RITENUTO quindi che sussistono i presupposti per l applicazione dei provvedimenti di cui alla citata D.G.R. 28/10/2002, n ;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RITENUTO quindi che sussistono i presupposti per l applicazione dei provvedimenti di cui alla citata D.G.R. 28/10/2002, n. 10863;"

Transcript

1 Provvedimento contingibile ed urgente per il contenimento dell'inquinamento atmosferico da PM10 nell agglomerato di Milano sulla base delle serie dei dati rilevati a partire dal 23 febbraio

2 VISTA la D.G.R. 28/10/2002, n.10863, Disposizioni concernenti il Piano d azione per il contenimento e la prevenzione degli episodi acuti di inquinamento atmosferico Modifica della DGR 19/10/2001,n ; RILEVATO che la richiamata D.G.R. 28/10/2002, n , stabilisce, tra l altro, i provvedimenti da assumere in occasione del supero per il 5 giorno consecutivo della soglia di attenzione per inquinamento da PM10 e da attuare il 7 giorno di superamento; PRESO ATTO che dal giorno 23 febbraio 03 persistono condizioni di superamento della soglia di attenzione per il PM10; RILEVATO che le condizioni meteorologiche, in base alle previsioni, fanno prevedere la persistenza dei suddetti livelli di inquinamento a tutto il 2 marzo 03; RITENUTO quindi che sussistono i presupposti per l applicazione dei provvedimenti di cui alla citata D.G.R. 28/10/2002, n ; DATO ATTO che il presente provvedimento non è soggetto a controllo ai sensi dell'art. 17 della legge 15/05/97, n.127 Nei territori dei comuni di: O R D I N A - Agrate Brianza - Arcore - Arese - Assago Baranzate - Bollate - Bresso - Brugherio - Buccinasco - Caponago - Carugate - Cernusco sul Naviglio - Cesano Boscone - Cinisello Balsamo - Cologno Monzese - Concorezzo - Cormano - Corsico - Cusano Milanino - Lissone - Milano - Monza - Muggiò - Nova Milanese - Novate Milanese - Opera - Paderno Dugnano - Pero - Peschiera Borromeo - Pioltello - Rho - Rozzano - San Donato Milanese - Segrate - Senago - Sesto San Giovanni - Settimo Milanese - Vedano al Lambro - Villasanta - Vimercate - Vimodrone A partire dal giorno 2 marzo 03 dalle ore 0,00 - IMPIANTI TERMICI. La temperatura non deve essere superiore a 20 C negli edifici, classificati in base al d.p.r. 412/93 con le sigle E1, E2, E4, E5, E6; per gli edifici classificati con la sigla E8, la temperatura non deve superare i 18 C. 2

3 I suddetti valori di temperatura si applicano anche agli edifici collegati alle reti di teleriscaldamento. Qualora esista la possibilità di utilizzare combustibili gassosi o liquidi distillati, è vietato l uso della legna da ardere e biomasse combustibili per riscaldamento, climatizzazione di ambienti e per produzione di acqua calda. I compiti di vigilanza sono assolti dai Sindaci dei Comuni con popolazione superiore a abitanti e dal Presidente della Provincia per i rimanenti comuni. - IMPIANTI INDUSTRIALI. Gli impianti, sia termici che tecnologici, aventi almeno un inquinante con limite di emissione rispettivamente Polveri > 50 mg/nm3 NOX (come NO2) > 200 mg/nmc SO2 > 400 mg/nmc non devono superare il 75% della emissione massima autorizzata di polveri e/o di NOX + SO2 e comunque non devono aumentare il carico emissivo medio dei 7 giorni precedenti di esercizio. Se persiste il superamento la Regione può richiedere una riduzione delle emissioni. Richiamate le prescrizioni per gli impianti termici, non si applicano le prescrizioni per gli impianti industriali che forniscono calore per uso civile tramite le reti di teleriscaldamento urbano. I compiti di vigilanza sono svolti da ARPA. A partire dal giorno 2 marzo 2003 dalle ore 8,00 alle ore 20,00 - TRAFFICO VEICOLARE. I soggetti responsabili intensificano sulla viabilità di competenza il controllo dei limiti della velocità dei veicoli. - Blocco del traffico degli autoveicoli non adibiti a servizio pubblico. Sono esclusi dal blocco: gli autoveicoli ad emissione nulla (motore elettrico) o ibridi e i veicoli a metano e a gpl; le autovetture e gli autoveicoli da trasporto ad accensione comandata alimentati a benzina, dotati di catalizzatore e omologati ai sensi della direttiva 91/441/CEE e successive direttive, immatricolati a partire dallo o immatricolati in precedenza purché conformi alla citata direttiva 91/441/CEE; le autovetture ad accensione spontanea (diesel) di tipo omologato ai sensi della direttiva 91/441/CEE e successive direttive, immatricolate a partire dallo ;. gli autoveicoli ad accensione spontanea (diesel) di massa massima superiore alle 3,5 tonnellate di tipo omologato ai sensi della direttiva 91/542/CEE e successive direttive e di massa massima 3

4 inferiore alle 3,5 tonnellate di tipo omologato ai sensi della direttiva 93/59/CEE e successive direttive. - Blocco del traffico di motoveicoli e ciclomotori non adibiti a servizio pubblico. - Sono esclusi dal blocco quelli catalizzati (omologati ai sensi della direttiva 97/24/CEE); di non applicare il divieto di circolazione: - ai tratti autostradali, alle strade statali e provinciali ricadenti nei territori dei Comuni interessati dalla presente ordinanza; - ai tratti di strade di collegamento tra gli svincoli autostradali ed i parcheggi posti in corrispondenza delle stazioni periferiche dei mezzi pubblici. Relativamente ai diversi parcheggi, gli assi viari di collegamento con gli svincoli autostradali. a) Cologno Nord: Viale Lombardia (Brugherio), Via Imbersago, Via Dante; b) Cascina Gobba: Via Milano (Cologno M.) e S.S. 11 Padana Superiore; c) Forlanini: Viale E. Forlanini; d) San Donato 1 e 2: S.S. 9 Via Emilia, S.S. 415 Paullese; e) Bisceglie: Via Parri, Via Olivieri, Via Arioli Venegoni, Via Pio II, Via San Giusto, Via Novara dalla tangenziale fino all'incrocio con Via San Giusto; f) Bisceglie : Via Parri dalla tangenziale ovest al parcheggio di Bisceglie; g) Lampugnano: Cavalcavia Ghisallo, Via Sant'Elia fino all'incrocio con Via Natta, Via Montale, Via Patroclo, Via Novara dalla tangenziale fino all'incrocio con Via San Giusto, Via San Giusto; h) Molino Dorino: Nuova bretella Settimo Milanese - Molino Dorino, S.S. 33 Sempione, Via Gallarate; i) Romolo e Famagosta: Via del Mare, Piazza Maggi, Via La Spezia, Viale Famagosta (tratto Piazza Maggi - Via Santander), Via Santander, Via Ruscoli, Via Imperia; l) Sesto Marelli: Via Galilei (Cinisello B.), Via Valtellina (Cinisello B.), Viale Gramsci (Sesto S. G.), Piazza IV Novembre (Sesto S. G.), Via E. Marelli 4

5 m) (Sesto S. G.), Viale Italia (Sesto S. G.), Viale Edison (Sesto S. G.), Via Roma (Sesto S. G.), Via Breda (Sesto S. G.), Via Buozzi (Sesto S. G.), Via Di Vittorio (Sesto S.G.), Via Partigiani (Sesto S.G.), Via Grandi (Sesto S.G.), Via Cantore (Sesto S.G.); n) Via Sempione nel comune di Pero dal confine comunale con Rho fino al raccordo con l autostrada Milano - Torino; di non applicare altresì il divieto di circolazione: a) ai veicoli delle Forze di Polizia, delle FF.AA. dei Vigili del Fuoco e dei corpi e servizi di polizia municipale e provinciale; b) ai veicoli di pronto soccorso; c) ai mezzi di trasporto pubblico e scuolabus; d) ai taxi e ai veicoli di noleggio con conducente; e) ai veicoli utilizzati per il servizio di trasporto di portatori di handicap, muniti del relativo contrassegno; f) ai veicoli targati CD e CC; g) ai veicoli appartenenti a soggetti pubblici e privati che svolgono funzioni di pubblico servizio o di pubblica utilità che risultano individuabili o con adeguato contrassegno o con certificazione del datore di lavoro come gli operatori dei servizi manutentivi di emergenza non rinviabili al giorno successivo (es. luce, gas, acqua, sistemi informatici, impianti di sollevamento, impianti termici); h) ai veicoli adibiti al trasporto di effetti postali e valori; i) ai veicoli di medici e dei veterinari in visita domiciliare urgente, muniti del contrassegno dei rispettivi ordini, operatori sanitari ed assistenziali in servizio con certificazione del datore di lavoro; l) ai veicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili ed indifferibili per la cura di gravi malattie (es. dialisi, chemioterapia) in grado di esibire relativa certificazione medica; 5

6 m) ai veicoli utilizzati da lavoratori con turni lavorativi tali da impedire la fruizione dei mezzi di trasporto pubblico certificati dal datore di lavoro; n) ai mezzi di trasporto dei commercianti ambulanti limitatamente al percorso strettamente necessario per raggiungere il proprio domicilio al termine del turno di lavoro. I Sindaci dei Comuni interessati potranno accordare eventuali ulteriori deroghe al divieto di circolazione, per particolari veicoli e/o per particolari necessità adottando provvedimenti motivati che dovranno essere esibiti alle Autorità preposte al controllo, da parte dei destinatari degli stessi. Le eventuali deroghe sono valide per l intera zona critica. Non è prevista la facoltà di avvalersi di autocertificazioni. L'applicazione, in caso di violazione delle disposizioni contenute nella presente ordinanza, delle sanzioni previste dal D.Lgs. 30/4/92, n. 285: "Nuovo Codice della Strada", nonchè dall'art. 34, c. 5, della Legge 9/1/91, n. 10; che all'esecuzione della presente ordinanza provvedano i Sindaci dei Comuni interessati, con la collaborazione delle Forze dell'ordine e dei Corpi di Polizia Municipale, secondo le rispettive competenze; che il Presidente della Provincia e i Sindaci dei Comuni interessati provvedano a rendere pubblica la presente ordinanza con i mezzi ritenuti più celeri e opportuni; L applicazione dei provvedimenti relativi allo stato di allarme cessa dalle ore 00,00 del giorno successivo a quello della emanazione del decreto di revoca effettuato dal Dirigente dell Unità Organizzativa Protezione Ambientale e Sicurezza Industriale o dal Dirigente della Struttura Protezione aria della Direzione Generale Qualità dell Ambiente. Il Presidente (Roberto Formigoni) per informazioni contattare il seguente numero telefonico del Call Center della Giunta Regionale della Lombardia:

N Protocollo n. Milano, 29 gennaio 2010

N Protocollo n. Milano, 29 gennaio 2010 Atti del Comune Settore Attuazione Mobilità e Trasporti Servizio Viabilità, Infrastrutture e Reti N Protocollo n. Milano, 29 gennaio 2010 Oggetto: DISPOSIZIONI PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA SETTORE POLIZIA LOCALE Servizio Gestione del Traffico Prot. N. 27837/15 /N

COMUNE DI BRESCIA SETTORE POLIZIA LOCALE Servizio Gestione del Traffico Prot. N. 27837/15 /N COMUNE DI BRESCIA SETTORE POLIZIA LOCALE Servizio Gestione del Traffico Prot. N. 27837/15 /N Brescia, lì 3 marzo 2015 OGGETTO: Domenica ecologica, in concomitanza della 13^ edizione della Maratona, nella

Dettagli

Misure per la limitazione del traffico veicolare nella Regione Lombardia per l anno 2015-2016

Misure per la limitazione del traffico veicolare nella Regione Lombardia per l anno 2015-2016 Misure per la limitazione del traffico veicolare nella Regione Lombardia per l anno 2015-2016 Dal 15 ottobre 2015 fino al 15 aprile 2016 sono in vigore, come ogni anno, i provvedimenti di limitazione della

Dettagli

Comune di Limena ORDINANZA TEMPORANEA PER LA DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE

Comune di Limena ORDINANZA TEMPORANEA PER LA DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE Comune di Limena Provincia di Padova Servizio Tecnico Lavori Pubbliciubblici Via Roma 44 35010 Limena c.f. 00327150280 0498844344 fax 0498840426 www.comune.limena.pd.it lavori.pubblici@comune.limena.pd.it

Dettagli

COMUNE DI VERONA lunedì 12 ottobre 2015 fino al 13 maggio 2016,

COMUNE DI VERONA lunedì 12 ottobre 2015 fino al 13 maggio 2016, COMUNE DI VERONA Da lunedì 12 ottobre 2015 fino al 13 maggio 2016, su tutto il territorio comunale, entra in vigore il divieto di circolazione per i veicoli non catalizzati. Le limitazioni si applicano

Dettagli

INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI

INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI INCENTIVI ECONOMICI PER L ACQUISTO DI VEICOLI ECOLOGICI O PER LA TRASFORMAZIONE A GAS DI QUELLI PIU VECCHI La Regione, tramite i Comuni, mette a disposizione incentivi destinati a privati o aziende che

Dettagli

Piano d Azione Comunale (PAC)

Piano d Azione Comunale (PAC) Piano d Azione Comunale (PAC) dei Comuni di Cordenons, Porcia e Pordenone, elaborato ai sensi del Piano d azione per il contenimento e la prevenzione degli episodi acuti di inquinamento atmosferico 01/03/2005

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO. Numero: 10/D Del : 25 febbraio 2008 Esecutiva da: 17 marzo 2008 proponenti : DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE - P.O.

ORDINANZA DEL SINDACO. Numero: 10/D Del : 25 febbraio 2008 Esecutiva da: 17 marzo 2008 proponenti : DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE - P.O. COMUNE DI SIENA ORDINANZA DEL SINDACO Numero: 10/D Del : 25 febbraio 2008 Esecutiva da: 17 marzo 2008 proponenti : DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE - P.O. Mobilità IL SINDACO Viste le proprie ordinanze n.

Dettagli

OGGETTO: DISPOSIZIONI PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO ATMOSFERICO IN ACCORDO CON I COMUNI DELLA PROVINCIA DI MILANO

OGGETTO: DISPOSIZIONI PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO ATMOSFERICO IN ACCORDO CON I COMUNI DELLA PROVINCIA DI MILANO CORPO POLIZIA LOCALE Servizio Segnaletica Stradale OGGETTO: DISPOSIZIONI PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO ATMOSFERICO IN ACCORDO CON I COMUNI DELLA PROVINCIA DI MILANO IL SINDACO Considerato che il

Dettagli

COMUNE DI MARANELLO Provincia di Modena

COMUNE DI MARANELLO Provincia di Modena COMUNE DI MARANELLO Provincia di Modena Prot. n. ORDINANZA N. 5203 / 2010 OGGETTO : LIMITAZIONI ALLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE PREVISTE DALL'ACCORDO REGIONALE SUGLI INTERVENTI PER LA QUALITÀ DELL'ARIA. IL

Dettagli

Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano. Tel 02 6765.1

Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano. Tel 02 6765.1 Regione Lombardia - Giunta DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE QUALITA' DELL'ARIA, CLIMA E SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Piazza Città di Lombardia n.1 20124 Milano www.regione.lombardia.it

Dettagli

Nuove limitazioni alla circolazione dei veicoli non ecologici sul territorio della Città di Ivrea, in vigore dal 25 gennaio 2010 IL SINDACO

Nuove limitazioni alla circolazione dei veicoli non ecologici sul territorio della Città di Ivrea, in vigore dal 25 gennaio 2010 IL SINDACO Ordinanza n 5292 /2010 Nuove limitazioni alla circolazione dei veicoli non ecologici sul territorio della Città di Ivrea, in vigore dal 25 gennaio 2010 IL SINDACO Visto il Decreto Legislativo 4 agosto

Dettagli

COMUNE DI NOCETO PROVINCIA DI PARMA

COMUNE DI NOCETO PROVINCIA DI PARMA Prot. n. 17389 DEL 29.09.08 Ordinanza n 255 Oggetto: ORDINANZA DI LIMITAZIONE PARZIALE DELLA CIRCOLAZIONE E DIVIETO TOTALE DI CIRCOLAZIONE AI SENSI DI QUANTO DISPOSTO DALLA CONFERENZA DEI SINDACI PER L

Dettagli

Provvedimenti di limitazione al transito dei veicoli più inquinanti

Provvedimenti di limitazione al transito dei veicoli più inquinanti Provvedimenti di limitazione al transito dei veicoli più inquinanti Nel Comune di Firenze sono vigenti divieti di transito permanenti e provvedimenti contingibili (Ordinanze). DIVIETI DI TRANSITO PERMANENTI

Dettagli

A OU DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DISPOSIZIONE DIRIGENZIALE

A OU DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DISPOSIZIONE DIRIGENZIALE TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, 5 4 5% 5% % a ip :nie 2014 OGGETTO: disposizioni attuative del punto A2 della delibera di Giunta n. 315 del 14 maggio N. 62 del 2 dicembre

Dettagli

Deliberazione n. VII/14645 Seduta del 17 ottobre 2003

Deliberazione n. VII/14645 Seduta del 17 ottobre 2003 Deliberazione n. VII/14645 Seduta del 17 ottobre 2003 Criteri e modalità di attuazione del Piano di Azione per il contenimento e la prevenzione degli episodi acuti di inquinamento atmosferico, con particolare

Dettagli

COMUNE DI OSNAGO PROVINCIA DI LECCO. POLIZIA LOCALE - Arca Intcrna-

COMUNE DI OSNAGO PROVINCIA DI LECCO. POLIZIA LOCALE - Arca Intcrna- .. COMUNE DI OSNAGO PROVINCIA DI LECCO POLIZIA LOCALE - Arca Intcrna- Sede di LUlllagna I"io Kenncdy n020 - 'l'euj399529922...fax. 0399278258 po 1izia locale@colllune.cernuscolombardone.lc.it PEC comune.iolllagna.lc@halleycert.it

Dettagli

IL SINDACO. Ordinanza n. 01_A3s del 09.01.2007. C I T T À di BIELLA. Palazzo Pella Via Tripoli, 48 Biella - C.A.P. 13900. Telefono: +39 015 3507413

IL SINDACO. Ordinanza n. 01_A3s del 09.01.2007. C I T T À di BIELLA. Palazzo Pella Via Tripoli, 48 Biella - C.A.P. 13900. Telefono: +39 015 3507413 Ordinanza n. 01_A3s del 09.01.2007 C I T T À IL SINDACO Visto il D.P.R. 24 maggio 1988, n 203 che all'art. 4 attribuiva alle Regioni la competenza per la formulazione dei piani di rilevamento, prevenzione,

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA Prot. n /03/N Brescia, lì

COMUNE DI BRESCIA Prot. n /03/N Brescia, lì Pagina 1 di 5 COMUNE DI BRESCIA Prot. n. 41815/03/N Brescia, lì 29.10.2003 OGGETTO: ORDINANZA di adozione dei provvedimenti temporanei per l attuazione del Piano di Azione per il contenimento di inquinamento

Dettagli

C O M U N E D I V A R A L L O P O M B I A Provincia di Novara

C O M U N E D I V A R A L L O P O M B I A Provincia di Novara C O M U N E D I V A R A L L O P O M B I A Provincia di Novara Ordinanza n. 02/07 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Visto il D.lgs 4 agosto 1999 n. 351 Attuazione della Direttiva 96/62/CE in materia di valutazione

Dettagli

COMUNE DI PISA SERVIZIO MOBILITA E QUALITA DELLA CITTA IDENTIFICATIVO N. 107493. Ordinanza n. 2 E/PS DEL 9.01.2004 IL SINDACO

COMUNE DI PISA SERVIZIO MOBILITA E QUALITA DELLA CITTA IDENTIFICATIVO N. 107493. Ordinanza n. 2 E/PS DEL 9.01.2004 IL SINDACO COMUNE DI PISA SERVIZIO MOBILITA E QUALITA DELLA CITTA IDENTIFICATIVO N. 107493 Ordinanza n. 2 E/PS DEL 9.01.2004 Oggetto: APPLICAZIONE IN SEDE LOCALE DELL ACCORDO DI PROGRAMMA STIPULATO IN DATA 10.10.2003

Dettagli

IL SINDACO ORDINANZA N. 48 DEL 16/05/2012 COMANDO POLIZIA LOCALE

IL SINDACO ORDINANZA N. 48 DEL 16/05/2012 COMANDO POLIZIA LOCALE IL SINDACO 1 Premesso che nei giorni dal 30 maggio al 3 giugno 2012, la Città di Milano ed alcuni Comuni del suo hinterland saranno interessati dallo svolgimento del VII Incontro mondiale delle Famiglie

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E L B O L O G N E S E Medaglia d Argento al Merito Civile Provincia di Ravenna

C O M U N E D I C A S T E L B O L O G N E S E Medaglia d Argento al Merito Civile Provincia di Ravenna C O M U N E D I C A S T E L B O L O G N E S E Medaglia d Argento al Merito Civile Provincia di Ravenna SETTORE GESTIONE TERRITORIO ORDINANZA SINDACALE n. 14 / 2015 del 01/10/2015 OGGETTO: DISPOSIZIONI

Dettagli

CITTÀ DI SETTIMO TORINESE

CITTÀ DI SETTIMO TORINESE CITTÀ DI SETTIMO TORINESE Regione Piemonte Provincia di Torino Settore Ambiente e Territorio Servizio Ambiente e Sicurezza * * * * ORDINANZA N 333 del 19/10/2005 OGGETTO: Provvedimenti di limitazione del

Dettagli

COMUNE DI PADOVA SETTORE MOBILITA' E TRAFFICO

COMUNE DI PADOVA SETTORE MOBILITA' E TRAFFICO COMUNE DI PADOVA SETTORE MOBILITA' E TRAFFICO PROT. GENERALE N. 293306 DATA: 30/10/2008 REGISTRO ORDINANZE N 758 del 30/10/2008 OGGETTO: Provvedimenti temporanei di limitazione della circolazione stradale,

Dettagli

PIANO STRALCIO DI INTERVENTO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEGLI EPISODI ACUTI DI INQUINAMENTO ATMOSFERICO NELLA ZONA A

PIANO STRALCIO DI INTERVENTO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEGLI EPISODI ACUTI DI INQUINAMENTO ATMOSFERICO NELLA ZONA A PIANO STRALCIO DI INTERVENTO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEGLI EPISODI ACUTI DI INQUINAMENTO ATMOSFERICO NELLA ZONA A Pagina 1 di 16 INDICE INTRODUZIONE ED INQUADRAMENTO NORMATIVO...3 LO STATO DI ATTENZIONE...4

Dettagli

Ordinanza n. 24 del 12.01.2016 Pagina volume N. COMUNE DI PERUGIA SETTORE STRUTTURA ORGANIZZATIVA SICUREZZA UNITÀ OPERATIVA I L S I N D AC O

Ordinanza n. 24 del 12.01.2016 Pagina volume N. COMUNE DI PERUGIA SETTORE STRUTTURA ORGANIZZATIVA SICUREZZA UNITÀ OPERATIVA I L S I N D AC O Ordinanza n. 24 del 12.01.2016 Pagina volume N. COMUNE DI PERUGIA SETTORE STRUTTURA ORGANIZZATIVA SICUREZZA UNITÀ OPERATIVA ORDINANZA N. 24 DEL 12.01.2016 OGGETTO: INTERVENTI PER CONTENERE L'INQUINAMENTO

Dettagli

IL SINDACO. Ordinanza sindacale numero 5_ del 17/05/2012

IL SINDACO. Ordinanza sindacale numero 5_ del 17/05/2012 CORPO POLIZIA LOCALE Servizio Segnaletica Stradale Ordinanza sindacale numero 5_ del 17/05/2012 OGGETTO: PROVVEDIMENTI URGENTI IN OCCASIONE DEL VII INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE: LIMITAZIONE TEMPORANEA

Dettagli

Capitolo 7. Infrastrutture

Capitolo 7. Infrastrutture Capitolo 7 Infrastrutture Variabili e indicatori utilizzati: Dotazione infrastrutturale viaria Dotazione infrastrutturale ferroviaria Numero di autovetture circolanti Numero di veicoli per trasporto merci

Dettagli

IL SINDACO Piercarlo Fabbio

IL SINDACO Piercarlo Fabbio In esecuzione alla deliberazione della Giunta Regione Piemonte n. 64/6526 del 23/07/2007, l Amministrazione Comunale di Alessandria ha adeguato le ZTL (Zone a Traffico Limitato) e ha introdotto le nuove

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE AMBIENTE

COMUNE DI TERNI DIREZIONE AMBIENTE COMUNE DI TERNI DIREZIONE AMBIENTE OGGETTO: Piano di azione per prevenire fenomeni acuti di inquinamento atmosferico da PM10 provvedimenti limitativi del traffico da adottare in modo programmato e permanente

Dettagli

COMUNE DI BELLINZAGO NOVARESE Provincia di Novara

COMUNE DI BELLINZAGO NOVARESE Provincia di Novara COMUNE DI BELLINZAGO NOVARESE Provincia di Novara ORDINANZA N. 2s 2 IL SINDACO Visto l'articolo 7 del Nuovo Codice della Strada approvato con D. L.vo 30.04.1992, no 285, con il quale si dà facoltà ai comuni,

Dettagli

blocco della circolazione veicolare dal 29 gennaio 2007 nei giorni dal lunedì al venerdì. IL SINDACO

blocco della circolazione veicolare dal 29 gennaio 2007 nei giorni dal lunedì al venerdì. IL SINDACO Area Edilizia e Territorio Ufficio Ambiente ORDINANZA n.17/07 Oggetto: blocco della circolazione veicolare dal 29 gennaio 2007 nei giorni dal lunedì al venerdì. IL SINDACO Visto l'articolo 7 del Nuovo

Dettagli

IL SINDACO. Ordinanza N. 29 / 12

IL SINDACO. Ordinanza N. 29 / 12 Ordinanza N. 29 / 12 Eseguita il Oggetto: PROVVEDIMENTI URGENTI IN OCCASIONE DEL VII INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE - SOSPENSIONE TEMPORANEA DELLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI A MOTORE NEL TERRITORIO CITTADINO

Dettagli

I L S I N D A C O INVITA

I L S I N D A C O INVITA COMUNE DI BEINASCO Provincia di Torino ---------------- Via delle Fornaci n. 4-10092 BEINASCO (TO) - Tel. 39891 - Fax 3989310 Casella postale 87 e-mail: ced.beinasco@ope.net ORD. N. del I L S I N D A C

Dettagli

COMUNE DI GENOVA ESTRATTO DAI VERBALI DEI PROVVEDIMENTI DEL SINDACO

COMUNE DI GENOVA ESTRATTO DAI VERBALI DEI PROVVEDIMENTI DEL SINDACO N. 440 Data 28.12.2006 Oggetto: LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE NELL AMBITO DEL TERRITORIO COMUNALE PER ALCUNE TIPOLOGIE DI AUTOVEICOLI AL FINE DI PREVENIRE E RIDURRE L INQUINAMENTO ATMOSFERICO, A TUTELA

Dettagli

IL SINDACO. COMUNE DI TERNI Direzione Ambiente Mobilità e Trasporti. Corso del Popolo,30 05100 Terni

IL SINDACO. COMUNE DI TERNI Direzione Ambiente Mobilità e Trasporti. Corso del Popolo,30 05100 Terni COMUNE DI TERNI Direzione Ambiente Mobilità e Trasporti Corso del Popolo,30 05100 Terni Tel. +39 0747.549.825 Fax +39 0744.549.868 direzione.ambiente@comune.terni.it comune.terni@postacert.umbria.it OGGETTO:

Dettagli

OGGETTO: DISPOSIZIONI URGENTI PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO ATMOSFERICO NEL COMUNE DI RHO IL SINDACO

OGGETTO: DISPOSIZIONI URGENTI PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO ATMOSFERICO NEL COMUNE DI RHO IL SINDACO OGGETTO: DISPOSIZIONI URGENTI PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO ATMOSFERICO NEL COMUNE DI RHO IL SINDACO Considerato che il miglioramento della qualità dell aria attraverso la riduzione delle emissioni

Dettagli

LIMITAZIONI AL TRAFFICO dal 09/10/2006 al 31/03/2007 con interruzione nei periodi: 1 e 2 Novembre 2006 dall 8 Dicembre 2006 al 5 Gennaio 2007 compresi

LIMITAZIONI AL TRAFFICO dal 09/10/2006 al 31/03/2007 con interruzione nei periodi: 1 e 2 Novembre 2006 dall 8 Dicembre 2006 al 5 Gennaio 2007 compresi Comune di Rimini Ufficio Relazioni con il Pubblico Ordinanza prot. N 162351 del 28/09/2006 LIMITAZIONI AL TRAFFICO dal 09/10/2006 al 31/03/2007 con interruzione nei periodi: 1 e 2 Novembre 2006 dall 8

Dettagli

Delibera n. 5546 del 10 ottobre 2007

Delibera n. 5546 del 10 ottobre 2007 Delibera n. 5546 del 10 ottobre 2007 Piano di azione per il contenimento e la prevenzione degli episodi acuti di inquinamento atmosferico. Criteri e modalità di attuazione nel periodo dal 15 ottobre 2007

Dettagli

COMUNE DI BORGO TICINO Provincia di Novara Ufficio di Polizia Locale Via Vittorio Emanuele II, 58

COMUNE DI BORGO TICINO Provincia di Novara Ufficio di Polizia Locale Via Vittorio Emanuele II, 58 Prot. n. 2503 Borgo Ticino, lì 26.02.2010 ORDINANZA N. 04/2010 IL SINDACO Visto l articolo 7 del Nuovo Codice della Strada approvato con D. Leg.vo 30.04.1992, n 285, con il quale si dà facoltà ai comuni,

Dettagli

Questo divieto varrà su tutte le strade poste all interno del seguente perimetro:

Questo divieto varrà su tutte le strade poste all interno del seguente perimetro: 17/11/2009 COMUNE DI TRIESTE: DA DOMANI POMERIGGIO, MERCOLEDI 18 NOVEMBRE, DALLE 16.00 ALLE 19.00, SCATTA IL PIANO DI CONTENIMENTO ALL INQUINAMENTO ATMOSFERICO CON LO STOP ALLA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO

Dettagli

Elenco Uffici Manpower

Elenco Uffici Manpower Elenco Uffici Manpower Filiale Indirizzo Telefono Fax ABBIATEGRASSO Mirabello AGRATE BRIANZA D'Agrate Galleria Mirabello, 11 20081 Abbiategrasso (MI) abbiategrasso.mirabello@manpow Via Antonio D'Agrate,

Dettagli

CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE

CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE Regione Piemonte Provincia di Torino Settore Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Ecologia Ed Ambiente * * * * ORDINANZA N 13/2010 del 04/02/2010 OGGETTO: Provvedimenti

Dettagli

3 Rapporto sulla fiscalità locale nei territori di Milano, Lodi e Monza e Brianza RAPPORTO 01/2015

3 Rapporto sulla fiscalità locale nei territori di Milano, Lodi e Monza e Brianza RAPPORTO 01/2015 3 Rapporto sulla fiscalità locale nei territori di Milano, Lodi e Monza e Brianza RAPPORTO 01/2015 A cura dei Settori Fisco e Diritto d Impresa Competitività Territoriale, Ambiente ed Energia Indice contenuti

Dettagli

Originale Ordinanza Sindacale

Originale Ordinanza Sindacale Originale Ordinanza Sindacale N. 100 data 02/10/2012 Classifica VI.7 Oggetto: PROVVEDIMENTI CONTINGENTI PER LA RIDUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE DI POLVERI SOTTILI PM10.LIMITAZIONI ALLA CIRCOLAZIONE STRADALE

Dettagli

ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA

ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA ORDINANZA N. 878 PROT. 80507 DEL 29.12.2006 ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Visto il D.lgs 4 agosto 1999 n. 351 Attuazione della Direttiva 96/62/CE in materia di valutazione

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Anno XXXI - N. 278 Poste Italiane - Spedizione in A.P. - art. 2, comma 20/c - Legge 662/96 - Filiale di Varese REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LOMBARDIA MILANO - GIOVEDÌ, 15 NOVEMBRE

Dettagli

Rep. n. 329/11 ORDINANZA N. 51 / 11 IL SINDACO

Rep. n. 329/11 ORDINANZA N. 51 / 11 IL SINDACO Rep. n. 329/11 ORDINANZA N. 51 / 11 IL SINDACO Premesso che con propria Ordinanza n. 37/2011 Rep. n. 205 del 12/02/2011, ha emanato alcune disposizioni orientate al contenimento della concentrazione di

Dettagli

Indirizzi delle filiali della Banca di Credito Cooperativo di CARUGATE. Filiale di: Indirizzo Telefono

Indirizzi delle filiali della Banca di Credito Cooperativo di CARUGATE. Filiale di: Indirizzo Telefono Banca di Credito Cooperativo di CARUGATE Agrate Brianza Via Mazzini, 17 02 6890096 Bellusco Via Garibaldi, 24 039 6883008 Bernareggio Via Libertà, 18 039 6884404 Brugherio c/o Centro Comm. Kennedy 039

Dettagli

Ordinanza n. 133 Protocollo n. 5818 del 10/02/2011

Ordinanza n. 133 Protocollo n. 5818 del 10/02/2011 Ordinanza n. 133 Protocollo n. 5818 del 10/02/2011 OGGETTO: Provvedimenti urgenti per la lotta all'inquinamento atmosferico causato dalle polveri sottili (PM 10 ). Modulo 3 fino a 35 superamenti. IL SINDACO

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO

ORDINANZA DEL SINDACO COMUNE DI SIENA ORDINANZA DEL SINDACO Numero: 163 Del : 28 FEBBRAIO 2006 Esecutiva da: 1 OTTOBRE 2006 proponenti : DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE - Posizioni Organizzative Polizia Amministrativa - Politiche

Dettagli

COMUNE di NOVARA ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA IL SINDACO

COMUNE di NOVARA ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA IL SINDACO COMUNE di NOVARA ORDINANZA N. 170 PROT. N. 15077 RI10/676 DEL 23-02-2010 ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA IL SINDACO Considerato che, nei mesi di gennaio e febbraio del corrente anno, nell ambito del

Dettagli

4.6 IL BIOSSIDO DI CARBONIO

4.6 IL BIOSSIDO DI CARBONIO 4.6 IL BIOSSIDO DI CARBONIO Il biossido di carbonio antropogenico deriva principalmente dalla combustione di fonti energetiche di origine fossile (petrolio e derivati, naturale, carbone). La quantità di

Dettagli

N. 26 / 05 IL SINDACO

N. 26 / 05 IL SINDACO Ord. N. 26 / 05 IL SINDACO - Preso atto delle conclusioni della riunione tenutasi il 31.01.2005 presso la sede della Provincia di Bologna concordate tra tutti i Comuni presenti, mirate a fronteggiare con

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO

ORDINANZA DEL SINDACO COMUNE DI SIENA ORDINANZA DEL SINDACO Numero: 956 Del : 28 SETTEMBRE 2006 Esecutiva da: 15 novembre 2006 proponenti : DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE - Politiche della Mobilità OGGETTO: Ordinanza sindacale

Dettagli

Comune di Piacenza IL SINDACO

Comune di Piacenza IL SINDACO Comune di Piacenza IL SINDACO Ordinanza n. 663 del 27/10/2015 Oggetto: MODIFICA DELL'ORDINANZA N. 599 DEL 25/09/2015 "LIMITAZIONI DELLA CIRCOLAZIONE DAL 1 OTTOBRE DI OGNI ANNO AL 31 MARZO DELL'ANNO SUCCESSIVO,

Dettagli

COMUNE TREVISO L'amministrazione comunale di Treviso ha emanato l'ordinanza "Respiro Meglio a Treviso - aria pulita per una città più vivibile".

COMUNE TREVISO L'amministrazione comunale di Treviso ha emanato l'ordinanza Respiro Meglio a Treviso - aria pulita per una città più vivibile. COMUNE TREVISO L'amministrazione comunale di Treviso ha emanato l'ordinanza "Respiro Meglio a Treviso - aria pulita per una città più vivibile". Dal 2 novembre al 11 dicembre 2015 e dal 12 gennaio al 30

Dettagli

Ordinanza n 5307/2010

Ordinanza n 5307/2010 Ordinanza n 5307/2010 Limitazioni alla circolazione dei veicoli mossi da motore a combustione interna a qualsiasi uso destinati nella giornata di domenica 28 febbraio 2010, dalle ore 10,00 alle ore 18,00.

Dettagli

LIMITAZIONI ALLA CIRCOLAZIONE STRADALE DINAMICA PRIVATA

LIMITAZIONI ALLA CIRCOLAZIONE STRADALE DINAMICA PRIVATA Estratto dell'ordinanza prot. n.249757 del 23/12/2014 LIMITAZIONI ALLA CIRCOLAZIONE STRADALE DINAMICA PRIVATA VEICOLI CHE NON POSSONO CIRCOLARE 1) Dal 07 gennaio 2015 al 31 marzo 2015 da lunedì a venerdì

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri UNRAE: INGIUSTO PENALIZZARE I DIESEL EURO 4 NEI CENTRI URBANI Le auto diesel Euro 4 di

Dettagli

C I T T A' D I C A R M A G N O L A PROVINCIA DI TORINO UFFICIO AMBIENTE IGIENE IL SINDACO

C I T T A' D I C A R M A G N O L A PROVINCIA DI TORINO UFFICIO AMBIENTE IGIENE IL SINDACO C I T T A' D I C A R M A G N O L A PROVINCIA DI TORINO UFFICIO AMBIENTE IGIENE Ordinanza n 24/2005 OGGETTO: Articolo 7 del Decreto legislativo n. 285/1992 Limitazioni del traffico veicolare nel centro

Dettagli

ORDINANZA N.107 Dolo, 14 Ottobre 2005 Prot. n.7905/8

ORDINANZA N.107 Dolo, 14 Ottobre 2005 Prot. n.7905/8 UNIONE DEI COMUNI Città della Riviera del Brenta tra i Comuni di Dolo e Fiesso d Artico CORPO POLIZIA LOCALE P.tta dei Storti n.11 Dolo (VE) 041-410769- fax 041-413027- P.IVA 03412000279 ORDINANZA N.107

Dettagli

Oggetto: Domeniche Ecologiche nei giorni 16 febbraio e 6 aprile 2014. Considerato che con ordinanza dirigenziale n 802 del 21/10/2013 Misure di

Oggetto: Domeniche Ecologiche nei giorni 16 febbraio e 6 aprile 2014. Considerato che con ordinanza dirigenziale n 802 del 21/10/2013 Misure di Rep. Ord. n 037 del 22/01/2014 Oggetto: Domeniche Ecologiche nei giorni 16 febbraio e 6 aprile 2014 IL DIRIGENTE Direzione Mobilità e Trasporti Direttore Ing. Franco Fiorin Settore Mobilità Dirigente arch.

Dettagli

Limitazioni della circolazione stradale dinamica privata dal 03/11/2009 al 31/03/2010

Limitazioni della circolazione stradale dinamica privata dal 03/11/2009 al 31/03/2010 Comune di Rimini U.O. Piano Strategico e URP Ufficio Relazioni con il Pubblico C.so d'augusto, 158-47900 Rimini tel. 0541 704704 - fax 0541 704287 urp@comune.rimini.it www.comune.rimini.it Estratto dell'ordinanza

Dettagli

Figura 4.7.1 Contributi percentuali dei macrosettori alle emissioni di metano nella provincia di Milano 1998 19% < 5%

Figura 4.7.1 Contributi percentuali dei macrosettori alle emissioni di metano nella provincia di Milano 1998 19% < 5% 4.7 IL METANO Il metano è un gas incolore e inodore, che abbonda in natura quale costituente principale del gas naturale. Buona parte delle emissioni in atmosfera derivano dalle operazioni di estrazione,

Dettagli

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di Rubano, 24 febbraio 2010 Prot. 455 Sez. 0801 C. 13 Alle sigg.re Sindache ed ai sigg.ri Sindaci dei Comuni del Veneto Loro indirizzi Cari colleghi, in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito

Dettagli

SE'ITORE PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE MOBILITA' E TRASPORTO PUBBLICO Direzione

SE'ITORE PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE MOBILITA' E TRASPORTO PUBBLICO Direzione Milano I DIRETTORE DI SETTORE Del 10/10/2012 (s) DIRETTORE DI SETTORE 10110R012 Milano, 08.10.2012 SE'ITORE PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE MOBILITA' E TRASPORTO PUBBLICO Direzione OGGETTO:.- Istituzione

Dettagli

COMUNE DI FOLIGNO 4.10 SERVIZIO AMBIENTE O R D I N A N Z A. n. 675 del 29/12/2014

COMUNE DI FOLIGNO 4.10 SERVIZIO AMBIENTE O R D I N A N Z A. n. 675 del 29/12/2014 COMUNE DI FOLIGNO 4.10 SERVIZIO AMBIENTE O R D I N A N Z A n. 675 del 29/12/2014 OGGETTO: Piano regionale per la qualità dell'aria. Attuazione delle misure di prevenzione e contenimento dell'inquinamento

Dettagli

SCHEDA. ECOPASS. DATA DI PARTENZA DEL PROVVEDIMENTO Mercoledì 2 gennaio 2008. Provvedimento sperimentale per 1 anno.

SCHEDA. ECOPASS. DATA DI PARTENZA DEL PROVVEDIMENTO Mercoledì 2 gennaio 2008. Provvedimento sperimentale per 1 anno. SCHEDA. ECOPASS DATA DI PARTENZA DEL PROVVEDIMENTO Mercoledì 2 gennaio 2008. Provvedimento sperimentale per 1 anno. GIORNI E ORARI APPLICAZIONE DEL PROVVEDIMENTO Dopo il 15 aprile è previsto il nuovo orario

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE 22 - MOBILITÀ. ORDINANZA n 82 Direz. 22 del 27 settembre 2010 - Identificativo n 663894

COMUNE DI PISA DIREZIONE 22 - MOBILITÀ. ORDINANZA n 82 Direz. 22 del 27 settembre 2010 - Identificativo n 663894 COMUNE DI PISA DIREZIONE 22 - MOBILITÀ ORDINANZA n 82 Direz. 22 del 27 settembre 2010 - Identificativo n 663894 Oggetto: Nuove limitazioni alla circolazione di particolari categorie di mezzi IL DIRIGENTE

Dettagli

COMUNE DI TREVISO. Prot. Treviso, 25.2.2010

COMUNE DI TREVISO. Prot. Treviso, 25.2.2010 COMUNE DI TREVISO Prot. Treviso, 25.2.2010 Oggetto: PROVVEDIMENTI PER IL CONTENIMENTO E PREVENZIONE DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO. BLOCCO TOTALE DELLA CIRCOLAZIONE NELLA GIORNATA DI DOMENICA 28 FEBBRAIO

Dettagli

DISCIPLINARE PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA AMBIENTE VI BANDO Anno 2011

DISCIPLINARE PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA AMBIENTE VI BANDO Anno 2011 DISCIPLINARE PER L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER IL RISANAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA AMBIENTE VI BANDO Anno 2011 1 - OGGETTO Il Comune di Capannori concede incentivi per: - acquisto di veicoli a basso

Dettagli

AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA DOTE FORMAZIONE PERCORSI DI FORMAZIONE LINGUISTICA PER TITOLARI DI LICENZA TAXI

AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA DOTE FORMAZIONE PERCORSI DI FORMAZIONE LINGUISTICA PER TITOLARI DI LICENZA TAXI ALLEGATO B AVVISO PER LA PARTECIPAZIONE ALLA DOTE FORMAZIONE PERCORSI DI FORMAZIONE LINGUISTICA PER TITOLARI DI LICENZA TAXI Obiettivi e principi dell intervento L obiettivo del presente Avviso è prioritariamente

Dettagli

OGGETTO: LIMITAZIONE DEL TRAFFICO VEICOLARE 2005/2006 IL SINDACO

OGGETTO: LIMITAZIONE DEL TRAFFICO VEICOLARE 2005/2006 IL SINDACO Corso Francia 98-10090 Rivoli (TO) - tel. 011.9513300 - fax 011.9513399 comunerivoli@ruparpiemonte.it --------------- Area Gestione del Territorio ASSESSORATO ALL AMBIENTE E ALLO SVILUPPO SOSTENIBILE SERVIZIO

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2006

DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2006 Comune di Livorno DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Anno 2006 1) Oggetto Rilascio di contributi per l acquisto di veicoli a

Dettagli

RAPPORTO N 04/2016. 4 Rapporto sulla fiscalità locale nei territori di Milano, Lodi e Monza e Brianza

RAPPORTO N 04/2016. 4 Rapporto sulla fiscalità locale nei territori di Milano, Lodi e Monza e Brianza 4 Rapporto sulla fiscalità locale nei territori di Milano, Lodi e Monza e Brianza RAPPORTO N 04/2016 A cura dei Settori Fisco e Diritto d Impresa Competitività Territoriale, Ambiente ed Energia 4 Rapporto

Dettagli

COMUNE CAMPI BISENIO. Ordinanza per l istituzione e la disciplina della zona a traffico limitato e del centro storico di Capalle

COMUNE CAMPI BISENIO. Ordinanza per l istituzione e la disciplina della zona a traffico limitato e del centro storico di Capalle COMUNE CAMPI BISENIO Ordinanza per l istituzione e la disciplina della zona a traffico limitato e del centro storico di Capalle Ordinanza del Responsabile del Servizio Mobilità e Traffico n. 262/2005 IL

Dettagli

COMUNE DI POGGIBONSI

COMUNE DI POGGIBONSI COMUNE DI POGGIBONSI PROVINCIA DI SIENA Settore Qualità Urbana ORDINANZA n. /07 Oggetto: Misure riduzione emissioni sostanze inquinanti e prevenzione fenomeni di inquinamento atmosferico. Limitazioni circolazione

Dettagli

ASSESSORATO DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITÀ Decreto 3 agosto 2010. Disposizioni relative alla limitazione della circolazione degli autoveicoli

ASSESSORATO DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITÀ Decreto 3 agosto 2010. Disposizioni relative alla limitazione della circolazione degli autoveicoli ASSESSORATO DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITÀ Decreto 3 agosto 2010. Disposizioni relative alla limitazione della circolazione degli autoveicoli nei centri abitati al fine della prevenzione degli inquinamenti

Dettagli

Il Sindaco ORDINANZA N. 86 OGGETTO : LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL RISANAMENTO E LA TUTELA DELLA QUALITA' DELL'ARIA IL SINDACO

Il Sindaco ORDINANZA N. 86 OGGETTO : LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL RISANAMENTO E LA TUTELA DELLA QUALITA' DELL'ARIA IL SINDACO ORDINANZA N. 86 OGGETTO : LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL RISANAMENTO E LA TUTELA DELLA QUALITA' DELL'ARIA Premesso che: IL SINDACO L area geografica della Pianura Padana è interessata da

Dettagli

Allegato A PROTOCOLLO D'INTESA

Allegato A PROTOCOLLO D'INTESA Allegato A PROTOCOLLO D'INTESA Tra i Comuni di Cremona, Bonemerse, Castelverde, Gadesco Pieve Delmona, Gerre de Caprioli, Malagnino, Persico Dosimo, Sesto ed Uniti, Spinadesco e Castelvetro Piacentino

Dettagli

COMUNE di NOVARA ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA ED IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO NEL CENTRO ABITATO IL SINDACO

COMUNE di NOVARA ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA ED IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO NEL CENTRO ABITATO IL SINDACO COMUNE di NOVARA ORDINANZA N. PROT. N. DEL ORDINANZA SULLA CIRCOLAZIONE URBANA ED IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO NEL CENTRO ABITATO IL SINDACO Visto il D.lgs 13 agosto 2010 n. 155 Attuazione

Dettagli

50 4.2.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 5 DELIBERAZIONE 22 gennaio 2009, n. 19

50 4.2.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 5 DELIBERAZIONE 22 gennaio 2009, n. 19 50 4.2.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 5 DELIBERAZIONE 22 gennaio 2009, n. 19 D.G.R. n. 316 del 07.05.2007 relativa all Accordo per la riduzione delle emissioni inquinanti e la prevenzione

Dettagli

la d.g.r. 22 ottobre 2004, n , recante i criteri e le modalità di attuazione del suddetto Piano d azione.

la d.g.r. 22 ottobre 2004, n , recante i criteri e le modalità di attuazione del suddetto Piano d azione. Delibera VII/20217 Seduta del 14 gennaio 2005 Ulteriori disposizioni in ordine alla circolazione dei veicoli, ad integrazione del Piano d'azione (anno 2005) per il contenimento e la prevenzione degli episodi

Dettagli

Da chi dovrà essere richiesto

Da chi dovrà essere richiesto ALLE AZIENDE ASSOCIATE CIRCOLARE N. 156/2007 20 DICEMBRE 2007 OGGETTO: LIMITAZIONI DEL TRAFFICO ENTRATA IN VIGORE DELL ECOPASS PER LA CERCHIA DEI BASTIONI DI MILANO Dal 2 gennaio 2008 avrà inizio la fase

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA. Ordinanza n. 664

CITTÀ DI IMOLA. Ordinanza n. 664 Ordinanza n. 664 Oggetto: Adozione di provvedimenti temporanei di limitazione della circolazione al fine di ridurre l inquinamento atmosferico a tutela della salute pubblica in attuazione al Piano Aria

Dettagli

IL RESPONSABILE DEL SETTORE POLIZIA LOCALE

IL RESPONSABILE DEL SETTORE POLIZIA LOCALE Sede Centrale di Dolo: P.tta dei Storti n.11 30031 Dolo (VE) Tel. 041/410769 Fax 041/413027 Sede distaccata di Fiesso d Artico: c/o Municipio - Piazza Marconi n.16 30032 Fiesso d Artico (VE) Tel 041/5137135

Dettagli

COMUNE DI FOLIGNO 4.10 SERVIZIO AMBIENTE

COMUNE DI FOLIGNO 4.10 SERVIZIO AMBIENTE COMUNE DI FOLIGNO 4.10 SERVIZIO AMBIENTE ORDINANZA n. 12 del 27/01/2015 OGGETTO: Piano regionale per la qualità dell'aria. Attuazione delle misure di prevenzione e contenimento dell'inquinamento dell'aria

Dettagli

Regolamento. aree di sosta a pagamento. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 10 del 26/03/2013. Esecutivo dal 30/03/2013. Il Segretario Generale

Regolamento. aree di sosta a pagamento. Allegato alla deliberazione di C.C. n. 10 del 26/03/2013. Esecutivo dal 30/03/2013. Il Segretario Generale Documento Sistema di Gestione Qualità ISO 9001:2008 norma 7.3.3 Certificato CSQ N. 9159.CMPD del 27/05/2010 T P51 MD01 Rev. 3 www.comune.paderno-dugnano.mi.it Processo trasversale a tutti i settori Regolamento

Dettagli

ORDINANZA DEL SINDACO

ORDINANZA DEL SINDACO ORDINANZA DEL SINDACO Numero: 2012/00389 Del: 27/12/2012 Esecutiva da: 27/12/2012 Proponente: Direzione Ambiente,Posizione Organizzativa (P.O.) Vivibilita' urbana OGGETTO: Provvedimenti urgenti per la

Dettagli

3. Invito agli esercizi commerciali di chiusura delle porte di accesso ai propri locali;

3. Invito agli esercizi commerciali di chiusura delle porte di accesso ai propri locali; PROTOCOLLO DI COLLABORAZIONE TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNI RICADENTI NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA: AZIONI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA ED IL CONTRASTO ALL INQUINAMENTO ATMOSFERICO

Dettagli

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CITTA' DI TORINO DIREZIONE CENTRALE CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SERVIZIO SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 21 Operativa OGGETTO: Tutela Ambiente e Territorio. Veicoli-Inquinamento

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DIVISIONE AMBIENTE SETTORE TUTELA AMBIENTE IL SINDACO

CITTÀ DI TORINO DIVISIONE AMBIENTE SETTORE TUTELA AMBIENTE IL SINDACO ORDINANZA N. 396 CITTÀ DI TORINO DIVISIONE AMBIENTE SETTORE TUTELA AMBIENTE nro progr. 1293 del 04/02/2010 LOCALITÀ: Territorio Comunale CIRCOSCRIZIONI: TUTTE IL SINDACO Visto l'articolo 7 del Nuovo Codice

Dettagli

COMUNE DI IMOLA (BO) Limitazioni alla circolazione dal 12 ottobre 2015 al 31 marzo 2016

COMUNE DI IMOLA (BO) Limitazioni alla circolazione dal 12 ottobre 2015 al 31 marzo 2016 COMUNE DI IMOLA (BO) Limitazioni alla circolazione dal 12 ottobre 2015 al 31 marzo 2016 Periodo e orari delle limitazioni: dal lunedì al venerdì dalle 08,30 alle 18,30, esclusi i giorni festivi le domeniche

Dettagli

PROVINCIA DI MILANO DIREZIONE CENTRALE ISTRUZIONE ED EDILIZIA SCOLASTICA

PROVINCIA DI MILANO DIREZIONE CENTRALE ISTRUZIONE ED EDILIZIA SCOLASTICA IL PATRIMONIO SCOLASTICO DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE E COSTITUITO DA 168 EDIFICI SCOLASTICI (RIFERITI ALLA SOLA ISTRUZIONE SUPERIORE); La popolazione della Provincia di Milano e di 3.083.995 LA POPOLAZIONE

Dettagli

CITTÀ DI LUCCA Amministrazione Comunale Settore Tutela Ambientale

CITTÀ DI LUCCA Amministrazione Comunale Settore Tutela Ambientale CITTÀ DI LUCCA Amministrazione Comunale Settore Tutela Ambientale Prot. n. 7400 del 2 febbraio 2010 IL SINDACO Visto l art. 32 della Costituzione, che indica quale obiettivo primario del nostro ordinamento

Dettagli

Doc. 401O19OT.0LO di Origine Regionale emanato/a da : Regione Lombardia e pubblicato/a su : Bollettino Uff. Reg. Suppl. Straord. n 46 del 15/11/2001

Doc. 401O19OT.0LO di Origine Regionale emanato/a da : Regione Lombardia e pubblicato/a su : Bollettino Uff. Reg. Suppl. Straord. n 46 del 15/11/2001 Deliberazione della Giunta Regionale n 7/6501 del 19/10/2001 Zonizzazione del territorio regionale per il conseguimento degli obiettivi di qualità dell'aria, ambiente, ottimizzazione e razionalizzazione

Dettagli

COMUNE DI PESARO SINDACO

COMUNE DI PESARO SINDACO COMUNE DI PESARO SINDACO Ordinanza N 2234 Oggetto: PROVVEDIMENTI CONTINGENTI PER LA RIDUZIONE DELLA CONCENTRAZIONE DI POLVERI SOTTILI PM10 NELL ARIA AMBIENTE. LIMITAZIONI ALLA CIRCOLAZIONE STRADALE DEI

Dettagli

disciplinare 2008.doc

disciplinare 2008.doc Comune di Pontedera DISCIPLINARE TECNICO RIGUARDANTE L EROGAZIONE DI INCENTIVI PER L ACQUISTO DI VEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE E LA TRASFORMAZIONE A GAS DI VEICOLI INQUINANTI Anno 2008 1 Settore Pianificazione

Dettagli