UniSalute, la prima Compagnia italiana specializzata nell assistenza sanitaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UniSalute, la prima Compagnia italiana specializzata nell assistenza sanitaria"

Transcript

1 UniSalute, la prima Compagnia italiana specializzata nell assistenza sanitaria E' proprio per rispondere al meglio all'emergere dei nuovi bisogni che caratterizzano l'attuale evoluzione dell'assistenza sanitaria che è nata UniSalute. La prima compagnia italiana specializzata nell'assistenza sanitaria integrativa, espressione del Gruppo Unipol e dell'economia Sociale. UniSalute è una compagnia innovativa, dalle forti connotazioni sociali e di servizio che ha come principale mercato di riferimento quello rappresentato dai lavoratori dipendenti che intendono accedere all' assistenza sanitaria integrativa. UniSalute intende integrare le prestazioni del Servizio Sanitario Nazionale fornendo servizi di qualità a prezzi equi attraverso formule organizzate di acquisto di prestazioni sanitarie private, ma anche pubbliche, svolgendo un ruolo attivo nell'assistere gli assicurati nel loro rapporto con le strutture sanitarie e pagando direttamente e integralmente le prestazioni ai fornitori convenzionati senza alcun esborso anticipato da parte degli assicurati. UniSalute ha, infatti, convenzionato una rete di strutture sanitarie pubbliche e private (case di cura, poliambulatori specialistici, centri diagnostici caratterizzate da una elevata qualità delle prestazioni, qualità che sarà costantemente monitorata da parte di una direzione sanitaria costituita da UniSalute e composta da medici appositamente reclutati. UniSalute ha una propria Centrale Operativa accessibile con numero verde in grado di offrire ai propri assicurati servizi di informazione, consulenza medica, prenotazioni e prestazioni di emergenza sanitaria. UniSalute è inoltre in grado di offrire un qualificato servizio di consulenza alle organizzazioni sindacali ed alle imprese interessate allo sviluppo di piani sanitari aziendali. Integrazione del servizio pubblico, prodotti flessibili e modulari a costi contenuti, reti di fornitori convenzionati e controllo della qualità sono tutti tasselli di un progetto quale è quello di UniSalute che si pone l'obiettivo di mantenere un servizio pubblico efficace e competitivo con il privato ed incentivare la nascita e lo sviluppo anche nel nostro Paese di forme e strutture del privato-sociale che scaturiscono dal mondo del lavoro quali sono i fondi integrativi sanitari, le casse e le mutue. 1

2 Introduzione Quasi tutti sanno che esistono polizze che pagano le spese mediche, ma l'idea che esista una copertura che si impegni al pagamento delle spese domiciliari o ad pagamento di una casa di riposo per persone non autosufficienti non è così familiare. Questa guida spiega cosa è e come funziona una assicurazione LTC. Forniremo anche una guida per scegliere fra soluzioni diverse in maniera informata. Cosa si intende con Assistenza socio-sanitaria? E' un concetto che va oltre le cure mediche e le cure assistenziali per includere tutte le assistenze di cui il paziente può avere bisogno nel caso di una malattia cronica o di una situazione di non autosufficienza (impossibilità di prendersi cura autonomamente di se stessi) che duri per un certo periodo. Le prestazioni di assistenza possono essere erogate in una Residenza socio assistenziale, in una casa protetta, in una struttura per malati cronici od anche a domicilio, in forma di aiuto nello svolgere operazioni quotidiane come il lavarsi e vestirsi. Questa assistenza può servire anche ad una persona giovane o di mezza età che ha avuto un infortunio molto grave o soffra di una malattia debilitante, ma ovviamente, nella maggior parte dei casi è destinata a persone anziane. Per i casi nei quali non è necessario il ricovero in una RSA (residenza socio assistenziale), il problema fondamentale è quello della integrazione delle prestazioni in relazione alla gravità dei casi: l'assistenza fornita dai familiari può essere integrata da prestazioni infermieristiche, prestazioni mediche domiciliari, assistenza di ascolto, pasti a domicilio, assistenza in centri diurni che servono anche a dare un momento di respiro a chi è impegnato in una attività di assistenza faticosa. Questi servizi non sono disponibili dappertutto, anche se singole prestazioni possono essere facilmente reperite. Bisogna fare una valutazione delle soluzioni che esistono in ciascun territorio; inoltre, poiché la responsabilità del settore socio-assistenziale fa capo ai Comuni è opportuno verificare il tipo di servizi che questi possono mettere a disposizione ed a quali condizioni Chi ha bisogno di prestazioni assistenziali? In base alle previsioni predisposte dall ISTAT sulla futura evoluzione della popolazione, la quota di coloro che superano i 65 anni di età, passerà dall attuale 16,8% al 20,4% nel 2010, al 27% nel In termini assoluti si passerà dai 9,6 milioni del 1996 ai 14,5 milioni del Volendo distinguere, nell ambito degli anziani, i cosiddetti "grandi vecchi", ossia coloro che hanno superato i 75 anni di età, e che presentano caratteristiche, necessità e comportamenti nettamente distinti, la loro quota sul totale della popolazione passerà dall attuale 6,7% al 10% nel 2010, al 13,4% nel 2030; in termini assoluti si passerà dagli attuali 3,8 milioni ai 7,2 milioni nel

3 Tabella 1 1 Anziani over 65, quota sul totale di popolazione anno ,80% 20,40% 27% Tabella 2 Anziani over 75, quota sul totale di popolazione anno ,70% 10% 13,40% La grande maggioranza della popolazione anziana è rappresentata da donne, in virtù della loro maggiore durata media di vita. Esse rappresentano il 60% degli ultrasessantacinquenni ed oltre il 70% degli ultrasettantacinquenni. Grafico 1 Over 65 Over 75 40% donne uomini 30% donne uomini 60% 70% Per trarre delle previsioni circa il numero dei futuri anziani non autosufficienti si consideri, innanzitutto, come incide oggi la "disabilità" sulle diverse classi di età: in base a stime ISTAT vi erano nel 1994 in Italia disabili, pari al 4.7% della popolazione; di questi erano ultrasessantacinquenni, pari al 70% del totale disabili e al 21% della popolazione ultrasessantacinquenne, e erano ultrasettantacinquenni, pari al 45% del totale disabili ed al 38% della popolazione ultrasettantacinquenne. Se si ipotizza che la quota degli anziani non autosufficienti sul totale degli anziani resti sostanzialmente costante, assumendo le stime che prevedono tra oggi e il 2030 un aumento del numero degli ultrasessantacinquenni di 4,9 milioni, e che oggi il 21% di 1 Fonte di tutti i grafici e tabelle: elaborazione Unisalute su dati contenuti nel Quaderno ISVAP N 3: Long Term Care (LTC) - le prospettive per il mercato assicurativo italiano. Due modelli a confronto: Germania e Stati Uniti 3

4 chi ha più di sessantacinque anni è disabile, si ottiene una stima dell aumento del numero degli anziani non autosufficienti pari a Tabella 3 Disabilità Dato 1994 % sul totale disabili over % 65 disabili over % 75 tot. disabili * * pari al 4,7% della popolazione Se invece consideriamo la speranza di vita autonoma di una persona, da una analisi condotta dal Prof. V. Egidi nel 1997 risulta che le situazioni che impediscono agli anziani di essere pienamente autonomi sono concentrate oltre i 75 anni di età, come l anno in media che un uomo anziano rischia di vivere confinato al letto, in una sedia o in una abitazione, o i due anni che rappresentano l analogo rischio per la donna. Analogamente, considerando la piena autonomia nello svolgimento delle attività quotidiane (lavarsi, vestirsi, fare il bagno o la doccia, mangiare), gli 1,8 anni in media che un uomo di 65 anni rischia di vivere in condizioni di non completa autonomia sono tutti oltre i 75 anni. Quanto costa l assistenza socio sanitaria? L assistenza può essere molto costosa. Per avere un idea dei costi dell assistenza ai non autosufficienti basti pensare che il costo medio mensile del ricovero in una "nursing home" (casa di cura) negli Stati Uniti è stato valutato superiore a $ e in Germania pari a DM. In Italia si può stimare che il costo mensile del ricovero in una casa di cura si aggiri sui Euro. Tale costo, nei casi più gravi che necessitano anche di assistenza di tipo infermieristico-specializzata, potrà arrivare ai Euro. L onere finanziario mensile, invece, derivante dall assistenza a domicilio di una persona non autosufficiente è stato stimato dalla Provincia di Bolzano pari a circa 1680 Euro. Quanto all assistenza domiciliare in Italia non esistono stime precise dei costi anche perché, essendo in gran parte affidata alla famiglia, si tratta di costi indiretti. Prendendo ad esempio gli Stati Uniti, dove esiste una realtà maggiormente diffusa, avere un aiuto tre volte alla settimana per lavare e vestire il malato e preparagli i pasti costa circa $ al mese ed ovviamente i costi sono molto più alti se parliamo di assistenza qualificata: in Emilia-Romagna i costi vanno dai 18 Euro/ora per prestazioni di base ai 39 Euro per l assistenza fisioterapica. 4

5 Chi paga le prestazioni? La legge sull assistenza è stata approvata nel 2000 e dovrebbe portare maggiore coordinamento nel settore. Essa non regolamenta la sola assistenza agli anziani, ma tutte le forme di assistenza: la legge 328 prevede che i Comuni siano titolari delle funzioni gestionali ed amministrative degli interventi locali, nonché siano presenti nella programmazione regionale. Alle Regioni vengono demandati i compiti di coordinamento e programmazione degli interventi, mentre lo Stato determina i principi e gli obiettivi della politica sociale attraverso il Piano socio-sanitario; lo Stato individua i livelli essenziali ed uniformi delle prestazioni, nonché le caratteristiche professionali delle strutture e degli operatori e la ripartizione del Fondo Sociale Nazionale. A questo Fondo affluiranno i milioni di Euro attualmente spesi per le pensioni di invalidità, i 930 milioni di Euro già stanziati per gli interventi a favore dei minori, dei disabili e delle famiglie, le risorse dei fondi strutturali, quelle delle Fondazioni bancarie e quelle delle IPAB stimate in milioni di Euro. Hanno diritto di usufruire delle prestazioni tutti i cittadini italiani, quelli degli Stati UE e gli extracomunitari in possesso di permesso di soggiorno. Ovviamente viene fatta una graduatoria di priorità, per cui potranno accedervi innanzitutto le persone in stato di povertà, quelle con limitato reddito, quelle inabili fisicamente o psichicamente e quelle con difficoltà di inserimento nella vita sociale ed attiva e nel mercato del lavoro. Sembra quindi (anche perché le risorse sono certamente insufficienti e dovrebbero essere aumentate di almeno milioni di Euro/anno entro il 2020) che la possibilità di accedere a forme di contribuzione pubbliche siano limitate alla parte più povera della popolazione e che gli altri debbano provvedere in maniera autonoma. Quali tipi di assicurazione sono disponibili? La assicurazione LTC si basa sul principio delle altre polizze di pagare un premio ridotto e certo a fronte del rischio (incerto) di dover affrontare una spesa molto maggiore. La polizza LTC è piuttosto nuova e solo poche Compagnie in Italia offrono questo tipo di prodotto, per cui per gli esempi che seguono ci rifaremo anche alle esperienze di altri Paesi: fondamentalmente vi sono due tipi di copertura che si rifanno al modello ad accumulazione od a quello a ripartizione. Nel primo caso le polizze, collegate al ramo vita, consentono di accumulare dei risparmi in un Fondo speciale che, al verificarsi dell evento, pagherà un capitale una tantum oppure una somma prefissata per tutto il periodo nel quale si verifica la condizione di non autosufficienza (anche tutta la vita). Naturalmente tale indennità non sarà necessariamente sufficiente per pagare integralmente le spese. Le polizze offrono una indennità fra 500 e Euro al mese che sono sufficienti a pagare integralmente la retta in una RSA, o coprono le spese per una assistenza domiciliare di 1 o 2 ore al giorno. Nel secondo caso le polizze sono legate al ramo malattia. Non vi è nessuna accumulazione, ed il premio pagato quell anno serve a far fronte al rischio di quell anno. Nel caso si verifichi la condizione di non autosufficienza la Compagnia si 5

6 impegna a pagare tutte le spese socio-assistenziali fino ad una cifra massima mensile per tutto il periodo nel quale si verifica la condizione di non autosufficienza In alcuni casi le polizze offrono l opzione di trasformare l indennità in servizi: sarà la Compagnia a contattare dei fornitori di prestazioni domiciliari e, d accordo con il medico del paziente, definire le prestazioni di cui il cliente a bisogno e che potranno essere pagate direttamente dalla Compagnia; il vantaggio è quello di poter usufruire di tariffe scontate da parte dei Fornitori e quindi di avere a disposizione una quantità di servizi maggiore. Come detto l indennità o il massimale potrebbe non essere adeguata a coprire tutte le spese; a più forte ragione dopo un certo numero di anni a causa della erosione della inflazione. Alcune polizze prevedono pertanto un aggiornamento per l inflazione, ad esempio l indennità/massimale iniziale viene incrementata automaticamente di un certo importo ogni anno. Talvolta la polizza LTC è offerta come integrazione ad una polizza vita: in questo caso una parte del capitale della polizza viene pagato al beneficiario all atto della perdita di autosufficienza, anziché al momento della morte. Quali sono le differenza fra polizze LTC Vita e Malattia I due tipi di copertura sono entrambi validi, ma, presentando caratteristiche molto diverse di indirizzano a due distinte tipologie di clienti. La tipologia Vita od ad accumulo, infatti, richiede che il cliente abbia il tempo di costituirsi un proprio capitale e quindi, se non vuole pagare un premio estremamente elevato, deve cominciare a risparmiare in età non avanzata (entro i 45 anni, secondo le simulazioni dell ISVAP). I principali vantaggi di questa soluzione sono che, in genere, anche se non diverrà non autosufficiente, il cliente avrà la possibilità di rientrare in possesso almeno di una parte del capitale maturato e che, optando per il capitale a scadenza avrà maggiore autonomia su come gestirsi la propria non autosufficienza; gli svantaggi sono legati al fatto che solitamente non sono coperte le situazioni di non autosufficienza che potrebbero presentarsi prima dei 65 anni, ad esempio a seguito di un incidente stradale catastrofico e che il tasso di adeguamento del capitale all inflazione può non tenere conto di situazioni particolari che si verificassero in un orizzonte temporale molto distante. In sintesi è adatto a persone giovani, estremamente consapevoli dei rischi che corrono e con una capacità di gestire il proprio danaro. Le soluzioni vita consentono anche di sottoscrivere una polizza Point of need, quando cioè si sia già verificata la non autosufficienza. In questo caso il premio sarà ovviamente elevatissimo e pari alla rendita per la durata della vita residua stimata dell assicurato: la convenienza a stipulare questo tipo di polizza sta nella speranza che la vita effettiva residua sia superiore a quella attesa. Le polizze che operano nell ambito malattia operano in base al concetto di mutualità fra i vari assicurati, prescindendo dall accumulo nel tempo. Questo fa si che siano molto economiche in confronto alle precedenti se sottoscritte da persone anziane. Inoltre consentono di coprire, con costi estremamente ridotti, anche i casi di non autosufficienza giovanili. 6

7 Poiché fra il periodo di sottoscrizione e quello di utilizzo corre un numero di anni minori, anche i problemi di inflazione e potere d acquisto della cifra messa a disposizione sono meno importanti. In conclusione è un prodotto adatto ad un pubblico di età medio-elevata, con una maggiore esigenza di essere affiancato nella scelta delle soluzioni più vantaggiose in caso di non autosufficienza. Quanto costano le polizze? Trattandosi di un mercato nuovo non è possibile avere ancora un quadro preciso dei prezzi praticati. In generale i premi sono in funzione della età di sottoscrizione, di eventuali limitazioni nella durata del beneficio fornito e di periodi di carenza. Poiché il rischio aumenta con l età, i premi saranno tanto più elevati quanto maggiore è l età di ingresso in polizza. Tuttavia, definita l età di ingresso, generalmente il premio rimane costante per tutta la vita, in quanto si tiene già conto dei rischi legati all invecchiamento delle persone. Quindi quanto prima si sottoscrive tanto meno si paga. Esistono anche delle formule a premio unico con le quali si versa un premio una tantum e si è coperti per tutta la vita. Naturalmente il premio dipende anche dall ammontare della indennità/massimale e dalla durata della prestazione: normalmente quest ultima è prevista per tutta la vita, ma esistono anche prodotti che considerano un periodo di tempo limitato (3-5 anni)per il quale viene erogata la prestazione. Quest ultima può essere giustificata dalla considerazione che la durata della vita in condizioni di non autosufficienza è comunque limitata. In alcuni casi, poi, sono previsti dei periodi di carenza, cioè si considerano un certo numero di giorni di inabilità prima che si abbia diritto a percepire l indennità. Tale periodo varia fra 0 e 100 giorni. Una carenza di 20 giorni, ad esempio, significa che il calcolo della indennità decorre dal 21 esimo giorno. Evidentemente periodi di carenza più lunghi riducono il costo della copertura, per cui i due metodi per ridurne il costo sono iniziare i pagamenti da giovane ed accettare una carenza elevata. Nella scelta si tenga che in media la durata di una situazione di non autosufficienza dovuta a cause fisiche è di 1,8 anni e che quindi la polizza deve badare innanzitutto a riparare da conseguenze finanziarie devastanti. Diverso è il caso della non autosufficienza dovuta a cause psichiche (Alzheimer) nelle quali la durata della vita residua può superare i anni. Cosa coprono le polizze LTC? La maggior parte delle polizze LTC pagano l indennità alla perdita di un certo numero di ADL (activities of daily living; capacità di compiere gli atti elementari della vita: lavarsi, vestirsi, mangiare, muoversi), solitamente 3 su 4, oppure in caso di malattia mentale invalidante quale l Alzheimer. Definizione dettagliate degli ADL sono le seguenti Nutrirsi: capacità di portarsi il cibo, preparato da una terza persona, alla bocca da un piatto o scodella; 7

8 Vestirsi: capacità di indossare tutti i tipi di vestiario e di protesi eventualmente necessarie, inclusa la capacità di prenderle dal luogo dove sono normalmente custodite; Lavarsi: capacità di entrare ed uscire dal bagno, compiere in autonomia le funzioni igieniche; entrare ed uscire dalla vasca o dalla doccia od utilizzare una spugna per lavarsi senza l aiuto di altre persone; Muoversi: capacità di cambiare posizione, come alzarsi dal letto, trasferirsi su una poltrona o su una sedia a rotelle e viceversa. In mercati più avanzati (Francia) le polizze hanno due livelli di copertura: per la perdita di 2 ADL (o comunque per situazioni di non autosufficienza parziale) pagano una indennità/massimale ridotto, mentre per situazioni più gravi viene previsto il rimborso o il pagamento integrale. Attualmente in Italia, a differenza di quanto accade negli USA, non è necessario che vi sia un ricovero prima del riconoscimento della non autosufficienza. In alcuni casi, per cercare di superare la difficoltà psicologica legata alla sottoscrizione di un contratto che si attiva solo in condizioni molto gravi, alcune Compagnie prevedono che le polizze garantiscano comunque al compimento del 75 anno, la messa a disposizione del capitale maturato anche se, a quel momento, non si è verificato il caso di perdita di autosufficienza. Questa clausola vale solo per le polizze di tipo Vita Cosa non è coperto? Tutte le polizze contengono delle limitazioni ed esclusioni, altrimenti il prezzo sarebbe troppo alto. In generale si parla di: Periodo di effetto Spesso le garanzie di polizza non decorrono subito, ma l assicuratore chiede un periodo di osservazione dello stato di salute dell assicurato, per evitare situazioni in cui qualcuno, anche senza saperlo, fosse già malato al momento della sottoscrizione del contratto. In generale non vi è nessun ritardo dell effetto se la non autosufficienza deriva da infortunio; il periodo di osservazione dura un anno se la non autosufficienza deriva da malattia; tre anni se deriva da malattia mentale. Se la situazione di non autosufficienza si verificasse in questo periodo la Compagnia non è tenuta a pagare le prestazioni, ma rimborserà solo il premio versato. Condizioni preesistenti La Compagnia potrebbe richiedere che passi un certo periodo di tempo prima che la polizza paghi uno stato di non autosufficienza dovuto ad una malattia evidenziatasi prima della stipula della polizza. Questa esclusione viene chiamata Condizione preesistente. Alcune Compagnie escludono per sei mesi le conseguenze di condizioni preesistenti. Se la condizione di non autosufficienza si presentasse in questo periodo di sei mesi la Compagnia avrebbe diritto a negare permanentemente il pagamento della indennità. Esclusioni specifiche E importante, prima dell acquisto, capire cosa è coperto e cosa non. Ad esempio spesso vengono escluse le conseguenze di alcune (o tutte) le malattie mentali. 8

9 Certamente sono escluse le conseguenze di alcoolismo e di abuso di droghe che portassero a stati di non autosufficienza e così pure le cure necessitate da situazioni di guerra o di automutilazione Graduazione delle cure La maggior parte delle polizze operano qualunque sia il tipo di prestazione richiesta. All Estero è possibile trovare qualche Compagnia che richieda un periodo di assistenza domiciliare prima di passare alla fase della assistenza residenziale o chi differenzia l indennità in funzione del tipo di cure di cui si ha bisogno. In alcuni casi potrebbe essere previsto anche una graduazione della indennità in funzione del numero di ADL persi. Ovviamente, minori sono le restrizioni, migliore è la copertura Quali sono i vantaggi fiscali? Anche per le polizze LTC, sia che facciano capo al settore Vita che a quello Malattia il Decreto del Ministero delle Finanze del 22 Dicembre 2000 ha esteso anche a questo tipo di assicurazione i benefici fiscali in vigore per le polizze Vita e cioè: detrazione d imposta del 19% sui premi versati con il massimo di Euro /anno. Tale somma fa cumulo con quella delle altre assicurazioni detraibili (vita e malattia) per cui chi avesse già detratto 500 Euro come premio per una polizza vita potrà portare in detrazione solo il 19% di un premio massimo di 791 Euro. Tali vantaggi fiscali si applicano purché i contratti siano di lunga durata (per tutta la vita o pari alla durata della durata del rapporto di lavoro per le polizze collettive o almeno 10 anni con obbligo di rinnovo da parte della Compagnia) e non esista diritto di interrompere il contratto da parte della Compagnia (diritto che, invece, viene riconosciuto all Assicurato). 9

10 Cosa altro è necessario sapere prima dell acquisto? Pur essendo generalmente molto simili le condizioni contrattuali delle varie Compagnie, vi sono, tuttavia, alcune opzioni da considerare nell acquisto delle polizze LTC: Età massima di ingresso L età massima di ingresso in copertura varia a seconda delle polizze: evidentemente questo è un fattore di cui tenere conto se si ha già una certa età. Alcune polizze non prevedono l assicurabilità di persone al di sotto di una certa età in quanto il rischio è molto limitato, in questo modo però si perde l opportunità di pagare per tutta la vita un premio modesto che, ricordiamolo, è legato alla età di ingresso in polizza. Queste limitazioni si riferiscono solo alla età di ingresso, in quanto, una volta entrati in garanzia la polizza dura tutta la vita. Durata del pagamento della indennità Sebbene nella maggior parte dei casi la perdita di autosufficienza sia definitiva, potrebbe anche verificarsi il caso che l assicurato riprenda le proprie capacità (ad esempio dopo le conseguenze di un grave incidente stradale. Normalmente il pagamento della indennità viene sospeso alla perdita delle condizioni che lo determinavano. Alcune polizze, in altri Paesi, prevedono formule più complicate quali il passaggio di un certo periodo di tempo fra due situazioni di non autosufficienza o il pagamento della indennità solo per un episodio nella vita, oppure ancora solo per un periodo limitato di tempo (3-5 anni). Rinnovabilità Praticamente tutte le polizze LTC sono automaticamente rinnovabili: la Compagnia non ha mai il diritto di recedere dal contratto, tranne il caso in cui l assicurato non abbia pagato il premio o abbia riportato dichiarazioni inesatte nel questionario anamnestico. Il premio della polizza non può essere aumentato al singolo assicurato per un aggravamento del rischio; è consentito, invece, un aumento per tutti gli assicurati, se le condizioni attuariali dovessero cambiare (tassi di morbilità o di senescenza molto diversi da quelli ipotizzati in polizza). La durata della copertura e le condizioni di rinnovo sono riportate nel frontespizio della polizza. Clausola di restituzione Con questa clausola la Compagnia si impegna a restituire il capitale maturato, calcolato secondo le regole espresse in polizze, se, al raggiungimento di una certa età non si è verificata la condizione di non autosufficienza. Tale clausola aumenta generalmente il prezzo della polizza. Sospensione dei pagamenti 10

11 Questa clausola consente al beneficiario di sospendere il pagamento dei premi durante il periodo in cui riscuote l indennità. Va verificato se esistessero limitazioni a questo diritto che è solitamente offerto in tutti i contratti. Informazioni sanitarie Il questionario sanitario è molto importante perché è sulla base di quello che la Compagnia decide l assicurabilità della persona. Di conseguenza la compilazione del questionario deve essere accurata e completa. Il caso contrario la Compagnia potrebbe avanzare legittimamente riserve sul pagamento della indennità. Cambio di assicuratore Se si cambiasse assicuratore c è il rischio che la nuova polizza richieda un nuovo periodo di carenza od una nuova valutazione delle condizione preesistenti. Va verificato che la nuova copertura venga emessa in condizioni di continuità assicurativa con la polizza precedente, come se l assicuratore non fosse cambiato. Generalmente questa condizione viene praticata sulle coperture collettive, mentre è più rara su quelle individuali Un consiglio finale Le polizze sono contratti legali. Prima di acquistare una polizza è importante leggere e capire completamente tutte la clausole. E importante, anche se difficile, leggere la polizza in quanto Guide o materiali di vendita non hanno alcun valore legale. Non si abbia timore di chiedere al proprio Agente di Assicurazione la spiegazione di clausole poco chiare. Eventualmente ci si può far affiancare in questa operazione da una persona di fiducia, senza farsi prendere dalla fretta o dalla pressione commerciale del venditore. E opportuno ricordare che, dopo la firma, si hanno 15 giorni di tempo, nei quali può essere effettuato un ripensamento senza perdere soldi. 11

*XLGD DOOH SROL]]H /RQJ 7HUP &DUH

*XLGD DOOH SROL]]H /RQJ 7HUP &DUH *XLGD DOOH SROL]]H /RQJ 7HUP &DUH a cura di 0DWHULDOHDGLVSRVL]LRQHVXwww.unisalute.it 1RYHPEUH 2 6RPPDULR 8QL6DOXWHODSULPD&RPSDJQLDLWDOLDQDVSHFLDOL]]DWDQHOO DVVLVWHQ]DVDQLWDULD,QWURGX]LRQH &RVDVLLQWHQGHFRQ$VVLVWHQ]DVRFLRVDQLWDULD"

Dettagli

Guida alle polizze per la non autosufficienza e LTC

Guida alle polizze per la non autosufficienza e LTC Guida alle polizze per la non autosufficienza e LTC Sommario 1. UniSalute, la prima Compagnia italiana specializzata nell assistenza sanitaria... 5 2. Introduzione... 6 3. Cosa si intende con assistenza

Dettagli

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi Milano, 13 Settembre 2010 Francesco Fidanza: Dirigente Responsabile Previdenza Corporate e Clienti Istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. 2 EPPI - Benefici Assistenziali 2014

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. 2 EPPI - Benefici Assistenziali 2014 REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI 2 Dove cercare 3 4 5 Benefici assistenziali Parte I - Erogazione di contributi in conto interessi a fronte di mutui ipotecari e prestiti chirografari. Parte II - Erogazione

Dettagli

Fondi Pensione e Casse di Previdenza:

Fondi Pensione e Casse di Previdenza: Fondi Pensione e Casse di Previdenza: Cattolica Previdenza: un veicolo per gestire il rischio finanziario e demografico. Massimo Montecchio Responsabile Sistema di Offerta Vita e Previdenza Gruppo Cattolica

Dettagli

Cosa si intende per perdita di autosufficienza

Cosa si intende per perdita di autosufficienza RSA e fondi sanità integrativa: prospettive di sviluppo per la long term care 5 Convegno Annuale dell Osservatorio Settoriale sulle RSA Università Carlo Cattaneo LIUC Cosa si intende per perdita di autosufficienza

Dettagli

Assidai I nuovi piani sanitari 2011. Marco Rossetti Roma, 18 novembre 2010

Assidai I nuovi piani sanitari 2011. Marco Rossetti Roma, 18 novembre 2010 Assidai I nuovi piani sanitari 2011 Marco Rossetti Roma, 18 novembre 2010 Premessa Assidai I nuovi Piani Sanitari 2011 Premessa Per l anno 2011 Assidai ha introdotto significative innovazioni e miglioramenti

Dettagli

Comitato scientifico. Federazione delle Banche, delle Assicurazioni e della Finanza. Roma 6 Dicembre 2010

Comitato scientifico. Federazione delle Banche, delle Assicurazioni e della Finanza. Roma 6 Dicembre 2010 Comitato scientifico Federazione delle Banche, delle Assicurazioni e della Finanza Roma 6 Dicembre 2010 1 I problemi della sanità pubblica Pur senza entrare nei dettagli delle stime di crescita della spesa

Dettagli

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi

La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi La Long Term Care, componente importante nella gestione dei fondi sanitari: profili operativi Dott. Andrea Pezzi Direttore Generale Unisalute S.p.A Assistenza sanitaria Integrativa: Quali prospettive?

Dettagli

Lorena Capoccia Presidente Luiss Business School, Workshop Corporate Welfare, Roma 22 Maggio 2012

Lorena Capoccia Presidente Luiss Business School, Workshop Corporate Welfare, Roma 22 Maggio 2012 Lorena Capoccia Presidente Luiss Business School, Workshop Corporate Welfare, Roma 22 Maggio 2012 Chi è Assidai Assidai è un fondo no-profit che fornisce servizi sanitari integrativi, dal carattere innovativo,

Dettagli

Fondo Pensione Complementare Nazionale

Fondo Pensione Complementare Nazionale FONDO PENSIONE CONCRETO - Piazza G.Marconi, 25-00148 Roma - Tel. 06/5911727 - e.mail : info@fondoconcreto.it Indice Premessa Pag. 3 Cosa succede quando il lavoratore iscritto a CONCRETO va in pensione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R. 5/94 APPROVATO CON DELIB. C.C. 77 DEL 16.04.2003 Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ASSEGNO DI CURA L.R.

Dettagli

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA

FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA FONDO SOLIDARISTICO TERRITORIALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA BOLOGNA 25 maggio 2012 Contributo tecnico alla riflessione di Fiammetta Fabris (Direttore Operativo UniSalute S.p.A) 1 INDICE NON AUTOSUFFICIENZA

Dettagli

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Anziani per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Anziani per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate Ambito di Seriate Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri Regolamento per l erogazione del Buono

Dettagli

NORMATIVO. delle coperture LONG TERM CARE per collettività. dei Soci Aggregati al. Fondo V.I.S. Vita In Salute COPERTURA 2013

NORMATIVO. delle coperture LONG TERM CARE per collettività. dei Soci Aggregati al. Fondo V.I.S. Vita In Salute COPERTURA 2013 NORMATIVO delle coperture LONG TERM CARE per collettività dei Soci Aggregati al Fondo V.I.S. Vita In Salute COPERTURA 2013 Associazione V.I.S. VITA IN SALUTE Fondo di Assistenza Sanitaria Integrativa Sede

Dettagli

CONOSCERE L ASSICURAZIONE

CONOSCERE L ASSICURAZIONE CONOSCERE L ASSICURAZIONE VIDEO N. 6 Quando c è la salute, c è tutto LA SALUTE, IL BENE PIÙ PREZIOSO Da quando nasciamo, e per tutta la vita, la salute è il bene più prezioso che abbiamo. Spesso però non

Dettagli

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Disabili per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate

Ambito di Seriate. Regolamento per l erogazione del Buono Disabili per cittadini residenti nei Comuni dell Ambito di Seriate Ambito di Seriate Seriate, Albano S.Alessandro, Bagnatica, Brusaporto, Cavernago, Costa di Mezzate, Grassobbio, Montello, Pedrengo, Scanzorosciate, Torre de Roveri Regolamento per l erogazione del Buono

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI Art. 1 - FINALITA In accordo con gli indirizzi nazionali fissati dal Piano nazionale degli interventi e dei servizi sociali 2001-2003

Dettagli

Traguardi Unici A.T.

Traguardi Unici A.T. Traguardi Unici A.T. Aprile 2009 Il prodotto 2 Il prodotto Piano Risparmio Altre garanzie Esonero Pagamento Premi Temporanea Caso Morte Long Term Care (LTC) 3 Caratteristiche tecniche Tariffa Capitale

Dettagli

Pramerica Life S.p.A.

Pramerica Life S.p.A. Pramerica Life S.p.A. A Business of Prudential Financial, Inc (USA) Presentazione per SDNAME 26 giugno 2013 09 Settembre 2010-1 - Pramerica Life S.p.A. Il Gruppo PFI (1/2) PFI (*) PFI (*), fondata nel

Dettagli

Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare

Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare VERSIONE PROVVISORIA Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda

Dettagli

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA

PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA PIATTAFORMA DEI SINDACATI PENSIONATI SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL DELLA LOMBARDIA SULLA NON AUTOSUFFICIENZA Con l allungamento della vita, l età media e le condizioni fisiche e psichiche le caratteristiche

Dettagli

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015 L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo Padova, 22 maggio 2015 Il secondo Welfare dei Dottori Commercialisti dott.ssa Anna Faccio In caso di gravidanza

Dettagli

ENPAM - Nuova Polizza Sanitaria 2015 - UniSalute

ENPAM - Nuova Polizza Sanitaria 2015 - UniSalute ENPAM - Nuova Polizza Sanitaria 2015 - UniSalute Piani sanitari per gli Associati dell Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza dei Medici e loro familiari. Con il 2015 parte la Nuova Polizza Sanitaria.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL'ASSEGNO DI CURA EROGATO PER IL MANTENIMENTO A DOMICILIO DELL'ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL'ASSEGNO DI CURA EROGATO PER IL MANTENIMENTO A DOMICILIO DELL'ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL'ASSEGNO DI CURA EROGATO PER IL MANTENIMENTO A DOMICILIO DELL'ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE Approvato dal Comitato di Distretto nella seduta del 28.01.2011 Modificato dal

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

UDA. Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo. Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili

UDA. Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo. Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili Assicurazioni e contratto assicurativo: schema riassuntivo Il concetto di assicurazione e gli eventi assicurabili La percezione dei rischi e i bisogni assicurativi i principi generali che regolano l assicurazione

Dettagli

Assistenza Sanitaria Integrativa Generalità

Assistenza Sanitaria Integrativa Generalità Assistenza Sanitaria Integrativa Generalità Generalità assistenza sanitaria integrativa Slide 3-4 Fondi sanitari: generalità Slide 5-7 Normativa Assistenza sanitaria integrativa Fondi sanitari Slide 8-12

Dettagli

Assicurazioni Generali S.p.A. - Area Vita ed Employee Benefit. Forme di assistenza a tutela dell attività professionale. Milano, 17 maggio 2013

Assicurazioni Generali S.p.A. - Area Vita ed Employee Benefit. Forme di assistenza a tutela dell attività professionale. Milano, 17 maggio 2013 1 Assicurazioni Generali S.p.A. Area Vita ed Employee Benefits Collettive Infortuni, Malattie e Fondi Sanitari Forme di assistenza a tutela dell attività professionale Milano, 17 maggio 2013 Agenda 2 Forma

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza

Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Progetto ANZIANI domiciliarità e non autosufficienza Allegato A MODALITÀ DI UTILIZZO DEL FONDO PER LE NON AUTOSUFFICIENZE E DEL FONDO FINALIZZATO ALLA PERMANENZA O RITORNO IN FAMIGLIA DI PERSONE PARZIALMENTE

Dettagli

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve

CITTÀ DI CLUSONE. Provincia di Bergamo. Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve CITTÀ DI CLUSONE Provincia di Bergamo Ambito Territoriale n 9, Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELLA COMPARTECIPAZIONE ECONOMICA DEI COMUNI DELL AMBITO ALLE SPESE

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DI UN INTERMEDIARIO ASSICURATIVO SPECIALIZZATO CESARE ROSSI - EUROPA BENEFITS SRL

IL PUNTO DI VISTA DI UN INTERMEDIARIO ASSICURATIVO SPECIALIZZATO CESARE ROSSI - EUROPA BENEFITS SRL IL PUNTO DI VISTA DI UN INTERMEDIARIO ASSICURATIVO SPECIALIZZATO CESARE ROSSI - EUROPA BENEFITS SRL Specialisti nel Welfare Aziendale I NOSTRI PRINCIPALI CLIENTI: CASSA DI ASSISTENZA PREVITALIA - FONDO

Dettagli

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO COMUNALE LINEE D INTERVENTO 1 2 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ***************************

Dettagli

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92

IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA E DELLA L. 104/92 L'invalidità è la difficoltà a svolgere alcune funzioni tipiche della vita quotidiana o di relazione a causa di una menomazione o di un deficit fisico,

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 41955/15 del 15 giugno 2015. Pagina 1 di 18

Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 41955/15 del 15 giugno 2015. Pagina 1 di 18 REGOLAMENTO SULLA COMPARTECIPAZIONE DA PARTE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI D ASSISTENZA DOMICILIARE, PASTI A DOMICILIO E RETTA DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI E SEMIRESIDENZIALI

Dettagli

REFERENDUM PER L ADESIONE ALL INIZIATIVA LONG TERM CARE PER I SOCI DELLA CASSA MUTUA

REFERENDUM PER L ADESIONE ALL INIZIATIVA LONG TERM CARE PER I SOCI DELLA CASSA MUTUA REFERENDUM PER L ADESIONE ALL INIZIATIVA LONG TERM CARE PER I SOCI DELLA CASSA MUTUA Premessa Scopo dell Associazione di Cassa Mutua è quello di prestare assistenza morale e materiale ai propri Associati

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO

INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO L indennità di accompagnamento è stata istituita con la l.18/1980 e modificata, per un esigenza di chiarimento largamente diffusa, dall art. 1 della l. 508/1988.Infatti, la

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO SANITARIO PLURIAZIENDALE. MUTUA LIGURE SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO Via Brigata Liguria n. 105r - 16121 Genova

REGOLAMENTO DEL FONDO SANITARIO PLURIAZIENDALE. MUTUA LIGURE SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO Via Brigata Liguria n. 105r - 16121 Genova REGOLAMENTO DEL FONDO SANITARIO PLURIAZIENDALE di cui dell art. 51 comma 2 lett a) del TUIR DPR 917/1986 istituito da MUTUA LIGURE SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO Via Brigata Liguria n. 105r - 16121 Genova AVENTE

Dettagli

COMUNITA' ALLOGGIO DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO

COMUNITA' ALLOGGIO DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO COMUNITA' ALLOGGIO DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio per disabili di Strada Torino 32 a Moncalieri denominata "C O2 Case" costituisce una reale e concreta alternativa al ricovero

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA AVVISO PUBBLICO ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ANNUALITA 2015-2016

COMUNE DI SENIGALLIA AVVISO PUBBLICO ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ANNUALITA 2015-2016 COMUNE DI SENIGALLIA AVVISO PUBBLICO ASSEGNO DI CURA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ANNUALITA 2015-2016 Ai sensi della deliberazione della Giunta Regionale n. 328 del 20.04.2015 sono destinatari dell

Dettagli

sb Investments & Trusts Consultancy

sb Investments & Trusts Consultancy Polizze, addio Come parte delle cose da fare, dovresti prima di tutto essere realista e considerare l effettività o meno di una copertura assicurativa. Se una famiglia ha una assicurazione dopo tanti decenni

Dettagli

L impatto della riforma dell ISEE sulle prestazioni socio-sanitarie per la non autosufficienza in Toscana

L impatto della riforma dell ISEE sulle prestazioni socio-sanitarie per la non autosufficienza in Toscana L impatto della riforma dell ISEE sulle prestazioni socio-sanitarie per la non autosufficienza in Toscana Letizia Ravagli STUDI E APPROFONDIMENTI RICONOSCIMENTI Il lavoro è stato redatto da Letizia Ravagli

Dettagli

NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI

NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI Allegato alla Delibera N. 9 del 27/05/2011 NUOVI CRITERI PER L EROGAZIONE DELL ASSEGNO DI CURA SOCIO-ASSISTENZIALE RIVOLTO AD ANZIANI E DISABILI CAPO I - CRITERI OMOGENEI DI ACCESSO ALL INTERVENTO Art.

Dettagli

La prestazione pensionistica in forma rateale: LA RENDITA

La prestazione pensionistica in forma rateale: LA RENDITA La prestazione pensionistica in forma rateale: LA RENDITA Guida alla scelta della migliore opzione per il socio iscritto che ha maturato i requisiti per la pensione complementare La Pensione Complementare

Dettagli

Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona

Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile BUONO SOCIALE A SOSTEGNO DI FAMIGLIE/RETI DI SOLIDARIETA CHE SI PRENDONO CURA, NEL CONTESTO DOMICILIARE,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI.

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI. REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO DI ANZIANI E INABILI IN STRUTTURE RESIDENZIALI. 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina l inserimento di anziani non autosufficienti in strutture protette

Dettagli

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria

L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria L evoluzione della copertura assicurativa in tema di assistenza socio/sanitaria Dott.ssa Fiammetta Fabris Vice Direttore Generale Area Operativa UniSalute S.p.A Torino - 13 Dicembre 2013 1 UNISALUTE: SPECIALISTI

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

Il presente fascicolo informativo, contenente:

Il presente fascicolo informativo, contenente: Contratto per l Assicurazione dei rischi di morte dovuta a infortunio, invalidità permanente totale, inabilità temporanea totale, ricovero ospedaliero dovuti a infortunio o malattia CPI Creditor Protection

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L AMMISSIONE IN STRUTTURE RESIDENZIALI DI ANZIANI E ALTRE CATEGORIE DI ASSISTITI.

REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L AMMISSIONE IN STRUTTURE RESIDENZIALI DI ANZIANI E ALTRE CATEGORIE DI ASSISTITI. REGOLAMENTO RECANTE MODALITA E CRITERI PER L AMMISSIONE IN STRUTTURE RESIDENZIALI DI ANZIANI E ALTRE CATEGORIE DI ASSISTITI. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 28 aprile 1997

Dettagli

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Torino, 11 novembre 2013 Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Prestazioni Assistenziali a favore dei Dottori Commercialisti In caso di Gravidanza: -Indennità di maternità -Interruzione

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO n. 15 L. 328/00 PATTO PER LA GESTIONE DI INTERVENTI DOMICILIARI AI DISABILI. L anno il giorno del mese nei locali

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO n. 15 L. 328/00 PATTO PER LA GESTIONE DI INTERVENTI DOMICILIARI AI DISABILI. L anno il giorno del mese nei locali DISTRETTO SOCIO-SANITARIO n. 15 L. 328/00 COMUNi: BRONTE MALETTO MANIACE E RANDAZZO Allegato : C PATTO PER LA GESTIONE DI INTERVENTI DOMICILIARI AI DISABILI L anno il giorno del mese nei locali, in via

Dettagli

CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali - Via P. Lacava, n. 2-85100 Potenza

CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali - Via P. Lacava, n. 2-85100 Potenza CITTÀ DI POTENZA Unità di Direzione Servizi Sociali - Via P. Lacava, n. 2-85100 Potenza AVVISO PUBBLICO IL SINDACO rende noto che, ai sensi e per effetto della Delibera di Giunta Comunale n. d Ord. 63

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE NELLE MODALITA DEL BUONO DI SERVIZIO Adottato con deliberazione consiliare N.48 dd. 29.11.2004 Premessa

Dettagli

Generalità Assistenza Sanitaria Integrativa. Differenze principali tra Fondi Sanitari e Compagnie assicurative

Generalità Assistenza Sanitaria Integrativa. Differenze principali tra Fondi Sanitari e Compagnie assicurative Generalità Assistenza Sanitaria Integrativa Differenze principali tra Fondi Sanitari e Compagnie assicurative Nuovo welfare e sviluppo dell assistenza sanitaria integrativa Il crescente invecchiamento

Dettagli

Fideuram Progetto Pensione

Fideuram Progetto Pensione Fideuram Progetto Pensione CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA A PREMIO UNICO RICORRENTE DESTINATO AD ATTUARE FORME PENSIONISTICHE INDIVIDUALI Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Scheda

Dettagli

Saggiamente La garanzia della protezione, la tranquillità del capitale.

Saggiamente La garanzia della protezione, la tranquillità del capitale. Saggiamente La garanzia della protezione, la tranquillità del capitale. 2 Il miglioramento della qualità della vita e i progressi della medicina stanno modificando le nostre abitudini e le nostre aspettative

Dettagli

Long Term Care (LTC) - le prospettive per il mercato assicurativo italiano. Due modelli a confronto: Germania e Stati Uniti INDICE

Long Term Care (LTC) - le prospettive per il mercato assicurativo italiano. Due modelli a confronto: Germania e Stati Uniti INDICE QUADERNI 3 Long Term Care (LTC) - le prospettive per il mercato assicurativo italiano. Due modelli a confronto: Germania e Stati Uniti INDICE INTRODUZIONE 1. Premessa 2. Presentazione dello studio PARTE

Dettagli

ASSISTENZA WELFARE DOMANI

ASSISTENZA WELFARE DOMANI ASSISTENZA OGGI WELFARE DOMANI In attuazione del principio costituzionale di sicurezza sociale, la Cassa, oltre ai trattamenti previdenziali, tutela gli iscritti mediante erogazione di trattamenti assistenziali,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA. Contratto di Assicurazione infortuni e malattia/ad Personam

NOTA INFORMATIVA. Contratto di Assicurazione infortuni e malattia/ad Personam Contratto di Assicurazione infortuni e malattia/ad Personam Ad Personam/Mod. X0403.0 Edizione 2/2009 Assicurazione infortuni e malattia/ad Personam La presente Nota Informativa è redatta secondo lo schema

Dettagli

Meglio averla che non averla

Meglio averla che non averla Meglio averla che non averla LE POLIZZE INFORTUNI COS È LA POLIZZA FORTUNA LA COPERTURA IN CASO DI MORTE LA COPERTURA IN CASO DI INVALIDITÁ PERMANENTE LE ALTRE COPERTURE RIEPILOGHIAMO Le polizze infortuni

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME Prot. n. 946 Del /3/4 BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME ANNUALITA 3 Il Responsabile del Servizio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

Art. 10 Compiti del Comune

Art. 10 Compiti del Comune CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA MATERIALE DIVERSAMENTE ABILI: PERIODO DAL 15.06.2012-31.12.2012 (Assistenza domiciliare) PERIODO DAL 01.10.2012 31.12.2012 (Assistenza

Dettagli

DOCUMENTO SULLE RENDITE

DOCUMENTO SULLE RENDITE DOCUMENTO SULLE RENDITE Redatto in conformità allo schema di Nota Informativa deliberato dalla Covip in data 31.10.06 Avvertenza: questo documento ha lo scopo di fornire elementi idonei a facilitare l

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI: COMUNE DI LOIANO INFORMAZIONI UTILI SUI SERVIZI SOCIALI AGLI ANZIANI

CARTA DEI SERVIZI: COMUNE DI LOIANO INFORMAZIONI UTILI SUI SERVIZI SOCIALI AGLI ANZIANI ORARI DI RICEVIMENTO DEL PUBBLICO - lo Sportello Sociale, quale punto di accesso unitario ai servizi sociali e socio-assistenziali del comune, dell'ausl e di altri soggetti pubblici e privati, offrendo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA Comune di Castel Maggiore (Provincia di Bologna) CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA INDICE - I servizi di aiuto e sostegno alla persona nel sistema locale dei servizi sociali a rete - I

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO FAMIGLIE - APPROVATO CON ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE N. 42

Dettagli

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO

PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 42/11 DEL 4.10.2006 PROGRAMMA SPERIMENTALE RITORNARE A CASA (art. 17, comma 1, L.R. 4/2006) LINEE DI INDIRIZZO 1 - Introduzione Il programma Ritornare a casa è finalizzato

Dettagli

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI In conformità alla L. 328/2000 e al D. Lgs 109/1998, come modificato dal D. Lgs 130/2000, visto il D.P.C.M. 242/2001 ed i principi

Dettagli

Coperture Assicurative per i Dipendenti del Gruppo Banco Popolare

Coperture Assicurative per i Dipendenti del Gruppo Banco Popolare Pag 1/6 Coperture Assicurative per i Dipendenti del Gruppo Banco Popolare Sotto la voce coperture assicurative sono comprese una serie di garanzie di natura diversa: alcune sono applicazione del Contratto

Dettagli

REGIONE UMBRIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE. 02/03/2005 n. 376. LA GIUNTA REGIONALE

REGIONE UMBRIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE. 02/03/2005 n. 376. LA GIUNTA REGIONALE REGIONE UMBRIA OGGETTO: ATTUAZIONE DELL'ART.3 L.24/2004 'ASSEGNO DI CURA PER L'ASSISTENZA A DOMICILIO DI ANZIANI GRAVEMENTE NON AUTOSUFFICIENTI. APPROVAZIONE REQUISITI DI ACCESSO, MODALITA' DI EROGAZIONE

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Multirischi Esercizi Commerciali per Confcommercio per una copertura completa ed esclusiva della tua attività commerciale;

Multirischi Esercizi Commerciali per Confcommercio per una copertura completa ed esclusiva della tua attività commerciale; SINTESI CONVENZIONE La collaborazione Confcommercio Imprese per l Italia e Vittoria Assicurazioni arricchisce la propria offerta, proponendo agli Associati Confcommercio e, da oggi, anche ai loro familiari

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI COMUNE DI VILLABATE PROV. DI PALERMO ALLEGATO ALLA DELIBERA COMMISSARIALE N. DEL REGOLAMENTO DEL SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) AGLI ANZIANI (Legge 9.5.1986 n.22; Decreto Presidenziale

Dettagli

Premessa CRITERI PER L'AMMISSIONE AGLI "ASSEGNI PER L'ASSISTENZA"

Premessa CRITERI PER L'AMMISSIONE AGLI ASSEGNI PER L'ASSISTENZA REGOLAMENTO Criteri di valutazione per l'ammissione ai benefici economici in favore della popolazione anziana non autosufficiente previsti dalla L.R. 108/95. Premessa La L.R. 108/95 al fine di promuovere

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI

PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DI CAGLIARI Allegato A REGOLAMENTO RECANTE MODALITA D INSERIMENTO IN STRUTTURA DI ADULTI, ANZIANI E DISABILI INDICE Art. 1 Oggetto Art 2 Destinatari Art. 3 Requisiti Art. 4 Valutazione del bisogno

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

C I T TA D I P O T E N Z A UNITA DI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI

C I T TA D I P O T E N Z A UNITA DI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI C I T TA D I P O T E N Z A UNITA DI DIREZIONE SERVIZI SOCIALI Ufficio Servizi Sociali Oggetto: Progetto CONTRATTI ASSISTITI Premesso che: Relazione istruttoria/illustrativa Quello della casa non è un problema

Dettagli

Ambito territoriale 1 Bergamo Comuni di Bergamo, Gorle, Orio al Serio, Ponteranica, Sorisole, Torre Boldone

Ambito territoriale 1 Bergamo Comuni di Bergamo, Gorle, Orio al Serio, Ponteranica, Sorisole, Torre Boldone Ambito territoriale 1 Bergamo Comuni di Bergamo, Gorle, Orio al Serio, Ponteranica, Sorisole, Torre Boldone Criteri per l erogazione del Voucher socio-educativo e assistenziale per l acquisto di prestazioni

Dettagli

FONDO ASSISTENZA PREVIDIR FONDO INTERAZIENDALE DI ASSISTENZA

FONDO ASSISTENZA PREVIDIR FONDO INTERAZIENDALE DI ASSISTENZA FONDO ASSISTENZA PREVIDIR FONDO INTERAZIENDALE DI ASSISTENZA REGOLAMENTO LONG TERM CARE EDIZIONE 2010-1 - Nozioni fondamentali - Assistito La persona fisica a cui sono erogate le prestazioni previste dalla

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA S. Spirito Fondazione Montel PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA S. Spirito Fondazione Montel PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO Parte integrante e sostanziale della deliberazione n. 61 di data 30 dicembre 2013 AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO ALLEGATO 1 SERVIZI RESIDENZIALI Pergine

Dettagli

Cattolica & solidarietà - Una mano a chi ci sta a cuore -

Cattolica & solidarietà - Una mano a chi ci sta a cuore - Cattolica & solidarietà - Una mano a chi ci sta a cuore - Assemblea Nazionale Anffas Onlus 23 Maggio 2015 Direzione Vita e Previdenza - Sviluppo Offerta Vita e Previdenza 1 SOCIETÁ CATTOLICA DI ASSICURAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO SANITARIO PLURIAZIENDALE della S.M.P.

REGOLAMENTO DEL FONDO SANITARIO PLURIAZIENDALE della S.M.P. REGOLAMENTO DEL FONDO SANITARIO PLURIAZIENDALE della S.M.P. di cui all art. 51 comma 2 lett. a) del TUIR DPR 917/1986 istituito dalla Società di Mutuo Soccorso SOCIETÀ MUTUA PINEROLESE 10064 PINEROLO (TO)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA - Approvato con nota Ministeriale del 25 ottobre 2004 e modifiche approvate con successiva nota Ministeriale del 24 luglio 2006 - Testo integrato in vigore

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DI ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO DI ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione consiliare n. 35 del 13 luglio 1995 Modificato con deliberazioni consiliari:

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco allegato alla deliberazione dell Assemblea consortile n. 13 del 18.12.2009 C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco REGOLAMENTO SUI CRITERI PER LA COMPARTECIPAZIONE

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Introduzione Un aspetto al quale è stata dedicata relativamente poca attenzione durante gli

Dettagli

Agar Brugiavini Università Ca Foscari Venezia CNR, Roma, 25 Novembre 2011

Agar Brugiavini Università Ca Foscari Venezia CNR, Roma, 25 Novembre 2011 Il problema dell autosufficienza degli anziani: potenziale bisogno di assistenza a lungo termine nei dati SHARE Agar Brugiavini Università Ca Foscari Venezia CNR, Roma, 25 Novembre 2011 1 Perché l assistenza

Dettagli

Euribor 1 mese + 1,70 max tasso 5,40. Euribor 1 mese + 1,80 max tasso 5,50. Euribor 1 mese + 1,90 max tasso 5,60. Euribor 1 mese + 2,00 max tasso 5,70

Euribor 1 mese + 1,70 max tasso 5,40. Euribor 1 mese + 1,80 max tasso 5,50. Euribor 1 mese + 1,90 max tasso 5,60. Euribor 1 mese + 2,00 max tasso 5,70 ENTI E RELAZIONI TERRITORIALI Spett.le SER. SER. Srl c/o Consorzio CAM Via Gagliardi Domenico n. 23 40062 MOLINELLA (BO) Bologna, 01 maggio 2010 OGGETTO: Proposta condizioni per accolli e/o nuovi mutui.

Dettagli

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione GUIDA INTRODUTTIVA ALLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE www.covip.it Guida introduttiva alla previdenza complementare Perché questa Guida... 3 Perché la previdenza

Dettagli

PIANI SANITARI INTEGRATIVI PER I NUCLEI FAMILIARI del personale non dirigente della DMO assistito da PREVIASS II. Milano, 12 DICEMBRE 2014

PIANI SANITARI INTEGRATIVI PER I NUCLEI FAMILIARI del personale non dirigente della DMO assistito da PREVIASS II. Milano, 12 DICEMBRE 2014 PIANI SANITARI INTEGRATIVI PER I NUCLEI FAMILIARI del personale non dirigente della DMO assistito da PREVIASS II Milano, 12 DICEMBRE 2014 TUTTOSALUTE!PREVIASS II per la DMO: IL PIANO SANITARIO CHE METTE

Dettagli