REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO"

Transcript

1 n. Sent. n. R.G. A.C. Sentenza n.98/03 Deciso il 11/09/03 Deposito il 11/09/03 n. Cron. n. Rep. Esecuzione forzata Espropriazione presso terzi Accertamento dell obbligo del terzo Limiti del Giudizio ex art.548 cpc - Regime probatorio a carico del creditore pignorante o intervenuto - Prova del debito del terzo verso il debitore esecutato all atto del pignoramento Inottemperanza - Eccezioni del terzo pignorato Valore probatorio delle fatture - Rif.Leg.art.2704 cc;artt.548,549 cpc; REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Modena sezione distaccata di Carpi Il Giudice Unico dott. Riccardo Di Pasquale, ha emanato la seguente SENTENZA Nella causa civile iscritta al n. 4088/2000 R.G. A.C. promossa da: CASSA RISPARMIO CARPI s.p.a., con sede in Carpi, Piazza Martiri n. 3, P.I , domiciliata in Carpi viale Carducci, 109 presso lo studio degli avv.ti Giuliana Gualdi e Maria Gualdi, rappresentanti nel presente giudizio in virtù di procura speciale agli atti. ATTRICE e BANCA POPOLARE DELL'EMILIA ROMAGNA scarl, con sede in Modena, via San Carlo 8/20, P.I , domiciliato in Modena via Scaglia Est 19, presso lo studio dell avv. Vittorio Cazzella rappresentante nel presente giudizio in virtù di procura speciale apposta a margine del ricorso per intervento. ATTRICE Contro YY, titolare della impresa individuale EDIL MAX di YY, con sede Carpi, via Lincoln 7/a, C.F. NNCMSM68D29B819N CONVENUTO CONTUMACE ZZ1, residente in Carpi, via Magazzeno 1/d, C.F. LCNPRZ54M47C319F, ZZ2, residente in Carpi, via Magazzeno 1/d, C.F. BNONNI50A19B819N, entrambi elettivamente domiciliati in Carpi via Berengario, 20 presso lo studio degli avv.ti Paolo Setti e Caterina Melato, rappresentanti nel presente giudizio in virtù di procura speciale apposta in calce all atto introduttivo. CONVENUTI e IMPRESA HH., in persona del titolare HH, con sede in Fossoli di Carpi via I. Martinelli 128, C.F. e P.I , rappresentata e difesa dall avv. Vittorio Corsini 1

2 di Modena e domiciliato in Carpi, via Morgagni n.15 presso lo studio dell avv. Luca Guelfi, in forza di procura speciale apposta a margine della comparsa di costituzione e risposta. CONVENUTO Avente ad oggetto: ACCERTAMENTO DELL'OBBLIGO DEL TERZO EX ART 548 CPC Conclusioni per la parte attrice Casa Risparmio Carpi spa: Voglia l Ill.mo sig. Giudice, ogni contraria istanza disattesa, A) nei confronti dei signori ZZ2 e ZZ1 accertare e dichiarare non opponibili alla Cassa Risparmio Carpi spa i pagamenti relativi ai crediti ceduti alla medesima eventualmente intervenuti dopo la notifica della cessione e conseguentemente condannare i terzi pignorati a pagare alla Cassa di Risparmio Carpi spa le somme relative, oltre interessi dalla data della notifica della cessione del credito; accertare e dichiarare che la Edilmax di YY è creditrice nei confronti dei signori ZZ2 e ZZ1 quantomeno della somma di , pari a ,20 o della diversa somma che verrà ritenuta di giustizia, oltre interessi; condannare il debitore ed i terzi pignorati, in solido tra loro, a rifondere alla Cassa Risparmio Carpi spa le spese, competenze ed onorari di causa; B) Nei confronti della Impresa HH. Accertare e dichiarare non opponibili alla Cassa Risparmio Carpi spa i pagamenti relativi ai crediti ceduti alla medesima eventualmente intervenuti dopo la notifica della cessione e conseguentemente condannare i terzi pignorati a pagare alla Cassa Risparmio Carpi spa le somme relative, oltre interessi dalla data della notifica della cessione del credito; Accertare e dichiarare che la Edilmax è creditrice nei confronti della Impresa HH. quantomeno della somma di pari ad ,86 o della diversa somma che verrà ritenuta di giustizia, oltre interessi; Condannare il debitore e la terza pignorata, in solido tra loro, a rifondere alla Cassa Risparmio Carpi spa, le spese, competenze ed onorari di causa. Conclusioni per la parte attrice intervenuta Banca Popolare Emilia Romagna: Contrariis reiectis, accerti il Giudice adito la sussistenza o meno dell obbligo in capo ai convenuti terzi pignorati di provvedere al pagamento dei crediti oggetto di pignoramento con ogni conseguente provvedimento e rigettando altresì la domanda del creditore procedente di assegnazione in via esclusiva delle somme eventualmente dovute dai convenuti. Con vittoria di spese, competenze ed onorari di giudizio. Conclusioni per parte convenuta sigg. ZZ2 e ZZ1 : Voglia l Ill.mo Giudice adito, contrariis reiectis, respingere ogni e qualsiasi domanda ex adverso formulata in quanto infondata in fatto ed in diritto. Conclusioni per parte convenuta Impresa HH. : Voglia l.ill.mo Tribunale adito, ogni istanza avversaria reietta e disattesa, in via pregiudiziale previo accertamento dell inosservanza del termine previsto dall art. 163 bis cpc, ai sensi dell art.164 cpc fissarsi nuova udienza ex art.180 cpc nel rispetto dei termini di legge. Nel merito: previo accertamento che con il pagamento delle fatture 12/99, 16/99, 19/99 e 20/99 si è esaurito ogni rapporto economico tra la ditta Edilmax di Pannicello e l Impresa HH., dichiarare che nulla è più dovuto da quest ultima a Edilmax di YY ; conseguentemente rigettare ogni domanda promossa dalla Cassa Risparmio di Carpi spa nei confronti di Impresa Edile HH. Con vittoria di spese, diritti ed onorari di causa. Svolgimento del processo La Cassa di Risparmio di Carpi (di seguito anche solo CRC, per brevità) procedeva in via esecutiva, con atto di pignoramento presso terzi, per la somma di Lire da 2

3 precetto, nei confronti del debitore YY, titolare della ditta individuale Edil Max (di seguito anche solo YY o Edilmax), in forza di titolo esecutivo costituito da decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo ex art. 642 cpc emesso dal Tribunale di Modena Sezione distaccata di Carpi nei confronti di YY e di Scarano Monica. L atto di pignoramento veniva notificato al debitore YY (in data 26/11/99) ed ai terzi pignorati ZZ1 e ZZ2 (17/11/99), Impresa HH. (18/11/99), ditta Eurostiro di Barletta Bruno (16/11/99), Barletta Bruno e Belmonte Raffaella (16/11/99), Po Ferruccio e Monticella Leda (16/11/99): citazione per l udienza del 15 dicembre Banca Popolare dell Emilia Romagna scarl (di seguito anche solo BPER, per brevità) depositava in Cancelleria in data 7/12/99, ricorso per intervento per il complessivo credito di Lire per saldo debitore di conto corrente ed altro, in forza di estratto autentico del libro giornale sezionale crediti in sofferenza. All udienza del 15/12/99 avanti al giudice dell esecuzione comparivano i terzi pignorati, ad eccezione del solo HH., e rendevano tutti dichiarazioni negative. Concesso termine per l esame delle dichiarazioni, alla successiva udienza del 2/2/00 i creditori, pignorante CRC e intervenuto BPER chiedevano procedersi ex art. 548 cpc all istruzione della causa di accertamento dell obbligo dei terzi. Il G.E. fissava l udienza del 3/5/00 per l istruzione della causa, disponendo che il verbale d udienza fosse notificato al debitore ed ai terzi pignorati, non presenti. CRC rinunciava agli atti esecutivi ed agli atti del giudizi di accertamento dell obbligo del terzo, limitatamente ai terzi pignorati Eurostiro di Barletta Bruno, Barletta Bruno e Belmonte Raffaella, Po Ferruccio Monticelli Leda e Po Luca, con atto notificato ai terzi in data /3/00. CRC provvedeva a notificare il verbale d udienza del 2/2/00 al debitore esecutato (30/3/00) ed ai terzi pignorati ZZ1 e ZZ2 (17/3/00) e Impresa HH. (20/3/00). Si costituivano in giudizio ZZ1 e ZZ2 e Impresa HH. Va premesso che all udienza del 15/12/99 i terzi pignorati ZZ1-ZZ2 avevano dichiarato: Nulla dobbiamo alla Edil Max in quanto quest ultima ha effettuato per nostro conto dei lavori nel periodo novembre 98 settembre 99 con varie sospensioni dei lavori. Abbiano già saldato integralmente il nostro debito nei confronti di Edilmax. Precisiamo che abbiamo ricevuto anche avvisi di scadenza di ricevute bancarie palesemente false e relative notifiche di cessioni di credito da parte della Cassa di Risparmio di carpi e Banca Popolare dell E.R. alle quali abbiamo comunicato l inesistenza dei crediti. Siamo in possesso della documentazione di quanto sopra precisato, ma non siamo in grado di esibirle in data odierna.. ZZ1-ZZ2 ribadivano di nulla dovere a YY alla data di notifica del pignoramento, in quanto i rapporti economici nascenti dal contratto di appalto stipulato per la ristrutturazione di un immobile di loro proprietà in Carpi erano stati definiti nel mese di ottobre 99 a seguito di transazione; dichiaravano di non avere mai ricevuto le fatture n. 18 del 31/5/99 e n. 21 del 30/6/99 emesse da YY ed i cui crediti erano poi stati ceduti a CRC, e che in ogni caso si trattava di somme non dovute all appaltatore. Producevano varia documentazione a sostegno delle loro ragioni. L Impresa. HH dichirava di avere esaurito ogni rapporto con Edimax e di non essere per tale motivo comparsa all udienza del 15/12/99, previa comunicazione inviata dal suo legale (doc. 3). Eccepiva il mancato rispetto dei termini a comparire ex art. 163 bis cpc. 3

4 Nel merito esponeva di non dovere nulla a Edimax, poiché al tempo della notifica del pignoramento aveva già provveduto al pagamento delle fatture n. 12 del 6/4/99, 16 del 3/5/99, 19 del 31/5/99 e 20 del 30/6/99, come da documentazione BPER; mentre le fatture n. 22, 23 e 25/99 oggetto della cessione 27/9/99 erano inesistenti e non gli erano mai prevenute. All udienza del 3/5/00 il giudice dichiarava l estinzione della causa limitatamente ai sopra indicati terzi pignorati; dichiarava la contumacia del debitore YY; rilevava l infondatezza dell eccezione del convenuto HH (v. ordinanza da intendersi qui integralmente richiamata). Le parti producevano documenti, ed in particolare l Impresa HH copia autentica del registro iva acquisti. Veniva emesso nei confronti del convenuto contumace YY ordine di esibizione, al quale questi non ottemperava. Venivano assunte prove per interrogatorio e per testimoni all udienza del 29/1/01. La causa veniva posta in decisione, ai sensi dell art. 281 quinquies cpc, all udienza del 22/1/03, sulle conclusioni delle parti, come in epigrafe trascritte, disponendo lo scambio delle comparse conclusionali e delle memorie di replica, ai sensi dell art. 190 cpc. Motivi della decisione Si tratta di giudizio di accertamento dell obbligo del terzo ex art. 548 cpc promosso da CRC e BPER nei confronti di ZZ2-ZZ1 e Impresa. HH. Va preliminarmente ribadita l infondatezza della eccezione processuale sollevata dal convenuto HH. Si è precisato in giurisprudenza che l istanza di istruzione di cui all art. 548 cpc non essendo legata ad una forma predeterminata, può essere fatta in qualsiasi forma idonea al raggiungimento dello scopo. Nella specie l istanza è stata ritualmente proposta a verbale d udienza del 2/2/00. Copia del processo verbale contente l istanza, è stata notificata al debitore ed ai terzi pignorati assenti, per garantire il principio del contraddittorio; null altro è stato ritenuto necessario dalla giurisprudenza: non è in particolare previsto il rispetto dei termini fissati dall art. 163 bis cpc. Prima di esaminare separatamente le due distinte posizioni dei terzi pignorati ZZ2-ZZ1 e Impresa HH, vanno fatte alcune comuni premesse sulla natura del presente giudizio e sul principio dell onere della prova. Il creditore pignorante o intervenuto-, alla stregua di chiunque altro faccia valere un diritto in giudizio, è tenuto a provare l esistenza del credito del proprio debitore esecutato (art cc). Solo raggiunta tale prova si pone la successiva- questione della eccezione del terzo pignorato di avere soddisfatto le ragioni creditorie del debitore esecutato. Il terzo deve provare non soltanto il fatto estintivo dedotto, ma anche l anteriorità di esso al pignoramento (art cc), con i limiti di opponibilità rispetto al creditore, della data delle scritture e delle quietanze (v. art cc). Si è precisato in dottrina (P. Castoro, Il processo di esecuzione nel suo aspetto pratico) che il creditore ex art. 548 cpc agisce iure proprio. Gli è necessario e sufficiente il titolo esecutivo che egli possiede contro il proprio debitore; mentre questi non è a sua volta tenuto a possedere di necessità un titolo esecutivo contro il terzo. Il problema è rilevante se il debitore dispone di un semplice diritto di credito verso il terzo: è assai difficile 4

5 sostenere che si tratti di un bene a lui già appartenente in proprietà. Ma la legge, all esclusivo effetto dell espropriazione presso terzi, finge quella appartenenza. L azione esercitata dal creditore non si identifica con l azione surrogatoria di cui all art cc. Praticamente il creditore si surroga al debitore nella produzione delle prove, avendo egli l onere di provare i fatti sui quali si fonda l esistenza del diritto del debitore nei confronti del terzo. Ma questa limitata attività surrogatoria non vale a trasformare la natura dell azione esercitata dal creditore pignorante. 1) - Terzi pignorati ZZ2-ZZ1. Gli attori CRC creditore pignorante e BPER creditore intervenuto non hanno fornito una adeguata prova della esistenza di un residuo- debito dei terzi nei confronti di YY, alla data di notifica dell atto di pignoramento. Sono stati prodotti i seguenti documenti: - contratto d appalto 21/9/98 stipulato tra ZZ2 e ZZ1 committenti- con Edilmax appaltatore- per l esecuzione di lavori di ristrutturazione di immobile sito in Carpi, via Magazzeno, per il corrispettivo di Lire , oltre iva (doc. 3 convenuti); - seguono contestazioni scritte sulla esecuzione dei lavori dai committenti all appaltatore (doc. da 4 a 9); - fatture Edilmax n. 10 del 31/3/99 di Lire 22 milioni, pagata con bonifico del 6/5/99 e fattura n. 15 del 3/5/99 di Lire 33 milioni, pagata con bonifico del 1/7/99 (doc. prodotti con le memorie 12/9/00 e 15/3/01); - scrittura privata 4/5/99, integrativa del precedente contratto, con proroga del termine al 15/7/99 e previsione di una penale giornaliera di Lire in caso di ritardo da detrarsi dal corrispettivo; con pagamenti previsti di Lire 30 milioni il 30/6/99 e Lire 30 milioni il 30/8/99 a saldo (doc. 10); - seguono contestazioni scritte dai committenti all appaltatore per l emissione da parte di quest ultimo delle fatture n. 18 del 31/5/99 di Lire 33 milioni -imponibili 30 milioni- e n. 21 del 30/7/99 di Lire 33 milioni -imponibili 30 milioni- (doc ); - CRC notificava il 27/9/99 a ZZ2 e ZZ1 la cessione fattale da YY dei crediti portati dalla predette due fatture n. 18 e 21 (doc. 14 e 15 convenuti e n. 1 e 2 CRC, ai quali non è allegata copia delle fatture); la fattura n. 18 non è stata acquisita agli atti neppure in copia, anche perché YY non ha ottemperato all ordine di esibizione ex art. 210 cpc; la fattura n. 21 è stata prodotta in copia dai convenuti e reca la quietanza pagato per fine lavori, senza data, di YY (doc. prodotto con la memoria 27/2/01); si deve anche osservare che nel citato atto CRC vi sono dei dati discrepanti: è indicata la fattura n. 21 del 30/6/99 anziché 30/7/99- dell importo di Lire anziché ; - transazione 12/10/99 tra ZZ2-ZZ1 e YY, con la quale le parti dichiarano di avere definito ogni rapporto, compensando il credito di Lire 33 milioni di YY di cui alla fattura n. 21/99 con il maggior credito di ZZ2-ZZ1 di Lire 78 milioni a titolo di penale prevista nella scrittura 4/5/99 (doc. 17 convenuti). La teste ZZ2 Elisabetta figlia dei convenuti- ha dichiarato di essere andata lei a prendere la scrittura 12/10/99 dall avv. Setti; che lo stesso giorno nel pomeriggio nel laboratorio dei suoi genitori a Fossoli di Carpi questi raggiunsero l accordo con YY; che YY in quell occasione quietanzò anche l ultima fattura relativa ai lavori. 5

6 Si tratta di deposizione utilizzabile ai sensi dell art co. 3 c.c., che consente di accertare con qualsiasi mezzo la data delle quietanze. Il teste Contini Mario, dipendente CRC all epoca dei fatti, ha dichiarato che in un colloquio telefonico avuto con la sig.ra ZZ1 a fine settembre, primi di ottobre 99, questa gli aveva riferito che erano quasi a fine lavori, che avevano delle contestazioni nei confronti dell appaltatore per le quali si sarebbero messi d accordo con la ditta e che avrebbero poi fatto avere alla banca quanto ancora dovuto come corrispettivo. Tale deposizione non è in contrasto con il contenuto della successiva transazione 12/10/99, di cui si è sopra detto. Sulla base del materiale probatorio acquisito deve concludersi che gli attori non hanno fornito una adeguata prova della esistenza di un residuo- debito dei terzi ZZ2 e ZZ1 nei confronti del debitore esecutato YY, alla data del 17/11/99 di notifica dell atto di pignoramento. In particolare và rilevato che l ultimo documento negoziale riporta la data del 12/10/99, ed in esso si fa espresso riferimento alla fattura n. 21/99; la fattura n. 21 risulta altresì quietanzata in pari data; la fattura n. 18 non è neppure stata acquisita agli atti. In sostanza sulla base dei documenti agli atti non è possibile ritenere raggiunta la prova della esistenza di un debito dei terzi ZZ2-ZZ1 nei confronti di YY. CRC ha però anche chiesto di accertare e dichiarare a lei non opponibili i pagamenti relativi ai crediti ceduti alla medesima eventualmente intervenuti dopo la notifica della cessione e conseguentemente condannare i terzi pignorati a pagare alla Cassa di Risparmio Carpi spa le somme relative, oltre interessi dalla data della notifica della cessione del credito. Tale domande è inammissibile nel presente giudizio ex art. 548 cpc. CRC chiede in sostanza di accertare incidentalmente l esistenza delle cessioni di credito e che i pagamenti effettuati dai debitori pignorati in data successiva alle cessioni non le sono opponibili, con conseguente condanna al pagamento in suo favore di tali somme. Si tratta in primo luogo di domande formulate per la prima volta con la comparsa ex art. 180 co 2 cpc depositata il 30/6/00: domande nuove e perciò non consentite. Ma soprattutto si tratta di domande inammissibili nel presente giudizio ex art. 548 cpc, che è a contenuto vincolato. La presente causa non ammette altra domanda che non sia quella diretta ad accertare il diritto del debitore esecutato nei confronti del terzo debitor debitoris. Si tratta di una sentenza dichiarativa o di mero accertamento. Il giudice si deve limitare ad accertare l esistenza oppure no del diritto del debitore nei confronti del terzo. In caso positivo fissa un termine per la prosecuzione del processo esecutivo ex art. 549 cpc. Il debitor debitoris è appunto terzo rispetto alla esecuzione contro il titolare del credito. Con questa domanda CRC, creditore pignorante, chiede di accertare non il diritto del debitore Edilmax nei confronti dei terzi ZZ2-ZZ1, ma il suo diritto nei confronti dei terzi quale diretto- titolare dei crediti, in forza di atti di cessione compiuti dal debitore esecutato. CRC solleva anche la problematica della efficacia della cessione riguardo al debitore ceduto (art cc) e specificamente del regime delle eccezioni che il debitore ceduto può opporre al cessionario. 6

7 La questione che potrebbe semmai porsi nella procedura esecutiva sarebbe quella della prevalenza della cessione sul pignoramento, ai sensi dell art n. 2 c.c.. Se non che nel caso in esame il creditore pignorante ed il cessionario dei crediti sono lo stesso soggetto: la Cassa di Risparmio di Carpi. 2) - Terzo pignorato Impresa HH.. Gli attori CRC creditore pignorante e BPER creditore intervenuto non hanno fornito una adeguata prova della esistenza di un debito del terzo nei confronti di YY alla data del 18/11/99, di notifica dell atto di pignoramento. Risulta dal materiale probatorio acquisito che in forza di contratto verbale di appalto Edilmax ha eseguito per l Impresa HH lavori edili presso il cantiere di via G. Rocca in Carpi. Per tali lavori Edilmax ha emesso le fatture n. 12/99 del 6/4/99 di Lire , pagata il 31/5/99 a mezzo BPER (doc. 4 convenuto); n. 16 del 3/5/9 di Lire , pagata il 27/7 con valuta 20/7- a mezzo BPER (doc. 5); n. 19 del 31/5/99 di Lire , pagata il 30/9/99 a mezzo BPER (doc. 6); fattura n. 20 del 30/6/99 di Lire , pagata il 7/9/99 a mezzo BPER con ricevuta bancaria scaduta il 31/8/99 (doc. 7). E agli atti dichiarazione senza data di YY, in ordine al pagamento di tali fatture ed alla cessazione dei rapporti lavorativi con la impresa HH (doc. 8). Queste quattro fatture risultano dal registro iva acquisiti della Impresa HH (v. estratto autentico prodotto). CRC notificava il 28/9/99 a Impresa HH le cessioni a lei fatte da YY dei crediti portati dalla predetta fattura n. 20/99 (doc. 4 CRC) e dalle fatture n. 22 del 30/7/99 di Lire , n. 23 del 30/7/99 di Lire e n. 25 del 31/8/99 di Lire (doc. 3 CRC, al quale non è allegata copia delle fatture). HH assume che si tratta di fatture (le n. 22, 23 e 25) emesse per operazioni inesistenti. CRC ha prodotto copia della sola fattura n. 25/99 (doc. 5), che fa riferimento a lavori eseguiti presso un cantiere di Campogalliano. CRC ha prodotto anche la copia di una dichiarazione senza data a firma HH, avente al oggetto l autorizzazione ad emettere ricevute bancarie per le fatture n. 23 e 25 (doc. 6). HH ha disconosciuto la sottoscrizione e ha chiesto a parte attrice di depositare l originale, anche ai sensi dell art c.c.. CRC non vi ha provveduto. Né YY ha ottemperato all ordine di esibizione ex art. 210 cpc delle fatture e della menzionata dichiarazione. Si deve distinguere tra i crediti relativi alle fatture n. 12, 16, 19 e 20 e quelli relativi alle fatture n. 22, 23 e 25. Per i primi vi è la prova della esistenza dei crediti. Ma solo in quanto espressamente non contestati da HH. Perché altrimenti le fatture, quali documenti di provenienza unilaterale, non avrebbero costituito di per sé prova sufficiente dell esistenza dei crediti, aventi ad oggetto il corrispettivo per i lavori edili in esse indicati. Sarà sufficiente sul punto richiamare la pacifica giurisprudenza in materia di valore probatorio delle fatture (v. ex multis Cassazione 20/9/1999 n ). HH ha però fornito adeguata prova dell avvenuto pagamento in data antecedente al pignoramento. Si è precisato in giurisprudenza che l'art c.c. non contiene un'enunciazione tassativa dei fatti in base ai quali la data della scrittura privata deve ritenersi certa, ma 7

8 al contrario lascia all'interprete di decidere caso per caso se ad un dato fatto possa attribuirsi forza probante (v. Cassazione 31/8/1984 n. 4738). I predetti pagamenti trovano adeguata prova scritta nei documenti prodotti ed in particolare nella documentazione bancaria. In particolare per la fattura n. 20, oggetto delle maggiori contestazioni, va rilevato che nella copia prodotta (doc. 7) risulta apposta la quietanza: pagato con ricevuta bancaria il 7/9/99. Pagamento che documentato con contabile bancaria e trova altresì indiretta conferma nella deposizione della teste Predetti Maria Grazia, dipendente CRC, alla quale la moglie del. HH, informata dell insoluto, aveva riferito che la fattura n. 20 l avevano già pagata con ricevuta bancaria emessa da BPER, cioè Edilmax aveva emesso due riba per la stessa fattura. Per i crediti relativi alle fatture n. 22, 23 e 25 non è stata raggiunta una prova sufficiente. Come si è detto delle fatture n. 22 e 23 non vi neppure copia agli atti e la dichiarazione disconosciuta HH non può essere utilizzata a fini probatori. La fattura n. 25, quale documento di provenienza unilaterale, non costituisce di per sé prova sufficiente dell esistenza del credito, avente al oggetto il corrispettivo per i lavori in essa indicati. Sarà sufficiente sul punto richiamare la pacifica giurisprudenza in materia di valore probatorio delle fatture (v. ex multis Cassazione 20/9/1999 n ). Né si sono acquisite sul punto adeguate prove testimoniali integrative. Il teste Fiorcari Ferdinando, responsabile ufficio legale CRC, ha potuto riferire solo de relato ex parte di tali crediti: in un colloquio avuto con YY questi aveva sostenuto di vantare dei residui crediti di Lire 160 milioni nei confronti della impresa HH. CRC ha però anche chiesto di accertare e dichiarare a lei non opponibili i pagamenti relativi ai crediti ceduti alla medesima eventualmente intervenuti dopo la notifica della cessione e conseguentemente condannare il terzo pignorato HH a pagare alla Cassa di Risparmio Carpi spa le somme relative, oltre interessi dalla data della notifica della cessione del credito. Per l inammissibilità di tale domanda valgono le medesime considerazioni da intendesi qui integralmente richiamate- sopra svolte in relazione ai terzi ZZ2-ZZ1. Le spese processuali sostenute dai convenuti costituiti vanno poste in via solidale a carico delle attrici CRC e BPER soccombenti: scaglione tariffa forense relativo al valore della causa, che si determina dalla domanda e dunque da 50 a 100 milioni di lire (v. conclusioni). Non sussistono giusti motivi per disporre la compensazione delle spese in considerazione del fatto che da una parte i terzi ZZ2-ZZ1 hanno reso in sede esecutiva dichiarazioni conformi a quanto poi provato nel presente giudizio; dall altra HH non ha reso la dichiarazione ex art. 547 cpc, ma è agli atti la prova che il suo legale avv. Corsini aveva informato per iscritto in data 2/12/99 il legale CRC avv. Gualdi di nulla dovere a Edilmax, facendo riferimento a tutte le fatture esaminate nel presente giudizio (doc. 3 convenuto). Dispositivo della sentenza Il Tribunale di Modena Sezione Distaccata di Carpi, in persona del giudice dott. Riccardo Di Pasquale definitivamente decidendo ogni diversa domanda, istanza ed eccezione disattese, 8

9 sulle domande di accertamento dell obbligo del terzo ai sensi dell art. 548 cpc proposte da Cassa di Risparmio di Carpi spa e Banca Popolare dell Emilia Romagna scarl - dichiara che non è stata raggiunta la prova della esistenza di debiti di ZZ2 e ZZ1 nei confronti di Edilmax di YY, alla data di notifica dell atto di pignoramento; - dichiara che non è stata raggiunta la prova della esistenza di debiti della Impresa HH. nei confronti di Edilmax di YY, alla data di notifica dell atto di pignoramento; - dichiara inammissibili, nei sensi di cui in motivazione, le ulteriori domande proposte da Cassa di Risparmio di Carpi spa nei confronti di ZZ2 e ZZ1 e di Impresa HH. ; condanna gli attori Cassa di Risparmio di Carpi spa e Banca Popolare dell Emilia Romagna scarl alla rifusione, in via solidale, in favore dei convenuti costituiti delle spese di lite, che si liquidano: quanto a ZZ2 e ZZ1 nella complessiva somma di Euro 5.862,00, di cui Euro 3.600,00 per onorari, Euro 1.840,00 per competenze ed Euro 422,00 per spese, oltre 10% rimborso spese generali ex art. 15 T.F. ed accessori di legge, quanto a Impresa HH. nella complessiva somma di Euro 5.853,00, di cui Euro 3.900,00 per onorari, Euro 1.515,00 per competenze ed Euro 438,00 per spese, oltre 10% rimborso spese generali ex art. 15 T.F. ed accessori di legge. Carpi, 11 settembre 2003 IL GIUDICE dott. Riccardo Di Pasquale IL CANCELLIERE C1 Giovanna Rossetti Dep. in Cancelleria e pubblicata il

Editrice PROPRETARIO EX ART. 2929-BIS C.C. (DOPO IL D.L. 83/2015) Formula annotata di Giulio SPINA TRIBUNALE DI...

Editrice PROPRETARIO EX ART. 2929-BIS C.C. (DOPO IL D.L. 83/2015) Formula annotata di Giulio SPINA TRIBUNALE DI... Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 24.9.2015 La Nuova Procedura Civile, 3, 2015 Editrice ATTO DI PIGNORAMENTO IMMOBILIARE CONTRO IL TERZO PROPRETARIO

Dettagli

MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989)" Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo

MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989) Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989)" Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo P&D.IT La previsione di cui all oggi abrogato art. 6 L. n. 39/1989 in ordine alla necessità di iscrizione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO n. Sent. n. R.G. A.C. Sentenza n.126/05 Deciso il 12/11/05 Deposito il 12/11/05 n. Cron. n. Rep. Comunione e condominio Azioni giudiziarie: legittimazione del condomino - Opposizione a decreto ingiuntivo

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 429 comma 1 c.p.c., la seguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N 1 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA N 1 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI ENNA SEZIONE PRIMA SENT. N. 145 del 2010 REPUBBLICA ITALIANA N 1 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI ENNA SEZIONE PRIMA DEL 29/1/2010

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE N. R.G. 2288/2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Marcello Pisanu ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

Repubblica Italiana. In Nome del Popolo Italiano. sentenza

Repubblica Italiana. In Nome del Popolo Italiano. sentenza Fallimento Revocatoria fallimentare: pagamenti Compensi per prestazioni professionali al difensore Sistemazione concordataria dei debiti Fase prefallimentare Scientia decoctionis - Tutela della posizione

Dettagli

Sentenza n. 767/2015 pubbl. il 27/06/2015 RG n. 4586/2012

Sentenza n. 767/2015 pubbl. il 27/06/2015 RG n. 4586/2012 N. R.G. 4586/2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di PRATO Unica CIVILE Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Maria Novella Legnaioli ha pronunciato la seguente

Dettagli

DECRETO INGIUNTIVO PER RECUPERO CANONI. (In calce a citazione di sfratto)

DECRETO INGIUNTIVO PER RECUPERO CANONI. (In calce a citazione di sfratto) DECRETO INGIUNTIVO PER RECUPERO CANONI (In calce a citazione di sfratto) Ai sensi e per gli effetti di cui alla L. 23/12/1999 n.488 e succ. mod. si dichiara che il valore della presente controversia è

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE DISTACCATA DI CARPI. YY spa e Confezioni ZZ srl, con avv.ti Alberto Lotti e Fabrizio Bulgarelli

TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE DISTACCATA DI CARPI. YY spa e Confezioni ZZ srl, con avv.ti Alberto Lotti e Fabrizio Bulgarelli Provvedimenti cautelari Sequestro conservativo Sequestro conservativo di quote sociali - Pendenza di azione revocatoria verso conferimento di ramo d azienda Decreto ingiuntivo nella disponibilità del creditore

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano. Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano. Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati dott.gianfranco Pellizzoni Presidente rel.; dott. Francesco

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di SASSARI PRIMA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 397/2015. tra

TRIBUNALE ORDINARIO di SASSARI PRIMA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 397/2015. tra TRIBUNALE ORDINARIO di SASSARI PRIMA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 397/2015 CHESSA S.R.L tra GAIAS GIUSEPPE AUTOTRASPORTI e ATTORE CONVENUTO Oggi 18 febbraio 2016 innanzi al dott. Cinzia Caleffi,

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. Istante (nato/a, il / /, C.F.: ) residente in ( ), Via (CAP: ),

TRIBUNALE CIVILE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. Istante (nato/a, il / /, C.F.: ) residente in ( ), Via (CAP: ), TRIBUNALE CIVILE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI Istante (nato/a, il / /, C.F.: ) residente in ( ), Via (CAP: ), rappresentato/a e difeso/a nel presente giudizio, giusta procura a margine del presente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI TARANTO-SEZ 1^ Il Dr. Giacovelli Martino, ha pronunciato la seguente SENTENZA N. 3166 nella causa iscritta al n 4206/2015,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. L illegittima iscrizione del nominativo di un individuo nell archivio della Centrale Interbancaria dei soggetti segnalati come protestati, con conseguente revoca temporanea per l iscritto della

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Sentenza n. 72/03 Pronunziata il 24.06.2003 Depositata il 24.06.2003 Responsabilità civile Nesso causale Appartamento sovrastante e contiguo a forno Scoppio del forno Asseriti danni Propagazione orizzontale

Dettagli

TRIBUNALE DI BOLOGNA

TRIBUNALE DI BOLOGNA TRIBUNALE DI BOLOGNA ATTO DI PIGNORAMENTO DI AUTOVEICOLO EX. ART. 521 BIS C.P.C. Il Sig. (creditore) nato a. il.. e residente in...., via.. n.. C.F.. elettivamente domiciliato in Bologna via.. n, presso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE N. R.G. 4925/2012 TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE Oggi 20 novembre 2014, alle ore 10.30, innanzi al Giudice dott. DARIO BERNARDI, sono comparsi: L avv. PRESTIA CRISTIAN per parte attrice il

Dettagli

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum

Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum Opposizione a decreto ingiuntivo costituzione opponente. dimezzamento automatico dei termini sezioni unite 19246/2010 mero obiter dictum non qualificabile come principio di diritto vincolante Va confermato

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA. Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e

TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA. Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e disgiuntamente dall Avv. ********* e dall Avv. ************** ed elettivamente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il giudice dott.ssa Susanna Menegazzi ha pronunciato la seguente nella causa promossa SENTENZA da MARTIGNAGO ADRIANO (C.F. MRTDRN64C02F443X)

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il giudice dott.ssa Susanna Menegazzi ha pronunciato la seguente nella causa promossa SENTENZA da MARTIGNAGO ADRIANO (C.F. MRTDRN64C02F443X)

Dettagli

Il Tribunale di Udine, sezione civile, DECRETO

Il Tribunale di Udine, sezione civile, DECRETO Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati dott. Alessandra Bottan Griselli dott. Francesco Venier Presidente; Giudice dott. Mimma Grisafi Giudice

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA Sent. / Cont. / Cron. Rep. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice monocratico, ha pronunciato la seguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Sentenza n.99/03 Deciso il 10/09/03 Deposito il 11/09/03 Esecuzione forzata Assegnazione Pignoramento mobiliare presso terzi Assegnazione al creditore intervenuto munito di privilegio Crediti privilegiati

Dettagli

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 Le principali novità Iscrizione a ruolo del processo esecutivo per espropriazione (art. 518 co.6)

Dettagli

Tribunale Ordinario di Monza Sezione Lavoro. Repubblica Italiana In nome del Popolo Italiano. Il Giudice di Monza

Tribunale Ordinario di Monza Sezione Lavoro. Repubblica Italiana In nome del Popolo Italiano. Il Giudice di Monza Tribunale Ordinario di Monza Sezione Lavoro Udienza del 11.3.2008 N. 1061/06 RG Repubblica Italiana In nome del Popolo Italiano Il Giudice di Monza Dott.ssa Silvia Russo, quale giudice del lavoro, ha pronunciato

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SESTA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 64615/2013. tra

TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SESTA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 64615/2013. tra N RG 64615/2013 TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SESTA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n rg 64615/2013 BEMA CERAMICHE SRL DEBORAH BETTI CONSUELO BETTI STEFANO BETTI PIERA PELUCCHI tra BANCA POPOLARE DI

Dettagli

parte convenuta avente ad oggetto: pagamento somma

parte convenuta avente ad oggetto: pagamento somma Sentenza n.1941/05 Pronunziata il 11.11.2005 Depositata il 17.11.2005 Successioni Legittime Immobile ad uso abitativo Comunione ereditaria Uso esclusivo da parte di un coerede Diritto del coerede comproprietario

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 27.4.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE QUARTA nella persona del dott.

Dettagli

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A

www.unijuris.it R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. /09 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Udine, sezione civile, composto dai Signori Magistrati: dott. Alessandra BOTTAN PRESIDENTE dott. Gianfranco

Dettagli

I S M A ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Roma - Via della Guglia n. 69/b... ESTRATTO DI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

I S M A ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Roma - Via della Guglia n. 69/b... ESTRATTO DI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I S M A ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Roma - Via della Guglia n. 69/b... ESTRATTO DI VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Il Consiglio di Amministrazione, nominato con Decreto del

Dettagli

TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio

TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI Il Sig., nato a il, (c.f.: ), residente in, Via, elettivamente domiciliato in presso e nello studio dell Avv. (c.f.: pec: - fax ) che lo rappresenta e difende

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile Tribunale Civile e Penale di Bologna Seconda Sezione Civile Verbale dell udienza del 20 gennaio 2015 della causa iscritta al numero affari contenziosi del 2013, pendente del ruolo generale degli tra A.

Dettagli

TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO

TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO TABELLA B DIRITTI DI AVVOCATO I PROCESSO DI COGNIZIONE E PROCEDIMENTI SPECIALI E CAMERALI DAVANTI AI GIUDICI ORDINARI, AI GIUDICI AMMINISTRATIVI, TRIBUTARI E SPECIALI, AGLI ARBITRI D AUTORITÀ, COMMISSIONI

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 281 sexies c.p.c., la seguente

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI BOLOGNA ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. e difeso dall Avv. (C.F.) fax., indirizzo PEC nel cui PREMESSO

TRIBUNALE CIVILE DI BOLOGNA ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. e difeso dall Avv. (C.F.) fax., indirizzo PEC nel cui PREMESSO TRIBUNALE CIVILE DI BOLOGNA ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI Il Sig. (Creditore) (C.F.) rappresentato e difeso dall Avv. (C.F.) fax, indirizzo PEC nel cui Studio, in Bologna,, ha eletto domicilio come

Dettagli

PROTOCOLLO DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI

PROTOCOLLO DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI Valore Prassi VERONA PROTOCOLLO DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI - PARTE PRIMA - 1) Art. 474 c.p.c.: titolo esecutivo. 1.a) Le scritture private autenticate vanno integralmente trascritte nell atto di precetto.

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Il Tribunale adito, relativamente all eccezione sollevata, ritiene la propria competenza a giudicare della controversia ex art. 33, lett. u, c. cons. secondo il quale si presume la vessatorietà

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE PRIMA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE PRIMA Fideiussione Fideiussione: nozione - Fideiussione del socio di società di persone a garanzia dei crediti della società Soggettività giuridiche distinte Requisito dell altruità del debito garantito - Nullità

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI MILANO ATTO DI CITAZIONE. rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in Milano, Via

TRIBUNALE CIVILE DI MILANO ATTO DI CITAZIONE. rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in Milano, Via TRIBUNALE CIVILE DI MILANO ATTO DI CITAZIONE La società ALFA S.P.A., P.I. 01020304050, in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in Milano, Via Monte di Pietà n. 15, presso

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI BERGAMO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. della dott.ssa Antonella Troisi ha pronunciato la seguente SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI BERGAMO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. della dott.ssa Antonella Troisi ha pronunciato la seguente SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI BERGAMO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO II Tribunale di Bergamo in funzione di giudice monocratico del lavoro in persona della dott.ssa Antonella Troisi ha pronunciato la seguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA CAMPANIA - SEZIONE I DI SALERNO -

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA CAMPANIA - SEZIONE I DI SALERNO - REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. Reg. dec N. Reg. ric. IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA CAMPANIA - SEZIONE I DI SALERNO - composto dai Magistrati: 1) Dr. Giovanni De Leo -

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE N. R.G. 12648/2010 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE Terza sezione CIVILE Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Riccardo Guida, ha pronunciato la seguente:

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

2. Formule di atti giudiziari

2. Formule di atti giudiziari 2. Formule di atti giudiziari Giuliano Scarselli, Giuseppe Camardi 2.1 Formule utilizzabili per promuovere l azione revocatoria ordinaria ex art. 2901 c.c. Revocatoria di donazione successiva al sorgere

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. Sezione III. sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889

Suprema Corte di Cassazione. Sezione III. sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889 REPUBBLICA ITALIANA Suprema Corte di Cassazione Sezione III sentenza 15 ottobre 2015, n. 20889 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni N. 826/07R. R. Vol. G. CORTE D APPELLO DI MILANO Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia La Corte, riunita in camera di consiglio nelle persone dei signori Dott.ssa Anna Maria Paganoni Dott.

Dettagli

Tribunale di Udine. - sezione civile -

Tribunale di Udine. - sezione civile - Tribunale di Udine - sezione civile - Verbale d udienza Successivamente oggi, 13.1.2014, alle ore 12.00, davanti al giudice istruttore dott. Andrea Zuliani, nella causa iscritta al n 2998/12 R.A.C.C.,

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI ATTO DI PIGNORAMENTO IMMOBILIARE. Istante ( n a t o / a a, i l _ / _ / _, C.F.: ) residente/con sede in ( ),

TRIBUNALE CIVILE DI ATTO DI PIGNORAMENTO IMMOBILIARE. Istante ( n a t o / a a, i l _ / _ / _, C.F.: ) residente/con sede in ( ), TRIBUNALE CIVILE DI ATTO DI PIGNORAMENTO IMMOBILIARE Istante ( n a t o / a a, i l _ / _ / _, C.F.: ) residente/con sede in ( ), Via (CAP: ), rappresentato/a e difeso/a nel presente giudizio, giusta procura

Dettagli

FATTO. Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni

FATTO. Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni FATTO Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali subiti a seguito di un intervento di mastoplatistica addittiva, asseritamente eseguito senza

Dettagli

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004 22. Negoziazione fuori sede di obbligazioni argentine - Mancata menzione della facoltà di recesso - Nullità del contratto - Sussistenza. Art. 30 d. lgs. 24-2-1998 n. 58 Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice

Dettagli

Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario

Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario Home page Sezione.fallimentare Diritto.finanziario Tribunale di Mantova 6 aprile 2006 G.U. Dr. Laura De Simone. Responsabilità della banca Fideiussione Escussione del garante Diligenza, correttezza e buona

Dettagli

REPUBBLICA ITALIA A. In nome del popolo italiano. LA CORTE D'APPELLO DI A CO A - SEZIO E LAVORO composta dai Signori

REPUBBLICA ITALIA A. In nome del popolo italiano. LA CORTE D'APPELLO DI A CO A - SEZIO E LAVORO composta dai Signori N 459/2008 R.G.Lav. Sentenza n 657/08 REPUBBLICA ITALIA A In nome del popolo italiano LA CORTE D'APPELLO DI A CO A - SEZIO E LAVORO composta dai Signori DR. ALBERTO TAGLIENTI Presidente rel. DR.SSA FRANCESCA

Dettagli

TRIBUNALE DI.. Atto di pignoramento presso terzi. di XXX S.r.l., in persona del proprio Legale Rappresentante pro-tempore Sig.

TRIBUNALE DI.. Atto di pignoramento presso terzi. di XXX S.r.l., in persona del proprio Legale Rappresentante pro-tempore Sig. TRIBUNALE DI.. Atto di pignoramento presso terzi di XXX S.r.l., in persona del proprio Legale Rappresentante pro-tempore Sig...., con sede a... in Via..., n..., p.i.:., rappresentata e difesa, come da

Dettagli

ATTO DI TRANSAZIONE STRAGIUDIZIALE

ATTO DI TRANSAZIONE STRAGIUDIZIALE ATTO DI TRANSAZIONE STRAGIUDIZIALE Tra: Sig. TIZIO, rappresentato e difeso dall avv. Alessandro Amendolara, elettivamente domiciliato presso il suo studio in Modugno, parte ricorrente nel procedimento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. La Corte di Appello di Trento II^ Sezione riunita in Camera di SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. La Corte di Appello di Trento II^ Sezione riunita in Camera di SENTENZA N. SENT. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte di Appello di Trento II^ Sezione riunita in Camera di Consiglio nelle persone dei Signori Magistrati: 1. DOTT. GIOVANNI LUCHINI PRESIDENTE

Dettagli

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati Conto corrente cointestato tra coniugi e disciplina della comunione de residuo TRIBUNALE DI BARI - Sentenza del 23 ottobre 2013 - e massima a cura dell Avv. Daniela Angelini Sono esclusi dalla comunione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE in persona del giudice monocratico, Dott. Antonio Scalera, ha pronunciato la seguente nella causa iscritta

Dettagli

Formula 1. Atti processuali RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO

Formula 1. Atti processuali RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO Formula 1 27 FORMULA 1 RICORSO AVVERSO L AVVISO DI INTIMAZIONE E CONTESTUALE ISTANZA DI SOSPENSIONE DELL ATTO IMPUGNATO COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI... Ricorso avverso l avviso di intimazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. In Nome Del Popolo Italiano IL TRIBUNALE DI CATANZARO. Sezione Prima Civile Controversie di Lavoro e Previdenza Sociale

REPUBBLICA ITALIANA. In Nome Del Popolo Italiano IL TRIBUNALE DI CATANZARO. Sezione Prima Civile Controversie di Lavoro e Previdenza Sociale REPUBBLICA ITALIANA In Nome Del Popolo Italiano IL TRIBUNALE DI CATANZARO Sezione Prima Civile Controversie di Lavoro e Previdenza Sociale in composizione monocratica ed in funzione di giudice del lavoro

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA. Nella causa iscritta al n. XXXX del Ruolo Generale degli Affari Contenziosi Civili TRA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA. Nella causa iscritta al n. XXXX del Ruolo Generale degli Affari Contenziosi Civili TRA Abstract: Il viaggiatore che voglia ottenere risarcimento del danno da vacanza rovinata determinato da inesatto adempimento del contratto di viaggio non deve agire contro l agenzia di viaggi quando questa

Dettagli

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.)

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.) La banca, al fine di ottenere la condanna al pagamento di un saldo di rapporto di conto corrente, è onerata della produzione non solo di tutti gli estratti conto dall'inizio del rapporto ma anche della

Dettagli

UNITA DI DIREZIONE DIREZIONE

UNITA DI DIREZIONE DIREZIONE AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DI POTENZA Via Manhes, 33 85100 POTENZA tel. 0971413111 fax. 0971410493 www.aterpotenza.it URP NUMERO VERDE 800291622 fax 0971 413227 UNITA DI DIREZIONE

Dettagli

COMUNICAZIONI RELATIVE ALLA RIFORMA DEL PROCESSO ESECUTIVO D.L.132/2014

COMUNICAZIONI RELATIVE ALLA RIFORMA DEL PROCESSO ESECUTIVO D.L.132/2014 COMUNICAZIONI RELATIVE ALLA RIFORMA DEL PROCESSO ESECUTIVO D.L.132/2014 Con l entrata in vigore della riforma del processo esecutivo ex D.L. 132/2014, limitatamente agli aspetti pratici e in attesa di

Dettagli

PREVENTIVO DI MASSIMA. OGGETTO: Cliente // Controparte (Tribunale di. ) Vertenza risarcimento danni Valore della causa.

PREVENTIVO DI MASSIMA. OGGETTO: Cliente // Controparte (Tribunale di. ) Vertenza risarcimento danni Valore della causa. Verona, Gentile Cliente Via.. C.F... PREVENTIVO DI MASSIMA OGGETTO: Cliente // Controparte (Tribunale di. ) Vertenza risarcimento danni Valore della causa. Come da Sua cortese richiesta, con la presente,

Dettagli

Scritto da Ciro Tadicini Martedì 14 Giugno 2011 20:55 - Ultimo aggiornamento Lunedì 20 Giugno 2011 09:55

Scritto da Ciro Tadicini Martedì 14 Giugno 2011 20:55 - Ultimo aggiornamento Lunedì 20 Giugno 2011 09:55 L'atto di costituzione del fondo patrimoniale, anche quando é posto in essere dagli stessi coniugi, costituisce un atto a titolo gratuito che può essere dichiarato inefficace nei confronti del creditore,

Dettagli

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.).

(Giudice di Pace di Palermo, Dr.ssa Mantegna, sentenza n. 3209/12 parti : S.M. c/ Italiana Assicurazioni S.p.A.). Principi di buona fede e correttezza Frazionamento richiesta risarcitoria (per danni fisici e danni materiali) Improponibilità domanda Irrilevanza mancata iscrizione a ruolo causa connessa Giudice di Pace

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 7347/2014. tra

TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 7347/2014. tra N. R.G. 7347/2014 TRIBUNALE ORDINARIO di REGGIO EMILIA SEZIONE SECONDA CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. R.G. 7347/2014 F.S. C.B. M.M. M. tra e ATTORE CONVENUTI Oggi 24 giugno 2015 innanzi al dott. Gianluigi

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile

TRIBUNALE DI UDINE. sezione civile TRIBUNALE DI UDINE sezione civile Successivamente oggi 26.3.2012, ore 10.00, davanti al giudice istruttore, dott. Andrea Zuliani, nella causa civile iscritta al n XXX/12 R.A.C.C., promossa da (A ) con

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Spedizione contratto Nozione di spedizioniere vettore Clausola cash on delivery (C.O.D.) Attinenza al contratto di spedizione Incarico di consegna e riscossione al vettore ausiliario - Mancata riscossione

Dettagli

IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO

IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO DATA 2005-5-12 ESTREMI Tribunale dl Udine sezione civile SINTESI La certezza del credito deve

Dettagli

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi ******** DETERMINAZIONE DI LIQUIDAZIONE

COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi ******** DETERMINAZIONE DI LIQUIDAZIONE copia Prot. Ragioneria D/.. /... COMUNE DI OSTUNI Provincia di Brindisi ******** DETERMINAZIONE DI LIQUIDAZIONE N. 478 del Reg. Data: 19.03.2014 ADOTTATA DAL DIRIGENTE DEL SETTORE AVVOCATURA COMUNALE OGGETTO:

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Filiazione naturale Riconoscimento del figlio naturale: impugnazione Convivenza more uxorio Impotentia generandi al tempo del concepimento Qualificazione dell azione: a) disconoscimento di paternità esclusione

Dettagli

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI ATTO DI CITAZIONE PER, in persona del legale rappresentante pro tempore, _ ( n a t o / a a, i l _ / _ / _, C. F. :, r e s i d e n t e i n _ ( _ ), Via - CAP: ), con sede

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C.

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C. Trib. Perugia, 16 giugno 2015, n. 1000. Contratto di permuta - Multiproprietà - Consumatore - Foro del consumatore - Specifica trattativa - Nullità decreto ingiuntivo - Accoglimento della domanda Abstract.

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Avv. Bruno De Carolis Presidente Avv. Massimiliano Silvetti Membro designato dalla Banca d'italia Dott. Com. Girolamo Fabio Porta Membro designato dalla Banca

Dettagli

NEWSLETTER INFORMATIVA LEGALE. No. 3 Marzo, 2013

NEWSLETTER INFORMATIVA LEGALE. No. 3 Marzo, 2013 NEWSLETTER INFORMATIVA LEGALE No. 3 Marzo, 2013 Siamo lieti di trasmettervi l ultima edizione della nostra newsletter di informativa legale. La newsletter fornisce un primo esame del nuovo Regolamento

Dettagli

COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI. RICORSO CON ISTANZA ai sensi dell art. 17-bis del D.Lgs. n. 546/92

COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI. RICORSO CON ISTANZA ai sensi dell art. 17-bis del D.Lgs. n. 546/92 COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI RICORSO CON ISTANZA ai sensi dell art. 17-bis del D.Lgs. n. 546/92 proposto dal sig. (riportare dati identificativi, domicilio fiscale, P. IVA), nato a il, C.F., rappresentato

Dettagli

Gli Avvocati interessati dovranno consegnare l originale o la copia autentica più una fotocopia: della sentenza in forma esecutiva;

Gli Avvocati interessati dovranno consegnare l originale o la copia autentica più una fotocopia: della sentenza in forma esecutiva; Attuazione del protocollo d'intesa con il Comune di Roma per la liquidazione delle spese di lite e delle competenze legali relative alle sentenze pubblicate prima del 28 aprile 2008, nonchè agli atti di

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. 6241/04 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Udine, sezione civile, composto dai Signori Magistrati: dott. GIANFRANCO PELLIZZONI PRESIDENTE REL. dott.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI CALTANISSETTA. Sezione Lavoro SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI CALTANISSETTA. Sezione Lavoro SENTENZA Pubblicata in GIUS 18/2000, p. 2133 e ss. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE CALTANISSETTA Sent. Civ. N. 475/00 Reg. Gen. 1886/99 Cronologico 3133 TRIBUNALE DI CALTANISSETTA Sezione

Dettagli

TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI

TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI TRIBUNALE DI ATTO DI PIGNORAMENTO PRESSO TERZI L avv. Achille M.G. Cod. Fisc. BRN CLL 47C31 C971E, elettivamente domiciliato in al Corso Umberto I, 61 rappresentato e difeso da se medesimo ex art. 86 c.p.c.

Dettagli

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA In nome del Popolo Italiano il Tribunale di Lecce sezione I civile in composizione collegiale, in persona di dott. M. Petrelli dott. A. Esposito dott. C. Invitto presidente giudice giudice relatore ha

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis. Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio.. Membro designato dalla

Dettagli

Indice analitico. Capitolo I. Sezione Prima IL TITOLO ESECUTIVO ED IL PRECETTO

Indice analitico. Capitolo I. Sezione Prima IL TITOLO ESECUTIVO ED IL PRECETTO 491 Prefazione... p. 9 Capitolo I IL TITOLO ESECUTIVO ED IL PRECETTO 1. Premessa...» 11 2. Il titolo esecutivo, definizione e funzione (art. 474 c.p.c.)...» 11 2.1 Contenuto del titolo esecutivo...» 12

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PERUGIA

IL TRIBUNALE DI PERUGIA Abstract. La domanda di risarcimento danni provocati da infiltrazioni di acqua piovana durante l espletamento di lavori di ristrutturazione e miglioramento sismico di un immobile va respinta se l attore

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Terza) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Terza) SENTENZA N. 02810/2011 N. 01748/2011 REG.PROV.COLL. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia ha pronunciato la presente (Sezione

Dettagli

Convenzione per la concessione di finanziamenti alle imprese con cessione di credito assistita da attestazione comunale

Convenzione per la concessione di finanziamenti alle imprese con cessione di credito assistita da attestazione comunale Convenzione per la concessione di finanziamenti alle imprese con cessione di credito assistita da attestazione comunale CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI SOTTO FORMA DI ANTICIPAZIONE FATTORIZZATA

Dettagli

Repubblica Italiana In nome del popolo italiano Il Tribunale di Modena, Sezione Prima Civile, riunito nelle persone dei signori:

Repubblica Italiana In nome del popolo italiano Il Tribunale di Modena, Sezione Prima Civile, riunito nelle persone dei signori: Società Amministratori: azione di responsabilità Azione ex art.2395 del terzo cc verso l amministratore di società per danni Nozione - Esecuzione di pignoramento ai danni del terzo in assenza di valido

Dettagli