Milano 8 aprile 2005 Università Bocconi Aula Magna

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Milano 8 aprile 2005 Università Bocconi Aula Magna"

Transcript

1 Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi & Centro Newfin Università Bocconi IAS-IFRS E IMPRESE BANCARIE: Impatti gestionali, organizzativi e contabili Milano 8 aprile 2005 Università Bocconi Aula Magna 1

2 Il bilancio consolidato secondo gli IAS: le ricadute contabili ed organizzative nei gruppi bancari KPM G Business Advisory Services S.p.A. Raffaele Mazzeo 8 aprile

3 Indice del capitolo: Il bilancio consolidato secondo gli IAS: le ricadute contabili ed organizzative nei gruppi bancari 1 Premessa 2 La normativa di riferimento 3 L avvio delle attività per la redazione del bilancio consolidato 4 La classificazione delle partecipazioni: le ricadute contabili ed organizzative 5 Gli aspetti contabili ed organizzativi per la predisposizione del bilancio consolidato 5.1 L estensione del perimetro di consolidamento 5.2 Preparazione del primo bilancio consolidato IAS: ricadute organizzative alla First Time adoption 5.3 La gestione del doppio binario consolidato IAS civilistico individuale 5.4 Le valutazioni delle partecipazioni ai fini IAS 39 e IAS Le innovazioni introdotte dagli IAS nel trattamento delle transazioni infragruppo 5.6 Le strutture aziendali coinvolte nel processo del bilancio consolidato 3

4 La normativa di riferimento IAS 27 Consolidated and Separate Financial Statements and Accounting for Investments in Subsidiaries IAS 28 Investments in Associates IAS 31 Financial Reporting of Interests in Joint Ventures IFRS 3: Business Combinations IAS 39: Financial Instruments: Recognition and Measurement IAS 36: Impairment of Assets IFRS 5, Non Current Assets Held For Sale and Discontinued Operations SIC 12, Consolidation - Special Purpose Entities IAS 32: Financial Instruments: Disclosure and Presentation IFRS 1 First-time adoption of IFRS IFRS 2 Share - Based Payment IAS 33: Earning per Share 4

5 La classificazione delle partecipazioni Classificazione Valutazione nel bilancio consolidato Valutazione nel bilancio individuale di una controllante che predispone il bilancio consolidato IAS / IFRS Partecipazioni in società controllate Consolidamento integrale Costo (meno impairment) IAS 27 Partecipazioni in società collegate Patrimonio netto oppure IAS 28 Fair value IAS 39 Partecipazioni di controllo congiunto Consolidamento proporzionale Patrimonio Netto oppure IAS 31 Partecipazioni in società collegate o di controllo congiunto destinate alla vendita (Held for Sale) Altre partecipazioni al fair value con iscrizione al conto economico (Held for trading o designate al Fair value Profit & Loss) Altre partecipazioni disponibili per la vendita (Available for Sale) Al minore tra fair value meno costi di vendita e valore contabile Fair value con imputazione del risultato di valutazione a conto economico Fair value con imputazione del risultato di valutazione a riserva specifica di patrimonio netto IFRS 5 IAS 39 5

6 Perimetro di consolidamento - Ante IAS HOLDING Controllata Controllata Controllata Subcontrollata Subcontrollata Subcontrollata Subcontrollata Subcontrollata controllata controllata Collegata Collegata Controllata collegata controllata Controllata Dissimile 6

7 Perimetro di consolidamento - Post IAS HOLDING Controllata Dissimile Controllata Subcontrollata Subcontrollata Subcontrollata Controllata Subcontrollata Subcontrollata Controllata Controllata Controllata Collegata Collegata Controllata Sub-controllata Sub-controllata controllata controllata collegata Società Veicolo Cartolarizzazioni 7

8 Bilancio consolidato IAS: aspetti organizzativi Chi effettua classificazione? Necessità di DATABASE di Gruppo Sub-controllata Controllata Dissimile Controllata Sub-controllata Subcontrollata Subcontrollata Controllata Subcontrollata Controllata HOLDING Controllata Subcontrollata Subcontrollata Bilanci individuali: Adozione dal 2005 o dal 2006? Come gestire il doppio binario Controllata Collegata Collegata Controllata controllata controllata collegata Chi determina il FV e l Impariment? Necessità di metodologie omogenee Le società collegate sono obbligate a predisporre il report IAS? Come garantire l adozione omogenea degli IAS nel gruppo? 8

9 Le Aree organizzative coinvolte nel processo del bilancio consolidato: tabella di sintesi Bilancio Partecipazioni Finanza e tesoreria Controllo di Gestione e Risk Management Controllate (Sub holdings) Internal Audit e Collegio Sindacale Definizione delle linee guida di gruppo per la classificazione X X Definizione dei modelli valutativi di gruppo Definizione degli schemi contabili di gruppo Valutazione iniziale X X X X X X X X Classificazione e definizione del perimetro di consolidamento X X X Valutazione successiva X X X X X Controllo di metodo sulla valutazione delle partecipazioni indirette effettuate dalle controllate subholding Verifica periodica dei modelli di valutazione X X X X X X X Procedure di consolidamento X X Disclosure e segment reporting X X X 9

10 Aspetti contabili da gestire con attenzione nel bilancio consolidato La negoziazione in azioni delle società consolidate Le commissioni Up-front fra società del gruppo Il trattamento degli internal deal fra società del Gruppo Il trattamento delle transazioni infragruppo in titoli, valute e derivati 10

11 L informativa finanziaria nei bilanci bancari all avvicinarsi degli IAS KPMG S.p.A. Giuseppe Scimone 8 aprile

12 Indice del capitolo: L informativa finanziaria nei bilanci bancari all avvicinarsi degli IAS 1 L evoluzione della disclosure e i relativi riferimenti normativi 2 IAS 32: la disclosure sugli strumenti finanziari 2.1 Risk Management Policies and Hedging Activities 2.2 Terms, Conditions and Accounting Policies 2.3 Interest Rate Risk 2.4 Credit Risk 2.5 Fair value 2.6 Other disclosures L informativa sugli strumenti finanziari e sui rischi di mercato nei bilanci delle banche italiane all avvicinarsi degli IAS 3.1 La disclosure sui titoli 3.2 La disclosure sui derivati 3.3 La disclosure sui crediti 3.4 La disclosure sui rischi di mercato 4 Considerazioni conclusive 12

13 IAS 32 Financial Instruments Disclosure and Presentation: Oggetto Le principali tematiche affrontate dallo IAS 32 sono le seguenti: 1. Definizione degli strumenti finanziari; 2. Presentazione degli strumenti finanziari; 3. Disclosure di bilancio: Qualitativa Quantitativa 13

14 IAS 32: Classi di informazioni per la Disclosure Lo IAS 32 tratta la tematica della disclosure articolandola nelle seguenti sei classi di informazioni: Risk Management Policies and Hedging Activities Terms, Conditions and Accounting Policies Interest Rate Risk Credit Risk Fair value Other Disclosures 14

15 IAS 32: Sintesi delle principali informazioni Tipologia di informazioni Risk management Policies and Hedging Activities Terms, and Policies Condition Accounting Interest Rate Risk Principali informazioni Informazioni qualitative Politiche e obiettivi dell attività di Risk Management Politiche e attività poste in essere per la copertura dei rischi Informazioni qualitative Le clausole contrattuali e le condizioni generali per gli strumenti finanziari significativi Le politiche contabili e i metodi adottati, compresi i criteri per la rilevazione e i criteri di valutazione Informazioni qualitative Gli aspetti definitori Le politiche di gestione, monitoraggio e copertura del rischio La descrizione delle metodologie per l individuazione, la misurazione e la gestione del rischio Informazioni quantitative Le date di scadenza o di revisione dei tassi Il tasso di interesse effettivo Attività esposte al rischio di fair value da tassi di interesse Attività esposte al rischio dei flussi finanziari da tassi di interesse Esposizione per scadenze degli attivi, passivi e derivati soggetti a rischio di tasso Effetto di un ipotetica variazione dei tassi (informazione eventuale) 15

16 Segue IAS 32: Sintesi delle principali informazioni Tipologia di informazioni Credit Risk Fair value Principali informazioni Informazioni qualitative Aspetti definitori del rischio di credito La politica di gestione, monitoraggio e copertura del rischio La descrizione delle metodologie per l individuazione, la misurazione e la gestione del rischio di credito Accordi di compensazione Informazioni quantitative Esposizione massima Concentrazioni significative Informazioni qualitative La definizione di fair value Il metodo utilizzato per il suo calcolo L informativa circa gli elementi necessari per la valutazione degli strumenti finanziari In caso di strumenti finanziari per i quali non sia stato possibile la determinazione in maniera attendibile del fair value: Le ragioni per le quali non è stato possibile addivenire ad una stima del fair value Range di possibili valori che il fair value potrebbe assumere In caso di vendita, l utile o la perdita realizzata Informazioni quantitative Tabella che fornisca L indicazione del fair value L indicazione di quanta parte degli strumenti finanziari non è valutata al fair value L effetto che l applicazione della valutazione al fair value a tutti gli strumenti finanziari, avrebbe sul patrimonio netto. 16

17 Il ruolo del Risk Management nel progetto di adeguamento agli IAS Lo IAS 32 rispetto ad oggi richiede una maggiore attenzione alle esigenze di informativa qualitativa e qualitativa. La struttura che meglio risponde a queste esigenze è il RISK MANAGEMENT Questo perché all interno dei principali Gruppi Bancari la funzione Risk Management è preposta al monitoraggio ed alla gestione dei rischi, e tipicamente: Rischi di mercato (rischi di tasso, di liquidità, gestione delle coperture) Rischi di credito Capital allocation 17

18 Il ruolo del Risk Management nel progetto di adeguamento agli IAS Il monitoraggio dei rischi avviene utilizzando i seguenti strumenti: Rischi di mercato (rischi di tasso, di liquidità, gestione delle coperture) Calcolo del Value at Risk (VaR) in riferimento a interessi, cambi e prezzi; Asset Liability Management (ALM) utilizzando analisi di Sensitività, Duration, Maturity Gap, Liquidity Gap e Earnigs at Risk; Rischi di credito È monitorato il rischio di credito utilizzando rating (interni o prodotti da società esterne) della clientela; Le analisi del RM sono generalmente utilizzate al fine di determinare l importo delle rettifiche relative ai rischi su crediti (svalutazione collettiva IAS); Capital allocation È monitorato il livello di allocazione del capitale anche in riferimento ai requisiti minimi di patrimonio di vigilianza; Già oggi il Risk Management nei principali gruppi bancari fornisce un informativa coerente con le richieste di Disclosure dello IAS 32 18

19 Il ruolo del Risk Management nel progetto di adeguamento agli IAS L attuazione di un progetto di adeguamento IAS per il Risk Management deve svilupparsi su due tematiche: Adeguamento IAS dei modelli in uso (es. ALM) Definizione e predisposizione del Risk Report Le difficoltà operative che si incontrano nell attuare un progetto di questo tipo possono essere diverse: Predisposizone di nuovi processi che vedono coinvolte diverse aree aziendali (Bilancio, Risk Management, CdG,) Data quality Strutturazione di un unico database di disclosure su cui archiviare le informazioni provenienti da diverse aree aziendali. Data quality È sempre più rilevante all interno delle Banche il problema della qualità del dato. Con le nuove esigenze di disclosure (IAS, Basilea, ecc.) le informazioni di tipo gestionale devono essere riconciliate con quelle di tipo bilancistico. La reperibilità ed unicità delle informazioni sono gli obiettivi principali dei processi di adeguamento. 19

20 Conclusioni L attenzione volta alle nuove informazioni richieste dallo IAS 32 e la disamina dei bilanci di un campione di banche, hanno portato a considerare che le banche, in particolar modo le maggiori, già oggi riportano una significativa quantità di informazioni relative agli strumenti finanziari ed ai principali rischi ad essi associati. Pur non trovando, pertanto, alcune informazioni di esclusiva pertinenza dei nuovi standard quali ad esempio le informazioni relative al fair value o alla nuova classificazione degli strumenti finanziari, già oggi è possibile acquisire una adeguata comprensione della rilevanza degli strumenti finanziari. Dal punto di vista dei sistemi informativi, gli sforzi che le banche dovranno affrontare, al fine di conseguire una disclosure IAS compliant, implicheranno una necessaria rivisitazione dell attuale architettura informatica, da cui oggi sono prodotti gli attuali dati informativi quantitativi e qualitativi di bilancio. 20

21 Segue Conclusioni Per ciò che concerne gli aspetti organizzativi, si rende necessaria una ridefinizione dei ruoli e delle responsabilità all interno dei processi operativi al fine di individuare le funzioni aziendali che saranno preposte ai nuovi compiti e quindi aventi competenze adeguate e strumenti idonei a fornire le nuove informazioni previste dallo IAS 32. La sistematicità e completezza delle informazioni introdotte con il nuovo standard internazionale, si tradurrà in una maggiore intelligibilità e comparabilità dei bilanci non soltanto nell ottica dell investitore, ma anche dal punto di vista della banca stessa come utilizzatrice dei bilanci della propria clientela. 21

22 La cartolarizzazione dei crediti KPMG Business Advisory Services S.p.A. Antonio Mansi 8 aprile

23 Indice del capitolo: La cartolarizzazione dei crediti Premessa Capitolo Le operazioni di cartolarizzazione secondo l attuale normativa di riferimento 1.2 Le operazioni di cartolarizzazione secondo i principi contabili internazionali Capitolo Presupposti per la derecognition secondo lo IAS Il consolidamento della società veicolo 2.3 Gli elementi caratterizzanti un operazione di cartolarizzazione nelle modalità applicative dello IAS Una metodologia procedurale IAS per le operazioni di cartolarizzazione Conclusioni 23

24 Evoluzione normativa contabile in tema di cartolarizzazioni L.130/99: l attuale normativa di riferimento prevede la possibilità di realizzare operazioni di cartolarizzazione attraverso la cessione a titolo oneroso di un portafoglio crediti (crediti pecuniari esistenti o futuri) ad una società veicolo che ha come oggetto esclusivo la realizzazione di operazioni di cartolarizzazione. La banca originator trasferisce pro-soluto la titolarità dei crediti all SPV; i crediti escono quindi dal bilancio del cedente a fronte del corrispettivo della cessione; L originator sottoscrive normalmente i titoli junior (o altre forme di garanzia, ad esempio credito differito) e quindi conserva in parte i rischi sui crediti ceduti; Nel bilancio dell SPV i crediti fanno parte del patrimonio separato (con i titoli emessi, ecc.) con evidenza in nota integrativa; Anche nel bilancio consolidato dell originator che controlla l SPV il patrimonio separato della cartolarizzazione trova evidenza nella nota integrativa. 24

25 Evoluzione normativa contabile in tema di cartolarizzazioni Principi contabili internazionali: lo IAS 39 (paragrafi 16 e segg.) non affronta esplicitamente la tematica delle operazioni di cartolarizzazione riferendosi in modo generico alla cancellazione contabile di attività e passività finanziarie (derecognition di financial assets and financial liabilities); lo IAS 27 ed il SIC 12 affrontano la tematica legata al consolidamento delle SPE che risulterebbe applicabile anche alle società veicolo nell ambito di operazioni di cartolarizzazione. 25

26 Evoluzione normativa contabile in tema di cartolarizzazioni Principi contabili internazionali: Lo IAS 39 impone, ai fini della derecognition, il trasferimento sostanziale indipendentemente dalle caratteristiche puramente formali/legali relative alla cessione. In particolare si fonda sull approccio: risks and rewards: l entità originator può procedere alla cancellazione dei crediti ceduti dal suo bilancio sulla base del mantenimento sostanziale o meno dei rischi e dei benefici futuri sugli attivi ceduti (esposizione ai rischi ceduti prima e dopo la cessione); continuing involvement: mantenimento di qualche forma di controllo da parte del cedente sui crediti ceduti. 26

27 Presupposti per la derecognition secondo lo IAS 39 Lo IAS 39 ai fini della cancellazione di un attività finanziaria impone un analisi dell operazione che faccia prevalere la sostanza sulla forma. La cancellazione di un attività finanziaria avviene al verificarsi delle seguenti condizioni: 1. con il trasferimento i diritti dell entità (originator o cedente) sui flussi di cassa dell attività finanziaria vengono meno; 2. l entità trasferisce sostanzialmente tutti i rischi e benefici associati all attività finanziaria (il trasferimento deve presentare i requisiti previsti secondo l approccio risks and rewards ). 27

28 Presupposti per la derecognition secondo lo IAS con il trasferimento i diritti dell entità (originator o cedente) sui flussi di cassa dell attività finanziaria vengono meno L entità può trasferire i diritti contrattuali sui flussi di cassa dell attività finanziaria; l entità potrebbe continuare a detenere i diritti contrattuali sui flussi di cassa dell attività finanziaria ma dovrebbe assumere un obbligazione contrattuale a pagare i flussi di cassa ad una o più controparti in base ad un accordo che si basi sulle condizioni che lo stesso IAS 39 ha stabilito ( pass through arrangement ). 28

29 Presupposti per la derecognition secondo lo IAS l entità trasferisce rischi e benefici associati all attività finanziaria ed il trasferimento presenta i requisiti previsti secondo l approccio risks and rewards. Lo IAS 39 impone di verificare in che misura il trasferimento di un attività finanziaria comporti il mantenimento o il trasferimento dei rischi e dei benefici connessi alla stessa. Con riferimento a tale seconda condizione si possono verificare i seguenti casi: 1. trasferimento sostanziale; 2. mantenimento sostanziale; 3. continuing involvement. 29

30 IAS 39 e derecognition of financial assets Consolidare tutte le controllate (incluse eventuali SPV) [Paragrafo 15] Determinare se i principi di eliminazione di seguito sono applicati a una parte o a tutta l attività (o gruppo di attività simili) [Paragrafo 16] I diritti ai flussi finanziari derivanti dall attività sono scaduti? [Paragrafo 17 (a)] No Sì Eliminare l attività si L entità ha trasferito i propri diritti per ricevere i flussi finanziari dall attività? [Paragrafo 18 (a)] No L entità ha assunto un obbligazione a pagare i flussi finanziari dall attività che soddisfa le condizioni del paragrafo 19? [Paragrafo 18 (b)] No Continuare a rilevare l attività L entità ha trasferito sostanzialmente tutti rischi e i benefici? [Paragrafo 20 (a)] Sì Sì Eliminare l attività L entità ha mantenuto sostanzialmente tutti rischi e i benefici? [Paragrafo 20 (b)] No No L entità ha mantenuto il controllo dell attività? [Paragrafo 20 (c)] Sì No Continuare a rilevare l attività Eliminare l attività Sì Continua a rilevare l attività nella misura del coinvolgimento residuo dell entità 30

31 Presupposti per la derecognition secondo lo IAS 39 Trasferimento sostanziale: se l entità trasferisce sostanzialmente tutti i rischi e i benefici connessi all attività finanziaria potrà cancellare l attività finanziaria e contabilizzare separatamente, come attività o passività, qualunque diritto o obbligazione che dovesse nascere conseguentemente al trasferimento. Mantenimento sostanziale: se l entità mantiene sostanzialmente tutti i rischi e i benefici connessi dovrà continuare a riconoscere nel proprio bilancio l attività finanziaria. Continuing involvement: se l entità non trasferisce né trattiene tutti i rischi e i benefici connessi all attività finanziaria si ricade nel continuing involvment ; in questo caso sarà necessario verificare ulteriormente se la stessa continua a detenere il controllo dell attività finanziaria. 31

32 Presupposti per la derecognition secondo lo IAS 39 Sia a livello nazionale che internazionale si sta diffondendo come misura di riferimento da prendere in considerazione ai fini del mantenimento/trasferimento dei rischi e dei benefici i valori soglia del 10% e del 90% dei rischi e dei benefici complessivi che gravano sugli strumenti finanziari. Caso 1 Rischi e benefici sostanzialmente trattenuti Caso 2 Alcuni ma non tutti i rischi e benefici trattenuti controllo attività finanziaria Caso 3 Alcuni ma non tutti i rischi e benefici trattenuti nessun controllo attività finanziaria Caso 4 Rischi e benefici sostanzialmente trasferiti Livello di rischi e benefici trasferiti Livello di rischi e benefici trattenuti Contabilizzazione < 10% > 90% > 90% < 10% Mantenimento in bilancio dell attività finanziaria (full recognition) Continuing involvement Derecognition dell attività finanziaria e separata rilevazione, come attività o passività, di diritti e obbligazioni che derivino dal trasferimento o che sono stati trattenuti con il trasferimento Derecognition dell attività finanziaria e separata rilevazione, come attività o passività, di diritti e obbligazioni che derivino dal trasferimento o che sono stati trattenuti con il trasferimento 32

33 Presupposti per la derecognition secondo lo IAS 39 Se il livello rischi e benefici trasferiti è inferiore al 10% o il livello rischi e benefici trattenuti è superiore al 90% si può concludere che questi siano sostanzialmente trattenuti. Non sussistono i presupposti per la derecognition. Se il livello rischi e benefici trasferiti è superiore al 90% o il livello rischi e benefici trattenuti è inferiore al 10% si può concludere che questi siano sostanzialmente trasferiti. Si può procedere alla derecognition. La verifica dipende dalla effettiva esposizione al rischio del cedente alla variabilità del fair value dell attività ceduta (flussi di cassa stimati ed attualizzati al tasso di mercato) Se i rischi/benefici sono trasferiti solo in parte (range 10%-90%) occorre verificare il trasferimento del controllo, che si realizza nel caso in cui il cessionario è in grado di disporre liberamente e concretamente dell attività; se tale possibilità non esiste in concreto si presume che il cedente abbia mantenuto il controllo e deve quindi continuare a rilevare l asset per il suo continuing involvement. 33

34 Presupposti per la derecognition secondo lo IAS 39 Quanto sopra detto in materia di derecognition si applica ai trasferimenti di financial assets and financial liabilities (e,quindi, alle operazioni di cartolarizzazione) posti in essere successivamente al 1 gennaio L IFRS 1 First time adoption of IFRS stabilisce, infatti, che per tutte le cessioni di attività finanziarie poste in essere antecedentemente al 1 gennaio 2004 si possono applicare i principi contabili nazionali vigenti prima dell entrata in vigore degli IAS. Le operazioni poste in essere dal 1 gennaio 2004 o ulteriori cessioni nell ambito di cartolarizzazioni già esistenti (revolving) dovranno rispettare i requisiti dettati dallo IAS

35 Presupposti per la derecognition secondo lo IAS 39 Ciò premesso per ogni operazione di cartolarizzazione si dovrebbe procedere ad un analisi in ottica qualitativa e quantitativa e cioè: procedere ad un analisi quantitativa del modello finanziario dell operazione al fine di effettuare il test dei rischi/benefici. procedere ad un analisi degli elementi caratterizzanti un operazione di cartolarizzazione (forme di garanzia a supporto dell operazione, commissioni da servizi a supporto dell operazione, contratti derivati di copertura, linee di liquidità, diritti di opzione), al fine del test del controllo. 35

36 Il consolidamento della società veicolo secondo i principi IAS I principi contabili internazionazionali non dettano regole esplicite per le operazioni di cartolarizzazione. Sic 12 IAS 27 Individua i casi specifici in cui le SPE devono essere consolidate Stabilisce che il consolidamento si applica alle entità sottoposte a controllo 36

37 Il consolidamento della società veicolo secondo i principi IAS Il SIC 12 si base essenzialmente sull approccio rischi e benefici al fine di determinare l esistenza di un controllo sulla SPE (trasferimento della maggioranza dei rischi) Il SIC 12 individua alcuni fattori rilevanti al fine di stabilire se vi è il controllo sulla SPE. Con riferimento alle operazioni di cartolarizzazione concluse in Italia si configurano forme di controllo nelle seguenti situazioni: partecipazione al capitale sociale della società veicolo; erogazione di un Subordinated Loan o sottoscrizione dei titoli di classe junior emessi dall SPV; clausole di riacquisto dei crediti da parte dell originator; prestazione di garanzie sugli attivi ceduti (contratti derivati o altri contratti di assicurazione. 37

38 Il consolidamento della società veicolo secondo i principi IAS Prima applicazione IAS L IFRS 1 sancisce la non retroattività per l applicazione dello IAS 39 (con riferimento alle operazioni poste in essere ante 1 gennaio 2004) ma teoricamente sembrerebbe non applicabile al SIC 12 e allo IAS 27. Il consolidamento di operazioni avvenute ante 1 gennaio 2004 produrrebbe una situazione di incoerenza tra bilancio individuale IAS (in cui si applicherebbe la deroga prevista dallo IAS 39) e bilancio consolidato in cui prevarrebbero le norme previste dallo IAS 27 e dal SIC 12 38

39 Principali problematiche legate alla prima applicazione IAS Obbligo di ricostituzione del patrimonio nei cinque esercizi successivi alla cessione ai sensi dell art. 6 della L.130/99 Consolidamento della società veicolo sorte nell ambito di operazioni di cartolarizzazione poste in essere ante 1 gennaio 2004: deroga prevista per lo IAS 39 ma non per il SIC 12 e per lo IAS 27 Problematiche connesse all ipotesi di consolidamento nei casi in cui il cedente (originator) abbia trasferito la gestione degli assets (difficoltà a procedere con l eventuale impairement basato sui tempi di recupero) La prassi che prevale, da parte degli operatori di mercato, è quella di non procedere al consolidamento delle attività cartolarizzate relative ad operazioni concluse prima del 1 gennaio 2004 ad eccezione delle attività trasferite nell ambito di operazioni revolving dopo tale data. 39

40 Conclusioni Delle modalità interpretative dei nuovi principi si dovrà tenere conto nella strutturazione delle operazioni di cartolarizzazione al fine di renderle IAS compliance. Il mercato delle cartolarizzazioni cominicia, intanto, a muoversi cercando strutture e soluzioni alternative quali: comparsa delle prime società riconosciute come master servicer indipendenti rispetto all operazione di cartolarizzazione; avvio delle prime emissioni di covered bond bancari; cartolarizzazioni sintetiche, sui crediti futuri, altre formule innovative. Tutte queste situazioni dovranno essere valutate alla luce dei nuovi principi internazionali analizzando, sia sotto il profilo qualitativo che quantitativo, gli elementi sostanziali che caratterizzano le operazioni da cui deriverà il relativo trattamento contabile. Tali elementi sostanziali prevarranno sulle componenti formali in linea con lo spirito generale introdotto dai nuovi principi IAS 40

41 La revisione contabile e l adozione dei principi contabili internazionali KPMG S.p.A. Mario Corti 8 aprile

42 IFRS: Alcune novità introdotte Fair value Amortized cost Segment reporting Share based compensation Business combinations.. 42

43 Il criterio del fair value: alcune considerazioni Esteso utilizzo di tale criterio per la valutazione di attività e passività finanziarie e non Informazioni aggiuntive da includere nelle note al bilancio Adeguamento dei processi per la produzione e il controllo del fair value 43

44 L attività di revisione contabile La pianificazione della revisione contabile (P.R. 300) La valutazione del rischio e il sistema di controllo interno (P. R. 400) Rischio inerente Rischio di controllo Il rischio di individuazione 44

45 Auditing fair value measurements (ISA 545) Soggettività insita nel processo valutativo (rischio intrinseco) Nuovi processi e controlli per la valutazione del rischio di controllo IT Outsourcing Competenze Meteodologie/assunzioni. Rischio di individuazione: procedure di revisione specifiche 45

46 Auditing fair value measurements (ISA 545) La revisione contabile è mirata a fornire una ragionevole sicurezza che il bilancio nel suo complesso non contenga errori significativi Particolare enfasi su: - Ragionevolezza - Significatività. 46

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi L introduzione degli International Financial Reporting Standards

Dettagli

L introduzione dei nuovi Principi Contabili Internazionali e le politiche di bilancio delle aziende di credito

L introduzione dei nuovi Principi Contabili Internazionali e le politiche di bilancio delle aziende di credito L introduzione dei nuovi Principi Contabili Internazionali e le politiche di bilancio delle aziende di credito Prof. Francesco Faraci Associato di Economia degli Intermediari Finanziari Facoltà di Economia

Dettagli

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Università degli Studi di Palermo Corso di Economia degli Intermediari finanziari Prof. Francesco Faraci IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Raffaele Mazzeo 9 dicembre 2003 IAS 39:

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni KPMG 0 0 Indice IAS e Basilea 2: i punti di convergenza IAS 39 Il trattamento dei crediti Il nuovo accordo di Basilea sul Capitale

Dettagli

Indice Presentazione Il bilancio bancario. Evoluzione e rivoluzione nell informativa La normativa di riferimento e gli schemi del bilancio bancario

Indice Presentazione Il bilancio bancario. Evoluzione e rivoluzione nell informativa La normativa di riferimento e gli schemi del bilancio bancario Indice Presentazione di Michele Rutigliano 1 Il bilancio bancario. Evoluzione e rivoluzione nell informativa 1 di Giuseppe Ceriani e Beatrice Frazza 1.1 Gli interventi del legislatore in tema di contenuto

Dettagli

Adozione dei principi contabili internazionali (IFRS) in Banca delle Marche

Adozione dei principi contabili internazionali (IFRS) in Banca delle Marche Adozione dei principi contabili internazionali (IFRS) in Banca delle Marche Forum Bancario organizzato dal FITD: "L'introduzione degli International Financial Reporting Standards" Milano, 27 e 28 novembre

Dettagli

pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39

pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39 pwc.com/it Strumenti finanziari IAS 32 e IAS 39 Financial Instrument Gli IFRS sono principi di rappresentazione della realtà economica di un certa azienda o reporting entity Nell ambito della realtà economica

Dettagli

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali PERCORSO Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali Brescia, dal 12 al 27 maggio 2009 Programma I Modulo Dal bilancio italiano al bilancio IFRS

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

L introduzione dei principi contabili internazionali nel sistema bancario italiano

L introduzione dei principi contabili internazionali nel sistema bancario italiano APB Milano, 20 novembre 2003 L introduzione dei principi contabili internazionali nel sistema bancario italiano Carlo Calandrini Banca d Italia 1 Indice l l l l l Il quadro normativo Le principali novità

Dettagli

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione

23/11/2010. Interpretazione della sostanza economica dell operazione. Interpretazione della forma giuridica dell operazione Il leasing è un contratto attraverso il quale il locatore trasferisce al locatario, in cambio di un pagamento o di una seria di pagamenti, il diritto all utilizzo di un bene per un periodo di tempo stabilito

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari

Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Policy di pricing dei Prestiti Obbligazionari Versione settembre 2012 La Comunicazione Consob 9019104 del 2 marzo 2009 ha imposto la necessità per le banche di definire un approccio che consenta di individuare

Dettagli

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari Università degli Studi di Trieste Ragioneria Generale ed Applicata (corso magistrale) Modulo di Ragioneria Internazionale Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari di 1 Principi IFRS rilevanti

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) Pag. 1 1 INDICE Premessa... 3 PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS1)... 4 RICONCILIAZIONI RICHIESTE DALL IFRS 1...

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione 1.1 Contesto generale 1.2 Sviluppo di un principio internazionale 1.2.1 Lo IAS 22 e relative Interpretazioni SIC 1.2.2 Il progetto dello IASB 1.2.3 L IFRS 3 A Motivazioni del progetto

Dettagli

IX Convention ABI Implementazione dei sistemi informativi e organizzativi in ottica IAS/IFRS: criticità, soluzioni e scelta delle IFRS options

IX Convention ABI Implementazione dei sistemi informativi e organizzativi in ottica IAS/IFRS: criticità, soluzioni e scelta delle IFRS options FINANCIAL SERVICES IX Convention ABI Implementazione dei sistemi informativi e organizzativi in ottica IAS/IFRS: criticità, soluzioni e scelta delle IFRS options Roma, 30 Novembre 2005 Antonio Mansi Raffaele

Dettagli

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI : STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La contabilizzazione dei derivati di negoziazione (speculativi) e di copertura. Esempi e scritture contabili relative all «interest rate swap» (Irs). di Alessio Iannucci

Dettagli

COMUNICATO STAMPA BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2011 E BILANCIO CONSOLIDATO SEMESTRALE ABBREVIATO AL 30 GIUGNO 2012

COMUNICATO STAMPA BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2011 E BILANCIO CONSOLIDATO SEMESTRALE ABBREVIATO AL 30 GIUGNO 2012 COMUNICATO STAMPA BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2011 E BILANCIO CONSOLIDATO SEMESTRALE ABBREVIATO AL 30 GIUGNO 2012 INFORMAZIONI SUPPLEMENTARI AI SENSI DELL ART. 154-TER, COMMA 7, DEL D. LGS N. 58/98

Dettagli

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Esempi di quesiti d esame. (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) * * *

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Esempi di quesiti d esame. (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) * * * Economia dei gruppi e bilancio consolidato Esempi di quesiti d esame (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) Q. 1 Il Candidato, ricorrendo alla costruzione del foglio di lavoro di stato

Dettagli

Operazioni su partecipazioni in società controllate nella prospettiva del bilancio consolidato IAS/IFRS Marco Ghitti Perugia, 5 dicembre 2011

Operazioni su partecipazioni in società controllate nella prospettiva del bilancio consolidato IAS/IFRS Marco Ghitti Perugia, 5 dicembre 2011 Università degli studi di Perugia Operazioni su partecipazioni in società controllate nella prospettiva del bilancio consolidato IAS/IFRS Marco Ghitti Perugia, 5 dicembre 2011 1 Indice 1) Operazioni su

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

OIC 15 Crediti Capitolo sulla disciplina contabile della cancellazione dei crediti

OIC 15 Crediti Capitolo sulla disciplina contabile della cancellazione dei crediti OIC 15 Crediti Capitolo sulla disciplina contabile della cancellazione dei crediti Analisi dei principali contenuti della proposta di integrazione in tema di cancellazione dei crediti del principio contabile

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Modello dei controlli di secondo e terzo livello

Modello dei controlli di secondo e terzo livello Modello dei controlli di secondo e terzo livello Vers def 24/4/2012_CLEN INDICE PREMESSA... 2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 3 DEFINIZIONE DEI LIVELLI DI CONTROLLO... 3 RUOLI E RESPONSABILITA DELLE FUNZIONI

Dettagli

IAS nei sistemi bancari: la visione Banksiel

IAS nei sistemi bancari: la visione Banksiel Fondo Interbancario: IAS nei sistemi bancari: la visione Banksiel Indice Gli impegni normativi Gli impatti L approccio Banksiel Le soluzioni Banksiel Case study 2 Gli impegni normativi 3 Gli impegni normativi

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE 1 Delibera istitutiva - C.d.A. del 24.08.2011 1 aggiornamento delibera CdA del 27.06.2013 (mandato a Direttore Generale

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39

GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 GLI STRUMENTI FINANZIARI SECONDO IL PRINCIPIO CONTABILE IAS 39 Indice: 1. Gli strumenti finanziari cui si applica lo IAS 39 2. Rilevazione contabile 3. Misurazione iniziale 4. Valutazione successiva di

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione IAS 39 Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione Finalità 1 La finalità del presente Principio è stabilire i principi per rilevare e valutare le attività

Dettagli

BCC di Scafati e Cetara Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione

BCC di Scafati e Cetara Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione BCC di Scafati e Cetara Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Approvata con delibera del C.d.A. n. 2974 del 31/05/2011 Formalizzata con O.d.S. n. 8 dell 1/06/2011

Dettagli

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005

NOTE ESPLICATIVE ALLA SITUAZIONE PATRIMONIALE ED ECONOMICA AL 31 MARZO 2005 EMAN SOFTWARE S.P.A. SEDE LEGALE: MILANO Viale Monza 265 CAPITALE SOCIALE: Euro 120.000.= i.v. CODICE FISCALE: 04441590967 CCIAA di Milano nº 1747663 REA REGISTRO IMPRESE di Milano nº 04441590967 Società

Dettagli

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7 59 Hotel di Roma (via Pio IV) in considerazione della sua particolare natura e destinazione. Nel caso in cui si sia stimato che il valore recuperabile dell immobile sia superiore al valore contabile, l

Dettagli

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12 SYLLABUS Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Alessandro Cortesi Il primo macro-modulo ha l obiettivo di permettere ai partecipanti di utilizzare con efficacia i sistemi software per la corretta

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA PER GLI INTERMEDIARI FINANZIARI TITOLO IV Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO - METODO STANDARDIZZATO Sezione I Disciplina applicabile TITOLO IV- Capitolo 5 RISCHIO DI CREDITO METODO STANDARDIZZATO SEZIONE I DISCIPLINA APPLICABILE Gli intermediari

Dettagli

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop.

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop. BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Soc. Coop. POLICY DI PRICING E REGOLE INTERNE PER LA NEGOZIAZIONE/EMISSIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DELLA BANCA (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

Il trattamento civilistico e contabile del leasing

Il trattamento civilistico e contabile del leasing ? INQUADRAMEN TEMA 9 - IL TRATTAMENTO CIVILISTICO E CONTABILE DEL LEASING TEMA 9 Il trattamento civilistico e contabile del leasing Dopo aver illustrato le diverse finalità del leasing finanziario rispetto

Dettagli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CRISI FINANZIARIA: valutazione e controllo dei titoli in portafoglio La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli Raffaella

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories)

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD IL RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD OGETTO E FINALITÀ DELLO STANDARD AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA VALUTAZIONE

Dettagli

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP)

Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Versione 2 Allegati al documento: Politiche per la Gestione della Liquidità e Contingency Funding Plan (CFP) Banca di Credito Cooperativo dei Comuni Cilentani Approvate con delibera del C.d.A. del 21 aprile

Dettagli

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da

BCC BARLASSINA. Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da Policy di Valutazione e Pricing delle obbligazioni emesse da BCC BARLASSINA (ai sensi delle Linee-Guida interassociative ABI-Assosim-Federcasse per l applicazione delle misure di attuazione della Direttiva

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

IAS 36 - IMPAIRMENT OF ASSETS

IAS 36 - IMPAIRMENT OF ASSETS , 26 Febbraio 2009 IAS 36 - IMPAIRMENT OF ASSETS RIDUZIONE DI VALORE DELLE ATTIVITÀ Paolo Pietro Biancone , 26 Febbraio 2009 AGENDA Finalità e ambito di applicazione Principali definizioni Identificazione

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO http://www.sinedi.com ARTICOLO 27 OTTOBRE 2008 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO PRODUZIONE DI VALORE E RISCHIO D IMPRESA Nel corso del tempo, ogni azienda deve gestire un adeguato portafoglio di strumenti

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c.

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c. BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI VERGATO (BO) S.c. Metodologia di pricing e Regole Interne per la negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC Adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI Clienti e vendite Novembre 2013 Indice 1. Crediti e vendite 2. Obiettivi di revisione 3. Pianificazione della revisione 4. La valutazione del sistema di controllo interno

Dettagli

Comunicazione n. DEM/6094867 del 28-11-2006. inviata alla Pirelli & C. S.p.A.

Comunicazione n. DEM/6094867 del 28-11-2006. inviata alla Pirelli & C. S.p.A. Comunicazione n. DEM/6094867 del 28-11-2006 di chiusura del procedimento relativo all esercizio dei poteri di cui all art. 157, comma 2 del D.Lgs. n. 58/98 Comunicazione n. DEM/6094867 del 28-11-2006 inviata

Dettagli

La disciplina degli strumenti finanziari derivati speculativi e di copertura nella nuova disciplina del codice civile: il loro trattamento contabile

La disciplina degli strumenti finanziari derivati speculativi e di copertura nella nuova disciplina del codice civile: il loro trattamento contabile La disciplina degli strumenti finanziari derivati speculativi e di copertura nella nuova disciplina del codice civile: il loro trattamento contabile Alberto Tron Professore Incaricato di Revisione Aziendale,

Dettagli

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide

Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management. Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide Nuove funzioni e responsabilità del Risk Management Presentazione alla Conferenza Il governo dei rischi in banca: nuove tendenze e sfide 9 Aprile 2015 Agenda 1. Premessa: Il ruolo della Corporate Governance

Dettagli

Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Pinzolo

Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Pinzolo Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Pinzolo 13 novembre 2014 PREMESSA Il presente documento definisce ed illustra

Dettagli

IAS 32 Strumenti finanziari: esposizione nel bilancio d esercizio e informazione integrativa

IAS 32 Strumenti finanziari: esposizione nel bilancio d esercizio e informazione integrativa IAS 32 Strumenti finanziari: esposizione nel bilancio d esercizio e informazione integrativa SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE 1 FINALITA' LIABILITY

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio

Rendimento del capitale investito e costo delle risorse finanziarie. Cenni funzionali sui principi legislativi e ragionieristici del bilancio Le Novità del Credito: corso di aggiornamento Obiettivi Fornire una visione sistematica e completa dell'operatività creditizia, aggiornata alle piu recenti novita (I.A.S., riforma societaria, riforma diritto

Dettagli

OIC. Appendice alla Guida operativa n. 1 per la transizione ai principi contabili internazionali (Ias/Ifrs)

OIC. Appendice alla Guida operativa n. 1 per la transizione ai principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) OIC Appendice alla Guida operativa n. 1 per la transizione ai principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) APPROVATO DAL COMITATO ESECUTIVO IN DATA 26/09/07 IAS 19: Trattamento di fine rapporto (Riferimento:

Dettagli

Le operazioni di Factoring nel contesto degli IAS

Le operazioni di Factoring nel contesto degli IAS Le operazioni di Factoring nel contesto degli IAS Prof. Alessandro Gaetano Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Economia 1 Struttura dell intervento 1. Il Factoring: un inquadramento concettuale

Dettagli

IAS 32-39 ed IFRS 7. Financial Instruments: Recognition, Measurement, Presentation e Disclosure. Verona, aprile 2009

IAS 32-39 ed IFRS 7. Financial Instruments: Recognition, Measurement, Presentation e Disclosure. Verona, aprile 2009 IAS 32-39 ed IFRS 7 Financial Instruments: Recognition, Measurement, Presentation e Disclosure Verona, aprile 2009 IAS 32 e IAS 39 - Definizioni IAS 39 - Recognition IAS 39 Measurement IAS 39 Impairment

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/243 DATA DI ENTRATA IN VIGORE 29. A eccezione dei paragrafi 23 e 24, il presente Principio contabile internazionale è entrato in vigore a partire

Dettagli

Politica per la Negoziazione dei prodotti finanziari emessi dalla Banca della Bergamasca Credito Cooperativo S.c.

Politica per la Negoziazione dei prodotti finanziari emessi dalla Banca della Bergamasca Credito Cooperativo S.c. Politica per la Negoziazione dei prodotti finanziari emessi dalla Banca della Bergamasca Credito Cooperativo S.c. (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione delle misure Consob

Dettagli

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI IAS 38 Caratteristiche delle attività immateriali: una risorsa controllata dall entità in in conseguenza di di eventi passati e dalla quale

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI Versione 0.0 delibera del Consiglio di Amministrazione del 05/05/2011 Versione 1.0 delibera del Consiglio di Amministrazione del 04/08/2011 Versione

Dettagli

Strumenti finanziari

Strumenti finanziari Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2011-2012 Principi contabili internazionali 1 Strumenti finanziari IAS 32 Financial Instruments presentation IAS 39Financial instruments and recognition

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Il Bilancio delle Banche L impatto degli IAS nelle valutazioni di fine esercizio 2 Le tipicità delle banche Le valutazioni

Dettagli

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA RIUNITO IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CAMFIN SPA ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS APPROVATA LA RELAZIONE

Dettagli

Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati

Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati Politica di valutazione e Pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo Mediocrati (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

Politica di pricing e Regole interne per l emissione /negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla

Politica di pricing e Regole interne per l emissione /negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Politica di pricing e Regole interne per l emissione /negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA S.c. Deliberata dal C.d.A. del 9 settembre

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Le considerazioni che hanno portato a ritenere esaurita la fase di turnaround di Be sono principalmente le seguenti:

COMUNICATO STAMPA. Le considerazioni che hanno portato a ritenere esaurita la fase di turnaround di Be sono principalmente le seguenti: COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione di Tamburi Investment Partners S.p.A. ( TIP-mi ), riunitosi in data odierna, in considerazione dell ormai avvenuto completamento della fase di turnaround

Dettagli

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I contratti derivati nelle gestioni assicurative 1 I derivati e le assicurazioni L assunzione di posizioni

Dettagli

Politica di valutazione e pricing

Politica di valutazione e pricing Politica di valutazione e pricing Aprile 2014 Indice Premessa... 3 1. Politica di valutazione e pricing... 3 1.1 Ambito di applicazione e contenuto... 3 1.2 Caratteristiche delle metodologie di pricing

Dettagli

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I

DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE SEZIONE I VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA, NORMATIVA E AFFARI GENERALI (843) DIVISIONE NORMATIVA (015) N. 501981 del 17-05-2007 DISPOSIZIONI DI VIGILANZA DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE

Dettagli

Gli strumenti finanziari

Gli strumenti finanziari Gli strumenti finanziari 1 Agenda Strumenti finanziari Iscrizione iniziale e valutazione successiva Impairment Derecognition Hedge Accounting Derivati impliciti Evoluzioni dello IAS 39 L IFRS 9- Strumenti

Dettagli

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE

DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE VIGILANZA CREDITIZIA E FINANZIARIA SERVIZIO CONCORRENZA NORMATIVA E AFFARI GENERALI Divisione Normativa DISCIPLINA DELLE OBBLIGAZIONI BANCARIE GARANTITE Il presente documento fornisce uno schema di disposizioni

Dettagli

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management

IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management IAS/IFRS: le implicazioni per il credit risk management Fabio Arnaboldi - Francesco Saita Convegno IAS/IFRS e imprese bancarie Università Bocconi-FITD, 8 aprile 2005 Introduzione Il credit risk management

Dettagli

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40 di Paolo Moretti L «International Accounting Standards Board» (IASB), nell ambito del progetto di revisione («Improvement») dei princìpi contabili internazionali,

Dettagli

Politica di valutazione e pricing per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari emessi dalla

Politica di valutazione e pricing per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Politica di valutazione e pricing per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo San Giuseppe di Petralia Sottana Adottata con delibera del C.d.A. del

Dettagli

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari di propria emissione Delibera del Consiglio di Amministrazione del 12 luglio 2011 1 Indice PREMESSA... 3 1. Politica di valutazione e pricing...

Dettagli

Le perdite su crediti

Le perdite su crediti Il bilancio 2013 : novità e criticità Le perdite su crediti dott. Paolo Farinella Commissione Principi Contabili ODCEC Milano Milano 28 febbraio 2014 sede corso Europa 11 0. Introduzione Sintesi argomenti

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 8 IFRS 5: Attività non correnti possedute per la vendita e attività operative cessate Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI Delibera del Consiglio di Amministrazione del 20/12/2010 integrata con delibera del 18/11/2011 Redatto da: Direzione Operativa

Dettagli

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012 ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Via del Quirinale, 21 00187 Roma Roma, 15 giugno 2012 Commenti dell associazione Chief Risk Officer Forum Italia (CROFI)

Dettagli

Dal Controllo di Gestione al Value Based Management attraverso IAS

Dal Controllo di Gestione al Value Based Management attraverso IAS Dal Controllo di Gestione al Value Based Management attraverso IAS Verso il Value Based Management Controllo di Gestione IAS Compliant La nostra soluzione Banking Solutions 2 Il contesto Elevato Livello

Dettagli

Definizione strumenti finanziari

Definizione strumenti finanziari I criteri di valutazione secondo gli IAS 39 Definizione strumenti finanziari Lo IAS 39 definisce lo strumento finanziario come un qualsiasi contratto che dà origine ad una attività finanziaria per un impresa

Dettagli

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali 1 1 Le immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono disciplinate da due IAS di riferimento

Dettagli

Metodologia di pricing e Regole interne per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC

Metodologia di pricing e Regole interne per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC Metodologia di pricing e Regole interne per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC (assunte in attesa delle definitive Linee Guida Interassociative per l applicazione delle

Dettagli

Note informative integrative 3

Note informative integrative 3 L incremento della voce Immobili è dovuto alla acquisizione del Premafin per euro 493 milioni, nonché all attività delle due società immobiliari del, Midi per euro 1,6 milioni ed Unifimm per euro 36 milioni

Dettagli

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche

Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Tavola 5 Rischio di credito: informazioni generali riguardanti tutte le banche Informativa qualitativa La definizione a fini contabili delle esposizioni in default (sofferenza, incaglio, credito ristrutturato

Dettagli

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende STRUMENTI FINANZIARI VALUTAZIONE, CONTABILIZZAZIONE e DISCLOSURE: IAS 32, IAS 39, IFRS 7 IAS 32 Strumenti

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre

Materiali EIF. Le banche. Università degli Studi Roma Tre Le banche La banca - definizioni Definizione minima: raccolta risparmio dal pubblico + concessione credito (art. 10 D.lgs. 385/1993) Molteplicità delle attività possibili (ammesse al mutuo riconoscimento):

Dettagli

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini

Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Documento di Sintesi della strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Delibera Cda del 27/10/2011 Ultima revisione Cda del 27/02/2014 Ultima revisione Cda dell 11/06/2015 1. LA NORMATIVA MiFID

Dettagli

PROPOSTA FORMATIVA FQR

PROPOSTA FORMATIVA FQR PROPOSTA FORMATIVA FQR 1. Modulo: Contabilità Generale COGE 1: La contabilità generale COGE 2: Analisi di bilancio COGE 3: I principi contabili internazionali CONSO 1: Il bilancio consolidato (corso base)

Dettagli