Casellario Centrale Infortuni Rapporto Statistico 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Casellario Centrale Infortuni Rapporto Statistico 2013"

Transcript

1 Rapporto Statistico 2013 Casellario Centrale Infortuni Rapporto Statistico 2013 Casellario Centrale Infortuni Roma - Via Roberto Ferruzzi, 38 INAIL - Direzione Centrale Comunicazione Roma - P.le Giulio Pastore, 6 Casellario Centrale Infortuni

2 Rapporto Statistico 2013 Casellario Centrale Infortuni

3 Il Casellario Centrale Infortuni È una banca dati pubblica che raccoglie tutti gli infortuni che hanno prodotto invalidità permanente o morte e sono stati accertati da un Istituto Assicuratore. (Decreto legislativo n. 38 del 23 febbraio Capo IV). Componenti Comitato di Gestione del Casellario Centrale Infortuni Lorenzo FANTINI Claudio MERCURI Ester ROTOLI Agatino CARIOLA Vittorio VERDONE Antonietta MUNDO Cristiano TEMPESTA Michele LEPORE Gianna BARBIERI Presidente Dirigente responsabile del Casellario In rappresentanza dell INAIL In rappresentanza dell INAIL settore navigazione In rappresentanza dell ANIA In rappresentanza dell INPS In rappresentanza dell ENPAIA Esperti in materia di assicurazione e di discipline statistiche INAIL - Casellario Centrale Infortuni Roma - Via Roberto Ferruzzi, 38 Rapporto Statistico 2013 Si ringrazia per la collaborazione il dr. Andrea BUCCIARELI della Consulenza Statistico Attuariale INAIL Finito di stampare nel mese di novembre 2013 dalla Tipografia INAIL di Milano

4 Indice Pag. Premessa 9 Struttura 11 Nota Metodologica 13 PARTE PRIMA INFORTUNI COMPLESSIVI E MALATTIE PROFESSIONALI Tav. 1.0 Infortuni Complessivi e Malattie Professionali avvenuti/manifestatesi nel periodo definiti/e e comunicati/e al CCI a tutto il per anno e per tipologia di copertura assicurativa - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 1.1 Infortuni Complessivi e Malattie Professionali avvenuti/manifestatesi nel periodo definiti/e e comunicati/e al CCI a tutto il per anno, sesso e classe di età (grandi fasce) - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 1.2 Infortuni Complessivi e Malattie Professionali avvenuti/manifestatesi nel periodo definiti/e e comunicati/e al CCI a tutto il per anno, sesso e classe di età (piccole fasce) - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 1.3 Infortuni Complessivi e Malattie Professionali avvenuti/manifestatesi nel periodo definiti/e e comunicati/e al CCI a tutto il per anno e classe di grado d'invalidità - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 1.4 Infortuni Complessivi e Malattie Professionali avvenuti/manifestatesi nel periodo definiti/e e comunicati/e al CCI a tutto il per anno e mese di accadimento/manifestazione - Valori Assoluti e Valori Percentuali PARTE SECONDA INFORTUNI DA RESPONSABILITA' CIVILE AUTO Tav. 2.1 Infortuni da RC Auto avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno, sesso e classe di età (grandi fasce) - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 2.2 Infortuni da RC Auto avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno, sesso e classe di età (piccole fasce) - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 2.3 Infortuni da RC Auto avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno e classe di grado d'invalidità - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 2.4 Infortuni da RC Auto avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno e mese di accadimento - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 2.5 Infortuni da RC Auto avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno e giorno della settimana di accadimento - Valori Assoluti e Valori Percentuali

5 Tav. 2.6 Infortuni da RC Auto avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno e regione di accadimento - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 2.7 Sinistri con Infortuni da RC Auto avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno e regione di accadimento - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 2.8 Infortuni da RC Auto avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno e regione di accadimento - Media Infortunati per Sinistro Tav. 2.9 Infortuni da RC Auto avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno e regione di accadimento - Frequenza Relativa di Infortunio per Residenti e Frequenza Relativa di Infortunio per Parco Veicolare Tav Infortuni da RC Auto avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno (di accadimento) e nazionalità di nascita (top 10 escluso Italia) - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav Infortuni da RC Auto avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno e sede della lesione - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav Infortuni da RC Auto avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per natura della lesione e sede della lesione - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav Infortuni da RC Auto NON MORTALI avvenuti nel definiti e comunicati al CCI a tutto il per natura della lesione, regione di accadimento e sede della lesione TESTA Grado Medio d'invalidità Tav Infortuni da RC Auto NON MORTALI avvenuti nel definiti e comunicati al CCI a tutto il per natura della lesione, regione di accadimento e sede della lesione COLLO Grado Medio d'invalidità Tav Infortuni da RC Auto NON MORTALI avvenuti nel definiti e comunicati al CCI a tutto il per natura della lesione, regione di accadimento e sede della lesione ARTI SUPERIORI Grado Medio d'invalidità Tav Infortuni da RC Auto NON MORTALI avvenuti nel definiti e comunicati al CCI a tutto il per natura della lesione, regione di accadimento e sede della lesione BUSTO Grado Medio d'invalidità Tav Infortuni da RC Auto NON MORTALI avvenuti nel definiti e comunicati al CCI a tutto il per natura della lesione, regione di accadimento e sede della lesione ARTI INFERIORI Grado Medio d'invalidità Tav Infortuni da RC Auto NON MORTALI avvenuti nel definiti e comunicati al CCI a tutto il per sesso, classe di età e regione di accadimento Grado Medio d'invalidità

6 Tav Infortuni da RC Auto NON MORTALI avvenuti nel definiti e comunicati al CCI a tutto il per natura della lesione COLPO DI FRUSTA e regione di accadimento - Valori Assoluti PARTE TERZA INFORTUNI DA ASSICURAZIONE FACOLTATIVA Tav. 3.1 Infortuni da Assicurazione Facoltativa avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno, sesso e classe di età (grandi fasce) - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 3.2 Infortuni da Assicurazione Facoltativa avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno, sesso e classe di età (piccole fasce) - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 3.3 Infortuni da Assicurazione Facoltativa avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno e classe di grado d'invalidità - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 3.4 Infortuni da Assicurazione Facoltativa avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno e mese di accadimento - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 3.5 Infortuni da Assicurazione Facoltativa avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno e giorno della settimana di accadimento - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 3.6 Infortuni da Assicurazione Facoltativa avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno e regione di accadimento - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 3.7 Infortuni da Assicurazione Facoltativa avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno e regione di accadimento - Frequenza Relativa di Infortunio per Residenti Tav. 3.8 Infortuni da Assicurazione Facoltativa avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno e sede della lesione - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 3.9 Infortuni da Assicurazione Facoltativa avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno e natura della lesione - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav Infortuni da Assicurazione Facoltativa avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno e qualifica professionale - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav Infortuni da Assicurazione Facoltativa avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno e tipo di causa - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav Infortuni da Assicurazione Facoltativa avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno ed agente materiale - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav Infortuni da Assicurazione Facoltativa avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno (di accadimento) e nazionalità di nascita (top 10 escluso Italia) - Valori Assoluti e Valori Percentuali

7 Tav Infortuni da Assicurazione Facoltativa avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per natura della lesione e sede della lesione - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav Infortuni da Assicurazione Facoltativa avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per natura della lesione e tipo di causa - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav Infortuni da Assicurazione Facoltativa avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per sede della lesione e tipo di causa - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav Infortuni da Assicurazione Facoltativa avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per classe di grado d'invalidità e tipo di causa - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav Infortuni da Assicurazione Facoltativa avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per agente materiale e tipo di causa - Valori Assoluti e Valori Percentuali PARTE QUARTA INFORTUNI LAVORATIVI Tav. 4.1 Infortuni Lavorativi avvenuti nel periodo definiti a tutto il e comunicati al CCI per anno, sesso e classe di età (grandi fasce) - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 4.2 Infortuni Lavorativi avvenuti nel periodo definiti a tutto il e comunicati al CCI per anno, sesso e classe di età (piccole fasce) - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 4.3 Infortuni Lavorativi avvenuti nel periodo definiti a tutto il e comunicati al CCI per anno e classe di grado d'invalidità - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 4.4 Infortuni Lavorativi avvenuti nel periodo definiti a tutto il e comunicati al CCI per anno e mese di accadimento - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 4.5 Infortuni Lavorativi avvenuti nel periodo definiti a tutto il e comunicati al CCI per anno e giorno della settimana di accadimento - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 4.6 Infortuni Lavorativi avvenuti nel periodo definiti a tutto il e comunicati al CCI per anno e regione di accadimento - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 4.7 Infortuni Lavorativi avvenuti nel periodo definiti a tutto il e comunicati al CCI per anno e regione di accadimento - Frequenza Relativa di Infortunio per Residenti Tav. 4.8 Infortuni Lavorativi avvenuti nel periodo definiti a tutto il e comunicati al CCI per anno e sede della lesione - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 4.9 Infortuni Lavorativi avvenuti nel periodo definiti a tutto il e comunicati al CCI per anno e natura della lesione - Valori Assoluti e Valori Percentuali

8 Tav Infortuni Lavorativi IN ITINERE avvenuti nel periodo definiti a tutto il e comunicati al CCI per anno e giorno della settimana di accadimento - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav Infortuni Lavorativi STRADALI avvenuti nel periodo definiti a tutto il e comunicati al CCI per anno e giorno della settimana di accadimento - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav Infortuni Lavorativi avvenuti nel periodo definiti a tutto il e comunicati al CCI per anno e qualifica professionale - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav Infortuni Lavorativi avvenuti nel periodo definiti a tutto il e comunicati al CCI per anno e gestione - Valori Assoluti e Valori Percentuali PARTE QUINTA MALATTIE PROFESSIONALI Tav. 5.1 Malattie Professionali manifestatesi nel periodo definite a tutto il e comunicate al CCI per anno, sesso e classe di età (grandi fasce) - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 5.2 Malattie Professionali manifestatesi nel periodo definite a tutto il e comunicate al CCI per anno, sesso e classe di età (piccole fasce) - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 5.3 Malattie Professionali manifestatesi nel periodo definite a tutto il e comunicate al CCI per anno e classe di grado d'invalidità - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 5.4 Malattie Professionali manifestatesi nel periodo definite a tutto il e comunicate al CCI per anno e mese di manifestazione - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 5.5 Malattie Professionali manifestatesi nel periodo definite a tutto il e comunicate al CCI per anno e tipo di malattia - Valori Assoluti e Valori Percentuali Tav. 5.6 Malattie Professionali manifestatesi nel periodo definite a tutto il e comunicate al CCI per anno e gestione - Valori Assoluti e Valori Percentuali PARTE SESTA TEMPI DI DEFINIZIONE Tav. 6.1 Infortuni Complessivi e Malattie Professionali avvenuti/manifestatesi nel periodo definiti/e e comunicati/e al CCI a tutto il per anno di accadimento/manifestazione ed anno di definizione - Valori Assoluti Incrementali, Valori Assoluti Cumulati, Valori Percentuali Incrementali e Valori Percentuali Cumulati Tav. 6.2 Infortuni da RC Auto avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno di accadimento ed anno di definizione - Valori Assoluti Incrementali, Valori Assoluti Cumulati, Valori Percentuali Incrementali e Valori Percentuali Cumulati

9 Tav. 6.3 Infortuni da Assicurazione Facoltativa avvenuti nel periodo definiti e comunicati al CCI a tutto il per anno di accadimento ed anno di definizione - Valori Assoluti Incrementali, Valori Assoluti Cumulati, Valori Percentuali Incrementali e Valori Percentuali Cumulati Tav. 6.4 Infortuni Lavorativi avvenuti nel periodo definiti a tutto il e comunicati al CCI per anno di accadimento ed anno di definizione - Valori Assoluti Incrementali, Valori Assoluti Cumulati, Valori Percentuali Incrementali e Valori Percentuali Cumulati Tav. 6.5 Malattie Professionali manifestatesi nel periodo definite a tutto il e comunicate al CCI per anno di manifestazione ed anno di definizione - Valori Assoluti Incrementali, Valori Assoluti Cumulati, Valori Percentuali Incrementali e Valori Percentuali Cumulati

10 PREMESSA Il Casellario Centrale Infortuni è una banca dati pubblica che raccoglie gli infortuni professionali e non professionali, le malattie professionali e i sinistri afferenti al ramo RC Auto, che hanno prodotto invalidità permanente o morte e che sono stati accertati da un Istituto Assicuratore pubblico o privato (Decreto legislativo n. 38 del 23 febbraio Capo IV). Queste informazioni sono necessarie agli Istituti Assicuratori pubblici e privati per verificare le preesistenze infortunistiche e patologiche dei singoli infortunati, ma nel loro insieme svolgono anche un utile finalità antifrode. Inoltre le stesse informazioni, aggregate con criteri statistici, consentono di proporre una lettura che guarda al fenomeno infortunistico nel suo complesso e nelle sue diverse articolazioni. Il Rapporto statistico del Casellario, giunto alla sua quinta edizione, riferisce in merito a tutti gli infortuni / malattie professionali accaduti, sia in ambito professionale che extraprofessionale, nel quinquennio 2008/2012. L analisi proposta può essere letta non solo per contrastare i comportamenti fraudolenti in campo assicurativo, ma anche per le politiche pubbliche in materia di prevenzione degli eventi dannosi che si verificano soprattutto sulla strada. In questa direzione vanno ricercate tutte le sinergie possibili con le Istituzioni e le Organizzazioni che sono interessate alla materia infortunistica, al fine di contribuire fattivamente non solo alla diminuzione degli eventi infortunistici e tecnopatici, ma anche per offrire un ulteriore strumento di controllo a fini antifrode. Il mio ringraziamento va alla struttura organizzativa del Casellario e a tutti coloro che hanno fornito la propria competente collaborazione per la preparazione del Rapporto. Lorenzo Fantini 9

11

12 STRUTTURA Il presente Rapporto Statistico è articolato in 6 parti, in ciascuna delle quali sono riportati i dati relativi agli Infortuni avvenuti e alle Malattie Professionali manifestatesi nel periodo , definiti e comunicati al CCI a tutto il Causa i tempi tecnici di definizione necessariamente prolungati, alla data di rilevazione sussistono (in particolare per quanto riguarda l'anno 2012) quote consistenti di casi in corso di definizione, non presenti, quindi, in questo elaborato. Le tabelle sono espresse sia in Valori Assoluti che in Valori Percentuali. Nella prima parte, dove sono riportati i dati relativi agli Infortuni Complessivi (Infortuni da RC Auto, Infortuni da Assicurazione Facoltativa ed Infortuni Lavorativi) ed alle Malattie Professionali, si è voluto fornire un quadro generale dell ambito infortunistico. È stata prodotta una prima tabella di sintesi ove vengono illustrati, per tipologia di copertura assicurativa, l insieme dei dati oggetto del Rapporto Statistico; le successive tabelle sono state generate: per sesso e classe di età, per classe di grado d invalidità e per mese di accadimento/manifestazione. Nella seconda parte vengono presi in considerazione i dati relativi agli Infortuni da Responsabilità Civile Auto, per i quali sono state generate le tabelle: per sesso e classe di età, per classe di grado d invalidità, per mese di accadimento, per giorno della settimana di accadimento, per regione di accadimento, per sede della lesione e per nazionalità di nascita. Si è provveduto a realizzare due tabelle, entrambe per regione di accadimento, una con il numero dei sinistri (con infortuni), l altra con la media degli infortunati per sinistro. È stato effettuato uno studio della frequenza relativa di infortunio, su base regionale, sia con riferimento alla Popolazione Residente (di fonte ISTAT) che al Parco Veicolare (di fonte ACI). Per gli anni 2011 e 2012, si è provveduto ad effettuare uno studio per natura della lesione e sede della lesione. Per quanto riguarda, invece, il solo 2012, sono state sviluppate tabelle con il grado medio di invalidità: per sede della lesione, natura della lesione e regione di accadimento e per sesso, classe di età e regione di accadimento. Infine, si è analizzata l incidenza del colpo di frusta sul totale degli infortuni su base regionale. La terza parte contiene i dati relativi agli Infortuni da Assicurazione Facoltativa, per i quali sono state generate le tabelle: per sesso e classe di età, per classe di grado d invalidità, per mese di accadimento, per giorno della settimana di accadimento, per regione di accadimento, per sede della lesione, per natura della lesione, per qualifica professionale, per il tipo di causa dell evento, per agente materiale e per nazionalità di nascita. Per gli anni 2011 e 2012, si è provveduto ad effettuare ulteriori studi: per natura della lesione e sede della lesione, per natura della lesione e tipo di causa, per sede della lesione e tipo di causa, per classe di grado d invalidità e tipo di causa, per agente materiale e tipo di causa. La quarta parte prende in esame i casi di Infortuni Lavorativi, per i quali si è provveduto a generare le tabelle: per sesso e classe di età, per classe di grado d invalidità, per mese di accadimento, per giorno della settimana di accadimento, per regione di accadimento, per sede della lesione, per natura della lesione, per qualifica professionale e per settore di attività. Inoltre, è stato effettuato uno studio sugli Infortuni in Itinere (ovvero quegli infortuni avvenuti nel tragitto casa-lavoro-casa) e sugli Infortuni Stradali, per giorno della settimana di accadimento. I dati di provenienza INAIL sono aggiornati alla data di definizione del La quinta parte si occupa di statisticare le Malattie Professionali, essa si compone delle tabelle: per sesso e classe di età, per classe di grado d invalidità, per mese di manifestazione, per tipo di malattia e per settore di attività. I dati di provenienza INAIL sono aggiornati alla data di definizione del Nella sesta ed ultima parte sono studiati i Tempi di Definizione degli Infortuni e/o delle Malattie Professionali producendo delle tabelle ove vengono rappresentati i dati per anno di accadimento/manifestazione e per anno di definizione. Tali tabelle sono espresse in: Valori Assoluti Incrementali, Valori Assoluti Cumulati, Valori Percentuali Incrementali e Valori Percentuali Cumulati. 11

13

14 NOTA METODOLOGICA Si riportano di seguito le note esplicative redatte dagli esperti statistici del Comitato di Gestione del CCI, dell Ania e della Consulenza Statistico Attuariale dell Inail. INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI Nella presente pubblicazione statistica, i dati relativi agli Infortuni sul Lavoro e alle Malattie Professionali si riferiscono agli eventi avvenuti/manifestatesi nel periodo e definiti con un grado di menomazione uguale o superiore all 1%. Occorre precisare per quanto riguarda gli infortuni sul lavoro che il dato statistico necessita di un periodo di consolidamento che si quantifica in un triennio di osservazione rispetto all anno di avvenimento entro il quale si definiscono oltre il 99% dei casi. Pertanto, se il triennio è da ritenere sufficientemente consolidato, il biennio necessita ancora, a causa dei tempi tecnici di definizione, di un periodo di osservazione congruo. I dati sono elaborati considerando le gestioni assicurative dell Industria e servizi, dell Agricoltura e dei Dipendenti del Conto Stato. Le statistiche sono aggiornate alla data di rilevazione del 30 aprile 2013 che coincide con la data di rilevazione per il primo aggiornamento semestrale della Banca Dati Statistica Inail. Si ricorda come a partire dal 31 maggio 2010 con d.l. n. 78 l Ipsema, istituto assicuratore per il settore marittimo, sia stato incorporato in Inail. Infortunio sul lavoro Secondo il d.p.r del 30/06/1965 Testo unico delle disposizioni per l assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali : all art. 2 L assicurazione comprende tutti i casi di infortunio avvenuti per causa violenta in occasione di lavoro, da cui sia derivata la morte o un inabilità permanente al lavoro, assoluta o parziale, ovvero un inabilità temporanea assoluta che comporti l astensione dal lavoro per più di tre giorni. Il nuovo Testo unico sulla sicurezza sul lavoro del 30 aprile 2008 n. 81 richiederà all Inail di raccogliere e registrare a fini statistici anche gli infortuni di durata superiore ad un giorno. Nella pubblicazione sono presi in esame gli infortuni e le malattie professionali definiti per i quali si è concluso positivamente l iter sanitario e amministrativo e che hanno prodotto un grado di inabilità superiore o pari all 1%. Sono quindi compresi i casi che hanno dato luogo ad un indennizzo per inabilità temporanea, permanente o morte ed i cosiddetti regolari senza indennizzo (casi riconosciuti dall Istituto per i quali non è prevista una prestazione economica). Tipo di Definizione: Temporanea: sono casi che hanno comportato una inabilità temporanea assoluta per un periodo limitato, superiore a tre giorni, durante il quale è erogata una indennità giornaliera fino alla completa guarigione clinica. Nella pubblicazione sono considerate solo le temporanee che presentano un grado di menomazione da 1% a 5%. Permanente: menomazione che comporta una riduzione dell integrità psicofisica con postumi permanenti di grado uguale o superiore al 6% (art. 13 del d.lgs. 38/2000). Per la menomazione permanente di grado compreso tra il 6% e il 15% è prevista l erogazione di un capitale per l indennizzo del danno biologico. Per la menomazione permanente di grado pari o superiore al 16% è prevista l erogazione di una rendita che si compone di due quote: una per l indennizzo del danno biologico, l altra per l indennizzo del danno patrimoniale. Mortale con o senza superstiti: si tratta di soggetti deceduti in seguito all infortunio sul lavoro o alla malattia professionale. Regolari senza indennizzo: pur trattandosi di eventi riconoscibili come veri e propri infortuni sul lavoro, l Inail non ha erogato prestazioni economiche; si tratta di casi particolari, per esempio, di dipendenti dello Stato che hanno avuto un infortunio che ha determinato assenza dal lavoro ma non postumi permanenti o la morte (soltanto in questi ultimi due casi l Inail indennizza l assicurato; se si determina soltanto un periodo di inabilità temporanea l indennizzo è a carico dello Stato) o ancora le punture d ago del personale sanitario. 13

15 Infortunio sul lavoro in itinere Si tratta di infortunio avvenuto nel tragitto tra sede del lavoro e abitazione (casa-lavoro-casa) salvo il caso di interruzione o deviazione del tutto indipendente dal lavoro o, comunque, non necessitata. Se non c è un servizio mensa aziendale comprende anche lo spostamento dal luogo di lavoro a quello del pasto. L interruzione o la deviazione è necessitata quando è dovuta a causa di forza maggiore, ad esigenze essenziali ed improrogabili o all adempimento di obblighi penalmente rilevanti. Comprende anche l uso del mezzo di trasporto privato purché necessitato; in questo caso sono esclusi gli infortuni cagionati direttamente dall abuso di alcolici, psicofarmaci e stupefacenti. Con l attuazione del d.lgs. 38/2000 art.12 l infortunio in itinere rientra tra gli infortuni indennizzabili quando si presentano le condizioni su esposte. Infortunio sul lavoro in occasione di lavoro Si tratta di infortunio strettamente collegato all attività lavorativa. Sono, pertanto, tutti gli infortuni al netto di quelli in itinere. Infortunio sul lavoro stradale A partire dal 2004 per i casi di infortunio denunciati all Inail è stata introdotta una specifica codifica per gli incidenti che prevedono il coinvolgimento di un mezzo di trasporto, chiamati d ora in poi, per brevità, stradali 1, intesi come infortuni avvenuti nella pubblica via e causati da circolazione stradale, indipendentemente dal fatto che l infortunio sia occorso nell esercizio di un attività lavorativa o in itinere. La valorizzazione dell informazione all atto dell acquisizione della denuncia di infortunio da parte dell operatore delle unità territoriali dell Inail è necessaria al proseguimento dell iter amministrativo che porta all eventuale azione di surroga. A titolo di esempio, rientrano in questa definizione sia l incidente capitato all autotrasportatore nell esercizio della sua attività che l investimento del pedone da parte di un autoveicolo se riguarda un lavoratore che si sta recando al lavoro (in itinere). Non deve, invece, essere considerato come incidente stradale, l incidente fra autoveicoli o causato da autoveicoli all interno di un cantiere di lavoro in quanto lo stesso non può considerarsi incidente stradale in senso stretto, né legato a particolare rischio da circolazione di autoveicoli. Malattia professionale Secondo il d.p.r del 30/06/1965 Testo unico delle disposizioni per l assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali : all art. 3 L assicurazione è altresì obbligatoria per le malattie professionali indicate nella tabella allegato n. 4, le quali siano contratte nell esercizio e a causa delle lavorazioni specificate nella tabella stessa ed in quanto tali lavorazioni rientrino tra quelle previste nell art. 1. Per la presente pubblicazione sono state elaborate le malattie professionali manifestatesi nel quinquennio che hanno comportato un riconoscimento di un grado di inabilità pari o superiore all 1%. Per epoca di manifestazione della malattia professionale non si intende il momento dell insorgenza della malattia; se questa ha determinato assenza dal lavoro, coincide con il primo giorno di assenza, in caso contrario con la data di attestazione di probabile malattia professionale da parte del medico curante. Natura della lesione Tipo di pregiudizio psicofisico conseguente ad un azione lesiva. Sede della lesione Parte del corpo interessata dalla lesione. Ripartizioni geografiche Nord-ovest: Piemonte, Valle d Aosta, Lombardia, Liguria Nord-est: Trento, Bolzano-Bozen, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna Centro: Toscana, Umbria, Marche, Lazio Sud: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria 1 Sono per la massima parte incidenti da circolazione stradale e dell eventuale quota,, trascurabile, relativa a quelli ferroviari o aerei (n.b. esclusi comunque quelli del personale di volo, non assicurato) non si darà evidenza per motivi di significatività statistica. 14

16 INFORTUNI DA RC AUTO E ASSICURAZIONE FACOLTATIVA I dati presentati in questo rapporto e relativi al settore assicurativo privato riguardano: gli infortuni subiti da individui non responsabili a seguito di incidenti stradali (ossia conducenti non responsabili, terzi trasportati e passanti), che vengono coperti dall assicurazione obbligatoria della responsabilità civile verso terzi. gli infortuni professionali ed extra-professionali che a seguito di copertura volontaria e facoltativa vengono risarciti dal settore assicurativo privato. La copertura volontaria per gli infortuni copre cioè l assicurato sia per i danni derivanti dallo svolgimento dell attività professionale sia per i danni subiti durante ogni altra attività che non abbia carattere professionale (es. tempo libero, attività sportiva dilettantistica, ecc ). Fra questi rientrano anche gli infortuni dei conducenti di veicoli che, pur essendo responsabili dell incidente, vengono risarciti sulla base di una copertura facoltativa aggiuntiva alla RC Auto. Va precisato che, in caso di infortunio sul lavoro per il quale oltre alla copertura dell Inail vi sia anche una copertura su base volontaria, l assicurato verrà risarcito da entrambi gli enti assicurativi (pubblico e privato). in entrambi i casi (assicurazione RC Auto obbligatoria e assicurazione infortuni facoltativa) la normativa vigente stabilisce che le imprese forniscano al Casellario Centrale Infortuni (CCI) i soli casi di danni con invalidità permanente o con esito mortale. Sono quindi esclusi tutti i casi di individui che pur avendo subito una lesione, risolvono l evento con una inabilità temporanea. Inoltre la comunicazione del dato da parte delle imprese al CCI avviene solo dopo che la lesione è stata completamente definita. Questo significa che il numero degli infortuni riportato nei vari anni non è espressione del numero degli infortuni accaduti, ma di quelli che alla data di osservazione sono stati definiti. Si ricorda, peraltro, che nel caso di danni fisici i tempi necessari per la completa definizione del danno sono generalmente molto lunghi (anche oltre 10 anni). Occorrerà pertanto un ampio numero di anni di osservazione per avere la corretta quantificazione degli infortuni accaduti nei vari anni. oltre a questo aspetto, occorre tenere presente che l alimentazione della banca dati da parte delle imprese, soprattutto per quanto concerne gli infortuni da RC Auto è migliorata progressivamente nel tempo e, quindi, un numero via via crescente di casi è stato inviato al CCI. Quanto precede implica che eventuali valutazioni di trend fra anni diversi risulterebbero poco significative. i confronti temporali sul numero di infortuni risarciti dal settore assicurativo vanno inoltre interpretati in relazione al momento di osservazione degli stessi. Infatti, il numero di infortuni accaduti nei vari anni (dal 2008 al 2012), definiti e comunicati al 30 aprile 2013, possono risentire, in particolare l ultimo anno, della diversa estensione del periodo di osservazione rispetto all anno di accadimento. 15

17

18 Parte Prima Infortuni Complessivi e Malattie Professionali avvenuti/manifestatesi nel periodo definiti/e (*) e comunicati/e al C.C.I. a tutto il dati di provenienza Imprese Assicuratrici Inail (**) Enpaia Inpgi (*) Infortuni e Malattie che hanno prodotto invalidità permanente o morte e sono stati/e accertati/e da un Istituto Assicuratore (**) Fonte: archivi della Banca Dati Statistica e del Settore Navigazione 17

19 Tavola Infortuni Complessivi e Malattie Professionali avvenuti/manifestatesi nel periodo , definiti/e e comunicati/e al CCI a tutto il , per anno e tipologia di copertura assicurativa - Valori Assoluti e Valori Percentuali VALORI ASSOLUTI TIPOLOGIA DI COPERTURA ASSICURATIVA INFORTUNI DA RC AUTO INFORTUNI DA ASSICURAZIONE FACOLTATIVA INFORTUNI LAVORATIVI INFORTUNI COMPLESSIVI (1) MALATTIE PROFESSIONALI TOTALE (2) VALORI PERCENTUALI TIPOLOGIA DI COPERTURA ASSICURATIVA INFORTUNI DA RC AUTO 66,0% 68,2% 67,1% 64,3% 46,2% INFORTUNI DA ASSICURAZIONE FACOLTATIVA 18,1% 17,6% 18,1% 19,1% 22,2% INFORTUNI LAVORATIVI 14,1% 12,4% 12,5% 13,7% 25,5% INFORTUNI COMPLESSIVI 98,3% 98,1% 97,7% 97,1% 93,9% MALATTIE PROFESSIONALI 1,7% 1,9% 2,3% 2,9% 6,1% (1) E' la somma degli "Infortuni da RC Auto", "Infortuni da Assicurazione Facoltativa" e "Infortuni Lavorativi" (2) E' la somma tra gli "Infortuni Complessivi" e le "Malattie Professionali" INFORTUNI DA RC AUTO INFORTUNI DA ASSICURAZIONE FACOLTATIVA INFORTUNI LAVORATIVI MALATTIE PROFESSIONALI

20 Tavola Infortuni Complessivi e Malattie Professionali avvenuti/manifestatesi nel periodo , definiti/e e comunicati/e al CCI a tutto il , per anno, sesso e classe di età (grandi fasce) - Valori Assoluti e Valori Percentuali VALORI ASSOLUTI CLASSI DI ETA' Maschi Fino a Da 15 a Da 25 a Oltre TOTALE Femmine Fino a Da 15 a Da 25 a Oltre TOTALE Maschi + Femmine Fino a Da 15 a Da 25 a Oltre TOTALE

21 Segue Tavola Infortuni Complessivi e Malattie Professionali avvenuti/manifestatesi nel periodo , definiti/e e comunicati/e al CCI a tutto il , per anno, sesso e classe di età (grandi fasce) - Valori Assoluti e Valori Percentuali VALORI PERCENTUALI CLASSI DI ETA' Maschi Fino a 14 1,7% 1,7% 1,7% 1,6% 1,5% Da 15 a 24 16,6% 17,1% 16,2% 15,1% 11,3% Da 25 a 54 64,6% 63,8% 63,7% 63,1% 63,1% Oltre 54 17,1% 17,4% 18,4% 20,2% 24,2% Incidenza % Maschi 61,9% 61,4% 60,6% 60,7% 63,5% Femmine Fino a 14 2,0% 2,0% 2,0% 2,0% 1,7% Da 15 a 24 16,1% 16,2% 15,7% 14,9% 11,1% Da 25 a 54 62,0% 61,7% 61,5% 60,5% 59,3% Oltre 54 19,9% 20,0% 20,7% 22,6% 27,9% Incidenza % Femmine 38,1% 38,6% 39,4% 39,3% 36,5% Maschi + Femmine Fino a 14 1,8% 1,8% 1,8% 1,8% 1,6% Da 15 a 24 16,4% 16,7% 16,0% 15,0% 11,2% Da 25 a 54 63,6% 63,0% 62,8% 62,1% 61,7% Oltre 54 18,2% 18,4% 19,3% 21,2% 25,5% 20

22 Tavola Infortuni Complessivi e Malattie Professionali avvenuti/manifestatesi nel periodo , definiti/e e comunicati/e al CCI a tutto il , per anno, sesso e classe di età (piccole fasce) - Valori Assoluti e Valori Percentuali VALORI ASSOLUTI CLASSI DI ETA' Maschi Fino a Da 18 a Da 30 a Da 42 a Da 54 a Da 66 a Oltre TOTALE Femmine Fino a Da 18 a Da 30 a Da 42 a Da 54 a Da 66 a Oltre TOTALE Maschi + Femmine Fino a Da 18 a Da 30 a Da 42 a Da 54 a Da 66 a Oltre TOTALE

23 Segue Tavola Infortuni Complessivi e Malattie Professionali avvenuti/manifestatesi nel periodo , definiti/e e comunicati/e al CCI a tutto il , per anno, sesso e classe di età (piccole fasce) - Valori Assoluti e Valori Percentuali VALORI PERCENTUALI CLASSI DI ETA' Maschi Fino a 17 4,3% 4,3% 4,1% 3,8% 3,2% Da 18 a 29 25,2% 25,6% 24,4% 23,0% 17,7% Da 30 a 41 29,0% 28,4% 27,8% 26,7% 24,9% Da 42 a 53 23,0% 22,8% 23,7% 24,6% 27,9% Da 54 a 65 12,6% 12,9% 13,6% 14,9% 18,2% Da 66 a 77 4,9% 5,0% 5,1% 5,6% 6,4% Oltre 77 1,1% 1,1% 1,3% 1,5% 1,6% Incidenza % Maschi 61,9% 61,4% 60,6% 60,7% 63,5% Femmine Fino a 17 4,4% 4,4% 4,4% 4,1% 3,4% Da 18 a 29 24,7% 24,8% 24,1% 22,8% 17,4% Da 30 a 41 26,8% 26,3% 25,7% 24,6% 21,8% Da 42 a 53 22,5% 22,8% 23,4% 24,0% 27,0% Da 54 a 65 13,7% 14,0% 14,6% 15,7% 20,2% Da 66 a 77 6,2% 6,0% 6,2% 6,8% 7,8% Oltre 77 1,7% 1,7% 1,8% 2,0% 2,3% Incidenza % Femmine 38,1% 38,6% 39,4% 39,3% 36,5% Maschi + Femmine Fino a 17 4,3% 4,3% 4,2% 3,9% 3,2% Da 18 a 29 25,0% 25,3% 24,3% 22,9% 17,6% Da 30 a 41 28,2% 27,6% 26,9% 25,9% 23,8% Da 42 a 53 22,8% 22,8% 23,6% 24,4% 27,6% Da 54 a 65 13,0% 13,3% 14,0% 15,2% 18,9% Da 66 a 77 5,4% 5,4% 5,5% 6,0% 6,9% Oltre 77 1,3% 1,3% 1,5% 1,7% 1,9% 22

24 Tavola Infortuni Complessivi e Malattie Professionali avvenuti/manifestatesi nel periodo , definiti/e e comunicati/e al CCI a tutto il , per anno e classe di grado d'invalidità - Valori Assoluti e Valori Percentuali VALORI ASSOLUTI GRADO/ESITO MORTALE Da 11 a Da 16 a Da 26 a Da 36 a Da 51 a Da 76 a ESITO MORTALE TOTALE VALORI PERCENTUALI GRADO/ESITO MORTALE ,0% 34,9% 37,0% 38,6% 33,8% 2 27,2% 27,4% 26,0% 24,2% 20,1% 3 12,1% 11,8% 11,4% 11,0% 12,0% 4 7,1% 6,6% 6,6% 6,7% 8,6% 5 3,5% 3,3% 3,2% 3,1% 3,5% 6 4,2% 3,8% 3,9% 4,2% 6,6% 7 2,2% 2,1% 2,1% 2,2% 2,9% 8 2,0% 1,8% 1,9% 2,0% 2,6% 9 1,3% 1,1% 1,2% 1,2% 1,5% 10 1,2% 1,1% 1,2% 1,2% 1,6% Da 11 a 15 2,5% 2,4% 2,4% 2,4% 2,8% Da 16 a 25 2,0% 1,8% 1,8% 1,8% 2,4% Da 26 a 35 0,5% 0,5% 0,4% 0,4% 0,4% Da 36 a 50 0,3% 0,2% 0,2% 0,2% 0,2% Da 51 a 75 0,2% 0,1% 0,1% 0,1% 0,1% Da 76 a 100 0,1% 0,1% 0,1% 0,1% 0,1% ESITO MORTALE 0,7% 0,7% 0,6% 0,6% 0,7% 23

25 Tavola Infortuni Complessivi e Malattie Professionali avvenuti/manifestatesi nel periodo , definiti/e e comunicati/e al CCI a tutto il , per anno e mese di accadimento/manifestazione - Valori Assoluti e Valori Percentuali VALORI ASSOLUTI MESE DI ACCADIMENTO/ MANIFESTAZIONE GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE TOTALE VALORI PERCENTUALI MESE DI ACCADIMENTO/ MANIFESTAZIONE GENNAIO 7,3% 8,2% 8,5% 8,7% 13,6% FEBBRAIO 7,3% 7,7% 8,2% 8,5% 12,5% MARZO 7,7% 8,9% 8,8% 9,4% 11,6% APRILE 8,0% 8,3% 8,6% 9,3% 9,3% MAGGIO 8,5% 9,0% 8,9% 9,7% 10,4% GIUGNO 8,2% 8,5% 8,3% 8,9% 9,6% LUGLIO 8,9% 8,9% 8,6% 8,7% 8,6% AGOSTO 7,0% 6,6% 6,6% 7,0% 6,3% SETTEMBRE 8,8% 8,4% 8,3% 8,2% 6,0% OTTOBRE 9,9% 8,9% 8,7% 8,1% 5,5% NOVEMBRE 9,4% 8,2% 8,5% 7,2% 3,9% DICEMBRE 9,1% 8,5% 8,2% 6,4% 2,7% 24

26 Parte Seconda Infortuni da Responsabilità Civile Auto avvenuti nel periodo definiti (*) e comunicati al C.C.I. a tutto il dati di provenienza Imprese Assicuratrici (*) Infortuni che hanno prodotto invalidità permanente o morte e sono stati accertati da un Istituto Assicuratore 25

27 Tavola Infortuni da RC Auto avvenuti nel periodo , definiti e comunicati al CCI a tutto il , per anno, sesso e classe di età (grandi fasce) - Valori Assoluti e Valori Percentuali VALORI ASSOLUTI CLASSI DI ETA' Maschi Fino a Da 15 a Da 25 a Oltre TOTALE Femmine Fino a Da 15 a Da 25 a Oltre TOTALE Maschi + Femmine Fino a Da 15 a Da 25 a Oltre TOTALE Maschi + Femmine Fino a 14 Da 15 a 24 Da 25 a 54 Oltre

28 Segue Tavola Infortuni da RC Auto avvenuti nel periodo , definiti e comunicati al CCI a tutto il , per anno, sesso e classe di età (grandi fasce) - Valori Assoluti e Valori Percentuali VALORI PERCENTUALI CLASSI DI ETA' Maschi Fino a 14 2,1% 2,0% 2,0% 1,9% 1,8% Da 15 a 24 21,9% 22,3% 21,4% 20,6% 19,0% Da 25 a 54 61,5% 61,4% 61,5% 61,0% 59,9% Oltre 54 14,6% 14,3% 15,1% 16,6% 19,3% Incidenza % Maschi 57,1% 57,3% 56,3% 55,7% 56,3% Femmine Fino a 14 2,1% 2,1% 2,1% 2,0% 1,8% Da 15 a 24 19,1% 19,3% 18,9% 18,2% 16,3% Da 25 a 54 61,0% 61,2% 61,2% 60,7% 59,5% Oltre 54 17,8% 17,4% 17,8% 19,1% 22,4% Incidenza % Femmine 42,9% 42,7% 43,7% 44,3% 43,7% Maschi + Femmine Fino a 14 2,1% 2,1% 2,0% 1,9% 1,8% Da 15 a 24 20,7% 21,0% 20,3% 19,5% 17,8% Da 25 a 54 61,3% 61,3% 61,4% 60,8% 59,7% Oltre 54 15,9% 15,6% 16,3% 17,7% 20,7% 27

29 Tavola Infortuni da RC Auto avvenuti nel periodo , definiti e comunicati al CCI a tutto il , per anno, sesso e classe di età (piccole fasce) - Valori Assoluti e Valori Percentuali VALORI ASSOLUTI CLASSI DI ETA' Maschi Fino a Da 18 a Da 30 a Da 42 a Da 54 a Da 66 a Oltre TOTALE Femmine Fino a Da 18 a Da 30 a Da 42 a Da 54 a Da 66 a Oltre TOTALE Maschi + Femmine Fino a Da 18 a Da 30 a Da 42 a Da 54 a Da 66 a Oltre TOTALE

30 Segue Tavola Infortuni da RC Auto avvenuti nel periodo , definiti e comunicati al CCI a tutto il , per anno, sesso e classe di età (piccole fasce) - Valori Assoluti e Valori Percentuali VALORI PERCENTUALI CLASSI DI ETA' Maschi Fino a 17 5,5% 5,4% 5,1% 4,8% 4,7% Da 18 a 29 31,8% 32,3% 31,2% 30,1% 27,6% Da 30 a 41 29,1% 28,9% 28,7% 27,9% 26,8% Da 42 a 53 18,1% 18,1% 18,7% 19,5% 20,3% Da 54 a 65 9,5% 9,4% 10,0% 10,7% 11,7% Da 66 a 77 4,6% 4,5% 4,7% 5,2% 6,3% Oltre 77 1,5% 1,4% 1,6% 1,9% 2,5% Incidenza % Maschi 57,1% 57,3% 56,3% 55,7% 56,3% Femmine Fino a 17 5,0% 4,9% 4,8% 4,6% 4,2% Da 18 a 29 28,6% 28,8% 28,4% 27,3% 24,7% Da 30 a 41 27,7% 27,5% 27,1% 26,4% 25,1% Da 42 a 53 19,7% 20,1% 20,6% 21,2% 22,1% Da 54 a 65 11,0% 11,1% 11,4% 11,9% 13,0% Da 66 a 77 6,0% 5,6% 5,7% 6,2% 7,6% Oltre 77 2,0% 1,9% 2,0% 2,3% 3,3% Incidenza % Femmine 42,9% 42,7% 43,7% 44,3% 43,7% Maschi + Femmine Fino a 17 5,3% 5,2% 5,0% 4,7% 4,5% Da 18 a 29 30,4% 30,8% 30,0% 28,9% 26,3% Da 30 a 41 28,5% 28,3% 28,0% 27,2% 26,0% Da 42 a 53 18,8% 19,0% 19,5% 20,2% 21,1% Da 54 a 65 10,2% 10,1% 10,6% 11,2% 12,3% Da 66 a 77 5,2% 5,0% 5,1% 5,7% 6,9% Oltre 77 1,7% 1,6% 1,8% 2,1% 2,9% 29

31 Tavola Infortuni da RC Auto avvenuti nel periodo , definiti e comunicati al CCI a tutto il , per anno e classe di grado d'invalidità - Valori Assoluti e Valori Percentuali VALORI ASSOLUTI GRADO/ESITO MORTALE Da 11 a Da 16 a Da 26 a Da 36 a Da 51 a Da 76 a ESITO MORTALE TOTALE VALORI PERCENTUALI GRADO/ESITO MORTALE ,9% 42,9% 46,4% 50,0% 53,8% 2 30,8% 31,1% 29,4% 27,3% 21,8% 3 11,6% 11,2% 10,6% 9,9% 10,0% 4 5,4% 4,8% 4,5% 4,4% 5,1% 5 3,0% 2,8% 2,5% 2,4% 2,9% 6 1,7% 1,5% 1,4% 1,4% 1,8% 7 1,2% 1,0% 1,0% 0,9% 1,1% 8 1,0% 0,8% 0,7% 0,7% 0,8% 9 0,7% 0,5% 0,5% 0,5% 0,5% 10 0,5% 0,4% 0,4% 0,4% 0,4% Da 11 a 15 1,4% 1,3% 1,2% 1,0% 0,8% Da 16 a 25 0,9% 0,7% 0,7% 0,5% 0,4% Da 26 a 35 0,3% 0,2% 0,2% 0,1% 0,1% Da 36 a 50 0,2% 0,1% 0,1% 0,1% 0,0% Da 51 a 75 0,1% 0,1% 0,1% 0,0% 0,0% Da 76 a 100 0,1% 0,1% 0,1% 0,0% 0,0% ESITO MORTALE 0,4% 0,4% 0,3% 0,3% 0,3% 30

32 Tavola Infortuni da RC Auto avvenuti nel periodo , definiti e comunicati al CCI a tutto il , per anno e mese di accadimento - Valori Assoluti e Valori Percentuali VALORI ASSOLUTI MESE DI ACCADIMENTO GENNAIO FEBBRAIO MARZO APRILE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE TOTALE VALORI PERCENTUALI MESE DI ACCADIMENTO GENNAIO 7,0% 7,9% 8,6% 8,8% 16,3% FEBBRAIO 6,9% 7,7% 8,2% 8,5% 12,7% MARZO 7,6% 8,9% 8,7% 9,5% 12,1% APRILE 7,9% 8,5% 8,8% 9,6% 10,0% MAGGIO 8,5% 9,1% 9,0% 9,8% 10,8% GIUGNO 8,1% 8,6% 8,3% 9,1% 9,7% LUGLIO 8,8% 8,9% 8,5% 8,9% 8,6% AGOSTO 7,0% 6,6% 6,5% 6,9% 6,0% SETTEMBRE 8,9% 8,4% 8,2% 8,1% 5,5% OTTOBRE 10,2% 9,0% 8,6% 8,0% 4,4% NOVEMBRE 9,9% 8,2% 8,5% 6,9% 2,6% DICEMBRE 9,4% 8,4% 8,1% 6,1% 1,3% 31

Casellario Centrale Infortuni

Casellario Centrale Infortuni Casellario Centrale Infortuni Rapporto Statistico 2012 Il Casellario Centrale Infortuni È una banca dati pubblica che raccoglie tutti gli infortuni che hanno prodotto invalidità permanente o morte e sono

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

Gli infortuni sul lavoro nel Friuli Venezia Giulia. Servizio statistica dicembre 2008

Gli infortuni sul lavoro nel Friuli Venezia Giulia. Servizio statistica dicembre 2008 Gli infortuni sul lavoro nel Friuli Venezia Giulia Servizio statistica dicembre 2008 Servizio statistica REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Corso Cavour, 1 34100 Trieste telefono: 040 3772218 fax:

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO: REGIO DECRETO L. n. 30/1898 ISTITUISCE L ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO: REGIO DECRETO L. n. 30/1898 ISTITUISCE L ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO NORMATIVA DI RIFERIMENTO: REGIO DECRETO L. n. 30/1898 ISTITUISCE L ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO (DA CUI SUCCESSIVAMENTE NASCE L INAIL) DPR 547/1955 NORME PER LA PREVENZIONE

Dettagli

IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA

IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DEGLI INCIDENTI STRADALI IN TOSCANA Fabio Voller Dirigente Settore Servizi Sociali Integrati Osservatorio di Epidemiologia Agenzia Regionale di Sanità Toscana Incidenti stradali

Dettagli

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO

STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010. Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO STUDIO SUGLI INCENDI IN ITALIA DAL 2007 AL 2010 Dirigente Superiore Dott. Ing. Maurizio D ADDATO La ricerca sviluppata ha preso in esame tutte le segnalazioni pervenute al Centro Operativo Nazionale del

Dettagli

INDICE. Presentazione del Prof. GOFFREDO SCIAUDONE... PARTE PRIMA PREVENZIONE CAPITOLO I DEFINIZIONE, DATI STATISTICI

INDICE. Presentazione del Prof. GOFFREDO SCIAUDONE... PARTE PRIMA PREVENZIONE CAPITOLO I DEFINIZIONE, DATI STATISTICI XV Presentazione del Prof. GOFFREDO SCIAUDONE... IX PARTE PRIMA DEFINIZIONE, DATI STATISTICI, PREVENZIONE CAPITOLO I DEFINIZIONE, DATI STATISTICI 1. Infortunio, infortunio sul lavoro e infortunio in itinere....

Dettagli

Statistiche per la prevenzione Danni da lavoro nell agricoltura nell industria e nell artigianato

Statistiche per la prevenzione Danni da lavoro nell agricoltura nell industria e nell artigianato CONSULENZA STATISTICO ATTUARIALE Statistiche per la prevenzione Danni da lavoro nell agricoltura nell industria e nell artigianato SUPPLEMENTO AL NOTIZIARIO STATISTICO N. 1-2/2011 Quaderni del Notiziario

Dettagli

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI.

Settembre 2014. Gennaio. Settembre 2015. di trasporto 179. mezzo di trasporto 51. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 30/09/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere.

Gennaio Ottobre 2015. Gennaio. lavoro. mezzo di trasporto 62. In itinere Senza. Con mezzo di SUL LAVORO DI. In itinere. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/10/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni:

Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: 1 Tutte le pensioni in Lombardia e nelle altre regioni: quante sono, a chi vanno, quanto rendono Rilevazioni sui trattamenti pensionistici condotta dall Istituto nazionale di statistica in collaborazione

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Testo Unico Legge n. 1124 del 1965 Decreto Legislativo n. 38 del 2000

Testo Unico Legge n. 1124 del 1965 Decreto Legislativo n. 38 del 2000 Testo Unico Legge n. 1124 del 1965 Decreto Legislativo n. 38 del 2000 INCA PIEMONTE - 2010 1 L ASSICURAZIONE INAIL LA CAUSA VIOLENTA - L OCCASIONE DI LAVORO L INFORTUNIO IN ITINERE GLI OBBLIGHI DEL LAVORATORE

Dettagli

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo.

Gennaio. Luglio L 2015 472 383. In occasione. di lavoro. di trasporto 65 In itinere. mezzo di trasporto 61. di lavoro Senza mezzo. OSSERVATORIOO SICUREZZA SUL LAVORO DI VEGA ENGINEERING Elaborazione Statistica degli Infortuni Mortali sul Lavoro Anno 2015: aggiornamento al 31/0/ /2015 a cura dell Osservatorioo Sicurezza sul Lavoro

Dettagli

Rapporto Statistico 2015

Rapporto Statistico 2015 Rapporto Statistico 2015 Casellario Centrale Infortuni Rapporto Statistico 2015 Casellario Centrale Infortuni Il Casellario Centrale Infortuni È una banca dati pubblica che raccoglie tutti gli infortuni

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

CONVEGNO Università di Pavia

CONVEGNO Università di Pavia DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA CONVEGNO Università di Pavia 29 gennaio 2008 1 L Assicurazione contro gli Infortuni sul lavoro e le malattie professionali 2 L assicurazione contro gli infortuni - trova il

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO INAIL 2015:

INFORTUNIO SUL LAVORO INAIL 2015: INFORTUNIO SUL LAVORO INAIL 2015: PROCEDURE, RETRIBUZIONE E PAGAMENTO dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, gennaio 2015 L infortunio sul lavoro INAIL 2015 è un incidente che avviene in occasione dell

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

Ruolo e compiti dell INAIL

Ruolo e compiti dell INAIL Ruolo e compiti dell INAIL Nuovo Polo Salute e Sicurezza NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.P.R. 1124/65 TESTO UNICO delle disposizioni per l assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie

Dettagli

Infortuni sul lavoro: gli adempimenti a carico dell impresa

Infortuni sul lavoro: gli adempimenti a carico dell impresa Infortuni sul lavoro: gli adempimenti a carico dell impresa Nozione Si considera infortunio, ai fini della tutela assicurativa obbligatoria, ogni evento avvenuto per causa violenta in occasione di lavoro,

Dettagli

Cos è l INAIL. (Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro)

Cos è l INAIL. (Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro) Cos è l INAIL (Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro) E l Istituto che in Italia gestisce l assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali. In Italia

Dettagli

L ATLANTE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLA REGIONE VENETO

L ATLANTE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLA REGIONE VENETO L ATLANTE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLA REGIONE VENETO Evoluzione normativa negli anni 1990/2001 Ampliamento dei soggetti assicurati Estensione del rischio assicurato Nuovo sistema di tutela del danno

Dettagli

VI Rapporto sulla Sicurezza Stradale 1 in Puglia 1 semestre 2012

VI Rapporto sulla Sicurezza Stradale 1 in Puglia 1 semestre 2012 VI Rapporto sulla Sicurezza Stradale 1 in Puglia semestre 2012 I primi dati del 2012 Nel primo semestre 2012 sono stati rilevati 5.919 incidenti stradali che hanno provocato 121 vittime e lesioni a 9.553

Dettagli

SICUREZZA E PREVENZIONE

SICUREZZA E PREVENZIONE SICUREZZA E PREVENZIONE Il 28 aprile attenzione sui nuovi rischi Giornata mondiale Ilo per sensibilizzare lavoratori e istituzioni La giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro, campagna

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI

CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER GLI INGEGNERI ED ARCHITETTI LIBERI PROFESSIONISTI inarcassa in Cifre Statistiche su iscritti e pensionati, redditi e volume d affari Ufficio Studi e Ricerche

Dettagli

Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293)

Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293) Legge 12 dicembre 2002, n. 273 (S.O. n. 230/L alla G.U. 14 dicembre 2002, n. 293) Misure per favorire l iniziativa privata e lo sviluppo della concorrenza Capo III DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RC AUTO 1

Dettagli

L assicurazione contro gli infortuni in Italia

L assicurazione contro gli infortuni in Italia INFORTUNI E MALATTIE PROFESSIONALI L assicurazione contro gli infortuni in Italia L obbligo dell assicurazione contro gli infortuni sul lavoro nasce con la legge 80/1898 come forma di tutela per i rischi

Dettagli

Statistiche in breve

Statistiche in breve Statistiche in breve A cura del Coordinamento Generale Statistico Attuariale Aprile 2015 Anno 2015 vigenti all 1.1.2015 e liquidate nel 2014 erogate dall Inps 1 Le Gestioni Le pensioni vigenti all 1.1.2015

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

BOOM DI MINI-JOBS ==================

BOOM DI MINI-JOBS ================== BOOM DI MINI-JOBS Nel 2014 la CGIA prevede una vendita di oltre 71.600.000 ore di lavoro: interessato un milione di persone. Commercio, ristorazione/turismo e servizi i settori più interessati ==================

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Statistiche relative alla gestione dei rami: 10. Responsabilità civile autoveicoli terrestri; 12. Responsabilità civile veicoli marittimi,

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

46 Quaderni di ricerca n. 3 - novembre, 2014. 4 Su alcuni indicatori di qualità del sistema

46 Quaderni di ricerca n. 3 - novembre, 2014. 4 Su alcuni indicatori di qualità del sistema 46 Quaderni di ricerca n. 3 - novembre, 2014 4 Su alcuni indicatori di qualità del sistema Nel complesso dei dati osservati e sinteticamente riproposti nelle tabelle, il sistema di valutazione di cui alla

Dettagli

Rapporto Annuale 2007

Rapporto Annuale 2007 Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro Rapporto Annuale 2007 Statistiche Rapporto Annuale 2007 Questo volume è stato realizzato su dati elaborati dalla Consulenza Statistico

Dettagli

INAIL Direzione Regionale Lombardia. Le prestazioni INAIL

INAIL Direzione Regionale Lombardia. Le prestazioni INAIL INAIL Direzione Regionale Lombardia Le prestazioni INAIL 1 LE PRESTAZIONI ASSICURATIVE A FRONTE DEL PAGAMENTO DEL PREMIO ASSICURATIVO QUANDO SI VERIFICA UN EVENTO INDENNIZZABILE L INAIL EROGA DUE TIPI

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 11 aprile

Dettagli

DDL CONCORRENZA A.S. 2085

DDL CONCORRENZA A.S. 2085 AUDIZIONE COMMISSIONE X INDUSTRIA SENATO DDL CONCORRENZA A.S. 2085 Norme in materia assicurativa Roma, 11 novembre 2015 LE NORME IN DISCUSSIONE SONO EFFICACI? VALUTAZIONE DI SINTESI Il saldo tra il testo

Dettagli

Report incentivi ISI 2012

Report incentivi ISI 2012 Report incentivi ISI 2012 Il 18 aprile 2013 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 155 milioni di euro stanziati a fondo perduto dall INAIL nell ambito del bando degli

Dettagli

Attività delle Forze di Polizia nel settore degli stupefacenti

Attività delle Forze di Polizia nel settore degli stupefacenti Cod. ISTAT INT 00013 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Giustizia Attività delle Forze di Polizia nel settore degli stupefacenti Titolare: Dipartimento della Pubblica

Dettagli

Risk Assessment di flotte veicolari aziendali

Risk Assessment di flotte veicolari aziendali L approfondimento Risk Assessment di flotte veicolari aziendali Il Risk Assessment è un metodo di valutazione dei rischi che consente ad un azienda o ad un organizzazione di sondare i propri rischi in

Dettagli

Regole in materia di coperture per Infortuni Professionali ed Extraprofessionali. appartenente alle Aree Professionali ed ai Quadri Direttivi

Regole in materia di coperture per Infortuni Professionali ed Extraprofessionali. appartenente alle Aree Professionali ed ai Quadri Direttivi Regole in materia di coperture per Infortuni Professionali ed Extraprofessionali a favore del Personale appartenente alle Aree Professionali ed ai Quadri Direttivi Aprile 2008 Regole in materia di coperture

Dettagli

Sezione 1 Enti rispondenti e auto registrate

Sezione 1 Enti rispondenti e auto registrate Censimento Auto PA Rapporto Febbraio 2014 Aggiornamento dati al 01 marzo 2014 Copertura totale 95.1% degli enti, 97.0% delle autovetture Saldo rispetto all 1/1/2013-4 663 autovetture (-8.0 % della disponibilità

Dettagli

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI

L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI L ATLANTE AMBIENTE SULLE PRATICHE AGRONOMICHE ECOSOSTENIBILI Maggio 211 Pubblicazione realizzata con il contributo FEASR (Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale) nell'ambito delle attività

Dettagli

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009

Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 21 giugno 2011 Trattamenti pensionistici e beneficiari al 31 dicembre 2009 Nel 2009 l importo complessivo annuo delle prestazioni pensionistiche previdenziali e assistenziali erogate in Italia è stato

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

Malattie professionali e infortuni sul lavoro

Malattie professionali e infortuni sul lavoro 82 22 luglio 2015 Malattie professionali e infortuni sul lavoro Statistiche INAIL del 2014 L'INAIL ha presentato i dati degli infortuni e delle malattie professionali relativi all'anno 2014. A livello

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Gli Infortuni sul lavoro

Gli Infortuni sul lavoro . Gli Infortuni sul lavoro Diminuiscono gli infortuni ma non per tutti! Gli infortuni, tra gli anni 80 e gli anni 90, si attestano attorno ad 1 milione di eventi l anno; gli infortuni mortali oscillano

Dettagli

La tutela assicurativa Inail. dr.ssa Paola Patrignani resp. Processo prevenzione Inail di Pesaro Urbino

La tutela assicurativa Inail. dr.ssa Paola Patrignani resp. Processo prevenzione Inail di Pesaro Urbino La tutela assicurativa Inail dr.ssa Paola Patrignani resp. Processo prevenzione Inail di Pesaro Urbino 1 I.N.A.I.L. ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO persegue una pluralità

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche 1 Indice delle tavole statistiche Pensionati nel complesso Tavola 1 Pensionati ed importo annuo delle pensioni, complessivo e medio per sesso, regione di residenza, classe di età e classe di importo Tavola

Dettagli

LA TUTELA ASSICURATIVA INAIL E LE MALATTIE PROFESSIONALI. GIORNATA DELLA SICUREZZA NEI CANTIERI V EDIZIONE Camera di Commercio Sala Maffei

LA TUTELA ASSICURATIVA INAIL E LE MALATTIE PROFESSIONALI. GIORNATA DELLA SICUREZZA NEI CANTIERI V EDIZIONE Camera di Commercio Sala Maffei LA TUTELA ASSICURATIVA INAIL E LE MALATTIE PROFESSIONALI GIORNATA DELLA SICUREZZA NEI CANTIERI V EDIZIONE Camera di Commercio Sala Maffei LA CAMPAGNA EUROPEA 2014 E LO STRESS LAVORO CORRELATO Lo stress

Dettagli

Fisica Sanitaria. Roma, 17 Febbraio 2012. Michele Belluscio

Fisica Sanitaria. Roma, 17 Febbraio 2012. Michele Belluscio Fisica Sanitaria Roma, 17 Febbraio 2012 Michele Belluscio Fisica Sanitaria: Attività La Fisica Sanitaria svolge attività connesse, in modi e misure diverse, con: -Radioterapia oncologica -Medicina nucleare

Dettagli

SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI

SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI Roma 2 febbraio 2012 Prot. n. All.ti n. 07-12-000039 1 Alle imprese di assicurazione che esercitano i rami R.C. auto e Corpi di Veicoli Terrestri con sede legale

Dettagli

NUOVA CERTIFICAZIONE MEDICA DI MALATTIA PROFESSIONALE TRASMISSIONE ON-LINE. Dott.ssa Pierina Sgammotta Responsabile processo lavoratori INAIL

NUOVA CERTIFICAZIONE MEDICA DI MALATTIA PROFESSIONALE TRASMISSIONE ON-LINE. Dott.ssa Pierina Sgammotta Responsabile processo lavoratori INAIL NUOVA CERTIFICAZIONE MEDICA DI MALATTIA PROFESSIONALE TRASMISSIONE ON-LINE Dott.ssa Pierina Sgammotta Responsabile processo lavoratori INAIL 1 MALATTIE PROFESSIONALI L incontro odierno costituisce un importante

Dettagli

MEDIAZIONE OBBLIGATORIA EX D.L. 28/2010

MEDIAZIONE OBBLIGATORIA EX D.L. 28/2010 MEDIAZIONE OBBLIGATORIA EX D.L. 28/2010 STATISTICHE AL 31 DICEMBRE 2012 Ministero della Giustizia Dipartimento della organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi Direzione Generale di Statistica

Dettagli

SISTEMI PER LA QUALIFICAZIONE AZIENDALE AL RATING

SISTEMI PER LA QUALIFICAZIONE AZIENDALE AL RATING SISTEMI PER LA QUALIFICAZIONE AZIENDALE AL RATING ItaliaRating Via Moncenisio, 4 20052 Monza MI www.italiarating.com Pag. 1 BASILEA 2 Nota introduttiva Basilea 2 e il nuovo accordo internazionale sui requisiti

Dettagli

Relazione sugli Infortuni sul Lavoro e sulle Prescrizioni degli Organi di Vigilanza in Poste Italiane

Relazione sugli Infortuni sul Lavoro e sulle Prescrizioni degli Organi di Vigilanza in Poste Italiane Relazione sugli Infortuni sul Lavoro e sulle Prescrizioni degli Organi di Vigilanza in Poste Italiane Periodo: gennaio dicembre 2014 Indice Sintesi dei risultati 3 Indice di frequenza (F) e di gravità

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

INAIL ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI

INAIL ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI INPS 1) ASSICURAZIONE PER L INVALIDITA, LA VECCHIAIA E I SUPERSTITI 2) ASSICURAZIONE CONTRO LA TIBERCOLOSI 3) ASSICURAZIONE CONTRO LA DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA 4) PROVVEDIMENTI PER LA TUTELA FISICA ED

Dettagli

Relazione sugli Infortuni sul Lavoro e sulle Prescrizioni degli Organi di Vigilanza in Poste Italiane

Relazione sugli Infortuni sul Lavoro e sulle Prescrizioni degli Organi di Vigilanza in Poste Italiane Relazione sugli Infortuni sul Lavoro e sulle Prescrizioni degli Organi di Vigilanza in Poste Italiane Periodo: Gennaio Dicembre 2010 Data: 16 maggio 2011 Indice Sintesi dei risultati 3 Infortuni suddivisi

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

Guida alla lettura dei dati... 30

Guida alla lettura dei dati... 30 Censimento Auto PA Rapporto Novembre 2013 Aggiornamento dati al 01 novembre 2013 Copertura totale 95.0% degli enti, 97.0% delle autovetture Saldo da inizio anno 3 741 autovetture ( 6.4 % della disponibilità

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

Il risarcimento del danno alla persona. Considerazioni di un economista. Dario Focarelli Direttore Generale ANIA

Il risarcimento del danno alla persona. Considerazioni di un economista. Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Il risarcimento del danno alla persona. Considerazioni di un economista. Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Agenda Le previsioni del codice Cosa è stato fatto? Le conseguenze delle scelte L attuazione

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

RAPPORTO IMMOBILIARE 2013 Il settore residenziale FONTI E CRITERI METODOLOGICI

RAPPORTO IMMOBILIARE 2013 Il settore residenziale FONTI E CRITERI METODOLOGICI RAPPORTO IMMOBILIARE 2013 data di pubblicazione: 14 maggio 2013 periodo di riferimento: anno 2012 Le informazioni rese nel presente rapporto sono di proprietà esclusiva dell Agenzia delle Entrate. Non

Dettagli

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti

Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Cod. ISTAT INT 00009 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture socio-riabilitative per tossicodipendenti Titolare: Dipartimento

Dettagli

Sezione 1. Infortuni: analisi e statistiche

Sezione 1. Infortuni: analisi e statistiche Sezione 1 Infortuni: analisi e statistiche 1.1 Analisi del fenomeno infortunistico in Regione Nel 2012 l andamento infortunistico in Molise evidenzia una significativa flessione del -6,2% rispetto all

Dettagli

Il Telefono Verde contro il Fumo

Il Telefono Verde contro il Fumo Il Telefono Verde contro il Fumo Dott.ssa Luisa Mastrobattista Osservatorio Fumo Alcol e Droga OSSFAD Istituto Superiore di Sanità XVII Convegno Tabagismo e Servizio Sanitario Nazionale AGGIORNAMENTO DEI

Dettagli

Francesca Belinghieri. Novara, 11 giugno 2014

Francesca Belinghieri. Novara, 11 giugno 2014 Novara, 11 giugno 2014 "Il Nuovo SET (Servizio Emergenze Trasporti), uno strumento operativo per la gestione delle emergenze a supporto delle Autorità Pubbliche e delle Imprese". Francesca Belinghieri

Dettagli

Prot. n. 16568 del 21/03/2014. Oggetto: Invio modulistica INAIL

Prot. n. 16568 del 21/03/2014. Oggetto: Invio modulistica INAIL Prot. n. 16568 del 21032014 Ai Medici 118 Oggetto: Invio modulistica INAIL Direttore Centrale Operativa 118 Via Roma 56 53100 SIENA tel. 0577 536853 fax 0577 536118 e-mail: si118@usl7.toscana.it Il medico

Dettagli

DATI INAIL Analisi degli infortuni sul lavoro: casi mortali al minimo storico

DATI INAIL Analisi degli infortuni sul lavoro: casi mortali al minimo storico PREVENZIONE E PROTEZIONE ARTICOLO Pubblicato il Rapporto 2013 con i dati valutati dall Istituto DATI INAIL Analisi degli infortuni sul lavoro: casi mortali al minimo storico di Valeria Rey, Ricercatore

Dettagli

LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA

LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA LA CATTIVA ABITUDINE DELLA SOSTA IN DOPPIA FILA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 1 È esperienza di tutti

Dettagli

Regole in materia di coperture per Infortuni Professionali ed Extraprofessionali. appartenente alle Aree Professionali ed ai Quadri Direttivi

Regole in materia di coperture per Infortuni Professionali ed Extraprofessionali. appartenente alle Aree Professionali ed ai Quadri Direttivi Regole in materia di coperture per Infortuni Professionali ed Extraprofessionali a favore del Personale appartenente alle Aree Professionali ed ai Quadri Direttivi Emittente: Direzione Centrale Personale

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

I N S E R T O T E C N I C O G I U G N O 2 0 0 7

I N S E R T O T E C N I C O G I U G N O 2 0 0 7 INSERTO_versione6:INSERTO_GIU 24-02-2009 16:10 Pagina 1 d I t a l i a I N S E R T O T E C N I C O G I U G N O 2 0 0 7 Unpli e Fondiaria - Sai Una convenzione e tanti vantaggi assicurativi A cura di Mario

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Dati al 31 dicembre 2014

Dati al 31 dicembre 2014 Anno XI I n 25 - Maggio 2015 Executive Summary Con la presente rilevazione si forniscono i risultati dei principali indicatori tecnici del ramo R.C. Auto (e della relativa gestione della convenzione per

Dettagli

Allegato Tecnico n. 1 Soci delle Pro Loco associate UNPLI. PRODOTTI e SERVIZI ASSICURATIVI

Allegato Tecnico n. 1 Soci delle Pro Loco associate UNPLI. PRODOTTI e SERVIZI ASSICURATIVI CONVENZIONE ASSICURATIVA tra UNPLI UNIONE NAZIONALE PRO LOCO D ITALIA - e UNIPOLSAI ASSICURAZIONI S.p.A. Divisioni: LA FONDIARIA LA PREVIDENTE NUOVA MAA - SAI Allegato Tecnico n. 1 Soci delle Pro Loco

Dettagli

Contenuto dei 4 o 5 settori prevalenti

Contenuto dei 4 o 5 settori prevalenti 1 di 5 GLOSSARIO Accentramenti contributivi Addetti (INAIL) Agente materiale Codice di tariffa Inail Comparti Contenuto dei 4 o 5 settori prevalenti ESAW/3 Un'azienda, con più Unità produttive dislocate

Dettagli

Circolare N.168 del 15 dicembre 2011. Premi assicurativi 2011-2012. E in corso l invio delle comunicazioni sulla classificazione ai fini tariffari

Circolare N.168 del 15 dicembre 2011. Premi assicurativi 2011-2012. E in corso l invio delle comunicazioni sulla classificazione ai fini tariffari Circolare N.168 del 15 dicembre 2011 Premi assicurativi 2011-2012. E in corso l invio delle comunicazioni sulla classificazione ai fini tariffari Premi assicurativi 2011/2012: è in corso l invio delle

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Finanziamenti alle imprese ISI INAIL 2011 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell'art. 11, comma 5, D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014

LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 LAVORO E IMMIGRAZIONE NEI SISTEMI LOGISTICI IN ITALIA 3 aprile 2014 PRESENTAZIONE A CURA DI EMANUELE GALOSSI E GIULIANO FERRUCCI I lavoratori

Dettagli

ing. Domenico Mannelli Le banche dati: dal dato alla prevenzione

ing. Domenico Mannelli Le banche dati: dal dato alla prevenzione ing. Domenico Mannelli Le banche dati: dal dato alla prevenzione Menomazione della capacità lavorativa o morte provocata da causa violenta in occasione dei lavori CAUSA VIOLENTA ELEMENTO DETERMINANTE IN

Dettagli

SOMMARIO NOTE TESTO. Art. 1. Art. 2. Art. 3. ALLEGATO A

SOMMARIO NOTE TESTO. Art. 1. Art. 2. Art. 3. ALLEGATO A Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 16/11/1995 Ripartizione di contributi a carico del bilancio dello Stato e relativi all'annualita' 1994 per la realizzazione dei piani di cui all'art.

Dettagli

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista.

Il 38% delle strutture residenziali per anziani sono a gestione pubblica, il 58% a gestione privata ed il rimanente 4% a gestione mista. In sensibile crescita la domanda di servizi assistenziali da parte degli anziani: in 8 anni il numero degli anziani ospiti dei presidi assistenziali è cresciuto di quasi il 30%. Gli ospiti anziani cui

Dettagli