Assessorato Polizia Locale, Urbana e Rurale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Assessorato Polizia Locale, Urbana e Rurale"

Transcript

1 Assessorato Polizia Locale, Urbana e Rurale L AUTOTRASPORTO MERCI 37 Quaderni di aggiornamento per la polizia locale

2 Comitato di Redazione: Ermenegilda ALOI Comandante Corpo di P.M. PINEROLO Angelo BARBAGLIA Comandante Corpo di P.M. OMEGNA Stefano BELLEZZA Dirigente Settore Polizia Locale della REGIONE PIEMONTE Ignazio CIANCIOLO Comandante Corpo di P.M. VERBANIA Nadia CORDERO Funzionario Settore Polizia Locale della REGIONE PIEMONTE Paolo CORTESE Comandante Corpo di P.M. NOVARA Mauro FAMIGLI Comandante Corpo di P.M. TORINO Gian Silvio GAIA Ispettore Capo Corpo di P.M. ALESSANDRIA Bruno GIRAUDO Comandante Corpo di P.M. CUNEO Roberto MANGIARDI Comandante Vicario Corpo di P.M. TORINO Ivana MEDINA Comandante Corpo di P.M. TRECATE Sergio MENSA Comandante Corpo di P.M. di ALBA Giuseppe MISTRETTA Comandante Corpo di P.M. BEINASCO Maria Pina MUSIO Comandante Corpo di P.M. CASALE MONFERRATO Gaetano NOÉ Vice Comandante Corpo di P.M. TORINO Marco ODASSO Comandante Corpo di P.M. SAVIGLIANO Rino PAGIN Comandante Corpo di P.M. NICHELINO Giorgio SPALLA Comandante Corpo di P.M. VERCELLI Mauro TABA Comandante Corpo di P.M. BRA Lo studio è stato curato da: Dr. Livio BOIERO Comandante Corpo P.M. di COLLEGNO Dr. Gaetano NOÈ Vice Comandante Corpo P.M. di TORINO Collana edita dalla REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO COMMERCIO e FIERE, POLIZIA LOCALE, PROMOZIONE della SICUREZZA, PROTEZIONE CIVILE Direzione Affari Istituzionali e Processo di Delega SETTORE POLIZIA LOCALE Collana a cura di: Dr. Stefano BELLEZZA - Dirigente del Settore Polizia Locale della Regione Piemonte Hanno collaborato: Dr. Alberto CESTE e Gino SPAMPATTI del Settore Polizia Locale della REGIONE PIEMONTE Regione Piemonte, 2006 È VIETATA LA RIPRODUZIONE PARZIALE O TOTALE DEL PRESENTE VOLUME SENZA LA PREVENTIVA AUTORIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE. VOLUMI IN DISTRIBUZIONE GRATUITA AGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE. VIETATA LA VENDITA

3 L AUTOTRASPORTO MERCI n. 37 Quaderni di aggiornamento per la polizia locale

4 PAGINA VUOTA 2

5 PREMESSA Il settore dei trasporti è certamente un settore in evoluzione, caratterizzato dal fatto che la distribuzione e l'efficienza nella consegna delle merci sono direttamente dipendenti dalla funzionalità dei trasporti stessi. L'attività dell'autotrasportatore, quindi, è molto importante in tutte le fasi in cui essa si articola: durante i periodi di viaggio ed anche nelle pause volte al riposo o alla manutenzione dei veicoli. Detta attività, inoltre, diviene, di specifica complessità, dovendo far interagire, tra loro, norme di carattere internazionale, comunitarie e nazionali ed assumendo una connotazione particolarmente tecnica, allorquando venga disciplinata la materia del trasporto rifiuti, piuttosto che quella delle merci pericolose. Il lavoro della Polizia Locale nelle fasi di controllo delle attività legate all'autotrasporto è oltremodo articolato ed impegnativo. È infatti necessaria una vigilanza costante per la corretta applicazione delle norme, affinché sia garantita per tutti la sicurezza della circolazione stradale, ma anche una competitività leale ed equilibrata delle imprese operanti nel settore. La vigilanza scrupolosa da parte degli Operatori di Polizia Locale, quindi, si pone a tutela di quanto evidenziato più sopra. Nel presente quaderno tutte le possibili problematiche relative all'autotrasporto in genere, sono state esaminate in modo semplice e lineare, dando la possibilità agli Operatori di Polizia Locale di farsi guidare attraverso le fasi di un primo e schematico approccio. Lo studio di alcune norme basilari e fondamentali per esercitare l'attività di autotrasportatore rappresenta invero un lavoro indispensabile per chi deve apprendere le tecniche per esercitare al meglio tale professione ed è certamente un utilissimo strumento di confronto per coloro che, deputati ai controlli, debbono vigilare affinché il trasporto effettuato si svolga nel rispetto delle garanzie che la legge prevede a tutela del prodotto trasportato e del consumatore finale. In maniera altrettanto semplice e lineare è stata trattata la disciplina relativa al cronotachigrafo e, più in generale, all'attività di guida propria degli autotrasportatori. Non minore importanza è stata inoltre attribuita al trasporto delle derrate alimentari deteriorabili, alle disposizioni di legge applicabili, sia ai trasporti nazionali che internazionali, al cosiddetto trasporto in regime "ATP", con particolare riferimento ai mezzi speciali utilizzati per queste particolari tipologie di trasporti. Gli argomenti sono stati sviluppati, offrendo inizialmente un quadro generale e tracciando la linea di demarcazione tra il trasporto in conto proprio (legge 298/74 articoli da 31 a 39) ed il trasporto per conto di terzi (legge 298/74 - articoli da 40 a 43), approfondendo poi tutti gli aspetti maggiormente rilevanti per la specifica attività dell'autotrasporto: tra questi, non da ultimo, l'introduzione del cronotachigrafo digitale in sostituzione dei più vetusti apparati analogici. Tale pubblicazione, che non ha la pretesa di essere esaustiva, vuole però essere di aiuto e di stimolo per gli Operatori della Polizia Locale nello svolgimento dei propri compiti d'ufficio. Febbraio 2006 L Assessore Regionale alla Polizia Locale Dr. Giovanni CARACCIOLO 3

6 PAGINA VUOTA 4

7 1. DISPOSIZIONI GENERALI SULL AUTOTRASPORTO 1.1 L ATTIVITA DELL AUTOTRASPORTO, ACCESSO ALLA PROFESSIONE - QUADRO GENERALE L'accesso alla professione di trasportatore su strada di merci e di persone è regolato dal DLG n. 395 che tuttavia non esplica ancora i suoi effetti mancando i decreti applicativi e quindi occorre fare riferimento alle precedenti disposizioni. Ai sensi del citato Decreto, costituisce esercizio della professione di autotrasportatore su strada per conto terzi di: cose: l'attività dell'impresa, diversa dal trasporto per conto proprio (art. 31 legge n. 298/1974), eseguita, mediante autoveicoli, per trasporto di cose verso un corrispettivo (DLG n. 395/2000); persone: l'attività dell'impresa, diversa dal trasporto di persone mediante autobus ad uso proprio (art. 83, c. 1, CDS) eseguita, mediante autoveicoli, adibiti ad uso terzi (art. 82 CDS) destinati a trasportare più di nove persone, autista compreso, per il trasferimento di persone con offerta al pubblico, o a talune categorie di utenti, verso un corrispettivo. Il DLG n. 395/2000 si applica a chiunque (persona fisica o giuridica, con o senza scopo di lucro, privata o pubblica) svolga le attività sopraindicate. 1.2 REQUISITI PER LA PROFESSIONE L'accesso alle professioni richiamate comporta il possesso dei seguenti requisiti: a) Onorabilità, b) Capacità finanziaria, c) Idoneità professionale; La dimostrazione del possesso dei tre requisiti è necessaria per le imprese di autotrasporto per conto terzi: - di cose, per l'iscrizione all'albo ed il successivo esercizio dell'attività; i requisiti devono sussistere al momento della presentazione della domanda di iscrizione all'albo; - di persone, per ottenere la licenza o la concessione per l'esercizio della relativa attività; i requisiti devono sussistere al momento della presentazione dell'istanza per l'ottenimento della licenza. A) - L'ONORABILITÀ Il requisito (1) dell'onorabilità deve essere posseduto da: ( 1 ) Il requisito non sussiste o viene meno nella persona che: 1) sia stata dichiarata delinquente abituale, professionale o per tendenza, oppure è sottoposta a misure di sicurezza personali o a misure di prevenzione; 2) sia sottoposta, con sentenza definitiva, ad una delle pene accessorie previste dall'art. 19, c. 1, numeri 2 e 4, Codice penale; 3) abbia riportato, con sentenza definitiva, una o più condanne, per reato non colposo, a pena detentiva complessivamente superiore a due anni e sei mesi; 4) abbia riportato, con sentenza definitiva, una condanna a pena detentiva per: - uno dei reati di cui al capo I del titolo II o ai capi II e III del titolo VII del libro secondo del Codice penale o per uno dei delitti di cui agli artt. 416, 416 bis, 513 bis, 589, c. 2, 624, 628, 629, 630, 640, 641, 644, 648, 648 bis e 648 ter Codice penale; - uno dei delitti di cui all'art. 3, legge , n. 75; - uno dei delitti di cui alla legge , n. 895; - uno dei delitti di cui agli artt. 73, c. 1, e 74, DPR , n. 309; - il delitto di cui all'art. 189, c. 6 e c. 7, DLG , n. 285; - uno dei delitti di cui all'art. 12, DLG , n ) abbia riportato, con sentenza definitiva, una condanna per: - il delitto di cui all'art. 282, DPR , n. 43; - il delitto di cui all'art. 18, c. 3, legge , n. 110; - la contravvenzione di cui all'art. 186, c. 2, anche in combinato disposto con l'art. 187, c. 4, DLG n. 285/1992. L'applicazione della sanzione è rilevante solo se conseguente a fatti commessi nell'esercizio delle attività in esame. 6) abbia subito: - in via definitiva, l'applicazione della sanzione amministrativa di cui all'art. 26, legge n. 298/1974, o di qualunque sanzione amministrativa per l'esercizio abusivo della professione di trasportatore su strada di cose per conto terzi e di persone; - ovvero, per cinque volte nell'ultimo quinquennio, cumulativamente, la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida o nei suoi confronti è stato effettuato l'accertamento di cui all'art. 167, c. 10, DLG n. 285/1992. L'applicazione delle sanzioni è rilevante solo se conseguente a fatti commessi nell'esercizio delle attività in esame. 7) abbia subito, in qualità di datore di lavoro, condanna penale definitiva per fatti che costituiscono violazione degli obblighi in materia previdenziale e assistenziale. L'applicazione della sanzione è rilevante solo se conseguente a fatti commessi nell'esercizio delle attività in esame; 8) sia stata dichiarata fallita, salvo sia intervenuta riabilitazione a norma degli artt. 142 e seguenti del regio decreto , n

8 persone che dirigono in maniera effettiva e continuativa l'attività di autotrasporto; amministratore unico o membri del consiglio d'amministrazione per le persone giuridiche pubbliche, per le persone giuridiche private e, salvo quanto previsto nel successivo punto, per ogni altro tipo di ente; soci illimitatamente responsabili per le società di persone; titolare dell'impresa individuale o familiare. La persona che dirige l'attività perde comunque il requisito dell'onorabilità anche nel caso di violazioni commesse dal lavoratore dipendente nell'esercizio dell'attività, se il fatto che ha dato luogo alla violazione sia riconducibile a disposizioni impartite od alla omissione di vigilanza riferita a più violazioni. La perdita del requisito per fatti commessi dai dipendenti rileva: se sono violate le seguenti disposizioni: - art. 589, c. 2, Codice penale; - artt. 189, cc. 6 e 7, 186, c. 2, e 187, c. 4, DLG n. 285/1992; oppure se il dipendente ha subito: - in via definitiva, l'applicazione della sanzione amministrativa di cui all'art. 26, legge n. 298/1974, o di qualunque sanzione amministrativa per l'esercizio abusivo della professione di trasportatore su strada di cose per conto terzi e di persone; - ovvero, per cinque volte nell'ultimo quinquennio, in via cumulativa, la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida. B) - LA CAPACITÀ FINANZIARIA La capacità finanziaria è la disponibilità di risorse finanziarie utili per gestione dell'impresa e non potrà essere inferiore a: euro, qualora l'impresa abbia la disponibilità di un autoveicolo adibito all'attività di trasportatore su strada; euro per ogni ulteriore autoveicolo. La prova della sussistenza della capacità finanziaria può essere fornita mediante un'attestazione rilasciata da imprese che esercitano attività bancaria. I contenuti dell'attestato e le modalità di rilascio saranno stabiliti con regolamento ministeriale. Le imprese che rilasciano l'attestazione hanno l'obbligo di comunicare all'autorità competente ogni fatto che produca diminuzione o perdita della capacità finanziaria attestata. C) - L'IDONEITÀ PROFESSIONALE Le imprese esercenti l'attività di trasportatore su strada per conto terzi di persone indicano alle autorità competenti la persona che, in possesso dei requisiti dell'onorabilità e dell'idoneità professionale, dirige, in maniera continuativa l'attività di trasporto (2). L eventuale preposto può dirigere l'attività di trasporto di una sola impresa. L'ATTESTATO DI IDONEITÀ PROFESSIONALE Il requisito dell'idoneità professionale è dimostrato con la presentazione dell'attestato di idoneità professionale. Tale attestato è rilasciato in seguito al superamento di un esame strutturato in due prove scritte. ( 2 ) La persona che dirige l'attività di trasporto è: l'amministratore oppure uno dei membri del consiglio d'amministrazione per le persone giuridiche pubbliche, per le persone giuridiche private e per ogni altro tipo di ente; un socio illimitatamente responsabile per le società di persone; il titolare dell'impresa individuale o familiare o collaboratore dell'impresa familiare; persona, legata da rapporto di lavoro subordinato. 6

9 1.3 ORGANIZZAZIONE DEL TRASPORTO, SISTEMAZIONE DEL CARICO E SPORGENZE NOZIONE DI MERCE E SUA CLASSIFICAZIONE, I SISTEMI DI TRASPORTO Nella pratica commerciale viene utilizzato e considerato un concetto di merce, più ristretto rispetto a quello di bene perché si riferisce solo a quei beni che hanno i requisiti della materialità e della trasportabilità e che sono destinati allo scambio. Le merci, intese come beni materiali che si possono trasportare, vengono classificate: all origine come di provenienza animale, vegetale, minerale e mista; alla provenienza, nazionale, estera (da sdoganare), nazionalizzata (merci lavorate e distribuite); al grado di lavorazione, merci grezze, semilavorate, prodotto finito; al valore, merci nobili o povere; al grado di conservazione, merci deperibili, non deperibili; all uso a cui sono destinate, alimentari, tessili, etc; alla destinazione, destinazione industriale, per la produzione di beni, per il consumo finale durevole o immediato; allo stato naturale, merci solide, liquide o gassose; Il produttore non fornisce direttamente al consumatore finale le merci, queste vengono acquistate e rivendute da aziende di intermediazione. Trasporti di massa e a collettame I trasporti su gomma per conto terzi vengono classificati anche in base alla quantità di merci che vengono trasferite. Il trasporto c.d. a collettame viene effettuato da corrieri che svolgono servizi di linea su itinerari fissi. Il trasporto c.d. a carico completo si realizza quando la spedizione avviene tra un unico mittente ed un unico destinatario. Containers e casse mobili I containers sono gli strumenti più diffusi per il trasporto delle merci avendo dimensioni e caratteristiche standard. Generalmente i containers non sono di proprietà delle aziende che li utilizzano, vengono noleggiati per le relative esigenze. Il container viene, di solito, utilizzato alla massima portata consentita. I containers infine devono risultare saldamente fissati al veicolo mediante l utilizzo di speciali dispositivi di aggancio. Pallet (pedana / piattaforma in legno) Si tratta di una piattaforma in legno su cui le merci vengono raggruppate costituendo un carico unico. Tale piattaforma viene movimentata dai carrelli elevatori. Le dimensioni del pallet standard sono di m. 1,20 x 0,80. Il carico posizionato sulla piattaforma deve essere fissato alla stessa con vari sistemi. Per favorire il trasporto delle merci, mediante questa particolare modalità, in regime di temperatura controllata (ATP), la larghezza massima di tali veicoli è stata aumentata. 7

10 Trasporto in fusti, bombole o bidoni Se non vi è la disponibilità di veicoli predisposti, tali contenitori devono essere stivati verticalmente in un solo strato e devono essere contenuti da sponde, ovvero sistemati orizzontalmente (coricati) anche in più strati ancorati solidamente al pianale del veicolo. Trasporto di particolari merci e carichi di merce varia Alcune particolari categorie di merci, come quelle trasportate in regime di ATP o rientranti nell ADR (merci pericolose), per la loro specificità richiedono l'uso di veicoli e/o modalità di trasporto particolari, che sono regolamentate da normative sia nazionali ed internazionali. Nel caso di carichi di merce varia valgono gli accorgimenti già indicati per lo stivaggio dei containers. 8 SISTEMAZIONE DEL CARICO Il C.d.S. disciplina il modo in cui il carico deve essere sistemato sulle varie tipologie di veicoli. Le cose trasportate sui veicoli devono essere posizionate o sistemate in modo da: assicurare al conducente la piena visibilità in tutte le direzioni; garantire la piena libertà di guida del conducente; evitare il pericolo di caduta accidentale o dispersione del carico; non compromettere la stabilità del veicolo; non nascondere gli indicatori di direzione, le luci, le targhe o i segnali fatti col braccio. evitare sporgenze anteriori ovvero laterali non facilmente avvistabili (è consentito fare sporgere il carico posteriormente al veicolo, entro i limiti di categoria dello stesso, ma per non più di 3/10 della lunghezza a condizione che la sporgenza sia segnalata con gli appositi pannelli); non strisciare sul terreno. Gli obblighi citati, nonché il controllo del loro esatto adempimento, sono posti in capo al conducente anche se il carico sia stato materialmente sistemato da altre persone e valgono per tutta la durata del trasporto. Infine, per effetto del carico sistemato sul veicolo, non è ammesso superare la massa complessiva indicata sul documento di circolazione; è comunque ammessa una tolleranza del 5%. Carico e limiti di sporgenza SPORGENZA DEL CARICO Dai veicoli possono sporgere solo oggetti indivisibili entro precisi limiti oltre i quali il trasporto diviene un trasporto eccezionale. I limiti di sporgenza si riferiscono solo alle cose trasportate - e non anche agli eventuali accessori mobili che sono fissati al veicolo di cui fanno parte - sono diversi a seconda della parte da cui il carico sporge e del veicolo su cui è sistemato, e si distinguono in : - limiti di sporgenza anteriore: la sporgenza anteriore del carico non è mai ammessa, fatte salve alcune particolari eccezioni; - limiti di sporgenza posteriore: la disciplina generale stabilisce che il carico non deve sporgere longitudinalmente dalla parte posteriore oltre i 3/10 della lunghezza del veicolo (ma sempre entro i limiti di categoria dello stesso). Qualora si tratti di autotreni o autoarticolati la sporgenza ammessa è rapportata alla lunghezza del veicolo trainato, non a quella dell'intero complesso. - limiti di sporgenza laterale: anche in questo caso la norma generale dispone che il carico non possa sporgere lateralmente per più di 30 cm (misurati dai bordi esterni delle luci di posizione anteriori e posteriori), ma sempre entro i limiti di categoria. - limiti di sporgenza in altezza. Devono essere tenute in considerazione le seguenti eccezioni: - autoveicoli adibiti al trasporto di veicoli (20 cm rispetto al limite di categoria);

11 - autoveicoli per il trasporto di containers e ad altezza variabile per trasporto di animali vivi (30 cm oltre il limite di categoria). Sporgenza e segnalazione Ogni minima sporgenza longitudinale del carico dalla sagoma del veicolo deve essere segnalata mediante l apposizione di un pannello quadrangolare, delle dimensioni minime di 50 x 50 cm, a strisce diagonali bianche e rosse retroriflettenti, collocato ed assicurato all estremità della sporgenza in modo tale da risultare, durante tutte le fasi della circolazione, costantemente perpendicolare all asse del veicolo. Qualora il carico sporga longitudinalmente per l'intera larghezza del vano di carico del veicolo, i pannelli di segnalazione devono essere due, collocati alle due estremità del carico, con le stesse modalità già indicate. CARICO MASSIMO NEL TRASPORTO DI COSE La disciplina del trasporto di cose sui veicoli stabilisce che: i veicoli a trazione animale non possono superare la massa complessiva a pieno carico indicata sulla targa; i veicoli a motore e rimorchi non possono superare la massa complessiva indicata sul documento di circolazione; è tuttavia ammessa una tolleranza del 5% della massa complessiva a pieno carico indicata nella carta di circolazione purché non si tratti di merci pericolose. i veicoli adibiti al trasporto di veicoli possono circolare con il carico soltanto sulle autostrade o sulle strade con carreggiata non inferiore a 6,5 m e con altezza libera delle opere di sottovia che garantisca un franco minimo rispetto all'intradosso delle opere d'arte non inferiore a 20 cm. i veicoli adibiti al trasporto di containers, nonché quelli ad altezza variabile che effettuano trasporti di animali vivi, possono circolare solo se hanno altezza libera delle opere di sottovia che garantisca un franco minimo rispetto all'intradosso (3) delle opere d'arte non inferiore a 30 cm. ACCERTAMENTO DEL SOVRACCARICO L'accertamento del sovraccarico rispetto ai limiti che si ricavano dalla carta di circolazione, deve essere compiuto in presenza del conducente e può essere realizzato mediante: Strumenti di pesatura pubblica o privata. Il controllo presso la più vicina pesa pubblica o, in mancanza, presso una pesa privata - purché la stessa sia in regola con le verifiche di legge - può avvenire esclusivamente nel caso in cui gli organi di polizia siano sprovvisti di propri strumenti di misura (pese mobili). Gli organi di polizia possono far condurre coattivamente il veicolo sottoposto a controllo presso la pesa più vicina, restando in ogni caso a carico del conducente gli oneri economici per il tragitto. Risultanze dei documenti di accompagnamento delle merci. Bolle, documenti di trasporto ecc. Altri mezzi di accertamento. idonei a determinare la massa del veicolo Se il veicolo, oltre a superare i limiti di massa indicati nella carta di circolazione, eccede anche quelli previsti per quella determinata categoria di veicoli, si configura un trasporto eccezionale. Il calcolo finalizzato ad accertare il sovraccarico Per accertare la quantità di eccedenza del carico - rispetto a quanto indicato nella carta di circolazione - occorre determinare la massa complessiva a pieno carico del veicolo, comprensiva ( 3 ) Punto più basso del sottopasso. 9

12 della tolleranza del 5%, ove ammessa, arrotondando tale risultato ai 100 kg superiori. Il valore ottenuto, rapportato con il valore di massa, determina la sussistenza o meno del sovraccarico del veicolo. 1.4 SPORGENZA DEL CARICO OLTRE I LIMITI E SANZIONI Il quadro delle sanzioni per la violazione delle citate disposizioni è piuttosto complesso. Art. 164 La norma disciplina le seguenti principali fattispecie ed impone al trasgressore una sanzione amministrativa, nelle seguenti ipotesi: circolare con carico sistemato in modo da pregiudicare la visibilità o la libertà di movimenti nella guida, o la stabilità del veicolo, oppure in modo da occultare fari o targa; circolare col carico non assicurato, favorendo il rischio di dispersione o il pericolo di caduta; circolare con un carico di merce divisibile sporgente fuori della sagoma del veicolo posteriormente, oppure sporgente lateralmente per più di 30 cm; circolare con carico di merce indivisibile sporgente lateralmente più di 30 cm; trasportare carichi difficilmente percepibili (come pali, lastre, sbarre) sporgenti anche di poco lateralmente; circolare con carico sporgente non adeguatamente segnalato; trasportare carichi striscianti sulla strada. Disposizioni procedurali Il veicolo non può proseguire il viaggio se non dopo che il carico sia stato correttamente sistemato e oltre alla sanzione pecuniaria, è previsto il ritiro - finalizzato alla sistemazione del carico entro i limiti - dei documenti di circolazione del veicolo e di guida del conducente, che saranno restituiti dopo l'avvenuta sistemazione. I documenti sono trattenuti dall'ufficio dell' organo accertatore. Occorre dare atto a verbale sia del ritiro dei documenti, sia del divieto di circolare che del luogo di sosta del veicolo per le operazioni. Art. 10 Le varie ipotesi si possono così riassumere. carichi indivisibili circolare superando i limiti di sagoma previsti per quella categoria di veicolo ancorché il carico non sporga posteriormente per più dei 3/10 della lunghezza del veicolo; circolare con sporgenza posteriore per più di 3/10 della lunghezza del veicolo anche senza superare i limiti di sagoma previsti per la categoria del veicolo; circolare con carico sporgente lateralmente per più di 30 cm superando i limiti di sagoma previsti per la categoria del veicolo; circolare con carico sporgente anteriormente ovvero posteriormente oltre i limiti di sporgenza; circolare con carico che superi in altezza i limiti massimi. Nei casi sopra indicati sono previste sia una sanzione amministrativa pecuniaria sia una sanzione accessoria consistente nella sospensione della carta di circolazione del veicolo nonché della patente del conducente, con conseguente fermo amministrativo del veicolo; al fine di proseguire il viaggio fino al luogo di destinazione, il veicolo deve necessariamente essere munito di autorizzazione per trasporto eccezionale. 10

13 carichi divisibili circolare superando i limiti di sagoma della categoria di veicolo con un carico costituito da merce divisibile sporgente anteriormente, ovvero lateralmente o posteriormente. Per proseguire il viaggio, il conducente del veicolo non deve munirsi di autorizzazione per trasporto eccezionale, ma ricondurre il carico entro i limiti di sagoma previsti, anche scaricando parte del carico. Sanzioni per sovraccarico previste dall'art. 166 SANZIONI PER SOVRACCARICO Ai veicoli a trazione animale, che per effetto del carico superino il limite di massa indicata nella targa, si applica una sanzione amministrativa fissa qualunque sia l'entità dell'eccedenza, eccetto il caso in cui vengano superati i limiti di categoria. Sanzioni per sovraccarico previste dall'art. 167 In caso di accertato sovraccarico sui veicoli a motore o loro rimorchi, la norma introduce un regime sanzionatorio graduato in relazione alla massa del veicolo e all'entità dell eccedenza riscontrata, prevedendo sia sanzioni amministrative pecuniarie sia la decurtazione di punteggio dalla patente. Occorre comunque ulteriormente precisare che: - qualora l'eccedenza di massa riscontrata determini il superamento dei limiti previsti per la categoria del veicolo, le sanzioni amministrative contemplate per il sovraccarico si applicano solo se per il carico trasportato non è possibile ottenere preventivamente l autorizzazione; - per i veicoli e trasporti eccezionali le sanzioni amministrative per il sovraccarico si applicano solo quando, pur essendo muniti dell'autorizzazione al trasporto eccezionale, per effetto del carico vengano superati i limiti di massa fissati nella stessa. Determinazione della sanzione in base al sovraccarico accertato In dettaglio, le eccedenze di carico che danno origine all'entità delle varie ipotesi sanzionatorie sono le seguenti: veicoli di massa complessiva superiore a 10 t: a) - 1 fascia si riferisce ad un eccedenza accertata minore di 1 t b) - 2 fascia si riferisce ad un eccedenza accertata minore di 2 t c) - 3 fascia si riferisce ad un eccedenza accertata minore di 3 t d) - 4 fascia si riferisce ad un eccedenza accertata maggiore di 3 t veicoli di massa complessiva a pieno carico minore di 10 t: a) - 1 fascia si riferisce ad un eccedenza accertata minore del 10% della massa complessiva b) - 2 fascia si riferisce ad un eccedenza accertata minore del 20% della massa complessiva c) - 3 fascia si riferisce ad un eccedenza accertata minore del 30% della massa complessiva d) - 4 fascia si riferisce ad un eccedenza accertata maggiore del 30% della massa complessiva Per entrambe le tipologie di veicoli, alla massa indicata sulla carta di circolazione si applica la prevista tolleranza del 5% per determinare il sovraccarico. Tale tolleranza è applicabile anche ai mezzi d opera. 11

14 La sanzione viene applicata, oltre al conducente, con distinto verbale avente uguale motivazione e pari importo, anche al proprietario del veicolo. All eventuale committente - qualora trattasi di trasporto effettuato per proprio conto esclusivo - verrà applicata, con distinto verbale, un' ulteriore sanzione amministrativa di pari importo. Altre disposizioni procedurali A seguito di accertata eccedenza dei limiti di massa - verbalizzato il conducente con contestuale riferimento alla decurtazione di punteggio della patente - qualora l'eccedenza riscontata superi il 10% della massa ammessa la prosecuzione del viaggio è subordinata alla riduzione del carico del veicolo entro i limiti consentiti. L impianto sanzionatorio risulta altresì applicabile ai veicoli immatricolati all'estero. Quando l accertamento di un sovraccarico riguarda un veicolo eccezionale o un trasporto eccezionale (autorizzati per una massa complessiva inferiore a quella realmente riscontrata) si ritengono applicabili le congiunte disposizioni sanzionatorie contemplate rispettivamente nell art. 10 (violazione delle prescrizioni contenute nell autorizzazione) e 167 (la circolazione in eccedenza di massa). 1.5 DISCIPLINA DELL'ATTIVITÀ DI GUIDA DEI CONDUCENTI PROFESSIONALI IN GENERALE E LORO CONTROLLO La sicurezza stradale e le condizioni di lavoro degli operatori sono i criteri di riferimento della normativa che regola l'attività di guida dei conducenti professionali e degli strumenti di controllo (dispositivo c.d. cronotachigrafo ). I criteri ispiratori sono i seguenti: limitare la durata della guida continua giornaliera; aumento del periodo giornaliero di guida e riduzione dei turni di guida nell'arco di due settimane; divieto di particolari riconoscimenti per distanze percorse e tonnellaggio trasportato; FONTI NORMATIVE La disciplina che regola l'attività dei conducenti professionali è dettata sia da norme internazionali che comunitarie e nazionali, spesso coordinate tra loro in modo piuttosto complesso. NORME INTERNAZIONALI Per i paesi non aderenti all'unione Europea ed allo Spazio Economico Europeo, la disciplina dell'attività di guida dei conducenti professionali è regolamentata dall'accordo europeo relativo alle prestazioni lavorative degli equipaggi dei veicoli addetti ai trasporti internazionali su strada (AETR). NORME NAZIONALI In ambito nazionale, recepiscono le norme comunitarie e gli accordi internazionali, le seguenti disposizioni: L art. 174, 178 e 179 del Codice della Strada - altri precetti sono dettati: - Dalla legge , n. 727 (attuazione regolamento CEE n. 1463/70 e successive modificazioni ed integrazioni); - Dall art. 10, della legge , n. 132 (modalità di revisione periodica e/o straordinaria del dispositivo). 12

15 La normativa nazionale si completa con il DM (attuativo della direttiva 88/599/CEE): modalità controlli su strada e locali delle imprese ed il DM , n. 361 (disposizioni attuative del reg. CE n. 2135/98). NORME COMUNITARIE Nell'ambito dell'unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, la materia è disciplinata da regolamenti e direttive. Per il dispositivo di controllo: Il regolamento CE n. 1360/2002 (caratteristiche del nuovo cronotachigrafo digitale); Il regolamento CE n. 2135/98 (introduzione di un nuovo tipo di dispositivo di controllo destinato a sostituire gradualmente quello analogico disciplinato dal regolamento n. 3821/85); Il regolamento CEE n. 3821/85 (caratteristiche ed uso dell'apparecchio di controllo); Il regolamento CEE n. 599/88 (procedure uniformi di applicazione dei regolamenti CEE n. 3820/85 e n. 3821/85). Per la disciplina della durata dell'attività di guida: La direttiva 2002/15/CE (organizzazione dell'orario di lavoro delle persone che effettuano operazioni mobili di autotrasporto); Il regolamento CEE n. 3820/85 (armonizzazione di alcune disposizioni in materia sociale nel settore dei trasporti su strada). I DISPOSITIVI DI CONTROLLO: evoluzione normativa Il regolamento CE n. 2135/98, che ha riformato il sistema di rilevazione dei tempi di guida dei conducenti professionali, ha stabilito che: - entro il , sono approvati il primo dispositivo e la prima carta tachigrafica; - nel periodo tra l agosto 2003 ed il maggio 2004, le autorità competenti rilasciano le carte tachigrafiche; - dal , i veicoli di nuova immatricolazione possono essere dotati del dispositivo digitale se lo Stato in cui sono immatricolati ha già iniziato il rilascio delle carte tachigrafiche; - dal , i veicoli di nuova immatricolazione devono essere dotati del dispositivo digitale. Tra l'agosto 2004 ed l'agosto 2005, si è proceduto all'immatricolazione di veicoli nuovi con dispositivo digitale esclusivamente se lo Stato d'immatricolazione aveva già attivato la nuova procedura di rilascio delle carte tachigrafiche, mentre, negli Stati che non avevano provveduto, si potevano immatricolare ancora veicoli con dispositivi analogici. Pertanto, fino al , in Italia: si poteva continuare ad immatricolare nuovi veicoli dotati di cronotachigrafo analogico; potevano già, comunque, circolare veicoli appartenenti ad aziende straniere immatricolati in altri Stati membri in cui è consentita l'installazione del cronotachigrafo digitale (per i quali sono state attivate le procedure di rilascio delle carte tachigrafiche). Le disposizioni sopra riportate sono da riconsiderare alla luce di un ulteriore rinvio rispetto all obbligo di adottare il cronotachigrafo digitale sui nuovi veicoli pesanti, che, come visto, sarebbe dovuto diventare operativo il 05.agosto.2005, dopo la precedente prima proroga di un anno; la Commissione Europea ha comunicato che, di fatto, il periodo di tolleranza si estenderà fino al 31 13

16 dicembre 2005; alcuni Stati membri Ue devono infatti ancora adottare le proprie procedure interne all obbligo dell adozione dell apparecchiatura digitale. Il comunicato IP/05/1054 del Commissario europeo ai trasporti del 12.agosto.2005, sottolinea che la Commissione non promuoverà procedure d infrazione nei confronti degli Stati membri che non avranno ancora reso operativo l obbligo di immatricolazione dei nuovi veicoli pesanti (veicoli per trasporto cose con massa complessiva oltre le 3,5 tonnellate, autobus non di linea con oltre 9 posti, autobus di linee internazionali e scuolabus impiegati su percorsi non regolari lunghi oltre i 50 chilometri) se non dotati di cronotachigrafo digitale. Quindi il rinvio dell obbligo è spostato dal 5 agosto al 31 dicembre Il cronotachigrafo digitale, che doveva essere adottato inizialmente dal 5 agosto 2004, aveva già subito un primo rinvio, così come previsto dal Regolamento Ce n. 2135/98. La circolare Prot. n. 563/MOT1, emanata dal Dtt il 20 luglio 2004, fornisce alcune precisazioni al riguardo. Il 3.agosto.2005 il ministero delle Attività produttive ha approvato i modelli per la richiesta di rilascio delle carte tachigrafiche. DURATA DELLA GUIDA DEI CONDUCENTI PROFESSIONALI L art. 174, comma 1, del C.d.S. stabilisce che la durata della guida degli autoveicoli adibiti al trasporto di persone e/o cose, anche se circolanti a vuoto, è disciplinata dalle norme contenute nel regolamento CEE n. 3820/85. Tale regolamento si applica ai conducenti dei veicoli, immatricolati in uno degli Stati comunitari che effettuano trasporti su strada all'interno del territorio dell'u.e., che: devono essere dotati dello strumento di controllo (cronotachigrafo); ovvero, pur non essendo dotati di cronotachigrafo, effettuano il trasporto di viaggiatori in servizio regolare di linea con un percorso superiore a 50 km. Per i conducenti di veicoli non immatricolati in uno degli Stati membri dell'u.e., si applicano, invece, le disposizioni dell'accordo europeo (AETR). PERIODI DI GUIDA ED INTERRUZIONI PER CONDUCENTI DI VEICOLI CE Per i conducenti di veicoli immatricolati in uno degli Stati comunitari, le disposizioni comunitarie dettate dal regolamento CEE n. 3820/85 disciplinano: il periodo di guida giornaliero e settimanale; il periodo di riposo giornaliero e settimanale e le interruzioni durante la guida. Periodo di guida giornaliero Il periodo di guida giornaliero è il tempo trascorso alla guida e/o in attività di lavoro correlate (carico, scarico, etc.) - massimo 9 ore - tra un riposo giornaliero ed il successivo (per 2 volte nella stessa settimana può essere di 10 ore giornaliere). Periodo di guida settimanale L'articolo 1, regolamento CEE n. 3820/85, definisce la settimana: periodo che va dalle ore del lunedì alle ore della domenica, (linguaggio comune definito come "settimana"). Il massimo periodo complessivo settimanale di guida non può superare i 6 giorni consecutivi o le 56 ore. Il regolamento ha disposto che in 2 settimane consecutive il periodo di guida complessivo non può superare le 90 ore. 14

17 Tempo di guida giornaliero di: 9-10 ore Tempo di guida settimanale di: 56 ore Tempo di guida bisettimanale Interruzioni nella guida Tempi di guida 4-9 ore come regola generale - 10 ore, solo 2 giorni nell'arco di una settimana - Si può guidare fino a 6 giorni consecutivi, dopo va fruito un periodo di riposo settimanale. - Il numero massimo di ore di guida settimanali non è previsto dal regolamento, tuttavia, moltiplicando 6 gg. per 9 ore ed aggiungendo altre 2 ore, per i 2 giorni in cui si può guidare fino a 10 ore, il totale complessivo fa 56 ore ore, così fissato dal regolamento, per 2 settimane consecutive. Si tratta di brevi pause di riposo, durante le quali è vietato svolgere altri lavori (carico/scarico merci, riparazioni, ecc.). Il conducente, dopo un periodo di guida di 4 ore e mezza consecutive, deve effettuare un'interruzione della guida. La normativa è severa su tale aspetto, è più elastica sulla durata ed organizzazione delle singole pause. Il conducente, infatti, può effettuare: una pausa unica di 45 minuti; più pause, di 15 minuti ognuna, intercalate durante la guida (almeno tre pause in un periodo di guida giornaliero per un totale di 45 minuti complessivi di pausa). Interruzioni alla guida 5 Interruzione della guida di norma dopo 4 ore e 30' - Dopo 4 ore e 30 minuti bisogna osservare una interruzione di 45 minuti. - E' possibile suddividere l'interruzione in più periodi, di almeno 15 minuti ciascuno, da intercalare durante le 4 ore e 30' minuti da inserire, nell'arco delle prime 4 ore e mezzo di guida durante i quali il conducente non deve svolgere altre attività, ma può solo riposare. PERIODI DI RIPOSO Il "riposo" è il periodo ininterrotto, della durata di almeno un'ora, di libera disposizione del conducente. 4 E' il tempo che il conducente impiega nella guida del veicolo. 5 E' il tempo di riposo di cui l'autista dovrà usufruire per intervallare il tempo di guida e recuperare le energie psico fisiche. 15

18 Riposo giornaliero Il conducente ha diritto ad un riposo giornaliero, dopo ogni periodo giornaliero di guida, che può essere fruito in unico periodo ovvero essere frazionato in più periodi, di più breve durata, secondo le esigenze dell'impresa di trasporto. Il riposo si può fruire a bordo del veicolo, in sosta, non deve essere interrotto da guida o attività lavorative. Periodo di riposo unico e frazionato Il riposo giornaliero in periodo unico deve durare 11 ore consecutive. Può essere ridotto a 9 ore - sempre consecutive e per non più di tre volte nella settimana lavorativa ma, in questa ipotesi, prima della fine della settimana successiva, il conducente ha diritto ad un equivalente periodo di riposo compensativo. Se sul veicolo sono presenti due conducenti che si alternano nella guida, ognuno deve avere, per ciascun periodo di 30 ore, un riposo giornaliero di almeno 8 ore consecutive. Il riposo è consentito sul veicolo se in sosta e con cuccetta. Se il riposo è effettuato in due o tre periodi separati uno deve essere di almeno 8 ore consecutive ed - in ogni caso - il riposo giornaliero complessivo (quale somma dei periodi frazionati) deve essere di almeno 12 ore. Interruzioni del periodo di riposo giornaliero Il periodo di riposo giornaliero può, eccezionalmente, essere interrotto una sola volta quando: si tratti di un trasporto di merci o viaggiatori in cui il conducente accompagni un veicolo imbarcato su una nave o su un treno; la parte di riposo giornaliero fruita a terra sia antecedente o successiva a quella fruita a bordo del traghetto o del treno; l'interruzione del riposo sia la più breve possibile e non ecceda un'ora prima dell'imbarco o dopo lo sbarco. Nei casi sopra indicati, il riposo giornaliero sottoposto ad interruzione, deve essere aumentato di due ore. Fasce di riposo di: ore Riposo giornaliero Tra una giornata di guida e quella successiva, l'autista deve usufruire di un turno di riposo, che può essere anche fruito a bordo dell'autocarro, purché il mezzo disponga di cuccetta e si trovi in sosta. I gruppi di orario previsto sono: - 11 ore come disposizione generale; - 9 ore, solo tre giorni nell'arco di una settimana, recuperando le ore di riposo non fruite la settimana successiva; - 12 ore, per servizi tipo navetta, qualora il riposo giornaliero venga spezzato in 2 o 3 periodi, purché almeno uno sia di almeno 8 ore. Nel caso in cui il trasportatore debba interrompere il sonno per il carico dell'autocarro (su traghetto, convoglio ferroviario etc.) l'interruzione del riposo può durare fino ad 1 ora, aumentando il totale spettante fino ad 1 ora. Se tale operazione richieda più di 1 ora il periodo di riposo già fruito risulterà azzerato. 16

19 Riposo settimanale Dopo un massimo di 6 periodi di guida giornalieri consecutivi, si ha diritto ad un riposo settimanale. Se nei 6 periodi di guida consecutivi non si raggiunge il massimo di ore consentite (56 ore), il riposo può essere effettuato alla fine del sesto giorno della settimana. Di norma si unificano il riposo settimanale ed il giornaliero concomitante risultando così 45 ore consecutive. Riduzione del riposo settimanale La riduzione della durata del riposo settimanale è consentita alle seguenti condizioni: almeno 36 ore consecutive, se il riposo è preso nel luogo di stazionamento abituale del veicolo nella sede del conducente; almeno 24 ore consecutive, se il riposo è effettuato in luogo diverso. Riposo compensativo Le riduzioni del periodo di riposo settimanale o giornaliero sono compensate da un periodo di riposo continuo prima della fine della terza settimana seguente a quella in cui è avvenuta la riduzione. I riposi compensativi e settimanali sono irrinunciabili. I periodi di riposo compensativo derivanti dalla riduzione del riposo settimanale o giornaliero devono essere: preceduti o seguiti da un altro periodo di riposo di almeno 8 ore, fruiti (a richiesta del conducente) preferibilmente nel luogo di parcheggio del veicolo o nel luogo di residenza del conducente. Riposo settimanale Turnazioni di riposo settimanale in fasce: ore Non oltre il 6 giorno consecutivo di guida l'autista dovrà fruire di un turno di riposo di: - 45 ore: norma generale; - 36 ore: se viene fruito direttamente sul mezzo di trasporto; - 24 ore: se il mezzo di trasporto si trova fuori sede. La differenza delle ore di riposo dovrà essere recuperata entro la 3 a settimana successiva. PERIODO DI GUIDA E PAUSE DI RIPOSO PER CONDUCENTI DI VEICOLI EXTRA CE Il regolamento CEE n. 3820/85 non si applica ai conducenti di veicoli immatricolati in Stati che non sono membri della Comunità europea. Le disposizioni dell' AETR si applicano, tuttavia, per il percorso effettuato all'interno del territorio dell'unione. MODALITÀ DI CONTROLLO DEL RISPETTO DELLA NORMATIVA Il controllo del rispetto, da parte dei conducenti, della normativa in materia di periodi di guida e di riposo si effettua attraverso l analisi dei dati registrati dal cronotachigrafo, per i veicoli che ne sono dotati; dell orario e registro di servizio per gli altri veicoli. 17

20 Per i conducenti non obbligati all'uso del cronotachigrafo l'art. 14 regolamento CEE n. 3820/85, stabilisce che l'impresa debba: fissare un orario di servizio e tenere un registro di servizio; Il registro di servizio è tenuto dall'impresa per un anno dopo lo scadere del periodo cui si riferisce. 1.6 CRONOTACHIGRAFO E ATTIVITA' DI GUIDA NELL AUTOTRASPORTO Il C.d.S (art. 179, comma 1) stabilisce che il cronotachigrafo, debba essere montato e utilizzato - sui veicoli adibiti al trasporto su strada di viaggiatori e di merci - nei casi previsti dal regolamento CEE n. 3821/85. VEICOLI OBBLIGATI Sono obbligati ad avere a bordo un dispositivo di controllo funzionante i seguenti veicoli: autoveicoli adibiti al trasporto di cose con massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 t, compreso l'eventuale rimorchio o semirimorchio ad essi agganciato; autobus con oltre 9 posti che effettuino servizio di noleggio con conducente o corse fuori linea; autobus adibiti a servizi di linea internazionale con capolinea distante più di 50 km in linea d'aria dalla frontiera ed il cui percorso complessivo superi 100 km; scuolabus impiegati per attività scolastiche diverse dai servizi regolari, il cui percorso supera 50 km. VEICOLI ESENTATI Le disposizioni del regolamento CEE n. 3820/85, ai sensi dell art. 4, non si applicano ai trasporti effettuati a mezzo di: o veicoli adibiti al trasporto merci ed il cui peso massimo autorizzato (massa complessiva n.d.r.) compreso il peso dei rimorchi o dei semirimorchi, non supera le 3,5; o veicoli adibiti al trasporto di viaggiatori che, in base al loro tipo di costruzione e alla loro attrezzatura, sono atti a trasportare 9 persone al massimo, conducente compreso e sono destinati a tal fine; o veicoli adibiti ai trasporti di viaggiatori, in servizio regolare di linea, il cui percorso non supera i 50 chilometri; o veicoli la cui velocità massima autorizzata (ed annotata nella carta di circolazione n.d.r.) non supera i 30 km/h; o veicoli adibiti al servizio, o posti sotto il controllo, di forze armate, protezione civile, vigli del fuoco e forze responsabili del mantenimento dell ordine pubblico; o veicoli adibiti ai servizi delle fognature, di protezione contro le inondazioni, dell acqua, del gas, dell elettricità, della rete stradale, della nettezza urbana, dei telegrafi, dei telefoni, delle spedizioni postali, della radiodiffusione, della televisione e della rilevazione di emittenti o riceventi di televisione o radio (tali veicoli possono appartenere sia ad aziende pubbliche sia ad imprese private che effettuano le citate attività, purché non utilizzati per questi scopi solo occasionalmente o in modo complementare all'attività di trasporto n.d.r.); o veicoli utilizzati per emergenze temporanee o nel corso di operazioni di salvataggio; o veicoli speciali adibiti ad usi medici; o veicoli che trasportano materiale per circhi o parchi di divertimenti; o carri attrezzi (ossia quei veicoli ad uso speciale attrezzati permanentemente per tale attività e non atti al carico n.d.r.); o veicoli sottoposti a prove su strada a fini di miglioramento tecnico, riparazione o manutenzione, e veicoli nuovi o trasformati non ancora messi in circolazione; 18

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME- SESSIONE 2006 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI

PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME- SESSIONE 2006 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME- SESSIONE 2006 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI 1 - LE IMPRESE DI TRASPORTO ESTERE POSSONO ESSERE ISCRITTE ALL ALBO? A - qualsiasi impresa estera puo

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE

Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE PROINCIA DI TARANTO Cons. autom. Serie A CIRCOLAZIONE STRADALE A0001 A0002 A0003 A0004 A0005 A0006 Sono classificati veicoli secondo il CDS 1 le macchine uso bambini 2 i ciclomotori 3 le macchine uso disabili

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE MOD.COM 4 SUROMA SPORTELLO UNICO DEL COMMERCIO MUNICIPIO.. Via - 00..Roma Forme speciali di vendita al dettaglio SPACCI INTERNI COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 16 e 26

Dettagli

Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati.

Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati. I TRASPORTI INTERNAZIONALI Per trasporto internazionale di cose s intende lo spostamento, a carico o a vuoto, del veicolo fra due o più Stati. Per effettuare trasporti internazionali di merci su strada

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE

Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE MOD.COM. 6 copia per il Comune Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE COMUNICAZIONE Al Comune di *... Ai sensi del D.L.vo 31/3/1998

Dettagli

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE

BOLLO ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE MOD.COM 2 BOLLO copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO - MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt. 8,9,10, comma 5),

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA MOD. COM 3 SCIA-SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO: MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Al SUAP Ai sensi del D. L.vo 114/98, D. L.vo 59/10 e L. 122/10 Il sottoscritto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DECRETO n. 429 del 15 dicembre 2011 Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2012 IL MINISTRO

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE. Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto MOD.COM 1, copia per il Comune ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO COMUNICAZIONE Al Comune di * Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (art 7, 10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto Cognome Nome C.F.

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

COMUNICAZIONE. Al Comune di *

COMUNICAZIONE. Al Comune di * 7864 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 82 del 30-6-2004 MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE Ai sensi della l.r. 11/03

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali

PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE VIABILITA Servizio Manutenzione Strade Ufficio Trasporti Eccezionali LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI D OPERA NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA LE DISPOSIZIONI DI LEGGE NAZIONALI

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie.

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie. ENTRA IN VIGORE LA PATENTE UNICA EUROPEA (parte generale) 19 gennaio 2013: entra in vigore la patente dell Unione Europea, unica ed uguale per tutti i cittadini europei, in formato card, con la foto digitale

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA COMUNICAZIONE MOD.COM 3 Al Comune di * ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA copia per il Comune COMUNICAZIONE Ai sensi del D.L.vo 114/1998 (artt.10 comma 5 e 26 comma 5), il sottoscritto

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

Aggiornato con D.P.R. 16 settembre 1996, n. 610 (G.U. 4 dicembre 1996, n. 284, s.o. n. 212) e successive integrazioni e modifiche.

Aggiornato con D.P.R. 16 settembre 1996, n. 610 (G.U. 4 dicembre 1996, n. 284, s.o. n. 212) e successive integrazioni e modifiche. Decreto del Presidente della Repubblica 16 Dicembre 1992, N. 495 Regolamento di esecuzione e di attuazione del Nuovo Codice della Strada (G.U. 28 dicembre 1992, n. 303, s.o. n. 134) Aggiornato con D.P.R.

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione generale per l'attività Ispettiva Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Roma, 14 Giugno 2006 Circolare n. 17/2006 Prot. N.

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Guida alla compilazione dei modelli di denuncia di inizio attività

Guida alla compilazione dei modelli di denuncia di inizio attività CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI SALERNO 84100 Salerno Via Roma, 29 (Sede di Rappresentanza) - Via S. Allende, 19/21 (Sede Operativa) - Telefono 089.30.68.111 - Telefax 089.33.48.65

Dettagli

VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 il sottoscritto

VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE. Ai sensi della L.R. 11/03 e Regolamento Regionale n.3/2011 il sottoscritto mod. Com 8 REGIONE PUGLIA Forme speciali di vendita al dettaglio VENDITA PER CORRISPONDENZA, TELEVISIONE O ALTRI SISTEMI DI COMUNICAZIONE SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA' COMPILARE A STAMPATELLO

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ORDINANZA 3 marzo 2009 Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione dei cani. (G.U. Serie

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli