DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO"

Transcript

1 DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: 1

2 INTRODUZIONE In tutte le grandi città italiane e del mondo il problema della circolazione degli autoveicoli e tutti i disagi ad esso connessi, quali ad esempio lo spazio di sosta, il rumore o l inquinamento, sono ormai diventati aspetti di vitale importanza cui l attenzione cittadina non può sottrarsi. Un eccessivo tempo utilizzato per cercare un posto libero ove parcheggiare l auto rappresenta un costo economico e sociale per la cittadinanza, in quanto incide negativamente sulla circolazione, comporta un maggiore consumo di carburante ed un maggior inquinamento ambientale (traffico parassita). I rimedi consistono nel creare aree per il parcheggio pubblico accessibili da strade con una diretta connessione con la viabilità principale urbana, diversificando le funzioni e l uso dei parcheggi variamente ubicati e dimensionati sul territorio, secondo il tipo di utenza. 2

3 L EVOLUZIONE DEI PARCHEGGI A TORINO Prima del 1990, nella città di Torino non erano praticamente presenti parcheggi in struttura pubblici. Dal 1994 in poi, contestualmente all istituzione delle prime zone di sosta a pagamento nel centro storico, sono stati attivati diversi parcheggi in struttura, giungendo ad un totale di ben 32 autorimesse interrate o fuori terra e 4 parcheggi a barriera, per un totale di posti auto. Si può affermare che ad oggi è stato praticamente concluso il sistema di parcheggi a corona del centro storico, che per la loro particolare ubicazione di attestamento favoriscono lo spostamento a piedi o sui mezzi pubblici nel centro cittadino. Attraverso la realizzazione dei parcheggi in area centrale si è fatto fronte a carenze puntuali di spazi per la sosta e sono state liberate grandi porzioni di spazio pubblico dalla sosta, consentendone la riqualificazione e la pedonalizzazione. 3

4 L EVOLUZIONE DEI PARCHEGGI A TORINO È stata inoltre avviata la realizzazione del sistema dei parcheggi di l interscambio con le linee forti del trasporto pubblico locale. Sono stati infine realizzati numerosi parcheggi a servizio di strutture specializzate (ospedali, mercati, università ecc.) e di poli ad alta densità di traffico e carenza di sosta. Per raggiungere tali risultati, la Città di Torino, come altre città italiane, si è dotata nel tempo di adeguati strumenti programmatori con il fine di migliorare progressivamente le dotazioni e la qualità della mobilità e della sosta cittadina. 4

5 IL P.U.T. (Piano urbano del Traffico) Il primo strumento di programmazione ad occuparsi anche di parcheggi è il PUT. Il 26 settembre 1995 il Consiglio Comunale di Torino approvò il primo Piano Urbano del Traffico (P.U.T. 95). Successivamente, il 19 giugno 2002 il Consiglio Comunale ha approvato Piano Urbano del Traffico (P.U.T. 2001), che si pone in continuità con il P.UT e recepisce gli obiettivi generali del Piano Generale del Traffico e Mobilità dell Area Metropolitana Torinese (P.G.T.U.), individuando i criteri e le azioni di intervento da perseguire. 5

6 FINALITA DEL P.U.T. Garantire la mobilità dei cittadini riducendo i livelli di traffico e le situazioni di congestione Aumentare la competività del trasporto pubblico nei confronti del trasporto privato Limitare l inquinamento ambientale Realizzare un programma di gestione telematica del trasporto pubblico urbano, finalizzato a migliorare la regolarità del servizio Creare o adeguare nodi in cui avviene l interscambio tra i diversi mezzi di trasporto Realizzare parcheggi di interscambio la cui funzione è di dirottare sul sistema di trasporto pubblico quote non trascurabili di mobilità privata Realizzazione di interventi complementari per la mobilità alternativa (piste ciclabili, bike sharing, etc..) 6

7 IL P.U.P (Programma Urbano dei Parcheggi) Il programma urbano dei parcheggi viene introdotto dalla legge 122/1989 con lo scopo di migliorare l organizzazione e la progettazione delle zone destinate ai parcheggi e di conseguenza rendere più fluida la condizione del traffico nelle aree più congestionate della città. Rappresenta quindi lo strumento di programmazione per affrontare in termini organici il problema della realizzazione di parcheggi pubblici. Sulla base di un analisi del fabbisogno pregresso il PUP ha il compito di indicare localizzazioni, dimensionamenti, priorità d intervento e tempi di attuazione, articolando l offerta programmata dei parcheggi in tutte le tipologie previste dalla legge, e privilegiando quelli di interscambio con i mezzi di trasporto collettivo. Sono obbligate alla formazione del programma urbano dei parcheggi le grandi città tra cui Torino (art.6) e altri eventuali Comuni individuati dalle Regioni (art.3). 7

8 IL P.U.P: LE AGEVOLAZIONI La legge 122/89 disciplina lo studio della sosta prevedendo delle agevolazioni per gli interventi pubblici inseriti nei programmi triennali: a) agevolazioni economiche grazie a finanziamenti statali, i contributi ex lege 122/89, che per Torino ammontano ad un totale di ,00 euro (di cui ,00 già utilizzati). b) agevolazioni urbanistiche, in quanto il P.U.P. oltre a essere uno strumento di progettazione attuativo, si pone come uno strumento complementare di pianificazione, andando ad integrare e modificare gli strumenti urbanistici vigenti (PRG). c) altre agevolazioni: i comuni posso provvedere in proprio alla progettazione, esecuzione e gestione dei parcheggi previsti dal piano, ovvero affidarle a privati mediante concessione, anche in diritto di superficie, secondo quanto previsto dalla legge; possono inoltre consentire la realizzazione dei parcheggi di pertinenza di immobili privati, su aree comunali o nel sottosuolo delle stesse, con agevolazioni fiscali. 8

9 IL P.U.P DELLA CITTÀ DI TORINO Il primo Programma Urbano dei Parcheggi, predisposto dalla Città in ottemperanza alle disposizioni della Legge 24 marzo 1989 n. 122, fu approvato con deliberazione del Consiglio comunale del 21 marzo OBIETTIVI PUP 1990: Realizzazione di parcheggi in struttura per eliminare la sosta a raso e recuperare vie e piazze alla pedonalità Realizzazione di parcheggi di attestamento per limitare l accesso alle aree centrali della città Realizzazione di parcheggi pertinenziali per soddisfare la richiesta di posti auto da parte dei residenti 9

10 IL P.U.P DELLA CITTÀ DI TORINO Pur subendo nel corso del tempo modificazioni ed integrazioni in base alle diverse esigenze emerse, gran parte degli interventi previsti sono stati programmati, progettati ed attuati. Successivamente nel 2002 è stato approvato dal Consiglio Comunale il PUP OBIETTIVI PUP 2001: Realizzazione di parcheggi di interscambio Completamento e realizzazione di parcheggi di attestamento a corona del centro storico Realizzazione di parcheggi per funzione prevalente a servizio di poli di servizio (ospedali, università, insediamenti terziari). 10

11 IL P.U.M.S. (Piano Urbano della Mobilità Sostenibile) ll Piano Urbano della Mobilità Sostenibile è lo strumento di pianificazione della mobilità definito dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e richiesto dalla Regione Piemonte. Il nuovo Piano promuove un sistema integrato di trasporto urbano, favorendo l'intermodalità tra il trasporto privato e pubblico. Scopo principale del PUMS è quello di far diventare più competitivo il trasporto collettivo e disincentivare gli spostamenti individuali. In tal modo è possibile ridurre la congestione del traffico e migliorare l'accessibilità alle funzioni urbane. Fra le azioni rivolte al miglioramento della qualità dell ambiente, il nuovo Piano prevede il riordino della sosta superficiale, il sostegno alla realizzazione di parcheggi pertinenziali privati sotto il suolo pubblico e la costruzione di nuove strutture pubbliche dedicate alla sosta, sotto o sopra suolo, anche attraverso il riutilizzo di immobili dismessi. 11

12 PARCHEGGI PUBBLICI: TIPOLOGIE E FINALITA A. INTERSCAMBIO Sono finalizzati a ridurre l afflusso di veicoli privati nei centri storici attraverso l interscambio con i sistemi di trasporto collettivo urbano ed extraurbano Già realizzati: Caio Mario, Stura (linea 4) per un totale di 1270 posti auto Sofia (linea 18) di 280 posti auto Venchi Unica (linea 1 della metropolitana) di 450 posti auto Di prossima realizzazione: Piazza Bengasi (linea 1 della metropolitana) di 700 posti auto 12

13 PARCHEGGI PUBBLICI: TIPOLOGIE E FINALITA B. INTERSCAMBIO INTERNO E ATTESTAMENTO AL CENTRO Sono situati al di fuori del centro storico e finalizzati a favorire la fluidità del traffico veicolare. Sono ubicati principalmente in zone residenziali e commerciali particolarmente dense. Già realizzati: Vittorio, Valdo Fusi, Palazzo, Stati Uniti per un totale di posti auto Di prossima realizzazione Ferraris, di 517 posti auto 13

14 PARCHEGGI PUBBLICI: TIPOLOGIE E FINALITA C. PARCHEGGI PER FUNZIONE PREVALENTE Sono finalizzati ad agevolare la fruizione di aree pedonali in vicinanza di stazioni ferroviarie, poli ospedalieri, mercatali ed universitari. Già realizzati: Molinette, Fontanesi, Madama Cristina per un totale di 1657 posti auto Di prossima realizzazione Porta Nuova, di 300 posti auto 14

15 PARCHEGGI PUBBLICI: MODALITA REALIZZATIVE 1) INTERVENTI IN REGIME DI CONCESSIONE DI LL.PP. La Città fornisce ai partecipanti alla gara un progetto preliminare o un progetto definitivo dell opera che viene posto come base per poter permettere ai concorrenti di predisporre il proprio progetto esecutivo. Quindi il concessionario realizza l opera e la controprestazione a suo favore consiste nel diritto di sfruttare economicamente la gestione del parcheggio ed eventualmente subconcedere parte di posti a privati. Sono stati realizzati con tale modalità i parcheggi Emanuele Filiberto (210 posti), Palazzo (853 posti), Bolzano (858 posti), Madama Cristina (338 posti), Stati Uniti 2 (500 posti), Vittorio (620 posti). 15

16 PARCHEGGI PUBBLICI: MODALITA REALIZZATIVE 2) INTERVENTI GTT La Città ha individuato il Gruppo Torinese Trasporti (GTT) per poter costruire autorimesse tramite l utilizzo degli utili della sosta a pagamento o finanziamenti da parte della Città. Nel 1999, e poi ultimamente nel 2012, è stato approvato un Contratto di servizio tra la Città e il GTT regolante i rapporti tra i due Enti in merito alla realizzazione e gestione di parcheggi sia a raso sia in struttura. Il GTT, pertanto, è stato individuato quale soggetto cui prioritariamente affidare la realizzazione di parcheggi pubblici. La città redige un progetto preliminare sulla base del quale il GTT predispone le fasi successive della progettazione e quindi appalta i lavori e gestisce il parcheggio. Sono stati realizzati con tale modalità i parcheggi Valdo Fusi (675 posti), Stura (600 posti), Sofia (280 posti). 16

17 PARCHEGGI PUBBLICI: MODALITA REALIZZATIVE 3) APPALTI DIRETTI DELLA CITTA La Città cura la progettazione completa dell opera tramite professionalità interne ed esterne e ne appalta la realizzazione. L esecuzione viene realizzata attraverso Direzione Lavori affidata a professionisti interni e/o esterni all ente. Una volta realizzata la struttura la affida in concessione d uso al GTT, che la gestisce nell ambito del contratto di servizio. Con tale modalità sono stati realizzati i parcheggi San Carlo (378 posti) e Venchi Unica (450 posti). 17

18 PARCHEGGI PUBBLICI: MODALITA REALIZZATIVE 4) INTERVENTI NELL AMBITO DI PIANI CONVENZIONATI Nell ambito di Strumenti Urbanistici Esecutivi e quindi Concessioni Convenzionate tra la Città ed i privati, questi ultimi talvolta realizzano strutture a parcheggio quali standard urbanistici, che poi vengono cedute in proprietà al Comune di Torino. Tali autorimesse vengono affidate in concessione d uso al GTT, che realizza anche le opere di completamento ed attrezzaggio, quando non sono eseguite direttamente dai concessionari a scomputo degli oneri per opere di urbanizzazione. Con tale modalità sono stati realizzati il parcheggio Santo Stefano (381 posti a rotazione), Buenos Aires (105 posti), Sebastopoli (107 posti), Modena (48 posti). 18

19 I GESTORI DEI PARCHEGGI PUBBLICI: CONCESSIONARI VANTAGGI: 1. Autofinanziamento: l opera è finanziata in parte con capitale privato, consentendo una riduzione degli investimenti da parte dell Amministrazione; 2. Tempi per l ultimazione dell opera mediamente più rapidi: il concessionario ha tutto l interesse a completare il parcheggio nel più breve tempo possibile, al fine di poter sfruttare economicamente la gestione dello stesso; 3. Qualità progettuale: garanzie nella qualità della progettazione, che è uno dei criteri di valutazione per la scelta del concessionario; 4. Garanzie maggiori nella qualità dell opera: il concessionario, dovendo poi gestire e mantenere la struttura, si impegna a garantirne una buona qualità. 19

20 I GESTORI DEI PARCHEGGI PUBBLICI: CONCESSIONARI SVANTAGGI: 1. Gestione tipicamente privata del parcheggio realizzato, finalizzata essenzialmente al puro ritorno economico. 2. Possibili rapporti conflittuali con la P.A., per l eventuale richiesta di maggiori oneri (lavori non previsti, investimenti maggiori di quelli preventivati, ecc..) o in caso di variazioni sul servizio offerto; 3. Applicazione tariffe e aggiornamento: sono necessari da parte dell Amministrazione un continuo monitoraggio e controllo perché i prezzi siano contenuti e in linea con quanto disposto dalla committenza; 4. Possibili difficoltà nella gestione di rapporti con l esterno (residenti, commercianti, ecc.). 20

21 VANTAGGI: I GESTORI DEI PARCHEGGI PUBBLICI: GTT 1. Applicazione tariffe e aggiornamento: l Amministrazione ha più libertà nel calibrare le tariffe in base alle esigenze dell utenza e maggior autonomia ne loro aggiornamento; 2. Gestione unitaria: è improntata a standard qualitativi unitari per tutte le strutture; 3. Flessibilità: maggior flessibilità del servizio e migliore coordinamento con la Città di Torino; 4. Valore del servizio, inteso come sintesi tra la capacità di soddisfare i clienti e l economicità di erogazione 5. Maggior facilità nell integrare l utilizzo del trasporto pubblico e dei parcheggi (interscambio) 21

22 I GESTORI DEI PARCHEGGI PUBBLICI: GTT SVANTAGGI: 1. Iter progettuale e realizzativo mediamente più lungo; 2. Maggiori difficoltà di coordinamento tra i vari soggetti coinvolti, sia in fase progettuale e che nell esecuzione dell appalto; 3. Affidamento dei lavori ad asta pubblica: il mancato rispetto dei tempi di realizzazione dei lavori da parte dell appaltatore comporta generalmente tempi di completamento mediamente più lunghi rispetto alle previsioni. 22

23 23

24 I PARCHEGGI PUBBLICI A TORINO 24

25 I PARCHEGGI NELL AREA CENTRALE PARCHEGGI ESISTENTI E DI PROSSIMA REALIZZAZIONE Integrati con le linee di forza del trasposto pubblico LEGENDA CONFINE COMUNALE n NOME PARCHEGGI ESISTENTI n NOME PARCHEGI IN COSTRUZIONE O DI PROSSIMA REALIZZAZIONE AREA SOSTA A PAGAMENTO TRASPORTO PUBBLICO LINEA 1 METRO ESISTENTE LINEA 1 METRO PROLUNGAMENTO LINEA TRANVIARIA 4 LINEA TRANVIARIA 4 PROLUNGAMENTO LINEA TRANVIARIA 18 LINEA TRANVIARIA 18 PROLUNGAMENTO RETE FERROVIARIA / STAZIONI/ FERMATE DEL PASSANTE STAZIONI FERROVIARIE PREVISTE 25

26 ESEMPI DI PARCHEGGI NELL AREA CENTRALE STATI UNITI 500 posti totali Realizzazione tramite Concessione di LLPP Ente Appaltante Città di Torino Apertura 2001 Gestione Apcoa 26

27 ESEMPI DI PARCHEGGI NELL AREA CENTRALE VALDO FUSI 675 posti totali Realizzazione tramite asta pubblica Ente Appaltante GTT Apertura 2004 Gestione GTT 27

28 ESEMPI DI PARCHEGGI IN STRUTTURA REALIZZATI SANTO STEFANO 500 posti auto Realizzazione privata nell ambito di un piano esecutivo convenzionato Apertura 2005 Gestione GTT 28

29 ESEMPI DI PARCHEGGI NELL AREA CENTRALE SAN CARLO/ROMA 820 posti totali Realizzazione tramite asta pubblica Ente Appaltante Città di Torino Apertura 2006 Gestione GTT 29

30 ESEMPI DI PARCHEGGI NELL AREA CENTRALE VITTORIO 620 posti totali Realizzazione tramite Concessione di LLPP Ente Appaltante Città di Torino Apertura 2006 Gestione Parcheggi Italia 30

31 DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: I PARCHEGGI DI INTERSCAMBIO 31

32 ESEMPI DI PARCHEGGI DI INTERSCAMBIO STURA 600 posti auto Realizzazione tramite asta pubblica Ente Appaltante GTT Apertura 2006 Gestione GTT 32

33 ESEMPI DI PARCHEGGI DI INTERSCAMBIO SOFIA 281 posti auto Realizzazione tramite asta pubblica Ente Appaltante GTT Apertura 2007 Gestione GTT 33

34 ESEMPI DI PARCHEGGI DI INTERSCAMBIO VENCHI UNICA 450 posti auto Realizzazione tramite asta pubblica Ente Appaltante Città di Torino Apertura 2011 Gestione GTT 34

35 I PARCHEGGI PER FUNZIONE PREVALENTE (ospedali) 35

36 ESEMPI DI PARCHEGGI PER OSPEDALI D AZEGLIO GALILEI 229 posti auto Realizzazione tramite asta pubblica Ente Appaltante GTT Apertura 2000 Gestione GTT 36

37 ESEMPI DI PARCHEGGI PER OSPEDALI NIZZA CARDUCCI 375 posti auto Realizzazione tramite asta pubblica Ente Appaltante GTT Apertura 2000 Gestione GTT 37

38 ESEMPI DI PARCHEGGI PER OSPEDALI FONTANESI 365 posti auto Realizzazione tramite asta pubblica Ente Appaltante GTT Apertura 2002 Gestione GTT 38

39 ESEMPI DI PARCHEGGI PER OSPEDALI MOLINETTE 930 posti auto Realizzazione tramite asta pubblica Ente Appaltante GTT Apertura 2006 Gestione GTT 39

Divisione Infrastrutture e Mobilità

Divisione Infrastrutture e Mobilità Divisione Infrastrutture e Mobilità Piano Urbano del Traffico e della mobilità delle persone (PUT 2001) Programma Urbano dei Parcheggi (PUP 2001) (Approvato con Del. C.C. 00155/006 del 19/06/2002) Il Piano

Dettagli

RELAZIONE ARTICOLATA

RELAZIONE ARTICOLATA Il presente DDL persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di accessibilità e di mobilità nelle aree urbane del territorio ligure e a tal fine, detta disposizioni per la definizione e il finanziamento

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DEL TRAFFICO DELL AREA CENTRALE

PIANO ESECUTIVO DEL TRAFFICO DELL AREA CENTRALE PIANO ESECUTIVO DEL TRAFFICO DELL AREA CENTRALE Torino, 6 aprile 2004 PUT 2001 Il nuovo Piano Urbano dei Traffico (P.U.T. 2001), approvato dal Consiglio Comunale il 19.06.2002, ha previsto nel documento

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 Adozione del nuovo Piano Urbano del Traffico contenente riferimenti al Piano Integrato della Mobilità e degli Orari e Programma Urbano dei Parcheggi.

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI 1. Introduzione I PIANI URBANI DELLA MOBILITA (PUM) Linee

Dettagli

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU (redatto il 4 dicembre 2014) 1 SINTESI... 1 2 IL PGTU... 1 2.1 IL PGTU IN BREVE... 2 2.2 LE 6 AREE DI ROMA...

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani;

Approva l Accordo a Latere sottoscritto dal Comune con R.F.I. S.p.A. e FS Sistemi Urbani; PROGETTO PEOPLE MOVER 16 luglio 2011 A cura di Comune di Pisa, SAT e PISAMO Contenuti della delibera del 14 luglio 2011 Contenuti Prende atto dell Accordo di Programma siglato in data 13 aprile 2011 da

Dettagli

Preambolo. a) SVILUPPARE L'USO DELLA BICICLETTA QUALE MEZZO DI TRASPORTO ALTERNATIVO AI MEZZI MOTORIZZATI; b) AGEVOLARE IL TRAFFICO CICLISTICO.

Preambolo. a) SVILUPPARE L'USO DELLA BICICLETTA QUALE MEZZO DI TRASPORTO ALTERNATIVO AI MEZZI MOTORIZZATI; b) AGEVOLARE IL TRAFFICO CICLISTICO. REGIONE: PIEMONTE LEGGE REGIONALE 17 APRILE 1990, n. 33 (G.U. n. 040 SERIE SPECIALE N. 3 del 13/10/1990 - BU n. 017 del 24/04/1990) INTERVENTI PER LA PROMOZIONE DELLA BICICLETTA COME MEZZO DI TRASPORTO,

Dettagli

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano La città che cambia Per ospitare eventi Con un grande parco urbano Variante al piano strutturale per nuove funzioni pubbliche e strutture di servizio complementari all aeroporto Comune di Pisa Perchè la

Dettagli

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Roma Risorse per Roma Spa Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Piano

Dettagli

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Comunità Montana della Valle Trompia Comuni di: Gardone V.T., Sarezzo, Marcheno, Vila Carcina, Concesio AUTOVEICOLI CIRCOLANTI OGNI 1.000 ABITANTI Numero di automobili

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

COMUNE DI LOMBRIASCO

COMUNE DI LOMBRIASCO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI LOMBRIASCO CRITERI PER L INSEDIAMENTO DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN ATTUAZIONE DEL D.LGS. 31 MARZO 1998 N. 114, DELLA LEGGE REGIONALE 12 NOVEMBRE 1999 N.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VINOVO (Provincia di Torino) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Delibera n 26/GC ====================================================================== OGGETTO: Attivazione del servizio

Dettagli

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 Dott.ssa Maria Pia Redaelli Direttore Funzione Specialistica Autorità di Gestione FSE E FESR 2014-2020, Programmazione Europea e Politiche Di Coesione

Dettagli

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA La Provincia di Venezia, CF 80008840276 con sede in Venezia,

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020

La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020 La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020 CESARE LAPIANA Assessore all Ambiente del Comune di Palermo La mobilità nella Città di Palermo 1. MANCANZA DI FLESSIBILITÀ NEL COMPLESSO

Dettagli

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A.

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. Torino, Palazzo del Lavoro Veicolo societario 100% Pentagramma Piemonte S.p.A. (50% CDP Immobiliare S.r.l. - 50% G.E.F.I.M.) Localizzazione L edificio del Palazzo del Lavoro

Dettagli

Patti Territoriali della Provincia di Torino

Patti Territoriali della Provincia di Torino Patti Territoriali della Provincia di Torino Progetti infrastrutturali Area Attività produttive Progetti infrastrutturali dei Patti della Provincia di Torino I Patti Territoriali possono essere valutati

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE Premesso che: - la congestione del traffico automobilistico richiede soluzioni plurime ed un approccio che integri diverse tecniche di governo della mobilità, quali il controllo degli

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

CONFERENZA STAMPA 12/02/2015

CONFERENZA STAMPA 12/02/2015 PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI BERGAMO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO CDP INVESTIMENTI SGR S.P.A. PER LA RIQUALIFICAZIONE E RICONVERSIONE FUNZIONALE DELLA SEDE STORICA DEGLI OSPEDALI RIUNITI DI

Dettagli

IL MOBILITY MANAGEMENT

IL MOBILITY MANAGEMENT IL MOBILITY MANAGEMENT L. BERTUCCIO, E. CAFARELLI Euromobility Associazione Mobility Manager Dei 24 capoluoghi di provincia con un numero di abitanti superiore a 150.000 unità non tutti hanno fornito l

Dettagli

INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE

INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE Seminario Politiche, prospettive e strategie in tema di mobilità sostenibile e sicurezza stradale INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE 24 maggio 2010 Salone d onore del

Dettagli

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Marco D Onofrio Direttore Divisione 3 della Direzione Generale TPL, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Coordinato

Dettagli

Il Metabolismo della Città

Il Metabolismo della Città Il Metabolismo della Città Mobilità e trasporti Punti di Attenzione/Approfondimento Scelte di fondo: auto e parcheggi per tutti o trasporto pubblico? Compatibilità tra qualità urbana e flussi di traffico.

Dettagli

COMUNE DI MELICUCCA. Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it STUDIO DI FATTIBILITA

COMUNE DI MELICUCCA. Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it STUDIO DI FATTIBILITA COMUNE DI MELICUCCA Provincia di Reggio Calabria www.comune.melicucca.rc.it Sommario STUDIO DI FATTIBILITA PROJECT FINANCING INTERVENTO INSERITO NEL BILANCIO 2010-2012 REALIZZAZIONE DELL AMPLIAMENTO DEL

Dettagli

SISTEMI URBANI Accessibilità metropolitana Fiera di Milano Nodo d'interscambio AC/SFR/MM trasporto pubblico e privato su gomma SCHEDA N.

SISTEMI URBANI Accessibilità metropolitana Fiera di Milano Nodo d'interscambio AC/SFR/MM trasporto pubblico e privato su gomma SCHEDA N. SISTEMI URBANI Accessibilità metropolitana Fiera di Milano Nodo d'interscambio AC/SFR/MM trasporto pubblico e privato su gomma SCHEDA N. 91 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: B41I07000140005

Dettagli

SISTEMI URBANI Torino metropolitana (Linea 1 tratte 3, 4 e 6) Linea 1 - Prolungamento sud -Tratta funzionale 4: Lingotto-Nizza-Bengasi SCHEDA N.

SISTEMI URBANI Torino metropolitana (Linea 1 tratte 3, 4 e 6) Linea 1 - Prolungamento sud -Tratta funzionale 4: Lingotto-Nizza-Bengasi SCHEDA N. SISTEMI URBANI Torino metropolitana (Linea 1 tratte 3, 4 e 6) Linea 1 - Prolungamento sud -Tratta funzionale 4: Lingotto-Nizza-Bengasi SCHEDA N. 93 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE:

Dettagli

REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE

REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE 29 APRILE 1996, n.16 (G.U. n. 036 SERIE SPECIALE N. 3 del 14/09/1996 - BU n. 032 del 09/05/1996) INTERVENTI PER INCENTIVARE L'USO DELLA BICICLETTA E PER LA CREAZIONE DI

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA PROPOSTE DI RIQUALIFICAZIONE VIABILISTICA rapporto finale luglio 2009 Ing. Ivan Genovese ig@mobiliter.it CONTENUTI A. INQUADRAMENTO

Dettagli

Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna

Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna Esperienze e prospettive future degli ITS in Regione Sardegna Antonello Pellegrino Direttore del Servizio della pianificazione e programmazione dei sistemi di trasporto Cagliari, 26.06.2013 Riferimenti

Dettagli

1. INQUADRAMENTO LEGISLATIVO

1. INQUADRAMENTO LEGISLATIVO 1. INQUADRAMENTO LEGISLATIVO Il primo Programma Triennale dei Servizi della Regione Abruzzo vede la luce nell ambito della redazione del PRIT ed in un momento di generale incertezza a livello nazionale

Dettagli

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI 3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI Per descrivere lo stato attuale del sistema della mobilità è stata predisposta una banca dati che ha sistematizzato su supporti informatici condivisi tutte le informazioni

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI - Lezione 1 - Prof. Domenico Gattuso domenico.gattuso@unirc.it 0965/875218 Domenico Gattuso 1 CONTENUTI Nomenclatura di base Processo di Pianificazione

Dettagli

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Preparato da Fulvio Bartolucci Area Sicurezza&Ambiente Data 11 Giugno 2002 Sommario 1. Premessa 2 2. Riferimenti normativi 2 3. Definizioni 4 3.1 Le Zone

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 OGGETTO: Comune di Torino. Intervento di ristrutturazione del Palazzo del Lavoro Italia 61. Indirizzi dell Ente di gestione L anno duemilanove

Dettagli

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI MOBILITA CICLISTICA A MILANO MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI BICICLETTA elaborato: presentazione codifica: 120100013_00 data: 17/05/2012 redatto: Veronica Gaiani verificato:

Dettagli

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport...

2.2. Adeguamento alle N.T.A del P.R.G... 3. 2.3. Adeguamento di aree classificate come aree per spazi pubblici a parco, per il gioco e lo sport... SOMMARIO: 1. PREMESSA... 1 2. CONTENUTI DELLA VARIANTE... 2 2.1. Soppressione di un'area classificata come aree turistiche di nuovo impianto dal P.R.G. Vigente e inserimento di previsione di area per impianti

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

2 Programmi integrati per la mobilità (P.I.M.)

2 Programmi integrati per la mobilità (P.I.M.) LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PROGRAMMI INTEGRATI PER LA MOBILITA AI SENSI DELLA L.R. N. 25/2008 1 Premessa La legge regionale n. 25 del 25.07.08 persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Piano Nazionale di edilizia abitativa Visto il decreto legge 25 giugno 2008, n 112 convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n 133, recante

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente

LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA. Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Legge 1986022 Pagina 1 di 5 LEGGE REGIONALE N. 22 DEL 4-07-1986 REGIONE LOMBARDIA Promozione dei programmi integrati di recupero del patrimonio edilizio esistente Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE

Dettagli

Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio aprile 2012. Parcheggi

Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio aprile 2012. Parcheggi Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio aprile 2012 Parcheggi Vi sono tre categorie di parcheggi, soggetti a discipline diverse: 1) i parcheggi "liberi",

Dettagli

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA Delib. n. 343-6.8.2013 N. 74658 P.G. OGGETTO: Area Centro Storico e Servizi Tecnici. Settore Logistica Tecnica. Area Gestione del Territorio Settore Urbanistica. Acquisizione

Dettagli

7. CONCLUSIONI E MODALITA DI ATTUAZIONE

7. CONCLUSIONI E MODALITA DI ATTUAZIONE 7. CONCLUSIONI E MODALITA DI ATTUAZIONE Il Comune di Brugherio ha affidato al Centro Studi Traffico di Milano l incarico per la redazione del Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU), che rappresenta

Dettagli

Deliberazione n. 274. Approvazione del "Piano degli interventi per il Giubileo" ai sensi del comma 1-bis dell'art. 10 del D.Lgs. n. 61/2012.

Deliberazione n. 274. Approvazione del Piano degli interventi per il Giubileo ai sensi del comma 1-bis dell'art. 10 del D.Lgs. n. 61/2012. Protocollo RC n. 22376/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 6 AGOSTO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di giovedì sei del mese di agosto, alle ore 13,00,

Dettagli

9 Destinare le aree inedificate alla creazione di interventi che promuovano l identità e l aggregazione del quartiere.

9 Destinare le aree inedificate alla creazione di interventi che promuovano l identità e l aggregazione del quartiere. SNTESI QUARTIERI CHIAVRIS, PADERNO, MOLIN NUOVO, ANCONA AVVERTENZE GENERALI Si precisa che i report degli incontri della fase di ascolto sono stati elaborati sulla base delle annotazioni che l Ufficio

Dettagli

Progettazione della circolazione urbana

Progettazione della circolazione urbana Norme per i Piani Urbani del Traffico (PUT): Art. 36 del C.d.S. Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT (D.M. LL.PP. G.U. del 24.06.1995, n 146) [redatte su indicazioni del CIPET] 1

Dettagli

1. INSERIMENTO URBANISTICO

1. INSERIMENTO URBANISTICO A.S.A. Azienda Servizi Ambientali Comune di Pomarance OPERE DI COLLETTAMENTO DELLA RETE FOGNARIA AL NUOVO DEPURATORE RELAZIONE INSERIMENTO URBANISTICO Data Aprile 2015 Codice PGI G089-0636-000 Codice Commessa

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

VARIANTE AL PRG VIGENTE

VARIANTE AL PRG VIGENTE Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA IN VARIANTE AL PRG VIGENTE PER LA TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E IN DISMISSIONE E IL POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO MILANESE.

Dettagli

Azioni per la mobilità sostenibile

Azioni per la mobilità sostenibile Azioni per la mobilità sostenibile 2004: PIANO INTEGRATO DELLA CICLABILITA e diversi interventi 1) PIANO INTEGRATO DELLA CICLABILITA Obiettivo: individuare la rete ciclabile di collegamento degli 11 comuni

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo Assessorato ai Trasporti Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo La mobilità delle persone in ambito urbano

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEI PROGRAMMI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE

BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEI PROGRAMMI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE BANDO DI GARA PER LA SELEZIONE DEI PROGRAMMI DI RIQUALIFICAZIONE URBANA PER ALLOGGI A CANONE SOSTENIBILE Art. 1 Finanziamento degli interventi di ERS nell ambito di programmi di riqualificazione urbana

Dettagli

2002 - Aggiornamento CT0702us05 VOCE T 7.2 LST/V,1

2002 - Aggiornamento CT0702us05 VOCE T 7.2 LST/V,1 LEGGE 24 marzo 1989, n. 122 «Disposizioni in materia di parcheggi, programma triennale per le aree urbane maggiormente popolate, nonché modificazioni di alcune norme del testo unico sulla disciplina della

Dettagli

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione N. 141 OGGETTO: NOMINA DEL MOBILITY MANAGER D AREA DEL COMUNE DI NOVARA ATTO DI INDIRIZZO. L anno duemilaquattordici,

Dettagli

Dom. c) Per muoversi in città quale mezzo utilizza principalmente? L auto La moto/ il motorino I mezzi pubblici La bici Va a piedi Altro

Dom. c) Per muoversi in città quale mezzo utilizza principalmente? L auto La moto/ il motorino I mezzi pubblici La bici Va a piedi Altro Dom. a) L area in cui risiede è: Nel centro storico In centro città ma non nel centro storico In altri quartieri Dom. b) Nell area in cui risiede, attualmente: C'è una ZTL (zona a traffico limitato) Non

Dettagli

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni IL PIT Il Progetto Integrato Territoriale ed il POR-FESR 2007-13 Il

Dettagli

Deliverable 2.2.1. Report on Park & Ride actions in Bologna. Report sugli interventi Park & Ride a Bologna

Deliverable 2.2.1. Report on Park & Ride actions in Bologna. Report sugli interventi Park & Ride a Bologna Deliverable 2.2.1 Report on Park & Ride actions in Bologna Report sugli interventi Park & Ride a Bologna INTRODUZIONE Le politiche locali di gestione della mobilità hanno fra i principali obiettivi l incentivazione

Dettagli

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva Municipio 1 Centro Est Caserma Gavoglio, una rigenerazione urbana di interesse del quartiere e della città: esame delle principali tematiche 20 giugno 2015, dalle ore 09:30 alle ore 13:30, Scuola Duca

Dettagli

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA COMUNE DI GENOVA Progetto Integrato PRA MARINA 1 Obiettivo Restituire agli abitanti di Prà l accesso alla Fascia di Rispetto. A questo si legano le esigenze di alleviare il peso di un traffico eccessivo

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE COORDINAMENTO E SVILUPPO. Coordinatore, Responsabile della Direzione Tecnica Coordinamento e Sviluppo

DIREZIONE CENTRALE COORDINAMENTO E SVILUPPO. Coordinatore, Responsabile della Direzione Tecnica Coordinamento e Sviluppo INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome CHRISTIANO COSTANTINI Luogo e data di Nascita VITTORIO VENETO (TV) 16/07/1951 Indirizzo ufficio Via C. Baseggio, 5-30174 Mestre Venezia Telefono ufficio 041 29077819

Dettagli

LA MOBILITA' A SAN GIOVANNI VALDARNO

LA MOBILITA' A SAN GIOVANNI VALDARNO LA MOBILITA' A SAN GIOVANNI VALDARNO Il presente questionario ha lo scopo di stimare parametri di mobilità caratteristici delle famiglie residenti nelle aree del Comune di San Giovanni Valdarno nell'ambito

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

ACCESS Questionario titolari d azienda

ACCESS Questionario titolari d azienda ACCESS Questionario titolari d azienda ACCESS è un progetto finanziato dalla Comunità Europea nell ambito del Programma Spazio Alpino e ha come obiettivo primario il miglioramento della competitività e

Dettagli

COMUNICATO STAMPA I CANTIERI RENDERANNO NECESSARI NUOVI PERCORSI DI ENTRATA ED USCITA PER GLI UTENTI DELLA METROPOLITANA

COMUNICATO STAMPA I CANTIERI RENDERANNO NECESSARI NUOVI PERCORSI DI ENTRATA ED USCITA PER GLI UTENTI DELLA METROPOLITANA COMUNICATO STAMPA DAL 10 APRILE 2010 INIZIANO ALLA STAZIONE TERMINI I LAVORI INTERNI AL NODO DI SCAMBIO TRA LE LINEE A E B DELLA METROPOLITANA ALLA FINE DEL 2012 IL NODO DI SCAMBIO SARÀ RESTITUITO ALLA

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo città di venaria reale contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo obiettivo generale promuovere l integrazione del quartiere con il resto del tessuto urbano attraverso la riqualificazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI PORDENONE SETTORE 7 PIANIFICAZIONE EDILIZIA PRIVATA ATTIVITÀ ECONOMICHE DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Regolamento

Dettagli

ZEC ZERO EMISSION CITY

ZEC ZERO EMISSION CITY ZEC ZERO EMISSION CITY PIANO DI MOBILITÀ ELETTRICA PER LA CITTÀ DI PARMA Carlo Iacovini, Responsabile Progetto Comune di Parma Caratteristiche del progetto ZEC 2 Il progetto ZEC intende implementare un

Dettagli

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942.

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942. URBANISTICA La legge n 1766 del 16 giugno 1927 introduceva il concetto dello Ius caselimandi cioè: a) il diritto di costruire abitazioni rurali. b) il diritto di farsi casa per abitarvi. c) il diritto

Dettagli

Direzione Centrale Patrimonio, Commercio e Sist. Informativo 2013 04566/027 Direzione Sistema Informativo CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Centrale Patrimonio, Commercio e Sist. Informativo 2013 04566/027 Direzione Sistema Informativo CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Centrale Patrimonio, Commercio e Sist. Informativo 2013 04566/027 Direzione Sistema Informativo CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 293 approvata il 3 ottobre 2013 DETERMINAZIONE:

Dettagli

Corso di formazione per la figura di tecnico per la gestione della mobilità urbana h 200

Corso di formazione per la figura di tecnico per la gestione della mobilità urbana h 200 Ente/Agenzia di Formazione (Indirizzo, Telefono, Fax, E.Mail, Sito Web, Referente del Seminario / Corso). Titolo del Corso e Durata (in ore). ATON SRL Via Spagna, 50 87036 Rende (CS) tel. e fax 0984/447095

Dettagli

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI INDICATORI URBANISTICO EDILIZI 1. Superficie territoriale (ST): Superficie totale di una porzione di territorio, la cui trasformazione è generalmente sottoposta a strumentazione urbanistica operativa e

Dettagli

PROFILO ATTIVITA 1946 oggi PAMA Società per Azioni Genova

PROFILO ATTIVITA 1946 oggi PAMA Società per Azioni Genova PROFILO ATTIVITA 1946 oggi PAMA Società per Azioni Genova Palazzo di proprietà e sede sociale in Genova Via Assarotti 17A 1 Sede sociale in Genova via Assarotti 17/A Capitale sociale uro 5.460.000,00 La

Dettagli

Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino

Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino L inquinamento acustico a Torino: analisi, soluzioni e problematiche aperte Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino ing. Manuela Santa Area Ambiente Servizio Adempimenti

Dettagli

Studio di pre-fattibilità

Studio di pre-fattibilità Studio di pre-fattibilità Oggetto: Progetto per la realizzazione, in regime di Project Financing, di un parcheggio multipiano in Tricase Piazza Card. Panico. Premessa Il presente studio riguarda la realizzazione,

Dettagli

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Medie strutture di vendita Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto

Dettagli

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2.1. Un processo graduale La messa in atto di un sistema di monitoraggio, quale quello sinteticamente delineato nel capitolo precedente, richiede un cambiamento

Dettagli

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi FORUM PA 2007 Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente Arch. Giovanna Rossi Roma maggio 2007 Riduzione delle emissioni inquinanti che derivano dai trasporti

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE URBANA E TERRITORIALE LEGGE REGIONE PIEMONTE 5/12/1977, n. 56 art. 17 PIANO REGOLATORE GENERALE APPROVATO CON D.G.R. DEL 06/06/1989, N. 93-29164 VARIANTE N. 14 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

Art.4 Criteri di scelta del concessionario

Art.4 Criteri di scelta del concessionario REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL DIRITTO DI SUPERFICIE SU AREE COMUNALI PER LA REALIZZAZIONE DI PARCHEGGI PERTINENZIALI AI SENSI DELL ART.9, COMMA 4, DELLA LEGGE 24 MARZO 1989 N.122 (Deliberazione del

Dettagli

Linee guida finalizzate all'attuazione dei processi di mobilita' sostenibile per il personale della Regione Piemonte.

Linee guida finalizzate all'attuazione dei processi di mobilita' sostenibile per il personale della Regione Piemonte. REGIONE PIEMONTE BU51 24/12/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 30 novembre 2015, n. 38-2535 Linee guida finalizzate all'attuazione dei processi di mobilita' sostenibile per il personale della Regione

Dettagli

COMUNE DI COMO REGOLAMENTO PER RILASCIO ABBONAMENTI ANNUALI PER SPAZI DI SOSTA AGEVOLATI RESIDENTI SENZA RISERVA DI POSTO AUTO (STALLI BLU).

COMUNE DI COMO REGOLAMENTO PER RILASCIO ABBONAMENTI ANNUALI PER SPAZI DI SOSTA AGEVOLATI RESIDENTI SENZA RISERVA DI POSTO AUTO (STALLI BLU). COMUNE DI COMO REGOLAMENTO PER RILASCIO ABBONAMENTI ANNUALI PER SPAZI DI SOSTA AGEVOLATI RESIDENTI SENZA RISERVA DI POSTO AUTO (STALLI BLU). (Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 24 del

Dettagli

DIREZIONE NUOVE INFRASTRUTTURE E MOBILITA

DIREZIONE NUOVE INFRASTRUTTURE E MOBILITA DIREZIONE NUOVE INFRASTRUTTURE E MOBILITA SERVIZIO MOBILITÀ P.O. PIANIFICAZIONE E TRASPORTO PUBBLICO di redigere ed aggiornare gli strumenti di pianificazione della mobilità (Piano Urbano della Mobilità,

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI

QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI Comune di Empoli INDAGINE CONOSCITIVA FINALIZZATA ALLA COSTRUZIONE DI UN QUADRO DI CONOSCENZA DEL TERRITORIO PRELIMINARE ALLA REVISIONE DELLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI

Dettagli

OSTENSIONE SANTA SINDONE 2010 COME MUOVERSI A TORINO

OSTENSIONE SANTA SINDONE 2010 COME MUOVERSI A TORINO OSTENSIONE SANTA SINDONE 2010 COME MUOVERSI A TORINO Ecco tutte le informazioni su come raggiungere il punto di accoglienza dei Giardini Reali da cui partirà il percorso pedonale verso la visita, in particolare

Dettagli

RISOLUZIONE N.350/E. agosto Roma,07 agosto 2008

RISOLUZIONE N.350/E. agosto Roma,07 agosto 2008 RISOLUZIONE N.350/E agosto Roma,07 agosto 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. - Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA - Cessione di bene immobile a favore di un

Dettagli