Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch"

Transcript

1 Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio.

2 Ogni giorno si registrano più di 50 allarmi incendio Pagina 4 Ecco cosa blocca la propagazione di un incendio Pagina 7 Combustibile o incombustibile? Pagina 10 Occhio ai ritardanti di fiamma Pagina 13 Punto di fusione oltre i 1000 C Pagina 15 La materializzazione è lavoro di squadra Pagina 17 Come rendere la casa intrinsecamente sicura Pagina 19

3 Materiali isolanti Flumroc. Con la forza naturale della roccia. 3

4 Ogni giorno si registrano più di 50 allarmi incendio 4 Negli ultimi 20 anni, dal 1991 al 2010, si sono verificati in Svizzera incendi per un danno totale di quasi sette miliardi di franchi. Una media di 53 roghi al giorno, equivalenti a oltre sinistri all anno. Si tratta di dati basati sulle statistiche avanzate dell Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio (AICAA). L enorme danno è un conto, ma pesa altrettanto la perdurante incertezza di inquilini e vicini. E pesano pure i danni secondari causati dall acqua estinguente e dalla lotta antincendio. È inoltre particolarmente pericolosa la produzione di fumi dalla combustione di materiali da costruzione tossici. Oltre un terzo dei sinistri, ossia il 36.4 per cento, è riconducibile a fulmini. Un quarto dei casi è dovuto a difetti nelle installazioni elettriche. Un ulteriore 9 per cento degli eventi è ascrivibile a focolari e ben il 5 per cento a candele accese. Questa statistica dei sinistri è molto tipica per gli edifici residenziali, che di per sé dovrebbero essere un oasi della sicurezza. «La sicurezza riveste pertanto la massima priorità per molti proprietari di immobili: prestando cautela nell utilizzo di fiamme libere e scegliendo con oculatezza i materiali da costruzione è possibile aumentare in misura sensibile la sicurezza. In modo semplice e sistematico.»

5 5

6 6

7 Ecco cosa blocca la propagazione di un incendio L edificio a Hirzel era lungo più di 30 metri e comprendeva due ali residenziali e una rimessa annessa. Ma il 10 giugno 2010 il complesso immobiliare era in fiamme. Nonostante l allarme generale scattato nelle centrali operative dei vigili del fuoco, anche dei comuni vicini, delle belle case è rimasto ben poco. Per Eugen Müller l incendio è stato uno choc. La sua nuova casa, eretta nello stesso luogo, dovrà essere strutturalmente indipendente e costruita in modo tale da garantire un adeguata protezione antincendio. Tra le misure antincendio rientrano una facciata ventilata con lastre in fibre di gesso e la coibentazione coerente del tetto e delle pareti dei frontoni e del sottotetto con lana di roccia. «L esperienza ti rende più prudente», spiega Eugen Müller, titolare dell omonima azienda di costruzioni in legno, e aggiunge: «Ora riceviamo una protezione a 360 gradi.» 7 Le parti interessate sono concordi: I pompieri sono apprezzati ma non nella propria casa! Incendio a Hirzel, un comune sito nel distretto di Horgen

8 8 Sarebbe potuta andare molto peggio! Walenstadt nel distretto di Sarganserland Il commento dell ufficiale antincendio Paul Spirig puntualizza la situazione riscontrata sul posto: grazie al rivestimento interno della stanza degli hobby con pannelli in lana di roccia, l incendio non ha potuto propagarsi alle altre parti dell edificio. Il rogo era scoppiato nella stanza degli hobby di una datata palazzina nel centro storico di Walenstadt. La causa è stato un corto circuito in un apparecchio elettrico, una causa d incendio abbastanza frequente. «Senza la coibentazione il fuoco si sarebbe propagato direttamente alla tromba delle scale», spiega Paul Spirig, che nell ambito della sua attività professionale si occupa quotidianamente di questioni riguardanti la protezione antincendio e i sinistri. All incendio del 28 novembre 2009 anche il Giornale dei pompieri svizzeri ha dedicato un articolo specifico dal titolo «Coibentazione termica decisiva in caso d incendio».

9 I materiali isolanti incombustibili fungono da tagliafuoco. 9 Lichtensteig nel Toggenburgo Nel febbraio del 2009 si è sfiorata per un pelo una catastrofe nel centro storico di Lichtensteig. Infatti l incendio è scoppiato nell «Alten Boden», uno storico edificio incassato tra due palazzi in un nucleo abitativo stretto. C era il pericolo che il rogo si propagasse ai tetti delle case adiacenti. Ma per fortuna il sottotetto, particolarmente a rischio a causa della direzione del vento, era stato adibito a mansarda abitabile e completamente coibentato con lana di roccia entro la fine dell anno precedente. I lavori di ristrutturazione erano stati eseguiti dalla falegnameria Ehrbar. Il titolare Rudolf Ehrbar è contento che il rogo non abbia avuto conseguenze più gravi. Il maestro falegname è in grado di valutare i rischi potenziali, essendo stato per molti anni vicecomandante dei pompieri locali: «I materiali isolanti incombustibili fungono da tagliafuoco.»

10 Combustibile o incombustibile? 10 Cenni in merito al comportamento al fuoco dei materiali da costruzione Il comportamento al fuoco dei materiali da costruzione viene valutato in base alla loro combustibilità e al loro comportamento rispetto alla formazione di fumo. La combustibilità dipende dall infiammabilità e dalla velocità di combustione del materiale da costruzione. Per la classificazione da parte dell Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio (AICAA) sono decisivi metodi di prova standardizzati eseguiti da istituti indipendenti, ad esempio dalla Empa. Note Non sono ammessi come materiali da costruzione i materiali facilmente infiammabili e quelli che bruciano rapidamente. Secondo l AICAA tali materiali sono classificati con i gradi di combustibilità 1 e 2 (e pertanto non figurano nella tabella). Purtroppo sono ammessi come materiali da costruzione molti materiali facilmente e mediamente combustibili, i quali presentano solo una bassa resistenza alla propagazione del fuoco, come comprovano numerosi sinistri. Norme comunitarie Oltre che in base al sistema di classificazione svizzero, molti materiali da costruzione sono classificati anche secondo la normazione europea. I criteri di classificazione dei materiali da costruzione sono la combustibilità e l infiammabilità come di consueto in Svizzera. Le classi sono contraddistinte da lettere (da A a F). Resistenza al fuoco I materiali da costruzione sono classificati in base alla loro combustibilità e contraddistinti Nella prassi le due classi «6q: praticamente da un indice di combustibilità, intere parti della incombustibile» e «6: incombustibile» sono costruzione (o elementi costruttivi) invece in equiparate. base alla loro resistenza al fuoco. È determi- L indice di combustibilità è costituito dal nante il tempo, espresso in minuti primi, du- grado di combustibilità e dal grado di rante il quale l elemento costruttivo resiste al opacità di un materiale da costruzione e fuoco. Unitamente alla funzione di un elemento corrisponde alla classificazione AICAA. costruttivo e al tempo di resistenza al fuoco Esempio: l indice di combustibilità 6q.3 in minuti si ottiene la classe di resistenza al significa «praticamente incombustibile» o fuoco, ad esempio EI 60 (EI sta per un elemento «incombustibile» e «debole densità di fumo». costruttivo non portante, 60 per il tempo di I prodotti Flumroc sono così classificati. resistenza al fuoco espresso in minuti).

11 Carico d incendio A seguito dell inasprimento delle disposizioni legali e della crescente diffusione degli standard di costruzione Minergie e Minergie-P trova impiego molto più materiale isolante nelle strutture degli involucri edilizi. A seconda del materiale aumenta il carico d incendio e quindi il rischio. Conclusione: nel caso di grossi spessori isolanti è ancora più importante impiegare materiali isolanti incombustibili. Non c è il rischio che il materiale emetta fumi tossici In caso d incendio la lana di roccia non produce né fumo né gas tossici. Queste proprietà possono salvare vite umane, visto che quattro su cinque vittime di incendi sono dovute a gas di combustione tossici. Grado di combustibilità secondo EN (norma europea) A1 A2 B C D E F incombustibile difficilmente combustibile normalmente infiammabile facilmente infiammabile Criteri di classificazione dei materiali da costruzione secondo AICAA (indice di combustibilità) Grado di combustibilità Infiammabilità, velocità di combustione Densità di fumo Il fattore determinante è l assorbimentodella luce. 6 incombustibile 1 forte densità di fumo 6q praticamente incombustibile 2 media densità di fumo 5 difficilmente combustibile a 200 C 3 debole densità di fumo 4 mediamente combustibile 3 facilmente combustibile 11 Prova di combustione a 1000 C Prova di combustione a 1000 C: prima/dopo

12 12

13 Occhio ai ritardanti di fiamma Molti materiali isolanti contengono ritardanti di fiamma che per la loro in parte notevole tossicità sono giudicati molto critici da enti indipendenti. L infiammabilità di materiali isolanti di per sé combustibili può essere ridotta aggiungendo sostanze ritardanti di fiamma. I ritardanti di fiamma riducono anche la velocità di combustione di elementi costruttivi, limitando quindi la propagazione di focolai d incendio. L ECHA (European Chemical Agency) ha inserito alcuni ritardanti di fiamma nell elenco delle sostanze molto preoccupanti. L Unione Europea sta programmando di limitare l uso di sostanze particolarmente tossiche in edifici e impianti. I prodotti Flumroc non contengono ritardanti di fiamma. Perché la lana di roccia non è combustibile! 13

14 14

15 Punto di fusione oltre i 1000 C La roccia non brucia Questo è un dato di fatto che, pur essendo generalmente noto, può essere comunque comprovato secondo metodi di prova unificati e fondati su basi scientifiche. Il riferimento di base è la norma «DIN 4102, Parte 17: Comportamento al fuoco di materiali da costruzione ed elementi costruttivi; punti di fusione dei materiali isolanti; definizioni, requisiti e metodi di prova». Il punto di fusione della maggior parte dei materiali da costruzione si aggira su alcune centinaia di gradi, molti materiali isolanti fondono già a 200 C. La lana di roccia, invece, mantiene stabile la sua forma ben oltre i 1000 C, dal momento che il suo punto di fusione è nettamente più alto! 15 Leader in quattro discipline I prodotti in lana di roccia non vantano solo ottime proprietà di protezione antincendio, ma presentano eccellenti qualità fisico-costruttive anche per quanto riguarda altri criteri di valutazione. Protezione antincendio Protezione contro il calore Protezione contro l umidità. Protezione contro il rumore Trovate maggiori informazioni sul sito:

16 16

17 La materializzazione è lavoro di squadra Sarebbe opportuno che il proprietario dell immobile scegliesse i materiali insieme Protezione antincendio: Requisiti di resistenza al fuoco degli edifici residenziali Le pareti, i solai e le porte tra compartimenti antincendio, cioè tra due apparta- 17 all architetto. In questo modo si possono Le case unifamiliari devono soddisfare solo menti o tra un appartamento e la tromba combinare le richieste della committenza con pochi requisiti poiché di norma tutti i locali delle scale, devono garantire una resistenza la competenza degli specialisti. Non daranno costituiscono un unico compartimento an- al fuoco minima. senz altro adito a discussioni quei materiali tincendio. E questo è uno dei motivi perché Per gli edifici a quattro o più piani vigono che rispondono sia alla richiesta di una mag- le case con un solo appartamento sono mal requisiti più elevati. Per gli edifici a più piani giore sicurezza che ai requisiti fisico-costrutti- protette contro gli incendi. Infatti negli edi- realizzati in legno è prescritto un piano vi imposti dagli addetti ai lavori. Conclusione: fici piccoli il rischio d incendio non è affatto di protezione antincendio di un esperto la lana di roccia mette d accordo sicurezza e minore che nelle palazzine plurifamiliari. indipendente. fisica edilizia. Esistono invece requisiti per le pareti, i solai e le porte dei locali a rischio, come ad Conclusione: scegliendo materiali isolanti esempio i locali caldaia. incombustibili si ottiene in ogni caso un maggior I muri tagliafuoco sono soggetti a severi livello di sicurezza sia nelle case unifamiliari requisiti poiché servono a suddividere che nelle palazzine a più piani. l edificio da proteggere in vari compartimenti antincendio. Fasi di attuazione La committenza formula le sue richieste circa la materializzazione in fase di nuova costruzione o ristrutturazione dell edificio. Colloquio con l architetto o con l impresa esecutrice dei lavori in merito all attuazione degli obiettivi Realizzazione degli interventi Controlling della qualità edilizia da parte della committenza o dell architetto Esempi Formulare i requisiti, ad esempio: Protezione antincendio: materiali incombustibili per la coibentazione termica Protezione contro il calore: come minimo conforme allo standard Minergie Protezione contro il rumore: requisiti elevati conformi alle norme SIA vigenti in materia Redigere un verbale e metterlo agli atti Redigere un verbale di collaudo

18 18 Tetto a falde con isolamento termico tra e sotto i correntini e sottotetto a pannelli Tetto piano con strato utile e impermeabilizzazione, nonché isolamento con compluvio integrato Pavimento di soffitto con isolamento termico e pannello truciolare Parete esterna con isolamento termico intonacato su muro in laterizi Solaio di cantina con isolamento termico rivestito Canale di aerazione con isolamento termico

19 Come rendere la casa intrinsecamente sicura I requisiti di protezione antincendio dell Associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio (AICAA) valgono per pareti esterne e interne, per solai e pavimenti, per rivestimenti di pavimenti e coperture di tetti. Tutti questi elementi costruttivi devono però soddisfare anche specifici requisiti di protezione contro il calore, l umidità e il rumore. Questi requisiti fisico-costruttivi devono essere in sintonia con la protezione antincendio. Naturalmente alla protezione antincendio spetta la priorità assoluta. Usando materiali da costruzione incombustibili sono estremamente rari i dettagli costruttivi in cui la sicurezza richiesta in caso d incendio non è compatibile con le altre qualità fisicocostruttive richieste. Impiegando la lana di roccia i committenti e i loro incaricati, architetti e tecnici di immobili, si creano una certa libertà di progetto: l elemento costruttivo rimane infatti per decenni esente da danni, fa risparmiare energia ed è fonoisolante, oltre a garantire la necessaria sicurezza in caso d incendio. 19 Maggiori informazioni Flumroc offre tutta una serie di informazioni tecniche in materia di protezione antincendio: Protezione antincendio nell edilizia: informazioni generali Protezione antincendio nell edilizia in legno (anche edifici a più piani) Protezione antincendio nelle costruzioni in acciaio (fabbricati funzionali, sistemi portanti) La sicurezza antincendio è fattibile!

20 Con riserva di modifiche. Non esitate a contattarci in caso di dubbi. Gli esempi applicativi descritti non possono tenere conto di situazioni specifiche particolari e sono forniti senza alcuna responsabilità. FLUMROC AG, Industriestrasse 8, Postfach, CH-8890 Flums, Tel , Fax , FLUMROC SA, Route du Bois 1, Case postale 94, CH-1024 Ecublens, Tél , Fax , i G Stampato su carta sbiancata senza cloro.

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

Guida alla protezione passiva dal fuoco. Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain

Guida alla protezione passiva dal fuoco. Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain Guida alla protezione passiva dal fuoco Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain ED. FEBBRAIO 2012 Guida alla protezione passiva dal fuoco Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain Nell ambito edile, la protezione dal

Dettagli

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori

Risparmio ed efficienza energetica negli edifici GUIDA PRATICA PER I CONSUMATORI. Test noi consumatori Test noi consumatori Test noi consumatori - Periodico settimanale di informazione e studi su consumi,servizi, ambiente - anno XXIII n. 6 del 4 febbraio 2011 - sped. in abb. post. DL 353/2003 ( conv. in

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri

SPECIALE TECNICO. Soluzioni per una casa a basso consumo energetico. A cura di Roberto Salustri SPECIALE TECNICO Soluzioni per una casa a basso consumo energetico A cura di Roberto Salustri NOVEMBRE 2014 QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / NOV 2014 ABSTRACT Soluzioni per una casa a basso consumo energetico

Dettagli

COMPORTAMENTO AL FUOCO IL PVC IN EDILIZIA

COMPORTAMENTO AL FUOCO IL PVC IN EDILIZIA COMPORTAMENTO AL FUOCO IL PVC IN EDILIZIA Centro di Informazione sul PVC Via M. U. Traiano, 7-20149 Milano www.pvcforum.it infopvc@tin.it 1. Gli edifici ed i comportamento al fuoco: progettazione, prevenzione

Dettagli

La CASA ENERGETICAMENTE EFFICIENTE: GUIDA alla COSTRUZIONE. e alla GESTIONE

La CASA ENERGETICAMENTE EFFICIENTE: GUIDA alla COSTRUZIONE. e alla GESTIONE La CASA ENERGETICAMENTE EFFICIENTE: GUIDA alla COSTRUZIONE e alla GESTIONE Presentazione... 5 L importanza di una casa che fa risparmiare energia... 6 Come si costruisce una casa a basso consumo di energia...

Dettagli

SPECIALE TECNICO. Riscaldarsi con il pellet e con la legna. Autori vari

SPECIALE TECNICO. Riscaldarsi con il pellet e con la legna. Autori vari SPECIALE TECNICO Riscaldarsi con il pellet e con la legna Autori vari OTTOBRE 2014 Questo Speciale è stato realizzato grazie al contributo di: QUALENERGIA.IT SPECIALE TECNICO / OTT 2014 ABSTRACT Riscaldarsi

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

Isomax/Terra-Sol tecnologia per edifici

Isomax/Terra-Sol tecnologia per edifici Isomax/Terra-Sol tecnologia per edifici SOMMARIO Pagina 1. Introduzione 2 2. Utilizzo dell energia terrestre superficiale e sostenuta dal sole 2 per risparmiare energia in edifici 3. Indagine geotecnica

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

Sistema con compluvio integrato

Sistema con compluvio integrato Sistema con compluvio integrato NUOVO! Compluvio standard 1.5 % Ancora più semplice. Ancora più conveniente. La forza naturale della roccia Isolamento termico e compluvio in un unico sistema 2 I sistemi

Dettagli

Il radon in Italia: guida per il cittadino

Il radon in Italia: guida per il cittadino QUADERNI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DIPARTIMENTO DI MEDICINA DEL LAVORO Osservatorio Epidemiologico Nazionale sulle condizioni di salute e sicurezza negli ambienti di vita Il radon in Italia: guida per

Dettagli

INDICAZIONI PER LA PROGETTAZIONE ED ELEMENTI PER IL CAPITOLATO dei prodotti vetrari per l edilizia

INDICAZIONI PER LA PROGETTAZIONE ED ELEMENTI PER IL CAPITOLATO dei prodotti vetrari per l edilizia INDICAZIONI PER LA PROGETTAZIONE ED ELEMENTI PER IL CAPITOLATO dei prodotti vetrari per l edilizia EDIZIONE SETTEMBRE 2014 PREFAZIONE La collaborazione avviata da alcuni anni tra Assovetro ed Anci ha

Dettagli

Il vetro nell architettura

Il vetro nell architettura Opuscolo tecnico Il vetro nell architettura upi Ufficio prevenzione infortuni Uso sicuro del vetro nell edilizia Nell architettura moderna il vetro non è utilizzato soltanto per le finestre, bensì come

Dettagli

per gli edifici esistenti

per gli edifici esistenti per gli edifici esistenti per gli edifici esistenti a cura dell Arch. Michelantonio Rizzi (CFR associati) www.provincia.udine.it Servizio Risorse Energetiche Servizi Risorsis Energjetichis a cura di Arch.

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

HEADQUARTERS: DK-2850

HEADQUARTERS: DK-2850 Il rumore ambientale Contenuti Informazioni sull opuscolo... 3 Introduzione... 4 Cos è il suono?... 7 Tipi di rumore... 14 Propagazione del rumore nell ambiente... 16 Identificazione delle sorgenti di

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 19 AGOSTO 1996 (S.O.G.U. n. 14 del 12 settembre 1996) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

L EPS : I RAPPORTI TRA λ E ρ

L EPS : I RAPPORTI TRA λ E ρ L EPS : I RAPPORTI TRA λ E ρ INDICE 1. Introduzione.....3 2. Obiettivi...6 3. Riferimenti normativi...8 3.1. UNI EN 13163......8 3.2. Conduttività termica secondo UNI EN 13163...9 3.3. UNI 10351...12 4.

Dettagli

Aquapanel é anche Facciata Ventilata

Aquapanel é anche Facciata Ventilata Aquapanel é anche Facciata Ventilata 1FACCIATA VENTILATA AQUAPANEL 01/2014 Facciata Ventilata AQUAPANEL : Sistema Knauf AQUAPANEL e Sistema SmartAir - INTRODUZIONE Tagliati per le costruzioni. Sistemi

Dettagli

Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311)

Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311) ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI TERAMO Circolare informativa sugli adempimenti normativi relativi alla progettazione termica nel settore dell edilizia (D.lgs 192 e 311) Indice 1) Premesse 2)

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia"

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia" coordinato con il D.Lgs. 311/2006, con il D.M. 26/6/09, con la L. 99/2009

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

I PANNELLI SOLARI AUTOCOSTRUITI LA PROGETTAZIONE DELL IMPIANTO

I PANNELLI SOLARI AUTOCOSTRUITI LA PROGETTAZIONE DELL IMPIANTO ACQUA CALDA DAL S LE LA PROGETTAZIONE DELL IMPIANTO MANUALE N 1 A cura dell Ing. Natale Sartori KOSMÒS scarl Versione 1 del 28 febbraio 2004 KOSMÒS scarl Via Feldi, 7 38030 Roverè della Luna (TN) Tel.

Dettagli

FAQ (domande più frequenti)

FAQ (domande più frequenti) FAQ (domande più frequenti) N.B. Le FAQ sotto riportate derivano dalle risposte effettivamente fornite da ENEA ai vari richiedenti nell'arco degli ultimi anni. Sono basate sull'esperienza del nostro Gruppo

Dettagli

Pompe di calore per la climatizzazione

Pompe di calore per la climatizzazione SPECIALE TECNICO Pompe di calore per la climatizzazione CO.AER CO.AER - Associazione Costruttori di Apparecchiature ed Impianti per la climatizzazione e le pompe di calore SPONSOR www.carel.com www.robur.it

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

MISURE DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI IMPIANTI ELETTRICI NELLE FIERE E NELLE ATTIVITÀ DI PUBBLICO SPETTACOLO A CARATTERE TEMPORANEO

MISURE DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI IMPIANTI ELETTRICI NELLE FIERE E NELLE ATTIVITÀ DI PUBBLICO SPETTACOLO A CARATTERE TEMPORANEO Quelli che s innamoran di pratica sanza scienzia, son come l nocchieri ch entra in naviglio sanza timone o bussola, che mai ha certezza dove si vada Leonardo da Vinci 3 MISURE DI SICUREZZA ANTINCENDI PER

Dettagli

La sicurezza nei lavori sulle coperture Sistemi di prevenzione e protezione contro la caduta dall alto

La sicurezza nei lavori sulle coperture Sistemi di prevenzione e protezione contro la caduta dall alto La sicurezza nei lavori sulle coperture Sistemi di prevenzione e protezione contro la caduta dall alto Atti dei seminari: Un cantiere sicuro per riqualificare l esistente - Lavori in copertura 4 Ottobre

Dettagli