Bollettino mensile di Statistica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bollettino mensile di Statistica"

Transcript

1 Bollettino mensile di Statistica n.47 - Gennaio 2015

2 Sistema Statistico Nazionale Comune di Firenze Ufficio Comunale di Statistica Servizio Statistica e Toponomastica Dirigente Riccardo Innocenti Responsabile Posizione Organizzativa Statistica Gianni Dugheri Progetto grafico Maria Angela Sena Composizione Luca Pini Collaborazione Stefano Magni Pubblicazione realizzata ai sensi della Legge 16 novembre 1939, n

3 SOMMARIO Presentazione...5 Popolazione...7 Economia...14 Ambiente e territorio...20 Climatologia - anno I prezzi al consumo a Firenze nel

4 4

5 Presentazione La necessità di produrre un focus sui principali dati statistici disponibili ogni mese, ha indotto l ufficio comunale di statistica di Firenze a impegnarsi nella pubblicazione di un bollettino mensile a partire da marzo 2011, giungendo con questo al 47 numero. A differenza di altre e più celebrate pubblicazioni con questo nome, sia nazionali, sia settoriali, sia di altre amministrazioni comunali, questo bollettino non ha una struttura fi ssa, con tabelle che si ripetono ogni volta con dati aggiornati. Pur mantenendo una struttura per capitoli, presenta di volta in volta brevi sintesi su aspetti di interesse desumibili dalle banche dati e dagli archivi statistici a disposizione. Questo mese il focus demografico si è concentrato sulla dinamica della popolazione residente nel Comune di Firenze dal 1940 a oggi. Vengono pubblicate alcune tabelle demografiche riepilogative, anche per quartiere. Pubblichiamo anche i report completi di studi e ricerche che precedentemente erano editi nella collana La statistica per la città. Questo mese viene presentato il report sull andamento dei prezzi al consumo per l anno 2014 nel Comune di Firenze. Il bollettino ha una limitata tiratura cartacea, ma è disponibile in formato elettronico in rete civica e nel portale dell ufficio comunale di statistica, all indirizzo La pubblicazione viene effettuata in ottemperanza alle disposizioni della Legge 16 novembre 1939, n. 1823, art. 3. 5

6 6

7 Popolazione I residenti a Firenze al 31 dicembre 2014 sono di cui stranieri. Dall inizio dell anno sono aumentati di unità. L incidenza dei residenti stranieri è pari al 15,5% del totale dei residenti, nel 1995 era straniero il 3,1% dei residenti. Nel dopoguerra, l anno in cui si è registrato il minore numero di residenti è stato il 2007 con Nel dopoguerra, l anno in cui si è registrato il maggiore numero di residenti è stato il 1975 con Nel 2014 sono ci sono state nascite e decessi; il saldo naturale è stato Nel 2014 ci sono state iscrizioni e cancellazioni anagrafiche; il saldo migratorio è stato I residenti a Firenze al 31 dicembre 2014 sono di cui stranieri (il 15,5%). Nel corso del 2014 il numero dei residenti è aumentato di unità dopo che nel 2013 si era registrato un calo di unità a causa delle cancellazioni per irreperibilità al censimento, che in tutto sono state oltre seimila. A parte il calo del 2013, dal 2007, anno nel quale è stato registrato il minimo storico dal dopoguerra con , si sta registrando un leggero ma costante aumento della residenza. I dati attuali sono comunque lontani dai valori massimi registrati negli anni 70; il valore massimo fu registrato nel 1975 con , oltre in più rispetto ai valori attuali. Va detto che questa tendenza è comune alle più grandi città italiane, molte delle quali hanno registrato una perdita di residenti in favore dei comuni limitrofi. La dinamica dei residenti a Firenze dagli anni 40 a oggi può essere apprezzata dal grafi co 1 dove si vede la forte crescita degli anni 50, quella più contenuta degli anni 60 e 70 e il declino degli anni 80, 90 e dei primi anni del nuovo secolo, e infi ne il recente recupero degli ultimi anni. 7

8 Grafi co 1: Comune di Firenze. Residenti al 31 dicembre dal 1940 al 31 dicembre , , , , , , , , ,000 50, Fonte: elaborazione uffi cio comunale di statistica su dati anagrafi ci La crescita degli ultimi anni è tutta dovuta all aumento dell immigrazione. Infatti, il saldo naturale della popolazione, cioè la differenza tra nati e morti, è a Firenze negativo dal 1974 (grafi co 2), nonostante il leggero recupero dall inizio degli anni 90 a oggi. Il saldo migratorio, cioè la differenza tra immigrati ed emigrati, è invece, da qualche anno, positivo (grafi co 2) e tale da compensare l andamento negativo di quello naturale. 8

9 Grafi co 2: Comune di Firenze. Saldo naturale e saldo migratorio dal 1940 al ,000 10,000 8,000 saldo naturale saldo migratorio 6,000 4,000 2, ,000-4,000-6, Fonte: elaborazione uffi cio comunale di statistica su dati anagrafi ci L aumento dei residenti è dovuto alla crescita degli stranieri residenti, la cui presenza è divenuta sempre più signifi cativa. Nel grafi co 3 si vede come, a fronte di una popolazione residente che complessivamente dal 1995 al 2014 varia di poco, la quota dei residenti stranieri passi da nel 1995 a alla fi ne del In termini percentuali, sul totale dei residenti erano stranieri nel 1995 il 3,1% mentre attualmente sono il 15,5%. 9

10 Grafi co 3: residenti complessivi e stranieri del comune di Firenze dal 1995 al , , , , , , , ,000 50, residenti residenti stranieri Fonte: elaborazione Uffi cio comunale di statistica su dati anagrafi ci 10

11 Tabelle demografi che al 31 dicembre 2014 Residenti per quartiere e genere e stranieri per quartiere Quartiere F M Totale Stranieri Totale Residenti per quartiere e classi di età Quartiere classe di età Totale e oltre Totale Famiglie residenti per numero di componenti e quartiere Quartiere Componenti Totale e oltre Totale

12 Residenti in convivenza per quartiere Quartiere Residenti in convivenza Totale Saldo naturale e migratorio dal 1 gennaio al 30 novembre 2014 Movimenti anagrafici Saldo Naturale Saldo Migratorio Nati Iscritti Morti Cancellati Residenti stranieri per area geografi ca di cittadinanza e genere e principali cittadinanze presenti Maschi Femmine Totale Popolazione straniera europea Popolazione straniera extraeuropea Totale di cui Romena Peruviana Albanese Cinese Residenti per area di nascita Area di nascita residenti Nati nel Comune di Firenze Nati nella Provincia di Firenze (escluso il Comune di Firenze) di cui a Bagno a Ripoli di cui a Fiesole Nati in altre province della Toscana Nati in altre regioni italiane Nati all estero

13 13

14 Economia A dicembre la variazione mensile dell indice dei prezzi al consumo è stata -0,5% mentre a novembre era stata -1,0%. La variazione annuale è -0,7% mentre a ottobre era -0,2%. Il carrello della spesa è diminuito di -0,9% rispetto a novembre. Rispetto a novembre le principali variazioni si sono registrate nelle divisioni Servizi ricettivi e di ristorazione (-1,7%) e Prodotti alimentari e bevande analcoliche (-1,4%). Nella divisione Servizi ricettivi e di ristorazione sono in diminuzione i servizi di alloggio: -7,2% rispetto a novembre 2014 ma +1,1% rispetto allo stesso mese dell anno precedente La variazione positiva della divisione Trasporti (+0,3% rispetto a novembre 2014) è dovuta all aumento del trasporto aereo passeggeri (+28,4% su base mensile e +12,0% rispetto all anno precedente) in parte compensato dalla diminuzione dei carburanti e lubrificanti per mezzi di trasporto privati ( -3,7% rispetto a novembre 2014 e -8,9% rispetto a dicembre 2013). La variazione negativa della divisione Prodotti alimentari e bevande analcoliche su base mensile è dovuta alle diminuzioni delle carni (-1,2% rispetto a novembre e -2,7% rispetto a dicembre 2014) e della frutta (-9,4% rispetto al mese precedente e -7,7% rispetto allo stesso mese dell anno precedente). In controtendenza il caffè (+3,0% rispetto a novembre). Prezzi al Consumo A dicembre, la variazione mensile è -0,5% mentre a novembre era -1,0%. La variazione annuale è -0,7% mentre a novembre era -0,2%. A contribuire a questo dato sono state, rispetto al mese precedente, principalmente le variazioni nelle divisioni Servizi ricettivi e di ristorazione (-1,7%) e Prodotti alimentari e bevande analcoliche (-1,4%). 14

15 Nella divisione Servizi ricettivi e di ristorazione sono in diminuzione i servizi di alloggio: -7,2% rispetto a novembre 2014 ma +1,1% rispetto allo stesso mese dell anno precedente. Per la divisione Prodotti alimentari e bevande analcoliche, la forte variazione negativa su base mensile è dovuta alle diminuzioni delle carni (-1,2% rispetto a novembre e -2,7% rispetto a dicembre 2014) e della frutta (-9,4% rispetto al mese precedente e -7,7% rispetto allo stesso mese dell anno precedente). In controtendenza il caffè (+3,0% rispetto a novembre). La variazione positiva della divisione Trasporti (+0,3% rispetto a novembre 2014) è dovuta all aumento del trasporto aereo passeggeri (+28,4% su base mensile e +12,0% rispetto all anno precedente) in parte compensato dalla diminuzione dei carburanti e lubrifi canti per mezzi di trasporto privati (-3,7% rispetto a novembre 2014 e -8,9% rispetto a dicembre 2013). Grafi co 4 Variazioni annuali indice dei prezzi al consumo nelle principali città Variazioni annuali indice dei prezzi al consumo 3,0 2,0 1,0 0,0-1,0 dic-12 gen-13 feb-13 mar-13 apr-13 mag-13 giu-13 lug-13 ago-13 set-13 ott-13 nov-13 dic-13 gen-14 feb-14 mar-14 apr-14 mag-14 giu-14 lug-14 ago-14 set-14 ott-14 nov-14 dec-14 ITALIA FIRENZE MILANO VENEZIA NAPOLI BOLOGNA ROMA Fonte: elaborazione su dati Istat 15

16 I prodotti per frequenza di acquisto 1 Il carrello della spesa: I prezzi dei prodotti acquistati con maggiore frequenza dai consumatori sono diminuiti (-0,9%) sia rispetto a novembre 2014 sia rispetto allo stesso mese dell anno precedente (-1,4%). I prodotti a media frequenza di acquisto registrano una variazione nulla rispetto al mese scorso così come quelli a bassa frequenza. INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO NIC, PER PRODOTTI A DIVERSA FREQUENZA DI ACQUISTO Dicembre 2014, variazioni percentuali (base 2010=100) Tipologia di prodotto Dic-14/Nov-14 Dic-14/Dic-13 Alta frequenza -0,9% -1,4% Media frequenza 0,0% +0,1% Bassa frequenza 0,0% +0,2% Indice generale -0,5% -0,7% 1 I prodotti facenti parte del paniere Istat per il calcolo dell indice NIC possono essere suddivisi, rispetto alla loro frequenza d acquisto, in tre macro categorie: Prodotti ad alta frequenza di acquisto: includono, oltre ai generi alimentari, le bevande alcoliche e analcoliche, i tabacchi, le spese per l affi tto, i beni non durevoli per la casa, i servizi per la pulizia e manutenzione della casa, i carburanti, i trasporti urbani, i giornali e i periodici, i servizi di ristorazione, le spese di assistenza. Prodotti a media frequenza di acquisto: comprendono, tra gli altri, le spese di abbigliamento, le tariffe elettriche e quelle relative all acqua potabile e lo smaltimento dei rifi uti, i medicinali, i servizi medici e quelli dentistici, i trasporti stradali, ferroviari marittimi e aerei, i servizi postali e telefonici, i servizi ricreativi e culturali, i pacchetti vacanze, i libri, gli alberghi e gli altri servizi di alloggio. Prodotti a bassa frequenza di acquisto: comprendono gli elettrodomestici, i servizi ospedalieri, l acquisto dei mezzi di trasporto, i servizi di trasloco, gli apparecchi audiovisivi, fotografi ci e informatici, gli articoli sportivi. 16

17 Grafi co 5 - Indici dei prezzi al consumo NIC, per prodotti ad alta frequenza di acquisto e complessivo - variazioni percentuali rispetto allo stesso mese dell anno precedente 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 0,0-1,0-2,0 Fonte: elaborazione su dati Istat gen-11 feb-11 mar-11 apr-11 mag-11 giu-11 lug-11 ago-11 set-11 ott-11 nov-11 dic-11 gen-12 feb-12 mar-12 apr-12 mag-12 giu-12 lug-12 ago-12 alta frequenza d'acquisto set-12 ott-12 nov-12 dic-12 gen-13 feb-13 mar-13 apr-13 mag-13 giu-13 lug-13 indice generale ago-13 set-13 ott-13 nov-13 dic-13 gen-14 feb-14 mar-14 apr-14 mag-14 giu-14 lug-14 ago-14 set-14 ott-14 nov-14 dic-14 I beni, che pesano nel paniere per circa il 53%, hanno fatto registrare a dicembre 2014 una variazione di -1,7% rispetto allo stesso mese dell anno precedente. I servizi, che pesano per il restante 47%, hanno fatto registrare una variazione annuale pari a +0,8%. Scomponendo la macrocategoria dei beni, si trova che i beni alimentari registrano una variazione annuale pari a -1,9%. I beni energetici sono in diminuzione di -5,9% rispetto a dicembre I tabacchi fanno registrare una variazione -0,5% rispetto allo stesso mese dell anno precedente. La componente di fondo (core infl ation) che misura l aumento medio senza tener conto di alimentari freschi e beni energetici fa registrare una variazione di +0,1%. Il confronto con i dati nazionali evidenzia come Firenze abbia a novembre 2014 un infl azione in linea con la media nazionale che è nulla. Non esistono differenze signifi cative con le altre maggiori città italiane. 17

18 Alcuni confronti sul livello dei prezzi al consumo L Istat fornisce all Osservatorio Nazionale Prezzi presso il Ministero dello Sviluppo Economico la media delle quotazioni rilevate di alcuni prodotti di largo consumo per le città che effettuano l elaborazione autonoma dell indice. Tabella 1 - Prezzi medi di alcuni prodotti rilevati in alcune città italiane (5,9% del paniere di Firenze); Novembre 2014 Città Acqua minerale Biscotti frollini Caffè espresso al bar Carta igienica Dentifricio Latte fresco Olio extra vergine di oliva Pane Parmigiano Reggiano Ancona 2,81 3,68 0,94 2,4 2,9 1,51 5,28 3,69 19,6 2,96 Aosta 2,64 3,79 1 1,88 1,81 1,68 5,62 3,14 16,69 3,38 Arezzo 1,65 3,48 0,98 1,81 2,62 1,52 5,17 2,11 18,12 2,24 Bari 1,87 5,02 0,73 1,48 1,67 1,4 4,49 2,83 18,08 2,64 Bologna 2,67 3,8 1,05 1,84 2,88 1,37 5,81 3,95 19,66 2,94 Cagliari 3,02 3,35 0,83 1,55 1,82 1,38 5,38 2,83 19,62 2,44 Firenze 2,08 3,68 1 2,03 2,8 1,61 5,51 1,95 19,3 2,15 Genova 2,32 4,45 0,98 1,92 2,69 1,67 5,57 3,4 19,75 2,59 Grosseto 2,34 3,63 0,93 1,63 2,83 1,56 5,34 2,25 18,08 2,23 Milano 2,32 4,45 0,98 2,4 2,41 1,41 6,01 3,51 19,94 2,96 Napoli 1,93 3,33 0,85 1,28 1,91 4,58 1,9 18,37 2,21 Palermo 2,44 3,48 0,91 1,56 2,17 1,5 5,33 2,71 19,47 2,27 Parma 2,87 3,49 0,99 1,61 4,37 1,31 4,78 2,99 18,57 2,66 Perugia 1,71 3,34 0,92 1,18 2,24 1,52 4,95 1,83 18,04 2,02 Pistoia 2,68 3,81 0,97 1,85 2,14 1,57 5,89 1,95 19,52 2,34 Roma 2,65 4,3 0,83 2,32 2,94 1,63 5,65 2,48 18,54 2,88 Torino 2,39 3,52 1,04 1,46 2,21 1,56 5,13 2,66 18,93 2,9 Trento 1,65 3,27 1,04 2,02 1,54 1,14 2,81 21,85 Udine 2,05 3,69 1,01 1,82 2,04 1,53 4,94 3,74 20,27 2,75 Venezia 2,23 3,5 0,99 1,85 2,39 1,23 4,81 4,67 2,88 Fonte: Dati forniti da Istat per l Osservatorio prezzi del Ministero delle Sviluppo Economico Riso I prezzi rilevati dall Istituto Nazionale di Statistica sono raccolti ai fi ni dell indagine sui prezzi al consumo; tale indagine ha come obiettivo principale quello di fornire degli indicatori sulle variazioni dei prezzi intervenute nei prodotti appartenenti a un paniere scelto in maniera rappresentativa della spesa per consumi delle famiglie. In altre parole, la rilevazione dei prezzi viene effettuata con criteri metodologici tali da quantifi care le variazioni, mentre i dati raccolti non consentono di effettuare confronti spaziali sui livelli dei prezzi. La tabella quindi non può consentire di stabilire quali città siano più care e quali meno. 18

19 Si riportano per alcuni prodotti le medie delle quotazioni rilevate e le variazioni dei relativi indici riferite a novembre 2014: Prodotto Note Prezzo Corrente Var. % a.p. Var. % m.p. Pane al kg 1,95-0,6-0,6 Carne fresca di vitello 1 taglio al kg 19,22-0,8-0,7 Petto di pollo al kg 9,59-3,8 0,0 Prosciutto crudo al kg 27,60 0,3-0,4 Olio extravergine di oliva al litro 5,45-1,2 0,0 Latte fresco al litro 1,61 2,8 0,3 Patate comuni tonde al kg 0,92-13,0-2,1 Pomodori da insalata lisci tondi al kg 2,19 18,0 15,6 Mele golden delicious al kg 1,39-14,6 1,5 Insalata lattuga cappuccia al kg 1,71 12,7 3,3 Pasta di semola di grano duro al kg 1,61-1,4-2,1 Parmigiano reggiano al kg 19,22-1,1-0,8 Detersivo per lavatrice al litro 2,89-7,7-0,4 Riparazione auto equilibratura gomme 41,62 0,0 0,0 Rossetto per labbra 13,89 0,7 0,0 Dopobarba 7,85-0,6 0,4 Rosa 4,14-7,1 1,9 Benzina verde al fai da te al litro 1,568-2,9-3,4 Gasolio per auto al fai da te al litro 1,507-4,9-2,5 Camera d albergo 4-5 stelle 194,76 4,6-3,0 Camera d albergo 3 stelle 70,54 1,2 1,0 Camera d albergo 1-2 stelle 66,39-0,2-10,5 Pasto al ristorante 29,37 0,2 0,0 Pasto al fast food 7,06 4,7 0,0 Pasto in pizzeria (margherita + coperto + bibita) 9,70 0,7 0,0 Caffetteria al bar (Caffè espresso) 1,00 0,6 0,0 Fonte: Dati della Rilevazione dei Prezzi al consumo 19

20 Ambiente e Territorio Climatologia Sono stati utilizzati i dati del Servizio Idrologico Regionale provenienti dalla stazione ubicata presso la Facoltà di Ingegneria a Santa Marta, quota slm di m 84,24 (nel comune la quota minima slm è 28 m., la massima 334, nel centro storico 50). In tabella 2 sono indicati i valori minimi e massimi della temperatura per ciascun giorno del mese. Si osserva che la temperatura massima mensile, pari a 18,6 C, si è registrata il 1 dicembre e la temperatura minima, pari a -1,7 C, il giorno 30. Tabella 2 Temperature giornaliere minime e massime per il mese di dicembre 2014 e giorno dicembre 2014 dicembre 2013 temperatura max temperatura min temperatura max temperatura min 1 18,6 13,7 9,4 6,6 2 17,7 10,3 10,7 7,6 3 14,6 10,3 13,0 3,1 4 13,8 9,5 12,3-2,3 5 12,9 9,7 10,6-3,4 6 15,6 9,0 10,3 3,7 7 11,2 9,3 11,1 1,5 8 14,3 5,0 8,8 0,9 9 11,8 3,9 8,3-0, ,1 3,4 10,6 1, ,9 1,3 8,9 1, ,0 0,0 12,1 1, ,3 7,2 7,5 0, ,5 8,8 9,8 4, ,9 9,3 14,7 2, ,3 10,3 12,6-1, ,0 8,5 11,9-2, ,7 5,8 8,6-3, ,4 7,6 8,0-1, ,6 10,3 13,2 4, ,2 4,5 14,7 6, ,1 2,3 13,2 6, ,0 8,2 12,0 7, ,3 10,8 12,3 6, ,1 10,2 14,4 10, ,8 1,0 14,1 4,7 27 6,9-1,0 10,8 2,9 28 7,3 2,2 13,4 1,4 29 7,5-1,4 12,6 6,0 30 4,9-1,7 11,6 5,5 31 2,3-0,6 11,2 2,5 Fonte: Servizio Idrologico Regionale 20

21 Il grafi co 6 riporta l andamento delle temperature massime e minime per il mese di dicembre 2014 a confronto con dicembre Nel 2014 si osservano temperature mediamente più elevate rispetto al La massima escursione termica si è registrata il 21 dicembre con 12,7 C; nel 2013 è stata di 14,6 C registrata il giorno 4. Grafi co 6 Temperatura registrata dal Servizio Idrologico Regionale per il mese di dicembre 2014 e ,0 15,0 10,0 5,0 0,0-5, max 2014 max 2013 min 2014 min 2013 Fonte: elaborazione Uffi cio comunale di statistica su dati Servizio Idrologico Regionale 21

22 Grafi co 7 Escursione termica giornaliera (Tmax Tmin). Mese di dicembre 2014 e ,0 14,0 12,0 10,0 8,0 6,0 4,0 2,0 0, escursione 2014 escursione 2013 Fonte: elaborazione Uffi cio comunale di statistica su dati Servizio Idrologico Regionale La temperatura media mensile di dicembre 2014 è stata di 9,3 C. Nel 2013 è stata di 7,1 C. Nel mese di dicembre sono caduti complessivamente 46,0 mm di pioggia, in 8 giorni piovosi (giorni con precipitazione maggiore o uguale a 1 mm). Il giorno più piovoso è stato il 28 dicembre con 20,8 mm. Nel 2013 erano caduti 23,0 mm di pioggia in 3 giorni piovosi. La tabella 3 riporta la distribuzione delle piogge per i mesi di dicembre 2014 e 2013 e i relativi giorni piovosi. 22

23 Tabella 3 Precipitazioni e giorni piovosi. Dicembre 2014 e giorno mm pioggia ,2 0,0 2 0,0 0,0 3 0,0 0,0 4 5,6 0,0 5 2,8 0,0 6 2,2 0,0 7 1,2 0,2 8 0,0 0,2 9 0,0 0,0 10 0,0 0,2 11 0,0 0,0 12 0,0 0,2 13 0,4 0,0 14 0,6 0,0 15 0,0 0,0 16 9,8 0,0 17 1,4 0,0 18 0,0 0,2 19 0,0 0,0 20 0,0 0,6 21 0,0 0,8 22 0,0 0,0 23 0,0 0,2 24 0,0 0,0 25 0,0 0,0 26 0,0 10,0 27 0,0 4, ,8 0,2 29 0,0 5,8 30 0,0 0,2 31 0,0 0,0 Totale 46,0 23,0 gg piovosi 8 3 Fonte: Servizio Idrologico Regionale 23

24 Nel grafi co 8 viene riportata la distribuzione giornaliera delle precipitazioni. Grafi co 8 Distribuzione giornaliera delle precipitazioni (in mm) per il mese di dicembre Fonte: elaborazione Uffi cio comunale di statistica su dati Servizio Idrologico Regionale 24

25 Il grafi co 9 rappresenta la cumulata delle precipitazioni per i mesi di dicembre 2014 e Grafi co 9 Cumulata delle precipitazioni (in mm) per dicembre 2014 e Fonte: elaborazione Uffi cio comunale di statistica su dati Servizio Idrologico Regionale Si riporta anche la cumulata delle precipitazioni dall inizio dell anno per il 2014 e il 2013 (cfr. grafi co 10). Si nota una sostanziale uniformità durante l intero anno. Grafi co 10 Cumulata delle precipitazioni (in mm) da inizio anno 2014 e gen 26 gen 20 feb 16 mar 10 apr 5 mag 30 mag 24 giu 19 lug 13 ago 7 set 2 ott 27 ott 21 nov 16 dic Fonte: elaborazione Uffi cio comunale di statistica su dati Servizio Idrologico Regionale 25

26 Climatologia riepilogo anno 2014 Sono stati utilizzati i dati del Servizio Idrologico Regionale provenienti, dalla stazione ubicata presso la Facoltà di Ingegneria a Santa Marta, quota slm di m 84,24 (nel comune la quota minima slm è 28 m., la massima 334, nel centro storico 50). In tabella 4 sono indicati i valori minimi e massimi della temperatura per ciascun mese dell anno 2014 e il giorno in cui si sono registrati. Si osserva che la temperatura massima annuale, pari a 36,1 C, si è registrata l 11 giugno e la temperatura minima annuale, pari a -3,0 C, il 29 gennaio. Tabella 4 Temperature mensili minime e massime per l anno Anno 2014 temperatura max giorno max temperatura min giorno min gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre Fonte: Servizio Idrologico Regionale 26

27 Il grafi co 11 riporta l andamento delle temperature massime e minime per l intero anno Grafi co 11 Temperature registrate dal Servizio Idrologico Regionale per il periodo 01/01/14-31/12/ gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre temperatura massima temperatura minima Poli. (temperatura massima) Poli. (temperatura minima) Fonte: elaborazione Uffi cio comunale di statistica su dati Servizio Idrologico Regionale 27

28 Nel grafi co 12 è rappresentato l andamento dell escursione termica mensile. Giugno, con 25,7 C, è il mese in cui si è registrata la massima escursione; novembre quello in cui si è registrata la minima (17,6 C). Grafi co 12 Escursione termica mensile (Tmax Tmin) 30,0 25,0 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0 gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre escursione 18,9 19,1 23,7 23,0 22,5 25,7 20,7 20,0 20,7 23,3 17,6 20,3 Fonte: elaborazione Uffi cio comunale di statistica su dati Servizio Idrologico Regionale La temperatura media annuale per il 2014 è stata di 15,1 C. La tabella 5 riporta la media delle temperature massime e minime giornaliere e la temperatura media complessiva per ciascun mese. Tabella 5 Temperature mensili medie per l anno Anno 2014 Media delle max giornaliere Media delle min giornaliere Media mensile gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre Fonte: Servizio Idrologico Regionale 28

29 Grafi co 13 Temperature medie anno gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre Media delle max giornaliere Media delle min giornaliere Media mensile Fonte: elaborazione Uffi cio comunale di statistica su dati Servizio Idrologico Regionale Nell anno 2014 sono caduti in totale 1.097,2 mm di pioggia, principalmente nei mesi di gennaio, febbraio e novembre. Il mese più piovoso è novembre con 193,0 mm di pioggia mentre marzo è il meno piovoso (32,8 mm). Nell intero arco dell anno i giorni piovosi sono stati 106. La tabella 6 riporta la distribuzione mensile delle piogge per l anno 2014, i relativi giorni piovosi e la quantità di pioggia caduta nel giorno più piovoso del mese. 29

30 Tabella 6 Precipitazioni mensili e relativi giorni di pioggia. Anno Anno 2014 mm pioggia gg piovosi gg più piovoso Max mm pioggia gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre Totale complessivo Fonte: Servizio Idrologico Regionale Il grafi co 14 riporta la distribuzione mensile e giornaliera delle precipitazioni per l anno Grafi co 14 Distribuzione mensile e giornaliera delle precipitazioni (in mm) per l anno ,0 45,0 precipitazioni 40,0 35,0 30,0 25,0 20,0 15,0 10,0 5,0 0,0 01/01/ /01/ /01/ /02/ /02/ /02/ /03/ /03/ /03/ /04/ /04/ /05/ /05/ /05/ /06/ /06/ /06/ /07/ /07/ /07/ /08/ /08/ /08/ /09/ /09/ /10/ /10/ /10/ /11/ /11/ /11/ /12/ /12/ /12/2014 Fonte: elaborazione Uffi cio comunale di statistica su dati Servizio Idrologico Regionale 30

31 Nei primi due mesi del 2014 è caduto un terzo della pioggia dell intero anno (356,4 mm); le piogge sono distribuite in tutto l arco dei due mesi e i periodi con assenza di precipitazioni più prolungati sono al massimo di 5 giorni. A marzo le piogge sono diminuite per poi intensifi carsi di nuovo a giugno e luglio. Novembre è stato il mese più piovoso dell anno con 193 mm di pioggia. Grafi co 15 Cumulata delle precipitazioni (in mm) per l anno ,0 cumulata precipitazioni 1000,0 800,0 600,0 400,0 200,0 01/01/ /01/ /01/ /01/ /02/ /02/ /02/ /03/ /03/ /03/ /03/ /04/ /04/ /04/ /05/ /05/ /05/ /06/ /06/ /06/ /06/ /07/ /07/ /07/ /08/ /08/ /08/ /08/ /09/ /09/ /09/ /10/ /10/ /10/ /11/ /11/ /11/ /11/ /12/ /12/ /12/2014 0,0 Fonte: Servizio Idrologico Regionale 31

32 I periodi più lunghi di siccità: periodo gg no pioggia 06/03/ /03/ /05/ /05/ /06/ /06/ /10/ /11/ /12/ /12/ /06/ /06/ /08/ /08/ /10/ /10/ I 10 giorni più piovosi dell anno: data mm pioggia 11/02/ ,6 31/01/ ,8 18/11/ ,0 18/01/ ,6 30/06/ ,6 06/11/ ,6 20/02/ ,4 19/11/ ,8 11/09/ ,0 09/07/ ,0 32

33 La statistica per la città Studi e ricerche I prezzi al consumo a Firenze nel 2014 A cura di Vieri Del Panta 33

34 34

35 SOMMARIO 1- Introduzione L andamento dell infl azione a Firenze La dinamica dei prezzi di alcune categorie di prodotti La dinamica dei prezzi per canale distributivo Appendice - Defi nizioni

36 1- Introduzione Il rapporto presenta alcune elaborazioni sull andamento dei prezzi al consumo secondo l indice a Firenze per l Intera Collettività Nazionale (NIC). Per meglio comprendere le dinamiche dei prezzi, si riportano in alcune tabelle anche i dati relativi al Le variazioni congiunturali 1 dell Indice NIC mostrano che gennaio è il mese con la variazione più elevata pari a +0,7% sia per il 2013 sia per il Novembre, invece, si caratterizza per aver registrato la variazione negativa maggiore pari a -1,0% per il 2014 e -1,1% per il La variazione dell indice tendenziale 2 a Firenze registra un valore di +1,8% (il più elevato per l anno 2013) a gennaio, mostrando un andamento decrescente durante i due anni. Tuttavia, si segnalano aumenti tra marzo e giugno 2013; anche il 2014 è caratterizzato variazioni in fl essione soprattutto da marzo a luglio e tra agosto e novembre, che registra un valore pari a -1,0%. Le divisioni di spesa nelle quali si registrano le variazioni più sensibili per il 2014 sono le divisioni Abbigliamento e calzature, Istruzione e Servizi ricettivi e di ristorazione. La variazione tendenziale più elevata viene registrata nella divisione Istruzione nel mese di gennaio e febbraio, con un aumento pari a +2,5% per entrambi, mentre nel 2013 era la divisione Servizi ricettivi e di ristorazione con un aumento pari a +5,3% nel mese di settembre. Nel quadrimestre marzo, aprile, maggio e giugno 2014 la divisone Servizi ricettivi e di ristorazione registra rispettivamente i seguenti aumenti +2,1%, +2,4%, +2,1% e +2,3%; a settembre gli aumenti maggiori si registrano nella divisione Abbigliamento e calzature (+1,2%) e a dicembre nella divisione Istruzione. Le divisioni Servizi sanitari e spese per la salute presenta ribassi per tutto il 2014, tuttavia le variazioni negative più signifi cative si registrano nella divisione Abitazione, acqua, energia e combustibili pari a -3,2% a settembre e a -3,0% a luglio e agosto. Per un analisi più approfondita sulle dinamiche dei prezzi sono state considerate altre classifi cazioni dei prodotti rilevati: un andamento fortemente decrescente per gli energetici regolamentati, in cui si passa da +8,0% di gennaio, febbraio e marzo 2013 a -8,0% di luglio, agosto e settembre Si segnala inoltre per i beni non regolamentati l ultimo semestre che è caratterizzato da forti ribassi fi no a dicembre 2014, in cui si registra la variazione più bassa pari a -8,2%, la più bassa di tutto il periodo considerato. Questi ribassi molto elevati sono dovuti soprattutto al forte calo del carburante. 1 Variazione di ciascun mese rispetto al mese precedente 2 Variazione di ciascun mese rispetto allo stesso mese dell anno precedente 36

Bollettino mensile di Statistica

Bollettino mensile di Statistica Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica Bollettino mensile di Statistica Aprile 2012 Sistema Statistico Nazionale Comune di Firenze Ufficio Comunale di Statistica Dirigente Riccardo

Dettagli

Bollettino mensile di Statistica

Bollettino mensile di Statistica Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica Bollettino mensile di Statistica Settembre 2012 Sistema Statistico Nazionale Comune di Firenze Ufficio Comunale di Statistica Dirigente

Dettagli

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica Bollettino mensile di Statistica Novembre 2014 Sistema Statistico Nazionale Comune di Firenze Uffi cio Comunale di Statistica Servizio

Dettagli

Osservatorio prezzi Bologna. Dicembre 2012

Osservatorio prezzi Bologna. Dicembre 2012 Osservatorio prezzi Bologna Dicembre 2012 Glossario Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura Le tendenze dell

Dettagli

Osservatorio prezzi Bologna. Settembre 2012

Osservatorio prezzi Bologna. Settembre 2012 Osservatorio prezzi Bologna Settembre 2012 Glossario Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura Le tendenze dell

Dettagli

Bollettino mensile di Statistica

Bollettino mensile di Statistica Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica Bollettino mensile di Statistica Gennaio 2013 Sistema Statistico Nazionale Comune di Firenze Ufficio Comunale di Statistica Dirigente Riccardo

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 23 febbraio 2011 Gennaio 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi A partire dai dati di gennaio 2011, la base di riferimento dell indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC) e

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. APRILE - MAGGIO 2006 A cura di: - Settore Sistema Regione Toscana - Settore Tutela dei Consumatori

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC)

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC) 16 giugno 2011 Maggio 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di maggio, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo dei tabacchi, registra un aumento

Dettagli

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA

UFFICIO COMUNALE DI STATISTICA COMUNE DI PISTOIA Piazza del Duomo 51100 Pistoia Tel. 0573.3711 Ufficio Statistica via dei Macelli 11/C 51100 Pistoia Tel. 0573 371 922 911 - Fax 0573 371928 - e-mail statistica@comune.pistoia.it UFFICIO

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 ottobre 2013 Ottobre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 16 novembre 2011 Ottobre 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di ottobre, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo dei tabacchi, registra un aumento

Dettagli

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER

LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE VARIAZIONI DELL INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) NELLE CITTA TOSCANE. GENNAIO - FEBBRAIO 2006 A cura di: - Settore Sistema Regione Toscana - Settore Tutela dei

Dettagli

Agosto 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

Agosto 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 12 settembre 2013 Agosto 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di agosto 2013, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello 0,4%

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 settembre 2013 Settembre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di settembre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al

Dettagli

Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 3 febbraio 2015 Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di gennaio 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 3 gennaio 2014 Dicembre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di dicembre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 4 gennaio 2012 Dicembre 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di dicembre, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo

Dettagli

CITTA DI TRIESTE INDICI PROVVISORI DEI PREZZI AL CONSUMO NOVEMBRE 2013

CITTA DI TRIESTE INDICI PROVVISORI DEI PREZZI AL CONSUMO NOVEMBRE 2013 Trieste, 29 novembre 2013 AREA RISORSE UMANE E SERVIZI AL CITTADINO Ufficio Statistica e Toponomastica CITTA DI TRIESTE INDICI PROVVISORI DEI PREZZI AL CONSUMO NOVEMBRE 2013 Nel mese di NOVEMBRE 2013 la

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 13 luglio 2012 Giugno 2012 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di giugno, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo dei tabacchi, registra un aumento

Dettagli

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009

La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 16 Dicembre 2009 La dinamica dei prezzi al consumo Novembre 2009 A novembre, il tasso di inflazione, misurato sulla base dell indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività, è salito

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2010

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2010 Indici dei prezzi al consumo Maggio 2010 16 giugno 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Giugno 2010

Indici dei prezzi al consumo Giugno 2010 14 luglio 2010 Indici dei prezzi al consumo Giugno 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Gennaio 2010

Indici dei prezzi al consumo Gennaio 2010 Indici dei prezzi al consumo Gennaio 2010 23 febbraio 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da:

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Marzo 2010

Indici dei prezzi al consumo Marzo 2010 16 aprile 2010 Indici dei prezzi al consumo Marzo 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Luglio 2009

Indici dei prezzi al consumo Luglio 2009 Indici dei prezzi al consumo Luglio 2009 12 agosto 2009 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC)

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizi al cittadino e Pari Opportunità Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Agosto 2009

Indici dei prezzi al consumo Agosto 2009 Indici dei prezzi al consumo Agosto 2009 16 settembre 2009 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da:

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2009

Indici dei prezzi al consumo Maggio 2009 Indici dei prezzi al consumo Maggio 2009 16 giugno 2009 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da: -indice

Dettagli

Indici dei prezzi al consumo Dicembre 2009

Indici dei prezzi al consumo Dicembre 2009 Indici dei prezzi al consumo Dicembre 2009 15 gennaio 2010 Le rilevazioni correnti sui prezzi al consumo svolte dall Istituto nazionale di statistica danno luogo ad un sistema di indici costituito da:

Dettagli

14 aprile 2015. INDICE GENERALE NIC Marzo 2014-marzo 2015, variazioni percentuali congiunturali

14 aprile 2015. INDICE GENERALE NIC Marzo 2014-marzo 2015, variazioni percentuali congiunturali 14 aprile 2015 Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di marzo 2015, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello % su base

Dettagli

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100)

Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) capitolo 12 prezzi Tavola 12.1 Indici dei prezzi al consumo per l intera collettività nazionale (NIC) per capitoli di spesa dal 2001 al 2005 (base 1998 = 100) Capitoli Numeri indici Varizioni medie annue

Dettagli

14 ottobre 2015. INDICE GENERALE NIC Settembre 2014-settembre 2015, variazioni percentuali congiunturali

14 ottobre 2015. INDICE GENERALE NIC Settembre 2014-settembre 2015, variazioni percentuali congiunturali 14 ottobre 2015 Settembre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di settembre 2015 l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, diminuisce dello

Dettagli

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica Bollettino mensile di Statistica Gennaio 2014 Sistema Statistico Nazionale Comune di Firenze Ufficio Comunale di Statistica Direzione Sistemi

Dettagli

Maggio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

Maggio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 15 giugno 2015 Maggio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di maggio 2015, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello % sia

Dettagli

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica Bollettino mensile di Statistica Settembre 2014 Sistema Statistico Nazionale Comune di Firenze Uffi cio Comunale di Statistica Direzione

Dettagli

Le tendenze dell inflazione a Bologna nel 2009. Febbraio 2010

Le tendenze dell inflazione a Bologna nel 2009. Febbraio 2010 Le tendenze dell inflazione a Bologna nel Febbraio 2010 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Paola Ventura L inflazione

Dettagli

CITTA DI CATANZARO SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E TURISMO Ufficio Statistica e Toponomastica

CITTA DI CATANZARO SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E TURISMO Ufficio Statistica e Toponomastica CITTA DI CATANZARO SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E TURISMO Ufficio Statistica e Toponomastica Anticipazione del mese di GENNAIO 2015 Indice Prezzi al consumo per l intera collettività - Catanzaro Nel mese

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI. Luglio 2010 COMUNE DI TERNI

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI. Luglio 2010 COMUNE DI TERNI COMUNE DI TERNI INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ ANTICIPAZIONE PROVVISORIA TERNI Luglio 2010 I dati e le informazioni riportati di seguito sono stati validati dalla Commissione Comunale

Dettagli

Aprile 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

Aprile 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 13 maggio 2015 Aprile 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di aprile 2015, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello % su

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 3 FEBBRAIO 2004 ore 12.30

COMUNICATO STAMPA 3 FEBBRAIO 2004 ore 12.30 COMUNE DI PADOVA COMUNICATO STAMPA 3 FEBBRAIO 2004 ore 12.30 Anticipazione degli indici provvisori dei prezzi al consumo del Mese di Gennaio 2004 VARIAZIONI PERCENTUALI DEGLI INDICI N.I.C. ( Intera Collettività

Dettagli

11 agosto 2015. INDICE GENERALE NIC Luglio 2014-luglio 2015, variazioni percentuali congiunturali

11 agosto 2015. INDICE GENERALE NIC Luglio 2014-luglio 2015, variazioni percentuali congiunturali 11 agosto 2015 Luglio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di luglio 2015, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, diminuisce dello %

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) SETTEMBRE 2014

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) SETTEMBRE 2014 COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizio Cittadino e Pari Opportunità U.O. Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

Bollettino mensile di statistica

Bollettino mensile di statistica Direzione Generale Servizio statistica e toponomastica Bollettino mensile di statistica Marzo 2015 n. 49 Sistema Statistico Nazionale Comune di Firenze Ufficio Comunale di Statistica Servizio Statistica

Dettagli

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) DICEMBRE 2014

INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA NAZIONALE (NIC) DICEMBRE 2014 COMUNE DI PIACENZA D.O. Servizi alla Persona e al Cittadino Servizio Cittadino e Pari Opportunità U.O. Servizi Demografici e Statistici Ufficio Statistica e Censimenti Via Beverora, 57 29121Piacenza Tel.

Dettagli

Vice Direzione Generale Servizi Amministrativi Direzione Servizi Civici Servizio Statistica e Toponomastica

Vice Direzione Generale Servizi Amministrativi Direzione Servizi Civici Servizio Statistica e Toponomastica Vice Direzione Generale Servizi Amministrativi Direzione Servizi Civici Servizio Statistica e Toponomastica INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITA MESE: GENNAIO 2014 ANTICIPAZIONE PROVVISORIA

Dettagli

Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 14 gennaio 2015 Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di dicembre 2014, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, fa registrare

Dettagli

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno Servizio Statistica Settore Economia, Promozione della città e servizi al cittadino INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L'INTERA COLLETTIVITA' NAZIONALE (NIC) L'Ufficio Statistica del Comune di Modena, secondo

Dettagli

INDICE del CAPITOLO TABELLE GRAFICI GLOSSARIO. Capitolo 4 - Prezzi Annuario Statistico 2012

INDICE del CAPITOLO TABELLE GRAFICI GLOSSARIO. Capitolo 4 - Prezzi Annuario Statistico 2012 L'inflazione a Udine (misurata dal NIC, ovvero l'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività) per il 2012 è, in media d'anno, di +3,3%; il dato è in crescita rispetto al 2011 (+2,7%) e di poco

Dettagli

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno

DIVISIONI (anno base 2010=100) Pesi in % % Mese % Anno Servizio Statistica Settore Politiche Economiche e Sport INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L'INTERA COLLETTIVITA' NAZIONALE (NIC) L'Ufficio Statistica del Comune di Modena, secondo le disposizioni e norme tecniche

Dettagli

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA DIPA DIPARTIMENTO Risorse Tecnologiche-Servizi Delegati-Statistica U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA

Dettagli

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA E CENSIMENTO Servizio Prezzi

COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA E CENSIMENTO Servizio Prezzi DIPARTIMENTO Risorse Tecnologiche-Servizi Delegati-Statistica U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA DIPARTIMENTO RISORSE TECNOLOGICHE-SERVIZI DELEGATI-STATISTICA U.O. STATISTICA

Dettagli

PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO

PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO NOVEMBRE 2003 Direttore del Progetto Marketing Territoriale: dr. Antonio Mezzino Direttore dell Ufficio Statistica: dr. Franco

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 3 Febbraio 2015 ore 11.00

COMUNICATO STAMPA 3 Febbraio 2015 ore 11.00 COMUNE DI REGGIO CALABRIA SERVIZIO STATISTICA www.reggiocal.it/statistica ANTICIPAZIONE DELLA VARIAZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO CITTA DI REGGIO CALABRIA MESE DI GENNAIO 2015 (dati provvisori)

Dettagli

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica Bollettino mensile di Statistica Aprile 2014 Sistema Statistico Nazionale Comune di Firenze Ufficio Comunale di Statistica Direzione Sistemi

Dettagli

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici

COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici COMUNE DI TERNI Direzione Sviluppo Economico e Aziende Servizi Statistici Corso del Popolo 30 05100 Terni Tel +39 0744.549.742-3-5 statistica@comune.tr.it INDICE PREZZI AL CONSUMO PER L INTERA COLLETTIVITÀ

Dettagli

COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO, DELL INDUSTRIA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA

COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO, DELL INDUSTRIA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA DIPAR DIPARTIMENTO XV VI U.O. - Statistica e Censimento Servizio Prezzi COMUNE DI ROMA ASSESSORATO POLITICHE ECONOMICHE, FINANZIARIE E DI BILANCIO, DELL INDUSTRIA E INNOVAZIONE TECNOLOGICA DIPARTIMENTO

Dettagli

Bollettino mensile di Statistica

Bollettino mensile di Statistica Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica Bollettino mensile di Statistica Marzo 2013 colophon Sistema Statistico Nazionale Comune di Firenze Ufficio Comunale di Statistica Dirigente

Dettagli

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO

LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI AL CONSUMO 27 ottobre 2014 Anno 2014 LA RECENTE DINAMICA DEI PREZZI L inflazione (misurata dall indice armonizzato dei prezzi al consumo, IPCA), già in forte decelerazione nel 2013 (+1,3% in media d anno, dal +3,3%

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 07 Gennaio 2015 ore 11.00

COMUNICATO STAMPA 07 Gennaio 2015 ore 11.00 COMUNE DI REGGIO CALABRIA SERVIZIO STATISTICA www.reggiocal.it/statistica ANTICIPAZIONE DELLA VARIAZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO CITTA DI REGGIO CALABRIA MESE DI DICEMBRE 2014 (dati provvisori)

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro

Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Quaderni Statistici e Informativi ISSN 1974-6822 Quaderno dei Prezzi N 8 - Dicembre 2009 Quaderni Statistici e Informativi La collana Quaderni

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100

Paniere dell'indice dei prezzi al consumo per l'intera collettività nazionale - Anno 2008 coefficienti di ponderazione - base dicembre 2007 = 100 Riso 1.064 Pane 13.504 Pasta 5.808 Cereali e farine 590 Pasticceria 4.905 Biscotti dolci 2.742 Biscotti salati 1.709 Alimenti dietetici 374 Altri cereali e piatti pronti 2.505 Carne bovina fresca 18.572

Dettagli

Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi

Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi 14 gennaio 2015 Dicembre 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi Nel mese di dicembre 2014, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, fa registrare

Dettagli

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica Bollettino mensile di Statistica Dicembre 2013 Sistema Statistico Nazionale Comune di Firenze Ufficio Comunale di Statistica Direzione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi Senato della Repubblica X Commissione Permanente Industria, Commercio, Turismo Indagine conoscitiva sulla dinamica dei prezzi della

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Anticipazione dell indice dei prezzi al consumo LUGLIO 2003

COMUNICATO STAMPA. Anticipazione dell indice dei prezzi al consumo LUGLIO 2003 Comune di Novara SERVIZIO STATISTICA COMUNICATO STAMPA Anticipazione dell indice dei prezzi al consumo LUGLIO 2003 Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo Seduta del

Dettagli

COMUNE DI NOVARA UNITA' STATISTICA COMUNICATO STAMPA

COMUNE DI NOVARA UNITA' STATISTICA COMUNICATO STAMPA COMUNE DI NOVARA UNITA' STATISTICA COMUNICATO STAMPA Anticipazione dell'indice dei prezzi al consumo: LUGLIO 2002 Il Comune di Novara comunica che effettuata la rilevazione nel mese di luglio, gli indici

Dettagli

ANTICIPAZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO CITTA DI FERRARA Novembre 2009 (dati provvisori)

ANTICIPAZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO CITTA DI FERRARA Novembre 2009 (dati provvisori) U.O. STATISTICA DEL COMUNE DI FERRARA ANTICIPAZIONE DEGLI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO CITTA DI FERRARA Novembre 2009 (dati provvisori) La rilevazione dei prezzi al consumo effettuata mensilmente dai comuni

Dettagli

NUMERI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO: UN CONFRONTO TEMPORALE E SPAZIALE

NUMERI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO: UN CONFRONTO TEMPORALE E SPAZIALE I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, POPOLAZIONE E SOCIETÀ NUMERI INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO: UN CONFRONTO TEMPORALE E SPAZIALE Relatore: Chiar.mo

Dettagli

OSSERVATORIO DEI PREZZI

OSSERVATORIO DEI PREZZI Comune di Genova Direzione Statistica OSSERVATORIO DEI PREZZI I primi nove mesi del 2012 Direzione Statistica Piazzale Mazzini,3 Tel: 0105579008 Fax: 0105579000 E-mail: statistica@comune.genova.it Sito

Dettagli

Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica

Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica Servizio statistica e toponomastica Bollettino mensile di Statistica Ottobre 2014 Sistema Statistico Nazionale Comune di Firenze Uffi cio Comunale di Statistica Servizio Statistica e Toponomastica Dirigente

Dettagli

SETTORE DI STATISTICA - Lecco. Variazioni prodotti

SETTORE DI STATISTICA - Lecco. Variazioni prodotti SETTORE DI STATISTICA - Lecco Variazioni prodotti Agosto 2011 In Aumento 01 -- alimentari e bevande analcoliche Albicocche 37 B IS Cocomeri-angurie -33 B IS Ananas 24,5 B - Susine -19,7 B IS Zucchine 16,9

Dettagli

COMPLESSIVO -0.5-0.2

COMPLESSIVO -0.5-0.2 Comune di Pistoia - Indice locale dei Prezzi al Consumo per l'intera Collettività Nazionale - Aprile 2015 Codice Descrizione Variazioni % anno prec. mese prec. COMPLESSIVO -0.5-0.2 1 Prodotti alimentari

Dettagli

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei pacchetti vacanza...7. I prezzi più caldi e più freddi...

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei pacchetti vacanza...7. I prezzi più caldi e più freddi... Indice Presentazione............................................................. 3 In sintesi................................................................. 4 Confronto con l Europa......................................................5

Dettagli

A proposito di Prezzi al consumo Novembre 2014

A proposito di Prezzi al consumo Novembre 2014 NOTA INFORMATIVA UFFICIO STATISTICA Lecco, 12 dicembre 2014 A proposito di Prezzi al consumo Novembre 2014 Leggermente positiva l inflazione a Lecco (+0,2%); ma torna in territorio negativo la variazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo. LUGLIO 2006

COMUNICATO STAMPA. Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo. LUGLIO 2006 Comune di Novara Servizio Statistica COMUNICATO STAMPA Anticipazione provvisoria dell indice N.I.C. Indice Nazionale Intera Collettività LUGLIO 20 Commissione comunale per il controllo della rilevazione

Dettagli

ALIMENTARI. in aumento:% mese prec

ALIMENTARI. in aumento:% mese prec LA PRESENTE TABELLA HA LO SCOPO DI INDICARE LE MAGGIORI VARIAZIONI DI PREZZO RISCONTRATE DURANTE IL MESE DI RIFERIMENTO NEL MERCATO DI VICENZA. I VALORI ESPRESSI CORRISPONDONO AL VALORE MEDIO TRA TUTTE

Dettagli

FEBBRAIO 2010. > BEVANDE ALCOLICHE E TABACCHI lieve diminuzione dei vini parzialmente compensata dagli aumenti di liquori e birre.

FEBBRAIO 2010. > BEVANDE ALCOLICHE E TABACCHI lieve diminuzione dei vini parzialmente compensata dagli aumenti di liquori e birre. L'Ufficio Statistica del Comune di Modena ha provveduto a calcolare le variazioni percentuali dei prezzi al consumo per l' intera collettivita' nazionale (NIC) relative ai prezzi rilevati secondo le disposizioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo. GENNAIO 2008

COMUNICATO STAMPA. Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo. GENNAIO 2008 Comune di Novara Servizio Statistica COMUNICATO STAMPA Anticipazione provvisoria dell indice N.I.C. Indice Nazionale Intera Collettività GENNAIO 2008 Commissione comunale per il controllo della rilevazione

Dettagli

Sistema Statistico Nazionale COMUNE DI VICENZA Ufficio Statistica

Sistema Statistico Nazionale COMUNE DI VICENZA Ufficio Statistica VICENZA, 9 giugno 2011 OGGETTO: Rilevazione dei prezzi al consumo del mese di MAGGIO 2011. Nel settore dei beni alimentari, risultano in aumento il pane da toast e la merenda preconfezionata, la crema

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, i consumatori, la vigilanza e la normativa tecnica Div. V - Monitoraggio

Dettagli

I numeri indici dei prezzi al consumo

I numeri indici dei prezzi al consumo I numeri indici dei prezzi al consumo L'inflazione è un processo di aumento continuo e generalizzato del livello generale dei prezzi dell'insieme dei beni e servizi destinati al consumo delle famiglie.

Dettagli

Bolzano la città più cara, Napoli la più economica

Bolzano la città più cara, Napoli la più economica ISTITUTO GUGLIELMO TAGLIACARNE per la promozione della cultura economica Le differenze nel livello dei prezzi al consumo tra i capoluoghi delle regioni italiane Anno 2009 In questa nota si presentano i

Dettagli

L inflazione nel 2006: Roma in linea con la media nazionale

L inflazione nel 2006: Roma in linea con la media nazionale L inflazione nel 2006: Roma in linea con la media nazionale In Italia l inflazione media annua per l anno 2006 si è attestata intorno al 2,1%, un risultato peggiore rispetto al 2005 quando il valore medio

Dettagli

ANTICIPAZIONE PROVVISORIA DELL INDICE N.I.C. (INDICE NAZIONALE INTERA COLLETTIVITA ) PER LA CITTA DI NOVARA

ANTICIPAZIONE PROVVISORIA DELL INDICE N.I.C. (INDICE NAZIONALE INTERA COLLETTIVITA ) PER LA CITTA DI NOVARA Comune di Novara Servizio Statistica La commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo in seduta venerdì 5 febbraio 2010 alle ore 10,00 convalida la rilevazione del mese

Dettagli

Le lancette dell economia bolognese. Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013

Le lancette dell economia bolognese. Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013 Le lancette dell economia bolognese Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013 Aggiornamento: 7 aprile 2014 Indice Le principali tendenze dell'economia italiana pag. 3 L'andamento economico locale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, i consumatori, la vigilanza e la normativa tecnica Div. V - Monitoraggio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, i consumatori, la vigilanza e la normativa tecnica Div. V - Monitoraggio dei prezzi e statistiche sul commercio e sul

Dettagli

Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio

Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio Il prezzo di alcuni generi di largo consumo a Sondrio con il coordinamento scientifico di Novembre 2012 La struttura della presentazione Caratteristiche dell indagine Il paniere di prodotti rilevati Risultati:

Dettagli

OSSERVATORIO DEI PREZZI

OSSERVATORIO DEI PREZZI Comune di Genova Direzione Statistica e Sicurezza Aziendale OSSERVATORIO DEI PREZZI L'andamento nel 2014 Direzione Statistica e Sicurezza Aziendale Piazzale Mazzini, 3 Tel: 0105579008 Fax: 0105579000 E-mail:

Dettagli

PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO

PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO PROGETTO OCCHIO AL PREZZO MONITORAGGIO PREZZI AL CONSUMO NEL COMUNE DI PESARO OTTOBRE 2003 Direttore del Progetto Marketing Territoriale: dr. Antonio Mezzino Direttore dell Ufficio Statistica: dr. Franco

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo. FEBBRAIO 2007

COMUNICATO STAMPA. Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo. FEBBRAIO 2007 Comune di Novara Servizio Statistica COMUNICATO STAMPA Anticipazione provvisoria dell indice N.I.C. Indice Nazionale Intera Collettività FEBBRAIO 20 Commissione comunale per il controllo della rilevazione

Dettagli

Rilevazione prezzi al consumo

Rilevazione prezzi al consumo Rilevazione prezzi al consumo Febbraio 2015 a cura del Servizio Statistica Dipartimento Servizi al Cittadino - Comune di Messina 2 La rilevazione Territoriale per Messina. A Messina, nel mese di Febbraio

Dettagli

Anticipazione degli indici dei prezzi al consumo di Bolzano del mese di FEBBRAIO 2003

Anticipazione degli indici dei prezzi al consumo di Bolzano del mese di FEBBRAIO 2003 COMUNE DI BOLZANO RIPARTIZIONE PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE Ufficio Programmazione, Statistica e Tempi della Città STADTGEMEINDE BOZEN ABTEILUNG FÜR PLANUNG UND PROGRAMMIERUNG Amt für Planung, Statistik

Dettagli

Comune di Novara Servizio Statistica

Comune di Novara Servizio Statistica Comune di Novara Servizio Statistica Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo della città di Novara in seduta Giovedì 30 Giugno 2011 alle ore 10:00 convalida il seguente:

Dettagli

OSSERVATORIO DEI PREZZI

OSSERVATORIO DEI PREZZI Comune di Genova Direzione Pianificazione Strategica, Smart City e Statistica Settore Controllo di Gestione e Statistica OSSERVATORIO DEI PREZZI L'andamento nel primo semestre 2015 Direzione Pianificazione

Dettagli

I prezzi al consumo in Liguria

I prezzi al consumo in Liguria La newsletter è frutto di una collaborazione tra Camera di Commercio di Genova e Ref Ricerche OSSERVATORIO REGIONALE I prezzi al consumo in Liguria n. 6 II trimestre 2015 In questo numero: L inflazione

Dettagli

Comune di Novara Servizio Statistica

Comune di Novara Servizio Statistica Comune di Novara Servizio Statistica Commissione comunale per il controllo della rilevazione dei prezzi al consumo della città di Novara in seduta Venerdì 29 Aprile 2011 alle ore 10:00 convalida il seguente:

Dettagli

Rilevazione prezzi al consumo

Rilevazione prezzi al consumo Rilevazione prezzi al consumo Novembre 2014 A cura del Servizio Statistica Dipartimento Servizi al Cittadino - Comune di Messina 2 La rilevazione Territoriale per Messina. A Messina, nel mese di Novembre

Dettagli