stanziamenti proposti Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissione.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1985 - stanziamenti proposti 11 500 000. Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissione."

Transcript

1 B/ 86 Progetto prelimina,re di bilancio generale ARTICOLO COSTRUZIONE DI IMMOBILI 1984 stanziamenti autorizzati nel bilancio ordinario (l) stanziamenti modificati mediante storno o bilancio rettificativo o suppletivo Variazione percentuale + 15 (l) Di cui 0,25 milioni di ECU al capitolo 100 e 1,75 milioni di ECU trasferiti dal capitolo 1'00. Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissione. 2. Natura della spesa Basandosi sull'esperienza a sui risultati di vari studi, ivi compresa la relazione speciale.della Corte ' dei Conti delle Comunità europee concernente la politica immobiliare delle istituzioni comunitarie, nonché sul parere unanime di tutti gli organi comunitari, secondo cui l'affitto di immobili è più oneroso della gestione in proprietà, la Commissione ha già proposto all'autorità di bilancio la costruzione di un edificio a Bruxelles. a) Voce 2070: Costruzione dell'edificio 120 Loi (Bruxelles): il progetto riguarda la costruzione di un edificio come ampliamento all'immobile situato al n. 120 di rue de la Loi, acquistato allo Stato belga mediante gli stanziamenti ottenuti per il1982. Il terreno è stato acquistato sempre allo Stato belga per un importo simbolico. I lavori di costruzione sono iniziati il l o marzo 1984 e secondo le previsioni dovrebbero durare 550 giorni lavorativi (circa due anni e mezzo di calendario). La spesa da sostenere nel 1984 e 1985 sarà dell'ordine di l 130 milioni di BFR, pari a circa 24,5 milioni di ECU. Questa stima è basata sul calendario di massima di esecuzione dei lavori e sulla ripartizione delle spese calcolata dall'organismo di controllo dei costi di costruzione. Nella stima sono compresi gli onorari dei consulenti e le spese di assicurazione. Gli stanziamenti disponibili nel 1984 sono di 13 milioni di ECU (compresi gli stanziamenti riportati dal 1983). Gli stanziamenti da prevedere nel bilancio 1985 ammontano dunque a 11,5 millioni di ECU. La Commissione farà di tutto per non superare la dotazione globale prevista (l 860 milioni di BFR). b) Voce 2071: Costruzione dell'immobile della delegazione della Commissione a Canberra (Australia): p. m. /

2 Progetto preliminare di bilancio generale 1985 B/ 87 ARTICOLO ALTRE SPESE PRELIMINARI ALL'ACQUISTO O ALLA COSTRUZIONE DI IMMOBILI stanziamenti autorizzati nel bilancio ordinario - stanziamenti modificati mediante storno o bilancio rettificativo o suppletivo p.m Variazione percentuale -27,5 Lo stanziamento rientra-nella sfera dell'autonomia di gestione della Commission~. 2. Natura della spesa Onorari di tecnici qualificati e di uffici studi: Importo di previsione destinato a far fronte alle spese che potrebbero rivelarsi necessarie nell985.

3 B/ 88 Progetto preliminare di bilancio generale CAPITOLO 21 SPESE RELATIVE ALL'INFORMATICA RIEPILOGO Stanziamenti Stanziamenti Variazione Capitolo/ autorizzati proposti in percentuale Articolo/ Denominazione 1984 (l) 1985 (l) (2 : l) Voce l Gestione del centro d'informatica ,8 211 Reti informatiche ,1 212 Prestazioni del personale addetto alla gestione informatica ,2 213 Lavori di gestione informatica affidati a terzi ,4 214 Lavori di analisi e programmazione, preanalisi e progetti speciali affidati a terzi ,7 215 Analisi documentaria affidata a terzi ,3 Totale ,7 ( 1 ) Compresi gl! stanziamenti iscritti al capitolo 100 e previo trasferimento interno (in corso di preparazione) al capitolo 21.

4 Progetto preliminare di bilancio generale 1985 B/ 89 Introduzione alla motivazione del bilancio informatico 1985, Dalla struttura del progetto di bilancio informatico (capitolo 21) per il 1985 emergono gli elementi seguenti:.: le spese di gestione (artt. 210, 212, 213) sono ormai stabilizzate; - la domanda riguarda le spese di investimento in attrezzature distribuite (rete, burotica) (artt. 211, 220) e in assistenza tecnica per lo sviluppo delle applicazioni (art. 214). Si deve ricordare che le richieste finanziarie presentate dalla Co~missione dal1982 sono volte a raggiungere una soglia critica minima a partire dalla quale sia possibile gestire l'espansione informatica a costi fissi (in ECU costanti). Questo livello critico era di 35,5 milioni di ECU per il 1984, ma il bilancio autorizzato è ammontato soltanto a 30,5 milioni, pari all'86 o/o della domanda. Ne consegue un ritardo supplementare per i programmi di razionalizzazione che permettono di stabilizzare il bilancio. Per tener conto delle difficoltà della situazione finanziaria che caratterizza il momento in cui essa elabora la sua proposta per il1985, la Commissione propone di realizzare l'obiettivo del livello critico, che si situa attualmente a 37,8 milioni, in due tappe. Per questo motivo le richieste per il1985 presentano rispetto a quelle del 1984 un aumento del20 o/o soltanto. Questo bilancio, destinato a proseguire l'espansione dell'informatica in seno ai servizi della Commissione, consentirà di raggiungere essenzialmente gli obiettivi seguenti: -accelerazione dell'utilizzo dei pacchetti di software offerti dal mercato per la costruzione delle applicazioni; - messa in opera di un programma di assistenza tecnica e di formazione a seguito di questa accelerazione; - acquisto e impianto di materiale e software che consentano l'integrazione delle nuove tecnologie presso gli utilizza tori; - messa in opera di un programma di sostegno per l'evoluzione dei posti di lavoro a seguito dell'integrazione delle nuove tecnologie; - messa in opera delle azioni di ammodernamento nella gestione delle basi di dati; - introduzione progressiva dell'infrastruttura di comunicazione per gli anni

5 B/ 90 Progetto preliminare di bilancio generale I. Attrezzature informatiche distribuite l. Macchina da scrivere 2. Calcolatrice da ufficio,3. Terminale non intelligente 4. Microelaboratore 5. Stazione trattamento testi 6. Telex 7. Teletex 8. Stazione codificazione 9. Lettore di microschede 10. Telecopiatrice 11. Fotocopiatrice 12. Stampante per ufficio 13. Stampante ad alta velocità 14. Sale teleconferenza 15. Terminale per elaborazione la- vori da una località lontana (RJE) 16. Minielaboratore 17. Software 18. Forniture e traslochi 19. Laboratori di riproduzione 20. Attrezzature speciali 21. Altre \ 22. Indicizzazione prezzi II. Telecomunicazioni l. Telefono - servizi PTT 2. - attrezzature 3. Telex ~servizi PTT III. Trasmissione dati l. Servizi PTT 2. Attrezzature Totale generale I, II, III Art./ Voce Quantità Spese A N M l l l 31 l -l 40 l l,2410 l l 210 l -l. l 211 l wl 40 l 80 l -l 20 l l 211 l 351 2~1 -l 260 l -l l l l -l wl l l l ' A = Acquisto. M = Manutenzione. N = Noleggio, compresa la manutenzione. T =Totale. (l) Le spese per gli uffici esterni non sono incluse per il 1984 ( ECU), ma sono riprese per il T A l l l l l l ' 120 2~1 =l 5: l 26~1 5~1 l l 390 l 300 l l l wol 350 l l l l l (l) (in migliaia di ECU) Previsioni 1985 N M T l l 4691 l 519 =l 10~ l l -l 180 -l 70 l l 199 -l 11l l ? ' l l l l l (l)

6 Progetto preliminare di bilancio generale 1985 B/ 91 Tuttavia l'attività informatica della Commissione non è finanziata unicamente dal capitolo 21. A causa dell'integrazione dei vari settori di trattamento automatico dell'informazione (trattamento dati, trattamento testi, riprografia, telecomunicazioni) il bilancio dell'informatica ricorre anche a stanziamenti iscritti ai capitoli 22 e 23 Gli stanziamenti previsti per il 1985 per l'informatica sono dunque i seguenti: Capitolo/ ArtiColo/ Voce Stànziamenti 1984 Stanziamenti 1985 Variazione in percentuale , , , ,0 Dato che le spese degli articoli 210, 212, 213, 2 15 e 241 sono per la loro stessa natura inevitabili, una riduzione delle richieste di risorse si ripercuoterebbe direttamente sulle azioni seguenti: - i progressi in materia di burotica e informatica distribuita e i corrispondenti guadagni in termini di produttività (art. 211 e voce 2204); - la messa a punto di un servizio di corriere elettronico interistituzionale (art. 214); - la messa in opera dei nuovi progetti e lo sforzo intrapreso per non prolungare la durata della attesa al di là del 1987 (art. 214).

7 B/ 92 Progetto preliminare di bilancip generale ARTICOLO GESTIONE DEL CENTRO D'INFORMATICA stanziamenti autorizzati nel bilancio ordinario - stanziamenti modificati mediante storno o bilancio rettificativo o suppletivo IO Variazione percentuale + 7,8 Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissione. 2. Natura della spesa Le spese di- gestione del centro d'informatica di Lussemburgo comprendono le spese di noleggio delle. ' unità centrali ICL, Siemens e Amdahl, dei loro periferici, di materiali e software diversi; le spese di manutenzione, gli acquisti di materiale, software, forniture e documentazione e dei softwares destinati a migliorare l'utilizzo delle diverse macchine. Il calcolo si basa sugli obblighi in corso (contratti di nofeggio e di manutenzione degli elaboratori e altro materiale) ai quali si aggiungono acquisti complementari di attrezzature periferiche per poter seguire l'espansione normale delle applicazioni (capacità di memorizzazione, sviluppo delle connessioni verso la rete) nonché di software destinati a migliorare l'utilizzo delle diverse macchine. La potenza di calcolo disponibile sulle macchine del Centro di calcolo è passata da l O MIPS (milioni di istruzioni per secondo) nel 1982 a 17 MIPS nel 1983 e a 20 MIPS nel 1984; si prevede di passare a 26 MIPS nel 1985 e a 36 MIPS nel Il volume di memorizzazione, che era di 40Gb (Gigabyte = l miliardo di caratteri) nel 1982 e di 60Gb nel 1983, passerà a 75Gb nel 1984, 110Gb nel 1985 e 150 Gb nel Il costo delle macchine è lungi dal seguire tale evoluzione poiché in ECU costanti i costi saranno stazionari per il 1985 e 1986 e in diminuzione del 3 o/o rispetto al Per quanto riguarda gli stanziamenti dell'articolo 210, l'aumento dell'8 o/o si spiega con gli elementi seguenti: - l'applicazione del tasso di inflazione; - il fatto che certe àttrezzature, che nel 1984 sono state pagate su base _parziale, per il 1985 devono essere pagate per l 'intero anno. Tale aumento deve essere valutato in relazione all'aumento della produttività, che può essere valutato pari al 27%.

8 Progetto preliminare di bilancio generale 1985 B/ 93 ARTICOLO RETI INFORMATICHE stanziamenti autorizzati nel bilancio ordinario - stanziamenti modificati mediante storno o bilancio rettificativo o suppletivo Variazione percentuale + 31,1 Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissione. 2. N a tura della spesa Lo stanziamento è destinato a coprire le spese relative all'acquisto, al noleggio e alla manutenzione, deì nì.inielaboratori, delle stazioni di lavoro e dei softwares associati. Esso copre inoltre gli acquisti di materiale, software, forniture e documentazione. Le spese relative a quest'articolo sono in notevole aumento in quanto si tratta non soltanto di far fronte ai contratti in corso nel settore dell'informatica distribuita ma anche di soddisfare la domanda per la messa in opera di attrezzature moderne di trattamento dell'informazione nell'insieme dei servizi. Queste spese si integrano nell'insieme di quelle relative alle attr~zzature distribuite che inglobano il materiale burotica (voce 2204: ECU) e le telecomunicazioni (art. 241: 9 loq 000 ECU). La ripartizione dei costi sull'articolo 211 si configura nel modo seguente: - terminale non intelligente (l ECU) - microelaboratore ( ECU) - unità teletex ( ECU) - stazione di codificazione ( ECU) - stampante per ufficio e stampante ad alta velocità ( ECU) - terminale per elaborazione lavori da una località lontana (RJE) ( ECU) - minielaboratore (l ECU) - software e pacchetti di software ( ECU) - attrezzature speciali (l ECU) - trasmissione dati ( ECU) - forniture trasloco ed altre ( ECU) - indicizzazione prezzi ( ECU).

9 B/ 94 Progetto preliminare di bilancio generale ARTICOLO PRESTAZIONI DEL PERSON~LE ADDETTO ALLA GESTIONE INFORMATICA stanziamenti autorizzati nel bilancio ordinario - stanziamenti modificati mediante storno o bilancio rettificativo o suppletivo Variazione percentuale - 10,2 Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissione. 2. _Natura della spesa Tale stanziamento deve permettere di ovviare alla mancanza di personale permanente per la gestione informatica, dovuta al fatto che i relativi posti non sono previsti nell'organico della Commissione, rivolgendosi a per~onale non legato alla Commissione da un contratto fisso di lavoro. Il miglioramento delle prestazioni delle attrezzature centrali ha permesso di ridurre la durata delle prestaz_ioni del personale esterno (- 12,5 %). ' Questa economia permette di rafforzare il personale destinato a dirigere la rete pur diminuendo in modo rilevante gli stanziamenti richiesti (- 10,2 %).

10 Progetto preliminare di bilancio generale 1985 B/ 95 ARTICOLO LAVORI DI GESTIONE INFORMATICA AFFIDATI A TERZI 1984 stanziamenti autorizzati nel bilancio ordinario stanziamenti modificati mediante storno o bilancio rettificativo o suppletivo Variazione percentuale -9,4 Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissione. 2. Natura della sp~sa Questo stanziamento è destinato a coprire le spese di ricorso agli uffici esterni per lavori di gestione. che per motivi tecnici non possono essere eseguiti con le macchine centrali (e in particolare il servizio EURIS-HB). Le macchine del Centro di calcolo provvedono ormai alle applicazioni che fino ad ora erano state affidate agli uffici esterni. Per il 1985 è prevista una diminuzione del 20 o/o in ECU costanti. È per çontro in aumento il ricorso alle basi di dati esterne: per questa azione è previsto un importo di ECU. Globalmente gli stanziamenti della voce presentano tuttavia una diminuzione del 9,4 %.

11 B/ 96 Progetto preliminare di bilancio generale ARTICOLO 214- LAVORI DI ANALISI E DI PROGRAMMAZIONE; PREANALISI E PROGETTI SPECIALI AFFIDATI A TERZI stanziamenti autorizzati nel bilancio ordinario - stanziamenti modificati mediante storno o bilancio rettificativo o suppletivo Variazione percentuale + "53,7 Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissione. 2. Natura della spesa Tale stanziamento è destinato ad ovviare alla scarsità di personale per preanalisi e analisi funzionali 1. ed organiche di programmazione, nonché ad affidare taluni lavori a imprese specializzate. L'aumento rilevante dello stanziamento è dovuto alla necessità di rispettare i due imperativi seguenti per poter fornire un'informazione di qualità: - migliorare l'infrastruttura dei servizi generali.informatici e telematici messi a disposizione dei servizi; - aumentare considerevolmente la produttività per lo sviluppo e il mantenimento delle applicazioni. A tal fine si intensificherà il ricorso ai pacchetti di software disponibili sul mercato. Ciò comporta del~ e spese associate per il sostegno tecnico di questi softwares e per la formazione degli utilizzatori. La domanda presentata non consente di recuperare il ritardo constatato alla fine del 1983: se infatti il bilancio verrà approvato, questo ritardo potrà venire riassorbito solo alla fine del1987, a condizione tuttavia che non si debba nel frattempo soddisfare alcuna nuova domanda urgente. La tabella che segue fornisce la ripartizione dello sforzo per l'articolo 214. Per maggiori particolari si rinvia alla relazione annuale Personale esterno (migliaia di ECU) a) Formazione e supporto pacchetti di software b) Sviluppo dell'infrastruttura (l) c) Sostegno generale, mantenimento e miglioramento delle applicazioni l 410 esistenti l 261 d) Applicazioni in corso di sviluppo (2) e) Nuovi progetti di applicazioni (3) Totale

12 Progetto preliminare di bilancio generale 1985 B/ 97. l. Lo sviluppo dell'infrastruttura riguarda l'ammodernamento della rete di trasmissione di dati (6 U/a) e l'interconnessione di materiale eterogeneo (3 U/a). Tale sviluppo riguarda altresì il miglioramento del software generale: software statistico destinato a far fronte al continuo aumento dei dati da memorizzare (3 U/a), o al miglioramento della produttività nell'utilizzo degli strumenti informatici (6 U/a). Si deve insistere sull'importanza dei lavori riguardanti l'interconnessione di diversi materiali per lo sviluppo di un sistema interistituzionale di corriere elettronico INSEM (14 U/a) che utilizza la rete dei dati. Un sistema di questo tipo consente non soltanto di accelerare e semplificare la circolazione dei documenti tra le varie istituzioni ma anche di realizzare delle notevoli economie di risorse evitando delle ritrascrizioni successive (progetto associato al programma INSIS). 2. Tra le applicazioni in corso di sviluppo destinate a continuare nel1985, possiamo citare le seguenti: - il sistema SYSPER per la gestione del personale (0,6 U/a); - il progetto SAFIR per la gestione degli interpreti e delle riunioni: assegnazione di 400 interpreti funzionari e 1200 interpreti indipendenti a oltre riunioni all'anno (3,7 U/a); -il FEAOG per la pesca (1,2 U/a); - le statistiche del commercio esterno e i negoziati in seno al GATT (8,2 U/a); - le basi di dati statistici (7,6 U/a); - la sorveglianza acciaio (~,7 U/a); - la gestione dei Fondi di sviluppo dei paesi terzi (0,7 U/a). Per quanto riguarda i nuovi progetti di applicazione è da ricordare il fatto che le richieste da soddisfare comportano un carico di lavoro di 257,85 uomini/ anno. Alla fine del 1985, a condizione che gli stanziamenti domandati siano effettivamente disponibili, saranno stati utilizzati unicamente 48,31 uomini/anno: lo sforzo dovrà dunque essere proseguito nel1986 per raggiungere l'obiettivo di riassorbimento del ritardo alla fine del Tra questi nuovi progetti si devono ricordare i seguenti: - gestione degli aiuti distato (SAMIS) (DG IV, VI, VII, XIV, SG); -nuovo sistema contabile SINCOM (DÒ XIX, XX, Generale); ---:- consolidamento della base di dati del diritto comunitario (CELEX); - base di dati CEDIN: informazioni pubblicate dalle e sulle istituzioni (interistituzionale); - l - CEDIN SATELLITI (di cui EPOS e Eurydice); - SIP A (DG IX) - Sistema jntegrato di pianificazione e di amministrazione; - trattamento regolamentato di stipendi-missioni-malattia (DG IX + interistituzionale); - amministrazione di beni (SYSBIEN) (DG IX); - biblioteca dello statuto; - gestione del personale (SYSPER), fase II; - gestione della traduzione; - tirocinanti; - apertura delle basi verso l'esterno; - burotica per il segretariato generale; - cancelleria/notifiche (DG IV); - programmazione del bilancio (DG X);

13 B/ 98 Progetto preliminare di bilancio generale infrastruttura valutazione sistemi DG VII; - basi delle basi; - gestione del corriere e dell'archiviazione; - ISCE: inchieste: costa della costruzione, trasporti, consumo acciaio, viti vinicola, sociale; - basi di dati: parità potere d'acquista, livello dei prezzi, meta-dati; ---:- thesaurus delle nomenclature statistiche; - analisi e gestione delle tabelle statistiche; - sistema integrato di nomenclatura delle attività e dei prodotti.

14 l Progetto preliminare di bilancio generale 1985 B/ 99 ARTICOLO 215- ANALISI DOCUMENTARIA AFFIDATA A TERZI 1984 stanziamenti autorizzati nel bilancio ordinario stanziamenti modificati mediante storno o bilancio rettificativo o suppletivo Variazione percentuale + 14,3 Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione 'della Commissione. 2. Natura della spesa L'analisi documentaria consiste nell'effettuare una sintesi metodica dei testi destinati ad essere introdotti nei sistemi informatici. L'importo dello stanziamento proposto si basa sugli obblighi contratti e sullo sviluppo normale delle attività nel settore dell'analisi documentaria ( + 14,3 %).,

15 B/lOO Progetto preliminare di bilancio generale CAPITOLO 22 - BENI MOBILI E SPESE ACCESSORIE RIEPILOGO Stanziamenti Stanziamenti Variazione Capitolo/ autorizzati proposti in percentuale Articolo/ Denominazione 1984 (l) 1985 (l) (2 : l) ' Voce - l Impianti tecnici e materiale di burotica ,8 221 Mobilio l ,0 223 Mezzi di trasporto i ,8 ' 225 Spese di documentazione e di biblioteca l ,2 ( 1 ) Compresi gli stanziamenti eventualmente iscritti al capitolo 100. Totale ,2

16 Progetto preliminare di bilancio generale 1985 BI 101 ARTICOLO IMPIANTI TECNICI E MATERIALE DI BUROTICA stanziamenti autorizzati nel bilancio ordinario , stanziamenti modificati mediante storno o bilancio rettificativo o suppletivo Variazione percentuale, + 46,8 Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissione. 2. Natura della spesa ~o stanziamento è destinato a coprire le spese relative alle macchine per ufficio e altri impianti tecnici. E stata creata una nuova linea per isolare il materiale di burotica (voce 2204): - acquisto di attrezzature complementari per rispondere ad,esigenze specifiche e ai ritardi accumulati negli anni precedenti (voce 2200); - sostituzione delle macchine vecchie, guaste o danneggiate, la cui riparazione sarebbe troppo costosa (voce 2201); - noleggio in casi di necessità (voce 2202); - manutenzione e riparazion~ delle.macchine (voce 2203); - materiale di burotica (voce 2204). Gli stanziamenti chiesti per il 1985 sono stati ridotti rispetto alle esigenze come indicato sopra, nel quadro di un programma pluriennale: a) Gli stanziamenti per l'attrezzatura iniziale sono previsti per acquistare: Bruxelles e Lussemburgo: - materiale da biblioteca, documentazione, immagazzinamento, archivio (comprese scaffalature ), classificazione -materiale d'interpretazione (attrezzatura completamente mobile, piccolo materiale vario, altra attrezzatura, ecc.) -materiale audiovisivo (archiviazione film, materiale video, telecinema, materiale per il suono, magnetoscopi, proiettori, ecc. - materiale vario (materiale di manutenzione immobili, servizio trasporto, pareti mobili, ecc.) -materiale destinato ai servizi di Lussemburgo uffici esterni: un complemento di attrezzatura per gli uffici esterni per i quali talune attrezzature, necessarie alle.attività di tali uffici, non erano state acquistate al momento della loro creazione, in particolare per l'acquisto di materiale audiovisivo, di materiale di distribuzione di documenti, di archivio, di classificazione e di piccolo materiale vario.

17 B/ 102 Progetto preliminare di bilancio generale b) Gli stanziamenti per il rinnovo sono destinati all'acquisto di: - per Bruxelles e Lussemburgo: - materiale di biblioteca, archiviamento, immagazzinamento, classificazione - materiale per interpretazione - materiale audiovisivo - materiale vario - materiale destinato ai servizi di Lussemburgo i Questi tassi di rinnovo fanno sì che si disponga per anni di attrezzature concepite per durare 5-7 anni;, -per gli uffici esterni: proseguimento del rinnovo delle macchine che non rispondono più ai criteri di qualità e di efficacia e che hanno costi di manutenzione e di riparazione troppo onerosi, o impossibili, per tal uni paesi. Inoltre il ritardo accumulato a causa di carenti stanziamenti di bilancio esige ora uno sforzo nel settore. c) L'affitto riguarda essenzialmente, per gli uffici esterni, la riconduzione dei contratti esistenti in tutti gli uffici. L'aumento del costo della vita è talvolta molto elevato in taluni paesi. Gli stanziamenti richiesti non permettono alcun nuovo affitto. d) L'aumento previsto delle spese di manutenzione e di riparazione è imputabile all'aumento del prezzo dei servizi ed all'invecchiamento del materiale, che comporta riparazioni più frequenti. e) Gli stanziamenti richiesti sono destinati all'esecuzione parziale dello schema di programma d'acquisto, affitto e manutenzione delle attrezzature di burotica: - Bruxelles e Lussemburgo: macchine per scrivere: ECU; calcolatrici: ECU; dittafoni: ECU; lettori-riproduttori: ECU; trattamento di testi: ECU; fotocopiatrici: l ECU; mini calcolatori: ECU; stampatrici: ECU; telecopiatrici: ECU; materiale di telecomunicazìone: ECU; attrezzature speciali (materiale di riproduzione fotocompositrici, assemblatrici): ECU; -uffici esterni: acquisto di macchine per scrivere, calcolatrici, dittafoni: ECU; manutenzione e riparazione del parco macchine: ECU. f) Le spese previste si ripartiscono come. segue: Voce 2200 Voce 2201 Voce 2202 Voce 2203 Voce 2204 Totale Attrezzatura iniziale Sostituzione Noleggio Manutenzione Burotica _ art. 220 Bruxelles Lussemburgo Uffici esterni Totale a personale costante Incidenza dei posti nuovi Nuovi uffici esterni Totale generale '

18 Progetto preliminare di bilancio generale 1985 BI 103 ARTICOLO MOBILIO stanziamenti autorizzati nel bilancio ordinario l stanziamenti modificati mediante storno o bilancio rettificativo o suppletivo Variazione percentuale l Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia. di gestione della Commissione. 2. Natura della spesa Lo stanziamento è destinato a coprire le spese relative al mobilio: - acquisto di scaffalature e di altro materiale di classificazione, motivato dall'aumento normale degli archivi, nonché di mobilio speciale per far fronte a esigenze specifiche (voce 2210) 1, - sostituzione del mobilio troppo vecchio o danneggiato (voce 2211), - affitto, in casi di necessità eccezionali (voce 2212), - riparazione del mobilio (voce 2213). 3. Metodo di calcolo e m,otivazione della variazione Gli stanziamenti richiesti nel 1985 sono stati molto ridotti rispetto alle esigenze. a) Attrezzatura iniziale: lo stanziam'ento è destinato principalmente all'acquisto delle scaffalature, degli armadi e degli schèdari, dei mobili per biblioteca, del mobilio standard e del mobilio agronomico per l'elaborazione dei testi che comprende un tavolo funzionale ed una sedia ad elementi mobili, del mobilio per completare l'attrezzàtura di uffici esterni in particolare le delegazioni di Canberra e di Nuova Delhi, nonché gli uffici di Londra, di Milano, di Parigi e Washington. b) Rinnovo; il mobilio di. cui è prevista la sostituzione è stato acquistato oltre sedici anni fa. Per una sala di conferenze deve essere rinnovato il mobilio. I traslochi e sistemazioni di alcuni uffici. esterni esigeranno un rinnovo dei mobili e degli uffici. Inoltre, sono stati iscritti degli stanziamenti ( ECU) per l'eventuale sostituzione di membri della Commissione al momento della formazione della nuova Commissione: -(compresa nuova tavola rotonda): ECU; -nuova sala stampa: ECU. c) Manutenzione, riparazione: le spese previste riguardano il riattamento di sedie e mobili e l'acquisto di pezzi di ricambio (serrature, chiavi, ecc.), quando siffatti lavori sono economicamente e praticamente giustificati. Il mancato rinnovo entro il termine necessario dei mobili vecchi comporta invevitabil,mente spese supplementari di rimessa in buono stato per permettere la riutilizzazione provvisoria di detti mobili.

19 B/104 Progetto preliminare di bilancio generale d) Le spese si ripartiscono come segue: - Attrezzatura iniziale Sostituzione. Noleggio Manutenzione Totale Bruxelles l Lussemburgo ~ Uffici esterni l Totale a personale costante Incidenza dei posti nuovi Nuovi uffici esterni Totale generale l

20 Progetto preliminare di bilancio generale 1985 BI 105 ARTICOLO MEZZI UI TRASPORTO stanziamenti autorizzati nel bilancio ordinario - stanziamenti modificati mediante storno o bilancio rettificativo o suppletivo l 'Variazione percentuale + 39,8 Lo stanziamento rientra nella sfera dell'autonomia di gestione della Commissione. 2. Natura della spesa Lo stanziamento è destinato a coprire le spese relative al materiale da trasporto: - acquisto di veicoli complementari in caso di fabbisogni specifici (voce 2230), - rinnovo del parco esistente, secondo le necessità (voce 2231), - noleggio (cfr. infra punto 3c), - manutenzione, riparazione, assicurazioni, carburante, lubrificanti, pneumatici, ecc. (voce 2233). L'accumulo del ritardo registrato nel rinnovo del parco automobilistico genera difficoltà sempre crescenti nella gestione degli stanziamenti di questo articolo del bilancio. a) Come attrezzatura iniziale, la Commissione ha previsto di acquistare un'autovettura commerciale per la delegazione di Brasilia. b) Rinnovo: gli stanziamenti che sarebbero stati necessari a Bruxelles per procedere al rinnovo nel 1985 dei veicoli che hanno superato il limite chilometrico di utilizzazione ammonteranno a ECU. Si sarebbe trattato in particolare dei rinnovi seguenti: - 19 autovetture che il l 0 gennaio 1985 raggiungeranno da 11 O 000 a km (eccettuate due autovetture difettose dal punto di vista meccanico: ECU; - 3 autovetture commerciali che dal l 0 gennaio 1985 raggiungeranno da l a km: ECU; - 3 autocarri che nel 1985 supereranno rispettivamente , e km: ECU; - 2 autobus di lo e 12 anni che raggiungeranno km nel 1985: ECU. Gli stanzi~menti cpiesti, cioè ECU (113 della richiesta dei servizi), permetteranno la realizzazione solo di una parte di questo programma sulla base di una scelta da fare al momento dell'esecuzione del bilancio A Lussemburgo, il programma iniziale dei servizi riguardava un importo di ECU per il rinnovo: -di 4 autovetture che raggiungeranno, per tre di esse, km e, per la quarta (vettura di 6 anni), quasi l km: ECU; -di un autocarro che supererà i km nel1985: ECU.

BILANCIO RETTIFICATIVO 1/2014

BILANCIO RETTIFICATIVO 1/2014 Consiglio di amministrazione BILANCIO RETTIFICATIVO 1/ CT/CA-026/IT INDICE I. INTRODUZIONE A. Introduzione generale B. Tariffe C. Entrate D. Spese II. STATO DELLE ENTRATE E DELLE SPESE RIEPILOGO III. STATO

Dettagli

DOCUMENTI. PROGETTO DI bilancio generale dell Unione europea per l esercizio finanziario 2016 VOLUME 9 COMMISSIONE EUROPEA COM(2015) 300 IT 24.6.

DOCUMENTI. PROGETTO DI bilancio generale dell Unione europea per l esercizio finanziario 2016 VOLUME 9 COMMISSIONE EUROPEA COM(2015) 300 IT 24.6. COMMISSIONE EUROPEA DOCUMENTI PROGETTO DI bilancio generale dell Unione europea per l esercizio finanziario 2016 VOLUME 9 SEZIONE IX IT COM(2015) 300 IT 24.6.2015 Gli importi del presente documento di

Dettagli

Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Delibera del D. G. n 165 del 16/09/2010 Delibera del D. G. n 142

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 481/2014 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 481/2014 DELLA COMMISSIONE 13.5.2014 L 138/45 REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 481/2014 DELLA COMMISSIONE del 4 marzo 2014 che integra il regolamento (UE) n. 1299/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto concerne le norme

Dettagli

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI)

UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) UFFICIO PER L ARMONIZZAZIONE NEL MERCATO INTERNO (MARCHI, DISEGNI E MODELLI) Il Presidente DECISIONE ADM-12-34 concernente la delega di poteri dell ordinatore Il Presidente dell Ufficio per l Armonizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Approvato dall AU - il 13/06/14 REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato dall AU - il 13/06/14 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, tenuto conto delle specifiche

Dettagli

I. \ I \\ I CORTE DEI CONTI. 0004466-12/02/2014-SCCLll-Y28PREV-A

I. \ I \\ I CORTE DEI CONTI. 0004466-12/02/2014-SCCLll-Y28PREV-A CORTE DEI CONTI I. \ I \\ I 0004466-12/02/2014-SCCLll-Y28PREV-A VISTO il regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, e successive modificazioni, recante disposizioni sull'amministrazione del patrimonio e

Dettagli

HAEU. Regolamentazione concernente gli interpreti di conferenza indipendenti (freelance), adottata dalla Commissi()ne 1'8 ottobre 1974.

HAEU. Regolamentazione concernente gli interpreti di conferenza indipendenti (freelance), adottata dalla Commissi()ne 1'8 ottobre 1974. B/ 34 Progetto preliminare di bilancio generale 1985 15. 6. 84 Detto accordo prevede: l. un aumento straordinario del 13,5% al l o genn~io 1984; 2. l'espressione della retribuzione degli interpreti indipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE SPESE ECONOMALI, DI PRONTA CASSA E DELL UTILIZZO DELLE CARTE DI CREDITO Indice TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione Art. 2 Definizioni TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI COMUNE DI EUPILIO Provincia di Como Via Strambio,9 22030 Eupilio C.F.: 00571510130 Tel. 031 655 623 Fax 031 657 445 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 19 DEL 21.05.2007 REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Approvato con delibera C.d.A. n. 17 del 07/04/2009 Art. 1 Oggetto del provvedimento. Il presente regolamento individua le singole voci di spesa

Dettagli

VOCE 1252- INDENNITÀ DI CESSAZIONE DEFINITIVA DALLE FUNZIONI- REGOLAMENTO (EURATOM, CECA, CEE) N. 2530/ 72

VOCE 1252- INDENNITÀ DI CESSAZIONE DEFINITIVA DALLE FUNZIONI- REGOLAMENTO (EURATOM, CECA, CEE) N. 2530/ 72 B/ 44 Progetto preliminare di bilancio generale 1983 15. 6. 82 In funzione del numero reale dei funzionari interessati alla data del 31 dicembre 1982 ( 40) e in considerazione della spesa reale del mese

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 4.3.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 4.3.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 4.3.2014 C(2014) 1229 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 4.3.2014 che integra il regolamento (UE) n. 1299/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi

D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi Dicembre 2014 pag. 2 SOMMARIO Titolo I - OGGETTO E PRINCIPI... 3 Articolo

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per i bilanci COMUNICAZIONE AI MEMBRI. Oggetto: Esecuzione del bilancio del Parlamento europeo per l'esercizio 2005

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione per i bilanci COMUNICAZIONE AI MEMBRI. Oggetto: Esecuzione del bilancio del Parlamento europeo per l'esercizio 2005 PARLAMENTO EUROPEO 2004 ««««««««««««Commissione per i bilanci 2009 COMUNICAZIONE AI MEMBRI Oggetto: Esecuzione del bilancio del Parlamento europeo per l'esercizio 2005 Si trasmette in allegato la proposta

Dettagli

COMUNE DI LUGO DI VICENZA

COMUNE DI LUGO DI VICENZA COMUNE DI LUGO DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA PIANO TRIENNALE 2014-2016 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO (art. 2,

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Indice Art. 1 Servizio di Economato Art. 2 Economo Comunale Art. 3 Funzioni del Servizio di Economato Art. 4 Indennità

Dettagli

7 Protocollo A7 PROCEDURE AMMINISTRATIVE PER LA SCELTA DEL FORNITURE DI BENI E SERVIZI

7 Protocollo A7 PROCEDURE AMMINISTRATIVE PER LA SCELTA DEL FORNITURE DI BENI E SERVIZI 7 Protocollo A7 PROCEDURE AMMINISTRATIVE PER LA SCELTA DEL FORNITURE DI BENI E SERVIZI 7.1 Scopo La presente procedura esplicita le modalità di scelta di un fornitore. Tali disposizioni vanno rispettate

Dettagli

CT 49012/11 Avv. Ferrante CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA OSSERVAZIONI del GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA, in persona dell Agente designato

CT 49012/11 Avv. Ferrante CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA OSSERVAZIONI del GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA, in persona dell Agente designato CT 49012/11 Avv. Ferrante CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA OSSERVAZIONI del GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA, in persona dell Agente designato per il presente giudizio, domiciliato presso l Ambasciata

Dettagli

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale TITOLO I GESTIONE ACQUISTI IN ECONOMIA... 2 Articolo 1 - Oggetto... 2 Articolo 2 - Limiti... 2 Articolo 3 - Amministrazione diretta...

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Proposta di Bruxelles, 09.03.2001 COM(2001) 128 definitivo 2001/0071 (ACC) VOLUME VIII DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa alla posizione della Comunità in seno al Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI ROMA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA approvato con Delibera Commissariale n. 28 del 26/09/2011

Dettagli

COMUNE DI LUGO DI VICENZA

COMUNE DI LUGO DI VICENZA COMUNE DI LUGO DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA PIANO TRIENNALE 2016-2018 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO (art. 2,

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 ENTRATE

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 ENTRATE BILANCIO DI PREISIONE ENTRATE BILANCIO A.N.AC. - PIANO DEI - PREISIONE PREISIONE DEFINITIA LIELLI OCE PIANO DEI PREISIONE DI PREISIONE DI CASSA Entrate correnti I Entrate correnti di natura tributaria,

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Documento che accompagna la

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Documento che accompagna la COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 4.12.2008 SEC(2008) 2954 C6-0469/08 DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE Documento che accompagna la proposta di REGOLAMENTO DEL PARLAMENTO EUROPEO

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE

MANUALE DI RENDICONTAZIONE MANUALE DI RENDICONTAZIONE Sommario 1 INTRODUZIONE... 2 2 REGOLE GENERALI... 2 3 FORME DI COFINANZIAMENTO... 2 4 SPESE DI GESTIONE E AFFITTI... 3 4.1 AFFITTO... 3 4.2 ILLUMINAZIONE, RISCALDAMENTO E CONDIZIONAMENTO...

Dettagli

COMUNE DI LUGO DI VICENZA

COMUNE DI LUGO DI VICENZA COMUNE DI LUGO DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA PIANO TRIENNALE 2012-2014 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO (art. 2,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art.1 Oggetto Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art. 6 del Regolamento per l amministrazione e la contabilità disciplina l acquisizione di forniture e servizi in economia del Consorzio Interuniversitario

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) L 129/52 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 28.5.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 461/2010 DELLA COMMISSIONE del 27 maggio 2010 relativo all applicazione dell articolo 101, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento

Dettagli

ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI

ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO. Il presente Regolamento disciplina il sistema delle procedure per l acquisizione

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. REGOLAMENTO (CE) N. 2040/2000 DEL CONSIGLIO del 26 settembre 2000 riguardante la disciplina di bilancio

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. REGOLAMENTO (CE) N. 2040/2000 DEL CONSIGLIO del 26 settembre 2000 riguardante la disciplina di bilancio 29.9.2000 IT Gazzetta ufficiale delle Comunità europee L 244/27 REGOLAMENTO (CE) N. 2040/2000 DEL CONSIGLIO del 26 settembre 2000 riguardante la disciplina di bilancio IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA,

Dettagli

COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Allegato B COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 5 DEL 10.02.2012 ESECUTIVO DAL 27.02.2012

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FINANZIAMENTO

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FINANZIAMENTO PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FINANZIAMENTO Premessa La Legge n. 244 del 24.12.2007 (legge finanziaria 2008)all articolo 2, commi 594 e seguenti, prevede

Dettagli

REGOLAMENTO CONTABILE DEI CORPI DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO

REGOLAMENTO CONTABILE DEI CORPI DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO CONTABILE DEI CORPI DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 34 del 12.09.2013) Art. 1 Esercizio finanziario 1. L esercizio

Dettagli

Prot. n. 754/2010 Schio, 08 marzo 2010

Prot. n. 754/2010 Schio, 08 marzo 2010 Prot. n. 754/2010 Schio, 08 marzo 2010 FORMAZIONE ELENCO OPERATORI ECONOMICI CONSULTABILI NELL AMBITO DI PROCEDURE IN ECONOMIA PER IL TRIENNIO 2010-2012 (art. 7 del regolamento per l acquisizione in economia

Dettagli

REGOLAMENTO PER I LAVORI, LE PROVVISTE ED I SERVIZI IN ECONOMIA. APPROVATO con deliberazione consiliare n. 035, del 30/06/2000;

REGOLAMENTO PER I LAVORI, LE PROVVISTE ED I SERVIZI IN ECONOMIA. APPROVATO con deliberazione consiliare n. 035, del 30/06/2000; REGOLAMENTO PER I LAVORI, LE PROVVISTE ED I SERVIZI IN ECONOMIA APPROVATO con deliberazione consiliare n. 035, del 30/06/2000; IL SEGRETARIO COMUNALE (Dr.ssa Natalia Magaldi) IL SINDACO (Tavaroli Marco)

Dettagli

Regolamento per le forniture di beni e servizi da eseguirsi in economia.

Regolamento per le forniture di beni e servizi da eseguirsi in economia. Regolamento per le forniture di beni e servizi da eseguirsi in economia. Art. 1 Identificazione dei beni e servizi in economia E ammesso il ricorso alle procedure di spesa in economia per i seguenti beni

Dettagli

Corte di Giustizia UE, Quarta Sezione, sentenza 11 dicembre 2014, causa C-212/13

Corte di Giustizia UE, Quarta Sezione, sentenza 11 dicembre 2014, causa C-212/13 Corte di Giustizia UE, Quarta Sezione, sentenza 11 dicembre 2014, causa C-212/13 Corte di Giustizia UE, Quarta Sezione, sentenza 11 dicembre 2014, causa C-212/13 (*) «Rinvio pregiudiziale Direttiva 95/46/CE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE Approvato con delibera n. 09 del C.D.A del 6 Agosto 2013 1 INDICE ART

Dettagli

DECISIONE N. 1926/2006/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DECISIONE N. 1926/2006/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 30.12.2006 L 404/39 DECISIONE N. 1926/2006/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 18 dicembre 2006 che istituisce un programma d'azione comunitaria in materia di politica dei consumatori (2007-2013)

Dettagli

Città di Bassano del Grappa

Città di Bassano del Grappa PIANO TRIENNALE per l individuazione di misure finalizzate alla razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali Art 2 comma 594 e segg. L. 244/2007 Indice del documento 1. Premessa... 3 2.

Dettagli

UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N.

UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N. UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N. 163 INDICE DEGLI ARTICOLI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 AMBITO

Dettagli

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE

Dettagli

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE

Dettagli

Ufficio Atti Normativi

Ufficio Atti Normativi Ufficio Atti Normativi REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI E PER L'ESECUZIONE DI LAVORI IN ECONOMIA (Emanato con D.R. n. 813/2002-03 del 9 giugno 2003 pubblicato nel Bollettino Ufficiale di

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE L 62/32 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 9.3.2011 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 3 marzo 2011 che modifica la decisione 2008/457/CE recante modalità di applicazione della decisione 2007/435/CE del

Dettagli

Il comodato di beni immobili

Il comodato di beni immobili Il contratto di comodato Con il contratto di comodato una parte (comodante) consegna all altra (comodatario) una cosa mobile o immobile, affinché questi se ne serva per un periodo o per un uso determinato,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA NEGOZIALI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA NEGOZIALI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA NEGOZIALI dell Azienda di Servizi alla Persona di Spilimbergo Approvato con Delibera del C. di A. n. 4 del 12.04.2011 ART. 1 NORME GENERALI SULL ATTIVITÀ CONTRATTUALE 1. L ASP,

Dettagli

COMUNE DI CESENATICO Provincia di Forlì - Cesena Via M. Moretti n.4 C.F. 00220600407 Tel.0547/79111 fax 0547/83820

COMUNE DI CESENATICO Provincia di Forlì - Cesena Via M. Moretti n.4 C.F. 00220600407 Tel.0547/79111 fax 0547/83820 COMUNE DI CESENATICO Provincia di Forlì - Cesena Via M. Moretti n.4 C.F. 00220600407 Tel.0547/79111 fax 0547/83820 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 178 DEL 01/06/2010 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CONTRATTO TIPO. Misure di accompagnamento. "Convenzione di finanziamento"

CONTRATTO TIPO. Misure di accompagnamento. Convenzione di finanziamento CONTRATTO TIPO Misure di accompagnamento "Convenzione di finanziamento" 1 CONVENZIONE DI FINANZIAMENTO fra La Comunità europea ("la Comunità"), rappresentata dalla Commissione delle Comunità europee ("la

Dettagli

Comune Castel San Giovanni

Comune Castel San Giovanni Comune Castel San Giovanni Approvato deliberazione Consiglio comunale n. 44 del 29.11.2013 1 I N D I C E Articolo 1 - Scopo del Regolamento pag. 1 Articolo 2 - Affidamento del servizio economato pag. 1

Dettagli

Comune di Bagni di Lucca Provincia di Lucca

Comune di Bagni di Lucca Provincia di Lucca Comune di Bagni di Lucca Provincia di Lucca Relazione a consuntivo anno 2014 del piano triennale di razionalizzazione di alcune spese di funzionamento. Deliberazione G.C. n. 109 del 29/09/2015 1 RELAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNALE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNALE Art. 1 Il servizio di economato di questo comune, istituito dall art. 83 del Regolamento Comunale di Contabilità, è in accordo con la normativa vigente

Dettagli

Regolamento del Tribunale penale federale sulle spese, gli emolumenti, le ripetibili e le indennità della procedura penale federale

Regolamento del Tribunale penale federale sulle spese, gli emolumenti, le ripetibili e le indennità della procedura penale federale Regolamento del Tribunale penale federale sulle spese, gli emolumenti, le ripetibili e le indennità della procedura penale federale (RSPPF) del 31 agosto 2010 Il Tribunale penale federale, visti gli articoli

Dettagli

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI TIPOLOGIA DESCRIZIONE esemplificativa Limite importo per affid. diretto Limite importo per gara ufficiosa Col.1 Col.2 Col.3

Dettagli

COMUNE DI PIANEZZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PIANEZZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PIANEZZA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Allegato alla deliberazione del consiglio comunale 52 del 24 luglio 2003 1 ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento stabilisce

Dettagli

ELENCO CATEGORIE E SOTTOCATEGORIE MERCEOLOGICHE

ELENCO CATEGORIE E SOTTOCATEGORIE MERCEOLOGICHE ALLEGATO AA) AL REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI PER L AFFIDAMENTO DI FORNITURE, SERVIZI E LAVORI IN ECONOMIA DELLA SOCIETA ATTIVA S.R.L. ELENCO CATEGORIE

Dettagli

3 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FAQ

3 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FAQ 3 MONITORAGGIO SUI COSTI DELLE AUTO DI SERVIZIO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FAQ Le FAQ sono aggiornate periodicamente e disponibili sul sito www.censimentoautopa.gov.it COLLEGAMENTO TRA CENSIMENTO E

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ATTIVITA NEGOZIALE Ministero dell Istruzione, Università e della Ricerca ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE David Maria Turoldo www.istitutoturoldo.it - turoldo@istitutoturoldo.it Via Ronco n 11 24019 ZOGNO (BG) Tel. 0345/92210

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE - ANNO FINANZIARIO 2015 E N T R A T E

BILANCIO DI PREVISIONE - ANNO FINANZIARIO 2015 E N T R A T E Ufficio parlamentare di bilancio BILANCIO DI PREVISIONE - ANNO FINANZIARIO 2015 COD. CAP. E N T R A T E DESCRIZIONE RESIDUI PRESUNTI ALLA FINE DELL'ANNO PREC PREVISIONI DI COMPETENZA PER L'ANNO IN CORSO

Dettagli

Regolamento di economato e degli agenti contabili

Regolamento di economato e degli agenti contabili economato e degli agenti contabili COMUNE DI ROCCA SUSELLA (Provincia di Pavia) Regolamento di economato e degli agenti contabili INDICE TITOLO I - SERVIZIO ECONOMALE - Articolo 1 - Istituzione del servizio

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA I prodotti di cui alla presenti condizioni generali, sono posti in vendita da ESTETICA ANNA DI GUERRINI ANNA MARIA, via Ortigara, 1 Cervia Milano Marittima, iscritta al registro

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 3.3.2004 COM(2004) 140 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE Il futuro dell integrazione del sistema ferroviario europeo: il terzo pacchetto ferroviario

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA(approvato con deliberazione del C.d.A. n. 54 del 6.3.2002 e come modificato

REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA(approvato con deliberazione del C.d.A. n. 54 del 6.3.2002 e come modificato REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA(approvato con deliberazione del C.d.A. n. 54 del 6.3.2002 e come modificato con deliberazione del C.d.A. n.78 del 06/05/2008). Articolo

Dettagli

DOCUMENTI. PROGETTO DI bilancio generale dell Unione europea per l esercizio finanziario 2016 VOLUME 5 COMMISSIONE EUROPEA COM(2015) 300 IT 24.6.

DOCUMENTI. PROGETTO DI bilancio generale dell Unione europea per l esercizio finanziario 2016 VOLUME 5 COMMISSIONE EUROPEA COM(2015) 300 IT 24.6. COMMISSIONE EUROPEA DOCUMENTI PROGETTO DI bilancio generale dell Unione europea per l esercizio finanziario 2016 VOLUME 5 SEZIONE V IT COM(2015) 300 IT 24.6.2015 Gli importi del presente documento di bilancio

Dettagli

Condizioni Generali di Vendita L offerta e la vendita dei prodotti sul nostro sito sono regolate da queste Condizioni Generali di Vendita.

Condizioni Generali di Vendita L offerta e la vendita dei prodotti sul nostro sito sono regolate da queste Condizioni Generali di Vendita. Condizioni Generali di Vendita Definizioni Come concludere il contratto d'acquisto con www.autovernici24.it di PBG S.R.L. Condizioni Generali di Vendita L offerta e la vendita dei prodotti sul nostro sito

Dettagli

Legge quadro in materia di interporti e di piattaforme logistiche territoriali (*)

Legge quadro in materia di interporti e di piattaforme logistiche territoriali (*) Legge quadro in materia di interporti e di piattaforme logistiche territoriali (*) (*) Testo approvato alla Camera il 26 novembre 2013 e in trasmissione al Senato per la seconda lettura Art. 1. (Ambito

Dettagli

CONDIZIONE DI VENDITA SERVIZIO

CONDIZIONE DI VENDITA SERVIZIO CONDIZIONE DI VENDITA SERVIZIO Le condizioni possono essere aggiornate in qualsiasi momento da Maria Grazia Lorenzo che provvederà a darne comunicazione attraverso gli appositi canali di comunicazione

Dettagli

AUTO DI SERVIZIO, RIDUZIONI ANCHE PER LA DIFESA

AUTO DI SERVIZIO, RIDUZIONI ANCHE PER LA DIFESA FLP DIFESA Coordinamento Nazionale www.flpdifesa.it NOTIZIARIO N. 114 DEL 23 SETTEMBRE 2011 PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE IL DPCM PROPOSTO DAL MINISTRO BRUNETTA AUTO DI SERVIZIO, RIDUZIONI ANCHE PER

Dettagli

Accordo di Schengen del 14 giugno 1985 relativo all'eliminazione graduale dei controlli alle frontiere comuni.

Accordo di Schengen del 14 giugno 1985 relativo all'eliminazione graduale dei controlli alle frontiere comuni. Accordo di Schengen del 14 giugno 1985 relativo all'eliminazione graduale dei controlli alle frontiere comuni. Come modificato da: - Protocollo di adesione dell Italia all Accordo di Schengen - Protocollo

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO ALL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ NELLA sua riunione di Consiglio del 6 novembre 2014; VISTA

Dettagli

Risoluzione del Parlamento europeo sullo stato di previsione delle entrate e delle spese del Parlamento europeo per l'esercizio 2007

Risoluzione del Parlamento europeo sullo stato di previsione delle entrate e delle spese del Parlamento europeo per l'esercizio 2007 Risoluzione del Parlamento europeo sullo stato di previsione delle entrate e delle spese del Parlamento europeo per l'esercizio 2007 Il Parlamento europeo, visto l'articolo 272, paragrafo 2, del trattato

Dettagli

TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale

TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale VERSIONE DEFINITIVA TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale Società partecipata dal Comune di Tivoli C.F.P. A. Rosmini Sede legale: 00019 Tivoli Viale Mannelli n. 9 Capitale Sociale 10.000,00 i.v. R.E.A. n. 1238379

Dettagli

D.L. N.397 DEL 6.11.2008: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge Finanziaria 2009)

D.L. N.397 DEL 6.11.2008: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge Finanziaria 2009) D.L. N.397 DEL 6.11.2008: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge Finanziaria 2009) Articolo 1 L articolo fissa in 150 milioni di euro il limite massimo

Dettagli

OPERATRICE/-TORE SOCIOASSISTENZIALE CORSI INTERAZIENDALI REGOLAMENTO ESECUTIVO PER LE COMMISSIONI DEI CORSI

OPERATRICE/-TORE SOCIOASSISTENZIALE CORSI INTERAZIENDALI REGOLAMENTO ESECUTIVO PER LE COMMISSIONI DEI CORSI OPERATRICE/-TORE SOCIOASSISTENZIALE CORSI INTERAZIENDALI REGOLAMENTO ESECUTIVO PER LE COMMISSIONI DEI CORSI Sulla base dell'articolo 6 capoverso 10 del Regolamento concernente i corsi interaziendali Operatrice/-tore

Dettagli

DEFINIZIONE DEFINIZIONE

DEFINIZIONE DEFINIZIONE DEFINIZIONE 1. SERVIZI DEFINIZIONE DIGITALI DEFINIZIONE Nella disciplina IVA, i servizi che si qualificano come elettronici vanno distinti da quelli che la stessa normativa in materia di IVA considera

Dettagli

VERONA INNOVAZIONE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE

VERONA INNOVAZIONE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE VERONA INNOVAZIONE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE PARTE I DISPOSIZIONI COMUNI ARTICOLO 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento disciplina il funzionamento del servizio di Cassa

Dettagli

TECNICI SANITARI RADIOLOGIA MEDICA PER ESECUZIONE DI OPERE, FORNITURE E SERVIZI

TECNICI SANITARI RADIOLOGIA MEDICA PER ESECUZIONE DI OPERE, FORNITURE E SERVIZI FEEDEERRAAZZIIONEE NAAZZIIONAALLEE COLLLLEEGGII PRROFFEESSSSIIONAALLII TECNICI SANITARI RADIOLOGIA MEDICA REGOLAMENTO INTERNO PER ESECUZIONE DI OPERE, FORNITURE E SERVIZI Roma li 16/01/2016 pagina 2 di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. C O M U N E D I B O N I F A T I PROVINCIA DI COSENZA P.Iva 00390090785 www.comunebonifati.it e-mail comunebonifati@libero.it tel. 0982/93338-39 fax 0982/93392 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI BENI

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 27 febbraio 2004

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE DECISIONE DELLA COMMISSIONE. del 27 febbraio 2004 IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 27 febbraio 2004 C(2004) 577 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 27 febbraio 2004 recante modifica della decisione C(2002) 1559 del 30 aprile 2002, modificata

Dettagli

Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione

Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione Articolo 1 Finalità Articolo 2 Definizioni CAPO I FINALITÀ E

Dettagli

DEI CONTI COMMISSIONE

DEI CONTI COMMISSIONE La misura degli investimenti nell ambito dell OCM del vino è stata concepita e attuata in maniera appropriata nel pieno rispetto del principio di economia? CORTE DEI CONTI Non è dimostrato che la misura

Dettagli

Conto annuale IUFFP 2014

Conto annuale IUFFP 2014 Conto annuale IUFFP 2014 Rapporto al Consiglio federale concernente l'ottavo conto annuale dell Istituto Universitario Federale per la Formazione Professionale IUFFP Febbraio 2015 Sommario 1. Rapporto

Dettagli

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI TIPOLOGIA DESCRIZIONE esemplificativa Limite importo per affid. diretto Limite importo per procedura di cottimo fiduciario

Dettagli

Decreto Legislativo 11 novembre 2003, n. 333

Decreto Legislativo 11 novembre 2003, n. 333 Decreto Legislativo 11 novembre 2003, n. 333 "Attuazione della direttiva 2000/52/CE, che modifica la direttiva 80/723/CEE relativa alla trasparenza delle relazioni finanziarie tra gli Stati membri e le

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Gentile Cliente, La informiamo che le Condizioni Generali di Vendita, di seguito riportate, indicano, nel rispetto delle normative vigenti, le condizioni e le modalità con

Dettagli

COMUNE di MEZZANINO PROVINCIA di PAVIA

COMUNE di MEZZANINO PROVINCIA di PAVIA COMUNE di MEZZANINO PROVINCIA di PAVIA REGIONE LOMBARDIA Piazza Grignani n.2-27040 Mezzanino (PV) - P.IVA 00471410183 tel.0385.71.013 - fax.0385.71.525 - Email: segreteria@comune.mezzanino.pv.it Piano

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA 62 REGOLAMENTO per la gestione dell autoparco della Provincia Regionale approvato con delibera C.P. n. 21 del 27 febbraio 2013 esecutivo dal 24 marzo 2013 1 REGOLAMENTO PER

Dettagli

Bando di gara Direttiva 2004/18/CE

Bando di gara Direttiva 2004/18/CE Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, 2985 Luxembourg, Lussemburgo Fax: +352 29 29 42 670 Posta elettronica: ojs@publications.europa.eu

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO

PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTURE E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO E DI SERVIZIO STRUMENTALI L'Ente è attualmente dotato di n. 8 postazioni di lavoro a fronte

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre

Università degli Studi Roma Tre Università degli Studi Roma Tre Relazione annuale Consip Ai sensi dell art. 26, comma 4, della L. 488/1999 Anno Finanziario 2012 Quadro normativo di riferimento L art. 26 della Legge 488 del 23 dicembre

Dettagli

Direzione generale della comunicazione

Direzione generale della comunicazione Direzione generale della Comunicazione ADMINISTR Direzione generale della comunicazione Accordi quadro di partenariato con organizzazioni paneuropee, nazionali, regionali e locali attive nei settori delle

Dettagli

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee COMMISSIONE

Gazzetta ufficiale delle Comunità europee COMMISSIONE L 69/25 COMMISSIONE RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 1 o marzo 2001 sull'informativa precontrattuale fornita ai consumatori dagli istituti di credito che offrono mutui per la casa d'abitazione [notificata

Dettagli

Proposta di DECISIONE DI ESECUZIONE DEL CONSIGLIO

Proposta di DECISIONE DI ESECUZIONE DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.6.2010 COM(2010)293 definitivo 2010/0161 (NLE) Proposta di DECISIONE DI ESECUZIONE DEL CONSIGLIO che autorizza la Repubblica di Polonia ad applicare una misura di deroga

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2006/771/CE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2006/771/CE) L 312/66 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.11.2006 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 9 novembre 2006 relativa all armonizzazione dello spettro radio per l'utilizzo da parte di apparecchiature a corto

Dettagli

LA DIRETTIVA EUROPEA PER L ISTITUZIONE DEI CAE

LA DIRETTIVA EUROPEA PER L ISTITUZIONE DEI CAE LA DIRETTIVA EUROPEA PER L ISTITUZIONE DEI CAE TESTO INTEGRALE DELLA DIRETTIVA ARGOMENTI PER LA FORMAZIONE SINDACALE DIRETTIVA 94/45/CE DEL CONSIGLIO del 22 settembre 1994 riguardante l istituzione di

Dettagli

COMUNE DI CAMPIGLIA DEI BERICI

COMUNE DI CAMPIGLIA DEI BERICI COMUNE DI CAMPIGLIA DEI BERICI PROVINCIA DI VICENZA Regolamento per il servizio di Economato Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 del 15 luglio 2015 Regolamento per il servizio di Economato

Dettagli