La Cazzuola SpA Residenza Bergamo 18 Capitolato delle finiture

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Cazzuola SpA Residenza Bergamo 18 Capitolato delle finiture"

Transcript

1 Agg. del 12 aprile 2013 La Cazzuola SpA Residenza Bergamo 18 Capitolato delle finiture 1) DATI GENERALI Proprietà : La Cazzuola spa - Via S.D'Orsenigo 25 - Milano Lo stabile è costruito in via Bergamo 18 all angolo di via Silio Italico, 1.1) Progetto Il Progetto è dell' Arch. Clara Rognoni Valeriani con ufficio Studio Valeriani Rognoni - in Milano, via Cherubini Mi - tel La D.I.A. per l esecuzione delle opere edilizie. è stata protocollata dal Comune di Milano il PG /2009 Progr. 8714/2009 con variante PG /2012 Progr14844/2012 per eliminazione di un piano interrato e modifiche vari piani. Comunicazione Inizio Lavori L'approvazione V. V.Fuoco è protocollata al n ) Direzione lavori, Cementi armati, Sicurezza Direzione Lavori, Progetto dei Cementi armati, Direzione lavori e di Cantiere e Coordinamento : Ing. Francesco Frisia - Milano, Via S. D'Orsenigo 25 -Tel fax Oltre alle normali funzioni ed alle responsabilità previste dalla legge, al Direttore dei Lavori è affidato il compito di definire ogni particolare non menzionato o non ben precisato nella descrizione delle opere e nel progetto, apportando le modifiche necessarie e varianti imposte o consigliate da esigenze connesse alla realizzazione dell'edificio previsto. Coordinatore alla progettazione ed alla conduzione dei lavori, ai sensi del D.Lgs 81/2008 e successive integrazioni : : Arch. Filippo Frisia - Milano Via S. D'Orsenigo 25 - Tel ) Costruzione La Costruzione generale è affidata alla Società Fabria Impresa Edile S.r.l. con sede in Milano Via S. D'Orsenigo 25 -Tel già iscritta all'albo Nazionale dei Costruttori -cat. 2 per importi di 15 miliardi - ed ai suoi Fornitori e sub-fornitori qualificati. 1.4) Distribuzione degli stabili L immobile è costituito da un piano interrato ( realizzato nello scavo, già esistente e contornato dalle murature degli uffici demoliti ), dal piano terra, da tre piani ad uso abitazione e da una mansarda, al momento senza permanenza continuativa di persone. Al piano interrato sono previsti: l'arrivo della rampa, i nuovi box ; una scala protetta per collegare il piano terra, un vano per il contatore dell'acqua, la zona filtro con accesso all'ascensore Dal corsello si accede ai box già esistenti sotto il fabbricato vicino. A piano terra l'ingresso carraio prevede i vani contatore e ripostigli per i condomini, ingresso pedonale, ampio atrio con scala a vista, locale biciclette, immondezzaio, sala condominiale con vetrate su via Silio Italico e sul giardino e centrale termica 1

2 Secondo ingresso carraio la via Silio Italico con due posti auto scoperti. Al I piano tre appartamenti Al II piano due appartamenti Al III piano due appartamenti Al IV piano due mansarde 1.5) Volumi I particolari risultano dalla tabella allegata alla ns richiesta, I dati essenziali sono; Slp comunale mq Cubatura teorica mc Superfici solai f.t. mq ( Compreso soletta PT) Volume Ft con logge etc. mc ) STRUTTURE Denuncia dei Cementi armati al Comune di Milano, settore Concessioni Edilizie PG del n 115/010. Collaudo opere in cemento armato dell ingegner Giulio Cucciniello, depositato il 20 giugno 2012 PG / 2012 Tutte le strutture sono calcolate ed eseguite in osservanza alle norme attualmente in vigore per i cementi armati, con puntuale valutazione delle sollecitazioni sismiche per zona 4. Calcestruzzo di classe Rck250 per le fondazioni, Rck 350 per le strutture. Acciaio ad aderenza migliorata B 450 c Dello stabile demolito sono rimasti in opera le murature perimetrali verso le strade pubbliche. Le strutture del piano interrato sul perimetro della proprietà sono state rinforzate con palificazione berlinese. È stata mantenuta anche la rampa di accesso ai box interrati, che è valida anche per il nuovo fabbricato. I nuovi box del piano interrato saranno collegati con una rampa interna di lieve pendenza ai box di proprietà già eseguiti, e tuttora utilizzabili sotto lo stabile vicino di via Silio Italico. Muri in cemento armato a separazione dei box e appoggio soletta. Pilastri per le travi di colmo. Travi ribassate sostengono il gruppo scale che parte da piano terra in corrispondenza del corsello dei box Il vano ascensore parte direttamente da una zona filtro a piano interrato e serve tutti i piani. Solai in lastre di cemento, tipo predalles, per il solai sopra i box, a quota terreno. Dal piano terra la struttura portante sarà costituita da pilastri rettangolari con o senza un lato curvo o circolari e muri ascensore e scala con gradini gettati in opera. Travi in cemento armato in spessore con solai preconfezionati a pannelli in laterocemento per i solai dei piani tipo. I solai sono calcolati per un sovraccarico accidentale di 300 kgf/mq, sia per le abitazioni che per il piano terra, oltre il sovraccarico permanente e il peso proprio. Per i balconi carico accidentale 400 kgf/mq e per i terrazzi 500 kgf/mq. Solai in pannelli prefabbricati di polistirolo per copertura mansarde, calcolati per un sovraccarico del terrazzo non praticabile ed utilizzato per i pannelli solari di 120.kgf/mq Ampi terrazzi e balconi. 3) SERVIZI COMUNI 3.1) Generalità I locali comuni per deposito immondizie, parcheggio biciclette e gli atrii sono destinati all'uso di tutti i condomini senza eccezione. I terrazzi di copertura, i locali ripostiglio ricavati con accesso dalla rampa, i posti macchina all aperto ed i box saranno di proprietà privata. 2

3 3.2) Impianti In genere è di proprietà comune tutto quanto è nelle parti comuni, o serve l'intero condominio, contenuto o attraversando i muri di proprietà dei singoli condomini. Sono di proprietà comune - e destinati a tutti i condomini serviti - i locali e gli impianti tutti dello stabile e indicativamente: Centrale termica per riscaldamento, raffrescamento e acqua calda centralizzata con tubazioni e apparecchi con i moduli di controllo e di misura sulle scale,e recuperatori di calore posizionati sul pianerottoli delle scale o sul terrazzo, l ascensore, la centrale idrica con rete di distribuzione acqua, la fognatura fino alla braga di immissione dei singoli appartamenti, le pompe di soprelevazione della fognatura, i videocitofoni (escluso l'apparecchio di ricezione all'interno degli appartamenti), la illuminazione delle scale e degli atri. Sono di proprietà dei box gli eventuali impianti antincendio e l'impianto di illuminazione Le tubazioni potranno essere collocate nei controsoffitti del piano terra e dei servizi ed in vista nei box. 4 ) DESCRIZIONE DELLE OPERE E DELLE FINITURE GENERALI 4.1) Tamponamenti perimetrali e Facciate Le pareti perimetrali saranno realizzate con un paramento esterno in blocchi termici spessore cm 12, intonacato, lastre isolanti in lana di roccia spessore cm 12, intercapedine e parete interna in forato 8 cm., rasato a gesso. Facciate principali e logge su strada e facciate corte realizzate con lastre di travertino al taglio rovescio su intonaco antistrappo. Parapetti in muratura e in ferro verniciato. Davanzali e soglie in travertino 4.2) Isolamento termico e acustico Isolamento termico previsto in ottemperanza ai disposti della normativa vigente nazionale ovvero L.10/91 e s.m.i. (dal D.lgs 192/2005, D.lgs 311/06, DPR 59/2009 etc etc) nonché regionale D.G.R. n 8/8745 del Studiato per ottenere la classe A. I pilastri ed i fronti travi verso sorgenti fredde o di rumore sono isolati anche con lastre di Eraclit La copertura, i tavolati esterni, i vani scala ed ascensore, il solaio sopra i pilotis, saranno tutti isolati con materiale adeguato. Vetri atermici con doppia lastra e camera d'aria trattata, in tutti i locali. Isolamento acustico dei divisori fra gli appartamenti: doppia parete di tavolati differenti con interposto uno strato di materiale isolante (lana di roccia spessore cm 6 ) utile anche a contenere le differenze di temperatura tra gli appartamenti. Isolamento acustico dei pavimenti ottenuto con sottofondo in calcestruzzo cellulare o isolante, con successiva posa di tappetino isolante Mapei risvoltato sui tavolati per ottenere la barriera acustica richiesta. 4.3) Serramenti locali comuni Serramenti per la separazione dei vani scala in alluminio autocolorato / laccato ral e ove necessario in ferro tamburato Rei. Scala in travertino levigato chiaro con alzata cm. 2, pedata cm. 4. Zoccolino Pavimenti dei pianerottoli e degli atri ascensori in travertino prelucidato. Pareti delle scale intonacate e trattate con idropittura. Ringhiera in ferro verniciata. Contorni portoncini d ingresso in travertino. 4.4) Atrio e pilotis 3

4 Controsoffittatura isolata con pannelli amovibili per ispezionare braghe e sifoni Pilastri facciata al piano terra in cemento faccia vista Pareti intonacate e trattate con idropittura lavabile. Pavimento dell'atrio in lastre di travertino prelucidate alternate a lastre spazzolate. Serramenti in alluminio con ampie vetrate lucide ed, ove occorre, cancellata. 4.5) Coperture Copertura piana con pannelli di polistirolo DS, formazione di pendenze per lo scolo delle acque realizzate in conglomerato isolante, impermeabilizzazione con guaina bituminosa ad alta resistenza o sintetica, garantita, anche con polizza assicurativa, per 10 anni. e non soggetti a fenomeni di scomparsa o di assorbimento d'acqua. Protezione on quadrotti di cemento gettati in opera. Pavimentazione delle terrazze e dei balconi con lastre di gres porcellanato antigelivo su Mapelastic Copertura dei box in parte con zona carraia e giardino condominiale. 4.6) Lattoneria e pluviali Scossaline in alluminio preverniciato o rame. Pluviali in polipropilene silenziati e inseriti in appositi vani nei muri perimetrali o in alcuni casi con tubi di rame esterni.. Pluviali con sifone al piede. 4.7) Impianto fognature Colonne verticali e orizzontali di diametro adeguato, in polietilene alta densità ed ove necessario in polipropilene impastato con fibre minerali per attenuazione rumori. Supporti tubazioni con fascette isolanti Reti separate acque bianche e nere nel controsoffitto del piano terra o in vista nel corsello e nei box privati. Ispezioni anche nel soffitto atrio. Pluviali con sifone al piede Rete orizzontale dei box e sotterranei in polietilene inserita nell intercapedine, a soffitto e pavimento box. Le acque della rampa e de cortiletto scoperto box saranno sollevate con piccola pompa sommersa in pozzetto e immesse nella fognatura principale. Sifone e pozzetti di prelievo in vano accessibile dal box n 1, d angolo fra le 2 vie. 4.8) Impianto centralizzato antenna televisione Antenna centralizzata con digitale terrestre e satellitare. In ogni appartamento le prese indicate nelle piantine esecutive serviranno utilizzazione per il digitale ed una o due per il satellitare tutti gli apparecchi di 4.9) Impianto video-citofonico Impianto di video citofono per ogni appartamento con video-camera e pulsantiera situate all'ingresso principale pedonale di via Bergamo 4.10) Impianto elettrico Il contatore generale ed i contatori dei singoli appartamenti sono riuniti in un vano a piano terra. Sono previsti i servizi forza motrice per l ascensore, la pompa per la fognatura, i cancelli automatizzati etc. e gli impianti luce per locali comuni, scale, atrio, corridoi, box. Impianti realizzati in conformità delle norme CEI, A2A, UNI-GIG, UNEL, SIP etc. Impianto di terra a norma per i servizi comuni, gli impianti, i singoli appartamenti, le vasche da bagno etc. Verifica del rischio scariche atmosferiche. Impianti generali per scale, atrii, rampa, box con comando crepuscolare, ad ore e con pulsanti. Collegamenti per: ascensore, centrale termica ed idrica, pompa box, moduli riscaldamento etc. 4

5 4.11 ) Impianto riscaldamento e acqua calda L edificio è progettato per rispettare ampiamente i requisiti richiesti dall'attuale, normativa nazionale e regionale, per il contenimento energetico degli edifici. Tutto lo stabile è realizzato per ottenere la classe energetica A La centrale termica per il riscaldamento e il condizionamento sarà ubicata in apposito locale al piano terreno. Anziché le caldaie tradizionali il riscaldamento ed il raffrescamento sono ottenuti con generatori Pompe di calore aria-acqua completi di sistemi di espansione e sicurezza. Una piccola caldaia di emergenza, alimentata a gas metano, provvederà in caso eccezionale ad incrementare l impianto e con rapidi aumenti di temperatura ad eliminare la possibile salmonella nei boiler dell acqua calda. Sistema di regolazione climatico in centrale termica con sonda per rilievo temperatura esterna associata alla regolazione interna delle singole unità ed alla misurazione dei consumi. L'energia termica sarà distribuita ai singoli alloggi tramite moduli termici, previsti sui pianerottoli scala, con contatore volumetrico e sonde di temperatura sulla mandata e sul ritorno, per la contabilizzazione dei consumi effettivi per ogni alloggio di energia termica e acqua calda sanitaria. Il modulo riceve il fluido primario dalla centrale termica e lo convoglia al collettore di distribuzione che a sua volta provvederà a servire le unità terminali: e precisamente: i pannelli radianti, posati sottopavimento e regolati a settori nonchè i radiatori scaldasalviette nei bagni. Impianto di recupero del calore e deumidificazione con apparecchi dell ultima generazione posati nei controsoffitti nei pianerottoli d ingresso. L impianto con ventilazione meccanica controllata VMC a doppio flusso con recupero di calore prevede la ripresa d aria in ogni locale con trattamento ed espulsione dell aria inquinata nonché il ricircolo con immissione controllata di aria fresca, con tubazioni posate in un controsoffitto del pianerottolo della scale e nei controsoffitti dei corridoi degli alloggi. Il modulo è dotato di regolazione autonoma della temperatura ambiente, realizzata con cronotermostato di utenza e centralina domotica che consente di effettuare la regolazione della temperatura interna e la programmazione settimanale dei periodi di attivazione ed attenuazione in modo indipendente, nonché di contatore dei consumi. Come richiesto dalle norme di contenimento dei consumi, (anche se il nostro stabile utilizzando le pompe di calore ne sarebbe esente ), i pannelli solari forniranno più del 50% del fabbisogno energetico per la produzione di acqua calda, con serbatoi di accumulo e con integrazione dalla pompa di calore o caldaietta a gas, quando necessario. Tutte le tubazioni sono dotate di isolamento termico dimensionato in base alla legge 10/1991. La sala al piano terreno sarà riscaldata con Fan- coils 4.12 ) Aereazione con recupero calore e raffrescamento Come già indicato il collegamento dei pannelli a pavimento all impianto di centralizzato richiede la deumidificazione dalla rete di ricircolo d aria con recupero di calore realizzato con l installazione dell impianto VMC 4.13) Impianto ascensore Lo stabile sarà servito da 1 ascensore Kone monospace, con cabina inox antigraffio e porte automatiche. L ascensore servirà anche il piano sotterraneo per i box. Telefono di sicurezza. Comandi con prenotazione. Realizzato in base alle norme per disabili. 4.14) Impianto gas L'impianto gas di spettanza della società erogatrice arriverà fino ai contatori che saranno posti in apposito vano a piano terra. La centrale termica sarà servita da apposito contatore. L impianto servirà esclusivamente le cucine. Le tubazioni del gas saranno esterne come da previsione legislativa. 4.15) Deposito immondizie e raccolte differenziate 5

6 I rifiuti saranno depositati in locali al piano terra, predisposti per la raccolta differenziata. 4.17) Canne fumarie ed esalazione Canne fumarie a norma. Canne esalazione cucine; foro aerazione regolamentare. Canne aspirazione nei bagni ciechi con ventilatore interno comandato 4.18) Cantinette o solai Non sono previste cantinette o solai ; alcuni ripostigli - armadi sono ricavati sul fianco della rampa di accesso ai box. 4-19) Garage privati - Box Box interrati con accesso da rampa regolamentare. Ampi box di varie dimensioni, singoli o doppi, anche con altezza sufficiente per bi-box Rampa, con manto antiusura trattato a spina di pesce. Pareti in cemento armato faccia vista o blocchetti in calcestruzzo.solai predalles, Rei 120, a vista. Pavimenti box e corselli in calcestruzzo con spolvero superficiale in quarzo, gettati in opera. Ampio corselli, larghi circa 6 m, per facili manovre. Accessi pedonali dalla scala, dall ascensore a mezzo zona filtro e dalla rampa. Porta basculante metallica, zincata, motorizzata con fessura superiore per l aereazione Ogni box con interruttori e presa stagna, lampada a parete, attacco motore serranda sarà collegato alla rete condominiale. Illuminazione scale e corselli di sicurezza e con comandi temporizzati. Alcuni box hanno aperture verso le intercapedini, protetti da rete antitopo ed eventuali serramenti. Possibile allacciamento per auto o moto elettriche con collegamento dell impianto elettrico al contatore privato, su richiesta e a spese del richiedente. Copertura dei box con guaina impermeabile e relativa protezione con terra nella zona delle aiuole condominiali e pavimento nei posti auto all'aperto 4.20) Giardino sopra i box. Giardino condominiale. Sistemazione della zona verde con riporto di terreno, rullatura, seminagione di prato, piantumazione di arbusti di varie essenze. Impianto per l'innaffiamento automatico delle aree a verde con tubazioni interrate ed idranti. Impianto per illuminazione 4.22) Cassette lettere Le cassette, singole per i vari appartamenti saranno accessibili al postino dall esterno da via Bergamo e agli utilizzatori dall interno 5) DESCRIZIONE DELLE OPERE E DELLE FINITURE DEGLI APPARTAMENTI 5.1) Pareti e intonaci Pareti divisorie fra appartamenti con doppio tavolato. Mattone uni o semipieno intonacato su tappetino isolante, lana di roccia ( isolante termico e acustico), mattone forato cm 8. Tavolati interni degli appartamenti in mattoni forati da cm.8 o 12. Ove previsto, il ripostiglio in soppalco sarà realizzato con doppia lastra sandwich di gesso prefabbricata. Tutti i locali saranno ultimati a gesso con intonaco pronto con finitura a gesso o a civile. 6

7 5.2) Serramenti interni Porte d'ingresso agli appartamenti di sicurezza / blindate, certificate UNI ENV 1627/30 classe di sicurezza 4 e strutturate per ridurre il rumore, con occhio magico, serratura di sicurezza a cilindro con profili europeo con defender antistrappo e serratura di servizio, spazzola antifreddo sottostante; posa su strutture adeguate con contorni in travertino Porte interne Ferrero Legno Collezione EQUA lastronate in legno tanganika o Laccate Bianche o Cremy con ferramenta coordinata in cromo satinato o Ferrero Legno Collezione Kevia Laccate Bianche o Cremy con ferramenta coordinata in cromo satinato Portine dell'eventuale soppalco tipo rasamuro in compensato da verniciare. 5.3) Serramenti esterni Serramenti esterni in legno spessore 69/77 mm, preverniciati bicolore con finitura esterna impregnata color legno e parte interna bianca ral 9010 con ferramenta antieffrazione, aperture anta ribalta, sensori allarme e con predisposizione per zanzariere. Cassonetti prefabbricati integrarti nel falsotelaio tipo Roveplastick con tapparelle in alluminio, motorizzate. Prestazioni funzionali certificate per isolamento acustico, permeabilità e tenuta. Vetri termocamera fono/termoisolanti startificati 44.1 one silence + 20 argon ) Apparecchi sanitari Bagni padronali con vasca in vetroresina Duravit mod. D-Code misure variabili piatti doccia in vetroresina Duravit mod. Starck misure variabili, lavabo, bidet e vaso Catalano serie Velis 57 completi di rubinetteria cromata HansGrohe serie Talis. Cassette di scarico da incasso tipo Geberit. Cucina: attacchi per l'acqua calda e fredda e scarico dei lavelli nonché attacco per lavastoviglie con sifone a piastra o da incasso e rubinetto esterno. Non è compresa la fornitura del lavello e della relativa rubinetteria. Attacco per la lavatrice nel bagno, o in cucina, o nell eventuale zona dispensa o nel ripostiglio esterno o sul balcone. Collegamento con tubazioni in ferro o rame dal contatore del gas posto al piano terreno e con rubinetto di arresto del gas per l'attacco dei fornelli predisposto nella zona sottolavello della cucina. Ogni appartamento sarà dotato di un idrantino a norma sul balcone e sull eventuale terrazzo. 5.5) Impianti elettrici interni Dal contatore sito al piano terra una linea protetta da valvole raggiungerà il quadro elettrico con interruttore automatico differenziale, salvavita. Cassette di derivazione nei disimpegni per l'alimentazione dei centri, con tubi protetti posati sotto il pavimento sovrastante. Apparecchi Ticino, serie Light da incasso con placche color bianco Motorizzazione tapparelle con comando. Impianto TV digitale terrestre. Satellitare solo in soggiorno. Aerazione forzata nei bagni ciechi come da Regolamento Edilizio. Sono previste in fase costruttiva: Centralino domotico La predisposizione per un sistema di controllo domotico A richiesta domotica per: comando tapparelle, controllo gas, sicurezza, etc. La canalizzazione per l'eventuale futuro impianto di allarme. La canalizzazione per l impianto telefonico/dati Ogni appartamento sarà dotato,come da norme Cei 64-81, dei punti luce sotto indicati: Porta ingresso 1 campanello esterno 1 predisposizione per attivazione allarme 1 predisposizione per contatto allarme 7

8 Ingresso Soggiorno Soggiorno bilocale con angolo cottura Camera matrimoniale Camera singola, 2 camera Cucina Ripostiglio/cabina armadio 1 centro deviato 1 presa 1 attacco telefono-dati 2 presa comandata interrotta o deviata 6 prese 1 predisposizione telefono /dati 1 derivazione antenna TV + SAT 1 termostato ambiente 1 predisposizione per volumetrico allarme 1 presa comandata interrotta o deviata 1 centro deviato 5 prese 1 Videocitofono e suoneria 1 predisposizione telefono /dati 1 derivazione antenna TV + SAT 1 termostato ambiente 2 prese comandate per lavapiatti e forno 1 presa per aspiratore 1 predisposizione per volumetrico allarme 1 rilevatore allarme gas 1 centro invertito con 3 comandi 5 prese 1 predisposizione telefono /dati 1 derivazione antenna TV 1 centro deviato 4prese 1 predisposizione telefono /dati 1 derivazione antenna TV Videocitofono e suoneria 1 punto luce interrotto 3 prese 2 prese comandate per lavapiatti e forno 1 derivazione antenna TV 1 presa per aspiratore 1 rilevatore allarme gas 1 predisposizione telefono /dati 1 punto luce interrotto 8

9 Bagni Disimpegno notte Balconi coertie scoperti Logge Eventuale ripostiglio, esterno Locali sottotetto SPP 1 centro interrotto 1 punto luce lavabo, con interruttore e presa alimentata singolarmente e relativo trasformatore differenziale 1 pulsante campanello allarme 1 centro interrotto o deviato 1 presa Quadro elettrico Centralino per eventuale futuro allarme 1 / 2 punti luce interrotti con lampade stagne. 1 presa stagna 1 presa Dati 1 punto luce interrotto con lampada stagna. 1 prese stagna 1 punto interrotto con lampada stagna. 1 presa comandata per lavatrice. 1 campanello esterno 1 predisposizione per attivazione allarme 1 predisposizione per contatto allarme 2 presa comandata interrotta o deviata 3 prese 1 predisposizione telefono /dati 1 derivazione antenna TV + SAT 5.6) Riscaldamento, raffrescamento ed acqua calda Vedere voci 4-11 e 4-12 Gli appartamenti saranno dotati di un impianto di riscaldamento e di raffrescamento del tipo centralizzato a moduli autonomi con suddivisione dei consumi. Pannelli radianti e radiatori scaldasalviette nei bagni 5.7) Pavimenti Alcuni campioni e dépliant dei materiali "da capitolato" sono visibili presso i nostri uffici ed in cantiere. La scelta avverrà con l assistenza del nostro ufficio tecnico o presso l esposizione dei fornitori scelti dalla D.L.: per i pavimenti e rivestimenti in ceramica ditta TEMPINI con esposizione in via Alunno 18 a Milano Tel , per i pavimenti in legno ditta GHILARDI con esposizione in via Ugo Bassi n 32 a Milano tel , previo appuntamento ) Soggiorni, ingressi, letti e disimpegni Parquet ecocompatibile, prodotto in Italia da foreste a taglio controllato del tipo prefinito in Rovere spazzolato di varie tonalità, Iroko e Doussie spazzolati di: spessore mm 10 e nelle dimensioni indicative di mm 120 x 800/1300. Zoccolino impiallacciato in essenza o laccato bianco in tutti i locali senza il rivestimento 5.7.2) Cucine 9

10 Ampia scelta di ceramiche, monocotture o gres porcellanati 20x20-30x30-30x60. 60x60 di primarie ditte (Bardelli, Gabbianelli, Vogue, Marazzi, Flor Gress) 5.7.3) Bagni Ampia scelta di ceramiche, monocotture o gres porcellanati 10x40-20x20-20x40-30x30-30x60-60x60 di primarie ditte (Bardelli, Gabbianelli, Vogue, Marazzi, Flor Gress) 5.7.4) Logge, Balconi e Terrazzi Gres porcellanato antigelivo Casalgrande Padana, Serie PIETRE NATIVE, tipo PIETRA DI SARDEGNA colore Porto Cervo 30x60 su terrazze e 30x30 su balconi, scelta fatta dalla Direzione Lavori. Nota Per i pavimenti, ed in particolare per pavimenti in marmo od in ceramica, i pannelli radianti e gli isolamenti possono provocare movimenti che possono produrre cavillature o piccole crepe ma che non pregiudicano la stabilità del pavimento stesso e l abitabilità dell appartamento.. Il legno è un materiale naturale soggetto a movimenti naturali e differenze di colore; sono perciò possibili lievi fessurazioni o apertura delle fughe 5.8) Rivestimenti Alcuni campioni dei materiali "da capitolato" sono visibili in cantiere ma La scelta avverrà con l assistenza del nostro ufficio tecnico o presso l esposizione del fornitore scelto dal D.L, ditta TEMPINI in via Alunno 18 a Milano Tel previo appuntamento. Eventuali decori, cornici, listelli o simili non sono previsti "da capitolato". Le caratteristiche dei serramenti e dei monoblocchi finestre potrebbero richiedere una fascia in gesso o pannelli fra il rivestimento delle spallette ed il telaio ) Bagni Piastrelle in ceramica, monocottura o gres porcellanati di alta qualità 10x40-20x20-20x40-30x30 30x60-60x60- di primarie ditte ( vedi pavimenti ) Rivestimenti fino ad h 2.20 / 2.40 (dipende dalla dimensione scelta) 5.8.2) Cucine Pareti saranno ultimate a stabilitura ( non è previsto il rivestimento ceramico) 5.9) Verniciature - imbiancature Gli appartamenti sono consegnati con le pareti rasate a gesso. Restano a carico dell'acquirente la preparazione,eventuali piccole rasature e stuccature, le tinteggiature di tutte le pareti e plafoni dei locali interni da effettuarsi dopo la consegna. Si consiglia di non prevedere rivestimenti e/o tappezzerie eccessivamente pregiati a causa delle crepe di assestamento ed alle formazioni di umidità da condensa possibili nei primi mesi di vita dell'edificio. La Società costruttrice provvede a tutte le verniciature ed alle tinteggiature delle parti comuni. 6) OPERE E FORNITURE SPECIALI 6.1 ) Scelte Verrà definito il termine per la scelta dei vari materiali di capitolato 6.2 ) Lavori e scelte materiali extra Saranno proposte varianti con il relativo preventivo del maggior costo 7) OPERE COMPRESE E ESCLUSE 10

11 L'appartamento è consegnato completo in ogni particolare con gli allacciamenti ai pubblici servizi eseguiti a cura dell' Impresa Opere e spese escluse dalla fornitura ed a carico dell'acquirente - Prestazioni professionali per studi delle varianti, soluzioni particolari, pratiche etc. - Differenze materiali ed eventuali varianti - Oneri per gli Allacciamenti ai pubblici servizi (Aem,acqua, telefono, gas, fognature) - Richiesta contatore luce (n tel. A2A 7721) - Richiesta contatore gas (n tel. A2A 7721) - Richiesta telefono (n tel. Telecom 187) - Preparazione e Tinteggiature pareti e plafoni - Pulizia di fino dell'appartamento - Tutto quanto non riportato nella presente descrizione Spese ed oneri a carico dell'acquirente: - Iva ( attualmente 10%, ridotta al 4% per la I casa ) - Spese notarili; - Spese di N.C.E.U, di elaborazione delle tabelle millesimali; - Anticipo spese condominiali e oneri contratti assicurativi e manutenzione impianti dal giorno della consegna; - Interessi, spese e tasse per l'eventuale mutuo, e per pagamenti dilazionati o ritardati; - Spese per la garanzia sugli eventuali pagamenti dilazionati; - Eventuali tasse ordinarie o straordinarie posteriori alla sottoscrizione del presente atto. - Imposta comunale sugli immobili Ici, con decorrenza dal giorno della consegna amministrativa. 8) MISURAZIONE La misura delle superfici indicate, anche se la vendita avviene a corpo, è effettuata come previsto dagli Usi e Consuetudini della Camera di Commercio e dalla rilevazione della Borsa Immobiliare di Milano. La superfice comprende lo spessore dei muri perimetrali esterni e delle scale e la metà dei divisori tra gli appartamenti. Le logge, balconi, i terrazzi al piano o sovrastanti sono conteggiati con varie percentuali della loro superficie effettiva. E considerata una quota parte dei locali condominiali.. I box, di varie dimensioni, sono valutati a corpo 9) RISERVE La Società venditrice ha facoltà di apportare variazioni alla descrizione sopra riportata previo parere favorevole del competente ufficio comunale Tali variazioni non dovranno modificare sostanzialmente il tipo delle finiture e il tono dell'immobile. 10) CONSEGNA La consegna avverrà con due formalità: 10.1 ) Consegna tecnica - in cantiere: Visita, esame delle unità immobiliari e redazione del verbale di ultimazione lavori e accettazione delle opere dopo l esame della regolarità della situazione e degli obblighi contrattuali. 11

12 Eventuali osservazioni saranno riportate sul verbale; nel caso tali osservazioni fossero ritenute rilevanti, i lavori necessari saranno eseguiti e si procederà a fissare una nuova consegna tecnica con nuovo verbale. Eccezioni non riportate nel verbale non potranno essere prese in considerazione. Dalla data di sottoscrizione del verbale di consegna tecnica decorrerà il periodo di garanzia ai sensi di legge. Per la corretta esecuzione dei lavori è possibile che la lamatura e la verniciatura di eventuali parquet in legno debbano avvenire dopo la tinteggiatura e quindi dopo la consegna tecnica; tale ritardo non influisce sugli obblighi del futuro acquirente derivanti dalla consegna ) Consegna amministrativa - in ufficio: Definizione e sistemazione dei conti, pagamento della quota stabilita alla consegna, ivi compresi l' Iva, gli acconti per le spese condominiali, gli interessi e le rate già scadute dell'eventuale mutuo, la definizione e la firma delle cambiali per la parte di prezzo eventualmente dilazionato dall'impresa. Solo alla definizione totale di cui sopra, verrà rilasciata lettera per autorizzare la consegna delle chiavi e permettere l'entrata in possesso dell'immobile trattato. 11 ) DATA CONSEGNA La data di consegna segnalata in fase di trattativa e di preliminare è indicativa e non comporta responsabilità da parte della Società costruttrice (come indicato in compromesso). Si ricorda inoltre che dopo la consegna, come sopra prevista, occorre considerare un congruo lasso di tempo per tinteggiature, asciugatura delle stesse, eventuali lamature parquet e ultimi lavori, prima di poter programmare il trasloco. 12 ) VISITE IN CANTIERE Nel rispetto dei DLGS 626/94 e 494/96, per motivi di sicurezza ogni visita da parte dell Acquirente sarà in date fissate dal Cantiere e dovrà essere preventivamente prenotata. 13) RISERVE La Società venditrice ha facoltà di apportare variazioni alla descrizione sopra riportata: Tali variazioni non dovranno modificare sostanzialmente il tipo delle finiture e il tono dell'immobile. 14 ) MANUTENZIONE All atto della consegna saranno forniti le certificazioni e la necessaria documentazione di legge. Sarà consegnato anche un libretto dell appartamento con i dati necessari per la gestione, il funzionamento degli impianti e per la corretta e dovuta manutenzione. 15) REGOLAMENTO DI CONDOMINIO Il regolamento di Condominio è redatto su modelli ampiamente collaudati e costituirà parte integrante dei rogiti di compravendita. I millesimi sono determinati con i seguenti criteri : Millesimi di proprietà : in base alla superficie di vendita comprensiva della struttura (muri interni e perimetrali) secondo valori convenzionali per le spese di manutenzione straordinari Millesimi di gestione per la ripartizione delle spese di gestione e manutenzione ordinaria : in base alla superficie lorda dei locali, (esclusi solai, logge, balconi, terrazzi e cantine) e secondo valori convenzionali: 12

13 Millesimi di gestione ascensore: considerando l incidenza dei piani dal I al Sottotetto e considerando anche l incidenza del piano sotterraneo. Millesimi di gestione dell impianto centralizzato di riscaldamento e raffrescamento in base alla cubatura riscaldata ( per la quota del 30% non addebitabile in base alle letture dei contatori). Saranno predisposte tabelle millesimali ad hoc per la ripartizione delle spese riguardanti le parti comuni e spese esclusive per il fabbricato ed i box, ai sensi del 2 comma art del Codice Civile ( Ripartizione delle spese) Tutte le spese per eventuali riparazioni alle protezioni impermeabili della soletta box giardino saranno divise, in base ai millesimi di proprietà, fra tutti i condomini delle case e dei box. I box non parteciperanno alle spese per la luce delle scale, dell'atrio; parteciperanno invece parzialmente alle spese di pulizia, custodia e sgombero rifiuti e integralmente ad ogni altra spesa ordinaria e straordinaria e in particolare alle spese di giardinaggio e di viabilità. 13

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA

VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA VIA URBANA UNA NUOVA STORIA ABITATIVA LA MODERNA VIA URBANA RICALCA IL PERCORSO DI UN ANTICA STRADA ROMANA (IL VICUS PATRICIUS), SEDE DI RESIDENZE PATRIZIE DI EPOCA REPUBBLICANA E IMPERIALE, A CUI SI ALTERNAVANO

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

OPERE DA ESEGUIRE CAPITOLATO DESCRITTIVO

OPERE DA ESEGUIRE CAPITOLATO DESCRITTIVO Complesso Residenziale Comune di Albavilla via Basso Formiano OPERE DA ESEGUIRE CAPITOLATO DESCRITTIVO PROGETTISTA: Geom. Soggia Antonio, via IV Novembre n.182 - LIPOMO (CO) - DIRETTORE DEIL LAVORI : Geom.

Dettagli

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI

5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI 5 I COEFFICIENTI CORRETTIVI In questo capitolo, dopo aver definito il concetto di «coefficienti correttivi», verranno esaminati nel dettaglio i coefficienti di riduzione previsti dalla Circolare del Ministero

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1

REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 REGOLAMENTO PER GLI INQUILINI (Art. 10 del contratto di locazione) Articolo 1 Gli inquilini sono tenuti oltre che all osservanza delle disposizioni contenute nel contratto di locazione anche a quelle del

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI

RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI RELAZIONE SEMINARIO 17 NOVEMBRE 2011 (Manuela Sammarco) ARTICOLO 1125 C.C. MANUTENZIONE E RICOSTRUZIONE DEI SOFFITTI, DELLE VOLTE E DEI SOLAI I soffitti, le volte e i solai sono le strutture murarie che

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne 3 Sintesi perfetta fra isolamento termico, tecnica e design Le finestre e le porte di oggi non solo devono

Dettagli

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA.

FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTeM dal 1984 eleganza e SIcurezzA. FIA SISTEM nasce nel 1984 come azienda sotto casa, occupandosi principalmente della realizzazione di impianti elettrici e di installazione e motorizzazione di

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project: serramenti in alluminio ad alte prestazioni Ricche dotazioni tecnologiche e funzionali Eccezionale isolamento termico Massima espressione

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480

Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Circolare 26 MARZO 1966 N. 12480 Ministero dei lavori pubblici Direzione generale edilizia statale e sovvenzionata div. XVI-bis: Norme per i collaudi dei fabbricati costruiti da cooperative edilizie fruenti

Dettagli

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura.

FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72. Benessere da vivere. Su misura. FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 72 Benessere da vivere. Su misura. 2 Qualità e varietà per la vostra casa Maggior comfort abitativo costi energetici ridotti cura e manutenzione minime FINSTRAL produce

Dettagli

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza.

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Tema Isolamento termico ad alta efficienza energetica Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Le informazioni, le immagini,

Dettagli

Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE

Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE 8 1 4 6 7 8 7 1 4 2 Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE INTRODUZIONE MAPEI, azienda leader mondiale nella produzione di

Dettagli

Tabella della durata di vita

Tabella della durata di vita Avvertimento introduttivo Tabella della durata di vita La tabella della durata di vita è stata allestita congiuntamente dall Associazione Svizzera Inquilini (MV) e dall'associazione Svizzera dei Proprietari

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Il personale dello studio tecnico Pegaso Le ricorda che è a Sua completa disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento.

Il personale dello studio tecnico Pegaso Le ricorda che è a Sua completa disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento. Lo studio tecnico Pegaso, certo di offrire un utile servizio e nella convinzione che la chiarezza e la consapevolezza siano elementi dovuti nei confronti di chi decide di investire il proprio denaro e

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Manuale tecnico di progettazione

Manuale tecnico di progettazione Manuale tecnico di progettazione Informazioni tecniche, tabelle di calcolo, descrizioni di capitolato Adduzione idrica e riscaldamento Scarico e pluviali Indice Impianti di scarico Considerazioni generali

Dettagli

Centrale Generativa e Energie alternative Pianta ergonomica dei componenti

Centrale Generativa e Energie alternative Pianta ergonomica dei componenti Soluzione 3 Dimensioni Nuova Sala Termica Cortina 30 ottobre 2013 agg. 12 Novembre 2013 agg. 18 Novembre 2013 Comune di Cortina d'ampezzo Provincia di Belluno 1,50 0,80 Pompa di Calore Aermec ANLI 021H

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti THERMATILE & BREVETTATO Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti 1 Che cos è? Thermatile è l innovativo sistema brevettato di riscaldamento radiante in fibra di carbonio, di soli 4 millimetri

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

ALLEGATO R ELENCO PREZZI

ALLEGATO R ELENCO PREZZI A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Sistemi di trattamento aria per impianti radianti

Sistemi di trattamento aria per impianti radianti Sistemi di trattamento aria per impianti radianti Da trent anni lavoriamo in un clima ideale. Un clima che ci ha portato ad essere leader in Italia nel riscaldamento e raffrescamento radianti e ad ottenere,

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web:

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web: Via C. Marrocco, 13 93100 Caltanissetta (CL) Tel.: 338.8233126 388.1832953 Fax: 36.338.8233126 E-mail:edil-serv@alice.it Web: www.webalice.it/edil-serv Alla cortese attenzione del Titolare di codesta Spett.le

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli