Capitolato speciale di appalto relativo alla digitalizzazione di documenti dell archivio anagrafico e di stato civile del Comune di Livorno.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolato speciale di appalto relativo alla digitalizzazione di documenti dell archivio anagrafico e di stato civile del Comune di Livorno."

Transcript

1 Capitolato speciale di appalto relativo alla digitalizzazione di documenti dell archivio anagrafico e di stato civile del Comune di Livorno. Art. 1 Oggetto dell appalto Il presente capitolato ha per oggetto la digitalizzazione di documenti filmati e cartacei dell archivio anagrafico e di stato civile del Comune di Livorno. Tutte le informazioni di carattere tecnico e le caratteristiche dei beni e dei servizi richiesti sono in esso specificate. Art. 2 Prestazioni Con la realizzazione del presente progetto, il Comune di Livorno intende: Per l anagrafe: recuperare, trasferendoli su supporto informatico, i documenti contenuti in 89 bobine di microfilm dei fogli di famiglia privi di cartaceo; digitalizzare, completando l archivio dei documenti microfilmati, il restante archivio cartaceo di 364 contenitori dei fogli di famiglia secondo le specifiche riportate all art. 5 tab. 1. Per lo stato civile: digitalizzare, recuperandoli, i documenti cartacei di nascita e matrimonio a decorrere dal 1866, gli indici decennali degli atti di nascita e matrimonio per gli anni conteggiati, gli atti di nascita e di matrimonio secondo le quantità e i periodi indicati nel successivo art. 5 tab. 2. Relativamente a quanto premesso si intende creare un archivio indicizzato di immagini di alta qualità. Tale archivio dovrà essere integrato con l attuale piattaforma software di gestione INFOR dell ufficio anagrafe e di stato civile in maniera tale che l accesso alle immagini digitalizzate dei documenti e il loro utilizzo sia trasparente al personale dell ufficio. Per i documenti relativi a cittadini non ancora presenti nei data base dei due uffici dovrà essere fornita una opportuna interfaccia software che permetta le normali operazioni di gestione. Art. 3 Soggetti abilitati Possono partecipare alla gara i soggetti di cui all art. 34 del decreto legislativo 163/2007. Art. 4 Adempimenti Viene richiesta la realizzazione di: Servizio di scansione dei documenti e relativa indicizzazione secondo le modalità di seguito specificate con i relativi servizi di controllo di qualità dell immagine e della correttezza dei dati inseriti; Fornitura del software di gestione dell archivio senza limitazioni di utilizzo. Tale software dovrà prevedere per i due servizi, in termini di gestione, la ricerca, la consultazione e la stampa delle immagini dei documenti scansionati, nonché l inserimento, l acquisizione e l aggiornamento di posizioni non ancora presenti nel data base informatico.

2 Dovrà inoltre prevedere: l integrazione dell archivio delle immagini con il gestionale attualmente in uso presso i servizi demografici del Comune, l attività di installazione e configurazione, l attività di installazione tecnico sistemistica sulla fornitura, i servizi di manutenzione del software per i dodici mesi successivi alla data di collaudo, inteso come periodo di garanzia, infine la formazione del personale addetto del Comune, in modo da renderlo autonomo sull utilizzo del software gestionale. Art. 5 Caratteristiche e quantità dei documenti da digitalizzare I documenti da digitalizzare e da indicizzare sono conservati in archivi raccolti in contenitori quali bobine microfilm, contenitori cartacei in armadi metallici o registri posizionati su scaffali murali. La tipologia e le quantità sono indicate nelle tabelle seguenti. Tab. 1- Anagrafe Fogli di Famiglia (valori stimati) Descrizione Supporto N contenitori N documenti per contenitore N documenti da digitalizzare Recupero bobine Bobine microfilm FF (1) al 1972 da A a GU Recupero bobine Bobine microfilm FF da anno 1973 a 1981 (da A a Z) (1) Recupero bobine Bobine microfilm FF da anno 1982 a 1984 (da A a MA) (1) FF eliminati al Raccoglitore (2) da GUC a Z FF da anno 1982 Raccoglitore ad anno 1984 (da MA a Z) Stati di famiglia Raccoglitore da anno 1985 a 2005 Totale (1) Di questi documenti non esiste il cartaceo.

3 Tab. 2 - Stato Civile valori stimati Descrizione Numero atti N documenti Atti da recuperare a fini conservativi (1) Indici decennali atti di nascita e matrimonio per gli anni considerati Atti di nascita dal 1930 p. 1/A e 2/B dal 1997 Atti di matrimonio dal 1950, p. 1 e /A Totale (1) Documenti risalenti al solo anno1866 I concorrenti che intendono partecipare hanno l obbligo di prendere parte al sopralluogo ricognitivo che si terrà nei modi e nei tempi indicati nel bando di gara. Art. 6 Qualità della scansione Le immagini dei documenti scansionati dovranno conservare la leggibilità dell originale e dovranno essere eventualmente raddrizzate e ruotate per il giusto verso di lettura indipendentemente dall orientamento che avranno avuto nell inserimento allo scanner. Le stesse dovranno avere una risoluzione idonea a mantenere la leggibilità dell originale, in ogni caso non inferiore a 200 x 200 dpi. Inoltre dovranno essere archiviate nel formato che ne permetta il migliore utilizzo sia per la consultazione a video che per la stampa. Tale formato dovrà altresì garantire la compatibilità tra diverse applicazioni (anche di terzi), nonché assicurare un supporto esteso nel tempo. Art. 7 Indicizzazione dei documenti Ogni immagine dovrà essere indicizzata per consentire l integrazione con il data base dell Anagrafe e dello Stato Civile, nonché con il software gestionale attualmente in uso. Per i Fogli di famiglia e i registri di stato civile l indicizzazione andrà effettuata per ogni nominativo presente sul foglio o sul registro. La fase dell indicizzazione dovrà essere eseguita con la massima cura e da personale adeguatamente formato. Al fine, poi, di garantire la massima qualità e correttezza di corrispondenza tra indici e immagini dovranno essere previste attività di verifica e controllo utilizzando anche il data base in uso per i servizi demografici che verrà fornito dal Comune. Dovrà inoltre essere fornita un interfaccia software che permetta la ricerca, la consultazione e l utilizzo delle immagini in maniera indipendente, a prescindere dal gestionale in uso presso i due uffici. Art. 8 Modalità di esecuzione del progetto I documenti cartacei e i microfilm dovranno essere trattati con la massima cura e attenzione per garantire la migliore conservazione degli stessi e la tutela dei dati personali.

4 Per il trasferimento su base informatica dei microfilm la ditta aggiudicataria potrà prelevare e portare presso il proprio luogo di lavorazione copia dei medesimi. Di tale materiale documentale dovrà essere redatto e sottoscritto dettagliato verbale di consegna. Per la digitalizzazione del materiale cartaceo, invece, l acquisizione e l indicizzazione dei documenti dovrà avvenire esclusivamente in appositi spazi interni messi a disposizione dal Comune di Livorno. Nessun documento potrà uscire dalla sede comunale. Lo storage per l archiviazione delle immagini sarà messo a disposizione dal Comune che garantirà il necessario affiancamento ai tecnici dell appaltatore nell installazione, configurazione del software, lato server necessario. Andranno digitalizzati prima i documenti d anagrafe e, in primo luogo, le bobine dei microfilm. Di seguito o contemporaneamente verranno scansionati e indicizzati i fogli di famiglia come specificato all art. 5. Completati tali archivi d anagrafe si proseguirà con la digitalizzazione degli atti di stato civile secondo la sequenza di priorità riportata nelle apposite tabelle all art. 5. I documenti che durante la lavorazione fossero richiesti dagli uffici di anagrafe e di stato civile per la consultazione dovranno essere resi disponibili entro 1 ora dalla richiesta. Tutte le attrezzature necessarie per l espletamento del servizio saranno a totale carico dell appaltatore che ne dovrà garantire l installazione, la configurazione del software lato server necessario. Il personale del Comune di Livorno dovrà essere opportunamente formato in modo da essere reso autonomo nella consultazione e, ove richiesto, nell inserimento di nuovi documenti in archivio. Art. 9 Modalità di redazione dell offerta tecnica L offerta dovrà contenere le seguenti informazioni idonee a illustrare il servizio di acquisizione delle immagini: Modalità di ritiro, di lavorazione e di restituzione dei microfilm digitalizzati; Specifiche tecniche di elaborazione delle immagini contenute nei supporti e prestazioni in sede gestionale; Modalità di segnalazione e gestione delle anomalie sistemabili da parte degli operatori comunali; eventuali servizi aggiuntivi rispetto alle richieste del capitolato che si ritiene utile offrire in quanto atti a produrre significativi miglioramenti complessivi e qualitativi nella gestione dell'archivio storico dell'anagrafe e dello stato civile; piano di fornitura con indicazione dei tempi di consegna dei pacchetti di lavoro, del tipo e quantità dei supporti su cui si intende fornire la copia master delle immagini. Il lavoro dovrà essere suddiviso in quattro pacchetti rispettivamente per l anagrafe e lo stato civile e, nella fattispecie: Anagrafe: il primo pacchetto dovrà essere pari al 10% del totale dei documenti contenuti nelle bobine dei microfilm ( ), nonché al 10% del totale fogli di famiglia (materiale cartaceo) per come indicato all art. 5 tab. 1 (in tutto documenti); Stato civile: il primo pacchetto sarà formato dal 10% del numero complessivo degli atti da digitalizzare (totale ).

5 I restanti tre pacchetti saranno pari, ognuno, al 30% delle variabili quantitative sopra indicate per i rispettivi settori. Il soggetto concorrente dovrà redigere un calendario dei tempi di inizio e fine per ogni settore tenendo conto della sequenza temporale che dovrà essere conferita all esecuzione del progetto, a partire prioritariamente dal settore anagrafe e, a seguire, con lo Stato civile. L'elemento "tempo" sarà preso in considerazione quale elemento di valutazione. Si specifica che per "esecuzione lavori" si deve intendere il lavoro eseguito, controllato ed eventualmente corretto, perciò valutato positivamente al collaudo. Art. 10 Collaudo della fornitura 1. Al completamento di ogni pacchetto parziale di esecuzione del servizio di acquisizione e indicizzazione sarà eseguito il collaudo dal dirigente del Settore Servizi Demografici o da suoi delegati, alla presenza e con l'assistenza di personale qualificato e rappresentativo dell'appaltatore. Le operazioni di collaudo verranno descritte in apposito verbale, sottoscritto dai partecipanti. 2. Il sistema deve essere reso perfettamente funzionante ed operativo in rispondenza a quanto specificato nel presente capitolato. 3. Il collaudo viene valutato come positivo ove le prove pongano in evidenza malfunzionamenti o errori con percentuale inferiore al 5 per mille. 4. Il collaudo di ogni pacchetto di lavoro avverrà mediante tecnica statistica campionaria. L analisi avrà come oggetto la verifica degli errori (una scheda errata = 1 errore) presenti in un campione. Per ogni campione verrà calcolato un valore soglia definito come numero massimo di errori rilevabili affinché il pacchetto di lavoro sia positivamente collaudato. Nella fattispecie, per il collaudo di ogni singolo pacchetto di lavoro vengono fissate: Numero di schede del campione: 600 Valore soglia: 6 Ricordando, come già descritto nel precedente articolo, che i pacchetti di lavoro sono 4, le schede che come minimo saranno oggetto di collaudo sono Ove le prove di collaudo pongano in evidenza malfunzionamenti o errori con percentuale superiore al 5 per mille, la Ditta aggiudicataria si impegna ad eliminarli nel più breve tempo possibile e comunque non oltre 10 giorni dalla data del verbale di accertamento. Le prove di collaudo potranno essere ripetute ove permangano le cause di non conformità, ma se entro 30 giorni dalla data del collaudo (parziale o definitivo) lo stesso non avesse un esito positivo, l'ente ha facoltà di risolvere il contratto, fatto salvo il risarcimento dei danni. Art. 11 Caratteristiche del sistema di acquisizione e di archiviazione Il sistema dovrà essere compatibile con tutti gli scanner documentali e altre periferiche di acquisizione con la possibilità di estrarre i dati tramite motori di riconoscimento quali: Barcode (1D - 2D), OCR (Caratteri stampati), ICR (caratteri manoscritti), OMR (Check Box) e con la possibilità di riconoscere l'intero contenuto del documento per poi essere trasformato in formato PDF+Testo indicizzabile. Il sistema dovrà esportare i dati verso qualsiasi database ODBC-compatibile e/o in un file ASCII delimitato e dovrà analizzare automaticamente il contenuto di ciascun documento scansionato e correggere l'orientamento delle immagini, con la possibilità di scansione mista con documenti in bianco e nero e documenti a colori.

6 Il sistema dovrà rilevare automaticamente i documenti che devono essere in bianco e nero da quelli che dovrebbero rimanere a colori. Soppressione dei rumori di fondo e ombreggiature, riduzione delle dimensioni del file per il recupero e la visualizzazione sulla rete. La piattaforma documentale si dovrà basare preferibilmente su tecnologia open-source (Direttiva del Ministro per l'innovazione e le tecnologie del 19 dicembre G.U. 7 febbraio 2004, n.31) con le seguenti principali caratteristiche: 1. Architettura scalabile con software e hardware in commercio; 2. Interfacce per CIFS, WebDav e FTP; 3. Sicurezza: gestione utenti e sicurezza tramite utenti di active directory microsoft, gruppi e ruoli, che assicuri conformità almeno alle misure minime di sicurezza previste dal D.Lgs.196/2003. Sicurezza a livello di singolo documento, single-sign-on mediante NTLM o LDAP. 4. Sviluppo di contenuto controllato e verificato tramite creazione, revisione, approvazione, lancio pianificato, scadenza, mantenimento e archiviazione. 5. Autenticazione (l accesso al sistema da parte degli utenti dovrà avvenire con un normale browser internet tramite una connessione sicura e dovrà essere garantito almeno mediante l inserimento di userid e password). 6. Amministrazione (questa funzionalità dovrà permettere di effettuare tutte le operazioni necessarie alla gestione e all utilizzo dell applicazione: dalla definizione di utenti e gruppi, alla configurazione dei relativi profili, alla gestione delle password di accesso e dei certificati). 7. Ricerca documenti (possibilità di ricercare dei documenti introducendo/eliminando specifiche chiavi di ricerca). 8. Gestione dei log (tutte le attività effettuate dagli utenti all interno del sistema dovranno essere registrate ed archiviate in un database con possibilità di visualizzazione, da parte degli utenti autorizzati, dei file di log per conoscere la storia di un documento, di un utente, di una sessione di utilizzo della procedura o semplicemente per controllare chi ha avuto accesso al sistema o ad un documento in un dato giorno). 9. Sarà considerata preferenziale una piattaforma WEB BASED, ambiente client leggero cioè con la necessità di installazione del solo browser Internet oltre il sistema operativo. 10.II Database Oracle versione 9 dovrà prevedere la possibilità di migrare a versioni superiori.. I posti di lavoro sono PC con windows Xp o superiori, connessi in rete locale con protocolli TCP/IP. Nell'offerta tecnica si dovranno precisare in modo chiaro i prerequisiti dell ambiente (ove con ambiente si intende tutte le componenti software a partire dal S.O. necessarie per il funzionamento del software applicativo offerto) e di configurazione software e hardware (es. tipo processore, velocità, Ram, capacità hard disks, ecc... ) sia del posto di lavoro che del/dei server. La Ditta nell'offerta dovrà specificare in modo esaustivo e dettagliato tutte le caratteristiche del software di ambiente necessarie al corretto funzionamento del sistema applicativo inteso in numero, tipo, denominazione, versione dei componenti, tipologia e numero delle licenze d'uso sia per la parte Client che per la parte server. L appaltatore dovrà inoltre indicare le specifiche tecniche dell'eventuale strumento di teleassistenza che comunque dovrà essere compatibile con le architetture, le strutture e le regole di sicurezza adottate presso Il Comune di Livorno. II sistema proposto dovrà essere quotato e dimensionato per essere utilizzato da numero iniziale di 30 utenti e dovrà essere specificato il costo di ogni utente aggiuntivo o gruppi di utenti, sia per le componenti client che server. Il software di gestione documentale adottato sarà infatti unico ed esteso agli altri settori dell ente.

7 Art. 12 Integrazione del software di gestione documentale con la procedura informatica in uso presso i servizi demografici. La ditta offerente, come parte integrante dell offerta, dovrà impegnarsi ad integrare, il prodotto di gestione documentale con la procedura Demografico Infor usando la tecnologia dei web-services che sarà fornita all APPALTATORE. Il metodo di accesso al gestionale Infor potrà essere: A. metodo diretto ed univoco Demografico Infor, a fronte di una richiesta di visualizzazione di un documento digitalizzato, effettuata dall operatore utilizzando uno specifico tasto a video, inoltra una chiamata verso il software di gestione documentale, contenente i parametri per una ricerca puntuale ed univoca del documento stesso. Tale ricerca ha esclusivamente due esiti: 1. esito positivo il documentale restituisce una ed una sola immagine ed un messaggio codificato di esito positivo; 2. esito negativo il documentale restituisce un messaggio codificato di non trovata corrispondenza tra il valore del parametro di ricerca e gli indici dei documenti presenti; B. metodo di accesso con chiave parziale Il gestionale anagrafico e di stato civile, a fronte di una richiesta di visualizzazione di un documento digitalizzato effettuata dall operatore utilizzando uno specifico tasto a video, inoltra una chiamata verso il software di gestione documentale, contenente i parametri per una ricerca che può generare una risposta multipla, restituendo più di un documento. Tale ricerca ha tre possibili esiti: 1. esito positivo univoco la chiave fornita al documentale è sufficiente per il reperimento di un unico documento - il documentale restituisce una ed una sola immagine ed un messaggio codificato di esito positivo, 2. esito positivo multiplo la chiave fornita al documentale è associabile a più documenti in quanto ad esempio parziale rispetto ai dati di ricerca possibili il documentale deve poter ricercare, attraverso l interpretazione dei propri indici, il set di documenti che rispondono alla chiave di ricerca fornita, restituendo al gestionale anagrafico le corrispondenti immagini. Il documentale restituisce un messaggio codificato che attesta la presenza di una risposta multipla; 3. esito negativo il documentale restituisce un messaggio codificato di non trovata corrispondenza tra la chiave fornita e quelle archiviate nel proprio DB il documentale restituisce un messaggio codificato di non trovata corrispondenza tra il valore del parametro di ricerca e gli indici dei documenti presenti. Art. 13 Manutenzione del software 1. Sulla soluzione software fornita dovrà essere effettuata assistenza e manutenzione, compresa nel prezzo dell'offerta, per dodici mesi dalla data di collaudo eseguito con esito positivo; tale periodo di dodici mesi è detto periodo di garanzia. 2. L'assistenza e la manutenzione ordinaria del software comprese nella fornitura, durante il periodo di garanzia, dovrà includere i seguenti servizi: - Help Desk telefonico dal lunedì al venerdì dalle ore 7.30 alle ore 19.00; - Interventi di correzione delle anomalie segnalate ed eventuale rilascio di aggiornamenti correttivi; - adeguamento del software alle variazioni di norme e regolamenti in materia a livello centrale e locale;

8 - Rilascio di nuovi aggiornamenti migliorativi alla release acquistata. 3. Alla scadenza del periodo di garanzia la ditta dovrà essere in grado di fornire un servizio di assistenza e manutenzione inclusivo dei servizi descritti al punto 2 del presente articolo. Gli interventi dovranno essere effettuati nei giorni non festivi, entro 8 ore lavorative dalla chiamata e dovranno essere completati nei tempi di seguito specificati: per guasti bloccanti entro 24 ore solari dall'inizio dell'intervento, per guasti non bloccanti entro 3 gg lavorativi dall'inizio dall'intervento. La manutenzione straordinaria comprenderà: 1. Manutenzione migliorativa del software in relazione a eventuali richieste di nuove funzionalità avanzate dal Comune di Livorno (non comprese nella manutenzione ordinaria) 2. Personalizzazioni del software al fine di recepire le specifiche istanze del Comune di Livorno anche a suo unico uso, purché non in contrasto con l'architettura generale del prodotto. 3. Realizzazione di procedure estemporanee atte a completare la messa a punto della banca dati. 4. Realizzazione di interventi applicativi e sistemistici su specifica richiesta del Comune di Livorno Gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria dovranno essere effettuati alle tariffe precisate nell'offerta e dovranno essere effettuati nei tempi e nei modi stabiliti o di volta in volta pattuiti. Per gli anni successivi al periodo di garanzia le stesse potranno essere incrementate applicando l indice ISTAT del prezzi al consumo (FOI). Art. 14 Messa in esercizio dell applicazione La Ditta dovrà presentare, insieme all'offerta, un piano di messa in esercizio dell'applicazione: installazione, formazione del personale utente (circa 30 persone), avviamento e collaudo. L'installazione del software sui posti di lavoro dell'utente e sul/sui server, previa verifica di rispondenza delle caratteristiche di configurazione necessarie, è a carico della Ditta e dovrà ritenersi conclusa quando tutti i componenti siano operativi. Le attività di cui al comma precedente si intendono comprensive anche di tutte le operazioni di configurazione dei client, delle periferiche e del/dei server, della predisposizione dei protocolli di sicurezza dei dati, della predisposizione e del popolamento di almeno un 10% delle basi di dati. Art. 15 Collaudo del software di gestione documentale Al completamento di quanto sopra detto, e precisamente a l m o m e n t o delle installazioni e del popolamento della basi di dati con il primo pacchetto di lavoro, verrà effettuato il collaudo dell'applicazione, in modo da verificare: 1. la corrispondenza tra le caratteristiche dichiarate e quelle riscontrate; 2. la correttezza delle installazioni, delle configurazioni, dei sistemi di sicurezza, del popolamento delle basi di dati; 3. la qualità delle immagini dei documenti; 4. il generale buon funzionamento e le prestazioni complessive dell'applicativo, compresa l integrazione con la piattaforma Demografico Infor. In caso di collaudo non positivo il Comune di Livorno ha facoltà di risolvere in tutto o in parte la fornitura salvo il diritto al risarcimento dei maggiori danni. In ogni caso il collaudo, anche se favorevole, non esonera la Ditta dalle responsabilità sancite dal vigente Codice Civile.

9 Art. 16 Presentazione dell offerta tecnica L offerta, redatta in lingua italiana, dovrà essere predisposta e formulata secondo le indicazioni del presente capitolato e dovrà contenere le soluzioni tecniche e organizzative per l esecuzione del progetto e delle attività oggetto dell appalto. Art. 17 Offerta economica L importo complessivo posto a base di gara è di ,00 (leggasi novantottomila) oltre iva al 20% di ,00 per un totale complessivo di ,00. Nel prezzo di offerta dovranno essere specificate anche le tariffe di manutenzione ordinaria e straordinaria secondo quanto indicato al precedente art.13. Sull importo posto a base di gara è richiesta l offerta al ribasso. L amministrazione si riserva di valutare eventuali anomalie dell offerta sulla base del disposto di cui all art.86 e ss. del Codice dei contratti. L offerta dovrà essere inserita in busta chiusa e sigillata, da tenersi distinta da quella contenente l offerta tecnica. Non sono ammesse offerte in aumento. Art. 18 Criteri di valutazione dell offerta e affidamento Le offerte presentate saranno valutate dall apposita commissione giudicatrice nominata ai sensi di legge. La commissione procederà alla valutazione secondo i criteri di seguito descritti, attribuendo complessivamente il punteggio massimo di 100 punti così ripartiti: a) Qualità dell offerta tecnica: 60 punti b) Prezzo: 40 punti La valutazione della qualità dell offerta tecnica sarà articolata sulla base dei seguenti punteggi: a) Illustrazione del progetto di digitalizzazione distinto per i due settori di anagrafe e di stato civile in conformità alle prescrizioni contenute nel presente capitolato con le specifiche tecniche dell elaborazione delle immagini e del tipo di prestazioni finali in sede di gestione per i due settori. Massimo 45 punti. b) Piano di fornitura con indicazione dei tempi di consegna dei pacchetti di lavoro di cui al precedente articolo 9, nonché del tipo e quantità di supporto su cui si intende fornire la copia master delle immagini. Massimo 10 punti. c) Eventuali servizi aggiuntivi e migliorativi rispetto alle richieste del capitolato che si ritengono offrire per una migliore gestione qualitativa nella gestione degli archivi storici. Massimo 5 punti. Per l offerta economica si procederà alla valutazione secondo i criteri sotto descritti attribuendo il punteggio massimo di 40 punti sulla base della formula sotto indicata: Pi = P max X O.min. O iesima dove: P i indica il punteggio assegnato all offerta economica i esima P max indica il punteggio assegnato all offerta economica più bassa pari a 40 punti. O min indica l offerta economica più bassa O i indica l offerta economica del fornitore i - esimo

10 L appalto sarà aggiudicato al soggetto che avrà ottenuto il maggior punteggio sommando i punti conseguiti sulla qualità dell offerta tecnica e sull offerta economica. Nel caso in cui due o più soggetti partecipanti alla gara ottengano lo stesso punteggio complessivo, l aggiudicazione è disposta a favore dell offerta che ha ottenuto il maggior punteggio in relazione alla qualità dei progetti. L Amministrazione Comunale ha facoltà di non aggiudicare l appalto (art. 81 Dlgs 163/2006) se nessuna offerta risulti conveniente o idonea in relazione all oggetto del capitolato. I prezzi di aggiudicazione resteranno fissi e invariabili per tutta la durata dell appalto. Art. 19 Piano della sicurezza Il soggetto aggiudicatario, prima dell aggiudicazione del servizio, dovrà produrre il documento di valutazione dei rischi connessi alla propria attività per la sicurezza e la salute durante il lavoro del personale da esso dipendente specificando, nell offerta economica, la quota parte del prezzo contrattuale complessivo da destinare allo scopo. Una copia, entro quaranta giorni dall attivazione del presente appalto, dovrà essere trasmessa all Amministrazione Comunale la quale si riserva di indicare ulteriori adempimenti ai quali l impresa dovrà adeguarsi entro il termine stabilito. La stazione appaltante, fermo restando gli obblighi di cui all art. 7 del d.lg.vo 626/94, comma 3, così come modificato dall art. 3 c. 1 lettera a) della legge 123/2007 ed in ottemperanza all art. 26 del decreto legislativo 81/2008, ha redatto in via preliminare, il Documento Unico di Valutazione dei Rischi qui allegato, nel quale si individuano le interferenze e le misure da adottare per eliminare o ridurre i relativi rischi in relazione alle prestazioni di servizio da svolgere nelle sedi comunali con presenza di organici dipendenti da più datori di lavoro. Nel documento preliminare si individuano anche interferenze e relative misure da adottare, che non comportano costi per l appaltatore. L aggiudicatario, nel caso in cui individui misure migliorative per la sicurezza del lavoro, sulla base della propria esperienza, potrà chiedere di integrare il DUVRI entro 30 giorni dall aggiudicazione. Il documento, integrato come sopra, costituisce il Documento Unico di Valutazione dei Rischi definitivo e comprensivo delle interferenze. Art. 20 Tempi e modalità di esecuzione dell appalto Il presente appalto dovrà, in ogni caso, essere eseguito secondo le modalità, le specifiche tecniche e gli standard qualitativi presentati nell offerta tecnica nonché secondo i criteri seguenti: La ditta risultata aggiudicataria dell appalto dovrà inviare all Amministrazione Comunale prima dell inizio del progetto, l elenco nominativo, completo con i dati anagrafici, del personale che svolgerà il servizio, con eventuali sostituti. Ogni variazione dovrà essere comunicata all Amministrazione prima che il personale non compreso nel suddetto elenco sia avviato all espletamento del servizio; Il personale addetto al servizio dovrà essere a conoscenza delle modalità di espletamento dello stesso e dovrà essere consapevole dell ambiente in cui è tenuto ad operare; La ditta dovrà altresì garantire la presenza di un responsabile e coordinatore referente per la corretta esecuzione del progetto. Il personale della ditta è tenuto anche a mantenere il segreto d ufficio sui fatti e sulle circostanze di cui sia venuto a conoscenza nell espletamento dei propri compiti;

11 La ditta è tenuta ad incaricare per il servizio in oggetto persone in grado di mantenere un contegno decoroso ed irreprensibile, riservato, corretto e disponibile alla collaborazione con altri operatori; E facoltà dell Amministrazione Comunale chiedere alla ditta di allontanare dal servizio i dipendenti che durante lo svolgimento del servizio abbiano dato motivo di lagnanza o abbiano tenuto un comportamento non consono all ambiente di lavoro. Art. 21 Ulteriori obblighi L aggiudicatario è sottoposto a tutti gli obblighi verso i propri dipendenti come risulta dalle disposizioni legislative e regolamentari in materia di lavoro e assicurazioni sociali ed assume a proprio carico tutti gli oneri relativi, comprese polizze contro gli infortuni valide anche per le attività che saranno svolte presso le sedi oggetto del presente capitolato. L aggiudicatario è obbligato altresì ad attuare, nei confronti dei propri dipendenti occupati nelle prestazioni oggetto del contratto, condizioni normative e retributive non inferiori a quelle risultanti dai contratti collettivi di lavoro di categoria e dagli accordi integrativi contrattuali. Inoltre la ditta aggiudicataria dovrà essere in possesso di idonea polizza assicurativa per la responsabilità civile verso terzi, sollevando il Comune di Livorno da qualsiasi responsabilità derivante da fatti avvenuti durante l espletamento del servizio in parola; Qualora la ditta non risulti in regola con gli obblighi assicurativi, contributivi e previdenziali, l Amministrazione Comunale procederà alla sospensione del pagamento delle fatture, previa comunicazione con ricevuta di ritorno, assegnando alla ditta un termine entro il quale procedere alla regolarizzazione. In caso contrario il Comune procederà alla risoluzione del contratto. Per la sospensione e conseguente ritardo di pagamento la Ditta non potrà opporre eccezioni, né avrà titolo al risarcimento dei danni. Art. 22 Inadempienze e penalità Qualora si verifichino inadempienze dell'impresa nell'esecuzione delle prestazioni contrattuali, potrà essere applicata dall'amministrazione comunale in relazione alla loro gravità, una penale fino al massimo del 20% del valore dell'appalto. Nel caso di inadempienze gravi o ripetute il Comune avrà la facoltà, previa lettera raccomandata con ricevuta di ritorno, di comunicare all'impresa l intenzione di risolvere il contratto, con preavviso di 30 (trenta) giorni, con tutte le conseguenze di legge che la risoluzione comporta, ivi compresa la facoltà di affidare l'appalto a terzi salva l'applicazione delle penali prescritte e il risarcimento del danno. In ognuna delle ipotesi sopra previste, l'amministrazione non compenserà le prestazioni non eseguite ovvero non esattamente eseguite, salvo il suo diritto al risarcimento dei maggiori danni Per l'applicazione delle disposizioni contenute nel presente articolo, l'amministrazione potrà rivalersi su eventuali crediti dell'impresa, nonché sulla cauzione, senza bisogno di diffide o di formalità di sorta. Art. 22 bis - Corrispettivi La ditta affidataria potrà emettere la prima fattura a seguito di collaudo positivo del primo pacchetto, come meglio specificato agli artt. 9 e 10 e le fatture successive sempre al collaudo positivo di ogni pacchetto.

12 Le imprese che cambieranno ragione sociale, ovvero nel caso di trasformazione, fusione o incorporazione, dovranno documentare con copia conforme dell'atto notarile il cambiamento della ragione sociale medesima. I pagamenti delle fatture avverranno a 60 giorni dalla data della fattura e sono subordinati alla verifica di permanenza di regolarità contributiva e assicurativa del soggetto aggiudicatario ai sensi di legge. Art. 23 Brevetti e diritti d autore Il Comune non assume nessuna responsabilità nel caso in cui l'appaltatore abbia usato nell'esecuzione della fornitura dispositivi o soluzioni tecniche, di cui altri abbiano ottenuto la privativa. Il Comune, inoltre,valuterà con particolare interesse soluzioni aperte e riutilizzabili, in conformità a quanto previsto dalla Direttiva del Ministro per l'innovazione e le tecnologie del 19 dicembre 2003 (G.U. 7 febbraio 2004, n. 31). L'appaltatore assume l'obbligo di tenere indenne il Comune da tutte le rivendicazioni, le responsabilità, le perdite e i danni pretesi da qualsiasi persona, nonché da tutti i costi, le spese o le responsabilità ad essi relativi a seguito di qualsiasi rivendicazione di violazione di diritti di autore o di marchio, derivante, o che si pretendessero far derivare, dalla fabbricazione, vendita, gestione d'uso di uno o più apparecchiature oggetto della presente fornitura. Ciascuna parte si obbliga a dare immediato avviso all'altra di qualsiasi azione di rivendicazione di cui al precedente comma della quale sia venuta a conoscenza. 5. Nel caso di sentenza provvisoria o definitiva contro l'uso o la gestione da parte del Comune delle apparecchiature a causa di pretesa violazione, ovvero, nel caso in cui a parere del medesimo appaltatore vi siano possibilità che le apparecchiature siano oggetto di rivendicazione per violazione, lo stesso appaltatore a sua scelta e a sue spese potrà: a) modificare le apparecchiature in modo tale da eliminare la violazione; b) ottenere per il Comune il diritto di continuarne l'uso; c) sostituire le apparecchiature e relativi accessori in violazione con altre aventi le stesse capacità minime e che soddisfino le esigenze del Comune, garantendo tutte le possibili prestazioni svolte o da svolgere con esse sino alla data in cui verranno esercitate tali rivendicazioni, secondo la soluzione meno impegnativa. Art. 24 Cessione del contratto e subappalto E vietata la cessione del contratto. Il subappalto è consentito nei limiti e nei termini disciplinati dall art. 118 del Codice degli appalti (D. lgs. 163/2006). Art. 25 Consegna del prodotto Il termine per il completamento di quanto previsto dal presente capitolato è stabilito in 12 (dodici) mesi dalla data di sottoscrizione del verbale di consegna del servizio a seguito dell aggiudicazione definitiva. Eventuali necessità di proroga dei tempi dovranno essere preventivamente richieste all Amministrazione comunale con almeno 30 (trenta) giorni di anticipo rispetto alla scadenza concordata e dalla stessa valutate e, all occorrenza, autorizzate.

13 Art. 26 Cauzioni Per la partecipazione alla gara, i soggetti candidati dovranno provvedere alla costituzione di una cauzione provvisoria pari al 2% dell ammontare complessivo posto a base di gara al netto d IVA. In caso di aggiudicazione la cauzione sarà pari al 10% dell importo di aggiudicazione al netto d iva. In entrambi i casi la cauzione potrà essere effettuata tramite fidejussione bancaria o anche tramite polizza assicurativa, Tale garanzia è ridotta del 50% qualora l esecutore del contratto sia in possesso della certificazione di sistema di qualità conforme alle norme europee UNI EN ISO La cauzione è svincolata a seguito di regolare verifica di tutti gli adempimenti e obblighi contrattuali. Nel caso di mancato o inesatto adempimento da parte dell aggiudicatario, l A.C. avrà facoltà di determinare l incameramento in tutto o in parte della cauzione. Art. 27 Recesso L Amministrazione può in ogni momento recedere dal contratto stipulato per sopraggiunti motivi di interesse pubblico con preavviso scritto (anche via fax) di almeno 15 (quindici) giorni. In caso di recesso al contraente sarà riconosciuto il pagamento dei servizi forniti fino a quel momento, purché correttamente effettuati, secondo il corrispettivo e le condizioni pattuite, rinunciando lo stesso ad ogni ulteriore ed eventuale pretesa, anche di natura risarcitoria o compenso, indennizzo o rimborso spese. Art. 28 Trattamento dei dati Ai sensi e per gli effetti della normativa in materia di protezione dei dati personali di cui al D.lgs. 196/2003 e in relazione alle operazioni che vengono eseguite per lo svolgimento delle attività previste dall appalto in oggetto, il Comune di Livorno nominerà il soggetto aggiudicatario responsabile esterno del trattamento. Tale nomina avrà validità solo per il tempo necessario per eseguire le operazioni affidate dal titolare del trattamento. L aggiudicatario, in quanto responsabile esterno, dovrà assicurare la riservatezza delle informazioni, dei documenti e degli atti amministrativi dei quali venga a conoscenza durante l esecuzione della prestazione, impegnandosi a rispettare rigorosamente tutte le norme relative all applicazione del decreto legislativo citato. In particolare si impegna a: utilizzare i dati solo per le finalità connesse allo svolgimento dell attività oggetto del contratto con divieto di qualsiasi altra utilizzazione; vigilare e dichiarare di non trattenere alcuna copia delle informazioni anagrafiche o di Stato civile del Comune; nominare per iscritto gli incaricati del trattamento, fornendo loro le necessarie istruzioni; adottare idonee e preventive misure di sicurezza atte ad eliminare o, comunque, a ridurre al minimo qualsiasi rischio di distruzione o perdita, anche accidentale, dei dati personali trattati, di accesso non autorizzato o di trattamento non consentito o non conforme; adottare tutte le misure di sicurezza previste dalla normativa sopra richiamata che configurano il livello minimo di protezione richiesto in relazione ai rischi di cui alla rt. 31, e specificati nell allegato B al decreto stesso. Art. 29 Responsabilità La ditta riconosce a suo carico tutti gli oneri inerenti l'assicurazione del proprio personale occupato nella lavorazione oggetto del contratto e dichiara di assumere in proprio ogni responsabilità in caso di infortuni e danni arrecati eventualmente da detto personale alle persone ed alle cose, sia dell'amministrazione che di terzi, in dipendenza di negligenza, imperizia o imprudenza nella esecuzione delle prestazioni stabilite.

14 La responsabilità della ditta si estende anche a danni a cose e persone causati dal difettoso funzionamento delle apparecchiature messe a disposizione dalla ditta per le attività richieste nel presente capitolato, tenendo presente che ogni attività deve tener conto delle norme vigenti in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro e disciplinanti le regole tecniche standard relative all'installazione di impianti elettrici e di trasmissione dati. Art. 30 Controversie Qualora insorgano controversie relative all'interpretazione e/o all'esecuzione del contratto, il Comune e l appaltatore procederanno ad un tentativo di accordo bonario. Qualora le parti non raggiungano tale accordo entro 15 giorni, la soluzione verrà deferita al giudice competente. Per ogni controversia inerente o conseguente al contratto di appalto è competente, in via esclusiva, l'autorità giudiziaria del Foro di Livorno. Art. 31 Spese Tutte le spese, imposte e tasse inerenti al contratto, quali quelle di bollo, di quietanza, i diritti di Segreteria e di scritturazione, sono a carico dell'aggiudicatario. Art. 32 Obblighi dell appaltatore relativi alla tracciabilità dei flussi finanziari L appaltatore assume tutti gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui all art. 3 della legge 13 agosto 2010, n. 136 e successive modifiche. In caso di ricorso al subappalto ai sensi e nei limiti dell art. 118 del Codice dei Contratti, si impegna, inoltre, a dare immediata comunicazione alla stazione appaltante e alla Prefettura di riferimento della notizia di eventuale inadempimento della propria controparte (subappaltatore) agli obblighi di tracciabilità finanziaria, qualora intenda avvalersi della facoltà prevista all art.26 del presente capitolato. Art. 33 Norme di rinvio Per quanto non espressamente previsto nel presente capitolato si rinvia a quanto disposto nelle norme del codice civile.

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport

Regione Autonoma della Sardegna. Direzione Generale dei Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport Servizio Spettacolo, Sport, Editoria e Inform azione GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DI ATTIV ITA E SERV IZ I PER LA SARDEGNA FILM COMMISSION CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Regione Autonoma della

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

ICT SERVICE. finale ANNO 20122

ICT SERVICE. finale ANNO 20122 ICT SERVICE Capitolato specia ale d appalto per la fornitura di un servizio di supporto tecnico informatico all utente finale ANNO 20122 INDICE TITOLO I INDICAZIONI GENERALI DELL APPALTO Articolo 1 Definizioni

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE CAPITOLATO D ONERI PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE 2 PREMESSA Zètema, in virtù del Contratto di Servizio

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE

LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE LETTERA DI INVITO ALLA PROCEDURA NEGOZIATA SENZA BANDO APPALTO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE Importo superiore a 150.000 euro ed inferiore a 1.000.000 euro 1 Sommario 1. Oggetto, durata ed importo dell appalto...

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI. C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA PRESSO IL CASTELLO DI MONTERIGGIONI C a p o I C A RATTERISTI CHE DELL AP P ALTO Art. 1 - OGGETTO 1. Il presente capitolato ha per oggetto lo svolgimento,

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO Servizi di Hosting di I-Domini.it

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO Servizi di Hosting di I-Domini.it 1) Oggetto 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Contratto (di seguito Condizioni Generali ) disciplinano le modalità ed i termini con cui Next.it s.r.l. (di seguito Next.it ), con sede legale in Via

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo:

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo: Avviso pubblico per l istituzione di un Albo di esperti da impegnare nelle attività di realizzazione di programmi e progetti di studio, ricerca e consulenza. Art. 1 Premessa E indetto Avviso Pubblico per

Dettagli

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI VIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Approvato con deliberazione di G.C. n. 73 del 28.11.2000 INDICE TITOLO 1 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A.

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A. SERVIZIO DI FORMAZIONE PONTEGGI ANNI 2015-2017 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO (14/M/006C) CIG N 61470301A1 SOMMARIO Articolo 1. OGGETTO DELL APPALTO Articolo 1bis DEFINIZIONI Articolo 2. LUOGO DI ESECUZIONE

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli