DISEGNO DI LEGGE SUL WHISTLEBLOWING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISEGNO DI LEGGE SUL WHISTLEBLOWING"

Transcript

1 DISEGNO DI LEGGE SUL WHISTLEBLOWING Audizione del Commissioni riunite Giustizia e Lavoro Camera dei Deputati PREMESSA Transparency International Italia è la sede italiana dell organizzazione non governativa, leader nel mondo per la lotta alla corruzione e la promozione di trasparenza, integrità, e responsabilità. Transparency International Italia ha cominciato ad occuparsi di whistleblowing nel 2009, quando il termine era ancora pressoché sconosciuto nel nostro Paese e utilizzato solamente in ambito accademico con riferimento ad alcune best practices presenti negli Stati Uniti e nel mondo anglosassone. La volontà di importare queste buone pratiche anche in Italia ha prodotto la costante attività di promozione delle stesse, da cui sono scaturite una serie di raccomandazioni e di suggerimenti, rivolti alle imprese e alle istituzioni ed autorità pubbliche, volte a far conoscere l efficacia di questo strumento, utile non solo a prevenire fenomeni di corruzione all interno di enti o organizzazioni, ma anche a coinvolgere i cittadini e la società civile nell attività di controllo e contrasto dell illegalità, responsabilizzandoli e richiedendo la loro partecipazione attiva per migliorare la società. L importanza del whistleblowing deriva infatti non tanto dall efficacia comunque innegabile che ha nella lotta alla corruzione e ad altri illeciti, quanto dall essere, per sua natura, strumento che richiede il coinvolgimento della società civile. Crediamo che il disegno di legge in oggetto - a maggior ragione se integrato con le proposte migliorative qui riportate consentirebbe all Italia di attestarsi sui migliori standard internazionali per ciò che concerne la tutela delle fonti di segnalazioni in grado di proteggere l interesse pubblico.

2 "Disposizioni per la protezione degli autori di segnalazioni di reati o illeciti nell'interesse pubblico (whistleblowing) (Vai a pagina 7 per una tabella comparativa tra LEGGE VIGENTE DISEGNO DI LEGGE BUSINAROLO PROPOSTA DI TRANSPARENCY INTERNATIONAL ITALIA) Art. 1. (Definizioni). 1. Ai fini della presente legge si applicano le seguenti definizioni: a) segnalazione: la segnalazione di reati o illeciti, avvenuti o presunti, effettuata nell'interesse pubblico a un ente o organismo che possa agire efficacemente al riguardo; b) segnalante (whistleblower): il lavoratore che effettua la segnalazione di cui alla lettera a). Art. 2. (Tipologia di segnalazioni). 1. La presente legge si applica alle segnalazioni di possibili reati o illeciti che possono provocare un danno all interesse pubblico e di cui il segnalante è venuto a conoscenza in occasione del rapporto di lavoro. Art. 3. (Segnalanti). 1. Le disposizioni previste nella legge si applicano a tutti i lavoratori, inclusi i dipendenti e gli ex dipendenti pubblici o privati, i collaboratori, i consulenti e i soggetti in formazione lavoro. Art. 4. (Destinatari della segnalazione). 1. Il segnalante può effettuare una segnalazione al destinatario specificamente individuato all interno dell ente o organizzazione in cui lavora: a) In ambito pubblico tale soggetto è rappresentato dal responsabile per la prevenzione della corruzione dell ente a cui la segnalazione si riferisce. Tra gli enti di diritto pubblico sono compresi enti di diritto privato controllati e partecipati, direttamente e indirettamente, da

3 pubbliche amministrazioni e gli enti pubblici economici nell applicazione della normativa in materia di prevenzione della corruzione e trasparenza di cui alla legge n.190/2012; b) In ambito privato la segnalazione deve essere fatta, ove presente, all organismo di vigilanza del modello organizzativo di cui al decreto legislativo 8 giugno 2001, n L ente può designare alla ricezione delle segnalazioni un altro organo interno o esterno. 2. Fuori dai casi di cui agli articoli 361 e 362 del codice penale, in ogni momento il segnalante può fare una segnalazione all Autorità Nazionale Anticorruzione, alla Corte dei Conti, all autorità giudiziaria e di polizia. 3. Il segnalante può effettuare la segnalazione di reati o illeciti all'autorità di regolamentazione del settore interessato, in una delle seguenti ipotesi: a) il destinatario di cui al comma 1 non è stato specificamente identificato dall ente; b) la segnalazione effettuata al destinatario di cui al comma 1 è stata oggetto di valutazione negativa senza motivato parere; c) il destinatario di cui al comma 1 non offre, a parere del segnalante, le adeguate garanzie di neutralità e indipendenza di giudizio. 4. Le segnalazioni di reati o illeciti effettuate al pubblico in generale, anche tramite i mezzi di comunicazione o di informazione, godono delle tutele di cui all articolo 6 della presente legge solo nel caso in cui esse siano state già effettuate ai sensi dei commi 1, 2 e 3 o siano state oggetto di valutazione negativa senza motivato parere. Art. 5. (Protezione del segnalante dalle ritorsioni) 1. Il segnalante è protetto e non può essere sanzionato, licenziato, demansionato, trasferito o sottoposto ad altre misura discriminatorie, dirette o indirette, aventi effetti sulle condizioni di lavoro per motivi collegati direttamente o indirettamente alla segnalazione. 2. Il segnalante è tutelato contro eventuali danni conseguenti alla segnalazione di reati o illeciti e, in particolare, ha diritto al risarcimento per gli eventuali danni morali, economici o di carriera subiti nonché al pagamento delle eventuali spese legali e, qualora licenziato, anche a essere riassunto. 3. Si presume la buona fede del segnalante e le disposizioni di cui ai commi 1 e 2 si applicano alle segnalazioni di possibili reati o illeciti anche nel caso in cui tali reati o illeciti risultino successivamente inesistenti. 4. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 non si applicano ai casi di responsabilità a titolo di calunnia o diffamazione, ovvero per lo stesso titolo ai sensi dell'articolo 2043 del codice civile allorquando siano accertate definitivamente in sede giudiziaria.

4 Art. 6. (Protezione dell'identità del segnalante e limitazioni al diritto di accesso). 1. In nessun caso il destinatario della segnalazione può rivelare l identità del segnalante senza il suo consenso. 2. Alla segnalazione di reati o illeciti non si applica il diritto di accesso previsto dagli articoli 22 e seguenti della legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni. 3. L esercizio del diritto d accesso da parte dell interessato ai sensi dell art. 7 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 può essere limitato per garantire la tutela dei diritti e delle libertà altrui. In nessuna circostanza può essere permesso alla persona menzionata nella segnalazione di avvalersi del suo diritto di accesso per ottenere informazioni sull'identità del segnalante, salvo sia provata la malafede di quest'ultimo con sentenza passata in giudicato. Art. 7. (Segnalazioni anonime). 1. Le segnalazioni possono essere effettuate anche in forma anonima. 2. I destinatari di segnalazioni anonime hanno l obbligo di trattarle solo nel caso in cui queste siano adeguatamente circostanziate e rese con dovizia di particolari. Art. 8. (Inversione dell'onere della prova). 1. È a carico del datore di lavoro dimostrare che ogni misura ritorsiva adottata ai danni del segnalante è motivata da ragioni estranee alla segnalazione stessa. Art. 9. (Divieto di clausole limitative). 1. In nessun caso il diritto di effettuare segnalazioni di reati o illeciti può essere limitato mediante clausole contrattuali. Tali clausole volte a limitare o condizionare il diritto sono nulle. Art. 10.

5 (Autorità Nazionale Anticorruzione). 1. L Autorità Nazionale Anticorruzione deve istituire più canali per la ricezione delle segnalazioni, tra cui almeno uno che permetta di veicolare le segnalazioni in modo anonimo. 2. L Autorità Nazionale Anticorruzione coordina e monitora l adempimento degli obblighi relativi alle procedure di segnalazione da parte dei responsabili per la prevenzione della corruzione. 3. L Autorità Nazionale Anticorruzione raccoglie dati e statistiche sulle segnalazioni ricevute da parte dei responsabili per la prevenzione della corruzione. Art.11. (Fondo per la tutela dei segnalanti). 1. E istituito presso il Dipartimento della funzione pubblica il Fondo di solidarietà per i segnalanti vittime di ritorsioni di cui all art Il Fondo è utilizzato per garantire la sicurezza e il benessere psicofisico dei segnalanti, coprire le spese legali, fornire misure in grado di sostenere economicamente i segnalanti che hanno subito un ingiusto licenziamento in attesa della sentenza di merito da parte del tribunale del lavoro competente. 3. Il Fondo è alimentato da un contributo determinato sulla base di una percentuale non inferiore al 10 e non superiore al 20 per cento calcolato sulle somme recuperate dall erario a seguito di condanna definitiva della Corte dei Conti per condotte illecite che cagionino danno erariale o all immagine della pubblica amministrazione. 4. Al Dipartimento della funzione pubblica spetta la valutazione delle condizioni di applicabilità di cui al comma 2 e l erogazione delle somme necessarie. 5. Con decreto del Ministro dell'interno, di concerto con il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica e con il Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato, sono emanate, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, le norme regolamentari necessarie per l'attuazione di quanto disposto dal comma 3. Art.12. (Sanzioni disciplinari). 1. Ogni procedimento disciplinare avviato nei confronti di un soggetto indicato in una segnalazione di reato o illeciti deve essere basato su elementi ulteriori rispetto alla segnalazione. 2. Fatte salve le azioni civili e penali consentite dalla legislazione vigente, in caso di violazioni delle disposizioni di cui alla presente legge, potranno essere applicate le previsioni sanzionatorie di cui al CCNL previsto dal settore di appartenenza.

6 ABROGAZIONI Art. 13. (Abrogazioni e modifiche). 1. L'articolo 54-bis del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, è abrogato. 2. L articolo 19, comma 5 lettera A, del decreto legislativo 24 giugno 2014, n. 90, è abrogato. 3. All articolo 52, comma 4, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, è eliminata la frase o quando la conoscenza sia indispensabile per la difesa del segnalato.

7 COMPARAZIONE LEGGE VIGENTE DISEGNO DI LEGGE BUSINAROLO PROPOSTA DI TRANSPARENCY INTERNATIONAL ITALIA LEGGE VIGENTE BUSINAROLO FRASCHINI-RODOLFI Commento Art. 1. Art. 1. (Definizioni). (Definizioni). 1. Ai fini della presente legge si applicano le seguenti definizioni: a) segnalazione di reati o irregolarità: la segnalazione di reati o irregolarità nell'interesse pubblico, avvenuti o presunti, all'ente pubblico o privato del quale è dipendente, che può agire efficacemente per rimuoverne le cause; b) autore: il lavoratore che effettua la segnalazione di cui alla lettera a) all'autorità di regolamentazione del settore interessato ovvero all'autorità di polizia o giudiziaria. Art. 2. (Tipologia segnalazioni). di 1. La presente legge si applica alle segnalazioni di ogni reato o irregolarità che può provocare un danno alla collettività e di cui l'autore è venuto a conoscenza in occasione del rapporto di lavoro. 1. Ai fini della presente legge si applicano le seguenti definizioni: a) segnalazione: la segnalazione di reati o illeciti, avvenuti o presunti, effettuata nell'interesse pubblico a un ente o organismo che possa agire efficacemente al riguardo; b) segnalante (whistleblower): il lavoratore che effettua la segnalazione di cui alla lettera a). Art. 2. (Tipologia di segnalazioni). 1. La presente legge si applica alle segnalazioni di possibili reati o illeciti che possono provocare un danno all interesse pubblico e di cui il segnalante è venuto a conoscenza in occasione del rapporto di lavoro. Crediamo che le definizioni debbano essere il più semplici possibile. Abbiamo eliminato la parola autore uniformando il testo con la parola segnalante. Art. 3. (Autori). 1. La presente legge si applica a coloro che sono a rischio di ritorsione da parte delle persone segnalate, inclusi i dipendenti e gli ex dipendenti pubblici o Art. 3. (Segnalanti). 1. Le disposizioni previste nella legge si applicano a tutti i lavoratori, inclusi i dipendenti e gli ex dipendenti pubblici o privati, i collaboratori, i consulenti e i soggetti in formazione lavoro. Reputiamo che la qualifica di segnalante debba prescindere dal rischio di ritorsioni che è un elemento troppo soggettivo.

8 privati, i consulenti, gli stagisti e i volontari. Art. 8. (Organi interni autonomi). 1. Fermo restando l'obbligo di procedere alla valutazione delle segnalazioni di reati o irregolarità a essi pervenuti, gli enti pubblici o privati possono dotarsi di organi interni autonomi incaricati di procedere alla valutazione. Art. 9. (Destinatari segnalazione). della 1. L'autore può effettuare la segnalazione di reati o irregolarità all'autorità di regolamentazione del settore interessato ovvero all'autorità di polizia o giudiziaria nelle seguenti ipotesi: a) la segnalazione effettuata all'ente pubblico o privato di cui è dipendente è stata oggetto di valutazione negativa senza motivato parere; b) l'ente pubblico o privato di cui è dipendente non offre, a parere dell'autore, le adeguate garanzie di neutralità. Art. 10. (Segnalazioni pubblico). al 1. Le segnalazioni di reati o irregolarità effettuate al pubblico in generale, anche tramite i mezzi di comunicazione o di Art. 4. (Destinatari segnalazione). della 1. Il segnalante può effettuare una segnalazione al destinatario specificamente individuato all interno dell ente o organizzazione in cui lavora: a) In ambito pubblico tale soggetto è rappresentato dal responsabile per la prevenzione della corruzione dell ente a cui la segnalazione si riferisce. Tra gli enti di diritto pubblico sono compresi enti di diritto privato controllati e partecipati, direttamente e indirettamente, da pubbliche amministrazioni e gli enti pubblici economici nell applicazione della normativa in materia di prevenzione della corruzione e trasparenza di cui alla legge n.190/2012; b) In ambito privato la segnalazione deve essere fatta, ove presente, all organismo di vigilanza del modello organizzativo di cui al decreto legislativo 8 giugno 2001, n L ente può designare alla ricezione delle segnalazioni un altro organo interno o esterno. Allargata la protezione ai dipendenti nel settore privato. Abbiamo identificato la necessità legislativa di individuare soggetti interni designati alla valutazione delle segnalazioni. In ambito pubblico tale funzione è peraltro già identificata nel responsabile per la prevenzione della corruzione. Abbiamo provato a condensare e razionalizzare l elenco dei destinatari delle segnalazioni, prevendo diversi livelli di tutela e diversi requisiti a seconda dei diversi destinatari.

9 Art. 54-bis. (D.Lgs. n.165/2001). (Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti). 1. Fuori dei casi di responsabilità a titolo di calunnia o diffamazione, ovvero per lo stesso informazione, sono permesse solo nel caso in cui esse siano state già effettuate ai sensi della presente legge o siano state oggetto di valutazione negativa senza motivato parere. Art. 14. (Tutela dell'autore). 1. L'autore è tutelato ai fini di eventuali danni conseguenti alla segnalazione di reati o irregolarità e, in particolare, ha diritto, 2. Fuori dai casi di cui agli articoli 361 e 362 del codice penale, in ogni momento il segnalante può fare una segnalazione all Autorità Nazionale Anticorruzione, alla Corte dei Conti, all autorità giudiziaria e di polizia. 3. Il segnalante può effettuare la segnalazione di reati o illeciti all'autorità di regolamentazione del settore interessato, in una delle seguenti ipotesi: a) il destinatario di cui al comma 1 non è stato specificamente identificato dall ente; b) la segnalazione effettuata al destinatario di cui al comma 1 è stata oggetto di valutazione negativa senza motivato parere; c) il destinatario di cui al comma 1 non offre, a parere del segnalante, le adeguate garanzie di neutralità e indipendenza di giudizio. 4. Le segnalazioni di reati o illeciti effettuate al pubblico in generale, anche tramite i mezzi di comunicazione o di informazione, godono delle tutele di cui all articolo 6 della presente legge solo nel caso in cui esse siano state già effettuate ai sensi dei commi 1, 2 e 3 o siano state oggetto di valutazione negativa senza motivato parere. Art. 5. (Protezione del segnalante dalle ritorsioni). 1. Il segnalante è protetto e non può essere sanzionato, licenziato, demansionato, trasferito o sottoposto ad altre misura discriminatorie, dirette Abbiamo mantenuto le cause di esclusione dalla protezione così come normate dalla disciplina vigente.

10 titolo ai sensi dell'articolo 2043 del codice civile, il pubblico dipendente che denuncia all autorità giudiziaria o alla Corte dei conti, o all Autorità nazionale anticorruzione (ANAC), ovvero riferisce al proprio superiore gerarchico condotte illecite di cui sia venuto a conoscenza in ragione del rapporto di lavoro, non può essere sanzionato, licenziato o sottoposto ad una misura discriminatoria, diretta o indiretta, avente effetti sulle condizioni di lavoro per motivi collegati direttamente o indirettamente alla denuncia. Art. 54-bis. (D.Lgs. n.165/2001). (Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti). 2. Nell'ambito del procedimento disciplinare, l identità del segnalante non può essere rivelata, senza il suo consenso, sempre che la contestazione dell'addebito disciplinare sia fondata su accertamenti distinti e ulteriori rispetto alla segnalazione. Qualora la contestazione sia fondata, in tutto o in parte, sulla segnalazione, l identità può essere rivelata ove la sua qualora licenziato, a essere riassunto, su ordinanza ingiuntiva del tribunale, e al risarcimento per gli eventuali danni morali, economici o di carriera subiti nonché delle eventuali spese legali. Art. 4. (Requisito della buona fede). 1. La presente legge si applica alle segnalazioni di reati o irregolarità effettuate in buona fede, anche nell'ipotesi in cui i reati o irregolarità risultino inesistenti. Art. 5. (Esclusione). 1. La presente legge non si applica alle segnalazioni di reati o irregolarità che configurano il reato di calunnia o di diffamazione. Art. 6. (Protezione dell'identità). 1. L'identità dell'autore non può essere rivelata senza il suo consenso. ( ) Art. 13. (Diritto di accesso). 1. Alla segnalazione di reati o irregolarità non si applica il diritto di accesso previsto dagli articoli 22 e seguenti della legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni. o indirette, aventi effetti sulle condizioni di lavoro per motivi collegati direttamente o indirettamente alla segnalazione. 2. Il segnalante è tutelato contro eventuali danni conseguenti alla segnalazione di reati o illeciti e, in particolare, ha diritto al risarcimento per gli eventuali danni morali, economici o di carriera subiti nonché al pagamento delle eventuali spese legali e, qualora licenziato, anche a essere riassunto. 3. Si presume la buona fede del segnalante e le disposizioni di cui ai commi 1 e 2 si applicano alle segnalazioni di possibili reati o illeciti anche nel caso in cui tali reati o illeciti risultino successivamente inesistenti. 4. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 non si applicano ai casi di responsabilità a titolo di calunnia o diffamazione, ovvero per lo stesso titolo ai sensi dell'articolo 2043 del codice civile allorquando siano accertate definitivamente in sede giudiziaria. Art. 6. (Protezione dell'identità del segnalante e limitazioni al diritto di accesso). 1. In nessun caso il destinatario della segnalazione può rivelare l identità del segnalante senza il suo consenso. 2. Alla segnalazione di reati o illeciti non si applica il diritto di accesso previsto dagli articoli 22 e seguenti della legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni. 3. L esercizio del diritto d accesso da parte dell interessato ai sensi dell art. 7 del decreto Rispetto al DDL Businarolo abbiamo ridefinito e condensato in un articolo le ritorsioni contro le quali è data la protezione, i requisiti per la segnalazione e le cause di esclusione. Abbiamo deciso di rafforzare quella che è la parte più debole dell istituto secondo la disciplina vigente, quella sulla protezione dell identità, che in base alla normazione attuale potrebbe costituire un disincentivo alla segnalazione, con il segnalante che non ha la certezza che la

11 conoscenza sia assolutamente indispensabile per la difesa dell'incolpato. ( ) 4. La denuncia è sottratta all'accesso previsto dagli articoli 22 e seguenti della legge 7 agosto 1990, n.241, e successive modificazioni. Art. 6. (Protezione dell'identità). 1. ( ) Le segnalazioni possono essere effettuate in forma anonima; in tale caso, tenuto conto dell'impossibilità di approfondire le segnalazioni, in quanto anonime, queste sono prese in esame solo qualora siano adeguatamente documentate. Art. 7. (Inversione della prova). dell'onere 1. È a carico del datore di lavoro dimostrare che ogni misura presa ai danni dell'autore è motivata da ragioni estranee alla segnalazione effettuata dal medesimo autore. legislativo 30 giugno 2003, n. 196 può essere limitato per garantire la tutela dei diritti e delle libertà altrui. In nessuna circostanza può essere permesso alla persona menzionata nella segnalazione di avvalersi del suo diritto di accesso per ottenere informazioni sull'identità del segnalante, salvo sia provata la malafede di quest'ultimo con sentenza passata in giudicato. Art. 7. (Segnalazioni anonime). 1. Le segnalazioni possono essere effettuate anche in forma anonima. 2. I destinatari di segnalazioni anonime hanno l obbligo di trattarle solo nel caso in cui queste siano adeguatamente circostanziate e rese con dovizia di particolari. Art. 8. (Inversione dell'onere della prova). 1. È a carico del datore di lavoro dimostrare che ogni misura ritorsiva adottata ai danni del segnalante è motivata da ragioni estranee alla segnalazione stessa. sua identità verrà mantenuta riservata. L anonimato non è considerato né menzionato dalla legge vigente. La prassi internazionale è ormai concorde nell ammettere le segnalazioni anonime, purché esse siano sufficientemente circostanziate. Riteniamo questa norma cruciale per bilanciare la sproporzione di peso tra datore e dipendente. Art. 12. (Divieto di clausole limitative). 1. In nessun caso il diritto di effettuare segnalazioni di reati o illeciti può essere limitato mediante clausole contrattuali. Art. 9. (Divieto di clausole limitative). 1. In nessun caso il diritto di effettuare segnalazioni di reati o illeciti può essere limitato mediante clausole contrattuali. Tali clausole volte a limitare o condizionare il diritto sono nulle. Questa norma è indirizzata a vietare la previsione di accordi di riservatezza che possano ostacolare l emersione di atti e fatti illeciti.

12 Art. 15. (Premio). 1. All'autore di una segnalazione di reati o irregolarità che comportano un danno erariale e all'immagine della pubblica amministrazione è attribuita una somma di denaro, a titolo di premio, di importo compreso tra il 15 e il 30 per cento della somma recuperata a seguito della condanna definitiva della Corte dei conti, fermo restando che la somma di denaro spettante a titolo di premio non può essere superiore a 2 milioni di euro. Art. 16. (Ufficio per la ricezione delle segnalazioni). 1. Presso ogni ente pubblico o privato è istituito un ufficio Art. 10. (Autorità Anticorruzione). Nazionale 1. L Autorità Nazionale Anticorruzione deve istituire più canali per la ricezione delle segnalazioni, tra cui almeno uno che permetta di veicolare le segnalazioni in modo anonimo. 2. L Autorità Nazionale Anticorruzione coordina e monitora l adempimento degli obblighi relativi alle procedure di segnalazione da parte dei responsabili per la prevenzione della corruzione. 3. L Autorità Nazionale Anticorruzione raccoglie dati e statistiche sulle segnalazioni ricevute da parte dei responsabili per la prevenzione della corruzione. Art.11. (Fondo per la tutela dei segnalanti). 1. E istituito presso il Dipartimento della funzione pubblica il Fondo di solidarietà per i segnalanti vittime di ritorsioni di cui all art Il Fondo è utilizzato per garantire la sicurezza e il benessere psicofisico dei segnalanti, coprire le spese legali, fornire misure in grado di sostenere economicamente i segnalanti che hanno subito un ingiusto licenziamento o altra ritorsione lavorativa in attesa della sentenza di merito da parte del tribunale del lavoro competente. 3. Il Fondo è alimentato da un contributo determinato sulla base di una percentuale non inferiore al 10 e non superiore al 20 per cento calcolato sulle somme recuperate dall erario a seguito di condanna definitiva della Corte dei Conti per condotte illecite che Riteniamo il ruolo dell ANAC fondamentale nella lotta alla corruzione e riteniamo sia strumentale incardinare nella legge una norma su compiti, ruoli e responsabilità dell Autorità nel processo di gestione delle segnalazioni. Rispetto alla proposta dell onorevole Businarolo abbiamo creduto preferibile smorzare l incentivo economico alla segnalazione. Essendo consapevoli delle difficoletà economiche e dei rischi affrontati dai segnalanti abbiamo ipotizzato un Fondo per la tutela dei segnalanti, che vada a proteggerli e a sostenerli, in particolare in quella fase spesso lunga tra la ritorsione subita e una pronuncia del

13 indipendente che ha il compito di redigere statistiche sul numero di segnalazioni di reati o irregolarità effettuate e sul loro esito, di provvedere alla liquidazione dei premi di cui all'articolo 15 e alla raccolta e alla pubblicazione periodica dei relativi dati, nonché di assicurare il coordinamento con i soggetti competenti per l'accertamento delle condotte di reato. Art. 11. (Procedimento disciplinare). 1. Ogni procedimento disciplinare avviato nei confronti di un soggetto indicato in una segnalazione di reato o irregolarità deve essere basato su elementi certi e documentati. Art. 17. (Abrogazione). 1. L'articolo 54-bis del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, è abrogato. cagionino danno erariale o all immagine della pubblica amministrazione. 4. Al Dipartimento della funzione pubblica spetta la valutazione delle condizioni di applicabilità di cui al comma 2 e l erogazione delle somme necessarie. 5. Con decreto del Ministro dell'interno, di concerto con il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica e con il Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato, sono emanate, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, le norme regolamentari necessarie per l'attuazione di quanto disposto dal comma 3. Art.12. (Sanzioni disciplinari). 1. Ogni procedimento disciplinare avviato nei confronti di un soggetto indicato in una segnalazione di reato o illeciti deve essere basato su elementi ulteriori rispetto alla segnalazione. 2. Fatte salve le azioni civili e penali consentite dalla legislazione vigente, in caso di violazioni delle disposizioni di cui alla presente legge, potranno essere applicate le previsioni sanzionatorie di cui al CCNL previsto dal settore di appartenenza. Art. 13. (Abrogazioni e modifiche). 1. L'articolo 54-bis del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, è abrogato. 2. L articolo 19, comma 5 lettera A, del decreto legislativo 24 giugno 2014, n. 90, è abrogato. 3. All articolo 52, comma 4, del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, è eliminata la frase o quando giudice lavoro. del Nella legge non è previsto nulla di specifico a proposito delle conseguenze per chi attua le ritorsioni contro i segnalanti.

14 Art. 54-bis. (D.Lgs. n.165/2001). (Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti). la conoscenza sia indispensabile per la difesa del segnalato. 3. L'adozione di misure discriminatorie è segnalata al Dipartimento della funzione pubblica, per i provvedimenti di competenza, dall'interessato o dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative nell'amministrazione nella quale le stesse sono state poste in essere.

Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing)

Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing) Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing) 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha inserito un nuovo

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY

WHISTLEBLOWING POLICY WHISTLEBLOWING POLICY Allegato C Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità

WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha inserito

Dettagli

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING)

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING) PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING) 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge n. 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha inserito un

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ (WHISTLEBLOWING POLICY) CONTESTO NORMATIVO La Legge 190/2012 1 ha introdotto nel nostro ordinamento una misura, conosciuta nel mondo anglosassone

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità

WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E RATIO DELL ISTITUTO L art. 54 bis 1, d.lgs. 165/2001, inserito dall art. 1, comma 51 della legge 190/2012

Dettagli

WHISTLEBLOWING > domande e risposte

WHISTLEBLOWING > domande e risposte WHISTLEBLOWING > domande e risposte Promozione e tutela delle segnalazioni di rischi e irregolarità nell interesse pubblico Prima Edizione Aprile 2013 con il contributo di e www.transparency.it La definizione

Dettagli

PROTOCOLLO. Revisione 00. 1 settembre 2015. Pagine 1 di 6. REVISIONE REDAZIONE VERIFICA e CONTROLLO APPROVAZIONE. Data della revisione

PROTOCOLLO. Revisione 00. 1 settembre 2015. Pagine 1 di 6. REVISIONE REDAZIONE VERIFICA e CONTROLLO APPROVAZIONE. Data della revisione Pagine 1 di 6 PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA (WHISTLEBLOWING) REVISIONE REDAZIONE VERIFICA e CONTROLLO APPROVAZIONE Data della revisione Causale della revisione RAQ Bolgia Cristina RPC

Dettagli

Azienda Ospedaliera S. Maria - Terni

Azienda Ospedaliera S. Maria - Terni PROCEDURA DI SEGNALAZIONI DI ILLECITI O DI IRREGOLARITÀ DA PARTE DEI DIPENDENTI O COLLABORATORI DELL AZIENDA OSPEDALIERA S. MARIA E RELATIVE FORME DI TUTELA. 1. Fonte normativa e natura dell istituto.

Dettagli

Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità

Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità CITTA DI CASTENASO Provincia di Bologna Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione)

Dettagli

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ ( WHISTLEBLOWING POLICY ) Disciplina della tutela del dipendente che segnala illeciti e/o irregolarità (c.d. whistleblower) Redatta da: Paolo Zanoni, Anna Teneggi Codice procedura: PG004 Approvata

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13;

Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13; Direzione generale Direzione centrale risorse umane Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza Circolare n. 64 Roma, 28 luglio 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili

Dettagli

Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Asl di Bergamo e relative forme di tutela

Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Asl di Bergamo e relative forme di tutela Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Asl di Bergamo e relative forme di tutela Art. 1 Finalità, oggetto e natura dell istituto 1) L

Dettagli

WHISTLEBLOWING, LEGGI E PROCEDURE. LO STATO DELL ARTE IN ITALIA

WHISTLEBLOWING, LEGGI E PROCEDURE. LO STATO DELL ARTE IN ITALIA WORKSHOP. GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI WHISTLEBLOWING, LEGGI E PROCEDURE. LO STATO DELL ARTE IN ITALIA Giorgio Fraschini UNIONCAMERE LOMBARDIA 26.06.2014 Perché non si segnala Disinteresse ad aspetti lavorativi

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI CONDOTTE ILLECITE (WHISTLEBLOWING POLICY)

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI CONDOTTE ILLECITE (WHISTLEBLOWING POLICY) Allegato alla Deliberazione n 687 del 22.07.2015 PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI CONDOTTE ILLECITE (WHISTLEBLOWING POLICY) 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012

Dettagli

Il responsabile della prevenzione della corruzione. Ai collaboratori del Consorzio Ai rappresentanti degli organi di indirizzo politico del Consorzio

Il responsabile della prevenzione della corruzione. Ai collaboratori del Consorzio Ai rappresentanti degli organi di indirizzo politico del Consorzio Ai collaboratori del Consorzio Ai rappresentanti degli organi di indirizzo politico del Consorzio Circolare n.1 DEFINIZIONE LINEE PROCEDURALI PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI O IRREGOLARITÀ E DISCIPLINA

Dettagli

TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI

TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI PROPOSTA DI AGGIORNAMENTO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2015-2017 E CODICE DI COMPORTAMENTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI PRATO 1. Contesto

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE. OGGETTO: procedura di segnalazione degli illeciti da parte del dipendente (cd. Whistleblower)

IL SEGRETARIO GENERALE. OGGETTO: procedura di segnalazione degli illeciti da parte del dipendente (cd. Whistleblower) IL SEGRETARIO GENERALE a tutto il personale dipendente p.c. Presidente della Provincia OGGETTO: procedura di segnalazione degli illeciti da parte del dipendente (cd. Whistleblower) L art. 1, comma 51,

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ CONTESTO NORMATIVO La presente procedura disciplina le modalità di segnalazione degli illeciti nell ambito delle attività di prevenzione della corruzione

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA WHISTLEBLOWING POLICY

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA WHISTLEBLOWING POLICY PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA OGGETTO E SCOPO Oggetto della presente procedura è la segnalazione da parte dei dipendenti dell'azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi di illeciti

Dettagli

Copia informatica ad uso consultazione

Copia informatica ad uso consultazione Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Azienda USL Ferrara e relative forme di tutela 1 1) Premessa ed esegesi dell art. 54 bis del D.

Dettagli

NUOVE NORME PER LA PROTEZIONE DEI DIPENDENTI CHE SEGNALANO ILLECITI (WHISTLEBLOWING)

NUOVE NORME PER LA PROTEZIONE DEI DIPENDENTI CHE SEGNALANO ILLECITI (WHISTLEBLOWING) Dossier n.128 Ufficio Documentazione e Studi 26 gennaio 2016 NUOVE NORME PER LA PROTEZIONE DEI DIPENDENTI CHE SEGNALANO ILLECITI (WHISTLEBLOWING) La Camera ha approvato in prima lettura il testo della

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY Ai sensi della Determinazione A.N.A.C. n. 6 del 28 aprile 2015

WHISTLEBLOWING POLICY Ai sensi della Determinazione A.N.A.C. n. 6 del 28 aprile 2015 WHISTLEBLOWING POLICY Ai sensi della Determinazione A.N.A.C. n. 6 del 28 aprile 2015 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE (MOG 231) E PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE (PPC) AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA' WHISTLEBLOWING POLICY

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA' WHISTLEBLOWING POLICY Pag. 1 di 7 SOMMARIO: 1. Oggetto e scopo 2. Campo di applicazione 3. Responsabilità 4. Definizioni e abbreviazioni 5. Documenti di Riferimento 6. Moduli e documenti di registrazione 7. Modalità operative

Dettagli

Regolamento per la tutela del dipendente che effettua segnalazioni di illecito (whistleblower) Indice

Regolamento per la tutela del dipendente che effettua segnalazioni di illecito (whistleblower) Indice Regolamento per la tutela del dipendente che effettua segnalazioni di illecito (whistleblower) Indice Premesse Definizione di corruzione Tutela del dipendente che effettua segnalazioni di illecito Divieto

Dettagli

PROCEDURA TUTELA DEL DIPENDENTE Che denuncia illeciti WHISTLEBLOWER- l informatore (NOVEMBRE 2014)

PROCEDURA TUTELA DEL DIPENDENTE Che denuncia illeciti WHISTLEBLOWER- l informatore (NOVEMBRE 2014) SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE - REGIONE LIGURIA Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino Dipartimento di Prevenzione S.C. Attività giuridico- amministrative del Dipartimento di Prevenzione e Trasparenza dei

Dettagli

A V V I S O. - Policy di Whistleblowing. Procedura per le segnalazioni di presunti illeciti e irregolarità FASE INFORMATIVA/FORMATIVA

A V V I S O. - Policy di Whistleblowing. Procedura per le segnalazioni di presunti illeciti e irregolarità FASE INFORMATIVA/FORMATIVA Allegato (1) A V V I S O - Policy di Whistleblowing Procedura per le segnalazioni di presunti illeciti e irregolarità FASE INFORMATIVA/FORMATIVA L'Azienda Sanitaria Locale di Matera con Deliberazione n.

Dettagli

WHISTLEBLOWING. procedura per la gestione delle segnalazioni

WHISTLEBLOWING. procedura per la gestione delle segnalazioni All. DEL G.M. n. 42/21.04.2015 WHISTLEBLOWING procedura per la gestione delle segnalazioni 1. la segnalazione Il segnalante invia una segnalazione compilando il modulo reso disponibile dall amministrazione

Dettagli

Roma, 28 luglio 2015. Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13;

Roma, 28 luglio 2015. Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13; Direzione generale Direzione centrale risorse umane Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza Circolare n. 64 Roma, 28 luglio 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili

Dettagli

U.O. Gestione del Personale Pag. 1

U.O. Gestione del Personale Pag. 1 WHISTLEBLOWING POLICY Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. Fonte normativa e natura dell istituto L art. 1, comma 51, della L. 190/2012 ha inserito nell ambito del Decreto Legislativo

Dettagli

Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela

Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela Art. 1 Finalità e oggetto 1. Il presente Regolamento è emesso

Dettagli

POLICY SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING)

POLICY SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING) POLICY SEGNALAZIONI ANOMALIE (WHISTLEBLOWING) INDICE 1. Premessa 2. Scopo e ambito di applicazione 3. Definizioni 4. Riferimenti normativi 5. Governo della policy 6. Segnalazioni relative a presunte violazioni

Dettagli

SOC AFFARI GENERALI PROCEDURA GESTIONALE

SOC AFFARI GENERALI PROCEDURA GESTIONALE GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI DI CONDOTTE ILLECITE (DA PARTE DEL DIPENDENTE DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA SANTA MARIA DELLA MISERICORDIA DI UDINE) E RELATIVE FORME DI TUTELA redazione: Verifica:

Dettagli

Regolamento per la tutela del dipendente che effettua segnalazioni di illeciti (whistleblower)

Regolamento per la tutela del dipendente che effettua segnalazioni di illeciti (whistleblower) Regolamento per la tutela del dipendente che effettua segnalazioni di illeciti (whistleblower) Allegato alla delibera C.d.A. n. 36 del 23.06.2015-1 - Indice Premessa Art. 1 Definizioni Art. 2 Finalità

Dettagli

COMUNE DI LENTIAI PROVINCIA DI BELLUNO

COMUNE DI LENTIAI PROVINCIA DI BELLUNO COMUNE DI LENTIAI PROVINCIA DI BELLUNO LINEE PROCEDURALI PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI O IRREGOLARITA E DISCIPLINA DELLA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI Indice Titolo I - Procedure

Dettagli

WHISTLEBLOWING WHISTLEBLOWING

WHISTLEBLOWING WHISTLEBLOWING DEFINIZIONE DEL WHISTLEBLOWER CARATTERISTICHE QUADRO NORMATIVO INTERNAZIONALE E NAZIONALE IL CONTESTO PUBBLICO I PROFILI DI TUTELA DEL WHISTLEBLOWER L ESPERIENZA DEL COMUNE DI MILANO PROFILI APPLICATIVI

Dettagli

Policy segnalazioni anomalie (Whistleblowing)

Policy segnalazioni anomalie (Whistleblowing) Policy segnalazioni anomalie Versione: 1.0 Data: Tipo documento: Policy Pagina 1 di 12 Titolo documento: Policy Segnalazioni anomalie Indice 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 EXECUTIVE SUMMARY... 3 1.2 GLOSSARIO...

Dettagli

Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.)

Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) Ordine dei Farmacisti della Provincia di Torino Via Sant Anselmo 14 10125 Torino C.F. 80082540016 Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) 2015-2017 Adottato in data 17 dicembre 2014

Dettagli

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE DI ILLECITI O DI IRREGOLARITA. DISCIPLINA DELLA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (C.D.

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE DI ILLECITI O DI IRREGOLARITA. DISCIPLINA DELLA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (C.D. Pag. 1/6 PROCEDURA DI SEGNALAZIONE DI ILLECITI O DI IRREGOLARITA. DISCIPLINA DELLA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (C.D. WHISTLEBLOWER). Premessa Capitolo I Procedure di segnalazione

Dettagli

Procedura per la tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti

Procedura per la tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti Procedura per la tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti La Provincia di Trieste, in attuazione dell'art. 1, comma 51 della legge 190/2012 che introduce l'art. 54 bis nel d.lgs. 165/2001 (Testo

Dettagli

Atto organizzativo interno per la regolamentazione e il trattamento delle segnalazioni effettuate ai sensi dell art. 54bis del d.lgs. n.

Atto organizzativo interno per la regolamentazione e il trattamento delle segnalazioni effettuate ai sensi dell art. 54bis del d.lgs. n. Atto organizzativo interno per la regolamentazione e il trattamento delle segnalazioni effettuate ai sensi dell art. 54bis del d.lgs. n. 165/01 INDICE PREMESSA PAG. 1 1. Tutela del segnalante PAG. 2 1.1

Dettagli

ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia

ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Cl.: 1.1.02 OGGETTO: Approvazione della Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità da parte dei dipendenti e collaboratori ai sensi dell art. 54 bis del D.Lgs. 165/2001. Il DIRETTORE GENERALE

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI O IRREGOLARITÀ E DISCIPLINA DELLA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (WHISTLEBLOWING)

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI O IRREGOLARITÀ E DISCIPLINA DELLA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (WHISTLEBLOWING) PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI O IRREGOLARITÀ E DISCIPLINA DELLA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (WHISTLEBLOWING) Premessa La legge 190/2012, articolo 1 comma 51, ha introdotto

Dettagli

I sistemi di whistleblowing alla luce delle disposizioni di Banca d Italia

I sistemi di whistleblowing alla luce delle disposizioni di Banca d Italia I sistemi di whistleblowing alla luce delle disposizioni di Banca d Italia Introduzione, sviluppo e prospettive evolutive in ambito nazionale di Luana Veronese* e Mario Chiodi** 1. Le tendenze innovative

Dettagli

Allegato alla Delib.G.R. n. 30/15 del 16.6.2015

Allegato alla Delib.G.R. n. 30/15 del 16.6.2015 Linee guida per la tutela dipendente della Regione Autonoma della Sardegna, degli Organismi del Sistema Regione e delle Aziende del Servizio Sanitario Regionale, che segnala illeciti (c.d. whistleblower)

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione Determinazione n. 6/2015, Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Relazione AIR 2 1. Le ragioni dell intervento

Dettagli

Whistleblower Policy

Whistleblower Policy Whistleblower Policy Indice Introduzione 2 Normativa e atti di riferimento 3 1. Scopo e finalità 4 2. Oggetto 4 3. Contenuto della segnalazione 5 4. Destinatari della segnalazione e modalità di invio 5

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA ( WHISTLEBLOWING )

PROCEDURA GESTIONALE PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA ( WHISTLEBLOWING ) Pag 1/9 PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA ( WHISTLEBLOWING ) MATRICE DELLE REVISIONI Rev. OGGETTO 0 Prima emissione COPIA CONTROLLATA N : CONSEGNATA A: COPIA NON CONTROLLATA: REDAZIONE

Dettagli

SEGNALAZIONI ILLECITI

SEGNALAZIONI ILLECITI CJlrovincia ~9ionaCedi :Messina Denominata "Libero Consorzio Comunale" ai sensi de{cal.~ n.8/2014 SEGNALAZIONI ILLECITI (WHISTLEBLOWING) (art. 54-bis del decreto legislativo 165 del 2001) 1 La legge 190/2012,

Dettagli

Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Azienda USL di Bologna e relative forme di

Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Azienda USL di Bologna e relative forme di Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Azienda USL di Bologna e relative forme di tutela 1 PREMESSA ED ESEGESI DELL ART. 54-bis DEL D.LGS.

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata art. 54-bis. del T.U. "Tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti" redatto a cura di: dott.ssa Silvia Quattrociocche dott.ssa Maria Vittoria Valeri prof.

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO

SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO ARTT. 30 40 D.LGS 81/2015 IL CONTRATTO DI È IL CONTRATTO, A TEMPO INDETERMINATO O DETERMINATO, CON IL QUALE UN AGENZIA DI AUTORIZZATA METTE A DISPOSIZIONE DI UN UTILIZZATORE UNO O PIÙ LAVORATORI SUOI DIPENDENTI,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO Articolo 1 Servizio degli Ausiliari del traffico 1. Il servizio degli Ausiliari del Traffico è disciplinato dal presente regolamento nel rispetto

Dettagli

Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) 2015-2017

Piano triennale di prevenzione della corruzione (P.T.P.C.) 2015-2017 Piano triennale di prevenzione della (P.T.P.C.) 015-017 Predisposto dal responsabile per la prevenzione della. Adottato dal Consiglio dell ordine degli ingegneri di Genova con delibera di Consiglio il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (WHISTLEBLOWING POLICY)

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (WHISTLEBLOWING POLICY) AZIENDA OSPEDALIERA di rilievo nazionale e di alta specializzazione GARIBALDI CATANIA REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL DIPENDENTE PUBBLICO CHE SEGNALA ILLECITI (WHISTLEBLOWING POLICY) Indice Art. 1 Definizioni

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO

OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO CENTRO ANTIMOBBING PADOVA Associazione per l orientamento della vittima di mobbing o altro disagio nell ambiente di lavoro OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO per AZIENDE IMPRESE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA

Dettagli

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA PAG. 1 PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Edizione n 0 1 rev. 0 approvata dall Amministratore Unico con delibera del Questo manuale è di proprietà

Dettagli

Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. PROCEDURA WHISTLEBLOWING (ADOTTATA IN DATA 21 DICEMBRE 2015)

Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. PROCEDURA WHISTLEBLOWING (ADOTTATA IN DATA 21 DICEMBRE 2015) Infrastrutture Wireless Italiane S.p.A. PROCEDURA WHISTLEBLOWING (ADOTTATA IN DATA 21 DICEMBRE 2015) 1 PREMESSA Per whistleblowing (di seguito Segnalazione ) si intende qualsiasi notizia riguardante sospette

Dettagli

Tutela del dipendente che segnala illeciti Presupposto normativo. Eccezioni alla disciplina della tutela. Campo d intervento oggettivo

Tutela del dipendente che segnala illeciti Presupposto normativo. Eccezioni alla disciplina della tutela. Campo d intervento oggettivo PREMESSE ED ESEGESI DELL ART. 54BIS DEL D.LGS. N. 165/2001 Tutela del dipendente che segnala illeciti Presupposto normativo pag. 1 Le previsioni del Piano Nazionale Anticorruzione pag. 1 Finalità pag.

Dettagli

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; LEGGE 19 novembre 1990, n. 341 Riforma degli ordinamenti didattici universitari. Vigente al: 05-03-2011 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 881 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PECORELLA, COSTA Modifiche alla legge 8 febbraio 1948, n. 47, al codice penale e al codice

Dettagli

LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LEGGE N. 190/2012 DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE E LA REPRESSIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Torino, 10 Aprile 2013 La legge 190/2012 introduce degli strumenti per

Dettagli

Data di nascita RPC. Maria Domenica Giaccari 10 agosto 1054 DG

Data di nascita RPC. Maria Domenica Giaccari 10 agosto 1054 DG C.F. Denominazione Amministrazione Nome RPC Cognome RPC Data di nascita RPC Qualifica RPC Data inizio incarico di RPC Il RPC svolge anche le funzioni di Responsabile della trasparenza: (Si/No) 80045210582

Dettagli

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto)

ART. 1. (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE R.C. AUTO ART. 1 (Disposizioni in materia di assicurazione r.c. auto) 1. Al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, e successive

Dettagli

Codice per l applicazione di sanzioni disciplinari agli studenti

Codice per l applicazione di sanzioni disciplinari agli studenti Codice per l applicazione di sanzioni disciplinari agli studenti (adottato con D.R. n. 877 del 25 giugno 2014) INDICE Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione 2 Art. 2 - Illecito disciplinare 2 Art. 3

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it Whistleblowing Nuovo strumento di lotta alla corruzione A cura di GIANLUCA ROSSITTO E MELITA MANOLA * * *

www.ildirittoamministrativo.it Whistleblowing Nuovo strumento di lotta alla corruzione A cura di GIANLUCA ROSSITTO E MELITA MANOLA * * * Whistleblowing Nuovo strumento di lotta alla corruzione A cura di GIANLUCA ROSSITTO E MELITA MANOLA * * * Indice: 1. Inquadramento normativo - 2. Il dovere di vigilanza del responsabile della prevenzione

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 Premessa Il Consorzio è stato costituito ai sensi dell art. 31 del T.U di cui al D.Lgs 267/2000

Dettagli

2014 Fiat Group Procedura gestione denunce

2014 Fiat Group Procedura gestione denunce 2014 Fiat Group 2 Fiat Group Indice 1. Premessa... 3 2. Normativa esterna e interna applicabile... 3 3. Compiti e responsabilità... 3 4. Processo... 4 5. Controllo... 4 6. Comitato denunce... 4 7. Registro

Dettagli

Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione

Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione TESTO Decreto legge n. 90/2014 sulla pubblica amministrazione NOTE CAPO I - PERSONALE Art.1 (Disposizioni per il ricambio generazionale nelle pubbliche amministrazioni) 1. Sono abrogati l articolo 16 del

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione (Bozza di delibera) Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Parte I - Questioni generali 1. Ricognizione della

Dettagli

DICHIARAZIONE RESA AI SENSI DEL DPR 445/2000, Il sottoscritto (cognome e nome) nato a Prov. in qualità di (carica sociale ) dell Istituto di Credito

DICHIARAZIONE RESA AI SENSI DEL DPR 445/2000, Il sottoscritto (cognome e nome) nato a Prov. in qualità di (carica sociale ) dell Istituto di Credito DICHIARAZIONE RESA AI SENSI DEL DPR 445/2000, OVVERO DICHIARAZIONI RESE SECONDO LA LEGISLAZIONE DEL PAESE ESTERO DI RESIDENZA Il sottoscritto (cognome e nome) nato a Prov. il in qualità di (carica sociale

Dettagli

IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC

IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC di Annalisa De Vivo L applicazione della legge 6 novembre 2012,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3469 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MIGLIOLI Disposizioni per il contrasto della violenza fisica e della persecuzione psicologica

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Autorità Nazionale Anticorruzione Determinazione n. 6 del 28 aprile 2015 Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Parte I - Questioni generali

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE

ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE ARCESE TRASPORTI S.P.A. Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 CODICE DISCIPLINARE ELENCO DELLE REVISIONI REV. DATA DESCRIZIONE APPROVAZIONE 00 28/07/15 Codice _Disciplinare

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ANTICORRUZIONE Premessa Lo scorso 28 novembre è entrata in vigore la legge 6 novembre 2012 n. 190 contenente le disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione

Dettagli

PROGRAMMA PER L INTEGRITÀ E LA TRASPARENZA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

PROGRAMMA PER L INTEGRITÀ E LA TRASPARENZA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE PROGRAMMA PER L INTEGRITÀ E LA TRASPARENZA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Supporto alle attività di prevenzione della corruzione negli enti pubblici PREMESSA Fino agli anni 90 la corruzione era ancora

Dettagli

Titolo I Tutela del lavoro autonomo. Art. 1 (Ambito di applicazione)

Titolo I Tutela del lavoro autonomo. Art. 1 (Ambito di applicazione) 28/01/2016 DISEGNO DI LEGGE Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato Titolo I Tutela

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 8 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Codice Etico Pag. 2 di 8 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 FINALITA, CONTENUTI

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers.

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge:

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge: LEGGE 27 maggio 2015, n. 69 (in Gazz. Uff., 30 maggio 2015, n. 124). - Disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione, di associazioni di tipo mafioso e di falso in bilancio. La

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO 24 Ottobre 2007 Documento unico di regolarita' contributiva. IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE Visto l'art. 2 della legge 22 novembre

Dettagli

IL SISTEMA SANZIONATORIO

IL SISTEMA SANZIONATORIO IL SISTEMA SANZIONATORIO EX D. LGS. 231/2001 1 L introduzione di un sistema disciplinare volto a sanzionare il mancato rispetto delle misure contenute nel Modello 231/2001, aggiornato alla L. 190/2012,

Dettagli

Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione Segnalazione anonima - Whistleblowing

Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione Segnalazione anonima - Whistleblowing Pagina: 1 UNITÀ/NOME FIRMA E DATA PREPARATO APPROVATO Prevenzione della Corruzione e Trasparenza Monica De Zii Resp. Prevenzione della Corruzione e Trasparenza Santo Darko Grillo Firme e data depositate

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI A FAVORE DEL COMUNE DI IMPRUNETA DICHIARAZIONE UNICA

PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI A FAVORE DEL COMUNE DI IMPRUNETA DICHIARAZIONE UNICA MODULO A PROCEDURA APERTA PER AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ASSICURATIVI A FAVORE DEL COMUNE DI IMPRUNETA DICHIARAZIONE UNICA (da presentare, in carta libera, da parte delle Società singole, Consorzi e Consorziate,

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 25 gennaio 2010, n. 5. pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 29 del 5 febbraio 2010. testo in vigore dal: 20-2-2010

DECRETO LEGISLATIVO 25 gennaio 2010, n. 5. pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 29 del 5 febbraio 2010. testo in vigore dal: 20-2-2010 DECRETO LEGISLATIVO 25 gennaio 2010, n. 5 Attuazione della direttiva 2006/54/CE relativa al principio delle pari opportunità e della parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e

Dettagli

Condizioni generali e Privacy (Servizi a pagamento)

Condizioni generali e Privacy (Servizi a pagamento) Condizioni generali e Privacy (Servizi a pagamento) Con la registrazione presso Buildup.it, il Sottoscrittore accetta le condizioni generali di contratto qui di seguito riportate, che divengono parte integrante

Dettagli

Segnalazione di Comportamenti Illegittimi

Segnalazione di Comportamenti Illegittimi Segnalazione di Comportamenti Illegittimi (Whistleblowing) Global Policy Competence Line Responsabile: Legal & Compliance Data: agosto 2013 Unit: Global Compliance Policy Coordination Versione: 2 Global

Dettagli

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38)

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38) FAQ sul MOG 1. Che cos è il D. Lgs. 231/2001? Il D. Lgs. 231/2001 entrato in vigore il 4 luglio 2001, individua le disposizioni normative concernenti la disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

Disciplina per la tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Art. 54 bis D.Lgs. 30/03/2001, n. 165

Disciplina per la tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Art. 54 bis D.Lgs. 30/03/2001, n. 165 PROVINCIA DI ANCONA Disciplina per la tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower) Art. 54 bis D.Lgs. 30/03/2001, n. 165 Determinazione A.N.A.C. n. 6 del 28/4/2015: Linee guida

Dettagli

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA (ai sensi del decreto legislativo 8 giugno 2001, N 231)

PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA (ai sensi del decreto legislativo 8 giugno 2001, N 231) PROCEDURA DI SEGNALAZIONE ALL ORGANISMO DI VIGILANZA (ai sensi del decreto legislativo 8 giugno 2001, N 231) Sommario 1 Definizioni 3 2 Finalità 4 3 Ambito di applicazione 4 4 Responsabilità e diffusione

Dettagli

DIREZIONE GENERALE Area Organizzazione e controllo Ufficio anticorruzione e trasparenza

DIREZIONE GENERALE Area Organizzazione e controllo Ufficio anticorruzione e trasparenza Prot. n. 94260 I/1 Lecce, 23/12/2015 Ai centri di gestione autonoma Ai centri di responsabilità LORO SEDI Oggetto: Linee Guida per l inserimento degli incarichi consulenti e collaboratori ex art. 15 d.

Dettagli

MODULO A COMUNICAZIONE E DICHIARAZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE CHE SOTTOSCRIVE L'OFFERTA (DA PRESENTARE NELLA BUSTA A ). Il sottoscritto...

MODULO A COMUNICAZIONE E DICHIARAZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE CHE SOTTOSCRIVE L'OFFERTA (DA PRESENTARE NELLA BUSTA A ). Il sottoscritto... MODULO A COMUNICAZIONE E DICHIARAZIONE DEL LEGALE RAPPRESENTANTE CHE SOTTOSCRIVE L'OFFERTA (DA PRESENTARE NELLA BUSTA A ). Il sottoscritto... in qualità di LEGALE RAPPRESENTANTE dell'impresa... Codice

Dettagli

Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano

Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano Relazione illustrativa Premessa Il presente documento intende brevemente illustrare i riferimenti normativi, il procedimento

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. Anni 2014-2016

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. Anni 2014-2016 PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2014-2016 1 TITOLO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Paragrafo 1 (Premessa) 1. La legge 6 novembre

Dettagli

c) risiedere nella circoscrizione della camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura nel cui ruolo intendono iscriversi;

c) risiedere nella circoscrizione della camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura nel cui ruolo intendono iscriversi; L. 3 febbraio 1989, n. 39 (1). Modifiche ed integrazioni alla L. 21 marzo 1958, n. 253, concernente la disciplina della professione di mediatore. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 9 febbraio 1989, n. 33.

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli