Relazione specialistica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione specialistica"

Transcript

1 Relazione specialistica Dipl.-Ing. Matthias Raisch, Bosch Industriekessel GmbH Sfruttamento della condensazione Sfruttando la sperimentata tecnologia della condensazione, i gestori di caldaie a vapore o ad acqua surriscaldata possono ridurre i costi di gestione e le emissioni di CO 2 a beneficio dell ambiente. Il regolare impiego della tecnologia della condensazione consente di ammortizzare le spese supplementari in meno di 2 anni. Potere calorifico inferiore, potere calorifico superiore e calore di condensazione Il potere calorifico inferiore (H u o H i ) è l energia che si rende disponibile per effetto della combustione completa, quando i fumi di scarico a pressione costante sono riportati alla temperatura iniziale. Il vapore derivante dalla combustione resta in forma gassosa. Il potere calorifico inferiore si riferisce dunque unicamente al calore contenuto nei gas di scarico, non a quello contenuto nel vapore. Il rendimento viene calcolato in base al potere calorifico del combustibile, in quanto in passato era indispensabile scaricare il vapore contenuto nei gas di scarico sotto forma di gas mediante temperature elevate al fine di evitare la condensazione dei gas di scarico e l eventuale corrosione della caldaia, del sistema dei gas di scarico e della canna fumaria. Il potere calorifico superiore (H o o H s ) è l energia che si rende disponibile per effetto della combustione completa, quando i gas di scarico a pressione costante sono riportati alla temperatura iniziale. Il potere calorifico superiore comprende anche l energia sprigionata dalla condensazione del vapore contenuto nei gas di scarico, il calore di condensazione. Principi fondamentali dello sfruttamento della condensazione L energia contenuta nel vapore dei gas di scarico può oggi essere sfruttata grazie alla tecnologia della condensazione. I materiali resistenti alla corrosione, i sistemi dei gas di scarico e le canne fumarie resistenti all umidità consento di applicare tale tecnologia per periodi prolungati senza causare alcun danno. Per sfruttare la condensazione è necessario rendere disponibile non solo il calore contenuto nei gas di scarico, ma anche il calore di condensazione presente nel vapore.

2 2 Sfruttamento della condensazione L inversione di tendenza nell uso dei combustibili favorisce la tecnologia della condensazione L impiego dell olio pesante si è ridotto considerevolmente negli ultimi anni in Europa (ad esempio in Germania l olio pesante è proibito dal 1986 dalla TA-Luft (regolamentazione tedesca sul controllo dell inquinamento atmosferico) per potenzialità < 5 MW). Di tutte le caldaie con serbatoio dell acqua di grandi dimensioni fino a 20 MW installate in Germania negli ultimi 2 anni, il 25 % utilizza come combustibile il gas, il 40 % metano/olio leggero e il 35 % utilizza olio leggero. Una protezione attiva dell ambiente e soluzioni tecniche per migliorare lo sfruttamento della condensazione rappresentano oggi i motivi principali per il crescente impiego di gas naturale. Confrontando i dati tecnici determinanti per lo sfruttamento della condensazione si evince che il gas naturale offre il più elevato potenziale di sfruttamento (vedi tabella 1). Il gas naturale presenta: il più elevato contenuto di acqua nei gas di scarico il più elevato punto di rugiada il più elevato valore ph del condensato dei gas di scarico Rispetto all olio combustibile EL è disponibile un maggiore calore di condensazione a un livello di temperatura più elevato, quindi la condensazione dei gas di scarico inizia a temperature dei gas di scarico più elevate. I gas di scarico derivanti dalla combustione sono pressoché privi di fuliggine e di zolfo. Ciò consente di ridurre al minimo la pulizia delle superfici riscaldanti per garantire la massima efficienza ed evitare malfunzionamenti. Dal momento che anche il ph del condensato dei gas di scarico è superiore a quello dell olio combustibile EL, si riducono anche i costi per lo smaltimento del condensato. Confermata la possibilità di utilizzare olio combustibile a basso tenore di zolfo per lo sfruttamento della condensazione La crescente affermazione sul mercato dell olio combustibile a basso tenore di zolfo aumenta la richiesta di sistemi di condensazione anche per questo combustibile. Il basso tenore di zolfo nel combustibile (max. 50 ppm = 0,005 % in peso rispetto a 0,2 % in peso di zolfo dell olio combustibile EL) favorisce una combustione priva di fuliggine e residui. In questo modo la condensazione dei gas di scarico può essere sfruttata anche per l olio combustibile a basso tenore di zolfo. Test effettuati sul banco di prova dimostrano che, rispettando gli intervalli di pulizia previsti per lo scambiatore di calore, è possibile ottenere pressoché la stessa disponibilità di energia con l olio combustibile a basso tenore di zolfo di quella ottenuta sfruttando la condensazione di combustibili gassosi. La desolforazione quale ulteriore passaggio rende l olio combustibile a basso tenore di zolfo leggermente più costoso, tuttavia il costo viene compensato abbondantemente dal maggiore rendimento e dalla conseguente riduzione del consumo di combustibile (va aggiunto inoltre che a partire dal 2009 l aliquota d imposta verrà calcolata sulla base del tenore di zolfo con conseguente agevolazione fiscale rispetto all olio combustibile EL). Qualora le caldaie vengano utilizzate con combustibile misto, quindi gas naturale o olio combustibile EL (ad esempio in caso di contratti che impongono l utilizzo di più combustibili che, in caso di freddo particolarmente intenso, prevedono il funzionamento temporaneo della caldaia anche con olio combustibile EL) lo scambiatore di calore viene equipaggiato con bypass per il gas di scarico. Tabella 1: Dati tecnici dei diversi combustibili Combustibile Potere calorifico inferiore (H u ) [kwh/m³/kg] Potere calorifico superiore (H o ) [kwh/m³/kg] Rapporto H o /H u [%] Punto di rugiada gas di scarico [ C] Condensa teorica [kg/kwh] Valore ph [-] Gas naturale H 10,35 11,46 110,7 55,6 0,16 2,8 4,9 Gas naturale L 8,83 9,78 110,8 55,1 0,16 2,8 4,9 Propano 25,89 28,12 108,6 51,4 0,13 2,8 4,9 Butano 34,39 37,24 108,3 50,7 0,12 2,8 4,9 Olio combustibile EL* 11,90 12,72 106,9 47,0 0,10 1,8 3,7** * Qualità EL extra leggero : tenore max. di zolfo nel combustibile 0,2 % in peso Qualità olio combustibile a basso tenore di zolfo: tenore max. di zolfo nel combustibile 50 ppm = 0,005 % in peso ** Valore ph della condensa derivante da olio combustibile a basso tenore di zolfo: 2,3 4,5

3 Sfruttamento della condensazione 3 Lo sfruttamento della condensazione consente di ottenere rendimenti superiori al 100 % per quanto riguarda il potere calorifico inferiore H u Per poter sfruttare la condensazione i gas di scarico derivanti dalla combustione devono essere raffreddati a una temperatura inferiore al punto di rugiada. Per sfruttare tale potenziale le superfici riscaldanti e i sistemi di scarico, che vengono a contatto con i gas di scarico umidi, devono essere costruiti in acciaio inossidabile resistente alla corrosione. Il gas di scarico deve essere raffreddato con scambiatori di calore adeguati e acqua di ricircolo il più possibile fredda fino a raggiungere una temperatura inferiore al punto di rugiada. L influsso del punto di rugiada del gas di scarico e della temperatura dell acqua di ritorno sulla quantità di vapore acqueo condensato e sul rendimento della caldaia sono riportati nella Grafico 1. La Grafico 2 riporta curve di rendimento che mostrano il potenziale dello sfruttamento della condensazione. Grafico 2: Curve di rendimento per lo sfruttamento della condensazione (esempio caldaia ad acqua surriscaldata a gas) Campo di carico con il massimo delle ore di funzionamento annuali Sfruttando la condensazione è possibile aumentare considerevolmente i vantaggi aziendali ed economici legati alla produzione di acqua surriscaldata e vapore. Rispetto ai sistemi tradizionali con normali scambiatori di calore del gas di scarico, lo sfruttamento della condensazione permette una riduzione superiore al 10 % della quantità di combustibile (quindi dei relativi costi) e delle emissioni dannose. Lo sfruttamento della condensazione contribuisce quindi a salvaguardare l ambiente e rappresenta una possibilità di ridurre le emissioni di CO Grafico 1: Influsso della temperature dell acqua di ricircolo sul rendimento della caldaia e sulla quantità di condensa per il gas naturale (Ruhrgas) Gas naturale H, Rapporto aria/combustibile: 1,1 Rendimento caldaia in % Condensa Rendimento Taupunkt Temperatura dell acqua di ricircolo C Quantità di condensa in g/kwh Rendimento della caldaia, in riferimento a (H u ) % Rendimento utile 95,9 % Carico caldaia % 1 Caldaia senza scambiatore di calore dei gas di scarico 70/50 C 2 Caldaia con scambiatore di calore dei gas di scarico per funzionamento a secco 3 Caldaia con scambiatore di calore dei gas di scarico per sfruttamento della condensazione 3.1 Temperatura acqua in entrata 50 C 3.2 Temperatura acqua in entrata 40 C 3.3 Temperatura acqua in entrata 30 C

4 4 Sfruttamento della condensazione Sistemi per lo sfruttamento della condensazione Le caldaie a condensazione e le caldaie murali a gas di potenza paragonabile sono generalmente costruite interamente in acciaio inossidabile. Le caldaie ad acqua surriscaldata con potenza superiore per il riscaldamento di edifici di grandi dimensioni e complessi edilizi non vengono costruite in acciaio inossidabile per motivi tecnici ed economici. Per lo sfruttamento della condensazione le caldaie vengono equipaggiate con speciali scambiatori di calore del gas di scarico in acciaio inossidabile integrati nella caldaia o installati come modulo separato (figure 1 e 2). Figura 2: Scambiatore di calore dei gas di scarico per montaggio separato o successivo Per le caldaie a vapore non vengono utilizzati sistemi integrati a causa del sistema di recupero di calore dai gas di scarico bifase adottato (vedi capitolo 9). In questo caso vengono utilizzati scambiatori di calore dei gas di scarico come moduli separati collegati alla caldaia sul lato dei gas di scarico (figura 2). Lo scambiatore di calore dei gas di scarico come modulo separato è particolarmente adatto per il montaggio successivo. La caldaia ad acqua surriscaldata raffigurata (figura 1) è costruita come caldaia a tubi da fumo a un focolare a tre giri con camera posteriore di inversione dei gas di combustione lambita dall acqua. Il design circolare consente di collegare all ampia superficie radiante del tubo da fumo una superficie di convezione nel 2. e 3. giro del gas di scarico. Ciò consente di ottenere un rendimento superiore al 95 % senza corpi elicoidali nei tubi da fumo e senza superfici riscaldanti aggiuntive. Campi d applicazione dello sfruttamento della condensazione negli impianti ad acqua surriscaldata Fino a pochi anni fa la principale applicazione dello sfruttamento della condensazione era nel settore delle caldaie a condensazione e delle caldaie murali a gas per il riscaldamento centralizzato e la produzione di acqua calda in unità abitative e condomini di piccole dimensioni. Nel frattempo lo sfruttamento della condensazione viene applicato anche a sistemi più grandi. Per i sistemi più piccoli sono in arrivo anche sistemi a olio a condensazione (grazie alla possibilità di utilizzare olio combustibile a basso tenore di zolfo). Sarà solo questione di tempo prima che lo sfruttamento di questo tipo di condensazione venga adottato anche per caldaie con potenze superiori. Figura 1: Sezione caldaia ad acqua calda UNIMAT con scambiatore di calore dei gas di scarico integrato Tubi da fumo 2. e 3. giro Focolare 1. giro Isolamento Manicotto per gas di scarico Manicotto per condensato gas di scarico Scambiatore di calore gas di scarico Manicotto per condensato gas di scarico Manicotto di scarico

5 Sfruttamento della condensazione 5 Determinanti per sfruttare al massimo la condensazione sono il sistema di riscaldamento e le temperature di esercizio. Condizione essenziale sono dei sistemi di riscaldamento in cui l acqua calda entra direttamente in circolo nella caldaia e nel corpo riscaldante. Per il resto è sufficiente utilizzare una caldaia a conduzione climatica per una regolazione scalare dell acqua. I nuovi sistemi di riscaldamento a pavimento e i corpi riscaldanti a bassa temperatura di grandi dimensioni sono particolarmente adatti per le caldaie a condensazione e per il funzionamento continuo a condensazione. Molti impianti vecchi sono dotati di corpi riscaldanti sovradimensionati e riescono quindi a produrre sufficiente potenza termina anche a basse temperature durante il periodo di riscaldamento. Ciò li rende idonei all impiego di caldaie a condensazione. Anche per i sistemi di riscaldamento con zone di temperatura diverse può essere conveniente sfruttare la condensazione alle basse temperature. In molti edifici sono state adottate misure di isolamento termico che consentono il riscaldamento anche a basse temperature di esercizio. Per la maggior parte dell anno è possibile mantenere temperature di ritorno che consentono lo sfruttamento della condensazione. I generatori di acqua calda ad alta pressione per impianti o sistemi di teleriscaldamento con circuito di riscaldamento primario per il riscaldamento di abitazioni e il relativo circuito di riscaldamento secondario per il riscaldamento di edifici funzionano generalmente con temperature di ritorno superiori a 100 C, quindi di gran lunga superiori al punto di rugiada, che di fatto impediscono lo sfruttamento della condensazione. Vengono comunque utilizzati scambiatori di calore dei gas di scarico per il funzionamento a secco che consentono di ottenere rendimenti fino al 98 %. In questi casi lo sfruttamento della condensazione è possibile solo se l impianto è dotato di un circuito secondario a bassa temperatura. Collegamento idraulico di scambiatori di calore a condensazione in caldaie ad acqua surriscaldata La condensazione può essere sfruttata al meglio con temperature di ritorno basse. Il flusso di ritorno a bassa temperatura (al di sotto del punto di rugiada dei gas di scarico del combustibile) fluisce attraverso lo scambiatore di calore a condensazione. In questo modo si forma della condensa sulle superfici riscaldanti dello scambiatore di calore. I gas di scarico vengono raffreddati, il circuito di riscaldamento a bassa temperatura si riscalda e rifornisce la rete dell acqua calda. Prima di ritornare nella caldaia, il ritorno di rete viene mescolato con acqua di mandata fino a raggiungere la temperatura minima di ritorno di 50 C grazie al modulo di mantenimento della temperatura di ritorno (figura 3). Uno speciale iniettore integrato nella caldaia permette il flusso e la miscelazione. Il campo di regolazione dei bruciatori può essere sfruttato al meglio. Anche in presenza di un carico ridotto il bruciatore funziona per periodi prolungati con temperature dei gas di scarico basse per uno sfruttamento ottimale della condensazione. Mantenendo elevata la temperatura di ritorno si evitano temperature dell acqua della caldaia inferiori al punto di rugiada del combustibile, che causerebbero fenomeni di corrosione all interno della caldaia. Figura 3: Allacciamento idraulico per uno sfruttamento ottimale della condensazione Ritorno Mandata Mandata Ritorno

6 6 Sfruttamento della condensazione Campi d applicazione dello sfruttamento della condensazione in caldaie a vapore I generatori di vapore con temperature del liquido fra 150 e 200 C vengono alimentate con acqua degassata e funzionano a temperature comprese fra 85 e 105 C. Le temperature dei gas di scarico di queste caldaie a vapore sono comprese fra 230 e 280 C per ragioni fisiche. Per ridurre le perdite di gas di scarico vengono montati scambiatori di calore dei gas di scarico per riscaldare l acqua di alimentazione. I gas di scarico, che nel campo a secco presentano temperature ben superiori al punto di rugiada, vengono raffreddati fino a raggiungere i 130 C. Con questo principio di funzionamento è impossibile sfruttare la condensazione. L impiego di un secondo stadio dello scambiatore di calore con utenze a bassa temperatura consente di sfruttare la condensazione anche in generatori di vapore ad alta pressione (vedi Grafico 3). Questo condensatore dei gas di scarico, come anche tutte le condutture dei gas di scarico e i tubi di scarico, sono costruiti in acciaio inossidabile. A differenza dei sistemi per il riscaldamento di edifici con specifiche temperature di sistema e di ritorno, nel settore industriale troviamo i più diversi sistemi di applicazione del vapore e di riscaldamento. Ciò determina l impiego di diversi sistemi di risparmio energetico e di recupero termico. E dunque necessario analizzare approfonditamente tutti i dispositivi che forniscono e consumano calore per individuare la soluzione più vantaggiosa. Una stretta collaborazione fra gestore, progettista e costruttore di caldaie è indispensabile per individuare la soluzione più efficiente nella molteplicità di opzioni. Collegamento di scambiatori di calore a condensazione in caldaie a vapore Negli impianti di alimentazione a vapore la condensa viene recuperata e riutilizzata per l alimentazione della caldaia. Vi sono tuttavia dei sistemi che riscaldano direttamente il vapore e non prevedono quindi il recupero della condensa (per es. produzione di polistirolo, umidificazione dell aria, produzione di pane) oppure che non permettono il recupero della condensa a causa della contaminazione da parte di sostanze estranee. Vi sono inoltre dispersioni causate da desalinizzazione, sfangamento, evaporazione e perdite. Si tratta di dispersioni estremamente diversificate. Possono superare la metà del vapore prodotto e devono essere compensate aggiungendo acqua. Dopo il trattamento, l acqua aggiunta raggiunge generalmente una temperatura massima di 15 C e può essere preriscaldata nel condensare dei gas di scarico. La temperatura ridotta dell acqua in entrata permette la condensazione dei gas di scarico e quindi di sfruttare al meglio tale fenomeno. Quest applicazione garantisce un elevato coefficiente di contemporaneità fra la disponibilità del calore di scarico e il fabbisogno di calore (vedi figura 4 variante A). In numerosi settori industriali, in particolare nell industria alimentare, vi è un elevato fabbisogno di acqua industriale. In questi casi l acqua industriale dolce viene preriscaldata mediante un condensare dei gas di scarico. In questo modo l acqua raggiunge temperature comprese fra ca. 50 e 70 C. Per riscaldare ulteriormente l acqua industriale è possibile utilizzare uno scambiatore di calore riscaldato a vapore (vedi figura 4 variante B). Grafico 3: Temperature gas di scarico/acqua nel recupero di calore dai gas di scarico bistadio Temperatura gas di scarico/acqua con carico al 100 % Stadio I: preriscaldamento acqua di alimentazione Stadio II: preriscaldamento acqua aggiuntiva/acqua industriale Grafico 4: Bilancio termico di un generatore di vapore con tecnologia della condensazione Dispersione di calore 7 % Calore utile 8,5 % Gas di scarico 240/140 C Calore utile preriscaldatore acqua di alimentazione Calore utile caldaia 89,5 % 5,9 % Acqua di alimentazione 103/140 C Gas di scarico Acqua 140/50 C aggiuntiva 13/76 C 100 % potere calorifico H u Stadio I: preriscaldamento acqua di alimentazione Circuito riscaldamento acqua industriale 30/50 C Stadio II: condensatore % potere calorifico H o

7 Sfruttamento della condensazione 7 La Grafico 4 mostra il bilancio termico di un generatore di vapore ad alta pressione con scambiatore di calore dei gas di scarico integrato e condensatore dei gas di scarico per il preriscaldamento dell acqua industriale e dell acqua aggiunta in presenza di un elevato coefficiente di contemporaneità. Le uniche perdite di energia termica sono le perdite delle condutture e quelle per irraggiamento della caldaia, degli scambiatori di calore e delle condutture nonché la percentuale di condensa dei gas di scarico non utilizzabile per motivi fisici (dimensioni limitate delle superfici riscaldanti). Sistema di scarico dei gas in caso di sfruttamento della condensazione Tutti i dispositivi di scarico che vengono a contatto con gas di scarico condensati devono essere a tenuta di acqua e di gas ed essere costruiti con materiali resistenti alla corrosione. I componenti più soggetti a corrosione, quali il condensare e le condutture dei gas di scarico nonché le canne fumarie, vengono generalmente costruiti in acciaio inossidabile. Lo sfruttamento della condensazione determina temperature dei gas di scarico estremamente basse, fino a ca. 50 C. In questi casi il normale tiraggio della canna fumaria non è sufficiente a scaricare i gas mediante depressione. L impianto di scarico dei gas, compresa la canna fumaria, dovrebbe quindi essere a tenuta di gas ed essere predisposto per il funzionamento in sovrapressione sul lato di scarico in modo da consentire sezioni ridotte. Il bruciatore e il ventilatore dell aria di combustione devono essere in grado di superare tutti gli ostacoli fino alla canna fumaria. Ciò richiede una concertazione fra progettazione, verifica e coordinamento. Scarico e neutralizzazione della condensa Il condensatore e le condutture dei gas di scarico nonché la canna fumaria devono essere equipaggiati con adeguati dispositivi di scarico per l eliminazione della condensa. Le quantità teoriche di condensa sono riportate nella tabella 1. Le quantità effettive di condensa dipendono dal grado di condensazione e sono generalmente comprese fra 40 e 60 % della quantità teorica di condensa riportata nella tabella 1. La condensa derivante dalla combustione di gas naturale presenta un ph compreso fra 2,8 e 4,9 mentre il ph della condensa derivante dalla combustione di olio combustibile a basso tenore di zolfo si attesta fra 1,8 e 3,7 (per ph s intende il grado di acidità dei liquidi). Le temperature della condensa sono comprese fra 25 e 55 C. Per lo scarico nella fognatura è necessario rispettare le normative comunali vigenti. La Abwassertechnische Vereinigung (ATV - Associazione trattamento acque nere e rifiuti) ha pubblicato un documento che impone l utilizzo di una direttiva di neutralizzazione che garantisca un ph > 6 per focolari con sfruttamento della condensazione con una potenza termica a partire da 200 kw. L applicazione pratica di tale direttiva varia molto a seconda dei paesi e dei comuni. Al fine di garantire la neutralizzazione e conseguentemente l aumento del ph è possibile utilizzare filtri caricati con resine dolomitiche rinnovabili (granulato) per impianti di piccole dimensioni e serbatoi con dispositivi di dosaggio della soluzione di soda caustica (dispositivi di neutralizzazione dei liquidi) per impianti di grandi dimensioni. Figura 4: Schema a blocchi di una caldaia a vapore ad alta pressione con scambiatore di calore dei gas di scarico bistadio (economiser/condensatore dei gas di scarico) Modulo pompa di alimentazione Variante A Variante B Canna fumaria Condensatore gas di scarico Modulo service acqua Vapore Neutralizzazione condensato Economiser Moduli pompa verso l impianto di sfangamento ed espansione Caldaia a vapore Acqua aggiuntiva Acqua fredda

8 Calcolo di economicità Per calcolare il risparmio di combustibile e i tempi di ammortamento sarebbe necessario valutare ciascun caso utilizzando i metodi conosciuti. Valutazioni di massima non sono opportune. Nella valutazione degli investimenti per l acquisto di una caldaia ad acqua surriscaldata rispetto a quelli per l acquisto di una caldaia ad acqua surriscaldata con scambiatore di calore integrato è necessario tenere in considerazione i seguenti aspetti: Costo dello scambiatore di calore dei gas di scarico integrato in acciaio inossidabile, per bruciatori misti con bypass e dell allacciamento idraulico Costo della conduttura di scarico della condensa e della neutralizzazione a partire da 200 kw Eventualmente costo della conduttura di scarico dei gas in acciaio inossidabile, la canna fumaria viene generalmente costruita in acciaio inossidabile. Generalmente non sono previste spese supplementari per il focolare, l aumento degli ostacoli sul lato di scarico viene compensato dal minore flusso di gas di scarico derivante dal risparmio di combustibile. Tenendo in considerazione tutti questi aspetti l investimento supplementare per una caldaia ad acqua surriscaldata da 2,5 kw con condensatore dei gas di scarico integrato rispetto a una caldaia ad acqua surriscaldata tradizionale viene calcolato in ca ,- EUR canna fumaria esclusa. Calcolando un carico medio del 60 %, tali costi vengono ammortizzati dopo ca ore di funzionamento. Il calcolo si basa su un rendimento dell impianto superiore del 7,5 % e su un prezzo del gas naturale di 40 Cent/m³. Potenziale dello sfruttamento della condensazione Il settore della distribuzione di calore a corto raggio con allacciamento diretto di tutte le utenze offre un grande potenziale, finora inesplorato, per lo sfruttamento della condensazione. Un maggior numero di analisi sull economicità e studi di fattibilità sulla condensazione dei gas di scarico effettuati su sistemi esistenti di distribuzione di calore a corto raggio porterebbero spesso alla conclusione che la quantità di calore necessaria durante il periodo di riscaldamento potrebbe essere ottenuta anche a temperature inferiori. In molti casi sarebbe possibile sfruttare la condensazione. I fornitori di calore potrebbero essere più concorrenziali e, allo stesso tempo, salvaguardare l ambiente. In base alle attuali conoscenze, lo sfruttamento della condensazione è possibile anche con generatori di vapore ad alta pressione. La necessaria tecnologia è già disponibile ed è ben collaudata. Un applicazione più vasta a livello industriale sarebbe possibile se i progettisti analizzassero a fondo i consumatori di calore e dessero più spazio al riscaldamento graduale con circuiti a bassa temperatura. Nuovi concetti di riscaldamento permetterebbero lo sfruttamento della condensazione in vasti settori dell industria di produzione di vapore. I maggiori investimenti nell ambito degli impianti ad acqua surriscaldata e delle caldaie a vapore vengono finanziati dal ridotto consumo di combustibile. Anche l ambiente beneficia delle minori emissioni di sostanze nocive. La riduzione delle emissioni di CO 2 contribuisce a salvaguardare l ambiente. Impianti di produzione: Stabilimento di produzione 1 Gunzenhausen Bosch Industriekessel GmbH Nürnberger Straße Gunzenhausen Germania Stabilimento di produzione 2 Schlungenhof Bosch Industriekessel GmbH Ansbacher Straße Gunzenhausen Germania Stabilimento di produzione 3 Bischofshofen Bosch Industriekessel Austria GmbH Haldenweg Bischofshofen Austria Bosch Industriekessel GmbH Figure solo a titolo di esempio Con riserva di modifiche 07/2012 TT/SLI_it_FB-Brennwertnutzung_01

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

http://www.cabdileoncini.it/blog/caldaie-a-condensazione/ 17 aprile 2013

http://www.cabdileoncini.it/blog/caldaie-a-condensazione/ 17 aprile 2013 Le caldaie a condensazione sono caldaie in grado di ottenere rendimento termodinamico superiore al 100% del potere calorifico inferiore del combustibile utilizzato anziché sul potere calorifico superiore

Dettagli

LA CONDENSAZIONE LA CONDENSAZIONE CFP MANFREDINI ESTE (PD) Insegnante. Padovan Mirko 1

LA CONDENSAZIONE LA CONDENSAZIONE CFP MANFREDINI ESTE (PD) Insegnante. Padovan Mirko 1 POTERE CALORIFICO DEI COMBUSTIBILI Il potere calorifico è la quantità di calore prodotta dalla combustione completa di 1 m³ di combustibili gassosi. Generalmente i combustibili hanno un determinato quantitativo

Dettagli

CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1

CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1 CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1 Caldaia a condensazione 06/05/2008 2 Lo scambio termico è tale da raffreddare i fumi ben oltre il loro punto di rugiada (t = 55 C in eccesso

Dettagli

Caldaie a condensazione. Pro e contro. Vantaggi e possibilità tecniche d installazione. Ing. Marco VIEL Per. Ind. Alberto PORTA. ANACI - 17 marzo 2012

Caldaie a condensazione. Pro e contro. Vantaggi e possibilità tecniche d installazione. Ing. Marco VIEL Per. Ind. Alberto PORTA. ANACI - 17 marzo 2012 Caldaie a condensazione. Pro e contro. Vantaggi e possibilità tecniche d installazione. Ing. Marco VIEL Per. Ind. Alberto PORTA Impianto termico GENERAZIONE Gli impianti si suddividono in due grandi categorie:

Dettagli

Caldaie a gasolio/gas di media e grande potenza

Caldaie a gasolio/gas di media e grande potenza Caldaie a gasolio/gas di media e grande potenza Caldaia a condensazione a gas Vitocrossal 00 Vitocrossal 00 da 87 a 00 kw 6/7 VITOCROSSAL La consolidata tecnica della condensazione rende le caldaie della

Dettagli

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano

3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali. Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano 3 - Cogenerazione tecnologie disponibili, aspetti ambientali e gestionali Enrico Malusardi Professore a contratto, Politecnico di Milano PERCHE LA COGENERAZIONE? È la produzione combinata di calore e di

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono sia

Dettagli

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL &DOGDLHDFRQGHQVD]LRQH 'HVFUL]LRQHGHOODWHFQRORJLD Le caldaie sono il cuore degli impianti di riscaldamento dato che realizzano il processo di combustione da cui si ricava l energia termica necessaria per

Dettagli

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112

MASAJA - MASAJA INOX DESCRIZIONE PER CAPITOLATO DIMENSIONI MASAJA / MASAJA INOX 29 43 55 68 88 112 MASAJA - MASAJA INOX Le caldaie a legna MASAJA e MASAJA INOX possono essere alimentate con tronchetti di lunghezza massima, a seconda dei modelli, da 500 a 1.060 mm. Corpo caldaia costituito da due elementidi

Dettagli

Tecnologie innovative

Tecnologie innovative Tecnologie innovative Valvole termostatiche ed Impianto a condensazione Ing. Laurent SOCAL 23/06/2007 Ing. SOCAL - Impianti a condensazione 1 La valvola termostatica E una valvola la cui apertura è proporzionale

Dettagli

COLLEGAMENTI TUBI/CANALI

COLLEGAMENTI TUBI/CANALI CENTRALE TERMICA/ FRIGORIFERA COLLEGAMENTI TUBI/CANALI ELEMENTI TERMINALI La Centrale Termicasolitamente trova spazio in luoghi chiusi di edifici civili ed industriali. La progettazione deve scrupolosamente

Dettagli

Multi Heat - Solo Innova

Multi Heat - Solo Innova Multi Heat - Solo Innova Caldaie per biocombustibili ad alta efficienza Indice Caldaie a biocombustibile 3 Multi Heat 4 Solo Innova 6 Dati tecnici 8 Consumi-Aspetti Economici 10 2 Multi Heat - Solo Innova

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 230:1997 31/10/1997 Bruciatori monoblocco di olio combustibile a polverizzazione. Dispositivi di sicurezza, di comando e di regolazione. Tempi di sicurezza. UNI EN 247:2001 31/05/2001 Scambiatori

Dettagli

DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale

DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale DESCRIZIONE U.M. QT. Prezzo unitario Prezzo totale Caldaia a condensazione a basamento con corpo in acciaio, camera di combustione in acciaio inossidabile Hoval UltraGas. Superfici di scambio secondarie

Dettagli

INIZIATIVE ENIA NEL CAMPO DELL ENERGIA: IL TELERISCALDAMENTO

INIZIATIVE ENIA NEL CAMPO DELL ENERGIA: IL TELERISCALDAMENTO Convegno Risparmio Energetico e Uso di Fonti Rinnovabili in Edilizia Parma, 2 febbraio 2006 INIZIATIVE ENIA NEL CAMPO DELL ENERGIA: IL TELERISCALDAMENTO Sara Moretti IL TELERISCALDAMENTO: COS E Per teleriscaldamento

Dettagli

GENERATORI A CONDENSAZIONE PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO GAMMA RENDIMENTI INSTALLAZIONE APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE

GENERATORI A CONDENSAZIONE PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO GAMMA RENDIMENTI INSTALLAZIONE APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE GENERATORI A CONDENSAZIONE PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO GAMMA RENDIMENTI INSTALLAZIONE APPLICAZIONI IMPIANTISTICHE Le possibilità impiantistiche legate all utilizzo delle caldaie a condensazione OBIETTIVI

Dettagli

RAPPORTI DI CONTROLLO

RAPPORTI DI CONTROLLO RAPPORTI DI CONTROLLO Allegato II (Art.2) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 ( gruppitermici ) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 (gruppi termici)... Cognome... me...

Dettagli

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase Schema Sezione 1 La seconda fase, quella più "calda", dove i rifiuti vengono bruciati e, col calore ottenuto,

Dettagli

ThermoCondensor TC-AF Il ThermoCondensor alufer TC-AF è un recuperatore di calore indipendente adatto per il recupero di calore e la condensazione

ThermoCondensor TC-AF Il ThermoCondensor alufer TC-AF è un recuperatore di calore indipendente adatto per il recupero di calore e la condensazione Hoval Cosmo Lo sviluppo della caldaia Hoval Cosmo, oltre che far tesoro dell esperienza e competenza Hoval nel settore specifico delle caldaie in acciaio, risponde alle ultime richieste in termini di prestazioni

Dettagli

Prefazione...III. 2.2.6 Impianto idrico con o senza serbatoio di compenso...18 2.2.7 Macchine e attrezzature produttive di riserva...

Prefazione...III. 2.2.6 Impianto idrico con o senza serbatoio di compenso...18 2.2.7 Macchine e attrezzature produttive di riserva... Indice Prefazione...III CAPITOLO 1 GENERALITÀ SUGLI IMPIANTI MECCANICI DI SERVIZIO PER L INDUSTRIA 1.1 Contenuti e finalità...2 1.2 Definizione e classificazione degli impianti industriali...2 1.3 Definizione

Dettagli

ELIDENS DA 35 A 115 kw CALDAIE A GAS A CONDENSAZIONE

ELIDENS DA 35 A 115 kw CALDAIE A GAS A CONDENSAZIONE ELIDENS DA 35 A 115 kw CALDAIE A GAS A CONDENSAZIONE DTG 130 ECO.NOX PLUS DA 35 A 115 KW I l C o m f o r t D u r e v o l e Costruire una casa o uno stabile e arredarlo sono quelle decisioni che suscitano

Dettagli

VITODENS 100-E Caldaia murale a gas a condensazione per installazione ad incasso o a balcone da 7.9 a 26.0 kw

VITODENS 100-E Caldaia murale a gas a condensazione per installazione ad incasso o a balcone da 7.9 a 26.0 kw VITODENS 100-E Caldaia murale a gas a condensazione per installazione ad incasso o a balcone da 7.9 a 6.0 kw VITODENS 100-E Tipo AB1B Caldaia murale a gas a condensazione versione per installazione ad

Dettagli

PRIME NEW. Caldaie murali a gas a condensazione ideali per la sostituzione di caldaie convenzionali

PRIME NEW. Caldaie murali a gas a condensazione ideali per la sostituzione di caldaie convenzionali PRIME NEW Caldaie murali a gas a condensazione ideali per la sostituzione di caldaie convenzionali Ideale per la sostituzione di caldaie convenzionali La nuova gamma a condensazione Prime si articola in

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI TERMICI

EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI TERMICI EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI TERMICI L impianto a condensazione Laurent SOCAL 31/01/2011 Ing. SOCAL - Impianti a condensazione 1 La condensazione Nella caldaia, dopo la combustione si deve trasferire

Dettagli

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.)

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) 2 LA MISSION DI MENOENERGIA ORIGINE DI MENOENERGIA Menoenergia è una società controllata dal Gruppo

Dettagli

Caldaie in acciaio per bruciatore di gas/gasolio

Caldaie in acciaio per bruciatore di gas/gasolio Panoramica di sistema Caldaia Bruciatore Regolazione Varianti 4321/4322 Logano -120-190 - -300-420 -500-600 Caratteristiche e particolarità Campo Case plurifamiliari, condomini, edifici civili e industriali

Dettagli

Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici

Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici Una grande innovazione per l ambiente e il risparmio energetico per impianti industriali. Dalla rivoluzionaria tecnologia Thermo Recovery,

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI TELERISCALDAMENTO Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Caldaia a condensazione con sistema solare integrato PERFISOL HYBRID DUO

Caldaia a condensazione con sistema solare integrato PERFISOL HYBRID DUO Caldaia a condensazione con sistema solare integrato PERFISOL HYBRID DUO Caldaia a condensazione **** CE in acciaio inox 316 a basamento Con produzione ACS Solare Bruciatore modulante premiscelato Potenza

Dettagli

VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 9.0 a 35 kw

VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 9.0 a 35 kw VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 9.0 a 35 kw VITODENS 100-W Tipo WB1B Caldaia murale a gas a condensazione da 9.0 a 35.0 kw Per gas metano e gas liquido VTP 100-W WB1B 06/008 VTD

Dettagli

Termoregolazione e Contabilizzazione: opportunità incentivi risultati. 29 settembre 2012 Ing. Marco VIEL

Termoregolazione e Contabilizzazione: opportunità incentivi risultati. 29 settembre 2012 Ing. Marco VIEL Termoregolazione e Contabilizzazione: opportunità incentivi risultati. LE PRIME FORME DI INQUINAMENTO Si può dire che l inquinamento dell aria ad opera dell uomo risale alla scoperta del fuoco quando ha

Dettagli

ENERGiA. Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici

ENERGiA. Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici ENERGiA Sistema ECOLOGICO per il recupero di energia da generatori termici Una grande innovazione per l ambiente e il risparmio energetico per impianti industriali. ASB ENERGIA presenta I-TA: Industrial

Dettagli

Dimensionamento dei riscaldamenti a legna a carica manuale

Dimensionamento dei riscaldamenti a legna a carica manuale Dimensionamento dei riscaldamenti a legna a carica manuale www.pentaproject.ch Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed. AELSI - Associazione per l energia del legno della Svizzera

Dettagli

Essiccatori ad adsorbimento rigenerati a caldo

Essiccatori ad adsorbimento rigenerati a caldo Essiccatori ad adsorbimento rigenerati a caldo Soluzioni di sistemi innovativi Perché l aria compressa pulita e asciutta è importante In quasi tutti i settori dell industria l aria compressa è uno strumento

Dettagli

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE Gli oneri economici relativi al riscaldamento invernale e alla climatizzazione estiva di un edificio residenziale sono da considerarsi tra le componenti di spesa principali

Dettagli

Mynute Sinthesi Mynute Sinthesi

Mynute Sinthesi Mynute Sinthesi Mynute Sinthesi Mynute Sinthesi si presenta in una veste rinnovata, mantenendo inalterate tutte le caratteristiche che l hanno sempre contraddistinta. Mynute Sinthesi è l innovativa caldaia a condensazione

Dettagli

Gruppi energetici nella realizzazione sistemi Tiemme

Gruppi energetici nella realizzazione sistemi Tiemme COMPONENTI ENERGETICI NELLA STRUTTURAZIONE DEGLI IMPIANTI: 1.LE CALDAIE AD ALTA TEMPERATURA 2.LE CALDAIE A CONDENSAZIONE 3.LE POMPE DI CALORE 4.IL GEOTERMICO 5.I PANNELLI SOLARI 6.I SISTEMI A BIOMASSA

Dettagli

Lista di controllo per la messa in servizio

Lista di controllo per la messa in servizio Sempre al tuo fianco Lista di controllo per la messa in servizio Thesi R Condensing 45 kw - 65 kw Tecnico abilitato Sede dell impianto Tecnico del Servizio di Assistenza Clienti Nome Nome Nome Via/n.

Dettagli

Una gamma completa. di serie fino a -15 C (modelli AG).

Una gamma completa. di serie fino a -15 C (modelli AG). Meteo Meteo è una gamma completa di caldaie specifiche per esterni. Gli elevati contenuti tecnologici ne esaltano al massimo le caratteristiche specifiche: dimensioni, pannello comandi remoto di serie,

Dettagli

SUPER SIRIO Vip. Libretto istruzioni. Installatore Utente Tecnico. Caldaie a basamento con accumulo a camera aperta (tipo B) e tiraggio naturale

SUPER SIRIO Vip. Libretto istruzioni. Installatore Utente Tecnico. Caldaie a basamento con accumulo a camera aperta (tipo B) e tiraggio naturale SUPER SIRIO Vip Caldaie a basamento con accumulo a camera aperta (tipo B) e tiraggio naturale Libretto istruzioni Installatore Utente Tecnico 1. Pompa di circolazione. Le caldaie serie Super Sirio Vip

Dettagli

Energie RINNOVABILI Gruppi Termici Ibridi

Energie RINNOVABILI Gruppi Termici Ibridi MADE IN ITALY Energie RINNOVABILI Gruppi Termici Ibridi solare termico SOLARdens aerotermico pompe di calore HPdens SOLARfryo geotermico GEOsolar UN REFERENTE E TANTE SOLUZIONI INTEGRATE PER LE ENERGIE

Dettagli

IL COLLEGAMENTO IDRAULICO RACCOMANDAZIONI ED ESEMPI DI IMPIANTO

IL COLLEGAMENTO IDRAULICO RACCOMANDAZIONI ED ESEMPI DI IMPIANTO IL COLLEGAMENTO IDRAULICO RACCOMANDAZIONI ED ESEMPI DI IMPIANTO RACCOMANDAZIONI E consigliabile applicare schemi semplici e di provata efficacia e dotare il sistema di elementi utili a verificare il buon

Dettagli

SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE

SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE I VANTAGGI DELL IMPIANTO CENTRALIZZATO E DELL IMPIANTO AUTONOMO IN UN UNICA SOLUZIONE SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE Lo scenario energetico sta cambiando rapidamente; le direttive

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it SISTEMI DI GENERAZIONE Tipologie più diffuse o in sviluppo Generatori a combustione Caldaie

Dettagli

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP Caldaie in acciaio per la produzione di acqua calda ad inversione di fumi, funzionanti a scarti di legno, trucioli, pelet, segatura, cippati, bricchetti, gasolio,

Dettagli

ristrutturazione centrali termiche comunali dei comuni di Trezzo d Adda (MI), Vaprio d Adda (MI), Pozzo d Adda (MI), Grezzago (MI) PROGETTO:

ristrutturazione centrali termiche comunali dei comuni di Trezzo d Adda (MI), Vaprio d Adda (MI), Pozzo d Adda (MI), Grezzago (MI) PROGETTO: Studio di consulenza, ingegneria, progettazione e certificazione ING s.r.l. Via G. D'Alzano, 10-24122 Bergamo Tel. 035.215736 - F ax 035.3831266 info@ingsrl.it - www.ingsrl.it P.IVA. 03124050166 PROGETTO:

Dettagli

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Ph.D. Ing. Michele Damiano Vivacqua responsabilità Codice civile art. 2050 Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un'attività pericolosa,

Dettagli

VIESMANN. Foglio dati tecnici. VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 6.5 a 35 kw. VITODENS 100-W modello WB1C

VIESMANN. Foglio dati tecnici. VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 6.5 a 35 kw. VITODENS 100-W modello WB1C VIESMANN VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 6.5 a 35 kw Foglio dati tecnici Articoli e prezzi: vedi listino prezzi VITODENS 100-W modello WB1C Caldaia murale a gas a condensazione con

Dettagli

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere IMPIANTI TERMICI Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere Secondo lutenza da servire gli impianti di riscaldamento si dividono in: IMPIANTI

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 215-1:1990 31/03/1990 Valvole termostatiche per radiatori. Requisiti e metodi di prova. UNI EN 255-1:1998 31/10/1998 Condizionatori, refrigeratori di liquido e pompe di calore con compressore elettrico

Dettagli

FUTURIA SOLAR 180/25 (M) (cod. 00918170)

FUTURIA SOLAR 180/25 (M) (cod. 00918170) FUTURIA SOLAR 180/25 (M) (cod. 00918170) Caldaia a condensazione, a camera stagna ad altissimo rendimento adatta per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria in abbinamento ad un sistema

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete Canne fumarie in acciaio Inox Canne fumarie Flessibili Doppia Parete CARATTERISTICHE TECNICHE Diametri interni: da 80 a 400 mm Materiale tubo: 2 Pareti di acciaio

Dettagli

Varjet VARJET: LA MIA PROPOSTA DI CONDENSAZIONE A GASOLIO

Varjet VARJET: LA MIA PROPOSTA DI CONDENSAZIONE A GASOLIO VARJET: LA MIA PROPOSTA DI CONDENSAZIONE A GASOLIO Giacomo Installatore Varjet Caldaia in acciaio monoblocco da equipaggiare con bruciatore gasolio o gas Potenza da 70 kw a 580 kw www.ygnis.it L evoluzione

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 215-1:1990 31/03/90 Valvole termostatiche per radiatori. Requisiti e metodi di prova. UNI EN 255-1:1998 31/10/98 Condizionatori, refrigeratori di liquido e pompe di calore con compressore elettrico

Dettagli

SOLARE TERMICO. Solare termico prospettive Nuova legislazione:d.lgs 311. Detrazioni fiscali 2007 e succ. modifiche. Impianti solari.

SOLARE TERMICO. Solare termico prospettive Nuova legislazione:d.lgs 311. Detrazioni fiscali 2007 e succ. modifiche. Impianti solari. SOLARE TERMICO Solare termico prospettive Nuova legislazione:d.lgs 311 Detrazioni fiscali 2007 e succ. modifiche Impianti solari Offerta V Via Kennedy, 7 25028 Verolanuova(BS) Tel. +39 030 931167 Fax 030

Dettagli

Condensazione e premiscelazione con ARENA

Condensazione e premiscelazione con ARENA Condensazione e premiscelazione con ARENA La tecnologia imita la natura 2 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DELLA CONDENSAZIONE Nel loro processo di combustione (tabella 1) tutti i combustibili contenenti idrogeno

Dettagli

PROGETTAZIONE, SVILUPPO E COSTRUZIONE EUROPEA BLOCCO SOLARE ACQUA CALDA SANITARIA RISCALDAMENTO CENTRALE RISCALDAMENTO PISCINE

PROGETTAZIONE, SVILUPPO E COSTRUZIONE EUROPEA BLOCCO SOLARE ACQUA CALDA SANITARIA RISCALDAMENTO CENTRALE RISCALDAMENTO PISCINE PROGETTAZIONE, SVILUPPO E COSTRUZIONE EUROPEA BLOCCO SOLARE ACQUA CALDA SANITARIA RISCALDAMENTO CENTRALE RISCALDAMENTO PISCINE ECONOMIA COMFORT ECOLOGIA EFFICIENZA GARANTITA DI GIORNO E DI NOTTE, CON IL

Dettagli

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Progettazioni e Consulenze Termotecniche Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Presentazione in Milano - 19 novembre 2010 Per garantire il confort indoor negli Edifici Evoluti Bertelli gli impianti

Dettagli

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL centopercento Made in Italy 1 Dati Tecnici Installazione, uso e manutenzione della caldaia combinata nella quale è possibile bruciare gasolio, gas

Dettagli

Ispezioni per l efficienza energetica. Franco De Col, ispettore impianti termici

Ispezioni per l efficienza energetica. Franco De Col, ispettore impianti termici Ispezioni per l efficienza energetica Franco De Col, ispettore impianti termici Incontri Provincia di Belluno 1. Tipi di rendimento e tipi di caldaia 2. La 10389-1:2009 e la 10389-2 3. Novità della 10389-1:2009

Dettagli

Impianti di riscaldamento convenzionali

Impianti di riscaldamento convenzionali Impianti di riscaldamento convenzionali convenzionale Impianti di riscaldamento Schema di un impianto con caldaia Combustibile Generazione regolazione emissione Carichi termici Distribuzione Impianti di

Dettagli

Un marchio di eccellenza

Un marchio di eccellenza www.froeling.com Un marchio di eccellenza Froling si occupa da quasi cinquant anni dell utilizzo efficiente del legno come fonte di energia. Oggi il marchio Froling è sinonimo di moderna tecnica per il

Dettagli

I generatori di calore

I generatori di calore Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl I generatori di calore Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Generatore di calore: macchina comprendente le

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Scuola Elementare F.lli Rossetti Via San Zeno PROGETTO ESECUTIVO SOSTITUZIONE GENERATORE TERMICO

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Scuola Elementare F.lli Rossetti Via San Zeno PROGETTO ESECUTIVO SOSTITUZIONE GENERATORE TERMICO Ing. Paolo Silveri Via Valle Bresciana, 10 25127 Brescia Tel. 347.9932215 silveri.progea@gmail.com COMUNE di ODOLO Provincia di Brescia RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Scuola Elementare F.lli Rossetti Via

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 26:1999 31/07/1999 Apparecchi a gas per la produzione istantanea di acqua calda per uso sanitario equipaggiati con bruciatore atmosferico UNI EN 88:1993/A1:1997 30/11/1997 Regolatori di pressione

Dettagli

GREENOx BT A BASSA TEMPERATURA DUAL BT A BASSA TEMPERATURA CON MODULI AFFIANCATI. GREENOx BT COND A BASSA TEMPERATURA CON CONDENSATORE

GREENOx BT A BASSA TEMPERATURA DUAL BT A BASSA TEMPERATURA CON MODULI AFFIANCATI. GREENOx BT COND A BASSA TEMPERATURA CON CONDENSATORE MANUALE TECNICO GREENOx BT A BASSA TEMPERATURA DUAL BT A BASSA TEMPERATURA CON MODULI AFFIANCATI GREENOx BT COND A BASSA TEMPERATURA CON CONDENSATORE GREENOx/GREENOx.e/K A TRE GIRI DI FUMO DUAL GRX/DUAL

Dettagli

Informazioni Prodotto

Informazioni Prodotto Energia. Calore. Innovazione. Informazioni Prodotto www.a-tron.de Informazioni generali Il VARMECO NOVA-TRON basato sul principio tecnico della cogenerazione, viene utilizzato per sistemi che necessitano

Dettagli

Futura Soluzione per il Riscaldamento Domestico. Da aria in acqua

Futura Soluzione per il Riscaldamento Domestico. Da aria in acqua Futura Soluzione per il Domestico Da aria in acqua TIPO SPLIT Modello Elevata potenza WSHK160DA9 NUOVO TIPO SPLIT Modello Confort WSHA050DA WSHA065DA WSHA080DA WSHA095DA WSHA128DA WSHA5DA WOHK112LAT NUOVO

Dettagli

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI.

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI. WORKSHOP I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI 31 Maggio 2005 Centro Congressi SGR Via Chiabrera 34/B Produzione e recupero

Dettagli

perfisol hybrid duo CAldAiA A basamento A CoNdeNsAZioNe CoN ACs solare integrato ComBinazione Caldaia + Solare

perfisol hybrid duo CAldAiA A basamento A CoNdeNsAZioNe CoN ACs solare integrato ComBinazione Caldaia + Solare perfisol hybrid duo CAldAiA A basamento A CoNdeNsAZioNe CoN ACs solare integrato ComBinazione Caldaia + Solare SolUzione «TUTTo integrato» Per nuovo o ristrutturazione perfisol hybrid duo LA PERFETTA UNIONE

Dettagli

Caldaie a legna ad alta efficienza. Solo Innova

Caldaie a legna ad alta efficienza. Solo Innova Caldaie a legna ad alta efficienza Solo Innova Caldaie a legna L ampia proposta di prodotto Baxi, accoglie un articolata scelta di caldaie a legna per il comfort ed il riscaldamento domestico. Baxi infatti

Dettagli

Workshop Edifici. Alessandro Fontana ANIMA Assotermica. Logo associazione nello schema

Workshop Edifici. Alessandro Fontana ANIMA Assotermica. Logo associazione nello schema Workshop Edifici Soluzioni di tecnologia integrata per il risparmio energetico: applicazioni reali della condensazione per riscaldamento e produzione acqua calda sanitaria Alessandro Fontana ANIMA Assotermica

Dettagli

Pompa di Calore ad Alta Temperatura

Pompa di Calore ad Alta Temperatura Pompa di Calore ad Alta Temperatura POMPA DI CALORE TRADIZIONALE Pompa di calore In natura il calore passa sempre da un corpo caldo a uno freddo. La pompa di calore rende possibile il processo contrario:

Dettagli

Caldaie a condensazione murali e a basamento. Il meglio a portata di mano

Caldaie a condensazione murali e a basamento. Il meglio a portata di mano Caldaie a condensazione murali e a basamento Il meglio a portata di mano Un marchio storicamente sinonimo di qualità Idrosistemi da anni distribuisce le caldaie a condensazione della serie ProCon, che

Dettagli

Hai già pensato alla soluzione migliore per il benessere in ambiente?

Hai già pensato alla soluzione migliore per il benessere in ambiente? Hai già pensato alla soluzione migliore per il benessere in ambiente? 1 Hai già pensato alla soluzione migliore per il benessere in ambiente? Preferisci rivolgerti a tanti interlocutori o avere un unica

Dettagli

LE CANNE FUMARIE. Normative di riferimento per una corretta. realizzazione e manutenzione dei sistemi. fumari al servizio di caldaie a Biomassa

LE CANNE FUMARIE. Normative di riferimento per una corretta. realizzazione e manutenzione dei sistemi. fumari al servizio di caldaie a Biomassa ETA Info... il mio sistema di riscaldamento LE CANNE FUMARIE Normative di riferimento per una corretta realizzazione e manutenzione dei sistemi fumari al servizio di caldaie a Biomassa La passione per

Dettagli

turboinwall Caldaie murali a gas ad alto rendimento per riscaldamento e produzione di acqua calda. Per installazioni a incasso.

turboinwall Caldaie murali a gas ad alto rendimento per riscaldamento e produzione di acqua calda. Per installazioni a incasso. turboinwall Caldaie murali a gas ad alto rendimento per riscaldamento e produzione di acqua calda. Per installazioni a incasso. turboinwall turboinwall Il calore... a scomparsa La tecnologia arriva in

Dettagli

Caldaie a pellet. maxima14-24. con sistema

Caldaie a pellet. maxima14-24. con sistema Caldaie a pellet maxima14-24 con sistema LUNGA AUTONOMIA ANCHE DI MESI MAXIMA Innovativo sistema brevettato di pulizia del crogiolo LA CALDAIA A PELLET TECNO 1 NOVITÀ assoluta 2 Sistema automatico di pulizia

Dettagli

Mynute Green Caldaie Murali Condensing

Mynute Green Caldaie Murali Condensing RENDIMENTO secondo Direttiva Europea CEE / è una caldaia a condensazione ideale per impianti a bassa temperatura. Rendimento secondo Direttiva Europea CEE /. La certificazione RANGE RATED permette di regolare,

Dettagli

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE?

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? La pompa di calore è costituita da un circuito chiuso, percorso da uno speciale

Dettagli

CASE CON SISTEMI INNOVATIVI COMPARATIVA IMPIANTI RISCALDAMENTO

CASE CON SISTEMI INNOVATIVI COMPARATIVA IMPIANTI RISCALDAMENTO CASE CON SISTEMI INNOVATIVI COMPARATIVA IMPIANTI RISCALDAMENTO PREMESSA Con la presente relazione si intende fare una analisi comparativa fra alcuni dei sistemi di Riscaldamento utilizzati per la costruzione

Dettagli

REX REX KAPPA REX DUAL. Caldaie ad Alto Rendimento

REX REX KAPPA REX DUAL. Caldaie ad Alto Rendimento L i n e a A c c i a i o KAPPA DUAL Caldaie ad Alto Rendimento Generatori di acqua calda ad alto rendimento, con focolare ad inversione di fiaa. Funzionamento con combustibili sia liquidi che gassosi. a

Dettagli

Caldaia a condensazione a gas UltraGas

Caldaia a condensazione a gas UltraGas Caldaia a condensazione a gas UltraGas Tecnologia a condensazione a gas con scambiatore alufer Ad alta efficienza, a basse emissioni e di facile manutenzione. 1 UltraGas (15-90) e (125-2000D). I punti

Dettagli

BESST C.O.P. ~ 4,6 SERIE PECULIARITÀ. - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. con gas refrigerante ecologico R410A

BESST C.O.P. ~ 4,6 SERIE PECULIARITÀ. - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. con gas refrigerante ecologico R410A PECULIARITÀ - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. - Gas refrigerante ecologico R410A. - Rendimento C.O.P. 4,6. - Frequenza ridotta dei cicli di sbrinamento. - Regolazione automatica della velocità

Dettagli

Comune di Canazei TELERISCALDAMENTO

Comune di Canazei TELERISCALDAMENTO Comune di Canazei TELERISCALDAMENTO C A N A Z E I Perché il teleriscaldamento a Canazei? Il progetto ha una notevole valenza per la comunità e gli utenti che la compongono, sia in termini economici che

Dettagli

Sixmadun SK: la caldaia a gasolio a condensazione per risanamenti e nuove costruzioni

Sixmadun SK: la caldaia a gasolio a condensazione per risanamenti e nuove costruzioni Sixmadun SK: la caldaia a gasolio a condensazione per risanamenti e nuove costruzioni Tecnica della condensazione totale per risanamenti e nuove costruzioni Condensazione garantita anche con elevate temperature

Dettagli

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca Bologna, 15 maggio 2006 Hera Bologna s.r.l. 1 COGEN OSPEDALE MAGGIORE RIVA CALZONI BARCA BECCACCINO 2 La rete 3 Le condotte Posa tubazioni

Dettagli

menoenergia LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE

menoenergia LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE LE ENERGIE RINNOVABILI DEFINITE DAL DLgS 28/3/2011 menoenergia MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA NELLE PISCINE BUSINESS CASE 1 LE COSA LE ENERGIE RICHIESTE E UNA COSA RINNOVABILI POMPA DI E RINNOVABILE

Dettagli

Murali Doppio Scambiatore da interno, da esterno e da incasso NOVITÁ STYLE - 24 A / 24 S. Rendimento. secondo Direttiva Europea CEE 92/42 (modelli S)

Murali Doppio Scambiatore da interno, da esterno e da incasso NOVITÁ STYLE - 24 A / 24 S. Rendimento. secondo Direttiva Europea CEE 92/42 (modelli S) Murali Doppio Scambiatore da interno, da esterno e da incasso NOVITÁ STYLE 24 A / 24 S Rendimento secondo Direttiva Europea CEE 92/42 (modelli S) AFFIDABILE E VERSATILE STYLE 24 A Caldaia murale combinata

Dettagli

Hybrid Technology by Solar Ter. Eccellenza nei sistemi tecnologici per l edilizia

Hybrid Technology by Solar Ter. Eccellenza nei sistemi tecnologici per l edilizia Hybrid Technology by Solar Ter Eccellenza nei sistemi tecnologici per l edilizia 1 Edilizia «4» passaggi per la nuova costruzione o ristrutturazione Isolamento: primo importante intervento per ridurre

Dettagli

Circolazione dell acqua calda un problema?

Circolazione dell acqua calda un problema? TIPPS Consigli per la pratica Domotec SA Aarburg Edizione 16.17 03/2009 dell acqua calda un problema? Immaginatevi di aver ricevuto l incarico di risanare l impianto di riscaldamento e di approvvigionamento

Dettagli

VITOPEND 100-W Caldaia murale a gas tradizionale ad elevato comfort sanitario con produzione d acqua calda integrata da 10.

VITOPEND 100-W Caldaia murale a gas tradizionale ad elevato comfort sanitario con produzione d acqua calda integrata da 10. VITOPEND 00W Caldaia murale a gas tradizionale ad elevato comfort sanitario con produzione d acqua calda integrata da 0.5 a 3 VITOPEND 00W Tipo WHKB Caldaia murale a gas ad elevato comfort sanitario nella

Dettagli

RECUPERATORI DI CALORE PER ACQUA CALDA SANITARIA O ALTRI USI IN ACCIAIO INOX

RECUPERATORI DI CALORE PER ACQUA CALDA SANITARIA O ALTRI USI IN ACCIAIO INOX RECUPERATORI DI CALORE PER ACQUA CALDA SANITARIA O ALTRI USI IN ACCIAIO INOX Serie mod. da ø a ø MODELLI DISPONIBILI SOLO IN VERSIONE TRM u u u u SIGNIFICATO DELLE SIGLE IDENTIFICATIVE Recuperatore acqua

Dettagli

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA CHE COS È IL TELERISCALDAMENTO Gruppo Società Gas Rimini - SGR Servizi S.p.A. 47924 Rimini Via Chiabrera 34 b Tel. 0541 303030 Fax 0541 380344 e-mail

Dettagli

Varial. varial: la semplicità della versatilità

Varial. varial: la semplicità della versatilità varial: la semplicità della versatilità Fernando Installatore Varial Caldaia a condensazione murale con scambiatore in alluminio Bruciatore modulante premiscelato da 35 a 150 kw www.ygnis.it L evoluzione

Dettagli

Copcal KDS-FW5. essiccatoio per legna da ardere

Copcal KDS-FW5. essiccatoio per legna da ardere Copcal KDS-FW5 essiccatoio per legna da ardere Copcal KDS-FW5 Legna da ardere secca e di alta qualità La legna da ardere è un ottimo combustibile sempre più richiesto per il riscaldamento di abitazioni

Dettagli