DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E SOCIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E SOCIALE"

Transcript

1 DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E SOCIALE DIREZIONE REGIONALE ASSETTO ISTITUZIONALE, PREVENZIONE E ASSISTENZA TERRITORIALE AREA DB/08/12 PROMOZIONE DELLA SALUTE E SCREENING CODICE PROGETTO: NUMERO PROGETTO: 17 TITOLO PROGETTO: Innovazione tecnologica PS su mammella, cervice uterina e colon-retto SOTTOPROGETTO: A Avvio sperimentazioni nelle ASL dell'uso del test HPV DNA come test primario e integrazione con i programmi vaccinali anti-hpv Messa a regime del sistema informativo integrato vaccinazione anti-hpv e screening Uso del test HPV come test primario di screening: continuazione del progetto pilota nella ASL Roma G. N. 4 Definizione del protocollo operativo dei programmi di screening che utilizzino il test HPV come test primario. N. 5 Modifiche al sistema informativo regionale per permettere l acquisizione dei dati. n. 6 Definizione del protocollo ed eventuale avvio del progetto pilota nella ASL di Latina. n. 7 Definizione dei requisiti dei test HPV per l uso nello screening di primo livello ad uso della formulazione di gare d appalto per la fornitura ai progetti pilota. n. 8 SOTTOPROGETTO: B Formulazione piano di sviluppo per il passaggio al test HPV in altri programmi con difficoltà a mantenere i ritmi di lettura necessari. Programmi di sorveglianza per i casi di storia neoplastica SOTTOPROGETTO: C Cancro del colonretto: individuazione dei casi con necessità di follow up, definizione degli algoritmi di follow up, implementazione della sorveglianza con definizione del flusso informativo ASP-ASL. Cancro della mammella: individuazione dei casi con necessità di follow up, implementazione della sorveglianza con definizione del flusso informativo ASP-ASL Definizione di percorsi articolati per rischio individuale N. 4 SOTTOPROGETTO: D Definizione dei criteri anamnestici del rischio familiare nei programmi di screening. Definizione criteri di invio ai centri di consulenza genetica e per la gestione delle donne ad alto rischio. Avvio del progetto pilota per il protocollo di gestione ad alto rischio nella ASL di Viterbo. Eventuale estensione dello screening della mammella alle donne età e anni

2 SOTTOPROGETTO: E Analisi di fattibilità: o Verifica delle coperture raggiunte dai programmi. o Analisi dell impatto dell estensione in vari scenari sul carico di lavoro del primo e del secondo livello. o Calcolo dell impatto sull aumento del carico di lavoro su personale e risorse tecnologiche nei vari programmi. Identificazione di strategie di indirizzo delle mammografie spontanee nelle donne 45-49enni e 70-74enni all interno dei programmi di screening. Implementazione dell'uso dei mammografi digitali N.4 Definizione del piano di digitalizzazione regionale. Progressivo passaggio al digitale per le ASL che hanno già iniziato il processo di rinnovo dei mammografi. Valutazione di ulteriori ASL per le quali il passaggio al digitale può realizzare vantaggi. PORTATORI D'INTERESSE EFFETTIVAMENTE COINVOLTI TUTTI GLI ITERVENTI DEVONO ESSERE MESSI IN ATTO CONCORDEMENTE CON IL COORDINAMENTO REGIONELE SCREENING E CON I COORDINAMENTI AZIENDALI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI E' NECESSARIO COINVOLGERE A LIVELLO REGIONALE I GRUPPUI DI LAVORO CHE HANNO FORMULATO I PRECEDENTI DOCUMENTI RIGUARDO LINEE GUIDA E CRITERI DI BUONA PRATICA, LE SOCIETA' SCIENTIFICHE E LA LILT. CRONOPROGRAMMA DEL PROGETTO (2011) A Messa a regime del sistema informativo integrato vaccinazione anti-hpv e screening Uso del test HPV come test primario di screening: continuazione del progetto pilota nella ASL Roma G (aprile- dicembre) aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre Definizione del protocollo operativo dei programmi di screening che utilizzino il test HPV come test primario. Modifiche al sistema informativo regionale per permettere l acquisizione dei dati. Definizione del protocollo ed eventuale avvio del progetto pilota nella ASL di Latina. Definizione dei requisiti dei test HPV per l uso nello screening di primo livello ad uso della formulazione di gare d appalto per la fornitura ai progetti pilota. Formulazione piano di sviluppo per il passaggio al test HPV in altri programmi B Cancro del colonretto: individuazione dei casi con necessità di follow up, definizione degli algoritmi di follow up, implementazione della sorveglianza con definizione del flusso informativo ASP-ASL. Cancro della mammella: individuazione dei casi con necessità di follow up, implementazione della sorveglianza con definizione del flusso informativo ASP-ASL C Definizione dei criteri anamnestici del rischio familiare nei programmi di screening. Definizione criteri di invio ai centri di consulenza genetica e per la gestione delle donne ad alto rischio. Avvio del progetto pilota per il protocollo di gestione ad alto rischio nella ASL di Viterbo D Analisi di fattibilità Identificazione di strategie di indirizzo delle mammografie spontanee nelle donne 45-49enni e 70-74enni all interno dei programmi di screening E Definizione del piano di digitalizzazione regionale. Progressivo passaggio al digitale per le ASL che hanno già iniziato il processo di rinnovo dei mammografi.

3 Valutazione di ulteriori ASL per le quali il passaggio al digitale può realizzare vantaggi A AZIONE DESCRIZIONE: all'interno del tavolo tecnico regionale sugli screening (progetti 3,1,1 e 3,1,2) si è costituito un gruppo di lavoro sull'uso del test HPV come test priamrio. Al tavolo partecipano anche esperti indiicati dall'asp e dalle ASL non facenti parte del tavolo tecnico. VINCOLI (VARIABILI ESTERNE AL PROGETTO, CHE POSSONO CONDIZIONARE IL RISULTATO): nessuno INDICATORI (PER LA VALUTAZIONE DI PROCESSO DELLA SINGOLA AZIONE): gruppo di lavoro costituito. L'azione contribuisce al raggiungimento dell'indicatore 2 della linea d'intervento A AZIONE. Messa a regime del sistema informativo integrato vaccinazione anti-hpv e screening DESCRIZIONE: il flusso informativo prevede la raccolta dei dati individuali delle vaccinazioni effettuate, dai servizi vaccianli e dai principali erogatori privati, in un database centrale e la restituzione dellinformazione ai coordinamenti screening. OBIETTIVO: mettere a regime il sistema informativo e iniziare la valutazione degli esiti della vaccinazione nei programmi di screening. VINCOLI (VARIABILI ESTERNE AL PROGETTO, CHE POSSONO CONDIZIONARE IL RISULTATO): parziale informatizzazione dei servizi vaccinali di alcune AASSLL. Non adesione al flusso informativo di provider privati. METODI (IN SINTESI): trasferiemnto file periodico, record linkage e restituzione dell'informazione individuale sullo stato vaccinale della popolazione target dei programmi di screening. Controlli di qualità dei dati tramite analisi statistiche ad hoc POPOLAZIONE BERSAGLIO (DESCRIZIONE E QUANTIFICAZIONE): donne vaccinate contro l'hpv e target dello screening cervicale (circa 1.200) INDICATORI (PER LA VALUTAZIONE DI PROCESSO DELLA SINGOLA AZIONE); attivazione fllusso infromativo in almeno 6/12 AASSLL TEMPI DI REALIZZAZIONE: settembre 2011-dicembre 2011 (l'azione si protrae nel 2012) A AZIONE : Test HPV come test primario di screening: pilota ASL Roma G. DESCRIZIONE: dal 2007 è attivo il progetto pilota sull'uso del test HPV come test primario di screening nella ASL Roma G. Il progetto continua la sua attività, con il secondo round di screening per le donne di Guidonia e con il primo round con HPV per gli altri distretti. OBIETTIVO: illustrare i percorsi di screening organizzato, le modalità di accesso, l'articolazione delle fasi e divulgare i risultati ottenuti per ottenure una partecipazione consapevole VINCOLI: difficoltà nella raccolta dati per il monitoraggio METODI (IN SINTESI): invito attivo della popolazione target a fare il test HPV DNA, per le positive triage citologico con invio in colpo per le ASC-US+ e invio a HPV a un anno per le citologie negative. POPOLAZIONE BERSAGLIO (DESCRIZIONE E QUANTIFICAZIONE): donne anni ASL Roma G ( ) TERRITORI COINVOLTI (ASL/DISTRETTI): ASL Roma G INDICATORI (PER LA VALUTAZIONE DI PROCESSO DELLA SINGOLA AZIONE); estensione del 60% (popolazione invitata / target annuale) TEMPI DI REALIZZAZIONE: gennaio 2011-dicembre 2011 (l'azione si protrae nel 2012) A AZIONE N. 4: Definizione del protocollo operativo dei programmi di screening che utilizzino il test HPV come test primario. DESCRIZIONE: Sulla base delle LLGG europee (in bozza), del documento GISCi sull'uso del test HPV e sul report di HTA del test HPV, verranno definiti i protocolli per l'uso del test HPV nella regione. OBIETTIVO: garantire un uso appropriato del trest HPV nello screening VINCOLI: nessuno METODI (IN SINTESI): revisione delle LLGG e gruppo di lavoro INDICATORI (PER LA VALUTAZIONE DI PROCESSO DELLA SINGOLA AZIONE); produzione/adozione di un documento A AZIONE N. 5: Modifiche al sistema informativo regionale per permettere l acquisizione dei dati.

4 DESCRIZIONE: il sistema informativo screening regionale deve garantire una corretta gestione anche dei protocolli di screening con HPV come test primario. A tale scopo sono necessarie alcune modifiche iniziali per includere il nuovo test e una costante manutenzione per adeguarsi a variazioni del protocollo. OBIETTIVO: garantire la corretta gestione delle donne in tutto il percorso diagnostico terapeutico, permettere il monitoraggio del processo e degli esiti dello screening. VINCOLI: problemi di inserimento dati dati da parte delle ASL, collegamenti internet con i laboratori molecolari. METODI (IN SINTESI): modifiche del software INDICATORI (PER LA VALUTAZIONE DI PROCESSO DELLA SINGOLA AZIONE); l'azione concorre alla realizzazione dell'indicatore estensione. TEMPI DI REALIZZAZIONE: ottobre-dicembre 2011 (l'azione si protrae nel 2012) A AZIONE N. 6: Definizione del protocollo ed eventuale avvio del progetto pilota nella ASL di Latina. DESCRIZIONE: è in corso di valutazione l'implementazuione di un programma di screening con HPV primario a partire dai 33 anni nella ASL di Latina. OBIETTIVO: attivare il programm di screening con HPV come test primario nella ASL di Latina VINCOLI: disponibilità economica per l'acquisto del test HPV. METODI (IN SINTESI): invito attivo della popolazione target a fare il test HPV DNA, per le positive triage citologico con invio in colpo per le ASC-US+ e invio a HPV a un anno per le citologie negative POPOLAZIONE BERSAGLIO (DESCRIZIONE E QUANTIFICAZIONE): donne anni residenti provincia di Latina ( ) TERRITORI COINVOLTI (ASL/DISTRETTI): ASL Latina INDICATORI (PER LA VALUTAZIONE DI PROCESSO DELLA SINGOLA AZIONE); qualora il progetto venga attuato, l'indicatore è l'estensione 60% estensione del periodo di attivazione TEMPI DI REALIZZAZIONE: aprile-dicembre 2011 (l'azione si protrae nel 2012) A AZIONE N. 7: Definizione dei requisiti dei test HPV per lo screening di primo livello. DESCRIZIONE: stesura di un documento che definisca quali test HPV sono validati per lo screening primario del cancro cervicale, possibilmente integrato da una lista positiva delle loro versioni in commercio, che sia tempestivamente aggiornata. Tale documento deve essere in linea con le indicazioni nazionali OBIETTIVO: garantire l'uso di test sicuri e di qualità nello screening e allo stesso tempo favorire la concorrenza nelle gare per le forniture. VINCOLI: difficoltà nell'aggiornamento della lista positiva dei test. METODI: revisione della letteratura, gruppo di lavoro, coordinamento con simili iniziative a livello nazionale ed europeo. POPOLAZIONE BERSAGLIO (DESCRIZIONE E QUANTIFICAZIONE): decisori a livello di ASL e regionale INDICATORI (PER LA VALUTAZIONE DI PROCESSO DELLA SINGOLA AZIONE); produzione del documento TEMPI DI REALIZZAZIONE: settembre dicembre A AZIONE N. 8: Formulazione piano di sviluppo per il passaggio al test HPV in altri programmi. DESCRIZIONE: il gruppo di lavoro dovrà raccogliere eventuali espressioni di interesse da parte di AASSLL a passare al test HPV, esprimere un giudizio sull'opportunità e valutare la fattibilità OBIETTIVO: dare una corretta prioritarizzazione alla riconversione verso il test HPV. VINCOLI: il GdL esprime pareri non vinvolanti METODI: lavoro di gruppo e analisi delle risprse. POPOLAZIONE BERSAGLIO (DESCRIZIONE E QUANTIFICAZIONE): decisori a livello di ASL e regionale INDICATORI (PER LA VALUTAZIONE DI PROCESSO DELLA SINGOLA AZIONE); eventuale produzione di pareri TEMPI DI REALIZZAZIONE: settembre dicembre 2011 (l'azione prosegue nel 2012) B AZIONE

5 DESCRIZIONE: all'interno del tavolo tecnico regionale sugli screening (progetti 3,1,1 e 3,1,2) si è costituito un gruppo di lavoro per definire i critreri di gestione dei casi con pregresso CCR e con pregressa colonscopia. Al tavolo partecipano anche esperti indiicati dall'asp e dalle ASL non facenti parte del tavolo tecnico. VINCOLI (VARIABILI ESTERNE AL PROGETTO, CHE POSSONO CONDIZIONARE IL RISULTATO): INDICATORI (PER LA VALUTAZIONE DI PROCESSO DELLA SINGOLA AZIONE): gruppo di lavoro costituito. L'azione contribuisce al raggiungimento dell'indicatore 1 della linea d'intervento B AZIONE : Cancro del colonretto: individuazione dei casi con necessità di follow up, definizione degli algoritmi di follow up, implementazione della sorveglianza con definizione del flusso informativo ASP-ASL. DESCRIZIONE: il gruppo di lavoro deve tradurre i protocolli di follow p dello screening in indicazioni operative per la rpioritarizzazioen degli individui con pregressa OBIETTIVO: definire la popolazione bersaglio correttamente escludendo chi non ne fa parte e dando priorità agli inviti in persone mai screenate prima. VINCOLI: difficoltà di relazione con i centri di trattaento dei pazienti oncologici in follow up METODI (IN SINTESI): gruppi di lavoro, record linkage dei sistemi informativi correnti POPOLAZIONE BERSAGLIO (DESCRIZIONE E QUANTIFICAZIONE): Pazienti operati per ca del colon-retto negli ultimi 5 anni (circa 5200 anno); individui con colonscopia recente INDICATORI (PER LA VALUTAZIONE DI PROCESSO DELLA SINGOLA AZIONE); 1) Numero di ASL a cui sono stati consegnati gli archivi. L indicatore può assumere valori da 0/12 a 12/12. 2) Numero di ASL che hanno applicato i Protocolli di recupero del follow up. L indicatore può assumere valori da 0/12 a 12/ B AZIONE : Cancro della mammella: individuazione dei casi con necessità di follow up, implementazione della sorveglianza con definizione del flusso informativo ASP-ASL DESCRIZIONE: Il gruppo di lavoro deve definire un protocollo per escludere i pazienti con pregresso ca mammario, garntendo però il follow up.poi si deve implementare il record linkage e il flusso informativo fra ASP e AASSLL OBIETTIVO: definire la popolazione bersaglio correttamente escludendo chi non ne fa parte VINCOLI: difficoltà di relazione con i centri di trattaento dei pazienti oncologici in follow up METODI (IN SINTESI): gruppi di lavoro, record linkage dei sistemi informativi correnti POPOLAZIONE BERSAGLIO (DESCRIZIONE E QUANTIFICAZIONE): Donne operate per ca mammario negli ultimi 5 anni (circa 4500 anno); INDICATORI (PER LA VALUTAZIONE DI PROCESSO DELLA SINGOLA AZIONE); 1) Numero di ASL a cui sono stati consegnati gli archivi. L indicatore può assumere valori da 0/12 a 12/12. 2) Numero di ASL che hanno applicato i Protocolli di recupero del follow up. L indicatore può assumere valori da 0/12 a 12/ C AZIONE DESCRIZIONE: all'interno del tavolo tecnico regionale sugli screening (progetti 3,1,1 e 3,1,2) si è costituito un gruppo di lavoro sulla sorveglianza per le donne ad alto VINCOLI (VARIABILI ESTERNE AL PROGETTO, CHE POSSONO CONDIZIONARE IL RISULTATO): nessuno INDICATORI (PER LA VALUTAZIONE DI PROCESSO DELLA SINGOLA AZIONE): gruppo di lavoro costituito. L'azione contribuisce al raggiungimento dell'indicatore 1 della linea d'intervento C AZIONE : Definizione dei criteri anamnestici del rischio familiare nei programmi di screening. DESCRIZIONE: il gruppo di lavoro dovrà definire se opportuna una breve raccolta anamnestica della storia familiare per ca mammaorio e ovarico le modalità per le donne

6 OBIETTIVO: garantire una appropriata eutile raccolta anamnestica della storia familiare e un uso appropriato delle risorse del SSR. VINCOLI: nessuno METODI (IN SINTESI): revisione sistematica LLGG, gruppo di lavoro POPOLAZIONE BERSAGLIO (DESCRIZIONE E QUANTIFICAZIONE): donne ad alto rischio familiare e genetico: <2% della popolazione C AZIONE : Definizione criteri di invio ai centri di consulenza genetica e per la gestione delle donne ad alto rischio. DESCRIZIONE: il gruppo di lavoro dovrà definire i criteri di invio a consulenza genetica per le donne con anamnesi di familiarità per ca mammario, da parte di MMG e centri senologici non specializzati. OBIETTIVO: garantire che siano inviate a consulenza genetica donen che hanno una ragionevole probabilità di avere un rischio aumentato per familiarità VINCOLI: intrerazioni con livello legislativo METODI (IN SINTESI): revisione sistematica LLGG, gruppi di lavoro POPOLAZIONE BERSAGLIO (DESCRIZIONE E QUANTIFICAZIONE): donne ad alto rischio familiare e genetico: <2% della popolazione C AZIONE N. 4: Avvio del progetto pilota per il protocollo di gestione ad alto rischio nella ASL di Viterbo. DESCRIZIONE: è in corso di attivazione un progetto pilota a valenza regionale nella ASL di VT. Il progetto ha un suo protocollo sperimentale per l'indirizzo, la sorveglianza, la diagnosi e il trattamento. OBIETTIVO: valutare la fattibilità di un sistema di indirizzamento a consulenza genetica e quindi al test genetico, nonché la sorveglianza conseguente per le donne positive VINCOLI: difficoltà delle ASL a fornire i documenti METODI (IN SINTESI): revisione dei documenti utilizzati (lettere di invito, solleciti, richiami per inadeguato, raccomandate) acquisire i fogli di lavoro e i documenti relativi alle POPOLAZIONE BERSAGLIO (DESCRIZIONE E QUANTIFICAZIONE): donne ad alto rischio familiare e genetico: <2% della popolazione TERRITORI COINVOLTI (ASL/DISTRETTI): ASL Viterbo INDICATORI (PER LA VALUTAZIONE DI PROCESSO DELLA SINGOLA AZIONE); appropriatezza di invio a consulenza genetica e di invio a test genetico. TEMPI DI REALIZZAZIONE: aprile-dicembre 2011 (l'azione si protrae nel 2012) D AZIONE : Analisi di fattibilità DESCRIZIONE: l'analisi di fattibilità dell'estensione delle fasce di età dello screening mammografico si articola in tre fasi: 1) Verifica delle coperture raggiunte dai programmi; 2) Analisi dell impatto dell estensione in vari scenari sul carico di lavoro del primo e del secondo livello; 3) Calcolo dell impatto sull aumento del carico di OBIETTIVO: garantire le corrette priorità in sanità pubblica: lo screening di popolazione deve coprire prima la popolazione anni, dove è più efficace e costo efficace, poi le fasce e dove i benefici sono minori e i costi maggiori. VINCOLI: nessuno METODI (IN SINTESI): monitoraggio degli indicatori, analisi delle risorse. POPOLAZIONE BERSAGLIO (DESCRIZIONE E QUANTIFICAZIONE): ASL TERRITORI COINVOLTI (ASL/DISTRETTI): tutta la regione TEMPI DI REALIZZAZIONE: settembre-dicembre D AZIONE : Strategie di indirizzo delle mammografie spontanee in donne 45-49enni e 70-74enni all interno dei programmi di screening. DESCRIZIONE: elaborare alcune possibili strategie per indirizzare le donne che accedono spontaneamente alla mammografia a scopo di prevenzione in età e ai programmi di screening, anche se non tramite invito attivo della popolazione. OBIETTIVO: garantire un'alta qualità ed efficienza produttiva della mammografia di prevenzione anche in donne che accedono spontaneamente. Ridurre i tempi d'attesa VINCOLI: difficoltà a riconvertire attività senologica di prevenzione in attivià di screening per resistenze da parte dei radiologi. Mancanza di alorizzazione economica della

7 METODI (IN SINTESI): analisi delle esperienze in altre regioni, lavoro di gruppo. POPOLAZIONE BERSAGLIO (DESCRIZIONE E QUANTIFICAZIONE): donne e che effettuano mammografie di prevenzione (circa anno) TERRITORI COINVOLTI (ASL/DISTRETTI): tutta la regione TEMPI DI REALIZZAZIONE: dicembre 2011 (l'azione si protrae nel 2012) E AZIONE DESCRIZIONE: all'interno del tavolo tecnico regionale sugli screening (progetti 3,1,1 e 3,1,2) si è costituito un gruppo di lavoro sulla digitalizzazione dei mammografi di VINCOLI (VARIABILI ESTERNE AL PROGETTO, CHE POSSONO CONDIZIONARE IL RISULTATO): nessuno INDICATORI (PER LA VALUTAZIONE DI PROCESSO DELLA SINGOLA AZIONE): gruppo di lavoro costituito E AZIONE : Definizione del piano di digitalizzazione regionale. DESCRIZIONE: il gruppo di lavoro deve definire un piano regionale di digitalizzazioen che definisca alcuni elementi per ottimizzare la digitalizzazioen permettendo di OBIETTIVO: ottimizzare i benefici che ladigiitalizzazione può portare, realizzare economie di scala. VINCOLI: problemi informatici. Problemi di coordinamento delle aste a livello aziendale. METODI (IN SINTESI): revisione della letteratura, lavoro di gruppo TERRITORI COINVOLTI (ASL/DISTRETTI): tutta la regione INDICATORI (PER LA VALUTAZIONE DI PROCESSO DELLA SINGOLA AZIONE); produzione di un documento E AZIONE : Progressivo passaggio al digitale per le ASL che hanno già iniziato il processo di rinnovo dei mammografi. DESCRIZIONE: diverse AS hanno pianificato un passaggio alla mammografia digitale. Questa azione viene svolta dalle ASL che si sono già attivate in tal senso OBIETTIVO: misurare la qualità organizzativa e tecnica dei programmi di screening rispetto agli standard indicati dall'osservatorio Nazionale degli screening, per permettere di analizzare le criticità e applicare dei correttivi per migliorare la qualità stessa dei percorsi offerti VINCOLI: difficoltà nel recuperare le informazioni complete (sia inserite nel sistema regionale che inviate in remoto dalle ASL che non utilizzano il sistema regionale) METODI (IN SINTESI): acquisizione e istallazioen mammografi, RIS e PACS. TERRITORI COINVOLTI (ASL/DISTRETTI): ASL che passano al digitale (almeno 5/12) INDICATORI (PER LA VALUTAZIONE DI PROCESSO DELLA SINGOLA AZIONE); compelta digitalizzazione dei mammografi di screening in almeno 3 ASL su 12 (2011) e 5 su 12 (2012) TEMPI DI REALIZZAZIONE: aprile-dicembre 2011 (l'azione si protrae nel 2012) E AZIONE : Valutazione di ulteriori ASL per le quali il passaggio al digitale può realizzare vantaggi. DESCRIZIONE: il gruppo di lavoro dovrà individuare quelle ASL percui un passaggio alla mammografia digitale potrebbe realizzare maggiori benefici. OBIETTIVO: ottimizzare l'uso delle risorse dedicate all'innovazione tecnologica. VINCOLI: l'azione ha solo un valore di indirizzo, non può vincolare nessuna azienda a spese per l'acquisto di mammografi METODI (IN SINTESI): censimento delle risorse tecnologiche, lavoro di gruppo INDICATORI (PER LA VALUTAZIONE DI PROCESSO DELLA SINGOLA AZIONE); nessuno TEMPI DI REALIZZAZIONE: ottobre 2011-dicembre 2011 (l'azione si protrae nel 2012)

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i o Titolo del programma: Innovazione tecnologica PS su mammella, cervice uterina e colon-retto Identificativo della Linea di intervento generale: 3.1 Prevenzione della popolazione

Dettagli

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori)

(La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del programma: Consolidamento e qualificazione dei programmi di screening organizzati Identificativo

Dettagli

Piani Attuativi Aziendali ASL RMB Piano Regionale di Prevenzione 2010-12 e proroga 2013

Piani Attuativi Aziendali ASL RMB Piano Regionale di Prevenzione 2010-12 e proroga 2013 Piani Attuativi Aziendali ASL RMB Piano Regionale di Prevenzione 2010-12 e proroga 2013 1) LINEA DI ATTIVITA E TITOLO DEL PROGETTO: 16-3.1.1,16-3.1.1 a/b,17-3.1.2 Consolidamento,promozione e miglioramento

Dettagli

REGIONE LAZIO. OGGETTO: Piano regionale della prevenzione 2005 2007 Anno 2005 LA GIUNTA REGIONALE

REGIONE LAZIO. OGGETTO: Piano regionale della prevenzione 2005 2007 Anno 2005 LA GIUNTA REGIONALE DGR 729 del 4 agosto 2005-08-29 REGIONE LAZIO OGGETTO: Piano regionale della prevenzione 2005 2007 Anno 2005 LA GIUNTA REGIONALE SU PROPOSTA dell Assessore alla Sanità; VISTO lo Statuto della Regione Lazio;

Dettagli

Esperienze di intervento sull organizzazione dei programmi di screening della regione Lazio

Esperienze di intervento sull organizzazione dei programmi di screening della regione Lazio Esperienze di intervento sull organizzazione dei programmi di screening della regione Lazio Workshop ONS- GISMa Reggio Emilia 6 maggio 2015 Alessandra Barca Prevenzione oncologica e screening Regione Lazio

Dettagli

Area per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità

Area per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità Area per la Promozione della Salute, delle Persone e delle Pari Opportunità Assessorato alle Politiche della Salute Servizio Programmazione Assistenza Territoriale e Prevenzione Il presente allegato, parte

Dettagli

Il Test HPV come test di screening primario: la scelta della Regione Toscana Prof. Gianni Amunni

Il Test HPV come test di screening primario: la scelta della Regione Toscana Prof. Gianni Amunni Il Test HPV come test di screening primario: la scelta della Regione Toscana Prof. Gianni Amunni Direttore Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica ISPO Direttore Istituto Toscani Tumori (ITT)

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005-2007 REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Livelli di Assistenza

Dettagli

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007)

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007) Allegato A In risposta alle osservazioni sul progetto di screening colorettale della Regione Emilia- Romagna: Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la

Dettagli

GIORNATA DI VALUTAZIONE DEI PROGRAMMI DI SCREENING CITOLOGICO DELLA REGIONE LAZIO

GIORNATA DI VALUTAZIONE DEI PROGRAMMI DI SCREENING CITOLOGICO DELLA REGIONE LAZIO Verbale della GIORNATA DI VALUTAZIONE DEI PROGRAMMI DI SCREENING CITOLOGICO DELLA REGIONE LAZIO Giovedì 12 giugno 2008 Istituto Superiore di Sanità, Aula Bovet Presenti Laziosanità- ASP: CRCM 1 : ONS 2

Dettagli

Screening oncologici rivolti alla popolazione femminile Integrazione con i Medici di Medicina Generale Accordo

Screening oncologici rivolti alla popolazione femminile Integrazione con i Medici di Medicina Generale Accordo Premessa Screening oncologici rivolti alla popolazione femminile Integrazione con i Medici di Medicina Generale Accordo Il Piano Oncologico Nazionale (PON) 2010-2012 conferma che i Programmi organizzati

Dettagli

Progetto pilota HPV di Torino. Lo stato dell arte. G Ronco CPO Piemonte

Progetto pilota HPV di Torino. Lo stato dell arte. G Ronco CPO Piemonte Progetto pilota HPV di Torino. Lo stato dell arte G Ronco CPO Piemonte Progetto pilota HPV Donne invitate Numero di donne invitate (ultimo invito 31/08/2012) BRACCIO HPV 62606 PAP 52616 Totale 115222 Progetto

Dettagli

Sistema informativo dei programmi con HPV, centralizzazione cambiamenti software. Luisa Paterlini AUSL Reggio Emilia

Sistema informativo dei programmi con HPV, centralizzazione cambiamenti software. Luisa Paterlini AUSL Reggio Emilia Sistema informativo dei programmi con HPV, centralizzazione cambiamenti software Luisa Paterlini AUSL Reggio Emilia PREMESSA 1/2 report HTA italiano Ricerca del DNA di papilloma virus umano (HPV) come

Dettagli

REGIONE SICILIANA PIANO NAZIONALE DELLA PREVENZIONE 2005-2007

REGIONE SICILIANA PIANO NAZIONALE DELLA PREVENZIONE 2005-2007 REGIONE SICILIANA PIANO NAZIONALE DELLA PREVENZIONE 2005-2007 I PROGETTI DELLA REGIONE SICILIA SUGLI SCREENING ONCOLOGICI Lo screening della cervice uterina Dott. Saverio Ciriminna Dirigente Generale Ispettorato

Dettagli

Il modello organizzativo della Regione Lazio

Il modello organizzativo della Regione Lazio Workshop Lo screening del cancro del colonretto mediante sangue occulto fecale ROMA, 4 Febbraio 2005 Il modello organizzativo della Regione Lazio Antonio Federici Responsabile U.O.C. Screening Screening:

Dettagli

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Progetto di consolidamento dello screening del cercivocarcinoma La popolazione target del Veneto è di circa 1.350.000 donne e programmi di screening citologico sono attivi in tutte le 21 Aziende ULSS della

Dettagli

Gli screening per i tumori della mammella e della cervice uterina

Gli screening per i tumori della mammella e della cervice uterina 4.3 GLI SCREENING (Filippetti F, Fuligni G, Pelliccioni AR) Fonti informative: Questionario GISCI per lo screening del cervico-carcinoma compilato dalle Zone Territoriali. Questionario GISMA per il carcinoma

Dettagli

Analisi organizzativa

Analisi organizzativa Dott.ssa Cristina Nicolai Responsabile Organizzativa Screening Analisi organizzativa Revisione 05/04/2011 Revisione gennaio 2015 Massa Carrara, 9/07/2009 Protocollo organizzativo Mammografia Screening

Dettagli

ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012

ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012 ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE Allegato 2 PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012 1) Regione: Regione Autonoma della Sardegna 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

Il Sistema Informativo degli Screening in Veneto. Padova, 30 ottobre 2008

Il Sistema Informativo degli Screening in Veneto. Padova, 30 ottobre 2008 Il Sistema Informativo degli Screening in Veneto Padova, 30 ottobre 2008 Perché STANDARDIZZARE? Riferimenti espliciti per tutte le procedure (Linee Guida basate su evidenze scientifiche) Comparabilità

Dettagli

CORSO PRATICO DI FORMAZIONE ALL UTILIZZO DEL SOFTWARE GESTIONALE WEB-BASED DEL SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE DEI PROGRAMMI DI SCREENING ONCOLOGICI

CORSO PRATICO DI FORMAZIONE ALL UTILIZZO DEL SOFTWARE GESTIONALE WEB-BASED DEL SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE DEI PROGRAMMI DI SCREENING ONCOLOGICI CORSO PRATICO DI FORMAZIONE ALL UTILIZZO DEL SOFTWARE GESTIONALE WEB-BASED DEL SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE DEI PROGRAMMI DI SCREENING ONCOLOGICI Il corso ha l obiettivo di illustrare il nuovo Sistema

Dettagli

Come cambia lo screening carcinoma della cervice uterina in Basilicata.

Come cambia lo screening carcinoma della cervice uterina in Basilicata. Come cambia lo screening carcinoma della cervice uterina in Basilicata. Georgios Papanikolaou va in soffitta? Sergio Schettini ONCOLOGICI Regione Basilicata Dipartimento Sicurezza e Solidarietà Sociale

Dettagli

RE-INGEGNERIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE INDIVIDUALE E PROGRAMMI DI SCREENING: EFFICACIA, QUALITÀ E SOSTENIBILITÀ

RE-INGEGNERIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE INDIVIDUALE E PROGRAMMI DI SCREENING: EFFICACIA, QUALITÀ E SOSTENIBILITÀ Workshop ONS Venezia, 26 maggio 2010 RE-INGEGNERIZZAZIONE DELLA PREVENZIONE INDIVIDUALE E PROGRAMMI DI SCREENING: EFFICACIA, QUALITÀ E SOSTENIBILITÀ Tavola rotonda con le Regioni Gianni Amunni Istituto

Dettagli

I progetti pilota HPV in Veneto

I progetti pilota HPV in Veneto I progetti pilota HPV in Veneto Utilizzo del test per la ricerca dell HPV nello screening del cervicocarcinoma triage delle ASC-US triage delle LSIL in donne > 35 anni come indicatore di recidiva Raccomandazioni

Dettagli

Criticità liguri. Gabriella Paoli

Criticità liguri. Gabriella Paoli Criticità liguri Gabriella Paoli Cosa serve per poter applicare in Liguria programmi di prevenzione secondaria per il tumore eredo familiare della mammella? Normativa a supporto Competenze Organizzazione

Dettagli

Il Pap test di triage

Il Pap test di triage La Citologia negli screening oncologici Roma, 19 novembre 2014 Il Pap test di triage nello screening con test HPV Maria Luisa Schiboni UOC Anatomia Patologica, Osp S.Giovanni - Roma Il Pap test di triage

Dettagli

Protocollo operativo per lo screening del tumore della cervice uterina. con test HPV primario

Protocollo operativo per lo screening del tumore della cervice uterina. con test HPV primario Protocollo operativo per lo screening del tumore della cervice uterina con test HPV primario ALLEGATO A Indice Obiettivo Razionale Protocollo di screening con HPV primario Modalità di avvio del programma

Dettagli

HPV test come test primario di screening: cosa sta cambiando

HPV test come test primario di screening: cosa sta cambiando Seminario PASSI, Roma, 27 Settembre 2012 HPV test come test primario di screening: cosa sta cambiando Paolo Giorgi Rossi Servizio Interaziendale di Epidemiologia, AUSL Reggio Emilia HPV e screening: la

Dettagli

I nuovi orizzon*: test HPV all interno dello screening: esperienza dell ASL di Vallecamonica- Sebino

I nuovi orizzon*: test HPV all interno dello screening: esperienza dell ASL di Vallecamonica- Sebino I nuovi orizzon*: test HPV all interno dello screening: esperienza dell ASL di Vallecamonica- Sebino L. Pasquale, G. Pieracci, C. Pedretti, C. Ruggeri, V. Scalvinoni Proge>o Pilota: applicazione controllata

Dettagli

Piano Regionale di Prevenzione Piano Attuativo Aziendale

Piano Regionale di Prevenzione Piano Attuativo Aziendale Dipartimento di Prevenzione Direzione Via dell Imbrecciato, 73 00149 Roma Tel. 06 56485325/326 Fax 06 56485324 Piano Regionale di Prevenzione 2010-12 Piano Attuativo Aziendale 1)TITOLO DEL PROGETTO Innovazione

Dettagli

SCREENING. REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011. Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto

SCREENING. REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011. Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia REPORT PASSI ASL Latina 2008-2011 SCREENING Diagnosi precoce delle neoplasie : del collo dell utero della mammella del colon-retto 1 Diagnosi precoce

Dettagli

Prot. n. DIRS/DIR/401 Palermo, 28/02/2007

Prot. n. DIRS/DIR/401 Palermo, 28/02/2007 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Num. cod. Fiscale 80012000826 REGIONE SICILIANA Partita I.V.A. 02711070827 ASSESSORATO PER LA SANITA' Dipartimento Ispettorato Regionale Sanitario Segreteria Direzione

Dettagli

I programmi di screening mammografico in Italia e nel Veneto: criticità e prospettive

I programmi di screening mammografico in Italia e nel Veneto: criticità e prospettive Padova, 7 dicembre 2010 I programmi di screening mammografico in Italia e nel Veneto: criticità e prospettive Manuel Zorzi Istituto Oncologico Veneto IRCCS Registro Tumori del Veneto Estensione dello screening

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROGETTO REGIONALE. Piano Nazionale di Prevenzione Attiva L. 138/2004. Art. 2 bis Miglioramento degli screening oncologici.

REGIONE PIEMONTE PROGETTO REGIONALE. Piano Nazionale di Prevenzione Attiva L. 138/2004. Art. 2 bis Miglioramento degli screening oncologici. REGIONE PIEMONTE PROGETTO REGIONALE Piano Nazionale di Prevenzione Attiva L. 138/2004. Art. 2 bis Miglioramento degli screening oncologici. Introduzione. L attività di screening ha iniziato a svilupparsi

Dettagli

Massimo Confortini Direttore Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze

Massimo Confortini Direttore Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze LA CITOLOGIA NEGLI SCREENING ONCOLOGICI Roma 19 Novembre 2014 IL PAP TEST NEI DIVERSI SCENARI: SIMILITUDINI E DIFFERENZE Massimo Confortini Direttore Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze Bertozzi

Dettagli

Diagnosi precoce delle neoplasie del collo dell utero

Diagnosi precoce delle neoplasie del collo dell utero Diagnosi precoce delle neoplasie del collo dell utero La neoplasia del collo dell utero a livello mondiale rappresenta ancora il secondo tumore maligno della donna, con circa 500.000 nuovi casi stimati

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO In tutto il mondo il carcinoma della mammella è il tumore più frequente nella popolazione femminile, sia per incidenza sia per mortalità. L Organizzazione Mondiale della

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Screening oncologici

Screening oncologici Screening oncologici Il Centro Screening Oncologici, fa parte della UOC di Igiene e Sanità Pubblica nel Dipartimento di Prevenzione ed il Responsabile della struttura è il Dott. Francesco Silvio Congiu.

Dettagli

HPV e piano di prevenzione ASL: programma di screening nella fascia 25-64 anni

HPV e piano di prevenzione ASL: programma di screening nella fascia 25-64 anni Corso di formazione ASL- Ospedale di Mantova Ospedale e territorio. Dalla fisiologia alla patologia nell ambito materno-infantile Incontro del 12 marzo 2013 RELAZIONE: HPV e piano di prevenzione ASL: programma

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 50/20 DEL 3.12.2013

DELIBERAZIONE N. 50/20 DEL 3.12.2013 Oggetto: Piano regionale della Prevenzione 2010-2012. 2012. Stato di attuazione e ripartizione tra le Aziende Sanitarie della Sardegna delle somme disponibili nel Bilancio regionale 2013 (UPB S02.04.010

Dettagli

Diagnosi precoce delle neoplasie del collo dell utero

Diagnosi precoce delle neoplasie del collo dell utero Diagnosi precoce delle neoplasie del collo dell utero La neoplasia del collo dell utero a livello mondiale rappresenta ancora il secondo tumore maligno della donna, con circa 500.000 nuovi casi stimati

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE. anno 2012 PIANO ANNUALE DI ATTIVITA RETE ONCOLOGICA REGIONALE anno Vista la delibera costitutiva della ROR (dicembre 2008) e considerate le finalità della rete oncologica come già espresse dal Piano Sanitario Regionale

Dettagli

Programma di screening della Provincia di Reggio Emilia. Sonia Prandi

Programma di screening della Provincia di Reggio Emilia. Sonia Prandi Programma di screening della Provincia di Reggio Emilia Sonia Prandi Che cos è un programma di screening? E un intervento programmato di prevenzione secondaria - diagnosi precoce effettuato dal Servizio

Dettagli

Convegno Nazionale GISCi Lo Screening in tempo di crisi L Aquila 20-22 giugno 2012

Convegno Nazionale GISCi Lo Screening in tempo di crisi L Aquila 20-22 giugno 2012 Convegno Nazionale GISCi Lo Screening in tempo di crisi L Aquila 20-22 giugno 2012 L esperienza della Regione Umbria nell attivazione dello screening primario con test HPV-DNA hr Basilio Ubaldo Passamonti

Dettagli

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE Elisabetta Borello SISTEMA RIS-PACS Il sistema RIS-PACS costituisce, attraverso la sua integrazione

Dettagli

Rete nazionale solidale e collaborazioni internazionali del programma straordinario Oncologia 2006 Roma, 9 febbraio 2009

Rete nazionale solidale e collaborazioni internazionali del programma straordinario Oncologia 2006 Roma, 9 febbraio 2009 Rete nazionale solidale e collaborazioni internazionali del programma straordinario Oncologia 2006 Roma, 9 febbraio 2009 Network nazionale italiano Tumori Eredo-Famigliari (intef): creazione di strumenti

Dettagli

Estensione e Miglioramento del Programma per lo Screening Oncologico del Cancro della Cervice Uterina.

Estensione e Miglioramento del Programma per lo Screening Oncologico del Cancro della Cervice Uterina. Regione Abruzzo - Assessorato alla Sanità Piano Nazionale della Prevenzione 200 2007 (Intesa Stato Regioni 23 Marzo 200) Legge 138 del 2004 art. 2 bis Estensione e Miglioramento del Programma per lo Screening

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 28 ottobre 2014, n. 2255. Piano Regionale Screening. Modifica DGR 1768/2013.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 28 ottobre 2014, n. 2255. Piano Regionale Screening. Modifica DGR 1768/2013. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 28 ottobre 2014, n. 2255 Piano Regionale Screening. Modifica DGR 1768/2013. L Assessore al Welfare, sulla base dell istruttoria espletata dal Dirigente del Servizio

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 01-09-2014 (punto N 23 ) Delibera N 741 del 01-09-2014 Proponente LUIGI MARRONI DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE

Dettagli

Equity audit: dalla teoria alla pratica. Presentazione di un caso studio: i programmi di screening

Equity audit: dalla teoria alla pratica. Presentazione di un caso studio: i programmi di screening Equity audit: dalla teoria alla pratica. Presentazione di un caso studio: i programmi di screening Teresa Spadea, Nicolás Zengarini, Giuseppe Costa SCaDU Servizio Epidemiologia ASL TO3 Piemonte Coordinamento

Dettagli

Il Sistema Informativo degli Screening nella Regione del Veneto Padova, 2 Dicembre 2009 Nadia Raccanello Sistema Informativo Direzione Risorse Socio Sanitarie Regione del Veneto Trasferimento Gruppo Tecnico

Dettagli

PIANO DELLE VACCINAZIONI

PIANO DELLE VACCINAZIONI PIANO DELLE VACCINAZIONI 1.Premessa Il Piano Nazionale Vaccini 2005-2007 ha stabilito gli indirizzi per il mantenimento o raggiungimento degli obiettivi fissati in ordine alla prevenzione e controllo delle

Dettagli

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di neoplasia i italia (asr-eu 366,6 escluso ca. cute)

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Rete anatomie patologiche

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Rete anatomie patologiche LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Rete anatomie patologiche Rete delle anatomie patologiche regionali: gestione dei referti e condivisione informatizzata delle informazioni Definizione della rete

Dettagli

STATO DI AVANZAMENTO PREVENZIONE DELL OBESITÀ NELLA REGIONE LAZIO SINTESI ATTIVITA GENNAIO 2007 - DICEMBRE 2007

STATO DI AVANZAMENTO PREVENZIONE DELL OBESITÀ NELLA REGIONE LAZIO SINTESI ATTIVITA GENNAIO 2007 - DICEMBRE 2007 STATO DI AVANZAMENTO PREVENZIONE DELL OBESITÀ NELLA REGIONE LAZIO SINTESI ATTIVITA GENNAIO 2007 - DICEMBRE 2007 REGIONE: Lazio TITOLO: Interventi par la Prevenzione dell Obesità nella Regione Lazio Il

Dettagli

GISCI 2011- Viterbo Innovazione e ricerca nei programmi di screening della regione Lazio

GISCI 2011- Viterbo Innovazione e ricerca nei programmi di screening della regione Lazio GISCI 2011- Viterbo Innovazione e ricerca nei programmi di screening della regione Lazio A. Barca, P. Giorgi Rossi Laziosanità - ASP Nuove tecnologie nella prevenzione del cervico-carcinoma: la ricerca

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA 2011 approvato dal CC

PIANO ANNUALE DI ATTIVITA 2011 approvato dal CC PIANO ANNUALE DI ATTIVITA approvato dal CC Vista la delibera costitutiva della ROR (dicembre 2008) e considerate le finalità della rete oncologica come già espresse dal Piano Sanitario Regionale 2009-

Dettagli

sviluppare l attività del Centro di Documentazione sui rischi cancerogeni ambientali e diffondere informazioni sui rischi di cancerogenità;

sviluppare l attività del Centro di Documentazione sui rischi cancerogeni ambientali e diffondere informazioni sui rischi di cancerogenità; REGIONE PIEMONTE BU20 16/05/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 23 aprile 2013, n. 21-5705 Approvazione della modifica del programma regionale di screening oncologico, "Prevenzione Serena" per i

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE. n. 04 del 30/01/2012 IL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE. n. 04 del 30/01/2012 IL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE n. 04 del 30/01/2012 Oggetto: Adozione progetto di telelavoro ed assegnazione di una postazione. Dipendente Valeria Di Fabrizio. IL DIRETTORE Vista la legge regionale 24 febbraio

Dettagli

NUOVI SCREENING: UNA RIVOLUZIONE?

NUOVI SCREENING: UNA RIVOLUZIONE? NUOVI SCREENING: UNA RIVOLUZIONE? Nuovi programmi di screening Montale, 18 Ottobre 2014 Villa Castello Smilea HPV E CARCINOMA CERVICALE L infezione da HPV è un passaggio essenziale per lo sviluppo delle

Dettagli

Lo screening organizzato per ridurre le disuguaglianze di accesso alla prevenzione.

Lo screening organizzato per ridurre le disuguaglianze di accesso alla prevenzione. XXXIX Convegno AIE Alimentazione e salute nell era della globalizzazione Lo screening organizzato per ridurre le disuguaglianze di accesso alla prevenzione. Il caso dello screening della cervice uterina.

Dettagli

XII Convegno Osservatorio Nazionale Screening Bologna, 31 Gennaio 2014. Carlo Naldoni, Priscilla Sassoli de Bianchi.

XII Convegno Osservatorio Nazionale Screening Bologna, 31 Gennaio 2014. Carlo Naldoni, Priscilla Sassoli de Bianchi. XII Convegno Osservatorio Nazionale Screening Bologna, 31 Gennaio 2014 L esperienza di gestione dell alto rischio in Regione Emilia-Romagna Carlo Naldoni, Priscilla Sassoli de Bianchi. Delibera di Giunta

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

GESTIONE INFORMATICA E ASPETTI ORGANIZZATIVI

GESTIONE INFORMATICA E ASPETTI ORGANIZZATIVI GESTIONE INFORMATICA E ASPETTI ORGANIZZATIVI HPV come test primario di screening 23-30 settembre 21-28 ottobre 2014 Cristina Larato PROTOCOLLO INVITO PAP TEST < 30 anni e rand cito Test HPV. Protocollo

Dettagli

Lo screening per il carcinoma colorettale Napoli 13 dicembre 2006

Lo screening per il carcinoma colorettale Napoli 13 dicembre 2006 Agenzia Regionale Sanitaria Lo screening per il carcinoma colorettale Napoli 13 dicembre 2006 L organizzazione del programma di screening Dr.ssa G. Grazzini Protocollo organizzativo RESIDENTI 50-70ENNI

Dettagli

DECRETO n. 170 del 13/03/2014

DECRETO n. 170 del 13/03/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

Introduzione del test HPV come test di screening primario: un analisi di Budget Impact. Guglielmo Ronco, CPO Piemonte Maria Calvia

Introduzione del test HPV come test di screening primario: un analisi di Budget Impact. Guglielmo Ronco, CPO Piemonte Maria Calvia Introduzione del test HPV come test di screening primario: un analisi di Budget Impact. Guglielmo Ronco, CPO Piemonte Maria Calvia Introduzione del test HPV: un analisi di Budget Impact. Caratteristiche

Dettagli

Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni

Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni Allegato 1.1.) Piano delle vaccinazioni Premessa Sulla base della Intesa tra Stato, Regioni e Province Autonome sancita lo scorso 23 Marzo 2005 e relativa al Piano Nazionale per la Prevenzione, il Ministero

Dettagli

La formazione: chi come quando?

La formazione: chi come quando? La formazione: chi come quando? Livia Giordano CPO Piemonte CHI FORMARE? Formazione: chi Operatori del call centre Screening Prelevatori Citologi MMG Anatomo Patologi Ginecologi Ginecologi 2 livello Extra

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM)

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM) F. Paolo Gentile Canale Monterano (RM) FISICA MEDICA Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina 1 Chi è il Fisico medico? Il Fisico medico è una figura professionale che applica

Dettagli

Mammografia digitale e RIS-PACS in Regione Emilia Romagna

Mammografia digitale e RIS-PACS in Regione Emilia Romagna Mammografia digitale e RIS-PACS in Regione Emilia Romagna Modena 27 novembre 2008 Silvia Salimbeni in collaborazione con Rita Bisognin .un po di storia Fine anni 90 in tutta la Regione Emilia Romagna si

Dettagli

delle donne ricomprese nella fascia di età 50-69 anni; - Programma di Screening del Carcinoma del Colon Retto.

delle donne ricomprese nella fascia di età 50-69 anni; - Programma di Screening del Carcinoma del Colon Retto. 12352 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 76 del 28-04-2010 tivo di rilevanza regionale ex art. 20 L.R. n. 28/01 di cui all annuale Documento di Indirizzo Economico e Finanziario del Servizio

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 3003 Seduta del 09/01/2015

DELIBERAZIONE N X / 3003 Seduta del 09/01/2015 DELIBERAZIONE N X / 3003 Seduta del 09/01/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA

Dettagli

Il tra'amento chirurgico e il follow up postchirurgico nello screening

Il tra'amento chirurgico e il follow up postchirurgico nello screening Il tra'amento chirurgico e il follow up postchirurgico nello screening Bruno Andreoni Divisione Chirurgia Generale IEO Facoltà Medicina - Milano Tra'amento chirurgico tumori colon re'o screen detected

Dettagli

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo PROGETTO GIPSE Presentazione e Piano Esecutivo Prima emissione: Aprile 1999 I N D I C E 1. PRESENTAZIONE GENERALE DEL PROGETTO GIPSE...2 1.1 Obiettivi... 2 1.2 Partner... 2 1.3 Il ruolo dei partner...

Dettagli

PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA: SCREENING ORGANIZZATO VS SCREENING OPPORTUNISTICO NEL SISTEMA SANITARIO DELLA REGIONE LAZIO

PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA: SCREENING ORGANIZZATO VS SCREENING OPPORTUNISTICO NEL SISTEMA SANITARIO DELLA REGIONE LAZIO PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA: SCREENING ORGANIZZATO VS SCREENING OPPORTUNISTICO NEL SISTEMA SANITARIO DELLA REGIONE LAZIO La salute ai tempi della crisi XXXVI Convegno AIE -Bari 30 ottobre 2012

Dettagli

TITOLO SCREENING ONCOLOGICO DEL TUMORE DEL COLON-RETTO IN PROVINCIA DI RAGUSA: TASSI DI INVITI E ADESIONI PERIODO 2011-2014.

TITOLO SCREENING ONCOLOGICO DEL TUMORE DEL COLON-RETTO IN PROVINCIA DI RAGUSA: TASSI DI INVITI E ADESIONI PERIODO 2011-2014. TITOLO SCREENING ONCOLOGICO DEL TUMORE DEL COLON-RETTO IN PROVINCIA DI RAGUSA: TASSI DI INVITI E ADESIONI PERIODO 2011-2014. Ferrera G.* Cilia S.**, Puglisi C.***, Aprile E., Venga R.. * Resp. U.O. Epidemiologia

Dettagli

X Convegno ONS Firenze15 Dicembre 2011 IL PROGETTO DATA WAREHOUSE NAZIONALE SCREENING ONCOLOGICI. Antonio Ponti CPO Piemonte

X Convegno ONS Firenze15 Dicembre 2011 IL PROGETTO DATA WAREHOUSE NAZIONALE SCREENING ONCOLOGICI. Antonio Ponti CPO Piemonte X Convegno ONS Firenze15 Dicembre 2011 IL PROGETTO DATA WAREHOUSE NAZIONALE SCREENING ONCOLOGICI Antonio Ponti CPO Piemonte Indice della presentazione Generalità sul background, gli obiettivi, i metodi

Dettagli

Data inizio effetti va. criticità. Incremento della comunicazione: 2 campagne informative. Avvio procedur a di gara per seleziona re soggetto privato

Data inizio effetti va. criticità. Incremento della comunicazione: 2 campagne informative. Avvio procedur a di gara per seleziona re soggetto privato PROGRAMMA DI SCREENING MAMMOGRAFICO REFERENTE REGIONALE : dott.ssa Maria Giovanna TROTTA Uff. Prestazioni Assistenza Terr., Osp. e Politiche del farmaco Tel. 0971 668837 mail: giovanna.trotta@regione.basilicata.it

Dettagli

DOCUMENTO DI ANALISI DEI MACROREQUISITI FUNZIONALI DEL SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLO SCREENING DEL TUMORE DELLA CERVICE UTERINA

DOCUMENTO DI ANALISI DEI MACROREQUISITI FUNZIONALI DEL SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLO SCREENING DEL TUMORE DELLA CERVICE UTERINA REGIONE MARCHE P.F. INFORMATICA Progetto: Consolidamento dello screening del tumore della cervice uterina Data: 31/12/2007 Stato: definitivo DOCUMENTO DI ANALISI DEI MACROREQUISITI FUNZIONALI DEL SOFTWARE

Dettagli

Diagnosi precoce individuale o screening opportunistico. Livia Giordano, CPO Piemonte - Torino

Diagnosi precoce individuale o screening opportunistico. Livia Giordano, CPO Piemonte - Torino Diagnosi precoce individuale o screening opportunistico Livia Giordano, CPO Piemonte - Torino 1 OPPORTUNISTICO: SCREENING ORGANIZZATO: programma con obiettivi dichiarati, in genere proposto da un istituzione,

Dettagli

ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012

ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012 ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE Allegato 2. PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012 1) Regione: Regione Autonoma della Sardegna 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

Significato e modalità di triage nello screening con HPV test

Significato e modalità di triage nello screening con HPV test La sorveglianza epidemiologica dello screening dei tumori del collo dell utero nella Regione Emilia Romagna e le prospettive di studio Seminario di studio Bologna 25 Marzo 2013 Significato e modalità di

Dettagli

1 GIORNATA DI STUDIO SUL PROGRAMMA DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLON-RETTO

1 GIORNATA DI STUDIO SUL PROGRAMMA DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLON-RETTO 1 GIORNATA DI STUDIO SUL PROGRAMMA DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLON-RETTO SIGNIFICATO E RUOLO DEL CENTRO SCREENING NELLA GESTIONE E CONTROLLO DEL PROGRAMMA BOLOGNA, 10 MARZO 2005 dr.ssa

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE. n. 24 del 22/07/2010 IL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE. n. 24 del 22/07/2010 IL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE n. 24 del 22/07/2010 Oggetto: Adozione progetto di telelavoro ed assegnazione di una postazione. IL DIRETTORE Vista la legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio

Dettagli

Lo screening cervicale al tempo dellʼhpv test

Lo screening cervicale al tempo dellʼhpv test Convegno Nazionale GISCi 2010 27-28 maggio 2010 Venezia Workshop ONS-GISCi 26 maggio 2010 Lo screening cervicale al tempo dellʼhpv test Come cambierà lo screening per il cancro della cervice uterina con

Dettagli

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO

L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO BUONGIORNO CReG: UN PROGETTO INNOVATIVO PER MIGLIORARE LA GESTIONE TERRITORIALE DELLA CRONICITÀ L ESPERIENZA DI ASL BERGAMO Mara Azzi, Direttore Generale ASL BERGAMO ASL BERGAMO POPOLAZIONE RESIDENTE SUDDIVISA

Dettagli

Il Pap test come test primario nello screening

Il Pap test come test primario nello screening Il Pap test come test primario nello screening Antonella Pellegrini UOC Anatomia Patologica Az. Osp. S.Giovanni-Addolorata Roma Lo screening non è fare un Test Cosa è lo screening? un esame sistematico,

Dettagli

La riconversione del programma di screening dei tumori del collo dell utero in Emilia Romagna: il punto della situazione.

La riconversione del programma di screening dei tumori del collo dell utero in Emilia Romagna: il punto della situazione. La riconversione del programma di screening dei tumori del collo dell utero in Emilia Romagna: il punto della situazione Carlo Naldoni Ricerca del DNA di papilloma virus umano (HPV) come test primario

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

Le survey, le criticità. Lo screening cervicale: La survey PAP-Test La survey HPV

Le survey, le criticità. Lo screening cervicale: La survey PAP-Test La survey HPV Le survey, le criticità Lo screening cervicale: La survey PAP-Test La survey HPV Discussione: Francesca Carozzi Survey commenti Survey : Buona stabilità del sistema screening tradizionale Siamo arrivati

Dettagli

Programma RER: presupposti, contenuti, criticità e sfide. Carlo Naldoni

Programma RER: presupposti, contenuti, criticità e sfide. Carlo Naldoni Programma RER: presupposti, contenuti, criticità e sfide Carlo Naldoni - Piano nazionale (regionale) della prevenzione 2010-2012 - Delibera di Giunta Regionale n. 1035/2009 Strategia regionale per il miglioramento

Dettagli

Mirco Magnani Modelli di HTA nell'acquisizione dei sistemi digitali Loreto (AN) 19 Novembre 2011

Mirco Magnani Modelli di HTA nell'acquisizione dei sistemi digitali Loreto (AN) 19 Novembre 2011 Diagnostica per immagini e Radioterapia nel 2011: Fare sistema L amministrazione dei sistemi complessi di diagnostica per immagini nei contesti aggiornati e le nuove tecnologie Mirco Magnani Modelli di

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Regione Toscana e ASL 1 di Massa e Carrara Servizio Sanitario della Toscana Liceo Artistico Statale Artemisia Gentileschi Progetto per migliorare l informazione ed il rapporto con i cittadini, attuato

Dettagli

PROGETTI REGIONALI DI SCREENING ONCOLOGICI DI POPOLAZIONE ATTIVATI E IN CORSO. A) Prima parte: livello regionale

PROGETTI REGIONALI DI SCREENING ONCOLOGICI DI POPOLAZIONE ATTIVATI E IN CORSO. A) Prima parte: livello regionale PROGETTI REGIONALI DI SCREENING ONCOLOGICI DI POPOLAZIONE ATTIVATI E IN CORSO A) Prima parte: livello regionale 1) Attivazione dei programmi di screening La Regione Emilia-Romagna, con circolare n. 38

Dettagli