procedura amministrativa

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "procedura amministrativa"

Transcript

1 Associazione dei dottori chimici della Toscana Firenze - 13 ottobre 2011 Conferenza di servizi procedura amministrativa Marco Nardini

2 le fonti normative titolo V della Costituzione legge n. 241 del 7 agosto 1990 l. r. Toscana n. 40 del 23 luglio 2009 regolamenti locali

3 Costituzione Art. 117 Spetta alle Regioni la potestà legislativa in riferimento ad ogni materia non espressamente riservata alla legislazione dello Stato. i Comuni, le Province e le Città metropolitane hanno potestà regolamentare in ordine alla disciplina dell organizzazione e dello svolgimento delle funzioni loro attribuite

4 Legge 241/90 - ambito di applicazione Art. 29. Le disposizioni della presente legge si applicano alle amministrazioni statali e agli enti pubblici nazionali.

5 Legge 241/90 - ambito di applicazione Art. 29. Le disposizioni della presente legge si applicano alle amministrazioni statali e agli enti pubblici nazionali. Le disposizioni di cui agli articoli 2-bis, 11, 15 e 25, commi 5, 5-bis e 6, nonché quelle del capo IV-bis si applicano a tutte le amministrazioni pubbliche

6 Legge 241/90 - ambito di applicazione Art. 29. Le disposizioni della presente legge si applicano alle amministrazioni statali e agli enti pubblici nazionali. Le disposizioni di cui agli articoli 2-bis, 11, 15 e 25, commi 5, 5-bis e 6, nonché quelle del capo IV-bis si applicano a tutte le amministrazioni pubbliche Le regioni e gli enti locali, nell'àmbito delle rispettive competenze, regolano le materie disciplinate dalla presente legge nel rispetto del sistema costituzionale e delle garanzie del cittadino nei riguardi dell'azione amministrativa, così come definite dai princìpi stabiliti dalla presente legge

7 Legge 241/90 - ambito di applicazione Art. 29. Le disposizioni della presente legge si applicano alle amministrazioni statali e agli enti pubblici nazionali. Le disposizioni di cui agli articoli 2-bis, 11, 15 e 25, commi 5, 5-bis e 6, nonché quelle del capo IV-bis si applicano a tutte le amministrazioni pubbliche Le regioni e gli enti locali, nell'àmbito delle rispettive competenze, regolano le materie disciplinate dalla presente legge nel rispetto del sistema costituzionale e delle garanzie del cittadino nei riguardi dell'azione amministrativa, così come definite dai princìpi stabiliti dalla presente legge Attengono ai livelli essenziali delle prestazioni di cui all articolo 117 della Costituzione garantire la partecipazione dell interessato al procedimento, individuarne un responsabile, concluderlo entro il termine prefissato, assicurare l accesso alla documentazione amministrativa, durata massima dei procedimenti, dichiarazione di inizio attività, silenzio assenso, conferenza di servizi

8 Legge 241/90 - ambito di applicazione Art. 29. Le disposizioni della presente legge si applicano alle amministrazioni statali e agli enti pubblici nazionali. Le disposizioni di cui agli articoli 2-bis, 11, 15 e 25, commi 5, 5-bis e 6, nonché quelle del capo IV-bis si applicano a tutte le amministrazioni pubbliche Le regioni e gli enti locali, nell'àmbito delle rispettive competenze, regolano le materie disciplinate dalla presente legge nel rispetto del sistema costituzionale e delle garanzie del cittadino nei riguardi dell'azione amministrativa, così come definite dai princìpi stabiliti dalla presente legge Attengono ai livelli essenziali delle prestazioni di cui all articolo 117 della Costituzione garantire la partecipazione dell interessato al procedimento, individuarne un responsabile, concluderlo entro il termine prefissato, assicurare l accesso alla documentazione amministrativa, durata massima dei procedimenti, dichiarazione di inizio attività, silenzio assenso, conferenza di servizi Le regioni e gli enti locali non possono stabilire garanzie inferiori a quelle assicurate ai privati dalle disposizioni attinenti ai livelli essenziali delle prestazioni ma possono prevedere livelli ulteriori di tutela

9 l. r. Toscana n. 40/2009 (legge di semplificazione e riordino normativo 2009) art oggetto e finalità art ricorso alla conferenza art convocazione art svolgimento dei lavori art- 24 bis - acquisizione della VIA art partecipazione alla conferenza art rappresentante della Regione nelle conferenze art dissenso e assenso condizionato art conclusione dei lavori e determinazione finale art effetti del dissenso

10 Oggetto e finalità art. 21 Il presente capo disciplina le conferenze di servizi promosse dalla Regione e dagli enti locali...

11 Oggetto e finalità art. 21 Il presente capo disciplina le conferenze di servizi promosse dalla Regione e dagli enti locali La Regione disciplina la conferenza di servizi come strumento per una più semplice e rapida conclusione del procedimento, una valutazione unitaria dei diversi interessi pubblici coinvolti e un equo contemperamento tra questi e gli interessi dei soggetti privati, favorendo altresì la collaborazione tra le diverse amministrazioni coinvolte e la partecipazione dei cittadini.

12 Ricorso alla conferenza di servizi art. 22 La conferenza di servizi costituisce una modalità generale di semplificazione dell azione amministrativa...

13 Ricorso alla conferenza di servizi art. 22 La conferenza di servizi costituisce una modalità generale di semplificazione dell azione amministrativa cui l amministrazione può ricorrere...

14 Ricorso alla conferenza di servizi art. 22 La conferenza di servizi costituisce una modalità generale di semplificazione dell azione amministrativa cui l amministrazione può ricorrere, nelle fasi preliminare, istruttoria e decisoria del procedimento amministrativo...

15 Ricorso alla conferenza di servizi art. 22 La conferenza di servizi costituisce una modalità generale di semplificazione dell azione amministrativa cui l amministrazione può ricorrere, nelle fasi preliminare, istruttoria e decisoria del procedimento amministrativo, qualora sia opportuno effettuare un esame contestuale di vari interessi pubblici coinvolti nel procedimento stesso.

16 Ricorso alla conferenza di servizi art. 22 La conferenza di servizi costituisce una modalità generale di semplificazione dell azione amministrativa cui l amministrazione può ricorrere, nelle fasi preliminare, istruttoria e decisoria del procedimento amministrativo, qualora sia opportuno effettuare un esame contestuale di vari interessi pubblici coinvolti nel procedimento stesso. La conferenza è sempre convocata quando è necessario acquisire assensi comunque denominati

17 Ricorso alla conferenza di servizi art. 22 La conferenza di servizi costituisce una modalità generale di semplificazione dell azione amministrativa cui l amministrazione può ricorrere, nelle fasi preliminare, istruttoria e decisoria del procedimento amministrativo, qualora sia opportuno effettuare un esame contestuale di vari interessi pubblici coinvolti nel procedimento stesso. La conferenza è sempre convocata quando è necessario acquisire assensi comunque denominati In tal caso può essere convocata: a) immediatamente, al fine di acquisire gli atti di assenso necessari; b) quando gli atti di assenso non siano stati rilasciati entro 30 giorni...; c) quando sia intervenuto dissenso...

18 Ricorso alla conferenza di servizi art. 22 La conferenza di servizi costituisce una modalità generale di semplificazione dell azione amministrativa cui l amministrazione può ricorrere, nelle fasi preliminare, istruttoria e decisoria del procedimento amministrativo, qualora sia opportuno effettuare un esame contestuale di vari interessi pubblici coinvolti nel procedimento stesso. La conferenza è sempre convocata quando è necessario acquisire assensi comunque denominati In tal caso può essere convocata: a) immediatamente, al fine di acquisire gli atti di assenso necessari; b) quando gli atti di assenso non siano stati rilasciati entro 30 giorni...; c) quando sia intervenuto dissenso... anche su richiesta dell interessato

19 Convocazione art. 23 la prima riunione si tiene entro quindici giorni e comunque entro trenta giorni (casi complessi)

20 Convocazione art. 23 la prima riunione si tiene entro quindici giorni e comunque entro trenta giorni (casi complessi) La convocazione è fatta pervenire almeno cinque giorni prima

21 Convocazione art. 23 la prima riunione si tiene entro quindici giorni e comunque entro trenta giorni (casi complessi) La convocazione è fatta pervenire almeno cinque giorni prima Entro tre giorni le amministrazioni possono richiedere data diversa

22 Convocazione art. 23 la prima riunione si tiene entro quindici giorni e comunque entro trenta giorni (casi complessi) La convocazione è fatta pervenire almeno cinque giorni prima Entro tre giorni le amministrazioni possono richiedere data diversa L amministrazione fissa una nuova data entro cinque giorni successivi alla L amministrazione fissa una nuova data entro cinque giorni successivi alla prima.

23 Convocazione art. 23 la prima riunione si tiene entro quindici giorni e comunque entro trenta giorni La convocazione è fatta pervenire almeno cinque giorni prima Entro tre giorni le amministrazioni possono richiedere data diversa L amministrazione fissa una nuova data entro cinque giorni successivi alla prima. Della convocazione è data notizia nel sito istituzionale dell amministrazione procedente

24 Partecipazione art. 25 Alla conferenza partecipa un rappresentante per ciascuna delle amministrazioni convocate

25 Partecipazione art. 25 Alla conferenza partecipa un rappresentante per ciascuna delle amministrazioni convocate Alla conferenza partecipa un rappresentante per ciascun concessionario, gestore o incaricato di pubblico servizio

26 Partecipazione art. 25 Alla conferenza partecipa un rappresentante per ciascuna delle amministrazioni convocate Alla conferenza partecipa un rappresentante per ciascun concessionario, gestore o incaricato di pubblico servizio i soggetti portatori di interessi pubblici o privati, individuali o collettivi e i portatori di interessi diffusi costituiti in associazioni o in comitati che vi abbiano interesse, possono proporre osservazioni scritte delle quali si tiene conto...

27 Dissenso - assenso condizionato art. 27 Il dissenso è manifestato, a pena di inammissibilità, nella conferenza di servizi, è congruamente motivato

28 Conclusione dei lavori - determinazione finale art. 28 Qualora non si raggiunga l unanimità degli assensi, la determinazione è assunta tenendo conto delle posizioni prevalenti salve le ipotesi di dissenso espresso da una o più amministrazioni preposte alla tutela ambientale, paesaggistico-territoriale, del patrimonio storico-artistico, della salute o della pubblica incolumità.

29 Conclusione dei lavori - determinazione finale art. 28 Qualora non si raggiunga l unanimità degli assensi, la determinazione è assunta tenendo conto delle posizioni prevalenti salve le ipotesi di dissenso espresso da una o più amministrazioni preposte alla tutela ambientale, paesaggistico-territoriale, del patrimonio storico-artistico, della salute o della pubblica incolumità. Si considera acquisito l assenso dell amministrazione che, regolarmente convocata, risulti assente ovvero abbia espresso un dissenso privo dei requisiti

30 Conclusione dei lavori - determinazione finale art. 28 Qualora non si raggiunga l unanimità degli assensi, la determinazione è assunta tenendo conto delle posizioni prevalenti salve le ipotesi di dissenso espresso da una o più amministrazioni preposte alla tutela ambientale, paesaggistico-territoriale, del patrimonio storico-artistico, della salute o della pubblica incolumità. Si considera acquisito l assenso dell amministrazione che, regolarmente convocata, risulti assente ovvero abbia espresso un dissenso privo dei requisiti Il provvedimento finale conforme alla determinazione (della conferenza) sostituisce ogni atto di assenso comunque denominato...

31 Effetti del dissenso art. 29 l.r.t. 40/2009 In caso di dissenso di un ente locale su funzioni conferite dalla Regione nelle materie sensibili (ambiente, paesaggio, salute, ecc.) la determinazione conclusiva è rimessa alla Giunta regionale.

32 Effetti del dissenso art. 29 l.r.t. 40/2009 In caso di dissenso di un ente locale su funzioni conferite dalla Regione nelle materie sensibili (ambiente, paesaggio, salute, ecc.) la determinazione conclusiva è rimessa alla Giunta regionale. art. 14 quater legge 241/90 Il dissenso delle amministrazioni, ivi comprese quelle preposte alla tutela (di interessi sensibili), regolarmente convocate alla conferenza di servizi, a pena di inammissibilità, deve essere manifestato nella conferenza di servizi, deve essere congruamente motivato, non può riferirsi a questioni connesse che non costituiscono oggetto della conferenza medesima e deve recare le specifiche indicazioni delle modifiche progettuali necessarie ai fini dell'assenso.

33 Effetti del dissenso art. 29 l.r.t. 40/2009 In caso di dissenso di un ente locale su funzioni conferite dalla Regione nelle materie sensibili (ambiente, paesaggio, salute, ecc.) la determinazione conclusiva è rimessa alla Giunta regionale. art. 14 quater legge 241/90 Il dissenso delle amministrazioni, ivi comprese quelle preposte alla tutela (di interessi sensibili), regolarmente convocate alla conferenza di servizi, a pena di inammissibilità, deve essere manifestato nella conferenza di servizi, deve essere congruamente motivato, non può riferirsi a questioni connesse che non costituiscono oggetto della conferenza medesima e deve recare le specifiche indicazioni delle modifiche progettuali necessarie ai fini dell'assenso.... ove venga espresso motivato dissenso da parte di un'amministrazione preposta alla tutela (di interessi sensibili), la questione è rimessa alla deliberazione del Consiglio dei Ministri...

34 Comune di Scarperia regolamento dei procedimenti amministrativi il Comune di Scarperia assume l autocertificazione come regola generale di tutti i procedimenti amministrativi di competenza comunale.

35 Comune di Scarperia regolamento sullo svolgimento delle funzioni in materia di Ambiente gli accertamenti tecnici di parte privata, compresi i campioni e le relative analisi chimico/fisiche di laboratorio, debbono essere eseguiti e certificati da tecnici privati abilitati alla professione. I tecnici privati rivestono in tal caso la qualifica di Incaricato di pubblico servizio.

36 Comune di Scarperia regolamento sullo svolgimento delle funzioni in materia di Ambiente gli accertamenti tecnici di parte privata, compresi i campioni e le relative analisi chimico/fisiche di laboratorio, debbono essere eseguiti e certificati da tecnici privati abilitati alla professione. I tecnici privati rivestono in tal caso la qualifica di Incaricato di pubblico servizio. gli organi pubblici di amministrazione tecnico/consultiva...eseguono accertamenti d ufficio sulle autocertificazioni anche a campione.

37 Comune di Scarperia regolamento sullo svolgimento delle funzioni in materia di Ambiente gli accertamenti tecnici di parte privata, compresi i campioni e le relative analisi chimico/fisiche di laboratorio, debbono essere eseguiti e certificati da tecnici privati abilitati alla professione. I tecnici privati rivestono in tal caso la qualifica di Incaricato di pubblico servizio. gli organi pubblici di amministrazione tecnico/consultiva...eseguono accertamenti d ufficio sulle autocertificazioni anche a campione. Spetta all organo tecnico/consultivo, nella sua autonomia operativa e in base alla propria disponibilità di risorse (mezzi, personale, ecc.) stabilire i criteri di priorità e di selezione del campione su cui eseguire gli accertamenti d ufficio.

38 Comune di Scarperia regolamento sullo svolgimento delle funzioni in materia di Ambiente gli accertamenti tecnici di parte privata, compresi i campioni e le relative analisi chimico/fisiche di laboratorio, debbono essere eseguiti e certificati da tecnici privati abilitati alla professione. I tecnici privati rivestono in tal caso la qualifica di Incaricato di pubblico servizio. gli organi pubblici di amministrazione tecnico/consultiva...eseguono accertamenti d ufficio sulle autocertificazioni anche a campione. Spetta all organo tecnico/consultivo, nella sua autonomia operativa e in base alla propria disponibilità di risorse (mezzi, personale, ecc.) stabilire i criteri di priorità e di selezione del campione su cui eseguire gli accertamenti d ufficio. Detti accertamenti d ufficio debbono comunque essere compiuti entro il termine massimo di 45 giorni, decorso il quale sono inammissibili...

39 Comune di Scarperia regolamento sullo svolgimento delle funzioni in materia di Ambiente gli accertamenti tecnici di parte privata, compresi i campioni e le relative analisi chimico/fisiche di laboratorio, debbono essere eseguiti e certificati da tecnici privati abilitati alla professione. I tecnici privati rivestono in tal caso la qualifica di Incaricato di pubblico servizio. gli organi pubblici di amministrazione tecnico/consultiva...eseguono accertamenti d ufficio sulle autocertificazioni anche a campione. Spetta all organo tecnico/consultivo, nella sua autonomia operativa e in base alla propria disponibilità di risorse (mezzi, personale, ecc.) stabilire i criteri di priorità e di selezione del campione su cui eseguire gli accertamenti d ufficio. Detti accertamenti d ufficio debbono comunque essere compiuti entro il termine massimo di 45 giorni, decorso il quale sono inammissibili... trascorsi detti termini l ufficio comunale matura un fondato affidamento sulle autocertificazioni del tecnico privato, non smentite nei termini dagli organi tecnico/consultivi di parte pubblica.

40 Comune di Scarperia regolamento sullo svolgimento delle funzioni in materia di Ambiente gli accertamenti tecnici di parte privata, compresi i campioni e le relative analisi chimico/fisiche di laboratorio, debbono essere eseguiti e certificati da tecnici privati abilitati alla professione. I tecnici privati rivestono in tal caso la qualifica di Incaricato di pubblico servizio. gli organi pubblici di amministrazione tecnico/consultiva...eseguono accertamenti d ufficio sulle autocertificazioni anche a campione. Spetta all organo tecnico/consultivo, nella sua autonomia operativa e in base alla propria disponibilità di risorse (mezzi, personale, ecc.) stabilire i criteri di priorità e di selezione del campione su cui eseguire gli accertamenti d ufficio. Detti accertamenti d ufficio debbono comunque essere compiuti entro il termine massimo di 45 giorni, decorso il quale sono inammissibili... trascorsi detti termini l ufficio comunale matura un fondato affidamento sulle autocertificazioni del tecnico privato, non smentite nei termini dagli organi tecnico/consultivi di parte pubblica. qualora gli organi tecnico/consultivi pubblici trasmettano tardivamente al Comune i suddetti accertamenti d ufficio, e risulti che tali informazioni sono invece necessarie a tutelare un prevalente interesse pubblico l ufficio comunale valuterà l opportunità di riaprire il procedimento e di emettere i necessari provvedimenti a tutela delle persone e dell ambiente. In tal caso...i provvedimenti finali del Comune sono sempre emessi fatta salva la responsabilità per danni del ritardo...

La conferenza di servizi e l atto finale

La conferenza di servizi e l atto finale La conferenza di servizi e l atto finale Art. 242 comma 3 del D.Lgs 152/2006 La regione, convocata la conferenza di servizi, autorizza il piano di caratterizzazione con eventuali prescrizioni integrative.

Dettagli

Tabella 4: Diagrammi di flusso sul funzionamento della Conferenza di Servizi secondo la normativa statale

Tabella 4: Diagrammi di flusso sul funzionamento della Conferenza di Servizi secondo la normativa statale Tabella 4: Diagrammi di flusso sul funzionamento della Conferenza di Servizi secondo la normativa statale Figura 1 - Indizione della Conferenza di Servizi (art. 14ter, L. 241/90 e s.m.) Art. 14ter, co.2,

Dettagli

Figura 1: Indizione della Conferenza di Servizi (ART. 14-TER, L. 241/90 e s.m.i.) Indizione della Conferenza di Servizi. Te = Ti + 5gg.

Figura 1: Indizione della Conferenza di Servizi (ART. 14-TER, L. 241/90 e s.m.i.) Indizione della Conferenza di Servizi. Te = Ti + 5gg. PROGETTO MPLICITER Figura 1: Indizione della Conferenza di Servizi (ART. 14-TER, L. 241/90 e s.m.i.) Indizione della Conferenza di Servizi Legge n. 241/90 (comma 2) Ti = Tc-10gg (almeno 10 gg prima) Ta

Dettagli

ALLEGATO A. Organizzazione e funzionamento delle Conferenze di. servizio interne (L.R. 8/2011, Art. 35, comma 4, e art. 37)

ALLEGATO A. Organizzazione e funzionamento delle Conferenze di. servizio interne (L.R. 8/2011, Art. 35, comma 4, e art. 37) ALLEGATO A Organizzazione e funzionamento delle Conferenze di servizio interne (L.R. 8/2011, Art. 35, comma 4, e art. 37) 1 Premessa. La conferenza di servizi costituisce «un modulo procedimentale-organizzativo

Dettagli

LA NUOVA CONFERENZA DI SERVIZI FAQ DOMANDE E RISPOSTE

LA NUOVA CONFERENZA DI SERVIZI FAQ DOMANDE E RISPOSTE D LA NUOVA CONFERENZA DI SERVIZI FAQ DOMANDE E RISPOSTE COSA DEVE FARE IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO? LA CONFERENZA DI SERVIZI DECISORIA 1. Chi convoca la conferenza di servizi decisoria? L amministrazione

Dettagli

Suap Comune Alghero Via Sant Anna, 38 / Via Vittorio Emanuele Alghero

Suap Comune Alghero Via Sant Anna, 38 / Via Vittorio Emanuele Alghero Ente: Comando militare autonomo della Sardegna Ufficio: Ufficio logistico, infrastrutture e servitù militari - sez. servitù militari e poligoni VIA TORINO, 21 09100 Ente: Soprintendenza BAP- prov. SS+NU+OT

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTI gli articoli 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 5 della legge 7 agosto 2015, n. 124, recante delega al Governo per la precisa individuazione

Dettagli

La conferenza dei servizi (seconda parte)

La conferenza dei servizi (seconda parte) La conferenza dei servizi (seconda parte) Prof.ssa Paola Maria Zerman 6. Lavori della conferenza, art 14 ter La convocazione della prima riunione della conferenza di servizi deve pervenire alle amministrazioni

Dettagli

LA CONFERENZA DI SERVIZI

LA CONFERENZA DI SERVIZI LA CONFERENZA DI SERVIZI Gli articoli da 9 a 12 della legge 340/2000 riscrivono completamente la disciplina relativa alla conferenza di servizi, attraverso una nuova formulazione degli articoli 14 e seguenti

Dettagli

Suap Comune Bortigali Via Umberto I, n Bortigali

Suap Comune Bortigali Via Umberto I, n Bortigali Ente: Provincia di Nuoro Ufficio: Ufficio prov.le Energia/NU Viale del lavoro (ex Caserma Vigili del Fuoco) Ente: Comando militare autonomo della Sardegna Ufficio: Ufficio logistico, infrastrutture e servitù

Dettagli

Obiettivo SUAPE. L applicazione della nuova SCIA e della nuova Conferenza dei servizi dopo l entrata in vigore dei Dlgs 126/2016 e 127/2016

Obiettivo SUAPE. L applicazione della nuova SCIA e della nuova Conferenza dei servizi dopo l entrata in vigore dei Dlgs 126/2016 e 127/2016 Obiettivo SUAPE L applicazione della nuova SCIA e della nuova Conferenza dei servizi dopo l entrata in vigore dei Dlgs 126/2016 e 127/2016 L impatto dei nuovi decreti legislativi sulle procedure e le attività

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL (PARISI FEDERICA) (TARDIOLA ANDREA) L' ESTENSORE IL RESP. PROCEDIMENTO IL DIRIGENTE RESPONSABILE IL SEGRETARIO GENERALE

DELIBERAZIONE N. DEL (PARISI FEDERICA) (TARDIOLA ANDREA) L' ESTENSORE IL RESP. PROCEDIMENTO IL DIRIGENTE RESPONSABILE IL SEGRETARIO GENERALE REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 386 05/07/2016 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 9665 DEL 24/06/2016 STRUTTURA PROPONENTE Area: SEGRETARIO GENERALE Prot. n. del OGGETTO: Schema di deliberazione concernente:

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; Visto l articolo 4 della legge 7 agosto 2015, n. 124; Visto l articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n.

Dettagli

ART. 7 L. 18 GIUGNO 2009 N. 69

ART. 7 L. 18 GIUGNO 2009 N. 69 QUADRO SINOTTICO DELLE MODIFICHE ALLA LEGGE N. 241 DEL 1990 COME OPERATE DALLA LEGGE N. 69 DEL 2009, PUBBLICATA NELLA G.U. 140 DEL 19 GIUGNO 2009 ART. 7 L. 18 GIUGNO 2009 N. 69 Modifica dell art. 1 della

Dettagli

Il SILENZIO ASSENSO TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

Il SILENZIO ASSENSO TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Il SILENZIO ASSENSO TRA AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I chiarimenti del Consiglio di Stato A cura della Direzione Legislazione Mercato privato 4 agosto 2016 Articolo 17bis della Legge 241/90 In vigore dal

Dettagli

SCIA E INDIVIDUAZIONE DEI REGIMI AMMINISTRATIVI

SCIA E INDIVIDUAZIONE DEI REGIMI AMMINISTRATIVI 777777777777777D SCIA E INDIVIDUAZIONE DEI REGIMI AMMINISTRATIVI FAQ DOMANDE E RISPOSTE MODULISTICA, SPORTELLO UNICO E OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE 1. Cosa prevede la nuova disciplina in materia di modulistica?

Dettagli

SUAP informazioni NOVITA' LEGISLATIVE

SUAP informazioni NOVITA' LEGISLATIVE SUAP informazioni Rassegna delle principali novità normative di interesse per lo Sportello Unico delle Attività Produttive n. 11 Dicembre 2016 NOVITA' LEGISLATIVE NUOVA DISCIPLINA DELLA CONFERENZA DI SERVIZI

Dettagli

Suap Comune Alghero Via Sant Anna, 38 / Via Vittorio Emanuele Alghero

Suap Comune Alghero Via Sant Anna, 38 / Via Vittorio Emanuele Alghero Ufficio: Servizio Sviluppo Economico - Alghero Via Vittorio Emanuele, 113 07041 Alghero Ente: VV.F-Comando Prov. SS+OT Ufficio: Ufficio Prevenzione Incendi - SS+OT Piazza Conte di Moriana, 1 Ente: Soprintendenza

Dettagli

Prot. nr 270 del 18/02/2015. Spett.le ASL 6 - SISP. Via Bologna S.N.C.. Sanluri.

Prot. nr 270 del 18/02/2015. Spett.le ASL 6 - SISP. Via Bologna S.N.C.. Sanluri. Prot. nr 270 del 18/02/2015 Spett.le ASL 6 - SISP. Via Bologna S.N.C.. Sanluri. Spett.le Ufficio prov.le Agenzie di Viaggio e Turismo/VS. Via Carlo Felice 267. 09025 Sanluri. Spett.le Ufficio Abbanoa/Direzione

Dettagli

Laudato Si. La buona prassi nella gestione dei rifiuti LA NUOVA NORMATIVA AMBIENTALE. La classificazione dei rifiuti I reati ambientali.

Laudato Si. La buona prassi nella gestione dei rifiuti LA NUOVA NORMATIVA AMBIENTALE. La classificazione dei rifiuti I reati ambientali. LA NUOVA NORMATIVA AMBIENTALE La classificazione dei rifiuti I reati ambientali Laudato Si La buona prassi nella gestione dei rifiuti Parte 1 Dott. Roberto Mastracci LAUDATO SI Sulla cura della casa comune

Dettagli

C O M U N E D I M I L E T O Provincia di Vibo Valentia

C O M U N E D I M I L E T O Provincia di Vibo Valentia COPIA C O M U N E D I M I L E T O Provincia di Vibo Valentia DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA nell esercizio delle competenze e dei poteri del Consiglio comunale N. 22 Data 17.9.2013 Oggetto:

Dettagli

COMUNE DI UBOLDO Provincia di Varese

COMUNE DI UBOLDO Provincia di Varese COMUNE DI UBOLDO Provincia di Varese REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Giugno 2016 Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del 28 luglio

Dettagli

La Riforma Madia: il nuovo procedimento nei rapporti tra pubbliche amministrazioni e nei rapporti tra amministrazione e privati

La Riforma Madia: il nuovo procedimento nei rapporti tra pubbliche amministrazioni e nei rapporti tra amministrazione e privati Seminario Le misure di semplificazione amministrativa introdotte dalla Legge 124/2015 e dai provvedimenti attuativi La Riforma Madia: il nuovo procedimento nei rapporti tra pubbliche amministrazioni e

Dettagli

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 21 del 17/02/2014

Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 21 del 17/02/2014 Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 21 del 17/02/2014 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile

Dettagli

Linee guida operative per la rimessione al Consiglio dei Ministri. Legge 7 agosto 1990, n. 241, 14 quater, comma 3

Linee guida operative per la rimessione al Consiglio dei Ministri. Legge 7 agosto 1990, n. 241, 14 quater, comma 3 Linee guida operative per la rimessione al Consiglio dei Ministri Legge 7 agosto 1990, n. 241, 14 quater, comma 3 Premesse La redazione delle linee guida operative nasce dall esigenza di chiarire i presupposti

Dettagli

Prot. n del 20/06/2017. Spett.le Ente: Comune Sanluri Ufficio: Ufficio tecnico - Sanluri VIA CARLO FELICE, 201 Sanluri

Prot. n del 20/06/2017. Spett.le Ente: Comune Sanluri Ufficio: Ufficio tecnico - Sanluri VIA CARLO FELICE, 201 Sanluri Prot. n. 2304 del 20/06/2017 Ente: Comune Ufficio: Ufficio tecnico - Ente: Comune Ufficio: Ufficio polizia amministrativa - Ente: Comune Ufficio: Ufficio commercio - Ente: VV.F Cagliari Ufficio: Ufficio

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) Servizio Viabilità Trasporti Infrastrutture

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) Servizio Viabilità Trasporti Infrastrutture Prot. n. 14193 del 17/11/2014 COMUNE DI LANUSEI Pec: protocollo.lanusei@pec.comunas.it COMUNE DI GAIRO Pec: protocollo@pec.comune.gairo.og.it SERVIZIO TUTELA PAESAGGISTICA Pec: eell.urb.tpaesaggio.nu@pec.regione.sardegna.it

Dettagli

Disposizioni in materia di conferenza di servizi. Modifiche alle ll.rr. 1/2009, 40/2009, 10/2010.

Disposizioni in materia di conferenza di servizi. Modifiche alle ll.rr. 1/2009, 40/2009, 10/2010. ALLEGATO A Proposta di legge Disposizioni in materia di conferenza di servizi. Modifiche alle ll.rr. 1/2009, 40/2009, 10/2010. Sommario Preambolo Capo I Modifiche alla legge regionale 23 luglio 2009, n.

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA Cadoneghe - Curtarolo - Vigodarzere SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE

UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA Cadoneghe - Curtarolo - Vigodarzere SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE Prot. 18866 del 18/11/2015 COMUNICAZIONE CON POSTA CERTIFICATA Provincia di Padova Settore urbanistica Piazza Bardella 2, 3 Torre - 35131 Padova provincia.padova@cert.ip-veneto.net Regione Veneto Dipartimento

Dettagli

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA CITTÀ di SAVONA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA ADOTTATO DALLA GIUNTA COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 255 DEL 26 AGOSTO 2003 I N D I C E Art. 1 Oggetto

Dettagli

La nuova conferenza di servizi

La nuova conferenza di servizi La nuova conferenza di servizi cosa cambia con la legge 124/2015 18 novembre 2015 Avv. Alfredo Vitale La legge 7 agosto 2015, n. 124 deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni

Dettagli

Entro 80 giorni: - predispone la bozza di deliberazione che la Direzione Trasporti propone alla Giunta Regionale per l espressione delle valutazioni

Entro 80 giorni: - predispone la bozza di deliberazione che la Direzione Trasporti propone alla Giunta Regionale per l espressione delle valutazioni Deliberazione della Giunta Regionale Piemonte 17/3/2003 n. 44-8734 Procedure per le espressioni di competenza sui progetti preliminari e definitivi previsti dalla Legge Obiettivo di competenza della Regione

Dettagli

AGE.AGEUPTLE.REGISTRO PROTOCOLLI INTERNI R

AGE.AGEUPTLE.REGISTRO PROTOCOLLI INTERNI R AGE.AGEUPTLE.REGISTRO PROTOCOLLI INTERNI.0002680.13-08-2014- R Ufficio Provinciale di Lecce Territorio Lecce, 31 luglio 2014 Prot. 2014/ Verbale della Conferenza di Servizi Referente per lavori di manutenzione

Dettagli

Art. 1. Art. 1 (Princìpi generali dell attività amministrativa)

Art. 1. Art. 1 (Princìpi generali dell attività amministrativa) Legge 7 agosto 1990, n. 241 e s.m.i. con modifiche ed integrazioni contenute nel testo approvato definitivamente dalla Camera dei Deputati il 26 gennaio 2005 Legge n. 241/90 (precedente) Art. 1 1. L attività

Dettagli

e, p.c., Al Sig. Sindaco Al Sig. Vice Sindaco Ai Sigg. Assessori Comunali

e, p.c., Al Sig. Sindaco Al Sig. Vice Sindaco Ai Sigg. Assessori Comunali COMUNE DI PALERMO Ufficio di Staff del Segretario Generale Piazza Pretoria n. 1 Palermo Tel:091/7402354 fax:091/7402478 e-mail:segretariogenerale@comune.palermo Palermo 17/08/2016 prot. n.1286662/usg Responsabile

Dettagli

COMUNE DI FAGNANO CASTELLO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLO. Approvato con Delibera del Consiglio Comunale N 22

COMUNE DI FAGNANO CASTELLO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLO. Approvato con Delibera del Consiglio Comunale N 22 COMUNE DI FAGNANO CASTELLO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale N 22 del 28/06/2013 1 INDICE 1 DEFINIZIONI... 3 2

Dettagli

Legge 241 /90 prima dell'entrata in vigore del D.Leg.vo 126/2016. Legge 241 /90 modifiche introdotte dal D.Leg.vo

Legge 241 /90 prima dell'entrata in vigore del D.Leg.vo 126/2016. Legge 241 /90 modifiche introdotte dal D.Leg.vo Legge 241 /90 prima dell'entrata in vigore del D.Leg.vo 126/2016 Legge 241 /90 modifiche introdotte dal D.Leg.vo 126 2016 Art. 18. (Autocertificazione) 1. Entro sei mesi dalla data di entrata in vigore

Dettagli

GUIDA ALLA NUOVA CONFERENZA DI SERVIZI

GUIDA ALLA NUOVA CONFERENZA DI SERVIZI GUIDA ALLA NUOVA CONFERENZA DI SERVIZI Presentazione La nuova conferenza di servizi affronta un problema essenziale per l Italia: i tempi delle decisioni pubbliche (ad esempio per la realizzazione di opere

Dettagli

Autorità Idrica Toscana

Autorità Idrica Toscana DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE N. 77 del 12/10/2017 OGGETTO: ART. 22 L.R. 69/2011. PROGETTO DEFINITIVO DENOMINATO NUOVO SOLLEVAMENTO FOGNARIO VIA CACCINI - FIRENZE APPROVAZIONE CON CONTESTUALE VARIANTE

Dettagli

MODIFICHE FUTURE IN MATERIA DI CONFERENZA DEI SERVIZI. di Antonella Mafrica

MODIFICHE FUTURE IN MATERIA DI CONFERENZA DEI SERVIZI. di Antonella Mafrica MODIFICHE FUTURE IN MATERIA DI CONFERENZA DEI SERVIZI di Antonella Mafrica Testo vigente Art. 14 (Conferenza di servizi) 1. Qualora sia opportuno effettuare un esame contestuale di vari interessi pubblici

Dettagli

Regolamento sulle sanzioni amministrative pecuniarie per la violazione dei regolamenti e delle ordinanze

Regolamento sulle sanzioni amministrative pecuniarie per la violazione dei regolamenti e delle ordinanze Comune di Bagnolo Mella Provincia di Brescia Regolamento sulle sanzioni amministrative pecuniarie per la violazione dei regolamenti e delle ordinanze approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Conferenza di servizi

Conferenza di servizi Segnalazioni Direzione Programmazione Strategica, Politiche Territoriali ed Edilizia ottobre 2014 Conferenza di servizi Legge regionale 14 ottobre 2014, n. 14. Norme sul procedimento amministrativo e disposizioni

Dettagli

OGGETTO: COSTITUZIONE DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E APPROVAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E SUO FUNZIONAMENTO

OGGETTO: COSTITUZIONE DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E APPROVAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E SUO FUNZIONAMENTO DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 119 DEL 31.07.2003 OGGETTO: COSTITUZIONE DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E APPROVAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E SUO FUNZIONAMENTO LA GIUNTA COMUNALE Premesso

Dettagli

Le modalità di procedere sono le stesse per il procedimento in conferenza di servizi:

Le modalità di procedere sono le stesse per il procedimento in conferenza di servizi: 1) Quali sono i soggetti che devono essere convocati alle CDS: tutti quelli coinvolti nel procedimento (anche se le valutazioni che sono chiamati a svolgere non sono di natura discrezionale) o solo quelli

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica del 12 settembre 2016, n. 194, pubblicato in G.U. del 27 ottobre 2016, n. 252

Decreto del Presidente della Repubblica del 12 settembre 2016, n. 194, pubblicato in G.U. del 27 ottobre 2016, n. 252 Decreto del Presidente della Repubblica del 12 settembre 2016, n. 194, pubblicato in G.U. del 27 ottobre 2016, n. 252 Regolamento recante norme per la semplificazione e l'accelerazione dei procedimenti

Dettagli

COMUNE DI AMARO REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI AMARO REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO COMUNE DI AMARO REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Approvato con deliberazione consiliare n. 20 del 28 giugno 2010. Modificato con delibera di Giunta n. 2 del 24 marzo 2014 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Il testo del decreto legislativo 30 giugno 2016, n. 126

Il testo del decreto legislativo 30 giugno 2016, n. 126 Il testo del decreto legislativo 30 giugno 2016, n. 126 Attuazione della delega in materia di segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), a norma dell'articolo 5 della legge 7 agosto 2015, n. 124.

Dettagli

GIUSEPPE AGUGLIARO

GIUSEPPE AGUGLIARO LA SEMPLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA PER L'AVVIO E LA GESTIONE DELLE STRUTTURE TURISTICO RICETTIVE Le funzioni dello Sportello Unico per le Attività Produttive GIUSEPPE AGUGLIARO suap.unionecomuniee@gmail.com

Dettagli

REGOLAMENTO APLLICAZIONE SANZIONI AMMINISTRATIVE. Art. 2 - PRINCIPI E MISURE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE

REGOLAMENTO APLLICAZIONE SANZIONI AMMINISTRATIVE. Art. 2 - PRINCIPI E MISURE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE REGOLAMENTO APLLICAZIONE SANZIONI AMMINISTRATIVE Art. 1 - AMBITO DI APPLICAZIONE Art. 2 - PRINCIPI E MISURE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE Art. 3 - AUTORITA COMPETENTE Art. 4 - SOGGETTI ACCERTATORI

Dettagli

SERVIZIO LEGALE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ISPETTIVO

SERVIZIO LEGALE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ISPETTIVO UNIVERSITÀ DEGLI STUD I DI PAVIA SERVIZIO LEGALE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ISPETTIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Emanato con D.R. n. 2256-2015 del 2 novembre 2015 INDICE SOMMARIO

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE

COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) COMMERCIO AL DETTAGLIO SU AREE PRIVATE NORME SUL PROCEDIMENTO PER IL RILASCIO AUTORIZZAZIONI PER APERTURA, AMPLIAMENTO, CONCENTRAZIONE E ACCORPAMENTO MEDIE STRUTTURE

Dettagli

La Conferenza di servizi dopo la riforma del 2010

La Conferenza di servizi dopo la riforma del 2010 PON GAS FSE 2007 2013, Obiettivo Convergenza, Asse E - Capacità istituzionale Progetto: Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione Seminario Semplificazione dell azione amministrativa,

Dettagli

La nuova conferenza di servizi. di Francesco Giulio Cuttaia. 17 novembre 2016

La nuova conferenza di servizi. di Francesco Giulio Cuttaia. 17 novembre 2016 La nuova conferenza di servizi di Francesco Giulio Cuttaia 17 novembre 2016 Il 28 luglio scorso è entrato in vigore il d.lgs. 30 giugno 2016, n. 127, pubblicato sulla G.U. n. 162 del 13 luglio 2016. Tale

Dettagli

INDICE. Schemi. Prefazione... p. XV

INDICE. Schemi. Prefazione... p. XV Prefazione... Schemi p. XV 1 La nozione di procedimento amministrativo... 3 2A I principi generali del procedimento amministrativo (art. 1)... 4 2B I principi sovranazionali... 5 2C I principi della C.E.D.U....

Dettagli

COMUNE DI BAISO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI BAISO Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI BAISO Provincia di Reggio Emilia Piazza della Repubblica, 1 42031 Baiso R.E. tel. 0522-993501 fax 0522-843980 C.F. 80019170358 Prot. 2149 Baiso, 13.05.2015 Spett.le PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA ED IL FUNZIONAMENTO DELLA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA ED IL FUNZIONAMENTO DELLA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

COMUNE DI TORRIGLIA PROVINCIA DI GENOVA REGOLAMENTO SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE E PECUNIARIE PER LE VIOLAZIONI DEI REGOLAMENTI E DELLE ORDINANZE

COMUNE DI TORRIGLIA PROVINCIA DI GENOVA REGOLAMENTO SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE E PECUNIARIE PER LE VIOLAZIONI DEI REGOLAMENTI E DELLE ORDINANZE COMUNE DI TORRIGLIA PROVINCIA DI GENOVA REGOLAMENTO SULLE SANZIONI AMMINISTRATIVE E PECUNIARIE PER LE VIOLAZIONI DEI REGOLAMENTI E DELLE ORDINANZE Approvato con deliberazione di C.C. n. del 14 Maggio 2011

Dettagli

La nuova conferenza di servizi. Il coordinamento con le discipline di settore (D.Lgs. 127/ Titolo II)

La nuova conferenza di servizi. Il coordinamento con le discipline di settore (D.Lgs. 127/ Titolo II) Seminario Semplificazione amministrativa: l impatto della nuova disciplina in materia di Conferenza di servizi e di SCIA sulle procedure amministrative La nuova conferenza di servizi. Il coordinamento

Dettagli

Il Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 novembre 1993 Regolamento interno del Consiglio dei Ministri (Pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 15 novembre 1993, n. 268.) ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Capo II SEMPLIFICAZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE

Capo II SEMPLIFICAZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE Legge 15 maggio 2005, n. 80: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 14 marzo 2005, n. 35, recante disposizioni urgenti nell'ambito del Piano di azione per lo sviluppo economico, sociale

Dettagli

Suap Comune Sassari Via Paolo De Muro s.n.c Sassari

Suap Comune Sassari Via Paolo De Muro s.n.c Sassari Via Paolo De Muro s.n.c. Ufficio: ASL 1 - SIAOA Ufficio: ASL 1 - SISP Ufficio: ASL 1 - SIAN Ufficio: ASL 1 - SPRESAL Via Rizzeddu 21B Ente: VV.F-Comando Prov. SS+OT Ufficio: Ufficio Prevenzione Incendi

Dettagli

LA CONFERENZA DI SERVIZI

LA CONFERENZA DI SERVIZI LA CONFERENZA DI SERVIZI LO SCOPO DELLA CONFERENZA DI SERVIZI L UTILITÀ DELLA CONFERENZA DI SERVIZI RISIEDE NELLA POSSIBILITÀ DI CONCENTRARE IN UN UNICO CONTESTO LOGISTICO E TEMPORALE LE VALUTAZIONI E

Dettagli

Norme in materia di Conferenza di Servizi

Norme in materia di Conferenza di Servizi Norme in materia di Conferenza di Servizi Linee guida in materia di Conferenza di servizi (legge 241/90) Presidenza del Consiglio dei Ministri Linee guida operative per la remissione al Consiglio dei Ministri

Dettagli

LA TUTELA DEI BENI CULTURALI I principi generali

LA TUTELA DEI BENI CULTURALI I principi generali Articolo 9 La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. 1 2 1. In attuazione dell art. 9 della,

Dettagli

Esonero dall'obbligo di autorizzazione paesaggistica per particolari categorie di interventi

Esonero dall'obbligo di autorizzazione paesaggistica per particolari categorie di interventi 1 di 6 16/05/17, 12:08 Art. 4 Esonero dall'obbligo di autorizzazione paesaggistica per particolari categorie di interventi 1. Qualora nel provvedimento di vincolo, ovvero nel piano paesaggistico, siano

Dettagli

Autorità Idrica Toscana

Autorità Idrica Toscana DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE N. 53 del 11/08/2017 OGGETTO: DPGR N.91 DEL 13 LUGLIO 2017 - PIANO DEGLI INTERVENTI SUUL EMERGENZA IDRICA E IDRO-POTABILE 2017. APPROVAZIONE PROGETTO DEFINITIVO DENOMINATO

Dettagli

PRO VINCIA DI C RO TO NE SCHEMA

PRO VINCIA DI C RO TO NE SCHEMA PRO VINCIA DI C RO TO NE SCHEMA REGOLAMENTO PER L APPROVVI GI ONAMENTO DI BENI E SERVIZI ON-LINE Art. 1 - Oggetto e ambito di applicazione Il presente Regolamento si applica alle procedure telematiche

Dettagli

COMUNE DI CARBONE (Provincia di Potenza)

COMUNE DI CARBONE (Provincia di Potenza) COMUNE DI CARBONE (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DELLA SALUTE CONTRO I DANNI DERIVANTI DAL FUMO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 30.1.2012 Art. 1 Norme

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Norma di attuazione in materia di funzioni di controllo della Corte dei conti in Sardegna.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. Norma di attuazione in materia di funzioni di controllo della Corte dei conti in Sardegna. ** REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Norma di attuazione in materia di funzioni di controllo della Corte dei conti in Sardegna. Capo I Controllo della Corte dei Conti... 2 Articolo 1. Costituzione della

Dettagli

L.R. 5/2007, art. 61, c. 5, lett. a) B.U.R. 14/10/2009, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 29 settembre 2009, n. 0268/Pres.

L.R. 5/2007, art. 61, c. 5, lett. a) B.U.R. 14/10/2009, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 29 settembre 2009, n. 0268/Pres. L.R. 5/2007, art. 61, c. 5, lett. a) B.U.R. 14/10/2009, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 29 settembre 2009, n. 0268/Pres. Regolamento di attuazione della Parte III, Paesaggio, ai sensi dell articolo

Dettagli

COMUNE DI PECETTO DI VALENZA PROVINCIA DI ALESSANDRIA

COMUNE DI PECETTO DI VALENZA PROVINCIA DI ALESSANDRIA COMUNE DI PECETTO DI VALENZA PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO AI SENSI DELL ARTICOLO 52 D. LGS. 446/1997 E S.M.I., PER LA VARIAZIONE DELL ALIQUOTA DI COMPARTECIPAZIONE DELL ADDIZIONALE COMUNALE ALL

Dettagli

Al comma 1, capoverso «Art. 117», al comma secondo, lettera e), sopprimere le parole: «e promozione».«

Al comma 1, capoverso «Art. 117», al comma secondo, lettera e), sopprimere le parole: «e promozione».« 31.3C Sostituire l articolo, con il seguente: «Art. 31. (Modifica dell articolo 117 della Costituzione). 1. L articolo 117 della Costituzione è sostituito dal seguente: «Art. 117». La potestà legislativa

Dettagli

REGOLAMENTO APPROVAZIONE PROGETTI DEFINITIVI. "Iter approvazione dei progetti di cui all art. 158bis del D.Lgs.152/2006 ss.mm.ii.

REGOLAMENTO APPROVAZIONE PROGETTI DEFINITIVI. Iter approvazione dei progetti di cui all art. 158bis del D.Lgs.152/2006 ss.mm.ii. Autorità di Ambito Territoriale Ottimale n. 2 Marche Centro Ancona REGOLAMENTO APPROVAZIONE PROGETTI DEFINITIVI "Iter approvazione dei progetti di cui all art. 158bis del D.Lgs.152/2006 ss.mm.ii. articolo

Dettagli

COMUNE DI FORLI' Area Servizi al Territorio Servizio Sviluppo Economico Unità SUAP

COMUNE DI FORLI' Area Servizi al Territorio Servizio Sviluppo Economico Unità SUAP Rif. a Prot. Gen. 92131/2014 COMUNE DI FORLI' Area Servizi al Territorio Servizio Sviluppo Economico Unità SUAP Forlì, 20/10/2015 Invio tramite PEC a: PROVINCIA DI FORLI'-CESENA Servizio Ambiente e Pianificazione

Dettagli

`ljjfppflkb=mbo=fi=m^bp^ddfl= abii^=molsfk`f^=af=ib``l

`ljjfppflkb=mbo=fi=m^bp^ddfl= abii^=molsfk`f^=af=ib``l `ljjfppflkb=mbo=fi=m^bp^ddfl= abii^=molsfk`f^=af=ib``l E~êíK=UN=ÇÉää~=iÉÖÖÉ=oÉÖáçå~äÉ=åK=NOLOMMR=ëKãKáKF= = obdli^jbkql= E~ééêçî~íç=Åçå=aK`KmK=åK=TR=ÇÉä=PMKMVKOMMRI= áåíéöê~íç=åçå=ak`kmk=åk=sm=çéä=otknmkommu==

Dettagli

COMUNE DI CASTELNUOVO DI PORTO Provincia di Roma

COMUNE DI CASTELNUOVO DI PORTO Provincia di Roma COMUNE DI CASTELNUOVO DI PORTO Provincia di Roma REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZINI CULTURALI, RICREATIVE E SPORTIVE DEL COMUNE DI CASTELNUOVO DI PORTO Approvato con deliberazione

Dettagli

Decreto legislativo 1 settembre 2011, n. 150

Decreto legislativo 1 settembre 2011, n. 150 Decreto legislativo 1 settembre 2011, n. 150 Disposizioni complementari al codice di procedura civile in materia di riduzione e semplificazione dei procedimenti civili di cognizione, ai sensi dell articolo

Dettagli

NUCLEO UNIFICATO REGIONALE DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI (NURV) REGOLAMENTO INTERNO

NUCLEO UNIFICATO REGIONALE DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI (NURV) REGOLAMENTO INTERNO NUCLEO UNIFICATO REGIONALE DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI (NURV) REGOLAMENTO INTERNO Allegato A Sommario Art.1 - Oggetto Art.2 - Funzioni Art.3 - Attività di valutazione e monitoraggio

Dettagli

Sue Comune Golfo Aranci via Libertà Golfo Aranci

Sue Comune Golfo Aranci via Libertà Golfo Aranci Numero protocollo 741 del 18/01/2017 Provvedimento unico nº 3 del 18/01/2017 Spett.le GRITTI Francesca Via Liano, 3365 Castel San Pietro Terme - (Bologna) SEZIONE A - DATI GENERALI DEL PROCEDIMENTO Codice

Dettagli

omissis Capo V DISCIPLINA DEL SEGRETO Art. 39. Segreto di Stato.

omissis Capo V DISCIPLINA DEL SEGRETO Art. 39. Segreto di Stato. L. 3-8-2007 n. 124 Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica e nuova disciplina del segreto. Stralcio art.39, 40, 41 e 42 Pubblicata nella Gazz. Uff. 13 agosto 2007, n. 187. omissis Capo

Dettagli

Estratto del Regolamento per l organizzazione e il funzionamento del Consiglio della Città Metropolitana di Genova Titolo III Commissioni consiliari

Estratto del Regolamento per l organizzazione e il funzionamento del Consiglio della Città Metropolitana di Genova Titolo III Commissioni consiliari Estratto del Regolamento per l organizzazione e il funzionamento del Consiglio della Città Metropolitana di Genova Titolo III Commissioni consiliari 1 TITOLO III - Commissioni consiliari CAPO I Istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO RELATIVO ALL ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA 1 Articolo 1 - Oggetto Il presente Regolamento, nell'ambito dell'ordinamento generale degli uffici e dei servizi

Dettagli

Parte Quarta. Documenti

Parte Quarta. Documenti IV SCHEMA DI DECRETO MINISTERIALE CONCERNENTE: "REGOLAMENTO IN MATERIA DI SOCIETÀ PER L'ESERCIZIO DI ATTIVITÀ PROFES- SIONALI REGOLAMENTATE NEL SISTEMA ORDINISTICO, AI SENSI DELL'ARTICOLO 10, COMMA 10,

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI FORLI - CESENA CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI FORLÌ CESENA E IL COMUNE DI BERTINORO PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI FORLI - CESENA CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI FORLÌ CESENA E IL COMUNE DI BERTINORO PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI 1 AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI FORLI - CESENA CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DI FORLÌ CESENA E IL COMUNE DI BERTINORO PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI COMPETENZA COMUNALE DISCIPLINATE DALLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE COMMISSIONI CONSILIARI

REGOLAMENTO DELLE COMMISSIONI CONSILIARI REGOLAMENTO DELLE COMMISSIONI CONSILIARI ART. 1 ISTITUZIONE 1. In applicazione dell art. 38 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 e dell art. 20 dello Statuto, il Consiglio Provinciale costituisce

Dettagli

CITTA DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso

CITTA DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso CITTA DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso REGOLAMENTO E INDIRIZZI PER LE NOMINE E LE DESIGNAZIONI A PUBBLICI INCARICHI DI COMPETENZA DEL COMUNE (approvato con deliberazione C.C. n. 97 del 17/12/1996)

Dettagli

Le regole per modificare l'avviamento al mercato del lavoro Disoccupati, cambia il collocamento (Schema di dlgs Cdm )

Le regole per modificare l'avviamento al mercato del lavoro Disoccupati, cambia il collocamento (Schema di dlgs Cdm ) Le regole per modificare l'avviamento al mercato del lavoro Disoccupati, cambia il collocamento (Schema di dlgs Cdm 25.2.2000) Definizione di disoccupato e indirizzi generali per il coordinamento dell

Dettagli

Atti Parlamentari XVII Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI ATTO DEL GOVERNO SOTTOPOSTO A PARERE PARLAMENTARE

Atti Parlamentari XVII Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI ATTO DEL GOVERNO SOTTOPOSTO A PARERE PARLAMENTARE Atti Parlamentari XVII Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N.293 ATTO DEL GOVERNO SOTTOPOSTO A PARERE PARLAMENTARE Schema di decreto legislativo recante norme per il riordino della disciplina in materia

Dettagli

Titoli professionali per addetti stampa nella P.A.

Titoli professionali per addetti stampa nella P.A. Dpr, 21 settembre 2001, numero 422 Titoli professionali per addetti stampa nella P.A. Regolamento recante norme per l'individuazione dei titoli professionali del personale da utilizzare presso le pubbliche

Dettagli

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 26 luglio 2012 Individuazione delle modalita di inserimento negli atti catastali della sussistenza del requisito della ruralita. (12 08730) (GU n. 185 del

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, secondo comma, lettera h), della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, secondo comma, lettera h), della Costituzione; Schema di decreto legislativo contenente disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, recante Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché

Dettagli

LEGGE 5 aprile 2011, n. 5 (G.U.R.S. 11 aprile 2011, n. 16)

LEGGE 5 aprile 2011, n. 5 (G.U.R.S. 11 aprile 2011, n. 16) LEGGE 5 aprile 2011, n. 5 (G.U.R.S. 11 aprile 2011, n. 16) Disposizioni per la trasparenza, la semplificazione, l efficienza, l informatizzazione della pubblica amministrazione e l agevolazione delle iniziative

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE E L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE E L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Comune di Cerveteri (Provincia di Roma) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE E L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE Approvato con Deliberazione del Consiglio comunale n. 85 del 16 novembre

Dettagli

Comune di Sondrio regolamento attuativo art. 93 d. lgs. 163/ approvato con deliberazione della giunta comunale n.

Comune di Sondrio regolamento attuativo art. 93 d. lgs. 163/ approvato con deliberazione della giunta comunale n. COMUNE DI SONDRIO REGOLAMENTO PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DEL FONDO PER LA PROGETTAZIONE E L INNOVAZIONE EX D. LGS. N. 163/2006, SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI. (approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI VILLANOVA MONDOVI

COMUNE DI VILLANOVA MONDOVI COMUNE DI VILLANOVA MONDOVI Provincia di Cuneo Allegato alla deliberazione della Giunta Municipale n. 57 in data 16/03/1999 1 ART. 1 DESIGNAZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEL COMUNE 1. I dieci rappresentanti

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di spedizioniere disciplinata dalla legge14 novembre

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di spedizioniere disciplinata dalla legge14 novembre Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di spedizioniere disciplinata dalla legge14 novembre 1941, n. 1442, in attuazione degli articoli 76 e 80

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RIORDINO DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI CONFERENZA DI SERVIZI R E L A Z I O N E

DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RIORDINO DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI CONFERENZA DI SERVIZI R E L A Z I O N E DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RIORDINO DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI CONFERENZA DI SERVIZI R E L A Z I O N E Il decreto legislativo recante la disciplina generale della conferenza di servizi è stato predisposto

Dettagli

LA CONFERENZA DI SERVIZI dalla L. 7/8/1990 n.241 alla L. 7/8/2015 n.124. Avv. Federico Boezio. 24 novembre 2015 Spazio Oberdan - Milano

LA CONFERENZA DI SERVIZI dalla L. 7/8/1990 n.241 alla L. 7/8/2015 n.124. Avv. Federico Boezio. 24 novembre 2015 Spazio Oberdan - Milano LA CONFERENZA DI SERVIZI dalla L. 7/8/1990 n.241 alla L. 7/8/2015 n.124 Avv. Federico Boezio 24 novembre 2015 Spazio Oberdan - Milano NOZIONE FUNZIONI Strumento per consentire l esame contestuale di vari

Dettagli

COMUNE DI MONTELONGO

COMUNE DI MONTELONGO COMUNE DI MONTELONGO Provincia di Campobasso REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO IN ATTUAZIONE DELLA L. N. 241/90 Approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

CITTÀ METROPOLITANA DI GENOVA Proposta di deliberazione del Consiglio metropolitano Direzione Ambiente

CITTÀ METROPOLITANA DI GENOVA Proposta di deliberazione del Consiglio metropolitano Direzione Ambiente CITTÀ METROPOLITANA DI GENOVA Proposta di deliberazione del Consiglio metropolitano Direzione Ambiente Direzione Ambiente Proposta n. 1283 del 2017 Oggetto: APPROVAZIONE AI FINI DELLA VAS DELLA REVISIONE

Dettagli