Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva"

Transcript

1 Dematerializzazione del ciclo di fatturazione passiva L esperienza del Comune di Cesena Camillo Acerbi Resp.le Servizio Informativo Gestionale Comune di Cesena Robert Ridolfi Resp.le Product Manager Maggioli S.p.A. Polo Informatico

2 Di cosa vi parleremo Come eravamo: la gestione cartacea dei documenti contabili e i relativi colli di bottiglia Come volevamo essere: il disegno generale del progetto di dematerializzazione Cosa abbiamo fatto: le fasi operative del progetto e i risultati concreti raggiunti Come l abbiamo fatto: tecnologie, architetture e dintorni 2

3 IL POLO INFORMATICO MAGGIOLI La più qualificata realtà italiana nel panorama dell Information Technology al servizio della Pubblica Amministrazione Un mix di professionalità, esperienza, radicamento sul territorio e passione

4 IL POLO INFORMATICO MAGGIOLI milioni di fatturato l anno 2. oltre 400 persone dedicate 3. oltre Enti Locali con almeno una soluzione software 4. Struttura organizzativa basata su «centri di competenza» Produzione software Delivery Product Manager

5 Overview della gestione documentale in Comune all inizio del progetto (2008) abitanti 650 dipendenti Protocollo informatico: doc./anno Workflow atti amministrativi: doc./anno Scansione doc. protocollati in ingresso Gestione molto orientata a Protocollo & Segreteria: verso dove espandersi? 5

6 Gli ambiti individuati Esperienze di firma digitale sui certificati anagrafici e sui mandati di pagamento Decisione di partire da: 1. Servizi Demografici (timbro digitale, scansione archivi cartacei, ecc.) 2. Ragioneria dematerializzazione dei documenti contabili con particolare riferimento al c.d. ciclo passivo 6

7 PER IL COMUNE: aumentare l efficienza riducendo i tempi di lavorazione dei documenti, e diminuire i costi interni e ambientali del processo (es. stampe) PER I FORNITORI: Obiettivi accorciare i tempi di pagamento, e garantire trasparenza riguardo allo stato di avanzamento delle proprie fatture 7

8 Gruppo di lavoro Settore Ragioneria (Servizio Entrata e Spesa Ordinaria) Settore Sistemi Informativi (Servizio Informativo Gestionale) Partner: CEDAF (software contabilità = Libra, piattaforma documentale = Iride) + utilizzatori cavie di altri Settori 8

9 l atto di impegno di spesa ( determina ) l ordine al fornitore la fattura Quali e quanti documenti In un tipico processo di acquisizione di beni o servizi, sono coinvolti almeno cinque documenti di interesse contabile: l atto di liquidazione tecnica il mandato di pagamento Per Comune di Cesena in un anno si parla di almeno determine, fatture, liquidazioni, mandati, ecc 9

10 Il primo passo (relativamente) standard Poiché la fine del processo (mandato) era già digitale, ci siamo innanzi tutto occupati dell altro estremo, la determina di impegno: passaggio dal cartaceo al digitale, con 90 token USB distribuiti ai responsabili, e rimodellazione del flusso dell atto fra le scrivanie virtuali; integrazione dei software in maniera che gli impegni di spesa presi negli atti fossero automaticamente riversati in contabilità, con azzeramento di errori e doppie digitazioni. 10

11 Ma il difficile stava nel mezzo! Per quanto riguarda le fatture, la situazione era la seguente: la fattura arrivava all Ufficio Protocollo, che la smistava al Settore di probabile appartenenza se la destinazione era errata, la fattura veniva inoltrata ad altro Settore tramite posta interna giunta nel corretto Settore di destinazione, la fattura viaggiava fra gli uffici per le verifiche del caso infine, la fattura veniva passata a un incaricato per la redazione dell atto di liquidazione, e solo al termine inviata alla Ragioneria per il caricamento 11

12 E per le liquidazioni i Settori redigevano l atto direttamente su carta, o su sistemi non integrati con la contabilità l atto era messo alla firma del Dirigente, e poi inviato in Ragioneria, insieme alla fattura la Ragioneria controllava l atto e, in caso di errori, lo restituiva per posta al Settore una volta ottenuto un atto corretto, la Ragioneria ne ricaricava i dati nel software di contabilità, per poi procedere al mandato di pagamento 12

13 Cosa abbiamo pensato (1 fatture) 1. tutte le fatture pervenute in Comune vengono subito inoltrate alla Ragioneria 2. la Ragioneria carica immediatamente le fatture in contabilità e scansiona il cartaceo 3. i Settori ricevono e fanno girare le fatture sulle scrivanie virtuali del sistema documentale 4. eseguite le verifiche del caso, la fattura viene marcata come liquidabile, con eventuali annotazioni elettroniche 13

14 Cosa abbiamo pensato (2 liquidazioni) gli operatori dei Settori compongono l atto su un sistema integrato con la contabilità la liquidazione viene salvata nella piattaforma documentale, sulla scrivania del Dirigente il Dirigente firma digitalmente l atto e lo inoltra alla scrivania virtuale della Ragioneria la Ragioneria esegue le verifiche del caso e, se tutto va bene, paga la liquidazione senza bisogno di ricaricarne i dati 14

15 PRIMA Fattura Protocollo Segr. Settore Archivio Pagamento Fascicolo contabile cartaceo Operatore Fattura + Liquidazione Caricamento Dirigente Ragioneria 15

16 Scansione Uff. Fatture DOPO Fascicolo Contabile Elettronico Segr. Settore Mandato Inf. Operatore Liquidazione digitale Trasformazione Dirigente Ragioneria 16

17 Cosa abbiamo realizzato (1 fatture) la gestione digitale delle fatture è operativa da maggio 2009 visti gli alti numeri, abbiamo implementato un sistema di scansione massiva con bar-code il workflow delle fatture nel sistema documentale prevede la gestione degli stati (liquidabile ecc.) dal software di contabilità è possibile richiamare l immagine della fattura in qualunque momento 17

18 Cosa abbiamo realizzato (2 - liquidazioni) la gestione digitale delle liquidazioni è in produzione da febbraio 2011 (vers. 1.0) il software permette di vedere le fatture da liquidare depositate sulla propria scrivania l integrazione nativa con la contabilità evita errori e necessità di ridigitazione dei dati tramite l associazione liquidazione->impegno-> determina, il fascicolo contabile elettronico si completa con tutti i documenti del processo 18

19 Cosa abbiamo realizzato (3 - altro) da ottobre 2011, i documenti digitali formatisi nel corso del processo vengono automaticamente inviati in conservazione sostitutiva al PARER dal 2012 è online il Portale dei Fornitori, attraverso il quale è possibile consultare lo stato di avanzamento delle proprie fatture nel gennaio 2013 è stato creato un sistema che prende i doc. digitali da Iride + i dati contabili da Libra e li pubblica sul sito del Comune ( Art. 18 ) 19

20 I numeri dei risultati il tempo medio di pagamento delle fatture è sceso da 45 a 30 giorni il numero di fatture disperse nel transito fra i vari uffici è ridotto praticamente a zero la digitalizzazione di determine e liquidazioni ha comportato il risparmio di circa fogli stampati all anno (2.000 determine da 3 pagg. in triplice copia liquidazioni da 1 pag. in doppia copia) 20

21 Iter Fatture: step Contrattuali Richiesta Comune Cesena: maggio 2008 Analisi dei requisiti congiunta: giugno 2008 Offerta Proposta progettuale: luglio 2008 Determina di affidamento: ottobre 2008 Avvio lavori: ottobre

22 Sistema Informativo: la partenza Libra Sistema Gestione documentale Sistema Contabile 22

23 Architettura piattaforma di WF & DM

24 Step di implementazione 1. Integrazione Libra e Iride per scambio informazioni tra atti ed estremi contabili 2. Integrazione con componenti tecnologiche di base per la dematerializzazione dei documenti: 1. Firma Digitale 2. Acquisizione immagini 3. P.E.C. 24

25 BACK OFFICE FRONT OFFICE PRESENTAZIONE DEI SERVIZI Case study di informatizzazione Univ. Cesena, 15 aprile 2013 Portale dell Ente WEB SERVICE COMPONENTI APPLICATIVE Libra.. PROTOCOLLO Informatico SEGRETERIA (Atti Formali) PROCEDIMENTI amministrativi NUCLEO INFRASTRUTTURALE per ogni singola componente applicativa COMPONENTI DI INTEGRAZIONE Workflow Interoperabilità Firma Digitale Repository Documentale Acquisizione immagini Integraz Office Open Office

26 Approccio al progetto Si tratta di un progetto basato su prodotto (Libra e Iride) Attività di system Integration tra sistemi e componenti tecnologiche di base (Firma digitale, Acquisizione immagini, ecc.) 26

27 Step di progetto Analisi dei requisiti Validazione e formalizzazione del contratto Progettazione del sistema (verifica) Implementazione Test del sistema Piano di delivery Formazione degli utenti Go live con avvio in parallelo ed incrementale 27

28 Approccio al progetto Pronti, partenza via, Il tempo passa.. Finchè arriva la domanda fatidica: Quando finiamo? Boh?!?!?! Ma dove dobbiamo arrivare?!?!?! No, no io non avevo chiesto questo!!! Nella P.A. esistono linee guida a cui riferirsi: _manuali_qualita_ict 28

29 Il ruolo dell analisi dei requisiti Il rischio tipico di un progetto basato su prodotto, è quello di voler fornire ciò che il fornitore ha 29

30 C lie n te : C o m u n e d i C e s e n a O g g e tto : L ib ra - N u o v o ite r fa ttu re e d e c e n tra m e n to liq u id a z io n i e p ro p o s te v a ria z io n i P e g R e d a tto d a O U L iv.r e v.:0 1 Case study di informatizzazione Univ. Cesena, 15 aprile 2013 L analisi dei requisiti Occorre stabilire tra le parti: Cosa chiede il cliente; Cosa viene realizzato P ro p o s ta d i In te rv e n to Id.: d e l 2 9 /0 7 / P r o p o s ta d i In te r v e n to C o m u n e d i C e s e n a N u o v o ite r fa ttu r e, fa s c ic o lo d o c u m e n ta le e d e c e n tr a m e n ti Id. P ro p o s ta 2926 D a ta E m is s io n e 2 9 /0 7 / V e rs io n e 2.0 D a n ie la V a lm o ri 30

31 In tr o d u z io n e C lie n te : IS P R A M o d u lo : In te g r a z io n e Ir id e L ib r a G e s tio n e d o c u m e n ta le F a ttu r e O b ie ttiv o d e l p re s e n te d o c u m e n to è d e s c riv e re u n a s o lu z io n e s ta n d a rd p e r la d e m a te ria liz z a z io n e d e lle fa ttu re, s fru tta n d o l in te g ra z io n e tra i p ro d o tto Irid e e L ib ra g ià in u s o p re s s o il v o s tro E n te. T a le s o lu z io n e n o n è l u n ic a p o s s ib ile m a è s ic u ra m e n te la p iù u tiliz z a ta e d è g ià a ttiv a p re s s o a lc u n i n o s tri E n ti c h e la u tiliz z a n o a re g im e d a d iv e rs o te m p o, o g n u n o c o n le s u e p a rtic o la rità. E c o m u n q u e fo n d a m e n ta le p re v e d e re u n a fa s e d i a n a lis i p re s s o d i v o i p e r c e rc a re d i c a p ire c o m e il n o s tro m o d e llo s ta n d a rd p o s s a a d e g u a rs i a lla v o s tra o rg a n iz z a z io n e e a lle v o s tre e s ig e n z e. A lla fin e d e lla fa s e d i a n a lis i a v re m o u n q u a d ro p iù p re c is o e c o n d iv is o s u l m o d e llo o rg a n iz z a tiv o d a p ro p o rre e d e lle p e rs o n a liz z a z io n i c h e s i re n d e s s e ro n e c e s s a rie. N u o v o Ite r F a ttu r e In L ib ra s i in d iv id u a n o le tip o lo g ie d i d o c u m e n to c o n ta b ile c h e d e b b o n o e s s e re g e s tite a n c h e n e l s.i. d o c u m e n ta le Irid e, c o n s p e c ific a p a ra m e triz z a z io n e u te n te (e s. s i e s c lu d o n o p e z z e g iu s tific a tiv e, c o rris p e ttiv i q u a li P G S, P G E, ). In fa s e d i re g is tra z io n e D o c u m e n ti c o n ta b ili (s ia a ttiv i c h e p a s s iv i) p e r le tip o lo g ie p re v is te s i re g is tra a u to m a tic a m e n te il d o c u m e n to in IR ID E, mem o riz z a n d o n e ll a rc h iv io L ib ra l id e n tific a tiv o d e l d o c u m e n to a s s e g n a to in IR ID E (rife rim e n to n e c e s s a rio p e r in d iv id u a rlo p o i v e lo c e m e n te n e l s is te m a d o c u m e n ta le ). T a le id e n tific a tiv o c i p e rm e tte a n c h e d i v e rific a re s e il d o c u m e n to è s ta to s c a ric a to n e l s is te m a d o c u m e n ta le. S e c o n d o il p ro c e d im e n to p ro p o s to, d o p o la re g is tra z io n e d e l d o c u m e n to l o p e ra to re s ta m p a l e tic h e tta a d e s iv a c o n il c o d ic e a b a rre c o n te n e n te g li e s tre m i id e n tific a tiv i d e lla fa ttu ra (s u ll e tic h e tta s i s ta m p a n o a n c h e d a ti g e s tio n a li a d u s o in te rn o q u a li: n u m e ro re g is tra z io n e L IB R A, fo rn ito re o q u a n t a ltro p o s s a e s s e re u tile ). C o n la le ttu ra d e l c o d ic e a b a rre, n e lla fa s e d i s c a n s io n e d e l c a rta c e o s i p u ò q u in d i id e n tific a re a g e v o lm e n te il d o c u m e n to d i rife rim e n to. In c a s o d i c a n c e lla z io n e /m o d ific a d e l d o c u m e n to L ib ra n o n s i p re v e d e a lc u n a g g io rn a m e n to a u to m a tic o n e ll a rc h iv io d o c u m e n ta le. Case study di informatizzazione Univ. Cesena, 15 aprile 2013 Piano di lavoro Occorre avere una bussola per indicarci la strada alla destinazione Cosa deve essere fatto, da chi, quando P ia n o d i A v v ia m e n to 31

32 Stato Avanzamento Lavori Dove siamo arrivati? Sul piano di lavoro e la sua esecuzione si innestano i S.A.L. 32

33 Cosa non dimenticare Analisi di impatto e Gestione del cambiamento: Occorre «accompagnare» il cambiamento perché il progetto funzioni. Centinaia di risorse del comune di Cesena passano dalla gestione cartacea a quella digitale dei documenti contabili 33

34 Cosa ci resta da fare [ proposte di tesi ;-) ] completare il fascicolo contabile elettronico con le ricevute digitali dei mandati di pagamento, emesse dalla banca di Tesoreria migliorare il Portale dei Fornitori, aggiungendovi nuove funzionalità e integrandolo col Fascicolo del Cittadino (Sportello Unico) aggiungere al motore di workflow documentale uno scadenziario in grado di monitorare fatture e liquidazioni non lavorate, inviando notifiche 34

Verso una gestione totalmente digitale dei documenti contabili

Verso una gestione totalmente digitale dei documenti contabili Verso una gestione totalmente digitale dei documenti contabili L esperienza del Comune di Cesena Barbara Leonetti Servizio Entrata e Spesa Ordinaria Gianluca Isgrò Servizio Informativo Gestionale Di cosa

Dettagli

Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile

Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile Identità e tecnologia nelle produzioni agroalimentari per un nuovo modello di agricoltura sostenibile V a lte r C a n tin o 1 7 n o v e m b re 2 0 1 0 Università degli Studi di Scienze Gastronomiche: mission

Dettagli

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013

HOTEL MEANS LIFESTYLE. bando di concorso 2013 Il degli Alberghi e delle SPA più belle del mondo isola d Ischia 8-13 luglio HOTEL MEANS LIFESTYLE bando di concorso 2013 Il P re m io Is c h ia In te rn a z io n a le d i A rc h ite ttu ra è fru tto d

Dettagli

Incentivi finanziari alle imprese

Incentivi finanziari alle imprese Incentivi finanziari alle imprese Delibera della Giunta regionale n. 208 del 2 aprile 2012 Programma Attuativo Regionale (PAR) a valere sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2007-2013 Asse I Linea

Dettagli

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale IN F O R M A Z IO N I P E R S O N A L I Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale V a le n tin a B e c c h i E S P E R IE N Z E L A V O R A T IV E D

Dettagli

Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia

Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia Il Quoziente Parma per una politica fiscale e tariffaria a misura di famiglia Isabella Menichini - C om une di P a rm a B a ri, 18 febbra io 2011 P a rm a c ittà a m is ura di fa m ig lia O b ie ttiv o

Dettagli

XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. Piercarlo Salari

XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale. Piercarlo Salari XXI Congresso Nazionale Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale Piercarlo Salari P E D IA T R A C O N S U LT O R IA L E M ila n o V ig e v a n o (P V )) Siena, 1 giugno 2009 L errore in Pediatria

Dettagli

Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1

Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1 Le aziende siciliane secondo la normativa di Basilea2: analisi aggregata quantitativa & Cerimonia di consegna Attestati Rating 1 Palermo, 14 giugno 2007 AGENDA 15.15 Apertura dei lavori Moderatore dei

Dettagli

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o

Sci en zapert u tti. im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Sci en zapert u tti im m e rs io n e, c o n ta m in a z io n e e d a p p ro d o Luigi Benussi (lu ig i.b e n u s s i@ ln f.in fn.it) Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Laboratori Nazionali di Frascati

Dettagli

LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE

LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE LE S C UOLINE DI R IO B R ANC O NAS C ONO C OME C ENTR I DI EDUC AZIONE E DI AG G R EG AZIONE PER B AMB INI E R AG AZZI C HE VIVONO IN S ITUAZIONI DI MAR G INALITÀ E VIOLENZA Il p r o g e tto n a s c

Dettagli

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA

Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA Oltre lo «speciale». INSEGNARE E APPRENDERE NELLE DIFFERENZE LA SCUOLA INCLUSIVA ROBERTO MEDEGHINI - Pedagogista Gruppo di Ricerca Inclusione e Disability Studies gridsitaly.com milieu.it IN S E G N A

Dettagli

Gestione delle Identità e degli Accessi Informatici

Gestione delle Identità e degli Accessi Informatici Gestione delle Identità e degli Accessi Informatici Giancarlo Peli Area Sistemi Servizi Informatici di Ateneo Università degli Studi di Verona Argomenti trattati Il contesto applicativo I problemi da risolvere

Dettagli

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1

a cura della Dott. Fiorenza Vandini 1 1 Consultazione con il mondo del lavoro Proposta della Facoltà Nucleo di Valutazione Senato accademico Comitato di coordinamento regionale Consiglio di amministrazione 2 Raggiungere un MODELLO EUROPEO

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Corso di formazione AUSL di Lucca I I FACILITATORI DEL SISTEMA DI GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO FONTI DI INFORMAZIONE PER LA IDENTIFICAZIONE DEL RISCHIO CLINICO LUCCA 25-05-2009 A cura del dott. G. Puntoni

Dettagli

Il caso di Cleo. U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i

Il caso di Cleo. U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i Il caso di Cleo U n a b a m b in a d i c irc a 5 a n n i ANAM NESI FAM ILIARE: n o n s i rile v a n o p a to lo g ia d e g n e d i n o ta. ANAM NESI PERSONALE: p rim o g e n ita d i g e n ito ri n o n

Dettagli

ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 0 0 8

ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 0 0 8 OKkio alla S ALUTE per la S CUOLA: ris u lta ti d e ll in d a g in e 2 8 Re g io n e To s c a n a Are a Va s ta No rd - Ove s t ( Pro v in c e di Lu c ca, Liv o rn o, Ma s s a, Pis a e Via re g g io )

Dettagli

Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 9 1 3 - Senato della Repubblica POR FESR 2 0 0 7-2 0 1 3 A r t.ii.1.1 Prod e n e r g ie rinn (M isura 2 ) "INCENTIVAZIONI ALL'INSEDIAMENTO DI LINEE DI PRODUZIONE DI SISTEM I E COMPONENTI

Dettagli

INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO INFORMAZIONI SULL USO

INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO INFORMAZIONI SULL USO INFORMAZIONI SULL APPARECCHIO L a p p a re c c h io S w a tc h C o rd le ss II IS D N è u n c o rd le ss c h e c o m b in a le fu n z io n i tip ic h e d e lla te le fo n ia se n z a fili c o n il c o

Dettagli

V651, una nuova equilibratrice completamente automatica, semplice da utilizzare e sicura offre un ampio e chiaro display e diverse

V651, una nuova equilibratrice completamente automatica, semplice da utilizzare e sicura offre un ampio e chiaro display e diverse L EQUILIBRATURA DEI PNEUMATICI PER TUTTE LE AUTO L occhio attento Con Fasep V651 la ruota con o senza cerchi in lega non creerà p iù p ro b le m i agli addetti ai lavori. Quest innovativa equilibratrice

Dettagli

La dematerializzazione, la standardizzazione, la tracciabilità e la trasparenza dei processi amministrativi. La soluzione SAP BPM

La dematerializzazione, la standardizzazione, la tracciabilità e la trasparenza dei processi amministrativi. La soluzione SAP BPM La dematerializzazione, la standardizzazione, la tracciabilità e la trasparenza dei processi amministrativi. La soluzione SAP BPM Agenda 1. Dematerializzazione dei flussi amministrativi 2. Gli elementi

Dettagli

Semplificare e centralizzare la gestione delle informazioni e dei documenti

Semplificare e centralizzare la gestione delle informazioni e dei documenti Semplificare e centralizzare la gestione delle informazioni e dei documenti ActiveInfo è un evoluto sistema di Enterprise Content Management specializzato nella gestione delle informazioni disperse negli

Dettagli

Eleonora Berti & Tommaso Dal Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]*

Eleonora Berti & Tommaso Dal Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]* Eleonora Berti & Tommaso Dall Osso 3^A scientifico - A.S. 2010/2011 padri #]*$ # # ǿξ *ç!!?@ ##ffi!* = ^?!!!]* L'approfondimento mira ad analizzare il rapporto tra padri e figli ieri e oggi, valutando

Dettagli

COMUNE di TONARA. (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918

COMUNE di TONARA. (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918 COMUNE di TONARA (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 078463823 078463246 ( C.M. n.12) - P.iva 00162960918 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 88 Prot. n. 4956 del 14-07-2009 OGGETTO: Indirizzi

Dettagli

http://photofinish.blogosfere.it/2009/04/mostre-mostre-e-ancora-mostre.html

http://photofinish.blogosfere.it/2009/04/mostre-mostre-e-ancora-mostre.html Pagina 1 di 5 Blow Photofinish up sul mondo della fotografia AP R 0 9 8 Mo s tre, m o s t re e a n c o ra m o s t re! Pu b b lic a t o d a Fra n c e s c a D e Me is a lle 1 2 :3 3 in Mo s t re Si intitola

Dettagli

Destinatari I destinatari del servizio sono sia gli utenti interni che i cittadini e le imprese

Destinatari I destinatari del servizio sono sia gli utenti interni che i cittadini e le imprese Sintesi del progetto L evoluzione normativa ha portato il Comune di Giugliano ad una revisione del proprio sistema informatico documentale da alcuni anni. La sensibilità del Direttore Generale al miglioramento

Dettagli

- 15G0078A130 - MODULO USB ISTRUZIONI INTERFACCIA PER ASAC-0/ASAC-1/ASAB

- 15G0078A130 - MODULO USB ISTRUZIONI INTERFACCIA PER ASAC-0/ASAC-1/ASAB - 15G0078A130 - MODULO USB ISTRUZIONI INTERFACCIA PER ASAC-0/ASAC-1/ASAB Emesso il 15/06/2012 R. 01 Il presente manuale costituisce parte integrante ed essenziale del prodotto. Leggere attentamente le

Dettagli

Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica

Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica Camera dei D eputati - 6 5 7 - Senato della Repubblica L.R 7 / 1 9 8 8 in se d ia m e n ti p ro d u ttiv i In c e n tiv i a c o n so r z i di im p r e se in d u stria li ed a r tig ia n e o p e r a n ti

Dettagli

Il medico del pneumatico

Il medico del pneumatico LA REALTÀ D I U N C E N T R O G O M M E P E R V E IC O L I IN D U S T R IA L I Il medico del pneumatico Circolare in sicurezza significa anche montare pneumatici perfettamente funzionanti; un problema

Dettagli

I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze

I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze I nuovi modelli pedagogici per una scuola europea. Progettare e valutare per competenze Mo d ulo 2 Valutare gli apprendimenti o valutare l apprendimento? Il senso della relazione educativa tra curricolo

Dettagli

SITAS. Sistema Informatico per la Trasparenza delle Autorizzazioni Sismiche

SITAS. Sistema Informatico per la Trasparenza delle Autorizzazioni Sismiche SITAS Sistema Informatico per la Trasparenza delle Autorizzazioni Sismiche Le procedure per l edificazione nei comuni della Regione Lazio classificati a rischio sismico soffrivano di: Complessa gestione

Dettagli

Sono on line dunque esisto I giovani e la realtà virtuale

Sono on line dunque esisto I giovani e la realtà virtuale Promosso da In collaborazione con Finanziato dal progetto I.O.R. Sono on line dunque esisto I giovani e la realtà virtuale Sabato 14 dicembre 2013 Sala Marvelli, Provincia di Rimini Le nuove generazioni

Dettagli

La dematerializzazione dei processi per la semplificazione amministrativa e l Albo Pretorio on-line. L esperienza della Provincia di Modena

La dematerializzazione dei processi per la semplificazione amministrativa e l Albo Pretorio on-line. L esperienza della Provincia di Modena La dematerializzazione dei processi per la semplificazione amministrativa e l Albo Pretorio on-line L esperienza della Provincia di Modena Il Nuovo Codice dell amministrazione digitale traccia il quadro

Dettagli

La Digitalizzazione in Regione Lombardia

La Digitalizzazione in Regione Lombardia La Digitalizzazione in Regione Lombardia Il progetto EDMA: il percorso di innovazione di Regione Lombardia nell'ambito della dematerializzazione Milano, Risorse Comuni, 19 Novembre 2009 A cura di Ilario

Dettagli

Fattura elettronica e conservazione

Fattura elettronica e conservazione Fattura elettronica e conservazione Maria Pia Giovannini Responsabile Area Regole, standard e guide tecniche Agenzia per l Italia Digitale Torino, 22 novembre 2013 1 Il contesto di riferimento Agenda digitale

Dettagli

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA

IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA IL MISTERIOSO MONDO DELLE ONDE ELETTROMAGNETICHE: UN VIAGGIO ALLA SUA SCOPERTA Luana Gasparini Michela Soldati Multicentro CEAS RA21 Comune di Ravenna C è un m o ndo m is te rio s o c he è pre s e nte

Dettagli

R a g io n e S o c ia le In iz ia tiv a In d iriz z o C o m u n e P U B L Y C O M S.A.S. D I M A T T IU Z R IT A c o n c e ss io n a ria d i p ub b

R a g io n e S o c ia le In iz ia tiv a In d iriz z o C o m u n e P U B L Y C O M S.A.S. D I M A T T IU Z R IT A c o n c e ss io n a ria d i p ub b R a g io n e S o c ia le In iz ia tiv a In d iriz z o C o m u n e P U B L Y C O M S.A.S. D I M A T T IU Z R IT A c o n c e ss io n a ria d i p ub b licità V ia C u s to z a 8 V e rc e lli M IC H Y 'S H

Dettagli

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI

1.3 - DAT I T ECNICI, DIMENSIONI E AT T ACCHI IDRAU LICI nfo g e ne rai. - T T, T T U L T 9 0 n 4 " L" T T T T T T T T T T 4 T T 4 Q u a d ro c o m a n d i p ia c o n tro o fia a o rtin a d i p u iz ia T a n d a ta ris c a d a m e n to T ito rn o ris c a d a

Dettagli

Riabilitazione intensiva ospedaliera negli adolescenti affetti da disturbi dell alimentazione

Riabilitazione intensiva ospedaliera negli adolescenti affetti da disturbi dell alimentazione Riabilitazione intensiva ospedaliera negli adolescenti affetti da disturbi dell alimentazione Fd r. a re R ic clic a rd p eo r Dm aolle d ific G ara re v elo s tile d e l s o tto tito lo d e llo s c h

Dettagli

L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A T T A T I DI COM MERCIO

L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A T T A T I DI COM MERCIO G A Z Z E T T A S E T T I M A N A L E SCIENZA ECONOMICA, FINANZA, COMMERCIO, BANCHI, FERROVIE INTERESSI PRIVATI Anno X!V - Voi. XVI I Domenica 27 Marzo 1887 N. 878 L E T A R I F F E DOGANALI E 1 T R A

Dettagli

Miglioramento dell efficienza interna Trasparenza dell azione amministrativa

Miglioramento dell efficienza interna Trasparenza dell azione amministrativa Titolo Dematerializzazione documentale Amministrazione Comune di Pisa Provincia Pisa Regione Toscana Sito Internet http://www.comune.pisa.it/dematerializzazione PEC comune.pisa@postacert.toscana.it Referente

Dettagli

Corso di laurea magistrale in Economia e Management Internazionale

Corso di laurea magistrale in Economia e Management Internazionale Corso di laurea magistrale in Economia e Management Internazionale Libera Università degli Studi per l Innovazione e le Organizzazioni Via Cristoforo Colombo, 200 00145 Roma T +3 06 510.777.1 F +3 06 510.777.25

Dettagli

Cozzo D a c ia VITAE IN FORMATO EUROPEO. E-mail CURRICULUM. Nome. Indirizzo. Telefono. Fax. Nazionalità. Italiana. Data di nascita

Cozzo D a c ia VITAE IN FORMATO EUROPEO. E-mail CURRICULUM. Nome. Indirizzo. Telefono. Fax. Nazionalità. Italiana. Data di nascita CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO I n f o r m a z io n i pe r s o n a l i Nome Indirizzo Cozzo D a c ia Telefono Fax E-mail Nazionalità Italiana Data di nascita E s p e r ie n z a l a v o r a t iv a

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione n. 58 del 21/04/2016 Proposta N. 561/2016 OGGETTO: RISANAMENTO CONSERVATIVO DELL'EDIFICIO DENOMINATO EX CASA DEL POPOLO PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEI PIANI PON FSE FESR. Circolare Prot.n. AOODGAI/4462 del 31/03/2011

LA PROGETTAZIONE DEI PIANI PON FSE FESR. Circolare Prot.n. AOODGAI/4462 del 31/03/2011 1 LA PROGETTAZIONE DEI PIANI PON FSE FESR ELABORAZIONE a cura dell Ufficio Studi e Consulenza PON-POR-IFTS Anquap La progettazione dei Piani Integrati d Intervento PON-FSE per l anno scolastico 2011/2012

Dettagli

Progetto Automazione flusso documentale e dematerializzazione

Progetto Automazione flusso documentale e dematerializzazione Progetto Automazione flusso documentale e dematerializzazione Le tappe Stato dell arte Consolidamento e sviluppi a cura di: Patrizio Geri Direzione Sistemi Informativi Titolare P.O. Responsabile Automazione

Dettagli

Gestione documentale e Protocollo informatico

Gestione documentale e Protocollo informatico Gestione documentale e Protocollo informatico Settembre 2003 Cosa tratteremo La gestione dei documenti produzione, acquisizione, trasmissione organizzazione e conservazione reperimento ed accesso alle

Dettagli

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema.

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema. SCHEDA PRODOTTO Descrizione sintetica Il modulo consente di gestire i procedimenti amministrativi legati alle sportello unico per le attività produttive. Fa parte dell area dedicata alla componente tecnico

Dettagli

Contenuti. La gestione documentale al. Comune di Pisa. Comune di Pisa. Contenuti. LA RECENTE NORMATIVA La PEC Il Codice dell Amministrazione digitale

Contenuti. La gestione documentale al. Comune di Pisa. Comune di Pisa. Contenuti. LA RECENTE NORMATIVA La PEC Il Codice dell Amministrazione digitale La gestione documentale al Contenuti LA RECENTE NORMATIVA La PEC Il Codice dell Amministrazione digitale IL PROTOCOLLO INFORMATICO La gestione dei documenti informatici e i flussi documentali Il B.P.R.

Dettagli

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi Titolo Dematerializzazione documentale Amministrazione Comune di Pisa Provincia Pisa Regione Toscana Sito Internet http://www.comune.pisa.it PEC comune.pisa@postacert.toscana.it Referente Geri Patrizio

Dettagli

PARTE IV L A VAL U TAZ IO N E S O C IO -S AN ITARIA

PARTE IV L A VAL U TAZ IO N E S O C IO -S AN ITARIA PARTE IV L A VAL U TAZ IO N E S O C IO -S AN ITARIA a cura di Anna Bonini F o rn ire se rv iz i sa n ita ri d i a lta q u a lità, a d e g u a ti in te rm in i d i v o lu m i e d i tip o lo g ie d i p re

Dettagli

Scheda rilevazione sistemi ICT e strumenti ICT. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO.

Scheda rilevazione sistemi ICT e strumenti ICT. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO. Scheda rilevazione sistemi e strumenti sistemi ICT e strumenti ICT Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO Allegato Sommario 1 Dotazioni informatiche

Dettagli

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000)

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Ricerca veloce degli atti, archiviazione, fascicolazione ed inventario Inserimento semplice e funzionale Collegamento tra protocolli tramite la gestione dei fascicoli

Dettagli

Il set di indicatori del Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali. a cura di Carmen Ragno

Il set di indicatori del Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali. a cura di Carmen Ragno Il set di indicatori del Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali a cura di Carmen Ragno 1 Programma Il Progetto CSR-SC del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali Il Social Statement

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31 12 2014

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31 12 2014 50888 50889 50890 Sezione 1 - Offerta Formativa Trasversale e di Base Sezione Percorso Il sistema e le procedure degli Uffici Giudiziari Formativo Obiettivi del modulo Livello Durata (in ore) Prerequisiti

Dettagli

Azienda USL di Piacenza

Azienda USL di Piacenza Azienda USL di Piacenza Aziende Sanitarie ed utenti Internet cambia il lavoro Le tecnologie della comunicazione cambiano anche i lavori tradizionali. Come cogliere le opportunità Roma, 19 maggio 2011 1

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO PROVINCIA DI PIACENZA PIANO DELLA PERFORMANCE SEGRETERIA E AFFARI ISTITUZIONALI III QUADRIMESTRE 2013

COMUNE DI ROTTOFRENO PROVINCIA DI PIACENZA PIANO DELLA PERFORMANCE SEGRETERIA E AFFARI ISTITUZIONALI III QUADRIMESTRE 2013 COMUNE DI ROTTOFRENO PROVINCIA DI PIACENZA PIANO DELLA PERFORMANCE SEGRETERIA E AFFARI ISTITUZIONALI III QUADRIMESTRE 2013 ATTIVITA ORDINARIA Attività di supporto amministrativo e istituzionale finalizzate

Dettagli

Progetto determinazioni digitali

Progetto determinazioni digitali Progetto determinazioni digitali Sabrina Catani Responsabile Ufficio Affari Generali e Istituzionali, Archivio e Protocollo sabrina.catani@provincia.fc.it Riferimenti normativi determinazioni T.U. ORDINAMENTO

Dettagli

Alla. argom ento, revisionato a causa di un refuso di stam pa. C iò prem esso, si prega di voler ritenere nullo il precedente

Alla. argom ento, revisionato a causa di un refuso di stam pa. C iò prem esso, si prega di voler ritenere nullo il precedente M_INF.CGCCP.REGISTRO UFFICIALE.U.0028447.13-03-2015 R om a. P.d.c.: 0659084196 r8l cgcp@ pec.m it.gov.it M inistero delle Infrastrutture e dei Trasporti C om ando G enerale del C orpo delle C apitanerie

Dettagli

Progettare la segreteria digitale delle Istituzioni scolastiche Le norme, i modelli organizzativi, le opportunità di miglioramento.

Progettare la segreteria digitale delle Istituzioni scolastiche Le norme, i modelli organizzativi, le opportunità di miglioramento. Progettare la segreteria digitale delle Istituzioni scolastiche Le norme, i modelli organizzativi, le opportunità di miglioramento `tüvé ftçà Ç Riccione 10 e 11 ottobre 2013 Il protocollo digitale Liceo

Dettagli

OpenAct. Sistema di gestione digitale degli atti amministrativi. LAMBDA srl

OpenAct. Sistema di gestione digitale degli atti amministrativi. LAMBDA srl OpenAct Sistema di gestione digitale degli atti amministrativi LAMBDA srl Presentazione dell azienda LambdasrlnasceaSenigallianelmaggio2012; Opera nel settore del document management; Specializzata in

Dettagli

Degli effetti del contratto

Degli effetti del contratto Massimo Franzoni Degli effetti del contratto V olum e I Efficacia del contratto e recesso unilaterale Seconda edizione AG G iu f f r è E d it o r e INDICE Art. 1372 (Efficacia del contratto) C a p i t

Dettagli

Equilibrio perfetto DESCRIZIONE DEGLI ANGOLI CARATTERISTICI E DELLA MODIFICA DELL ASSETTO DELL AUTO

Equilibrio perfetto DESCRIZIONE DEGLI ANGOLI CARATTERISTICI E DELLA MODIFICA DELL ASSETTO DELL AUTO DESCRIZIONE DEGLI ANGOLI CARATTERISTICI E DELLA MODIFICA DELL ASSETTO DELL AUTO Equilibrio perfetto Alle volte è s u ffic ie n te modificare, anche di un solo grado, uno degli angoli caratteristici delle

Dettagli

ECM solutiondoc. Enterprise Content Management. inxpire S.r.l.s. Tel 039 2847673 Fax 039 3305120 h:p://www.inxpire.it commerciale@inxpire.

ECM solutiondoc. Enterprise Content Management. inxpire S.r.l.s. Tel 039 2847673 Fax 039 3305120 h:p://www.inxpire.it commerciale@inxpire. ECM solutiondoc Enterprise Content Management inxpire S.r.l.s. Tel 039 2847673 Fax 039 3305120 h:p://www.inxpire.it commerciale@inxpire.it Cos è SolutionDOC SolutionDOC : ECM (Enterprise Content Management

Dettagli

I servizi on line di prevenzione incendi

I servizi on line di prevenzione incendi I servizi on line di prevenzione incendi Stefano Marsella Il CAD - codice dell Amministrazione digitale (decreto legislativo n. 82 del 2005) prevede che: i servizi erogati dalle PA siano progressivamente

Dettagli

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE 1. IL SOFTWARE APPLICATIVO PROGETTOENTE 1.1 Linee guida generali: Un software aperto che Vi accompagna

Dettagli

Document Management, Workflow, Conservazione Sostitutiva

Document Management, Workflow, Conservazione Sostitutiva Document Management, Workflow, Conservazione Sostitutiva Amministrazione Fatture Fornitori Documenti di trasporto Fatture Clienti Documenti contabili Libro Giornale Libro IVA Vendite Offerte Contratti

Dettagli

LA REALTA PNEUMOLOGICA DELLA REGIONE MARCHE. Dott. Anna Maria Calcagni Ambulatorio Pneumotisiologia ZT 11 Fermo

LA REALTA PNEUMOLOGICA DELLA REGIONE MARCHE. Dott. Anna Maria Calcagni Ambulatorio Pneumotisiologia ZT 11 Fermo LA REALTA PNEUMOLOGICA DELLA REGIONE MARCHE Dott. Anna Maria Calcagni Ambulatorio Pneumotisiologia ZT Fermo REGIONE MARCHE UNITA OPERATIVE PNEUMOLOGICHE U.O.OSPEDALIERE: COMPLESSE AZIENDALI DI RETE U.O.OSPEDALIERE:

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE

OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE OFFERTA FORMATIVA PER LE PROFESSIONI SANITARIE ANNO ACCADEMICO 2011-2012 Libera Università degli Studi per l Innovazione e le Organizzazioni Via Cristoforo Colombo, 200 00145 Roma T +39 06 510.777.1 F

Dettagli

La delocalizzazione delle università statali italiane. Presentazione dei risultati della ricerca

La delocalizzazione delle università statali italiane. Presentazione dei risultati della ricerca La delocalizzazione delle università statali italiane Presentazione dei risultati della ricerca Obiettivi conoscitivi Descrivere il fenomeno della delocalizzazione universitaria; Analizzare il processo

Dettagli

GIUSEPPE TARDIVO L ECONOMIA CUNEESE: IL CORAGGIO DI INVESTIRE E LA CAPACITA DI INNOVARE

GIUSEPPE TARDIVO L ECONOMIA CUNEESE: IL CORAGGIO DI INVESTIRE E LA CAPACITA DI INNOVARE GIUSEPPE TARDIVO L ECONOMIA CUNEESE: IL CORAGGIO DI INVESTIRE E LA CAPACITA DI INNOVARE 1 La provincia di Cuneo ricca di IMPRESE DI CRISTALLO Estremamente preziose Estremamente fragili qualità potenzialità

Dettagli

I perché e i come della divulg azione s cientifica

I perché e i come della divulg azione s cientifica I perché e i come della divulg azione s cientifica dalle lezioni pubbliche di Faraday alla immers ività dei S cience C entre motivazioni e tecniche deg li s cienziati divulg atori attravers o i s ecoli

Dettagli

1.3 - DATI TECNICI, DIMENSIONI E ATTACCHI IDRAULICI

1.3 - DATI TECNICI, DIMENSIONI E ATTACCHI IDRAULICI . - TI TII, ISII TTI IULII 8 fig. u a d ro co m a n d i cce s s o ca m e ra fu m o p e r p u iz ia S p ia co n tro o fia a a n d a ta ris ca d a m e n to ito rn o ris ca d a m e n to T tta cco v a s o

Dettagli

MAW Document Management

MAW Document Management MAW Document Management Sistema di Gestione Documentale Un unico sistema per l intero flusso documentale La soluzione per la gestione documentale multidevice di nuova generazione COSA FA? MULTI DEVICE

Dettagli

COMUNE DI PRAMOLLO PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI PRAMOLLO PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI PRAMOLLO PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO 7 AL MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI IL SISTEMA DOCUMENTALE E DI PROTOCOLLAZIONE ADOTTATO DALL ENTE

Dettagli

C H I S I A M O Servizi pubblici Energia

C H I S I A M O Servizi pubblici Energia CHI SIAMO Lo Studio Legale Fraccastoro è stato fondato nel 2014 dall avv. Giorgio Fraccastoro. E una boutique legale che, per scelta, si occupa esclusivamente di tematiche attinenti al diritto amministrativo.

Dettagli

DEMATERIAZIZZAZIONE DEI DOCUMENTI CARTACEI

DEMATERIAZIZZAZIONE DEI DOCUMENTI CARTACEI DEMATERIAZIZZAZIONE DEI DOCUMENTI CARTACEI GEDPASS GEDSCAN GEDFLOW ciclo passivo Non tutti i documenti nascono in formato elettronico. Per poter beneficiare dei vantaggi della Gestione Elettronica Documentale

Dettagli

ché chi WEB DOCUMENT & PROCESS MANAGEMENT BUSINESS MANAGEMENT CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA REVISIONI SPOOL RECOGNITION PEC WORKFLOW PRATICHE

ché chi WEB DOCUMENT & PROCESS MANAGEMENT BUSINESS MANAGEMENT CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA REVISIONI SPOOL RECOGNITION PEC WORKFLOW PRATICHE DOCUMENT R & PROCESS MANAGEMENT ché chi BUSINESS PROCESS MANAGEMENT WEB CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA WORKFLOW FASCICOLI REVISIONI DOCUMENT MANAGEMENT PRATICHE SPOOL RECOGNITION INTEGRAZIONE MAIL e FAX PEC

Dettagli

PIEMONTE - BARDONECCHIA V ILLA G G IO O LIM P IC O 8G G /7N T PARTENZA 01 APRILE 435,00

PIEMONTE - BARDONECCHIA V ILLA G G IO O LIM P IC O 8G G /7N T PARTENZA 01 APRILE 435,00 PIEMONTE - BARDONECCHIA V ILLA G G IO O LIM P IC O 8G G /7N T P E N S IO N E C O M P LE TA C O N LE B E V A N D E PARTENZA 01 APRILE 435,00 CAPO VERDE - BOAVISTA A TLA N TIS C LU B M A R IN E 9G G /7N

Dettagli

Forum: I Soft. Skills del Project Manager. Paolo Vallarano 1/17

Forum: I Soft. Skills del Project Manager. Paolo Vallarano 1/17 Forum: I Soft Skills del Project Manager Paolo Vallarano 1/17 Elementi di conoscenza di Project Management (secondo Certificazione Base di ISIPM) CONOSCENZE COMPORTAMENTALI CONOSCENZE DI CONTESTO ELEMENTI

Dettagli

COMUNE DI TURRI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO

COMUNE DI TURRI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO COMUNE DI TURRI PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO ALLEGATO 7 AL MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI IL SISTEMA DOCUMENTALE E DI PROTOCOLLAZIONE ADOTTATO DALL'ENTE

Dettagli

Didattica speciale delle discipline: MATEMATICA

Didattica speciale delle discipline: MATEMATICA Didattica speciale delle discipline: MATEMATICA Maurizio Berni m.berni@adm.unipi.it Tutti i materiali sono disponibili su http://www.dm.unipi.it/fim/didattica_speciale/ Didattica speciale delle discipline:

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI, IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI, IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI, IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N. 183 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23. in GURI 6.3.2015, n.

Dettagli

ENERGIA E SOSTENIBILITA AMBIENTALE

ENERGIA E SOSTENIBILITA AMBIENTALE convegno «IL LEG NO IN EDILIZIA» VE NE R D I 04/09/2009 - C AS TR O P IG NANO (C B ) - ENERGIA E SOSTENIBILITA AMBIENTALE Ing. Vera Ianiro ARPA Molise AREA PREVENZIONE, RISCHIO TECNOLOGICO E VALORIZZAZIONE

Dettagli

Gestione dei Documenti del Ciclo Passivo. Intelligent Capture & Exchange

Gestione dei Documenti del Ciclo Passivo. Intelligent Capture & Exchange Gestione dei Documenti del Ciclo Passivo Intelligent Capture & Exchange Agenda Intelligent Capture & Exchange Le possibili soluzioni La gestione dei documenti del ciclo passivo Semplificazione Amministrativa

Dettagli

Camera dei D eputati - 5 1 3 - Senato della R epubblica

Camera dei D eputati - 5 1 3 - Senato della R epubblica Camera dei D eputati - 5 1 3 - Senato della R epubblica TAS 1/EQ/BAS Regione Basilicata - Gestione di cassa - Periodo 2011-2013- Movimenti di cassa da regolarizzare, migliaia di euro codice SIOPE Descrizione

Dettagli

FATTURAZIONE ELETTRONICA. La soluzione ad impatto zero per Imprese, PA e Banche

FATTURAZIONE ELETTRONICA. La soluzione ad impatto zero per Imprese, PA e Banche FATTURAZIONE ELETTRONICA La soluzione ad impatto zero per Imprese, PA e Banche FATTURAZIONE ELETTRONICA: LA SOLUZIONE AD IMPATTO ZERO RA Computer propone al mercato la soluzione per la gestione della fattura

Dettagli

La Gestione Documentale. Integrazione con Microsoft Dynamics NAV. Mario Pavese. Sales Manager Soluzioni EDP

La Gestione Documentale. Integrazione con Microsoft Dynamics NAV. Mario Pavese. Sales Manager Soluzioni EDP Mario Pavese Sales Manager Soluzioni EDP Spool IBM Power i ERP Fusion PDF Scanner Fax Mail OpenDOC Doc PDF Manager Store Globe for NAV Paola Girardin Sales Manager Arket Srl Cos è Globe Globe 4 è l'innovativa

Dettagli

La prevenzione del Diabete tipo 2: Azioni dopo lo screening.

La prevenzione del Diabete tipo 2: Azioni dopo lo screening. La prevenzione del Diabete tipo 2: Azioni dopo lo screening. Oristano 20 Marzo 2012 Popolazione dai 35 anni in su Soggetti che hanno partecipato allo screening ORISTANO 108.000 5.803 5,374% LANUSEI % della

Dettagli

Comune di Rottofreno - PIANO della PERFORMANCE 2014 Settore - SEGRETERIA E AFFARI ISTITUZIONALI

Comune di Rottofreno - PIANO della PERFORMANCE 2014 Settore - SEGRETERIA E AFFARI ISTITUZIONALI Comune di Rottofreno - PIANO della PERFORMANCE 2014 Settore - SEGRETERIA E AFFARI ISTITUZIONALI Obiettivo strategico CONTROLLI LEGALITA' OBIETTIVO STRATEGICO N. 1: CONTROLLI LEGALITA' Supporto al segretario

Dettagli

Le iniziative della Regione del Veneto in tema di dematerializzazione documentale verso un Polo Archivistico Regionale

Le iniziative della Regione del Veneto in tema di dematerializzazione documentale verso un Polo Archivistico Regionale Le iniziative della Regione del Veneto in tema di dematerializzazione documentale verso un Polo Archivistico Regionale Andrea Boer Regione del Veneto Direzione Sistemi Informativi U.C. e-government Treviso,

Dettagli

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Comune di Padova Settore Servizi istituzionali e affari generali Servizio archivistico comunale Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Il sistema di gestione documentale dell

Dettagli

C O M U N E D I E M P O L I

C O M U N E D I E M P O L I C O M U N E D I E M P O L I CENTRO DI RESPONSABILITA : Responsabile: Ufficio: VI Dott.ssa Anna Tani Servizio Sistemi Informatici DETERMINAZIONE N 115 del 19/02/2015 Oggetto: ACQUISTO NUOVO SOFTWARE PROTOCOLLO,

Dettagli

La tecnologia abilitante il cambiamento. Stefano Conte - Aresoft

La tecnologia abilitante il cambiamento. Stefano Conte - Aresoft La tecnologia abilitante il cambiamento Stefano Conte - Aresoft Agenda Chi siamo La necessità del cambiamento Strumenti e tecnologia a disposizione Una dimostrazione pratica Coffe break 11 Giugno 2015

Dettagli

Dematerializzazione Processi e Trasparenza

Dematerializzazione Processi e Trasparenza Dematerializzazione Processi e Trasparenza Dalla creazione alla conservazione dei documenti informatici Filippo Antoni f.antoni@ads.it Marco Nanni m.nanni@ads.it martedì 12 maggio 2015 Chi Siamo Siamo

Dettagli

Addition, tutto in un unica soluzione

Addition, tutto in un unica soluzione Addition, tutto in un unica soluzione Addition è un applicativo Web progettato e costruito per adattarsi alle esigenze delle imprese. Non prevede un organizzazione in moduli, mette a disposizione delle

Dettagli

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione 11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione Approvata con delibera di Giunta regionale n. 744 del 28 Giugno 2011 Semplificazione

Dettagli

La conservazione digitale tra obblighi e opportunità

La conservazione digitale tra obblighi e opportunità Giuseppe Santillo La conservazione digitale tra obblighi e opportunità Bologna 13 Maggio 2014 AGENDA O INDICE Gli impatti normativi in tema di conservazione La conservazione digitale: un obbligo normativo

Dettagli

Soluzione Cloud completa e modulare per la gestione e la dematerializzazione dei documenti.

Soluzione Cloud completa e modulare per la gestione e la dematerializzazione dei documenti. Kelyan, specializzata in soluzioni che migliorano l efficienza e il costo dei processi aziendali presenta Soluzione Cloud completa e modulare per la gestione e la dematerializzazione dei documenti. ONE

Dettagli

Gestione Elettronica Documentale

Gestione Elettronica Documentale Gestione Elettronica Documentale PER LE AZIENDE E I PROFESSIONISTI Servizi - Consulenza - Soluzioni Software Premessa Il Gruppo Maggioli propone soluzioni e servizi per la conversione di documenti analogici

Dettagli