UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIREZIONE LEGALE, AFFARI ISTITUZIONALI E GENERALI AREA LEGALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIREZIONE LEGALE, AFFARI ISTITUZIONALI E GENERALI AREA LEGALE"

Transcript

1 Modena, li Prot. N allegato/i_3 Tit. cl. fasc. Ai Direttori di Dipartimento di Area Medica e, p.c. e, p.c. Alla Prof.ssa Gabriella Aggazzotti Decano dei Professori di I fascia e, p.c. Alla Direzione Servizi agli Studenti e, p.c. Alla Direzione Pianificazione, Valutazione e Formazione e, p.c. Alla Direzione Rapporti con il S.S.N. e, p.c. All Ufficio Personale docente Loro sedi OGGETTO: Costituzione della Facoltà di Medicina e Chirurgia ai sensi dell art. 44 dello Statuto di Ateneo - Adempimenti relativi elezione di parte dei rappresentanti nell organo deliberante della Scuola ed elezione del Presidente dell organo deliberante della Scuola ( Codice pratica: EL37012). Con la presente si richiama quanto disposto all art. 44 del nuovo Statuto di Ateneo relativamente alla Facoltà di Medicina e Chirurgia: Art. 44 Rapporti con il Servizio Sanitario Nazionale e relativa Struttura di raccordo 1. La collaborazione tra Università ed il sistema sanitario pubblico, nonché con le strutture private accreditate che operano nel campo della salute, è coordinata da una struttura di raccordo denominata Facoltà di Medicina e Chirurgia in cui si raccordano i Dipartimenti di area medico-chirurgica e le altre strutture didattiche o Dipartimenti interessati. Tale collaborazione si attua attraverso accordi, convenzioni e protocolli che assicurino la più ampia e completa formazione degli studenti nei Corsi di Studio. 2. La Scuola di Ateneo di cui al comma 1, denominata Facoltà, è la struttura universitaria di riferimento per quanto riguarda i rapporti con il Servizio Sanitario Nazionale (SSN), di cui al Decreto Legislativo 21 dicembre 1999, n. 517 e successive modificazioni e integrazioni. Essa favorisce ed attua il sistema delle relazioni funzionali e operative fra le strutture del SSN ed i Dipartimenti raccordati nella Scuola, garantendo l inscindibilità delle funzioni assistenziali dei docenti di materie cliniche da quelle di insegnamento e di ricerca. A tal fine può gestire le risorse umane, logistiche, tecnologiche e finanziarie eventualmente attribuite dal Consiglio di Amministrazione e/o dai Dipartimenti afferenti, per quanto di rispettiva competenza, per le funzioni di cui al presente articolo. 1

2 3. Nell ambito dei rapporti istituzionali con il SSN e con il Servizio Sanitario Regionale (SSR), l organo deliberante della Facoltà di cui al comma 1 coordina le attività didattiche in relazione all attività assistenziale dei docenti e ricercatori universitari, tenendo conto dell esigenza di assicurare l inscindibilità delle funzioni assistenziali da quelle didattiche e di ricerca. In aggiunta alle funzioni attribuite alle Scuole dall art. 33 del presente Statuto, l organo deliberante della Facoltà esprime parere obbligatorio sull istituzione o soppressione di strutture complesse qualificate come essenziali ai fini dell attività didattica e di programmi assistenziali che riguardino professori universitari. 4. Il Presidente della Facoltà di cui al comma 1 partecipa alla gestione dei rapporti con le strutture del SSN, nell ambito di quanto previsto dalla normativa e da specifici accordi. Al Presidente della Facoltà, inoltre, possono essere conferite deleghe da parte del Rettore per specifiche funzioni che le disposizioni vigenti attribuiscono alla sua figura. 5. L organo deliberante della Scuola di Ateneo di cui al comma 1, nel rispetto dei limiti di cui all art. 2, comma 2, lettera f) [della L. 240/2010, n.d.r.] è composto da: a. i Direttori dei Dipartimenti raccordati nella Scuola; b. nove rappresentanti dei coordinatori/presidenti di corsi di studio e di dottorato, tra i quali di diritto i presidenti dei Corsi di Laurea Magistrale a ciclo unico; c. almeno sei rappresentanti dei componenti delle Giunte dei Dipartimenti raccordati nella Scuola, dei quali almeno tre docenti o ricercatori con integrazione assistenziale e almeno tre docenti o ricercatori privi di rapporti contrattuali con il Servizio Sanitario; d. una rappresentanza elettiva degli studenti afferenti alla Scuola ai sensi dell art. 23 del presente Statuto; e. tre rappresentanti dei Direttori delle Scuole di Specializzazione (uno di area medica, uno di area chirurgica ed uno dell area dei servizi); f. almeno sei rappresentanti dei componenti delle giunte dei Dipartimenti raccordati nella Scuola, dei quali almeno tre docenti o ricercatori con integrazione assistenziale e almeno tre docenti o ricercatori privi di rapporti contrattuali con il servizio sanitario; [duplicazione del punto di cui alla lettera c), N.d.R.] g. una rappresentanza del personale tecnico amministrativo assegnato ai Dipartimenti di Medicina; h. una rappresentanza elettiva degli studenti afferenti alla Scuola, ai sensi dell art. 23 del presente Statuto. [duplicazione del punto di cui alla lettera d), N.d.R.] 6. Il Presidente della Facoltà di cui al comma 1 è eletto dai componenti dei Consigli di Dipartimento partecipanti ed è nominato con Decreto del Rettore. Il Presidente dura in carica tre anni ed è rinnovabile consecutivamente per una sola volta. Indicazioni in merito alla procedura di elezione del Presidente della Scuola: Si riportano di seguito gli articoli 51 e seguenti del Regolamento Elettorale di Ateneo, relativi all elezione in parola: CAPO IX Elezione del Presidente della Scuola di Ateneo Art. 51 Convocazione del corpo elettorale 2

3 1. Il Presidente della Scuola di Ateneo è eletto dai componenti dei Consigli di Dipartimento partecipanti alla Scuola fra i Professori Ordinari componenti dell Organo deliberante della Scuola, è nominato dal Rettore, dura in carica tre anni ed è rinnovabile consecutivamente per una sola volta. 2. Le elezioni sono indette dal Decano dei Professori Ordinari dei Dipartimenti partecipanti alla Scuola o, in caso di suo impedimento, da chi lo segue in ordine di anzianità, almeno sessanta giorni naturali e consecutivi, prima della scadenza del Presidente in carica, per una data successiva di non meno di quindici e non più di trenta giorni naturali e consecutivi dalla pubblicazione per affissione all albo dei Dipartimenti dell ordine di convocazione. 3. In caso di dimissioni del Presidente della Scuola di Ateneo o di anticipata cessazione dalla carica la convocazione del corpo elettorale deve essere disposta, con le stesse modalità indicate dal comma precedente, entro quindici giorni naturali e consecutivi dall accettazione delle dimissioni da parte del Consiglio o dalla cessazione dalla carica per altre cause. 4. Con il provvedimento che dispone la convocazione del corpo elettorale il Decano, o chi lo sostituisce, provvede a: a) indicare tutte le norme che disciplineranno le operazioni di voto e di scrutinio; b) indicare il vigente regime di compatibilità della carica; c) indicare la sede del seggio elettorale e i nominativi di due scrutatori che lo affianchino nello svolgimento delle predette operazioni, scegliendolo tra i componenti dell Organo deliberante della Scuola che non risultino candidati all elezione; d) fissare la data per la eventuale seconda votazione, la quale deve comunque aver luogo entro trenta giorni naturali e consecutivi dalla prima. Art. 52 Votazioni 1. Nella prima votazione il Presidente della Scuola di Ateneo è eletto a maggioranza assoluta dei votanti. In caso di mancata elezione si procederà con il sistema del ballottaggio fra i due candidati che nella prima votazione abbiano riportato il maggior numero di voti. In caso di parità risulterà eletto il candidato con maggiore anzianità nel ruolo dei professori di prima fascia e, in caso di ulteriore parità, quello con minore anzianità anagrafica. 2. Le votazioni saranno valide se vi abbia preso parte almeno un terzo degli aventi diritto. 3. Sul buon andamento delle votazioni vigilerà il Professore Decano del Dipartimento o suo sostituto. Art. 53 Proclamazione dell eletto e nomina 1. Il candidato che abbia ottenuto la prescritta maggioranza è proclamato eletto dal Decano con provvedimento che deve essere immediatamente pubblicato mediante affissione all albo dei Dipartimenti e comunicato al Rettore per il conseguente provvedimento di nomina. 2. Il candidato eletto è nominato con decreto del Rettore. 3. Nel caso di elezione conseguente ad anticipata cessazione, il Presidente della Scuola di Ateneo assume la carica all atto della nomina e resta in carica per un intero mandato. Indicazioni in merito alla procedura per l elezione del Presidente dell Organo dleiberante della Scuola Onde procedere in primo luogo all elezione del presidente dell Organo deliberante della Scuola, si fa presente che, dalla lettura della normativa sopra richiamata, si evince che occorre definire in primo luogo l elettorato passivo per la carica, ovvero i Professori Ordinari componenti dell Organo deliberante della Scuola, mentre l elettorato attivo (corpo elettorale) è ad oggi già costituito, essendo rappresentato dai Consigli di Dipartimento partecipanti alla Scuola. 3

4 Tenuti presenti i testi dell art. 5 (Il Consiglio di Facoltà) della bozza di regolamento della Scuola di Medicina e Chirurgia, così come approvati dai Consigli dei quattro Dipartimenti interessati, pervenuti a seguito della Rettorale Prot , ai fini dell elettorato passivo del Presidente della Scuola, i Professori Ordinari appartenenti all Organo deliberante della Scuola possono rientrare nelle seguenti componenti (indicati nella sottostante tabella, con accanto le eventuali procedure di nomina/elezione già effettuate o da effettuarsi): Componente a) i Direttori dei quattro Dipartimenti raccordati nella Scuola; b) nove rappresentanti dei coordinatori/presidenti di corsi di studio e di dottorato, tra i quali: - i due presidenti dei Corsi di Laurea Magistrale a ciclo unico (Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi Dentaria); - un coordinatore di corso o scuola di dottorato, eletto dai coordinatori dei corsi o scuole di dottorato afferenti ai Dipartimenti raccordati nella Scuola; - sei presidenti di Corsi di studio delle classi di Lauree e Lauree Magistrali in professioni sanitarie, così determinati: 1 rappresentante dei Presidenti di Corsi di studio delle classi L/SNT1 e LM/SNT1, eletto dai presidenti dei Corsi di studio delle stesse classi; 1 rappresentante dei Presidenti di Corsi di laurea della classe L/SNT2, eletto dai presidenti dei Corsi di laurea della stessa classe; 1 rappresentante dei Presidenti di Corsi di laurea della classe L/SNT3, eletto dai presidenti dei Corsi di laurea della stessa classe; 3 presidenti di Corsi di studio delle classi di Lauree e Lauree Magistrali in professioni sanitarie, eletti dai presidenti dei Corsi di studio delle classi L/SNT1, L/SNT2, L/SNT3 e LM/SNT1; Eventuali procedure di elezione/nomina Già nominati con Decreti del Rettore pubblicati alla pagina: Già concluse le procedure di nomina dei Presidenti dei Consigli di Corso di Studio, si rinvia alla tabella che costituisce l allegato A alla presente Nota. I Direttori/Coordinatori dei Corsi o Scuole di Dottorato ad oggi in carica sono indicati nell allegato B alla presente Nota. Già concluse le procedure di nomina dei Presidenti dei Consigli di Corso di Studio, si rinvia alla tabella che costituisce l allegato A alla presente Nota. Le procedure di individuazione dei rappresentanti delle categorie si svolgeranno secondo i principi elettorali di seguito individuati. 4

5 c) dodici rappresentanti, tre per Dipartimento, dei docenti e ricercatori facenti parte delle Giunte dei Dipartimenti raccordati nella Scuola, nominati dai rispettivi Consigli di Dipartimento su proposta dei Direttori degli stessi Dipartimenti, dei quali sei docenti o ricercatori con integrazione assistenziale e sei docenti o ricercatori privi di rapporti contrattuali con il Servizio Sanitario; e) tre rappresentanti dei Coordinatori dei Comitati ordinatori delle Scuole di Specializzazione (uno di area medica, uno di area chirurgica ed uno dell area dei servizi), eletti dai Coordinatori dei Comitati ordinatori delle Scuole di specializzazione in carica al momento dell elezione nell ambito delle rispettive aree; L individuazione dei rappresentanti presuppone l avvenuta costituzione delle Giunte di Dipartimento. I Coordinatori dei dei Comitati ordinatori delle Scuole di Specializzazione ad oggi in carica sono indicati nell allegato C alla presente Nota. Si segnala che, con Decreto del Rettore n. 139/2012, la Prof.ssa Gabriella Aggazzotti, Preside pro tempore della Facoltà di Medicina e Chirurgia, è stata nominata Commissario ad acta in sostituzione del Coordinatore del Comitato Ordinatore e dello stesso Comitato Ordinatore della Scuola di Malattie dell apparato cardiovascolare. Il Commissario ad acta non rientra né nell elettorato attivo né nell elettorato passivo. Si ricorda, nelle more della procedura di approvazione dei Regolamenti di Dipartimento, quanto comunicato in Senato Accademico nella seduta del 20 settembre u.s. Nelle more dell approvazione da parte del Senato i Dipartimenti i cui Consigli hanno già approvato il Regolamento saranno invitati a procedere alla costituzione di tali organi tenendo conto delle disposizioni contenute nel proprio Regolamento, (misura di salvaguardia). Salvo ovviamente, apportare in un momento successivo eventuali variazioni alla composizione degli organi, qualora il Senato Accademico sollevi rilievi in merito. Si dispone che le votazioni dei relativi rappresentanti, per le diverse categorie nell Organo deliberante della Scuola, ai fini dell elezione del Presidente della Scuola, siano indette dal rispettivo Decano dei Professori di I fascia (il cui nominativo potrà essere verificato trasmettendo l elenco dei Professori all Ufficio Personale Docente, ), con un preavviso di almeno 7 giorni, con votazione a scrutinio segreto per un solo nominativo, necessaria presenza per la validità della votazione di almeno un terzo degli aventi diritto e proclamazione di chi ha ottenuto il maggior numero di voti. In caso di parità si procederà a ballottaggio; a parità di voti risulterà eletto il candidato con maggiore anzianità in ruolo e, in caso di ulteriore parità, quello con minore anzianità anagrafica. Una volta definito l elettorato passivo alla carica di Presidente dell organo deliberante della Scuola, il Decano dei Professori di I fascia appartenenti ai Consigli di Dipartimento di Area medicosanitaria (ovvero chi lo segue in ordine di anzianità,) provvederà ad indire le votazioni per l elezione 5

6 del Presidente, convocando i Consigli dei quattro Dipartimenti in un unica seduta congiunta secondo le disposizioni sopra riportate del Regolamento Elettorale di Ateneo. Del risultato delle diverse votazioni delle rappresentanze, nonché dell eletto alla carica di presidente della Scuola, si darà comunicazione alla Direzione Legale, Affari Istituzionali e Generali per i conseguenti provvedimenti. Per eventuali chiarimenti le SS.LL. possono prendere contatti con la Direzione Legale, Affari Istituzionali e Generali, tel. 059/ (Dott.ssa Francesca Simionato) , Cordiali saluti IL RETTORE (F.to Prof. Aldo TOMASI) 6

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2014/3047 del 17/09/2014 Firmatari: MARRELLI Massimo

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SEGRETERIA DIREZIONE GENERALE DR/2014/3047 del 17/09/2014 Firmatari: MARRELLI Massimo DR/2014/3047 del 17/09/2014 Firmatari: MARRELLI Massimo Regolamento elettorale della Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina le procedure

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE STRUTTURE DIDATTICHE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOMOLECOLARI (DISB)

REGOLAMENTO DELLE STRUTTURE DIDATTICHE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOMOLECOLARI (DISB) REGOLAMENTO DELLE STRUTTURE DIDATTICHE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOMOLECOLARI (DISB) (emanato con Decreto Rettorale n.17/2016 del 20 gennaio 2016) in vigore dal 21 gennaio 2016 INDICE Articolo 1 - Principi

Dettagli

TITOLO II ORGANI DEL DIPARTIMENTO. Art. 5 (Organi del Dipartimento) Art. 6 (Direttore di Dipartimento Attribuzioni)

TITOLO II ORGANI DEL DIPARTIMENTO. Art. 5 (Organi del Dipartimento) Art. 6 (Direttore di Dipartimento Attribuzioni) TITOLO II ORGANI DEL DIPARTIMENTO 1. Sono Organi del Dipartimento: a) il Direttore; b) il Consiglio; c) la Giunta; d) la Commissione paritetica docenti-studenti. Art. 5 (Organi del Dipartimento) Art. 6

Dettagli

Documento per l elezione dei Direttori di Scuola di Specializzazione

Documento per l elezione dei Direttori di Scuola di Specializzazione Documento per l elezione dei Direttori di Scuola di Il Regolamento in materia di Scuole di è consultabile alla seguente pagina di NormAteneo: http://www.normateneo.unibo.it/normateneo/regolamento_scuole_.htm

Dettagli

REGOLAMENTO DI DIPARTIMENTO

REGOLAMENTO DI DIPARTIMENTO REGOLAMENTO DI DIPARTIMENTO TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 FINALITA DEL DIPARTIMENTO 1. Il presente Regolamento, previsto dall art. 5 c. 5, Statuto dell Università degli Studi di Trieste (di seguito

Dettagli

Regolamento Consigli di Facoltà

Regolamento Consigli di Facoltà Regolamento Consigli di Facoltà (Approvato dal Senato Accademico nelle seduta dell 1.06.1998 B/2 e 14.09.1998 B/1) Norme Generali Lo Statuto dell Università degli Studi di Palermo (Art. 17 comma 3 punto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AREA DIDATTICA DELLA MATEMATICA

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AREA DIDATTICA DELLA MATEMATICA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI ROMA "LA SAPIENZA" FACOLTA' DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI AREA DIDATTICA DELLA MATEMATICA Regolamento del Consiglio di Area Didattica

Dettagli

Decreto n prot LA RETTRICE

Decreto n prot LA RETTRICE Decreto n. 283.15 prot. 7777 LA RETTRICE - Viste le Leggi sull istruzione Universitaria; - Vista la Legge 9.051989 n. 168; - Vista la Legge 30 dicembre 2010, n. 240 recante Norme in materia di organizzazione

Dettagli

IL RETTORE. - RILEVATO che occorre procedere al rinnovo del membri elettivo del Senato Accademico per il periodo ;

IL RETTORE. - RILEVATO che occorre procedere al rinnovo del membri elettivo del Senato Accademico per il periodo ; Area Affari Generali e Legali Unità di Processo Affari Generali e Istituzionali Decreto n. 770 Prot. n. 125939 Anno 2017 IL RETTORE - VISTA la Legge n. 240 del 30 Dicembre 2010; - VISTO lo Statuto dell

Dettagli

SETTORE AFFARI ISTITUZIONALI UFFICIO ELETTORARE E STRUTTURE ISTITUZIONALI ISTRUZIONI PER L ELEZIONE DEI COORDINATORI DI CONSIGLIO DEI CORSI DI STUDIO

SETTORE AFFARI ISTITUZIONALI UFFICIO ELETTORARE E STRUTTURE ISTITUZIONALI ISTRUZIONI PER L ELEZIONE DEI COORDINATORI DI CONSIGLIO DEI CORSI DI STUDIO ISTRUZIONI PER L ELEZIONE DEI COORDINATORI DI CONSIGLIO DEI CORSI DI STUDIO A. Chi deve attivare il procedimento elettorale Attiva il procedimento elettorale il Decano del Consiglio del Corso di Studio.

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara IL RETTORE Rep. n 1222/2014 Prot. n. 25244 del 3 ottobre 2014 Tit. I Cl. 13 VISTA la L. n. 240/2010, ed in particolare l art. 2 comma 2 lett. h) il quale prevede che la rappresentanza elettiva degli studenti

Dettagli

DIREZIONE RISORSE UMANE E SANITA

DIREZIONE RISORSE UMANE E SANITA Prot n. 8563 Decreto Rettorale n. 80 del 5.5.2015 IL RETTORE VISTA la legge 9 maggio 1989, nr. 168; VISTA la legge 30 dicembre 2010, n. 240 (Norme in materia di organizzazione delle università, di personale

Dettagli

NORMATIVA dell Ateneo RIGUARDANTE LE ELEZIONI DEI RAPPRESENTANTI DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO NEL SENATO ACCADEMICO

NORMATIVA dell Ateneo RIGUARDANTE LE ELEZIONI DEI RAPPRESENTANTI DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO NEL SENATO ACCADEMICO NORMATIVA dell Ateneo RIGUARDANTE LE ELEZIONI DEI RAPPRESENTANTI DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO NEL SENATO ACCADEMICO Statuto dell'università degli Studi di Trieste Art. 11 - Composizione del Senato

Dettagli

Regolamento per l elezione dei rappresentanti degli studenti in seno al Consiglio dell Università, al Senato accademico, al Comitato regionale di

Regolamento per l elezione dei rappresentanti degli studenti in seno al Consiglio dell Università, al Senato accademico, al Comitato regionale di Regolamento per l elezione dei rappresentanti degli studenti in seno al Consiglio dell Università, al Senato accademico, al Comitato regionale di coordinamento e ai Consigli di Dipartimento CAPO 1 AMBITO

Dettagli

SCUOLA DELLE SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICO-SOCIALI PRESIDENZA

SCUOLA DELLE SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICO-SOCIALI PRESIDENZA Elezione del Coordinatore del Corso di Studio Interclasse Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale (L-37) e Cooperazione e Sviluppo (LM-81) A.A. 2016/17-2018/19 Il Presidente della Visto lo Statuto

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Decreto Rettorale Rep. n. 439/2016 Prot. n. 30057 del 18/03/2016 Tit. I Cl. 13 OGGETTO: Indizione delle elezioni dei rappresentanti degli studenti negli Organi accademici per il biennio accademico 2016/2018.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO DI RICERCA IN GIURISPRUDENZA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO DI RICERCA IN GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO DI RICERCA IN GIURISPRUDENZA Art. 1 Istituzione 1. È istituita la Scuola di Dottorato di Ricerca in Giurisprudenza, proposta dal Dipartimento di Storia e Filosofia

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO D.R. 162 Elezioni suppletive di due membri del Comitato Paritetico per la Didattica (Quadriennio 2005/09) IL R E T T O R E Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168; Visto lo Statuto del, emanato con D.R. 537

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA DI MEDICINA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA SCUOLA DI MEDICINA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA Emanato con Decreto 2 ottobre 2012, n.1169 Entrato in vigore il 2 ottobre 2012 Via O. Rossi, 9-21100 Varese (VA) - Italia Tel. +39 0332 39.7001 7002

Dettagli

Regolamento della Struttura interdipartimentale di raccordo- Facoltà di Medicina e Chirurgia

Regolamento della Struttura interdipartimentale di raccordo- Facoltà di Medicina e Chirurgia Regolamento della Struttura interdipartimentale di raccordo- Facoltà di Medicina e Chirurgia Titolo I Principi generali Art. 1 Struttura interdipartimentale di Raccordo -Facoltà di Medicina e Chirurgia

Dettagli

Il Rettore Decreto n Anno 2015 Prot. n

Il Rettore Decreto n Anno 2015 Prot. n Il Rettore Decreto n. 1682 Anno 2015 Prot. n. 176605 VISTO il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria, relativa fascia di formazione nonché sperimentazione organizzativa

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA MODALITA PER L ELEZIONE DEL DIRETTORE DI DIPARTIMENTO Chi deve convocare il corpo elettorale Il Decano o, in caso di sua assenza o impedimento, il professore ordinario che immediatamente segue per anzianità

Dettagli

Assemblee elettorali per l elezione del Senato Accademico, mandato

Assemblee elettorali per l elezione del Senato Accademico, mandato Assemblee elettorali per l elezione del Senato Accademico, mandato 2012-2015 19-20-21 giugno 2012 1 Agenda Calendario elettorale Senato Accademico: il quadro normativo Senato Accademico: ruolo Senato Accademico:

Dettagli

d) durata della carica di rettore per un unico mandato di sei anni, non rinnovabile;

d) durata della carica di rettore per un unico mandato di sei anni, non rinnovabile; LEGGE Norme in materia di organizzazione delle universita`, di personale accademico e reclutamento, nonche delega al Governo per incentivare la qualita` e l efficienza del sistema universitario ORGANI

Dettagli

lo Statuto di Ateneo, emanato con D.R. n del e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, Serie Generale, n. 157 del

lo Statuto di Ateneo, emanato con D.R. n del e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, Serie Generale, n. 157 del Decreto n. 5513 IL RETTORE VISTO VISTA VISTO VISTO lo Statuto di Ateneo, emanato con D.R. n. 2959 del 14.06.2012 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, Serie Generale, n. 157 del 07.07.2012; la delibera

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Decreto n.1197 del 1 giugno 2006 Prot. n. 20038 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Verona emanato con D.R. n. 6435 del 7.10.1994, modificato con D.R. n. 11448 del 23.06.2000, con

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE, QUALITÀ E VALUTAZIONE Ufficio Supporto al Senato Accademico MS/SP Tit. Ifl 3 Decreto Rettorale n. 1639/2015 del 8/05/2015 Oggetto: "Regolamento per l'elezione del Comitato di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI MEDICINA DELL UNIVERSITA DI PISA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI MEDICINA DELL UNIVERSITA DI PISA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI MEDICINA DELL UNIVERSITA DI PISA D.R. 19 ottobre 2016, n. 51420 - Emanazione Art. 1 (Finalità e Aree culturali) 1. La Scuola di Medicina dell Università di Pisa (nel seguito:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GENERALE DEGLI STUDENTI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GENERALE DEGLI STUDENTI REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO GENERALE DEGLI STUDENTI Emanato con Decreto 15 giugno 2016, n. 439 Entrato in vigore il 1 luglio 2016 UFFICIO AFFARI GENERALI, ORGANI E RAPPORTI SSN Via Ravasi, 2 21100 Varese

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento disciplina, nel rispetto delle pertinenti disposizioni dello Statuto dell Ateneo e

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche

Consiglio Nazionale delle Ricerche Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Neuroscienze (IN) di Pisa: conferma e sostituzione dell atto costitutivo. Provvedimento n. IL PRESIDENTE VISTO il provvedimento ordinamentale del Presidente

Dettagli

IL RETTORE. la Legge 30/12/2010 n. 240 ed, in particolare, l art. 2 comma 2 lett. a) e b);

IL RETTORE. la Legge 30/12/2010 n. 240 ed, in particolare, l art. 2 comma 2 lett. a) e b); U.S.R. DR/2013/102 del 11/01/2013 Firmatari: MASSIMO MARRELLI IL RETTORE la Legge 30/12/2010 n. 240 ed, in particolare, l art. 2 comma 2 lett. a) e b); lo Statuto dell Ateneo emanato con Decreto Rettorale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA CONSIGLIO DEL CORSO DI STUDIO IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA CONSIGLIO DEL CORSO DI STUDIO IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA CONSIGLIO DEL CORSO DI STUDIO IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA (DIPARTIMENTO DICCA) IL COORDINATORE DEL CORSO/DEI CORSI DI STUDIO la Legge 9.5.1989, n. 168; V i s t o V

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SOCIOLOGIA E RICERCA SOCIALE

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SOCIOLOGIA E RICERCA SOCIALE REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SOCIOLOGIA E RICERCA SOCIALE Emanato con D.R. n. 112 del 13 febbraio 2013 INDICE TITOLO I - PREMESSA... 2 ART. 1 FINALITÀ... 2 ART. 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 2 ART. 3

Dettagli

REGOLAMENTO DEI COLLEGI DEI CORSI DI STUDIO

REGOLAMENTO DEI COLLEGI DEI CORSI DI STUDIO POLITECNICO DI TORINO REGOLAMENTO DEI COLLEGI DEI CORSI DI STUDIO emanato con D.R. n. 186 del 9 maggio 2016 Pag. 1 di 8 SOMMARIO TITOLO 1 AMBITO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONE... 3 ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE...

Dettagli

Alma Mater Studiorum Università di Bologna

Alma Mater Studiorum Università di Bologna 1 REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE COMPONENTI DEI DIRETTORI DI DIPARTIMENTO E DEL PERSONALE DOCENTE, RICERCATORE E TECNICO AMMINISTRATIVO NEL SENATO ACCADEMICO (emanato con D. R. n. 117/2012 del 9.2.2012)

Dettagli

Via Donzi, Modena Tel. 059/ ; FAX. 059/

Via Donzi, Modena Tel. 059/ ; FAX. 059/ Codice pratica: Decreto Rettorale n. 57 IL RETTORE VISTA la legge 9 maggio 1989, nr. 168; VISTA la legge 30 dicembre 2010, n. 240 (Norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA

REGOLAMENTO GENERALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA REGOLAMENTO GENERALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA PARTE I ELEZIONI DEGLI ORGANI DELL ATENEO E DELLE STRUTTURE DIDATTICHE E SCIENTIFICHE TITOLO I NORME COMUNI PER LE ELEZIONI DEGLI ORGANI DELL ATENEO

Dettagli

Emanato con D.R. n del Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo il 28 maggio 2012 In vigore dal 29 maggio 2012

Emanato con D.R. n del Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo il 28 maggio 2012 In vigore dal 29 maggio 2012 MODIFICA AL REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI RUOLO DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DEGLI ARTT. 18 E 24 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con D.R. n. 12001 del 21.5.2012

Dettagli

FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI IL PRESIDE

FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI IL PRESIDE Dispositivo n. 12/2014 FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI IL PRESIDE VISTA la Legge n. 168 del 9.5.1989; VISTO VISTO VISTA lo Statuto dell Università degli Studi di Roma La Sapienza emanato

Dettagli

Entrata in vigore: 22 novembre 2017

Entrata in vigore: 22 novembre 2017 REGOLAMENTO DEI CENTRI DI ATENEO Senato Accademico 8 novembre 2017 Consiglio di Amministrazione 8 novembre 2017 Decreto Rettorale di emanazione Entrata in vigore: 22 novembre 2017 Rep. n. 1615/2017, prot.

Dettagli

REGOLAMENTO N. 2/2017

REGOLAMENTO N. 2/2017 REGOLAMENTO N. 2/2017 REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL COORDINATORE DI CIASCUNA DELLE UNITÀ DEL DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA, STUDÎ POLITICI E INTERNAZIONALI DELL UNIVERSITÀ DI PARMA Articolo 1 Indizione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE DIDATTICA DI ATENEO DELLʹUNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA ʺLA SAPIENZAʺ

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE DIDATTICA DI ATENEO DELLʹUNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA ʺLA SAPIENZAʺ REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE DIDATTICA DI ATENEO DELLʹUNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA ʺLA SAPIENZAʺ ART. 1 Ambito di applicazione del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina la composizione,

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO del DIPARTIMENTO DI MATEMATICA APPLICATA

REGOLAMENTO INTERNO del DIPARTIMENTO DI MATEMATICA APPLICATA REGOLAMENTO INTERNO del DIPARTIMENTO DI MATEMATICA APPLICATA INDICE TITOLO I - SCOPI, COMPOSIZIONE E COMPETENZE DEL DIPARTIMENTO Articolo 1 - Natura del Dipartimento Articolo 2 - Autonomia finanziaria

Dettagli

Regolamento elettorale di Ateneo

Regolamento elettorale di Ateneo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Titolo I Principi generali Articolo 1 Contenuto del regolamento 1. Il regolamento elettorale di Ateneo disciplina le procedure di elezione degli organi e delle cariche

Dettagli

Conferenza dei Comuni dell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Sondrio REGOLAMENTO

Conferenza dei Comuni dell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Sondrio REGOLAMENTO Conferenza dei Comuni dell Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Sondrio REGOLAMENTO 1 INDICE Art.1 Oggetto, funzioni e sede...3 Art.2 Attribuzioni...3 Art.3 Funzionamento della Conferenza...3

Dettagli

DECRETO PRESIDENTE N ELEZIONE DEL DIRETTORE DELL ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BOLOGNA PER IL TRIENNIO A.A. 2017/ / /2020

DECRETO PRESIDENTE N ELEZIONE DEL DIRETTORE DELL ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BOLOGNA PER IL TRIENNIO A.A. 2017/ / /2020 Prot. 2445 /A34 Bologna,13/04/2017 DECRETO PRESIDENTE N. 1172 ELEZIONE DEL DIRETTORE DELL ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BOLOGNA PER IL TRIENNIO A.A. 2017/2018-2018/2019-2019/2020 IL P R E S I D E N T E Vista

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Prot. n. 7692-I/13 Rep.253-2012 Foggia, 20/03/2012 IL RETTORE ATTESO che, dal 18 gennaio u.s., è entrato in vigore il nuovo Statuto di Ateneo, elaborato in recepimento

Dettagli

STATUTO CENTRO SERVIZI DI ATENEO PER LA RICERCA (CeSAR)

STATUTO CENTRO SERVIZI DI ATENEO PER LA RICERCA (CeSAR) STATUTO CENTRO SERVIZI DI ATENEO PER LA RICERCA (CeSAR) Art. 1 Oggetto 1. Presso l Università degli Studi di Cagliari, è istituito il Centro Servizi di Ateneo per la Ricerca, di seguito denominato CeSAR.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIREZIONE GENERALE SERVIZIO SUPPORTO AGLI ORGANI COLLEGIALI Decreto Rettorale n. ';;'(;31 del ).J, 0

Dettagli

ASSESSORATO ALLE POLITICHE DELLA SALUTE

ASSESSORATO ALLE POLITICHE DELLA SALUTE R E G I O N E P U G L I A ASSESSORATO ALLE POLITICHE DELLA SALUTE Regolamento Disposizioni regolamentari per la disciplina delle Aziende Ospedaliero Universitarie della Regione Puglia ai sensi del D.L.gs

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n. 684 del 14/05/2015 OGGETTO: Approvazione del Regolamento di Funzionamento del Consiglio dei Sanitari Il Direttore

Dettagli

Bozza di STATUTO CENTRO SERVIZI DI ATENEO PER LA RICERCA (CeSAR)

Bozza di STATUTO CENTRO SERVIZI DI ATENEO PER LA RICERCA (CeSAR) Bozza di STATUTO CENTRO SERVIZI DI ATENEO PER LA RICERCA (CeSAR) Art. 1 Oggetto 1. Presso l Università degli Studi di Cagliari, è istituito il Centro Servizi di Ateneo per la Ricerca, di seguito denominato

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE DI ATENEO del POLITECNICO DI BARI

REGOLAMENTO ELETTORALE DI ATENEO del POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO ELETTORALE DI ATENEO del POLITECNICO DI BARI Decreto di emanazione D.R. n. 245 del 20.06.2012 Decreto di modifica D.R. n. 396 del 02.10.2012 1 INDICE Art. 1 Norme generali Art. 2 Ufficio Elettorale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO Allegato alla deliberazione C.C. n. 24 del 2/4/2012 Il Presidente Il Segretario F.to Frigerio Ft.to Urbano Unità Organizzativa Servizi Sociali REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO 1 INDICE Articolo

Dettagli

AIRO CALABRIA REGOLAMENTO DEL GRUPPO REGIONALE CALABRESE DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA DI RADIOTERAPIA ONCOLOGICA (AIRO)

AIRO CALABRIA REGOLAMENTO DEL GRUPPO REGIONALE CALABRESE DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA DI RADIOTERAPIA ONCOLOGICA (AIRO) Gruppo Regionale AIRO CALABRIA REGOLAMENTO DEL GRUPPO REGIONALE CALABRESE DELL ASSOCIAZIONE ITALIANA DI RADIOTERAPIA ONCOLOGICA (AIRO) Art. 1. ISTITUZIONE DEL GRUPPO Art. 2 ATTO DI ISTITUZIONE DEL GRUPPO

Dettagli

Decreto Presidente Giunta n. 31 del 25/01/2014

Decreto Presidente Giunta n. 31 del 25/01/2014 Decreto Presidente Giunta n. 31 del 25/01/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema Sanitario

Dettagli

Oggetto: Indizione delle elezioni delle rappresentanze degli studenti negli Organi del Dipartimento di Studi Umanistici. IL DIRETTORE DI DIPARTIMENTO

Oggetto: Indizione delle elezioni delle rappresentanze degli studenti negli Organi del Dipartimento di Studi Umanistici. IL DIRETTORE DI DIPARTIMENTO xxx.yyy@unipmn.it Decreto del Direttore Rep. n. 66/2015 Prot. n. 586 del 31/07/2015 Tit. I cl. 13 Oggetto: Indizione delle elezioni delle rappresentanze degli studenti negli Organi del Dipartimento di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ELEZIONI CON VOTO ELETTRONICO DEI RAPPRESENTANTI DEL NEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

REGOLAMENTO PER LE ELEZIONI CON VOTO ELETTRONICO DEI RAPPRESENTANTI DEL NEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REGOLAMENTO PER LE ELEZIONI CON VOTO ELETTRONICO DEI RAPPRESENTANTI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO NEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9

Dettagli

L.R. 5/2007, art. 61, c. 5, lett. a) B.U.R. 14/10/2009, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 29 settembre 2009, n. 0268/Pres.

L.R. 5/2007, art. 61, c. 5, lett. a) B.U.R. 14/10/2009, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 29 settembre 2009, n. 0268/Pres. L.R. 5/2007, art. 61, c. 5, lett. a) B.U.R. 14/10/2009, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 29 settembre 2009, n. 0268/Pres. Regolamento di attuazione della Parte III, Paesaggio, ai sensi dell articolo

Dettagli

Prot. N (840) 2016 SCUOLA DI SCIENZE DELLA SALUTE UMANA

Prot. N (840) 2016 SCUOLA DI SCIENZE DELLA SALUTE UMANA Prot. N. 19191 (840) 2016 SCUOLA DI SCIENZE DELLA SALUTE UMANA IL PRESIDENTE - VISTO il Decreto Ministeriale 1 Agosto 2005, "Riassetto delle Scuole di Specializzazione di area sanitaria"; - VISTO il Decreto

Dettagli

Regolamento di Dipartimento di Ingegneria Chimica e Alimentare

Regolamento di Dipartimento di Ingegneria Chimica e Alimentare Regolamento di Dipartimento di Ingegneria Chimica e Alimentare ARTICOLO 1 (Ambito di applicazione) Il presente Regolamento, predisposto ai sensi dell articolo 18 dello Statuto e in conformità alle norme

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEI MEMBRI DELLA GIUNTA DEL DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI

Dettagli

(emanato con D.R. n. 17 dell ) INDICE. Art. 3 - Procedura di trasferimento dei ricercatori a tempo indeterminato 2

(emanato con D.R. n. 17 dell ) INDICE. Art. 3 - Procedura di trasferimento dei ricercatori a tempo indeterminato 2 REGOLAMENTO RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASFERIMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO INDETERMINATO E DI MOBILITÀ INTERUNIVERSITARIA DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI UNIVERSITARI (emanato con D.R. n. 17 dell 11.1.2017)

Dettagli

REGOLAMENTO per L'ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER GLI STRANIERI (Approvato con delibera consiliare n. 30 del

REGOLAMENTO per L'ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER GLI STRANIERI (Approvato con delibera consiliare n. 30 del REGOLAMENTO per L'ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER GLI STRANIERI (Approvato con delibera consiliare n. 30 del 16.02.05) Art.1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE

REGOLAMENTO ELETTORALE REGOLAMENTO ELETTORALE I N D I C E TITOLO I ASSEMBLEA DEI DELEGATI Art. 1 - Convocazione delle elezioni dei Delegati all Assemblea Art. 2 - Ufficio Elettorale Istituzione Art. 3 - Ufficio Elettorale Competenze

Dettagli

Seminario di Studi Modena 13 febbraio La componente Genitori nel Comitato di valutazione dei docenti: chi, come, perché

Seminario di Studi Modena 13 febbraio La componente Genitori nel Comitato di valutazione dei docenti: chi, come, perché Seminario di Studi Modena 13 febbraio 2016 La componente Genitori nel Comitato di valutazione dei docenti: chi, come, perché La procedura di convocazione del Comitato, le sedute, le delibere: aspetto organizzativi

Dettagli

IL DIRETTORE DECRETA. ART.1 Finalità. ART.2 Elezione dei rappresentanti

IL DIRETTORE DECRETA. ART.1 Finalità. ART.2 Elezione dei rappresentanti Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale ACCADEMIA DI BELLE ARTI C.DA PAIERADI, SNC 89843 STEFANACONI (VV) Tel. 0963262962, Fax 0963262015 P.IVA E

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE, SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE, SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE, SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE E INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE Indice degli articoli: Art. 1 Oggetto e finalità. pag. 2 Art. 2 Natura e

Dettagli

Indice. Articolo 1 Finalità del regolamento

Indice. Articolo 1 Finalità del regolamento REGOLAMENTO Consiglio di Facoltà di Scienze Umane - Corso di Laurea Triennale in Scienze Criminologiche Investigative e della Sicurezza LUDES Foundation HEI Malta Indice Articolo 1 Finalità del regolamento

Dettagli

Dipartimento Ricerca Traslazionale e delle Nuove Tecnologie in Medicina e Chirurgia

Dipartimento Ricerca Traslazionale e delle Nuove Tecnologie in Medicina e Chirurgia Dipartimento Ricerca Traslazionale e delle Nuove Tecnologie in Medicina e Chirurgia Regolamento del Centro Dipartimentale di Medicina Riabilitativa Sport and Anatomy D.R. 27 dicembre 2016, n. 63457 Emanazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIREZIONE LEGALE, AFFARI ISTITUZIONALI E GENERALI AREA LEGALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIREZIONE LEGALE, AFFARI ISTITUZIONALI E GENERALI AREA LEGALE Prot. 5275 IL RETTORE Decreto Rettorale n. 33 VISTA la legge 9 maggio 1989, nr. 168; VISTA la legge 30 dicembre 2010, n. 240 (Norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico

Dettagli

REGOLAMENTO. Consiglio di Facoltà di Scienze Mediche - Corso di Laurea quadriennale in Fisioterapia L.U.de.S Foundation H.E.I.

REGOLAMENTO. Consiglio di Facoltà di Scienze Mediche - Corso di Laurea quadriennale in Fisioterapia L.U.de.S Foundation H.E.I. REGOLAMENTO Consiglio di Facoltà di Scienze Mediche - Corso di Laurea quadriennale in Fisioterapia L.U.de.S Foundation H.E.I. Malta Indice Articolo 1 Finalità del regolamento Articolo 2 Organi del Consiglio

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIREZIONE LEGALE, AFFARI ISTITUZIONALI E GENERALI AREA LEGALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIREZIONE LEGALE, AFFARI ISTITUZIONALI E GENERALI AREA LEGALE Decreto Rettorale n. 170/2013 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università di Modena e Reggio Emilia, in particolare l art. 36 ( Centri interdipartimentali di ricerca ); VISTO il proprio Decreto n. 8 del

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA ACCADEMIA DI BELLE ARTI REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI. per il triennio

COMUNE DI RAVENNA ACCADEMIA DI BELLE ARTI REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI. per il triennio REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI per il triennio 2013 2016 Art.1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina le elezioni della Consulta degli Studenti. 2. La Consulta

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DI ATENEO

REGOLAMENTO GENERALE DI ATENEO Consiglio di Amministrazione del 27.6.2013 e del 24.7.2013 Senato Accademico del 17.9.2013 Emanato con D.R. 47/2014 del 24.2.2014- pubblicato all Albo di Ateneo il 24.2.2014 TITOLO I - PRINCIPI GENERALI

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ANNO 2007 REPERTORIO N.869 PROTOCOLLO N.29961 IL RETTORE V I S T O V I S T O lo Statuto Generale dell'università degli Studi di Bologna emanato con D.R. 24/3/93,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE SUPERFICI ED INTERFASI NANOSTRUTTURATE (NIS) DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Art. 1.

REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE SUPERFICI ED INTERFASI NANOSTRUTTURATE (NIS) DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Art. 1. REGOLAMENTO DEL CENTRO INTERDIPARTIMENTALE SUPERFICI ED INTERFASI NANOSTRUTTURATE (NIS) DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Art. 1. Istituzione E' istituito, ai sensi dell'art. 20 del vigente Statuto

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE LARGO GEMELLI, MILANO REGOLAMENTO GENERALE 1

REGOLAMENTO GENERALE LARGO GEMELLI, MILANO REGOLAMENTO GENERALE 1 REGOLAMENTO GENERALE LARGO GEMELLI, 1 20123 MILANO REGOLAMENTO GENERALE 1 Testo aggiornato a cura della DIREZIONE ATTIVITÀ ORGANI CENTRALI DI GOVERNO REGOLAMENTO GENERALE 2 R E G O L A M E N T O G E N

Dettagli

REGOLAMENTO PROFESSORI A CONTRATTO

REGOLAMENTO PROFESSORI A CONTRATTO REGOLAMENTO PROFESSORI A CONTRATTO SENATO ACCADEMICO 10.3.1998; 17.3.1999; 9.6.1999; 8.2.2000; 19.04.2005; 16.5.2006; 17.07.2007. CONSIGLIO AMMINISTRAZIONE 19.5.1998; 31.3.1999; 23.6.1999; 23.2.2000; 27.04.2005;

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO DI CHIETI

UNIVERSITA DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO DI CHIETI UNIVERSITA DEGLI STUDI G. D ANNUNZIO DI CHIETI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE DI BASE ED APPLICATE REGOLAMENTO ART. 1 (Denominazione, Scopi ed Attività) Il Dipartimento di Scienze Mediche di Base ed Applicate

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO INGEGNERIA CIVILE E ARCHITETTURA (DICAR) (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo)

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO INGEGNERIA CIVILE E ARCHITETTURA (DICAR) (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO INGEGNERIA CIVILE E ARCHITETTURA (DICAR) (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo) Art. 1 Oggetto, denominazione e sede Il presente regolamento

Dettagli

IL RETTORE. Protocollo n II/14 Rep. n Data Area Programmazione Finanziaria e Affari Generali. Settore Affari Generali

IL RETTORE. Protocollo n II/14 Rep. n Data Area Programmazione Finanziaria e Affari Generali. Settore Affari Generali Protocollo n. 23484-II/14 Rep. n. 1114-2016 Data 15.09.2016 Area Programmazione Finanziaria e Affari Generali Responsabile dott.ssa Annamaria Volpe Settore Affari Generali Responsabile dott. Marco Baudille

Dettagli

SETTORE AFFARI GENERALI, STRUTTURE E STAFF D AREA UFFICIO STRUTTURE ISTITUZIONALI

SETTORE AFFARI GENERALI, STRUTTURE E STAFF D AREA UFFICIO STRUTTURE ISTITUZIONALI Testo Coordinato del Regolamento di funzionamento del Dipartimento di Fisica e Astronomia (emanato con D.R. n. 851/31278 del 05/07/2012 e successivamente modificato con D.R. n. 1387/51438 del 09/11/2012

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI MASTER

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI MASTER REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI MASTER Articolo 1 1. In attuazione di quanto previsto dall art. 3, comma 9 del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270, nonché dall art. 7 del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

REGOLAMENTO DEL FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II REGOLAMENTO DEL FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TITOLO I COSTITUZIONE E FINALITA Articolo 1 COSTITUZIONE 1. Il Dipartimento

Dettagli

Collegio dei P.O. del SSD BIO/06, Anatomia comparata e Citologia

Collegio dei P.O. del SSD BIO/06, Anatomia comparata e Citologia Collegio dei P.O. del SSD BIO/06, Anatomia comparata e Citologia STATUTO del Collegio dei Professori Ordinari afferenti al SSD BIO/06 (approvato mediante votazione telematica conclusasi in data 18 gennaio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Regolamento Didattico di Ateneo e Certificazione dell Offerta Formativa DECRETO Rep. n.... - Prot. n.... Anno... Tit.... Cl.... Fasc....

Dettagli

Scuola di Psicologia IL PRESIDENTE. DECRETA Art. 1

Scuola di Psicologia IL PRESIDENTE. DECRETA Art. 1 REP. n. 1071/2015 prot. 21311 - I/13.5 del 19/02/2015 Scuola di Psicologia IL PRESIDENTE VISTO lo Statuto dell'università degli Studi di Firenze, emanato con Decreto Rettorale n.329- prot. N. 25730, del

Dettagli

Oggetto: ELEZIONE DEL PRESIDENTE E DEL VICE PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE AI SENSI DELL'ART. 23 DELLO STATUTO.

Oggetto: ELEZIONE DEL PRESIDENTE E DEL VICE PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE AI SENSI DELL'ART. 23 DELLO STATUTO. COMUNE DI BUCINE Provincia di AREZZO COPIA CONFORME ALL ORIGINALE Deliberazione numero 43 CONSIGLIO COMUNALE seduta del 13-07-2009 Il Consiglio comunale, regolarmente convocato in sessione straordinaria,

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPL. MOD. UTILIZZO RIS. FINANZ. DEST. ATT. RICR., CULT., SOC. E SPORT. PERS. UNIV. 1

REGOLAMENTO DISCIPL. MOD. UTILIZZO RIS. FINANZ. DEST. ATT. RICR., CULT., SOC. E SPORT. PERS. UNIV. 1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE FINANZIARIE DESTINATE ALLE ATTIVITA RICREATIVE, CULTURALI, SOCIALI E SPORTIVE IN FAVORE DEL PERSONALE DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI

Dettagli

Regolamento elettorale di Ateneo

Regolamento elettorale di Ateneo Regolamento elettorale di Ateneo Titolo I Principi generali Articolo 1 Contenuto del regolamento 1. Il regolamento elettorale di Ateneo disciplina le procedure di elezione degli organi e delle cariche

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Pubblicato all Albo Ufficiale d Ateneo il 13 Dicembre 2011 Entrata in vigore a decorrere dal 14 Dicembre 2011 REGOLAMENTO IN MATERIA DI CHIAMATE DI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA AI SENSI DELLA LEGGE

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEI CAMPUS (emanato con DR n. 592/2013 del 30 luglio 2013 BU SS n. 87 del 31 luglio 2013) INDICE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEI CAMPUS (emanato con DR n. 592/2013 del 30 luglio 2013 BU SS n. 87 del 31 luglio 2013) INDICE Alma Mater Studiorum-Università di Bologna NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna - REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEI CAMPUS (emanato con DR

Dettagli

Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 13 Istituzione del Consiglio delle autonomie locali *

Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 13 Istituzione del Consiglio delle autonomie locali * Legge regionale 9 ottobre 2009, n. 13 Istituzione del Consiglio delle autonomie locali * Art. 1 Oggetto 1. È istituito il Consiglio delle autonomie locali (CAL), quale organo di rappresentanza delle autonomie

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ELEZIONI CON VOTO ELETTRONICO DEI RAPPRESENTANTI DEL PERSONALE DOCENTE NEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

REGOLAMENTO PER LE ELEZIONI CON VOTO ELETTRONICO DEI RAPPRESENTANTI DEL PERSONALE DOCENTE NEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REGOLAMENTO PER LE ELEZIONI CON VOTO ELETTRONICO DEI RAPPRESENTANTI DEL PERSONALE DOCENTE NEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 INDIZIONE DELLE

Dettagli

CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DELLA LOMBARDIA REGOLAMENTO INTERNO. Articolo 1 (Principi generali)

CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DELLA LOMBARDIA REGOLAMENTO INTERNO. Articolo 1 (Principi generali) CONSIGLIO DELLE AUTONOMIE LOCALI DELLA LOMBARDIA REGOLAMENTO INTERNO Articolo 1 (Principi generali) 1. Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dello Statuto d autonomia e della legge regionale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA DESIGN E URBANISTICA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA DESIGN E URBANISTICA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ARCHITETTURA DESIGN E URBANISTICA Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Il presente regolamento disciplina l organizzazione e il funzionamento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. Ufficio Selezione ed Assunzione del Personale. Via Università 4, Modena IL RETTORE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. Ufficio Selezione ed Assunzione del Personale. Via Università 4, Modena IL RETTORE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Ufficio Selezione ed Assunzione del Personale Via Università 4, Modena AFFISSO ALL ALBO DI ATENEO IL 03/06/2014 Decreto Rep nr. 109/2014 Prot. Nr. 10236

Dettagli

Regolamento del DIPARTIMENTO di SCIENZE POLITICHE

Regolamento del DIPARTIMENTO di SCIENZE POLITICHE Regolamento del DIPARTIMENTO di SCIENZE POLITICHE D.R. 14 ottobre 2013, n. 35980 - Emanazione Articolo 1 - Finalità del Dipartimento 1. Il Dipartimento di Scienze politiche (d ora in avanti: Dipartimento):

Dettagli