Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni"

Transcript

1 Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (31 punti) La Investment Advisory Service X finora non ha incluso obbligazioni governative legate all Indice dei Prezzi al Consumo [CPI - Consumer Price Index] nel suo fondo obbligazionario. Tuttavia, in qualità di analista obbligazionario, voi raccomandate che queste vengano incluse in quanto i prezzi delle obbligazioni governative legate al CPI hanno subito un calo molto maggiore durante le recenti perturbazioni sui mercati finanziari dello scorso anno, rispetto ai prezzi delle obbligazioni governative ordinarie. a) Molti governi dei Paesi sviluppati hanno iniziato ad emettere obbligazioni governative legate al CPI negli anni 90. Fornite e spiegate brevemente due motivi per cui obbligazioni governative legate al CPI sono state considerate utili alla raccolta di fondi governativi e per la politica del debito. (5 punti) La Tabella 1 contiene il rendimento reale delle obbligazioni governative legate al CPI con scadenza 10 anni, il tasso di inflazione di breakeven [ pareggio ] e il rendimento nominale di una comune obbligazione governativa "benchmark" con la stessa durata dell obbligazione governativa legata al CPI. L obbligazione governativa legata al CPI ha una cedola fissa, e il valore nominale viene aggiustato in base al tasso cumulativo di variazione del CPI [indice dei prezzi al consumo] tra il momento dell emissione e il pagamento degli interessi (risp. la scadenza). Il pagamento della cedola e il prezzo di rimborso si basano sul valore nominale aggiustato. Tuttavia le obbligazioni governative legate al CPI hanno anche un "floor" [livello minimo] e il valore nominale non può scendere al di sotto del valore al momento dell emissione anche se il tasso cumulativo di cambiamento dell indice dei prezzi al consumo [CPI] è negativo. Rendimento nominale dell obbligazione governativa "benchmark" (scadenza 10 anni) 2.95% Tasso di inflazione breakeven 1.13% Rendimento reale dell obbligazione governativa legata al CPI (scadenza 10 anni) 1.82% Tabella 1: Rendimenti di mercato dell obbligazione governativa legata al CPI (scadenza 10 anni) e dell obbligazione governativa "benchmark". b) Il rendimento reale dell obbligazione governativa legata al CPI è definito come il tasso di rendimento interno (IRR) dei cashflow assumendo che il tasso di crescita del CPI è zero; il tasso di inflazione breakeven è definito come la differenza tra il rendimento alla scadenza (YTM) dell obbligazione governativa "benchmark" e il rendimento reale dell obbligazione governativa legata al CPI. Spiegate perchè questo è chiamato il "tasso di inflazione breakeven". (5 punti) c) Che impatto ha il floor sul rendimento reale dell obbligazione governativa legata al CPI richiesto dagli investitori? d) Lei desidera creare una posizione che benefici di un aumento del tasso di inflazione breakeven dell obbligazione governativa legata al CPI. Quale combinazione di posizioni long e short nell obbligazione governativa legata al CPI e nell obbligazione governativa benchmark dovete utilizzare di modo che 1) il vostro portafoglio è neutrale rispetto a cambiamenti della stessa grandezza del rendimento delle obbligazioni Pagina 1 / 12

2 governative benchmark e dell obbligazione governativa legata al CPI e 2) ottenete un profitto di CU [ currency units = unità di valuta] in caso di un aumento immediato di 1 punto base (= 0.01%) del tasso di inflazione di breakeven? Quanto (che valore) di ogni obbligazione scambiate per raggiungere questo obiettivo? (arrotondate al migliaio più prossimo di CU). Utilizzare le duration modificate dell obbligazione governativa legata al CPI e dell obbligazione governativa benchmark fornite nella Tabella 2. (6 punti) Obbligazione governativa legata al CPI (scadenza 10 anni) Obbligazione governativa benchmark (scadenza 10 anni) Tabella 2: duration modificate dell obbligazione governativa legata al CPI e dell obbligazione governativa benchmark. Per misurare i rischi associati ad un portafoglio che contiene obbligazioni governative legate al CPI, lei raccoglie dati storici sui rendimenti reali delle obbligazioni legate al CPI, dei tassi di inflazione breakeven e dei rendimenti alla scadenza delle obbligazioni governative benchmark, e calcolate i coefficienti di correlazione e le deviazioni standard dei cambiamenti giornalieri in ognuna di queste grandezze (Tabella 3). Deviazione Standard Coefficiente di correlazione (%) Δ i t r t bei t Δ i t i t r t r t bei t bei t i t : Cambiamento (in %) rispetto al giorno precedente del rendimento nominale dell obbligazione governativa benchmark r t : Cambiamento (in %) rispetto al giorno precedente del rendimento reale dell obbligazione governativa legata al CPI bei t : Cambiamento (in %) rispetto al giorno precedente del tasso di inflazione breakeven. Tabella 3: Cambiamenti giornalieri dei rendimenti di mercato e dei tassi di inflazione breakeven e) Per comprendere la relazione tra i cambiamenti del rendimento alla scadenza dell obbligazione governativa benchmark e i cambiamenti del rendimento reale dell obbligazione governativa legata al CPI (il beta del rendimento), utilizzate i risultati dei calcoli nella Tabella 3 per ricavare il valore di β nell'equazione (1), assumendo che la misurazione sia stata effettuata con l equazione di regressione mostrata di seguito per lo stesso periodo utilizzato nella Tabella 3. Dovete calcolare il beta arrotondando il suo valore a due cifre decimali: r t = α + β i t + ξ t Equazione (1) Pagina 2 / 12

3 dove: i t : Cambiamento (in %) rispetto al giorno precedente del rendimento nominale dell obbligazione benchmark governativa. r t : Cambiamento (in %) rispetto al giorno precedente del rendimento reale dell obbligazione governativa legata al CPI. ξ t : termine d errore indipendente ed identicamente distribuito (i.i.d.) con media zero. (5 punti) f) Il rendimento a scadenza dell obbligazione benchmark governativa in media non cambierà dello stesso importo del rendimento reale dell obbligazione governativa legata al CPI a meno che il β dell'equazione (1) sia pari a 1. Di conseguenza, il profitto o la perdita sulla posizione creata nella domanda d) sarà statisticamente correlato al livello del tasso d'interesse nominale, approssimato dal rendimento a scadenza dell obbligazione governativa benchmark. Il vostro superiore vi dice che il beta del rendimento deve essere utilizzato per aggiustare la correlazione quando si costruisce la posizione della domanda d). Cosa pensate di questa idea? (6 punti) Pagina 3 / 12

4 Domanda 2: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (27 punti) Siete l Executive Assistant del Chief Risk Officer di una banca regionale in Europa. Mentre le turbolenze sui mercati finanziari sono diminuite negli ultimi mesi, il vostro superiore vi ha chiesto di condurre analisi di rischio e stress test basati sul bilancio della banca che segue (il bilancio è molto semplificato, in quanto non vi è alcun prestito nonostante si tratti di un bilancio bancario. Ignorate il rischio di credito). (Ammontari: in miliardi di EUR) Attivi Passivi & Equity Strumento Ammontare Scadenza Ammontare Scadenza Valore Strumento Valore nominale [anni] nominale [anni] Obbligazione A Deposito Obbligazione B Obbligazione D Obbligazione C Equity perpetual Total Total Nota: Convenzione dei rendimenti: 30/360; capitalizzazione annua Tutte le Obbligazioni A, B, C e D sono obbligazioni zero-coupon. a) Calcolate i tassi di sconto e i fattori di sconto per le scadenze di 1 e 8 anni [arrotondate i tassi di sconto a 3 cifre decimali, i fattori di sconto a 5 cifre decimali]. (5 punti) b) Qual è la net duration [= duration netta] del bilancio dato sopra? (Assumete una duration di zero per la posizione Equity. La net duration è definita come la differenza tra la Macauley duration degli attivi e dei passivi). (5 punti) c) Calcolate il rapporto Tier 1 della banca [Nota: Tier 1 capital ratio = Equity / Attivi ponderati per il rischio, dove per tutti gli attivi il fattore di ponderazione per il rischio ammonta a 100%]. d) Si assuma che i fattori di ponderazione per il rischio delle obbligazioni zero coupon A, rispettivamente B e C aumentino a 125%, rispettivamente 150% e 200% secondo Basilea II, in linea con un contesto economico che si sta deteriorando. Determinate il nuovo rapporto Tier 1. Le viene ora chiesto di condurre uno stress test sul capitale basandosi sul bilancio della banca. Secondo Basilea II, il totale minimo dei requisiti di capitale per far fronte al rischio di credito, di mercato e operativo deve essere superiore all'8% delle attività ponderate per il rischio. Il capitale Tier 2 [capitale di classe 2, costituito da riserve occulte, riserve di rivalutazione, accantonamenti generali, strumenti ibridi di debito e debito a termine subordinato] è limitato al 100% del capitale Tier 1 [costituito da Equity e riserve palesi], quindi il rapporto minimo Tier 1 secondo le disposizioni legali ammonta al 4%. e) Il suo assistente quantifica la perdita nell equity causata da uno spostamento parallelo di tutti i tassi di sconto di bp 200 (cioè il 2%) in 0.4 miliardi di euro. Calcolate il rapporto Tier 1 della banca dopo l'effetto dello spostamento parallelo di 200 bp sull equity, utilizzando i fattori di ponderazione del rischio più elevati come nella domanda d). Si supponga che non vi siano cambiamenti nel valore degli attivi. La banca supera lo stress test multiplo alla luce di Basilea II? (5 punti) Pagina 4 / 12

5 f) Infine, le viene chiesta la sua opinione a proposito del rischio di liquidità della banca [dovuto al disallineamento tra attività e passività] in termini di dover emettere nuove passività una volta che quelle esistenti giungano a scadenza. Come giudica l'esposizione della banca al rischio di liquidità? (confronti le attività a lungo termine della banca con le passività corrispondenti). Che tipo di provvedimenti propone per ridurre il rischio di liquidità della banca? Citi due misure chiave. (6 punti) Pagina 5 / 12

6 Domanda 3: Valutazione e Analisi di Strumenti Derivati (59 punti) Siamo a settembre 2010 e lei sta analizzando opzioni sull indice S&P 500 (simbolo: SPX) trattate al CBOE di Chicago. Queste opzioni scadono tra 12 mesi e sono di tipo europeo. La dimensione del contratto è di 100 dollari per ogni punto dell indice. Si noti che il dividend yield dell'indice S&P 500 è di circa 3.3% all'anno, mentre che il tasso di interesse privo di rischio è dello 0.5% p.a. (entrambi composti continuamente). La volatilità dell'indice S&P 500 è del 20% annuo. Lo S&P 500 attualmente quota a 990 punti. Lei ha raccolto i seguenti dati dalla sala mercati: Contratto SPX Call Prezzo d esercizio K Prezzo dell opzione Delta Contratto SPX Put Prezzo d esercizio K Prezzo dell opzione Delta SPX Call SPX Put SPX Call SPX Put SPX Call SPX Put Le opzioni non trattano necessariamente al loro prezzo teorico. [Suggerimento: il valore attuale D dei dividendi attesi pagati in contanti dalle azioni dello S&P 500 nel corso del prossimo anno ammonta a D = punti dell indice. Il Delta è derivato dalla formula di Black-Scholes (B&S); ad esempio, il delta del call è calcolato C y τ tramite: = = e N( d 1 ) ]. S a) Verificate se le opzioni con strike 950 rispettano la parità put-call. b) Assumete che sia disponibile uno strumento indicizzato allo S&P 500: un Exchange Traded Fund (ETF) che attualmente vale 990 USD per parte, che replica perfettamente il rendimento totale dell'indice S&P 500, inclusi i dividendi. Come sfruttate una violazione della parità put-call trattando 100 put e/o call con strike 950? Descrivete in dettaglio quali operazioni sono necessarie oggi per implementare un arbitraggio privo di rischio, e dettagliate il valore finale delle posizioni tra 12 mesi a seconda del valore dell'indice alla scadenza S T [Suggerimento: considerare separatamente i casi S T 950 e S T > 950]. Quanto guadagnate da questa opportunità, senza considerare i costi di transazione, sapendo che potete prendere in prestito/investire al tasso d interesse privo di rischio? Per la vostra risposta potete far riferimento alla tabella seguente. Potete completare la tabella o sviluppare autonomamente la vostra risposta. Pagina 6 / 12

7 POSIZIONE OGGI Punti dell indice USD TRA 12 MESI Valore in punti dell indice S T 950 S T > 950 Esempio AQ 100 call con strike ,000 0 S T Totale: (Suggerimento: potete utilizzare cifre, S T e / o parole nella colonna TRA 12 MESI ) (14 punti) c) Il vostro cliente, che è un investitore strategico in opzioni, desidera che calcoliate la "probabilità di finire in-the-money" per le opzioni call e put sullo SPX con strike Egli sostiene che - utilizzando i dati di cui sopra - questa probabilità è del 34.2% per il call e del 65.8% per il put. Verificate i suoi calcoli utilizzando la formula di B&S [Suggerimento: la probabilità neutrale al rischio di scadere in-the-money per un call è data da: P(S T > K) = N(d 2 )] (7 punti) d) Il vostro cliente prevede un calo delle quotazioni dei prezzi azionari e desidera prendere una posizione lunga su un bear spread con calls. Utilizzando i call sullo SPX con strike 950 e 1025, ciò significa che acquistate 100 call con strike 1025 e vendete 100 call con strike 950. Calcolate l'investimento iniziale, il massimo profitto e/o perdita e i punti di break-even alla scadenza, se applicabili. Disegnate il grafico di utile/perdita della strategia alla scadenza; ignorate gli interessi sui premi d'opzione. (13 punti) e) Appena dopo aver acquistato il bear spread con calls, il vostro cliente vuole neutralizzare questa posizione per un breve periodo di tempo utilizzando l ETF della domanda b) che replica l indice. Quante parti di ETF dovrebbero essere acquistate/vendute per neutralizzare la posizione? f) Lei osserva che per quello che concerne i costi di transazione i futures potrebbero essere vantaggiosi rispetto all'etf che replica l indice. Sapendo che i contratti futures sullo S&P 500 scambiati al CME di Chicago hanno una dimensione del contratto di USD 250 volte il prezzo del futures, quanti contratti futures devono essere acquistati/venduti per neutralizzare il bear spread con calls? [Suggerimento: si consideri la formula teorica del prezzo futures.] (5 punti) Pagina 7 / 12

8 g) Assumete che dopo aver neutralizzato la posizione, lo S&P 500 salga improvvisamente più di 150 punti. Spiegate brevemente quali modifiche sono necessarie a proposito della sua posizione ETF (se si segue la domanda e)) o a proposito della sua posizione futures sullo S&P 500 (se si segue la domanda f)) per mantenere l'intera posizione neutrale [non è necessario svolgere calcoli]. h) Voi fate notare al cliente che in questa situazione c'è ancora un'altra possibilità per un bearish spread, e che questa potrebbe anche essere usata per neutralizzare il bear spread con calls. Utilizzare 100 put con strike 950 e 1025 al posto dell ETF potrebbe risultare vantaggioso qui. Mostrate che aggiungendo una posizione corta su un bear spread con puts (in altre parole, aggiungendo un long bull spread con puts) alla posizione già stabilita nel bear spread con calls del punto e) si ottiene una posizione priva di rischi. Mostrate che questo cosiddetto box spread è indipendente dal valore dell'indice alla scadenza. Quanto deve essere investito nel box spread e quanto è l utile da esso derivante alla scadenza delle opzioni? [Nota: qui bisogna tener conto degli interessi sui premi di opzione]. (8 punti) Pagina 8 / 12

9 Domanda 4: Gestione di Portafoglio (31 punti) In un piano pensionistico a prestazione definita (defined benefit pension plan), ai partecipanti sono garantite le prestazioni pensionistiche dopo il pensionamento. Dal punto di vista del fondo pensione che offre questo piano pensionistico, ciò costituisce una passività, e lo sponsor del piano previdenziale deve quindi tener conto di tale passività quando investe i suoi attivi. In altre parole, deve praticare un ALM (asset liability management). Nelle seguenti domande definiamo le passività pensionistiche e studiamo metodi di gestione degli attivi atti a finanziare tali passività. La figura 1 illustra lo schema dei flussi di cassa per un piano pensionistico a prestazione definita che fornisce 1 milione di yen in benefici l anno per un periodo di 20 anni. Esso mostra anche il valore attuale dei flussi di cassa. Figure 1: Pension cash flow pattern and present value 16 Amount (million yen) Valore attuale value Calcolo dei valori scontati Benefici pensionistici (cash flow) Year Assumete che tutti i rendimenti sono rendimenti semplici. a) Supponendo che il tasso di sconto è del 4% p.a., qual è il valore attuale totale del piano pensionistico che paga 1 milione di yen l anno (primo pagamento tra 1 anno) per 20 anni? b) Supponendo che il tasso di sconto salga al 5% p.a., qual è il nuovo valore attuale totale del piano pensionistico discusso al punto a)? Descrivete la relazione tra il tasso di sconto e il valore attuale delle prestazioni pensionistiche dovute. È possibile pagare le prestazioni pensionistiche detenendo attivi equivalenti al valore attuale degli obblighi pensionistici, tenendo conto anche delle entrate da premi provenienti dagli iscritti al fondo pensioni. Il seguente scenario presuppone che il tasso di sconto cambi in base al tasso di interesse di mercato. Pagina 9 / 12

10 c) Che tipo di attivi pensate siano adatti quali investimenti per far fronte agli oneri pensionistici? Motivate la vostra risposta. d) In generale, la performance della gestione degli attivi viene misurata contro un benchmark di mercato, e questo avviene anche per il comparto obbligazionario. Descrivete due problemi inerenti l utilizzo di un indice del mercato obbligazionario come benchmark per gli oneri pensionistici come quelli in Figura 1. Descrivete le caratteristiche delle obbligazioni nelle quali investireste (focalizzate la vostra risposta sulla duration delle obbligazioni). La Tabella 1 mostra i rendimenti attesi, i rischi (deviazione standard dei rendimenti) e coefficienti di correlazione tra gli attivi e i passivi del fondo pensione. Il fondo pensione ha un grado di copertura del 100%: sia il valore degli attivi che quello dei passivi sono uguali a 10 miliardi di yen. I rendimenti del surplus [eccedenze] di ciascun attivo a fronte delle passività può essere calcolato sottraendo al rendimento dell attivo il rendimento dei passivi. Il rischio del surplus può essere calcolato utilizzando il coefficiente di correlazione tra il rendimento delle attività e quello delle passività. Ammontare (100 milioni di yen) Rendimento atteso Rischio (%) (%) Short-term instruments Coefficiente di correlazione Obbligazioni Azioni Passivi Strumenti a breve termine Obbligazioni Azioni Passivi Tabella 1: Rendimento atteso, rischio e coefficiente di correlazione tra attivi del fondo pensione e passivi e) Calcolate i rendimenti attesi del surplus [eccedenze] e i rischi del surplus per gli attivi a breve termine e le obbligazioni, e spiegate perchè differiscono dai rischi originali. e1) Rendimento atteso del surplus e rischio del surplus degli strumenti a breve termine. e2) Rendimento atteso del surplus e rischio del surplus per le obbligazioni. e3) Le ragioni della differenza rispetto ai rischi originali. f) L idea di investire attivi pensionistici tenendo conto dei passivi ha una lunga storia e recentemente il tema degli investimenti legati ai passivi [ liability driven investment o LDI] ha attirato molto interesse. f1) Discutete la necessità del LDI. Utilizzate due parole chiave: scadenza (maturity) del fondo pensione (misurata da prestazioni versate / premi ricevuti) e tolleranza al rischio. f2) IASB propone di riconoscere subito il cambiamento delle passività pensionistiche nette a bilancio. Discutete l influenza di questa proposta sul LDI. Pagina 10 / 12

11 Domanda 5: Gestione di Portafoglio (32 punti) a) Siete il consulente di un fondo pensione. Il vostro compito è quello di scegliere un nuovo gestore attivo per il comparto azioni europee. Voi basate la vostra analisi sulla "legge fondamentale dell Active Management" [ Fundamental Law of Active Management o FLAM, originariamente enunciata da R. Grinold], che mette in relazione l Information Ratio atteso (IR) al coefficiente di informazione ( Information Coefficient o IC) e il numero di previsioni indipendenti fatte per anno (N), spesso chiamato "breadth". Il coefficiente di informazione è definito come il coefficiente di correlazione tra le previsioni dei rendimenti e le loro realizzazioni (cioè i rendimenti effettivi). Più precisamente, la FLAM afferma che IR = IC N In parole, la FLAM afferma che la produttività di un gestore attivo dipende sia dal suo livello di bravura [ skill ] sia da quanto spesso questa viene messa in pratica. La Tabella seguente contiene alcune informazioni utili su due aziende di gestione di investimenti attivi, HIGHTIME e PIXXAM: IC Numero di Analisti HIGHTIME PIXXAM I 3 analisti di HIGHTIME in team producono previsioni sul mercato azionario aggiornate mensilmente con coefficiente di informazione 0.12 in base alle quali HIGHTIME determina il market timing sui suoi mandati sulle azioni Europee. Il compito degli analisti di PIXXAM consiste nel produrre previsioni per singole azioni. Ogni analista fa previsioni su 10 azioni, che sono aggiornate su base trimestrale. Questo constituisce il fondamento dell approccio di PIXXAM allo stock picking. a1) Definite brevemente le attività di Market Timing e Stock Selection. a2) Definite brevemente, in generale, l Information Ratio rispetto al suo benchmark. a3) Calcolate gli Information Ratio attesi in base alla FLAM e indicate che gestore di attivi preferite. a4) Fornite alcuni argomenti sul perchè potrebbe essere vantaggioso optare per la gestione attiva. b) Lei è consulente sull asset allocation strategica di un fondo pensione. Il cliente le fornisce i suoi obiettivi d investimento: - rendimento minimo cumulato (su 4 anni): 4% (con confidenza del 95%) - ottimizzare i rendimenti attesi col vincolo di rendimento minimo richiesto. Pagina 11 / 12

12 Lei ha a disposizione i seguenti attivi per investire: - un fondo azionario globale con rendimento atteso 10% p.a. e volatilità 20% p.a. - obbligazioni governative zero coupon con rendimento 3% p.a. per tutte le scadenze [possono essere considerate prive di rischio]. Assumete che i rendimenti siano distribuiti secondo la legge normale; il VaR (value at risk) del rendimento r del vostro portafoglio viene calcolato tramite: VaR(r) = E(r) - λ σ(r) con E(r): rendimento atteso p.a. σ(r): volatilità (deviazione standard) dei rendimenti p.a. λ: parametro di confidenza (per un livello di confidenza del 95%: 1.645) Inoltre, per i rendimenti totali cumulati su n anni assumete che valga (sia per singoli investimenti che per il portafoglio globale): E(r n ) = E(r) n σ(r n ) = σ(r) n e [tutti i rendimenti sono a capitalizzazione continua] b1) Come dovete allocare strategicamente il vostro portafoglio tra azioni globali e obbligazioni zero coupon? (7 punti) b2) Qual è il rendimento atteso p.a. di questa asset allocation? (2 punti) b3) Il rendimento atteso di questa proposta viene ritenuto dal cliente troppo basso. Il cliente desidera perciò eliminare la restrizione del rendimento minimo cumulato del 4%. Il suo nuovo mandato è: - non perdere più del 10% (VaR dopo 4 anni) con confidenza del 95%. - fornire una soluzione che abbia un rendimento atteso del 30% (cumulato su 4 anni). È possible trovare un asset allocation che soddisfi questi due requisiti? Se sì, riportate i pesi delle azioni globali e delle obbligazioni zero coupon nel portafoglio. (9 punti) Pagina 12 / 12

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di (48 punti) Il Sig. Smith è responsabile per gli investimenti obbligazionari presso una società di consulenza finanziaria, e ha analizzato la curva di rendimento delle

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (43 punti) Lei è il responsabile del dipartimento emissioni obbligazionarie di una banca europea. Questa 10 anni fa ha emesso un obbligazione perpetua subordinata

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Peso secondo il valore di mercato

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Peso secondo il valore di mercato Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni / Gestione di Portafoglio (33 punti) Il Sig. X è un gestore obbligazionario cui è stata assegnata la gestione del comparto obbligazionario internazionale

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (41 punti) Lei ha iniziato a lavorare quale analista obbligazionario. Il primo giorno di lavoro si trova confrontato con il seguente portafoglio obbligazionario

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (50 punti) Lei è analista del dipartimento di investimenti obbligazionari di una compagnia di assicurazioni con sede nella nazione Z, e sta preparando delle

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (56 punti) Lei ha assunto una nuova carica quale risk manager di un fondo pensione. Il fondo ha finora investito solo in titoli a reddito fisso con attivi

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (56 punti) Lei lavora nel dipartimento di tesoreria di una banca internazionale. La banca è molto conosciuta e può emettere, se necessario, obbligazioni

Dettagli

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento

Data xx/xx/xxxx. Cliente: ESEMPIO/09/03/1. Piano di Intervento Data xx/xx/xxxx Piano di Intervento Cliente: ESEMPIO/09/03/1 Gentile CLIENTE, Il presente elaborato è stato redatto sulla base di quanto emerso durante i nostri precedenti incontri e costituisce uno strumento

Dettagli

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI GLI INVESTIMENTI FINANZIARI SONO ACQUISTI DI ATTIVITA FINANZIARIE EFFETTUATE NELL ASPETTATIVA DI RICEVERNE UN RENDIMENTO. I PIU IMPORTANTI SONO: - I DEPOSITI

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE Lezione 2 IL MKT DEI CAMBI E il mkt nel quale si vendono ed acquistano valute estere. Funzioni del mkt dei cambi 1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale

Dettagli

Greche. Fondamenti dei Mercati di Futures e Opzioni, 5 a Edizione, Copyright John C. Hull 2004 15.1

Greche. Fondamenti dei Mercati di Futures e Opzioni, 5 a Edizione, Copyright John C. Hull 2004 15.1 Greche Problema per i trader è di gestire il rischio di posizioni su mercati over the counter e in borsa Ogni greca corrisponde a una misura di rischio Quindi i traders dovranno gestire le greche per gestire

Dettagli

Carry Strategies. Fondo con alto livello di delega e profilo di rischio basso

Carry Strategies. Fondo con alto livello di delega e profilo di rischio basso Carry Strategies Fondo con alto livello di delega e profilo di rischio basso Versione riservata ai Financial Partner ad esclusivo uso interno Maggio 2014 La posizione di Carry Strategies nell offerta AzFund

Dettagli

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009 Strumenti finanziari e scelte di investimento Roma, 8 maggio 2009 IL MERCATO DEI CAPITALI Il MERCATO DEI CAPITALI è il luogo ideale dove si incontrano domanda e offerta di strumenti finanziari. Lo scopo

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (50 punti) Lei è un gestore di portafoglio di una banca internazionale. Un cliente le mostra i suoi investimenti attuali, riassunti nella tabella seguente:

Dettagli

Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario, strumenti finanziari, operatività bancaria e costruzione del portafoglio

Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario, strumenti finanziari, operatività bancaria e costruzione del portafoglio Nozioni di matematica finanziaria, analisi di scenario Nozioni di Matematica Finanziaria 51 Analisi si scenario 103 Piani di ammortamento Rendite Regimi di capitalizzazione semplice e composta Tassi equivalenti

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Capitolo 3 Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima

Dettagli

Milliman ALM Per Fondi Pensione

Milliman ALM Per Fondi Pensione Entro il prossimo 31 dicembre 2013, anche le forme pensionistiche iscritte all Albo COVIP aventi numero di iscritti compreso tra le 100 e 1000 unità saranno obbligate ad adeguarsi a quanto disposto da

Dettagli

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore: Pianificazione finanziaria Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti 2. Valutazione

Dettagli

Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti

Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti Utilizzo degli ETF nella costruzione di portafogli diversificati e efficienti Fausto Tenini - Analista Quantitativo presso Ufficio Studi MF-MilanoFinanza - Prof. presso Univ. Statale di Milano, facoltà

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

Sostenibilità e gestione finanziaria nelle casse di previdenza: esperienze a confronto

Sostenibilità e gestione finanziaria nelle casse di previdenza: esperienze a confronto Sostenibilità e gestione finanziaria nelle casse di previdenza: esperienze a confronto Il punto di vista dell asset manager Michele Boccia Responsabile Clientela Istituzionale Eurizon Capital SGR Milano,

Dettagli

Capitolo 3. Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio. preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi)

Capitolo 3. Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio. preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Capitolo 3 Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Elisa Borghi) Anteprima Principi di base sui tassi di cambio Tassi di cambio

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni Introduzione alle opzioni Tipi di Opzioni La call è un opzione di acquisto La put è un opzione di vendita Le opzioni europee possono essere esercitate solo alla scadenza Le opzioni americane possono essere

Dettagli

I tassi interni di trasferimento

I tassi interni di trasferimento Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione AGENDA TIT unici e TIT multipli La determinazione dei tassi interni di trasferimento Le caratteristiche

Dettagli

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo

Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Economia dei mercati mobiliari e finanziamenti di aziende Risparmio gestito e stili di gestione Dott. Sergio Paris - Università degli Studi di Bergamo Gli stili di gestione Stile di gestione come espressione

Dettagli

L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE

L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE Stefano Visintin Studio Attuariale Visintin & Associati SAVA S.r.l. INDICE DEGLI ARGOMENTI

Dettagli

Portafogli Modello Giugno 2014

Portafogli Modello Giugno 2014 Portafogli Modello Giugno 2014 Investment Advisory 10 Giugno 2014 Milano Indice Commento Generale (p. 3) Portafoglio Obbligazionario (p. 4) Portafoglio Bilanciato (p. 6) Portafoglio Azionario (p. 8) Ranking

Dettagli

Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico"

Portafoglio Invesco a cedola Profilo dinamico Portafoglio Invesco a cedola Profilo "dinamico" Questo documento è riservato per i Clienti Professionali/Investitori Qualificati e/o Soggetti Collocatori in Italia e non per i clienti finali. È vietata

Dettagli

Determinare l ammontare x da versare per centrare l obiettivo di costituzione.

Determinare l ammontare x da versare per centrare l obiettivo di costituzione. Esercizi di matematica finanziaria 1 VAN - DCF - TIR Esercizio 1.1. Un investitore desidera disporre tra 3 anni d un capitale M = 10000 euro. Investe subito la somma c 0 pari a 1/4 di M. Farà poi un ulteriore

Dettagli

1. Descrizione della fusione del comparto di Compam Fund: Europe Dynamic 0/100 nel comparto di Diaman SICAV Mathematics

1. Descrizione della fusione del comparto di Compam Fund: Europe Dynamic 0/100 nel comparto di Diaman SICAV Mathematics CompAM FUND Società d'investimento a Capitale Variabile (SICAV) Sede legale: 4, boulevard Royal, L-2449 Luxembourg Registro delle imprese lussemburghese N B92095 COMUNICAZIONE AGLI AZIONISTI I. COMPARTO

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio

Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Capitolo 3 Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio adattamento italiano di Novella Bottini 1 Anteprima Principi di base sui tassi di cambio Tassi di cambio e prezzi dei beni I mercati

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI I TASSI DI INTERESSE TASSO DI RENDIMENTO EFFETTIVO ALLA SCADENZA (TRES) O YIELD-TO- MATURITY (YTM) Lezione 3 1 I PUNTI PRINCIPALI DELLA LEZIONE o o Misurazione dei tassi di interesse

Dettagli

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 00_caparrelli 20-01-2004 13:10 Pagina VII Prefazione XIII Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 Capitolo 1 I prodotti del mercato monetario 3 1.1 Introduzione al mercato monetario

Dettagli

Chi è Cassa Forense?

Chi è Cassa Forense? Chi è Cassa Forense? Una fondazione di diritto privato che cura la previdenza e l assistenza degli Avvocati 10 0 % altri investimenti 415 e che gestisce un patrimonio a valori di mercato al 31.12.2011

Dettagli

CORPORATE & INVESTMENT BANKING PROF. MARCO GIORGINO E PROF. GIANCARLO GIUDICI

CORPORATE & INVESTMENT BANKING PROF. MARCO GIORGINO E PROF. GIANCARLO GIUDICI CORPORATE & INVESTMENT BANKING PROF. MARCO GIORGINO E PROF. GIANCARLO GIUDICI 4 appello del 1 Ottobre 2014 Tempo max: 2h N O T E Si ricorda che durante la prova scritta non sono consultabili appunti o

Dettagli

A.A. 2009/10 Corso Financial Risk Management Market Risk. Assignment finale

A.A. 2009/10 Corso Financial Risk Management Market Risk. Assignment finale A.A. 2009/10 Corso Financial Risk Management Market Risk Assignment finale NB: per ottenere risultati uniformi attraverso i gruppi di lavoro, si raccomanda per lo svolgimento degli esercizi l utilizzo

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni (43 punti) Lei lavora quale consulente di un fondo pensione. Alla luce delle recenti turbolenze sui mercati finanziari il consiglio di amministrazione di

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI ABSTRACT PRINCIPI SULLE OPZIONI!A cura di Mauro Liguori!Seminario del 7 giugno 2003!V. delle Botteghe Oscure, 54 -Roma DEFINIZIONE DI OPZIONE OPZIONE DIRITTO DI ACQUISTARE

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione:

Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione: Gli investimenti in titoli di capitale delle banche per Le società di assicurazione: Il passaggio dalla crisi finanziaria al Nuovo contesto regolamentare Milan, 7 giugno 2010 GENERALI INVESTMENTS Generali

Dettagli

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia 2014 1. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa

Dettagli

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE

FONDO PENSIONE APERTO CARIGE FONDO PENSIONE APERTO CARIGE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELLA GESTIONE I dati e le informazioni riportati sono aggiornati al 31 dicembre 2006. 1 di 8 La SGR è dotata di una funzione di Risk Management

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito Ottobre 2020 A chi si rivolge info Prodotto Eurizon Multiasset Reddito è un Fondo comune di diritto italiano, gestito da Eurizon Capital SGR, che persegue l'obiettivo di ottimizzare il rendimento del Fondo in un orizzonte temporale

Dettagli

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività.

Processo che consente di identificare la ripartizione ottimale di medio-lungo periodo delle risorse finanziarie tra le diverse classi di attività. Glossario finanziario Asset Allocation Consiste nell'individuare classi di attività da inserire in portafoglio al fine di allocare in maniera ottimale le risorse finanziarie, dati l'orizzonte temporale

Dettagli

18 novembre 2014. La costruzione di un portafoglio Fulvio Martina

18 novembre 2014. La costruzione di un portafoglio Fulvio Martina 18 novembre 2014 La costruzione di un portafoglio Fulvio Martina Costruire un portafoglio? REGOLE BASE IDENTIFICARE GLI OBIETTIVI INVESTIMENTO E RISCHIO IDONEO ORIZZONTE TEMPORALE Asset allocation Diversificazione

Dettagli

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012 Come usare gli ETF Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team Rimini, 17 maggio 2012 Cosa sono gli Etf? Gli Etf sono una particolare categoria di fondi d investimento mobiliare quotati

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

LA DURATION E LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO

LA DURATION E LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO LA DURATION E LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO FLAVIO ANGELINI Sommario. In queste note si vuole mostrare come la Duration venga utilizzata quale strumento per la gestione del portafoglio obbligazionario.

Dettagli

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal

È evidenziata la crescita (in euro e al lordo della tassazione anche per i fondi italiani) realizzata dal Lettura delle schede Giunta alla sua decima edizione, la Guida permette agli investitori di accedere ad analisi indipendenti e nuovi strumenti per la selezione dei fondi, compresi i Morningstar Analyst

Dettagli

LE SETTE REGOLE D ORO DELL INVESTIMENTO

LE SETTE REGOLE D ORO DELL INVESTIMENTO LE SETTE REGOLE D ORO DELL INVESTIMENTO Investire sul lungo termine Un investitore che accantona risparmi sul lungo termine in previsione di eventuali periodi di difficoltà economiche ha più probabilità

Dettagli

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Sviluppo Rete Arca Fund Manager Webinar Fondi Obbligazionari

Dettagli

Introduzione alberi binomiali

Introduzione alberi binomiali Introduzione alberi binomiali introduzione L albero binomiale rappresenta i possibili sentieri seguiti dal prezzo dell azione durante la vita dell opzione Il percorso partirà dal modello a uno stadio per

Dettagli

Test di ammissione al Corso di Laurea magistrale a numero programmato in: Finanza, Intermediari e Mercati - CLAMFIM (cod. 0901)

Test di ammissione al Corso di Laurea magistrale a numero programmato in: Finanza, Intermediari e Mercati - CLAMFIM (cod. 0901) Test di ammissione al Corso di Laurea magistrale a numero programmato in: Finanza, Intermediari e Mercati - CLAMFIM (cod. 0901) Classe: LM-16 (Finanza) Anno Accademico 2011/2012 1 1) Secondo qualsiasi

Dettagli

Morningstar. Italy ETF Survey 2011. Sponsored by

Morningstar. Italy ETF Survey 2011. Sponsored by Morningstar Italy ETF Survey 2011 Sponsored by Etf, promossi per i costi, ma gli investitori vogliono saperne di più Conosce cosa sono gli Etf/Etc, ma vuole saperne di più sul funzionamento. Li sceglie

Dettagli

Copertura Valutaria Franklin Templeton Investments

Copertura Valutaria Franklin Templeton Investments Copertura Valutaria COSA E LA COPERTURA VALUTARIA? La copertura valutaria è utilizzata allo scopo di ridurre l effetto causato sui rendimenti dalle fluttuazioni dei tassi di cambio. I movimenti valutari

Dettagli

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 Indice Prefazione Introduzione XIII XV Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 1.1 Definizione e tipologie di investimento 1 1.1.1 Caratteristiche degli investimenti produttivi 3 1.1.2 Caratteristiche

Dettagli

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii Sommario Presentazione dell edizione italiana... xi Prefazione efazione... xiii Capitolo 1 Il lato oscuro o della valutazione... 1 Definizione di un impresa tecnologica... 2 La crescita del settore tecnologico...

Dettagli

Orientare la previdenza del personale al rendimento: con LPP Invest.

Orientare la previdenza del personale al rendimento: con LPP Invest. Orientare la previdenza del personale al rendimento: con LPP Invest. Chiedete a noi. T 058 280 1000 (24 h), www.helvetia.ch Maggior influsso sulla strategia di investimento della vostra previdenza del

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari:

Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari: Lezione 2: L investimento in strumenti finanziari I drivers dell analisi del valore L analisi dei titoli obbligazionari: Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri L investimento in strumenti finanziari

Dettagli

Gestione dei rischi PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Rischio di credito

Gestione dei rischi PROGRAMMA. 1) Nozioni di base di finanza aziendale. 2) Opzioni. 3) Valutazione delle aziende. 4) Rischio di credito PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale 2) Opzioni 3) Valutazione delle aziende 4) Rischio di credito Gestione dei rischi 5) Risk management 6) Temi speciali di finanza aziendale Argomenti trattati

Dettagli

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI

Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Moneta e Finanza Internazionale MERCATI FINANZIARI Funzioni dei mercati finanziari 1. Canalizzare risorse da agenti in surplus (risparmiatori) ad agenti in deficit (imprese/prenditori) 2. Direct finance:

Dettagli

Informazioni chiave per gli investitori

Informazioni chiave per gli investitori Informazioni chiave per gli investitori Il presente documento contiene le informazioni chiave di cui tutti gli investitori devono disporre in relazione a questo Fondo. Non si tratta di un documento promozionale.

Dettagli

Il mercato dei cambi

Il mercato dei cambi Il mercato dei cambi 18 maggio 2009 Agenda Il mercato valutario Nozioni fondamentali Tassi di cambio Operazioni in cambi Cross rates Operatori del mercato Andamento del tasso di cambio 2 Nozioni fondamentali

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Prodotti finanziari a breve termine BOT: Buoni Ordinari del tesoro ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

Fronteggiamento dei rischi della gestione

Fronteggiamento dei rischi della gestione Fronteggiamento dei rischi della gestione Prevenzione (rischi specifici) Impedire che un determinato evento si manifesti o limitare le conseguenze negative Assicurazione (rischi specifici) Trasferimento

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A.

KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. KAIROS PARTNERS SGR S.p.A. Relazione Semestrale al 30.06.2015 FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO Kairos Income Kairos Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via San Prospero 2, 20121 Milano Tel 02.777181

Dettagli

I fondi a cedola di Pictet. Cedole predeterminate, sostenibili e a costo zero

I fondi a cedola di Pictet. Cedole predeterminate, sostenibili e a costo zero I fondi a cedola di Pictet Cedole predeterminate, sostenibili e a costo zero Aggiornamento al 28 Aprile 2014 Come Banca Pictet intende la distribuzione dei proventi Cedola predefinita Le percentuali di

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009

Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio. Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 2009 A.A. 2008-2009 Le obbligazioni: misure di rendimento e rischio Economia degli Intermediari Finanziari 4 maggio 009 A.A. 008-009 Agenda 1. Introduzione ai concetti di rendimento e rischio. Il rendimento delle obbligazioni

Dettagli

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI

INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI INFORMAZIONI CHIAVE PER GLI INVESTITORI Il presente documento contiene le informazioni chiave per gli investitori di questo Comparto. Non si tratta di un documento promozionale. Le informazioni contenute

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni QUIZ CAPITOLO 19 Introduzione alle opzioni 1. La Figura 19.13a rappresenta un venditore dell opzione call; la Figura 19.13b un acquirente dell opzione call. 2. a. Il prezzo di esercizio dell opzione put

Dettagli

1.Compro Azioni. 2.Vendo Azioni

1.Compro Azioni. 2.Vendo Azioni 1.Compro Azioni Question #1: Cos' è una Azione (un titolo azionario)? A) E' un Titolo rappresentativo della quota di una società B) E' una ricevuta per investire C) E' una assicurazione Question #2: Perchè

Dettagli

Economia Intermediari Finanziari 1

Economia Intermediari Finanziari 1 Economia Intermediari Finanziari Il rischio, inteso come possibilità che il rendimento atteso da un investimento in strumenti finanziari, sia diverso da quello atteso è funzione dei seguenti elementi:

Dettagli

Il futuro ha bisogno di più Anima.

Il futuro ha bisogno di più Anima. Il futuro ha bisogno di una nuova visione. Più attenta all essenza. Più responsabile e rigorosa. Più aperta e positiva. Per questo i migliori consulenti, le migliori banche e reti di promotori finanziari

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite. Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri

Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite. Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri Il valore dell impresa come una torta Debito Capitale Azionario 2 Struttura Finanziaria

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Agenda. "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap

Agenda. MINI GREEN BOND in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento Eugenio de Blasio Milano, 9 maggio 2014 Agenda 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap 2. I Mini Bond ed il segmento ExtraMOT PRO: un

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

31/12/2012. Totale fondi pensione non finanziati 95.693 3.988 99.681 - - - -

31/12/2012. Totale fondi pensione non finanziati 95.693 3.988 99.681 - - - - 22. FONDI DEL PERSONALE La voce comprende Fondi pensione finanziati 271.288 266.404 non finanziati 99.681 85.014 TFR (società italiane) 47.007 40.484 Piani di assistenza medica 20.403 21.270 Altri benefici

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

Contratti per differenza (CFD)

Contratti per differenza (CFD) Avvertenza per gli investitori 28/02/2013 Contratti per differenza (CFD) Messaggi chiave I CFD ( contracts for difference ) sono prodotti complessi e non sono adatti a tutti gli investitori. Non investite

Dettagli

Strategie di copertura rischio tasso

Strategie di copertura rischio tasso Contribuiamo allo sviluppo economico del territorio delle Banche di Credito Cooperativo Strategie di rischio tasso (quotazioni indicativi al 2 marzo 2010) 2 Marzo 2010 2 Indice Analisi della posizione

Dettagli

Principi Guida per l Investimento Finanziario

Principi Guida per l Investimento Finanziario Principi Guida per l Investimento Finanziario Giovanna Nicodano Università di Torino e CeRP-Collegio Carlo Alberto I nostri risparmi seminario di Financial Education Biennale Democrazia, Torino, Aprile

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005-

Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005- Dipartimento II Servizio 6 GESTIONE DEL DEBITO MONITORAGGIO INVESTIMENTI Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005- 1. Introduzione Obiettivo del Report è produrre l analisi del debito al

Dettagli

Matematica Finanziaria A - corso part time prova d esame del 21 Aprile 2010 modalità A

Matematica Finanziaria A - corso part time prova d esame del 21 Aprile 2010 modalità A prova d esame del 21 Aprile 2010 modalità A 1. Un tizio ha bisogno di 600 euro che può chiedere, in alternativa, a due banche: A e B. La banca A propone un rimborso a quote capitale costanti mediante tre

Dettagli

I tassi di interesse e il loro ruolo nella valutazione PAS 2014: Mishkin Eakins Forestieri, Istituzioni e mercati finanziari, Pearson, 2010.

I tassi di interesse e il loro ruolo nella valutazione PAS 2014: Mishkin Eakins Forestieri, Istituzioni e mercati finanziari, Pearson, 2010. I tassi di interesse e il loro ruolo nella valutazione PAS 2014: Mishkin Eakins Forestieri, Istituzioni e mercati finanziari, Pearson, 2010. 1 Anteprima I tassi di interesse sono tra le variabili più attentamente

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli