Cenni di Elettronica non Lineare

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cenni di Elettronica non Lineare"

Transcript

1 1 Cenni di Elettronica non Lineare RUOLO DELL ELETTRONICA NON LINEARE La differenza principale tra l elettronica lineare e quella non-lineare risiede nel tipo di informazione che viene elaborata. L elettronica LINEARE ( amplificatori, filtri, integratori, oscillatori, sfasatori), elabora le informazioni sotto forma di tensioni e correnti. In altre parole elabora la variabile che si trova sulle ordinate dei grafici temporali delle grandezze elettriche. I circuiti di elettronica lineare ( a parte gli oscillatori) sono caratterizzati da una funzione di trasferimento data dal rapporto tra la grandezza elettrica in uscita e quella in ingresso. Il componente principale è l amplificatore operazionale di segnale, caratterizzato da un elevato valore della amplificazione ad anello aperto (Avol), ma in generale possiede delle limitazioni in termini di velocità di risposta a sollecitazioni a gradino. Nei circuiti di elettronica NON LINEARE le informazioni elaborate sono contenute sull asse dei tempi, mentre i valori delle tensioni non sono significativi ai fini informativi. Questi circuiti quindi elaborano il tempo, nel senso che marcano determinati istanti temporali per mezzo della rapida commutazione dell uscita tra due valori prefissati di tensione. Le forme d onda presenti in uscita sono in generale delle funzioni discontinue che presentano dei fronti verticali in salita o discesa. Un onda quadra è appunto il tipico prodotto dell elettronica non lineare. Il componente principale dell elettronica non lineare è il comparatore, una sorta di amplificatore operazionale ( possiede in pratica lo stesso simbolo circuitale e lo stesso circuito equivalente) il quale possiede delle differenze strutturali interne (reazione interna positiva) che lo rendono adatto a fornire in uscita delle commutazioni veloci (poli reali positivi). Proprio in virtù di queste caratteristiche non è possibile utilizzare il comparatore come amplificatore operazionale nell elettronica lineare in quanto causerebbe delle auto-oscillazioni e delle instabilità non correggibili. DIFFERENZA TRA IL COMPARATORE E L AMPLIFICATORE OPERAZIONALE DI SEGNALE Anche se l amplificatore operazionale di segnale ed il comparatore hanno lo stesso circuito equivalente (Zin=inf., Generatore controllato Avol Vin ), il loro comportamento è molto differente e di fatto vengono utilizzati in ambiti progettuali diversi ed il loro ruolo non è intercambiabile. Nella figura seguente si vede il comportamento dell uscita dell integrato sotto lo stimolo di una tensione di ingresso variabile a gradino. Il comparatore reagisce in un tempo estremamente breve, riuscendo a seguire fedelmente il gradino della tensione in ingresso. Di contro, nell amplificatore di segnale l uscita sale lentamente con una velocità di salita massima abbastanza bassa (denominata slew rate). Esso è quindi inadatto a marcare il tempo con transizioni rapide della tensione in uscita. Le ragioni di questo diverso comportamento risiedono nell interno dei circuiti integrati stessi.

2 2 Il comparatore reagisce velocemente perché ha internamente delle reazioni positive (poli a parte reale positiva) che accelerano le transizioni. Se si usasse il comparatore per realizzare un amplificatore analogico con reazione, questo sarebbe caratterizzato da auto-oscillazioni dovute appunto alle reazioni positive interne. Di contro, l amplificatore di segnale usato nella elettronica non lineare possiede uno slew rate limitato perché al suo interno sono state collocate delle capacità di compensazione (che introducono dei precoci poli dominanti a 10 Hz) che hanno il ruolo di impedire l innesco di auto-oscillazioni nel caso in cui la reazione negativa sia troppo piccola e l amplificazione troppo grande. IL COMPARATORE Di fatto il comparatore può essere considerato come un amplificatore di segno. Infatti proprio perché possiede al suo interno un generatore ideale controllato Avol Vin, con Avol molto grande tendente all infinito, lo stato della tensione di uscita alto o basso dipende non dal valore assoluto ma dal segno della differenza di tensioni tra gli ingressi + e -. Viene utilizzato per squadrare delle tensioni variabili nel tempo, oppure per marcare con delle transizioni nette i passaggi della tensione Vs attraverso un valore di soglia prefissato Vp, come si può vedere dalla figura seguente. In assenza del blocco in uscita formato dai due diodi e da Ro, la tensione in uscita andrebbe in saturazione a +Vcc o a Vee, a seconda della polarità. Questo fatto è in generale da evitarsi perché in tal modo si spingerebbero in saturazione i transitori interni dello stadio di uscita dell amplificatore operazionale, rallentando così le commutazioni di uscita da questa condizione. Proprio per evitare questo fatto si mette il blocco con Ro e con due diodi Zener. Il diodo Zener possiede una prefissata tensione di beakdown (Vz) in polarizzazione inversa, non superabile se non a correnti molto alte che ne provocano la rottura. La presenza dei diodi Zener contrapposti di fatto taglia la tensione di uscita ai valori +Vz e Vz, impedendo la saturazione dei transistor ( in realtà il valore di taglio è Vz+Vγ perché quando un diodo è polarizzato in inversa l altro conduce e la sua caduta è Vγ). La Ro di poche decine di ohm limita la corrente massima erogabile in modo da salvare i diodi Zener dalla rottura per corrente troppo elevata In realtà, come si vede dalla figura seguente in basso, il comparatore da solo non si può impiegare. Infatti a causa della presenza ineliminabile del rumore (segnale a valor medio nullo sovrapposto ai segnali deterministici), sia su Vs che su Vp, in corrispondenza di un incrocio tra segnale e soglia possono accadere una serie di attraversamenti molto ravvicinati tra di loro, i quali generano delle ALEE, ovvero delle transizioni multiple imprevedibili della tensione in uscita. Per evitare questo fatto spiacevole si utilizza il comparatore con isteresi detto anche Trigger di Schmidt.

3 3 COMPARATORE CON ISTERESI (Circuito BISTABILE) Il comparatore con isteresi è studiato apposta per evitare la presenza delle transizioni spurie. Esso possiede una reazione positiva tra l uscita e l ingresso + (I+) del comparatore. Sull ingresso I+ si viene a stabilire una tensione dipendente dal valore dell uscita; tale tensione costituisce la soglia per la commutazione del comparatore. Sull ingresso (I-) è presente invece una tensione qualsiasi variabile nel tempo Vs(t). soglia alta : +Vz * R2/(R1+R2) = + β Vz soglia bassa:-vz * R2/(R1+R2) = - β Vz Con riferimento alla figura di sopra si vede che tra 0 e t1 la tensione Vs sta scendendo. L uscita è a Vz in quanto la tensione sugli ingressi Vin è negativa. Al tempo t1, il commutatore scatta a + Vz, quando la tensione Vin diventa positiva in quanto Vs attraversa la soglia - β Vz. Per poter scattare di nuovo verso il basso la tensione Vs deve risalire fino al valore della nuova soglia + β Vz. ( istante t2.). Ecco quindi che, se si impone l ampiezza dell isteresi 2 β Vz maggiore dell ampiezza del rumore, si evitano le alee delle commutazioni. Nella stessa figura di sopra, in basso al centro è disegnata la caratteristica di trasferimento del circuito bistabile. Questa curva è la tensione di uscita in funzione della tensione in ingresso. Si vede che tale caratteristica è appunto caratterizzata da una isteresi in cui i versi di percorrenza sono marcati dai versi delle frecce. R2, le due soglie assumono la seguente espressione: Nel caso precedente le due soglie di commutazione sono simmetriche rispetto allo 0. E possibile spostare i due valori di scatto del comparatore per mezzo della modifica illustrata nel circuito a lato. In questo caso la fascia di isteresi di commutazione viene resa asimmetrica rispetto allo zero dalla presenza della tensione Vp. Infatti, applicando il principio di sovrapposizione degli effetti ai rami con R1 ed soglia alta +Vz * R2/(R1+R2) + Vp * R1/(R1+R2) = + β Vz + (1-β) Vp soglia bassa -Vz * R2/(R1+R2) + Vp * R1/(R1+R2) = - β Vz + (1-β) Vp

4 4 L isteresi di larghezza 2 β Vz viene quindi spostata sull asse delle tensioni della quantità (1-β) Vp. CIRCUITO MULTIVIBRATORE ASTABILE Il Circuito Multivibratore Astabile ha questa denominazione perché nessuno dei due stati della tensione di uscita può essere assunto in maniera stabile, ma soltanto in forma transitoria. Il circuito commuta quindi continuamente da +Vz a Vz, secondo una certa precisa cadenza, generando quindi un onda quadra utilizzabile come generatore di clock o, insieme ad uno stadio integratore, è in grado di generare un onda triangolare. Il circuito astabile è riportato nella figura seguente. Al tempo t=0 si supponga che la tensione Vc sia nulla e la tensione in uscita sia alta (+Vz) e la soglia sia al suo stato alto (+ β Vz). (il valore assunto in uscita +Vz è congruente con il segno della differenza tra le tensioni in ingresso al comparatore). In questa fase il condensatore tende a caricarsi, cercando di raggiungere il valore +Vz, seguendo una legge esponenziale. Non appena Vc supera la soglia il comparatore scatta a Vz. (tempo t1). Il condensatore, il quale risulta in questo istante carico a + β Vz, tende da ora in poi a scaricarsi attraverso la resistenza Rc in modo da raggiungere a t=infinito il valore Vz. In questa fase l espressione analitica del transitorio di scarica della capacità è il seguente: Vc 1 (t) = Vz * (1+β) exp(-t / RC) Vz Questo regime dura fino a t2 quando la Vc attraversa in discesa la soglia bassa, per cui il comparatore scatta di nuovo verso l alto. Da t2 in poi, il nuovo transitorio di carica del condensatore assume la forma seguente: Vc 2 (t) =Vz - Vz * (1+β) exp(-t / RC) Proprio perchè l isteresi è simmetrica e le costanti di tempo di carica e scarica sono uguali, i tempi di permanenza a +Vz e Vz sono uguali e in uscita è presente un onda quadra con duty cicle (percentuale del tempo alto) del 50%. La durata di un semiperiodo dell onda si ottiene dalla seguente equazione: Vc 2 (t2-t1)= Vz * (1+β) exp(-t* / RC) Vz = - β * Vz Per cui il semiperiodo dell onda quadra è t* = RC log[(1+β)/(1-β)] mentre il periodo è T=2 t* e la frequenza è quindi data dalla seguente formula:

5 5 f = 1/{(2 RC) log[(1+β)/(1-β)]} Nel circuito precedente la semionda positiva e quella negativa dell onda quadra hanno la stessa durata (duty cycle 50%). Se voglio dissimmetrizzare l onda quadra, ovvero se voglio fare in modo che la semionda positiva abbia durata diversa da quella negativa, è sufficiente fare in modo che la carica e la scarica del condensatore avvengano con costanti di tempo diverse, come nel circuito a fianco. Data la presenza dei diodi D1 e D2 che consentono il passaggio della corrente soltanto in un verso, la costante di tempo di carica è R3 C mentre quella di scarica è R4 C. CIRCUITO MONOSTABILE NON RETRIGGERABILE Il circuito monostabile ha la funzione di costruire un impulso rettangolare squadrato, di durata prefissata sotto lo stimolo di un trigger (grilletto in inglese) ovvero di un impulso di forma irregolare generato ad esempio da un blocco derivatore a partire da un rapido fronte di salita in ingresso. Viene detto MONOSTABILE proprio perché, tra i due stati dell uscita, soltanto uno può essere mantenuto in forma stabile mentre l altro può essere assunto soltanto in forma transitoria. Il circuito del monostabile è del tutto simile a quello dell astabile con l aggiunta del diodo D1 e dell ingresso per il trigger Vk con il diodo D2. All inizio, essendo la tensione di uscita alta a livello Vz, e la soglia sull ingresso + fissa a + βvz, il condensatore tenderebbe a ad aumentare la tensione con legge esponenziale. Tuttavia, data la presenza del diodo D1 in parallelo, la tensione Vc non può superare il valore di 0.7 V pari alla Vγ del diodo. Per questa ragione viene impedito il superamento della soglia per lo scatto in basso. La tensione di trigger Vk è normalmente a valori alti (es. + 5V) e comunque maggiori di + βvz. In queste condizioni statiche il diodo D2 è interdetto per cui la Vk risulta scollegata dal circuito. Al tempo t=0 la tensione Vk subisce un impulso negativo con un valore minimo negativo minore di 0 ( si ricordi che Vk rappresenta un generatore di tensione ideale). Durante questo impulso la tensione sul catodo di D2 scende bruscamente e fa entrare in conduzione diretta D2 stesso la cui tensione ai capi è pari a 0.7 V. In altre parole, Vk trascina verso il basso il potenziale dell ingresso + il quale risulta uguale a Vk+Vγ. Quindi per far commutare in basso l uscita del comparatore, visto che la Vc non può raggiungere la soglia, si fa in modo che la soglia sia trascinata in basso al di sotto del valore di regime di Vc. Seguendo questo ragionamento, si può facilmente stabilire che per azionare l impulso negativo la tensione Vk deve andare a valori minori di zero affinchè l ingresso + possa andare a valori minori di Vγ. Una volta che la tensione di uscita è scattata a Vz l evoluzione del circuito è come quello dell astabile fino al pieno ripristino della situazione di regime al tempo t**. E facile vedere che durante l impulso di uscita negativo, l espressione della tensione sul condensatore è la seguente: Vc(t) = (Vz+Vγ) * exp(-t/rc C) Vz e quindi la durata dell impulso negativo si trova per t = t* quando Vc(t*)=-β Vz.

6 6 t* = Rc C * log [(Vz+Vγ)/Vz*(1-β)] La qualifica NON-RETRIGGERABILE vuol dire in pratica che l impulso dell uscita di durata t* non può essere interrotto da un altro trigger della Vk emesso subito dopo. Infatti stando così la forma della tensione Vk, il monostabile ritorna ad essere attivo, ovvero pronto a ricevere un altro trigger e a far partire un nuovo impulso rettangolare in uscita, soltanto quando la tensione Vc è ritornata al suo valore di regime stazionario, ovvero soltanto dopo il tempo t**. Per ottenere un monostabile duale, con lo stato basso come stato stabile e che genera un impulso rettangolare positivo, è sufficiente invertire le polarità dei diodi D1 e D2 e la tensione Vk. CIRCUITO MONOSTABILE RETRIGGERABILE Il circuito in figura costituisce invece un monostabile RETRIGGERABILE. Anche in questo caso la Vk è la tensione di trigger, normalmente a 0V con brevi (ma questa volta di durata non nulla) impulsi positivi fino a +5V di picco se non oltre. In condizioni di regime l ingresso + è fisso alla soglia di Vcc/2, mentre l ingresso -, collegato alla capacità C, è alla tensione alta di Vcc. Il transistore MOSFET è un ramo aperto perché la tensione di gate è nulla (al di sotto della tensione di soglia. Quando arriva l impulso positivo di Vk, il transistore viene portato in forte conduzione con il passaggio di una elevata corrente di drain che scarica rapidamente a massa il condensatore secondo una legge lineare (corrente costante = carica del condensatore che scende linearmente). Si prenda nota che l impulso di Vk deve durare abbastanza da permettere il completo scarico della carica sul condensatore.. Cessato l impulso di Vk il condensatore può ricaricarsi lentamente con costante di tempo pari a Rc C. Si ha quindi la

7 7 commutazione del comparatore a livello alto che dura fintanto che la tensione sul condensatore rimane minore di Vcc/2. Il lettore provveda a ricavare da solo l espressione della durata dell impulso positivo. Si noti che questo tipo di monostabile accetta sempre gli impulsi di trigger, nel senso che un secondo impulso di Vk che arrivi subito dopo il primo provoca un nuovo azzeramento della tensione sul condensatore facendo ripartire da capo il conteggio del tempo per la durata dell impulso rettangolare in uscita. In altre parole, come illustrato nella figura seguente, se arrivano due impulsi di trigger molto ravvicinati la tensione di uscita è costituita da un impulso rettangolare formato dalla sovrapposizione temporale dei due impulsi generati dai due trigger presi singolarmente. Condizione di retriggerabilità di un monostabile CIRCUITO GENERATORE DI ONDA TRIANGOLARE Circuito generatore di onda quadra (Vu) ed onda triangolare (Vo) Inizialmente si ponga Vs = 0. La condizione iniziale a l tempo 0+ all'accensione prevede che Vu = +Vz ed il condensatore scarico, ovvero Vo =0. La tensione sul terminale + del comparatore può essere sempre calcolata con la relazione: V+ = β Vu + (1-β) Vo con β = R2/(R1+R2), (1-β) = R1/(R1+R2)

8 8 La figura seguente è l'andamento temporale delle tensioni, con i punti caratteristici numerati. Andamento temporale delle tensioni nel generatore di onda triangolare 1 - Istante iniziale in cui la tensione su V+ è inizialmente uguale a + β Vz (giusto quindi che in uscita dal trigger sia Vu =+Vz) e poi scende con legge lineare in quanto la tensione Vo è l'integrale della tensione +Vz e l'integratore è invertente. Quindi Vo =- Vz*[t / (Rc C)]. 2 - Quando la tensione V+ incontra la soglia 0 si ha la commutazione del trigger (si inverte il segno della differenza delle tensioni in ingresso) e la tensione Vu scatta a Vz. Immediatamente prima che questo avvenga la tensione V+ è a 0 volt ovvero V+ = + β Vz + (1-β) Vo =0 quindi Vo = - Vz * [β /(1-β)] Dopo la commutazione, per effetto del cambiamento repentino della tensione sull'uscita del trigger, mentre la tensione Vo rimane la stessa di prima, la tensione V+ subisce un brusco abbassamento portandosi a tale valore V+ = - β Vz β Vz = - 2 β Vz Da allora in poi l'uscita dell'integratore è una rampa crescente in quanto viene integrata una tensione negativa e conseguentemente la tensione V+ tende a salire linearmente. 3 - La prossima commutazione si ha quando la V+ incrocia in salita la soglia di 0 V. anche in questo caso si ha V+ = - β Vz + (1-β) Vo =0 e quindi Vo = + Vz * [β /(1-β)] e la V+ subisce un brusco salto in salita di + 2 β Vz. In conclusioni l'onda triangolare in uscita dall'integratore ha valor medio nullo ed una ampiezza picco picco pari a 2Vz * [β /(1-β)], con i valori massimo e minimo in corrispondenza delle commutazioni del trigger. La sua frequenza può essere variata cambiando i valori della costante di tempo di integrazione ovvero cambiando Rc e/o C. Si lascia al lettore il compito di chiarire il ruolo della tensione Vs nel caso che questa sia diversa da 0 V.

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

Sistemi di controllo (ad anello chiuso)

Sistemi di controllo (ad anello chiuso) SISTMI DI CONTOLLO...2 Nodo di confronto...2 Blocco di retroazione...2 Sistema (vero e proprio)...2 Funzione di trasferimento del sistema ad anello chiuso...3 Funzione di trasferimento del sistema ad anello

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

L'amplificatore operazionale - principi teorici

L'amplificatore operazionale - principi teorici L'amplificatore operazionale - principi teorici Cos'è? L'amplificatore operazionale è un circuito integrato che produce in uscita una tensione pari alla differenza dei suoi due ingressi moltiplicata per

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito 2 Febbraio 28 Quaderni di Applicazione ecnica 1SDC7101G0902 Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Indice 1 Generalità sulle cabine

Dettagli

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE 175 ntroduzione all analisi dei problemi di collasso. L analisi del comportamento del terreno potrebbe essere fatta attraverso dei modelli di comportamento elasto plastici, ma questo tipo di analisi richiede

Dettagli

THE WORLD OF DC/DC-CONVERTERS. SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti?

THE WORLD OF DC/DC-CONVERTERS. SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti? SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti? Un convertitore DC / DC è utilizzato, generalmente, quando la tensione di alimentazione disponibile non è compatibile

Dettagli

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione.

1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1. Intorni di un punto. Punti di accumulazione. 1.1. Intorni circolari. Assumiamo come distanza di due numeri reali x e y il numero non negativo x y (che, come sappiamo, esprime la distanza tra i punti

Dettagli

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni

OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni OVR Guida pratica per la protezione contro le sovratensioni Indice Protezione contro le sovratensioni Danni causati dalle sovratensioni... 2 Origine delle sovratensioni Scariche atmosferiche... 4 Manovre

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo Appunti di Teoria dei Segnali a.a. 010/011 L.Verdoliva In questa sezione studieremo i sistemi tempo continuo e tempo discreto nel dominio del tempo. Li classificheremo in base alle loro proprietà e focalizzeremo

Dettagli

Il motore asincrono trifase

Il motore asincrono trifase 7 Giugno 2008 1SDC007106G0901 Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono trifase Generalità ed offerta ABB per il coordinamento delle protezioni Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono

Dettagli

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO COLLANA DI MANUALI DI PROGETTAZIONE ANTISISMICA VOLUME 5 PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO M. Dolce, D. Cardone, F. C. Ponzo, A. Di Cesare INDICE CAPITOLO 1: Introduzione all isolamento sismico

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

IL FENOMENO DELLA RISONANZA

IL FENOMENO DELLA RISONANZA IL FENOMENO DELLA RISONANZA Premessa Pur non essendo possibile effettuare una trattazione rigorosa alle scuole superiori ritengo possa essere didatticamente utile far scoprire agli studenti il fenomeno

Dettagli

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Dicembre 2006 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione 1SDC007103G0902 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Indice Introduzione... 2 1 Il riscaldamento nei quadri elettrici 1.1 Generalità...

Dettagli

Progettazione, costruzione e controllo. di un ascensore da laboratorio a tre piani. Michele Pischedda

Progettazione, costruzione e controllo. di un ascensore da laboratorio a tre piani. Michele Pischedda Università degli studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Corso di laurea di Ingegneria Elettronica Tesi di Laurea Specialistica Progettazione, costruzione e controllo di un

Dettagli

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR

Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione strade del CNR MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI SISTEMI DI REGOLAZIONE DEL TRAFFICO LINEE GUIDA Documento approvato dalla Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione,

Dettagli

Progettazione, realizzazione e controllo di un carroponte

Progettazione, realizzazione e controllo di un carroponte Università degli Studi di Pavia FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Progettazione, realizzazione e controllo di un carroponte Relatore: Ing. Lalo Magni Correlatore: Ing. Gianluca

Dettagli

BENINATTO RICCARDO MICROSCOPIA OTTICA ED ELETTRONICA prof. POLIZZI STEFANO STCCR A.A. 2005/2006

BENINATTO RICCARDO MICROSCOPIA OTTICA ED ELETTRONICA prof. POLIZZI STEFANO STCCR A.A. 2005/2006 BENINATTO RICCARDO MICROSCOPIA OTTICA ED ELETTRONICA prof. POLIZZI STEFANO STCCR A.A. 2005/2006 INDICE INTRODUZIONE PAG. 3 L OTTICA GEOMETRICA PAG. 9 MICROSCOPIA OTTICA PAG. 16 DIFFRAZIONE DA UNA FENDITURA

Dettagli

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE

3. TEORIA DELL INFORMAZIONE 3. TEORIA DELL INFORMAZIONE INTRODUZIONE MISURA DI INFORMAZIONE SORGENTE DISCRETA SENZA MEMORIA ENTROPIA DI UNA SORGENTE NUMERICA CODIFICA DI SORGENTE 1 TEOREMA DI SHANNON CODICI UNIVOCAMENTE DECIFRABILI

Dettagli

Lezioni di Fisica non lineare

Lezioni di Fisica non lineare Università degli Studi di Bari Corso di Laurea in Fisica Lezioni di Fisica non lineare Giuseppe Gonnella Dipartimento di Fisica via Amendola 173, 70126 Bari, Italy gonnella@ba.infn.it 2 Indice 1 Fisica

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Ingegneria e Tecnologie dei Sistemi di Laurea Specialistica in Ingegneria Meccatronica SENSORI E TRASDUTTORI Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Sensori e Trasduttori I dispositivi di misura

Dettagli

Giudici in affanno. Andrea Ichino. university of bologna. 5 magggio, 2009

Giudici in affanno. Andrea Ichino. university of bologna. 5 magggio, 2009 Giudici in affanno Decio Coviello european university institute Andrea Ichino university of bologna 5 magggio, 2009 Nicola Persico newyork university Sommario Partendo dai dati di ogni singolo processo

Dettagli

CAP.VII Conduzione e Scarica nei DIELETTRICI SOLIDI

CAP.VII Conduzione e Scarica nei DIELETTRICI SOLIDI CAP.II Conduzione e Scarica nei DIELETTRICI SOLIDI II.1 Introduzione Il comportamento di un materiale solido isolante, con riferimento alle sollecitazioni di tipo elettromagnetico, dipende da fattori ben

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli