COMUNE DI LONGARE. TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI LONGARE. TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2013"

Transcript

1 COMUNE DI LONGARE TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2013

2 1.1 Utenze domestiche Il territorio comunale è stato diviso in 5 zone in funzione dei caratteri del servizio fornito, come descritto nella tabella che segue: ZONA Secco Umido A B C D E Bidone con chiave 2 volte la settimana --- Bidone con chiave 2 volte la settimana Zona collinare: Servizio indifferenziato Per le utenze domestiche sono state individuate 3 classi di utenza, differenziate a seconda del servizio fornito, secondo lo schema descritto in tabella: Classe di utenza Servizio fornito Importo tariffa variabile ZONE di appartenenza CLASSE 1 Servizio completo 100% ZONA A e D CLASSE 2 CLASSE 3 1 solo passaggio per l umido/no raccolta plastica porta a porta Nessun passaggio per l umido/ servizio indifferenziato -30% ZONA B/Via Brojo, Via Santa Tecla e Via Tombolea (dopo innesto pista ciclabile fino al 01/06/2013) -60% ZONA C e E C è, inoltre, una riduzione del 50% sulla tariffa fissa per le utenze di un solo componente che, nel 2013, hanno un età uguale o maggiore ai 60 anni TARIFFE NORMALIZZATE UTENZE DOMESTICHE Tabella n 1 - Calcolo della Parte Fissa della per Utenze Domestiche (2013). Nuclei familiari per numero di componenti fissa arrotondata 1 0,297 1 (over 60) 0, , , , ,457 6 o più 0,483 2e case 0,297 pag.2

3 Tabella n 2 - Calcolo della Parte della per Utenze Domestiche (2013) ZONE A D del territorio comunale nuclei familiari per numero di componenti arrotondata (Euro/ut) 1 20, , , , ,965 6 o più 97,084 2e case 52,478 Tabella n 3 - Calcolo della Parte della per Utenze Domestiche (2013) ZONA B del territorio comunale nuclei familiari per numero di componenti arrotondata (Euro/ut) 1 14, , , , ,775 6 o più 67,959 2e case 36,735 Tabella n 4 - Calcolo della Parte della per Utenze Domestiche (2013) ZONA C e E del territorio comunale nuclei familiari per numero di componenti arrotondata (Euro/ut) 1 8, , , , ,597 6 o più 38,846 2e case 20,998 Tabella n 5 - Sistema puntuale Frazione Secca non riciclabile Utenze Domestiche Contenitore Capacità (in litri) Costo del singolo svuotamento bidoncino 120 3,50 pag.3

4 1.2 Utenze non domestiche In questo caso il territorio comunale è suddiviso in 3 ZONE in funzione del carattere del servizio fornito, come evidenziato nella tabella seguente: Classe di utenza Servizio fornito Importo tariffa variabile ZONA di appartenenza CLASSE 1 Servizio completo 100% ZONA 1 CLASSE 2 CLASSE 3 Nessun passaggio per l umido oppure nessun passaggio per il secco Nessun passaggio né per il secco né per l umido -30% ZONA 2-60% ZONA 3 pag.4

5 Tabella n 6 Calcolo Fissa Utenze non Domestiche (intero territorio comunale) Fissa Categorie di attività economica arrotondata Musei, biblioteche, scuole, associazioni, 1 luoghi di culto 0,341 2 Cinematografi e teatri 0,219 Autorimesse e magazzini senza alcuna 3 vendita diretta 0,305 Campeggi, distributori carburanti, impianti 4 sportivi 0,448 5 Stabilimenti balneari 0,326 6 Esposizioni, autosaloni 0,259 7 Alberghi con ristorante 0,834 8 Alberghi senza ristorante 0,549 9 Case di cura e riposo 0, Ospedale 0, Uffici, agenzie, studi professionali 0, Banche ed Istituti di credito 0,310 Negozi abbigliamento, calzature, libreria, 13 cartoleria, ferramenta e altri beni durevoli 0, Edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze 0,916 Negozi particolari filateria, tende tessuti, 15 tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato 0, Banchi di mercato beni durevoli 0,906 Attività artigianali tipo botteghe: 17 parrucchiere, barbiere, estetista 0,753 Attività artigianali tipo botteghe: falegname, 18 idraulico, fabbro, elettricista 0, Carrozzeria, autofficina, elettrauto 0,717 Attività industriali con capannoni di 20 produzione 0,468 Attività artigianali di produzione beni 21 specifici 0,555 Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, 22 mense, pub, birrerie 2, Mense, birrerie, amburgherie 2, Bar,caffè, pasticceria 2,015 Supermercato, pane e pasta, macelleria, 25 salumi e formaggi, generi alimentari 1, Plurilicenze alimentari e/o miste 1,328 Ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al 27 taglio 3, Ipermercati di generi misti 1, Banchi di mercato di generi alimentari 3, Discoteche, night-club 0,972 pag.5

6 Tabella n 7 Tariffe Variabili Utenze non Domestiche. ZONA 1 Categorie di attività economica arrotondata Musei, biblioteche, scuole, associazioni, 1 luoghi di culto 0,336 2 Cinematografi e teatri 0,214 Autorimesse e magazzini senza alcuna 3 vendita diretta 0,299 Campeggi, distributori carburanti, impianti 4 sportivi 0,440 5 Stabilimenti balneari 0,319 6 Esposizioni, autosaloni 0,258 7 Alberghi con ristorante 0,821 8 Alberghi senza ristorante 0,542 9 Case di cura e riposo 0, Ospedale 0, Uffici, agenzie, studi professionali 0, Banche ed Istituti di credito 0,307 Negozi abbigliamento, calzature, libreria, 13 cartoleria, ferramenta e altri beni durevoli 0, Edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze 0,902 Negozi particolari filateria, tende tessuti, 15 tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato 0, Banchi di mercato beni durevoli 0,890 Attività artigianali tipo botteghe: 17 parrucchiere, barbiere, estetista 0,740 Attività artigianali tipo botteghe: falegname, 18 idraulico, fabbro, elettricista 0, Carrozzeria, autofficina, elettrauto 0,705 Attività industriali con capannoni di 20 produzione 0,460 Attività artigianali di produzione beni 21 specifici 0,544 Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, 22 mense, pub, birrerie 2, Mense, birrerie, amburgherie 2, Bar,caffè, pasticceria 1,981 Supermercato, pane e pasta, macelleria, 25 salumi e formaggi, generi alimentari 1, Plurilicenze alimentari e/o miste 1,307 Ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al 27 taglio 3, Ipermercati di generi misti 1, Banchi di mercato di generi alimentari 3, Discoteche, night-club 0,957 pag.6

7 Tabella n 8 Tariffe Variabili Utenze non Domestiche. ZONA 2 Categorie di attività economica arrotondata Musei, biblioteche, scuole, associazioni, 1 luoghi di culto 0,235 2 Cinematografi e teatri 0,150 Autorimesse e magazzini senza alcuna 3 vendita diretta 0,209 Campeggi, distributori carburanti, impianti 4 sportivi 0,308 5 Stabilimenti balneari 0,223 6 Esposizioni, autosaloni 0,180 7 Alberghi con ristorante 0,575 8 Alberghi senza ristorante 0,380 9 Case di cura e riposo 0, Ospedale 0, Uffici, agenzie, studi professionali 0, Banche ed Istituti di credito 0,215 Negozi abbigliamento, calzature, libreria, 13 cartoleria, ferramenta e altri beni durevoli 0, Edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze 0,632 Negozi particolari filateria, tende tessuti, 15 tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato 0, Banchi di mercato beni durevoli 0,623 Attività artigianali tipo botteghe: 17 parrucchiere, barbiere, estetista 0,518 Attività artigianali tipo botteghe: falegname, 18 idraulico, fabbro, elettricista 0, Carrozzeria, autofficina, elettrauto 0,494 Attività industriali con capannoni di 20 produzione 0,322 Attività artigianali di produzione beni 21 specifici 0,381 Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, 22 mense, pub, birrerie 1, Mense, birrerie, amburgherie 1, Bar,caffè, pasticceria 1,387 Supermercato, pane e pasta, macelleria, 25 salumi e formaggi, generi alimentari 0, Plurilicenze alimentari e/o miste 0,915 Ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al 27 taglio 2, Ipermercati di generi misti 0, Banchi di mercato di generi alimentari 2, Discoteche, night-club 0,670 pag.7

8 Tabella n 9 Tariffe Variabili Utenze non Domestiche. ZONA 3 Categorie di attività economica arrotondata Musei, biblioteche, scuole, associazioni, 1 luoghi di culto 0,134 2 Cinematografi e teatri 0,085 Autorimesse e magazzini senza alcuna 3 vendita diretta 0,120 Campeggi, distributori carburanti, impianti 4 sportivi 0,176 5 Stabilimenti balneari 0,127 6 Esposizioni, autosaloni 0,103 7 Alberghi con ristorante 0,328 8 Alberghi senza ristorante 0,217 9 Case di cura e riposo 0, Ospedale 0, Uffici, agenzie, studi professionali 0, Banche ed Istituti di credito 0,123 Negozi abbigliamento, calzature, libreria, 13 cartoleria, ferramenta e altri beni durevoli 0, Edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze 0,361 Negozi particolari filateria, tende tessuti, 15 tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato 0, Banchi di mercato beni durevoli 0,356 Attività artigianali tipo botteghe: 17 parrucchiere, barbiere, estetista 0,296 Attività artigianali tipo botteghe: falegname, 18 idraulico, fabbro, elettricista 0, Carrozzeria, autofficina, elettrauto 0,282 Attività industriali con capannoni di 20 produzione 0,184 Attività artigianali di produzione beni 21 specifici 0,218 Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, 22 mense, pub, birrerie 1, Mense, birrerie, amburgherie 0, Bar,caffè, pasticceria 0,792 Supermercato, pane e pasta, macelleria, 25 salumi e formaggi, generi alimentari 0, Plurilicenze alimentari e/o miste 0,523 Ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al 27 taglio 1, Ipermercati di generi misti 0, Banchi di mercato di generi alimentari 1, Discoteche, night-club 0,383 pag.8

9 Tabella n 10 - Sistema puntuale di Raccolta della Frazione Secca non riciclabile e della Fazione Umida per Utenze Non domestiche Contenitore Capacità (in litri) Costo del singolo svuotamento bidoni 120 3,50 bidoni 240 4,90 svuotamento cass ,00 Gli importi sopra indicati sono al netto di IVA 10% e dell addizionale provinciale 5%. pag.9

CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TASSA SUI RIFIUTI TARI TARIFFE ESERCIZIO 2014

CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TASSA SUI RIFIUTI TARI TARIFFE ESERCIZIO 2014 CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TASSA SUI RIFIUTI TARI TARIFFE ESERCIZIO 2014 DATI DI BASE abitanti al 31/12/2013 n. 25.859 COSTI PREVISTI PER L ESERCIZIO

Dettagli

COMUNE DI MONTIGNOSO PIANO FINANZIARIO E DEFINIZIONE DELLO SCENARIO. Allegato A

COMUNE DI MONTIGNOSO PIANO FINANZIARIO E DEFINIZIONE DELLO SCENARIO. Allegato A COMUNE DI MONTIGNOSO PIANO FINANZIARIO E DEFINIZIONE DELLO SCENARIO Allegato A RILEVAZIONE SULLO STATO DELL ARTE STATO DELL ARTE La base di partenza dell elaborazione necessaria all analisi per il passaggio

Dettagli

TASSA SUI RIFIUTI (TARI) ANNO 2016 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA DETERMINAZIONE TARIFFE TARI METODO NORMALIZZATO 1

TASSA SUI RIFIUTI (TARI) ANNO 2016 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA DETERMINAZIONE TARIFFE TARI METODO NORMALIZZATO 1 allegato A) alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 in data 30/04/2016 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA DETERMINAZIONE TARIFFE TARI METODO NORMALIZZATO 1 Il procedimento di calcolo delle tariffe TARI

Dettagli

BOZZA RELAZIONE. Desenzano del Garda 03.05.2014. Pagina 1 di 7

BOZZA RELAZIONE. Desenzano del Garda 03.05.2014. Pagina 1 di 7 BOZZA RELAZIONE Desenzano del Garda 03.05.2014 Pagina 1 di 7 Richiamata la recente Legge 27 dicembre 2013 n. 147 ( Legge di stabilità 2014), in particolare art. 1 commi 639 668 di istituzione della TARI

Dettagli

COMUNE DI PARETE (PROVINCIA DI CASERTA)

COMUNE DI PARETE (PROVINCIA DI CASERTA) COMUNE DI PARETE (PROVINCIA DI CASERTA) Delibera di Consiglio Comunale N 17 del 3/07/2014 OGGETTO: TASSA SUI RIFIUTI (TARI) DETERMINAZIONE TARIFFE ANNO 2014 Premesso che: L Assessore all Ambiente - il

Dettagli

COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO

COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO TARI (TASSA SUI RIFIUTI) DENUNCIA DEI LOCALI ED AREE ADIBITE AD USO DIVERSO ABITAZIONE ANNO... IL SOTTOSCRITTO NATO A IL SESSO M F RESIDENTE IN VIA/PIAZZA N. CIVICO

Dettagli

COMUNE DI LONGARE. RELAZIONE TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2011

COMUNE DI LONGARE. RELAZIONE TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2011 COMUNE DI LONGARE RELAZIONE TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2011 1.1 Utenze domestiche Il territorio comunale è stato diviso in 5 zone in funzione dei caratteri del servizio fornito, come descritto nella tabella

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA TRANSIZIONE A TARES DEFINIZIONE DEGLI SCENARI TARES 2013 UD 49,71% UND 50,29%

COMUNE DI VERBANIA TRANSIZIONE A TARES DEFINIZIONE DEGLI SCENARI TARES 2013 UD 49,71% UND 50,29% COMUNE DI VERBANIA TRANSIZIONE A TARES DEFINIZIONE DEGLI SCENARI TARES 2013 UD 49,71% UND 50,29% Piano Economico Finanziario come approvato da AC con atto 8/13; ELABORAZIONE TRANSIZIONE A TARES Il presente

Dettagli

PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI

PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI Premessa normativa Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a quanto previsto nel D.P.R. n. 158/1999, ha lo scopo di fornire i dati utili all'applicazione del

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI. Risposta a quesito 2. Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008)

SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI. Risposta a quesito 2. Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008) Risposta a quesito 2 SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI COMUNE di: LAURIA Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008) Indirizzo Via Roma,104 C.A.P. / Provincia 85044 - PZ Tel: 0973 627111 Fax: 0973 823793 E

Dettagli

COMUNE DI BELGIOIOSO TARI METODO NORMALIZZATO SIMULAZIONE CALCOLI ANNO 2015 COMUNE DEL NORD CON PIU' DI 5000 ABITANTI D.P.R.

COMUNE DI BELGIOIOSO TARI METODO NORMALIZZATO SIMULAZIONE CALCOLI ANNO 2015 COMUNE DEL NORD CON PIU' DI 5000 ABITANTI D.P.R. COMUNE DI BELGIOIOSO TARI METODO NORMALIZZATO SIMULAZIONE CALCOLI ANNO 2015 COMUNE DEL NORD CON PIU' DI 5000 ABITANTI D.P.R. 27 Aprile 1999,n.158 1) DEFINIZIONI Per definire le componenti dei costi e determinare

Dettagli

Comune di Villafranca di Verona APPROVATA CON DELIBERAZIONE N 27 DEL 27/05/2015

Comune di Villafranca di Verona APPROVATA CON DELIBERAZIONE N 27 DEL 27/05/2015 Comune di Villafranca di Verona APPROVATA CON DELIBERAZIONE N 27 DEL 27/05/2015 Proposta di Deliberazione N : 231 del 14/05/2015 AREA II - SERVIZI ECONOMICO FINANZIARI E TRIBUTARI Unità TRIBUTI OGGETTO:

Dettagli

Deliberazione di C.C. n.35 del 29.2.2000, ad oggetto:

Deliberazione di C.C. n.35 del 29.2.2000, ad oggetto: Deliberazione di C.C. n.35 del 29.2.2000, ad oggetto: DELIBERA C.C. N.93 DEL 29.10.1999, AD OGGETTO: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE E LA RISCOSSIONE DELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DI GESTIONE INTEGRATA

Dettagli

COMUNE DI LONGARE. RELAZIONE TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno SORARIS SpA

COMUNE DI LONGARE. RELAZIONE TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno SORARIS SpA COMUNE DI LONGARE RELAZIONE TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2010 SORARIS SpA 1.1 Utenze domestiche Il territorio comunale è stato diviso in 5 zone in funzione dei caratteri del Servizio fornito, com è descritto

Dettagli

Comune di. Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI. Allegato A) alla D.C.C. n. 14 del 30/07/2015. Oggetto:

Comune di. Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI. Allegato A) alla D.C.C. n. 14 del 30/07/2015. Oggetto: Comune di BOSCHI SANT ANNA Oggetto: Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI L. 147 del 27.12.2013 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 Competenza: UFFICIO TRIBUTI DEL COMUNE DI BOSCHI SANT

Dettagli

Rapporto 2014 di monitoraggio dei servizi pubblici ambientali. Servizio Gestione Rifiuti Urbani. Allegato B: TARES 2013: utenze non domestiche

Rapporto 2014 di monitoraggio dei servizi pubblici ambientali. Servizio Gestione Rifiuti Urbani. Allegato B: TARES 2013: utenze non domestiche DIREZIONE GENERALE AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA OSSERVATORIO REGIONALE SERVIZI IDRICI E DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Rapporto 2014 di monitoraggio dei servizi pubblici ambientali Servizio

Dettagli

COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino

COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino Via Mazzini, 22 10020 LAURIANO (TO) Tel. 011 9187801 Fax 011 9187482 P.IVA 01734040015 C.F. 82500430010 WWW.COMUNE.LAURIANO.TO.IT info@comune.lauriano.to.it mail

Dettagli

COMUNE DI LONGARE. RELAZIONE TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno SORARIS SpA

COMUNE DI LONGARE. RELAZIONE TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno SORARIS SpA COMUNE DI LONGARE RELAZIONE TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2009 SORARIS SpA 1.1 Utenze domestiche Il territorio comunale è stato diviso in 5 zone in funzione dei caratteri del Servizio fornito, com è descritto

Dettagli

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 10/04/2015 APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E DETERMINAZIONE TARIFFE TARI 2015.

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARIFFA IGIENE AMBIENTALE

PIANO FINANZIARIO TARIFFA IGIENE AMBIENTALE COMUNE DI CARONNO VARESINO Provincia di Varese PIANO FINANZIARIO TARIFFA IGIENE AMBIENTALE Allegato A3) alla deliberazione della C.C. n. 12 del 23/09/2013 ANNO 2013 03 20130829 Caronno Piano Finanziario

Dettagli

COMUNE DI LONGARE. RELAZIONE TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno SOcietà per la RAccolta dei RIfiuti Solidi urbani

COMUNE DI LONGARE. RELAZIONE TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno SOcietà per la RAccolta dei RIfiuti Solidi urbani COMUNE DI LONGARE RELAZIONE TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2016 SOcietà per la RAccolta dei RIfiuti Solidi urbani 1.1 Utenze domestiche Il territorio comunale è stato diviso in 5 zone in funzione dei caratteri

Dettagli

fino a 30 1 da 31 a 45 2 da 46 a 60 3 da 61 a 75 4 da 76 a 90 5

fino a 30 1 da 31 a 45 2 da 46 a 60 3 da 61 a 75 4 da 76 a 90 5 TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI GUIDA AL CALCOLO TARES (AGGIORNATO ALL'11/01/2014) La componente Rifiuti della TARES è composta da: UNA QUOTA FISSA: determinata in relazione alle componenti

Dettagli

TARIFFE DOMESTICHE. ALLEGATO B - TARIFFE DOMESTICHE in vigore dal 01/01/2013 Gli importi sono definiti su base annua

TARIFFE DOMESTICHE. ALLEGATO B - TARIFFE DOMESTICHE in vigore dal 01/01/2013 Gli importi sono definiti su base annua TARIFFE DOMESTICHE ALLEGATO B - TARIFFE DOMESTICHE in vigore dal 01/01/2013 Gli importi sono definiti su base annua PER TUTTE LE UTENZE comp Quota Fissa 2013 Quota allaccio Quota Organico (*) CONTENIT.

Dettagli

TARIFFE UTENZE NON DOMESTICHE 2015 COMUNE DI ALESSANDRIA

TARIFFE UTENZE NON DOMESTICHE 2015 COMUNE DI ALESSANDRIA TARIFFE UTENZE NON DOMESTICHE 2015 COMUNE DI ALESSANDRIA CATEGORIA DESCRIZIONE CATEGORIA Tariffa fissa Tariffa variabile Totale 1 Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto 0,7480 0,9180

Dettagli

COMUNE DI ERBUSCO PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI ERBUSCO PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI ERBUSCO PROVINCIA DI BRESCIA Via Verdi, 16-25030 Erbusco C.F.:00759960172 P.IVA 00577180987 Tel. 030 7767332 Fax 0307760141 E-mail: tributi@comune.erbusco.bs.it PEC comune.erbusco@pec.regione.lombardia.it

Dettagli

COMUNE DI GARBAGNATE MONASTERO PROVINCIA DI LECCO SCHEDA TECNICA PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER L APPLICAZIONE DELLA TARI (TASSA SUI RIFIUTI) PER L ANNO 2015 [SCHEDA TECNICA] Pagina 1 1.PREMESSA

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CC n. 30 del 26/10/2013 Oggetto: Rettifica delibera consiliare n. 21 del 24/09/2013 "tariffe per la gestione dei rifiuti solidi urbani e assimilati per l'anno 2013" IL CONSIGLIO COMUNALE Visto l art. 14

Dettagli

Piano finanziario gestione Tares

Piano finanziario gestione Tares parte fissa parte variabile totale parte fissa parte variabile totale Utenze Domestiche 5.620,20 13.846,13 Costi di gestione Utenze non domestiche Entrate Totale Utenze Domestiche Piano finanziario gestione

Dettagli

CITTA DI ALESSANO Provincia di Lecce Settore Tributi

CITTA DI ALESSANO Provincia di Lecce Settore Tributi CITTA DI ALESSANO Provincia di Lecce Settore Tributi COME SI CALCOLA LA TARES (Esempi di calcolo e confronto con la TARSU) UTENZE DOMESTICHE Superficie imponibile mq. 100 N. Componenti Nucleo Familiare

Dettagli

Gestione Rifiuti - BILANCIO ANNO 2014 IN EURO (I.V.A. inclusa)

Gestione Rifiuti - BILANCIO ANNO 2014 IN EURO (I.V.A. inclusa) CO STI Gestione Rifiuti BILANCIO ANNO 2014 IN EURO (I.V.A. inclusa) PARTE FISSA PARTE VARIABILE 0% 100% TO TALE Costi vari (sia fissi che variabili) 0,00 0,00 0,0 CSL Costi di spazzam ento e lavaggio delle

Dettagli

ESERCIZIO FINANZIARIO 2007

ESERCIZIO FINANZIARIO 2007 CAPITOLO 5801938 5181954 5451960 4391943 5621937 5830404 5801493 5801939 5830406 ESERCIZIO FINANZIARIO 2007 Canone Servizio raccolta R.S.U. 8.577.807,93 Canone pulizia cimitero 140.892,00 Canone pul. Piazzali,

Dettagli

COMUNE DI SUSA 28/03/2018 PREVISIONE GETTITO RUOLO TARI ESERCIZIO 2017/CONGUAGLIO

COMUNE DI SUSA 28/03/2018 PREVISIONE GETTITO RUOLO TARI ESERCIZIO 2017/CONGUAGLIO 100 Utenza domestica Parte Fissa 2017 4.184 418.749,00 352.625,60 84,48 0,00 352.541,12 17.628,44 370.169,56 35,77 % Parte Variabile 2017 4.184 418.749,00 115.494,67 4.398,93 29.989,50 141.086,77 7.055,14

Dettagli

Tariffa Igiene Ambientale

Tariffa Igiene Ambientale Tariffa Igiene Ambientale Cliente Non Domestico Validità dal: 1 gennaio 2012 Comune Cat. DPR 158/99 1 Sotto Cat. 1 SC 1 A 1 A-SC Descrizione Quota Fissa 2012 /mq Quota Variab 2012 /mq Musei, biblioteche,

Dettagli

COMUNITA DELLA VAL DI NON

COMUNITA DELLA VAL DI NON Allegato sub. 2) alla delibera dell Assemblea n. di data 16.02.2015 COMUNITA DELLA VAL DI NON TARIFFA DI IGIENE AMBIENTALE ANNO 2015 Per i Comuni di: Amblar, Bresimo, Brez, Cagnò, Campodenno, Castelfondo,

Dettagli

COMUNITA /COMPRENSORIO DELLA VAL DI NON

COMUNITA /COMPRENSORIO DELLA VAL DI NON TARIFFA DI IGIENE AMBIENTALE Per i Comuni di: Amblar, Bresimo, Brez, Cagnò, Campodenno, Castelfondo, Cavareno, Cis, Cles, Cloz, Coredo, Cunevo, Dambel, Denno, Don, Flavon, Fondo, Livo, Malosco, Nanno,

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMUNE DI ERBUSCO PROVINCIA DI BRESCIA Via Verdi, 16-25030 Erbusco C.F.:00759960172 P.IVA 00577180987 Tel. 030 7767332 Fax 0307760141 E-mail: tributi@comune.erbusco.bs.it PEC comune.erbusco@pec.regione.lombardia.it

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE 1) Musei, Biblioteche, Scuole, Associazioni, Luoghi di culto Musei e gallerie pubbliche e private Biblioteche Scuole pubbliche di ogni ordine e grado Scuole parificate

Dettagli

TARIFFE UTENZE DOMESTICHE (IVA escl.) - PORTA A PORTA

TARIFFE UTENZE DOMESTICHE (IVA escl.) - PORTA A PORTA ALLEGATO A OGGETTO: SERVIZIO GESTIONE RIFIUTI - TARIFFA PUNTUALE DEL COMUNE DI BOMPORTO: APPROVAZIONE ARTICOLAZIONE TARIFFARIA 2018 AI SENSI DELL ART. 8, COMMA 6 LETTERA D) DELLA L.R. 23/2011 Comune di

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO CAVOUR Provincia di Lecce UFFICIO TRIBUTI PIANO FINANZIARIO-TARIFFARIO GESTIONE RIFIUTI URBANI ANNO 2014

COMUNE DI SOGLIANO CAVOUR Provincia di Lecce UFFICIO TRIBUTI PIANO FINANZIARIO-TARIFFARIO GESTIONE RIFIUTI URBANI ANNO 2014 COMUNE DI SOGLIANO CAVOUR Provincia di Lecce UFFICIO TRIBUTI PIANO FINANZIARIO-TARIFFARIO GESTIONE RIFIUTI URBANI ANNO 2014 Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 11 del 01/08/2014 1 Il presente

Dettagli

Tares. Ripartizione in base al gettito Tarsu: 67% utenze domestiche e 23% aziende. In assenza di dati sui rifiuti effettivamente prodotti, in base:

Tares. Ripartizione in base al gettito Tarsu: 67% utenze domestiche e 23% aziende. In assenza di dati sui rifiuti effettivamente prodotti, in base: Tares Piano finanziario Ripartizione costi tra Utenze Domestiche (UD) e non (UND) Tariffe comunali = ripartizione costi all interno delle UD e UND Addizionali Copertura 100% costi (divisi tra fissi e variabili)

Dettagli

APPLICAZIONE METODO NORMALIZZATO PER LA DETERMINAZIONE DELLA TARIFFA DI RIFERIMENTO CON L UTILIZZO DEI CRITERI APPROVATI DAL CONSIGLIO

APPLICAZIONE METODO NORMALIZZATO PER LA DETERMINAZIONE DELLA TARIFFA DI RIFERIMENTO CON L UTILIZZO DEI CRITERI APPROVATI DAL CONSIGLIO All. C APPLICAZIONE METODO NORMALIZZATO PER LA DETERMINAZIONE DELLA TARIFFA DI RIFERIMENTO CON L UTILIZZO DEI CRITERI APPROVATI DAL CONSIGLIO UTENZE DOMESTICHE TOTALE COSTI FISSI.. 328.445,15 (1) A carico

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TASSA SUI RIFIUTI TARI TARIFFE ESERCIZIO 2018

CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TASSA SUI RIFIUTI TARI TARIFFE ESERCIZIO 2018 CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TASSA SUI RIFIUTI TARI TARIFFE ESERCIZIO 2018 DATI DI BASE COSTI PREVISTI PER L ESERCIZIO 2018 (al netto ricavi raccolta

Dettagli

COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE LE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE

COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE LE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE LE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE ANNO 2013 DATI DI RUOLO I dati riportati sono stati estratti dalle banche Dati della Tariffa attualmente utilizzata. Utenze

Dettagli

LE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE ANNO

LE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE ANNO COMUNE DI SAVIGNO LE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE ANNO 2013 Allegato n. 1 DATI DI RUOLO I dati riportati sono stati estratti dalle banche Dati della Tariffa attualmente utilizzata. Utenze

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES COMUNE DI SERRENTI Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti (fonte comune di Venezia 09.11.2012)

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti (fonte comune di Venezia 09.11.2012) Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti (fonte comune di Venezia 09.11.2012) Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto (classe 1

Dettagli

TASSA RIFIUTI (TARI) RICHIESTA RIDUZIONE PER SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI

TASSA RIFIUTI (TARI) RICHIESTA RIDUZIONE PER SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI Unione dei Comuni Lombarda della Valletta Ufficio Tributi c/o Municipio di Santa Maria Hoè Piazza Padre Fausto Tentorio, 2 23889 Santa Maria Hoè (LC) Telefono 039-5311174 int. 4 TASSA RIFIUTI (TARI) RICHIESTA

Dettagli

CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI TARIFFE ESERCIZIO 2013 DATI DI BASE abitanti al 31/12/2012 n. 25.267 COSTI

Dettagli

COMUNE DI SAN GEMINI PROVINCIA DI TERNI COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI SAN GEMINI PROVINCIA DI TERNI COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI SAN GEMINI PROVINCIA DI TERNI COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 29 Data 29/07/2015 OGGETTO: Approvazione tariffe TARI. L anno 2015 il giorno 29 del mese di LUGLIO alle ore 17:30, nella

Dettagli

COMUNE DI AZZANO MELLA Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI AZZANO MELLA Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA COMUNE DI AZZANO MELLA Provincia di Brescia Delibera N. 100 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Definizione dei criteri di assimilazione ai rifiuti urbani dei rifiuti speciali

Dettagli

COMUNE DI PALAZZO PIGNANO provincia di Cremona

COMUNE DI PALAZZO PIGNANO provincia di Cremona COMUNE DI PALAZZO PIGNANO provincia di Cremona - UFFICIO TRIBUTI - Allegato C Alla deliberazione Consiglio Comunale n.ro 37 del 20.7.2015 TARIFFE ANNO 2015 - UTENZE NON DOMESTICHE Categoria Descrizione

Dettagli

Comune di RECCO Provincia di GENOVA

Comune di RECCO Provincia di GENOVA Provincia di GENOVA TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI ANNO 2013 DETERMINAZIONE TARIFFE AI SENSI DELL ART. 14 DEL DECRETO LEGGE 6/12/2011 N. 201 E S.M.I. - Relazione Finale - INDICE Comune di RECCO

Dettagli

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COPIA DELIBERAZIONE N. 16 in data: 21.06.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE - SEDUTA PUBBLICA OGGETTO:

Dettagli

Comune di BELPASSO TARI TASSA COMUNALE SUI RIFIUTI ANNO 2015 DETERMINAZIONE TARIFFE AI SENSI DELL ART. 1 C. 651 DELLA LEGGE 27 DICEMBRE 2013, N.

Comune di BELPASSO TARI TASSA COMUNALE SUI RIFIUTI ANNO 2015 DETERMINAZIONE TARIFFE AI SENSI DELL ART. 1 C. 651 DELLA LEGGE 27 DICEMBRE 2013, N. TARI TASSA COMUNALE SUI RIFIUTI ANNO 2015 DETERMINAZIONE TARIFFE AI SENSI DELL ART. 1 C. 651 DELLA LEGGE 27 DICEMBRE 2013, N. 147 SIMULAZIONE TARI 2015_c.651/04 22 luglio 2015 Tabelle riassuntive 1 PREMESSA

Dettagli

Allegato A) della Deliberazione di C.C. n. 38 del 03/07/2013 CITTÀ DI PIOSSASCO

Allegato A) della Deliberazione di C.C. n. 38 del 03/07/2013 CITTÀ DI PIOSSASCO Allegato A) della Deliberazione di C.C. n. 38 del 03/07/2013 CITTÀ DI PIOSSASCO REGOLAMENTO COMUNALE DI ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AI RIFIUTI URBANI 1 INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Criteri generali

Dettagli

GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO TARI 2014 (TASSA SUI RIFIUTI) SCADENZA 16 SETTEMBRE 2014

GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO TARI 2014 (TASSA SUI RIFIUTI) SCADENZA 16 SETTEMBRE 2014 GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO TARI 2014 (TASSA SUI RIFIUTI) SCADENZA 16 SETTEMBRE 2014 L articolo 1 comma 640 e seguenti della legge n. 147/2013 - e successive modificazioni e integrazioni - ha istituito,

Dettagli

TARI PUNTUALE - ANNO 2018 COMUNE DI CAMPOFORMIDO

TARI PUNTUALE - ANNO 2018 COMUNE DI CAMPOFORMIDO TARI PUNTUALE - ANNO 2018 COMUNE DI CAMPOFORMIDO A e T 2000 S.p.A. Piazzetta Marconi, 3-33033 Codroipo (Udine) Unità Operativa: Via C. Colombo, 210 33037 Pasian di Prato (Udine) Tel. 0432/691062 Fax 0432/691361

Dettagli

TARIFFE TARSU ANNO 2001

TARIFFE TARSU ANNO 2001 TARIFFE TARSU ANNO 2001 ESTRATTO DELIBERA G.M. N. 74 DEL 19/02/2001 Cat. 01 abitazioni 1,19 Cat. 02 uffici, studi, ecc. 3,87 Cat. 03 caserme, ass. pol., ecc. 1,61 Cat. 04 negozi 4,91 Cat. 05 pubblici esercizi

Dettagli

Metodo normalizzato per definire le componenti dei costi e determinare la tariffa di riferimento.

Metodo normalizzato per definire le componenti dei costi e determinare la tariffa di riferimento. DPR 158/99 REGOLAMENTO TARIFFA RIFIUTI - METODO NORMALIZZATO. ALLEGATO N. 1 - TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI. Metodo normalizzato per definire le componenti dei costi e determinare la tariffa

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI Classe 1 -Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali Associazioni o istituzioni

Dettagli

COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (FM)

COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (FM) COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (FM) PIANO ECONOMICO FINANZIARIO E DETERMINAZIONE TARIFFE TARI ANNO 2014 1. Passaggio dalla TARES a TARI La legge di stabilità (L. 147/2013 art. 1 comma 639-731) e s.m.i, istituisce

Dettagli

AVVISO TARI 2017 (Tassa sui rifiuti)

AVVISO TARI 2017 (Tassa sui rifiuti) COMUNE DI MOSCHIANO Provincia di Avellino AREA ECONOMICA FINANZIARIA E TRIBUTI (Piazza IV Novembre - 32 MOSCHIANO (AV) Telefono 1.249916 - fax 1.245942) AVVISO TARI 217 (Tassa sui rifiuti) Con delibera

Dettagli

COMUNE DI SCALDASOLE

COMUNE DI SCALDASOLE COMUNE DI SCALDASOLE DEFINIZIONE DELLO SCENARIO TARI ANNO 2016 Seconda elaborazione RILEVAZIONE SULLO STATO DELL ARTE Le basi di partenza dell elaborazione sono state le banca dati esistenti: UTENZE DOMESTICHE

Dettagli

Città di NARDO (Lecce)

Città di NARDO (Lecce) Città di NARDO (Lecce) PIANO GESTIONALE FINANZIARIO - TARIFFA ANNO 2015 RELAZIONE PIANO TARIFFA CICLO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI GESTORE BIANCO IGIENE AMBIENTALE S.r.l. Via Bernardini 73048 Nardò (Lecce)

Dettagli

COMUNE DI ALTILIA Prov. di Cosenza

COMUNE DI ALTILIA Prov. di Cosenza COMUNE DI ALTILIA Prov. di Cosenza TARIFFE TASSA SUI RIFIUTI (TARI) - ANNO 2016 Utenze domestiche 1,00 a mq. Utenze domestiche di campagna 0,60 a mq. Utenze domestiche (Pensionati nei paesi di residenza

Dettagli

Città di NARDO (Lecce)

Città di NARDO (Lecce) Città di NARDO (Lecce) PIANO GESTIONALE FINANZIARIO - TARIFFA ANNO 2011 RELAZIONE PIANO TARIFFA CICLO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI GESTORE BIANCO IGIENE AMBIENTALE S.r.l. Via Bernardini 73048 Nardò (Lecce)

Dettagli

COMUNE DI PORTOSCUSO (Provincia di Carbonia Iglesias)

COMUNE DI PORTOSCUSO (Provincia di Carbonia Iglesias) Comune di Portoscuso Relazione al Piano Finanziario per I applicazione della TARI anno (Allegato n 2) COMUNE DI PORTOSCUSO (Provincia di Carbonia Iglesias) RELAZIONE ALLEGATA AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE

Dettagli

TARI PUNTUALE - ANNO 2018 COMUNE DI SAN VITO DI FAGAGNA

TARI PUNTUALE - ANNO 2018 COMUNE DI SAN VITO DI FAGAGNA TARI PUNTUALE - ANNO 2018 COMUNE DI SAN VITO DI FAGAGNA A e T 2000 S.p.A. Piazzetta Marconi, 3-33033 Codroipo (Udine) Unità Operativa: Via C. Colombo, 210 33037 Pasian di Prato (Udine) Tel. 0432/691062

Dettagli

D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE

D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la D.C.C. n. 43 in data 06/10/1995 avente per oggetto:

Dettagli

C O M U N E D I A L L U M I E R E

C O M U N E D I A L L U M I E R E Il presente verbale viene così sottoscritto IL PRESIDENTE IL SEGRETARIO Battilocchio Augusto Dott.Pietro Lucidi ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE Il sottoscritto IL FUNZIONARIO RESPONSABILE DEL SETTORE attesta

Dettagli

PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI 2014

PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI 2014 PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI 2014 Premessa normativa Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a quanto previsto nel D.P.R. n. 158/1999, ha lo scopo di fornire i dati utili all'applicazione

Dettagli

TARIFFA IGIENE AMBIENTALE

TARIFFA IGIENE AMBIENTALE Comune di Besenello TARIFFA IGIENE AMBIENTALE Anno 2012 Statistiche utenze Riepilogo del numero di utenze attive nel giorno di riferimento, delle relative metrature e dei costi suddivisi secondo la tipologia

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA Deliberazione Consiglio comunale n. 24 del 29.04.2014 OGGETTO: Approvazione tariffe della tassa rifiuti (TARI) anno 2014 e definizione scadenze. IL CONSIGLIO COMUNALE - Preso atto che, in relazione ai

Dettagli

COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza PIANO FINANZIARIO TARES 2013

COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza PIANO FINANZIARIO TARES 2013 Approvato con delibera di C.C. n. 22 del 1/08/2013 COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza PIANO FINANZIARIO TARES 2013 1 Premessa L art. 14 del d.l. 201/2011, convertito con modificazioni

Dettagli

ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche. Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie:

ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche. Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie: ALLEGATO B Categorie di utenze non domestiche Le utenze non domestiche sono suddivise nelle seguenti categorie: Categoria 1 Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni

Dettagli

COMUNE DI ERBUSCO TARIFFE TASSA RIFIUTI ANNO 2014

COMUNE DI ERBUSCO TARIFFE TASSA RIFIUTI ANNO 2014 Allegato "B" alla delibera di C.C. n. 16 del 09/04/2014 Il Segretario generale F.to dott.ssa Adriana Salini COMUNE DI ERBUSCO TARIFFE TASSA RIFIUTI ANNO 2014 TASSA RIFIUTI TARI TARIFFE ANNO 2014 Costi

Dettagli

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 14 del 29/04/2015 OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO SERVIZI

Dettagli

Città di Fossano Provincia di Cuneo

Città di Fossano Provincia di Cuneo Città di Fossano Provincia di Cuneo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 100 Seduta del 30 DICEMBRE 2014 Oggetto: a. Approvazione schemi del Bilancio di previsione per l'esercizio 2015 ed

Dettagli

AVVISO TARI 2016 (Tassa sui rifiuti)

AVVISO TARI 2016 (Tassa sui rifiuti) COMUNE DI MOSCHIANO Provincia di Avellino AREA ECONOMICA FINANZIARIA E TRIBUTI (Piazza IV Novembre - 83020 MOSCHIANO (AV) Telefono 081.8249916 - fax 081.8245942) AVVISO TARI 2016 (Tassa sui rifiuti) Con

Dettagli

TARI Servizio rifiuti

TARI Servizio rifiuti COMUNE DI OSPITALETTO TARI Servizio rifiuti Determinazione delle tariffe 2014 Costi fissi Costi variabili Costi totali Totale costi 595.000,00 44,07% 755.000,00 55,93% 1.350.000,00 Copertura prevista 100,00%

Dettagli

COMUNE DI PINAROLO PO

COMUNE DI PINAROLO PO COMUNE DI PINAROLO PO APPLICAZIONE TARI 2016 DEFINIZIONE DELLO SCENARIO 1 RILEVAZIONE SULLO STATO DELL ARTE Le basi di partenza dell elaborazione necessaria per la definizione degli scenari di applicazione

Dettagli

C O M U N E D I I N V E R I G O

C O M U N E D I I N V E R I G O C O M U N E D I I N V E R I G O PROVINCIA DI COMO D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L E COPIA N 21 del Registro delle Deliberazioni OGGETTO: IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE) - COMPONENTE

Dettagli

COMUNE DI PINAROLO PO

COMUNE DI PINAROLO PO COMUNE DI PINAROLO PO APPLICAZIONE TARI 2018 DEFINIZIONE DELLO SCENARIO 1 RILEVAZIONE SULLO STATO DELL ARTE Le basi di partenza dell elaborazione necessaria per la definizione degli scenari di applicazione

Dettagli

RIFIUTI S OLIDI URBANI

RIFIUTI S OLIDI URBANI COMUNE DI CALDOGNO Provincia di Vicenza RELAZIONE CALCOLO TARIFFE SERVIZIO di GESTIONE RIFIUTI SOLIDI URBANI (anno 2013) SORARIS SpA Premessa Nell'elaborazione del calcolo delle tariffe per l'anno 2013

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE 49 07/07/2015

CONSIGLIO COMUNALE 49 07/07/2015 COPIA CITTA DI MELEGNANO Provincia di Milano CONSIGLIO COMUNALE 49 07/07/2015 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO ECONOMICO FINANZIARIO PER IL SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE E TARIFFE TARI PER L ESERCIZIO 2015.

Dettagli

VICENZA NORD SERVIZI srl Società a capitale pubblico, soggetta alla direzione ed al coordinamento del socio unico Comune di Bolzano Vicentino

VICENZA NORD SERVIZI srl Società a capitale pubblico, soggetta alla direzione ed al coordinamento del socio unico Comune di Bolzano Vicentino VICENZA NORD SERVIZI srl Società a capitale pubblico, soggetta alla direzione ed al coordinamento del socio unico Comune di Bolzano Vicentino TARIFFE SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI BOLZANO

Dettagli

COMUNE DI SANFRONT. Provincia di Cuneo. VERBALE DI DELIBERAZIONE del CONSIGLIO COMUNALE N.21

COMUNE DI SANFRONT. Provincia di Cuneo. VERBALE DI DELIBERAZIONE del CONSIGLIO COMUNALE N.21 Copia COMUNE DI SANFRONT Provincia di Cuneo VERBALE DI DELIBERAZIONE del CONSIGLIO COMUNALE N.21 OGGETTO: T.A.R.E.S.: approvazione piano finanziario e tariffe 2013. L anno duemilatredici addì ventisei

Dettagli

COMUNE DI GATTEO (PROVINCIA DI FORLI' - CESENA)

COMUNE DI GATTEO (PROVINCIA DI FORLI' - CESENA) COMUNE DI GATTEO (PROVINCIA DI FORLI' - CESENA) ORIGINALE Atto del Consiglio Comunale n 33 del 29/07/2015 Oggetto: SERVIZIO RELATIVO ALLA RACCOLTA E AL TRASPORTO DEI RIFIUTI URBANI. TASSA SUI RIFIUTI (TARI).

Dettagli

La tassa sui rifiuti (TARI)

La tassa sui rifiuti (TARI) COMUNE DI COMO La tassa sui rifiuti (TARI) Anno 2014 DISCIPLINA L articolo 1, comma 639, della legge n. 147/2013, ha istituito l imposta unica comunale (IUC) che, per la sua componente riferita ai servizi,

Dettagli

Città di Imola DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 56 DEL 09/04/2014 6. APPROVAZIONE ARTICOLAZIONE TARIFFARIA TARI 2014. I.E.

Città di Imola DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 56 DEL 09/04/2014 6. APPROVAZIONE ARTICOLAZIONE TARIFFARIA TARI 2014. I.E. Città di Imola DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 56 DEL 09/04/2014 OGGETTO : 6. APPROVAZIONE ARTICOLAZIONE TARIFFARIA TARI 2014. I.E. Il giorno 09/04/2014 alle ore 09:00 su convocazione disposta, ai

Dettagli

COMUNE DI VIBO VALENTIA PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014

COMUNE DI VIBO VALENTIA PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014 COMUNE DI VIBO VALENTIA PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014 Redatto ai sensi del D.P.R. 27 APRILE 1999, N. 158 e della L. 147/2013 1- PREMESSA Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del

Dettagli

COMUNE DI BUTTAPIETRA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. SESSIONE Ordinaria di Prima CONVOCAZIONE

COMUNE DI BUTTAPIETRA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. SESSIONE Ordinaria di Prima CONVOCAZIONE COMUNE DI BUTTAPIETRA PROVINCIA DI VERONA ORIGINALE Reg. Deliberazioni Numero 19 Del 30-06-2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE SESSIONE Ordinaria di Prima CONVOCAZIONE Oggetto: TASSA SUI

Dettagli

INFORMATIVA IUC 2014

INFORMATIVA IUC 2014 INFORMATIVA IUC 2014 Dal 1 gennaio 2014, secondo quanto previsto dall art. 1, commi 639 e seguenti, della Legge 27/12/2013, n. 147 è entrata in vigore la IUC, Imposta Unica Comunale. La IUC si suddivide

Dettagli

TARIFFE UTENZE DOMESTICHE UTENZE DOMESTICHE PARTE FISSA. superfici riparametrate. coefficiente fisso DPR 158 PARTE VARIABILE

TARIFFE UTENZE DOMESTICHE UTENZE DOMESTICHE PARTE FISSA. superfici riparametrate. coefficiente fisso DPR 158 PARTE VARIABILE TARIFFE UTENZE DOMESTICHE QUOTA COSTI FISSA 52,47% pari a: 44.875,28 QUOTA COSTI VARIABILI 47,53% pari a: 40.643,08 Ripartizione costi fissi (dato reale) 96,77% Totale costi fissi attribuibili alle utenze

Dettagli

ALLEGATO C) Pagina 1 A) PARTE FISSA DELLA TARIFFA TOTALE COSTI FISSI ,89 1

ALLEGATO C) Pagina 1 A) PARTE FISSA DELLA TARIFFA TOTALE COSTI FISSI ,89 1 Pagina 1 ALLEGATO C) APPLICAZIONE METODO NORMALIZZATO PER LA DETERMINAZIONE DELLA TARIFFA DI RIFERIMENTO ANNO 2017 CON L'UTILIZZO DEI CRITERI APPROVATI DAL CONSIGLIO COMUNALE A) PARTE FISSA DELLA TARIFFA

Dettagli

Comune di MENTANA PROVINCIA DI ROMA PROSPETTO ANALITICO DETERMINAZIONE TARIFFE TARI

Comune di MENTANA PROVINCIA DI ROMA PROSPETTO ANALITICO DETERMINAZIONE TARIFFE TARI Comune di MENTANA PROVINCIA DI ROMA PROSPETTO ANALITICO DETERMINAZIONE TARIFFE TARI ANNO 2014 INDICE 1. PREMESSA...3 2. PIANO FINANZIARIO 2014 E RIPARTIZIONE DEI COSTI TRA LE UTENZE DOMESTICHE E NON DOMESTICHE...8

Dettagli

MEMORANDUM. Per queste ragioni

MEMORANDUM. Per queste ragioni MEMORANDUM L attuale imposta comunale sulla tassazione dei rifiuti solidi urbani (c.d. TARI, acronimo di TAssa Rifiuti), è stata istituita con la legge di stabilità 2014 (Legge 27 dicembre 2013 n. 147).

Dettagli

COMUNE DI FORNI AVOLTRI Provincia di Udine

COMUNE DI FORNI AVOLTRI Provincia di Udine COMUNE DI FORNI AVOLTRI Provincia di Udine Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale SEDUTA del 27/04/2016 N 9 del Reg. Del OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE RELATIVE ALLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) PER

Dettagli

DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE REPUBBLICA ITALIANA CITTA DI MAZARA DEL VALLO Registro proposte atti deliberativi n. 25 del 25/09/2014 - Settore 2 Gestione delle risorse - Servizio Entrate e Tributi Proposta depositata all Ufficio proposte

Dettagli