Programmazione orientata agli oggetti. Ivan Lanese

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programmazione orientata agli oggetti. Ivan Lanese"

Transcript

1 Programmazione orientata agli oggetti Ivan Lanese

2 Argomenti Programmazione orientata agli oggetti Classi Oggetti Costruttori

3 Scrivere grosse applicazioni La gran parte delle applicazioni sono GROSSE Windows XP: 40 milioni LoC Google Chrome: 4,5 milioni LoC Scrivere grosse applicazioni è complesso Programmatori diversi scrivono parti diverse della stessa applicazione Un programmatore non può conoscere tutto il codice Importante definire i confini tra diverse parti del codice La programmazione orientata agli oggetti semplifica questo compito

4 Programmazione orientata agli oggetti È un paradigma di programmazione Diverso da quello imperativo visto fin ora Consente di scrivere le stesse applicazioni, ma in modo diverso Molto usato in pratica (C++, Java, C#, Python, ) Pensato per grosse applicazioni, ma utile anche per applicazioni piccole Nato col Simula67 Occorre ragionare in modo diverso L entità base non sono variabili e funzioni, ma gli oggetti Un oggetto contiene dei dati e le funzioni che usano questi dati Un oggetto pila contiene sia i dati della pila che le funzioni top, push, pop e empty Il codice risulta organizzato meglio e più facile da riusare

5 Incapsulamento Un oggetto contiene una parte pubblica e una parte privata La parte pubblica è visibile da chi usa l oggetto La parte privata no Si dice che la parte privata è incapsulata Se un programmatore modifica la parte privata lasciando inalterata quella pubblica gli altri programmatori non se ne accorgono Qualunque sia il programma che scrivono Gli altri programmatori possono ignorare completamente la parte privata Pensate al televisore e al telecomando Se sapete usare il telecomando (parte pubblica), potete usare il televisore senza sapere come è fatto dentro (parte privata)

6 Classi Sono tipi di dato definiti dal programmatore Definiscono sia i valori (campi) che il comportamento (metodi) del dato Un dato il cui tipo è una classe si chiama oggetto Estendono le strutture Consentendo di definire il comportamento del dato Consentendo di nascondere l'implementazione (incapsulamento) L incapsulamento consente di modificare l'implementazione di un tipo di dato (classe) senza dover modificare i programmi che lo usano Per una classe coda posso passare da implementazione con array a implementazione con puntatori

7 Classe rettangolo: progettazione Una classe rappresenta un tipo di entità Esempio, le entità rettangolo Per definirla bisogna decidere Quali sono le informazioni importanti (campi) Quali sono le operazioni su di esso (metodi) Da queste scelte dipende cosa sarà possibile fare con gli oggetti di quel tipo Viceversa, queste scelte dipendono da cosa si vorrà fare con oggetti rettangolo Per la classe rettangolo possiamo scegliere, ad esempio Campi: l (lunghezza), h (altezza) Metodi: perimetro, area Avremmo anche potuto aggiungere Campi: x, y, colore, bordo, orientazione, Metodi: disegna, interseca, sposta,

8 Classe rettangolo: definizione Per definire le classi dobbiamo imparare la loro sintassi I campi si definiscono come nelle strutture (tipo e nome) I metodi (member functions) si definiscono come normali funzioni class rettangolo{ public: int l, h; int perimetro() { return (2*(l+h));} int area() {return (l*h);} }; All interno dei metodi di una classe posso accedere ai campi e agli altri metodi semplicemente col loro nome In questo esempio tutti gli elementi del rettangolo sono public, quindi non si ha incapsulamento: a breve daremo definizioni più raffinate

9 Classe rettangolo: uso Definisco oggetti rettangolo usando il nome della classe come tipo rettangolo r1,r2; Accedo ai campi come a elementi di strutture r1.h = 10; if (r1.l > r1.h) Accedo ai metodi in modo simile cout << r1.perimetro(); if (r2.area() > 5)

10 Esercizio Definire una classe cerchio (ispirandosi alla classe rettangolo) Scrivere un programma che crea un cerchio e ne stampa l area

11 Esercizio (cont) Nel definire la classe cerchio avete dovuto scegliere se memorizzare in un campo il raggio o il diametro Modificare la classe cerchio precedentemente definita cambiando questa scelta (usare il diametro al posto del raggio o viceversa) Il programma precedente funziona anche con la nuova classe cerchio? O dovete cambiare anche altre parti del programma?

12 Incapsulamento Nell esercizio precedente un cambio alla struttura interna del cerchio richiede un cambio del programma che usa il cerchio Questo non va bene Rende il programma difficile da modificare Non posso far sviluppare la classe e il codice che lo usa a persone diverse proprio le cose che la programmazione orientata agli oggetti deve consentire Dipende dal fatto che non abbiamo separato parte pubblica e parte privata L incapsulamento consente ad una classe di nascondere l implementazione (o una sua parte)

13 Public e protected I campi e i metodi di un oggetto possono essere Public: visibili dall esterno Protected: non visibili dall esterno, ma incapsulati dentro class rettangolo{ protected: int l, h; public: void crea(int lun, int alt) {l=lun; h=alt;} int perimetro() { return (2*(l+h));} int area() {return (l*h);} }; Il metodo crea ora è necessario perchè da fuori non vedo più l e h r1.l = 5; ora dà errore

14 Cosa mettere public e cosa mettere protected Dall esterno posso usare solo campi e metodi public Tutto quello che serve all esterno deve essere public Posso modificare campi e metodi protected senza dover modificare i programmi che usano la classe Vorrei avere meno campi e metodi public possibile (information hiding) Ho un trade of Solitamente devono essere protected tutte le informazioni legate all implementazione Tutti i campi I metodi ausiliari In questo caso si parla anche di abstract data type

15 Usare l incapsulamento Modificare la classe cerchio precedente scegliendo il raggio come campo e usando l incapsulamento Cambiare la classe usando il diametro al posto del raggio Nota: questo richiede di cambiare anche i metodi Il programma precedente funziona anche con la nuova classe cerchio? O dovete cambiare anche altre parti del programma?

16 Costruttori Quando si crea un oggetto è necessario inizializzare i suoi campi Se i campi sono public (deprecated!) si può fare dal programma principale Come fare con i campi protected? Notare che solitamente tutti i campi sono protected Occorre un metodo public che li inizializzi In pratica (quasi) ogni oggetto ha bisogno di un metodo che lo inizializzi In C++ questo metodo si chiama costruttore e segue regole particolari

17 Costruttori (cont) Il costruttore ha lo stesso nome della classe Il costruttore non ha nessun tipo di ritorno (neanche void) rettangolo(int lun, int alt) {l=lun; h=alt;} Posso invocare il costruttore in due modi: rettangolo r1=rettangolo(5,6); //normale rettangolo r1(5,6); //abbreviato Da notare che NON posso scrivere r1.rettangolo(5,6); Il costruttore deve essere invocato al momento della dichiarazione dell oggetto

18 Classi: esercizi Definire una classe persona con un opportuno costruttore e metodi presentati e compianno Definire una classe frazione con un opportuno costruttore e metodi stampa, moltiplica e inverso Il metodo moltiplica prende come parametri due frazioni e mette il risultato nella frazione su cui è invocato Il metodo inverso inverte la frazione su cui è invocato Nota: all interno di un metodo di una classe posso usare i campi protected di altri oggetti della stessa classe (ad esempio ricevuti come parametri)

Strutture dati. Il che cosa e il come. F. Damiani - Alg. & Lab. 04/05

Strutture dati. Il che cosa e il come. F. Damiani - Alg. & Lab. 04/05 Strutture dati Il che cosa e il come Il che cosa ed il come Struttura dati: descrive come sono organizzati i dati e come sono realizzate le operazioni su di essi (cioe come si accede ai dati) Specifica

Dettagli

Definizione di classi. Walter Didimo

Definizione di classi. Walter Didimo Definizione di classi Walter Didimo Definizione di classi Fino ad ora abbiamo imparato a: creare oggetti da classi già pronte usare gli oggetti creati, invocando metodi la creazione e l uso di oggetti

Dettagli

Corso di Algoritmi e Strutture dati Programmazione Object- Oriented in Java (Parte I)

Corso di Algoritmi e Strutture dati Programmazione Object- Oriented in Java (Parte I) Corso di Algoritmi e Strutture dati Programmazione Object- Oriented in Java (Parte I) Ing. Gianluca Caminiti Sommario ( OOP ) Programmazione Object-Oriented Incapsulamento, Ereditarietà, Polimorfismo Richiami

Dettagli

Java: Definire Classi e Creare Oggetti

Java: Definire Classi e Creare Oggetti Dipartimento di Informatica, Università degli Studi di Verona Corso di Programmazione per Bioformatica lezione del 21 marzo 2014 Introduzione Programmare con gli Oggetti Un programma Java è costituito

Dettagli

A. Lorenzi, A. Rizzi Java. Programmazione ad oggetti e applicazioni Android Istituto Italiano Edizioni Atlas

A. Lorenzi, A. Rizzi Java. Programmazione ad oggetti e applicazioni Android Istituto Italiano Edizioni Atlas Classi e oggetti A. Lorenzi, A. Rizzi Java. Programmazione ad oggetti e applicazioni Android Istituto Italiano Edizioni Atlas Oggetti La programmazione orientata agli oggetti, OOP (Object-Oriented Programming),

Dettagli

Programmazione ad oggetti

Programmazione ad oggetti Programmazione ad oggetti Tipi di dati Tipo = insieme di valori + insieme di operazioni Es. int: valori:, -2, -1, 0, 1, 2, operazioni:: +,-,*,/,

Dettagli

La programmazione ad oggetti (OOP)

La programmazione ad oggetti (OOP) Oggetti e Classi (CAP 10) Alberto Garfagnini, Marco Mazzocco Università degli studi di Padova 30 Novembre 2011 La programmazione ad oggetti (OOP) È un approccio concettuale alla programmazione (indipendente

Dettagli

14 - Metodi e Costruttori

14 - Metodi e Costruttori 14 - Metodi e Costruttori Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Tipi di Dati Astratti

Tipi di Dati Astratti Tipi di Dati Astratti April 19, 2017 Dati e Tipi di Dato Tipo di dato: concetto di alto livello Macchina fisica: unico tipo di dato sequenze di bit Macchine Astratte: tipi di dato più complessi Tipo di

Dettagli

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList 1 ArrayList Abbiamo detto che gli array non possono cambiare la propria dimensione: il numero di elementi contenuti viene stabilito al momento della creazione

Dettagli

Introduzione alle classi

Introduzione alle classi Introduzione alle classi Corso di Programmazione 3 - Ingegneria dell Informazione e dell Organizzazione 23 ottobre, 2001 Gino Perna Esempi di semplici classi in C++ INTRODUZIONE AGLI OGGETTI Fin dall'inizio

Dettagli

I numeri razionali. Specifica: la sintassi. Specifica: la semantica

I numeri razionali. Specifica: la sintassi. Specifica: la semantica Tipi di dato e strutture dati Specifica e realizzazione di strutture informative come classi Che cos è un tipo di dato? Tutti i linguaggi di programmazione tipati forniscono tipi ed operatori predefiniti

Dettagli

Il paradigma OO e le Classi

Il paradigma OO e le Classi Oggetti e Classi (CAP 10) Alberto Garfagnini Università degli studi di Padova 1 Dicembre 2009 Il paradigma OO e le Classi La programmazione ad Oggetti () è una filosofia di programmazione che si basa sui

Dettagli

Laboratorio di programmazione

Laboratorio di programmazione Laboratorio di programmazione Lezione VIII Tatiana Zolo tatiana.zolo@libero.it 1 PROGRAMMAZIONE A OGGETTI Quando si programma a oggetti si scompone il problema in sottogruppi di parti collegate che tengono

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti

Programmazione Orientata agli Oggetti Programmazione Orientata agli Oggetti Lezione 13 La programmazione ad oggetti si basa su due principi fondamentali ereditarietà polimorfismo Queste due proprietà consentono di definire nuovi tipi di dato

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Puntatori

Introduzione al linguaggio C Puntatori Introduzione al linguaggio C Puntatori Violetta Lonati Università degli studi di Milano Dipartimento di Informatica Laboratorio di algoritmi e strutture dati Corso di laurea in Informatica 19 ottobre 2016

Dettagli

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList

Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Esempio su strutture dati dinamiche: ArrayList Fondamenti di Informatica L-B 1 ArrayList Abbiamo detto che gli array non possono cambiare la propria dimensione: il numero di elementi contenuti viene stabilito

Dettagli

Specifica: la sintassi. Specifica: la semantica. Specifica: la semantica

Specifica: la sintassi. Specifica: la semantica. Specifica: la semantica Tipi di dato e strutture dati Specifica e realizzazione di strutture informative come classi Che cos è un tipo di dato? Tutti i linguaggi di programmazione tipati forniscono tipi ed operatori predefiniti

Dettagli

Programmazione Java Avanzata Programmazione Object- Oriented in Java

Programmazione Java Avanzata Programmazione Object- Oriented in Java Programmazione Java Avanzata Programmazione Object- Oriented in Java Ing. Gianluca Caminiti Testi di Riferimento (Java) Cay Horstmann Concetti di informatica e fondamenti di Java Apogeo, 2007 (Versione

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Paradigma OO Oggetti e Classi Metodi Parametri Variabili di istanza Costruttori Esercizi Paradigma Object-Oriented Il paradigma OO

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti. Emilio Di Giacomo e Walter Didimo

Programmazione Orientata agli Oggetti. Emilio Di Giacomo e Walter Didimo Programmazione Orientata agli Oggetti Emilio Di Giacomo e Walter Didimo Una metafora dal mondo reale la fabbrica di giocattoli progettisti Un semplice giocattolo Impara i suoni Dall idea al progetto Toy

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti Ereditarietà

Programmazione orientata agli oggetti Ereditarietà Programmazione orientata agli oggetti Ereditarietà Fondamenti di Informatica L-B 1 Programmazione basata su oggetti Il modello visto finora costituisce un sottoinsieme del modello orientato agli oggetti

Dettagli

POO in JAVA e Robot EV3

POO in JAVA e Robot EV3 POO in JAVA e Robot EV3 1. Introduzione Dal procedurale agli oggetti La programmazione procedurale Per tutta la classe terza, abbiamo lavorato con un paradigma di programmazione che si chiama procedurale

Dettagli

Implementazione dell albero binario in linguaggio C++

Implementazione dell albero binario in linguaggio C++ Implementazione dell albero binario in linguaggio C++ Costruire il programma per gestire le operazioni su un albero binario. Ogni nodo dell albero contiene un codice e una descrizione; il programma deve

Dettagli

9 - Array. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

9 - Array. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 9 - Array Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea

Dettagli

Implementazione Java di un ADT

Implementazione Java di un ADT Implementazione Java di un ADT Primo passo definire l'interfaccia (API) dell' ADT (l'api descrive i nomi dei metodi che l'adt supporta e come essi sono dichiarati e usati) Secondo passo scrivere il codice

Dettagli

C: panoramica. Violetta Lonati

C: panoramica. Violetta Lonati C: panoramica Violetta Lonati Università degli studi di Milano Dipartimento di Scienze dell Informazione Laboratorio di algoritmi e strutture dati Corso di laurea in Informatica AA 2009/2010 Violetta Lonati

Dettagli

Dati aggregati. Violetta Lonati

Dati aggregati. Violetta Lonati Università degli studi di Milano Dipartimento di Scienze dell Informazione Laboratorio di algoritmi e strutture dati Corso di laurea in Informatica - in breve: Definizione di tipi Array Stringhe Strutture

Dettagli

Object-Oriented Programming

Object-Oriented Programming Object-Oriented Programming Una metodologia di programmazione che consente di modellare la realtà in modo più naturale e vicino all uomo Concetti fondamentali Oggetto Incapsulazione Messaggio Classe Ereditarietà

Dettagli

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali. Esempio Animali

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali. Esempio Animali Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali 1 Ereditarietà, polimorfismo e altri sporchi trucchi Facciamo un esempio che ci permette di comprendere come vengono utilizzate

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti Classi astratte e interfacce

Programmazione orientata agli oggetti Classi astratte e interfacce Programmazione orientata agli oggetti Classi astratte e interfacce Fondamenti di Informatica L-B 1 Classi astratte Java ci consente di definire classi in cui uno o più metodi non sono implementati, ma

Dettagli

Astrazione Dati. Nicola Fanizzi. Linguaggi di Programmazione [010194] 10 mag, Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Bari

Astrazione Dati. Nicola Fanizzi. Linguaggi di Programmazione [010194] 10 mag, Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Bari Astrazione Dati Nicola Fanizzi Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Bari Linguaggi di Programmazione [010194] 10 mag, 2016 Sommario 1 Astrazione dati Incapsulamento Esempio / ADT pila

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE AD ALTO LIVELLO IL LINGUAGGIO JAVA Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Fondamenti di Informatica - Programma Un programma è una formulazione

Dettagli

Tipo di Dato. Abstract Data Types. Tipi di Dato Astratti /2. Tipi di Dato Astratti /1

Tipo di Dato. Abstract Data Types. Tipi di Dato Astratti /2. Tipi di Dato Astratti /1 Università Roma La Sapienza Corsi di Laurea Informatica/Tecnologie Informatiche Abstract Data Types Prof. Stefano Guerrini guerrini@di.uniroma1.it Programmazione II (can. P-Z) A.A. 2005-06 Tipo di Dato

Dettagli

Esempio 2: Subtyping

Esempio 2: Subtyping Esempio 2: Subtyping 22 Subclassing e subtyping Fino ad ora abbiamo trattato l ereditarietà come strumento che consente il riuso flessibile di classi già esistenti mediante l aggiunta o la ridefinizione

Dettagli

Programmazione a Oggetti Lezione 7. Il linguaggio Java: aspetti generali

Programmazione a Oggetti Lezione 7. Il linguaggio Java: aspetti generali Programmazione a Oggetti Lezione 7 Il linguaggio Java: aspetti generali Sommario Obiettivi di JAVA Portabilità: produrre codice eseguibile su più piattaforme (JVM) Affidabilità: Evitare il più possibile

Dettagli

Programmazione ad oggetti

Programmazione ad oggetti Programmazione ad oggetti OOP La programmazione orientata agli oggetti (Object Oriented Programming) ha l obiettivo di formalizzare gli oggetti del mondo reale e di costruire con questi un mondo virtuale.

Dettagli

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali 1 Ereditarietà, polimorfismo e altri sporchi trucchi Facciamo un esempio che ci permette di comprendere come vengono utilizzate

Dettagli

Il linguaggio C. Puntatori e dintorni

Il linguaggio C. Puntatori e dintorni Il linguaggio C Puntatori e dintorni 1 Puntatori : idea di base In C è possibile conoscere e denotare l indirizzo della cella di memoria in cui è memorizzata una variabile (il puntatore) es : int a = 50;

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Lezione 3. Cristian Del Fabbro

Laboratorio di Programmazione Lezione 3. Cristian Del Fabbro Laboratorio di Programmazione Lezione 3 Cristian Del Fabbro Prossima lezione GIOVEDÌ 12 NOVEMBRE ORE 14:00 Array a.k.a. vettore Un array è una collezione ordinata di dati omogenei (cioé sono tutti dello

Dettagli

OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER I DOCENTE: DOTT. FAUSTO DELL ANNO

OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER I DOCENTE: DOTT. FAUSTO DELL ANNO CENTRO STUDI ULISSE Via Buccino, n. 22 - C.a.p. 84018 - Scafati (SA) Tel. Fax. 081.19970299-339.2365416-349.4152010 E-mail: info@centrostudiulisse.it - www.centrostudiulisse.it OCA JAVA 7 SE PROGRAMMER

Dettagli

Uso di classi e oggetti. Prof. Francesco Acarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni

Uso di classi e oggetti. Prof. Francesco Acarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Uso di classi e oggetti Prof. Francesco Acarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San Giovanni Tipi di dati Tipi primitivi: interi Java fornisce otto tipi primitivi indipendenti dall implementazione

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti La classe Object, metodi e classi final, this. Object

Programmazione orientata agli oggetti La classe Object, metodi e classi final, this. Object Programmazione orientata agli oggetti La classe, metodi e classi final, this 1 La classe Negli esempi fatti nella prima parte del corso abbiamo definito alcune classi, per esempio Counter e Orologio, senza

Dettagli

Java Le stringhe. Stringhe

Java Le stringhe. Stringhe Java Le stringhe 1 Le stringhe in Java In Java le stringhe non sono semplicemente array di caratteri terminati con zero come avviene in C In Java le stringhe sono oggetti appartenenti alla classe String

Dettagli

Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java

Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java Fondamenti di Informatica Proprietà delle Classi e degli Oggetti in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Proprietà object-oriented di Java Definendo le caratteristiche e le operazioni di

Dettagli

in più stringhe,... ADT un tipo è caratterizzato dalle operazioni consentite su di esso: un numero è qualcosa che si può moltiplicare, sommare,...

in più stringhe,... ADT un tipo è caratterizzato dalle operazioni consentite su di esso: un numero è qualcosa che si può moltiplicare, sommare,... ADT un tipo è caratterizzato dalle operazioni consentite su di esso: un numero è qualcosa che si può moltiplicare, sommare,... una stringa è qualcosa che si può concatenare, spezzare in più stringhe,...

Dettagli

Allocazione Dinamica della Memoria

Allocazione Dinamica della Memoria Allocazione Dinamica della Memoria Elisa Marengo Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica Elisa Marengo (UNITO) Allocazione Dinamica della Memoria 1 / 10 Scelta delle variabili Quando

Dettagli

Questi lucidi provengono dal capitolo 2 di:

Questi lucidi provengono dal capitolo 2 di: Questi lucidi provengono dal capitolo 2 di: Cay S. Horstmann Concetti di informatica e fondamenti di Java quarta edizione Oggetti e classi Gli oggetti sono entità di un programma che si possono manipolare

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA2 2.1- Funzioni 1 Prerequisiti Programmazione elementare in Java Tecnica top-down Concetto matematico di funzione Compilazione e link di programmi Esecuzione di funzioni

Dettagli

Introduzione ai puntatori in C Definizione

Introduzione ai puntatori in C Definizione Introduzione ai puntatori in C Definizione Un puntatore è una variabile che contiene l indirizzo di un altra variabile Tramite i puntatori si può quindi accedere a un oggetto indirettamente (si usa il

Dettagli

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali. Esempio Animali

Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali. Esempio Animali Classi astratte e progettazione OOP Esempio: l enciclopedia degli animali 1 Ereditarietà, polimorfismo e altri sporchi trucchi Facciamo un esempio che ci permette di comprendere come vengono utilizzate

Dettagli

Esercitazione n 2. Obiettivi

Esercitazione n 2. Obiettivi Esercitazione n 2 Obiettivi Progettazione di una applicazione Java Utilizzo di classi come schemi Utilizzo di costruttori Utilizzo di stringhe Uguaglianza tra oggetti Utilizzo di classi come componenti

Dettagli

Esempio Principio di sostituibilità

Esempio Principio di sostituibilità Ereditarietà E uno dei concetti chiave delle tecniche orientate agli oggetti Esprime le somiglianze tra le classi, semplificando la definizione di una classe e riducendola a una o più classi simili Rappresenta

Dettagli

Abstact Data Type. Abstact Data Type. Pubblico e privato. Struttura di un ADT

Abstact Data Type. Abstact Data Type. Pubblico e privato. Struttura di un ADT Abstact Data Type 2 Abstact Data Type Ver. 2.4 ADT, definisce un concetto astratto e il suo comportamento Viene utilizzato come una scatola nera (oggetto) di cui è visibile solo che cosa fa e non come

Dettagli

Introduzione ai Dati Astratti. Giuliano Armano 1

Introduzione ai Dati Astratti. Giuliano Armano 1 Introduzione ai Dati Astratti Giuliano Armano 1 Terminologia Tipica Perché i dati astratti? A, B, C: procedure S: struttura dati Per accedere ad S le procedure A, B e C devono conoscerne i dettagli! Si

Dettagli

Fondamenti di Programmazione Prof.ssa Elisa Tiezzi. Programmazione orientata a oggetti

Fondamenti di Programmazione Prof.ssa Elisa Tiezzi. Programmazione orientata a oggetti Fondamenti di Programmazione Prof.ssa Elisa Tiezzi Programmazione orientata a oggetti 1 Programmazione OO Concetti base: dati istruzioni Dati: variabili tipi Istruzioni: istruzioni base strutture di controllo

Dettagli

La classe java.lang.object

La classe java.lang.object La classe java.lang.object In Java: Gerarchia di ereditarietà semplice Ogni classe ha una sola super-classe Se non viene definita esplicitamente una super-classe, il compilatore usa la classe predefinita

Dettagli

Introduzione alle classi e agli oggetti. Walter Didimo

Introduzione alle classi e agli oggetti. Walter Didimo Introduzione alle classi e agli oggetti Walter Didimo Classi e oggetti La classe rappresenta l unità di base della programmazione ad oggetti: una classe definisce una tipologia di elementi (cioè una categoria

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti

Programmazione orientata agli oggetti Programmazione orientata agli oggetti La programmazione orientata agli oggetti (OOP, Object Oriented Programming) è un paradigma di programmazione che prevede di raggruppare in un unica entità (la classe)

Dettagli

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale

IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica IL LINGUAGGIO JAVA Input, Tipi Elementari e Istruzione Condizionale Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Lettura di dati da input In Java la lettura di dati da input

Dettagli

18 - Classi parzialmente definite: Classi Astratte e Interfacce

18 - Classi parzialmente definite: Classi Astratte e Interfacce 18 - Classi parzialmente definite: Classi Astratte e Interfacce Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/

Dettagli

Linked Lists. Liste linkate (1) liste linkate ( stack, queues ), trees. Liste linkate come strutture

Linked Lists. Liste linkate (1) liste linkate ( stack, queues ), trees. Liste linkate come strutture Linked Lists Liste linkate () La combinazione di class/struct e puntatori porta alla creazioni di interessanti Abstract Data Type liste linkate ( stack, queues ), trees Liste linkate come strutture struct

Dettagli

Funzioni, Stack e Visibilità delle Variabili in C

Funzioni, Stack e Visibilità delle Variabili in C Funzioni, Stack e Visibilità delle Variabili in C Programmazione I e Laboratorio Corso di Laurea in Informatica A.A. 2016/2017 Calendario delle lezioni Lez. 1 Lez. 2 Lez. 3 Lez. 4 Lez. 5 Lez. 6 Lez. 7

Dettagli

Elementi di Informatica A. A. 2016/2017

Elementi di Informatica A. A. 2016/2017 Elementi di Informatica A. A. 2016/2017 Ing. Nicola Amatucci Università degli studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e Delle Scienze di Base nicola.amatucci@unina.it Programmazione C++ Parte 2

Dettagli

Diagrammi di classe e sistemi orientati agli oggetti

Diagrammi di classe e sistemi orientati agli oggetti Appendice D Diagrammi di classe e sistemi orientati agli oggetti ANDREA GINI Un effetto della strategia di incapsulamento è quello di spingere il programmatore a esprimere il comportamento di un sistema

Dettagli

Funzioni in C. Funzioni. Strategie di programmazione. Funzioni in C. Come riusare il codice? (2/3) Come riusare il codice? (1/3)

Funzioni in C. Funzioni. Strategie di programmazione. Funzioni in C. Come riusare il codice? (2/3) Come riusare il codice? (1/3) Funzioni Il concetto di funzione Parametri formali e attuali Il valore di ritorno Definizione e chiamata di funzioni Passaggio dei parametri Corpo della funzione 2 Strategie di programmazione Riuso di

Dettagli

Refactoring 5 Sposta Metodo. 5 Sposta Metodo. 5 Sposta Metodo - Codice iniziale

Refactoring 5 Sposta Metodo. 5 Sposta Metodo. 5 Sposta Metodo - Codice iniziale Refactoring Un metodo sta usando più caratteristiche (attributi e operazioni) di un altra classe che non quella in cui è definito Crea un nuovo metodo con un corpo simile nella classe che il metodo usa

Dettagli

Lezione 11 programmazione in Java. Anteprima. Gestione della memoria

Lezione 11 programmazione in Java. Anteprima. Gestione della memoria Lezione 11 programmazione in Java Nicola Drago nicola.drago@univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona Anteprima Gestione della Memoria Dati dinamici e statici Il passaggio di parametri

Dettagli

Oggetto software. stati o proprietà (variabili) comportamenti o metodi (funzioni)

Oggetto software. stati o proprietà (variabili) comportamenti o metodi (funzioni) Le classi Oggetto software stati o proprietà (variabili) comportamenti o metodi (funzioni) Bicicletta cambia rapporto 24 kmh rallenta accelera 90 ped/min quinto rapporto istanze e membri di classe Nel

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE

INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE INTRODUZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Definizioni Programmare significa risolvere problemi col computer, cioè far risolvere problemi al computer attraverso un insieme di informazioni

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java

Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Programmazione Orientata agli Oggetti in Linguaggio Java Classi e Oggetti: Metafora Parte a versione 2.2 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima pagina)

Dettagli

Esercitazione: Implementazione in linguaggio C dell ADT. Stack con l utilizzo. di linked list

Esercitazione: Implementazione in linguaggio C dell ADT. Stack con l utilizzo. di linked list Esercitazione: Implementazione in linguaggio C dell ADT Stack con l utilizzo di linked list Laboratorio di Programmazione Introduzione un ADT (Abstract Data Type) è un modello (formale) che generalizza

Dettagli

16 - Ereditarietà, tipi e gerarchie

16 - Ereditarietà, tipi e gerarchie 16 - Ereditarietà, tipi e gerarchie Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo

Dettagli

Programmazione a oggetti

Programmazione a oggetti Programmazione a oggetti Quanti oggetti, tra di loro parlando, fanno programmi. Pilu Crescenzi piluc@dsi.unifi.it Università di Firenze Programmazione a oggetti p.1/32 Cosa è un oggetto Una scatola software

Dettagli

Per capire cos è un oggetto prendiamo spunto dalla vita reale: un oggetto è un automobile, un computer, una casa, e così via

Per capire cos è un oggetto prendiamo spunto dalla vita reale: un oggetto è un automobile, un computer, una casa, e così via Introduzione alle Classi / Oggetti Per capire cos è un oggetto prendiamo spunto dalla vita reale: un oggetto è un automobile, un computer, una casa, e così via Un oggetto può essere definito elencando

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Paradigma OO Incapsulamento Polimorfismo e overloading Esercizi svolti Esercizi proposti Paradigma OO Nella programmazione tradizionale,

Dettagli

Strategie di programmazione

Strategie di programmazione Funzioni Funzioni in C Il concetto di funzione Parametri formali e attuali Il valore di ritorno Definizione e chiamata di funzioni Passaggio dei parametri Corpo della funzione 2 Funzioni in C Strategie

Dettagli

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013

Programmazione a Oggetti e JAVA. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Programmazione a Oggetti e JAVA Prof. B.Buttarazzi A.A. 2012/2013 Sommario Paradigma O.O. Oggetti e Classi Ereditarietà Paradigma Object-Oriented Il paradigma O.O. si ispira all ambiente che ci circonda,

Dettagli

Linguaggio C: PUNTATORI

Linguaggio C: PUNTATORI Linguaggio C: PUNTATORI I puntatori sono una delle più importanti caratteristiche del linguaggio C. Permettono di lavorare a basso livello, mantenendo flessibilità e praticità. Il C utilizza molto i puntatori

Dettagli

Ereditarietà e Polimorfismo

Ereditarietà e Polimorfismo Ereditarietà e Polimorfismo Riusare il software A volte si incontrano classi con funzionalità simili In quanto sottendono concetti semanticamente vicini È possibile creare classi disgiunte replicando le

Dettagli

Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione

Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Tecnologie dell'informazione e della Comunicazione Capitolo 11 Classi e Oggetti Prof. Mauro Gaspari: gaspari@cs.unibo.it Definire nuovi tipi? Abbiamo visto diversi tipi di dato strutturati: stringhe liste

Dettagli

Programmazione a Oggetti Modulo B

Programmazione a Oggetti Modulo B Programmazione a Oggetti Modulo B Design Pattern Dott. Alessandro Roncato 18/10/2011 Design Patters I Design Patters sono soluzioni di progettazione standard e ben collaudate che possono essere usate in

Dettagli

Riassunto: cos è la OOP? classi astratte, interfacce, classi interne. Scaletta. Figura con area()? Figura senza area()? Stefano Mizzaro 1.

Riassunto: cos è la OOP? classi astratte, interfacce, classi interne. Scaletta. Figura con area()? Figura senza area()? Stefano Mizzaro 1. OO in Java: classi astratte, interfacce, classi interne Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione,

Dettagli

Astrazioni sui dati : Specifica di Tipi di Dato Astratti in Java

Astrazioni sui dati : Specifica di Tipi di Dato Astratti in Java Astrazioni sui dati : Specifica di Tipi di Dato Astratti in Java 1 Specifica ed Implementazione di Tipi di Dato Astratti in Java cos è un tipo di dato astratto specifica di tipi di dati astratti un tipo

Dettagli

19 - Eccezioni. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo

19 - Eccezioni. Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java. Paolo Milazzo 19 - Eccezioni Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso

Dettagli

Esempi al calcolatore su: 1) Costruttori ed ereditarietà 2) Subtyping e polimorfismo

Esempi al calcolatore su: 1) Costruttori ed ereditarietà 2) Subtyping e polimorfismo Esempi al calcolatore su: 1) 2) Subtyping e polimorfismo 1 Esempio 1: 2 Introduzione Java prevede due automatismi legati ai costruttori: Se una classe non ha costruttori viene creato automaticamente il

Dettagli

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari

7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari 7 - Programmazione procedurale: Dichiarazione e chiamata di metodi ausiliari Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa

Dettagli

Polimorfismo parametrico vs polimorfismo per inclusione

Polimorfismo parametrico vs polimorfismo per inclusione Polimorfismo parametrico vs polimorfismo per inclusione Esercizio Definire il tipo di dato Stack con operazioni Push( element ) Pop() Non forzare una specifica implementazione Non forzare un tipo specifico

Dettagli

I costruttori. Il costruttore standard. Esempio di valori di default. Alterare il costruttore standard

I costruttori. Il costruttore standard. Esempio di valori di default. Alterare il costruttore standard I costruttori Servono a inizializzare i valori dei campi degli oggetti. Vengono invocati automaticamente dopo che l oggetto è stato creato. Il costruttore standard Questo tipo di costruzione mette dei

Dettagli

Linguaggio C. tipi di dati definiti dall utente. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin

Linguaggio C. tipi di dati definiti dall utente. Università degli Studi di Brescia. Docente: Massimiliano Giacomin Linguaggio C tipi di dati definiti dall utente Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione Università di Brescia 1 Tipi di dati in C Predefiniti

Dettagli

public double getlato() restituisce la lunghezza del lato del quadrato che esegue il metodo.

public double getlato() restituisce la lunghezza del lato del quadrato che esegue il metodo. Cognome................................ Nome................................... Matricola............................... Programmazione Prova scritta del 21 settembre 2015 TEMPO DISPONIBILE: 1 ora e 40

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica Tipi strutturati: Strutture typedef Anno Accademico 2008/2009 Francesco Tortorella

Corso di Fondamenti di Informatica Tipi strutturati: Strutture typedef Anno Accademico 2008/2009 Francesco Tortorella Corso di Fondamenti di Informatica Tipi strutturati: Strutture typedef Anno Accademico Francesco Tortorella Le strutture Gli array permettono la sola aggregazione di variabili dello stesso tipo. Quindi

Dettagli

Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato

Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato Corso di Studi in Informatica Programmazione 1 corso B prof. Elio Giovannetti Introduzione alla Programmazione in Java attraverso un esempio commentato Programmazione 1 B - a.a. 2002-03 53 Modello di memoria

Dettagli

Classi. Oggetti e classi. Creazione e inizializzazione di oggetti in C++ Distruzione di oggetti in C++

Classi. Oggetti e classi. Creazione e inizializzazione di oggetti in C++ Distruzione di oggetti in C++ Informatica 3 Informatica 3 LEZIONE 7: Fondamenti di programmazione orientata agli oggetti (1) Modulo 1: Introduzione: oggetti e classi Modulo 2: Link e associazioni Modulo 3: Aggregazione Lezione 7 -

Dettagli

oggetti: Cenni generali Programmazione ad Ingegneria Informatica e dell'informazione Michelangelo Diligenti

oggetti: Cenni generali Programmazione ad Ingegneria Informatica e dell'informazione Michelangelo Diligenti Programmazione ad oggetti: Cenni generali Michelangelo Diligenti Ingegneria Informatica e dell'informazione diligmic@dii.unisi.it Argomenti Programmazione ad oggetti Motivazioni Classi Metodi e membri

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica

Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Fondamenti di Informatica Il tipo puntatore; l allocazione dinamica della memoria Claudio De Stefano - Corso di Fondamenti di Informatica 1 puntatori una variabile di tipo puntatore al tipo x

Dettagli

Introduzione all OOP!

Introduzione all OOP! Introduzione all OOP! Introdurre l evoluzione dei linguaggi di programmazione e la loro classificazione Introdurre l OOP (astrazione, incapsulamento, ereditarietà) Dal C a Java un primo esempio 1 LINGUAGGI

Dettagli

Linguaggi di Programmazione II Matricole con le due ultime cifre dispari

Linguaggi di Programmazione II Matricole con le due ultime cifre dispari Cognome e Nome: Numero di Matricola: Spazio riservato alla correzione 1 2 3 4 5 6 totale /5 /10 /10 /30 /25 /20 /100 Non usare altri fogli, usare solo lo spazio sottostante. Fogli differenti da questo

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Lezione 4. Cristian Del Fabbro

Laboratorio di Programmazione Lezione 4. Cristian Del Fabbro Laboratorio di Programmazione Lezione 4 Cristian Del Fabbro Prossima lezione Mercoledì 25 novembre ore 8:30-11:00 Classe Una classe descrive degli oggetti tramite: Proprietà/variabili/campi (dati/caratteristiche,

Dettagli

Programmazione orientata agli oggetti Oggetti Composti. Oggetti composti

Programmazione orientata agli oggetti Oggetti Composti. Oggetti composti Programmazione orientata agli oggetti Oggetti Composti 1 - 1 Negli esempi che abbiamo visto finora gli attributi delle classi erano variabili di tipo primitivo E però possibile definire come attributi

Dettagli