Premessa. Art. 1 Finalità Generali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Premessa. Art. 1 Finalità Generali"

Transcript

1 Premessa La legge regionale n. 15 del 7/08/2002 prevede, all art. 8 lettera g), che alle Province sono attribuite, tra l altro, le funzioni relative all autorizzazione delle attività di formazione professionale autonomamente finanziate. La legge n. 32 del 2/11/2006 ha stabilito che il trasferimento di tali funzioni debba avvenire dal 1 gennaio 2007 e per l attuazione siano stipulate apposite intese tra la Regione e le Province. A seguito delle pressanti richieste e per non deludere le legittime aspettative della comunità locale è opportuno predisporre apposita regolamentazione diretta ad assicurare la trasparenza del complesso iter procedurale nel testo di seguito riportato: Art. 1 Finalità Generali La presente disciplina, attraverso la definizione delle modalità per il riconoscimento e la autorizzazione dei corsi non finanziati realizzati in Provincia di Bari, è volta a promuovere iniziative formative che nell insieme: a) offrano concrete opportunità d inserimento lavorativo mediante l individuazione di profili professionali rispetto ai quali esista una effettiva domanda di mercato; b) sviluppino una offerta formativa permanente rivolta a tutti i cittadini, indipendentemente dalla loro condizione lavorativa, che consenta la realizzazione di percorsi di apprendimento durante tutto l arco della vita; c) accrescano competenze di base, tecnico-professionali e trasversali, con riferimento a specifiche aree professionali. Art. 2 Definizione di Corso Riconosciuto Per Corso Riconosciuto (art. 29 della L.R. n. 15 del 7 agosto. 2002) si intendono i Corsi autorizzati con apposita Determinazione Dirigenziale. Ai fini del riconoscimento, un Corso deve possedere i seguenti requisiti: 1

2 a) l accesso è consentito a coloro che abbiano compiuto il sedicesimo anno di età, o abbiano assolto all obbligo scolastico. b) la frequenza ed il superamento dell esame finale danno diritto a conseguire l attestato di riconoscimento formale e la certificazione delle competenze acquisite previsti dalla normativa nazionale e regionale, in particolare dall art. 29 della L.R. n. 15 del 7 agosto. 2002; tale attestato è spendibile nel mondo del lavoro e può costituire titolo per l ammissione e/o la selezione nei pubblici concorsi; c) le attività formative devono essere localizzate nell ambito del territorio provinciale; sono, tuttavia, ammesse singole attività al di fuori dell ambito Provinciale e Regionale (visite didattiche, stage, tirocini, etc,), purché previste e motivate. Art. 3 Tipologie di Corso Riconosciuto (L n. 845) L Amministrazione Provinciale individua le seguenti tipologie di Corsi Riconosciuti: a) Corsi di Qualifica, ossia i corsi di formazione finalizzati all ottenimento della qualifica ai sensi della normativa nazionale e regionale; tali attività formative non possono avere una durata inferiore a 600 ore (una annualità) e un massimo di ore (1 e 2 Livello), per casi specifici previsti da apposite normative di settore. b) Corsi di Specializzazione o Perfezionamento ossia i corsi di formazione finalizzati all ottenimento della specializzazione o perfezionamento ai sensi della normativa nazionale e regionale; tali attività formative non possono avere una durata inferiore a 300 ore, salvo casi specifici previsti da apposite normative di settore. c) Corsi di Riqualificazione, rivolti a coloro che desiderano acquisire una qualifica professionale diversa da quella posseduta. Possono avere una durata complessiva non inferiore alle 600 ore. d) Corsi Abilitanti, ossia i corsi rivolti all esercizio di specifiche attività e regolati da apposite leggi nazionali e regionali. e) Corsi di Aggiornamento, ossia i corsi brevi, rivolti a professionisti iscritti ai rispettivi Albi, o chi è in possesso di una qualifica o esperienza attinente all oggetto dell Aggiornamento, atti a trasferire competenze specialistiche di settore o che rilasciano crediti formativi riconosciuti da Associazioni, Università, Ordini, Collegi professionali ecc.. Possono avere una durata complessiva non inferiore alle 20 ore. 2

3 Art. 4 - Soggetti ammessi alla presentazione delle istanze di riconoscimento Possono ottenere il riconoscimento i Corsi proposti da Soggetti Formatori (di seguito denominati S. F.) che siano in possesso di condizioni qualificate e requisiti specifici tali da assicurare servizi formativi nel rispetto degli standard di qualità. Di conseguenza, possono ottenere il riconoscimento i Corsi proposti da: a) Soggetti Formatori accreditati dalla Regione Puglia ai sensi del l art. 24 di cui alla L.R. 15/02, previa accettazione dei controlli da parte della Provincia competente per territorio; b) Soggetti Formatori i quali, ai fini del riconoscimento dei corsi, dovranno dimostrare il possesso dei requisiti di seguito specificati. Riconoscimento del Corso Per ottenere il riconoscimento dei corsi, i Soggetti Formatori devono dimostrare di possedere: 1) Requisiti generali: a) Perseguimento, tra i propri fini statutari, della finalità di formazione professionale; b) Integrità e correttezza personale del legale rappresentante del S.F., di tutte le persone che rivestono cariche sociali o comunque di tutte le persone che impegnano legalmente il S.F.; 2) Requisiti specifici: Assicurare capacità gestionale secondo i seguenti requisiti: a. Assetto organizzativo (ripartizione dei ruoli e delle funzioni all interno del S.F.) riscontrabile dall organigramma del S.F.; b. Competenze gestionali (relative alla funzione di direzione-coordinamento ed alla funzione gestione economico-amministrativa del S.F.), attestate dai relativi curricula; c. Adeguatezza del personale docente, attestata dai curricula, in funzione degli ambiti/settori di riferimento dei corsi per i quali si richiede il riconoscimento; 3) Assunzione dei seguenti impegni formali: Rispetto della normativa comunitaria, statale e regionale; Accettazione dei controlli della Provincia di Bari; 3

4 Rispetto della normativa in materia fiscale, previdenziale, in materia di sicurezza e di lavoro dei disabili; Comunicazione alla Provincia di Bari di tutte le variazioni che intervengono sulle condizioni e sui requisiti che hanno costituito base del riconoscimento dei corsi; I Soggetti Formatori devono presentare istanza agli uffici del Servizio Formazione Professionale della Provincia di Bari; l istanza di riconoscimento è composta da un dossier di candidatura contenente la seguente documentazione: I. domanda di riconoscimento del/dei corsi, sottoscritta dal legale rappresentante del Soggetto Formatore proponente (i S.F. già accreditati devono indicare il riferimento al provvedimento con cui si è ottenuto l accreditamento); II. copia del documento di iscrizione alla C.C.I.A.A., ove previsto; III. dichiarazioni sostitutive di atto notorio attestanti il possesso delle condizioni di cui al punto 1) (non richiesta la dichiarazione di cui al punto 1.a per i S.F. accreditati); IV. dichiarazione sostitutiva di atto notorio attestante l assunzione degli impegni formali di cui al punto3); V. documentazione attestante il possesso dei requisiti specifici di cui al punto 2) (per i S.F. accreditati solo la documentazione di cui al punto c); VI. apposito Formulario di progetto corso (Allegato.), contenente le seguenti informazioni minime: Informazioni generali sul Soggetto Formatore proponente; Descrizione sintetica del progetto; Indicazione della tipologia di corso; Numero dei partecipanti previsto; Requisiti di ingresso dei partecipanti (titolo di studio, età, qualifica professionale, etc,.) Costo di iscrizione/frequenza a carico del singolo partecipante e l eventuale ripartizione dello stesso in più soluzioni; Sede di svolgimento delle singole attività previste dal corso; Obiettivi formativi del corso; 4

5 Durata del corso in ore; Metodologia della certificazione finale (tipologia, sistema di valutazione, strumenti, modalità e criteri); Struttura ed articolazione del percorso formativo, (eventuali cicli, moduli e unità didattiche); Descrizione del singolo Ciclo (eventuale) e del singolo Modulo, contenenti denominazione, durata, obiettivi e modalità di valutazione; Descrizione del singola Unità Didattica, contenente denominazione, durata, sede, contenuti e metodologie didattiche; Attrezzature didattiche, informatiche e tecnologiche. Possono, inoltre, essere allegati alla domanda altri documenti, da considerarsi non obbligatori, che il Soggetto Formatore proponente ritenga utili alla descrizione complessiva delle attività. L atto di riconoscimento del progetto corso ha validità annuale; al riconoscimento deve seguire l effettiva autorizzazione all avvio ai sensi del successivo art. 6. Ad un unico atto di riconoscimento possono seguire più istanze di autorizzazione, se si tratta di edizioni successive del medesimo progetto corso. E fatto divieto di usare diciture o forme di pubblicizzazione le quali possano far intendere che il riconoscimento riguardi l Ente, la struttura o la sua attività complessiva, oltre a quello dei singoli corsi autorizzati dalla Provincia. Art. 5 Riconoscimento del Corso (Procedure) Per ottenere il riconoscimento del Corso, gli Enti Proponenti devono inviare l istanza alla Provincia di Bari via Spalato 19; le domande devono essere presentate con cadenza trimestrale e saranno valutate nei primi 30 giorni successivi la fine del trimestre di presentazione. L istanza di riconoscimento è composta da un dossier di candidatura contenente la seguente documentazione: a) domanda di riconoscimento, sottoscritta dal legale rappresentante del Soggetto Formatore proponente (i Soggetti Formativi accreditati devono fare riferimento al provvedimento con cui si è ottenuto l accreditamento); 5

6 b) documentazione attestante il possesso delle condizioni di cui all art. 4; c) documentazione attestante l assunzione degli impegni formali di cui all art. 4; d) documentazione attestante il possesso dei requisiti specifici di cui all art. 4; e) apposito formulario di progetto, contenente le informazioni minime richieste; Possono, inoltre, essere allegati alla domanda altri documenti, da considerarsi non obbligatori, che il Soggetto Formatore ritenga utili alla descrizione complessiva delle attività. L atto di riconoscimento ha validità annuale (anno solare); al riconoscimento deve seguire l effettiva autorizzazione all avvio ai sensi del successivo art. 7. Il corso riconosciuto deve riportare la dizione: Corso (tipologia) per (titolo) riconosciuto dalla Provincia di Bari Determinazione Dirigenziale n. del ai sensi del Regolamento Provinciale n. del (art. 8 L.R. n.15 del 7/08/ art.3 L.R. n.32 del 2/11/2006) È fatto assoluto divieto di utilizzare diciture o forme di pubblicizzazione le quali possano far intendere che il riconoscimento riguardi l Ente, la struttura o la sua attività complessiva, oltre a quello dei singoli corsi autorizzati dalla Provincia. Art. 6 Sistema di Valutazione Azioni Formative Autofinanziate Le Azioni Formative vengono istruite in ordine alla ammissibilità da parte del Servizio e poi sottoposte a valutazione da apposita Commissione di valutazione nel rispetto di un equilibrio Formativo (Domanda-Offerta) nell ambito del territorio Provinciale. Criteri di Ammissibilità: Attengono alla presenza dei requisiti puntualmente indicati nel Regolamento. La presenza di tali requisiti non dà punteggio, ma la loro assenza determina la non ammissibilità del Progetto, che non sarà quindi sottoposto a successiva valutazione. 6

7 Commissione di Valutazione composizione: La commissione è composta da 3 ( tre ) membri effettivi e dal segretario. Qualora i progetti presentino particolare complessità la Commissione potrà fare ricorso a esperti con funzioni consultive. A tal fine l Amministrazione provvederà ad istituire con successivo provvedimento un apposito Albo Provinciale degli Esperti. I componenti sono nominati dal Servizio Formazione Professionale. I membri della commissione restano in carica per un anno, e comunque decadono al termine dell anno Formativo. Componenti: n. ordine Nome Cognome Ente Rappresentato 1 Presidente Dirigente del Servizio Formazione Professionale 2 Componente Dirigente del Servizio Politiche Attive del Lavoro o suo delegato 3 Componente Rappresentante della Camera di Commercio, Industria e Artigianato di Bari verbalizzante Segretario Funzionario Provinciale cat. D Nelle more dell istituzione dell Albo Provinciale degli Esperti, questi saranno indicati dalle Associazioni di Categoria. Commissione di valutazione - compiti: La Commissione valuta i progetti sulla base dei criteri di valutazione di seguito indicati, i quali attengono alla qualità del progetto e ai suoi diversi aspetti. La selezione si realizza mediante attribuzione di un punteggio. Il punteggio massimo conseguibile è di 500 punti. Il punteggio minimo per ottenere l autorizzazione è di 300 punti. 7

8 n. Sezione del Formulario Punteggio Punteggio ordine Totale 1 Finalità e Motivazione dell Intervento Formativo. 00/50 2 Qualità dell Azione Formativa Obiettivi e Contenuti. 00/50 (architettura del progetto e articolazione del progetto) 3 Azioni preparatorie. 00/25 (studio, analisi a sostegno dell intervento) 4 Metodologie e Tecnologie previste. 00/50 5 Grado di Innovatività/Sperimentalità dell Azione rispetto all esistente. 00/25 6 Impatti attesi, diretti e indiretti 00/75 (in termini di occupabilità e di trasferimento dell esperienza in altri contesti). 7 Qualità dei Partner. 00/25 (qualità delle aziende ospitanti) 8 Diffusione dei risultati. 00/25 9 Azioni di Accompagnamento al lavoro. 00/25 10 Adeguatezza delle risorse messe a disposizione per la 00/50 realizzazione dell intervento 11 Attività di Stage o Tirocini 00/50 12 Qualità delle Risorse Umane impegnate nell intervento. 00/50 Totale Punteggio /500 La Commissione individua gli elementi informativi necessari per tali verifiche e valutazioni, e pone in opera le azioni necessarie alla raccolta, elaborazione ed analisi di tali elementi informativi di intesa con l istituendo Osservatorio Provinciale sulla Formazione Professionale o altri Enti pubblici o privati. 8

9 La Commissione di valutazione si avvale di metodologie di valutazione basate anche sulla raccolta sistematica di informazioni e rilevazioni statistiche. Gettone di Presenza: Ai componenti della Commissione spetta un gettone di presenza che è fissato nella misura di 50,00 al netto degli oneri riflessi. Per i Dirigenti incaricati di far parte delle Commissioni si applica la disciplina di cui al combinato disposto dell art.24, comma 3, del D.Lgs n.165 del 30/03/2001 e dell art. 16, comma 1, della legge n.18 del 28/12/2001. Art. 7 - Autorizzazione all avvio dei Corsi Per ottenere l autorizzazione all avvio delle Attività il Soggetto Proponente deve presentare istanza almeno 30 (15 giorni per le attività di Aggiornamento e Abilitazione) giorni prima dell inizio programmato delle attività. In caso di mancata risposta dopo il trentesimo giorno dell istanza, vale la regola del silenzio assenso. Ad un unico atto di riconoscimento possono seguire, nel corso dell anno di validità, più istanze di autorizzazione se si tratta di edizioni successive del medesimo progetto di corso. Dossier di avvio contenente la seguente documentazione: a) Domanda di autorizzazione all avvio dell Attività Formativa, sottoscritta dal legale rappresentante dell Ente Proponente; b) Elenco nominativo dei docenti delle singole Discipline e delle altre risorse umane indicate nel progetto corso; c) Dati anagrafici dei partecipanti al singolo Corso riconosciuto e documentazione attestante il possesso dei requisiti d ingresso; d) Calendario dell Intervento Formativo, con indicazione su orari e giorni di realizzazione; e) Per tutte le tipologie formative copia del contratto di iscrizione (patto formativo) che regolamenta i rapporti tra Ente proponente e singolo partecipante, debitamente sottoscritto tra le parti. Per gli aspiranti che abbiano assolto all obbligo scolastico di età compresa tra 16 e 18 anni, il contratto di iscrizione deve essere sottoscritto anche da chi esercita la potestà genitoriale. 9

10 Art. 8 istituzione del Catalogo dei Corsi riconosciuti La Provincia si riserva di promuovere un Catalogo delle Esigenze Formative del Territorio nei modi e nei tempi che riterrà più opportuni per meglio individuare e soddisfare le esigenze formative del territorio Provinciale. Il catalogo sarà articolato nelle seguenti sezioni: a) Sezione Corsi di Qualifica ; b) Sezione Corsi di Perfezionamento c) Sezione Corsi di Specializzazione d) Sezione Corsi di Riqualificazione e) Sezione Corsi Abilitanti ; f) Sezione Corsi di Aggiornamento Art. 9 Modalità attuative del singolo Corso Riconosciuto Prima dell inizio delle attività, l Ente proponente del corso riconosciuto ed autorizzato, deve munirsi di appositi registri obbligatori su modelli predisposti da questa Amministrazione, numerati progressivamente e vistati dalla Provincia; Al fine di considerare validamente concluso il percorso formativo, l allievo deve frequentare almeno il 70% delle ore previste. Durante lo svolgimento del corso è possibile sostituire un allievo che si ritira dalla frequenza del corso entro e non oltre il 25% delle ore previste, con altro allievo che ne faccia richiesta. Il Registro Didattico : Il frontespizio del registro deve recare ogni riferimento utile per l individuazione dell attività formativa riconosciuta ed autorizzata; il contenuto del registro prevede, oltre al programma svolto, le firme dei partecipanti e del personale di docenza. Più in dettaglio il registro, con riferimento ad ogni ora di insegnamento deve fornire i seguenti dati: ora di inizio e termine, firma del docente e di altre risorse umane coinvolte, argomenti trattati e qualsiasi elemento utile alla esemplificazione delle attività di controllo. Il Riepilogativo Presenza Allievi e Docenti: Contiene il prospetto delle ore corso giornalmente frequentate da ciascun partecipante, nonché i riepilogativi mensili e quello finale. 10

11 I registri obbligatori devono essere tenuti nella sede di realizzazione del corso; non sono consentite cancellature, né correzioni o abrasioni. Ogni corso riconosciuto attua il proprio sistema di valutazione periodica nel rispetto di quanto dichiarato nel progetto presentato ai fini del riconoscimento del corso stesso; di conseguenza, gli strumenti, le modalità ed i criteri di valutazione sono oggetto di verifica e di vigilanza da parte della Provincia, ai fini di una verifica complessiva di coerenza tra sistema di valutazione realizzato e tipologia di certificazione finale. Qualora il corso riconosciuto si articolasse in più cicli, è obbligatorio prevedere prove intermedie atte a consentire al partecipante il passaggio da un ciclo ad un altro. Art. 10 Funzioni di Vigilanza, Controllo, Sorveglianza e Consulenza a) La Provincia assicura l attività di vigilanza tecnico-didattica e amministrativa sulle Attività Riconosciute e Autorizzate, compresa la verifica delle condizioni e dei requisiti specifici dichiarati nella istanza di riconoscimento. b) La Provincia ha facoltà di effettuare in qualsiasi momento ispezioni e controlli circa il regolare espletamento delle attività corsuali rispetto a quanto previsto dal progetto autorizzato. c) Qualsiasi interruzione dell attività corsuale deve essere comunicata tempestivamente all Amministrazione Provinciale, Assessorato alla Formazione Professionale e Politiche del Lavoro, attraverso una nota contenente motivazioni della interruzione e indicazioni del giorno di ripresa delle attività. d) La Provincia assicura presso gli uffici Provinciali attività di Consulenza tecnico-didattica e amministrativa per le Attività di Formazione. Art. 11 Nomina delle Commissioni esaminatrici La Provincia nomina le Commissioni esaminatrici per la realizzazione delle prove finali a conclusione delle Azioni Formative Autorizzate, allo scopo di accertare le competenze acquisite. 11

12 Art. 12 Attestati di certificazione delle competenze La Provincia, al termine delle attività formative e, a seguito dell accertamento delle competenze rilascia, a seconda della tipologia di corso realizzato: Le certificazioni e/o gli attestati vengono iscritti nel registro delle Azioni Formative depositato presso l Amministrazione Provinciale. Le certificazioni e gli attestati devono essere debitamente datati e firmati dal Presidente della Commissione d Esame, dal Legale rappresentante dell Ente Attuatore o suo Delegato o dal Direttore del Corso e dall Ente Provincia. Art. 13 Prove di accertamento delle competenze Le Azioni Formative si concludono con esami finali (ad esclusione delle Attività di Aggiornamento) di accertamento delle competenze, ai quali sono ammessi gli allievi che abbiano frequentato almeno il 70% delle ore previste. L esame finale consiste in una prova teorica e/o in una prova pratica, realizzate nel rispetto di quanto dichiarato nel progetto di corso, dirette all accertamento del possesso di specifiche competenze e capacità professionali, acquisite dal partecipante durante la realizzazione dell attività formativa. Art Composizione delle Commissioni esaminatrici e Modalità di costituzione La Provincia nomina le Commissioni esaminatrici nel rispetto dei criteri indicati all art. 29 della L.R. n. 15 del 07.agosto.2002, al comma 1 lett. a,b,c,d., e, In caso di presenza di normative nazionali e regionali specifiche, la Commissione esaminatrice può essere nominata con modalità e composizioni differenti. Per i Corsi di Qualifica, Specializzazione, Perfezionamento e Riqualificazione, La composizione delle commissioni di esame per il conseguimento delle certificazioni di competenza, dovrà essere composta come segue: a) un funzionario Provinciale, con funzioni di Presidente; b) il rappresentante legale dell Ente proponente o un suo delegato; c) un esperto designato dall Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia; 12

13 d) un rappresentante delle organizzazioni sindacali dei lavoratori; e) un rappresentante dalle associazioni dei datori di lavoro; f) due docenti del corso. (Sc. Umanistiche Teorico/Pratico). Per le Attività di Abilitazione, la composizione delle commissioni di esame per il conseguimento delle certificazioni di competenza, dovrà essere composta come segue: a) un Funzionario Provinciale Servizio Fomazione Professionale; b) il rappresentante legale dell Ente proponente o un suo delegato; c) un docente del corso. Se gli organismi non provvedono alla indicazione del componente la commissione entro 15 giorni dalla richiesta, la Provincia esercita potere sostitutivo. Compenso: Ai componenti della Commissione viene corrisposto dall Ente Proponente un gettone di partecipazione di 50,00 per ciascuna giornata di effettiva presenza alle relative sedute e comunque per un massimo di due giornate, nonché, ove spetti, il rimborso delle spese di viaggio nella misura prevista dalle normative vigenti. Modalità di costituzione: L Ente deve far pervenire richiesta di costituzione di commissione di esame alla Provincia, con almeno 30 giorni di anticipo rispetto alla data presunta degli esami, contenente: a) l indicazione della data di svolgimento degli esami; b) nominativo del rappresentante legale dell Ente proponente o del suo delegato; c) nominativi di due docenti, quali componenti della Commissione esaminatrice. La Commissione: a) verifica i programmi svolti per singola disciplina, firmati in triplice copia dal docente e da tre allievi; b) verifica la tenuta dei registri obbligatori; c) verifica la corretta applicazione del sistema di valutazione dichiarato nel progetto di corso riconosciuto ed autorizzato; d) seleziona tra almeno tre possibilità, la prova pratica oggetto di valutazione finale; 13

14 e) predispone i verbali degli esami finali e le schede di partecipazione dei singoli componenti. Art. 15 Entrata in vigore Il presente regolamento entrerà in vigore dalla data in cui diventerà esecutivo il successivo provvedimento di recepimento del trasferimento pieno delle competenze nella materia concernente la formazione professionale contestualmente al trasferimento dei beni e delle risorse finanziarie, umane, strumentali e organizzative che la Regione Puglia dovrà effettuare in adempimento alle vigenti disposizioni di legge e, in particolare, ai sensi del combinato disposto di cui all art.7 del D.Lgs.vo n.112 del 31/03/1998 e degli artt. 11, 12 e 13 della legge regionale n. 15/2002 e relative norme d attuazione. Art. 16 Regime transitorio Le istanze già presentate dagli Enti proponenti alla data dell entrata in vigore del presente regolamento, saranno ritenute valide solo se conformi alle disposizioni previste dal regolamento stesso, in caso di difformità agli Enti sarà richiesto l adeguamento. Per tutto quanto non previsto dal presente regolamento si rimanda alla normativa vigente. Art. 17 Tutela e Privacy Il Servizio Formazione Professionale della Provincia tratta i dati di cui entra in possesso a seguito del presente avviso nel rispetto del D.Lgs.vo n.196 del 30/06/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali. Informazioni: Il presente regolamento viene pubblicato all Albo Pretorio della Provincia di Bari. La relativa documentazione è inoltre disponibile sul sito internet della Provincia di Bari all indirizzo e presso gli Uffici del Servizio Formazione Professionale Provincia di Bari, via Postiglione n. 44, Bari. 14

15 15

PREMESSA. Art. 1 Finalità Generali

PREMESSA. Art. 1 Finalità Generali PREMESSA A norma dell art. 8 della L.R. n. 15 del 07/08/2002, al comma 2 lettera g è attribuita alle Province la funzione relativa al riconoscimento e autorizzazione delle attività di Formazione Professionale

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE PROCEDURE PROVINCIALI PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI AUTOFINANZIATI

FORMAZIONE PROFESSIONALE PROCEDURE PROVINCIALI PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI AUTOFINANZIATI FORMAZIONE PROFESSIONALE Regolamento PROCEDURE PROVINCIALI PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI AUTOFINANZIATI (Corsi Liberi) Requisiti e Modalità per il riconoscimento e l autorizzazione allo svolgimento di

Dettagli

Provincia di Reggio Calabria COORDINAMENTO AREA 3 SERVIZI AL CITTADINO Settore Formazione Professionale

Provincia di Reggio Calabria COORDINAMENTO AREA 3 SERVIZI AL CITTADINO Settore Formazione Professionale Provincia di Reggio Calabria COORDINAMENTO AREA 3 SERVIZI AL CITTADINO Settore Formazione Professionale REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI LIBERI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE ( ex artt. 40 e 41, L.R.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER :

PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : Formazione Professionale-Lavoro PROCEDURE, STRUMENTI E MODALITÀ PER : 1. LA REDAZIONE DEL PIANO FORMATIVO INDIVIDUALE 2. LA DESCRIZIONE DEI PROFILI FORMATIVI 3. LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE IN ESITO

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Cagliari, 24 Marzo 2016 All Albo Pretorio dell Istituto Agli Atti Alle scuole di ogni ordine e grado Al sito Web www.17circolo.gov.it BANDO DI GARA PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO MUSICABILMENTE DA SVOLGERE

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO 22 2007, 1027) INDICE

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO 22 2007, 1027) INDICE REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO (modificato con decreto rettorale 22 ottobre 2007, n. 1027) INDICE Articolo 1 (Criteri

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE SERVIZIO PREVENZIONE

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE SERVIZIO PREVENZIONE Direttiva sulle procedure di attuazione ed approvazione della modulistica per i percorsi di formazione dei Responsabili ed Addetti dei servizi di prevenzione e protezione (RSPP e ASPP) di cui all Accordo

Dettagli

Esami di qualifica professionale Anno scolastico 2013/14

Esami di qualifica professionale Anno scolastico 2013/14 Anno scolastico 2013/14 Circolare dell'usr Puglia del 16 aprile 2014 Deliberazione della Giunta Regionale del 4 marzo 2014, n. 379 pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 4 del 25/03/2014

Dettagli

Regolamento per la Formazione Continua del Perito Industriale e del Perito Industriale Laureato

Regolamento per la Formazione Continua del Perito Industriale e del Perito Industriale Laureato Regolamento per la Formazione Continua del Perito Industriale e del Perito Industriale Laureato (Approvato dal Consiglio Direttivo con decisione n. 304 del 17 ottobre 2007) Art. 1 Definizioni Ai fini del

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE

PROVINCIA DI CROTONE PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI DI IDONEITA PER DIRETTORE TECNICO DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (approvato con delibera consiliare N nella seduta del, ) La Provincia di

Dettagli

Premessa e ambito di applicazione

Premessa e ambito di applicazione Disposizioni attuative relative alla nomina delle Commissioni ed ulteriori indicazioni per lo svolgimento della prova d'esame dei Percorsi di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP), ai fini del conseguimento

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Allegato alla Delib.G.R. n. 30/ 35 del 2.8.2007 Disposizioni per la formazione dei responsabili e addetti del servizio di prevenzione e protezione (RSPPe ASPP), di cui all Accordo Stato - Regioni su D.Lgs.

Dettagli

Allegato A) Premessa. 1) Iter procedurale e obblighi dei soggetti coinvolti

Allegato A) Premessa. 1) Iter procedurale e obblighi dei soggetti coinvolti Allegato A) DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER L EROGAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA PUBBLICA NEI CONTRATTI DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE (All. B DELLA DGR 609 DEL 12.7.2012). Premessa Al fine di regolare

Dettagli

COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria. REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA

COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria. REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Oggetto del regolamento TITOLO II MOBILITA ESTERNA Articolo 2 Le assunzioni tramite

Dettagli

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI

COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI COMUNE DI PALERMO REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L ASSISTENZA SPECIALISTICA AGLI ALUNNI DISABILI TESTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N 579 DEL 05/10/2012 E INTEGRATO DALLE MODIFICHE APPORTATE

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Enrico GIANNELLI. Circolare n. 350 Docenti Circolare n. 307 Personale ATA

ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Enrico GIANNELLI. Circolare n. 350 Docenti Circolare n. 307 Personale ATA LICEO ARTISTICO STATALE Via Dante Alighieri 73011 Alezio (Le) 0833281197 0833281197 Design Arredamento Scenografia Corso Serale Liceo Artistico ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Enrico GIANNELLI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio REGIONE LIGURIA Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell Occupazione Ufficio Sicurezza e Qualità del lavoro Prime disposizioni in materia di formazione delle figure professionali di Responsabile

Dettagli

Ritenuto quindi necessario adeguare la regolamentazione delle commissioni degli esami di qualifica, elaborando una nuova disciplina;

Ritenuto quindi necessario adeguare la regolamentazione delle commissioni degli esami di qualifica, elaborando una nuova disciplina; REGIONE PIEMONTE BU34 25/08/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 27 luglio 2011, n. 31-2441 L. r. 22/2009, art. 59. Nuova disciplina sulle commissioni esaminatrici. A relazione dell'assessore Porchietto:

Dettagli

1. SEDE E NOMINA DELLE COMMISSIONI ESAMINATRICI

1. SEDE E NOMINA DELLE COMMISSIONI ESAMINATRICI Allegato 1 CIRCOLARE SULLE PROVE DI ACCERTAMENTO FINALE DEI CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DI COMPETENZA PROVINCIALE E DEI CORSI DI CUI ALL ART. 27 DELLA L.R. 95/80 Le prove di accertamento finale dei

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA Art. 1 ( Scuola Civica di Musica ) E costituita nel Comune di Villacidro la Scuola Civica di Musica nella forma di cui all art. 114 del D. Lgs.vo n. 267 del 18 Agosto

Dettagli

INDIRIZZI PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE RICONOSCIUTE

INDIRIZZI PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE RICONOSCIUTE REGIONE TOSCANA Giunta Regionale Allegato A Direzione Generale Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze Settore Formazione e Orientamento INDIRIZZI PER LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI SEZIONE I Disposizioni generali Art.1 Finalità La società Terme di Recoaro SpA

Dettagli

SEZIONE I. Denominazione corso Ore Contenuti Attestato di idoneità Corso per l accesso e l esercizio

SEZIONE I. Denominazione corso Ore Contenuti Attestato di idoneità Corso per l accesso e l esercizio SEZIONE I 1.1 DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1 Competenze COMPETENZE REGIONALI (art.5 L.R. 38/2006 e s.m.i. art. 17 L.R. 28/1999 e s.m.i. - art. 8 L.R. 63/1995 e s.m.i). La Regione Piemonte stabilisce i requisiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI (adottato ai sensi dell articolo 18, comma 2, del Decreto Legge n. 112/2008, convertito in Legge n. 133/2008)

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE P. VETRI RAGUSA

DIREZIONE DIDATTICA STATALE P. VETRI RAGUSA DIREZIONE DIDATTICA STATALE P. VETRI RAGUSA Via delle Palme, 13 97100 RAGUSA tel./fax 0932/228158 Cod. Mecc.RGEE011005 C.F. 92020890882 e-mail:rgee011005@istruzione.it - pec: rgee011005@pec.istruzione.it

Dettagli

OGGETTO:PON FSE - Obiettivo D Accrescere la diffusione, l accesso e l uso della società dell informazione nella scuola Azione D4.

OGGETTO:PON FSE - Obiettivo D Accrescere la diffusione, l accesso e l uso della società dell informazione nella scuola Azione D4. Taranto 17 ottobre 2012 Prot. 9999/C4a Albo Istituto Sito Web della Scuola Scuole di Primo e Secondo Grado della Provincia di TARANTO SEDI Centro per l impiego Provincia di Taranto USR PUGLIA di BARI -

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato.

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Page 1 of 9 LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 71 del 17

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. 6697/D29 Palermo 22/12/2015 Alle Istituzioni Scolastiche All Albo Al sito web OGGETTO: Bando per il reclutamento di esperti esterni In ottemperanza alle norme contemplate nelle Disposizioni ed Istruzioni

Dettagli

DIRETTIVA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ATTINENTI ALL ARCHITETTURA ED ALL INGEGNERIA, ANCHE INTEGRATA, DI IMPORTO COMPLESSIVO PRESUNTO INFERIORE A 100

DIRETTIVA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ATTINENTI ALL ARCHITETTURA ED ALL INGEGNERIA, ANCHE INTEGRATA, DI IMPORTO COMPLESSIVO PRESUNTO INFERIORE A 100 DIRETTIVA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ATTINENTI ALL ARCHITETTURA ED ALL INGEGNERIA, ANCHE INTEGRATA, DI IMPORTO COMPLESSIVO PRESUNTO INFERIORE A 100.000,00 EURO, OGNI ONERE ESCLUSO. (Decreto Rettorale

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2014

Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2014 All.A Direzione Lavoro COLLOCAMENTO MIRATO LEGGE 68/99 AVVISO PUBBLICO Progetti di stage scuola-lavoro per studenti disabili Anno 2014 FINANZIABILI DAL FONDO REGIONALE PER L OCCUPAZIONE DEI DISABILI ART.

Dettagli

Avviso pubblico per la ricerca di professionalità per l individuazione dei componenti dell organismo indipendente di valutazione.

Avviso pubblico per la ricerca di professionalità per l individuazione dei componenti dell organismo indipendente di valutazione. PROVINCIA DI BARI DIREZIONE AFFARI GENERALI E PERSONALE Oggetto: Avviso pubblico per la ricerca di professionalità per l individuazione dei componenti dell organismo indipendente di valutazione. IL DIRIGENTE

Dettagli

VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400;

VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTA la legge 17 dicembre 2010, n. 227, recante disposizioni concernenti la definizione

Dettagli

Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007

Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007 IL MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Ordinanza Ministeriale n. 92 Prot. n. 11075 del 5.11.2007 Visto il Regio Decreto 4 maggio 1925, n. 653, contenente disposizioni sugli studenti, esami e tasse negli

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Regolamento disciplinante la procedura di attivazione dei tirocini e stage (Approvato dal Senato Accademico nella seduta del 14 marzo 2007) (Approvato dal Consiglio di

Dettagli

CITTÀ DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI

CITTÀ DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI CITTÀ DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA DI ASSISTENTI SOCIALI, VALIDA PER LA STIPULA DI COLLABORAZIONI COORDINATE E CONTINUATIVE

Dettagli

FONDAZIONE BRESCIA SOLIDALE ONLUS REGOLAMENTO PER LE SELEZIONI DEL PERSONALE

FONDAZIONE BRESCIA SOLIDALE ONLUS REGOLAMENTO PER LE SELEZIONI DEL PERSONALE FONDAZIONE BRESCIA SOLIDALE ONLUS REGOLAMENTO PER LE SELEZIONI DEL PERSONALE Approvato dal Consiglio Direttivo in data 4 Giugno 2012 Successive modificazioni approvate dal Consiglio Direttivo in data:

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI 1 di 5 ARTICOLO 1 FINALITÀ 1. L Associazione Curia Mercatorum, (di seguito denominata

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE

SCHEMA DI CONVENZIONE Allegato 3 Schema di convenzione SCHEMA DI CONVENZIONE ai sensi dell art 9.1 dell Avviso per l individuazione di soggetti interessati ad erogare interventi di di formazione di base e trasversale di cui

Dettagli

MODALITA OPERATIVE PER LO SVOLGIMENTO DELLE PROVE D ESAME

MODALITA OPERATIVE PER LO SVOLGIMENTO DELLE PROVE D ESAME MODALITA OPERATIVE PER LO SVOLGIMENTO DELLE PROVE D ESAME 1. SEDE E NOMINA DELLE COMMISSIONI ESAMINATRICI I nominativi dei Presidenti possono essere attinti, sia per le nomine regionali sia per le nomine

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca D.M. n. 49 IL MINISTRO VISTO l art. 3 - comma 5- della Legge 10 gennaio 2006, n. 17, con cui l Italia si impegna a fornire un adeguata istruzione scolastica materna, primaria e secondaria ai figli del

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE del 30 novembre 2006 COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Regolamento recante le procedure relative agli adeguamenti delle forme pensionistiche complementari al decreto legislativo

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PER TITOLI ED ESAMI PER LA FORMAZIONE DI GRADUATORIA PER L ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DI N

AVVISO SELEZIONE PER TITOLI ED ESAMI PER LA FORMAZIONE DI GRADUATORIA PER L ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DI N AVVISO SELEZIONE PER TITOLI ED ESAMI PER LA FORMAZIONE DI GRADUATORIA PER L ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DI N. 1 FORMATORE - TUTOR - PRESSO LA SEDE DEL CENTRO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE (CFP) In esecuzione

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

INDICE. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Obiettivi pag. 3 Articolo 2 - Strumenti pag. 3

INDICE. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Obiettivi pag. 3 Articolo 2 - Strumenti pag. 3 Allegato A REGOLAMENTO DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER PRATICANTATO, STAGE, POSTI AGGIUNTIVI DI DOTTORATO E ALTRE FORME DI SOSTEGNO ALL ATTIVITÀ DI RICERCA 19 ottobre 2004 REGOLAMENTO

Dettagli

ESTRATTO DI PROCEDURA DI SELEZIONE E ASSUNZIONE DEL PERSONALE

ESTRATTO DI PROCEDURA DI SELEZIONE E ASSUNZIONE DEL PERSONALE ESTRATTO DI PROCEDURA DI SELEZIONE E ASSUNZIONE DEL PERSONALE 1.1 Ricerca e Selezione Nel rispetto dei principi di trasparenza, pubblicità ed imparzialità Amos ha deciso di adottare la seguente procedura

Dettagli

Prot. n. 2267 B38 Aversa, 04 maggio 2016

Prot. n. 2267 B38 Aversa, 04 maggio 2016 Prot. n. 2267 B38 Aversa, 04 maggio 2016 All Albo della Scuola All'Albo on line "Sezione Amm.ne trasparente" www.cimarosaaversa.gov.it A tutte le scuola della Provincia di Caserta Oggetto: BANDO ESTERNO

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICO DI DUE DILIGENCE

AVVISO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICO DI DUE DILIGENCE AVVISO DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO DI INCARICO DI DUE DILIGENCE IL DIRIGENTE DEL SETTORE ATTIVITÀ DI CONTROLLO PARTECIPAZIONI SOCIETARIE SISTEMA INFORMATIVO PREMESSO che la Provincia di Imperia intende

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

SCADENZA BANDO 6 aprile 2012

SCADENZA BANDO 6 aprile 2012 SCADENZA BANDO 6 aprile 2012 AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI AVVISO DI SELEZIONE INTERNA RISERVATA AL PERSONALE DEL RUOLO AMMINISTRATIVO PER IL PASSAGGIO ORIZZONTALE ALL INTERNO DELLA MEDESIMA CATEGORIA

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER A FAVORE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO PER INTERVENTI DI FORMAZIONE ANNO

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER A FAVORE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO PER INTERVENTI DI FORMAZIONE ANNO pri BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI VOUCHER A FAVORE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO PER INTERVENTI DI FORMAZIONE ANNO 2013 1. Oggetto della procedura di assegnazione di finanziamenti

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali Legge regionale 18 dicembre 2013, n. 53 Disciplina del Sistema Regionale dell Istruzione e Formazione Professionale. (BUR n. 24 del 16 dicembre 2013, supplemento straordinario n. 6 del 27 dicembre 2013)

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4. REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.2015) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le procedure

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri CONFERENZA UNIFICATA (ex art. 8 del D.Lgs. 28 agosto 1997, n. 281) SEDUTA DEL 2 MARZO 2000 Repertorio Atti n. 221 del 2 marzo 2000 Oggetto: Accordo tra Governo, regioni,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI ALTA FORMAZIONE RICORRENTE E PERMANENTE DELL UNIVERSITÀ EUROPEA DI ROMA. Art. 1. Tipologia dell attività

REGOLAMENTO DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI ALTA FORMAZIONE RICORRENTE E PERMANENTE DELL UNIVERSITÀ EUROPEA DI ROMA. Art. 1. Tipologia dell attività REGOLAMENTO DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI ALTA FORMAZIONE RICORRENTE E PERMANENTE DELL UNIVERSITÀ EUROPEA DI ROMA Art. 1 Tipologia dell attività I corsi di perfezionamento e di alta formazione permanente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 90 del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE Via A. Manzoni, 2-73024 MAGLIE (LE) Tel./Fax 0836.483339

ISTITUTO COMPRENSIVO CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE Via A. Manzoni, 2-73024 MAGLIE (LE) Tel./Fax 0836.483339 ISTITUTO COMPRENSIVO CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE Via A. Manzoni, 2-73024 MAGLIE (LE) Tel./Fax 0836.483339 Prot. n. 4642/C23 Maglie, 22/10/2013 - All albo dell Istituto e sito web della scuola - All

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Allegato 1. Modalità operative per l iscrizione. all Albo Fornitori Toscana Aeroporti SpA

Allegato 1. Modalità operative per l iscrizione. all Albo Fornitori Toscana Aeroporti SpA Allegato 1 Modalità operative per l iscrizione all Albo Fornitori Toscana Aeroporti SpA 1) STRUTTURA DELL ALBO FORNITORI L Albo Fornitori è articolato nelle seguenti categorie: - Categoria A: Servizi e

Dettagli

REGOLAMENTO per la disciplina delle procedure di ricerca, selezione e inserimento di personale e per il conferimento di incarichi professionali

REGOLAMENTO per la disciplina delle procedure di ricerca, selezione e inserimento di personale e per il conferimento di incarichi professionali REGOLAMENTO per la disciplina delle procedure di ricerca, selezione e inserimento di personale e per il conferimento di incarichi professionali Aggiornato in data 25/02/2015 dall Assemblea dei Soci 1 SOMMARIO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

Manuale di Gestione. Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil.

Manuale di Gestione. Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil. Manuale di Gestione Progetto Percorso formativo integrativo lavoratori ex Jabil. Provincia di Milano Area Sistema produttivo, Lavoro e Welfare Settore Sviluppo Economico Via Soderini, 24 20146 Milano Sommario

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di tirocini di formazione ed orientamento e per le frequenze volontarie

Regolamento per lo svolgimento di tirocini di formazione ed orientamento e per le frequenze volontarie C onoscenza R esponsabilità E quità A ppartenenza R elazione E ccellenza S icurezza A mbiente L egalità U manità T rasparenza E fficienza Regolamento per lo svolgimento di tirocini di formazione ed orientamento

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

Prima Iscrizione Reiscrizione Passaggio da sez. B a sez. A

Prima Iscrizione Reiscrizione Passaggio da sez. B a sez. A INFORMAZIONI UTILI PER L ISCRIZIONE ALL ALBO Prima Iscrizione - Reiscrizione Passaggio da sezione B a sezione A- Integrazione settore/i Laurea Specialistica - Trasferimento Orario dell ufficio Cassa per

Dettagli

I S T IT UT O I S T R U Z IO N E S E C ONDARIA SUPERIO R E ORESTE DEL PRETE S A V A

I S T IT UT O I S T R U Z IO N E S E C ONDARIA SUPERIO R E ORESTE DEL PRETE S A V A I S T IT UT O I S T R U Z IO N E S E C ONDARIA SUPERIO R E ORESTE DEL PRETE S A V A Via Mazzini, snc 74028 SAVA (TA Tel. 099.9746312 Fax 099.9748523 e-mail: tais04100v@istruzione.it Sito: www.delprete.gov.it

Dettagli

Dlgs. 276/ 2003, art. 49 (Apprendistato Professionalizzante) formale

Dlgs. 276/ 2003, art. 49 (Apprendistato Professionalizzante) formale MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Ufficio Centrale per l Orientamento e la Formazione Professionale dei Lavoratori REGIONE ABRUZZO REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Sistema

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. n.5190/d/02-i OGGETTO : Progetto Il Portatile in Biblioteca E-1-FESR-2014-1087 AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE PER IL RECLUTAMENTO DI ESPERTI INTERNI PROGETTISTA e COLLAUDATORE ALL ALBO DELLA SCUOLA

Dettagli

Avviso 1/2015 Piani aziendali, settoriali e territoriali

Avviso 1/2015 Piani aziendali, settoriali e territoriali Avviso 1/2015 1. Attività finanziabili 1.1. Il Fondo paritetico interprofessionale nazionale Fondo Banche (di seguito FBA), reso operativo con D.M. 91/V/2008 del 16 aprile 2008 del Ministero del Lavoro,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

Società ROCCA di MONSELICE S.r.l Monselice (PD) codice fiscale: 02482640287

Società ROCCA di MONSELICE S.r.l Monselice (PD) codice fiscale: 02482640287 REGOLAMENTO per il reclutamento del personale dipendente e per il conferimento di incarichi professionali e collaborazioni (adottato ai sensi della Direttiva C-II DGR n. 258 del 05/03/2013 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO. (Presentato all Assemblea del 30/04/2013)

REGOLAMENTO. (Presentato all Assemblea del 30/04/2013) REGOLAMENTO (Presentato all Assemblea del 30/04/2013) Articolo 1 Funzionamento del Fondo 1. Il presente Regolamento disciplina il funzionamento: degli organi del Fondo paritetico interprofessionale nazionale

Dettagli

Approvato dal Consiglio provinciale con deliberazione n. 13 del 23 febbraio 2007 Entrato in vigore il 23 marzo 2007

Approvato dal Consiglio provinciale con deliberazione n. 13 del 23 febbraio 2007 Entrato in vigore il 23 marzo 2007 Regolamento per il conseguimento dell attestato di idoneità professionale all esercizio dell attività di autotrasportatore di merci per conto di terzi e di autotrasporto di persone su strada Approvato

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA COPERTURA DI UN POSTO DI SPECIALISTA TECNICO La Società Trasporti Provinciale S.p.A. Bari (STP Bari SpA), in applicazione del proprio regolamento del 22/10/2008 per le

Dettagli

A relazione dell'assessore Porchietto: Premesso che:

A relazione dell'assessore Porchietto: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU31 02/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 12 luglio 2012, n. 33-4150 Nuova disciplina dei corsi di formazione professionale per Agente e Rappresentante di Commercio. Revoca

Dettagli

COMMENTO ACCORDI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DATORE LAVORO-RSPP

COMMENTO ACCORDI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DATORE LAVORO-RSPP ALLEGATO 1 COMMENTO ACCORDI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DATORE LAVORO-RSPP Premessa. I corsi hanno una durata minima di 16 ore e a determinate condizioni e entro certi limiti (v. punto 4), è consentito

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI ESPERTI madrelingua IL DIRIGENTE SCOLASTICO INDICE BANDO

AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI ESPERTI madrelingua IL DIRIGENTE SCOLASTICO INDICE BANDO LICEO GINNASIO STATALE VITTORIO EMANUELE II Via S. Sebastiano, 51-80134 Napoli - Tel. 081 459142 Fax 081 447698 Distretto scol. 47 - Cod. mecc. NA PC16000X C.F. 80022960639 www.liceovittorioemanuele.it

Dettagli

1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO. Identificativo Atto n. 116

1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO. Identificativo Atto n. 116 Identificativo Atto n. 116 1331 22/02/2012 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO INDICAZIONI REGIONALI PER PERCORSI FORMATIVI PER ADDETTI ALL ATTIVITA FUNEBRE IL DIRIGENTE DELLA U.O. ATTUAZIONE

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro DATORE DI LAVORO Soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore, responsabile della organizzazione o dell unità produttiva in

Dettagli

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO

DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO Settore Lavoro, Istruzione, Politiche Sociali PIANO PROVINCIALE PER IL SOSTEGNO E L INSERIMENTO LAVORATIVO DELLE PERSONE DISABILI ANNUALITA 2011-2012 DOTE LAVORO SOSTEGNO ALL OCCUPAZIONE AVVISO PUBBLICO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP)

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP) PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONALE DEL LAZIO N. 88 DEL 17 OTTOBRE 2013 Sistema Integrato degli interventi e dei servizi sociali della Regione Lazio Proposta emendativa-integrativa a

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI DIVERSAMENTE ABILI

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI DIVERSAMENTE ABILI ALL. A) PROVINCIA DELL OGLIASTRA ASSESSORATO Lavoro Politiche Giovanili e Femminili e Formazione Professionale REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL COLLOCAMENTO MIRATO DEI DIVERSAMENTE ABILI

Dettagli

PROVINCIA DI COSENZA DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE

PROVINCIA DI COSENZA DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE PROVINCIA DI COSENZA DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE INDICE GENERALE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Istituzione dell Albo Pretorio on-line Art. 3 - Finalità della pubblicazione

Dettagli

SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA

SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DI AREZZO Decorata di Medaglia d'oro al V.M. per attività partigiana R E G O L A M E N T O SULLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DI AREZZO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO (Emanato con decreto rettorale n. 759 del 21 ottobre 2005 Modificato con decreto rettorale n. 31 del

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto n. 85 del 18 novembre 2005 VISTO VISTO VISTO VISTA VISTO Il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, con il quale è stato approvato

Dettagli

COMUNE DI CARPINETI (Provincia di Reggio Emilia) ISTITUZIONE E REGOLAMENTO (Legge Regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e smi)

COMUNE DI CARPINETI (Provincia di Reggio Emilia) ISTITUZIONE E REGOLAMENTO (Legge Regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e smi) COMUNE DI CARPINETI (Provincia di Reggio Emilia) REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE ISTITUZIONE E REGOLAMENTO (Legge Regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e smi) CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. 163/2006 1. OGGETTO E FINALITA Ai sensi e per gli effetti dell art. 125, comma 8

Dettagli

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore)

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) ART. 1 (Principi fondamentali) La Provincia Regionale di

Dettagli

Progetto: codice: 2007.IT.051 PO.003/IV/I2/F/9.2.5/0940 dal titolo EXPLORER

Progetto: codice: 2007.IT.051 PO.003/IV/I2/F/9.2.5/0940 dal titolo EXPLORER Regione Siciliana Assessorato dell Istruzione e della Formazione Professionale Progetto: codice: 2007.IT.051 PO.003/IV/I2/F/9.2.5/0940 dal titolo EXPLORER A tutti gli interessati aventi titolo All Albo

Dettagli

Università degli studi di Napoli Parthenope

Università degli studi di Napoli Parthenope REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DIDATTICI AI SENSI DEL D.M. 8 LUGLIO 2008 Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina il conferimento di incarichi di docenza, non rientranti negli obblighi

Dettagli

4) Ente organizzatore

4) Ente organizzatore REGOLAMENTIO DELL AVVISO PUBBLICO Corso di riqualificazione per Operatore Socio Sanitario (O.S.S.) 1) Riferimenti normativi - Accordo stipulato il 22 febbraio 2001 in sede di conferenza Stato Regioni tra

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO Via Casa Savoia, - 73010 VEGLIE Tel./ fax. 0832/969141

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO Via Casa Savoia, - 73010 VEGLIE Tel./ fax. 0832/969141 DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO Via Casa Savoia, - 73010 VEGLIE Tel./ fax. 0832/969141 Con l Europa investiamo nel vostro futuro Fondo Sociale Europeo Obiettivo C Azione 1 " Competenze per lo Sviluppo"

Dettagli

Il Ministro per gli Affari Esteri

Il Ministro per gli Affari Esteri Decreto Ministeriale 16 marzo 2001, n. 032/655, Procedure di selezione ed assunzione di Personale a contratto. DM VISTATO REGISTRATO AL PERSONALE DALL UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO DM n. 032/655 PRESSO

Dettagli