore di Calcio a 5 che ha ottenuto l accertamento di un credito pari al 30% della somma risultante dall accordo depositato, di uno specifico svincolo per morosità. Nel 2011, poi, è stata introdotta la cosiddetta variazione di tesseramento (art. 118 delle NOIF), un vero e proprio doppio tesseramento che consente al calciatore dilettante, tesserato per una società di Calcio a 11, nei periodi fissati dal Consiglio Federale, di tesserarsi per una diversa società di Calcio a 5 senza richiedere preventivamente il consenso alla società cedente. Tale possibilità è stata prevista anche per il giocatore di Calcio a 5 che intenda tesserarsi per una diversa società di Calcio a 11. L evoluzione dello status professionale del giocatore di Calcio a 5 ed il continuo miglioramento della normativa che regola i rapporti fra giocatori di Calcio a 5 e società, sono i punti fermi sui quali il Settore sta concentrando i propri sforzi. Il Calcio a 5 ha un proprio rappresentante nel Consiglio Direttivo dell AIC, inoltre partecipa attivamente all attività della Divisione Calcio a 5 attraverso la partecipazione costante ai Consigli Direttivi e alle riunioni istituzionali attraverso propri rappresentanti. Opera in continua sinergia con il Dipartimento Dilettanti e con l Associazione Italiana Calciatori. 7

10 LA PREVIDENZA PER GLI EX PROFESSIONISTI LA PREVIDENZA PER GLI EX PROFESSIONISTI AIC LA PREVIDENZA Fino al 1973 per i calciatori professionisti non era prevista una vera e propria tutela previdenziale. L Associazione Calciatori ha caldeggiato una soluzione a tale carenza, chiedendo formalmente che i calciatori venissero iscritti all E.N.P.A.L.S., viste le notevoli affinità esistenti tra le prestazioni rese dai calciatori e quelle degli altri lavoratori dello spettacolo. Il legislatore ha raccolto la proposta con la legge 14/06/1973, n. 366, che all art. 1 dispone che l assicurazione obbligatoria per l invalidità, la vecchiaia ed i superstiti gestita dall E.N.P.A.L.S. sia estesa a calciatori vincolati da contratto con società professionistiche. Attualmente le norme prevedono, per i calciatori che hanno sottoscritto il primo contratto da professionista entro il 31/12/95, per l acquisizione del diritto contributivo, il versamento di un numero di contributi compresi tra i ed i 5.200, a seconda della data della sottoscrizione del primo contratto. Anzianità assicurativa e contributiva Almeno un contributo entro il 31/12/1995 Requisito contributivo e anagrafico - Compimento del 53 anno anagrafico - 20 anni di assicurazione e contribuzione Enpals - Sistema applicato: Misto Per i calciatori che hanno stipulato il primo contratto da professionista a partire dal 01/01/1996 il requisito pensionistico si raggiunge soddisfacendo i requisiti riportati nella tabella riassuntiva a fianco. 8

11 AIC LA PREVIDENZA PER GLI EX PROFESSIONISTI LA PREVIDENZA PER GLI EX PROFESSIONISTI Anzianità assicurativa e contributiva Primo contributo dopo l 01/01/1996 Requisito contributivo e anagrafico Per i lavoratori che hanno il primo versamento in data successiva al 1 gennaio 1996 il sistema previdenziale è contributivo. Il diritto alla pensione è conseguito in presenza dei seguenti requisiti: 1. un anzianità assicurativa minima di anni importo della pensione maturata non inferiore all assegno sociale (euro 429,00) moltiplicato per 1,5 (decreto Salva Italia, art. 24, comma 7) contributi versati 4. Età minima di 66 anni* *Nei casi in cui l importo maturato fosse inferiore al punto 2 si può accedere al pensionamento al raggiungimento del settantesimo anno di età con un anzianità contributiva/assicurativa non inferiore ai 5 anni. LA PREVIDENZA PER GLI EX PROFESSIONISTI È previsto il requisito anagrafico di 63 anni con almeno 20 anni di contribuzione effettiva, vincolato all ammontare mensile della prima rata di pensione che deve risultare non inferiore a 2,8 volte l importo mensile dell assegno sociale (decreto Salva Italia, art. 24, comma 11) 9

12 LA PREVIDENZA PER GLI EX PROFESSIONISTI LA PREVIDENZA PER GLI EX PROFESSIONISTI AIC Specificità per lo sportivo professionista Per i calciatori che hanno sottoscritto il primo contratto dopo il 01/01/1996, in considerazione del fatto che la norma consente di anticipare l età pensionabile (1 ogni 4 di versamento con la qualifica di sportivo professionista) tutti i riferimenti anagrafici di cui sopra potranno essere anticipati di anni fino ad un massimo di 5 anni con 20 anni di contribuzione. Dal 1 gennaio 2013 è stato introdotto l adeguamento dell età pensionabile all incremento della speranza di vita accertato dall Istat. In pratica, se la vita media della popolazione aumenta, ci sarà un adeguamento dei requisiti per l accesso alla pensione. È stato fissato per il triennio 2013/2015 un innalzamento forfetario, per tutte le prestazioni professionistiche, di tre mesi. In caso di interruzione o di cessazione dell attività di sportivo professionista, il calciatore può proseguire volontariamente l assicurazione obbligatoria per maturare e/o migliorare la misura della pensione. Il calciatore prima di iniziare la carriera professionistica, o molto più di frequente, al termine della stessa, può intraprendere un altra attività lavorativa e versare quindi contributi presso altri Istituti Previdenziali (I.N.P.S., Fondi Speciali, Casse Autonome dei liberi professionisti, ecc.). In questo caso la legge prevede la possibilità di ricongiungere i contributi versati come sportivo con quelli versati presso altri Enti. I calciatori che hanno giocato come professionisti negli anni precedenti al 1973 o quelli a cui le società non hanno versato i contributi dovuti e che sono caduti in prescrizione, possono inoltrare domanda di riscatto per i periodi in oggetto. Dalla stagione sportiva 2003/2004 l Aic ha voluto con insistenza una modifica regolamentare che prevede per le Società professionistiche, ai fini dell iscrizione al Campionato di competenza, l obbligo di dimostrare l assenza di debiti contributivi nei confronti dell E.N.P.A.L.S. e del Fondo Indennità di fine carriera o, in alternativa di inoltrare all Ente previdenziale la domanda di rateizzazione del debito maturato. Ha inoltre ottenuto dall E.N.P.A.L.S., per tutti i calciatori iscritti presso l Ente, la possibilità di controllare il pro- 10

13 AIC LA PREVIDENZA PER GLI EX PROFESSIONISTI LA PREVIDENZA PER GLI EX PROFESSIONISTI prio estratto contributivo, correggere eventuali errori nella registrazione dei contributi e segnalare quelli non versati, entrando direttamente nella rete internet. Al riguardo è necessario contattare l AIC che, in base ad una convenzione sottoscritta con l INPS/E.N.P.A.L.S., può verificare l estratto contributivo direttamente via web. Se, - vuoi controllare il tuo estratto contributivo in tempo reale, collegandoti in internet; - vuoi sapere se le Società in cui hai giocato hanno versato regolarmente i contributi; - vuoi avere la certezza di avere soddisfatto il requisito contributivo e/o anagrafico o vuoi sapere quanto ti manca per raggiungerlo,... devi solamente collegarti al sito e scaricare il modulo di delega, spedirlo in Associazione corredandolo di una fotocopia di un documento di riconoscimento e del codice fiscale. Oltre a una risposta informativa riguardante la tua situazione previdenziale, potrai in futuro, registrandoti all indirizzo ed inserendo i tuoi dati contributivi, effettuare un conteggio dell importo della pensione maturato ad oggi. Ricordiamo infine che il tesserino Enpals non è più attivo da quando l Ente è entrato a far parte dell Inps. Dovrai pertanto richiedere il nuovo codice pin all indirizzo e da qui potrai visualizzare tutti i contributi versati anche in casse diverse. Se, - vuoi avere dei chiarimenti, approfondimenti o informazioni in materia previdenziale; - vuoi inoltrare domanda di prosecuzione volontaria, di riscatto, di ricongiunzione o di pensione,... devi contattare telefonicamente l Associazione Italiana Calciatori, che sarà in grado di chiarire ogni tuo dubbio in materia pensionistica. 11

14 NORMATIVA E FORMULARIO - SVINCOLI - ACCORDO ECONOMICO NORMATIVA E FORMULARIO - SVINCOLI - ACCORDO ECONOMICO AIC SVINCOLO 1) Svincolo del calciatore: norma definitiva Tutti i calciatori che entro il termine di ciascuna stagione sportiva (30 giugno) hanno anagraficamente compiuto il 25 anno di età, possono chiedere ai Comitati ed alle Divisioni di appartenenza lo svincolo per decadenza del tesseramento ai sensi dell art. 32 bis delle N.O.I.F.. 2) Lo svincolo ed i successivi tesseramenti È importante sottolineare che tutti i calciatori che hanno già chiesto ed ottenuto nelle scorse stagioni lo svincolo per decadenza del tesseramento, sono automaticamente svincolati al 30 giugno della stagione sportiva successiva. Pertanto, ai fini del tesseramento, sia con la stessa che con una nuova società dilettantistica, non è assolutamente richiesta la riproposizione di una richiesta di svincolo ma la semplice sottoscrizione di un nuovo tesseramento, utilizzando il modulo federale denominato Aggiornamento Posizione di Tesseramento. 3) Come richiedere lo svincolo Le richieste di svincolo devono essere inviate personalmente dal calciatore nel periodo compreso tra il 15 giugno ed il 15 luglio di ciascun anno. Peraltro, devono comunque pervenire entro il 30 luglio. Le richieste devono essere redatte in duplice copia ed inviate per mezzo di una lettera raccomandata A.R. o di un telegramma ai seguenti destinatari: a) al Comitato o alla Divisione competente; b) alla società di appartenenza. 4) A chi inviare la richiesta I calciatori tesserati con società partecipanti al Campionato Nazionale Dilettanti (Serie D) devono inviare la richiesta di svincolo al Dipartimento Interregionale (Piazzale Flaminio, Roma). 12

15 AIC NORMATIVA E FORMULARIO - SVINCOLI - ACCORDO ECONOMICO NORMATIVA E FORMULARIO - SVINCOLI - ACCORDO ECONOMICO I calciatori tesserati con società partecipanti ai campionati nazionali di Serie A, A2 e B di Calcio a 5 devono inviare la richiesta di svincolo alla Divisione Calcio a 5 (Via Po, Roma). Tutti gli altri calciatori/calciatrici devono inviare la richiesta di svincolo ai rispettivi Comitati Regionali. 5) Impugnazione del provvedimento Avverso i provvedimenti di concessione o di diniego dello svincolo, le parti direttamente interessate potranno proporre reclamo innanzi alla Commissione Tesseramenti, entro il termine di decadenza di 7 giorni dalla pubblicazione del provvedimento su Comunicato Ufficiale. NORMATIVA E FORMULARIO SVINCOLI ACCORDO ECONOMICO 13

16 NORMATIVA E FORMULARIO - SVINCOLI - ACCORDO ECONOMICO NORMATIVA E FORMULARIO - SVINCOLI - ACCORDO ECONOMICO AIC (firma del calciatore) 14

17 AIC NORMATIVA E FORMULARIO - SVINCOLI - ACCORDO ECONOMICO NORMATIVA E FORMULARIO - SVINCOLI - ACCORDO ECONOMICO SVINCOLO PER RINUNCIA E ACCORDO ECONOMICO (Art. 107 NOIF) L AIC ha conseguito un obiettivo di primaria importanza per tutti i calciatori e calciatrici dilettanti che sottoscrivono un accordo economico (Serie D e Serie A e B di Calcio Femminile e di Serie A1, A2 e B Calcio a 5): in caso di inserimento nelle liste di svincolo suppletive previste all art. 107 NOIF (2-17 dicembre), lo svincolo sarà efficace nel solo caso in cui l inclusione nella lista sia concordata con il calciatore. Pertanto è stata assicurata la piena tutela degli accordi economici stipulati e depositati dai calciatori, i cui nominativi non potranno più essere inseriti a discrezione delle società nelle liste di svincolo suppletive. Il testo dell art. 107, comma 1, delle NOIF (contrassegnato in grassetto), è così formulato: «La rinuncia al vincolo del calciatore non professionista, giovane dilettante o giovane di serie da parte della società si formalizza mediante la compilazione e sottoscrizione di un modulo, predisposto dalla Segreteria Federale, denominato lista di svincolo. Per i calciatori non professionisti, giovani dilettanti e giovani di serie l inclusione in lista è consentita ad inizio stagione e in periodo suppletivo con le modalità e nei termini annualmente fissati dal Consiglio Federale. L inclusione nelle liste di svincolo suppletive dei calciatori non professionisti che hanno sottoscritto un regolare accordo ai sensi dell art. 94 ter è consentita nel solo caso in cui il modulo di cui al capoverso precedente sia sottoscritto anche dai calciatori medesimi. L inclusione in lista di svincolo di un calciatore non professionista, giovane dilettante o giovane di serie, purché tesserati entro il 30 giugno e il 30 novembre, è consentita una sola volta per ciascuno dei due periodi stabiliti dal Consiglio Federale. Salvo quanto previsto dal precedente comma, il calciatore svincolato ha diritto, in qualsiasi momento della stagione sportiva, purché non ricompreso nei periodi suddetti, di richiedere il tesseramento a favore di qualsiasi Società. Il modulo di richiesta denominato aggiornamento della posizione di tesseramento, è sottoscritto anche dall esercente la potestà genitoriale qualora il calciatore sia minore di età. I calciatori giovani tesserati con vincolo annuale entro il 30 novembre possono essere inclusi in lista di svincolo da parte della Società nel periodo fissato annualmente dal Consiglio Federale per le liste di svincolo suppletive». In conclusione, è quindi da ricordare che solo con la firma dei calciatori interessati le liste di svincolo suppletive faranno venir meno il tesseramento, e quindi la validità dell accordo economico, dei calciatori medesimi. 15

18 NORMATIVA E FORMULARIO - SVINCOLI - ACCORDO ECONOMICO NORMATIVA E FORMULARIO - SVINCOLI - ACCORDO ECONOMICO AIC SVINCOLO PER ACCORDO Art. 108 (NOIF) 1. Le Società possono convenire con i calciatori non professionisti e giovani dilettanti accordi per il loro svincolo da depositare, a pena di nullità, presso i competenti Comitati e Divisioni della L.N.D. entro venti giorni dalla stipulazione. 2. Lo svincolo avviene conseguentemente da parte degli organi federali competenti, nei termini stabiliti annualmente dal Consiglio Federale. 3. Le parti interessate, in caso di contestazione sulla validità degli accordi depositati, possono proporre reclamo alla Commissione Tesseramenti entro trenta giorni dalla data in cui il competente Comitato o Divisione della L.N.D. ha provveduto a restituire all interessato copia dell accordo. 16

19 NORMATIVA E FORMULARIO - SVINCOLI - ACCORDO ECONOMICO NORMATIVA E FORMULARIO - SVINCOLI - ACCORDO ECONOMICO AIC MODULO PER IL TESSERAMENTO DEI CALCIATORI DILETTANTI Riportiamo qui a fianco il modulo per il tesseramento dei calciatori del settore dilettanti. Per i calciatori già svincolati ai sensi dell art. 32 ter, barrare la casella VINCOLO ANNUALE. 17

20 NORMATIVA E FORMULARIO - SVINCOLI - ACCORDO ECONOMICO NORMATIVA E FORMULARIO - SVINCOLI - ACCORDO ECONOMICO AIC ACCORDI ECONOMICI PER I CALCIATORI DEI CAMPIONATI NAZIONALI DELLA L.N.D. * (La normativa sotto riportata potrebbe essere oggetto di modifica nel corso della Stagione ) 1) L accordo economico I calciatori tesserati con società partecipanti ai Campionati Nazionali della L.N.D. devono sottoscrivere, su apposito modulo, accordi economici annuali relativi alle loro prestazioni sportive. Ricordiamo che la sottoscrizione dell accordo, ai sensi degli artt. 29 punto 3 e 94 ter punto 2 N.O.I.F., è obbligatoria. Gli accordi possono prevedere la determinazione delle indennità di trasferta, i rimborsi forfetari di spese e voci premiali (legate alla partecipazione all attività agonistica) o, in via alternativa e non concorrente, l erogazione di una somma lorda annuale, da corrispondersi in 10 rate mensili di uguale importo. 2) Deposito dell accordo Gli accordi devono essere obbligatoriamente depositati presso il Comitato e le Divisioni di competenza, con le seguenti modalità: a) 15 giorni dalla data di sottoscrizione dell accordo con contestuale comunicazione al calciatore, se il deposito avviene a cura della società; b) 25 giorni dalla data di sottoscrizione dell accordo, se il deposito avviene a cura del calciatore, che quindi ha 10 giorni in più per depositare l accordo nel caso in cui non vi provveda la società. La validità dell accordo cessa in caso di trasferimento del calciatore, sia a titolo definitivo che temporaneo, nel corso della stagione sportiva. c) L AIC ha concordato con la L.N.D. di deferire per violazione dell art. 1 del Codice di Giustizia Sportiva tutte quelle società che, previa segnalazione del calciatore, si rifiuteranno di sottoscrivere l accordo economico. 18

21 AIC NORMATIVA E FORMULARIO - SVINCOLI - ACCORDO ECONOMICO NORMATIVA E FORMULARIO - SVINCOLI - ACCORDO ECONOMICO 3) Limiti dell accordo Gli accordi concernenti i rimborsi forfetari di spese e le indennità di trasferta non potranno superare il tetto di euro 61,97 al giorno per un massimo di 5 giorni alla settimana durante il periodo di campionato, e per un massimo di 45 giorni se relativi alla fase di preparazione all attività stagionale. Per quanto concerne l attività agonistica relativa a gare di Campionato e Coppa Italia, gli accordi non potranno prevedere somme superiori ad euro 77,47 per ciascuna prestazione. Nel caso in cui venga invece concordata l erogazione di una somma lorda annuale, l accordo non potrà prevedere un importo superiore ad euro ,00. 4) Durata dell accordo economico nel Calcio a 5 In deroga a quanto sopra esposto, i calciatori tesserati per società di Calcio a 5 che disputano Campionati Nazionali, possono concordare l erogazione di somme annuali lorde per un periodo massimo di tre stagioni sportive. In caso di accordi economici pluriennali, oltre alla somma annuale lorda, gli accordi possono prevedere la corresponsione di una ulteriore indennità, per la durata pluriennale dell accordo, a favore del calciatore. 5) Accordi in contrasto con le norme Sono vietati e comunque nulli e privi di ogni efficacia gli accordi che prevedano l erogazione di somme superiori a quelle fissate. La loro sottoscrizione costituisce illecito disciplinare ai sensi dell art. 8, nn. 8 e 11 del Codice di Giustizia Sportiva, e comporta il deferimento delle parti innanzi ai competenti Organi della Giustizia Sportiva. 19

22 NORMATIVA E FORMULARIO - SVINCOLI - ACCORDO ECONOMICO NORMATIVA E FORMULARIO - SVINCOLI - ACCORDO ECONOMICO AIC ACCORDO ECONOMICO Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra la società ed il calciatore/calciatrice non professionista sottoindicati, si conviene quanto segue: SOCIETÀ SEDE n P. IVA rappresentata da... qualifica COGNOME E NOME DEL CALCIATORE/CALCIATRICE... DATA E LUOGO DI NASCITA... DOMICILIO CODICE FISCALE MATRICOLA F.I.G.C. Art. 1 - Il Sig./La Sig.ra... si impegna, nella sua qualità di calciatore/ calciatrice non professionista (come sarà fin d ora individuato nell accordo economico), ex art. 81, comma 1, lettera m) del D.P.R. 917/86, a prestare la sua attività nelle squadre della Società a decorrere dal... e fino al 30 giugno..., escludendo espressamente ogni forma di lavoro subordinato. Art. 2 - La Società si impegna ad assicurargli/le le condizioni necessarie per una preparazione tecnica adeguata al suo status di non professionista, in particolare per quanto riguarda la partecipazione all attività di addestramento, allenamento ed agonistica, ed a corrispondere al Sig./alla Sig.ra : un importo annuo lordo di Euro...(...), nel rispetto dei massimali previsti all art. 94 ter, punto 6, N.O.I.F. (per accordi economici pluriennali relativi a calciatori tesserati per Società di Calcio a 5 indicare la somma pattuita per ciascuna stagione sportiva) oppure, in via alternativa e non concorrente, Euro giornalieri... (...) a titolo di indennità di trasferta, nel rispetto dei massimali previsti all art. 94 ter, punti 3 e 5 NOIF; Euro giornalieri... (...) a titolo di rimborso forfetario di spesa, nel rispetto dei massimali previsti all art. 94 ter, punti 3 e 5 NOIF; Euro... (...) per ogni convocazione relativa alla disputa di una partita di Campionato e Coppa Italia, nel rispetto dei massimali previsti all art. 94 ter, punto 4. Art. 3 - In nessun caso il buon fine dell accordo economico è garantito in solido dalla L.N.D.. Il calciatore/la calciatrice è tenuto, in caso di inottemperanza della Società all accordo depositato, ad adire la competente Commissione Accordi Economici (C.A.E.) della L.N.D.. Art. 4 - Il calciatore partecipante al Campionato di Serie A, A2 e B del Calcio a 5 che nel corso od alla fine della stagione sportiva vanti un credito minimo pari al 30% dell importo annuo previsto dall accordo economico, potrà chiedere alla competente Commissione Accordi Economici (C.A.E.) della L.N.D. lo svincolo per morosità nei termini e con le modalità stabilite all art. 21 bis del Regolamento della L.N.D.. Art. 5 - La Società si impegna ad erogare la somma annua prevista nell accordo economico, in dieci rate mensili di uguale importo, entro la stagione sportiva di riferimento, attenendosi alle previsioni fiscali di Legge. Se le corresponsioni sono state pattuite in via alternativa a titolo di indennità di trasferta, rimborso forfetario di spesa e voci premiali, la Società si impegna ad erogare gli importi relativi al termine del mese di maturazione. Art. 6 - Ove nell accordo economico depositato sia stata pattuita l erogazione di una somma lorda annuale, ed il calciatore/la calciatrice non abbia fornito le prestazioni o le abbia fornite in misura ridotta senza giustificati motivi ovvero in conseguenza di malattia od infortunio indipendenti dall attività sportiva, l importo concordato come da accordo depositato potrà essere proporzionalmente diminuito in relazione alle giornate di assenza. Ove la malattia o l infortunio dipendano invece dall attività sportiva, e si siano protratti oltre i sei mesi, la Società avrà la facoltà di rescindere l accordo, corrispondendo comunque le mensilità sino ad allora maturate. Art. 7 - A tutti gli effetti del presente accordo economico la Società elegge domicilio presso la propria sede, il calciatore/la calciatrice, nel luogo indicato in epigrafe, salvo variazioni delle quali dovrà essere data comunicazione scritta alla Società. Art. 8 - Le norme statutarie e regolamentari della F.I.G.C. nonché i principi e le regole contenute nel protocollo d intesa tra L.N.D. e A.I.C., si intendono richiamate per quanto non previsto dal presente accordo. Luogo e data... Per la Società Il calciatore/la calciatrice Le parti dichiarano di aver preso esatta cognizione del contenuto delle clausole previste dagli artt della presente convenzione e le approvano specificatamente.... Per la Società Il calciatore/la calciatrice N.B. - Il presente accordo, in triplice esemplare, deve essere obbligatoriamente depositato, per i calciatori/calciatrici partecipanti al Campionato Nazionale Dilettanti (Serie D), Serie A, A2 e B del Calcio a 5 e Serie A e B del Calcio Femminile, a cura della Società, rispettivamente presso il Comitato Interregionale (Piazzale Flaminio, Roma), la Divisione Calcio a 5 (Via Po, Roma) e il Dipartimento Calcio Femminile (Piazzale Flaminio, Roma) della L.N.D. in Piazzale Flaminio, Roma, entro il quindicesimo giorno successivo alla data di stipulazione, con contestuale comunicazione al calciatore; qualora la società non vi provveda, il deposito può essere fatto dal calciatore entro 25 giorni dalla data di sottoscrizione dell accordo. In entrambi i casi, il deposito dovrà comunque essere effettuato entro 30 giorni dalla data del nuovo tesseramento ed entro il 30 settembre per i calciatori confermati. Un ulteriore copia della convenzione, regolarmente sottoscritta, deve essere consegnata al calciatore/calciatrice al momento della stipulazione. 20

NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C.

NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C. NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C. Parte II LE FUNZIONI TITOLO VII. - RAPPORTI TRA SOCIETA E CALCIATORI Art. 91 Doveri delle società 1. Le società, in relazione alla Serie di appartenenza, sono

Dettagli

COMUNICAZIONE ALLE SOCIETA INVIO DOCUMENTAZIONE

COMUNICAZIONE ALLE SOCIETA INVIO DOCUMENTAZIONE COMUNICAZIONE ALLE SOCIETA LE LISTE DI SVINCOLO PER RINUNCIA (EX ART.107 N.O.I.F.) PRODOTTE ON LINE DALLA SOCIETA, PER AVERE VALIDITA DEVONO ESSERE RESE DEFINITIVE, STAMPATE, FIRMATE DAL LEGALE RAPPRESENTANTE

Dettagli

TESSERAMENTI E TRASFERIMENTI

TESSERAMENTI E TRASFERIMENTI TESSERAMENTI E TRASFERIMENTI TERMINI E MODALITA STABILITI DALLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI PER L INVIO DELLE LISTE DI SVINCOLO, PER LE VARIAZIONI DI TESSERAMENTO E PER I TRASFERIMENTI FRA SOCIETA DEL SETTORE

Dettagli

NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C.

NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C. NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C. Parte I I SOGGETTI TITOLO Vl. - I CALCIATORI Art. 27 I calciatori 1. I calciatori tesserati per la F.I.G.C. sono qualificati nelle seguenti categorie: a) "professionisti";

Dettagli

Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti

Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti COMITATO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Viale Alcide De Gasperi, 42 40132 BOLOGNA Tel. 051/31.43.880 Fax 051/31.43.881-900 Sito Web: www.figc-dilettanti-er.it

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O COMUNICATO UFFICIALE N. 285/A TERMINI DI TESSERAMENTO PER LA STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 PER SOCIETÀ DI SERIE

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O COMUNICATO UFFICIALE N. 168/A TERMINI DI TESSERAMENTO PER LA STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 PER SOCIETA DI SERIE

Dettagli

DIPARTIMENTO INTERREGIONALE

DIPARTIMENTO INTERREGIONALE Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti DIPARTIMENTO INTERREGIONALE Piazzale Flaminio, 9-00196 ROMA (RM) TEL. (06)328221 FAX: (06)32822717 SITO INTERNET: http://www.lnd.it/ Stagione

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O COMUNICATO UFFICIALE N.183 TERMINI E MODALITA' STABILITI DALLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI PER L'INVIO DELLE

Dettagli

PERIODI TESSERAMENTI 2014/2015

PERIODI TESSERAMENTI 2014/2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 169/A PERIODI TESSERAMENTI 2014/2015 TERMINI E MODALITA' STABILITI DALLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI PER L'INVIO DELLE LISTE DI SVINCOLO, PER LE VARIAZIONI DI TESSERAMENTO E PER I

Dettagli

I c.d. fuori rosa e la risoluzione del contratto di prestazione sportiva: aspetti giuridici

I c.d. fuori rosa e la risoluzione del contratto di prestazione sportiva: aspetti giuridici I c.d. fuori rosa e la risoluzione del contratto di prestazione sportiva: aspetti giuridici Nell ambito delle Leghe Nazionali Professionistiche di Calcio Serie A Tim e Serie Bwin è argomento di stretta

Dettagli

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE

COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE COMUNICAZIONE DATI CERTIFICAZIONI LAVORO DIPENDENTE, ASSIMILATI ED ASSISTENZA FISCALE la comunicazione richiede tutti i dati già presenti nelle certificazioni rilasciate ai dipendenti. In particolare i

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O COMUNICATO UFFICIALE N. 151/A - Nella riunione del 27 aprile 2012 ha deliberato: Il Consiglio Federale TERMINI

Dettagli

NORME GENERALI PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITÀ GIOVANILI 1. AFFILIAZIONI

NORME GENERALI PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITÀ GIOVANILI 1. AFFILIAZIONI NORME GENERALI PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITÀ GIOVANILI 1. AFFILIAZIONI Per ottenere l affiliazione alla F.I.G.C. le società debbono inoltrare al Presidente Federale apposita domanda, sottoscritta dal

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O COMUNICATO UFFICIALE N. 95/A TERMINI E MODALITA' STABILITI DALLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI PER L'INVIO DELLE

Dettagli

NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C.

NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C. NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C. NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C. NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C. NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C. NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA

Dettagli

NOTE INTRODUTTIVE. Un calcio agli errori Calcola correttamente quanto ti spetta utilizzando la tabella Lordo - Netto 2015

NOTE INTRODUTTIVE. Un calcio agli errori Calcola correttamente quanto ti spetta utilizzando la tabella Lordo - Netto 2015 NOTE INTRODUTTIVE Un calcio agli errori Calcola correttamente quanto ti spetta utilizzando la tabella Lordo - Netto 2015 Occhio al Fisco. Il contributo di solidarietà. Introdotto con il Dl n. 138/2011

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Comunicato Ufficiale n. 292 del 4/06/2015

Comunicato Ufficiale n. 292 del 4/06/2015 COMITATO PROVINCIALE AUTONOMO BOLZANO AUTONOMES LANDESKOMITEE BOZEN Via Buozzi Strasse 9/b 39100 BOLZANO/BOZEN Tel. 0471 261753 Fax. 0471 262577 E-mail: combolzano@lnd.it Internet: www.figcbz.it - www.lnd.it

Dettagli

PREVIDENZA. obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI ARTICOLO 1 ARTICOLO 2

PREVIDENZA. obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI ARTICOLO 1 ARTICOLO 2 Regolamento della gestione approvato con decreto interministeriale del 25 marzo 1998 PREVIDENZA obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI CAPO PRIMO DEI SOGGETTI

Dettagli

RACCOMANDAZIONI CONTABILI N. 1 DIRITTI PLURIENNALI ALLE PRESTAZIONI DEI CALCIATORI N. 3 COMPARTECIPAZIONI EX ART. 102 BIS DELLE N.O.I.F.

RACCOMANDAZIONI CONTABILI N. 1 DIRITTI PLURIENNALI ALLE PRESTAZIONI DEI CALCIATORI N. 3 COMPARTECIPAZIONI EX ART. 102 BIS DELLE N.O.I.F. RACCOMANDAZIONI CONTABILI N. 1 DIRITTI PLURIENNALI ALLE PRESTAZIONI DEI CALCIATORI N. 2 CAPITALIZZAZIONE COSTI VIVAIO N. 3 COMPARTECIPAZIONI EX ART. 102 BIS DELLE N.O.I.F. N. 4 CESSIONI TEMPORANEE DI CONTRATTO

Dettagli

LA CESSIONE DEL CONTRATTO DEL CALCIATORE Avv. Federica Di Fabio

LA CESSIONE DEL CONTRATTO DEL CALCIATORE Avv. Federica Di Fabio LA CESSIONE DEL CONTRATTO DEL CALCIATORE Avv. Federica Di Fabio La fattispecie della cessione del contratto nel diritto sportivo rappresenta un fenomeno moderno. Infatti, fino agli anni 50/ 60 del secolo

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2010/2011 Al fine di perseguire una sempre più corretta

Dettagli

Comunicato Ufficiale N 03 del 07/07/2011

Comunicato Ufficiale N 03 del 07/07/2011 Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti COMITATO REGIONALE TRENTINO ALTO ADIGE REGIONALKOMITEE TRENTINO SÜDTIROL Via G.B. Trener, 2/2-38121 TRENTO (TN) TELEFONO: 0461 986480 0461 986739

Dettagli

REGOLAMENTO SUPERCOPPA 2015 2016

REGOLAMENTO SUPERCOPPA 2015 2016 REGOLAMENTO SUPERCOPPA 2015 2016 Rappresentanza, Iscrizioni, Doveri e Obblighi. Articolo 1 Rappresentanza 1.01 La Divisione Calcio a Cinque organizza la Supercoppa stagione Sportiva 2015/2016, riservata

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO 00198 ROMA - VIA GREGORIO ALLEGRI, 14 CASELLA POSTALE 245O COMUNICATO UFFICIALE N. 191/A TERMINI E MODALITA' STABILITI DALLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI PER L'INVIO DELLE

Dettagli

FISCALITA ASSICURATIVA GLI ASPETTI FISCALI DEI PRODOTTI ASSICURATIVI PARTE I: LE POLIZZE VITA ED INFORTUNI

FISCALITA ASSICURATIVA GLI ASPETTI FISCALI DEI PRODOTTI ASSICURATIVI PARTE I: LE POLIZZE VITA ED INFORTUNI FISCALITA ASSICURATIVA GLI ASPETTI FISCALI DEI PRODOTTI ASSICURATIVI PARTE I: LE POLIZZE VITA ED INFORTUNI PREMESSA: SUCCESSIONE DEI REGIMI 1. DISCIPLINA VIGENTE PER I CONTRATTI STIPULATI ENTRO IL 31/12/20000

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2010/2011 Al fine di perseguire una sempre più corretta

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Aggiornamento del 30 gennaio 2015 1. REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI I contributi versati al FOPEN dal 1^ gennaio 2007 sono deducibili dal reddito complessivo dell aderente per

Dettagli

Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale N 2 del 10 Luglio 2015

Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale N 2 del 10 Luglio 2015 . FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO CALCIO LEGA NAZIONALE DILETTANTI COMITATO REGIONALE CAMPANIA DELEGAZIONE PROVINCIALE BENEVENTO Via Antonio Rivellini, ingresso 5 Palazzo CONI 82100 Benevento Tel. 0824 364109

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

Aggiornamento settembre 2012

Aggiornamento settembre 2012 ESODI SULLA BASE DELL ACCORDO DEL 2 GIUGNO 2012 Aggiornamento settembre 2012 INDICE 1. Incentivi pag. 3 2. Assistenza Sanitaria pag. 4 3. Fondo pensione di gruppo pag. 4 4. Ulteriori norme per il personale

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA DI TIRO CON L'ARCO REGOLAMENTO, DISCIPLINA E TRATTAMENTO DELLE INDENNITA E RIMBORSI SPESE DI TRASFERTA

FEDERAZIONE ITALIANA DI TIRO CON L'ARCO REGOLAMENTO, DISCIPLINA E TRATTAMENTO DELLE INDENNITA E RIMBORSI SPESE DI TRASFERTA Premessa FEDERAZIONE ITALIANA DI TIRO CON L'ARCO DISCIPLINA INDENNITA E RIMBORSI FORFETTARI CORRISPOSTI NELL AMBITO DELL ESERCIZIO DIRETTO DELL ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA La disciplina dei compensi

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

1. COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C. 2. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D.

1. COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C. 2. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D. C.U.n 2 3 Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti DELEGAZIONE PROVINCIALE di SASSARI VIA MONTEGRAPPA N 49-07100 SASSARI Tel: 079 21.16.037 079 21.16.392 FAX: 079 21.16.067 Indirizzi

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

Previgest Fund Mediolanum

Previgest Fund Mediolanum Fondo Pensione aperto Previgest Fund Mediolanum Documento sul Regime Fiscale Società di Gestione Collocatore Unico Retro di copertina 2/7 Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2013/2014 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

1. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D.

1. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D. Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti Settore Giovanile e Scolastico COMITATO PROVINCIALE AUTONOMO DI TRENTO Via G.B. Trener, 2/2-38121 Trento Tel: 0461 98.40.50 98.42.62 - Fax:

Dettagli

Documento sul Regime Fiscale

Documento sul Regime Fiscale FONDO PENSIONE DEI DIPENDENTI DELLA HEWLETT- PACKARD ITALIANA S.r.l. E DI ALTRE SOCIETA DEL GRUPPO HEWLETT-PACKARD Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. 1538 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (aggiornato

Dettagli

PREVIDENZA VIP a premio ricorrente

PREVIDENZA VIP a premio ricorrente PREVIDENZA VIP a premio ricorrente Nota Informativa 2004 Mod. 16016 ASSICURAZIONE MISTA A PREMIO UNICO RICORRENTE E A PREMI UNICI AGGIUNTIVI CON RIVALUTAZIONE ANNUA DEL CAPITALE E PRESTAZIONE ADDIZIONALE

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

DIRITTO DELLO SPORT! PROFESSIONISTI, DILETTANTI E CASI CONCRETI

DIRITTO DELLO SPORT! PROFESSIONISTI, DILETTANTI E CASI CONCRETI Busto Arsizio, 5 febbraio 2014 DIRITTO DELLO SPORT! PROFESSIONISTI, DILETTANTI E CASI CONCRETI avv. pierfilippo capello studio Guardamagna e associati pcapello@gealex.eu Sport e Legge: il doppio ordinamento

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI

REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI REGOLAMENTO DEI CONTRIBUTI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 TIPOLOGIA DEI CONTRIBUTI 1. Sono dovuti alla Cassa in forza di quanto disposto dall art.

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI)

FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) FON.TE. FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I DIPENDENTI DA AZIENDE DEL TERZIARIO (COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI) DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo

Dettagli

riepilogo_scadenze 2015-2016 RIEPILOGO SCADENZE

riepilogo_scadenze 2015-2016 RIEPILOGO SCADENZE RIEPILOGO SCADENZE S.S. 2015/2016 UFFICIO TESSERAMENTO TESSERAMENTO CALCIATORI L.N.D. Giovani Dilettanti dal 01/07/2015 al 31/05/2016 (ore 19.00) Non Professionisti dal 01/07/2015 al 31/03/2016 (ore 19.00)

Dettagli

LEGGE FINANZIARIA 2003

LEGGE FINANZIARIA 2003 LEGGE FINANZIARIA 2003 Sul Supplemento Ordinario. n. 240 alla Gazzetta.Ufficiale del 31/12/2002, n. 305 è stata pubblicata la legge n. 289 del 27 dicembre 2002 avente ad oggetto Disposizioni per la formazione

Dettagli

Sistema Licenze Nazionali 2011/2012

Sistema Licenze Nazionali 2011/2012 Sistema Licenze Nazionali 2011/2012 Le società, per partecipare al Campionato di competenza stagione sportiva 2011/2012, devono ottenere la Licenza Nazionale e a tal fine devono effettuare gli adempimenti

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 373/L DELL 8 GIUGNO 2015

COMUNICATO UFFICIALE N. 373/L DELL 8 GIUGNO 2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 373/L DELL 8 GIUGNO 2015 LEGA ITALIANA CALCIO PROFESSIONISTICO ISCRIZIONE AI CAMPIONATI 2015/2016 373/678 L iscrizione ai campionati professionistici di Lega Pro prevede l obbligo

Dettagli

2. Al Corso sarà ammesso un numero massimo di 50 allievi, comprendente almeno due posti riservati a calciatrici o ex calciatrici in graduatoria.

2. Al Corso sarà ammesso un numero massimo di 50 allievi, comprendente almeno due posti riservati a calciatrici o ex calciatrici in graduatoria. + n 193-2014/2015 Bando di Ammissione al Corso Regionale per l abilitazione ad Allenatore Dilettante (d ora innanzi solo corso) la cui attuazione è affidata al Comitato Regionale ABRUZZO della L.N.D. e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali:

Dettagli

Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti

Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti COMITATO REGIONALE CAMPANIA via Strettola Sant Anna alle Paludi, 115 80142 Napoli Tel. (081) 5537216 Fax (081) 5544470 282234 Sito Internet:

Dettagli

L attività della categoria Giovanissimi costituisce il primo momento di verifica del processo di apprendimento tecnico-formativo.

L attività della categoria Giovanissimi costituisce il primo momento di verifica del processo di apprendimento tecnico-formativo. 2) ATTIVITÀ GIOVANILE AGONISTICA L attività giovanile è ad indirizzo competitivo e si configura principalmente attraverso i risultati delle gare ed il comportamento disciplinare in campo e fuori di Atleti,

Dettagli

Ordine provinciale dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Messina Servizi informativi telematici

Ordine provinciale dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Messina Servizi informativi telematici La tutela previdenziale del libero professionista La copertura previdenziale dell attività a carattere libero professionale svolta dai medici e dagli odontoiatri è assicurata dall Ente Nazionale di Previdenza

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli Ecco qui di seguito, una sintesi della normativa generale che regola le operazioni relative al conguaglio di fine anno.

Dettagli

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC CENTRO INFORMATIVO DICEMBRE 2006 FISAC FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL SOSTEGNO DEL REDDITO Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi Internet: http://www.cgil.it/fisac.sanpaolo E-mail:

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Via Imre Nagy 58 - Località Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono 0376-366221 - 324660-365274 Fax 0376-365287

Dettagli

La riforma degli ammortizzatori sociali. Legge n. 92 del 28 giugno 2012

La riforma degli ammortizzatori sociali. Legge n. 92 del 28 giugno 2012 La riforma degli ammortizzatori sociali Legge n. 92 del 28 giugno 2012 1 Il nuovo sistema degli ammortizzatori sociali si fonda su 3 pilastri: O Istituzione dell ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego)

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C.

NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C. NORME ORGANIZZATIVE INTERNE DELLA F.I.G.C. Parte II LE FUNZIONI TITOLO I.- IL TESSERAMENTO Art. 36 I tesserati 1. Sono tesserati dalla F.I.G.C.: a) i dirigenti federali; b) gli arbitri; c) i dirigenti

Dettagli

n 59-2013/2014 3. La F.I.G.C. si riserva la possibilità di ammettere al Corso, in soprannumero, un candidato, dalla stessa indicato.

n 59-2013/2014 3. La F.I.G.C. si riserva la possibilità di ammettere al Corso, in soprannumero, un candidato, dalla stessa indicato. n 59-2013/2014 Bando di Ammissione al Corso per l'abilitazione ad Allenatore di Calcio a Cinque (d ora innanzi solo corso) la cui attuazione è affidata al Comitato Regionale MARCHE della L.N.D. e che sarà

Dettagli

E DI FINE RAPPORTO. INPDAP informa I TRATTAMENTI DI FINE SERVIZIO E DI FINE RAPPORTO

E DI FINE RAPPORTO. INPDAP informa I TRATTAMENTI DI FINE SERVIZIO E DI FINE RAPPORTO I TRATTAMENTI DI FINE SERVIZIO E DI FINE RAPPORTO INPDAP informa I TRATTAMENTI DI FINE SERVIZIO E DI FINE RAPPORTO Indennità premio di fine servizio Indennità di buonuscita Trattamento di fine rapporto

Dettagli

n 241-2014/2015 1. Il Settore Tecnico della F.I.G.C. indice e organizza il Corso sopra indicato.

n 241-2014/2015 1. Il Settore Tecnico della F.I.G.C. indice e organizza il Corso sopra indicato. n 241-2014/2015 Bando di Ammissione al Corso per l'abilitazione ad "Allenatori di Calcio a Cinque di Primo Livello" che avrà luogo presso il Centro Tecnico Federale L. Ridolfi in Firenze con inizio il

Dettagli

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 CIRCOLARE N. 32 2013/2014 DEL 15 GENNAIO 2014 Lega Italiana Calcio Professionistico Alle Società di 1 a e 2 a Divisione della Lega Italiana Calcio Professionistico LORO SEDI Circolare n. 1 2014 dell Ufficio

Dettagli

REGGIO EMILIA STAGIONE SPORTIVA 2014/2015

REGGIO EMILIA STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO DELEGAZIONE PROVINCIALE REGGIO EMILIA C.U. nr. 01BIS Pagina 1 Via Ferruccio Ferrari, 2 42124 Reggio Emilia Tel. 0522.305.946 Fax 0522.301.294 e-mail: info@figcreggioemilia.it

Dettagli

(normativa F.I.F.A. in vigore dal 01 agosto 2011 con circolare numero 1273)

(normativa F.I.F.A. in vigore dal 01 agosto 2011 con circolare numero 1273) Alla fine di ogni mese, le società che hanno fatto richiesta dovranno inoltrare all Ufficio Tornei del Settore Giovanile e Scolastico della FIGC tramite i Comitati Regionali competenti nel territorio un

Dettagli

1. MODALITÀ DI TESSERAMENTO DEI CALCIATORI DILETTANTI E DI SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO ON-LINE

1. MODALITÀ DI TESSERAMENTO DEI CALCIATORI DILETTANTI E DI SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO ON-LINE Via A. Volta, 3-10122 TORINO - C.P. 1317 Tel. 011/5654611 (r.a.) - Fax 011/5654674 E.mail: piemontevaosta@postalnd.it Internet: www.lnd.it NUMERO COMUNICATO 80 DATA COMUNICATO 29/06/2012 STAGIONE SPORTIVA

Dettagli

CONTRATTO DI LAVORO AUTONOMO IN REGIME DI COLLABORAZIONE A PROGETTO D. Lgs. 276/03, artt. 61-69 TRA

CONTRATTO DI LAVORO AUTONOMO IN REGIME DI COLLABORAZIONE A PROGETTO D. Lgs. 276/03, artt. 61-69 TRA CONTRATTO DI LAVORO AUTONOMO IN REGIME DI COLLABORAZIONE A PROGETTO D. Lgs. 276/03, artt. 61-69 TRA Il Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del Mare, di seguito indicato come CoNISMa,

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione)

FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA. 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) Allegato alla Nota Informativa FONDO PENSIONE APERTO AURORA PREVIDENZA DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della forma pensionistica complementare (fondo pensione) I fondi pensione, istituiti

Dettagli

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap)

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap) Pensione di reversibilità ENPAM INPS ( ex-inpdap) La pensione di reversibilità, anche conosciuta come pensione ai superstiti, è una prestazione economica erogata, a domanda, in favore dei superstiti La

Dettagli

ENPAF ENPAF: LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI SUI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI

ENPAF ENPAF: LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI SUI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI ENPAF L Enpaf è l ente di previdenza e assistenza dei farmacisti che eroga pensioni, prestazioni di assistenza e indennità di maternità agli iscritti che ne abbiano diritto, secondo le norme di legge o

Dettagli

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI)

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ART. 1 - NASPI A decorrere dal 1 Maggio 2015 è istituita una

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Art. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali: a) Pensione di vecchiaia; b) Pensione di anzianità; c) Pensione di invalidità;

Dettagli

Stagione Sportiva 2015/2016. Comunicato Ufficiale N. 001

Stagione Sportiva 2015/2016. Comunicato Ufficiale N. 001 Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale N. 001 COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D. COMUNICAZIONI DELLA DIVISIONE CALCIO A CINQUE 1.1 SITO INTERNET Si segnala che l indirizzo

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Approvato dal Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione LABORFONDS nella seduta del 26/03/2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Approvato dal Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione LABORFONDS nella seduta del 26/03/2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del Fondo Pensione LABORFONDS nella seduta del 26/03/2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento espone il regime fiscale

Dettagli

La previdenza dei medici dipendenti dal Servizio Sanitario Nazionale (ex Cassa Pensioni Sanitari = CPS)

La previdenza dei medici dipendenti dal Servizio Sanitario Nazionale (ex Cassa Pensioni Sanitari = CPS) La tutela previdenziale del medico dipendente La tutela previdenziale del lavoro dipendente fa capo, in linea generale, al sistema di Assicurazione Generale Obbligatoria (AGO) per l invalidità, la vecchiaia

Dettagli

CORSI PER DIRIGENTI SPORTIVI DI SOCIETA CALCISTICHE ASSOCIATE ALLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI

CORSI PER DIRIGENTI SPORTIVI DI SOCIETA CALCISTICHE ASSOCIATE ALLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI CORSI PER DIRIGENTI SPORTIVI DI SOCIETA CALCISTICHE ASSOCIATE ALLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI Per la stagione sportiva 2005 2006 il Comitato Regionale Puglia della Lega Nazionale Dilettanti, in collaborazione

Dettagli

PREMESSA. ARTICOLO 1 - Oggetto -

PREMESSA. ARTICOLO 1 - Oggetto - ACCORDO COLLETTIVO Tra FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO (F.I.G.C.), LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI SERIE B (L.N.P. B) e L ASSOCIAZIONE DEI DIRETTORI E SEGRETARI DELLE SOCIETÀ SPORTIVE (A.DI.SE.) ex art.

Dettagli

POLIZZE ASSICURATIVE STAGIONE SPORTIVA 2015/2016

POLIZZE ASSICURATIVE STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 CIRCOLARE N. 3 Alle Società che hanno acquisito il titolo sportivo per la partecipazione al Campionato Serie B 2015/2016 Milano, 3 Luglio 2015 POLIZZE ASSICURATIVE STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 Premessa

Dettagli

Assicurazione sociale per l impiego

Assicurazione sociale per l impiego Aspi Assicurazione sociale per l impiego La riforma del lavoro voluta dal Governo Monti Fornero ha introdotto una nuova prestazione Inps a sostegno dei disoccupati. Si tratta dell Assicurazione sociale

Dettagli

Anni 1998-2001 2002-2004 2005-2007 dal 2008. Limiti di età 57 58 59 60

Anni 1998-2001 2002-2004 2005-2007 dal 2008. Limiti di età 57 58 59 60 PENSIONI Dlgs 165/97, armonizzazione regimi previdenziali personale militare, di polizia e vigili del fuoco Sulla G.U. n. 139 del 17.6.1997 è stato pubblicato il Dlgs n. 165 del 30.4.1997 di attuazione

Dettagli

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE LE AGEVOLAZIONI FISCALI A FAVORE DELL ATTIVITA SPORTIVA DILETTANTISTICA (II PARTE) Nel mondo dell associazionismo sportivo tutti i dirigenti sportivi affrontano con abnegazione e spirito di sacrificio

Dettagli

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense IL PRATICANTE E LA CASSA. Il praticante non ha alcun tipo di obbligo nei confronti della Cassa. Non deve inviare il MODELLO 5, non deve applicare in fattura il contributo integrativo del 4% e di conseguenza

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2015/2016. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 7 del 8 maggio 2015

STAGIONE SPORTIVA 2015/2016. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 7 del 8 maggio 2015 STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 7 del 8 maggio 2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 1110 del 8 maggio 2015 Comunicato

Dettagli

Comunicato Ufficiale N 005 /bis del 07/08/2010

Comunicato Ufficiale N 005 /bis del 07/08/2010 - cu 005 / 132 - Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti COMITATO REGIONALE UMBRIA Delegazione Regionale Calcio a Cinque STRADA DI PREPO N.1 = 06129 PERUGIA (PG) CENTRALINO: 075 5069611

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI PREVEDI

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI PREVEDI DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DI PREVEDI Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori delle Imprese Industriali ed Artigiane Edili ed Affini Aggiornato alla legge n. 190 del 23 dicembre 2014 ( legge di

Dettagli

SEMPLIFICATO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003

SEMPLIFICATO. Anno 2012. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 SEMPLIFICATO 0 Anno 0 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Il D.Lgs. 0 giugno 00, n. 9, Codice in materia di protezione dei dati personali, prevede un

Dettagli

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE a1 a2 a3 a4 a5 a6 a7 A Retribuzione: Paga base Indennità contingenza Scatti anzianità Sperminimo individuale Lavoro straordinario Altri elementi imponibili ai fini

Dettagli

Gli emolumenti del personale della scuola

Gli emolumenti del personale della scuola Gli emolumenti del personale della scuola Di salvatore buonandi La retribuzione complessiva dei dipendenti della scuola è costituita da indennità di varia natura, di cui alcune concorrono con lo stipendio

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Aggiornamento del 2 febbraio 2015 1. REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI I contributi versati a FONDENEL dal 1^ gennaio 2007 sono deducibili dal reddito complessivo dell aderente

Dettagli

Nota Informativa e Condizioni di assicurazione

Nota Informativa e Condizioni di assicurazione Nota Informativa e Condizioni di assicurazione Nota Informativa Pag. 3 Disposizioni Generali Pag. 11 Disposizioni Speciali Pag. 13 Regolamento della Gestione Pag. 16 pagina 1 pagina 2 CRESCO NEW Terminologia

Dettagli