Arona. Edizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Arona. Edizione 2008. www.guideitalia.net"

Transcript

1 ALLE FAMIGLIE E AGLI OPERATORI ECONOMICI - n. 13 del Guida del Cittadino - Aut. Trib. RE n. 939 del 23/01/ Prop. Gruppo GuidaPiù Srl - Euro 0,13 - Copia omaggio Arona Edizione 2008 Stampato con tanto di foto in copertina che volete che vi dica, se non: guardate che la Guida del Cittadino merita per qualità la vostra attenzione? Il fatto è che io credo veramente a quanto appena scritto e sono convinto che lo troverete uno strumento interessante ed utile. Fatemi sapere, scrivetemi, esprimete un giudizio. Sarò lieto di dialogare con voi. GRUPPO GUIDEITALIA

2 EREDI FERRAZZI di FERRAZZI R. e C. s.a.s. DEMOLIZIONE AUTO PEZZI DI RICAMBIO USATI DI OGNI MARCA BUSTO ARSIZIO (VA) Strada Comunale di Arconate, 31 Tel Fax

3 La Guida del Cittadino intende offrire ai Cittadini un articolato strumento di informazione, utile a favorire un più consapevole orientamento in molti settori della vita civile e ad agevolare il rapporto con le Istituzioni, in primo luogo quelle locali. Attraverso la diffusione nella più ampia platea di Comuni italiani, questa pubblicazione potrà così contribuire allo sviluppo di un modello di Cittadinanza attiva ed informata, e ad una migliore fruizione dei servizi, pubblici e privati, disponibili sul territorio di riferimento. Con sentimenti di apprezzamento, il Capo dello Stato invia a quanti hanno collaborato alla realizzazione di questo meritevole progetto un augurio e un saluto cordiale, cui unisco il mio personale. Donato Marra Segretario Generale Presidenza della Repubblica

4 Palazzo Piazza S. Graziano (Foto di Enrico Mocci Fotografo-Artefoto Arona)

5 Un giorno, del tutto casualmente, ho conosciuto Tiziano Motti e sua moglie Stefania. Mi hanno parlato della loro attività editoriale che, a dire il vero, ho capito fino ad un certo punto in quanto esulava dai normali percorsi editoriali. Con grande tranquillità Tiziano Motti e sua moglie mi spiegarono come era nata l idea e come, paese dopo paese, città dopo città, conquistavano costantemente credibilità ed attenzione da parte di un pubblico che riceveva e riceve gratuitamente la guida. In quella stessa occasione incontrai la cosiddetta forza vendite: un commando di giovani venditori che di continuo si spostano per preparare l arrivo di una nuova guida, distribuita gratuitamente alle famiglie grazie alle adesioni delle attività locali. Migliaia e migliaia di titoli ogni anno. Mi complimentai e ancora una volta mi ripetei che l Italia alla fine ce la fa per l intraprendenza e l intelligenza di alcuni. Dopo qualche mese mi è stata offerta la direzione editoriale di una nuova guida: Guida del Cittadino e quindi anche delle altre collane. Mi sono entusiasmato come sempre mi entusiasmo quando mi devo occupare di qualcosa che conosco poco. Ed eccomi perciò ad augurarmi di avervi fra i lettori di Guida del Cittadino dedicata al Comune di Arona. Direttore Editoriale

6

7 Oggi l espressione il cittadino, questo sconosciuto è stata sostituita da il cittadino, questo conosciuto, perché non è più anonimo ma finalmente un protagonista. Una persona consapevole della sua forza nella società, che scrive ai giornali, che è interlocutore in televisione, che telefona per protestare o per fare valere le sue ragioni. In altre parole fa sentire la sua voce, fa pesare la sua presenza. Si va diffondendo una cultura della cittadinanza fino a qualche anno fa impensabile. La Guida del Cittadino è la conseguenza logica di questa nuova cultura, che vede dialogare correttamente l italiano medio e il produttore di un servizio pubblico o di un bene di consumo. Consulente Editoriale ai Testi Giuridici Rispetto al passato, i cittadini hanno oggi molti mezzi che permettono loro di essere informati. Primo tra tutti Internet, che solo dieci anni fa rappresentava una novità tecnologica per pochi, poi la televisione, seguita dagli altri media. Tuttavia l efficacia dell informazione rischia paradossalmente di essere annullata dalla mancanza di organizzazione delle notizie stesse. Così, come accade per i motori di ricerca, la Guida del Cittadino si pone l obiettivo di facilitare l accesso alle informazioni di pubblica utilità, al fine di diventare un pratico manuale di uso quotidiano. Per aumentare l utilità della guida, a cui hanno aderito le massime Istituzioni, abbiamo organizzato gli argomenti trattati suddividendoli in capitoli di facile individuazione e abbiamo inserito, ad integrazione, l elenco telefonico degli operatori economici locali. Coloro che hanno già abbandonato la carta stampata a favore delle nuove tecnologie non temano: la Guida del Cittadino è presente anche in internet: Editore della collana Guida del Cittadino

8 Chiesa di S. Marta (Foto di Enrico Mocci Fotografo-Artefoto Arona)

9 Polizia di Stato La Polizia di Stato è l organo preposto a garantire la sicurezza e l ordine pubblico. Dipende dal Ministero dell'interno attraverso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza. L istituzione della prima autorità addetta alla pubblica sicurezza risale al Regno di Sardegna (1848), quando il re Carlo Alberto decretò la nascita del Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza, già allora alle dipendenze del Ministero dell Interno. Potenziata prima dell avvento del Fascismo, sciolta Arma dei Carabinieri Guardia di Finanza La Guardia di Finanza svolge funzioni che presentano innumerevoli aspetti di immediata utilità per tutta la collettività: le Fiamme Gialle sono, infatti, al servizio del cittadino! In tale prospettiva è apparso utile fornire a tutti i gentili Lettori brevi notizie ed informazioni sulle principali attività che vedono impegnati - quotidianamente - i Finanzieri, nonché dare qualche utile suggerimento e consiglio per evitare di essere vittima inconsapevole di truffe e raggiri da Mussolini e poi ricostituita nel 1925, l Autorità di Pubblica Sicurezza ha sempre rappresentato un punto saldo per i cittadini in termini di aiuto nel momento di necessità. Nel 1964 nacque l Accademia per la formazione degli Ufficiali. Nel 1981 la legge n. 121 portò alla formazione della Polizia di Stato come oggi noi la conosciamo, definendola un corpo civile militarmente organizzato a tutela dello Stato e dei cittadini contro reati e azioni di turbativa dell ordine Il primo gruppo dei Carabinieri fu creato da Vittorio Emanuele I di Savoia in modo da avere un corpo di polizia il più simile possibile alla Gendarmerie francese. I Carabinieri sono il corpo a cui i cittadini sono più affezionati ed hanno un ruolo importante nella cultura italiana. L organizzazione dell Arma dei Carabinieri sul territorio italiano è tale da coprire capillarmente ogni zona: dai comandi di Regione a quelli Provinciali (entrambi con funzioni prevalenti di amministrazione e coordinamento) per finire alle stazioni (più di sull intero territorio nazionale), rette solitamente da un maresciallo, che hanno la responsabilità diretta del controllo del territorio. Una figura entrata da alcuni anni nella vita dei cittadini è quella del Carabiniere di Quartiere che, insieme alla corrispondente figura appartenente al corpo della Polizia di Stato, è in grado di entrare in contatto più facilmente con i singoli cittadini e presidia in particolar modo le aree urbane ad alta densità commerciale. o di non vedere rispettati i propri diritti. Sulla base delle esperienze operative e delle richieste di informazioni che pervengono, sempre più numerose, da parte dei cittadini sono stati individuati quei casi che più di frequente si possono presentare nella vita di tutti i giorni. Auspichiamo che tale iniziativa possa riscontrare il favore dei Lettori, rinviando per ogni ulteriore richiesta di informazione al sito internet ovvero all indirizzo di posta elettronica pubblico. La Polizia di Stato, per poter operare efficacemente in tutti i settori dove la sicurezza del cittadino può essere messa in pericolo, ha oggi una struttura molto articolata, divisa in numerosi settori: dalla Polizia Stradale a quella Cinofila, dalla Polizia delle Comunicazioni (molto attiva negli ultimi anni nel settore truffe su internet) a quella Scientifica, dai NOCS (Nuclei Operativi Centrali di Sicurezza - utilizzati in missioni particolarmente pericolose) ai Reparti Mobili. L Arma dei Carabinieri è stata elevata al rango di Forza Armata dello Stato nel 2000 (affiancandosi ad Esercito Italiano, Marina Militare Italiana, Aeronautica Militare Italiana). Dipende dal Ministero della Difesa, agli ordini diretti del Capo di Stato Maggiore. I componenti dell Arma sono utilizzati nelle missioni di pace all estero, con funzioni di polizia militare, a garantire il mantenimento dell ordine pubblico e la sicurezza delle Rappresentanze Diplomatiche italiane all estero. Foto tratta da Il Finanziere

10 Il Battello (Foto di Enrico Mocci Fotografo-Artefoto Arona) Lungolago (Foto di Enrico Mocci Fotografo-Artefoto Arona)

11 Comune di Arona Edizione 2008 Sommario Direttore Editoriale: MAURIZIO COSTANZO Raggiungere il Comune...pag. 10 Cartina capoluogo...pag. 11 Numeri utili - Emergenze...pag. 12 Al servizio del Cittadino...pag. 13. ACQUISTI...pag. 16. AMBIENTE...pag. 19. ANIMALI...pag. 22. CASA...pag. 25. FAMIGLIA...pag. 29. LAVORO...pag. 33. SALUTE E SERVIZI SOCIALI...pag. 37 Elenco Telefonico Attività del Comune...pag. 45 Consigli per gli Acquisti...pag. 67 Consulente Editoriale ai testi giuridici: ANTONIO LUBRANO Direttore responsabile: TIZIANO MOTTI Licenziatario del marchio/format: Gruppo Guide Italia Srl Editore: Gruppo Guide Italia Srl Società Unipersonale Castelfranco Veneto (TV) P.zza Serenissima, 60 - Fax Testata: Guida del Cittadino Autorizzazione del Tribunale di Reggio Emilia n. 939 del 23/01/1997 Testata iscritta al Registro Operatori della Comunicazione n Servizi fotografici: Enrico Mocci Fotografo - Artefoto Via Gramsci, 7 - Arona - Tel Racconti Fotografici, Ritratti, Stampa Digitale In copertina: Cortile Villa Ponti e la Statua dell Atlante in Piazza De Filippi. Immagini relative alla Guardia di Finanza tratte da: Il Finanziere edito dall Ente Editoriale per il Corpo della Guardia di Finanza Foto di Maurizio Costanzo: Luca Rebecchini Testi relativi alla Guardia di Finanza forniti dal Comando Generale della Guardia di Finanza. Testi relativi alla Polizia di Stato approvati dal Ministero dell'interno, Dipartimento di Pubblica Sicurezza. Testi relativi all'arma dei Carabinieri elaborati dalla redazione sulla base delle informazioni disponibili nel sito ufficiale: Testi delle Forze dell'ordine sottoposti all'attenzione dei competenti uffici. Altri testi a cura della redazione interna. Supervisione dei testi giuridici: Avvocato J.C. Cataliotti Guida del Cittadino: Copyright 2008 Casa Editrice: GRUPPO GUIDEITALIA Questo Periodico è iscritto all Unione Stampa Periodica Italiana Il Museo e la Statua di S. Carlo (Foto di Enrico Mocci Fotografo-Artefoto Arona) Diffusione: Gratuita ai nuclei famigliari e alle attività economiche del Territorio Comunale di Arona Distribuzione a cura di: Poste Italiane Spa Stampa: Gennaio 2008 Tipografia: Grafiche Ponticelli - Castrocielo (FR) Testo di Adesione Presidenziale: telegramma del 03 Luglio 2007, mittente: Segretariato generale del Presidente della Repubblica. Immagini, Stemma Presidenziale e grafica tratti dal sito ufficiale della Presidenza della Repubblica: Ai sensi e per gli effetti del D.Lgs n. 196 l Editore dichiara che gli indirizzi utilizzati per l invio in abbonamento postale provengono da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili a chiunque e che il trattamento di tali dati non necessita del consenso dell interessato. Ciò nonostante, in base all art. 13 dell informativa, il titolare del trattamento ha diritto di opporsi all utilizzo dei dati facendone espresso divieto tramite comunicazione scritta da inviarsi alla sede di Gruppo Guide Italia Srl. Tiratura: copie

12 10 RAGGIUNGERE IL COMUNE Come arrivare In automobile: Il Comune di Arona è facilmente raggiungibile attraverso l Autostrada A26, con uscita al casello di Arona o attraverso la diramazione A26-A8, con uscita al casello di Castelletto Ticino. Il centro di Arona è attraversato dalla Strada Statale 33 del Sempione ed è servita dalla Strada Statale 32, che la collega a Novara. Provenendo invece da Biella si percorre la ex Strada Statale 142. PER INFORMAZIONI: - Autostrade SpA Numero verde Infotraffico: Tel ANAS SpA Pronto Anas: In aereo: Aeroporti di Milano Linate e Malpensa PER INFORMAZIONI: ENAC (Ente Nazionale per l Aviazione Civile) Call Center: Tel In treno: La stazione ferroviaria di Arona serve le tratte: - linea Novara - Arona - linea Milano - Domodossola - linea Torino - Arona PER INFORMAZIONI: Trenitalia - Ferrovie dello Stato Call center: Tel Il Comune di Arona Superficie: Kmq 14,9 Altitudine: mt 212 slm C.A.P.: Popolazione: (aggiornato al 31/12/07) Confini: Meina, Invorio, Paruzzaro, Oleggio Castello, Dormelletto, Comignago. Centri abitati: Dagnente, Mercurago, Montrigiasco, San Carlo. Cartina del territorio Elenco Vie SS142 Alpini (L.go)...2/4 Baracca F. (Via)...4/6 Bellini (Via)...1 Berrini (V.le)...1/2 Bertarelli (Via)...1 Bottelli (Via)...2 Cantoni (Via)...1 Card. Fossazi M. (Via)..2 Carosio (Via)...1 Cavour (C.so)...2 Combattenti e Reduci (Via)...1/3 Compiègne (L.go)...3 Croce Rossa (V.le della)...4 Dè Albertis (Via)...1 De Filippi (P.zza)...2 De Toma (V.lo)...2 Don Minzoni (Via)...1 Duca D Aosta (L.go)...4 Europa (C.so)...6 Fogliotti (Via)...1/2 Fossati (V.lo)...2 Garelli (Via)...2 Garibaldi (L.go)...2 A26 SS33 ARONA A8 Gramsci (Via)...2 General Chinotto (Via)..6 Liberazione (C.so della)...2/3/4 Lido (Via al)...6 Litta (Via)...1 Marconi (Via)...2 Martiri della Libertà (Via) 1 Martiri delle Foibe (L.go)2 Martiri di Nassiriya (Lungolago)...4 Mazzini (Via)...1/3 Milano (Via)...3/5/6 Minella (V.lo)...2 Monte Bianco (Via)...5 Monte Grappa (Via)...3/4 Monte Leone (Via)...5 Monte Nero (Via)...5 Monte Rosa (Via)...3/5 Monte Zeda (Via)...3/5 Montello (Via)...5 Monviso (Via)...5 Moro A. (P.le)...4 Mottarone (Via)...3/5 Mulino (Via)...2 La Provincia di Novara Superficie: Kmq Prefissi telefonici: 0161, 0163, 0321, 0322, 0323, 0331 C.A.P.: 28100, Targa automobilistica: NO Comuni: 88 Popolazione: (aggiornato al 28/02/2007) Province confinanti: Varese, Milano, Pavia, Vercelli, Verbano-Cusio- Ossola SP17 VARESE Novara (Via)...3 Paleocapa (Via)...2/4 Piave (Via)...1 Pietro Martire (Via)...5 Polo M. (Via)...3 Ponti (Via)...1 Ponzone (Via)...2 Reina (V.lo)...2 Repubblica (C.so della)...2/4 Roma (Via)...1/3 S. Anna (V.lo)...2 S. Graziano (P.zza)...2 S. Luigi (Via)...3 Sauro N. (P.zza)...1/3 Sottopassaggio Vevera...6 Torino (Via)...3 Trieste (Via)...1 Turati F. (Via)...1 Usellini G. (Via)...6 XX Settembre (Via) 3/5/6 XXIV Maggio (Via)...1 Vespucci (Via)...5/6 Vidale P. (L.go)...4 Vittorio Veneto (Via)...3

13 VIA VIA RAGGIUNGERE IL COMUNE 11 VIA PIAVE VIA XXIV MAGGIO VIA BELLINI VIA CANTONI VIA DON MINZONI VIA PONTI VIA PONTI VIA LITTA ROMA VIA ROMA VIA VIA F. TURATI VIA COMBATTE NTI E REDUCI VIA SAN VIA VIA MONTE ZEDA VIA MONTELLO Francia LUIGI BIELLA 8 VITTORIO VENETO VIA M. POLO VIA VIA CAROSIO DE ALBERTIS VIA MAZZINI VIA MONTE ROSA VIA MONTE ROSA VIA MONVISO Svizzera VIA BERTARELLI VIA XX SETTEMBRE VIA XX VIA M.TE NERO VIA MONTE BIANCO LARGO COMPIEGNE VIA MARTIRI DELLA LIBERTÀ VIA NOVARA PIAZZA SAURO VIA TORINO VIA XX SETTEMBRE VIA PIETRO MARTIRE VIA MONTE LEONE SETTEMBRE NOVARA NORD VIA VIA MOTTARONE VIALE BERRINI VIALE BERRINI MOTTARONE 1 7 VIA TRIESTE ROMA MILANO VIA MOTTARONE 3 VIA FOGLIOTTI 6 VIA MONTE PIAZZA DE FILIPPI CORSO DELLA LIBERAZIONE CORSO DELLA LIBERAZIONE VIA XX SETTEMBRE VIA BOTTELLI VIA MULINO V. CARD. FOSSAZI VIA LARGO MARTIRI DELLE FOIBE GARELLI VIA VIA GRAMSCI VIA PALEOCAPA VIA PALEOCAPA GRAPPA LARGO DUCA D AOSTA VIA MILANO VIA MILANO VIA VESPUCCI 2 1 VIALE CORSO DELLA REPUBBLICA CENTRO ARONA 5 VIA GEN. CHINOTTO PIAZZA SAN GRAZIANO 7 CORSO PONZONE CORSO DELLA REPUBBLICA DELLA CROCE ROSSA L.GO PIETRO VIDALE V. DE TOMA C. B. V. REINA V. MINELLA CAVOUR VIA V. FOSSATI V.LO S. ANNA L.GO GARIBALDI LARGO ALPINI LUNGOLAGO MARTIRI DI NASSIRIYA MARCONI PIAZZALE ALDO MORO VIALE FRANCESCO BARACCA VIALE FRANCESCO BARACCA LEGENDA 1 Municipio 2 Stazione Ferroviaria 3 Ospedale 4 Carabinieri 5 Polizia 6 Finanza 7 Scuole 8 Campo Sportivo SOTTOPASS. VEVERA 4 VARESE LAGO MAGGIORE Lombardia LAGO MAGGIORE MALPENSA Aeroporto di MI CORSO EUROPA VIA AL LIDO VIA G. USELLINI

14 12 NUMERI UTILI Polizia di Stato Emergenze Municipio NUMERO DI PRONTO INTERVENTO 113 Per informazioni consultare il sito internet: Da cellulare UMTS/GPRS: Arma dei Carabinieri NUMERO DI PRONTO INTERVENTO 112 UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Tel Fax Videotelefono e SMS Tel Sito: Guardia di Finanza NUMERO DI PRONTO INTERVENTO 117 UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Tel Fax Sito: Vigili del Fuoco NUMERO DI PRONTO INTERVENTO 115 Per informazioni consultare il sito internet: Da cellulare UMTS/GPRS: Emergenza Sanitaria NUMERO DI PRONTO INTERVENTO 118 Soccorso Pubblico di Emergenza Polizia di Stato...Tel. 113 Carabinieri Pronto Intervento...Tel. 112 Guardia di Finanza Pronto Intervento...Tel. 117 Emergenza Sanitaria Pronto Intervento...Tel. 118 Vigili del Fuoco Pronto Intervento...Tel. 115 Corpo Forestale dello Stato Emergenza Incendi...Tel Soccorso ACI Pronto Intervento...Tel Viaggiare Informati A cura del CCISS...Tel PRESIDI LOCALI Polizia di Stato - Questura di Novara P.zza del Popolo, 1..Tel Polizia Stradale di Arona P.le Vittime di Bologna, 1/A...Tel Carabinieri - Stazione di Arona V.le Baracca, 35...Tel Guardia di Finanza - Tenenza di Arona C.so Liberazione, 85/87...Tel Vigili del Fuoco Distaccamento di Arona Via Dante Alighieri...Tel VIOLENZE ALLA PERSONA Telefono Azzurro Minori...Tel Adulti...Tel Maltrattamento Minori...Tel. 114 Antiviolenza donne...tel Antibullismo...Tel SALUTE E SANITÀ Ospedale SS. Trinità di Arona Via San Carlo, 11...Tel Comune di Arona Via San Carlo, 2...Tel Fax Uffici Comunali Ufficio Anagrafe..Tel Ufficio di Stato Civile...Tel Sportello Unico per le Attività Produttive...Tel Ufficio Tributi...Tel Ufficio Edilizia Privata...Tel /224 Ufficio Tecnico - Urbanistica...Tel Polizia Municipale...Tel I.S.P.A. Comune di Arona - Ufficio Istruzione...Tel Servizio Minori e Famiglia...Tel Servizio Adulti..Tel Servizio Anziani..Tel Farmacie Farmacia Negri Via Matteotti, 42...Tel Farmacia De Maria Via Montenero, 26...Tel Farmacia Arrigotti Corso Cavour, Tel Farmacia Alganon Via Liberazione, 85...Tel Poste Ufficio Postale di Arona Via Matteotti, 19...Tel

15 AL SERVIZIO DEL CITTADINO 13 Polizia di Stato La Polizia di Stato garantisce la sicurezza dei cittadini in ogni luogo (mare, montagna, città), sulle strade, sulla rete Internet. Dal 2002 è nata la figura del Poliziotto di Quartiere che, insieme alla corrispondente figura Polizia Stradale: si occupa di preservare l ordine pubblico sulle strade, di accertare le violazioni al codice della strada, di coordinare le operazioni di soccorso in caso di incidente. Ha inoltre un ruolo attivo nelle prevenzione delle cosiddette stragi del sabato sera, sensibilizzando la popolazione, i giovani in particolare, sui rischi legati alla guida in stato di ebrezza ed alle alte velocità. Polizia del mare: a diretta dipendenza della Questura territorialmente competente, la Polizia del mare garantisce la sicurezza in tutti gli ambienti lacustri, dai laghi al mare, e sulle coste. Il presidio delle acque è affidato alle volanti nautiche, mezzi in costante collegamento radio con la sala operativa della Questura. Il centro di addestramento del personale si trova a La Spezia. Polizia Scientifica: dotata dei più moderni sistemi e di tecnologie all avanguardia, la Polizia Scientifica si occupa dell analisi di ogni reperto (da un capello ad una fibra di tessuto), impronta digitale o prova rinvenuti sulla scena di un crimine. Tiratori scelti: perfettamente addestrati nell uso delle armi, vengono impiegati in situazioni di protezione (a distanza) di personalità od obiettivi sensibili. Sono dotati di sofisticati armamenti e dei sistemi tecnologici più moderni. É necessario essere in possesso di specifici requisiti psico-fisici per poter entrare a farne parte. Questura di Novara: Piazza del Popolo, 1 - Tel Polizia Stradale di Arona: P.le Vittime di Bologna, 1/A - Tel Polizia dell Immigrazione e delle Frontiere: dal 2002, a seguito della legge n. 189 (più conosciuta come legge Bossi- Fini) è stata creata la Direzione Centrale della Polizia dell Immigrazione e delle Frontiere. Spetta a questo settore della Polizia di Stato il controllo e l intervento in ogni questione riguardante l immigrazione clandestina. appartenente all Arma dei Carabinieri, costituisce la cosiddetta Polizia di Prossimità. In ogni provincia la Questura è la proiezione territoriale del Dipartimento di Pubblica Sicurezza, e dirige e organizza l attività della Gli artificieri: si occupano dell attività antisabotaggio e della bonifica di ambienti provvedendo al disinnesco di ordigni esplosivi. Il personale è sottoposto a continuo addestramento ed aggiornamento, in collaborazione con i corrispondenti organi internazionali. Cinofili: il reparto è utilizzato soprattutto nei presidi di frontiera (terrestri e marittimi) in ausilio all attività di repressione dell immigrazione clandestina e alla lotta al contrabbando di sostanze stupefacenti e illecite. Polizia di Stato nella Provincia. Il Questore, nell'ordinamento amministrativo italiano, è Autorità Provinciale di Pubblica Sicurezza. È coordinatore delle forze di polizia impiegate in servizi atti a garantire l'ordine e la sicurezza pubblica. Ecco di cosa si occupano alcuni dei settori della Polizia di Stato: Polizia delle Comunicazioni: si occupa di contrastare gli illeciti provenienti da Internet, sia che si tratti di frodi informatiche (diffusione di virus, duplicazione di programmi, violazione dei diritti d autore) sia finanziarie (truffe con le carte di credito). Importantissima è la funzione della Polizia contro il fenomeno della pedo-pornografia. NOCS: è il reparto addetto ed addestrato alle operazioni ad alto rischio. Il NOCS è salito alla ribalta delle cronache più volte in caso di liberazioni di ostaggi o irruzioni per la cattura di criminali e terroristi. É definito anche unità di assalto ; agisce preferibilmente di notte, fedele al motto silenziosi come la notte. Per poter entrare nel NOCS è necessario superare durissime prove fisiche. Il personale che ne fa parte è addestrato all uso di ogni tipo di arma e di esplosivo, è in grado di arrampicarsi sulla roccia e di gettarsi con il paracadute. Il cittadino ha a disposizione il numero gratuito 113 per richiedere aiuto al più vicino presidio di Polizia di Stato

16 14 AL SERVIZIO DEL CITTADINO Arma dei Carabinieri Stazione di Arona: Viale Baracca, 35 - Tel L Arma dei Carabinieri è chiamata a presidio del territorio ed alla sicurezza dei cittadini. Ci si può rivolgere ai Carabinieri in caso di furto di beni o documenti, per chiedere di riportare l ordine pubblico (ad esempio nel caso di liti tra vicini di casa o schiamazzi notturni); intervengono in caso di incidente stradale, forniscono informazioni su come ottenere il porto d armi, assistono il cittadino vittima di reati, ecc. Gli ambiti di intervento dell Arma CC sono molteplici. Al fine di garantire un aiuto immediato e competente in ogni questione sono stati istituiti diversi Comandi (alcuni elencati qui di seguito), ognuno con un ruolo specifico. Comando Carabinieri Antifalsificazione Monetaria Il personale di questo reparto è altamente specializzato e continuamente aggiornato, teoricamente e praticamente, al riconoscimento del falso nummario ed alla conoscenza delle tecniche utilizzate dai falsari. Il Nucleo Operativo venne istituito nel 1992, elevato a rango di Comando nel Quando si parla di falsificazione monetaria non si intendono le solo banconote e monete (EURO e altre valute), ma anche i titoli di Stato o di credito di varia natura, assegni, carte di credito, valori bollati, ecc. Comando Carabinieri per la Tutela della Salute I Nuclei Antisofisticazioni e Sanità dell Arma dei Carabinieri sono una delle divisioni più conosciute dai cittadini e tra quelle che possono vantare il maggior numero di riconoscimenti ed attestati di benemerenza. I NAS furono istituiti nel 1962, quando il fenomeno delle sofisticazioni alimentari cominciò a destare preoccupazione nell opinione pubblica. Da allora la presenza dei NAS sull intero territorio italiano è andata via via incrementandosi, ed oggi dispone di circa unità specializzate. Comando Carabinieri per la Tutela dell Ambiente É il reparto specializzato per il controllo del rispetto delle norme di tutela ambientale. Il primo nucleo operativo è attivo già dal 1986: l Italia è stata la prima nazione in Europa ad intuire che le problematiche legate all ambiente, le violazioni alle disposizioni ambientali, i reati contro l ambiente necessitavano di un attenzione specifica. Il reparto è organizzato su base interprovinciale e garantisce una presenza qualificata sull interno territorio nazionale. I RIS I RIS sono i Reparti Investigazioni Scientifiche, uno dei reparti del servizio investigazioni scientifiche dell Arma dei Carabinieri. I RIS sono alle dipendenze del Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche (Ra.C.I.S.) ed operano in collaborazione le 29 Sezioni Investigative Scientifiche presenti sul territorio nazionale, e che costituiscono l organo tecnico-scientifico specializzato nei sopralluoghi sulle scene del crimine e nelle tecniche antidroga. I reparti dei RIS sono 4, ognuno con specifiche competenze: quello di Roma si occupa dei casi dell Italia centrale e di quelli più complessi a livello nazionale, mentre quelli di Parma, Cagliari e Messina sono competenti, rispettivamente, per indagini tecniche in nord Italia, in Sardegna ed in Calabria e Sicilia. Per contattare l Arma dei Carabinieri e chiederne l intervento il cittadino ha a disposizione il numero gratuito 112

17 AL SERVIZIO DEL CITTADINO 15 Guardia di Finanza Tenenza di Arona: C.so Liberazione, 85/87 - Tel I COMPITI DELLA GUARDIA DI FINANZA La Guardia di Finanza è un Corpo di polizia ad ordinamento militare, posto al servizio della collettività per la salvaguardia della sicurezza economica e finanziaria del Paese e dell'unione Europea. Alla Guardia di Finanza sono attribuiti compiti primari in materia di: - contrasto all evasione fiscale, ai fini della tutela delle entrate di bilancio dello Stato, delle Regioni, degli Enti locali e dell Unione Europea; - controllo della spesa pubblica, per la prevenzione e la repressione degli illeciti commessi in danno delle uscite dei bilanci nazionale, comunitario, regionale e degli Enti locali; - tutela del mercato dei capitali, al fine di garantire il corretto funzionamento del sistema bancario e finanziario e la salvaguardia dei risparmiatori, specialmente per il contrasto dei fenomeni dell usura e del riciclaggio di proventi illeciti; - tutela del mercato dei beni e servizi, a difesa degli interessi dei consumatori e delle imprese, mediante la prevenzione e la repressione dei reati in danno dei diritti di proprietà industriale ed intellettuale e degli illeciti in materia di concorrenza; - concorso nei servizi di tutela dell ordine e della sicurezza pubblica, per finalità rivolte principalmente al contrasto dei traffici illeciti internazionali e dell immigrazione clandestina; - concorso alla difesa militare del Paese; - collaborazione con altri Organi istituzionali, in relazione alle competenze specialistiche primarie di polizia economica e finanziaria. Foto tratte da Il Finanziere Per qualunque tipo di segnalazione ed informazione il cittadino ha a disposizione il numero gratuito 117

18 16 ACQUISTI Garanzia sulla merce acquistata Una normativa comunitaria del 2002 prevede che la garanzia predetta debba essere prestata per il periodo minimo di due anni, anche se sulla confezione o sulla documentazione allegata sia ancora riportata una data inferiore. È prevista la garanzia per i vizi della cosa venduta. Occorre denunciarli entro otto giorni dalla scoperta; il diritto alla garanzia entro 1 anno dalla consegna. In giudizio il compratore potrà chiedere la risoluzione del contratto o la riduzione del prezzo d acquisto. Oltre alla garanzia per vizi risulta operante, praticamente sempre, una garanzia per il buon funzionamento della cosa venduta, nel caso ovviamente che il macchinario o il bene siano suscettibili di funzionamento in senso tecnico. che in assenza di particolari motivazioni. L acquirente può, entro dieci giorni dal giorno successivo al ricevimento della merce (o entro tre mesi, se il venditore non lo mette debitamente al corrente del suo diritto di recesso dando informazioni scritte o similari), inviare una raccomandata a.r., ovvero un telegramma o fax seguito nelle ventiquattrore successive da raccomandata a.r., in cui comunica la sua volontà di recedere dal contratto e, sempre entro il decimo giorno, restituire la merce a proprie spese. Se il venditore rifiuta il cambio o il rimborso della merce, è diritto dell acquirente procedere nei confronti di esso per l ottenimento del risarcimento. Saldi I saldi, ovvero le vendite di fine stagione, permettono il deprezzamento delle merci invendute al termine della stagione. La loro durata è limitata nel tempo e stabilita in due periodi dell anno, generalmente al termine della stagione? Da Sapere invernale e di quella estiva. La ditta che intende cominciare la ven- Acquisti per corrispondenza Nella vendita per corrispondenza dita in saldo è tenuta a comunicarlo al Comune entro un termine l atto di vendita si conclude a distanza, permettendo la scelta della merce da parte dell acquirente ne la data d inizio e la durata. indicato dallo stesso, precisando- Vendita tramite internet attraverso cataloghi, coupon e canali pubblicitari in genere. I van- Vendite fuori dei locali quale proposta di vendita ed ac- È il cosiddetto e-commerce, nel taggi sono il risparmio di tempo, i commerciali e a distanza cettazione vengono scambiati all interno della rete internet trami- prezzi competitivi, la consegna a Nelle vendite a distanza (ovvero domicilio e la garanzia soddisfatti te l invio di messaggi elettronici. o rimborsati, per cui il prodotto concluse senza la presenza fisica In casi di particolare esigenza di può essere sostituito o ne può essere rimborsato il prezzo entro simultanea del consumatore e del certezza degli obblighi contrattuali, è prevista la possibilità di con- venditore), nelle vendite a domicilio e fuori dei locali commerciali, cludere contratti su internet a 10 giorni dalla data di consegna. l acquirente privato gode di un diritto discrezionale di ripensamentale. I pagamenti possono avveni- mezzo della cosiddetta firma digito o recesso, che gli consente di re in forma elettronica tramite recedere dal contratto e rispedire carta di credito oppure, successivamente, tramite bonifico banca- (entro i termini previsti dalla normativa) la merce al mittente an- rio, vaglia postale, ecc. Servizi per Locazioni Turistiche - Manutenzione Seconde Case Arona (No) - Via Roma, 69 Tel Fax Cell

19 ACQUISTI 17 Servizi del Comune Ambulanti Dove rivolgersi: Sportello Unico per le Attività Produttive - Via San Carlo, 2 - Tel Ufficio Polizia Amministrativa - Via San Carlo, 2 - Tel L attività di commercio su aree pubbliche si esercita su posteggi dati in concessione oppure in forma itinerante. Rivolgersi all ufficio preposto per avere informazioni su pratiche ed autorizzazioni, subentro, cessazione, ecc. Commercio in sede fissa Dove rivolgersi: Sportello Unico per le Attività Produttive - Via San Carlo, 2 - Tel Ufficio Polizia Amministrativa - Via San Carlo, 2 - Tel L attività commerciale si esercita in riferimento a due settori merceologici: alimentare e non alimentare. Gli esercizi di vicinato (di norma aventi una superficie di vendita non superiore a 250 mq.) si attivano dopo 30 giorni dalla presentazione dell'apposito modello ministeriale, salvo interruzione. Le medie strutture e le grandi strutture di vendita sono soggette ad autorizzazione comunale. L esercente deve possedere i requisiti di moralità e, se tratta il settore alimentare, anche quelli professionali. Pubblici esercizi Dove rivolgersi: Ufficio Polizia Amministrativa - Via San Carlo, 2 - Tel Per l apertura di esercizi di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande è necessaria l autorizzazione del Comune. Il titolare deve essere in possesso dei requisiti professionali per l attività di somministrazione al pubblico. Occupazione occasionale di area pubblica Dove rivolgersi: Polizia Municipale (per traslochi, ponteggi, lavori stradali, ecc.) - Via San Carlo, 2 - Tel Ufficio Polizia Amministrativa (per dehors, manifestazioni, gazebi, ecc.)- Via San Carlo, 2 - Tel Per ottenere l autorizzazione è necessario presentare apposita richiesta in Comune, completa di bollo ed accompagnata da copia della planimetria. Autorizzazioni sanitarie per lavorazione e deposito di sostanze alimentari Dove rivolgersi: Ufficio Polizia Amministrativa - Via San Carlo, 2 - Tel Occorre presentare al Comune apposita domanda, accompagnata da: planimetria dei locali, certificato di agibilità degli stessi, relazione tecnica relativa ai locali ed alle attrezzature utilizzate.

20 18 ACQUISTI L Avvocato Si può essere perquisiti dal personale di sicurezza di un negozio? No. Secondo il Codice Penale, nel caso in cui una persona sia sospettata di furto all interno di un negozio, non può essere perquisita dal personale di sorveglianza, ma solo dalle forze dell ordine competenti. È tuttavia consentito a ogni persona arrestare chi venga colto nell atto di commettere un furto. La persona che procede all arresto è tenuta a consegnare, senza ritardo, l arrestato e le cose costituenti il corpo del reato alla Polizia Giudiziaria. Come posso essere risarcito per un acquisto effettuato tramite televendita, nel caso sia di scarsa qualità? Dal 1992 il consumatore italiano è tutelato per l acquisto di merce al di fuori degli esercizi commerciali, grazie a una direttiva dell U.E. Per le cosiddette vendite a distanza (televendite, internet, ecc.) è intervenuta una normativa a favore del consumatore (D. Lgs. n. 185/99), che prevede il diritto di ripensamento o recesso da parte dell'acquirente, e che consente di recedere dal contratto e rispedire (entro i termini previsti) la merce al mittente anche in assenza di particolari motivazioni. Ho diritto al cambio della merce nel caso di prodotto difettato o non conforme? Sì. Il cambio è un diritto del consumatore. Sempre dietro esibizione dello scontrino d acquisto, in caso di prodotto difettoso, il commerciante è tenuto a provvedere alla sua sostituzione o, in mancanza, ad emettere un buono d acquisto di importo corrispondente spendibile per un periodo da concordare. Così è anche in caso di prodotto non conforme: il commerciante è tenuto a fornire il bene come richiesto, descritto, reclamizzato e, ai sensi del D. lgs. 24/02, a riparare o sostituire il capo oppure a ridurre il prezzo o restituire quanto pagato. Il ristoratore è obbligato a esporre i prezzi delle pietanze? Sì, in quanto il cliente ha il diritto di sapere in anticipo quanto potrà spendere una volta seduto al tavolo del ristorante. A stabilirlo è l art. 180 del regio decreto n. 635 del 1940, tuttora in vigore. Se nel ristorante non vi è l esposizione dei prezzi né in un listino sui tavoli né su un cartello esposto al pubblico, il cliente potrebbe contestare il pagamento del conto arrivando addirittura a non pagare. Cos è uno strumento di pagamento tracciabile? Sono così indicati i pagamenti non in contanti, quindi effettuati con carte di credito, strumenti bancari oppure assegni. Il Decreto Bersani 223/2006 ha introdotto importanti novità, che coinvolgono i metodi di pagamento tracciabili, per combattere l evasione fiscale. Fino al 30 giugno 2008 esercenti e professionisti potranno accettare il pagamento in contanti solo per somme non superiori a 500 Euro, mentre dal 1 luglio 2008 il limite scenderà a 100 Euro. Guardia di Finanza Contraffazione di un prodotto MERCI CONTRAFFATTE Il fenomeno della contraffazione non riguarda solo il settore dell abbigliamento o delle monete, ma anche quello dei giocattoli, dei farmaci, degli alimenti, dei cosmetici, dei detersivi, ecc. PRIMO SEGNALE DELLA CONTRAFFAZIONE Un eccessivo divario tra il prezzo di mercato del bene e quello ordinariamente applicato dalle reti di vendita ufficiali può già rappresentare un probabile indice della contraffazione. Salvo che non si tratti di prodotti fuori produzione o in svendita, non illuderti di aver trovato un buon affare. PERICOLI DERIVANTI DAL LORO UTILIZZO Tali prodotti costituiscono, oltre che un danno per l economia nazionale, anche un potenziale pericolo per la tua salute, a causa dell assenza di garanzie di sicurezza dei materiali utilizzati e delle procedure attuate per fabbricarli. CAUTELE DA ADOTTARE Per gli acquisti sicuri è opportuno rivolgersi sempre a distributori autorizzati in grado di fornire evidenti garanzie sull origine dei prodotti. Controlla sempre le etichette dei prodotti acquistati e diffida di quelli privi delle indicazioni d'origine e del "marchio CE". Sanzioni. Tieni sempre presente che esistono sanzioni anche per chi acquista prodotti contraffatti!!!

Approvato definitivamente dal Parlamento l 8 luglio 2004

Approvato definitivamente dal Parlamento l 8 luglio 2004 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate Approvato definitivamente dal Parlamento l

Dettagli

testo in vigore dal: 1-8-2004 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga

testo in vigore dal: 1-8-2004 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga LEGGE 20 luglio 2004, n.189 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. (GU n. 178

Dettagli

1. Dopo il titolo IX del libro II del codice penale è inserito il seguente: «TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI

1. Dopo il titolo IX del libro II del codice penale è inserito il seguente: «TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI L. 20 luglio 2004, n. 189 (1). Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. (1) Pubblicata

Dettagli

Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono

Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono Animali: uccisione, maltrattamento, combattimenti, abbandono Con la legge n. 189/2004 è stato introdotto nel Codice Penale il TITOLO IX-BIS DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI il quale modifica

Dettagli

COMUNE DI DAONE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI DAONE

COMUNE DI DAONE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI DAONE COMUNE DI DAONE PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI DAONE Allegato alla deliberazione consigliare n.29 del 10.05.2001 PARTE PRIMA - NORME GENERALI

Dettagli

Ministero della Salute. Puppytradeand the italian penalcode. Dr.ssa Gaetana Ferri. Bruxelles - 28 October 2013

Ministero della Salute. Puppytradeand the italian penalcode. Dr.ssa Gaetana Ferri. Bruxelles - 28 October 2013 Ministero della Salute Dipartimento della sanitàpubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Direzione Generale della Sanitàanimale e dei Farmaci

Dettagli

Direzione. Ordine di servizio n 131/C. Firenze, 31/07/2004. Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo.

Direzione. Ordine di servizio n 131/C. Firenze, 31/07/2004. Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo. Direzione Ordine di servizio n 131/C Firenze, 31/07/2004 Al Vicecomandante V. Ai Coordinatori d area Agli appartenenti al Corpo Loro sedi Oggetto: Legge 20/07/2004 n. 189. Disposizioni concernenti il divieto

Dettagli

** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export

** NORMATTIVA - Stampa *** http://www.normattiva.it/do/atto/export Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali, nonche' di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate. Vigente al: 2-3-2014 La Camera dei deputati

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Provincia di Pistoia PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI SETTORE VETERINARIO

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Provincia di Pistoia PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI SETTORE VETERINARIO TABELLA A PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE E PENALI SETTORE VETERINARIO NORMA VIOLATA SANZIONE COMPETENZE REGOLAMENTO COMUNALE TUTELA DEGLI ANIMALI COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE Tenere animali all esterno

Dettagli

CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE. TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali

CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE. TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali CODICE PENALE LIBRO SECONDO DEI DELITTI IN PARTICOLARE TITOLO IX-BIS Dei delitti contro il sentimento per gli animali Art. 544-bis Uccisione di animali Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona

Dettagli

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m . POLONIA TUTELA DEL CONSUMATORE IN POLONIA di Avv. Francesco Misuraca www.smaf-legal.com Premessa Le fonti della normativa di tutela dei consumatori sono: - Legge del 16 aprile 1993 contro la concorrenza

Dettagli

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze.

I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. I problemi legati agli animali sono tanti, soprattutto in una società che si sta solo ora mettendo al passo con le loro esigenze. È quindi fondamentale portare le persone che posseggono animali, o vorrebbero

Dettagli

Delibera n. 11/2011 Carta dei Servizi Reparto Ambiente - Corpo Polizia Municipale Anno 2011

Delibera n. 11/2011 Carta dei Servizi Reparto Ambiente - Corpo Polizia Municipale Anno 2011 Delibera n. 11/2011 Carta dei Servizi Reparto Ambiente - Corpo Polizia Municipale Anno 2011 PREMESSE GENERALI Reparto Ambiente Polizia Municipale Viale Brigate Partigiane 19 16129 GENOVA Comune di Genova

Dettagli

QUESTURA DI TORINO UFFICIO PREVENZIONE GENERALE Squadra Cinofili

QUESTURA DI TORINO UFFICIO PREVENZIONE GENERALE Squadra Cinofili QUESTURA DI TORINO UFFICIO PREVENZIONE GENERALE Squadra Cinofili L Organico della Squadra Cinofili della questura di Torino è composto da: 4 UNITA CINOFILE DA ORDINE PUBBLICO/POLIZIA GIUDIZIARIA 4 UNITA

Dettagli

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

(PROVINCIA DI ROMA) MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE CITTÀ DI FIUMICINO (PROVINCIA DI ROMA) Marca Bollo 16,00 AL S.U.A.P. Sportello Unico delle Attività Produttive del Comune di Fiumicino MANIFESTAZIONE OCCASIONALE DI PUBBLICO SPETTACOLO DOMANDA NUOVA AUTORIZZAZIONE

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA la seguente legge: Promulga Art. 1 (Modifiche al codice penale). 1. Dopo il titolo IX del libro II del

Dettagli

7. Vendite con contratto per strada o a domicilio

7. Vendite con contratto per strada o a domicilio dalla legge. Ancora maggiore è il rischio nel caso di acquisto di prodotti alimentari, farmaci, cosmetici o profumi, giocattoli che possono rivelarsi davvero dannosi alla salute. 18 7. Vendite con contratto

Dettagli

Guardia di Finanza COMANDO INTERREGIONALE DELL ITALIA NORD-ORIENTALE Cannaregio, 2176 Venezia Tel. 041/719666 Fax 041/2202415

Guardia di Finanza COMANDO INTERREGIONALE DELL ITALIA NORD-ORIENTALE Cannaregio, 2176 Venezia Tel. 041/719666 Fax 041/2202415 Guardia di Finanza COMANDO INTERREGIONALE DELL ITALIA NORD-ORIENTALE Cannaregio, 2176 Venezia Tel. 041/719666 Fax 041/2202415 CONSUNTIVO DELL ATTIVITA OPERATIVA DEI REPARTI DEL TRIVENETO (periodo 1 gennaio

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO''

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO'' PER IL CONTENUTO DI QUESTA SEZIONE SI RINGRAZIA LA RIVISTA ARMI MAGAZINE CHE HA MESSO A DISPOSIZIONE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELL'ARTICOLO ''COMPRARE UN'ARMA'' AGGIORNATO A OTTOBRE 2004 L'ACQUISTO DELLE

Dettagli

C O M U N E D I A L A ----------------------- Provincia di Trento NORME PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI ALA

C O M U N E D I A L A ----------------------- Provincia di Trento NORME PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI ALA C O M U N E D I A L A ----------------------- Provincia di Trento NORME PER LA DETENZIONE E CIRCOLAZIONE DI ANIMALI NEL COMUNE DI ALA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 dd. 24.05.1996

Dettagli

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni

ITALIA: suddivisione amministrativa. 20 regioni di cui 5 a statuto speciale. oltre 100 province. oltre 8000 comuni ITALIA: suddivisione amministrativa 20 regioni di cui 5 a statuto speciale oltre 100 province oltre 8000 comuni informazioni turistiche musei, geografia, hotel ristoranti su tutte le province italiane

Dettagli

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE PIACENZA. Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE PIACENZA. Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016 Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016 GUARDIA DI FINANZA DI PIACENZA BILANCIO OPERATIVO ANNUALE ANNO 2015 Nel 2015 è proseguita l attività delle Fiamme Gialle piacentine indirizzata al raggiungimento

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

Comune di Coreglia Antelminelli. Presentazione proposta di Regolamento di Polizia Urbana Incontro con i cittadini 25 settembre 2015

Comune di Coreglia Antelminelli. Presentazione proposta di Regolamento di Polizia Urbana Incontro con i cittadini 25 settembre 2015 Comune di Coreglia Antelminelli Presentazione proposta di Regolamento di Polizia Urbana Incontro con i cittadini 25 settembre 2015 La condivisione delle idee Il Comune di Coreglia Antelminelli ha ritenuto

Dettagli

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito Prevenzione incendi: il Ministero dell Interno ha emanato chiarimenti in merito all applicazione del regolamento di semplificazione antincendio (lettera circolare del 18 aprile 2012 prot. n. 0005555) Canale:

Dettagli

Approvato con deliberazione del CC n. 50 in data 28/11/2003.

Approvato con deliberazione del CC n. 50 in data 28/11/2003. COMUNE DI VILLANOVA MONDOVI Provincia di Cuneo Approvato con deliberazione del CC n. 50 in data 28/11/2003. 1 ART. 1 BENESSERE DEGLI ANIMALI 1. Chiunque detiene un animale da affezione o accetta, a qualunque

Dettagli

La detenzione di animali esotici

La detenzione di animali esotici La detenzione di animali esotici La Legge regionale n. 89/1990, all articolo 1, definisce gli animali esotici: tutte le specie di mammiferi, uccelli, rettili e anfibi facenti parte della fauna selvatica

Dettagli

Gaiarine. Edizione 2008

Gaiarine. Edizione 2008 ALLE FAMIGLIE E AGLI OPERATORI ECONOMICI - n. 20 del Guida del Cittadino - Aut. Trib. RE n. 939 del 23/01/1997 - Prop. Gruppo GuidaPiù Srl - Euro 0,13 - Copia omaggio Gaiarine Edizione 2008 Stampato con

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONDUZIONE DEI CANI SUL TERRITORIO DEL COMUNE DI BIENNO -TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Principi ed oggetto del regolamento... 3 Art. 2 Definizioni e Normativa

Dettagli

Segnalazione Certificata di inizio attività

Segnalazione Certificata di inizio attività 0Spett.le COMUNE DI SAN MARCELLO PISTOIESE Servizi Culturali e Turistici 51028 SAN MARCELLO Pistoiese OGGETTO: SCIA per attività di pubblico spettacolo ed intrattenimento art. 68, 69 e 80 TULPS. Il sottoscritto,

Dettagli

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo

Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Normativa in materia di affezione e prevenzione del randagismo Dott.ssa Annalisa Lombardini AUSL Modena L EGGE 14 agosto 1991 n. 281 Legge quadro in materia di affezione e prevenzione del randagismo 1

Dettagli

Regolamento di condominio, niente più divieti agli animali! Martedì 19 Novembre 2013 10:14

Regolamento di condominio, niente più divieti agli animali! Martedì 19 Novembre 2013 10:14 Caro Popolo dei Consumatori con amici pelosi al seguito, continuate a chiedervi come sia regolata dalla legge la presenza del vostro cane o gatto nel condominio in cui abitate? Leggete qua, i vostri vicini

Dettagli

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DELLA SPEZIA DENOMINATO Speziainbici

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DELLA SPEZIA DENOMINATO Speziainbici CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DELLA SPEZIA DENOMINATO Speziainbici Il /la sottoscritt Sesso [ ] M [ ] F consapevole delle responsabilità e delle pene previste dall articolo

Dettagli

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NEL COMUNE DI GENOVA DENOMINATO MoBike

CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NEL COMUNE DI GENOVA DENOMINATO MoBike CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NEL COMUNE DI GENOVA DENOMINATO MoBike Il presente contratto stabilisce le condizioni di utilizzo del Servizio di Bike Sharing (bici condivisa) denominato

Dettagli

Città di Velletri CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DI VELLETRI

Città di Velletri CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DI VELLETRI CONTRATTO DI UTILIZZO DEL SERVIZIO DI BIKE SHARING NELLA CITTÀ DI VELLETRI Il /la sottoscritt Sesso [ ] M [ ] F consapevole delle responsabilità e delle pene previste dall articolo 76) del DPR 445/2000

Dettagli

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela SOMMARIO Ipotesi di attacco informatico La procedibilità su querela o d ufficio La querela: contenuto e modalità di presentazione Cosa è la denuncia Brevi cenni sull esposto Le ipotesi di attacco informatico

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2012

COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2012 Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE RAVENNA - Ufficio Comando - Sezione Operazioni e Programmazione - - Via Alberoni n. 33-48121 Ravenna tel. e Fax (0544) 37122 - COMUNICATO STAMPA DELL 8 FEBBRAIO 2012

Dettagli

SETTORE ANTIBRACCONAGGIO

SETTORE ANTIBRACCONAGGIO SETTORE ANTIBRACCONAGGIO SERVIZIO NAZIONALE VIGILANZA AMBIENTALE ITTICO VENATORIA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DELLE GUARDIE PARTICOLARI GIURATE VOLONTARIE DELLA L.I.P.U. Art. 1 L attività delle guardie

Dettagli

Commissione Regionale per la lotta agli avvelenamenti degli animali ai sensi della D.G. 520/07

Commissione Regionale per la lotta agli avvelenamenti degli animali ai sensi della D.G. 520/07 Giunta Regionale Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Veterinario e Igiene degli Alimenti Commissione Regionale per la lotta agli avvelenamenti degli animali ai sensi della D.G. 520/07

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 755 del 12 novembre 2013 Oggetto: DIVIETO DI ABBANDONO RIFIUTI E MATERIALI IL SINDACO VISTO D.Lgs 03/04/06 n. 152 e s.m.i. Norme in materia ambientale ed in particolare: - l articolo 178 ove

Dettagli

VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ;

VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ; VISTO il Regio Decreto n. 1265 del 27 Luglio 1934, e s.m.i.: Testo unico delle leggi sanitarie ; VISTO l art. 32 della Costituzione; VISTO il Decreto del Presidente della Repubblica n. 320 del 8 Febbraio

Dettagli

Prevenzione veterinaria

Prevenzione veterinaria Prevenzione veterinaria Animali da compagnia Sportello unico di front office per la gestione delle pratiche amministrative relative all Anagrafe degli Animali d Affezione (iscrizioni, passaggi di proprietà,

Dettagli

LA TUTELA DEI CONSUMATORI NELL UNIONE EUROPEA

LA TUTELA DEI CONSUMATORI NELL UNIONE EUROPEA LA TUTELA DEI CONSUMATORI NELL UNIONE EUROPEA Nel sistema UE ci sono riferimenti specifici alla protezione dei consumatori? Sì, innanzitutto nell art. 12 del TFUE, nonché nella Carta dei diritti fondamentali

Dettagli

COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO I NORME GENERALI ART. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO 1. E istituito, in tutto il

Dettagli

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09

LE NUOVE SANZIONI. D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 LE NUOVE SANZIONI D. Lgs. 81/08 coordinato con il D. Lgs. 106/09 Obblighi e sanzioni per i Datori di Lavoro Art. 17 Obblighi del Datore di Lavoro non delegabili Datore di Lavoro a) la valutazione di tutti

Dettagli

Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale

Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale Assicurazione e Responsabilità Civile e Penale Pagina 1 La responsabilità civile grava (è): sul conducente; sul proprietario del veicolo in solido. Non grava sul proprietario quando può dimostrare che

Dettagli

POLIZIA MUNICIPALE FANO NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE

POLIZIA MUNICIPALE FANO NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE POLIZIA MUNICIPALE FANO NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE NUCLEO OPERATIVO POLIZIA AMBIENTALE PROGRAMMA: «LA SCUOLA ADOTTA UN CANILE» 2011 ATTIVITA DI CONTROLLO E INTERVENTO NORME Legge Regionale n 10

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ALLEGATO A alla Delibera del Consiglio Comunale n. 37 del 28/12/2015 COMUNE DI SCORRANO. (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Eguaglianza

Dettagli

Traccia 1. 2. Chi conferisce la qualità di agente di pubblica sicurezza a norma della Legge 65/1986?

Traccia 1. 2. Chi conferisce la qualità di agente di pubblica sicurezza a norma della Legge 65/1986? Traccia 1 1. Il Sindaco ha competenza in materia di ordine e sicurezza pubblica? A) No; B) Si, ma solo nei Comuni con meno di 1.000 abitanti; C) Si: 2. Chi conferisce la qualità di agente di pubblica sicurezza

Dettagli

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE

REGOLAMENTO CANILE COMUNALE COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 55 DEL 30.12.2005 MODIFICATO CON DELIBERA C.C. N. 31 DEL 03.06.2008 REGOLAMENTO CANILE COMUNALE INDICE Art. 1 - Titolarità... 3 Art. 2

Dettagli

Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane. Condizioni Generali. per il trasporto delle persone e delle cose sui treni storici

Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane. Condizioni Generali. per il trasporto delle persone e delle cose sui treni storici Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane Condizioni Generali per il trasporto delle persone e delle cose sui treni storici La Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane, alla luce del forte legame esistente

Dettagli

MODELLO A1. 1. Operatore del settore alimentare. Data. Al Dipartimento Sanità Pubblica Azienda USL di Bologna

MODELLO A1. 1. Operatore del settore alimentare. Data. Al Dipartimento Sanità Pubblica Azienda USL di Bologna MODELLO A1 Data Al Dipartimento Sanità Pubblica Azienda USL di Bologna Oggetto: Notifica ai fini della registrazione ai sensi art. 6 reg. CE 852/2004 e della determina della Regione Emilia Romagna n. 9223

Dettagli

REGOLAMENTO DI LOCAZIONE D AREA NON CUSTODITA CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO EX ART. 1341 C.C.

REGOLAMENTO DI LOCAZIONE D AREA NON CUSTODITA CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO EX ART. 1341 C.C. REGOLAMENTO DI LOCAZIONE D AREA NON CUSTODITA CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO EX ART. 1341 C.C. Il servizio è offerto al pubblico ex art. 1336 codice civile alle seguenti condizioni: ART. 1. La sosta

Dettagli

La Sicurezza nel Territorio Nazionale. Quadro generale e le pertinenti attività della Polizia di Stato

La Sicurezza nel Territorio Nazionale. Quadro generale e le pertinenti attività della Polizia di Stato La Sicurezza nel Territorio Nazionale Quadro generale e le pertinenti attività della Polizia di Stato 1 2 PREVENZIONE : Attività informativa Enti preposti Attività controllo territorio PCCT; Poliziotto/

Dettagli

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO SETTORE TECNICO P.zza Avv. P. Miserendino snc - 90020 tel.: 0921558232 Fax 0921762007 PEC: tecnico@pec.comune.castellana-sicula.pa.it e-mail: pconoscenti@comune.castellana-sicula.pa.it

Dettagli

COMUNE DI PIANORO PROVINCIA DI BOLOGNA RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA

COMUNE DI PIANORO PROVINCIA DI BOLOGNA RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA Marca da bollo COMUNE DI PIANORO PROVINCIA DI BOLOGNA 14,62 RISERVATO ALL UFFICIO Pratica edilizia n. del RICHIESTA DEL CERTIFICATO DI CONFORMITA EDILIZIA E AGIBILITA (ai sensi dell art. 24 del D.P.R.

Dettagli

E possibile chiedere informazioni relative agli abbonamenti o all'acquisto dei crediti scrivendo a supporto@clubdelburraco.it.

E possibile chiedere informazioni relative agli abbonamenti o all'acquisto dei crediti scrivendo a supporto@clubdelburraco.it. CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO ON LINE Questi termini e condizioni (di seguito le Condizioni Generali ) disciplinano i contratti che verranno di volta in volta conclusi aventi ad oggetto la vendita on-line

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE N. 23 DEL 24/06/2010 MODIFICATO CON ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE N. 8 DEL 24/03/2011 (entrato in vigore

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3

Art. 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3 7644 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 38 del 14-03-2011 REGOLAMENTO REGIONALE 11 marzo 2011 n. 3 Procedimenti amministrativi in materia di commercio: Attuazione della direttiva 2006/123/CE

Dettagli

Convegno Vendita a distanza: diritti dei consumatori,

Convegno Vendita a distanza: diritti dei consumatori, Convegno Vendita a distanza: diritti dei consumatori, innovazioni e criticità. Cosa cambia dal 13.06.2014 a seguito dell entrata in vigore del D. Lgs 21/2014 Milano, giovedì 17 luglio 2014 Confcommercio

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO DI POLIZIA ECOLOGICO-AMBIENTALE

COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO DI POLIZIA ECOLOGICO-AMBIENTALE COMUNE DI CASTIGLIONE D ADDA (Provincia di Lodi) REGOLAMENTO DI POLIZIA ECOLOGICO-AMBIENTALE Art. 1 Finalità Fatta salva la legislazione vigente in materia, il presente regolamento ha come scopo di disciplinare,

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

Le competenze delle Aziende USL in materia di maltrattamenti

Le competenze delle Aziende USL in materia di maltrattamenti Legge 189 del 20 luglio 2004 Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali Le competenze delle Aziende USL in materia di maltrattamenti roberto mattioli massimo romeo Bologna 8 giugno

Dettagli

COMUNE DI VILLAFALLETTO

COMUNE DI VILLAFALLETTO COMUNE DI VILLAFALLETTO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO I D.Lgs. 15 novembre 1993, n. 507 Testo coordinato del regolamento approvato

Dettagli

N. 300/A/1/44285/101/3/3/9 Roma 7 settembre 2005

N. 300/A/1/44285/101/3/3/9 Roma 7 settembre 2005 N. 300/A/1/44285/101/3/3/9 Roma 7 settembre 2005 OGGETTO: Modifiche al Codice della Strada. Legge 17 agosto 2005, n. 168, di conversione con modificazioni del decreto-legge 30 giugno 2005, n. 115 recante

Dettagli

Rapporto attività di Vigilanza nella Provincia di Ancona Nuclei Vigilanza Venatoria WWF-Legambiente

Rapporto attività di Vigilanza nella Provincia di Ancona Nuclei Vigilanza Venatoria WWF-Legambiente 2014 Rapporto attività di Vigilanza nella Provincia di Ancona Nuclei Vigilanza Venatoria WWF-Legambiente Si ringrazia per il supporto La Legambiente Marche Il WWF di Ancona Via IV Novembre 78 60018 Montemarciano

Dettagli

ASSESSORATO DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITÀ Decreto 3 agosto 2010. Disposizioni relative alla limitazione della circolazione degli autoveicoli

ASSESSORATO DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITÀ Decreto 3 agosto 2010. Disposizioni relative alla limitazione della circolazione degli autoveicoli ASSESSORATO DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITÀ Decreto 3 agosto 2010. Disposizioni relative alla limitazione della circolazione degli autoveicoli nei centri abitati al fine della prevenzione degli inquinamenti

Dettagli

Città di Benevento. Ufficio Ambiente. REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente

Città di Benevento. Ufficio Ambiente. REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente Città di Benevento Ufficio Ambiente REGOLAMENTO Di igiene e tutela dell ambiente INDICE ARTICOLO 1 Campo di applicazione ARTICOLO 2 Finalità ARTICOLO 3 informazioni e comunicazioni all utente ARTICOLO

Dettagli

REGOLAMENTO DI LOCAZIONE D AREA NON CUSTODITA CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO EX ART. 1341 C.C.

REGOLAMENTO DI LOCAZIONE D AREA NON CUSTODITA CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO EX ART. 1341 C.C. REGOLAMENTO DI LOCAZIONE D AREA NON CUSTODITA CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO EX ART. 1341 C.C. Il servizio è offerto al pubblico ex art. 1336 codice civile alle seguenti condizioni: ART. 1. La sosta

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 308 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BRAMBILLA Modifiche al codice penale e altre disposizioni in materia di delitti contro gli

Dettagli

Grazie al contributo della. micro chip. anagrafe canina informatizzata edizione 2007

Grazie al contributo della. micro chip. anagrafe canina informatizzata edizione 2007 Grazie al contributo della micro chip anagrafe canina informatizzata edizione 2007 Hanno realizzato questo opuscolo: micro chip Annalisa Lombardini Azienda USL Modena Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio

Dettagli

La valutazione dei danno ambientale

La valutazione dei danno ambientale La valutazione dei danno ambientale Valmontone - Convegno: La Nuova Normativa Ambientale Ecoreati Ing. Leonardo Arru IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DANNO AMBIENTALE La riparazione del danno ambientale

Dettagli

Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ORDINANZA Ordinanza contingibile ed urgente concernente norme sul divieto di utilizzo e di detenzione di esche o di bocconi avvelenati. IL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO Piazza San Rocco 9/a 20186 MOTTA VISCONTI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI (PIATTAFORMA

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO

Città di Benevento. Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO Ordinanza Sindacale n 97 del 13 luglio 2010 IL SINDACO VISTE e RICHIAMATE integralmente le proprie Ordinanza Sindacali n 213 del 13 novembre 2009 disciplinante il servizio di raccolta dei rifiuti urbani

Dettagli

COMUNE DI GHILARZA. Provincia di Oristano

COMUNE DI GHILARZA. Provincia di Oristano COMUNE DI GHILARZA Provincia di Oristano Regolamento Comunale per la tutela del benessere della popolazione canina domestica e la disciplina della convivenza tra l uomo e l animale Approvato con deliberazione

Dettagli

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI Obiettivo dell Accordo di Programma per la gestione dei rifiuti inerti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GERARDINI. Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GERARDINI. Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 7594 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GERARDINI Disposizioni in materia di raccolta e riciclaggio di pneumatici Presentata il 6

Dettagli

Erogasmet S.p.A. Carta del Servizio di distribuzione dell acqua tramite rete EROGASMET S.P.A.

Erogasmet S.p.A. Carta del Servizio di distribuzione dell acqua tramite rete EROGASMET S.P.A. EROGASMET S.P.A. CARTA DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DELL ACQUA TRAMITE RETE 1 Indice Indice... 2 PRESENTAZIONE... 3 1 PREMESSA... 3 2 PRINCIPI FONDAMENTALI... 3 2.1 Eguaglianza ed imparzialità di trattamento...

Dettagli

Contratto tipo per il trasporto di persone in montagna mediante impianto traente a fune nel territorio della Regione Lombardia

Contratto tipo per il trasporto di persone in montagna mediante impianto traente a fune nel territorio della Regione Lombardia CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA - BRESCIA Contratto tipo per il trasporto di persone in montagna mediante impianto traente a fune nel territorio della Regione Lombardia ART. 1 -

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI LAMPORECCHIO Provincia di Pistoia C.F.: 00300620473 DELIBERA C.C. N. 6 DEL 18 GENNAIO 2013 ALLEGATO A1 REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE (Art. 117 comma 6 della Costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1871 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore BARBOLINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 2 NOVEMBRE 2007 Misure in materia di sicurezza per le rivendite di generi

Dettagli

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SICUREZZA STRADALE Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 121 Operativa OGGETTO: Circolazione stradale. Riforma C.d.S. Legge 15 luglio 2009, n. 94

Dettagli

Regolamento per l introduzione e il trasporto di armi e di qualsiasi mezzo distruttivo e/o di cattura della fauna nel territorio del Parco Naturale

Regolamento per l introduzione e il trasporto di armi e di qualsiasi mezzo distruttivo e/o di cattura della fauna nel territorio del Parco Naturale Regolamento per l introduzione e il trasporto di armi e di qualsiasi mezzo distruttivo e/o di cattura della fauna nel territorio del Parco Naturale Regionale delle Serre 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

Quando si intende attivare il commercio mediante l uso di mezzi di comunicazione:

Quando si intende attivare il commercio mediante l uso di mezzi di comunicazione: SCHEDA 6CF Commercio con mezzi di comunicazione (TV e internet) 1) Quando si deve fare? Quando si intende attivare il commercio mediante l uso di mezzi di comunicazione: Vendita con mezzi di comunicazione

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto.

Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. &2081(',0('( 3URYLQFLDGL3DYLD!#"%$ &!' ' $$ 5(*2/$0(172 &$1,/(&2081$/( $577LWRODULWj Il Comune di Mede è proprietario del canile sito in località Castelletto. $57*HVWLRQH Il canile è gestito di norma dal

Dettagli

Vigilanza sugli spettacoli circensi con animali, lo stato attuale della normativa e le prospettive future.

Vigilanza sugli spettacoli circensi con animali, lo stato attuale della normativa e le prospettive future. Vigilanza sugli spettacoli circensi con animali, lo stato attuale della normativa e le prospettive future. Laura Gemello ASL 1 TORINO Dipartimento di Prevenzione Servizio Veterinario Area C 17 novembre2011

Dettagli

La Carta dei Servizi è un documento

La Carta dei Servizi è un documento I PRINCIPI FONDAMENTALI Nell erogazione propri servizi AMA rispetta i seguenti principi conformi alla direttiva Ciampi del 27 gennaio 994: EGUAGLIANZA E IMPARZIALITÀ Garantire la parità di trattamento

Dettagli

NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE

NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1908-A/R Relazione orale Relatori Mazzatorta e Bettamio NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE (2ª GIUSTIZIA) (3ª AFFARI ESTERI, EMIGRAZIONE)

Dettagli

Responsabile:Il Sindaco Franco Tarquini. Indirizzo di posta elettronica: vigilanza@comunetossicia.gov.it

Responsabile:Il Sindaco Franco Tarquini. Indirizzo di posta elettronica: vigilanza@comunetossicia.gov.it L'uffico svolge le seguenti funzioni: Viabilità e infortunistica - Vigilanza - Polizia - Commercio - Licenze e autorizzazioni - Fiere e mercati - Randagismo Responsabile:Il Sindaco Franco Tarquini Indirizzo

Dettagli

Castelvetro di Modena

Castelvetro di Modena ALLE FAMIGLIE E AGLI OPERATORI ECONOMICI - n. 17 del Guida del Cittadino - Aut. Trib. RE n. 939 del 23/01/1997 - Prop. Gruppo GuidaPiù Srl - Euro 0,13 - Copia omaggio Castelvetro di Modena Edizione 2008

Dettagli

OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE. Roma 5 e 6 dicembre 2002. Progetti di legge. regionali e nazionali

OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE. Roma 5 e 6 dicembre 2002. Progetti di legge. regionali e nazionali OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE Roma 5 e 6 dicembre 2002 Progetti di legge regionali e nazionali A cura Dr. G. Fantozzi Osservatorio Legislativo Interregionale Roma 5/6 dicembre 2002 Progetti di

Dettagli

Approvato con delibera di Consiglio comunale n.75 del 5 ottobre 2009.

Approvato con delibera di Consiglio comunale n.75 del 5 ottobre 2009. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ACQUISITI MEDIANTE L IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA ATTIVATO NEL TERRITORIO URBANO DEL COMUNE DI MACERATA Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli