INDICE. Articolo I. OBIETTIVI DEL PROGETTO Articolo Il. CONTENUTI STRUTTURALI DELLA ASL DI RIETI Sezione 2.01 Contesto di Riferimento...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. Articolo I. OBIETTIVI DEL PROGETTO... 4. Articolo Il. CONTENUTI STRUTTURALI DELLA ASL DI RIETI... 5. Sezione 2.01 Contesto di Riferimento..."

Transcript

1 "Gara per la fornitura del nuovo sistema informatico sanitario della ASL di Rieti con outsourcing dei servizi di conduzione, gestione operativa, manutenzione" Capitolato Tecnico

2 INDICE Articolo I. OBIETTIVI DEL PROGETTO... 4 Articolo Il. CONTENUTI STRUTTURALI DELLA ASL DI RIETI... 5 Sezione 2.01 Contesto di Riferimento... 5 Sezione 2.02 Sistema Informatico in esercizio ed ipotesi progettuali della nuova fornitura... 6 Articolo III. OGGETTO DELL'APPALTO... 7 Sezione 3.01 Requisiti del sistema Articolo IV. DURATA DELL'APPALTO Articolo V. INIZIO ATTIVITA' Articolo VI. OGGETTO DELLA FORNITURA Sezione 6.01 Area Sanitaria Sezione 6.02 Area Ospedaliera Sezione 6.03 Area Diagnostica Sezione 6.04 Area Direzionale Articolo VI1. DESCRIZIONE DEL SOFTWARE Sezione 7.01 Dossier Sanitario del Cittadinolpaziente Sezione 7.02 Gestione Documentale / Firma digitale /Timbro digitale Sezione 7.03 Repository dei Contatti Sanitari del Paziente Sezione 7.04 Gestione Anagrafe Assistiti Centralizzata - MPI Sezione 7.05 Accettazione Amministrativa, Dimissioni e Ricoveri Sezione 7.06 Gestione Reparti di Degenza Sezione 7.07 Cartella Clinica ed Infermieristica (a) Cartella Clinica di reparto (b) Cartella Infermieristica di reparto (C) Cartella degenza infermieristica centro clinico assistenziale magliano sabina (d) Cartella infermieristica ambulatoriale Sezione 7.08 Gestione di richieste Order Entry Sezione 7.09 Gestione Blocco Operatorio Sezione 7.10 Cartella Clinica Ambulatoriale Sezione 7.11 Gestione APA (accorpamento di prestazioni ambulatoriali)... 35

3 Sezione 7.12 Gestione PAC (pacchetti ambulatoriali complessi) Sezione 7.13 Refertazione Diagnostica Strumentale Sezione 7.14 Gestione ricette elettroniche Sezione 7.15 Gestione delle Attività di Laboratorio...; Sezione 7.16 Anatomia Patologica Sezione 7.17 Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) in dimissione protetta Sezione 7.18 Sistema Direzionale e supporto decisionale Sezione 7.19 Sistema di Analisi Statistica Sezione 7.20 Gestione Flussi Regionali e Ministeriali (debito informativo) Sezione 7.21 Monitoraggio spesa farmaceutica e prestazioni specialistiche Articolo VI11. FORNITURA DI DISPOSITIVI MOBILI Articolo IX. ATTIVITA' Sezione 9.01 Installazione - Configurazione Integrazione della Piattaforma Applicativa (SOFTWARE ) Sezione 9.02 Manutenzione ( Correttiva -Evolutiva ) Sezione 9.03 Servizi professionali Sezione 9.04 Gestione del sistema ( Assistenza - Conduzione) Articolo X. IIVTERVENTI DI MIGRAZIONE E10 SOSTITUZIONE Articolo XI. FORMAZIOIVE DEL PERSONALE Articolo XII. ASSISTENZA ALL'AWIAMENTO Articolo XIII. SERVIZI DI ASSISTENZA HELP DESK Articolo XIV. LIVELLI DI SERVIZIO E PENALI Articolo XV. COLLAUDO Articolo XVI. DOCUMENTAZIONE Articolo XVII. CESSAZIONE DEL SERVIZIO - ATTIVITA DI FINE RAPPORTO Articolo XVIII. RISOLUZIONE DEL CONTRATTO Articolo XIX. SUBAPPALTO Articolo XX. OBBLIGHI DELL'APPALTATORE RELATIVI ALLA TRACCIABILITÀ DEI FLUSSI FINANZIARI Articolo XXI. STIPULA DEL CONTRATTO Articolo XXII. FATTURAZIONE E PAGAMENTI... 61

4 Articolo XXIII. REVISIONE DEI PREZZI Articolo XXIV. CESSIONE DEI CREDITI Articolo XXV. OBBLIGO DI RISERVATEZZA E TUTELA DEI DATI Articolo XXVI. TUTELA DELLA PRIVACY Articolo XXVII. IVORIVIE DI RIIVVIO... : Articolo XXVIII. FORO CONIPETENTE L'Azienda Sanitaria Locale di Rieti, di seguito "ASL", indice una gara di appalto avente l'obiettivo di realizzare un Nuovo Sistema Informatico Sanitario in grado di assicurare, nell'ambito di un processo globale di razionalizzazione e di riduzione dei costi, la massima efficienza ed efficacia. L'esigenza cui I'ASL di Rieti intende rispondere è costituita dalla necessità di migliorare la gestione e I'erogazione dei servizi al paziente nonché la rispettiva qualità, in termini di terripi di attesa, di integrazione e di percorsi, a fronte di una domanda di assistenza sanitaria crescente e sempre più articolata. L'attuale stato di informatizzazione, in considerazione della crescita aziendale e della domanda sempre più pressante, non è più in grado di supportare in maniera adeguata I'operatività della medesima sia in termini strettamente operativi, sia in termini di governance e per questo la ASL ha necessità di provvedere alla riprogettazione del proprio Sistema Informatico Sanitario al fine di adeguarlo, sia dal punto di vista funzionale che tecnologico alle esigenze dei diversi servizi ed uffici aziendali e renderlo aderente alle nuove esigenze operative. Oggetto del presente capitolato tecnico è, dunque, la realizzazione del Nuovo Sistenia Informatico Saiiitario della ASL di Rieti, con impianto di una piattaforma unica integrata a cui sono correlate le attività di conduzione, manutenzione e gestione operativa del sistema nella sua complessità in modo da individuare un unico partner tecnologico a cui affidare la conduzione in outsourcing del suddetto sistema. lii sintesi, gli obiettivi che l'azienda Sanitaria si pone attraverso il presente appalto sono: Aumento della qualità del sistema informatico sanitario

5 riduzione dei costi complessivi di gestione, ovvero miglioramento del rapporto costolprestazioni relativamente ai sistemi informativi; individuazione di un unico partner tecnologico cui affidare la gestione e la conduzione dell'intero sistema informatico sanitario aziendale; ammodernamento dell'intero sistema informativo Clinico Sanitario aziendale, mediante l'adozione di soluzioni applicative preferibilmente web - based; realizzazione di un sistema informatico aziendale integrato, che garantisca la non ridondanza e l'integrità dei dati oltre alla interoperabilità dei moduli applicativi stessi e di quest'ultimi con i moduli applicativi in uso e di futura acquisizione; apertura del nuovo sistema informatico Aziendale ai progetti regionali di interoperabilità (es. FSE) miglioramento dell'operatività degli utenti aziendali del nuovo sistema informatico mediante il continuo e costante supporto, anche formativo, di un gruppo di lavoro di specialisti posti a presidio (on-site) del servizio. SEZIONE 2.01 CONTESTO DI RIFERIMENTO La ASL opera sul territorio della provincia di Rieti che comprende numerosi comuni con caratteristiche geografiche, demografiche ed ambientali diverse. La ASL eroga servizi sanitari sul territorio della provincia di Rieti per un bacino d'utenza di circa abitanti. L'attività ospedaliera è caratterizzata da circa ricoverilanno. Il progetto promosso dall'ente riguarda I'informatizzazione delle Strutture Sanitarie distribuite sul territorio, di seguito elencate: - Presidio Ospedaliero "San Camillo de Lellis" di Rieti - Centro Clinico Assistenziale Distrettuale "F. Grifoni" di Amatrice - Centro Clinico Assistenziale Distrettuale M. MariniUdi Magliano Sabina - N. 5 Distretti Sanitari Il progetto interesserà Lin bacino di utenti utilizzatori pari a circa n. 500 dirigenti medici e n. 950 personale sanitario.

6 SEZIONE 2.02 FORNITURA SISTEMA INFORMATICO IN ESERCIZIO ED IPOTESI PROGETTUALI DELLA NUOVA Negli allegati sotto elencati, viene descritto lo stato attuale del Sistema Informatico Sanitario dell'azienda e la distribuzione territoriale delle strutture sanitarie oggetto di informatizzazione. Allegato n. 1 - Elenco delle sedi aziendali, delle strutture e reparti ospedalieri Allegato n. 2 - Infrastruttura hardware e software di base in esercizio Allegato n. 3 - Architettura di rete in esercizio Nell'allegato n. 4 sotto elencato viene descritto lo schema progettuale di riferimento in merito alle componenti applicative per l'elaborazione delle proposte d'offerta. Le componenti applicative elencate nell'allegato n. 4 sono ricondotte alle seguenti tipologie: - sw di nuova fornitura - sw in uso sostituibili - sw in uso ed in gestione di altri fornitori (terze parti) I sw di nuova fornitura rappresentano sia quelli che pur essendo in uso sono da sostituire sia quelli che sono previsti nella fornitura del nuovo sistema informatico sanitario come nuovi sw. I sw in uso sostituibili rappreseiitano quelli in uso e per i quali il fornitore può scegliere se sostituire oppure utilizzare, qualora il fornitore decidesse di proporre la riutilizzazione dei questi sw dovrà farsi carico sia della manutenzione che dell'integrazione nel nuovo sistema informatico sanitario. I sw in uso ed in gestione di altri fornitori (terze parti) rappresentano quelli definiti dagli organi regionali oppure quelli con un contratto di outsourcing in essere, il fornitore dovrà farsi carico dell'integrazione degli stessi nel nuovo sistema informatico sanitario senza costi aggiuntivi per la SA. Allegato n. 4 - Schema delle possibili ipotesi progettuali delle corriponenti applicative del nuovo sistema informatico sanitario \

7 Oggetto del presente appalto è l'installazione, l'avviamento, la manutenzione, la gestione e la conduzione tecnica ed operativa di un Nuovo Sistema Informatico Sanitario, realizzando in tutti i reparti I'operatività della cartella clinica informatizzata. La ASL, riconoscendo il ruolo strategico fondamentale dei servizi informatici per la realizzazione ed il consolidamento organizzativo, intende investire nell'innovazione tecnologica e di processo, e con il presente appalto intende promuovere e porre in essere tecniche, strumenti manageriali, soluzioni applicative, infrastrutturali e di outsourcing che possano consentire l'abilitazione ed il supporto alla realizzazione di un nuovo modello organizzativo ed operativo orientato ad implementare logiche di gestione per processi in ambito clinico ed assistenziale. Nell'arribito di tali visioni strategiche s'inserisce e trova razionale consolidamento la decisione di procedere al passaggio da una sistema che, per l'evidenza di una elevata frammentazione delle procedure, richiede elevati fabbisogni di integrazione e manutenzione, all'acquisizione di un sistema fondato sull'impianto di un'unica piattaforma applicativa per l'esercizio di tutte le sue componenti. Il Nuovo Sistema Informatico Sanitario fondato su logiche di processo dovrà, pertanto, essere in grado di fornire una visione ampia e lungimirante, incorporare e proporre nuovi modelli di sviluppo oltre che di gestione e manutenzione degli applicativi software. Pertanto l'introduzione del nuovo Sistema Informatico Sanitario dovrà essere accompagnata da attività di revisione delle logiche operative esistenti e da una loro congiunzione con quelle previste dal nuovo sistema. L'obiettivo del progetto è fondato sull'acquisizione di unlarchitettura tecnologicamente avanzata in grado di garantire un adeguato supporto ai processi clinici, assistenziali e di controllo qualità, in relazione alle rispettive competenze, che sono in esercizio presso le strutture aziendali con garanzia di massima sicurezza e continuità di funzionamento. Tali esigenze richiedono la messa in esercizio di un sistema, che assicuri i massimi livelli di integrazione dei dati e delle procedure; di supporto ai processi

8 organizzativi e gestionali che si svolgono al suo interno, soprattutto nell'area ospedaliera, garantendo un efficace ed efficiente sistema informatico con una gestione delle procedure secondo una logica di Work-Flow e con base dati unificate o collegate. Tale esigenza non deve ritenersi soddisfatta con la semplice implementazione di un integration engine/esb, ma richiede una risposta più articolata ed approfondita, attraverso una integrazione funzionale ed operativa realizzata tramite I'implementazione estesa di appositi strumenti più avanti delineati in termini di requisiti. Analogamente, all'interno della piattaforma integrata, si inserisce la gestione della documentazione, in particolare tramite la Cartella Clinica Informatizzata, che deve avere una struttura di base unificata per tutta la Asl ma anche sezioni particolari per ciascuna specialità clinica coinvolta nel processo di cura del paziente. La Cartella Clinica e Assistenziale deve consentire la gestione integrata ai medici e agli infermieri di reparto per la registrazione e consultazione dei dati rilevati all'ingresso del paziente in reparto (anamnesi familiare, fisiologica...), dei dati raccolti durante la degenza (diario clinico, terapie), accedendo ad un'anagrafe unica aziendale in cui siano contenute tutte le informazioni di competenza del territorio delllasl: gli assistiti, medici, farmaci, ecc.. Il sistema elettronico di Cartella Cliriica e Assistenziale per essere affidabile, e quindi assicurare nel tempo la gestione appropriata dei dati oltre che il rispetto delle regole di caricamento secondo i ragionamenti clinici delle singole specialità di cura, preferibilmente deve essere personalizzabile e configurabile anche dal personale ICT attraverso la disponibilità di un configuratore/programmatore di cartelle che consenta la personalizzazione di quanto già realizzato nonché la creazione di verticalizzazioni da parte di personale appositamente qualificata senza la necessità di modifica dei codici sorgenti dell'applicativo. Risulta anche fondamentale garantire che i sistemi informatici utilizzino standard di comunicazione verso l'area di produzione (prestazioni / attività): servizi diagnostici, farmacia, attività ospedaliera, territoriale, ecc. in maniera da realizzare un reale collegamento tra le procedure dell' Area sanitaria e I' area gestionale e di programmazione. Il presente capitolato prevede inoltre la erogazione di servizi di supporto ed assistenza destinati alle attività di migrazione dall'attuale sistema in esercizio e al nuovo sistema oggetto del presente capitolato. Tali attività devono garantire,

9 con l'attuazione di apposito piano di interventi, la continuità di funzionamento delle procedure e dei servizi fino all'attivazione complessiva del nuovo sistema. Questa garanzia rappresenta il requisito fondamentale per consentire alle strutture aziendali di acquisire in continuità i dati dalle procedure informatizzate e di non subire interruzioni di servizio. Gli obiettivi quindi che la ASL di Rieti si prefigge sono quelli di: - Consentire una gestione integrata, non ridondante e tecnologicaniente innovativa dei processi sanitari, concepiti intorno ai bisogni dell'assistito; - Integrare il nuovo Sistema Informatico con le procedure di gestione dei sistemi già esistenti come descritti nelllallegato n. 4; - Implementare un framework di interoperabilità applicativa su standard HL7 per l'integrazione dei sistemi offerti con sistemi esterni quali i progetti regionali (es. FSE etc.) e dei sistemi che verranno comunque mantenuti dalla ASL; - Garantire la formazione del personale (medico, infermieristico, tecnico ed amn-iinistrativo) per l'uso dei modelli applicativi adottati; - Garantire la gestione operativa del sistema per l'intera durata contrattuale; - Creare un'anagrafica paziente unica con I'implementazione di un servizio di Master Patient Index (MPI) per l'intera ASL, interrogabile anche da applicativi terzi mediante web services, standard aperti (SOA, HL7) e profili di integrazione IHE; - Realizzare [in sistema di Cartella Clinica ed Infermieristica Elettronica preferibilmente personalizzabile e configurabile per le singole specialità cliniche ed assistenziali anche dal personale ICT dell'asl; - Realizzare un sistenia EPR (Elettronic Patient Record) che possa gestire tutti gli episodi clinici del paziente con scala cronologica e provenienza. " - Generare un flusso documentale sanitario con sistema di firma elettronica e conforme allo standard HL7-CDA2. - Favorire di rilascio dei referti per via elettronica, evitando all'utente ulteriore accesso per la consegna dei referti non consegnabili a vista. - Ridurre il flusso cartaceo all'interno dell'organizzazione favorendo al massimo la concentrazione e la successiva distribuzione delle informazioni attraverso il sistema informatico aziendale, rendendolo il principale punto di accesso a tutte le informazioni.

10 - Rendere il più possibile autonomo il personale ICT aziendale nella gestione, manutenzione e personalizzazione del sistema informatico, adottando sistemi aperti, con basi dati autonomamente accessibili e protocolli di coniunicazione staiidard e non proprietari. - Ottimizzare i flussi operativi di lavoro, sia in termini di risorse umane e tecnologiche impiegate, sia in termini di prestazioni erogate. - Creare un modello di analisi a supporto del controllo di gestione e qualità, che consenta al management di misurare la performance aziendale sia sotto il profilo economico-finanziario che della qualità dei servizi erogati al paziente. - Favorire il requisito del Web Oriented per i nuovi applicativi fori-liti; - Garantire I'implementazione di WEB-Application-Server per le applicazioni Clinico-Sanitarie in modo di accedere preferibilmente alle funzioni applicative con un normale browser - Garantire che i software oggetto del presente capitolato soddisfino i requisiti di integrazione attraverso sistemi di web services, standard aperti (SOA, HL7) e profili di integrazione IHE; - Garantire, in attuazione di un apposito piano di ri-iigrazione, la completa continuità di servizio a tutti i prodotti attualmente in esercizio fino all'attivazione del nuovo Sistema; - Prendere in carico l'intero sistema informatico sanitario sia in riferimento alle nuove componenti previste nel presente capitolato e da foriiire in sostituzione di applicativi già in esercizio, sia a quelle già in uso e che rimarranno in esercizio; - Assicurare la manutenzione ( correttiva ed evolutiva ) e l'assistenza dei software, sia per quelli acquisiti ex novo ed oggetto di fornitura, sia per quelli già in uso nella ASL per i quali si richiedono interventi di adeguamento ed integrazione; - Assicurare l'integrazione con sottosistemi realizzati ed in carico ad altri fornitori ad esempio quelli definiti dagli organi Regionali (Emonet, GIPSE,RECLIP); - Porre in esercizio il sistema di e-learning per consentire l'aggiornamento formativo on-line degli utenti del nuovo sistema; - Assicurare la gestione della cartella clinica presso il letto del paziente mediante l'uso di dispositivi mobili.

11 In attuazione del progetto si definiscono le seguenti imprescindibili condizioni: - dovrà essere programmato ed attuato un apposito piano di progetto, con evidenza di un analitico GANTT, che descriva, in modalità e terripi di esecuzione, le procedure di migrazione dagli attuali applicativi a quelli di nuova acquisizione con evidenza di modalità e tempi di messa in esercizio; - non dovranno verificarsi ritardi o sospensioni delle procedure in esercizio rispetto ai tempi di attuazione previsti nel presente capitolato; - l'azienda non dovrà supportare costi o oneri aggiuntivi, rispetto agli importi previsti a base d'asta e derivanti da interventi di migrazione o integrazione di servizi già in esercizio, che si intendono onnicomprensivi; - l'azienda nel periodo successivo al subentro del nuovo fornitore non dovrà supportare costi o oneri aggiuntivi derivanti dai rinnovi dei contratti in essere per gli applicativi in dismissione la cui manutenzione dovrà essere garantita dalla ditta aggiudicataria; - dovranno essere assicurate tutte le funzionalità previste, per ciascun software applicativo, nel presente capitolato e garantite quelle previste nei software attualmente in esercizio; - dovranno essere programmati ed eseguiti interventi di formazione degli addetti alle procedure e dei tecnici del Servizio Informatico aziendale appositamente individuati; - le risorse tecniche destinate alle attività di manutenzione, assistenza e conduzione dovranno possedere professionalità adeguate per assicurare la funzionalità degli applicativi in gestione e dell'intero Sistema Informatico Sanitario; SEZIONE 3.01 REQUISITI DEL SISTEMA Il sistema dovrà avere in generale, le seguenti caratteristiche: capacità di integrazione e interoperabilità. I componenti dovranno garantire l'integrazione con le informazioni prodotte da sistemi di terze parti tramite l'adozione di standard di riferimento per la cooperazione applicativa in ambito sanitario e aderenza dimostrabile ai profili di interoperabilità definiti dal framwork IHE;

12 flessibilità. I componenti dovranno consentire I'adeguamento ai carnbiamenti tecnologici e I'interazione con altri progetti; modularità. I sistemi dovranno garantire una naturale evoluzione ed integrazione con altri sistemi per soddisfare le esigenze di evoluzione del sistema e per rispondere tempestivamente alle esigenze di servizio; affidabilità, robustezza e disponibilità. Il progetto proposto dovrà garantire la continuità di servizio H24, 7 giorni su 7; semplicità d'uso. I componenti dovranno favorire la facilità di utilizzo da parte di tutti gli operatori; architettura web-based. I componenti dovranno, ove possibile, utilizzare schemi standard di applicazioni web, in modo di accedere preferibilmente alle funzioni applicative con un normale browser; tecnologia scalabile, diffusa e affidabile utilizzando elevati standard di sicurezza per la trasmissione dei dati ai fini della gestione delle informazioni sensibili; mobilità all'interno dei reparti utilizzando l'infrastruttura HIFI esistente. L'erogazione dei servizi informatici dovrà utilizzare la Rete Telematica Aziendale già in esercizio ed adeguatamente dimensionata descritta in Allegato n. 3. Tra gli elementi di fornitura previsti nel presente capitolato è incluso un servizio di supporto mediante help desk di primo livello, rivolto agli utenti utilizzatori del Sistema Informatico Sanitario, in maniera da garantire assistenza all'utilizzo delle funzionalità con inclusa la connessione al servizio di manutenzione dei moduli applicativi del Sistema e dei data base. Il Servizio fornisce, di volta in volta, il supporto necessario ai Key User aziendali come individuati dalllasl per ogni area applicativa con l'integrazione ad un sistema di e-learning per l'aggiornamento formativo on-line degli utenti. Il contratto avrà la durata di anni cinque (5), a decorrere dalla data di attivazione del servizio che sarà indicata nel contratto di stipula dell'appalto. Prima della scadenza del contratto l'azienda USL si riserva la facoltà, qualora ne ravvisi l'opportunità, di chiedere all'appaltatore la prosecuzione del servizio per un eventuale periodo di rinnovo pari ad un massimo di due anni (2). L'Appaltatore

13 si impegna, fin da ora, a continuare l'esecuzione del servizio. L'Azienda USL in merito alla facoltà di ulteriore affidamento non contrae nessun obbligo con I'appaltatore, riservando esclusivaniente a se stessa il diritto di esercitarne l'attuazione in base a valutazioni di sua esclusiva potestà. L'erogazione dei servizi di assistenza, manutenzione del Sistema Informatico Sanitario dovrà avere inizio dalla presa in carico dei sistemi operanti nella SA e comunque entro la data indicata nel contratto, eventuali ritardi rispetto alla predetta scadenza saranno oggetto di attribuzione di penalità secondo quanto previsto nel disciplinare tecnico. Tutte le attività di migrazione e10 sostituzione e dunque la completa attivazione del Nuovo Sistema dovranno essere completate entro 12 mesi dall'avvio delle attività. A decorrere dalla data di inizio attività il soggetto aggiudicatario dovrà predisporre quanto necessario per subentrare ai fornitori uscenti nella erogazione di tutti i servizi oggetto del presente Capitolato, garantendo la massima continuità di funzionamento degli applicativi e dei servizi attualmente in esercizio con il medesimo grado di qualità nonché l'accesso ai dati storici. Il presente appalto ha per oggetto la fornitura di sistemi applicativi integrati e di servizi ad essi correlati, start-up, assistenza, manutenzione e conduzione tecnica ed operativa di un Nuovo Sistema Informatico Sanitario della ASL. La realizzazione del Nuovo Sistema Informatico Sanitario oggetto del presente capitolato si configura in termini di istallazione e messa in esercizio di un "servizio completo", per il quale la ditta aggiudicataria dovrà garantirne la gestione orientata ad assicurare la operatività delle attività di competenza della ASL oggetto di programmi informatizzati.

14 Il sistema dovrà essere caratterizzato da un elevato grado di flessibilità e configurabilità con particolare riferimento a quanto attiene la cartella clinica, in considerazione del fatto che i dati da gestire variano in funzione della specialità sanitaria trattata dai vari reparti sanitari. E' necessario che i moduli applicativi richiesti soddisfino i requisiti di interoperabilità che consentano di mettere a disposizione delllazienda un ambiente applicativo totalmente integrato con particolare riferimento ai seguenti processi clinico-sanitari: Anagrafe assistiti Centralizzata Liste di attesa Preospedalizzazione Day Hospital Accettazione, Dimissione e Trasferimento Pazienti (ADT) e DRG Registro sala parto e gestione CEDAP Gestione PPI Gestione Reparti Gestione Degenza Infermieristica Gestione dipartimento oncologico Order entry Cartella clinica di reparto Cartelle infermieristica di reparto Cartella clinica ambulatoriale Cartella infermieristica ambulatoriale Blocco operatorio Refertazione diagnostica strumentale Diagnostica di laboratorio Anatomia Patologica = Sistema di ricetta elettronica Gestione APA Gestione PAC Dirriissiorii protette e AD1 Servizio di Continuità Assistenziale Dossier Sanitario del cittadinolpaziente (EPR) Flussi Regionali e Ministeriali di Debito Informativo

15 Sistema Informatico Direzionale (sistemi informativi, controllo di gestione, epidemiologia e statistiche, monitoraggi farmaceutica e specialistica) Per ciascuno dei suddetti moduli applicativi, la ditta aggiudicataria dovrà fornire: Le licenze d'uso degli applicativi per un numero di utenti illimitato; Le licenze d'uso e contratto di manutenzione dell'ambiente sistema operativo; I servizi di installazione, di configurazione e di avviamento del sistema; La gestione operativa del sistema (assistenza e manutenzione); Manuali operativi e tecnici di tutti i moduli software forniti e10 in manuteiizione. L'offerta tecnica deve essere formulata tenendo conto di quanto riportato negli allegati, vedi sezione I servizi e le forniture oggetto del presente Capitolato d'appalto sono: A. Fornitura dei software applicativi richiesti nel presente capitolato per le strutture aziendali riportate nell' allegato n. 1. La fornitura proposta deve essere coerente con quanto riportato nella tabella delle ipotesi progettuali in allegato n sofiware oggetto di forriitura dovranno avere operatività e funzionalità standardizzate all'irripiego di sisterrii operativi di tipo Microsoft Windows e di sistemi Hardware Standard di tipo Intel o equivalenti, per quanto concerne il lato client. B. Fornitura e manutenzione dei sistemi operativi e dei sisterrii data base, che necessitano per l'installazione delle applicazioni, sia dei server che dei dispositivi mobili. C. Manutenzione evolutiva e correttiva dei software forniti al precedente punto A e di quelli attualmente in uso, che nel piano di realizzazione del progetto vengono tenuti in esercizio e non forniti ex novo; il fornitore aggiudicatario dovrà garantire nel periodo transitorio la manutenzione correttiva dei sofiware in uso che saranno oggetto di sostituzione nonché la migrazione dei dati storici ritenuti essenziali. D. Interventi di integrazione tra i software in esercizio ma non oggetto di fornitura e quelli oggetto del presente capitolato, come riportato nella tabella delle ipotesi progettuali in allegato n. 4. Le modalità di integrazione sono specificate nel presente capitolato; E. Servizi professionali di Management globale ( assistenza, conduzione) sul Sofiware oggetto di gara installazione, collaudo, formazione, assisteiiza all'avviamento, migrazione, di conduzione e di helpdesk; F. Fornitura di dispositivi mobili per la gestione della cartella clinica presso i reparti di degenza a letto del paziente.

16 SEZIONE 6.01 AREA SANITARIA Come accennato l'integrazione dei processi, sia di dominio clinico sanitario che tecnico ed amministrativo, deve assicurare la centralità del paziente, pertanto considerare l'insieme delle attività sanitarie in un percorso integrato che permetta di governare, sia sul piano clinico ed orgariizzativo che manageriale, un processo integrato supportato da un Sistema Informatico adeguatamente strutturato. I sistemi informativi delllarea Sanitaria devono conseguire I'integrazione di importanti elementi che possano migliorare significativamente il livello di qualità dei servizi, ottimizzando l'impiego delle risorse con la loro sostenibilità anche sotto il profilo economico. La disponibilità integrata dei dati clinici consentirà la fruizione di questi anche in punti ed aree operative, attualmente non raggiungibili, mentre l'uso di tecnologie di trasmissione dati ad ampia diffusione (Internet) permetterà di distribuire sulla rete dati che, per quantità e formato,rict-iiedono elevate prestazioni. Il raggiungimento di tali obiettivi consentirà, senza ulteriori sforzi, di passare ad una ulteriore fase di evoluzione nella quale il sistema integrato si colleghi all'esterno (su internet) con gli obbligatori margini di sicurezza per fornire e richiedere informaziorii e servizi in cooperazione con altri soggetti. L'architettura di riferimento per l'area Sanitaria deve prevedere, non solo I'integrazione con sottosistemi realizzati da altri fornitori ad esempio: software defiriiti dagli organi Regionali ( Emonet, GIPSE, RECUP), ma deve tener conto anche dell'evidente necessità di una forte integrazione ospedale-territorio che si sta realizzando attraverso la riorganizzazione dell'assistenza Primaria ed il potenziamento della rete assistenziale territoriale finalizzata alla riduzione degli accessi impropri ed al miglioramento della qualità percepita tramite una corretta clinica1 governance. Assume particolare importanza lo sviluppo e la valorizzazione dei servizi sanitari con competenze sul territorio, sempre più percepito come una importante opportunità ai fini deli1ottimizzazioiie della ripartizione delle risorse disponibili e del miglioramento della qualità e dell'efficienza delle prestazioni. Ciò premesso la scrivente ASL intende dotarsi di una piattaforma di interoperabilità, a supporto di servizi distribuiti a livello aziendale e territoriale e finalizzata a sostenere

17 forme organizzative emergenti nel dominio della sanità, fondate sul presupposto della collaborazioiie, della concertazione e della rete sociale. In particolare, la piattaforma di interoperabilità dovrà si-ipportare: la gestione di percorsi assistenziali condivisi fra i diversi ambienti di cura e che prevedono il coinvolgimento e la collaborazione di figure multi-professionali, con un approccio multi-disciplinare finalizzato a garantire la continuità di cura e la progressività degli interventi assistenziali; Le reti assistenziali per patologia, rivolte al miglioramento della qualità della cura del cittadino in termini sia clinici che di servizio, oltre ad una ottimizzazione dei costi delle patologie a maggior impatto economico; L'ospedale organizzato per intensità di cura, dove assume maggior rilievo il ruolo del "percorso assistenziale" e della presa in carico sul territorio; SEZIONE 6.02 AREA OSPEDAtlERA Con l'esercizio del Nuovo Sistema Informatico dell'area Sanitaria Ospedaliera si tende a consolidare la riorganizzazione dei processi mediante l'aggregazione funzionale tra i diversi dipartimenti. In tale ottica il Nuovo Sistema informatico dovrà garantire la massima integrazione dei software con la procedura previste dai sistemi regionali di prenotazione regionale (RECUP), il sistema di Pronto soccorso regionale (GIPSE), il sistema immuno trasfusionale (Emonet) - terze parti. Resta inoltre fra gli obiettivi primari delllasl il completamento dell'integrazione da un punto di vista funzionale ed operativo. L'architettura applicativa del Sistema Informatico Ospedaliero attualmente in uso è infatti prettamente modulare, e non affidata ad un singolo fornitore pur in un contesto di integrazione informativa. Un tipico esempio consiste nel processo di gestione dei pazienti ricoverati, che prevede attività di stampo sanitario/operativo (raccolta dati amministrativi, messa a letto, gestione dell'episodio,...) ed attività di stampo clinico di varia natura (terapie, esami, referti,...). Nell'attuale sistema, tale processo viene gestito nei suoi aspetti clinici con singoli moduli specifici. E' evidente come questo tipo di architettura applicativa non permetta di gestire il processo nel suo complesso.

18 Si richiede dunque che la nuova piattaforma sia in grado di integrare le singole applicazioni verticali da un punto di vista funzionale, indirizzandosi alle seguenti caratteristiche: Presentazione di un ambiente di lavoro omogeneo Messa a disposizione dell'utente di funzioni cliniche trasversali condivisibili a livello Aziendale; Fornitura di una visione sinottica delle attività di reparto all'utente finale, tanto medico/clinico quanto arriministrativo; Un accesso omogeneo, controllato e contestualizzato a funzioni applicative, presenti e future di terze parti. Tale strumento dovrà dunque integrare le funzionalità applicative travalicando i normali confini, fornendo all'utente un quadro sinottico degli ambiti per esso rilevanti. La soluzione proposta dovrà rappresentare lo strumento di riferimento per gli Operatori Sanitari che lavorano in reparto (soprattutto Medici ed Infermieri), permettendo di accedere in maniera veloce ed immediata a tutte le informaziorii e le funzionalità necessarie per gestirne un episodio di ricovero, sia sanitarie che cliniche. Uno strumento "aziendale", che permetta di informatizzare in maniera omogenea tutti i Reparti della Struttura di Ricovero, ma permetta altresì configurazioni ed ottimizzazioni dipartimentali. Lo strumento dovrà essere in grado di gestire ogni fase dell'episodio di ricovero: ingresso, decorso, dimissione, in maniera completa, attraverso l'integrazione delle soluzioni già presenti e il loro "incapsulamento" all'interno del proprio ambiente di lavoro, garantendo una modalità operativa omogenea, fluida e completa. Si richiede che la soluzione proponga un'interfaccia unica ed omogenea ai vari contesti informativi secondo una logica di processo: idealmente, all'attivazione della gestione di reparto, l'utente, sulla base delle caratteristiche del proprio profilo, deve ritrovarsi all'interno di uno spazio di lavoro che contenga tutte le informazioni per lui rilevanti. Tale workspace deve comprendere una vista sinottica patient-oriented, con un sistema, indicativamente incentrato su diverse "schede1' o "tabs" che permettano di accedere agli ambiti funzionali ed informativi dei singoli strumenti verticali.

19 La navigazione fra tali strumenti dovrà essere gestita dallo strumento secondo una logica di processo, offrendo la possibilità di configurare e definire controlli e regole sui singoli ambiti o addirittura in modalità incrociata fra di essi. Lo spazio di lavoro dovra quindi guidare gli utenti in un flusso di lavoro definito ed ottimizzato in fase di analisi, seguendo protocolli e best practices in uso o consigliati dalle autorità preposte. La soluzione dovrà essere in grado di inviare alert di propria iniziativa, sulla base di tali controlli, o inoltrando quelli provenienti dai singoli ambiti applicativi. La soluzione proposta dovra ovviamente anche soddisfare caratteristiche di single sign-on per quanto riguarda l'utente, che dovrà evitare successivi login attraverso gli strumenti verticali integrati all'interno dello spazio di lavoro. SEZIONE 6.03 AREA DIAGNOSTICA Analogamente a quanto indicato per I'Area Sanitaria, I'Area Diagnostica deve essere completamente integrata nel Nuovo Sistema Informatico dell'asl al fine di razionalizzare le prestazioni diagnostiche erogate dai servizi di: Diagnostica per immagini Diagnostica strumentale Diagnostica di Laboratorio Analisi Anatomia Patologica I succitati servizi dovranno cooperare con i reparti di degenza dell'area ospedaliera dell'asl, sia per quanto riguarda la fase di accettazione e prelievo dei campioni da esaminare, e di esecuzione diagnostica degli esami di Laboratorio, Radiologia ecc., oltre che di invio dei referti ai reparti richiedenti e di acquisizione dei documenti nel Dossier Sanitario del Paziente. Tutte queste fasi dovranno rientrare nel piano di gestione del Sistema di Order Entry e di Gestione Reparti di Degenza, sin dall'avvio del sistema. SEZIONE 6.04 AREA DIREZIONALE

20 La ASL necessità di uno strumento di "Business Intelligence" a supporto delle esigenze di analisi e decisione aziendali, per scoprire trend, correlazioni e dettagli significativi, migliorando il processo decisionale mediante analisi dinamiche multidimensionali anche a supporto delle unità operative sistemi informativi, controllo di gestione, epidemiologia e statistiche sanitarie. Il sistema dovrà supportare i processi decisionali della ASL e le attività di controllo e pianificazione strategica sia a livello di alta Direzione che a quello di Responsabili di Servizio. Si richiede un pannello di controllo aziendale che consenta di: Avere informazioni in tempo reale per monitorare costantemente le performance delle differenti aree aziendali Avere una visione più profonda dei fatti aziendali che evidenzi relazioni, correlazioni, dettagli significativi Verificare lo stato di conseguimento degli obiettivi prefissati (economici e non) Individuare con prontezza eventuali problemi Nei paragrafi a seguire sono riportate le principali funzionalità richieste nell'ambito del Nuovo Sistema Informatico Sanitario. L'obiettivo della presente sezione è di indicare i requisiti funzionali minimi richiesti, la ditta proponente, iii fase di offerta, dovrà fornire una dettagliata descrizione dei moduli proposti, che garantisca la piena rispondenza a tali requisiti ed evidenzi eventuali funzionalità aggiuntive. La ditta proponente dovrà tener conto in fase di offerta anche delle informazioni chieste in fase di sopralluogo presso la SA. Tutti i moduli proposti dovranno consentire la generazione automatica dei Flussi informativi che soddisfino il debito da parte delllasl nei riguardi della Regione e dei Ministeri. SEZIONE 7.01 DOSSIER SANITARIO DEL CITTADINO/PAZIEIVTE

CAPITOLATO TECNICO. Gruppo A : Area Sanitaria Importo a base d asta annuale 383.500,00 iva esclusa

CAPITOLATO TECNICO. Gruppo A : Area Sanitaria Importo a base d asta annuale 383.500,00 iva esclusa CAPITOLATO TECNICO "Gara per la fornitura del Nuovo sistema informatico sanitario della Azienda U.S.L. Di VITERBO con outsourcing dei servizi di conduzione, assistenza, manutenzione" per la durata di anni

Dettagli

Lotto 1: Area Sanitaria. Elenco allegati

Lotto 1: Area Sanitaria. Elenco allegati "Gara per la fornitura del Sistema informatico sanitario della Azienda U.S.L. Di VITERBO con outsourcing dei servizi di conduzione, assistenza, manutenzione" Lotto 1: Area Sanitaria Elenco allegati Alleg.

Dettagli

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per

Oggetto ed obiettivi dell applicativo di riferimento (sperimentato ed in uso per SISabile: caratteristiche tecniche e funzionali Una piattaforma software per la sperimentazione e l acquisizione di abilità operative nella gestione del percorso diagnostico-terapeutico assistenziale del

Dettagli

Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda

Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Il nuovo sistema integrato regionale per la sanità sarda Giovedì 2 ottobre 2008 Obiettivo Il progetto Sistema informativo sanitario

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Regione Autonoma della Sardegna (MEDIR): la fase di avviamento del sistema

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Regione Autonoma della Sardegna (MEDIR): la fase di avviamento del sistema Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna (MEDIR): la fase di avviamento del sistema Gara Medir Pubblicazione del bando: Agosto Settembre

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO Premessa ALLEGATO A del Capitolato Speciale d Appalto DISCIPLINARE TECNICO L Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro (di seguito anche ), con la presente procedura intende dotarsi di un Sistema

Dettagli

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità:

Stato dell arte. Il Piano operativo del Programma SIRSE (DGR 29 giugno 2009 n. 24-11672) ha individuato tre priorità: Sanità digitale Il completamento dell informatizzazione dell area clinico-sanitaria, la dematerializzazione della documentazione clinica e l accessibilità alle informazioni ed ai servizi da qualsiasi punto

Dettagli

1 Premessa. Allegato al capitolato speciale di gara

1 Premessa. Allegato al capitolato speciale di gara Allegato al capitolato speciale di gara Specifiche Funzionali di Integrazione con il Sistema Informativo dell APSS Il presente documento definisce le specifiche funzionali che devono essere soddisfatte

Dettagli

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte 1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte IL SISTEMA INFORMATIVO VISTO DALLA REGIONE PIEMONTE Dott. Domenico Nigro - Direzione regionale Sanità 24 Maggio 2008

Dettagli

L'EPR come componente. della piattaforma di integrazione all interno

L'EPR come componente. della piattaforma di integrazione all interno Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori L'EPR come componente Il ruolo paziente centrico della piattaforma di integrazione all interno dell Istituzione Sanitaria S.C. Sistemi Informativi e Telecomunicazioni

Dettagli

Quali azioni per l implementazione del FSE: l esperienza della Regione Puglia

Quali azioni per l implementazione del FSE: l esperienza della Regione Puglia Quali azioni per l implementazione del FSE: l esperienza della Regione Puglia ing. Vito Bavaro email: v.bavaro@regione.puglia.it Ufficio Sistemi Informativi e Flussi Informativi Servizio Accreditamento

Dettagli

Analisi di un capitolato di gara: ASL Roma C. Sergio Tedeschi Corso di Sistemi Informativi Prof. Paolo Atzeni A. A. 2007-2008

Analisi di un capitolato di gara: ASL Roma C. Sergio Tedeschi Corso di Sistemi Informativi Prof. Paolo Atzeni A. A. 2007-2008 Analisi di un capitolato di gara: ASL Roma C Sergio Tedeschi Corso di Sistemi Informativi Prof. Paolo Atzeni A. A. 2007-2008 Indice 1. Glossario 2. Premessa 3. Assetto organizzativo 4. Oggetto della gara

Dettagli

ICT per la Sanità in Emilia Romagna

ICT per la Sanità in Emilia Romagna ICT per la Sanità in Emilia Romagna Roma, 18 maggio 2012 L innovazione digitale per la sostenibilità del SSN 2 giornata nazionale della sanità elettronica Cabina di Regia 22 Maggio 2008 0 Sommario Vision,

Dettagli

Modelli di Triage, strumenti informatici e standardizzazione

Modelli di Triage, strumenti informatici e standardizzazione Modelli di Triage, strumenti informatici e standardizzazione Giorgio Moretti Stefano Ceccherini Roma 11 giugno 2010 Informatizzazione dei Pronto Soccorso in Italia La diffusione dell ICT in ambito di Pronto

Dettagli

L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future

L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future L informatizzazione in ambiente sanitario: prospettive attuali e future Dott. Pietro Paolo Faronato Direttore Generale Azienda ULSS 1 Belluno Padova, 27 settembre 2013 1 Verso la Sanità Digitale Sanità

Dettagli

L evoluzione dei sistemi clinici e di interazione con i cittadini. Massimo Mangia Responsabile e-health

L evoluzione dei sistemi clinici e di interazione con i cittadini. Massimo Mangia Responsabile e-health L evoluzione dei sistemi clinici e di interazione con i cittadini Massimo Mangia Responsabile e-health Nuovo Sistema Informativo Sistema Informativo Clinico Integrato: Cure Primarie Territorio Ospedale

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014 Oggetto: POR FESR 2007-2013 Linee di attività 1.2.1.a., b. e c. Rimodulazione e incremento della dotazione finanziaria per l attuazione degli interventi relativi alla dematerializzazione della prescrizione

Dettagli

Le soluzioni: Il Sistema che razionalizza i processi degli enti erogatori per migliorare i servizi a beneficio del cittadino

Le soluzioni: Il Sistema che razionalizza i processi degli enti erogatori per migliorare i servizi a beneficio del cittadino Le soluzioni: Il Sistema che razionalizza i processi degli enti erogatori per migliorare i servizi a beneficio del cittadino Affrontare le sfide del sistema socio-sanitario I sistemi socio-sanitari sono

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE

CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE CAPITOLATO TECNICO PER MANIFESTAZIONE INTERESSE FORNITURA SOFTWARE GESTIONALE E MANUTENZIONE PER IL CONTROLLO AMMINISTRATIVO/SANITARIO DELLA ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE E RICOVERI OSPEDALIERI

Dettagli

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA

SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA SISS IL SISTEMA AL SERVIZIO DELLA SANITÀ AO DESENZANO DEL GARDA Sommario Introduzione Le finalità del progetto CRS-SISS e il ruolo di Regione Lombardia Aspetti tecnico-organizzativi del Progetto Servizi

Dettagli

Comunicare per Costruire Salute Roma, 29 maggio 2013. Anna Darchini Resp. Innovazione e Sviluppo ICT - Regione Emilia Romagna

Comunicare per Costruire Salute Roma, 29 maggio 2013. Anna Darchini Resp. Innovazione e Sviluppo ICT - Regione Emilia Romagna La comunicazione nella riorganizzazione del Servizio Sanitario Regionale. Strumenti per l accessibilità e l integrazione dei servizi sociosanitari Regione Emilia Romagna Anna Darchini Resp. Innovazione

Dettagli

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE

SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE SISTEMI RIS-PACS: METODOLOGIA PER LA PROGETTAZIONE, L ELABORAZIONE DEI CAPITOLATI DI GARA E L IMPLEMENTAZIONE Elisabetta Borello SISTEMA RIS-PACS Il sistema RIS-PACS costituisce, attraverso la sua integrazione

Dettagli

Edotto, il nuovo Sistema Informativo Sanitario della Regione Puglia

Edotto, il nuovo Sistema Informativo Sanitario della Regione Puglia Edotto, il nuovo Sistema Informativo Sanitario della Regione Puglia Edotto è il più importante progetto d informatizzazione delle strutture sanitarie a livello regionale. La Regione Puglia è tra le poche

Dettagli

Indirizzi per i percorsi regionali o interregionali di assistenza per le persone affette da Malattie Emorragiche Congenite (MEC)

Indirizzi per i percorsi regionali o interregionali di assistenza per le persone affette da Malattie Emorragiche Congenite (MEC) Allegato A Indirizzi per i percorsi regionali o interregionali di assistenza per le persone affette da Malattie Emorragiche Congenite (MEC) Al fine di assicurare l'assistenza e la presa in carico dei pazienti

Dettagli

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di

Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di Definizione di scenario Regione FVG a statuto speciale 1.185.000 abitanti il 21% > i 65 anni di età Caratterizzata da una delle più alte incidenza di neoplasia i italia (asr-eu 366,6 escluso ca. cute)

Dettagli

Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed evoluzione

Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed evoluzione Verso la cartella clinica elettronica: standard internazionali e piattaforme aperte in informatica sanitaria Il Fascicolo Sanitario Elettronico della Regione Autonoma della Sardegna: stato dell arte ed

Dettagli

Glossario in materia di Tempi e Liste di attesa

Glossario in materia di Tempi e Liste di attesa Glossario in materia di Tempi e Liste di attesa Agenda chiusa: agenda di prenotazione temporaneamente (o periodicamente) chiusa, ovvero in ogni caso non disponibile per l inserimento di nuove prenotazioni.

Dettagli

PROGETTI di E-government Area Sanità

PROGETTI di E-government Area Sanità PROGETTI di E-government Area Sanità Regione del Veneto Fabio Perina 15 dicembre 2004 Medici Di Base Cup IL ROGETTO Distretti Farmacie Repository Reparti Laboratori Sistema Accessi Gestore Eventi Comuni

Dettagli

La Cartella Clinica. Informatizzata

La Cartella Clinica. Informatizzata La Cartella Clinica Informatizzata Caratteristiche del software Vantaggi incredibile semplicità d uso grafica efficace e divertente testo, immagini, filmati, grafici sicuro, potente e veloce buona scalabilità

Dettagli

Il Sistema Informativo Sanitario Territoriale della Puglia

Il Sistema Informativo Sanitario Territoriale della Puglia Il Sistema Informativo Sanitario Territoriale della Puglia Assessorato al Welfare e alle Politiche della Salute Bari, 16 luglio 2014 Il Fascicolo Sanitario Elettronico L'art. 12 del D.L. 179 del 18 ottobre

Dettagli

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale.

Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. ALLEGATO B Azioni di riordino dei servizi del Sistema Sanitario Regionale. A. Principi ispiratori La sanità costituisce uno dei settori strategici su cui si concentrano le azioni d el Decreto Legge 95/2012.

Dettagli

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico

Modello dell Infrastruttura per il Fascicolo Sanitario Elettronico (InfFSE) Progetto: Infrastruttura tecnologica del Fascicolo Sanitario Elettronico Dipartimento per la digitalizzazione della PA e l innovazione Consiglio Nazionale delle Ricerche Dipartimento delle Tecnologie dell Informazione e delle Comunicazioni Modello dell Infrastruttura per il

Dettagli

Dalla tracciabilitànel percorso clinico alla gestione dei dati di ricerca:

Dalla tracciabilitànel percorso clinico alla gestione dei dati di ricerca: Dalla tracciabilitànel percorso clinico alla gestione dei dati di ricerca: la biobanca dell Elena Sini Castellanza, 5 ottobre 2010 Agenda Biobanche: la problematica all origine e le criticità rilevate

Dettagli

IL PROGETTO NIGUARDAONLINE

IL PROGETTO NIGUARDAONLINE IL PROGETTO NIGUARDAONLINE A CURA DI : Luciana Bevilacqua Responsabile Ufficio M.C.Q. Gianni Origgi Responsabile Sistemi Informativi Aziendali Azienda Ospedaliera Niguarda Cà Granda di Milano Da oggi i

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

Esperienze di utilizzo dello standard HL7 Regione Emilia Romagna

Esperienze di utilizzo dello standard HL7 Regione Emilia Romagna Esperienze di utilizzo dello standard HL7 Regione Emilia Romagna Il Progetto SOLE - Sanità On LinE e gli standard Stefano Micocci e Marco Devanna CUP 2000 15 settembre 2010 SOLE-100206 Di cosa parleremo

Dettagli

Sanitarie per il progetto Sistema Informativo Sanitario Regionale (SISaR) della Regione Autonoma della Sardegna Bologna 30 03 2009

Sanitarie per il progetto Sistema Informativo Sanitario Regionale (SISaR) della Regione Autonoma della Sardegna Bologna 30 03 2009 ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Il modello di collaborazione Regione - Aziende Sanitarie per il progetto Sistema Informativo Sanitario Regionale (SISaR) della Regione Autonoma

Dettagli

Tavolo di Sanità Elettronica progetto: "Rete dei centri di prenotazione - Cup on line"

Tavolo di Sanità Elettronica progetto: Rete dei centri di prenotazione - Cup on line Tavolo di Sanità Elettronica progetto: "Rete dei centri di prenotazione - Cup on line" Roma, 28 Giugno 2011 La storia Ø Ha origine nel corso del 2005 dal primo Piano di e-government Obiettivo Programma

Dettagli

sanità SOLUZIONI PER LA GESTIONE DEI PROCESSI E IL GOVERNO DELL INFORMAZIONE NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

sanità SOLUZIONI PER LA GESTIONE DEI PROCESSI E IL GOVERNO DELL INFORMAZIONE NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE sanità SOLUZIONI PER LA GESTIONE DEI PROCESSI E IL GOVERNO DELL INFORMAZIONE NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Chi è Afea Nata dall incontro fra professionisti dell Information Technology e della consulenza

Dettagli

DOCUMENTO DI ANALISI DEI MACROREQUISITI FUNZIONALI DEL SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLO SCREENING DEL TUMORE DELLA CERVICE UTERINA

DOCUMENTO DI ANALISI DEI MACROREQUISITI FUNZIONALI DEL SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLO SCREENING DEL TUMORE DELLA CERVICE UTERINA REGIONE MARCHE P.F. INFORMATICA Progetto: Consolidamento dello screening del tumore della cervice uterina Data: 31/12/2007 Stato: definitivo DOCUMENTO DI ANALISI DEI MACROREQUISITI FUNZIONALI DEL SOFTWARE

Dettagli

1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE

1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE 1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE 1.1 Introduzione Il sistema informatico gestionale, che dovrà essere fornito insieme ai magazzini automatizzati (d ora in avanti Sistema Informatico o semplicemente Sistema),

Dettagli

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa?

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Paolo Donzelli DG Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione

Dettagli

ULSS 20 DI VERONA SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE SOCIO SANITARIO PROGETTUALITA

ULSS 20 DI VERONA SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE SOCIO SANITARIO PROGETTUALITA ULSS 20 DI VERONA SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE SOCIO SANITARIO PROGETTUALITA Verona 01.08.2001 CRITERI ORGANIZZATIVI AZIENDALI L Azienda ULSS, sulla base della normativa nazionale e regionale, ha due

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I PAGHE PROJECT

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I PAGHE PROJECT I N F I N I T Y Z U C C H E T T I PAGHE PROJECT PAGHE PROJECT Paghe Project è la soluzione della suite HR Zucchetti per l amministrazione del personale in aziende pubbliche e private di qualsiasi settore

Dettagli

Web LIMS. web solutions per i laboratori di analisi

Web LIMS. web solutions per i laboratori di analisi Web LIMS web solutions per i laboratori di analisi I MO LA SOLUZIONE Web LIMS LIMS è l acronimo di Laboratory Information Management System, ovvero il sistema informativo gestionale dedicato ai laboratori

Dettagli

Il progetto PIC (Portabilità Individuale Clinica) Abstract del progetto. Obiettivi

Il progetto PIC (Portabilità Individuale Clinica) Abstract del progetto. Obiettivi Il progetto PIC (Portabilità Individuale Clinica) Titolo prodotto: Portabilità Individuale Clinica (P.I.C.) Categoria: e-health Tipologia di prodotto Broadband/Online/WEB (channel): Abstract del progetto

Dettagli

Fascicolo Sanitario Elettronico

Fascicolo Sanitario Elettronico Consiglio Nazionale delle Ricerche Fascicolo Sanitario Elettronico «La roadmap e l accelerazione in atto» Ing. Stefano van der Byl Ing. Mario Ciampi Fascicolo Sanitario Elettronico 1/2 «Il FSE è l insieme

Dettagli

Gestione degli errori nei sistemi clinici informatizzati. Paolo Zilioli ICT Manager Business Application Direzione Centrale ICT IEO / CCM

Gestione degli errori nei sistemi clinici informatizzati. Paolo Zilioli ICT Manager Business Application Direzione Centrale ICT IEO / CCM Gestione degli errori nei sistemi clinici informatizzati Paolo Zilioli ICT Manager Business Application Direzione Centrale ICT IEO / CCM L Istituto Europeo di Oncologia Lo IEO è uno dei 42 Istituti italiani

Dettagli

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo PROGETTO GIPSE Presentazione e Piano Esecutivo Prima emissione: Aprile 1999 I N D I C E 1. PRESENTAZIONE GENERALE DEL PROGETTO GIPSE...2 1.1 Obiettivi... 2 1.2 Partner... 2 1.3 Il ruolo dei partner...

Dettagli

ICT in sanità: il percorso del futuro

ICT in sanità: il percorso del futuro ICT in sanità: il percorso del futuro Saronno, 18 Febbraio 2009 L di Busto Arsizio I Presidi ospedalieri di: Busto Arsizio Saronno Tradate Alcuni dati dimensionali 3 Presidi Ospedalieri: Busto Arsizio,

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

Carta Sanitaria Elettronica IL FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO IN REGIONE TOSCANA

Carta Sanitaria Elettronica IL FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO IN REGIONE TOSCANA Carta Sanitaria Elettronica IL FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO IN REGIONE TOSCANA 1 INDICE ARCHITETTURA CONTENUTI ORGANIZZAZIONE SOGGETTI COINVOLTI RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI TECNOLOGICI 2 ARCHITETTURA

Dettagli

Le soluzioni: La Piattaforma ERP modulare, parametrica e flessibile rivolta ad Ospedali, Ambulatori ed Enti che, in collaborazione con le Aziende Sanitarie e Ospedaliere italiane, erogano servizi sanitari

Dettagli

Sistemi Informativi Sanitari

Sistemi Informativi Sanitari Sistemi Informativi Sanitari BIOINGEGNERIA ED INFORMATICA MEDICA 1 Sistema informativo Sistema informativo Un sistema informativo (SI) può essere definito come l'insieme dei flussi di informazione gestiti

Dettagli

suite suite Piattaforma di Gestione della Diagnostica per Immagini

suite suite Piattaforma di Gestione della Diagnostica per Immagini suite 3D 2D 4D suite Piattaforma di Gestione della Diagnostica per Immagini suite Piattaforma di Gestione della Diagnostica per Immagini Piattaforma integrata basata su tecnologia web, ideata per ottimizzare

Dettagli

LA CARTELLA INFORMATIZZATA UNICA IN AMBIENTE PENITENZIARIO

LA CARTELLA INFORMATIZZATA UNICA IN AMBIENTE PENITENZIARIO LA CARTELLA INFORMATIZZATA UNICA IN AMBIENTE PENITENZIARIO PERCHE Una cartella Informatizzata Unica Il Progetto Ulisse Delibera G.R.T. n. 817/2002 Delibera G.R.T. n. 1344/2003 Delibera G.R.T. n. 1250/2005

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO Estratto dell'agenda dell'innovazione - Milano 2010 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CATANZARO Cap.14 L utilizzo delle ICT nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

Implementare una Cartella Clinica Elettronica

Implementare una Cartella Clinica Elettronica Implementare una Cartella Clinica Elettronica Francesco Pensalfini Responsabile Sistemi Informativi Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino Cartella

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Lo IEO è uno dei 42 Istituti italiani di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per patologie specifiche e fa parte del Servizio Sanitario Nazionale.

Lo IEO è uno dei 42 Istituti italiani di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per patologie specifiche e fa parte del Servizio Sanitario Nazionale. Paolo Zilioli Sistemi Informativi Istituto Europeo di Oncologia Roma Fortum PA - 2011 Lo IEO è uno dei 42 Istituti italiani di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico per patologie specifiche e fa parte

Dettagli

Capitolato speciale per la fornitura di

Capitolato speciale per la fornitura di ALLEGATO A Capitolato speciale per la fornitura di Servizi di verifica procedurale e funzionale delle componenti di servizio della Community Network dell'umbria nell'ambito del piano di Semplificazione

Dettagli

THE CLINICAL COMMUNITY SOLUTION

THE CLINICAL COMMUNITY SOLUTION THE CLINICAL COMMUNITY SOLUTION PATIENT ADMINISTRATOR SYSTEM REGISTRIES SISTEMI SPECIALISTICI ENTERPRISE ELECTRONICAL MEDICAL RECORD E-PRESCRIBING NURSING TERRITORIO Parlare oscuramente lo sa fare ognuno,

Dettagli

1. ASSISTENZA ALL'AVVIO IN ESERCIZIO DEL SISTEMA... 3 2. ADDESTRAMENTO DEGLI UTENTI DEL SISTEMA... 4 3. ASSISTENZA TECNICA IN GARANZIA...

1. ASSISTENZA ALL'AVVIO IN ESERCIZIO DEL SISTEMA... 3 2. ADDESTRAMENTO DEGLI UTENTI DEL SISTEMA... 4 3. ASSISTENZA TECNICA IN GARANZIA... INDICE 1. ASSISTENZA ALL'AVVIO IN ESERCIZIO DEL SISTEMA... 3 2. ADDESTRAMENTO DEGLI UTENTI DEL SISTEMA... 4 3. ASSISTENZA TECNICA IN GARANZIA... 6 3.1. SERVICE LEVEL AGREEMENT... 7 3.2. PRESCRIZIONI DEL

Dettagli

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management

PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015. Innovazione e cambiamento al servizio del management Innovazione e cambiamento al servizio del management PROGETTI FORMATIVI PER LE PROFESSIONI SANITARIE, 2015 Le nuove proposte per lo sviluppo del Dossier Formativo nell'area dell organizzazione, della qualità,

Dettagli

Document Management, Workflow, Conservazione Sostitutiva

Document Management, Workflow, Conservazione Sostitutiva Document Management, Workflow, Conservazione Sostitutiva Amministrazione Fatture Fornitori Documenti di trasporto Fatture Clienti Documenti contabili Libro Giornale Libro IVA Vendite Offerte Contratti

Dettagli

Esperienze di Cartella Clinica Elettronica Azienda ULSS 18 di Rovigo. Alessio Gasparetto IT Project Manager Engineer

Esperienze di Cartella Clinica Elettronica Azienda ULSS 18 di Rovigo. Alessio Gasparetto IT Project Manager Engineer Esperienze di Cartella Clinica Elettronica Azienda ULSS 18 di Rovigo Alessio Gasparetto IT Project Manager Engineer Agenda 1 Obiettivi strategici 2 Metodologia 3 Risultati 4 Conclusioni Agenda 1 Obiettivi

Dettagli

REGIONE LAZIO. AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI Viale Matteucci n. 9-02100 RIETI - Centralino 0746/2781 Codice Fiscale e Partita IVA 00821180577

REGIONE LAZIO. AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI Viale Matteucci n. 9-02100 RIETI - Centralino 0746/2781 Codice Fiscale e Partita IVA 00821180577 Direzione: Acquisizione Beni e Servizi Direttore: Dr.ssa Silvia Cavalli Responsabile del procedimento: Dott.ssa Silvia Cavalli Tel. 0746/278670 Fax 0746/278730 - e-mail: s.cavalli@asl.rieti.it OGGETTO:

Dettagli

ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009

ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009 ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009 Il progetto di sviluppo del sistema informativo nell Azienda Ospedaliera di Legnano Claudio Caccia Responsabile Staff Sistemi Informativi

Dettagli

Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government. Il Progetto. a project of TBS Group. www.tbsgroup.com

Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government. Il Progetto. a project of TBS Group. www.tbsgroup.com Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government Il Progetto a project of TBS Group www.tbsgroup.com Il contesto di riferimento È da tempo in atto un progressivo spostamento del baricentro

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE INTEGRATA A SUPPORTO DEI SERVIZI DIAGNOSTICI ED AMBULATORIALI DELL AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE INTEGRATA A SUPPORTO DEI SERVIZI DIAGNOSTICI ED AMBULATORIALI DELL AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO REGIONE BASILICATA Contratto di prestazione di servizi PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE INTEGRATA A SUPPORTO DEI SERVIZI DIAGNOSTICI ED AMBULATORIALI DELL AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO ALLEGATO

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 02/04/2013 Dr.ssa G. Saporetti Sig.ra Pallone Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa L. Di Palo Dr. M. Agnello

Dettagli

Informatica e Database. Roma, 19 Aprile 2011 Feruglio Ruggero

Informatica e Database. Roma, 19 Aprile 2011 Feruglio Ruggero Informatica e Database Roma, 19 Aprile 2011 Feruglio Ruggero In che fase del progetto è opportuno designare l amministratore di sistema ed iniziare la collaborazione? Sistemi informativi Definizione e

Dettagli

Il patrimonio informativo aziendale

Il patrimonio informativo aziendale Il patrimonio informativo aziendale La vera innovazione: Azienda event driven (basata sugli eventi gestita dai processi) Il Patrimonio Informativo aziendale Come si introduce un sistema di Document & Process

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS Allegato 1 Sono stati individuati cinque macro-processi e declinati nelle relative funzioni, secondo le schema di seguito riportato: 1. Programmazione e Controllo area ICT 2. Gestione delle funzioni ICT

Dettagli

Agenda digitale italiana Sanità digitale

Agenda digitale italiana Sanità digitale Agenda digitale italiana Sanità digitale Paolo Donzelli Ufficio Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione tecnologica Presidenza del

Dettagli

L NFORMATICA APPLICATA ALLA RADIOLOGIA. Anna Angeloni

L NFORMATICA APPLICATA ALLA RADIOLOGIA. Anna Angeloni L NFORMATICA APPLICATA ALLA RADIOLOGIA Anna Angeloni Gli strumenti utilizzati in radiologia digitale Modalità digitali Rete telematica ( LAN) Applicativo per la gestione della cartella radiologica (RIS)

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE COMUNE DI CASTEL MELLA Provincia di Brescia PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ON LINE (articolo 24 c. 3 bis del D.L. 90/2014, convertito

Dettagli

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica 4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica Telemedicina: una sfida per la sostenibilità del sistema sanitario Integrazione dei servizi di Telemedicina con il Fascicolo Sanitario

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1753 del 03 ottobre 2013 pag. 1

ALLEGATOA alla Dgr n. 1753 del 03 ottobre 2013 pag. 1 ALLEGATOA alla Dgr n. 1753 del 03 ottobre 2013 pag. 1 IL MODELLO Al fine di implementare quanto previsto dal presente provvedimento, per ogni MMG/PLS si rende necessario agire su i seguenti ambiti: 1.

Dettagli

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE 1. IL SOFTWARE APPLICATIVO PROGETTOENTE 1.1 Linee guida generali: Un software aperto che Vi accompagna

Dettagli

Piano di Informatizzazione delle Procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni online

Piano di Informatizzazione delle Procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni online Allegato 1) Provincia di Como Piano di Informatizzazione delle Procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni online Approvato con la deliberazione del Presidente della Provincia

Dettagli

JSISAN. Sistema Informativo Sanitario

JSISAN. Sistema Informativo Sanitario JSISAN Sistema Informativo Sanitario JSISAN Sistema Informativo Sanitario JSISAN Il nuovo Patto per la salute presentato il 27 giugno 2006 stabilisce come obiettivo la ridefinizione dei modi e delle forme

Dettagli

Allegato 4 elementi inerenti l informatizzazione

Allegato 4 elementi inerenti l informatizzazione Allegato 4 elementi inerenti l informatizzazione SOFTWARE PER LA GESTIONE DEL MAGAZZINO DEGLI AUSILI TERAPEUTICI 1. INFRASTRUTTURA... 2 2. CARATTERISTICHE DEL SOFTWARE... 2 3. ELABORAZIONI... 3 4. TEMPI

Dettagli

TELEMEDICINA. SALUTE IN RETE O BUONI PROPOSITI

TELEMEDICINA. SALUTE IN RETE O BUONI PROPOSITI TELEMEDICINA. SALUTE IN RETE O BUONI PROPOSITI MILANO, 2 MARZO 2015 DOTT. LUCIANO FLOR DIRETTORE GENERALE AZIENDA SANITARIA TRENTO Provincia Autonoma di Trento Superficie Kmq 6.200 eurochirurgia e troke

Dettagli

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CARTA REGIONALE DEI SERVIZI SISTEMA INFORMATIVO SOCIO- SANITARIO DELLA REGIONE LOMBARDIA IL CLIENTE Regione Lombardia, attraverso la società Lombardia Informatica. IL PROGETTO Fin dal 1998 la Regione Lombardia

Dettagli

C.R.M. Custom Relationship Management

C.R.M. Custom Relationship Management Web Solution C.R.M. Custom Relationship Management Overview La soluzione CRM Portal Builder è una piattaforma innovativa per la gestione delle relazioni con i clienti, basata su una struttura modulare

Dettagli

CAPITOLO 7 I sistemi informativi sanitari

CAPITOLO 7 I sistemi informativi sanitari CAPITOLO 7 I sistemi informativi sanitari Lucidi di Gianmario Motta 2010 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Definire i blocchi funzionali dei sistemi informativi sanitari: pianificazione e controllo, gestione

Dettagli

UNA POLITICA PER LA SANITÀ ELETTRONICA

UNA POLITICA PER LA SANITÀ ELETTRONICA Ministro per l innovazione e le tecnologie Tavolo Permanente Sanità Elettronica delle Regioni e delle Province Autonome UNA POLITICA PER LA SANITÀ ELETTRONICA Per un migliore e più efficiente Sistema Sanitario

Dettagli

Architettura. Tecnologia

Architettura. Tecnologia uani SDO, il prodotto Bim Italia per la gestione del flusso dei ricoveri ospedalieri, vanta più di 200 licenze installate presso Aziende Ospedaliere o Aziende Sanitarie Locali di tutta Italia. E uno strumento

Dettagli

Ricoveri SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DEL POSTO LETTO

Ricoveri SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DEL POSTO LETTO Ricoveri SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DEL POSTO LETTO SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. - REA

Dettagli

Allegato 15 Modello offerta tecnica

Allegato 15 Modello offerta tecnica Allegato 15 Modello offerta tecnica Sommario 1 PREMESSA... 4 1.1 Scopo del documento... 4 2 La soluzione progettuale e la relativa architettura... 4 2.1 Requisiti generali della soluzione offerta... 4

Dettagli

Consiglio Regionale della Calabria

Consiglio Regionale della Calabria Consiglio Regionale della Calabria VII^ Legislatura Progetto di legge Istituzione della dirigenza e dei Servizi delle Professioni Sanitarie Infermieristiche, Ostetriche, Riabilitative, Tecnico-Sanitarie

Dettagli

Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR : Toscana

Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR : Toscana Caso di studio nazionale sul Taccuino e PHR : Toscana Alessandra Morelli Regione Toscana Trento, 21 marzo 2014 AGENDA Il Sistema Sanitario della Toscana (SST) Obiettivi e strumenti Sistema ICT Il progetto

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli