Prof. Filippo Stanco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prof. Filippo Stanco"

Transcript

1

2 Introduzione Adobe Premiere è un applicazione ad alte prestazioni che porta la produzione di video e audio a un livello completamente nuovo, offrendovi un netto vantaggio professionale. Grazie al massimo controllo con cui si può agire su ogni fotogramma di progetti di breve e lungo formato, Adobe Premiere permette di ottenere risultati sempre precisi. Adobe Premiere come tutti i programmi in Windows è semplicissimo da lanciare, basta cliccare sul menù di start e scegliere Tutti i programmi e successivamente Adobe Premiere. La prima cosa che apparirà è una finestra di benvenuto dove è possibile già scegliere le prime opzioni come Nuovo Progetto, Apri Progetto o addirittura scegliere da un lista di progetti usati recentemente tramite l opzione Progetti Recenti. Dopodichè apparirà l area di lavoro di Adobe Premiere che ha il seguente aspetto. L area di lavoro principale di Adobe Premiere è costiuita da tre finestre: La finestra Progetto (in figura Media Window), dove potete importare, organizzare e memorizzare i riferimenti alle clip. Elenca tutte le clip sorgente importate in un progetto, anche se non dovrete necessariamente usare tutte le clip importate. Consente inoltre di organizzare elenchi di file non in linea da acquisire in batch ed elenca le clip dopo che le avete acquisite. La finestra Monitor (in figura Monitor) può includere le visualizzazioni Sorgente e Programma. Usate la visualizzazione Sorgente per visionare una singola clip video e la visualizzazione Programma per visionare lo stato attuale del programma video in fase di montaggio nella timeline. Potete anche 2

3 aggiungere la finestra Controllo effetti come scheda della visualizzazione Sorgente. La finestra Timeline offre una visione schematica del programma, con tutte le sequenze e le tracce video, audio e tracce video sovrapposte. Le modifiche apportate in questa finestra compaiono nella visualizzazione Programma. Adobe Premiere dispone inoltre di finestre specializzate per operazioni come l acquisizione di video, la creazione di titoli, l applicazione e il controllo degli effetti e il miraggio audio. 3

4 Usare la finestra Progetto Visualizzare le informazioni sulle clip nella finestra Progetto L area di anteprima, nella parte superiore della finestra di progetto, consente di visualizzare in anteprima le singole clip. Per impostazione predefinita, nell area di anteprima e negli altri punti del progetto in cui vengono visualizzate le miniature compare il primo fotogramma della clip. Potete ignorare la miniatura predefinita impostando qualsiasi fotogramma della clip come fotogramma copertina. Per visualizzare informazioni sulla clip selezionata: Effettuate una delle seguenti operazioni: Esaminate l area di anteprima nell angolo superiore sinistro della finestra Progetto. Se selezionate più clip, l area di anteprima indica il numero di clip selezionate. Se necessario passate alla visualizzazione a elenco ed espandete o scorrete in orizzontale per visualizzare le colonne. Alcune colonne potrebbero essere nascoste. Scegliete File > Rileva proprietà per > Selezione. Per riprodurre una clip nella finestra Progetto: 1. Selezionate la clip. 2. Premete il pulsante Riproduci nell area di anteprima. Il pulsante Riproduci diventa un pulsante Interrompi. Premete Interrompi per arrestare la riproduzione. La riproduzione della clip nell area di anteprima non ha effetto sulle visualizzazioni della finestra Monitor. Rinominare, cercare ed eliminare gli elementi nella finestra Progetto Usate gli strumenti della finestra Progetto per rinominare, trovare ed eliminare elementi. Tutti gli oggetti multimediali del progetto sono memorizzati sul disco come file separati dal progetto: solo un riferimento ad ogni file viene aggiunto alla finestra Progetto in Adobe Premiere. Quando rinominate, modificate o eliminate una clip in Adobe Premiere, il file e il nome del file originali rimangono immutati sul disco rigido. Per rinominare una clip: 1. Selezionate la clip e scegliete Clip > Rinomina. 2. Digitate il nuovo nome e premete Invio. Per rinominare una clip selezionata potete anche fare clic una volta sul suo nome per selezionare il testo, digitare il nuovo nome e premere Invio. Il comando Rinomina è inoltre disponibile facendo clic con il pulsante destro del mouse su una clip. 4

5 Per gestire gli elementi di un progetto: Effettuate una delle seguenti operazioni: Per rinominare un file sorgente originale sul disco, uscite da Adobe Premiere e modificate il nome del file sul desktop di Windows. Alla successiva apertura del progetto, Adobe premiere chiederà di individuare il file. Per eliminare un elemento dalla finestra Progetto, selezionatelo e premete Canc. Per eliminare tutti gli elementi del progetto non utilizzati nelle sequenze, ordinate la visualizzazione a elenco della finestra Progetto secondo le colonne Impiego video o Impiego audio per identificare le clip inutilizzate, selezionatele ed eliminatele. Per trovare un elemento in un progetto o in una cartella in base al contenuto di una colonna della visualizzazione a elenco, scegliete Modifica > Trova o fate clic sul pulsante Trova, specificate le opzioni e fate clic su Trova. Usare i raccoglitori La finestra Progetto può contenere raccoglitori con cui organizzare il contenuto dei progetti, simili alle cartelle in Esplora risorse di Windows. I raccoglitori possono contenere oggetti multimediali, sequenze e altri raccoglitori. Potete usare i raccoglitori in vari modi: Per memorizzare elenchi di file non in linea da acquisire in batch. Per memorizzare separatamente ogni sequenza con i relativi oggetti multimediali sorgente. Per organizzare i tipi di oggetti multimediali, come acquisizioni DV, immagini fisse di Adobe Photoshop e file audio. 5

6 Finestra Progetto A. Chiudi Progetto B. Area di anteprima C. Imposta fotogramma copertina D. Riproduci E. Raccoglitori F. Clip G. Menu della finestra Progetto H. Visualizzazione a elenco I. Visualizzazione a icone J. Aggiunta automatica alla sequenza K. Trova L. Nuovo raccoglitore M. Nuovo elemento N. Elimina elementi selezionati Per aggiungere un raccoglitore: Fate clic sul pulsante Nuovo raccoglitore in fondo alla finestra Progetto. Per eliminare uno o più raccoglitori: Selezionate i raccoglitori e fate clic sull icona Elimina in fondo alla finestra Progetto. Per spostare un elemento in un raccoglitore: Trascinate l elemento sull icona del raccoglitore. Potete spostare raccoglitori all interno di altri raccoglitori per nidificarli. Per visualizzare il contenuto di un raccoglitore: Effettuate una delle seguenti operazioni: Nella visualizzazione a elenco, fate clic sul triangolo accanto all icona del raccoglitore per espanderlo. Fate doppio clic sul raccoglitore. Fate clic sul pulsante del raccoglitore principale nella finestra Progetto per visualizzare il contenuto del raccoglitore di livello superiore se è visibile solo il contenuto di un raccoglitore nidificato. Potete continuare a fare clic su questo 6

7 pulsante finchè non compare il contenuto di primo livello della finestra Progetto. 7

8 Usare la finestra Monitor La finestra Monitor somiglia a un sistema di montaggio tradizionale dotato di monitor e consolle dei comandi. Il lato sinistro della finestra Monitor, il monitor Sorgente, mostra le clip sorgenti; il lato destro, il monitor Programma, mostra la sequenza attiva. I comandi presenti sotto ciascun monitor consentono di controllare la riproduzione e di impostare il fotogramma corrente di una clip o una sequenza sorgente. Gli altri comandi consentono di aggiungere clip alla sequenza o di eliminare fotogrammi. Dopo aver inserito le clip nelle posizioni desiderate, potete elaborarle nella finestra Timeline. Per ottimizzare l uso dello schermo per alcune attività di montaggio e personalizzare lo spazio di lavoro, potete usare la finestra Monitor in modalità Visualizzazione doppia (predefinita in cui monitor Sorgente e Programma sono mostrati uno accanto all altro, o in modalità Visualizzazione singola in cui è mostrato solo il monitor Sorgente o Programma. Finestra Monitor con i monitor Sorgente (sinistra) e Programma (destra). Visualizzare una clip nel monitor Sorgente Per visualizzare ed elaborare le clip master elencate nella finestra Progetto o le singole istanze delle clip di una sequenza, apritele nel monitor Sorgente, nella parte sinistra della finestra Monitor. Le clip aperte di recente sono riportate nel menu a comparsa Sorgente, a cui potete accedere facendo clic sul triangolino accanto al nome della clip corrente sulla linguetta Sorgente. Il menu Sorgente identifica le clip master per nome; le clip aperte da un a sequenza sono identificate con il nome della sequenza e il tempo di inizio. 8

9 Per aprire una clip nel monitor Sorgente: Effettuate una delle seguenti operazioni: Fate doppio clic sulla clip nella finestra Progetto o Timeline, oppure trascinatela dalla finestra Progetto al monitor Sorgente. La clip viene visualizzata nel monitor Sorgente e il suo nome aggiunto al menu Sorgente. Trascinate tutte le clip desiderate o un intero raccoglitore dalla finestra Progetto al monitor Sorgente, oppure selezionate più clip nella finestra Progetto e fate doppio clic su di esse. Le clip vengono aggiunte al menu Sorgente nell ordine in cui sono state selezionate e l ultima clip selezionata viene mostrata nel monitor Sorgente. Nel menu Sorgente scegliete il nome della clip che volete vedere (per ottenere il menu a comparsa, fate clic sul triangolino a sinistra del nome della clip corrente). Scelta della clip da visualizzare dal menu Sorgente Per cancellare le clip dal monitor Sorgente e dal relativo menu: Nel menu a comparsa Sorgente scegliete una delle seguenti opzioni: Chiudi, per cancella la clip corrente. Chiudi tutto, per cancellare tutte le clip. Usare i comandi della finestra Monitor I monitor Sorgente e Programma contengono ciascuno un set di comandi, molti dei quali sono simili nell aspetto ai controlli di riproduzione presenti sulle console video. Nonostante funzionino in modo analogo, i comandi di riproduzione di monitor Sorgente e Programma hanno finalità leggermente diverse: 9

10 Usate i comandi sotto il monitor Sorgente per riprodurre o scorrere una clip, impostare i marcatori e specificare gli attacchi e gli stacchi d origine in una clip, per definire la porzione della clip da aggiungere alla sequenza. Usate i comandi sotto il monitor Programma per riprodurre o visualizzare le sequenza attiva, impostare i marcatori e specificare attacchi e stacchi della sequenza, per definire i punti in cui i fotogrammi devono essere aggiunti o rimossi dalla sequenza. Comandi di riproduzione della finestra Monitor A. Vai ad attacco B. Vai a stacco C. Riproduci da attacco a stacco D. Vai a marcatore precedente E. Un passo indietro F. Riproduci/Stop G. Un passo avanti H. Vai a marcatore I. Ciclo continuo J. Jog K. Shuttle Per avviare la riproduzione nel monitor Sorgente o Programma: Effettuate una delle seguenti operazioni: Fate clic sul pulsante Riproduci o premete L o la barra spaziatrice. Per interrompere, fate clic sul pulsante Stop o premete K o la barra spaziatrice. Con il pulsante e la barra spaziatrice vengono alternate le operazioni di riproduzione e interruzione. Per riprodurre all indietro, premete J. Per riprodurre dall attacco allo stacco, fate clic sul pulsante Riproduci da attacco a stacco. Per riprodurre l intera clip o sequenza più volte di seguito, fate clic sul pulsante Ciclo continuo, quindi sul pulsante Riproduci. Fate nuovamente clic sul pulsante Ciclo continuo per deselezionare la ripetizione ciclica. Per riprodurre dall attacco allo stacco ripetutamente, fate clic sul pulsante Ciclo continuo, quindi sul pulsante Riproduci da attacco a stacco. Fate nuovamente clic sul pulsante Ciclo continuo per deselezionare la ripetizione ciclica. Per riprodurre a velocità più elevata, premete J o L più volte. Per gran parte dei tipi di file, la velocità di riproduzione della clip aumenta da uno a due a tre a quattro volte. Premendo J la riproduzione ha luogo all indietro; premendo L la riproduzione avviene in avanti. Per riprodurre a velocità più bassa, premete più volte Maiusc+J o Maiusc+L. Per gran parte dei tipi di file, la velocità di riproduzione della clip si riduce da 0,1 a 0,2 volte. Premendo J la riproduzione ha luogo all indietro; premendo L la riproduzione avviene in avanti. 10

11 Per riprodurre in corrispondenza della posizione corrente, tra i punti di preroll e postorroll tenete premuto Alt e fate clic sul pulsante Riproduci da attacco a stacco. Quando premete Alt il pulsante si trasforma nel pulsante Anteprima del punto di montaggio. Per visualizzare un fotogramma diverso: Effettuate una delle seguenti operazioni: Fate clic sulla casella delle posizione temporale corrente del monitor desiderato, quindi digitate in nuovo valore. Non occorre digitare due punti o punto e virgola. Tenete comunque conto che Adobe Premiere interpreta i numeri di 100 come fotogrammi. Per avanzare di un fotogramma, fate clic sul pulsante Un passo avanti. Per avanzare di cinque fotogrammi, tenete premuto Maiusc e fate clic sul pulsante Un passo avanti. Per tornare indietro di un fotogramma, fate clic sul pulsante Un passo indietro. Per tornare indietro di cinque fotogrammi, tenete premuto Maiusc e fate clic sul pulsante Un passo indietro. Per tornare al precedente punto di montaggio della traccia audio o video di destinazione in una sequenza, fate clic su Vai a punto di montaggio precedente nel monitor Programma. Per tornare al punto di montaggio successivo della traccia audio o video di destinazione in una sequenza, fate clic su Vai a punto di montaggio successivo nel monitor Programma. Per andare all inizio della clip o della sequenza, premete il tasto Home. Per andare alla fine della clip o della sequenza, premete il tasto Fine. Per spostarsi tra i fotogrammi con il jog o lo shuttle: Effettuate una delle seguenti operazioni: Trascinate il cursore shuttle a sinistra per riprodurre all indietro, a destra per riprodurre in avanti. La velocità di riproduzione aumenta quando il cursore viene trascinato più lontano dalla sua posizione centrale. Quando viene rilasciato, il cursore torna alla sua posizione centrale e la riproduzione viene interrotta. Trascinate la rotella jog a sinistra o a destra, anche oltre il suo bordo. Se trascinate il jog fino al margine dello schermo senza che venga raggiunta la fine della clip o della sequenza, potete ripartire dalla stessa posizione temporale trascinando di nuovo il jog. 11

12 Usare i comandi del righello temporale nei monitor Sorgente e Programma Sotto ciascun monitor (sopra i comandi di riproduzione) si trova un altro set di comandi, con il righello temporale e la barra dell area di visualizzazione. Questi comandi operano in modo analogo agli altri comandi dei due monitor, con la differenza che questo set di comandi agisce sulle singole clip, mentre gli altri sulle sequenze. La durata totale di una clip o di una sequenza è rappresentata graficamente dal relativo righello temporale. Le tacche sul righello e le etichette numeriche misurano il tempo basandosi sul metodo di conteggio specificato in Impostazioni progetto. Appena sopra ciascun righello temporale si trova una sottile barra con estremità ricurve, la barra dell area di visualizzazione. La barra dell area di visualizzazione corrisponde alla porzione visibile del righello temporale. Trascinando le maniglie potete modificare la larghezza della barra e quindi cambiare la scala del righello temporale sottostante. Se viene ampliata fino alle sue dimensioni massime, la barra mostra l intera durata del righello temporale. Riducendo le dimensioni della barra viene ingrandita la visualizzazione del righello. Trascinando il centro della barra, potete scorrere la parte visibile del righello temporale senza cambiare la scala. Comandi del righello temporale nella finestra Monitor A. Righello temporale B. Indicatore del tempo attuale C. Barra dell area di visualizzazione 12

13 Usare la finestra Timeline A differenza del monitor Programma, che mostra le sequenze così come vengono riprodotte, la finestra Timeline rappresenta le sequenze graficamente, mostrando la posizione delle clip lungo una linea temporale di tracce audio e video. La finestra Timeline A. Schede delle sequenze B. Righello temporale C. Traccia video 2 D. Traccia video 1 E. Traccia audio 1 F. Traccia audio 2 G. Traccia audio master Spostarsi nella finestra Timeline Nella finestra Timeline il righello temporale misura il tempo della sequenza lungo l asse orizzontale, secondo il metodo di conteggio specificato nelle impostazioni del progetto (potete sempre passare al metodo di conteggio basato sui campioni audio). Le tacche e i numeri sul righello indicanti il tempo della sequenza variano in base al livello di dettaglio con cui la sequenza viene visualizzata. Il righello temporale mostra delle icone in corrispondenza dei punti di attacco e stacco della sequenza. La parte inferiore del righello contiene i marcatori di sequenza impostati, oltre alla barra dell area di lavoro, che indica le parti della sequenza da sottoporre ad anteprima ed esportazione. L indicatore del tempo attuale della finestra Timeline (un marcatore blu sul righello) corrisponde al fotogramma visualizzato nel monitor Programma. Dall indicatore del tempo attuale della finestra Timeline parte una linea verticale che arriva fino alla base del righello. Per cambiare il tempo corrente potete trascinare l indicatore blu, ricordandando che la linea verticale ha solo uno scopo di riferimento. Per specificare il fotogramma corrente, potete anche usare la casella della posizione temporale in alto a sinistra nella finestra Timeline, immettendo il valore desiderato o trascinando nella casella. 13

14 Appena sopra il righello temporale si trova la barra dell area di visualizzazione della finestra Timeline. La barra dell area di visualizzazione corrisponde alla porzione visibile della sequenza nella finestra Timeline. Potete ridimensionare la barra per visualizzare rapidamente le varie parti della sequenza. In basso a sinistra nella finestra Timeline, sono presenti i comandi zoom, che consentono di modificare la scala del righello temporale e di visualizzazione la sequenza con più o meno dettagli. I comandi di navigazione temporale della finestra Timeline A. Indicatore del tempo attuale B. Barra dell area di visualizzazione C. Barra dell area di lavoro D. Righelli temporale E. Zoom out F. Cursore dello zoom G. Zoom in Per spostare la posizione temporale corrente nella finestra Timeline: Effettuate una delle seguenti operazioni: Nel righello temporale trascinate l indicatore del tempo attuale o fate clic nel punto in cui volete posizionare l indicatore del tempo attuale. Nella parte sinistra della finestra Timeline, trascinate la casella della posizione temporale. Nella parte sinistra della finestra Timeline, fate clic sulla casella della posizione temporale, digitate un valore valido e premete Invio. Per visualizzare la sequenza con maggiori dettagli: Effettuate una delle seguenti operazioni: Selezionate lo strumento zoom, quindi fate clic o trascinate un rettangolo di selezione attorno alla porzione della sequenza da visualizzare con maggiori dettagli. Trascinate il cursore dello zoom verso destra o fate clic sul pulsante in. Nella finestra Timeline trascinate le estremità della barra dell area di visualizzazione in modo da avvicinarle. 14

15 Per visualizzare una porzione più ampia della sequenza nella finestra Timeline: Effettuate una delle seguenti operazioni: Selezionate lo strumento zoom, quindi tenete premuto Alt e fate clic su un area nella finestra Timeline. Trascinate il cursore dello zoom verso sinistra o fate clic sul pulsante Zoom out. Nella finestra Timeline trascinate le estremità della barra dell area di visualizzazione in modo da allontanarle. Aggiungere, ridenominare ed eliminare le tracce In qualunque momento potete aggiungere o eliminare tracce o assegnare un nuovo nome a ciascuna di esse. Ogni sequenza può contenere fino a 99 tracce video e 99 tracce audio. Una sequenza deve tuttavia contenere almeno una traccia di ogni tipo, e le sequenze con tracce audio devono contenere anche una traccia audio master, per il mixaggio dell output delle tracce audio standard. Potete anche creare tracce audio submix, alle quali indirizzare le altre tracce audio prima che raggiungano la traccia audio master. Nella finestra Timeline le nuove tracce video appaiono sopra le tracce video esistenti; le nuove tracce audio appaiono sotto le tracce audio esistenti. Quando si elimina una traccia, vengono cancellate tutte le clip dalla traccia ma non le clip sorgenti elencate nella finestra Progetto. Per aggiungere tracce: 1. Con la finestra Timeline attiva, scegliete Sequenza > Aggiungi tracce. 2. Nella finestra di dialogo Aggiungi tracce, effettuate una delle seguenti operazioni: Per aggiungere tracce video, audio e submix audio, digitate il numero di tracce da aggiungere nel campo Aggiungi. Per specificare la posizione delle tracce aggiunte, scegliete un opzione nel menu Posizionamento per ciascun tipo di traccia aggiunta. Per indicare il tipo di traccia audio da aggiungere, scegliete un opzione nel menu Tipo di traccia per le tracce audio e submix audio. 3. Fate click su OK. Per rinominare una traccia: 1. Fate doppio clic sul nome di una traccia per selezionarla. 2. Digitate il nuovo nome della traccia, quindi premete Invio. Per eliminare le tracce: 1. Fate clic nell area dei titoli delle tracce per selezionare la traccia da eliminare. Potete contrassegnare contemporaneamente una traccia video e una traccia audio come tracce di destinazione. 2. Con la finestra Timeline attiva, scegliete Sequenza > Elimina tracce. 15

16 3. Nella finestra di dialogo Elimina tracce, selezionate le caselle corrispondenti a ogni tipo di traccia da eliminare 4. Per ciascun elemento selezionato, specificate quali tracce cancellare nel menu a comparsa. 16

17 Usare le palette Le palette di Adobe Premiere comprendono la finestra degli strumenti e le palette Info e Cronologia. Quando sono visualizzate, le palette compaiono sempre sopra alle finestra. La palette Info visualizza informazioni sull elemento selezionato nelle finestra Progetto o Timeline o nel menu della clip in visualizzazione Sorgente. La palette Cronologia consente di spostarsi tra i livelli di ripristino disponibili. Mentre lavorate potete visualizzare, nascondere o raggruppare le palette. Potete visualizzare la finestra degli strumenti in verticale o orizzontale. Per mostrare e nascondere le palette: Effettuate una delle seguenti operazioni: Per mostrare una palette, sceglietene il nome dal menu Finestra o fate clic sulla sua linguetta, se visibile. Per nascondere una palerie, fate clic sul pulsante di chiusura sulla sua linguetta. Per nascondere o mostrare tutte le palette aperte, premete il tasto Tab. Per raggruppare le palette Info e Cronologia: Trascinate la linguetta di una palette su un altra. Per separare una palette: Trascinate la linguetta di una palette in un altra posizione. Per visualizzare la finestra degli strumenti in verticale o orizzontale: Fate clic con il pulsante destro del mouse sul colore di sfondo della finestra degli strumenti e selezionate un opzione di orientamento. Usare la palette Info La palette Info visualizza informazioni su un elemento selezionato. Per le clip, la palette Info visualizza informazioni quali durata, Attacco e Stacco. Le informazioni visualizzate possono variare a seconda di fattori come il tipo di oggetto multimediale e la finestra attiva. Ad esempio, uno spazio vuoto nella timeline, un rettangolo nella finestra del titolo e una clip nella finestra Progetto visualizzano informazioni diverse. Nella palette Info, la riga Video indica, nell ordine: frequenza fotogrammi, dimensioni e proporzioni pixel. La riga audio, nell ordine: frequenza di campionamento, profondità di bit e canali. Usare la palette Cronologia Usate la palette Cronologia per passare direttamente a qualsiasi stato del progetto creato durante la sessione di lavoro in corso. Ogni volta che applicate una modifica a una parte del progetto, il nuovo stato del progetto viene aggiunto alla palette. Potete 17

18 selezionare uno stato e modificare il progetto a partire da tale stato. Gli stati della Cronologia non sono disponibili per azioni all interno delle finestre Acquisizione e Adobe Title Designer. Le seguenti indicazioni possono essere utili per usare la palette Cronologia: Le modifiche a livello di programma, come modifiche alle palette, finestra e preferenze, non sono modifiche apportate al progetto stesso e uindi non vengono aggiunte alla palette Cronologia. Dopo aver chiuso e riaperto il progetto, gli stati precedenti non sono più disponibili nella palette Cronologia. Il comando versione precedente elimina tutti gli stati prodotti dopo l ultimo salvataggio. Lo stato più vecchio è all inizio dell elenco e il più recente è alla fine. Ogni stato è elencato con il nome dello strumento o del comando usato per modificare il progetto e un icona che rappresenta lo strumento o comando. Alcune azioni generano uno stato per ogni finestra modificata dall azione, ad esempio Adobe Title Designer. Le azioni eseguite in una di tali finestra vengono considerate ome un unico stato nella palette Cronologia. Selezionando uno stato, quelli sottostanti vengono ombreggiati per indicare le modifiche che verranno eliminate se si torna a tale stato del progetto. Se selezionate uno stato e poi modificate il progetto, tutti gli stati successivi vengono rimossi. Per visualizzare la palette Cronologia: Scegliete Finestra > Cronologia. Per selezionare uno stato: Fate clic sul nome dello stato nella palette Cronologia. Per spostarvi nella palette Cronologia: Effettuate una delle seguenti operazioni: Trascinate il cursore o la barra di scorrimento della palette. Scegliete U passo avanti o Un passo indietro dal menu della palette Cronologia. Per eliminare uno stato del progetto: Selezionate lo stato ed effettuate una delle seguenti operazioni: Scegliete Elimina dal menu della palette Cronologia. Fate clic sull icona Elimina, quindi fate clic su Sì. Tenete premuto il tasto Alt e fate clic sull icona Elimina. 18

19 Transizioni Per impostazione predefinita, quando si posizionano due clip una accanto all altra nella finestra Timeline si effettua un taglio in cui l ultimo fotogramma di una clip è seguito dal primo fotogramma della clip successiva. Per dare risalto o aggiungere un effetto speciale a un cambio di scena, potete aggiungere diverse transizioni, quali comparse, zoom e dissolvenze. Le transizioni vengono aggiunte alla Timeline tramite la finestra Effetti e modificate tramite le finestre Timeline e Controllo effetti. In genere, si deve evitare di inserire transizioni durante l azione vera e propria di una scena. Per questo motivo, conviene applicare le transizioni sfruttando le maniglie, cioè alcuni fotogrammi aggiuntivi che si trovano oltre l attacco e lo stacco della clip. Trovare le transizioni video Le transizioni si trovano nel raccoglitore Transizioni video, nella finestra Effetti. All interno del raccoglitore Transizioni video, le transizioni sono organizzate in base al tipo, all interno di ulteriori raccoglitori. Potete personalizzare la finestra Effetti in modo da raggruppare le transizioni all interno di più raccoglitori. Le modifiche apportate nella finestra effetti si riflettono su tutti i progetti. Per visualizzare le transizioni: Scegliete Finestra > Effetti, espandete il raccoglitore Transizioni video ed eventuali altri raccoglitori di transizioni. Finestra Effetti A. Raccoglitori degli effetti B. Raccoglitore Preferiti C. Effetto audio D. Transizione audio E. Effetto video F. Transizione video G. Menu della finestra Effetti H. Casella di testo di ricerca I. Raccoglitori delle transizioni J. Nuovo raccoglitore personalizzato K. Elimina elemento personalizzato 19

20 Usare le transizioni predefinite Potete trascinare manualmente le transizioni nella timeline o applicare immediatamente la transizione predefinita mediante il comando Applica transizione video o Applica transizione audio. Per impostazione predefinita. Adobe Premiere usa Dissolvenza incrociata come transizione video predefinita e Potenza costante come transizione audio predefinita. Nella finestra Effetti, le icone delle transizioni predefinite sono indicate da un contorno rosso. Se usate più frequentemente un altra transizione, potete impostarla come predefinita. La nuova transizione predefinita diventa l impostazione predefinita per tutti i progetti, ma non influenza le transizioni già applicate alle sequenze. Se dovete aggiungere delle clip alla timeline e desiderate applicare la transizione predefinita alla maggior parte delle clip, potete usare il comando Aggiunta automatica alla sequenza: la transizione video e audio predefinita viene così inserita tra ogni clip aggiunta. Per specificare una transizione predefinita: 1. Scegliete Finestra > Effetti. 2. Espandete il raccoglitore Transizioni video o transizioni audio. 3. Espandete un raccoglitore e selezionate la transizione da impostare come predefinita. 4. Dal menu della finestra Effetti scegliete Imposta transizione predefinita. Per impostare la durata della transizione predefinita: 1. Effettuate una delle seguenti operazioni: Scegliete Modifica > Preferenze> Generali. Nella finestra Effetti, scegliete Durata della transizione predefinita dal menu della finestra Effetti. 2. Cambiate il valore di Durata transizione video predefinita o Durata transizione audio predefinita, quindi fate clic su OK. Per aggiungere una transizione predefinita alla timeline: 1. Indicate la traccia alla quale intendete aggiungere la transizione. 2. Posizionate l indicatore del tempo attuale sul punto di montaggio in cui le due clip si incontrano. Per motivi di precisione e convenienza, ponete i pulsanti Punto di montaggio successivo e Punto di montaggio precedente nella visualizzazione Programma. 3. Scegliete Sequenza > Applica transizione video o Sequenza > Applica transizione audio, a seconda della traccia di destinazione. 20

21 Modificare le impostazioni della transizione La finestra Controllo effetti consente di modificare le impostazioni di una transizione nella timeline, compresi il punto centrale, i valori di inizio e di fine, il bordo e la qualità anti-alias. Per cambiare le impostazioni della transizione: 1. Selezionate una transizione nella Finestra Timeline. 2. Regolate le impostazioni nella finestra Controllo effetti. Impostazioni della transizione Molte transizioni hanno impostazioni comuni. L elenco riportato di seguito descrive le impostazioni disponibili per molte transizioni: Selettore dei bordi Cambiano l orientamento o la direzione della transizione. Fate clic su uno dei selettori dei bordi (piccole frecce) nella miniatura della transizione. Ad esempio, la transizione Doppia porta può essere orientata in verticale o in orizzontale. Una transizione non dispone di selettori dei bordi se ha un orientamento specifico o se non supporta l orientamento. Cursori di inizio e fine Cambiano l aspetto iniziale e finale della transizione. Tenete premuto il tasto Maiusc per spostare i cursori di inizio e di fine contemporaneamente, ad esempio per impostare le dimensioni iniziali e finali della transizione sul 30%. Mostra origini effettive Visualizza i fotogrammi iniziali e finali delle clip. Spessore bordo Regola la larghezza del bordo opzionale sulla transizione. L impostazione predefinita è Nessun bordo. Alcune transizioni non hanno bordi. Colore bordo Specifica il colore del bordo della transizione. Usate i campioni di colore o il contagocce per scegliere il colore. Inverti La transizione viene riprodotta al contrario. Ad esempio, la transizione Cronometro riproduce la clip in senso antiorario. Qualità anti-alias Regola l arrotondamento dei bordi della transizione. Personale Cambia le impostazioni specifiche della transizione. Gran parte delle transizioni non hanno impostazioni personalizzate. Informazioni sulle maniglie e le transizioni di una clip Adobe Premiere crea una transizione mediante le maniglie all inizio o alla fine di una clip, se disponibili. Le maniglie sono dei fotogrammi catturati che si trovano oltre l attacco e lo stacco di una clip. La maniglia tra l inizio di un oggetto multimediale e l attacco di una clip viene detta anche materiale di testa, mentre la maniglia tra lo stacco di una clip e la fine di un oggetto multimediale è detta anche materiale di coda. 21

22 Clip e maniglie A. Inizio oggetto multimediale B. Maniglia C. Attacco D. Stacco E. Maniglia F. Fine oggetto multimediale In alcuni casi, l oggetto multimediale sorgente non fornisce abbastanza fotogrammi per le maniglie della clip. Ad esempio, la telecamera potrebbe aver interrotto la ripresa in un punto troppo vicino nel tempo all inquadratura successiva, lasciando un numero insufficiente di fotogrammi tra lo stacco e la fine dell oggetto multimediale. Se applicare una transizione e la durata della maniglia è troppo breve per coprire la durata della transizione, un messaggio avverte che i fotogrammi verranno ripetuti par la durata della transizione. Se decidete do proseguire, la transizione compare nella timeline con barre diagonali di avvertenza. Per ottenere i migliori risultati dalle transizioni, riprendete e catturate un oggetto multimediale sorgente con un numero sufficiente di fotogrammi oltre i punti di attacco e stacco che intendete effettivamente usare. 22

23 Usare Adobe Title Designer Adobe Title designer vi consente di creare titoli complessi direttamente in Adobe Premiere. Potete creare i titoli a partire da vari modelli, aggiungervi una serie di attributi, manipolare liberamente le forme in un titolo e creare stili personalizzati da salvare e usare con altri documenti titolo. Finestra di Adobe Title Designer A. Pulsante Sincronizza con codice di tempo della timeline B. Pulsante Invia fotogramma a monitor esterno C. Strumenti selezione (a sinistra) e rotazione (a destra) D. Strumenti testo (a sinistra) e testo verticale ( a destra) E. Strumenti testo orizzontale in area ( a sinistra) e testo verticale in area (a destra) F. Strumenti testo su tracciato G. Strumenti penna ( a sinistra) e aggiungi punto di ancoraggio (a destra) H. Strumenti elimina punto di ancoraggio ( a sinistra) e cambia punto di ancoraggio ( adestra) I. Strumenti rettangolo ( a sinistra) e rettangolo con angoli ritagliati (a destra) J. Strumenti rettangolo con angoli arrotondati ( a sinistra) e rettangolo arrotondato ( adestra) K. Strumenti cuneo (a sinistra) e arco ( a destra) L. Strumenti ellisse ( a sinistra) e linea (a destra) M. Pulsante Nuovo Stile N. Pulsante Elimina stile Aprire un nuovo stile o uno stile salvato Sebbene sia possibile creare un titolo mentre si lavora in un progetto, il titolo rimane un file indipendente, distinto dal progetto. Come qualsiasi altra clip, non diventa parte del programma video finché non viene aggiunto alla finestra Timeline. Potete 23

24 lavorare con più finestre di Adibe Title Designer contemporaneamente e usare un titolo in più progetti. I nuovi titoli salvati in Adobe Title Designer vengono visualizzati nel raccoglitore attivo della finestra Progetto. Per iniziare e salvare un nuovo titolo: 1. Scegliete File > Nuovo > Titolo per aprire Adobe Title Designer. 2. Scegliete File > Salva con nome. 3. Specificate una posizione e un nome di file, quindi fate clic su Salva. Per aprire un titolo salvato in precedenza: 1. Scegliete File > Importa. 2. Selezionate un titolo, quindi fate clic su Apri. Per modificare un titolo in un progetto aperto: Fate doppio clic sul titolo nella finestra Progetto o nella finestra Timeline. Usare gli stili oggetto Con Adobe Title Designer, potete applicare uno stile personalizzato a ciascun oggetto o gruppo di oggetti creato. Gli stili possono essere costituiti da variazioni delle proprietà aggiunte all oggetto. Le proprietà comprendono tratti, riempimenti, brillantezza, texture, ombre e font. L uso degli stili consente di mantenere coerenza tra più titolo in un stesso progetto. Potete salvare gli stili predefiniti e applicarli ad altri oggetti. Impostare gli stili oggetto per il testo La sezione Proprietà nel pannello Stile oggetto di Adobe Title Designer offre alcuni controlli con cui impostare e modificare gli stili applicati ai titoli. Per modificare uno stile oggetto di un oggetto di testo: 1. selezionate l oggetto di testo da modificare. 2. Nella sezione Stile oggetto di Adobe Title Designer, fate clic sulla freccia accanto a Proprietà e impostate i valori per una delle seguenti opzioni: Font Specifica il font applicato all oggetto di testo selezionato. Per visualizzare un font nelle sue dimensioni reali, usate il browser dei font. Dimensioni font Specifica la dimensione del font, in linee di scansione. Aspetto Specifica la scala orizzontale del font selezionato. Questo valore rappresenta una percentuale delle proporzioni naturali del font. Valori inferiori al 100% riducono il testo. Valori superiori al 100% ingrandiscono il testo. Interlinea Specifica la quantità di spazio tra linee del testo specificato. Per font di tipo Roman, l interlinea è misurata dalla base della riga del testo specificato alla base della riga successiva. Per il testo verticale, l interlinea è misurata dal centro di una riga del testo specificato al centro della riga successiva. 24

25 Crenatura Specifica la quantità di spazio aggiunto o sottratto tra coppie specifiche di caratteri. Il valore indica la percentuale dell ampiezza del carattere tra coppie di caratteri. Posizionate il cursore tra i due caratteri di cui volete regolare la crenatura. Spaziatura Specifica la quantità di spazio all interno di una serie di lettere. Il valore indica la percentuale dell ampiezza del carattere all interno di una serie di caratteri selezionati. La direzione della spaziatura del testo dipende dalla giustificazione del testo. Ad esempio, per il testo con giustificazione al centro la spaziatura parte dal centro. La modifica della spaziatura risulta utile se il testo contiguo è di spessore tale da risultare nella fusione dei caratteri, con conseguente difficoltà di lettura. Potete regolare la spaziatura per tutto il testo di un riquadro di testo selezionando il riquadro di testo e modificando il valore Spaziatura. Oppure, potete regolare la spaziatura tra specifici caratteri contigui, selezionando solo tali caratteri prima di modificare il valore Spaziatura. Scorrimento linea di base Specifica la distanza dei caratteri dalla linea di base. Potete alzare o abbassare il testo selezionato per creare apici o pedici. La modifica del valore Scorrimento linea di base ha effetto su tutti i caratteri. Potete regolare lo scorrimento della linea di base per tutto il testo di un riquadro di testo selezionando il riquadro e modificando il valore. Oppure, potete regolare lo scorrimento della linea per specifici caratteri selezionando solo tali caratteri e modificandone il valore. Inclinato Specifica l inclinazione di un oggetto, in gradi. Maiuscoletto Se selezionato, specifica che tutti gli oggetti devono essere in maiuscoletto. Dimensioni maiuscoletto Specifica la dimensione del maiuscoletto come percentuale dell altezza del testo normale. La modifica di questo valore comporta la modifica di tutti i caratteri nell oggetto di testo, eccetto il carattere iniziale. Un valore di maiuscoletto pari al 100% imposta tutto il testo maiuscolo. Sottolineato Se selezionato, specifica che il testo deve essere sottolineato. Non è disponibile per il testo su un tracciato. Distorsione Applica una distorsione al testo. Fate clic sul triangolo per visualizzare le opzioni. Modificate il valore X per distorcere il testo lungo l asse X. Modificate il valore Y pe distorcere lungo l asse Y. 25

26 Preparare il video finale Dopo aver terminato l assemblaggio e l elaborazione delle clip nelle sequenze, potete generare il video finale. Le opzioni da selezionare per realizzare il video finale dipendono dall uso cui il video è destinato. Adobe Premiere può essere usato per generare video nei seguenti modi: Esportare una sequenza in formato DVD. Registrare una sequenza direttamente su videocassetta durante la riproduzione sul computer. Esportare un file video per la visualizzazione in Internet. Esportare su DVD Se al vostro computer è collegato un masterizzatore DVD, potete creare DVD direttamente da una sequenza. Adobe Premiere ottimizza lo spazio disponibile sui DVD bilanciando automaticamente caratteristiche quali la velocità di trasferimento e la qualità delle immagini. Un DVD creato con Adobe Premiere si avvia automaticamente dall inizio quandi viene inserito in un lettore DVD. Durante l esportazione Adobe Premiere crea file di memoria virtuale sul disco rigido del computer; verificate quindi di avere spazio sufficiente in cui memorizzare un intero DVD più ulteriore spazio libero. Per esportare una sequenza in firmato DVD 1. Aprite la sequenza da esportare in formato DVD. 2. Scegliete File > Esporta > Esporta DVD. 3. Selezionate il pannello Generali e scegliete le impostazioni desiderate. 4. Selezionate il riquadro Codifica e scegliete le impostazioni desiderate. 5. Selezionate il pannello Masterizzatore DVD e scegliete le impostazioni desiderate. 6. Se necessario, selezionate il pannello Riepilogo e verificate le impostazioni. 7. Verificate che nell unità sia inserito un DVD vuoto compatibile, quindi fate clic su Registra per iniziare la scrittura del DVD. Se il masterizzatore DVD non è presente, l opzione Registra non è disponibile. Esportare un video in un file La sequenza montata nella finestra Timeline non è disponibile come un file video indipendente finchè non viene esportata. Dopo l esportazione, la sequenza può essere riprodotta con altri programmi di riproduzione o montaggio video o spostata su altri dischi o sistemi. Prima di esportare una sequenza, verificate di poter ottenere la qualità finale desiderata. Prima di esportare una sequenza, verificate di poter ottenere la qualità finale desiderata. Ad esempio, sostituite gli eventuali file non in linea con file ad alta risoluzione, più idonei per l esportazione finale. Potete avviare 26

27 l esportazione dai monitor Sorgente o Programma o da una finestra Clip, specificando un intervallo di fotogrammi da esportare. Per esportare una sequenza in un file: 1. Nella finestra Timeline attiva la sequenza da esportare, quindi scegliete File > Esporta > Filmato. 2. Fate clic su Impostazioni ed effettuate le selezioni opportune. 3. Fate clic su OK per chiudere la finestra di dialogo Impostazioni. 4. Specificate un percorso e un nome di file, quindi fate clic su OK. Se desiderate annullare l esportazione, premete Esc. Esportare su videocassetta Potete registrare la sequenza montata su una videocassetta, direttamente dal vostro computer. Per risultati ottimali, effettuate l esportazione su una videocamera DV tramite il modulo di controllo dispositivi, o su un videoregistratore analogico controllabile mediante applicazione esterna per Adobe Premiere. Se non disponete di un dispositivo che possa essere controllato da Adobe Premiere, potete comunque riprodurre la sequenza e registrare la riproduzione manualmente. Quando registrate su un videoregistratore con connessioni non conformi allo standard IEEE 1394, la qualità video dipende dalle selezioni operate nella finestra di dialogo Impostazioni progetto. Molte schede di acquisizione video includono un software plug-in compatibile e un comando di menu per la registrazione su videocassetta. Se le opzioni visualizzate si discostano da quelle qui descritte, consultate la documentazione della scheda di acquisizione video o del plug-in per individuare il metodo di esportazione su videocassetta più efficace. 27

28 Indice Introduzione...2 Usare la finestra Progetto...4 Visualizzare le informazioni sulle clip nella finestra Progetto...4 Rinominare, cercare ed eliminare gli elementi nella finestra Progetto...4 Usare i raccoglitori...5 Usare la finestra Monitor...8 Visualizzare una clip nel monitor Sorgente...8 Usare i comandi della finestra Monitor...9 Usare i comandi del righello temporale nei monitor Sorgente e Programma...12 Usare la finestra Timeline...13 Spostarsi nella finestra Timeline...13 Aggiungere, ridenominare ed eliminare le tracce...15 Usare le palette...17 Usare la palette Info...17 Usare la palette Cronologia...17 Transizioni...19 Trovare le transizioni video...19 Usare le transizioni predefinite...20 Modificare le impostazioni della transizione...21 Impostazioni della transizione...21 Informazioni sulle maniglie e le transizioni di una clip...21 Usare Adobe Title Designer...23 Aprire un nuovo stile o uno stile salvato...23 Usare gli stili oggetto...24 Impostare gli stili oggetto per il testo...24 Preparare il video finale...26 Esportare su DVD...26 Esportare un video in un file...26 Esportare su videocassetta...27 Indice

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Credo sia utile impostare fin da subito le unità di misura. InDesign > Unità e incrementi Iniziamo poi creando un nuovo documento. File

Dettagli

I tracciati sono contorni che potete trasformare in selezioni o a cui potete applicare un riempimento o una traccia di colore. tracciato temporaneo

I tracciati sono contorni che potete trasformare in selezioni o a cui potete applicare un riempimento o una traccia di colore. tracciato temporaneo Disegnare Il disegno (1) Quando si disegna in Adobe Photoshop si creano forme vettoriali e tracciati. Per disegnare potete usare gli strumenti: Forma Penna Penna a mano libera Le opzioni per ogni strumento

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

Demo. La palette allinea. La palette Anteprima conversione trasparenza. Adobe Illustrator CS2

Demo. La palette allinea. La palette Anteprima conversione trasparenza. Adobe Illustrator CS2 Le Palette (parte prima) Come abbiamo accennato le Palette permettono di controllare e modificare il vostro lavoro. Le potete spostare e nascondere come spiegato nella prima lezione. Cominciamo a vedere

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

Sono uno strumento di composizione efficace per combinare più foto in una sola immagine e per effettuare correzioni locali di colori e toni.

Sono uno strumento di composizione efficace per combinare più foto in una sola immagine e per effettuare correzioni locali di colori e toni. Maschere di Livello Maschere di livello Le maschere di livello sono utili per nascondere porzioni del livello a cui vengono applicate e rivelare i livelli sottostanti. Sono uno strumento di composizione

Dettagli

X-Sign Basic Manuale Utente

X-Sign Basic Manuale Utente X-Sign Basic Manuale Utente Copyright Copyright 2015 di BenQ Corporation. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta, salvata in

Dettagli

Organizzare il proprio lavoro

Organizzare il proprio lavoro Utilizzo di ADOBE PHOTOSHOP ELEMENTS 7 Organizzare il proprio lavoro Inserire le parole chiave Ricercare le immagini 69 Capitolo 5: Applicazione dei tag e organizzazione delle foto Potete usare i tag parole

Dettagli

Cenni preliminari su Adobe Photoshop Album Starter Edition 3.0

Cenni preliminari su Adobe Photoshop Album Starter Edition 3.0 1 Cenni preliminari su Adobe Photoshop Album Starter Edition 3.0 Benvenuti in Adobe Photoshop Album Starter Edition 3.0, l applicazione che consente di organizzare le foto di una vita in modo rapido e

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4 Foglio Elettronico PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File

Dettagli

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti.

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. 1 POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. Le presentazioni sono composte da varie pagine chiamate diapositive

Dettagli

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access sergiopinna@tiscali.it Seconda Parte: Ms Access (lezione #2) CONTENUTI LEZIONE Query Ordinamento Avanzato Maschere Report Query (interrogazioni) Gli strumenti

Dettagli

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente EasyPrint v4.15 Gadget e calendari Manuale Utente Lo strumento di impaginazione gadget e calendari consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di ordinare in maniera semplice

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

Introduzione a PowerPoint

Introduzione a PowerPoint Office automation - Dispensa su PowerPoint Pagina 1 di 11 Introduzione a PowerPoint Premessa Uno strumento di presentazione abbastanza noto è la lavagna luminosa. Questo strumento, piuttosto semplice,

Dettagli

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata.

Microsoft Word 2007. La BARRA DI ACCESSO RAPIDO, che contiene alcuni comandi sempre visibili e può essere personalizzata. Microsoft Word 2007 Microsoft Office Word è il programma di elaborazione testi di Microsoft all interno del pacchetto Office. Oggi Word ha un enorme diffusione, tanto da diventare l editor di testi più

Dettagli

GUIDA ALL USO DELL E-READER SONY PRS-T1...2

GUIDA ALL USO DELL E-READER SONY PRS-T1...2 GUIDA ALL USO DELL E-READER SONY PRS-T1...2 INFORMAZIONI SUL DISPOSITIVO READER...2 OPERAZIONI DI BASE...2 APPLICAZIONI E SCHERMATA [HOME]...2 Barra di stato...3 Finestra di notifica...4 OPERAZIONI DEL

Dettagli

FlukeView Forms Documenting Software

FlukeView Forms Documenting Software FlukeView Forms Documenting Software N. 5: Uso di FlukeView Forms con il tester per impianti elettrici Fluke 1653 Introduzione Questa procedura mostra come trasferire i dati dal tester 1653 a FlukeView

Dettagli

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi FONDAMENTI DI INFORMATICA 3 Elaborazione testi Microsoft office word Concetti generali Operazioni principali Formattazione Oggetti Stampa unione Preparazione della stampa Schermata iniziale di Word Come

Dettagli

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere 3.3 Formattazione Formattare un testo Modificare la formattazione del carattere Cambiare il font di un testo selezionato Modificare la dimensione e il tipo di carattere Formattazione del carattere In Word,

Dettagli

Reti Informatiche: Internet e posta. elettronica. Tina Fasulo. Guida a Internet Explorer e alla posta elettronica Windows Live Mail

Reti Informatiche: Internet e posta. elettronica. Tina Fasulo. Guida a Internet Explorer e alla posta elettronica Windows Live Mail Reti Informatiche: Internet e posta elettronica Tina Fasulo 2012 Guida a Internet Explorer e alla posta elettronica Windows Live Mail 1 Parte prima: navigazione del Web Il browser è un programma che consente

Dettagli

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento.

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. Uso del computer e gestione dei file 57 2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. All interno

Dettagli

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente EasyPrint v4.7 Impaginatore Album Manuale Utente Lo strumento di impaginazione album consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di organizzare le immagini in maniera

Dettagli

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE 6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE Le funzionalità di Impress permettono di realizzare presentazioni che possono essere arricchite con effetti speciali animando gli oggetti o l entrata delle diapositive.

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

Introduzione. Strumenti di Presentazione Power Point. Risultato finale. Slide. Power Point. Primi Passi 1

Introduzione. Strumenti di Presentazione Power Point. Risultato finale. Slide. Power Point. Primi Passi 1 Introduzione Strumenti di Presentazione Power Point Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Con il termine STRUMENTI DI PRESENTAZIONE, si indicano programmi in grado di preparare presentazioni

Dettagli

La creazione e l apertura dei disegni

La creazione e l apertura dei disegni Capitolo 3 La creazione e l apertura dei disegni Per lavorare con efficienza è importante memorizzare i documenti in modo da poterli ritrovare facilmente. È indispensabile, inoltre, disporre di modelli

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Maria Maddalena Fornari Aprire il programma Per creare un nuovo documento oppure per

Dettagli

Modulo 6 Strumenti di presentazione

Modulo 6 Strumenti di presentazione Modulo 6 Strumenti di presentazione Gli strumenti di presentazione permettono di realizzare documenti ipertestuali composti da oggetti provenienti da media diversi, quali: testo, immagini, video digitali,

Dettagli

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 Il Personal Computer Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 1 accendere il Computer Per accendere il Computer effettuare le seguenti operazioni: accertarsi che le prese di corrente siano tutte

Dettagli

Nuovo documento Anteprima di stampa Collegamento Zoom. Apri Controllo ortografico Annulla Sorgente dati. Salva Controllo automatico Ripristina Gallery

Nuovo documento Anteprima di stampa Collegamento Zoom. Apri Controllo ortografico Annulla Sorgente dati. Salva Controllo automatico Ripristina Gallery Writer è il programma per l'elaborazione di testi della suite OpenOffice.org che ti consente di creare documenti, lettere, newsletter, brochures, grafici, etc. Gli elementi dello schermo: Di seguito le

Dettagli

Modulo 4 Strumenti di presentazione

Modulo 4 Strumenti di presentazione Modulo 4 Strumenti di presentazione Scopo del modulo è mettere l allievo in grado di: o descrivere le funzionalità di un software per generare presentazioni. o utilizzare gli strumenti standard per creare

Dettagli

APPUNTI WORD PER WINDOWS

APPUNTI WORD PER WINDOWS COBASLID Accedemia Ligustica di Belle Arti Laboratorio d informatica a.a 2005/06 prof Spaccini Gianfranco APPUNTI WORD PER WINDOWS 1. COSA È 2. NOZIONI DI BASE 2.1 COME AVVIARE WORD 2.2 LA FINESTRA DI

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

Note operative per Windows 7

Note operative per Windows 7 Note operative per Windows 7 AVVIO E ARRESTO DEL SISTEMA All avvio del computer, quando l utente preme l interruttore di accensione, vengono attivati i processi di inizializzazione con i quali si effettua

Dettagli

Creare e formattare i documenti

Creare e formattare i documenti Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Elaborazione di testi Creare e formattare i documenti 1 IL WORD PROCESSOR I programmi per l elaborazione di testi ( detti anche di videoscrittura

Dettagli

Microsoft Word Nozioni di base

Microsoft Word Nozioni di base Corso di Introduzione all Informatica Microsoft Word Nozioni di base Esercitatore: Fabio Palopoli SOMMARIO Esercitazione n. 1 Introduzione L interfaccia di Word Gli strumenti di Microsoft Draw La guida

Dettagli

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel

Il Foglio Elettronico. Microsoft Excel Il Foglio Elettronico 1 Parte I Concetti generali Celle e fogli di lavoro.xls Inserimento dati e tipi di dati Importazione di dati Modifica e formattazione di fogli di lavoro FOGLIO ELETTRONICO. I fogli

Dettagli

Personalizza. Page 1 of 33

Personalizza. Page 1 of 33 Personalizza Aprendo la scheda Personalizza, puoi aggiungere, riposizionare e regolare la grandezza del testo, inserire immagini e forme, creare una stampa unione e molto altro. Page 1 of 33 Clicca su

Dettagli

Interattività. Il contenuto di alcuni dei collegamenti potrebbe essere disponibile solo in inglese.

Interattività. Il contenuto di alcuni dei collegamenti potrebbe essere disponibile solo in inglese. Interattività Il contenuto di alcuni dei collegamenti potrebbe essere disponibile solo in inglese. Documenti PDF dinamici Creare documenti interattivi per PDF Creazione di moduli PDF (CS5.5 e CS5) Anteprima

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

Word Elaborazione testi

Word Elaborazione testi I seguenti appunti sono tratti da : Consiglio Nazionale delle ricerche ECDL Test Center modulo 3 Syllabus 5.0 Roberto Albiero Dispense di MS Word 2003 a cura di Paolo PAVAN - pavan@netlink.it Word Elaborazione

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo . Laboratorio di Informatica Facoltà di Economia Università di Foggia Prof. Crescenzio Gallo Word è un programma di elaborazione testi che consente di creare, modificare e formattare documenti in modo

Dettagli

Adobe Photoshop Prof. Filippo Stanco

Adobe Photoshop Prof. Filippo Stanco Adobe Photoshop 1 Introduzione Adobe Photoshop è uno strumento software standard di elaborazione delle immagini. Photoshop permette di operare su immagini bitmap digitalizzate (ovvero immagini a tono continuo

Dettagli

Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file

Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file Scopo: Windows, creare cartelle, creare e modificare file di testo, usare il cestino, spostare e copiare file, creare collegamenti. A

Dettagli

MODULO 3 Foglio elettronico

MODULO 3 Foglio elettronico MODULO 3 Foglio elettronico I contenuti del modulo: Questo modulo verifica la comprensione da parte del corsista dei concetti fondamentali del foglio elettronico e la sua capacità di applicare praticamente

Dettagli

Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password.

Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password. Uso del computer e gestione dei file Primi passi col computer Avviare il computer e collegarsi in modo sicuro utilizzando un nome utente e una password. Spegnere il computer impiegando la procedura corretta.

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Sommario Uso del computer e gestione dei file... 3 Sistema Operativo Windows... 3 Avvio di Windows... 3 Desktop... 3 Il mouse... 4 Spostare le icone... 4 Barra delle

Dettagli

WORD per WINDOWS95. Un word processor e` come una macchina da scrivere ma. con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera

WORD per WINDOWS95. Un word processor e` come una macchina da scrivere ma. con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera WORD per WINDOWS95 1.Introduzione Un word processor e` come una macchina da scrivere ma con molte più funzioni. Il testo viene battuto sulla tastiera ed appare sullo schermo. Per scrivere delle maiuscole

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 3 Cortina d Ampezzo, 4 dicembre 2008 ELABORAZIONE TESTI Grazie all impiego di programmi per l elaborazione dei testi, oggi è possibile creare documenti dall aspetto

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICO. Strumenti di presentazione. Introduzione a MS POWERPOINT. Microsoft Powerpoint

LABORATORIO INFORMATICO. Strumenti di presentazione. Introduzione a MS POWERPOINT. Microsoft Powerpoint LABORATORIO INFORMATICO Microsoft Powerpoint 1 Strumenti di presentazione Servono per creare efficaci presentazioni multimediali (testi, immagini, suoni, collegamenti); Applicazioni tipiche sono: Tesine

Dettagli

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 INDICE 1 Strumenti di Presentazione... 4 2 Concetti generali di PowerPoint... 5 2.1 APRIRE POWERPOINT... 5 2.2 SELEZIONE DEL LAYOUT... 6 2.3 SALVARE LA PRESENTAZIONE...

Dettagli

SCRIVERE TESTI CON WORD

SCRIVERE TESTI CON WORD SCRIVERE TESTI CON WORD Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello occorre un programma di elaborazione testo. Queste lezioni fanno riferimento al programma più conosciuto: Microsoft

Dettagli

TotalMedia. BARRA DEI PULSANTI La barra dei pulsanti a scomparsa appare per alcuni secondi ogni volta che spostate il mouse sullo schermo.

TotalMedia. BARRA DEI PULSANTI La barra dei pulsanti a scomparsa appare per alcuni secondi ogni volta che spostate il mouse sullo schermo. TotalMedia INTRODUZIONE Benvenuti in ArcSoft TotalMedia, l applicazione multimediale all-in-one che vi permette di gestire e utilizzare le vostre immagini digitali, i video, i programmi TV, la radio e

Dettagli

Modulo 6 Strumenti di presentazione (Syllabus 5.0 Ooo Impress 3.0)

Modulo 6 Strumenti di presentazione (Syllabus 5.0 Ooo Impress 3.0) Modulo 6 Strumenti di presentazione (Syllabus 5.0 Ooo Impress 3.0) Le versioni per Linux e Windows sono praticamente identiche. I pochi casi di difformità nei comandi sono segnalati. Ricordarsi di utilizzare,

Dettagli

INTRODUZIONE A WINDOWS

INTRODUZIONE A WINDOWS INTRODUZIONE A WINDOWS Introduzione a Windows Il Desktop Desktop, icone e finestre Il desktop è una scrivania virtuale in cui si trovano: Icone: piccole immagini su cui cliccare per eseguire comandi o

Dettagli

Montaggio video. La "composizione" avviene attraverso tagli e unioni per mezzo di attrezzature meccaniche (come la moviola)

Montaggio video. La composizione avviene attraverso tagli e unioni per mezzo di attrezzature meccaniche (come la moviola) Montaggio video Il montaggio è la principale fase della cosiddetta post-produzione di un filmato, durante la quale il materiale disponibile è visionato, analizzato e ricomposto in base ad esigenze narrative,

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

REALIZZIAMO UN FILMATO A PARTIRE DALLE NOSTRE

REALIZZIAMO UN FILMATO A PARTIRE DALLE NOSTRE REALIZZIAMO UN FILMATO A PARTIRE DALLE NOSTRE FOTOGRAFIE CON EFFETTI SPECIALI E COLONNA SONORA Uno dei migliori programmi per raggiungere l obiettivo è gratuito ed è presente in WINDOWS XP: si tratta di

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Maria Maddalena Fornari Impostazioni di pagina: orientamento È possibile modificare le

Dettagli

Layout dell area di lavoro

Layout dell area di lavoro Layout dell area di lavoro In Windows, Dreamweaver fornisce un layout che integra tutti gli elementi in una sola finestra. Nell area di lavoro integrata, tutte le finestre e i pannelli sono integrati in

Dettagli

LA FINESTRA DI GOAL (SCHERMATA PRINCIPALE E PANNELLO DEI COMANDI)

LA FINESTRA DI GOAL (SCHERMATA PRINCIPALE E PANNELLO DEI COMANDI) FUNZIONI DEL PROGRAMMA GOAL Il programma GOAL consente all utilizzatore di creare animazioni grafiche rappresentanti schemi, esercitazioni e contrapposizioni tattiche. Le animazioni create possono essere

Dettagli

Navigazione Web e comunicazione Utilizzo del Browser. 7.2.1 Navigazione di base

Navigazione Web e comunicazione Utilizzo del Browser. 7.2.1 Navigazione di base Navigazione Web e comunicazione Utilizzo del Browser 7.2.1 Navigazione di base 7.2.1.1 Aprire, chiudere un programma di navigazione Per aprire Firefox, occorre: selezionare il menu Start / Tutti i programmi

Dettagli

il foglio elettronico

il foglio elettronico 1 il foglio elettronico ecdl - modulo 4 toniorollo 2013 il modulo richiede 1/2 comprendere il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma di foglio elettronico per produrre dei

Dettagli

Anno Accademico 2004/2005 Facoltà di Scienze della Comunicazione Corso di Laurea in Comunicazione artistica e multimediale Corso di informatica prof.

Anno Accademico 2004/2005 Facoltà di Scienze della Comunicazione Corso di Laurea in Comunicazione artistica e multimediale Corso di informatica prof. Anno Accademico 2004/2005 Facoltà di Scienze della Comunicazione Corso di Laurea in Comunicazione artistica e multimediale Corso di informatica prof. Eugeni Gruppo di laboratorio prof. Manuppella realizzato

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Parte 1 Desktop All avvio del computer compare il Desktop. Sul Desktop sono presenti le Icone. Ciascuna icona identifica un oggetto differente che può essere un file,

Dettagli

4. Fondamenti per la produttività informatica

4. Fondamenti per la produttività informatica Pagina 36 di 47 4. Fondamenti per la produttività informatica In questo modulo saranno compiuti i primi passi con i software applicativi più diffusi (elaboratore testi, elaboratore presentazioni ed elaboratore

Dettagli

Funzioni per documenti lunghi

Funzioni per documenti lunghi 8 Funzioni per documenti lunghi In questo capitolo: Creare e personalizzare intestazioni e piè di pagina Organizzare le informazioni Riorganizzare un documento Creare un documento master Inserire un frontespizio

Dettagli

Operazioni fondamentali

Operazioni fondamentali Elaborazione testi Le seguenti indicazioni valgono per Word 2007, ma le procedure per Word 2010 sono molto simile. In alcuni casi (per esempio, Pulsante Office /File) ci sono indicazioni entrambe le versioni.

Dettagli

L interfaccia di Microsoft Word 2007

L interfaccia di Microsoft Word 2007 L interfaccia di Microsoft Word 2007 Microsoft Word 2007 è un Word Processor, ovvero un programma di trattamento testi. La novità di questa versione riguarda la barra multifunzione, nella quale i comandi

Dettagli

3D, video e analisi delle immagini

3D, video e analisi delle immagini Appendice 3D, video e analisi delle immagini 3D Photoshop consente di aprire e usare file 3D creati con programmi come Adobe Acrobat 3D Versione 8, 3D Studio Max, Alias, Maya e Google Earth. I modelli

Dettagli

Guida Utente Cos è aworkbook Cataloghi e sessioni Prodotti Assortimenti Risorse Presentazioni 11 Procedura d ordine

Guida Utente Cos è aworkbook Cataloghi e sessioni Prodotti Assortimenti Risorse Presentazioni 11 Procedura d ordine Guida Utente V.0 Cos è aworkbook Cataloghi e sessioni Prodotti Assortimenti 7 Risorse 0 Presentazioni Procedura d ordine Cos è aworkbook Prodotti Risorse Presentazione Assortimento aworkbook presenta al

Dettagli

Introduzione a Microsoft Word 2007

Introduzione a Microsoft Word 2007 Introduzione a Microsoft Word 2007 Autore: Alessandra Salvaggio Tratto dal libro: Lavorare con Word 2007 Non ostante che Microsoft Office 2007 sia uscito da un po di tempo, molte persone ancora non sono

Dettagli

Anno 2009/2010 Syllabus 5.0

Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 3: Oggetti grafici Effetti di animazione Preparare una presentazione Stampa Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 In una presentazione è possibile aggiungere

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 La scheda vai a La scheda Vai è probabilmente la meno utilizzata delle tre: permette di spostarsi in un certo punto del documento, ad esempio su una determinata pagina

Dettagli

Versione aggiornata al 11.11.2014

Versione aggiornata al 11.11.2014 Word Processing Versione aggiornata al 11.11.2014 A cura di Massimiliano Del Gaizo Massimiliano Del Gaizo Pagina 1 SCHEDA (RIBBON) HOME 1. I L G R U P P O C A R AT T E R E Word ci offre la possibilità,

Dettagli

InterVideo Home Theater Guida introduttiva Benvenuti in InterVideo Home Theater

InterVideo Home Theater Guida introduttiva Benvenuti in InterVideo Home Theater InterVideo Home Theater Guida introduttiva Benvenuti in InterVideo Home Theater InterVideo Home Theater è una soluzione completa d intrattenimento digitale per guardare e registrare programmi TV, fotografie,

Dettagli

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 -

Guida in linea. lo 1. TIC - Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione - Prof. Franco Tufoni - 1 - 1-1 - Introduzione Microsoft Excel 2000 è una applicazione software che può essere usata come: Foglio elettronico. Database. Generatore di grafici. Capittol lo 1 Introduzione e Guida in linea Si può paragonare

Dettagli

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia

B C. Panoramica di Access 2010. Elementi dell interfaccia Panoramica di Access 2010 A B C D E Elementi dell interfaccia A Scheda File (visualizzazione Backstage) Consente l accesso alla nuova visualizzazione backstage di Access 2010, che contiene un menu di comandi

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

Esercitazioni su ADOBE DIGITAL PUBLISHING SUITE

Esercitazioni su ADOBE DIGITAL PUBLISHING SUITE Esercitazioni su ADOBE DIGITAL PUBLISHING SUITE Note legali Note legali Per le note legali, consultate http://help.adobe.com/it_it/legalnotices/index.html. iii Sommario Configurazione delle esercitazioni.....................................................................................

Dettagli

DISPENSA PER MICROSOFT WORD 2010

DISPENSA PER MICROSOFT WORD 2010 DISPENSA PER MICROSOFT WORD 2010 Esistono molte versioni di Microsoft Word, dalle più vecchie ( Word 97, Word 2000, Word 2003 e infine Word 2010 ). Creazione di documenti Avvio di Word 1. Fare clic sul

Dettagli

Sfumatura riflessa Sfumature che usano sfumature lineari simmetriche su un lato del punto iniziale.

Sfumatura riflessa Sfumature che usano sfumature lineari simmetriche su un lato del punto iniziale. SESTA LEZIONE STRUMENTO SFUMATURA (G) All apertura del comando Sfumatura la barra delle opzioni diventa come nella figura riportata qui sopra. E possibile regolare: i colori del gradiente, il tipo di sfumatura,

Dettagli

CORSO PRATICO WinWord

CORSO PRATICO WinWord CORSO PRATICO WinWord AUTORE: Renato Avato 1. Strumenti Principali di Word Il piano di lavoro di Word comprende: La Barra del Titolo, dove sono posizionate le icone di ridimensionamento: riduci finestra

Dettagli

Software di gestione pressione sanguigna Istruzioni operative EW-BU60

Software di gestione pressione sanguigna Istruzioni operative EW-BU60 Software di gestione pressione sanguigna Istruzioni operative EW-BU60 Sommario Prima dell uso... 2 Avvio del Software di gestione pressione sanguigna... 3 Primo utilizzo del Software di gestione pressione

Dettagli

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino -

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino - Capitolo3 LAVORARE CON LE IMMAGINI E certo che l impatto visivo in un sito internet è molto importante ma è bene tenere presente che immagini e fotografie, pur arricchendo la struttura grafica di un web,

Dettagli

ECDL Modulo 2. Contenuto del modulo. Uso del computer e gestione dei file

ECDL Modulo 2. Contenuto del modulo. Uso del computer e gestione dei file ECDL Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file Contenuto del modulo Per iniziare Il desktop Organizzare i file Semplice editing Gestione della stampa Esercitazioni 1 Per iniziare (1) Per iniziare a

Dettagli

Creazione di un elemento grafico SmartArt Crea una nuova diapositiva con layout Titolo e contenuto.

Creazione di un elemento grafico SmartArt Crea una nuova diapositiva con layout Titolo e contenuto. G. Pettarin ECDL Modulo 6: Strumenti di presentazione 98 6. Gli Smartart Con gli elementi grafici SmartArt si può rappresentare visivamente le informazioni e i concetti che si vuole illustrare. È possibile

Dettagli

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa.

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa. La finestra di Excel è molto complessa e al primo posto avvio potrebbe disorientare l utente. Analizziamone i componenti dall alto verso il basso. La prima barra è la barra del titolo, dove troviamo indicato

Dettagli

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Scienze Motorie CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO Una tabella che contiene parole e numeri che possono essere elaborati applicando formule matematiche e funzioni statistiche. Esame di Informatica

Dettagli

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000.

Obiettivi del corso. Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. ECDL Excel 2000 Obiettivi del corso Creare, modificare e formattare un semplice database costituito da tabelle, query, maschere e report utilizzando Access 2000. Progettare un semplice database Avviare

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.1 Utilizzo applicazione Elaborazione testi Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello

Dettagli

GESTIONE DI FINESTRE, FILE E CARTELLE con Windows XP

GESTIONE DI FINESTRE, FILE E CARTELLE con Windows XP GESTIONE DI FINESTRE, FILE E CARTELLE con Windows XP Desktop (scrivania) Il Desktop è la prima schermata che appare all accensione del computer. icone Barra delle applicazioni Le piccole immagini che appaiono

Dettagli