Statuto - Caritas Diocesana di Firenze 2

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Statuto - Caritas Diocesana di Firenze 2"

Transcript

1 STATUTO

2 Statuto - Caritas Diocesana di Firenze 2 ART. 1: NATURA La Caritas Diocesana dell Arcidiocesi é l'organismo pastorale istituito dal Vescovo al fine di promuovere e favorire l attuazione del precetto evangelico dell amore nella Chiesa locale e nelle comunità minori, specie parrocchiali. Per la sua prevalente funzione pedagogica nell annunzio della carità, cercherà forme consone ai tempi e alle necessità, con particolare attenzione alle persone e alle comunità in situazioni di difficoltà e di singolare bisogno, per lo sviluppo integrale dell uomo e con riferimento ai temi della giustizia sociale e della pace nel mondo. La Caritas Diocesana è lo strumento ufficiale per la promozione e il coordinamento delle iniziative caritative e assistenziali nella Chiesa locale. La Caritas Diocesana dell Arcidiocesi di Firenze è persona giuridica pubblica nell Ordinamento Canonico; ha la sua Sede presso la Curia Arcivescovile, P.zza S. Giovanni 3, accanto agli altri uffici pastorali. ART. 2: FINALITÀ SPECIFICHE Alla Caritas Diocesana vengono affidati i seguenti compiti: a) richiamare incessantemente la comunità cristiana alla propria identità di Chiesa che ha la carità come dimensione permanente del suo essere e agire; b) curare e sostenere in modo sistematico la formazione degli animatori della Pastorale della carità; c) promuovere e sostenere le Caritas parrocchiali; d) curare il coordinamento delle iniziative e delle opere caritative assistenziali di ispirazione cristiana; e) promuovere nella Diocesi, nelle parrocchie e nei gruppi l animazione del senso della carità verso chiunque si trovi in situazione di difficoltà, aiutando a tradurlo in gesti concreti con carattere promozionale e preventivo f) organizzare in collaborazione con la Caritas Italiana e coordinare a livello diocesano interventi di emergenza in caso di pubbliche calamità. g) in collaborazione con altri organismi di ispirazione cristiana: realizzare studi e ricerche sui bisogni presenti nella comunità diocesana per aiutare a scoprirne le cause, per preparare piani di intervento sia curativo che preventivo, nel quadro della programmazione pastorale unitaria, e per stimolare l azione delle istituzioni civili e un adeguata legislazione; promuovere il volontariato familiare e di gruppo e favorire la formazione degli operatori pastorali della carità e del personale di ispirazione cristiana sia professionale che volontario impegnato nei servizi sociali, sia pubblici che privati, e nelle attività di promozione umana; contribuire allo sviluppo umano e sociale dei paesi in via di sviluppo, in collaborazione con l Ufficio Missionario, con la sensibilizzazione dell opinione pubblica, con prestazione di servizi, con aiuti economici, anche coordinando le iniziative dei vari gruppi e movimenti di i- spirazione cristiana; h) diffondere e sostenere la proposta del servizio civile e dell Anno di Volontariato Sociale;

3 Statuto - Caritas Diocesana di Firenze 3 ART. 3: COLLABORAZIONI PASTORALI La Caritas Diocesana, di cui il Vescovo è il naturale presidente, agisce in stretta unione con l ufficio Catechistico e con l Ufficio Liturgico, per la formulazione dei programmi di pastorale unitaria. Collabora inoltre con gli altri Uffici Pastorali, specialmente con quello Missionario. Il Direttore della Caritas Diocesana fa parte del Consiglio Pastorale. ART. 4: ORGANI DELLA CARITAS DIOCESANA Organi della Caritas Diocesana sono: il Presidente, che è sempre il Vescovo il Direttore la Giunta Direttiva il Consiglio Direttivo la Consulta ART. 5: IL DIRETTORE Il Direttore, nominato dal Vescovo, dirige l attività ordinaria della Caritas a norma dello Statuto. E- gli: a) Rappresenta la Caritas Diocesana; b) Convoca e presiede le riunioni del Consiglio Direttivo; c) Promuove e coordina tutta l attività con la collaborazione della Giunta Direttiva ART. 6: LA GIUNTA DIRETTIVA Il Direttore può essere coadiuvato, a seconda della situazione, da uno o più vicedirettori, da un tesoriere e dai responsabili di settore (Obiettori di coscienza - A.V.S. - Animazione - Associazione Solidarietà Caritas) proposti dallo stesso Direttore e poi approvati dal Vescovo; questi costituiscono la Giunta Direttiva della Caritas Diocesana, di cui fa parte anche il delegato arcivescovile per le opere caritative e assistenziali. ART. 7: IL CONSIGLIO DIRETTIVO Il Consiglio Direttivo, oltre ai membri della Giunta Direttiva, è costituito: da un sacerdote designato dal Consiglio Presbiterale da un religioso e da una religiosa designati dagli Organi Diocesani dell'u.s.m.i. e del C.I.S.M. da un rappresentante designato da ogni Vicariato; da un rappresentante designato dalla Consulta delle Aggregazioni Laicali; da un rappresentante dell Ufficio Catechistico, uno dell Ufficio Liturgico, uno dell Ufficio Missionario; da un delegato dei Diaconi; Le persone designate devono essere dotate di particolare sensibilità, competenza ed esperienza caritativa.

4 Statuto - Caritas Diocesana di Firenze 4 ART.7 BIS: COMPITI DEL CONSIGLIO DIRETTIVO Il Consiglio Direttivo ha i seguenti compiti: a) approvare i programmi di attività e verificarne l attuazione, b) approvare i rendiconti; c) esaminare e approvare le nuove iniziative di carità che la Caritas intende promuovere; d) verificare la validità pastorale delle opere già esistenti collegate con la Caritas Diocesana; e) convocare, d'intesa col delegato arcivescovile per le opere sociali e caritative, due volte l anno la Consulta delle Associazioni di Volontariato Il Consiglio Direttivo si riunisce almeno una volta ogni tre mesi. ART. 8: LA CONSULTA DELLE OPERE CARITATIVE ASSISTENZIALI La Consulta è costituita dai rappresentanti di tutti gli organismi di volontariato di ispirazione cristiana e delle istituzioni assistenziali e caritative della Diocesi. Essa è l organismo, attraverso il quale la Caritas Diocesana: a) persegue il compito di coordinare le iniziative di volontariato e delle opere caritative assistenziali; b) facilita la formazione e l aggiornamento degli operatori e dei volontari; c) collabora al perfezionamento e all aggiornamento delle istituzioni. La Consulta viene convocata dalla Caritas diocesana d intesa col delegato arcivescovile per le opere sociali e caritative due volte l anno. ART. 9: LA CARITAS NON GESTISCE OPERE PERMANENTI La Caritas Diocesana non gestisce, normalmente, opere permanenti, ma può promuovere l istituzione, lasciandone appena possibile la gestione ad apposite strutture ecclesiali, con propria responsabilità amministrativa, collegate con le Caritas Diocesane (per es. attraverso la presenza del responsabile nel Consiglio Direttivo): la Caritas svolge funzioni di vigilanza e di controllo su queste opere e dà ad esse il suo sostegno affinché siano significative ed esemplari. ART. 10: MEZZI ECONOMICI La Caritas Diocesana trae i mezzi economici per il raggiungimento dei fini statutari: a) dalle offerte raccolte nelle forme che risulteranno più opportune; b) dalle raccolte straordinarie in occasione di pubbliche calamità; c) da eventuali donazioni ed oblazioni di enti e persone. Sarà reso conto pubblicamente del denaro ricevuto e del suo impiego. La Caritas Diocesana ha una sua cassa e un bilancio distinto da quello degli altri Uffici Diocesani. In conformità al can par.3 del Codice di Diritto Canonico, le offerte ricevute per un determinato fine non possono essere impiegate che a quel fine. La Caritas tuttavia costituisce un limitato fondo di riserva con le offerte ad essa affidate, per interventi in casi di particolare emergenza.

5 Statuto - Caritas Diocesana di Firenze 5 ART. 11. RAPPORTI CON LA CARITAS ITALIANA La Caritas Diocesana è organismo pastorale, espressione originale della Chiesa locale. Essa, subordinatamente agli indirizzi e ai programmi pastorali della Diocesi, opera in armonia con gli indirizzi generali della Caritas Italiana e in spirito di comunione e di collaborazione con le altre Caritas Diocesane. Gli interventi di emergenza nazionale e internazionale sono coordinati dalla Caritas Italiana. ART. 12: RAPPORTO CON LE ISTITUZIONI CIVILI DEL TERRITORIO La Caritas Diocesana mantiene rapporti con tutte le strutture civili preposte ad attività assistenziali, in atteggiamento di collaborazione e di servizio. ART. 13: RAPPORTI CON IL DELEGATO REGIONALE Il Direttore della Caritas Diocesana: partecipa alle riunioni indette dal Delegato Regionale; tiene i collegamenti e collabora con il Delegato Regionale e con le Caritas Diocesane della Regione, per la realizzazione delle delibere e degli indirizzi della Conferenza Episcopale Regionale, con particolare attenzione ai problemi del territorio. ART. 14: DURATA DELLE CARICHE Tutte le cariche hanno durata di un quinquennio e possono essere riconfermate. ART. 15 ESTINZIONE DELLA CARITAS L'estinzione della Caritas Diocesana potrà essere deliberata dal Vescovo, il quale disporrà anche per la devoluzione dei beni ad attività assistenziali diocesane. ART. 16 Per quanto non previsto dal presente Statuto si applicano le norme di diritto canonico universale e particolare.

6 Statuto - Caritas Diocesana di Firenze 6 Appendice LA CARITAS PARROCCHIALE La Caritas Parrocchiale è l organo pastorale che ha il compito di coinvolgere la comunità parrocchiale, affinché realizzi la testimonianza della carità sia al suo interno, sia nel territorio in cui è inserita. Il Presidente naturale della Caritas è il Parroco. Essa è costituita da una commissione, che è espressione del Consiglio Pastorale. 1) La Caritas Parrocchiale stimola la Comunità. a) ad approfondire i fondamenti evangelici della diaconia della carità, attraverso una Catechesi Permanente b) a conoscere ed esaminare i bisogni ovunque emergenti e a sviluppare testimonianze coerenti di carità; c) a coordinare le diverse espressioni caritative della parrocchia (associazioni, gruppi, ecc.) senza sostituirsi ad essi; 2) Inoltre la Caritas Parrocchiale a) aiuta la comunità a crescere nel senso della giustizia e della pace, ad aprirsi ai problemi del Terzo Mondo; b) opera in stretto collegamento con il Consiglio Pastorale Parrocchiale; c) opera in armonia di indirizzi e in stretta collaborazione con la Caritas Diocesana.

CARITAS AMBROSIANA E ORGANISMI COLLEGATI

CARITAS AMBROSIANA E ORGANISMI COLLEGATI CARITAS AMBROSIANA E ORGANISMI COLLEGATI La Caritas Ambrosiana, Ufficio all interno del Settore per la Missione e la Carità che opera nel quadro delle linee pastorali indicate dal Capitolo 4 del Sinodo

Dettagli

Cosa pensi se dico caritas?

Cosa pensi se dico caritas? La Cosa pensi se dico caritas? Deus Caritas est L amore per il prossimo, radicato nell amore di Dio è anzitutto un compito per ogni singolo fedele, ma è anche un compito per l intera comunità ecclesiale

Dettagli

b.) curare il coordinamento delle iniziative e delle opere caritative e assistenziali di ispirazione cristiana;

b.) curare il coordinamento delle iniziative e delle opere caritative e assistenziali di ispirazione cristiana; STATUTO DI CARITAS ITALIANA "Al di sopra dell'aspetto puramente materiale della vostra attività, deve emergere la sua prevalente funzione pedagogica" (Paolo VI alla Caritas Italiana, 28.9.1972) 1 Articolo

Dettagli

Statuto della Caritas Italiana

Statuto della Caritas Italiana Statuto della Caritas Italiana Lo Statuto della Caritas Italiana, approvato dal Consiglio Episcopale Permanente della Conferenza Episcopale Italiana nella sessione del 10-13 marzo 1986 (cfr. Notiziario

Dettagli

Arcidiocesi di Palermo Caritas Diocesana

Arcidiocesi di Palermo Caritas Diocesana Arcidiocesi di Palermo Caritas Diocesana STATUTO Al di sopra dell aspetto puramente materiale della vostra attività, deve emergere la sua prevalente funzione pedagogica (Paolo VI alla Caritas Italiana,

Dettagli

STATUTO DELLA CARITAS DIOCESANA E DELLE CARITAS PARROCCHIALI

STATUTO DELLA CARITAS DIOCESANA E DELLE CARITAS PARROCCHIALI STATUTO DELLA CARITAS DIOCESANA E DELLE CARITAS PARROCCHIALI ALBANO LAZIALE ANNO 2007 STATUTO DELLA CARITAS DIOCESANA 2 Articolo 1. Natura La Caritas diocesana è l organismo pastorale istituito dal Vescovo

Dettagli

ANGELO SCOLA CARDINALE DI SANTA ROMANA CHIESA ARCIVESCOVO DI MILANO

ANGELO SCOLA CARDINALE DI SANTA ROMANA CHIESA ARCIVESCOVO DI MILANO STATUTO ANGELO SCOLA CARDINALE DI SANTA ROMANA CHIESA ARCIVESCOVO DI MILANO Prot. Gen. n. 2053 Oggetto: Decreto modifica Statuto Movimento Terza Età Il Movimento Terza Età, sorto nel 1972 in stretto contatto

Dettagli

DIOCESI DI LIVORNO STATUTO CONSULTA DIOCESANA AGGREGAZIONI LAICALI

DIOCESI DI LIVORNO STATUTO CONSULTA DIOCESANA AGGREGAZIONI LAICALI DIOCESI DI LIVORNO STATUTO CONSULTA DIOCESANA AGGREGAZIONI LAICALI Natura Articolo 1 È costituita nella Diocesi di Livorno la Consulta Diocesana delle Aggregazioni laicali (CDAL), con sede in Livorno,

Dettagli

STATUTO. Costituzione

STATUTO. Costituzione STATUTO Costituzione Art. 1. In ottemperanza al decreto conciliare Christus Dominus n.27 e al motu proprio Ecclesiae Sancte n.16, a norma dei canoni 511-514 C.J.C., è costituito nella diocesi di Agrigento

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE (a seguito del V Sinodo Diocesano dell Arcidiocesi di Gaeta)

STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE (a seguito del V Sinodo Diocesano dell Arcidiocesi di Gaeta) STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE (a seguito del V Sinodo Diocesano dell Arcidiocesi di Gaeta) 1. Natura II Consiglio Pastorale Parrocchiale, costituito in ogni parrocchia della Diocesi, in

Dettagli

STATUTO Art. 1 Natura Art. 2 Personalità giuridica Art. 3 Compiti

STATUTO Art. 1 Natura Art. 2 Personalità giuridica Art. 3 Compiti STATUTO Art. 1 Natura La Caritas diocesana di Locri-Gerace è l organismo pastorale istituito dal Vescovo al fine dì promuovere latestimonianza della carità della comunità diocesana e delle comunità parrocchiali,

Dettagli

Art. 1 Ragione sociale. Art. 2 Scopo. Art. 3 Compiti STATUTI ASSOCIAZIONE CARITAS TICINO

Art. 1 Ragione sociale. Art. 2 Scopo. Art. 3 Compiti STATUTI ASSOCIAZIONE CARITAS TICINO -. STATUTI ASSOCIAZIONE CARITAS TICINO Art. 1 Ragione sociale...... 1 Art. Scopo......1 Art. 3 Compiti... 1 Art. 4 Sede sociale...... Art. 5 Personalità... Art.6 Mezzi finanziari.... Art.7 Responsabilità...

Dettagli

DIOCESI DI NOTO STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE DIOCESANO

DIOCESI DI NOTO STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE DIOCESANO DIOCESI DI NOTO STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE DIOCESANO Natura, finalità e compiti Art. 1 È costituito nella diocesi di Noto il Consiglio Pastorale Diocesano a norma del presente Statuto. Esso si compone

Dettagli

ARCIDIOCESI DI BENEVENTO STATUTO DELLA CARITAS DIOCESANA

ARCIDIOCESI DI BENEVENTO STATUTO DELLA CARITAS DIOCESANA Art. l: NATURA ARCIDIOCESI DI BENEVENTO STATUTO DELLA CARITAS DIOCESANA La Caritas Diocesana è l'organismo pastorale istituito dal Vescovo per promuovere e favorire nella Chiesa Diocesana la nuova evangelizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO FESTE RELIGIOSE

REGOLAMENTO COMITATO FESTE RELIGIOSE REGOLAMENTO COMITATO FESTE RELIGIOSE 1. Natura, funzione, durata del comitato a) Il Comitato Feste (C.F.), è espressione della comunità parrocchiale ed ha lo scopo di curare l aspetto esterno delle feste

Dettagli

Decreto di modifica Statuto Lambriana - Fondazione per attività religiose e caritative

Decreto di modifica Statuto Lambriana - Fondazione per attività religiose e caritative 06_ARCIVESCOVO_15.qxd 22/09/2015 16:53 Pagina 838 838 Decreto di modifica Statuto Lambriana - Fondazione per attività religiose e caritative Oggetto: Decreto modifica Statuto Lambriana - Fondazione per

Dettagli

art. 1 (denominazione sede) 1. E costituita l Associazione di volontariato denominata Amici dell Africa Onlus.

art. 1 (denominazione sede) 1. E costituita l Associazione di volontariato denominata Amici dell Africa Onlus. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE AMICI DELL AFRICA ONLUS art. 1 (denominazione sede) 1. E costituita l Associazione di volontariato denominata Amici dell Africa Onlus. 2. L Associazione ha sede in provincia di

Dettagli

Statuto della Consulta Regionale per i Beni Culturali Ecclesiastici

Statuto della Consulta Regionale per i Beni Culturali Ecclesiastici Statuto della Consulta Regionale per i Beni Culturali Ecclesiastici Art. 1 Istituzione e sede In data 29 settembre 2009 è costituita dalla Conferenza Episcopale Triveneta (CET) la Consulta Regionale per

Dettagli

CONSIGLIO PASTORALE DIOCESANO

CONSIGLIO PASTORALE DIOCESANO CONSIGLIO PASTORALE DIOCESANO Statuto 21 maggio 2014, Solennità di San Zeno STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE DIOCESANO DELLA CHIESA DI VERONA Art. 1 - E' costituito nella Chiesa particolare di Verona il

Dettagli

COSTITUZIONE DEL CONSIGLIO PASTORALE DELL ARCIDIOCESI DI MESSINA LIPARI S. LUCIA DEL MELA DECRETO

COSTITUZIONE DEL CONSIGLIO PASTORALE DELL ARCIDIOCESI DI MESSINA LIPARI S. LUCIA DEL MELA DECRETO COSTITUZIONE DEL CONSIGLIO PASTORALE DELL ARCIDIOCESI DI MESSINA LIPARI S. LUCIA DEL MELA DECRETO NOI IGNAZIO CANNAVÒ ARCIVESCOVO - ARCHIMANDRITA DI MESSINA LIPARI S. LUCIA DEL MELA Visti i Decreti Conciliari

Dettagli

Conferenza Episcopale della Regione Ecclesiastica Lazio Regolamento 19 ottobre 1999 Rivista diocesana di Roma, 1999, pp

Conferenza Episcopale della Regione Ecclesiastica Lazio Regolamento 19 ottobre 1999 Rivista diocesana di Roma, 1999, pp Regione ecclesiastica 123 Conferenza Episcopale della Regione Ecclesiastica Lazio Regolamento 19 ottobre 1999 Rivista diocesana di Roma, 1999, pp. 1856-1865 I DECRETO DI PROMULGAZIONE IL PRESIDENTE DELLA

Dettagli

SERVIZI CARITAS a porte aperte Organismo pastorale della diocesi di Venezia

SERVIZI CARITAS a porte aperte Organismo pastorale della diocesi di Venezia SERVIZI CARITAS a porte aperte 2016-2017 Organismo pastorale della diocesi di Venezia OBIETTIVI L iniziativa SERVIZI CARITAS a porte aperte che si svolgerà nei periodi di Avvento, Quaresima e Pentecoste

Dettagli

PARROCCHIA Ss. JACOPO E FILIPPO STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE COSTITUZIONE E NATURA

PARROCCHIA Ss. JACOPO E FILIPPO STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE COSTITUZIONE E NATURA PARROCCHIA Ss. JACOPO E FILIPPO STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE COSTITUZIONE E NATURA E costituito nella parrocchia dei Santi Jacopo e Filippo in Pisa il Consiglio Pastorale Parrocchiale a

Dettagli

CENTRO STUDI FEDERICO STELLA SULLA GIUSTIZIA PENALE E LA POLITICA CRIMINALE (CSGP). STATUTO ART. 1 (ISTITUZIONE DEL CENTRO)

CENTRO STUDI FEDERICO STELLA SULLA GIUSTIZIA PENALE E LA POLITICA CRIMINALE (CSGP). STATUTO ART. 1 (ISTITUZIONE DEL CENTRO) CENTRO STUDI FEDERICO STELLA SULLA GIUSTIZIA PENALE E LA POLITICA CRIMINALE (CSGP). STATUTO ART. 1 (ISTITUZIONE DEL CENTRO) 1. È istituito, presso l Università Cattolica del Sacro Cuore, su proposta della

Dettagli

I incontro: IL FONDO STRAORDINARIO DIOCESANO: UN SEGNO DI SOLIDARIETA NON SOLO ECONOMICA

I incontro: IL FONDO STRAORDINARIO DIOCESANO: UN SEGNO DI SOLIDARIETA NON SOLO ECONOMICA I incontro: IL FONDO STRAORDINARIO DIOCESANO: UN SEGNO DI SOLIDARIETA NON SOLO ECONOMICA Il percorso formativo giovedì 12 settembre ore 18.00-20.00 IL FONDO STRAORDINARIO DIOCESANO: UN SEGNO DI SOLIDARIETÀ

Dettagli

CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI

CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI ISTITUZIONE E REGOLAMENTO In conformità a quanto dispone il Codice di Diritto Canonico, tutte le Parrocchie della Nostra Archidiocesi SONO TENUTE A COSTITUIRE

Dettagli

., STATUTO DEIA,A CARTTAS DIOCESANA DI I}4OI-,A

., STATUTO DEIA,A CARTTAS DIOCESANA DI I}4OI-,A .1., STATUTO DEIA,A CARTTAS DIOCESANA DI I}4OI-,A,,-, Art. 1 - Natura le Caritas cliocesana è lrorganísmo pastorale istituito d-a1 Vegcovo ai fine di promuovere, anche in col-laborazione coa altrí orpanismi,

Dettagli

Parrocchia dell'ascensione di n.s.g.c STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE (CPP)

Parrocchia dell'ascensione di n.s.g.c STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE (CPP) Parrocchia dell'ascensione di n.s.g.c STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE (CPP) Art.1 (Costituzione e natura) Il Consiglio Pastorale Parrocchiale (di seguito CPP), segno e strumento della comunione

Dettagli

PARROCCHIA SAN GIOVANNI BOSCO - ROMA

PARROCCHIA SAN GIOVANNI BOSCO - ROMA PARROCCHIA SAN GIOVANNI BOSCO - ROMA COORDINAMENTO CARITAS PARROCCHIALE 6 ottobre 2010-04 DALLA LITURGIA DEL GIORNO Gal CAP.2 Fratelli, quattordici anni dopo [la mia prima visita], andai di nuovo a Gerusalemme

Dettagli

Fondo Comune Diocesano

Fondo Comune Diocesano Diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro Fondo Comune Diocesano Statuto e Regolamento Arezzo, 7 agosto 2013 12 11 di aver predisposto il seguente piano finanziario: Disponibilità attuali della Parrocchia

Dettagli

REGOLAMENTO per il funzionamento della CONSULTA SPORTIVA

REGOLAMENTO per il funzionamento della CONSULTA SPORTIVA Allegato n. 1 alla delibera del Consiglio Comunale n. 02 del 30.01.2007 CITTA DI ORZINUOVI Provincia di BRESCIA A R E A S E R V I Z I G E N E R A L I REGOLAMENTO per il funzionamento della CONSULTA SPORTIVA

Dettagli

CONFRATERNITA DI MARIA SS. ADDOLORATA M A R S A L A S T A T U T O

CONFRATERNITA DI MARIA SS. ADDOLORATA M A R S A L A S T A T U T O CONFRATERNITA DI MARIA SS. ADDOLORATA M A R S A L A S T A T U T O ART. 01 La Confraternita MARIA SS. ADDOLORATA fu costituita Canonicamente il 13 Agosto 1746 è stata riconosciuta con Decreto Vescovile

Dettagli

ELABORAZIONE DEL PIANO PASTORALE DECANALE 1. Consultazione del Presbiterio e del Consiglio Pastorale

ELABORAZIONE DEL PIANO PASTORALE DECANALE 1. Consultazione del Presbiterio e del Consiglio Pastorale Arcidiocesi di Napoli - Decanato VII ELABORAZIONE DEL PIANO PASTORALE DECANALE 1. Consultazione del Presbiterio e del Consiglio Pastorale 1. OPPORTUNITÀ DI UN PIANO PASTORALE DECANALE Il Piano pastorale

Dettagli

LA CARITAS SUL TERRITORIO

LA CARITAS SUL TERRITORIO 1 LA CARITAS SUL TERRITORIO Compiti istituzionali e organizzazione Descriviamo per punti le indicazioni dalle Costituzioni del Sinodo 47 della Diocesi di Milano (1995) e presentiamo alcune scelte di tipo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI. Art. 1 Costituzione e finalità

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI. Art. 1 Costituzione e finalità Allegato alla deliberazione consiliare n. 45 del 18/04/2012 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI Art. 1 Costituzione e finalità Il Comune di Senigallia riconosce nei giovani

Dettagli

Atto Normativo Diocesano

Atto Normativo Diocesano Atto Normativo Diocesano Testo approvato dal Consiglio Diocesano il 15 settembre 2006, da sottoporre al voto dell Assemblea diocesana del 15 ottobre 2006. Il presidente diocesano. PREMESSA L della Diocesi

Dettagli

TERREMOTO MOLISE-PUGLIA-SICILIA Novembre 2002 Ottobre 2004

TERREMOTO MOLISE-PUGLIA-SICILIA Novembre 2002 Ottobre 2004 TERREMOTO MOLISE-PUGLIA-SICILIA Novembre 2002 Ottobre 2004 Sintesi dei principali progetti realizzati al secondo anno di attività dalla Caritas Italiana e dalle Delegazioni regionali Caritas Italiana,

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 224/21.12.2006 In vigore dal 1 febbraio 2007 SOMMARIO Articolo 1 - Compiti

Dettagli

Arcidiocesi di Crotone Santa Severina

Arcidiocesi di Crotone Santa Severina Arcidiocesi di Crotone Santa Severina Consiglio Pastorale Diocesano per il quinquennio 2011-2016 S T A T U T O Articolo 1 Nell Arcidiocesi di Crotone Santa Severina è costituito il Consiglio Pastorale

Dettagli

aborto e eutanasia: peccato contro Dio Creatore

aborto e eutanasia: peccato contro Dio Creatore aborto e eutanasia: peccato contro Dio Creatore Falsa compassione: quella che ritiene sia un aiuto alla donna favorire l'aborto Falsa compassione: quella che ritiene sia un atto di dignità procurare l'eutanasia

Dettagli

CITTA DI GROSSETO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARITA E LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA

CITTA DI GROSSETO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARITA E LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA CITTA DI GROSSETO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARITA E LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA approvato con deliberazione C.C. n. 96 del 15/11/2006 e modificato con deliberazione C.C. n.

Dettagli

STATUTO COMITATO GENITORI SCUOLA PRIMARIA CARCHIDIO E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STROCCHI FAENZA ART. 1 COSTITUZIONE

STATUTO COMITATO GENITORI SCUOLA PRIMARIA CARCHIDIO E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STROCCHI FAENZA ART. 1 COSTITUZIONE STATUTO COMITATO GENITORI SCUOLA PRIMARIA CARCHIDIO E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STROCCHI FAENZA ART. 1 COSTITUZIONE 1. Con riferimento al Testo unico delle disposizioni legislative in materia di

Dettagli

Diocesi di Alghero-Bosa. Calendario Diocesano

Diocesi di Alghero-Bosa. Calendario Diocesano Diocesi di Alghero-Bosa Calendario Diocesano Anno Pastorale 2017-2018 Calendario Diocesano Anno Pastorale 2017-2018 Settembre 2017 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 12ª Giornata per la custodia del

Dettagli

Diocesi Concordia - Pordenone Parrocchia San Giuseppe in Pordenone. STATUTO del CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI

Diocesi Concordia - Pordenone Parrocchia San Giuseppe in Pordenone. STATUTO del CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI Diocesi Concordia - Pordenone Parrocchia San Giuseppe in Pordenone STATUTO del CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI Premessa La Chiesa, fondata dal Signore Gesù, è costituita da un elemento

Dettagli

COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA

COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA Approvato con delibera di C.C. n. 39 del 20.10.2000

Dettagli

Regolamento della Consulta dell Handicap della Provincia di Lecce

Regolamento della Consulta dell Handicap della Provincia di Lecce Regolamento della Consulta dell Handicap della Provincia di Lecce Art.1 Istituzione della Consulta 1) Nell ambito della Consulta per la tutela sociale e promozione umana di cui art. 9 del Regolamento degli

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Provincia di Pisa COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Provincia di Pisa R E G O L A M E N T O P E R L A F O R M A Z I O N E E I L F U N Z I O N A M E N T O D E L C O M I T A T O G E M E L L A G G I ( Approvato con deliberazione

Dettagli

INCONTRO FORMAZIONE VOLONTARI

INCONTRO FORMAZIONE VOLONTARI INCONTRO FORMAZIONE VOLONTARI Tema: CONOSCERE PER SERVIRE 1) La Carità dalle parole di Papa Francesco 2) Essere volontario in Caritas 3) Compiti del volontario in Ostello 4) Dal Servizio al progetto accompagnamento

Dettagli

Regolamento dell Oratorio parrocchiale

Regolamento dell Oratorio parrocchiale Regolamento dell Oratorio parrocchiale di Titolo I COSTITUZIONE Art. 1 È costituto nella Parrocchia di _ l Oratorio parrocchiale, che ha sede in via città Art. 2 Il Responsabile dell Oratorio parrocchiale

Dettagli

STATUTO-REGOLAMENTO DEL COMITATO GENITORI SCUOLA PRIMARIA SAN GIOVANNI BOSCO MODENA

STATUTO-REGOLAMENTO DEL COMITATO GENITORI SCUOLA PRIMARIA SAN GIOVANNI BOSCO MODENA STATUTO-REGOLAMENTO DEL COMITATO GENITORI SCUOLA PRIMARIA SAN GIOVANNI BOSCO MODENA PREMESSA Il Comitato Genitori è un organo che consente la partecipazione attiva dei Genitori nella Scuola, al fine di

Dettagli

Piazza IV Novembre Melfi PZ tel

Piazza IV Novembre Melfi PZ tel Diocesi Melfi-Rapolla-Venosa Caritas diocesana Melfi-Rapolla-Venosa Piazza IV Novembre - 85025 Melfi PZ tel 0972 23501 e-mail caritasmelfi.diocesi@libero.it 1 Il Laboratorio scheda di presentazione Nome

Dettagli

Quanti sono i preti della Chiesa cattolica?

Quanti sono i preti della Chiesa cattolica? Quanti sono i preti della Chiesa cattolica? Sono circa 35.000: 32.000 in attività in Italia; 3.000 anziani o malati; 500 missionari nel mondo. Sostieni i sacerdoti, aiuta la tua Chiesa. Da Roma l Istituto

Dettagli

Statuto della. Confraternita di Santa Maria dell Orazione e Morte. di Civitavecchia ART.1

Statuto della. Confraternita di Santa Maria dell Orazione e Morte. di Civitavecchia ART.1 Statuto della Confraternita di Santa Maria dell Orazione e Morte di Civitavecchia ART.1 La Confraternita di Santa Maria dell Orazione e Morte opera presso la Chiesa di Santa Maria Assunta sita in Civitavecchia

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL REGIONE PUGLIA. "Partenariato per la cooperazione"

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL REGIONE PUGLIA. Partenariato per la cooperazione LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 25-08-2003 REGIONE PUGLIA "Partenariato per la cooperazione" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA N. 100 del 1 settembre 2003 IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA CITTADINA PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA E DELLA SOLIDARIETA' SOCIALE

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA CITTADINA PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA E DELLA SOLIDARIETA' SOCIALE REGOLAMENTO DELLA CONSULTA CITTADINA PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA E DELLA SOLIDARIETA' SOCIALE ISTITUITA AI SENSI DELL'ART. 59 DELLO STATUTO COMUNALE ART. 1 GLI OBIETTIVI E' istituita la Consulta Cittadina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO GEMELLAGGI

REGOLAMENTO PER LA ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO GEMELLAGGI REGOLAMENTO PER LA ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL COMITATO GEMELLAGGI 1 ART. 1 FUNZIONE COMITATO 1. È istituito nel Comune di Bitonto il Comitato per i gemellaggi con compito di: a) promuovere, programmare,

Dettagli

il nuovo Schema di regolamento per i Centri Missionari Diocesani,

il nuovo Schema di regolamento per i Centri Missionari Diocesani, Nuovo Schema di regolamento per i Centri Missionari Diocesani La Presidenza della CEI, nella riunione del 13 giugno 2012, ha approvato il nuovo Schema di regolamento per i Centri Missionari Diocesani,

Dettagli

STATUTO DENOMINAZIONE SCOPO SEDE DURATA

STATUTO DENOMINAZIONE SCOPO SEDE DURATA STATUTO DENOMINAZIONE SCOPO SEDE DURATA Art. 1) E costituita l associazione a carattere regionale con denominazione R.P. LIGURIA - Onlus (Associazione per la Retinite Pigmentosa ed altre malattie della

Dettagli

Sommario NATURA E COSTITUZIONE 2 I FINALITÀ 2 II STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL UNIONE 3. A. Struttura nazionale 3. B. Struttura Regionale 5

Sommario NATURA E COSTITUZIONE 2 I FINALITÀ 2 II STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL UNIONE 3. A. Struttura nazionale 3. B. Struttura Regionale 5 Sommario NATURA E COSTITUZIONE 2 I FINALITÀ 2 II STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL UNIONE 3 A. Struttura nazionale 3 B. Struttura Regionale 5 C. Struttura Diocesana 8 III - Elezioni - Nomine Successioni 8 Revisione

Dettagli

DIOCESI DI CASTELLANETA STATUTO E REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO PASTORALE DIOCESANO

DIOCESI DI CASTELLANETA STATUTO E REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO PASTORALE DIOCESANO DIOCESI DI CASTELLANETA STATUTO E REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO PASTORALE DIOCESANO 22 ottobre 2015 STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE DIOCESANO 2 STATUTO DEL CONSIGLIO PASTORALE DIOCESANO I. NATURA E FINALITÀ

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEL VOLONTARIATO E DELLA PROMOZIONE SOCIALE Approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

DIOCESI DI PIACENZA-BOBBIO

DIOCESI DI PIACENZA-BOBBIO DIOCESI DI PIACENZA-BOBBIO PROVINCIA DI PIACENZA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA VALORIZZAZIONE DELLA FUNZIONE SOCIALE ED EDUCATIVA DEGLI ORATORI E DEI CENTRI DI AGGREGAZIONE GIOVANILE PARROCCHIALI

Dettagli

ATTO NORMATIVO DIOCESANO 1

ATTO NORMATIVO DIOCESANO 1 Azione Cattolica Italiana Arcidiocesi di Udine ATTO NORMATIVO DIOCESANO 1 CAP. 1 L Azione Cattolica Italiana dell Arcidiocesi di Udine L Atto Normativo Diocesano L Atto Normativo diocesano disciplina ed

Dettagli

ORGANIZZAZIONE Art. 10 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 Art. 17

ORGANIZZAZIONE Art. 10 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 Art. 17 PRINCIPI GENERALI Art. 1 Il Movimento Studenti Cattolici, di seguito denominato Movimento, è un associazione senza scopo di lucro che mira a riunire tutti gli studenti che condividono il progetto educativo

Dettagli

Città di Desenzano del Garda. Approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 18/06/2004 Aggiornato con deliberazione di C.C. n.

Città di Desenzano del Garda. Approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 18/06/2004 Aggiornato con deliberazione di C.C. n. Città di Desenzano del Garda Approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 18/06/2004 Aggiornato con deliberazione di C.C. n. 81 del 30/09/2009 I N D I C E ART. 1 - ISTITUZIONE... 1 ART. 2 - FINALITA...

Dettagli

Centro Pastorale S. G.M. Conforti (ex Saveriani), h : Parr. Madonna S. Rosario, h :

Centro Pastorale S. G.M. Conforti (ex Saveriani), h : Parr. Madonna S. Rosario, h : Calendario Diocesano Anno Pastorale 2016-2017 Settembre 2016 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 11ª Giornata per la custodia del creato SEDILO, Santuario S. Costantino: Giubileo diocesano degli Agricoltori

Dettagli

STATUTI DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE Approvazione e promulgazione

STATUTI DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE Approvazione e promulgazione Atti del Cardinale Arcivescovo Parrocchia S. Antonio da Padova Parrocchia Maria SS. Consolatrice e San Bartolomeo STATUTI DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE Approvazione e promulgazione PREMESSO che

Dettagli

Comune di Biccari Provincia di Foggia REGOLAMENTO CIRCOLO ANZIANI

Comune di Biccari Provincia di Foggia REGOLAMENTO CIRCOLO ANZIANI Comune di Biccari Provincia di Foggia REGOLAMENTO CIRCOLO ANZIANI Art. 1 Principi generali Il funzionamento del Circolo Anziani istituito dal Comune di Biccari è disciplinato dal presente Regolamento.

Dettagli

ATTO NORMATIVO DIOCESANO Partecipazione e Responsabilità dei laici nella Chiesa locale

ATTO NORMATIVO DIOCESANO Partecipazione e Responsabilità dei laici nella Chiesa locale Arcidiocesi di Palermo AZIONE CATTOLICA ITALIANA ATTO NORMATIVO DIOCESANO Partecipazione e Responsabilità dei laici nella Chiesa locale Premessa L AC nel cammino del popolo di Dio La Chiesa di Palermo

Dettagli

Tenuto conto dell esperienza di quest ultimo decennio e visti i Cann. 492, 493 e 494 del Codice di Diritto Canonico.

Tenuto conto dell esperienza di quest ultimo decennio e visti i Cann. 492, 493 e 494 del Codice di Diritto Canonico. Consiglio Diocesano Affari Economici-Statuto-Decreto 2000 L.V.D. XCI (2000) pp. 812-817 STATUTO DEL CONSIGLIO PER GLI AFFARI ECONOMICI DELLA DIOCESI DI BERGAMO Tenuto conto dell esperienza di quest ultimo

Dettagli

La scuola come Servizio Educativo. a cura del Servizio di Pastorale Scolastica della Diocesi di Milano

La scuola come Servizio Educativo. a cura del Servizio di Pastorale Scolastica della Diocesi di Milano La scuola come Servizio Educativo a cura del Servizio di Pastorale Scolastica della Diocesi di Milano P.E.I. e P.O.F. Conosciamoli meglio Il Progetto Educativo d Istituto (PEI) STRUMENTO INDISPENSABILE

Dettagli

STATUTO DELLE PARROCCHIE E RETTORIE AFFIDATE AI CAMILLIANI

STATUTO DELLE PARROCCHIE E RETTORIE AFFIDATE AI CAMILLIANI 1 STATUTO DELLE PARROCCHIE E RETTORIE AFFIDATE AI CAMILLIANI I Religiosi delle Parrocchie e delle Rettorie affidate ai Camilliani, riuniti dal 19 al 23 Aprile 2017 a S. Paulo del Brasile, offrono una pista

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 21 DEL REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 21 DEL REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 21 DEL 13-04-1996 REGIONE BASILICATA INTERVENTI A SOSTEGNO DEI LAVORATORI EXTRACOMUNITARI IN BASILICATA ED ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE REGIONALE DELL' IMMIGRAZIONE Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

Statuto della Fondazione Forum Permanente ANIA Consumatori

Statuto della Fondazione Forum Permanente ANIA Consumatori Statuto della Fondazione Forum Permanente ANIA Consumatori Art. 1 Costituzione La Fondazione Forum Permanente ANIA - Consumatori, di seguito Forum, è costituita su iniziativa dell ANIA Associazione Nazionale

Dettagli

STATUTO. del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani

STATUTO. del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani STATUTO del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani ART. 1 E costituito il Coordinamento Nazionale degli Enti locali per la Pace e i Diritti Umani (di seguito denominato

Dettagli

ATTO NORMATIVO DIOCESANO PARTE PRIMA PRINCIPI FONDAMENTALI

ATTO NORMATIVO DIOCESANO PARTE PRIMA PRINCIPI FONDAMENTALI Pagina 1 di 10 AZIONE CATTOLICA ITALIANA Diocesi di San Benedetto del Tronto- Ripatransone -Montalto Marche ATTO NORMATIVO DIOCESANO PREMESSA PARTE PRIMA PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 L Atto Normativo Diocesano

Dettagli

La Caritas Diocesana di Gaeta

La Caritas Diocesana di Gaeta La Caritas Diocesana di Gaeta La natura profonda di Caritas è nel cuore della Chiesa che cammina con il mondo Le finalità della Caritas Diocesana "La Caritas diocesana è l organismo pastorale istituito

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE. della COM&TEC ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA COMUNICAZIONE TECNICA

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE. della COM&TEC ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA COMUNICAZIONE TECNICA ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE della COM&TEC ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA COMUNICAZIONE TECNICA Pescara, il 5.12.2003 ARTICOLO 1: COSTITUZIONE Il data 5 dicembre 2003 tra i sottoscritti si costituisce

Dettagli

Misericordia: parola chiave

Misericordia: parola chiave Misericordia: parola chiave Parole e gesti di Papa Francesco: la carità è la carezza della Chiesa (a Caritas Internationalis 17 maggio 13) Le Opere di Misericordia dal Vangelo (Mt. 25) alla tradizione

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PRESBITERALE DIOCESANO

STATUTO DEL CONSIGLIO PRESBITERALE DIOCESANO Introduzione STATUTO DEL CONSIGLIO PRESBITERALE DIOCESANO La comunione e la partecipazione nella Chiesa scaturiscono innanzitutto non da esigenze di efficacia pastorale, ma dalla natura della Chiesa stessa,

Dettagli

COMUNE DI AMENO REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI AMENO REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI DISCIPLINA DEGLI ORGANI E DELLE STRUTTURE DI Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 15 del 30/03/2006 Pagina 1 di 5 13 novembre 2013 REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI DISCIPLINA

Dettagli

COMUNE DI SACCOLONGO Provincia di Padova

COMUNE DI SACCOLONGO Provincia di Padova COMUNE DI SACCOLONGO Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con delibera di C.C. n. 56 del 29.11.2006 INDICE Articolo 1 FINALITA Articolo

Dettagli

Statuto quadro per unità pastorali. nella. Diocesi di Coira

Statuto quadro per unità pastorali. nella. Diocesi di Coira ORDINARIATO VESCOVILE COIRA CURIA EPISCOPALIS CURIENSIS Statuto quadro per unità pastorali nella Diocesi di Coira 2010 3 1. L unità pastorale 1 1.1 L unità pastorale è un territorio eretto canonicamente,

Dettagli

Prontuario della progettazione anno Equipe diocesana di Fermo PROGETTAZIONE ANNUALE

Prontuario della progettazione anno Equipe diocesana di Fermo PROGETTAZIONE ANNUALE Prontuario della progettazione anno 2014 Equipe diocesana di Fermo Sommario PROGETTAZIONE ANNUALE A. DATI INFORMATIVI GENERALI B. STRATEGIA D INTERVENTO C. LE ATTIVITA D. FASE OPERATIVA. DIAGRAMMA DI GANT

Dettagli

DIOCESI DI NOCERA INFERIORE SARNO

DIOCESI DI NOCERA INFERIORE SARNO PROGRAMMAZIONE DIOCESANA dalla religiosità popolare alla corresponsabilità & consapevolezza DIOCESI DI NOCERA INFERIORE SARNO CONETESTO: Diocesi della Campania in provincia di Salerno di medio piccola

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO \ CITTA DI GARLASCO Provincia di Pavia REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO Indice Art. 1 Principi ispiratori Art. 2 Consulta Generale delle Associazioni Locali Art. 3

Dettagli

COMUNE DI VALLEFOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO DELLA "CONSULTA DELL ISTRUZIONE E DELLA CULTURA

COMUNE DI VALLEFOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELL ISTRUZIONE E DELLA CULTURA COMUNE DI VALLEFOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO DELLA "CONSULTA DELL ISTRUZIONE E DELLA CULTURA I N D I C E ART. 1: FINALITA' GENERALI DELLA CONSULTA E AMBITO DEL REGOLAMENTO ART. 2: COMPITI

Dettagli

L ORGANISMO PASTORALE CARITAS

L ORGANISMO PASTORALE CARITAS L ORGANISMO PASTORALE CARITAS Roma, novembre 2006 INDICE 1. Natura 2. Compiti 3. Destinatari 4. Progettualità 5. Ambiti di azione 1. NATURA della Caritas diocesana Roma, novembre 2006 UNA CARTA DI RIFERIMENTO

Dettagli

ARCIDIOCESI DI NAPOLI

ARCIDIOCESI DI NAPOLI ARCIDIOCESI DI NAPOLI statuto della CURIA TITOLO I Natura e Finalità della Curia Art. 1 La Curia dell Arcidiocesi di Napoli è l insieme ordinato delle persone e degli organismi che aiutano stabilmente

Dettagli

ARCIDIOCESI DI NAPOLI Statuto della Curia

ARCIDIOCESI DI NAPOLI Statuto della Curia 1 ARCIDIOCESI DI NAPOLI Statuto della Curia TITOLO I Natura e finalità della Curia Art. 1 La Curia dell Arcidiocesi di Napoli è l insieme ordinato delle persone e degli Organismi che aiutano stabilmente

Dettagli

1. LA CARITAS DIOCESANA

1. LA CARITAS DIOCESANA Vademecum per la formazione base dei direttori e delle équipe della Caritas diocesana 1. LA CARITAS DIOCESANA Il direttore Contenuti Formazione www.caritasitaliana.it CONTENUTI 1. RUOLO E FUNZIONI «Decisiva

Dettagli

Percorso Equipe Caritas diocesana

Percorso Equipe Caritas diocesana Presentazione Percorso Equipe Caritas diocesana 2007/2008 a cura di Giuseppe Dardes Obiettivo della presentazione Come Cosa Faremo insieme qualche attività per comprendere come funzionano le tappe Avere

Dettagli

COMUNE DI ZAFFERANA ETNEA (Provincia di Catania)

COMUNE DI ZAFFERANA ETNEA (Provincia di Catania) COMUNE DI ZAFFERANA ETNEA (Provincia di Catania) STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Statuto della Consulta Giovanile Comunale approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 68 del 22/11/2005

Dettagli

QUESTIONARIO PREPARATORIO ALLA VISITA PASTORALE DEL CARD. GIUSEPPE BETORI ARCIVESCOVO DI FIRENZE

QUESTIONARIO PREPARATORIO ALLA VISITA PASTORALE DEL CARD. GIUSEPPE BETORI ARCIVESCOVO DI FIRENZE QUESTIONARIO PREPARATORIO ALLA VISITA PASTORALE DEL CARD. GIUSEPPE BETORI ARCIVESCOVO DI FIRENZE 30 settembre 2012 NOTA BENE Le schede in versione compilabile utilizzando Adobe Reader 8.0 o versione successiva,

Dettagli

Legge Regionale Basilicata 13/4/1996 n.21. B.U.R. 20/4/1996 n.20

Legge Regionale Basilicata 13/4/1996 n.21. B.U.R. 20/4/1996 n.20 Legge Regionale Basilicata 13/4/1996 n.21 B.U.R. 20/4/1996 n.20 INTERVENTI A SOSTEGNO DEI LAVORATORI EXTRACOMUNITARI IN BASILICATA ED ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE REGIONALE DELL' IMMIGRAZIONE [1] Articolo

Dettagli

Legge Regionale N. 1 Del Regione Campania. << Interventi in materia di tossicodipendenze e di alcoolismo >>.

Legge Regionale N. 1 Del Regione Campania. << Interventi in materia di tossicodipendenze e di alcoolismo >>. Legge Regionale N. 1 Del 07-01-1988 Regione Campania >. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA N. 3 del 18 gennaio 1988 Il Consiglio

Dettagli

6.1. I rapporti con la diocesi La collaborazione con le parrocchie vicine La pastorale d insieme... 98

6.1. I rapporti con la diocesi La collaborazione con le parrocchie vicine La pastorale d insieme... 98 Parrocchia: SCHEDA 6 PASTORALE INTEGRATA : STRUTTURE NUOVE PER LA MISSIONE E CONDIVISIONE DI CARISMI 6 «Per mantenere il carattere popolare della Chiesa in Italia, la rete capillare delle parrocchie costituisce

Dettagli

ibera n 59 relativa a e Norme circa a raccolta di offerte per necessità partico

ibera n 59 relativa a e Norme circa a raccolta di offerte per necessità partico ibera n 59 relativa a e Norme circa a raccolta di offerte per necessità partico La Delibera 11, non normativa, della xx~v Assemblea Generale della Conferenza Episcopale Italiana dell'ottobre 1984 rinviava,

Dettagli

COMUNE DI SAN PANCRAZIO SALENTINO

COMUNE DI SAN PANCRAZIO SALENTINO ALLEGATO A ALLA DELIBERA CONSILIARE N. 15 DEL 08/05/2012 COMUNE DI SAN PANCRAZIO SALENTINO ( PROVINCIA DI BRINDISI ) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI 1 INDICE

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA'

COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA' COMUNE DI CREAZZO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARI OPPORTUNITA' Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli