AAA GIOVANE PRECARIO CERCA CASA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AAA GIOVANE PRECARIO CERCA CASA"

Transcript

1 AAA GIOVANE PRECARIO CERCA CASA RICERCA SULL EMERGENZA ABITATIVA A TORINO TORINO, 10 MARZO

2 Ogni individuo ha il diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia, con particolare riguardo all alimentazione, al vestiario, all abitazione. Dichiarazione Universale Diritti dell Uomo IL DIRITTO ALLA CASA Al fine di lottare contro l'esclusione sociale e la povertà, l'unione riconosce e rispetta il diritto all'assistenza sociale e all'assistenza abitativa volte a garantire un'esistenza dignitosa a tutti coloro che non dispongano di risorse sufficienti. Carta dei diritti fondamentali dell Unione Europea Le parti si impegnano a prendere misure destinate a favorire l accesso a un abitazione di livello sufficiente, a prevenire e ridurre lo status di senza tetto in vista di eliminarlo gradualmente, a rendere il costo dell abitazione accessibile alle persone che non dispongono di risorse sufficienti. Carta Sociale Europea La Regione riconosce e promuove il diritto all abitazione. Statuto Regione Piemonte

3 POPOLAZIONE PIEMONTE CIRCA PERSONE + 2,1% RISPETTO AL 2006 QUASI FAMIGLIE (2,2 PERSONE A FAMIGLIA) PROVINCIA DI TORINO QUASI PERSONE + 2% RISPETTO AL 2006 CIRCA FAMIGLIE (2,2 PERSONE A FAMIGLIA) TORINO PERSONE (+ 0,13% RISPETTO AL 2008) FAMIGLIE (+0,2% RISPETTO AL 2008) CRISI DELLA FAMIGLIA TRADIZIONALE AUMENTO DELLE FAMIGLIE MONOGENITORIALI E SINGLE CALO DELLE FAMIGLIE CON FIGLI IMMIGRAZIONE IN COSTANTE CRESCITA 3

4 ANNO 2009: IL 54,9% DELLE FAMIGLIE PIEMONTESI RITIENE PEGGIORATA LA PROPRIA CONDIZIONE ECONOMICA RISPETTO ALL ANNO PRECEDENTE REDDITO E POVERTÀ IL 16,3% DELLE FAMIGLIE ARRIVA A FINE MESE CON GRANDE DIFFICOLTÀ PIÚ DEL 5% DELLE FAMIGLIE NON RIESCE A RISCALDARE LA CASA IL 27,5% NON RIESCE A SOSTENERE UNA SPESA IMPREVISTA DI 750 CRESCE IL NUMERO DI INDIGENTI IN PIEMONTE SONO PIÚ DI A TORINO SONO QUASI

5 185 QUOTA MENSILE PER LE BOLLETTE 50 PER ENERGIA E ACQUA 70 SONO DESTINATE AL RISCALDAMENTO LA SPESA PER LA CASA 690 È LA PARTE DI REDDITO DESTINATA ALLA CASA (AFFITTO + SPESE CONDOMINIALI + TASSA RIFIUTI) COSTITUISCE IL 25% DEI CONSUMI NON ALIMENTARI L 11% DELLE FAMIGLIE PAGA ANCHE 56 /MESE PER UN BOX AUTO 5

6 I COSTI PER L AFFITTO 309 /MESE COSTO MEDIO PER UNA MONOCAMERA A TO 618 /MESE COSTO MEDIO A TORINO PER 2 CAMERE E CUCINA CASE IN AFFITTO CI VIVE IL 23% DEI PIEMONTESI e IL 43% DEI TORINESI CASE DI PROPRIETÁ CI VIVE IL 77% DEI PIEMONTESI E IL 57% DEI TORINESI GRADO DI SODDISFAZIONE PER LA PROPRIA CASA. I PIEMONTESI RITENGONO CHE: LE SPESE SONO TROPPO ALTE (64%) L ABITAZIONE È TROPPO PICCOLA (10%) L ABITAZIONE È TROPPO DISTANTE DAI PARENTI (20%) NON È SICURO BERE L ACQUA DEL RUBINETTO (7,5%) 6

7 RICHIESTE AL TRIBUNALE DI TORINO ANNO 2010: ISCRIZIONI ISTANZE ACCOLTE 420 RICHIESTE ESTINTE 160 OPPOSIZIONI SFRATTI DAL 2006 AL 2008 IN PIEMONTE E IN PROVINCIA DI TORINO: SONO DIMINUITE LE RICHIESTE DI ESECUZIONE SONO AUMENTATI GLI SFRATTI PER MOROSITÀ (DA NEL 2006 A NEL 2008 NELLA PROV. DI TO) TORINO È AL 5 POSTO TRA LE CITTÁ ITALIANE PER NUMERO DI SFRATTI FONDO SALVA SFRATTI DELLA COMPAGNIA DI SAN PAOLO - ANNO FAMIGLIE PARTECIPANTI (151 IN POSSESSO DEI REQUISITI) STANZIATI 60 FAMIGLIE A CUI SONO STATI EROGATI I CONTRIBUTI 7

8 STOCK IMMOBILIARE TORINO È AI PRIMI POSTI TRA LE CITTÀ ITALIANE PER ABITAZIONI NON UTILIZZATE UNITÀ ABITATIVE NEL 2009: QUASI IN PIEMONTE (+ 2,8% NEGLI ULTIMI 3 ANNI) QUASI NELLA PROVINCIA DI TORINO QUASI A TORINO DI CATEGORIA A (IL 67% DI QUESTE SONO DI TIPO A3 ECONOMICO ) L ABITAZIONE DI DIMENSIONE MEDIO PICCOLA È QUELLA PIÚ RICHIESTA. DELLE ABITAZIONI COSTRUITE NEL 2007: SONO TRA 46 E I 75 MQ SOLO 687 SONO DI OLTRE 130 MQ LA MAGGIOR PARTE DELLE ABITAZIONI È COMPOSTA PERÓ DA 4 STANZE. SOLO IL 4,4% SONO MONOLOCALI. 8

9 CONSUMO DEL SUOLO ABITAZIONI COSTRUITE NEL 2007 IN PIEMONTE PERMESSI DI COSTRUZIONE NEL 2009 A TORINO 11 DEMOLIZIONI NEL 2009 A TORINO TRA IL 1995 E IL 2006 IN PIEMONTE: 52,5 KM² CONSUMATI TRA AMPLIAMENTI E NUOVE COSTRUZIONI 23 MILIONI DI M² NUOVE REALIZZAZIONI NEL SETTORE RESIDENZIALE 7,6% DEL SUOLO REGIONALE UTILIZZATO 8,3% DEL SUOLO DELLA PROVINCIA DI TORINO IL CONSUMO DEL SUOLO VA IN CONTROTENDENZA RISPETTO ALL ANDAMENTO DEMOGRAFICO ES. COMUNE DI GRUGLIASCO ,3% CRESCITA DEI RESIDENTI + 9% CONSUMO DEL SUOLO AVVICINAMENTO E ACCORPAMENTO AL COMUNE DI TORINO SECONDO UN MODELLO DI CITTÁ DIFFUSA 9

10 UNITÁ: STOCK ABITATIVO DI ERPS IN PIEMONTE UNITÁ: STOCK ABITATIVO DI ERPS A TORINO (- 1,37% RISPETTO AL 2007) CASE POPOLARI PIEMONTE ANNO DATI ATC LE DOMANDE VALIDE ASSEGNAZIONI CIRCA LE DOMANDE INSODDISFATTE (CIRCA NELLA PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI TORINO - V BANDO ANNO 2007 QUASI FAMIGLIE HANNO PRESENTATO DOMANDA OLTRE L 80% DELLE FAMIGLIE NON HA RAGGIUNTO IL PUNTEGGIO MINIMO IL 40% DEI RICHIEDENTI HA ANCHE FATTO DOMANDA PER IL FONDO PER IL SOSTEGNO ALLA LOCAZIONE IL REDDITO MEDIO DELLE GIOVANI COPPIE È SCESO AI VALORI DEL

11 CIRCA STANZIATI PER INTERVENTI NEL PRIMO BIENNIO CIRCA DESTINATI ALLA PROVINCIA DI TORINO EDILIZIA SOVVENZIONATA NEL PRIMO BIENNIO DEL PIANO CASA DELLA REGIONE: ALLOGGI REALIZZATI IN PIEMONTE 752 ALLOGGI REALIZZATI NELL AREA METR. DI TORINO 10 ALLOGGI REALIZZATI A TORINO DEGLI INTERVENTI FINANZIATI: IL 39% SONO NUOVE COSTRUZIONI IL 7% SONO PROGETTI DI RECUPERO IL 4% RIGUARDA IL RIUSO DI AREE INDUSTRIALI DISMESSE 11

12 COLLABORAZIONI TRA PUBLICO E PRIVATO PER AUMENTARE L OFFERTA DI ALLOGGI IN AFFITTO A PREZZI ACCESSIBILI NUOVI STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE URBANISTICA E NUOVE TIPOLOGIE ABITATIVE POLITICHE ABITATIVE INTERVENTI COMUNE TORINO E REGIONE PIEMONTE CONTRIBUTI AD PERSONAM REALIZZAZIONE O RECUPERO DI ALLOGGI INCONTRO DOMANDA E OFFERTA DI ALLOGGI OBIETTIVI PIANO CASA REGIONE PIEMONTE CASE ENTRO IL 2012 INTERVENIRE IN FAVORE DELLE FASCE DEBOLI CON L OFFERTA DI ALLOGGI IN AFFITTO A PREZZI ACCESSIBILI SUPPORTARE CON SPECIFICHE MISURE LA RICERCA DELLA CASA DA PARTE DI GIOVANI E FAVORIRE IL MIX SOCIALE 12

13 POLITICHE SOCIALI IN GENERE (OBIETTIVO: COESIONE SOCIALE E SVILUPPO ECONOMICO) RIVOLTE NELLO SPECIFICO ALL AUTOMONIA ABITATIVA DEI GIOVANI POLITICHE E GIOVANI GIOVANI COMPRESI TRA ANNI: IN PIEMONTE (- 2,15 RISPETTO AL 2008) IN PROVINCIA DI TORINO (- 2,2% RISPETTO AL 2008) A TORINO (+ 1,9% RISPETTO AL 2008) CASE POPOLARI FONDO NAZIONALE PER IL SOSTEGNO ALLA LOCAZIONE AGENZIE SOCIALI PER LA LOCAZIONE 13

14 L ETÀ NON È UN REQUISITO, DEVE ESSERE ASSOCIATO A ALTRE CONDIZIONI. 558 NUCLEI GIOVANI NELLE CASE POPOLARI AD OGGI. 131 CONTRATTI REGISTRATI A NUCLEI GIOVANI NEGLI ULTIMI 5 ANNI. CASE POPOLARI E GIOVANI DOMANDE PRESENTATE IN TOTALE MINORI DI 40 ANNI BANDO 2007 COMUNE TORINO DOMANDE ACCOLTE (PUNTEGGIO > DI 10) 431 MINORI DI 40 ANNI IL COMUNE RISERVA IL 20% DEGLI ALLOGGI ASSEGNATI TRAMITE BANDO A NUCLEI GIOVANI PER FAVORIRE IL MIX SOCIALE. NEL 2010 SONO STATE DESTINATE A NUCLEI GIOVANI 28 ABITAZIONI. 14

15 NUOVO VINCOLO IMPOSTO DALLA REGIONE: I COMUNI CHE INTENDONO APRIRE UN AGENZIA DOVRANNO POI DARE ACCESSO ANCHE AI GIOVANI E NON SOLO ALLE EMERGENZE ABITATIVE AGENZIE SOCIALI PER LA LOCAZIONE OBIETTIVO DELLA REGIONE: INCORAGGIARE LA STIPULA DI CONTRATTI A CANONE CONVENZIONATO STRUMENTO: AGENZIE CHE FANNO DA GARANTI CON I PROPRIETARI NEL CASO DI FAMIGLIE DEBOLI 1 BIENNIO: FINANZIATE E/O CONSOLIDATE 18 AGENZIE 700 CONTRATTI CONVENZIONATI STIPULATI 600 FAMIGLIE IN LISTA D ATTESA COMUNE DI TORINO - LO.CA.RE. DAL 2001 AL 2010: CIRCA FAMIGLIE IN EMERGENZA ABITATIVA HANNO TROVATO CASA CONTRATTI STIPULATI A PERSONE DI ETÀ INFERIORE AI 35 ANNI - CIRCA 120 L ANNO 15

16 NE FANNO RICHIESTA MOLTI GIOVANI, NON POTENDO ACCEDERE ALLE CASE POPOLARI E DOVENDOSI RIVOLGERE AL LIBERO MERCATO FONDO PER IL SOSTEGNO ALLA LOCAZIONE DAL 2000 AL 2009 DIMINUISCE IL CONTRIBUTO MEDIO, DA A 734 AUMENTANO LE DOMANDE, DA CIRCA A CIRCA DOMANDE RACCOLTE DALLA CITTÁ DI TORINO NELL ULTIMA EDIZIONE IN TUTTO IL PIEMONTE LE DOMANDE PRESENTATE SONO AUMENTATE DEL 23,6% DALLA I ALLA X ED. SONO AUMENTATI ANCHE I COMUNI RICHIEDENTI DIMINUISCE IL CONTRIBUTO MEDIO CONCESSO, DA (II ED.) A 466 DELL ULTIMA ED. IL FABBISOGNO SODDISFATTO È DEL 21% (X ED.) 16

17 DIFFUSIONE DELLA COABITAZIONE RIDUCE I COSTI PER L ABITAZIONE (IL 72% DEI COABITANTI GUADAGNA MENO DI /MESE) RISPONDE ALLE NUOVE ESIGENZE ABITATIVE MODALITÀ ABITATIVE PER I GIOVANI RESIDENZE UNIVERSITARIE SERVIZIO STESSOPIANO COMUNITÀ DEI TESSITORI COABITAZIONE SOLIDALE BILOBA PORTIERATO SOCIALE 17

18 1.500 POSTI LETTO A TORINO IN STRUTTURE PRIVATE PER 250 /MESE I BENEFICIARI DI BORSA DI STUDIO EDISU NON PAGANO ALCUNA RETTA PER IL POSTO LETTO IN RESIDENZA RESIDENZE PER STUDENTI A.A. 2010/ POSTI LETTO EDISU A TORINO DOMANDE SODDISFATTE NEL CORSO DELL ANNO 230 POSTI LETTO EDISU DISPONIBILI NELLE ALTRE SEDI 243 DOMANDE SODDISFATTE 15 RESIDENZE A TORINO; 8 IN REGIONE PREVISTI TAGLI DEL 60% (DA 17 MILIONI A 7 MILIONI) AL BILANCIO DEL 2011 SPORTELLO CASA EDISU + SERVIZIO GARANZIA CAUZIONE PER GLI STUDENTI CHE CERCANO CASA SUL MERCATO PRIVATO PER I PROPRIETARI CHE POSSONO BENEFICIARE DI DETRAZIONI FISCALI POSTI LETTO IN ABITAZIONI DAL 2006 A OGGI STUDENTI ISCRITTI 885 PROPRIETARI 18

19 COMUNITÀ DEI TESSITORI - ASS. ACMOS 13 RAGAZZI PER 12 ALLOGGI IN ALLOGGI POPOLARI COABITAZIONE SOLIDALE AFFITTO/MESE IN COOP. BILOBA CAMBIO DI 10 ORE DI LAVORO/SETTIMANA 5 ALLOGGI IN CASE POPOLARI PER GIOVANI TRA ANNI ESEMPI DI COABITAZIONE 170 /MESE L AFFITTO IN CAMBIO DI 10 ORE DI LAVORO/SETTIMANA PORTIERATO SOCIALE - COOP. TENDA SERVIZI 4 MONOLOCALI IN CASE POPOLARI PER 5 RAGAZZI 250 /MESE L AFFITTO IN CAMBIO DI 10 ORE DI LAVORO/SETTIMANA STESSOPIANO - COOP. TENDA SERVIZI - ASS. YLDA 224 I GIOVANI CHE HANNO TROVATO CASA CON IL SERVIZIO (IL 53% SONO STUDENTI) 117 CONTRATTI STIPULATI (IL 67% SONO CONVENZIONATI) IL 98% DEGLI ALLOGGI SONO STATI REPERITI SENZA L INTERMEDIAZIONE DI AGENZIE IMMOBILIARI 19

20 RECENTEMENTE ISTITUITO IL PROGETTO C.A.S.A. PER L ASSEGNAZIONE VIA SORTEGGIO DI 38 ALLOGGI POPOLARI PER GIOVANI TRA ANNI AUTONOMIA ABITATIVA GIOVANILE PROGETTO C.A.S.A - COMUNE TORINO PER GIOVANI TRA ANNI IL FONDO DI GARANZIA IL PRESTITO MAX EROGATO 420 PASSAGGI ALLO SPORTELLO 109 DOMANDE PRESENTATE 65 PRESTITI EROGATI 44 DOMANDE IN VIA DI PERFEZIONAMENTO PROGRAMMA GIOVANI - REGIONE PIEMONTE RIVOLTO A GIOVANI < 35 ANNI GIÀ PROPRIETARI DI CASA DOMANDE FINANZIATE, 60 A TORINO STANZIATI AD OGNI BENEFICIARIO 20

21 SI TRATTA SOLO DI SPERIMENTAZIONE, NON DI SOLUZIONE DELL EMERGENZA. ESPERIENZE DIVERSIFICATE PER QUANTO RIGUARDA: ENTE PROMOTORE BENEFICIARI TIPOLOGIA EDILIZIA HOUSING SOCIALE È, IN VIA SPERIMENTALE, UNA DELLE LINEE GUIDA DEL PIANO CASA DELLA REGIONE. 20 PROGETTI FINANZIATI (6 A TORINO) STANZIATI 112 ALLOGGI REALIZZATI FORME DI HOUSING SOCIALE: RESIDENZE TEMPORANEE (ALBERGHI SOCIALI, COABITAZIONI E CONDOMINI SOLIDALI, RESIDENZE COLLETTIVE). RIVOLTE ANCHE A GIOVANI STUDENTI E/O LAVORATORI ALLOGGI INDIVIDUALI PER LA LOCAZIONE PERMANENTE (A CANONI INFERIORI DEL LIBERO MERCATO) 21

22 ESEMPI DI HOUSING SOCIALE PROGRAMMA HOUSING COMPAGNIA DI SAN PAOLO PROGETTATE A TORINO 2 RESIDENZE TEMPORANEE 60 ALLOGGI E UNO SPAZIO COMUNE PREZZI CALMIERATI CONDOMINIO SOLIDALE A CASA DI ZIA JESSY OBIETTIVO: MIX SOCIALE 30 BILOCALI IN CASA POPOLARE PRESENTI GIOVANI TRA 16 E 32 ANNI PROVENIENTI DA STRUTTURE RESIDENZIALI O DA AFFIDAMENTI ALBERGO SOCIALE DI VIA IVREA 24 - IN VIA DI REALIZZAZIONE 450 POSTI LETTO. SISTEMAZIONE DA 1 SETTIMANA A 1 ANNO. PREZZI A METÁ TRA OFFERTA PRIVATA E OFFERTA PUBBLICA FORMULA ALBERGO FORMULA RESIDENCE FORMULA ALLOGGIO FORMULA CAMPUS INSERIMENTO TEMPORANEO DI PERSONE SFRATTATE 22

23 ANALISI QUESTIONARI DATI SUL CAMPIONE TOTALE: 131 PERSONE 84% ITALIANI 64% LAUREATO 75% OCCUPATO CON CONTRATTO 81% REDDITO INFERIORE A NEL % VIVE IN AFFITTO 45% VIVE IN CASA DI PROPRIETÁ (IL 13% CON I GENITORI) 63% SI MANTIENE DA SOLO 26% RICEVE AIUTI DALLA FAMIGLIA 39% VIVE IN COPPIA 25% VIVE DA SOLO 90% MAI FATTO RICHIESTA PER CASA POPOLARE 23

24 ANALISI QUESTIONARI ETÀ TITOLO DI STUDIO 24

25 ANALISI QUESTIONARI OCCUPAZIONE REDDITO 25

26 ANALISI QUESTIONARI CONDIVISIONE CASA TIPO CASA 26

27 ANALISI QUESTIONARI TIPO CONTRATTO AFFITTO SPESA PER L AFFITTO 27

Famiglie e abitazioni

Famiglie e abitazioni Famiglie e abitazioni A Milano le famiglie in affitto sono più di 380.000 per un totale di quasi quasi 1 milione persone e occupano il 25% delle abitazioni della città circa il 50% delle abitazioni in

Dettagli

Le politiche abitative Quali politiche per quali contesti? Giulia Cordella Corso politica sociale 2014-2015 giulia.cordella@gmail.com Cosa sono Interventi che si muovono per assicurare agli individui e

Dettagli

Decreto legge per l emergenza abitativa presentato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi

Decreto legge per l emergenza abitativa presentato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi Decreto legge per l emergenza abitativa presentato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi Roma, 12 marzo 2014 1 miliardo e 741 milioni per Sostegno all affitto a canone concordato

Dettagli

PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI A CANONE CONTENUTO

PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI A CANONE CONTENUTO Comune di Imola Provincia di Bologna Via Mazzini n. 0026 Imola Tel. 052-602111-Fax 602289. REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI A CANONE CONTENUTO Approvato con delibera C.C. n. 160 del 18.07.2005,

Dettagli

Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015

Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015 Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015 Opportunità socioeconomica per rilanciare il settore edile, il mercato immobiliare e quello degli

Dettagli

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa.

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa. Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture Decreto Casa. SOSTEGNO ALL AFFITTO 200 MILIONI DI EURO AL FONDO AFFITTO Ai 100 milioni

Dettagli

PROPOSTA PER LA COSTITUZIONE DI UN IMMOBILIARE SOCIALE DI AMBITO METROPOLITANO

PROPOSTA PER LA COSTITUZIONE DI UN IMMOBILIARE SOCIALE DI AMBITO METROPOLITANO PROPOSTA PER LA COSTITUZIONE DI UN IMMOBILIARE SOCIALE DI AMBITO METROPOLITANO LE RAGIONI PER LA CREAZIONE DI UN IMMOBILIARE SOCIALE COMUNALE L ampliarsi del fabbisogno abitativo, che investe ormai vasti

Dettagli

SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI

SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI L AGENZIA PUBBLICA PER LA LOCAZIONE La gestione di servizi attinenti al soddisfacimento delle esigenze abitative delle famiglie rappresenta una tra le iniziative più innovative

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE DELIBERA

LA GIUNTA COMUNALE DELIBERA OGGETTO: Criteri per la ripartizione del Fondo per il sostegno all accesso alle abitazioni in locazione di cui all art. 11, L. 431/98. Anno 2006. Approvazione Bando. LA GIUNTA COMUNALE Su proposta dell

Dettagli

Flessibilità e Trasparenza per un Nuovo Mercato degli Affitti DANIELA PERCOCO. MILANO 30 Gennaio 2014

Flessibilità e Trasparenza per un Nuovo Mercato degli Affitti DANIELA PERCOCO. MILANO 30 Gennaio 2014 Flessibilità e Trasparenza per un Nuovo Mercato degli Affitti DANIELA PERCOCO MILANO 30 Gennaio 2014 Temi trattati Il mercato della locazione in Italia: trend recenti di contratti, domanda, offerta, quotazioni

Dettagli

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi Responsabile Area Economia Urbana e Immobiliare CERTeT Università L. Bocconi Ricercatore senior Gruppo CLAS 8 giugno 2011, fieramilano

Dettagli

VII Rapporto UIL Famiglia Reddito Casa

VII Rapporto UIL Famiglia Reddito Casa VII Rapporto UIL Famiglia Reddito Casa Indice A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Novembre 212 INDICE Nota introduttiva..pag. 3 La spesa delle famiglie per l abitazione: l acquisto...pag.

Dettagli

1.000. alloggi per il ceto medio

1.000. alloggi per il ceto medio 1.000 alloggi per il ceto medio Care lettrici, cari lettori, mille alloggi realizzati su tutto il territorio provinciale sono la risposta concreta della Provincia ai numerosi concittadini che, pur disponendo

Dettagli

3. SOCIALE. 3.3 Politiche abitative

3. SOCIALE. 3.3 Politiche abitative 3. SOCIALE 3.3 Politiche abitative INDICE Inquadramento strategico..................... pag. 65 Risorse impiegate........................ pag. 66-67 I progetti innovativi....................... pag. 68-69

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Le iniziative della Regione Emilia- Romagna per l housing sociale Bologna 15 novembre 2012 Caterina Brancaleoni Nucleo

Dettagli

Interventi sul disagio abitativo Comune di Rimini

Interventi sul disagio abitativo Comune di Rimini Interventi sul disagio abitativo Comune di Rimini Realtà territoriale Il Comune di Rimini si distingue per realtà abitative disomogenee che fondano le loro radici nell economia ad indirizzo prevalentemente

Dettagli

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO

4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE LE NUOVE MAPPE DEL DISAGIO: POTENZIARE IL MONITORAGGIO 4 UNA COMUNITÀ SOLIDALE APERTA E ACCOGLIENTE Il contesto di riferimento (1999-2004): Nel quinquennio precedente la spesa sociale è stata raddoppiata mettendo in campo risorse per la parte più debole e

Dettagli

ABITARE SOCIALE UNA COMUNITA LOCALE SOLIDALE

ABITARE SOCIALE UNA COMUNITA LOCALE SOLIDALE City Reformers Workshop, Torino Torino: urban regeneration & housing policies what can we learn? 19-20 th May, 2008 ABITARE SOCIALE UNA COMUNITA LOCALE SOLIDALE Giovanni Magnano Settore Edilizia Sociale

Dettagli

IL RAPPORTO ORES 2009

IL RAPPORTO ORES 2009 IL RAPPORTO ORES 2009 SINTESI DEI PRINCIPALI CONTENUTI Con ORES, Osservatorio Regionale sull Esclusione Sociale della Lombardia, l ente regionale si è dotato di uno strumento in grado di integrare i dati

Dettagli

AGENZIA SOCIALE PER LA LOCAZIONE

AGENZIA SOCIALE PER LA LOCAZIONE AGENZIA SOCIALE PER LA LOCAZIONE PRESENTAZIONE AGENZIA 8 LUGLIO 2015 Fondazione Welfare Ambrosiano SOCI FONDATORI: Comune di Milano; Provincia di Milano; Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Comune di Piacenza assessorato al nuovo welfare e sostegno alle famiglie EMERGENZA ABITATIVA CONTRIBUTI ECONOMICI A SOSTEGNO DEI PIACENTINI

Comune di Piacenza assessorato al nuovo welfare e sostegno alle famiglie EMERGENZA ABITATIVA CONTRIBUTI ECONOMICI A SOSTEGNO DEI PIACENTINI Conferenza Stampa Comune di Piacenza assessorato al nuovo welfare e sostegno alle famiglie EMERGENZA ABITATIVA CONTRIBUTI ECONOMICI A SOSTEGNO DEI PIACENTINI Stefano Cugini - Luigi Squeri - Laura Vlacci

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4536 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIANNI Disposizioni per ridurre il disagio abitativo mediante la partecipazione delle regioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L EMERGENZA CASA

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L EMERGENZA CASA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L EMERGENZA CASA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 42 del 27/02/1997. SOMMARIO: TITOLO I: Fondo Sociale Art. 1 - Istituzione fondo sociale...pag.3

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEL BUONO CASA PER LE GIOVANI COPPIE

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEL BUONO CASA PER LE GIOVANI COPPIE COMUNE DI CAGLIARI Assessorato delle Politiche Sociali Area dei Servizi al cittadino Servizi Socio Assistenziali ed Asili Nido BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEL BUONO CASA PER LE GIOVANI COPPIE Ai sensi di

Dettagli

offrire un abitazione migliore a chi già abita nell immobile da decenni e che costituisce la memoria storica del luogo.

offrire un abitazione migliore a chi già abita nell immobile da decenni e che costituisce la memoria storica del luogo. IL PROGETTO Il progetto Maison du monde è realizzato grazie al Fondo Immobiliare di Lombardia e si propone di recuperare e valorizzare un edificio collocato in Via Padova 36, realizzando e offrendo alloggi

Dettagli

L'emergenza abitativa per i padri separati: il social housing e la mediazione familiare

L'emergenza abitativa per i padri separati: il social housing e la mediazione familiare 13 Convegno Nazionale Radici e futuro della mediazione familiare: professionisti al lavoro Venti anni della S.I.Me.F. 1995-2015 6-7 Novembre 2015 Milano L'emergenza abitativa per i padri separati: il social

Dettagli

BANDO PUBBLICO DI SELEZIONE PER L ACCESSO AL MICROCREDITO RISERVATO AI CITTADINI RESIDENTI NEI COMUNI DEL CONSORZIO SERVIZI SOCIALI IN.RE.

BANDO PUBBLICO DI SELEZIONE PER L ACCESSO AL MICROCREDITO RISERVATO AI CITTADINI RESIDENTI NEI COMUNI DEL CONSORZIO SERVIZI SOCIALI IN.RE. Sede legale: via Jervis, 24-10015 Ivrea (TO) Tel. 0125-646111 Fax 0125-646190 consorzio@inrete.to.it C.F./P.IVA 07949370014 BANDO PUBBLICO DI SELEZIONE PER L ACCESSO AL MICROCREDITO RISERVATO AI CITTADINI

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa Roma 18 giugno

Dettagli

AZIENDA SERVIZI PERSONA E FAMIGLIA AREA INTEGRAZIONE SOCIALE BANDO DI CONCORSO PER POSTI ALLOGGIO IN LOCAZIONE TEMPORANEA

AZIENDA SERVIZI PERSONA E FAMIGLIA AREA INTEGRAZIONE SOCIALE BANDO DI CONCORSO PER POSTI ALLOGGIO IN LOCAZIONE TEMPORANEA AZIENDA SERVIZI PERSONA E FAMIGLIA AREA INTEGRAZIONE SOCIALE BANDO DI CONCORSO PER POSTI ALLOGGIO IN LOCAZIONE TEMPORANEA Da assegnare a studenti di corsi universitari, stagisti, borsisti, ricercatori,

Dettagli

Regolamento per l'erogazione Errore. Il segnalibro non è definito. di contributi a titolo di prestito d'onore Errore. Il segnalibro non è definito.

Regolamento per l'erogazione Errore. Il segnalibro non è definito. di contributi a titolo di prestito d'onore Errore. Il segnalibro non è definito. Regolamento per l'erogazione Errore. Il segnalibro non è definito. di contributi a titolo di prestito d'onore Errore. Il segnalibro non è definito. APPROVATO CON DELIBERAZIONE COMUNALE N 46 DEL 11-05-2009

Dettagli

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART.

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. 1 (OGGETTO) L Amministrazione Comunale di Casina condividendo le finalità

Dettagli

Premessa. Gilberto Pichetto Presidente del gruppo regionale

Premessa. Gilberto Pichetto Presidente del gruppo regionale Settembre 2014 Premessa Se prima la difficoltà abitativa era un problema, ora è una vera e propria emergenza. Il perdurare della crisi economica rende le famiglie sempre più povere ed insostenibili i costi

Dettagli

CENTRO DI RESPONSABILITA

CENTRO DI RESPONSABILITA CENTRO DI RESPONSABILITA Politiche sociali CED - Cultura e giovani Istruzione e lavoro - Sport MODIFICHE AL PEG 2014 E PIANO DELLA PERFORMANCE 2014/2016 PROGRAMMA DELLA RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA

Dettagli

Popolazione e famiglie - Milano

Popolazione e famiglie - Milano - - 3 4 Popolazione e famiglie - Milano 650.000 1.600.000 635.000 n. famiglie 620.000 605.000 1.500.000 1.400.000 popolazione famiglie popolazione 590.000 1.300.000 575.000 1981 1991 2001 2002 2003 2004

Dettagli

AZIENDA SERVIZI PERSONA E FAMIGLIA AREA INTEGRAZIONE SOCIALE BANDO DI CONCORSO PER POSTI ALLOGGIO IN LOCAZIONE TEMPORANEA

AZIENDA SERVIZI PERSONA E FAMIGLIA AREA INTEGRAZIONE SOCIALE BANDO DI CONCORSO PER POSTI ALLOGGIO IN LOCAZIONE TEMPORANEA AZIENDA SERVIZI PERSONA E FAMIGLIA AREA INTEGRAZIONE SOCIALE BANDO DI CONCORSO PER POSTI ALLOGGIO IN LOCAZIONE TEMPORANEA Da assegnare a studenti di corsi universitari, stagisti, borsisti, ricercatori,

Dettagli

Politiche Abitative - Comune di Empoli -

Politiche Abitative - Comune di Empoli - Politiche Abitative - Comune di Empoli - Con il trasferimento della funzione all Unione, è stato costituito un unico ufficio casa per tutto l Empolese Valdelsa. Fino al 2013 sul territorio erano presenti

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO E indetto il bando di cui alla D.G.C. n. 91 del 07/11/2014

Dettagli

www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE

www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE Ascolto, attenzione, accompagnamento verso il bisogno primario della casa. Questo è l impegno costante che Regione Lombardia garantisce alle giovani

Dettagli

Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale.

Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale. SCHEDA STAMPA DATI Mutui inaccessibili, tassazione alle stelle, mercato dell affitto proibitivo, boom di sfratti e nessun piano di edilizia sociale. È STATO MESSO A DURA PROVA IL BENE PIÙ AMATO DAGLI ITALIANI

Dettagli

La / il sottoscritt. nat_ a Prov., il. residente nel Comune di Prov. Via n. CAP. La / il sottoscritt. nat_ a Prov., il. residente nel Comune di Prov.

La / il sottoscritt. nat_ a Prov., il. residente nel Comune di Prov. Via n. CAP. La / il sottoscritt. nat_ a Prov., il. residente nel Comune di Prov. finestra PERIODO DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA: dal 15 ottobre al 21 dicembre 2012 Allegato B ( domanda di contributo) Regione Toscana D.G. Diritti di cittadinanza e coesione sociale Settore politiche

Dettagli

EMERGENZA CASA IN PIEMONTE INTERVENIRE PER GARANTIRE IL DIRITTO

EMERGENZA CASA IN PIEMONTE INTERVENIRE PER GARANTIRE IL DIRITTO CGIL-CISL-UIL PIEMONTE SUNIA-SICET-UNIAT PIEMONTE RELAZIONE INTRODUTTIVA EMERGENZA CASA IN PIEMONTE INTERVENIRE PER GARANTIRE IL DIRITTO In Piemonte come in Italia la pesante crisi economica ha generato

Dettagli

PROGETTO EMERGENZA CASA

PROGETTO EMERGENZA CASA Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo 24 febbraio 2015 PROGETTO EMERGENZA CASA Nelle tre precedenti edizioni del progetto (EmergenzaCasa 1-2-3) sono stati stipulati 1.200 patti di solidarietà all interno

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

Regione Lombardia ti aiuta ad acquistare o a ristrutturare il tuo primo alloggio

Regione Lombardia ti aiuta ad acquistare o a ristrutturare il tuo primo alloggio Hai voglia di casa? Regione Lombardia ti aiuta ad acquistare o a ristrutturare il tuo primo alloggio Regione Lombardia presenta il bando per l erogazione del contributo per agevolare l accesso alla proprietà

Dettagli

Comune di San Lorenzo in Campo

Comune di San Lorenzo in Campo Comune di San Lorenzo in Campo BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFITTO PER L ANNO 2015 LEGGE 431/1998 Art. 11 IL RESPONSABILE SERVIZI SOCIALI Rende noto VISTA la Legge 9 dicembre 1998 n. 431,

Dettagli

Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio

Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio Area Pianificazione urbana, Tutela ambientale e Casa Assessorato Casa, Housing sociale e Valorizzazione patrimonio Servizio Housing sociale e Piani di Zona Servizio Patrimonio ed Inventari Servizio Casa

Dettagli

CITTÀ DI SAN MARCO IN LAMIS PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI COMUNALI PER USO ABITATIVO A SOGGETTI SOCIALMENTE DEBOLI

CITTÀ DI SAN MARCO IN LAMIS PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI COMUNALI PER USO ABITATIVO A SOGGETTI SOCIALMENTE DEBOLI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI COMUNALI PER USO ABITATIVO A SOGGETTI SOCIALMENTE DEBOLI Approvato con Delibera Consiglio Comunale n 49 del 9 luglio 2012 1 Art. 1 1. Nel rispetto delle norme

Dettagli

DAL 21 luglio al 12 agosto 2010

DAL 21 luglio al 12 agosto 2010 Sede operativa di Medicina via Saffi 73 AVVISO PUBBLICO PER LA LOCAZIONE DI ALLOGGI A CANONE CONTENUTO UBICATI NEL COMUNE DI MEDICINA Delibera del consiglio comunale di Medicina n 153 Del 07/11/2005 e

Dettagli

COMUNE DI ADELFIA. provincia di bari SETTORE TECNICO

COMUNE DI ADELFIA. provincia di bari SETTORE TECNICO COMUNE DI ADELFIA provincia di bari SETTORE TECNICO BANDO DI CONCORSO PER L EROGAZIONE DEL FONDO PER IL SOSTEGNO ALL ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCA- ZIONE RELATIVO DELL ANNO 2012 - DELIB. G.R. N. 2199

Dettagli

DOMANDA DI CONTRIBUTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA. Via n. e residente a CAP Prov. Via n.

DOMANDA DI CONTRIBUTO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA. Via n. e residente a CAP Prov. Via n. Allegato B ( domanda di contributo) Regione Toscana D.G. Diritti di cittadinanza e coesione sociale Settore politiche abitative Via di Novoli 26-50127 Firenze AVVERTENZE. Compilare la domanda in stampatello.

Dettagli

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Premessa La Regione Sardegna approva il 1 programma di contrasto delle povertà, in forma sperimentale, nell anno 2007 prevedendo 2 linee d intervento

Dettagli

C O M U N E D I CASELLA P R O V I N C I A D I G E N O V A

C O M U N E D I CASELLA P R O V I N C I A D I G E N O V A Allegato 1 C O M U N E D I CASELLA P R O V I N C I A D I G E N O V A SERVIZI SOCIALI BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI PER IL SOSTEGNO ALLE LOCAZIONI ABITATIVE Il presente bando stabilisce i requisiti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 39

Dettagli

SOCIAL HOUSING: Quadro interpretativo dei metodi e delle esperienze in Italia Torino, 17 maggio 2007

SOCIAL HOUSING: Quadro interpretativo dei metodi e delle esperienze in Italia Torino, 17 maggio 2007 SOCIAL HOUSING: Quadro interpretativo dei metodi e delle esperienze in Italia Torino, 17 maggio 2007 Franco Prizzon Luisa Ingaramo Marco Bagnasacco SOCIAL HOUSING HOUSING Una prima definizione (derivata

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45

Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Toscana. Legge regionale 2 agosto 2013, n.45 Interventi di sostegno finanziario in favore delle famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Pubblicata

Dettagli

VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI

VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI Ai sensi della Convenzione tra Comune di Milano e Pessina Costruzioni S.P.A.

Dettagli

PROT. 362 ROMA, 17 giugno 2011

PROT. 362 ROMA, 17 giugno 2011 (H:\docs\2011\6\17\16743.doc/ 03/01/12) PROT. 362 ROMA, 17 giugno 2011 e-mail Caro Presidente, Ai Presidenti degli Enti Associati LORO SEDI il Consiglio Direttivo di Federcasa, come a tua conoscenza, ha

Dettagli

PROGETTO SOCIAL MARKET LA CAMBUSA

PROGETTO SOCIAL MARKET LA CAMBUSA TITOLO IDEA : SOCIAL MARKET LA CAMBUSA Breve sintesi idea : La Cambusa consiste nella realizzazione di un MARKET SOCIALE: un punto di recupero e distribuzione di alimenti, prodotti per l igiene, utensili

Dettagli

Il Comune di Rosignano Marittimo

Il Comune di Rosignano Marittimo OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE A LOCARE A CANONE SOSTENIBILE, PER ALMENO 15 ANNI, FABBRICATI RESIDENZIALI ESISTENTI, FABBRICATI DA REALIZZARE SU AREE EDIFICABILI O FABBRICATI

Dettagli

www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE

www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE www.regione.lombardia.it LA CASA PER LE FAMIGLIE LOMBARDE AGEVOLAZIONI ALLE GIOVANI COPPIE PER L ACQUISTO DELLA PRIMA CASA Regione Lombardia e ABI, in collaborazione con Finlombarda S.p.a., supporta le

Dettagli

REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA

REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 34 del 22/04/2013 REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA Art. 1 AMBITO

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA LEGISLATURA

REGIONE EMILIA ROMAGNA LEGISLATURA REGIONE EMILIA ROMAGNA LEGISLATURA VIII Al presidente dell Assemblea Legislativa Progetto di legge di iniziativa del Consigliere Leonardo Masella avente ad oggetto: "Norme dirette a favorire l inserimento

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE DELIBERA

LA GIUNTA REGIONALE DELIBERA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - Serie Generale - n. 42 del 3 settembre 2014 11 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 4 agosto 2014, n. 1038. L.R. 28 novembre 2003, n. 23 e succ. mod.

Dettagli

I Comuni Associati di Cecina, Bibbona, Castagneto Carducci

I Comuni Associati di Cecina, Bibbona, Castagneto Carducci OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE A LOCARE A CANONE SOSTENIBILE, PER ALMENO 15 ANNI, FABBRICATI RESIDENZIALI ESISTENTI, FABBRICATI DA REALIZZARE SU AREE EDIFICABILI O FABBRICATI

Dettagli

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Decreto Casa.

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Decreto Casa. Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture Decreto Casa. 200 MILIONI DI EURO AL FONDO AFFITTO Ai 100 milioni di euro già stanziati

Dettagli

DAR nasce nel 1991 per dare risposta a una domanda crescente di casa da parte della popolazione immigrata.

DAR nasce nel 1991 per dare risposta a una domanda crescente di casa da parte della popolazione immigrata. DAR=CASA Master in housing sociale e collaborativo 6 giugno 2014 Maria Chiara Cela Chiara Soletta Sara Travaglini DAR=CASA Società Cooperativa www.darcasa.org La nostra mission Dare una risposta concreta

Dettagli

CASA: TRA DIRITTO E MERCATO Bergamo, 4 febbraio 2013

CASA: TRA DIRITTO E MERCATO Bergamo, 4 febbraio 2013 Bergamo, 4 febbraio 2013 LA DOMANDA ABITATIVA CHE CAMBIA Secondo i dati dell'annuario statistico Regionale di Regione Lombardia nel 2011 nella nostra Provincia risiedevano 1.087.401 persone e 443.915.

Dettagli

Comune di Sassari Settore Coesione sociale e Pari Opportunità

Comune di Sassari Settore Coesione sociale e Pari Opportunità CONTRIBUTI E SOSTEGNO ECONOMICO A PERSONE IN SITUAZIONE DI POVERTA' E DISAGIO PROGRAMMA REGIONALE DI CUI ALLA DGR n. 48/7 del 02/10/2015 SCHEDA INFORMATIVA CHE COS'È Il Programma Regionale prevede un sostegno

Dettagli

CASA INTEGRA - BOCCALEONE UN OPPORTUNITÀ ABITATIVA TRA LA CITTÀ E IL QUARTIERE

CASA INTEGRA - BOCCALEONE UN OPPORTUNITÀ ABITATIVA TRA LA CITTÀ E IL QUARTIERE CASA INTEGRA - BOCCALEONE UN OPPORTUNITÀ ABITATIVA TRA LA CITTÀ E IL QUARTIERE AVVISO PUBBLICO PER LA RACCOLTA DI CANDIDATURE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO E CON PATTO DI

Dettagli

AZIENDA CASA EMILIA-ROMAGNA (ACER) FERRARA

AZIENDA CASA EMILIA-ROMAGNA (ACER) FERRARA AZIENDA CASA EMILIA-ROMAGNA (ACER) FERRARA Ente Pubblico Economico ex L.R. 24/2001 Corso Vittorio Veneto, 7 44121 Ferrara - C.F. - Partita IVA 00051510386 Centralino Tel. 0532 230311 - Servizio Clienti

Dettagli

A G E V O L A Z I O N I E C O N O M I C H E D I R I T T O A L L O S T U D I O

A G E V O L A Z I O N I E C O N O M I C H E D I R I T T O A L L O S T U D I O A G E V O L A Z I O N I E C O N O M I C H E D I R I T T O A L L O S T U D I O Al centro immatricolazioni è presente lo sportello dell EDISU (ente per il diritto allo studio universitario) per ottenere

Dettagli

Scheda stampa SOCIAL HOUSING I NUMERI DELL EMERGENZA ABITATIVA

Scheda stampa SOCIAL HOUSING I NUMERI DELL EMERGENZA ABITATIVA Scheda stampa SOCIAL HOUSING I NUMERI DELL EMERGENZA ABITATIVA CASA: EMERGENZA SOCIALE PER LE FASCE PIU DEBOLI La casa, il bene più amato dagli italiani, è stato messo a dura prova in questi anni di crisi:

Dettagli

= ISTITUZIONE VENEZIANA = = Finalità = Art. 1. La tutela della residenzialità a Venezia è una delle politiche prioritarie di

= ISTITUZIONE VENEZIANA = = Finalità = Art. 1. La tutela della residenzialità a Venezia è una delle politiche prioritarie di = ISTITUZIONE VENEZIANA = = Regolamento e misure per il sostegno economico a fini abitativi dei nuclei familiari e per la tutela della residenzialità a Venezia = = Finalità = Art. 1 La tutela della residenzialità

Dettagli

Una risposta alla questione abitativa a Roma: l abitare, non solo case. Conferenza stampa - 27 Aprile 2015

Una risposta alla questione abitativa a Roma: l abitare, non solo case. Conferenza stampa - 27 Aprile 2015 Una risposta alla questione abitativa a Roma: l abitare, non solo case Conferenza stampa - 27 Aprile 2015 Famiglie e abitazioni a Roma 1971 2001 2011 Popolazione 2.781.993 2.546.804 2.617.465 Anziani per

Dettagli

ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI

ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SOS FAMIGLIE PROGRAMMA DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE MENO ABBIENTI. DISCIPLINARE PER L'ACCESSO AI CONTRIBUTI PER IL PAGAMENTO DI SPESE CORRENTI. CRITERI GENERALI Il REGOLAMENTO

Dettagli

ATTIVAZIONE SERVIZIO DI MEDIAZIONE ABITATIVA E SUPPORTO ASSISTENZIALE NELLA RICERCA DI SISTEMAZIONE ABITATIVA C.I.G ZF60FC638B CAPITOLATO

ATTIVAZIONE SERVIZIO DI MEDIAZIONE ABITATIVA E SUPPORTO ASSISTENZIALE NELLA RICERCA DI SISTEMAZIONE ABITATIVA C.I.G ZF60FC638B CAPITOLATO ATTIVAZIONE SERVIZIO DI MEDIAZIONE ABITATIVA E SUPPORTO ASSISTENZIALE NELLA RICERCA DI SISTEMAZIONE ABITATIVA C.I.G ZF60FC638B CAPITOLATO PREMESSA Nel territorio del comune di Spinea è presente oggi una

Dettagli

PROGETTO FONDO TERRITORIALE PER L EMERGENZA SOCIALE REGOLAMENTO PER L ACCESSO

PROGETTO FONDO TERRITORIALE PER L EMERGENZA SOCIALE REGOLAMENTO PER L ACCESSO Comunità Montana di Valle Camonica Breno (Bs) PROGETTO FONDO TERRITORIALE PER L EMERGENZA SOCIALE REGOLAMENTO PER L ACCESSO Approvato con deliberazione della Giunta Esecutiva n.76 in data 15.04.2014 A.

Dettagli

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2

4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 PREAMBOLO... 1. 1 CAPO I - Oggetto... 2. 2 Art. 1 - Oggetto... 2 4a Tutela della salute l.r. 45/2013 1 Legge regionale 2 agosto 2013, n. 45 famiglie e dei lavoratori in difficoltà, per la coesione e per il contrasto al disagio sociale. Interventi di sostegno finanziario

Dettagli

Il sostegno di Regione Lombardia alla domanda abitativa delle famiglie lombarde

Il sostegno di Regione Lombardia alla domanda abitativa delle famiglie lombarde Il sostegno di Regione Lombardia alla domanda abitativa delle famiglie lombarde Misure Salva Mutui Agevolazione alle giovani coppie per l acquisto della prima casa Fondo Sostegno al Disagio Acuto Contributo

Dettagli

6. Dati dimensionali degli alloggi

6. Dati dimensionali degli alloggi 10 I Una Comunità per Crescere - Milano 6. Dati dimensionali degli alloggi La superficie residenziale deve essere così distribuita in base alla slp: alloggi tipo A: quadri-trilocali da 100 mq di slp, max

Dettagli

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali Indagine Link-Marche : ricerca e azione sociale per favorire l inclusione delle persone in condizioni di marginalità e di disagio a cura di David Recchia 1 Link è un progetto nazionale che le Acli hanno

Dettagli

PROGETTO DI CASA ALBERGO RESIDENZA SOCIALE

PROGETTO DI CASA ALBERGO RESIDENZA SOCIALE PROGETTO DI CASA ALBERGO RESIDENZA SOCIALE PROGETTO DI CASA ALBERGO RESIDENZA SOCIALE Via Ivrea, 24 come è: Veduta Facciata NORD Veduta Facciata SUD PROGETTO DI CASA ALBERGO RESIDENZA SOCIALE Via Ivrea,

Dettagli

Chiede di essere ammessa a partecipare alla selezione in oggetto.

Chiede di essere ammessa a partecipare alla selezione in oggetto. A ssociazione I rgentino taliana P ONLUS iemonte CF 97531620017 Via Petitti 19 (10126) Torino, cell. 347.1389289 assarto88@yahoo.com.ar www.associazioneargentinoitalianapiemonte.org Riservato alla Segreteria

Dettagli

PROGETTO ABITARE. donne sole e/o con figli in condizioni di fragilità o vulnerabilità sociale a seguito di eventi spiazzanti;

PROGETTO ABITARE. donne sole e/o con figli in condizioni di fragilità o vulnerabilità sociale a seguito di eventi spiazzanti; PROGETTO ABITARE OBIETTIVI GENERALI Il quadro di riferimento e l origine del Progetto Abitare è rappresentato dal Protocollo di Intesa stipulato tra la Città di Torino, la Compagnia di San Paolo e l Ufficio

Dettagli

Dossier Casa. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

Dossier Casa. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Dossier Casa A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Casa 2 La crisi della nuova edilizia e delle infrastrutture e la crescita della riqualificazione delle abitazioni Investimenti in costruzioni*

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA Legge 1980033 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

Dettagli

La Rete delle Cooperative di Abitanti e l Housing Sociale. Seminario Nazionale

La Rete delle Cooperative di Abitanti e l Housing Sociale. Seminario Nazionale La Rete delle Cooperative di Abitanti e l Housing Sociale Seminario Nazionale Bologna, 28 ottobre 2014 La Rete delle Cooperative di Abitanti e l Housing Sociale Housing Sociale con interventi diretti Abitazioni

Dettagli

2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI

2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI 2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI I benefici che seguono sono continuativi. Potrebbero però modificarsi di anno in anno parte dei requisiti di accesso, periodo di raccolta delle domande e

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 03530/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 03530/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 03530/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A TITOLO DI PRESTITO D ONORE

COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A TITOLO DI PRESTITO D ONORE COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A TITOLO DI PRESTITO D ONORE Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 40 del /29.11.2013 INDICE GENERALE

Dettagli

Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie

Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni

Dettagli

Comune di Poggio a Caiano Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFITTO E PER L EMERGENZA ABITATIVA.

Comune di Poggio a Caiano Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFITTO E PER L EMERGENZA ABITATIVA. Comune di Poggio a Caiano Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFITTO E PER L EMERGENZA ABITATIVA. Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 15 del 07.04.2014

Dettagli

Oggetto: BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AL FONDO PER IL SOSTEGNO ALL'ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCAZIONE ANNO 2004. APPROVAZIONE.

Oggetto: BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AL FONDO PER IL SOSTEGNO ALL'ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCAZIONE ANNO 2004. APPROVAZIONE. COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ PRO VINCIA DI PADOVA VERBALE DI DELIBERAZIO NE DI GIUNTA CO MUNALE N 65 DEL 24/05/2005 Oggetto: BANDO PER LA PARTECIPAZIONE AL FONDO PER IL SOSTEGNO ALL'ACCESSO ALLE ABITAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI D INTEGRAZIONE AL REDDITO

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI D INTEGRAZIONE AL REDDITO IV Settore Viale dell Università, 2/A - Tel. 0824772688 Fax 0824326211 E-Mail: ufficiodipianob1@libero.it REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI D INTEGRAZIONE AL REDDITO Approvato con Delibera

Dettagli

COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA

COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA DI ALLOGGI IN CONVENZIONE CON IL COMUNE DI VENEZIA E ALTRI ALLOGGI PER INTERVENTI DI ASSISTENZA

Dettagli

COMUNE DI CERTALDO. (Provincia di Firenze) CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI UN CENTRO DA DESTINARSI ALL ACCOGLIENZA TEMPORANEA PER ***********

COMUNE DI CERTALDO. (Provincia di Firenze) CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI UN CENTRO DA DESTINARSI ALL ACCOGLIENZA TEMPORANEA PER *********** COMUNE DI CERTALDO (Provincia di Firenze) CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI UN CENTRO DA DESTINARSI ALL ACCOGLIENZA TEMPORANEA PER SITUAZIONI DI EMERGENZA ABITATIVA *********** L anno 2013, il giorno ( )

Dettagli