RAPPORTO ART 2011 CAMBIAMENTI, SCENARI E TENDENZE IN UN SETTORE CARATTERIZZATO DA FORTE INSTABILITA. Milano, settembre 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RAPPORTO ART 2011 CAMBIAMENTI, SCENARI E TENDENZE IN UN SETTORE CARATTERIZZATO DA FORTE INSTABILITA. Milano, settembre 2011"

Transcript

1 RAPPORTO ART 2011 CAMBIAMENTI, SCENARI E TENDENZE IN UN SETTORE CARATTERIZZATO DA FORTE INSTABILITA Milano, settembre 2011

2 ART Arti della Tavola e del Regalo Corso Venezia, Milano Tel Fax SHAKER SRL Via Copernico, Milano Tel /27 Fax

3 RAPPORTO ART 2011 CAMBIAMENTI, SCENARI E TENDENZE IN UN SETTORE CARATTERIZZATO DA FORTE INSTABILITA SOMMARIO INTRODUZIONE PARTE PRIMA Aggiornamento dati del Primo Rapporto del Di quale Italia e di quali italiani stiamo parlando 1.1 Il settore di fronte alla crisi 1.2 Il sistema dei consumi 1.3 Comunicazione e media (il web) PARTE SECONDA Approfondimento sulle dinamiche della flessibilità 2 Le dinamiche della flessibilità: come stanno operando nel nostro settore 2.1 Impatto sull offerta e sulle abitudini di acquisto 2.2 Impatto sul PDV Rispetto al metter su casa Rispetto alla stagionalità Rispetto alla convenienza PARTE TERZA Alcuni scenari di tendenza 3 Nuovi scenari di tendenza 3.1 Pace fatta col web? 3.2 Le prospettive della multicanalità 3.3 Comunicazione tailor made 3.4 I nuovi vicini di casa: quali e perché? 4 Conclusioni ALLEGATO Ricerca etimologica: il concetto del metter su casa

4

5 Introduzione INTRODUZIONE Il Primo Rapporto ART (settembre 2009) si intitolava Crisi come opportunità, flessibilità come condizione Verso un osservatorio permanente delle tendenze nel settore dell abitare e si concludeva con una domanda: la flessibilità è una risorsa: sapremo sfruttarla? Sempre in quel Primo Rapporto sostenevamo che il cambiamento avrebbe dovuto essere affrontato più per via INNOVATIVA che per via ADATTATIVA e, a questo proposito scrivevamo: sarà molto difficile pensare di utilizzare gli strumenti operativi del passato (su tutti quelli del marketing, ad esempio), ma occorrerà un salto qualitativo (innovativo, appunto) molto forte nella direzione di nuovi strumenti orientati alla capacità di misurare in modo dinamico la realtà (commerciale, distributiva, produttiva) Nel tentativo di offrire risposte concrete, il rapporto era giunto alla conclusione che il negozio avrebbe dovuto trasformarsi in un NEGOZIO FLESSIBILE, e aveva indicato alcune aree di un possibile intervento (in particolare sviluppando bene i concetti di metter su casa, di stagionalità e di convenienza). Aveva cioè affermato che il tempo dei negozi enciclopedia (che si frequentano solo quando serve) stava volgendo al termine, per lasciare il posto a negozi free press (che si frequentano tutti i giorni e per tutte le occasioni di acquisto). Il senso di tutta la ricerca era stato condiviso e aveva ottenuto molti riconoscimenti in diverse sedi istituzionali e non, ed era riuscito a costituire l anima di alcune esemplificazioni di grande attualità ed interesse, che Art aveva concretamente rappresentato (nei suoi eventi a Macef, nell allargamento dei suoi servizi e nei contenuti dei suoi road show di formazione). Tutto ciò è il passato, ma a distanza di due anni crediamo sia giusto e opportuno verificare se, come e quanto, la flessibilità sia riuscita ad influire sulle dinamiche congiunturali del mercato. Questo Secondo Rapporto ha quindi il compito di: - fornire una sorta di aggiornamento ragionato di tutti i dati forniti dal Primo Rapporto, andando di nuovo a domandarci di quale Italia e di quali italiani stiamo parlando - verificare tutte le dinamiche di flessibilità in azione nel nostro settore, che impatto stanno producendo sull offerta e sulle abitudini d acquisto e infine che impatto stanno producendo rispetto ai temi della stagionalità, della convenienza e del metter su casa Tutto questo verrà affrontato nella prima e nella seconda parte. Mentre nella terza parte, il Rapporto cercherà di mettere un po d ordine tra i tanti nuovi scenari di tendenza, soprattutto rispetto alle grandi questioni di cui si sta parlando in questo momento, quali: - il web, i suoi tanti meriti e i suoi potenziali conflitti di interesse - le prospettive della cosiddetta multicanalità e del co-marketing, come sviluppo di rete e di filiera, non tradizionali - la comunicazione tailor made 3

6 Secondo rapporto ART - Cambiamenti, scenari e tendenze Concluderemo provando a dare risposta ad una interessante domanda: quali sono i vicini di casa del nostro settore? Come nel Primo Rapporto, anche questa volta utilizzeremo il modello della flessibilità. L intero percorso di ricerca è stato fatto cercando il più possibile di metterci dalla parte del consumatore, perché riteniamo che operando in questo modo si possa riuscire a fornire indicazioni utilizzabili da tutta la filiera. Ed è proprio attraverso questo percorso che abbiamo potuto constatare che la questione CONSUMATORE è la vera questione aperta perché la distanza dal consumatore: si sta allargando enormemente se prendiamo in considerazione gli aspetti più tradizionali della distribuzione il gap appare molto forte e la desertificazione del punto vendita appare irresistibile si sta invece accorciando rapidamente se prendiamo in considerazione gli aspetti più innovativi della distribuzione l avvicinamento appare inarrestabile e ricco di buone prospettive Come si nota subito, l elemento da indagare è, ancora una volta, la DISTRIBUZIONE: come può infatti essere contemporaneamente fonte di allontanamento e di attrazione? Per dare conto di questa apparente contraddizione, il mai dimenticato Giampaolo Fabris (che tra l altro è stato l interprete più autorevole della presentazione del Primo Rapporto del 2009), metteva in campo il concetto di OSSIMORO. L arcipelago dei consumi scriveva nel suo SOCIETING ci offre continue testimonianze di questa coesistenza di contrari... Ossimoro è il superamento del principio su cui si fondava il pensiero razionale che presidiava l analisi dei mercati. Occorre prenderne rapidamente atto se si intende interpretare e intervenire sul nuovo che emerge ( ). Ossimoro è l auto di alta gamma parcheggiata davanti all hard discount ( ) ossimoro è l immissione nella moda di indumenti di altri tempi che convivono con capi 4

7 Introduzione attualissimi ( ) ossimoro è il sacro e il profano mischiati insieme che ha fatto la fortuna della Signora Ciccone, in arte Madonna ( ) ossimoro è abbinare oggetti disegnati da Philippe Starck con la paccottiglia della nonna ( ). L ibridazione, la citazione e il meticciato sono altre dimensioni della post-modernità che convergono verso l ossimoro ( ). Ma l ossimoro è anche espressione di quella fluidità e flessibilità che caratterizza la cultura emergente, da non confondere con l opportunismo, il cinismo, il camaleontismo in politica, che ne costituiscono il versante patologico. Quindi? Grande attenzione ai contrari, ma soprattutto dotarsi di un modello di analisi che possa comprenderli. L abitudine di considerare le cose distributive in una logica dei compartimenti stagni può essere molto dannosa: non solo perché il nuovo consumatore (nuovo cittadino consumatore) è, per usare le parole di Fabris ossimorico e quindi libero di frequentare tutte le tipologie distributive, senza distinzioni, ma soprattutto perché impedirebbe di poter valutare il nuovo che avanza Le grandi difese del passato, anche recente, del muro contro muro rispetto al nuovo che avanza, non servono più e sono addirittura dannose. Non esiste cioè una distribuzione statica, bensì una distribuzione plurale e in movimento (più o meno continua). In questo senso, sarà molto utile il capitolo finale legato al tema dei vicini di casa. Guardare in casa d altri è, in questo caso, più che legittimo, per non dire, necessario. I vicini di casa del nostro settore sono diversi da noi, vendono viaggi, libri, moda, gastronomia, complementi d arredo, elettronica di consumo, fiori e piante, cucine, corsi di cucina vendono merceologie e servizi molto diversi da quelle del nostro settore. Ma hanno tutti in comune lo stesso identico target: il nostro (e loro) consumatore finale. Così, ancora una volta si ritorna al punto centrale di tutto il nostro fare (e anche di questa nostra ricerca), la vera questione aperta, che se fai uscire dalla porta ti entra dalla finestra: Cosa sta diventando il consumatore? Come sta cambiando? Cosa ci sta dicendo? Se ci seguirete con pazienza e curiosità nella lettura di questa ricerca, potrete trovare le risposte giuste. A noi l onere di proporvele, a voi quello di criticarle, in modo costruttivo, si intende. Buona lettura. 5

8

9 PARTE PRIMA Aggiornamento dati del Primo Rapporto del 2009

10

11 Parte prima - Aggiornamento dati del Primo Rapporto del Di quale Italia e di quali italiani stiamo parlando Con una retrospettiva impietosa, ma salutare, delle società italiane degli ultimi dieci anni, il Rapporto Censis 2010 ci avverte che in Italia è aumentata la fatica di vivere, perché in questo periodo tutto sembra essere franato verso il basso e, quando tutto frana, a crescere è solo il deserto. Sostiene infatti il Censis: Abbiamo resistito ai mesi e agli eventi più drammatici in virtù della qualità strutturale del nostro modello di sviluppo (n.d.a.: il piccolo è bello tiene); pur con una evidente fatica del vivere e dolorose emarginazioni occupazionali, abbiamo tenuto il livello dei redditi e dei consumi; negli ultimi mesi abbiamo una riemersione della fiducia in una per ora incerta ripresa; qualche sintomo di movimento comincia ad essere registrato, specie sul piano della presenza di tante nostre imprese nei mercati emergenti. Arrivano quotidianamente ondate di paure, quasi sgomento, di fronte all aggressività della speculazione internazionale sui nostri conti pubblici; ma la psicologia collettiva non le introietta, forse perché sono paure che vengono da circuiti lontani, non dominabili dai soggetti del sistema ( ). A due anni del nostro Primo Rapporto non possiamo fare altro che registrare un sostanziale decadimento generale, e non solo dei mercati. Si ha l impressione che tutto si sia appiattito e che stia vincendo una sorta di dimensione orizzontale e vuota, all interno della quale sono saltati tutti gli ancoraggi noti. In questo modo si assiste, quasi completamente indifesi, alla crescita dell INDISTINTO, una specie di no-logo generalizzato che non fa sconti a nessuno. Basti pensare alla perdita dei primati della marca e del made in Italy, ma anche alla offerta televisiva e, paradossalmente, al successo di internet e delle telecomunicazioni. Se tutto è indistinto spariscono i valori della differenziazione e subentra una modalità di approccio alle scelte (delle cose, dei servizi, della politica e persino della cultura) caratterizzata da pragmaticità e da cinismo (del qui e ora, della promessa, del consumo immediato, senza porsi domande sul futuro). Così, mentre avremmo tutti bisogno di regole di comportamento, cresce ciò che il Rapporto Censis chiama S-REGOLAZIONE. Mancando i disciplinari, o essendo saltati quelli tradizionali, a vincere è l autoreferenzialità che, sul piano soggettivo, si trasforma in egoistico narcisismo, per poi cadere nell incubo depressivo. In altre parole: Se dieci anni fa potevamo progettare il nostro futuro potendo contare su alcune solide sicurezze di base, oggi lo possiamo fare solo appoggiandoci a insicurezze. Quando tutto è in movimento è difficile stabilire la rotta. L insicurezza agisce come un virus e va ad intaccare sia il corpo sociale, sia quello individuale. Come se ne esce? 9

12 Secondo rapporto ART - Cambiamenti, scenari e tendenze Sono due le scuole di pensiero: alcuni pensano che si debba operare dall alto, ripristinando autorità e lavorando in termini di norme e di leggi altri sostengono che si debba operare partendo dal basso, lavorando sulla presa di coscienza (consapevolezza) e sul ritorno ad una più spinta meritocrazia Ma in entrambi i casi, il processo di guarigione dal virus dell insicurezza non appare semplice e neppure a tempi stretti. Nel frattempo, soprattutto le imprese, reagiscono e stanno investendo su: - nuove strategie commerciali (83.8%) - nuovi sbocchi all export (75%) - innovazione tecnologica (70.6%) - nuovi settori di business (63.2%) - miglioramento della gestione finanziaria (61.6%) - creazione o rafforzamento del marchio (58.8%) - razionalizzazione dei rapporti con i sub-fornitori (50%) - logistica (48.5%) - managerialità (32.4%) Fonte: indagine Censis, 2009 Come si nota subito, ai primi posti è situata, e non a caso, l intera questione commerciale. Si sta comprendendo che la strategia della cosiddetta OFFERTA CONTINUA, caratterizzata da un esasperata ricerca della NOVITA, non sta più pagando come in passato; ci si domanda cioè se esiste e quale potrebbe essere una nuova strategia commerciale e su quali basi dovrebbe poggiare. Quando tutto è nuovo, tutto risulta vecchio. Nel frattempo e in mancanza di una politica industriale nazionale, le imprese stanno comprendendo che: - occorre più tecnologia - occorre ricompattare le reti di collaborazione - occorre più cultura d impresa - occorre ritornare a dare più qualità al made in Italy ma intanto dal settembre 2008 fino al dicembre 2010 la sola industria manifatturiera ha perso imprese Nel frattempo, sta avanzando la terziarizzazione del Paese. Su circa 5.5 milioni di imprese, circa 3 milioni (con il 67.7% dell occupazione totale) sono imprese del terziario (73% del valore aggiunto totale). Ma cosa è diventato il terziario? Possiamo considerare almeno 5 comparti: Commercio, Trasporti e Logistica, Turismo, Servizi alle Imprese e Intermediazione finanziaria e Servizi alla persona. 10

13 Parte prima - Aggiornamento dati del Primo Rapporto del COMMERCIO E un comparto a due facce: il piccolo dettaglio è in forte contrazione (solo nel 2009 sono state le cessazioni), mentre si espande la GDO e si moltiplicano le nuove soluzioni (outlet, centri commerciali, grandi superfici). Nel complesso è un comparto stagnante. 2 - TRASPORTI e LOGISTICA E caratterizzata da una diminuzione nel numero (-6.5%) e da un mantenimento degli occupati (+1%), ma è in grande ristrutturazione con aumento delle aziende più importanti oppure delle aziende capaci di offrire servizi aggiunti specializzati. 3 - TURISMO E un comparto in crescita (+12% nel numero e +10.2% negli occupati). Grazie ad un sostenuto ricambio generazionale le imprese del turismo stanno fornendo valide prove di capacità innovative, soprattutto essendo state capaci di individuare in internet un importante alleato. 4 - SERVIZI ALLE IMPRESE E INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il comparto è in rapida crescita (+17% nel numero e +7.8% negli occupati, soprattutto sul terreno dell innovazione e della riformulazione dei servizi. 5 - SERVIZI ALLA PERSONA E un comparto destinato a crescere in modo ancora più importante (ora è al +8.7% nel numero e al +18.4% negli occupati) a causa dell invecchiamento della popolazione. Nel frattempo, molte sono le cose che stanno succedendo nel mercato, anche sotto i nostri occhi, ma una sorta di cattiva co-azione a ripetere, basata sulla convinzione dell inamovibilità dei modelli acquisiti nel passato, ci impedisce di vedere. Diciamo impresa e continuiamo ad intendere fabbrica. Diciamo servizi e continuiamo ad intendere trasporti. Diciamo commercio e continuiamo ad intendere il nostro commercio. Così facciamo fatica a capire i cambiamenti e non riusciamo più a dare risposte convincenti. L Italia e gli italiani stanno cambiando, sono cambiati (lo avevamo già visto nel nostro Primo Rapporto del 2009), ma continua a mancarci il tempo della riflessione. Il ça parle della realtà è spesso inascoltato e si continuano a dire le solite cose, a piangere le solite lamentele e a fornire le solite ricette. Ma la realtà è profondamente cambiata e, come abbiamo visto, è percorsa dal virus dell insicurezza. E da qui che dovremo partire. 11

14 Secondo rapporto ART - Cambiamenti, scenari e tendenze 1.1 Il settore di fronte alla crisi Prima di entrare nel merito del comportamento del settore di fronte alla crisi, è opportuno domandarci: di quale settore stiamo parlando e come è attualmente configurabile perché abbiamo l impressione che i cambiamenti intervenuti siano stati così profondi da restituirci un immagine completamente differente da quella che ancora ci accompagna. Le caratteristiche più salienti del settore non sono più riscontrabili in una visione VERTICALE (come è stato per lungo tempo nel passato) bensì in una visione TRASVERSALE. La verticalità rappresenta un retaggio di quando il mercato (anni 50) era orientato dalla produzione e ne influenzava tutta la filiera. Ogni produttore era, per definizione e per competenza, uno specializzato e la produzione era suddivisa merceologicamente in modo rigido. I grandi raggruppamenti produttivi erano semplicemente dovuti alle merceologie trattate: vetro, ceramica, metallo, legno E ogni produttore forniva gamme omogenee di prodotto. La distribuzione era dunque fatta ad immagine e somiglianza della produzione ed era organizzata attraverso, prevalentemente (se non esclusivamente) la figura del grossista, che aveva il compito di servire, a valle, il dettaglio. Il mercato, da un punto di vista dell evoluzione e della ricerca, era molto accorciato: se un prodotto superava l esame grossista, allora aveva la certezza di arrivare fino al consumatore finale. Del resto, l Italia e gli italiani non avevano altre pretese che quelle del tornare a vivere, dopo la sanguinosa guerra, e si trovavano nella situazione di avere bisogno di tutto. L importante quindi era produrre beni utili a prezzi compatibili. Il settore in quegli anni è quindi molto semplice da identificare e da posizionare: si trattava del settore ARTICOLI CASALINGHI, punto. Ed era composto da pentole, posate, piatti e bicchieri e poco altro. Rispetto alla complessità del settore di oggi, sembra che stiamo parlando di cose riguardanti un lontano passato. Poi vennero gli anni del boom economico, definiti miracolo italiano, e gli orientamenti del settore cambiarono rapidamente. L orientamento del mercato alla produzione lasciò il posto all orientamento alle vendite. L industrializzazione comportò la serialità diffusa che, a sua volta, produsse l industrial design. Si incominciò a parlare di marketing e l orientamento del mercato cambiò ancora e divenne appunto: orientamento al marketing Si diffuse il made in Italy in tutto il mondo e molti oggetti del nostro settore finirono addirittura nei musei. 12

15 Parte prima - Aggiornamento dati del Primo Rapporto del 2009 Già negli anni novanta la definizione del settore era diventata più complessa e problematica settore ARTICOLI CASALINGHI, TAVOLA e REGALO ed era composto da una infinità di tipologie perché nel frattempo le imprese produttrici si erano sofisticate, la distribuzione aveva visto l entrata in scena di nuovi attori di stampo americano (che fino a quel momento avevamo visto solo al cinema), e si era incominciato a parlare di consumismo, di consumatore finale e di consumerismo. A cavallo tra la fine del novecento e i primi anni del nuovo secolo, il settore subiva un altra scossa di grandissima entità dovuta al fenomeno della GLOBALIZZAZIONE e che doveva sparigliare le carte in un modo che ancora oggi non appare ricomposto. Gli elementi più importanti di questo spariglio sono stati senza ombra di dubbio: l aumento dei produttori impropri (ad esempio, tutti quegli ex grossisti ed ex distributori che sono diventati editori ) la caduta della validità della marca, come sinonimo di marca di produzione, a favore della marca percepita come tale la ridondanza distributiva, che ha portato ad un incremento delle formule nuove senza ridurre quelle già esistenti, fornendo al consumatore una più ampia scelta la caduta, consequenziale, della fedeltà alla marca da parte del consumatore l allargamento della gamma dei prodotti sia in senso merceologico, sia in senso estetico-funzionale Per un certo tempo è sembrato a molti di essere entrati nel paese di cuccagna: all estero (soprattutto in Asia) si acquistava a un decimo rispetto ai costi nostrani e i margini aumentavano senza troppo fatica. E la distribuzione? Figura 1 La distribuzione allargata 13

16 Secondo rapporto ART - Cambiamenti, scenari e tendenze La distribuzione si è enormemente allargata fino a diventare il vero ago della bilancia e mettendo a dura prova le capacità dei manager addetti alle vendite del settore. I bei tempi del canale lungo o corto, che presentava in sostanza due sole opzioni, erano finiti. Ora si trattava di fare i conti con una realtà molto articolata e complessa, al punto che la stessa scelta produttiva diventava secondaria rispetto alla scelta distributiva. Nel tentativo di assecondare questo cambiamento, le imprese hanno reagito moltiplicando marche di linea, di prodotto e addirittura di canale. Lo stesso hanno fatto i distributori-editori. Anche l orientamento al marketing sembrò non bastare e si parlò di orientamento alla comunicazione, per alludere ad un sistema di scelte che doveva avere lo scopo di raggiungere il consumatore finale, ma nello stesso tempo doveva convincere la distribuzione amica. Giusto? Sbagliato? Non c è stato tempo per scoprirlo perché nel frattempo eravamo entrati nella più grave crisi economica che il mondo abbia mai conosciuto. Il nostro settore, che ancora era alla ricerca di una sua definizione e di un suo posizionamento, non ha retto allo stress e si è arreso all attendismo. Ciò che sorprende, scriveva Giampaolo Fabris nel suo libro La società della postcrescita, è constatare quanto sia diffusa nel mondo delle imprese l erronea convinzione, o l ingenua speranza, che allorchè riusciremo a venir fuori dal perdurante stallo di una congiuntura economica tanto avversa, troveremo ad attenderci un individuo non dissimile da quando vi è entrato. Per cui occorre stringere i denti, attendere che passi la nottata per poi riprendere percorsi ben noti: insomma business as usual. Per dirla con un vecchio proverbio siciliano chinati junco ca passi la china (chinati giunco che passa la piena). Figura 2 La composizione merceologica percepita Il punto fermo è ancora la distribuzione, vera spada di Damocle del settore, ma non si riesce più a comprendere cosa rappresenti. Il negozio al dettaglio di ieri, ad esempio, si faceva notare perché presentava le merceologie base del nostro settore. 14

17 Parte prima - Aggiornamento dati del Primo Rapporto del 2009 Le presentava in proporzioni oscillanti e tale oscillazione era dovuta all offerta di nuovi prodotti, ma anche ad alcuni appuntamenti, che apparivano imperdibili, con la società (su tutti, i matrimoni che generavano le liste di nozze). La bravura delle singole marche era quindi di ottenere un segmento maggiore all interno del proprio spazio merceologico. Nel tentativo di occupare più spazio possibile, le imprese dirette e indirette, hanno quindi allargato la loro offerta anche a merceologie diverse da quelle con le quali si erano presentate fino al giorno prima. I cataloghi si sono allargati e le imprese di produzione sono diventate imprese miste (di produzione e di commercializzazione). Ma anche questa scelta sembra destinata a non centrare più i suoi obiettivi. Oggi, in un negozio al dettaglio del settore, continuano ad essere presenti le merceologie-base, ma se ne è aggiunta un altra: indistinta e provocatoria Il segmento delle merceologie diverse (d) è indistinto perché non segue una regola precisa e si assiste ad una sorta di fai da te molto creativa, ma anche molto imbarazzante. Nel segmento (d) c è di tutto: dall elettronica di consumo al pet, dall outdoor al complemento d arredo, dal food al fashion. E provocatorio perché impone di analizzare il mercato in un modo diverso e non si capisce nemmeno bene da parte di chi. Se consideriamo infine che i volumi di fatturato di questo negozio tipo non sono aumentati, allora ne consegue che lo spazio (d) ha portato via porzioni di segmento agli altri spazi (a), (b) e (c). // La frase il nostro settore, come si vede, non sembra più avere un significato univoco (come l aveva qualche anno fà). E la crisi economico finanziaria di questi ultimi anni non è la causa di questa situazione. La crisi sta semplicemente accelerando cambiamenti strutturali pre-esistenti, tutte le considerazioni fatte in questo paragrafo lo dimostrano. Siamo alla vigilia di un nuovo mondo: che fine ha fatto il nostro settore? E ancora il nostro oppure è di altri? E se è anche di altri, chi sono questi nuovi attori? Prima di dare risposta a queste basilari, quanto provocatorie domande, dobbiamo indagare altre questioni, su tutte quella relativa ai consumi. 15

18 Secondo rapporto ART - Cambiamenti, scenari e tendenze 1.2 Il sistema dei consumi Tabella 1 La spesa per le sei grandi funzioni di consumo Fonte: elaborazioni e previsioni Ufficio Studi Confcommercio su dati ISTAT I consumi del nostro settore sono inseriti nella più importante voce di spesa degli italiani, quella dell ABITAZIONE (che rappresenta in valore assoluto il 29.3% del totale, con una spesa pro capite di euro nel 2010 e per famiglia di euro). La crescita dal 1992 al 2007 è stata molto importante (+105.8%), ma dal 2007 al 2010 ha subito una forte battuta d arresto e le previsioni al 2012 sono ancora per una crescita molto prudente (che non riuscirà a recuperare il terreno perduto) Tabella 2 La spesa per l abitazione 16

19 Parte prima - Aggiornamento dati del Primo Rapporto del 2009 Il settore che stiamo indagando rappresenta una quota molto piccola dei consumi ABITAZIONE e dal 1992 al 2007 è cresciuto del 65.7% (contro il 105.8% di tutto il comparto), ma è calato del -10.2% negli ultimi tre anni (contro un calo del -7.3% nel settore dei mobili e una crescita del +6.6% dell intero comparto). Ogni famiglia italiana spendeva: nel nostro settore in mobili in tessuti per la casa in piccoli elettrodomestici nel nel nel e si prevede che spenderà: nel nel Per avere un riferimento più generale, negli stessi periodi, abbiamo considerato anche altre voci di spesa: nel nostro settore in calzature in vacanze e viaggi in telecomunicazione in tabacco nel nel e si prevede che ogni famiglia spenderà: nel nel // La fotografia che emerge rappresenta semplicemente un dato statistico, necessario ma non sufficiente. E necessario perché ci permette di posizionare numericamente il settore rispetto ai suoi vicini di casa. E insufficiente perché rappresenta una media statistica e poco ci dice sull attore della spesa. Ciò che possiamo subito rilevare è che il settore (per lo meno quella parte del settore rappresentato dall aggregato statistico) è: piccolo in fase di lentissima ripresa, dopo un calo negli anni passati, ma non riuscirà, secondo le previsioni, a ritornare sui livelli precedenti la crisi se non dopo il 2014 In quanto al consumatore, per tentare di fornirne un profilo attendibile proverò a chiedere un aiuto all arte. 17

20 Secondo rapporto ART - Cambiamenti, scenari e tendenze Nel 1929, proprio quando sul mondo si stava abbattendo la più grave crisi economica del 900, Renée Magritte eseguiva questo quadro (che ora si può ammirare al Los Angeles County Museum). Magritte dipingeva magistralmente una pipa e completava il quadro scrivendo che non lo era, dando inizio in questo modo a quella corrente artistica che è stata definita surrealismo. L arte invita a guardare il mondo reale (la crisi del 29) da altri punti di vista. Quando le scienze razionali sembrano soccombere, ecco che l arte individua nuove vie d uscita. Perché ho pensato a Magritte? Semplicemente per fare intendere che quando tutto sembra confuso e annebbiato, ricordiamoci di quanto detto a proposito del virus della insicurezza, allora è necessario un salto di qualità. E, parafrasando Magritte, anche noi di fronte alle tabelle dei consumi dovremmo forse aggiungere la frase questi non sono i consumi. A maggior ragione, dovremmo applicare lo stesso criterio, se intendiamo parlare del consumatore: questo non è il consumatore. Ma se il consumatore non è quello che crediamo di conoscere attraverso le statistiche, dove dovremo andarlo a cercare? 18

21 Parte prima - Aggiornamento dati del Primo Rapporto del 2009 Figura 3 Il paradosso del benessere Il virus dell insicurezza sta costringendo gli italiani a comprimere i consumi, ma li sta anche rendendo più consapevoli. Gli italiani stanno comprendendo che consumi e benessere non corrono più per linee parallele come è accaduto fino a qualche anno fà. A partire da un certo punto in poi (il punto K in figura), ci si accorge che il benessere non dipende più dal reddito consumato, avviene una presa d atto tale per cui si capisce che il proprio benessere personale non è più in funzione stretta né con il reddito guadagnato, né con i consumi fatti. Tutti i paesi occidentali avanzati e ricchi sono inseriti nel quadrante (2), caratterizzato dal paradosso, mentre tutti gli altri paesi (detti ancora emergenti) sono inseriti nel quadrante (1), caratterizzato dalla perfetta sovrapposizione tra reddito/consumo e benessere. Naturalmente chi si trova al punto (A) farà fatica a comprendere chi si trova al punto (B). La consapevolezza che sta portando il consumatore verso l obiettivo di un benessere individuale è sostenuta da quella che può essere definita sindrome dell eccesso. Figura 4 La sindrome dell eccesso 19

22 Secondo rapporto ART - Cambiamenti, scenari e tendenze Tutti ne siamo vittima e tutti potremmo confermare le frasi riportate in figura. Ed è per questo che il consumatore consapevole italiano sta guardando con molta più attenzione al benessere che allo status. Vanno in questa direzione alcune scelte che rappresentano ormai molto più che una tendenza, come ad esempio: l alimentazione bio le scelte ambientali gli acquisti a chilometro zero l esperienza dei gruppi d acquisto familiari dal produttore la medicina senza medicine le cure termali la frequentazione di SPA, di palestre e di centri benessere la cosmesi maschile gli orti in città Ed è ancora per questo che gli italiani stanno dimostrando obiettivi di vita molto più articolati e salutari. Figura 5 Gli obiettivi degli italiani Il nuovo consumatore è un enigma? Se lo è proviamo a risolverlo, e per farlo ancora una volta diamo la parola a Giampaolo Fabris (La società della post-crescita Egea, 2010) che così scrive: la supponente semplicità, l anacronistica unidimensionalità delle categorie tradizionalmente impiegate per spiegare il consumo, contrasta vistosamente con la sua oggettiva complessità e multidimensionalità. E nelle pagine successive ci offre almeno quattro nuove modalità per capire meglio il consumatore, che in questo modo diventa: 20

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli

La fiducia. alle scelte di risparmio. Educare i giovani alla finanza e. consapevoli dicembre 2010 Percorso formativo sperimentale di educazione economico-finanziaria Educare i giovani alla finanza e alle scelte di risparmio consapevoli La fiducia 2 La fiducia Durata: 1 ora. Obiettivo

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B1

Università per Stranieri di Siena Livello B1 Unità 4 Fare la spesa al mercato In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni e consigli su come fare la spesa al mercato e risparmiare parole relative agli acquisti e ai consumi gli

Dettagli

Ecommerce. di Gianluca Diegoli. 1. Alcune leggende da sfatare

Ecommerce. di Gianluca Diegoli. 1. Alcune leggende da sfatare 7 Ecommerce di Gianluca Diegoli 1. Alcune leggende da sfatare Si pensa spesso, da parte di un imprenditore, all ecommerce come a una panacea per un fatturato stagnante, o peggio come un arma magica che

Dettagli

IL BUDGET 06 IL BUDGET DELLE VENDITE: REDDITIVITÁ - VOLUMI - FABBISOGNI & SIMULAZIONI

IL BUDGET 06 IL BUDGET DELLE VENDITE: REDDITIVITÁ - VOLUMI - FABBISOGNI & SIMULAZIONI IL BUDGET 06 IL BUDGET DELLE VENDITE: REDDITIVITÁ - VOLUMI - FABBISOGNI & SIMULAZIONI Eccoci alla puntata finale del percorso di costruzione di un budget annuale: i visitatori del nostro sito www.controllogestionestrategico.it

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 2 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web LE BASI INDEX 3 7 13 16 Come creare e gestire con semplicità un sito web Le fasi da seguire per costruire

Dettagli

LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA

LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA ADEM LAB- UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA Silvia Bellini Università degli Studi di

Dettagli

[NRG] Power Sponsoring Video#1 Trascrizione del video:

[NRG] Power Sponsoring Video#1 Trascrizione del video: [NRG] Power Sponsoring Video#1 Trascrizione del video: "Come venire invitato: Perché i contatti dal mercato freddo sono morti, e che cosa fare ora... " Ciao il mio nome è Alessandro Zani e io sono il creatore

Dettagli

Mi Piace! LE NUOVE FRONTIERE DEL MARKETING

Mi Piace! LE NUOVE FRONTIERE DEL MARKETING Mi Piace! Tutti i segreti del web marketing che le aziende devono conoscere per non perdere terreno nel complesso mondo di internet 2.0 Dario Dossena Che cosa c è dietro un mi piace? Qualsiasi cosa sia,

Dettagli

Pirateria: scenario 2011

Pirateria: scenario 2011 Pirateria: scenario 2011 Presentazione della ricerca Ipsos sulla pirateria audiovisiva Casa del Cinema - Roma 19 gennaio 2011 1. Obiettivi e Metodologia 2. Descrizione generale del fenomeno: incidenza

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Reporter di informazione COME FARTI CONTATTARE...

Reporter di informazione COME FARTI CONTATTARE... Reporter di informazione COME FARTI CONTATTARE... Questo e' il primo reporter che rivelo per un perido di tempo limitato: ''Gratuitamente'' a seguire nelle pagine del sito troverai gli altri 6. @ Se tu

Dettagli

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi.

Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. "Successo senza paura nel lavoro e nella vita" di Geshe Michael Roach Da questo articolo, consultabile per intero ( clicca qui ), ho tradotto alcuni punti che ritengo illuminanti per ognuno di noi. Note

Dettagli

MACEF THE ITALIAN EXPERIENCE. 9-12 settembre 2010. www.macef.it www.mymacef.it. International Home Show

MACEF THE ITALIAN EXPERIENCE. 9-12 settembre 2010. www.macef.it www.mymacef.it. International Home Show THE ITALIAN EXPERIENCE www.macef.it www.mymacef.it 9-12 settembre 2010 International Home Show Macef, Salone Internazionale della Casa THE ITALIAN EXPERIENCE Macef, Salone Internazionale della Casa, da

Dettagli

GUIDA PER DIVENTARE IMPRENDITORE NEL NETWORK MARKETING PERCHE IL NETWORK MARKETING E LA SCELTA MIGLIORE PER DIVENTARE IMPRENDITORI

GUIDA PER DIVENTARE IMPRENDITORE NEL NETWORK MARKETING PERCHE IL NETWORK MARKETING E LA SCELTA MIGLIORE PER DIVENTARE IMPRENDITORI GUIDA PER DIVENTARE IMPRENDITORE NEL NETWORK MARKETING PERCHE IL NETWORK MARKETING E LA SCELTA MIGLIORE PER DIVENTARE IMPRENDITORI http://www.creatoridibusiness.net Ciao e grazie per aver scaricato questo

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Il Broker Il blog per l Intermediario Assicurativo RISULTATI DELLA RICERCA: Sei un intermediario 2.0?

Il Broker Il blog per l Intermediario Assicurativo RISULTATI DELLA RICERCA: Sei un intermediario 2.0? Il Broker Il blog per l Intermediario Assicurativo RISULTATI DELLA RICERCA: Sei un intermediario 2.0? A) CONSIDERAZIONI PRELIMINARI: LA RICERCA E IL TARGET 1. Il campione analizzato La ricerca, svolta

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

Che l economia internazionale stia attraversando un

Che l economia internazionale stia attraversando un 8 Il Marketing aziendale in momenti di recessione di Andrea Dari In una fase di recessione economica le aziende ben consolidate dovrebbero astenersi dal tagliare i budget per il marketing Che l economia

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE

DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE DIETA ZONA, SUBITO IN FORMA E PER SEMPRE di Daniela Morandi Prefazione di Barry Sears. Con la partecipazione di Claudio Belotti Copyright 2012 Good Mood ISBN 978-88-6277-409-3 Prefazione del dottor Barry

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001. Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni

SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001. Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni SHY-SR Ultimo Mese VERSIONE 25 LUGLIO, 2001 Studio Iniziali/codice pz Data Medico _ / _/ / Istruzioni Le domande che seguono si riferiscono a situazioni che possono essersi verificate nel corso dell ultimo

Dettagli

Salute e gusto in tavola

Salute e gusto in tavola Salute e gusto in tavola La rete delle istituzioni bolognesi per l educazione, la sicurezza alimentare e la tutela dei consumatori 3 DICEMBRE 2008 Educazione alimentare: le campagne nazionali di comunicazione

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

16 DICEMBRE 2008. Sinergie per una corretta alimentazione

16 DICEMBRE 2008. Sinergie per una corretta alimentazione 16 DICEMBRE 2008 Sinergie per una corretta alimentazione Le competenze del Mipaaf Il Mipaaf ha tra le sue competenze la promozione e lo sviluppo delle politiche alimentari nazionali. In particolare il

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 CRISI ECONOMICA + CRISI DEI MEDIA CARTACEI I dati sulla stampa quotidiana e periodica e sulle imprese editrici di giornali fotografano con nitidezza il quadro di un settore

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA Credo che sia molto importante parlare di formazione degli insegnanti in generale ed in particolare credo che sia importante fare un confronto tra la nostra situazione

Dettagli

Vivere col rischio. Marco Lombardi. LA DIFFUSA INSICUREZZA ONTOLOGICA. Ci troviamo collocati, infatti,

Vivere col rischio. Marco Lombardi. LA DIFFUSA INSICUREZZA ONTOLOGICA. Ci troviamo collocati, infatti, Marco Lombardi Vivere col rischio La sfiducia nella razionalità e nel progresso, tipica della postmodernità, ha portato all affermazione del concetto di rischio e ci ha convinto a sviluppare scale di misurazione

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Professionalità, metodo ed esperienza sono alla base della loro preparazione specifica.

Professionalità, metodo ed esperienza sono alla base della loro preparazione specifica. Premessa Giuseppe Nappi e Vittorio del Re sono tra i massimi esponenti Italiani nel panorama della consulenza alle reti sia dirette che Franchising. Negli ultimi dieci anni hanno sviluppato molte catene

Dettagli

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO Centro Studi OSSERVATORIO FILLEA GRANDI IMPRESE E LAVORO le prime 300 aziende del legno in Italia 7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO a cura di Alessandra Graziani ROMA, luglio

Dettagli

SOCIAL MEDIA E TECNOLOGIA

SOCIAL MEDIA E TECNOLOGIA KELLY GLOBAL WORKFORCE INDEX 120,000 people SOCIAL MEDIA E TECNOLOGIA release: NOV 2013 31 countries IL RECRUITMENT SI FA SOCIAL L avvento dei social media nel mondo del recruitment ha cambiato il modo

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "http:// luigisettembrini.gov.it/wp-content/uploads/ 2014/02/iloquotidiano.it"Ilquotidianoinclasse.it

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

Meglio i farmaci o i prodotti naturali?

Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Meglio i farmaci o i prodotti naturali? Sondaggio Ecoseven / 4 RS 03.11 Giugno 2011 NOTA INFORMATIVA Universo di riferimento Popolazione italiana, maschi e femmine, 18-60 anni, utenti domestici di internet

Dettagli

Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani. Incontro sindacale per il. Roma, 18 gennaio 2010

Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani. Incontro sindacale per il. Roma, 18 gennaio 2010 Relazione del Presidente Ing. Bruno Tani Incontro sindacale per il rinnovo del CCNL Gas Acqua Roma, 18 gennaio 2010 Pagina 1 di 11 Buongiorno a tutti, siamo qui per dare l avvio alla trattativa per il

Dettagli

Investire nei social. con ritorno

Investire nei social. con ritorno con ritorno Per le aziende che operano nel turismo la vera opportunità è creare un esperienza sociale che consenta agli web users di sentirsi parte di una community. Così aumentano brand awareness e fatturato.

Dettagli

L industria della comunicazione in Italia Andamento dei mercati e raffronti con l estero. IEM-Fondazione Rosselli

L industria della comunicazione in Italia Andamento dei mercati e raffronti con l estero. IEM-Fondazione Rosselli L industria della comunicazione in Italia Andamento dei mercati e raffronti con l estero IEM-Fondazione Rosselli La mission Quinto Summit sull Industria della Comunicazione IL DECIMO RAPPORTO IEM Riunire

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Agenzie di PR & Monitoraggio media

Agenzie di PR & Monitoraggio media LIBRO BIANCO Agenzie di PR & Monitoraggio media Un sondaggio di Press Index realizzato in,, e Gran Bretagna con 116 agenzie di PR stampa internet televisione radio sociale Prefazione Durante lo scorso

Dettagli

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico Riprendiamo sul nostro sito il testo pubblicato il 4 novembre 2015 dal sito www.aleteia.org Restiamo a disposizione per l immediata rimozione se la presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

ABSTRACT. V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione "L impegno sociale delle aziende in Italia"- 2012

ABSTRACT. V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione L impegno sociale delle aziende in Italia- 2012 ABSTRACT V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione "L impegno sociale delle aziende in Italia"- 2012 INDICE Con il contributo di Dompé Farmaceutici, Novartis e Pfizer

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Cultura e Tempo Libero

Cultura e Tempo Libero Cultura e Tempo Libero Corso in Statistica Sociale Anno Accademico 2012-13 Anna Freni Sterrantino Sommario Definizione e introduzione Le indagini multiscopo Spesa in attività culturali Confronti con i

Dettagli

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI

PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI COMUNICATO STAMPA PRESENTATA OGGI A TORINO DA INTESA SANPAOLO E DAL CENTRO EINAUDI L INDAGINE SUL RISPARMIO E SULLE SCELTE FINANZIARIE DEGLI ITALIANI 2014 Cresce la propensione al risparmio. Le famiglie

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook GIUGNO 2012 Nielsen Economic and Media Outlook NIELSEN ECONOMIC AND MEDIA OUTLOOK BROCHURE Maggio 2012 GIUGNO 2012 Scenario macro economico Tendenze nel mondo media Andamento dell advertising in Italia

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere.

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. L idea Il Consorzio Il Made in Italy, conosciuto ovunque nel mondo, ha nei PRODOTTI AGROALIMENTARI una delle

Dettagli

Vivere il Sogno. Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito

Vivere il Sogno. Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito Vivere il Sogno Vivere è bello, vivere bene è meglio!!! Diventa fan su Facebook: Tutte le novità da subito VIVERE IL SOGNO!!! 4 semplici passi per la TUA indipendenza finanziaria (Vision Personal Marketing)

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

MEDIAKIT. Suoni GPS GPS. Comunicazione. Multimediale. Comunicazione. Facebook. Facebook. YouTube. YouTube. Show. Slide. Twitter. Slide Show.

MEDIAKIT. Suoni GPS GPS. Comunicazione. Multimediale. Comunicazione. Facebook. Facebook. YouTube. YouTube. Show. Slide. Twitter. Slide Show. Comunicazione Video Testi Slide Show Twitter Brochure Linkedin Slide Portale Immagini Editoria Newsletter Show Web Portale Editoria Editoria Flickr Digitale Device Mappe Cataloghi GPS Facebook Magazine

Dettagli

COME PARLARE DI CULTURA ONLINE

COME PARLARE DI CULTURA ONLINE Registro 6 COME PARLARE DI CULTURA ONLINE Consigli per gestire contenuti e pubblico creando un magazine di successo TIPS&TRICKS DI SIMONE SBARBATI INDEX 3 5 8 13 15 Introduzione Senza nome resta (sempre)

Dettagli

L azienda NOVA, nasce nel 2005 per rispondere alla volontà di distribuire la qualità di prodotti made in Italy in tutte le case

L azienda NOVA, nasce nel 2005 per rispondere alla volontà di distribuire la qualità di prodotti made in Italy in tutte le case L azienda NOVA, nasce nel 2005 per rispondere alla volontà di distribuire la qualità di prodotti made in Italy in tutte le case visto il sempre crescente andamento delle vendite del commercio on line e

Dettagli

Radiografia del Turista Rurale 2009. Milano Novembre 2009

Radiografia del Turista Rurale 2009. Milano Novembre 2009 Radiografia del Turista Rurale 2009 Milano Novembre 2009 Indice 1. Scheda tecnica Pag. 3 1. Turisti rurali Pag. 5 Il profilo del turista rurale Pag. 6 Il consumo di turismo rurale Pag. 7 La percezione

Dettagli

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET L OSSERVATORIO 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET POPOLO DI NAVIGATORI MA NON SU INTERNET 30 Dicembre 2013 Nella fascia di popolazione tra i 54 e i 59 anni, la

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook 1 Alla ricerca di se stessi Federica Cortina 2 Titolo Alla ricerca di se stessi Autore Federica Cortina Editore PNL e Coaching edizioni Sito internet www.pnlecoaching.it ATTENZIONE: Tutti i diritti sono

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Nielsen Economic and Media Outlook

Nielsen Economic and Media Outlook Nielsen Economic and Media Outlook Giugno 2011 I CONTENUTI DI QUESTA EDIZIONE Scenario macroeconomico Tendenze nel mondo dei media Andamento dell advertising in Italia e nel mondo I contenuti di questa

Dettagli

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO INTRODUZIONE Con l invenzione della stampa e il suo progressivo miglioramento la cultura e il sapere hanno potuto circolare più facilmente. Ma la storia,

Dettagli

Web e pulizia della casa: cosa cercano i consumatori e come ne parla la rete

Web e pulizia della casa: cosa cercano i consumatori e come ne parla la rete Web e pulizia della casa: cosa cercano i consumatori e come ne parla la rete ANALISI QUANTITATIVA FONTI Contenuti totali presi in esame: 4.908 Periodo: dal 15 Gennaio 2013 al 15 Marzo 2013 RIPARTIZIONE

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002 HW Health World Ocse health data 2002 di Mario Coi e Federico Spandonaro Ceis Sanità, Facoltà di Economia, Università degli Studi di Roma Tor Vergata La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei

Dettagli

Osservatorio Non Food XII Ediz. Anno 2014 (dati anno solare 2013)

Osservatorio Non Food XII Ediz. Anno 2014 (dati anno solare 2013) Osservatorio Non Food XII Ediz. Anno (dati anno solare ) Abstract A cura di Marco Cuppini, Research and Communication Director In collaborazione con TRADELAB Prefazione Il presente Rapporto sulla distribuzione

Dettagli

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Perché un Osservatorio sul turismo scolastico? L Osservatorio Touring sul turismo scolastico

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) LA PRINCIPALE E PIÙ OCCULTATA CAUSA DELL AUMENTO DELLE DISEGUAGLIANZE

Dettagli

BENVENUTI IN GOLDBEX LEGGI BENE LE INFORMAZIONI SEGUENTI

BENVENUTI IN GOLDBEX LEGGI BENE LE INFORMAZIONI SEGUENTI BENVENUTI IN GOLDBEX GOLDBEX offre una magnifica OPPORTUNITA DI BUSINESS NEL SETTORE DELL ORO DA INVESTIMENTO a qualsiasi persona che voglia ottenere grosse somme di denaro sviluppando un attività internazionale

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

I PUNTI DELL AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO

I PUNTI DELL AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO I PUNTI DELL AGENTE IMMOBILIARE DI SUCCESSO DI STEFANO TRONCA WWW.STEFANOTRONCA.COM QUESTO E-BOOK È UNA CREAZIONE DI STEFANO TRONCA. TUTTI I DIRITTI RISERVATI Ciao sono Stefano! La mia vita di blogger

Dettagli

I Social Media e I Nostri Principi Guida

I Social Media e I Nostri Principi Guida I Social Media e I Nostri Principi Guida Materiale di servizio lettura non indicata per le riunioni di recupero I Social Media e I Nostri Principi Guida Negli ultimi anni la diffusione di social media

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005

Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition. Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Education at a Glance: OECD Indicators - 2005 Edition Summary in Italian Uno sguardo all educazione: Indicatori OCSE Edizione 2005 Riassunto in italiano L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

Cenni di Marketing Strategico

Cenni di Marketing Strategico Università degli Studi di Milano Bicocca Dipartimento di Sociologia Corso di Laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale laboratorio on-line NETTUNO A.A. 2012-2013 IL MARKETING DELLE RISORSE TURISTICHE:

Dettagli

Scuola e società: le politiche educative

Scuola e società: le politiche educative 1 Scuola e società: le politiche educative La chiesa per la scuola Laboratorio nazionale CEI Elisa Manna Responsabile Politiche Culturali Fondazione CENSIS 2 La scuola è l istituzione sociale fondamentale

Dettagli

MARCO FORCONI IPHONE MONEY MAKER

MARCO FORCONI IPHONE MONEY MAKER MARCO FORCONI IPHONE MONEY MAKER Come Guadagnare con Apple iphone e le Applicazioni di AppStore 2 Titolo IPHONE MONEY MAKER Autore Marco Forconi Editore Bruno Editore Sito internet www.brunoeditore.it

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo

INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo INDICOD Istituto per le imprese di beni di consumo 1 IL RILANCIO DELLA DOMANDA Roberto Ravazzoni, CERMES Bocconi Scenari economici e prospettive per i consumi Assemblea Annuale Indicod Teatro Manzoni Milano,

Dettagli

La misurazione degli investimenti nel turismo

La misurazione degli investimenti nel turismo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE Novembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: ottobre 2013 Casi: 352 Periodo

Dettagli

Le fondamenta del successo

Le fondamenta del successo 13 October 2014 Le fondamenta del successo Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Le fondamenta del successo? Responsabilità al 100%! Le persone di successo si assumono il 100%

Dettagli

CARTO PLUS 2008 FEDERCARTOLAI. Le iniziative della. a favore del settore. La cartoleria nel 3 Millennio 28/02/2008 1

CARTO PLUS 2008 FEDERCARTOLAI. Le iniziative della. a favore del settore. La cartoleria nel 3 Millennio 28/02/2008 1 CARTO PLUS 2008 Le iniziative della FEDERCARTOLAI a favore del settore. La cartoleria nel 3 Millennio 28/02/2008 1 IQS Innovazione Qualità Servizi È l organismo operativo di Federcartolai delegato a :

Dettagli

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3

Indice. 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE II IL MERCATO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 La teoria del prezzo di mercato (domanda e offerta di un bene) -------------------------------- 3 1.1. Applicazioni della

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli