E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani"

Transcript

1 E sperienze di cittadinanza democratica con bambini, ragazzi e giovani

2 NOVEMBRE 2010

3 S ommario Premessa pag. 4 Un impegno che ha una storia pag. 6 La proposta 2010/2011 pag. 8 Concittadini pag. 10 Fasi e tempi pag. 14 Contributo economico pag. 18 Schede di adesione pag. 20 2

4

5 P remessa Questo fascicolo presenta informazioni sintetiche rivolte a quanti intendono aderire ai progetti dell Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, volti a promuovere la cittadinanza attiva e la partecipazione democratica di bambini, ragazzi e giovani alla vita delle loro comunità. E il risultato di un percorso di analisi e riflessione sulle pratiche di cittadinanza attiva realizzate fino ad oggi, svolto unitamente ai Referenti dei progetti Partecipa.net-AL e Partecipa.Rete, il cui contributo, in questa fase, è stato prezioso ed insostituibile. E rivolto a docenti, tecnici e funzionari delle province, facilitatori ed educatori attivi nei consigli comunali ragazzi e nelle consulte, operatori delle associazioni di volontariato e del terzo settore coinvolti, rappresentanti istituzionali locali e regionali. 4

6

7 U n impegno che ha una storia L Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna da anni promuove iniziative formative, di partecipazione e di comunicazione, rivolte a bambini, ragazzi, giovani studenti e altri cittadini. Si tratta di attività realizzate in collaborazione con le Istituzioni scolastiche, le Amministrazioni comunali e provinciali e le Associazioni, che si prefiggono di creare e valorizzare contesti formativi in cui i giovani cittadini siano orientati a meglio comprendere i meccanismi che regolano la vita democratica del Paese. In questo ambito l Assemblea promuove e incentiva le esperienze locali di partecipazione dei giovani nel territorio regionale, proponendo il dialogo fra le diverse esperienze locali nonché gli incontri di bambini, ragazzi e giovani con i rappresentanti dell Assemblea legislativa sia nelle singole realtà che presso la sede istituzionale regionale. Gli incontri con l Assemblea legislativa forniscono ai ragazzi l occasione per proporre i risultati del proprio lavoro contribuendo al dialogo con i Consiglieri regionali e con le altre figure di riferimento. In questo quadro sono ormai consolidate anche le esperienze di dialogo e confronto on-line con e fra le scuole, che attraverso l utilizzo degli strumenti tipici dell e-democracy consentono un approfondimento dei temi trattati e un sostegno all elaborazione di suggerimenti e proposte operative. I risultati conseguiti in questi anni attraverso questo tipo di progettualità sono documentati nel sito dell Assemblea legislativa e fanno parte dei materiali di educazione alla cittadinanza, che possono essere utilizzati autonomamente da scuole, enti locali, associazioni o gruppi. Questo modo di operare costituisce diretta attuazione dei principi fondanti lo Statuto della Regione Emilia-Romagna che, fin dal suo Preambolo, riconosce come istanze fondamentali del rapporto fra Istituzione e società civile il confronto permanente con le organizzazioni che la rappresentano e la promozione della democrazia partecipata. 6

8 E inoltre in piena sintonia con le indicazioni del Consiglio d Europa, che ha fra i suoi compiti la diffusione delle competenze che riguardano i diritti dell uomo, la democrazia locale, l educazione, la cultura, l ambiente e, nel tempo, ha focalizzato la sua attenzione all Educazione alla cittadinanza democratica. I criteri su cui si fondano le esperienze proposte ed auspicate dall Assemblea Legislativa dell Emilia-Romagna, coerenti con l impianto proposto dal Consiglio d Europa sono: Rapporto con il territorio Il territorio locale è inteso come luogo di incontro e di conoscenza con la realtà in cui i ragazzi vivono, terreno di ricerca e di espressione di motivazioni e curiosità, di sperimentazione e di valutazione delle competenze possedute e messe in gioco Centralità della scuola e delle esperienze di partecipazione promosse da enti locali, associazioni e gruppi di cittadini. La Scuola, in quanto espressione del sistema educativo formale del nostro Paese, e gli enti locali (in primis le Province), le associazioni e i gruppi di cittadini attivi localmente con le esperienze di partecipazione promosser sono i principali interlocutori dell Assemblea legislativa, che propone ai docenti e agli altri operatori una collaborazione strutturata, volta a valorizzare le esperienze locali aprendosi anche alla dimensione regionale Continuità e impegno di lungo periodo. Il superamento della logica della sperimentazione è condizione essenziale per il successo delle attività proposte. Un esperienza autenticamente educativa richiede sia costanza che coerenza al fine ad evitare il rischio della frammentazione, in un contesto sociale in cui l esigenza principale non è tanto il reperimento delle informazioni, quanto piuttosto il possesso degli strumenti culturali idonei ad interpretarle e metabolizzarle, trasformandole in nutrimento per incrementare e riorganizzare i propri saperi. Tensione all efficacia. L intento è quello di valorizzare e diffondere metodologie operative centrate sugli studenti, caratterizzate da un impostazione educativa che combina strettamente l esperienza che gli studenti hanno di sé stessi, degli ambienti di vita quotidiana e del loro territorio con un atteggiamento di ricerca che li aiuti a osservare la realtà, a vedere oltre la superficie delle cose, a riconoscere le risorse e le ricchezze, a incontrare i problemi, ad approfondire gli argomenti attraverso l indagine, combinando la riflessione e lo studio con il fare e l azione. 7

9 L a proposta 2010/2011 Nell ambito della cittadinanza attiva, l Assemblea legislativa ha supportato, in questi ultimi anni, diverse e articolate esperienze che si sono tradotte in progetti strutturati. Attraverso Partecipa.Home dalle esperienze di apertura delle porte agli incontri in Assemblea, dalla produzione di pubblicazioni e dalla nascita del sito Studenti&Cittadini, al dialogo con gli studenti più grandi, sostenuto dalle tecnologie di Partecipa.Net, per arrivare all ultima recente esperienza di incontro con il territorio, mediante Partecipa.Rete. Ciascuno di questi progetti ha rappresentato per l Assemblea una tappa di arricchimento del dialogo con la comunità regionale, contribuendo a consolidare uno spazio dedicato alla prossimità con i suoi giovani cittadini coerente con il proprio patrimonio valoriale. Alla nuova Legislatura i progetti di educazione alla cittadinanza sono stati consegnati nel più generale quadro del Bilancio Sociale , concludendo le attività con un risultato complessivo che ha visto il coinvolgimento di tutte le Province della regione, di 11 Assessorati provinciali, di 61 Comuni, di 25 scuole superiori, per un totale di circa ragazzi ed un centinaio di docenti, oltre ad operatori ed amministratori del territorio esprimendo ben 72 esperienze di partecipazione attiva. Un bilancio non valutabile solo quantitativamente, ma che ha trovato piena espressione qualitativa nella costruzione e nell ampliamento costante di una rete di studenti, insegnanti, funzionari, amministratori, realtà associative, operatori e attori di partecipazione rappresentativi di tutto il territorio regionale producendo un patrimonio di relazioni e di buone pratiche oggi consolidato. Per l anno scolastico 2010/2011 l Assemblea legislativa propone un nuovo percorso progettuale: concittadini viene rivolto alle Scuole alle Province, al fine di proporre alle realtà giovanili organizzate e strutturate di aderire a forme di incontro e scambio con le istituzioni locali e regionali. 8

10 L unificazione in un unico progetto delle esperienze di Partecipa.net-AL, Partecipa.rete e Partecipa.home nasce dalla riflessione sulle esperienza fatta che evidenzia come tutte e tre i percorsi nel tempo hanno finito per essere sempre più interconnessi, conseguenza inevitabile di un comune filo valoriale conduttore la partecipazione e il dialogo fra i giovani e fra questi e le istituzioni - anche se espresso e realizzato con strumenti differenti 9

11 c oncittadini Finalità del progetto Sostenere e valorizzare le esperienze di cittadinanza e partecipazione attiva e che vedono protagonisti i ragazzi nelle realtà scolastiche e nel territorio, attraverso la mediazione delle Province, e delle Scuole. Incentivare la nascita di reti a base territoriale che siano espressione della molteplicità dei soggetti a vario titolo attivi sui temi della cittadinanza e della responsabilità verso la comunità. Promuovere il rapporto diretto dei ragazzi e delle ragazze con le istituzioni locali e con l Assemblea legislativa, incrementandone la conoscenza. Accrescere la cultura dei diritti e delle responsabilità dei cittadini Il progetto in sintesi A ciascuna realtà locale, sia essa scolastica (singola classe, più classi di uno stesso istituto o di istituti diversi), o rappresentativa dei giovani organizzati in forme di partecipazione strutturata (Consigli Comunali ragazzi, Consulte, altre attività in forma aggregata per livello provinciale) si propone di: individuare una tematica di interesse, anche scelta fra quelle sulle quali i ragazzi stanno già lavorando, unico vincolo: la connessione alle tematiche della cittadinanza attiva e della convivenza democratica condividere ed approfondire il tema scelto con i soggetti di riferimento del territorio (istituzioni, associazioni, agenzie educative, attori del terzo settore, ecc ) 10

12 utilizzare le tecnologie (forum, sondaggi on line, newsletter, news, social network) a sostegno del dialogo al fine di divulgare le esperienze ad una comunità più vasta di quella costituita dai partecipanti, di mettere in comune risorse, contributi, apporti e conoscenze, e di incentivare e sostenere su tutto il territorio regionale la pratica della cittadinanza come assunzione di responsabilità nei confronti della propria collettività contribuire alla produzione dei contenuti del sito web Studenti&Cittadini visto come luogo idoneo a dare visibilità al lavoro di ogni realtà impegnata sul terreno della cittadinanza. Soggetti coinvolti I promotori del progetto sono l Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, tre Assessorati della Giunta regionale (Assessorato Scuola, Formazione professionale, Università, Lavoro, Pari opportunità - Assessorato alla promozione delle Politiche sociali e di quelle educative per l infanzia e l adolescenza, Politiche per l immigrazione, Sviluppo del volontariato, dell Associazionismo e del Terzo settore - Assessorato Cultura, Sport e Progetto giovani) e l Ufficio Scolastico Regionale per l Emilia-Romagna. Nella relazione con quest ultimo soggetto tale collaborazione si inserisce nel più generale contesto di un Protocollo d intenti tra Assemblea legislativa e Ufficio Scolastico Regionale sui temi dell educazione alla cittadinanza. L Assemblea legislativa rappresenta l istituzione di riferimento regionale e, al fine di facilitare e valorizzare i percorsi, eroga un contributo economico e mette a disposizione spazi e strumenti di comunicazione dedicati. Suoi principali compiti sono: presidiare gli obiettivi del percorso al fine di assicurarne uno sviluppo unitario e coerente supportare e facilitare la coesione della rete sul territorio. supportare le singole Province e le Scuole in tutte le fasi del percorso organizzare e gestire gli incontri tra i ragazzi e gli esperti regionali presso la propria sede curare la promozione e la diffusione dei contributi dei ragazzi collaborare alla realizzazione di eventi nel territorio. 11

13 Le Province rappresentano gli enti di riferimento locali attraverso l Assessorato o gli Assessorati le cui deleghe sono attinenti la sfera di riferimento del progetto in ogni realtà locale (ad esempio: Istruzione - Politiche Giovanili - Servizi Sociali) Loro principali compiti sono: coordinare e sostengono a livello locale la rete dei soggetti che aderiscono al progetto, vale a dire quelle realtà nelle quali i bambini, i ragazzi e i giovani sono impegnati in un esperienza di partecipazione, nel cui ambito interagiscono con le istituzioni. Ad esempio i Consigli Comunali dei Ragazzi, le Consulte Giovanili, altri organi di rappresentanza dei giovani o espressione i esperienze di volontariato; il coordinamento può essere svolto anche da un altro Ente locale delegato o da associazioni che svolgono tale ruolo per conto degli Enti interessati. organizzare i momenti di incontro tra i ragazzi e gli Amministratori locali sul territorio (Assessori e Consiglieri provinciali e comunali) Le Scuole di ogni ordine e grado possono autonomamente aderire al progetto con classi, gruppi di classi, altre scuole in rete, associazioni e soggetti espressione del territorio di appartenenza, coinvolgendo i ragazzi nel dialogo con le istituzioni locali e con l Assemblea legislativa. Le realtà scolastiche aderenti al progetto potranno organizzare momenti di incontro e/o iniziative. Le esperienze di lavoro in rete fra più Scuole potranno scaturire dall approfondimento di tematiche in qualche modo legate al territorio o comuni fra più territori. Inoltre le scuole potranno aderire anche attraverso la rispettiva Provincia che fungerà da ente coordinatore ed assolverà direttamente a tutti gli obblighi previsti dal progetto (es. invio schede di adesionerelazione di monitoraggio ecc.). Nell ambito del progetto potranno svolgere una funzione significativa anche altri soggetti della società civile attivi nelle diverse province (Associazioni, organizzazioni di volontariato, ONLUS, cooperative, ecc ), che affiancheranno le realtà di partecipazione o le scuole nella realizzazione delle piste di lavoro. In particolare, spetterà loro il compito, laddove presenti, di favorire la convergenza delle diverse realtà attorno ad un progetto unitario e condiviso. 12

14 Protagonisti del progetto ragazzi appartenenti alle realtà di partecipazione di ciascuna provincia studenti di scuole che aderiranno in una relazione tra uno o piu istituti e Assemblea legislativa

15 F asi e tempi Entro metà Ottobre 2010 iniziativa informativa in Assemblea Sarà cura dell Assemblea legislativa invitare alla collaborazione sul progetto tutte le realtà scolastiche, le istituzioni locali e le associazioni che hanno aderito ai progetti delle precedenti edizioni, nonché diramare l invito all insieme delle altre realtà scolastiche della regione e ad altri soggetti istituzionali e non potenzialmente interessati. Entro fine Ottobre 2010 Raccolta adesioni e tematiche di lavoro Sarà cura di ciascun soggetto coordinatore del progetto, siano essi le Province nel caso dei gruppi di lavoro territoriali o le scuole nel caso di adesioni da parte di singole realtà scolastiche, reinviare appositamente compilato il modulo di adesione al progetto allegato alla presente (vedi appendice). La scheda (debitamente sottoscritta) dovrà essere inviata anche a mezzo mail o fax, entro il termine perentorio del 31 Ottobre 2010, al seguente indirizzo Assemblea legislativa RegioneEmilia-Romagna Servizio Comunicazione e Documentazione alla c.a. Rosa Maria Manari Viale Aldo Moro, bologna Si precisa che il mancato invio della scheda entro il termine stabilito comporterà l esclusione dal progetto. Fine Ottobre 2010 / fine Maggio 2011 Attività nelle scuole e nei territori Periodo dedicato il lavoro di approfondimento e di scambio nei territori e nelle scuole. 14

16 In ciascun territorio, così come in ciascuna delle scuole aderenti, potranno essere realizzati all inizio, nel corso di svolgimento o a conclusione del percorso di un anno scolastico, eventi di interrelazione e scambio fra i ragazzi e gli adulti sulle tematiche scelte ed approfondite dai ragazzi stessi. Tali eventi, che ciascuna realtà territoriale o scolastica organizzerà secondo le proprie vocazioni e/o specificità, rappresenteranno lo scambio fra i ragazzi ed i rappresentanti istituzionali locali, ma potranno anche essere indirizzati alla società civile, ad altri ragazzi, alle famiglie o a soggetti particolari individuati localmente. Potrà essere richiesto, da ciascuna Provincia o scuola, un approfondimento tematico con esperti di settore individuati presso l Assemblea legislativa e la Giunta della Regione Emilia-Romagna. Tali approfondimenti si terranno presso la sede dell Assemblea. L elenco degli esperti disponibili è consultabile previa richiesta al Servizio Comunicazione e Documentazione dell Assemblea legislativa. Il percorso, che rappresenta il processo vero, sarà seguito nel suo itinere e documentano nei passaggi salienti, nei contenuti, nelle relazioni, nei risultati da sintetiche schede di monitoraggio e questionari di valutazione che verranno compilati dagli adulti e dai ragazzi. L itinere del progetto nei territori e nelle scuole sarà, monitorato nel sito Studenti&Cittadini (http://assemblealegislativa.regione.emilia-romagna.it/ studenticittadini/), che rappresenterà la piattaforma di socializzazione di quanto proposto dall Assemblea, dai soggetti coinvolti nel progetto e di quanto elaborato dai ragazzi. Entro metà Novembre Realizzazione seminari formativi Al fine di analizzare gli aspetti di rilievo dei vari processi, socializzarne gli aspetti innovativi e proporre una chiave di lettura formativa per l insieme dei partecipanti saranno proposti dei momenti formativi. Agli appuntamenti formativi potranno prendere parte tutti i soggetti adulti coinvolti nella realizzazione del progetto. Sarà valutata, per ciascun appuntamento, la possibilità di aprire la partecipazione anche ai protagonisti giovani. Scopo di tali appuntamenti sarà, principalmente come si è detto, la condivisione di piste di lavoro, strumenti e risorse che gli adulti coinvolti nei progetti potranno utilizzare per agevolare il lavoro con i ragazzi. 15

17 Entro Febbraio 2011 Consegna della prima scheda di monitoraggio Consegna della prima scheda di monitoraggio da parte delle Scuole (non coordinate dalle Province) e da parte delle Province (in nome e per conto dei soggetti che le stesse coordinano) Entro Aprile 2011 Consegna della seconda scheda di monitoraggio Consegna della seconda scheda di monitoraggio da parte delle Scuole (non coordinate dalle Province) e da parte delle Province (in nome e per conto dei soggetti che le stesse coordinano) accompagnate da una Relazione della stessa relativa al coordinamento e al lavoro di rete. Entro Maggio 2011 Conclusione attività e rendicontazione La comunicazione riguardante gli esiti del percorso potrà avvenire direttamente in Assemblea legislativa, in occasione di appuntamenti creati ad hoc per ciascuna realtà territoriale o per più realtà. In questo caso si potranno valutare ipotesi di incontri congiunti per tipologie di argomento trattato o per contiguità territoriale, o per altre caratteristiche comuni che possano suggerire una siffatta modalità di scambio. Tali incontri potranno essere realizzati anche localmente, sempre in rapporto con l Assemblea. L Assemblea legislativa, di concerto con i territori, si impegna a curare la divulgazione e la promozione di quanto realizzato dai ragazzi. Consegna scheda di rendicontazione e questionari di valutazione compilati dai ragazzi. Rilascio, da parte dell Assemblea, degli attestati di partecipazione per i ragazzi. Entro fine Giugno 2011 Valutazione condivisa esperienza ed esiti L Assemblea legislativa promuoverà appuntamenti attraverso i quali condividere i risultati del progetto e l itinere del percorso con tutti i soggetti coinvolti. Tali appuntamenti rappresenteranno l elaborazione condivisa sulla quale impostare il rilancio del progetto nel nuovo anno scolastico, nonché un ulteriore momento di socializzazione degli esiti dei singoli percorsi. A conclusione dei percorsi realizzati e a modulistica consegnata l Assemblea legislativa procederà alla erogazione della seconda tranche di contributo. 16

18

19 C ontributo economico Requisiti per l accesso Sono condizioni imprescindibili per l accesso al contributo e attestate dalle schede di monitoraggio che accompagneranno il progetto: conoscenza da parte dei ragazzi del quadro istituzionale, in particolare, dell Assemblea legislativa in quanto parlamento della regione, documentata da parte della Scuola. documentazione di un percorso articolato di scambio con l Assemblea legislativa (contributi, domande, sollecitazioni, utilizzando strumenti di e-democracy, social network, giornalismo civico partecipativo, soluzioni cartacee e creative). realizzazione di iniziative di interazione con soggetti istituzionali e non nel territorio, a scuola o presso la sede dell Assemblea legislativa. consegna di tutte le schede e dei questionari previsti nelle modalità e nei tempi stabiliti. Criteri per la determinazione Allo scopo di incentivare la massima diffusione delle esperienze l importo sarà suddiviso equamente fra i soggetti aderenti che avranno ultimato il percorso: Scuole da un lato e CCR, Forum, Consulte, eventuali altri soggetti attraverso le Province dall altro. Tale contributo sarà erogato, in una prima tranche, a quanti avranno aderito entro la scadenza prevista e, con una seconda tranche, in seguito alla presentazione di tutte le schede di monitoraggio e rendicontazione 18

20

21 s chede di adesione Si precisa che le schede di seguito riportate saranno pubblicate sul sito Studenti &Cittadini (http://assemblealegislativa.regione.emilia-romagna. it/studenticittadini/) e potranno essere richieste in formato elettronico all indirizzo 20

22

23 FAC-SIMILE SCHEDA DI ADESIONE concittadini ANNO SCOLASTICO 2010/2011 da consegnare entro il 31/10/2010 da parte della Provincia * Provincia e Assessorato di riferimento * Soggetto istituzionale coordinatore (specificare se diverso dalla Provincia) * Nominativo del referente * Telefono * Realtà di partecipazione coinvolte (CCR, Consulte, classi, ecc ) * Referenti e recapiti delle realtà convolte *Altri soggetti che si intendono coinvolgere (Associazioni, cooperative, ONLUS, ecc ) Data Firma del Referente

24

25 FAC-SIMILE SCHEDA DI ADESIONE concittadini ANNO SCOLASTICO 2010/2011 da consegnare entro il 31/10/2010 da parte della Scuola *Istituto scolastico di riferimento * Dirigente dell Istituto scolastico * Telefono *Nominativo del referente dell Istituto scolastico * Telefono *Docenti coinvolti nel progetto *Classi coinvolte nel progetto *Altre scuole aderenti * Referenti e recapiti delle altre realtà scolastiche aderenti *Altri soggetti che si intendono coinvolgere (Associazioni, Università, cc )

26 *Tema individuato o ambito di interesse entro cui si suppone verrà individuato il tema *Se il tema è già individuato, ruolo svolto i ragazzi nella scelta? *Se il tema non è ancora individuato, ruolo che svolgeranno i ragazzi nella scelta? *Fasi di lavoro previste *Criticità che si suppone di incontrare *Obiettivi che si prevede di raggiungere nell ambito dell anno scolastico corrente Data Firma del Referente

27

28 Servizio Comunicazione e Documentazione V.le A. Moro 50 - Bologna Mail tel fax

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. Centri di promozione della legalità. Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia

BANDO DI CONCORSO. Centri di promozione della legalità. Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia BANDO DI CONCORSO Centri di promozione della legalità Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Concorso regionale per la creazione di Centri di promozione della legalità, ai quali saranno assegnati

Dettagli

PROPOSTA PROGETTUALE a cura del Coordinamento associazioni educazione e promozione della lettura

PROPOSTA PROGETTUALE a cura del Coordinamento associazioni educazione e promozione della lettura LIBRIAMOCI 2015 (-2018) PROPOSTA PROGETTUALE a cura del Coordinamento associazioni educazione e promozione della lettura PREMESSA La presente proposta progettuale è stata elaborata come risposta all invito

Dettagli

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e SEMINARIO RESIDENZIALE Percorso di formazione per i rappresentanti in Consulta Provinciale degli Studenti Centro Don Chiavacci Crespano del Grappa 3-4 novembre 2015 A.S. 2015/2016 Premessa A conclusione

Dettagli

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO

DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO SCUOLA E VOLONTARIATO DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO NEL TERRITORIO D I R E Z I O N E G E N E R L E P E R L O S T A T U S D E L L O S T U D E N T E, L E P O L I T I C H E G I O V A N I L I E L E A T T I V I T A M O T O R I E

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi ASSEMBLEA LEGISLATIVA Atto del Dirigente: DETERMINAZIONE n 732 del 28/11/2013 Proposta: DAL/2013/783 del 26/11/2013 Struttura proponente: Oggetto: Autorità emanante:

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM)

PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) PROGETTO NAZIONALE QUALITÀ E MERITO (PQM) Le note riportate corrispondono ad alcune sezioni estratte dalla documentazione accessibili online all indirizzo www.pqm.indire.it. Le sezioni integralmente riportate

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

PROGETTO TAVOLO GIOVANI

PROGETTO TAVOLO GIOVANI PROGETTO TAVOLO GIOVANI Costituzione di un Tavolo di coordinamento con le associazioni di giovani di Cinisello Balsamo e le organizzazioni sociali che compongono il mondo delle realtà giovanili locali

Dettagli

FAC-SIMILE SCHEDA DI ADESIONE PARTECIPA.NET PER L ANNO SCOLASTICO 2009/2010. Nome Scuola: IIS Crescenzi Pacinotti, Liceo Galvani, IIS Serpieri,...

FAC-SIMILE SCHEDA DI ADESIONE PARTECIPA.NET PER L ANNO SCOLASTICO 2009/2010. Nome Scuola: IIS Crescenzi Pacinotti, Liceo Galvani, IIS Serpieri,... FAC-SIMILE SCHEDA DI ADESIONE PARTECIPA.NET PER L ANNO SCOLASTICO 2009/2010 LA SCUOLA Nome Scuola: IIS Crescenzi Pacinotti, Liceo Galvani, IIS Serpieri,... Indirizzo... Telefono... E-mail... IL PROGETTO

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

SEMINARI E LABORATORI UNIVERSITARI

SEMINARI E LABORATORI UNIVERSITARI SEMINARI E LABORATORI UNIVERSITARI ANNO SCOLASTICO 2006/2007 in collaborazione con INDICE DEI SEMINARI E DEI LABORATORI UNIVERSITARI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE: PROGRAMMA DI BOLOGNA FACOLTA DI

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Bilancio Partecipativo 2015. Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi

Bilancio Partecipativo 2015. Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi Bilancio Partecipativo 2015 Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Il Bilancio Partecipativo

Dettagli

LA RETE NAZIONALE DI CONFINDUSTRIA TRA GIOVANI, SCUOLA E IMPRENDITORI

LA RETE NAZIONALE DI CONFINDUSTRIA TRA GIOVANI, SCUOLA E IMPRENDITORI LA RETE NAZIONALE DI CONFINDUSTRIA TRA GIOVANI, SCUOLA E IMPRENDITORI IDEE DI IMPRESA IN GARA UN RACCONTO DI COSA SIGNIFICA FARE IMPRESA ATTRAVERSO UNA PIATTAFORMA WEB DEDICATA E UN VERO E PROPRIO CONTEST

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca d intesa con Il Forum delle Associazioni Nazionali dei Genitori VISTO l articolo 3 della Costituzione della Repubblica Italiana, al cui primo

Dettagli

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO C A R TA D E I VA L O R I 2 0 0 9 LA CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO La Carta dei valori è

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA ROMA CAPITALE E AGENZIA DELLE ENTRATE E GUARDIA DI FINANZA E FONDAZIONE PER L EDUCAZIONE FINANZIARIA E AL RISPARMIO

PROTOCOLLO D INTESA TRA ROMA CAPITALE E AGENZIA DELLE ENTRATE E GUARDIA DI FINANZA E FONDAZIONE PER L EDUCAZIONE FINANZIARIA E AL RISPARMIO Direzione Regionale del Lazio PROTOCOLLO D INTESA TRA ROMA CAPITALE DIPARTIMENTO SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI, GIOVANI E PARI OPPORTUNITA E AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE REGIONALE DEL LAZIO E GUARDIA

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi ASSEMBLEA LEGISLATIVA Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 124 del 25/02/2015 Proposta: DAL/2015/128 del 24/02/2015 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

CATASTO PARTECIPATO PER UN EQUITA SOSTENIBILE

CATASTO PARTECIPATO PER UN EQUITA SOSTENIBILE con il Patrocinio di : PREMESSA L Agenzia del Territorio, La Comunità Montana del Vallo di Diano e il Comune di Ferrara con il Patrocinio della Regione Emilia Romagna, di ANCI Emilia-Romagna, di UNCEM

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino budget disponibile: 200.000 euro termine per la presentazione dei progetti

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

bando per progetti che prevedono contenuti culturali e finalità sociali

bando per progetti che prevedono contenuti culturali e finalità sociali bando per progetti che prevedono contenuti culturali e finalità sociali pubblicato il 29 gennaio 2016 budget complessivo: 80.000 euro termine per la presentazione dei progetti: 15 aprile 2016 contenuti:

Dettagli

OGGETTO: Piano Formazione Nazionale del Polo Qualità- Scadenza iscrizione 27 febbraio

OGGETTO: Piano Formazione Nazionale del Polo Qualità- Scadenza iscrizione 27 febbraio ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia - di Scuola Primaria e di Scuola Secondaria I grado ad Indirizzo Musicale A N I E L L O C A L C A R A M A R C I A N I S E Prot. n. 1064 C/2 MARCIANISE

Dettagli

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE.

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. INDICE TITOLO I ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI art. 1 Finalità

Dettagli

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province Le tecniche operative solitamente applicate in questa fase sono l intervista diretta a testimoni privilegiati (telefonica e/o verbale), e la ricerca con l ausilio di internet. I testimoni privilegiati

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

bando per iniziative culturali ad ampia diffusione e con finalità divulgative

bando per iniziative culturali ad ampia diffusione e con finalità divulgative bando per iniziative culturali ad ampia diffusione e con finalità divulgative primo bando quadrimestrale 2014 per il sostegno di progetti proposti da realtà di volontariato culturale budget complessivo

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLO SCHEMA PER LA REDAZIONE DEI PROGETTI

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLO SCHEMA PER LA REDAZIONE DEI PROGETTI Legge regionale 7 febbraio 2010, n. 3 Norme per la definizione, riordino e promozione delle procedure di consultazione e partecipazione alla elaborazione delle politiche regionali locali GUIDA ALLA COMPILAZIONE

Dettagli

Piano annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente

Piano annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "ANTONIO GRAMSCI" Albano/Pavona ANNO SCOLASTICO 2014/15 Piano annuale dell attività di Aggiornamento e Formazione Personale Docente PREMESSA La formazione e l aggiornamento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM Località Villaggio 84047 CAPACCIO (SA) - C.M. SAIC8AZ00C Tel. 0828725413/0828724471 Fax. 0828720747/0828724771 e-mail SAIC8AZ00C@istruzione.it Ascolta i bambini

Dettagli

Dall evidenza all azione. Politiche di governance per una scuola sana

Dall evidenza all azione. Politiche di governance per una scuola sana Dall evidenza all azione Politiche di governance per una scuola sana Un mandato impegnativo Risulta ormai evidente che per conciliare e soddisfare i bisogni di salute nel contesto scolastico, gli orientamenti

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 Costituzione e sede L Associazione SOCI GIOVANI BCC Don Rizzo costituitasi in Alcamo per volere di un gruppo di giovani

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE STATUTO

PROVINCIA DI LECCE STATUTO PROVINCIA DI LECCE FORUM PROVINCIALE DEI GIOVANI STATUTO TITOLO 1 COSTITUZIONE FINALITÀ E PRINCIPI GENERALI ART. 1 COSTITUZIONE E istituito il Forum Provinciale dei Giovani, di seguito Forum, della Provincia

Dettagli

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI LA STRATEGIA La comunicazione di CONCORD ITALIA è finalizzata a sensibilizzare la cittadinanza sulle attività, l impatto e la sostenibilità delle nostre azioni nell ambito degli interventi realizzati dai

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino PROTOCOLLO D INTESA TRA COMUNE DI CASTELFIORENTINO CIRCOLO DIDATTICO CASTELFIORENTINO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO BACCI-RIDOLFI CASTELFIORENTINO ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE F. ENRIQUES

Dettagli

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA

IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA PROGETTO IN CONTRO NUOVI SPAZI DI COMUNICAZIONE. PERCORSI DI PARTECIPAZIONE GIOVANILE E DI CITTADINANZA ATTIVA Anno 2010 1 Progetto In-Contro Nuovi spazi di comunicazione. Percorsi di partecipazione giovanile

Dettagli

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015

MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 MIUR.AOODGEFID.REGISTRO DEI DECRETI DIRETTORIALI.0000050.25-11-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca IL DIRETTORE GENERALE VISTA la legge 18 dicembre 1997, n. 440, recante istituzione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca LINEE DI INDIRIZZO Partecipazione dei genitori e corresponsabilità educativa Pagina 1 di 8 Premessa La nostra Costituzione assegna alla famiglia e alla scuola la responsabilità di educare e di istruire

Dettagli

la costituzione dell Associazione Casa delle Culture

la costituzione dell Associazione Casa delle Culture Protocollo d intesa tra Amministrazione Provinciale di Modena Comune di Modena Associazione Servizi per il Volontariato Modena Associazione Casa delle Culture di Modena per la realizzazione del progetto

Dettagli

Proposta Scuola-Volontariato 2015-2016

Proposta Scuola-Volontariato 2015-2016 Proposta Scuola-Volontariato 2015-2016 Cittadini di Sana e Libera Costituzione PREMESSA La XIV edizione della Proposta Scuola-Volontariato, rivolta agli studenti di Basilicata degli Istituti di Istruzione

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Allegato A SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Il giorno., dell anno. alle ore., presso la sede

Dettagli

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E.

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. SPERIMENTAZIONE IN MATERIA DI ORIENTAMENTO AL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ISTRUZIONE IN AMBITO EUROPEO

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori budget complessivo del bando 500.000 euro termine per la presentazione dei progetti 15 luglio 2014 contenuti: A. NORMATIVA DEL BANDO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Elaborazione Ufficio Servizi Culturali Ottobre 2007 INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2 Consulta delle Associazioni Art. 3 Finalità ed attività Art. 4

Dettagli

Allegato 1 CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI PROCESSI DI PARTECIPAZIONE NELL AMBITO DEI PROGETTI DI FUSIONE DI COMUNI.

Allegato 1 CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI PROCESSI DI PARTECIPAZIONE NELL AMBITO DEI PROGETTI DI FUSIONE DI COMUNI. Allegato 1 CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI PROCESSI DI PARTECIPAZIONE NELL AMBITO DEI PROGETTI DI FUSIONE DI COMUNI. 1. BENEFICIARI Potranno accedere ai finanziamenti a sostegno dei processi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Inserire il Logo del Comune PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Seconda annualità 2014/15 Premesso che i diritti dell Infanzia e dell Adolescenza sono

Dettagli

INDICE. Che cosa vuol dire partecipazione. La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini. Lo strumento che garantisce la partecipazione in A21

INDICE. Che cosa vuol dire partecipazione. La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini. Lo strumento che garantisce la partecipazione in A21 INDICE CAPITOLI COSA SI RACCONTA PRESENTAZIONE DI ABCITTA PARTECIPAZIONE Che cosa vuol dire partecipazione AGENDA 21 La relazione tra A21 e partecipazione dei cittadini IL FORUM Lo strumento che garantisce

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Prot.n.10383 Bari,06.10.2014 Ai dirigenti scolastici della Puglia Ai coordinatori delle scuole paritarie della Puglia Ai docenti di ogni ordine e grado Al personale ATA Ai genitori dei Consigli di Istituto

Dettagli

Piano Giovani di Zona 4 Vicariati. Tavolo del confronto e della proposta. Regolamento

Piano Giovani di Zona 4 Vicariati. Tavolo del confronto e della proposta. Regolamento Piano Giovani di Zona 4 Vicariati Tavolo del confronto e della proposta Regolamento Approvato dal Tavolo del confronto e della proposta del Piano giovani di zona 4 Vicariati in data 25 giugno 2012 Modificato

Dettagli

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE

SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE SINTESI DEI CONTRIBUTI RICEVUTI DALLE ASSOCIAZIONI SUL DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE PLURIENNALE IN TEMA DI POLITICHE DEL LAVORO E DELL INTEGRAZIONE 2015-2020 PREMESSA Il documento è stato inviato alle Associazioni

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007

POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 (CCI N 2007 IT 161 PO 008) Decisione della Commissione Europea C (2007) 6322 del 7 dicembre 2007 ASSE I Ricerca Scientifica,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA REGIONE ABRUZZO ECOISTITUTO ABRUZZO. Approvato con Delibera GR n. 349 del 03/05/2010 Sottoscritto in data 17 giugno 2010-07-29

PROTOCOLLO D INTESA REGIONE ABRUZZO ECOISTITUTO ABRUZZO. Approvato con Delibera GR n. 349 del 03/05/2010 Sottoscritto in data 17 giugno 2010-07-29 REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA REGIONE ABRUZZO ECOISTITUTO ABRUZZO Approvato con Delibera GR n. 349 del 03/05/2010 Sottoscritto in data 17 giugno 2010-07-29 Progetto sperimentale per la promozione

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DELLA CITTÀ DI IMOLA Approvato con deliberazione C.C.

Dettagli

MILLEVOCI CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E LABORATORIO PER UN EDUCAZIONE INTERCULTURALE. La sfida di un progetto operativo interistituzionale

MILLEVOCI CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E LABORATORIO PER UN EDUCAZIONE INTERCULTURALE. La sfida di un progetto operativo interistituzionale MILLEVOCI CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E LABORATORIO PER UN EDUCAZIONE INTERCULTURALE La sfida di un progetto operativo interistituzionale CHI SIAMO Il Centro Interculturale Millevoci è una risorsa che opera

Dettagli

BANDO CONCORSO FOTOGRAFICO E DI DOCUMENTAZIONE L UMBRIA E I SUOI PAESAGGI NELLA MEMORIA STORICA

BANDO CONCORSO FOTOGRAFICO E DI DOCUMENTAZIONE L UMBRIA E I SUOI PAESAGGI NELLA MEMORIA STORICA Direzione Programmazione, innovazione e competitività dell Umbria Ambito di coordinamento: Territorio, Infrastrutture e Mobilità Servizio Valorizzazione del territorio e tutela del paesaggio, promozione

Dettagli

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione dei progetti 31 agosto 2011 contenuti: 1.

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA Conferenza dei presidi delle Facoltà di Scienze della Comunicazione PROTOCOLLO D'INTESA TRA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE LA CONFERENZA DEI PRESIDI

Dettagli

BANDO PER CONCORSO DI IDEE SUL TEMA DELLA PARTECIPAZIONE ATTIVA E DELLA CULTURA DEL VOLONTARIATO

BANDO PER CONCORSO DI IDEE SUL TEMA DELLA PARTECIPAZIONE ATTIVA E DELLA CULTURA DEL VOLONTARIATO BANDO PER CONCORSO DI IDEE SUL TEMA DELLA PARTECIPAZIONE ATTIVA E DELLA CULTURA DEL VOLONTARIATO 1. OGGETTO Il Settore Politiche Sociali ed Istruzione del Comune di Mendicino, intende promuovere un iniziativa

Dettagli

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi riguardanti la storia della comunità, dell economia e delle istituzioni trentine budget complessivo 150.000 euro termine per la presentazione

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE

BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI SERVIZIO POLITICHE SOCIALI ANNO 2008 PREMESSO CHE Nell ambito del convegno nazionale La figura del tutor all

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO BCNL - SCUOLA

SCHEDA PROGETTO BCNL - SCUOLA PROGETTO TRASFERIMENTO BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO SCHEDA PROGETTO BCNL - SCUOLA Piano di attività integrate fra i progetti: Ministero Pubblica Istruzione - Impresa Formativa Simulata e Ministero

Dettagli

Istituto Tecnico Statale. L. Einaudi Correggio LINEE GUIDA PER LA MOBILITA STUDENTESCA

Istituto Tecnico Statale. L. Einaudi Correggio LINEE GUIDA PER LA MOBILITA STUDENTESCA Istituto Tecnico Statale L. Einaudi Correggio LINEE GUIDA PER LA MOBILITA STUDENTESCA LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ STUDENTESCA Linee guida per l implementazione delle seguenti forme di mobilità studentesca

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA - ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Francesco D Este MASSA LOMBARDA (RA) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Il PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA è un documento che viene deliberato

Dettagli

concorso per idee creative degli studenti su un disagio sociale

concorso per idee creative degli studenti su un disagio sociale concorso per idee creative degli studenti su un disagio sociale rileggere il disagio sociale con linguaggio artistico attraverso un cortometraggio termine per la presentazione dei progetti 31 gennaio 2014

Dettagli

Rilevazione dei fabbisogni delle Regioni. Presentazione delle attività di supporto

Rilevazione dei fabbisogni delle Regioni. Presentazione delle attività di supporto Rilevazione dei fabbisogni delle Regioni e Presentazione delle attività di supporto Roma, 3 luglio 2013 Francesco Molinari 1 Indice Risultati dell indagine realizzata nel mese di maggio 2013 Funzioni critiche

Dettagli

PIANO DI ORIENTAMENTO Promuovere le scelte U.S.R per l Umbria A.s. 2010/2011

PIANO DI ORIENTAMENTO Promuovere le scelte U.S.R per l Umbria A.s. 2010/2011 PIANO DI ORIENTAMENTO Promuovere le scelte U.S.R per l Umbria A.s. 2010/2011 Il Piano di orientamento dell U.S.R. dell Umbria Promuovere le scelte è rivolto ai docenti della scuola secondaria di I grado

Dettagli

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi

Partecipare all organizzazione di convegni ed eventi Area di Riferimento 1 Gestione POF Riscrittura del POF alla luce delle innovazioni normative e dei bisogni formativi attuali, sia interni che del territorio Monitoraggio in itinere dell attuazione del

Dettagli

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007

REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della L. R. n. 30/2007 Dipartimento Istruzione, Formazione e Lavoro Settore Politiche del Lavoro e delle Migrazioni UO MONITORAGGIO E ANALISI REGISTRO DEI DATORI DI LAVORO SOCIALMENTE RESPONSABILI ai sensi dell art. 15 della

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Direzione Scuola e Politiche Giovanili Settore Gestione Servizi per l Infanzia e le Scuole dell Obbligo Via di Francia

Dettagli

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA SETTORE POLITICHE GIOVANILI E DEL FORUM REGIONALE DELLA GIOVENTU STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG ALLEGATO REGIONE 1 CAMPANIA AZIONE A DI SISTEMA COMUNE DI Allegato F SETTORE POLITICHE

Dettagli

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO PROTOCOLLO D INTESA tra PROVINCIA di Cuneo e ENTI LOCALI, CONSORZI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, PARTI SOCIALI PER LA PROMOZIONE, L ELABORAZIONE, LA GESTIONE DI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. Agenzia Liguria Lavoro, in collaborazione con Regione Liguria e il Comitato Promotore di ABCD+Orientamenti 2012 promuove:

AVVISO PUBBLICO. Agenzia Liguria Lavoro, in collaborazione con Regione Liguria e il Comitato Promotore di ABCD+Orientamenti 2012 promuove: AVVISO PUBBLICO Agenzia Liguria Lavoro, in collaborazione con Regione Liguria e il Comitato Promotore di ABCD+Orientamenti 2012 promuove: Media Talent Concorso giornalistico tra redazioni giovani della

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Sub 1

AVVISO PUBBLICO Sub 1 AVVISO PUBBLICO Sub 1 Per l'assegnazione di un contributo agli Istituti di Istruzione Secondaria di 2 grado della provincia di Pordenone per la realizzazione di progetti al supporto di giovani studenti

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato con delibera del CdZ4 N.127 del 09/05/2013 Parte prima PRINCIPI GENERALI Art. 1 PREMESSA Il presente regolamento definisce le finalità,

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA Direzione Generale Via Ponte della Maddalena 55-80142 Napoli POLO QUALITÀ DI NAPOLI - istituito con

Dettagli

DEMOCRATICA DEGLI STUDENTI

DEMOCRATICA DEGLI STUDENTI Progetto PARTECIPA.NET ISTITUZIONI, Esperienze di Formazione e Strumenti per la PARTECIPAZIONE DEMOCRATICA DEGLI STUDENTI Promosso dall Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna Sintesi a cura

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

BANDO FAMIGLIE INSIEME AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

BANDO FAMIGLIE INSIEME AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI BANDO FAMIGLIE INSIEME AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI November 4, 2015 Autore: Centro per le Famiglie (Allegato alla DD n. 2969 del 14/12/2015) SOMMARIO 1. INTRODUZIONE...2 A. FINALITA...2

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO»

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» anno scolastico 2012/2013 PROGETTO GIORNALINO DI ISTITUTO DOCENTI REFERENTI DESTINATARI FINALITA' prof.sse Maria-Eleonora De Nisco Claudia Liberatore Alunni di tutte le

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli