Sistemi Wimax Villa Griffone 9 giugno Telecom Italia e gli scenari di sviluppo del Broadband

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi Wimax Villa Griffone 9 giugno 2006. Telecom Italia e gli scenari di sviluppo del Broadband"

Transcript

1 Sistemi Wimax Villa Griffone 9 giugno 2006 Telecom Italia e gli scenari di sviluppo del Broadband Mocerino Giuseppe Techonology - Supporto Regolatorio

2 Broadband Wireline Access: stato dell arte e prospettive Copertura ADSL in ITALIA per popolazione e per comune Le soluzioni individuate da Telecom Italia per ridurre il digital divide Principali modelli di incentivazione Broadband Wireless Access: stato dell arte e prospettive Tecnologie abilitanti per il broadband wireless Prospettive regolatorie WiMax e WIBro: generalità, confronto, sperimentazioni Le prospettive dello sviluppo BWA in Emilia Romagna Ulteriori sviluppi 1

3 Broadband Wireline Access: stato dell arte e prospettive Copertura Asynchrounous Digital Subscriber Line Anno 2005 per popolazione Percentuale della popolazione attualmente raggiungibile dal servizio La popolazione telefonica di riferimento a cui potenzialmente offrire l ADSL è pari a ~26 milioni di linee equivalenti A fine 2005 risultavano coperte dal servizio ADSL centrali su un totale di , corrispondenti all 86,4% della popolazione telefonica Da 52 a 73 Da 73 a 78 Da 78 a 83 Da 83 a 91 La copertura è calcolata prendendo a riferimento la percentuale delle linee equivalenti a 64 kbit/s raggiunte dal servizio ADSL. 2

4 Copertura per Area di Centrale v/s Territorio Comunale Comune A Centrale 1 Centrale 2 Comune B Centrale 3 Una centrale telefonica distribuisce spesso i suoi accessi su due o più Comuni; pertanto non esiste una corrispondenza univoca tra centrali e Comuni Pur in presenza di alto livello di copertura ADSL della clientela, il numero dei Comuni con copertura non elevata risulta essere relativamente consistente Inoltre un elevato numero di Comuni presenta dimensioni piccole o piccolissime 3

5 Numero Comuni, Percentuale di copertura Copertura Asynchrounous Digital Subscriber Line Anno 2005 per comuni A fine 2005, i Comuni interamente coperti erano circa 2.500, corrispondenti a quelli a maggior popolazione. Per valutare il dato della copertura per Comune occorre considerare i seguenti fattori: elevata numerosità di Comuni di piccole dimensioni, caratterizzati spesso da un basso appeal commerciale e investimenti richiesti alti presenza frequente di frazioni di piccole o piccolissime dimensioni a bassissima redditività commerciale Totale Comuni Italiani 0% Da >0% a <50% Da 50% a <70% Da 70% a <80% Da 80% a <90% Percentuale di copertura Da 90% a <100% 100% 4

6 Copertura Asynchrounous Digital Subscriber Line Anno 2005 Emilia Romagna % di copertura dei Comuni <10% 10%-50% 50%-70% 70%-99% 100% 5

7 Le soluzioni individuate da Telecom Italia per ridurre il digital divide Si possono prefigurare alcune modalità di intervento tese a ridurre, se non eliminare del tutto, la componente territoriale del Digital Divide. Tra quelle individuate sono già sotto analisi e/o implementazione: 1) Modelli di incentivazioneo - es: Scozzese 2) Infratel 3) Interventi su apparati MUX in zone coperte ( zainetto ). 4) Utilizzo di Reti Mobili/Wireless 5) Interventi tesi a ridurre i CAPEX lato rete (es. palificazioni ) 6) Utilizzo di nx2mbit/s su Rame 7) Uso di Ponti Radio 8) Reti Wi-Mesh 9) DTT/DVB-H 6

8 Principali modelli di incentivazione Modelli d interesse Modello Modello tradizionale di finanza agevolata Modello innovativo di incentivo allo sviluppo Modello di collaborazione operativa Descrizione Stanziamento della Regione di un contributo a fondo perduto per finanziare, in parte, la realizzazione di infrastrutture e opere per l abbattimento del digital divide Impegno dell Operatore a realizzare le opere secondo i modi ed i tempi concordati nel momento dell erogazione dei contributi sottoponendosi al monitoraggio e controllo delle Autorità Regionali Erogazione di un contributo commisurato, in fase di preventivo, a coprire l importo necessario per rendere redditizio l investimento in un arco di tempo definito. In questo modello è prevista la rendicontazione finale con eventuale pareggio a compensazione. Scambio commerciale trai due soggetti (Pubblico e Privato) per realizzare sinergie sulle infrastrutture TLC disponibili sul territorio Eventuali incentivi da parte della Pubblica Amministrazione potrebbero accelerare i tempi di implementazione e consentirebbero una maggior diffusione della soluzione Full Broadband 7

9 Broadband Wireless Access: stato dell arte e prospettive BWA Backhaul Station PC BWA Subscriber Station IA D BWA terminal BWA Air Interface BWA Base Station Public net BWA mobile terminal 8

10 Tecnologie abilitanti per il broadband wireless (1/2) UMTS (Universal Mobile Telecommunications System) L UMTS è la tecnologia di telefonia mobile terza generazione (3G) che nasce come evoluzione del sistema GSM pur avendo un sistema radio completamente innovativo. Il sistema UMTS è il primo sistema wireless che permette la fruizione di servizi in logica triple play in mobilità. Sono supportati infatti servizi voce, video chiamata (64Kbit/s) e dati a pacchetto fino ad un bitrate di 384 Kbit/s in downlink. L introduzione di tale tecnologia richiede la realizzazione di una nuova infrastruttura di accesso radio (stazioni radio) con una numerosità di siti molto maggiore del GSM a causa della diversa frequenza assegnata. La tecnologia del nuovo sistema garantisce una riduzione delle emissioni elettromagnetiche rispetto ai precedenti sistemi. HSDPA (High Speed Downlink Packet Access) Rappresenta l evoluzione tecnologica della rete UMTS consentendo di incrementare la velocità massima del traffico dati in download dagli attuali 384 Kbps fino a 3.6 Mbps nella fase 1, per raggiungere un bitrate massimo teorico di 14 Mbps nella fase 2. E prevista anche un evoluzione per la componente dati in uplink (HSUPA) per una trasmissione dati alla velocità massima teorica di 5.8 Mbps. L introduzione di tale tecnologia richiede degli investimenti Hw/Sw per l aggiornamento dell infrastruttura della rete UMTS. Sono in corso le attività per il lancio del servizio HSDPA di Fase 1 nelle principali città italiane già a partire da questa estate.. 9

11 Tecnologie abilitanti per il broadband wireless (2/2) WiMAX (Worldwide Interoperability for Microwave Access) E una tecnologia di accesso broadband wireless in modalità LOS (Line Of Sight) ed NLOS (No Line of Sight) e dal throughput elevato, ma dipendente fortemente dallo scenario regolatorio in corso di definizione. Lo standard ( ) consente di fornire il servizio solo a postazioni con un livello di mobilità estremamente limitato e con una configurazione di CPE (Customer Premisis Equipment) che prevede preferibilmente l antenna in visibilità ottica. Le evoluzioni successive (802.16e ). consentono anche la fornitura di servizi nomadici e in mobilità piena WiMax richiede la realizzazione di un infrastruttura di rete ad hoc ed inoltre, anche se è al momento una tecnologia stabile dal punto di vista normativo, presenta problemi di interlavoro tra apparati di diversi fornitori che di fatto lo rende una tecnologia non ancora matura WiBRO (Wireless Broadband) E un sistema sviluppato in Corea (rappresenta l alternativa agli sviluppi Europei per la Long Term Evolution 4G) per anticipare il sistema wireless broadband mobile, rappresentando di fatto uno dei primi sistemi e i grado di fornire un elevata banda al cliente (es. ~20Mbps, in funzione della porzione e larghezza di banda che verranno assegnate dal regolatore) in mobilità (fino a 120 Km/h) Telecom Italia ha realizzato in collaborazione con Samsung una demo nel corso delle Olimpiadi invernali tenutesi a Torino e prevede delle attività di valutazione delle prestazioni anche nel corso del 2006 con due siti di sperimentazione a Roma e a Torino presso sedi sociali. 10

12 Prospettive regolatorie Tecnologia HSDPA/HSUPA (più in generale HS) Bande di frequenza Stesse frequenze del servizio UMTS non ci sono vincoli regolatori, si tratta di una evoluzione delle reti UMTS. Fig. 1. WiMAX d (2004) Sperimentazioni in corso sulla banda GHz, oggi utilizzata dal Ministero della Difesa. Fig. 2. In fase di studio la possibilità di utilizzare la banda 5,8 GHz Fig. 3. WiMAX e (2005) WiBRO (come profilo WiMAX mobile) Da considerare la possibile condivisione delle frequenze con d. Ovvero decidere quale standard adottare, Le road map dei costruttori di terminali sembrerebbero indicare WiMax mobile Da approfondire il posizionamento regolatorio in ITU/CEPT/Italia La mobilità spinta richiede l uso di bande di frequenze al di sotto dei 3 GHz. Anche qui da approfondire il posizionamento regolatorio in ITU/CEPT/Italia. 11

13 La tecnologia Wi-Max in generale Lo Standard pubblicato: d-2004 è per applicazioni di tipo Wireless Local Loop, in modalità Punto-Punto o Punto-MultiPunto. Lo Standard evoluto e-2005 supporta la mobilità spinta. Ancora per diversi anni, dal punto di vista di prestazioni e costi, WiMax risulterà poco conveniente per gli Operatori che dispongono di infrastrutture in Rame in rete di accesso. Potrebbe servire in backhauling su centrali di piccole dimensioni. Va comunque fatto il confrontato con il PR classico. I primi prodotti conformi a standard d-2004 sono con unità utente non integrate nel PC e con antenne esterna per applicazioni indoor o outdoor. In Italia la regolamentazione è in corso di definizione: Disponibilità delle frequenze oggi la banda 3,4-3,6 GHz è utilizzata dal Ministero della Difesa. Possibile condivisione della banda 3,6-4,2 GHz tra militari ed operatori civili. Fig. 4. Modalità di assegnazione delle licenze sarà a cura MINCOM ed AGCOM, anche in base delle risultanze della sperimentazione Rimane il problema delle bande di frequenza per applicazioni di mobilità spinta (al di sotto dei 3 GHz) WiMax Forum punta per es: alla banda dei 2,5 GHz al momento destinata all IMT-2000/UMTS o alle frequenze derivanti dal Digital Dividend proveniente dall introduzione del DVB-T. 12

14 Le sperimentazione Telecom Italia sulla tecnologia Wi-Max WiMax d-2004 Sperimentazione tecnica MINCOM/FUB insieme con diversi costruttori Aree geografiche Torino: 4 siti con uno scenario urbano, suburbano, rurale (sedi TI) Università di Palermo: 8 siti Comunità montane dei Due Laghi in Piemonte: 8 siti Vimercate (MI): 5 siti presso sedi Alcatel Target Clienti Amici per misure di Throughput e Copertura in differenti condizioni (LOS/NLOS) anche con il coinvolgimento di stazioni nomadiche, Servizi individuabili, QoS etc. Apparati Siemens, Marconi/Airspan, Alcatel/Alvarion Timing in corso; Stato dell arte conclusione secondo semestre Qualche criticità dovuta a mancanza apparati e ripensamenti dopo la pubblicazione dello standard e

15 WiBro verso WiMax mobile WiBro (Wireless Broadband), un sistema sviluppato da Samsung, è nato su richiesta del governo coreano per avere in breve tempo un sistema wireless mobile a larga banda in Corea. Nel Febbraio 2002 il governo Coreano ha allocato 100MHz nella banda dei 2,3GHz Nel 2004 WiBro phase 1 è stato standardizzato dalla TTA (Telecommunications Technology Association) in Corea. In seguito, alla fine del 2004, in accordo con il WiMax Forum, è partito un processo di convergenza dei diversi parametri tecnici per permettere la compatibilità del sistema WiBro con il sistema WiMax mobile. Si prevede che il sistema WiBro ottenga la certificazione WiMax mobile a partire dal 4Q 2006 come prove di laboratorio e la certificazione WIMAX Forum vera e propria dal 1Q

16 WiBro in Italia e in Europa In Italia è in corso una sperimentazione Samsung supportata da Telecom Italia in area dove si sono svolte le Olimpiadi invernali di Torino, nel corso del 2006 la sperimentazione sarà portata anche in una sede sociale TI di Roma. Dal punto di vista delle disponibilità di frequenze al di sotto dei 3 GHz va sottolineata la difficoltà regolatoria derivante dall attuale situazione a favore dell IMT2000/UMTS. WIBro in quanto standard WiMax potrebbe beneficiare di un nuovo quadro regolatorio tendente ad introdurre come banda mobile WiMAx oltre che la 3,4-3,6 GHz anche la 2,5 GHz. Alcuni operatori europei si stanno muovendo in ambito 3GPP per promuovere il profilo WiMax come appartenente ad una delle famiglie IMT2000. Lo sviluppo di reti mobili broadband trovano naturale sviluppo su bande di frequenze al di sotto dei 3 GHz, rendendo critico, di fatto, l uso della banda 3,4 3,6 GHz quale banda ideale per sistemi WiMax. 15

17 UMTS 2005 Sviluppo del Mobile Broadband in Emilia Romagna (1/3) Alla fine del 2005 i Comuni raggiunti dal servizio UMTS erano circa 100 distribuiti in tutte le province della Regione grazie alla realizzazione di oltre 500 stazioni radio. Lo sviluppo della copertura è partito dalle principali città per poi estendersi sulle principali località turistiche e sui comuni di grandi e medie dimensioni. Evoluzione del numero di stazioni radio UMTS nel prossimo triennio San Marino Piacenza Ferrara 2005 Piano Ravenna Parma Rimini Forlì-Cesena Reggio nell'emilia Modena Bologna

18 Sviluppo del Mobile Broadband in Emilia Romagna (2/3) Piano di sviluppo UMTS Nell attuale piano di sviluppo della copertura UMTS è stato pianificato di raggiungere con il servizio mobile 3G oltre 200 Comuni grazie alla realizzazione di quasi impianti. Reggio nell'emilia Rimini Ravenna Numero di Comuni delle Province per i quali è stato pianificato lo sviluppo del servizio UMTS. Forlì-Cesena Ferrara Parma Piacenza L attuale strategia prevede di privilegiare la copertura della popolazione, le località di interesse turistico e industriale e la viabilità principale (es. MI-RM). Modena Bologna

19 Sviluppo del Mobile Broadband in Emilia Romagna (3/3) Piano di Sviluppo di HSDPA Dal 2006 è previsto l avvio della diffusione del servizio HSDPA di Fase1 a partire dai Comuni più grandi e dalle principali località turistiche. In particolare si prevede di avviare il servizio nei Capoluoghi di Provincia entro l estate Successivamente, anche in funzione dello sviluppo del mercato broadband su mobile, è stato ipotizzato lo sviluppo della copertura in altri Comuni già raggiunti dal servizio UMTS ovvero nei Comuni nei quali è stata pianificata l estensione della copertura UMTS. La diffusione del servizio HSDPA può essere la base per la realizzazione di servizi rivolti ad esempio a: aree industriali/commerciali che non sono raggiunte da reti dati dedicate a causa della complessa orografia del territorio Addetti e strutture del turismo per la fruizione in mobilità dei servizi fissi : portali di informazioni meteo, traffico, mail, video Comunicazione, ecc Turisti: servizi di informazione RIMINI PIACENZA PARMA REGGIO EMILIA RAVENNA FORLI FERRARA Numero di Comuni delle Province raggiunti dal servizio UMTS per i quali è stato ipotizzato lo sviluppo di HSDPA 2006 MODENA BOLOGNA

20 Ulteriori sviluppi Attività di sperimentazioni sono possibili per valutare l estensione del broadband mobile anche ad aree remote e/o rurali. In particolare è già possibile, in comuni già raggiunti da UMTS, pensare di sperimentare tecnologia HSDPA di Fase 2 e HSUPA dando le seguenti priorità: Principali Comuni della provincia Località turistiche Aree industriali/commerciali Aree remote Scopo della sperimentazione, con lo sviluppo del broadband sia per la componente downlink sia per la componente uplink, sarebbe quello di verificare la fruibilità di tutti i servizi a banda larga in piena mobilità. La diffusione dei servizi broadband in mobilità può rappresentare una chiave per l ulteriore sviluppo sia della piccola e media impresa già molto attive nella provincia sia del turismo. 19

21 Mocerino Giuseppe Technology - Supporto Regolatorio 20

22 Fig. 1: Banda MHz in Italia H3G OPI TIM IPSE 2000 GSM 1800 GSM 1800 MIL MIL DECT UMTS TDD UMTS FDD 1710 SAT UMTS UMTS TDD WIND IPSE 2000 TIM WIND H3G OPI FS (RAI, MIL & TI) UMTS FDD SAT UMTS FS (RAI, MIL & TI)

23 Fig. 2 SPERIMENTAZIONE WIMAX: Le frequenze disponibili ZONE canali (3,4-3,5 GHz) DISPONIBILITA canali (3,5-3,6 GHz) canali (MHz) CANALI INDIVIDUATI canali (MHz) Milano 4x7 MHz (Entro un raggio di 30 km) Roma 2x7 MHz (Entro 25 km) Arezzo Piemonte Valle d'aosta Sardegna Abruzzo Sicilia 2x7 MHz 2x7 MHz 2x7 MHz 2x7 MHz 2x7 MHz 2x7 MHz Parma 2x7 MHz (Entro 30 km)

24 Fig. 3: Band Plan 5,725 5,875 GHz Italia 5,725 5,850 * Banda ISM (Industrial Scientific Medical) RADIOLOCALIZZAZIONE - Ministero Difesa FS/FSS/M Short Range Devices 5,875 CEPT Banda ISM (Industrial Scientific Medical) RADIOLOCALIZZAZIONE e FISSO VIA SATELLITE Short Range Devices FS/FSS/M In ITALIA: -* La banda 5,760-5,770 GHz è attribuita a Servizio RADIOAMATORE. 23

25 Fig. 3: Band Plan 3,4 4,2 GHz 3,4 3,5 3,6 3,8 4,2 P-P (High Capacity) PP/PMP - Military Situazione attuale di utilizzo RAI TELECOM ITALIA RAI TELECOM ITALIA SNAM SNAM DIGITALE Difesa ANALOGICA Proposta TI di utilizzo condiviso con la DIFESA RAI + DIFESA +TELECOM ITALIA + ALTRI TLC SNAM* DIGITALE RAI + DIFESA +TELECOM ITALIA + ALTRI TLC SNAM* WiMax *: Il canale SNAM potrà essere utilizzati per coprire eventuali ulteriori necessità di TI e DIFESA laddove non si riescono a soddisfare con il blocco MHz. 24

Progetto Banda Larga con tecnologia. WiMax. nel Comune di Bentivoglio

Progetto Banda Larga con tecnologia. WiMax. nel Comune di Bentivoglio Progetto Banda Larga con tecnologia WiMax nel Comune di Bentivoglio Indice La copertura della banda larga... Specifiche di progetto per la copertura del territorio del Comune di Bentivoglio... Potenze

Dettagli

COMUNE DI MARTELLAGO

COMUNE DI MARTELLAGO Regolamentazione per l'installazione delle stazioni radio base per telefonia mobile - Aggiornamento COMUNE DI MARTELLAGO PROVINCIA DI VENEZIA Piano di localizzazione per l installazione delle stazioni

Dettagli

BANDA LARGA. Lepida, R3 e WiMAX per lo sviluppo del territorio Parma 17 ottobre 2005

BANDA LARGA. Lepida, R3 e WiMAX per lo sviluppo del territorio Parma 17 ottobre 2005 BANDA LARGA Lepida, R3 e WiMAX per lo sviluppo del territorio Parma 17 ottobre 2005 SELEX Communications SELEX Communications S.p.A., società del gruppo Finmeccanica, con oltre 100 anni di esperienza è

Dettagli

Esperienze di trial WiMAX in Telecom Italia

Esperienze di trial WiMAX in Telecom Italia Belluno, 23 novembre 2007 Esperienze di trial WiMAX in Telecom Italia Technology - Tilab VALERIO PALESTINI Wireless Broadband technologies evolution 2003/4 2005/6 2007/8 2009/10 2011/12 2013/14 WiMax Fixed

Dettagli

WiMAX: L ERA DEI SERVIZI ALLA PORTATA DI TUTTI. WiMax Fondazione G. Marconi

WiMAX: L ERA DEI SERVIZI ALLA PORTATA DI TUTTI. WiMax Fondazione G. Marconi WiMAX: L ERA DEI SERVIZI ALLA PORTATA DI TUTTI WiMax Fondazione G. Marconi Pontecchio Marconi (BO),, Giugno 2006 AGENDA: GRUPPO INTELFIN NOSTRE SPERIMENTAZIONI WiMAX PRINCIPALI OBIETTIVI RAGGIUNTI NECESSITA

Dettagli

La gestione dell impatto sociale a ambientale dei campi elettromagnetici in Italia

La gestione dell impatto sociale a ambientale dei campi elettromagnetici in Italia Roma, 14 dicembre 2006 La gestione dell impatto sociale a ambientale dei campi elettromagnetici in Italia Mario Frullone Fondazione Ugo Bordoni Le onde della comunicazione Ambiente, Salute, Informazione:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4%

COMUNICATO STAMPA. Attesa una crescita organica dei ricavi di Gruppo tra 3% ed il 4% COMUNICATO STAMPA ILLUSTRATE ALLA COMUNITA FINANZIARIA LE STRATEGIE E GLI OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2006-2008 DEL GRUPPO TELECOM ITALIA E DELLA BUSINESS UNIT OPERATIONS Attesa una crescita organica dei

Dettagli

IL BUSINESS WIMAX: LE POSSIBILITA SECONDO NOKIA SIEMENS NETWORKS

IL BUSINESS WIMAX: LE POSSIBILITA SECONDO NOKIA SIEMENS NETWORKS IL BUSINESS WIMAX: LE POSSIBILITA SECONDO NOKIA SIEMENS NETWORKS Il business di WiMax si basa sull incontro tra una domanda variegata di servizi, sia destinati al consumatore che per le aziende, ed un

Dettagli

Osservatorio WiMAX Milano, 13 Maggio 2009. La situazione delle reti WiMAX in Italia Lo scenario evolutivo

Osservatorio WiMAX Milano, 13 Maggio 2009. La situazione delle reti WiMAX in Italia Lo scenario evolutivo Osservatorio WiMAX Milano, 13 Maggio 2009 La situazione delle reti WiMAX in Italia Lo scenario evolutivo Stefano Festa Resp. Osservatorio WiMAX ANFoV Elementi di discussione : Sviluppo delle reti e servizi

Dettagli

DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA 1 IL QUADRATO DELLA RADIO Le nuove realtà del mondo ICMT: la rete, gli operatori e l l industria L' IMPIEGO DELLE TECNOLOGIE WIRELESS PER

Dettagli

WiMAX Istruzioni per l uso

WiMAX Istruzioni per l uso Istruzioni per l uso Giuseppe Sini Retelit S.p.a. Business Development 23 Ottobre 2008 1 Sommario Definizioni Lo standard 802.16 Forum La tecnologia Differenze con altre tecnologie wireless Aspettative

Dettagli

Il ruolo delle Infrastrutture nello sviluppo dei servizi a Banda Larga

Il ruolo delle Infrastrutture nello sviluppo dei servizi a Banda Larga Il ruolo delle Infrastrutture nello sviluppo dei servizi a Banda Larga Salvatore Lombardo Infratel Italia spa La Banda Larga Strade Acqua Gas Energia Banda larga La possibilità di accedere a servizi a

Dettagli

Rete a Larga Banda GRANDE MANTOVA Il progetto GRANDE MANTOVA Obbiettivi : affrontare insieme problematiche comuni per il bene del territorio e dei cittadini Temi : viabilità e mobilità, sicurezza, piani

Dettagli

è acronimo di Long Term Evolution, detto anche Super 3G o 4G per Internet Mobile ed utilizzerà l OFDM come modulazione.

è acronimo di Long Term Evolution, detto anche Super 3G o 4G per Internet Mobile ed utilizzerà l OFDM come modulazione. Cosa cambierà Cos è LTE?? è acronimo di Long Term Evolution, detto anche Super 3G o 4G per Internet Mobile ed utilizzerà l OFDM come modulazione. A settembre 2011 si è conclusa con successo l'asta pubblica

Dettagli

Antonio Vellucci. Ministero dello sviluppo economico Dipartimento per le Comunicazioni DG Pianificazione e Gestione Spettro Radioelettrico

Antonio Vellucci. Ministero dello sviluppo economico Dipartimento per le Comunicazioni DG Pianificazione e Gestione Spettro Radioelettrico Tecnologie senza fili per la PERSONA, l ABITAZIONE, l AMBIENTE e il TERRITORIO Torino 17 maggio 2012 "Il futuro delle reti di radiocomunicazione e le applicazioni per la riduzione del divario digitale

Dettagli

ORIZZONTI E PROSPETTIVE DELLE TELECOMUNICAZIONI RADIO

ORIZZONTI E PROSPETTIVE DELLE TELECOMUNICAZIONI RADIO ORIZZONTI E PROSPETTIVE DELLE TELECOMUNICAZIONI RADIO Mario Frullone Bolzano,, 23 Novembre 2006 Evoluzione della copertura cellulare 144 kbit/s 500 kmh Zona 3: Rurale 384 kbit/s 120 kmh Zona 2: Suburbana

Dettagli

Spostamento = Velocità utente Frequenza della portante Velocità della luce

Spostamento = Velocità utente Frequenza della portante Velocità della luce 1 Spostamento = Velocità utente Frequenza della portante Velocità della luce 2 3 4 5 6 7 WiMAX : Worldwide Interoperability for Microwave Access Consorzio no-profit di aziende creato per promuovere e certificare

Dettagli

Infratel: dalla fase di start - up..

Infratel: dalla fase di start - up.. INFRASTRUTTURE DI RETE PER IL MEZZOGIORNO Il piano Infratel Salvatore Lombardo Resp Infrastrutturazione RETE Catania 19 Maggio 2006 1 Infratel: dalla fase di start - up.. 13 Novembre 2003 22 Dicembre 2003

Dettagli

Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili

Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili Una estesa e moderna rete in Fibra Ottica Retelit è l operatore indipendente leader nel mercato wholesale grazie a Una rete costruita lungo le strade

Dettagli

Connettività in Italia

Connettività in Italia Connettività in Italia Tipologie di connettività per clienti business e consumer Dott. Emiliano Bruni Tipologie di connettività PSTN ISDN CDA CDN Frame Relay ADSL HDSL Satellite Wireless Punto-punto Wireless

Dettagli

L accesso mobile a internet

L accesso mobile a internet L accesso mobile a internet Le frequenze utilizzabili Mario Frullone Direttore delle Ricerche Roma 24 febbraio 2011 L evoluzione del broadband mobile Previsione di crescita per il traffico dati su reti

Dettagli

Introduzione FlorenceonLine

Introduzione FlorenceonLine 0 Introduzione La tecnologia di trasmissione satellitare bidirezionale non è una novità, in quanto esiste da più di trent anni sotto la sigla VSAT (Very Small Aperture Terminal). A lungo però questa tecnologia

Dettagli

10 Giornata dell Economia

10 Giornata dell Economia 0 Giornata dell Economia La banda larga nella provincia di Forlì-Cesena: stato, esigenze e prospettive Cristoforo Morandini Associated Partner, Between 0 giornata dell'economia - 7 giugno 0 - Riservato

Dettagli

La copertura delle reti a Banda Larga dal Digital Divide alle reti NGAN Salvatore Lombardo. Novembre 2012

La copertura delle reti a Banda Larga dal Digital Divide alle reti NGAN Salvatore Lombardo. Novembre 2012 La copertura delle reti a Banda Larga dal Digital Divide alle reti NGAN Salvatore Lombardo Novembre 2012 Agenda Digitale Europea 2 La missione Estendere le opportunità di accesso alla banda larga, in tutte

Dettagli

Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità

Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità Giornata di studio: Infrastrutture avanzate per reti ad alta velocità Modena, 5 Aprile 2006 Università di Modena e Reggio Emilia, Facoltà di Ingegneria Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità

Dettagli

Wireless Internet Banda Larga

Wireless Internet Banda Larga Wireless Internet Banda Larga SERVIZI FORNITI DA ROMAGNA RIPETITORI Romagna Ripetitori Srl Via Lasie 10/L - Imola (BO) www.romagnaripetitori.it info@romagnaripetitori.it Tel. 0542.066536 Fax. 051.3764109

Dettagli

I SERVIZI A BANDA LARGA in EMILIA-ROMAGNA. giugno 2012 v.1

I SERVIZI A BANDA LARGA in EMILIA-ROMAGNA. giugno 2012 v.1 I SERVIZI A BANDA LARGA in EMILIA-ROMAGNA giugno 2012 v.1 su rete fissa > 2Mb/s Media regionale 89,58% su rete fissa > 2Mb/s, espressa in % della popolazione Situazione stimata a giugno 2012 Fonte: dati

Dettagli

WiMAX 16e: Modelli tecnologici e di

WiMAX 16e: Modelli tecnologici e di WiMAX 16e: Modelli tecnologici e di Business nello scenario internazionale Vincenzo.lecchi@Alcatel-Lucent.it 12 Giugno 2008 Alcatel-Lucent WiMAX 16e 2007 2008 2009 2010 Prime reti Servizi full scale mobile

Dettagli

Il progetto Enel per la mobilità elettrica L Emilia Romagna come modello per l Europa

Il progetto Enel per la mobilità elettrica L Emilia Romagna come modello per l Europa Il progetto Enel per la mobilità elettrica L Emilia Romagna come modello per l Europa Fulvia Fazio, Sviluppo Smart Grids Italia Bologna 4 maggio 2012 Lo scenario complessivo Mobilità, energia, ambiente

Dettagli

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Rimini - 23 giugno 2005 Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Esiste il digital divide nei territori periferici? La discriminazione nasce dalla carenza di infrastrutture o da

Dettagli

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Prof : Stefano Bistarelli Seminario : RETI CELLULARI (2 / 3 / 4 G) THANKS TO Sara Di Matteo SOMMARIO: Introduzione 1G (TACS) Architettura della rete cellulare Tecniche

Dettagli

Indice: Fibra ottica: stato della diffusione e costo delle offerte dei principali operatori. Indice p. 1. Introduzione p. 2

Indice: Fibra ottica: stato della diffusione e costo delle offerte dei principali operatori. Indice p. 1. Introduzione p. 2 Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le città raggiunte dalla fibra p. 2 p. 5 Le tariffe per internet in Fibra p. 6 Conclusioni p. 7 1 www.giornaledellisola.it febbraio 2014 Introduzione: Il nuovo studio

Dettagli

Il nome Lepida. Il console Marco Emilio Lepido... La strada telematica. Collegamento tra passato e presente.

Il nome Lepida. Il console Marco Emilio Lepido... La strada telematica. Collegamento tra passato e presente. Il nome Lepida Il console Marco Emilio Lepido... La strada telematica. Collegamento tra passato e presente. La banda larga in Emilia-Romagna PIACENZA prima di Lepida (2003) PARMA FERRARA REGGIO EMILIA

Dettagli

Il Carrier Italiano della Banda Larga wired e wireless

Il Carrier Italiano della Banda Larga wired e wireless www.retelit.it Il Carrier Italiano della Banda Larga wired e wireless 12 Giugno 2008 1 Profilo Aziendale 4 Operatore di telecomunicazioni indipendente e neutrale, proprietario di una delle più estese reti

Dettagli

Piano Nazionale per la Larga Banda

Piano Nazionale per la Larga Banda Piano Nazionale per la Larga Banda Paolo Corda Infratel Italia spa Piano Nazionale per la Larga Banda Dipartimento per le Comunicazioni Obiettivo principale del Piano Nazionale è raggiungere il 95,6% della

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

WiMAX UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO POLO DIDATTICO E DI RICERCA DI CREMA. Sistemi wireless a larga banda di futura generazione:

WiMAX UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO POLO DIDATTICO E DI RICERCA DI CREMA. Sistemi wireless a larga banda di futura generazione: UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO POLO DIDATTICO E DI RICERCA DI CREMA Sistemi wireless a larga banda di futura generazione: WiMAX Prof. Giovanni Rapacioli Alberto Braghieri 123456 Luca Uberti Foppa 123456

Dettagli

Sperimentazione WiMax. 19-20 giugno 2006 Aula Magna del Ministero delle Comunicazioni Roma, viale Europa 190

Sperimentazione WiMax. 19-20 giugno 2006 Aula Magna del Ministero delle Comunicazioni Roma, viale Europa 190 Sperimentazione WiMax 19-20 giugno 2006 Aula Magna del Ministero delle Comunicazioni Roma, viale Europa 190 Introduzione EUTELIA La Rete Wireless Eutelia ha creduto nelle potenzialità della tecnologia

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Comune di Perugia, con sede in Corso Vannucci N. 19 - PERUGIA P.IVA 00218180545 e C.F.00163570542, rappresentato dal Sindaco Wladimiro Boccali, domiciliato per le proprie funzioni

Dettagli

0. Introduzione al corso

0. Introduzione al corso 1 INFO-COM Dpt. Dipartimento di Scienza e Tecnica dell Informazione e della Comunicazione Università degli Studi di Roma La Sapienza 0. Introduzione al corso TELECOMUNICAZIONI per Ingegneria Informatica

Dettagli

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento La telefonia cellulare Piccola presentazione di approfondimento Introduzione Oggigiorno, i telefoni cellulari sono diffusissimi e godono della massima popolarità. Molte persone, tuttavia, non conoscono

Dettagli

CITTÀ DI MODENA La Rete di Nuova Generazione di Telecom Italia

CITTÀ DI MODENA La Rete di Nuova Generazione di Telecom Italia GRUPPO TELECOM ITALIA OPEN ACCESS CITTÀ DI MODENA La Rete di Nuova Generazione di Telecom Italia Dotti Massimiliano Modena, 12 Febbario 2014 Technology Open Access Access Op Area 37 2 Come la Rivoluzione

Dettagli

Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia

Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia Ermes, internet veloce per la regione Friuli Venezia Giulia Amaro, venerdì 10 aprile 2015 David Licursi Direttore Divisione Telecomunicazioni INDICE TECNOLOGIE PER LA BANDA LARGA LA BANDA LARGA SUL TERRITORIO

Dettagli

Nuove tecnologie per la PA: quale sicurezza?

Nuove tecnologie per la PA: quale sicurezza? Nuove tecnologie per la PA: quale sicurezza? Mario Terranova Responsabile Ufficio Servizi sicurezza, certificazione e integrazione VoIP e immagini Area Infrastrutture Nazionali Condivise Centro nazionale

Dettagli

OSSERVAZIONI di HUAWEI

OSSERVAZIONI di HUAWEI CONSULTAZIONE PUBBLICA CONCERNENTE L IMPIEGO DI FREQUENZE NELLA BANDA 3600-3800 MHZ DA PARTE DI SISTEMI TERRESTRI IN GRADO DI FORNIRE SERVIZI DI COMUNICAZIONI ELETTRONICHE (DELIBERA AGCOM N. 553/12/CONS)

Dettagli

Infrastrutture per la banda larga

Infrastrutture per la banda larga Infrastrutture per la banda larga Pier Luca Montessoro Dip. di Ingegneria Elettrica Gestionale e Meccanica Università degli Studi di Udine 2009 - DIEGM - Università di Udine 1 Servizi di rete Cos è la

Dettagli

Canopy TM Wireless Broadband WAN - Hiperlan Banda Larga

Canopy TM Wireless Broadband WAN - Hiperlan Banda Larga Canopy TM Wireless Broadband WAN - Hiperlan Banda Larga Cos è il Wireless Broadband? (1/2) Trasferimento dati via radio con velocità per l utente > 256 kbit/s Utilizzo del protocollo TCP/IP per scambiare

Dettagli

RTP WiMax RETE TELEMATICA PROVINCIALE

RTP WiMax RETE TELEMATICA PROVINCIALE RTP WiMax RETE TELEMATICA PROVINCIALE Realizzazione di una Rete di telecomunicazione in tecnologia WiMax (Worldwide Interoperability for Microwave Access) per l interconnessione degli edifici della Pubblica

Dettagli

NOTA STAMPA TELECOM ITALIA: ACCELERA IN EMILIA ROMAGNA CON IL 4G DI TIM, GIA COPERTI 70 COMUNI

NOTA STAMPA TELECOM ITALIA: ACCELERA IN EMILIA ROMAGNA CON IL 4G DI TIM, GIA COPERTI 70 COMUNI NOTA STAMPA TELECOM ITALIA: ACCELERA IN EMILIA ROMAGNA CON IL 4G DI TIM, GIA COPERTI 70 COMUNI Forte impulso in Emilia Romagna ai programmi di copertura della nuova rete mobile LTE: salgono a 70 i comuni

Dettagli

INTERNET WIRELESS VELOCE

INTERNET WIRELESS VELOCE INTERNET WIRELESS VELOCE EOLO porta internet a banda ultra-larga ovunque, senza fili né contratto telefonico, anche dove gli altri non arrivano. Con EOLO navighi veloce, senza complicazioni e senza sorprese.

Dettagli

Banda larga per dare soluzione al Digital Divide e innovare il Paese

Banda larga per dare soluzione al Digital Divide e innovare il Paese Banda larga per dare soluzione al Digital Divide e innovare il Paese 14/02/2011 Fondamenti di informatica - Prof. Gregorio Cosentino 1 Servizio universale Acqua potabile Energia elettrica Telefono Servizio

Dettagli

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE Rete telematica e servizi di supporto ICT La rete telematica regionale LEPIDA ed il SISTEMA a rete degli SUAP come esempi di collaborazione fra Enti della PA per

Dettagli

Roma, 24 Novembre 2014

Roma, 24 Novembre 2014 Roma, 24 Novembre 2014 Piano di rete Comune di GUARDIAGRELE (CH) Piano 2015 Indice dei contenuti INTRODUZIONE 1 ACCENNI SUL SISTEMA CELLULARE 1.1 UMTS E HSDPA: LA NUOVA TECNOLOGIA E LA SUA EVOLUZIONE 1.2

Dettagli

Rete di accesso. Reti di accesso

Rete di accesso. Reti di accesso Rete di accesso Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Reti di accesso Per arrivare all utenza residenziale ( ultimo miglio ), l

Dettagli

Capitolo 6 Wireless e reti mobili

Capitolo 6 Wireless e reti mobili Capitolo 6 Wireless e reti mobili Reti di calcolatori e Internet: Un approccio topdown 4 a edizione Jim Kurose, Keith Ross All material copyright 1996 2007 J.F Kurose and K.W. Ross, All Rights Reserved

Dettagli

Ravenna e il digital divide Raffaella Foschini Paola Palmieri

Ravenna e il digital divide Raffaella Foschini Paola Palmieri Ravenna e il digital divide Raffaella Foschini Paola Palmieri Popolazione con accesso a servizi a banda larga su rete fissa superiori a 2 Mbps Popolazione con accesso a servizi a banda larga su rete fissa

Dettagli

una Rete Regionale di Eccellenza Gabriele Falciasecca febbraio 2011

una Rete Regionale di Eccellenza Gabriele Falciasecca febbraio 2011 una Rete Regionale di Eccellenza Gabriele Falciasecca febbraio 2011 1 Gli obiettivi della L.R. n. 11 del 2004 Promuovere l Information Communication Technology (ICT) Intervento integrato per pubbliche

Dettagli

GSM/GPRS/UMTS/HSDPA: evoluzione delle tecnologie e nuovi scenari applicativi

GSM/GPRS/UMTS/HSDPA: evoluzione delle tecnologie e nuovi scenari applicativi www.telit.com GSM/GPRS/UMTS/HSDPA: evoluzione delle tecnologie e nuovi scenari applicativi Sergio Sciarmella I sistemi di telecomunicazione e le reti wireless in particolare sono cambiate in modo radicale

Dettagli

Strategie della Regione del Veneto per lo sviluppo della. Le iniziative nella provincia di Belluno. La banda larga tra presente e futuro

Strategie della Regione del Veneto per lo sviluppo della. Le iniziative nella provincia di Belluno. La banda larga tra presente e futuro La banda larga tra presente e futuro Strategie della Regione del Veneto per lo sviluppo della Banda Larga. Le iniziative nella provincia di Belluno Villa Patt di Sedico Belluno,18 marzo 2009 A cura di:

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR PROGRAMMAZIONE SVILUPPO RURALE 2007-2013 Risorse per la banda larga con il Piano europeo di ripresa economica Banda larga nel PSN e nei PSR

Dettagli

Scenario italiano e prospettive della tecnologia LTE

Scenario italiano e prospettive della tecnologia LTE Scenario italiano e prospettive della tecnologia LTE Doriana Guiducci LTE e 4G Fondazione Ugo Bordoni Pontecchio Marconi,, 16 Giugno 2009 Stato dell offerta di accesso di rete fissa nazionale Tipologia

Dettagli

WiFi: Connessione senza fili. di Andreas Zoeschg

WiFi: Connessione senza fili. di Andreas Zoeschg WiFi: Connessione senza fili di Andreas Zoeschg Introduzione Le tecnologie wireless risultano particolarmente adatte qualora sia necessario supportare la mobilità dei dispositivi utenti o per il deployment

Dettagli

Fibra ottica: stato della diffusione e costo delle offerte dei principali operatori. Indice p. 1. Introduzione p. 2

Fibra ottica: stato della diffusione e costo delle offerte dei principali operatori. Indice p. 1. Introduzione p. 2 Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le città raggiunte dalla fibra p. 2 L ampliamento delle rete p. 5 Le tariffe per internet in Fibra p. 6 Conclusioni p. 7 1 Introduzione: Il nuovo studio di SosTariffe.it

Dettagli

Raggiungere gli obbiettivi Europei 2020 della banda larga in Italia: prospettive e sfide

Raggiungere gli obbiettivi Europei 2020 della banda larga in Italia: prospettive e sfide Raggiungere gli obbiettivi Europei 2020 della banda larga in Italia: prospettive e sfide Rapporto alla Presidenza del Consiglio Commissario Francesco Caio Team Esperti: Scott Marcus & Gerard Pogorel Roma,

Dettagli

Banda Ultra Larga Sardegna. Piero Berritta Assessorato degli affari generali, personale e riforma della regione

Banda Ultra Larga Sardegna. Piero Berritta Assessorato degli affari generali, personale e riforma della regione Banda Ultra Larga Sardegna Piero Berritta Assessorato degli affari generali, personale e riforma della regione D.G. Affari Generali e Società dell Informazione Servizio Infrastrutture Tecnologiche per

Dettagli

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS c.so Duca degli Abruzzi 4 1019 Torino (Italy) Fax +39 011 564 4099 pag. /34 Premessa Il seguente capitolo illustra i principi tecnici fondamentali a cui si ispirano le tecnologie utilizzate per i serivizi

Dettagli

LTE Long Term Evolution

LTE Long Term Evolution LTE Long Term Evolution Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. In telecomunicazioni l'lte, acronimo di Long Term Evolution, o anche 4G, è la più recente evoluzione degli standard di telefonia mobile cellulare

Dettagli

La Liguria all interno del contesto nazionale

La Liguria all interno del contesto nazionale La Liguria all interno del contesto nazionale François de Brabant Between 24 Novembre 2009 La banda: tra l uovo e la gallina sistema paese infrastrutture servizi mercato 2 Il cruscotto regionale della

Dettagli

Tiscali HDSL FULL. Offerta commerciale

Tiscali HDSL FULL. Offerta commerciale Tiscali HDSL FULL Offerta commerciale 09123 Cagliari pagina - 1 di 1- INDICE 1 LA RETE DI TISCALI S.P.A... 3 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO TISCALI HDSL... 4 2.1 I VANTAGGI... 4 2.2 CARATTERISTICHE STANDARD

Dettagli

www.100x100fibra.acantho.net

www.100x100fibra.acantho.net ........................................................................................................................ www.100x100fibra.acantho.net Acantho, con una rete di oltre 3.500 Km in fibra ottica,

Dettagli

Affrontare il Digital Divide con successo: soluzioni wireless e approccio Alcatel-Lucent

Affrontare il Digital Divide con successo: soluzioni wireless e approccio Alcatel-Lucent Affrontare il Digital Divide con successo: soluzioni wireless e approccio Alcatel-Lucent Roma 12 Maggio 2008 Giuseppe.Brevi@Alcatel-Lucent.it Alcatel Lucent in Italia Alcatel-Lucent Italia ItaliaS.p.A.

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

14 dicembre 2007. On. Michele Vianello vicesindaco del Comune di Venezia

14 dicembre 2007. On. Michele Vianello vicesindaco del Comune di Venezia On. Michele Vianello vicesindaco del Comune di Venezia obiettivo Creare le condizioni migliori per favorire l accesso alla rete nella città di Venezia-Mestre non solo dei residenti (270.000 ca.) ma anche

Dettagli

Wireless Communications

Wireless Communications Le telecomunicazioni wireless nelle nuove infrastrutture della PA : scenari di mercato Emilio Frezza CNIPA Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Wireless Communications Le telecomunicazioni

Dettagli

Tecnologie e potenzialità della banda larga

Tecnologie e potenzialità della banda larga Tecnologie e potenzialità della banda larga Unione degli Industriali di Pordenone 1 febbraio 2010 Dip. di Ingegneria Elettrica Gestionale e Meccanica Università degli Studi di Udine Pier Luca Montessoro

Dettagli

VENERDI 19 APRILE 2013

VENERDI 19 APRILE 2013 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità VENERDI 19 APRILE 2013 INNOVAZIONE E INFRASTRUTTURE TERRITORIALI DIGITALI Francesco Capuano Dirigente del Servizio Sviluppo Economico, Agricoltura e Promozione

Dettagli

Diritto di accesso alla rete a banda larga: le azioni dell Emilia-Romagna Anna Lisa Minghetti Responsabile Area Reti Lepida & Wireless Lepida SpA

Diritto di accesso alla rete a banda larga: le azioni dell Emilia-Romagna Anna Lisa Minghetti Responsabile Area Reti Lepida & Wireless Lepida SpA Diritto di accesso alla rete a banda larga: le azioni dell Emilia-Romagna Anna Lisa Minghetti Responsabile Area Reti Lepida & Wireless Lepida SpA L Agenda Digitale Europea e l Emilia-Romagna Banda Larga

Dettagli

Implementazione rete LTE

Implementazione rete LTE Implementazione rete LTE Milano, 11 dicembre 2013 Riccardo Zanini Agenda LTE: caratteristiche e prestazioni Stazioni radio base: installazione ed integrazione Strategia e sviluppo della rete Agenda LTE:

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 e contesto infrastrutturale regionale 1 2 Modello della rete Architettura delle reti ditelecomunicazioni 3 4 Principali segmenti di rete Rete di accesso

Dettagli

Lepida@Unife: Rete e Servizi

Lepida@Unife: Rete e Servizi Direzione Generale Centrale Organizzazione, Personale,Sistemi Informativi e Telematica Lepida@Unife: Rete e Servizi Polo Scientifico e Tecnologico, Università di Ferrara 22 gennaio 2007 Regione Emilia-Romagna/

Dettagli

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani Audizione al Parlamento ViceMinistro On. Paolo Romani 1 L Italia per la sua crescita economica, in tutti i settori, ha bisogno di un infrastruttura di rete elettronica a banda larga. Le misure di policy

Dettagli

Banda Ultralarga e Satellite

Banda Ultralarga e Satellite Banda Ultralarga e Satellite Antonio Sposito, Agenzia Spaziale Italiana SMART BUILDING FORUM La rivoluzione del Broadband, Bologna 15 ott. 2015 1 L AGENZIA SPAZIALE ITALIANA L'Agenzia Spaziale Italiana

Dettagli

Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015

Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015 Piano di rete Comune di VASTO (CH) Roma, 21Dicembre 2015 Indice dei contenuti INTRODUZIONE 1 ACCENNI SUL SISTEMA CELLULARE 1.1 UMTS E HSDPA: LA NUOVA TECNOLOGIA E LA SUA EVOLUZIONE 1.2 LE POTENZIALITÀ

Dettagli

Soluzioni di collegamento per la videosorveglianza

Soluzioni di collegamento per la videosorveglianza Brochure Applicazioni Soluzioni di collegamento per la videosorveglianza Collegamenti wireless per progetti di videosorveglianza di alta qualità Dopo l 11 settembre l esigenza relativa a progetti di videosorveglianza

Dettagli

ADSLSUBITO.IT. WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it. Documentazione tecnica

ADSLSUBITO.IT. WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it. Documentazione tecnica WEB: www.adslsubito.it Email: info@adslsubito.it Documentazione tecnica Broadband immediata nei Comuni medio/piccoli Decreto Ministero delle Telecomunicazioni 4 Ottobre 2005 DECRETO LANDOLFI : BANDA LARGA

Dettagli

IL FUTURO DELLA RETE LA DOMANDA DI INTERNET LE RETI E LE INIZIATIVE PUBBLICHE PER LA BANDA LARGA KEY FIGURES. Roma, 20 aprile 2010

IL FUTURO DELLA RETE LA DOMANDA DI INTERNET LE RETI E LE INIZIATIVE PUBBLICHE PER LA BANDA LARGA KEY FIGURES. Roma, 20 aprile 2010 OSSERVATORIO SULLA DIFFUSIONE DELLE RETI TELEMATICHE E DEI SERVIZI ON LINE IL FUTURO DELLA RETE LA DOMANDA DI INTERNET LE RETI E LE INIZIATIVE PUBBLICHE PER LA BANDA LARGA KEY FIGURES Roma, 20 aprile 2010

Dettagli

Mitan Professionale. Amplificazione Telefonica

Mitan Professionale. Amplificazione Telefonica Mitan Professionale Amplificazione Telefonica MITAN uno sguardo al futuro Il SISTEMA MITAN si arricchisce di nuove soluzioni: in queste pagine trovate una gamma semplice ma completa di dispositivi per

Dettagli

Guido Salerno Aletta. Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni

Guido Salerno Aletta. Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni Dalla televisione digitale di prima generazione alla Ip-TV Guido Salerno Aletta Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni Il passaggio al digitale nella telefonia mobile e nella televisione inizia dal

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLE RETI DI CONNESSIONE, DEI SERVIZI A BANDA LARGA E DEI SERVIZI ICT

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLE RETI DI CONNESSIONE, DEI SERVIZI A BANDA LARGA E DEI SERVIZI ICT PROTOCOLLO D INTESA TRA COMUNE DI BENTIVOGLIO E GO INTERNET S.P.A. PER LO SVILUPPO DELLE RETI DI CONNESSIONE, DEI SERVIZI A BANDA LARGA E DEI SERVIZI ICT Premessa Il Comune di BENTIVOGLIO, al fine di consentire

Dettagli

Soluzioni Interplatform per la concorrenza nella diffusione del broadband

Soluzioni Interplatform per la concorrenza nella diffusione del broadband Seminario didattico di Economia industriale Soluzioni Interplatform per la concorrenza nella diffusione del broadband Daniele D Alba Urbino, 17 novembre 2005 Indice: Retematica: Breve presentazione dell

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

CATALOGO CORSI FORMAZIONE ICT - TECNOLOGIE SOSTENIBILI

CATALOGO CORSI FORMAZIONE ICT - TECNOLOGIE SOSTENIBILI CATALOGO CORSI FORMAZIONE ICT - TECNOLOGIE SOSTENIBILI Chi siamo TransTec Services è una società operante nel settore ICT, il cui modello di business è fondato sull innovazione tecnologica, la professionalità

Dettagli

LTE Long Term Evolution Late To Evolve

LTE Long Term Evolution Late To Evolve LTE Long Term Evolution Late To Evolve 0 Overview della tecnologia 1 Driver del 4G: la domanda di banda del mobile 2 LTE (3GPP Rel.8): ingredienti tecnologici del 4G Architettura Evoluta (E-UTRAN) di tipo

Dettagli

Alcune domande: La banda larga: serve proprio?

Alcune domande: La banda larga: serve proprio? Alcune domande: A chi serve la banda larga? Per fare cosa? Quanta banda serve? le infrastrutture a banda larga nella Bassa Padovana sono sufficienti? Esiste un digital divide nel territorio? Quanti comuni

Dettagli

Lavoriamo al vostro fianco in un ruolo di primo piano nel settore telecomunicazioni

Lavoriamo al vostro fianco in un ruolo di primo piano nel settore telecomunicazioni 2 Lavoriamo al vostro fianco in un ruolo di primo piano nel settore telecomunicazioni 3 4 Un unico interlocutore Le nostre competenze, associate ad un modello di sviluppo d impresa efficiente e collaudato

Dettagli

LTE: che cosa è? LTE, Long Term Evolution, o anche 4G, è la più recente evoluzione degli standard di telefonia mobile cellulare.

LTE: che cosa è? LTE, Long Term Evolution, o anche 4G, è la più recente evoluzione degli standard di telefonia mobile cellulare. Benvenuti # LTE LTE: che cosa è? LTE, Long Term Evolution, o anche 4G, è la più recente evoluzione degli standard di telefonia mobile cellulare. A settembre 2011 si è conclusa in Italia l'asta pubblica

Dettagli

La catena del nella TV analogica

La catena del nella TV analogica La catena del valore nella TV analogica Programma TV EMITTENTE Trasporto EMITTENTE Diffusione TV 1 frequenza = 1 programma TV UTENTE 2 La catena DTT diffusiva Programma TV A Programma TV B Head End, Multiplazione

Dettagli

Evoluzioni delle reti mobili verso la larga banda

Evoluzioni delle reti mobili verso la larga banda MOBILE SPECIALE NGN2 Evoluzioni delle reti mobili verso la larga banda LUCA D ANTONIO PAOLO GIANOLA GIOVANNI ROMANO L utilizzo sempre più diffuso di Internet, in particolare dei servizi di download di

Dettagli

Capitolo 5. L integrazione tariffaria: il sistema Mi Muovo

Capitolo 5. L integrazione tariffaria: il sistema Mi Muovo Capitolo 5 L integrazione tariffaria: il sistema Mi Muovo 213 214 RAPPORTO ANNUALE DI MONITORAGGIO 2014 5 Il sistema di tariffazione integrata in Emilia- Romagna Nel corso del 2013 è continuato l'impegno

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra La Regione Emilia-Romagna, con sede in Bologna, Viale Aldo Moro, 52, codice fiscale n. 80062590379, rappresentata dall Assessore Alfredo Peri, in esecuzione della deliberazione

Dettagli