Elementi di calcolo degli impianti oleodinamici

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elementi di calcolo degli impianti oleodinamici"

Transcript

1 Frnco Qurnt, Crmine Sbtino Elementi di clcolo degli iminti oleodinmici F. Qurnt, C. Sbtino Elementi di clcolo degli iminti oleodinmici 1 di 15

2 Not introduttiv Lo scoo di qunto esosto nelle gine seguenti è fornire delle linee guid generli che ossno essere seguite nell imostzione e nel clcolo di un iminto oleodinmico. Con riferimento d uno schem semlificto, viene mostrto un rocedimento che ermette di definire i vlori delle grndezze crtteristiche dell iminto, nonché l scelt e l verific degli elementi che devono essere inseriti. Nello sviluo delle rocedure resentte non sono ffrontti gli setti teorici di riferimento, dei quli sono utilizzte esclusivmente le conclusioni sotto form di esressioni nlitiche utili ll definizione dei vri elementi di cui si comone un circuito; er gli rofondimenti sugli rgomenti teorici di Idrodinmic ed Oleodinmic, si rinvi i testi indicti in bibliogrfi. Sommrio Introduzione: gli obiettivi del rogetto g. 3 Circuito di riferimento ed iotesi inizili g. 3 Dti di rtenz e vlori d determinre g. 4 L rocedur di rogetto g. 7 1 Scelt dell ttutore e determinzione di revlenz e ortt g. 7 2 Scelt del iing e determinzione delle erdite di crico g. 7 3 Scelt dell om g Verific cvitzione g. 12 Digrmm delle ressioni g. 13 Bibliogrfi g. 15 clcolo iminto oleodinmico.doc ver. 2.0 del 14/7/2003 F. Qurnt, C. Sbtino Elementi di clcolo degli iminti oleodinmici 2 di 15

3 Introduzione: gli obiettivi del rogetto Il rogetto di un iminto oleodinmico consiste nell relizzzione di un sistem che, mezzo di oortune ttuzioni, ermett di conseguire l finlità ost, si quest il sollevmento di un ortellone, l zionmento di orte stgne, il movimento di orgni di tonneggio e slmento, l ggncio e sgncio di sistemi di blocco e così vi. In generle, il committente secific il tio di servizio che l iminto deve relizzre nei limiti fisici e funzionli in cui l ttuzione uò vvenire; st l rogettist relizzre un sistem che comi il servizio richiesto nel risetto delle condizioni oste. er ottenere ciò, occorre drim individure l tiologi di iminto che si idone relizzre l zionmento richiesto, er oi rocedere ll definizione dello schem di iminto revedendo tutti gli elementi che l logic d dottre e l corrett funzionlità richiedono. Si uò così rocedere lle fsi successive del rogetto d iminto tr cui, rincilmente: l definizione delle crtteristiche esterne di ttuzione (ossi dei vlori di forz e velocità o coi e velocità ngolre con cui quest deve essere eseguit); il clcolo del vlore di otenz idrulic d fornire in ingresso ll ttutore ffinché questo oss comiere il suo servizio; l definizione delle erdite di crico che il fluido subirà nel suo ssggio nel circuito; l vlutzione dell otenz che l om dovrà fornire l fluido oernte nel circuito idrulico erché ll ttutore rrivi l otenz necessri. Come in tutte le ttività rogettuli, occorrerà rocedere ssumendo lcune iotesi di lvoro - con lo scoo di oter vvire le vrie fsi di clcolo - er oi confermre o correggere le imostzioni inizili in funzione degli esiti rogressivi dello sviluo dell rocedur dottt. Circuito di riferimento ed iotesi inizili Si suone che seguito dell vlutzione dell ttuzione richiest si si ritenut idone l semlice configurzione d iminto riortt in figur. Sistemi iù comlessi otrnno essere studiti sull bse di qunto riortto nell rocedur roost, licndo correttmente le condizioni che l comlessità dell struttur dell iminto in esme one. L rocedur che segue, riferit llo schem di figur, è svilut ssumendo lcune iotesi semlifictive: nell vlutzione dell energi del fluido di servizio, trscurbilità del termine cinetico nonché di quello otenzile (essi sono effettivmente trscurbili risetto lle ressioni d esercizio); ssenz di rtizioni del flusso (identico vlore dell ortt in tutte le sezioni del circuito); resenz di un sistem che ermette l innesco dell om. F. Qurnt, C. Sbtino Elementi di clcolo degli iminti oleodinmici 3 di 15

4 Attutore Distributore om Filtro Serbtoio olio Dti di rtenz e vlori d determinre Dti di rtenz er il clcolo ossono, dunque, essere considerti i seguenti: Q u ortt necessri ll ttutore [m 3 /s] u slto di ressione sfruttto dll ttutore (differenz tr l ressione di ingresso e quell di uscit nell ttutore) [] e quelli d ricvre sono: Q ortt d erogre ll om [m 3 /s] slto di ressione fornito dll om (differenz tr l ressione ll flngi di mndt e quell ll flngi di sirzione) [] Nel cso semlice dell iminto rivo di derivzioni reso riferimento, con un unico circuito di mndt ed uno di ritorno, srà evidentemente: F. Qurnt, C. Sbtino Elementi di clcolo degli iminti oleodinmici 4 di 15

5 Q u Q Q Il vlore di Q u è legto lle esigenze di ttuzione; in generle, l ttutore (scelto in relzione ll funzione che deve svolgere) h come dti di trg l ortt che deve elborre ed il slto di ressione ssorbito nel suo lvoro. Nel cso occorr determinre er vi clcoltiv l ortt Q u ed il slto di ressione di ttuzione u, in diendenz dell funzione d relizzre, essi ossono essere definiti direttmente, tenendo conto degli sforzi d licre (forze o momenti), dell re delle suerfici ttive degli elementi mobili dell ttutore e dell velocità di ttuzione d relizzre. Un volt determinti Q u e u, si deve ttribuire un vlore tutti gli elementi che contribuiscono ll formzione di ; questo slto di ressione si identific con l revlenz totle dell om (intes come energi che l om deve fornire d ogni unità di volume fluido che l ttrvers, e quindi esress in []) nell iotesi che tr le flnge ll sirzione ed ll mndt sino nulle le vrizioni di energi cinetic e otenzile. Trscurndo, inoltre, le vrizioni energetiche otenzili e cinetiche tr le sezioni estreme del circuito idrulico ed in corrisondenz di elementi singolri (ttutore, filtro, distributore, ecc.), l differenz di ressione uò essere considert ugule ll somm del slto di ressione u, necessrio ll ttutore, e di tutte le erdite di crico del circuito, queste ultime esresse, ovvimente, come erdite di energi er unità di volume, cioè considerndo le cdute di ressione d esse equivlenti. Con riferimento l circuito roosto, è ossibile individure le seguenti cdute di ressione dovute lle erdite di crico nei suoi elementi: td Σ i di cdut di ressione distribuit nel iing come somm delle cdute nei singoli trtti; tc Σ i ci cdut di ressione concentrt nel iing come somm delle cdute concentrte nei unti singolri (devizioni, vlvole, confluenze, vrizioni di sezione, ecc.) escluse quelle reltive ll ingresso nell om (di cui si tiene conto nel termine NSH,R ); d cdut di ressione concentrt nel distributore; f cdut di ressione concentrt nel filtro. A queste erdite di crico si dovrnno ggiungere quelle derivnti dll resenz di eventuli ulteriori fttori dissitivi negli iminti ( ); le erdite di crico ll ingresso e nell ttrversmento dell om contribuiscono, invece, ll formzione del termine NSH,R. L revlenz che l om dovrà fornire l fluido, ssunt ugule l slto di ressione, srà, quindi, comlessivmente: u + td + tc + d + f + Nturlmente, le erdite di crico ndrnno clcolte, ciscun con il metodo rorito risetto ll zione dissitiv che l gener; nel seguito verrnno riortti i risultti dei metodi clssici utilizzti in Idrodinmic. Il vlore del NSH,R si evince, generlmente, dl corredo tecnico-documentle dell om, er vi grfic o tbellre, in funzione di lcuni rmetri del circuito - nel suo trtto d sirzione - e dell om stess. Si ricord che, nel clcolo di, sono stti intenzionlmente trscurti i termini energetici cinetici e otenzili, che ure esistono, nonché le loro vrizioni; questi termini hnno influenz sul vlore dell ressione nei diversi unti del circuito, mentre le loro vrizioni F. Qurnt, C. Sbtino Elementi di clcolo degli iminti oleodinmici 5 di 15

6 dovrebbero essere considerte nell esressione dell revlenz dell om. C è d dire, l rigurdo, che un semlice clcolo d esemio svelerebbe l esiguità di questi termini che se tenuti in conto nell esressione dell revlenz, fronte di un recisione di clcolo che, i fini rtici, è solo rentemente iù elevt, ne renderebbero meno immedit l determinzione e l lettur. Qunto lle otenze in gioco, vnno ftte le seguenti riflessioni: Utilizzndo le unità del SI ed introdotte le seguenti grndezze: ρ mss volumic del fluido di servizio [kg/m 3 ]; γ eso secifico del fluido di servizio ρ g [N/m 3 ]; g ccelerzione di grvità ( 9.81 m/s 2 ); H revlenz totle [m]; m otenz meccnic fornit ll om [W]; i otenz idrulic fornit dll om l fluido [W]; rendimento dell om; i otenz idrulic fornit dl fluido ll ttutore [W]; m otenz meccnic fornit dll ttutore [W]; rendimento meccnico dell ttutore; T rendimento totle dell iminto, l otenz meccnic d fornire ll om erché ess esleti l su funzione (ossi fornire il slto di ressione ll ortt Q) srà ri : m i Q Q ( u + td + tc + d + f + ) oure, in termini di revlenz totle H (somm dell revlenz utile e delle liquote di revlenz erse er effetto delle dissizioni nel circuito), essendo: si vrà: ρ g H γ H m Q ρ g H o, volendo esrimere l otenz in funzione del eso secifico (con un esressione nt nel ST, nche se con differenti unità di misur, e lrgmente utilizzt ncor oggi): m Q γ H L otenz meccnic fornit dll ttutore srà: m Q u i Si definisce rendimento del circuito c il rorto tr l otenz res disonibile ll ttutore (quell, cioè, che esso uò effettivmente sfruttre) e quell fornit dll om ll olio: c i i Q u Q u L otenz meccnic disonibile l sistem mosso dll ttutore srà, llor: F. Qurnt, C. Sbtino Elementi di clcolo degli iminti oleodinmici 6 di 15

7 m i Q u Q c m c mentre l otenz meccnic d fornire ll om otrà essere vlutt ttrverso l esressione: Il rendimento totle dell iminto, T, è: m m m T m c c L rocedur di rogetto L line di rogetto dell iminto si comone, in sostnz, di 4 fsi: 1. scelt dell ttutore e determinzione di Q e u ; 2. scelt del iing: determinzione di dimetri, lunghezze e crtteristiche dei tubi in modo che, con l lettertur osit, si ossibile determinre le erdite di crico td, tc, d, f in funzione di Q, con conseguente definizione dell revlenz totle che l om dovrà conferire l fluido; 3. scelt dell om: conoscendo l revlenz totle e l ortt ed utilizzndo i digrmmi di lyout, scelt dell om e definizione del reltivo NSH,R ; 4. verific cvitzione. 1 SCELTA DELL ATTUATORE E DETERMINAZIONE DI REVALENZA E ORTATA In quest fse, second dell finlità dell iminto, è not l tiologi di ttutore che ndrà dottto; l scelt ndrà effettut sull lettertur tecnic del disositivo dove si otrnno ricvre i vlori di ortt e revlenz necessri. L ortt otrà essere influenzt dll velocità di ttuzione desidert; inftti, se si suone che l ttutore (o gli ttutori contemornei o quelli ncor che, secondo il coefficiente di contemorneità dell iminto, sono destinti d un utilizzo simultneo sttisticmente determinbile) richied un temo t er comiere il suo lvoro e che il volume comlessivo del fluido richiesto si V, se l velocità di ttuzione e, in conseguenz, quell del fluido, uò essere ritenut costnte, l ortt richiest Q srà dt d: V Q t È bene ricordre che, se l velocità del fluido non è costnte, l ortt vri durnte l ttuzione; occorrerà, in tl cso, determinre il vlore mssimo dell ortt volumetric istntne e roorzionre il sistem erché oss erogre quest ortt. Normlmente, nell documentzione dell ttutore vi sono lcuni rmetri d entrt (velocità di ttuzione, forz o coi richieste, rmetri dimensionli secifici) con i quli si uò determinre l idoneità di un elemento ed i vlori di revlenz e ortt necessri er il suo funzionmento. 2 SCELTA DEL IING E DETERMINAZIONE DELLE ERDITE DI CARICO L scelt del iing coinvolge tutt un serie di setti che vnno dlle crtteristiche geometriche dei tubi (in rimis: i dimetri) quelle tecnologiche, come il mterile con cui le tubzioni devono essere costituite, i fluidi di servizio e le loro crtteristiche (viscosità, F. Qurnt, C. Sbtino Elementi di clcolo degli iminti oleodinmici 7 di 15

8 ggressività, ecc.); in generle, vnno ttentmente vlutti tutti gli setti inerenti le condizioni di esercizio. Nell fse di definizione delle crtteristiche delle tubzioni coesistono vincoli e grdi di libertà; inftti, è ossibile scegliere i dimetri interni dei tubi in un lrg gmm di vlori comtibilmente con le esigenze dell iminto. Occorre, tuttvi, tener resente che lcune libertà d zione vengono limitte d considerzioni di crttere logistico; d esemio, rorio i dimetri dei tubi, essendo strettmente legti l loro ingombro, ossono essere scelti in un intervllo tle d non frli risultre troo iccoli (umenterebbero le otenze richieste cus dell umentre delle erdite di crico) né troo grndi (occuerebbero szi eccessivi). Tutti i rmetri coinvolti ossono vrire in un intervllo dettto dlle esigenze tecniche, logistiche, fisiche ecc. che il rogetto dell nve imone loro; è oortuno, in quest fse, effetture l scelt di tubi e degli elementi d inserire nel circuito ttribuendo i rmetri in gioco vlori ritenuti rgionevoli ll luce dell eserienz ossedut, er oi modificre qunto revisto in rim bttut (i dimetri, in rticolre) ll luce degli esiti dello sviluo del rogetto dell iminto. Qunto lle erdite di crico, nel cmo degli iminti oleodinmici, invle l consuetudine di vlutrle in relzione ll condizione di tubi lisci. Tle iotesi è suggerit dl ftto che i mterili utilizzti ossono essere effettivmente considerti lisci; inoltre, le erdite di crico nei tubi, nell strgrnde mggiornz dei csi, sono inferiori e di vri ordini di grndezz lle ressioni in gioco il che rende irrilevnte il ftto che le erdite di crico sino clcolte er tubi lisci o scbri. Oltre ciò, v tenuto in conto il ftto che i fluidi di servizio hnno crtteristiche di detergenz il che, unitmente i flussggi che eriodicmente vengono effettuti, mntiene, in generle, un buon grdo di ulizi del iing. Il clcolo delle erdite di crico viene effettuto con i sistemi clssici dell Idrodinmic: esse ossono essere rggrute in tre tii: erdite di crico nei tubi (distribuite) erdite di crico nelle singolrità del iing (concentrte) erdite di crico negli elementi (concentrte) Ognuno di questi tii di erdite di crico deve essere vlutto con le metodologie rorite. ERDITE DISTRIBUITE L definizione delle erdite di crico di un fluido che scorre in tubi diende dl regime di moto che si instur: lminre o turbolento. Le modlità fisiche del ssggio del fluido nelle tubzioni sono diverse nei due csi, come diverse sono le modlità di erdit di un rte dell energi ossedut dl fluido. Il regime di moto che si instur in un tubzione uò essere descritto dl numero di Reynolds: dove: v d ν velocità medi del fluido nel tubo [m/s] dimetro interno del tubo [m] viscosità cinemtic del fluido [m 2 /s] v d Re ν F. Qurnt, C. Sbtino Elementi di clcolo degli iminti oleodinmici 8 di 15

9 Il numero di Reynolds è dimensionle e vi sono vrie esressioni utilizzte nell rtic che fnno riferimento differenti unità di misur delle grndezze che vi comiono 1. Com è noto dll Idrodinmic, con riferimento l moto uniforme dei fluidi in condotti sezione circolre, reltivmente i fluidi convenzionlmente utilizzti nei sistemi oleodinmici, i vlori di Re corrisondono i seguenti regimi di moto: Re < 1400 regime lminre 1400 < Re < 2400 regime di trnsizione Re > 2400 regime turbolento I regimi lminre e turbolento sono crtterizzti d dinmiche fisiche ben definite che ermettono l determinzione delle erdite di crico con sufficiente ccurtezz licndo le relzioni fornite dll Idrulic. Ciò non ccde nel moto di trnsizione che è influenzto dlle crtteristiche di entrmbi i regimi di moto; er questo cso, in genere, si utilizzno, vntggio di sicurezz, le medesime leggi vlide nel cso del regime di moto turbolento, benché i risultti del clcolo rossimino meno bene le situzioni reli. Le erdite di crico distribuite sono riconducibili, in ultim nlisi, ll zione dell viscosità del fluido che gener dissizioni di energi nel conttto tr rticelle di fluido che scorrono velocità diverse tr loro. È ossibile vlutre le erdite di crico con un esressione generle, vlid si er moto lminre si turbolento: 2 3 Q λ ρ l 5 d dove: erdit di crico (cdut di ressione equivlente) [br] ρ mss volumic del fluido [kg/dm 3 ] Q ortt del fluido [l/min] d dimetro interno del tubo [mm] l lunghezz del tubo [m] λ indice di resistenz Il vlore dell indice di resistenz λ diende dl regime di moto con cui il fluido scorre nei tubi. Se il regime è lminre (e, ertnto, un volt clcolto il vlore di Re, si è ottenuto un numero inferiore 1400), le erdite di crico er unità di lunghezz dell tubzione sono rticmente indiendenti dll scbrezz dei tubi e diendono solo di rmetri che formno il numero di Reynolds; l indice di resistenz uò essere vlutto ttrverso l formul di oiseuille: 1 Altre esressioni di Re sono: 6 v d Re 10 con v in m/s, d in m e ν in mm 2 /s (cst) ν 6 Q Re con Q in l/s, d in mm e ν in mm 2 /s (cst) dν 4 Q Re con Q in l/min, d in mm e ν in mm 2 /s (cst) dν F. Qurnt, C. Sbtino Elementi di clcolo degli iminti oleodinmici 9 di 15

10 64 λ Re Se il moto è turbolento (Re > 2400), le erdite di crico er unità di lunghezz ossono diendere dll scbrezz dell tubzione e er l loro determinzione ndrebbe utilizzto l bco di Moody o, equivlentemente, l formul di Colebrook e White; tuttvi, er i motivi rim esosti, in oleodinmic i tubi si ossono considerre lisci (e ciò vle er tutto il loro eriodo di esercizio). In queste condizioni, e se il numero di Reynolds non suer 10 5 (vlore, erltro, elevtissimo risetto quelli generlmente riscontrbili negli iminti oleodinmici), uò utilizzrsi l formul di Blsius: λ Come detto, nche se il vlore clcolto del numero di Reynolds è comreso tr 1400 e 2400 (e si è, quindi, in resenz di moto di trnsizione), si utilizz ncor l formul di Blsius, con risultti tnto meglio rossimti qunto iù elevto è il numero di Reynolds. ERDITE CONCENTRATE Si hnno erdite concentrte in due condizioni: in resenz di elementi singolri del iing (incroci, confluenze, vrizioni di sezione, curve ecc.); in resenz di comonenti funzionli (vlvole, by-ss, distributori, filtri, ecc.). Re er il rimo cso, è ossibile determinre le erdite di crico (semre considert come cdut di ressione equivlente) ttrverso l esressione: 2.25 Q K ρ d 2 4 dove: F. Qurnt, C. Sbtino Elementi di clcolo degli iminti oleodinmici 10 di 15

11 erdit di crico nell elemento [br]; ρ mss volumic del fluido [kg/dm 3 ]; Q d K ortt del fluido [l/min]; dimetro del tubo è [mm]; coefficiente di erdit di crico. Il coefficiente K uò essere ricvto dll figur riortt in funzione dell geometri dell singolrità; i vlori indicti sono stti ottenuti serimentlmente er vlori di Re > 10 5 in condizioni di moto turbolento. Nell liczione dei vlori suggeriti vnno tenute resenti lcune condizioni. - Nei csi di brusco llrgmento, brusco restringimento e rogressivo llrgmento i vlori dei dimetri d inserire sono quelli reltivi lle sezioni iù iccole (dove regnno le velocità iù lte); - I fluidi di servizio dei sistemi oleodinmici lvorno, in generle, con vlori di Re bssi, in regime di moto lminre, condizione er l qule i vlori di K riortti si rivelno reltivmente bssi; ertnto, il loro uso uò ortre d un sottostim delle erdite di crico nche rilevnte. Tuttvi, dto che i vlori delle erdite di crico concentrte sono comunque di vri ordini di grndezz inferiori lle ressioni che regnno nel circuito, e quindi l slto di ressione u necessrio ll ttutore, l utilizzo dei vlori di K indicti (ur sottostimndo il vlore ssoluto delle erdite di crico loclizzte) non comort errori significtivi nell vlutzione dell revlenz totle che l om deve fornire l circuito. Nei (rri) csi in cui occorresse un vlutzione iù ccurt delle erdite di crico in questione, bisognerà riferirsi ll lettertur secilistic. er qunto rigurd l determinzione delle erdite di crico negli elementi funzionli del circuito, è generlmente ossibile definirle ttrverso digrmmi, forniti di roduttori di ogni elemento, che riortno l cdut di ressione che il fluido subisce nel ssggio ttrverso l elemento in questione in funzione dell su ortt; se l elemento uò essere ttrversto dl fluido in diverse condizioni (es. vlvol di mssim ressione ert o chius, vlvol di ritegno ilott e ttrverst in un senso o nell ltro), nel digrmm vengono riortte vrie curve, ognun delle quli si riferisce d un modlità di funzionmento. ERDITE DI CARICO TOTALI All fine di quest rocedur, si conoscerà come somm di tutte le erdite distribuite e concentrte - l erdit di crico comlessiv che, ll ortt nominle, il fluido subirà nel ssggio nel circuito; questo vlore è ssocito lle scelte (di tenttivo) ftte e, ertnto, se ritenuto eccessivo (d esemio erché, nel rosieguo dell rocedur, orterà d un vlore dell otenz ll sse dell om troo elevto) otrà essere corretto eseguendo scelte diverse sui vlori in gioco (d es. dimetro dei tubi). L revlenz totle che l om dovrà conferire l fluido (ll ortt di rogetto determint in bse lle esigenze dell ttutore) srà clcolt come somm dell revlenz utile (richiest dll ttutore) e di tutte le erdite di crico nel circuito. 3 SCELTA DELLA OMA A questo unto, conoscendo l ortt che deve essere erogt e l revlenz totle d conferire l fluido, è ossibile effetture, in vi di rimo tenttivo, l scelt dell om; sono in commercio diverse soluzioni che vnno dll singol om d inserire in circuito - revedendo tutti gli ccessori e le rotezioni necessrie - lle centrline oleodinmiche (ower ck) che, oltre ll om, includono tutt un serie di ccessori che ermettono, senz dover revedere ulteriori elementi di llestimento, di limentre l iminto che F. Qurnt, C. Sbtino Elementi di clcolo degli iminti oleodinmici 11 di 15

12 rovvede ll ttuzione semlicemente collegndo correttmente le uscite di mndt e ritorno dll centrlin. In entrmbi i csi, sono, in genere, disonibili (forniti dl costruttore er qulificre le restzioni del rorio rodotto) vri strumenti grfici che ermettono di ccertre con semlicità l idoneità di un om (o di un centrlin) ll utilizzo in un iminto, un volt definite le richieste in termini di ortt e ressione; tr questi, sorttutto i digrmmi di lyout che relizzti, normlmente, er grui di ome di un costruttore - indicno i domini nel digrmm H, Q nei quli è ossibile effetture l scelt dell om tr quelle cui il grfico si riferisce. Seleziont l om, dll lettertur tecnic di corredo srà ossibile controllre che ess si in grdo di fornire, ll ortt Q di rogetto, un revlenz lmeno ugule quell richiest. Nel cso di esito ositivo del controllo, l om otrà essere dottt in vi definitiv ed essere llestit in modo tle d erogre ll ortt di rogetto l revlenz totle necessri; in cso contrrio occorrerà scegliere un om che oss fornire, ll ortt Q, un revlenz sueriore. Inoltre, er l om scelt, dll lettertur tecnic di corredo srà ossibile ricvre il vlore del NSH,R con il qule rocedere ll verific cvitzione. 4 VERIFICA A CAVITAZIONE L ressione iù bss del circuito si h ll interno dell om 2 e srà ri ll energi totle ssolut er unità di volume, E A [br], resente ll flngi di sirzione, diminuit del NSH,R. Il vlore di E A è ugule ll somm dell energi cinetic e dell ressione ssolut ll flngi; er vlutrlo occorre, llor, tenere resenti le seguenti liquote di cui E A è ridott risetto ll energi regnnte nel serbtoio: erdit di crico subit nel iing monte dell om; colonn di fluido tr elo libero ed ingresso dell om (se sorbttente; se sottobttente, ess rresent un umento d energi). In uno schem circuito erto, con om sorbttente, l situzione nei rigurdi dell cvitzione è iù critic, in qunto ll ingresso dell om l ressione (certmente inferiore quell tmosferic) è iù bss di quell che vi regnerebbe in un circuito chiuso; è d osservre, inoltre, che, in circuito erto, l energi cinetic residu nell tubzione di ritorno, viene dissit ll tto dell entrt del fluido in serbtoio. Il NSH,R è ugule ll somm dell energi cinetic ll flngi di sirzione, delle erdite di crico ll ingresso e ll interno dell om, fino l unto di minim ressione, e dell cdut di ressione equivlente ll umento di energi cinetic tr l flngi e il medesimo unto. erché non si inneschi cvitzione, occorre verificre che l ressione minim, in qulsisi condizione di funzionmento dell iminto, si sueriore ll ressione di vore del fluido ll temertur di esercizio, in modo che si eviti l formzione di bolle di vore; ciò ccde se è risettt l disuguglinz: NSH,R < NSH,D dove er NSH,D s intende l differenz tr il vlore di E A e l tensione di vore del fluido ll temertur d esercizio; quest ultimo vlore è ricvbile in form tbellre o grfic di mnuli secilizzti in fluidi oertivi er sistemi oleodinmici. Clcolto, con i vlori noti, il vlore di NSH,D e comrtolo con quello di NSH,R fornito dl corredo tecnico dell om, nel cso che l condizione di sicurezz nei confronti dell 2 In funzione del grdo di rezione dell om e dell geometri dell girnte, il unto di minim energi si troverà nel unto in cui si comlet l trsformzione dell energi otenzile in cinetic. F. Qurnt, C. Sbtino Elementi di clcolo degli iminti oleodinmici 12 di 15

13 cvitzione non si risettt, è necessrio ortre modifiche l rogetto dell iminto in modo tle che il vlore del NSH disonibile si mggiore di quello richiesto er tutte le ossibili condizioni oertive dell iminto. Digrmm delle ressioni L figur che segue svilu in line il circuito, ossi lo rresent con un segmento orizzontle lungo il qule sono inseriti i vri unti singolri del sistem, in modo d oter visulizzre il rofilo delle ressioni regnnti nelle vrie sezioni. Il digrmm delle ressioni è trccito nelle iotesi che: nell om vi sino erdite concentrte ll ingresso, erdite distribuite nei condotti e l ressione si innlzi in un idele sezione in cui si concentr l zione dell om; non vi sino vrizioni di quot geometric del circuito (come se questo gicesse intermente su un ino orizzontle) ovvero che tli vrizioni non bbino influenz significtiv sull energi del fluido (iotesi lrgmente verifict nei circuiti oleodinmici); volendo tener conto nel digrmm nche di quest liquot di energi, le ordinte del digrmm si dovrebbero ridurre (umentre), in ciscun sezione, di un quntità ri ll umento (ll diminuzione) di quot geometric risetto quell di riferimento; le erdite di crico loclizzte dovute singolrità del iing (devizioni, curve, confluenze ecc.) vengno rresentte come liquote di quelle distribuite, sicché queste sino rresentte con linee di mggiore endenz; non vi sino vrizioni di sezione tli d generre vrizioni di velocità significtive i fini dell incidenz sulle erdite di crico e sulle vrizioni dell ressione tr le sezioni medesime; v,t si l ressione di vore del fluido di lvoro ll temertur di esercizio. Nell sezione di imbocco c è si un erdit di crico (che influenz l ressione del fluido riducendol) si un trsformzione di energi otenzile in cinetic. Quest erdit di crico concentrt, ur trscurbile i fini dell vlutzione dell revlenz dell om (come è stto già messo in evidenz), uò vere un incidenz significtiv sul vlore del NSH,R. Nell sezione di ritorno del fluido in serbtoio, er l continuità dell ressioni tr le due fcce dell sezione d estremità dell tubzione di ritorno, ed essendo l ressione resso quest sezione vincolt, in condizioni stzionrie, l vlore dell colonn fluid in quel unto (ρgh se h è l ffondmento del bricentro dell sezione risetto l elo libero), non c è slto di ressione ed il fluido dissi, come già osservto, l energi cinetic che ossedev rim di immettersi nel serbtoio. F. Qurnt, C. Sbtino Elementi di clcolo degli iminti oleodinmici 13 di 15

14 u 1 tm v,t NSH,R NSH,D dl serbtoio Distribuzione Attutore Distribuzione om Filtro F. Qurnt, C. Sbtino Elementi di clcolo degli iminti oleodinmici 1 di 15 l serbtoio

15 Bibliogrfi A. Ghetti: Idrulic, Edizioni Libreri Cortin, dov, 1983, ISBN U. Belldonn: Elementi di oleodinmic, Bibliotec Tecnic Hoeli, 2001, ISBN H. Seich, A. Buccirelli: Mnule di Oleodinmic, Tecniche Nuove, Milno, 2002, ISBN R. Dell Vole, Mcchine, Liguori, Noli, 1994, ISBN R.H. erry, D. W. Green: erry s Chemicl Engineers Hndbook, McGrw Hill Interntionl Editions (Chemicl Engineering Series), ISBN F. Qurnt, C. Sbtino Elementi di clcolo degli iminti oleodinmici 1 di 15

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

ELEMENTI DI DINAMICA DEI FLUIDI

ELEMENTI DI DINAMICA DEI FLUIDI Corso di Fisic tecnic e mbientle.. 011/01 - Docente: Prof. Crlo Isetti ELEMENTI DI DINAMICA DEI FLUIDI 6.1 GENERALITÀ Il moto più semplice cui si f riferimento è in genere il moto stzionrio, che è crtterizzto

Dettagli

Miscele di aria e vapore d acqua

Miscele di aria e vapore d acqua Brbr Gherri mtr. 4544 Lezione del 20/2/02 or 8:0-0:0 iscele di ri e ore d cqu L esigenz di studire le miscele ri ore deri dll grnde imortnz che esse riestono er il benessere termoigrometrico dell uomo

Dettagli

P O M P E. Per un impianto generico, il cui schema è rappresentato in figura, si adotta la seguente terminologia: H g è la PREVALENZA GEODETICA

P O M P E. Per un impianto generico, il cui schema è rappresentato in figura, si adotta la seguente terminologia: H g è la PREVALENZA GEODETICA O M E Sono cchine IDRULIE OERTRII. Loro coito è quello di trferire l eneri eccnic di cui dionono in eneri idrulic. Quete cchine cedono l fluido incoriiile che le ttrer eneri di reione e/o eneri cinetic.

Dettagli

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio 1 Problemi di collegmento delle strutture in cciio Unioni con bulloni soggette tglio Le unioni tglio vengono generlmente utilizzte negli elementi compressi, quli esempio le unioni colonn-colonn soggette

Dettagli

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici.

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici. Il Primo Principio dell Termodinmic non fornisce lcun indiczione rigurdo d lcuni spetti prtici. l evoluzione spontne delle trsformzioni; non individu cioè il verso in cui esse possono vvenire. Pistr cld

Dettagli

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Al termine di ciscun periodo d impost, dopo ver effettuto le scritture di ssestmento e rettific,

Dettagli

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli:

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli: Acidi Deboli Si definisce cido debole un cido con < 1 che risult perciò solo przilmente dissocito in soluzione. Esempi di cidi deboli: Acido cetico (H OOH) 1.75 1-5 Acido scorbico (vitmin ) 1 6.76 1-5.5

Dettagli

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito.

Integrali de niti. Il problema del calcolo di aree ci porterà alla de nizione di integrale de nito. Integrli de niti. Il problem di clcolre l re di un regione pin delimitt d gr ci di funzioni si può risolvere usndo l integrle de nito. L integrle de nito st l problem del clcolo di ree come l equzione

Dettagli

Portata Q - è il volume di liquido mosso dalla pompa nell'unità di tempo; l'unità di misura della portata è m 3 /sec (l/s; m 3 /h).

Portata Q - è il volume di liquido mosso dalla pompa nell'unità di tempo; l'unità di misura della portata è m 3 /sec (l/s; m 3 /h). OME ER FLUIDI ALIMENARI Definizione Sono macchine oeratrici oeranti su fluidi incomrimibili in grado di trasformare l energia meccanica disonibile all albero di un motore in energia meccanica del fluido

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è:

Titolazione Acido Debole Base Forte. La reazione che avviene nella titolazione di un acido debole HA con una base forte NaOH è: Titolzione Acido Debole Bse Forte L rezione che vviene nell titolzione di un cido debole HA con un bse forte NOH è: HA(q) NOH(q) N (q) A (q) HO Per quest rezione l costnte di equilibrio è: 1 = = >>1 w

Dettagli

Il dimensionamento dei carichi termici delle celle frigorifere

Il dimensionamento dei carichi termici delle celle frigorifere Il dimensionmento dei crichi termici delle celle frigorifere Andre Verondini Scoo rincile di un iminto di refrigerzione è quello di mntenere in un cell le condizioni che consentno l conserzione delle derrte

Dettagli

Figura 47: i ponti termici possono essere causati da discontinuità dei materiali o da discontinuità geometriche.

Figura 47: i ponti termici possono essere causati da discontinuità dei materiali o da discontinuità geometriche. Prestzioni PONTI TERMICI Normlmente il clcolo delle dispersioni termiche di un edificio viene svolto considerndo che le temperture interne ed esterne sino costnti (Regime Termico tzionrio). Questo signific

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "FERMI"

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE FERMI ISTITUTO TECNICO INDUSTIALE STATALE "EMI" TEVISO GAA NAZIONALE DI MECCANICA 212 ropost di soluzione rim rov cur di Benetton rncesco (vincitore edizione 211 unzionmento: L gru bndier girevole sopr riportt

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Modello Dinamico della Microturbina Turbec T100. Giuseppe Messina. Report RdS/2013/221 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Modello Dinamico della Microturbina Turbec T100. Giuseppe Messina. Report RdS/2013/221 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Agenzi nzionle er le nuove tecnologie l energi e lo sviluo economico sostenibile MIISERO EO SVIUPPO ECOOMICO Modello inmico dell Microturbin urbec 00 Giusee Messin Reort RdS/0/ MOEO IAMICO EA MICROURBIA

Dettagli

STUDIO SISTEMATICO DELLE GIUNZIONI BULLONATE

STUDIO SISTEMATICO DELLE GIUNZIONI BULLONATE LEZIONI N 26, 27 E 28 STUDIO SISTEATICO DELLE GIUNZIONI BULLONATE Adottimo un criterio di clssificzione bsto sulle crtteristiche di sollecitzioni trsmesse dlle ste collegte. Per qunto rigurd le unioni

Dettagli

Accoppiamento pompa e sistema

Accoppiamento pompa e sistema Accoppimento pomp e sistem 1/9 Considerimo il sistem idrulico dell Fig. 1 costituito d due bcini, mbedue soggetti ll pressione tmosferic e collegti tr loro d un tubzione: si vuole portre l cqu dl bcino

Dettagli

8 Controllo di un antenna

8 Controllo di un antenna 8 Controllo di un ntenn L ntenn prbolic di un rdr mobile è montt in modo d consentire un elevzione compres tr e =2. Il momento d inerzi dell ntenn, Je, ed il coefficiente di ttrito viscoso, f e, che crtterizzno

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA di Giuli Cnzin e Dominique Cppelletti Come potrete notre inoltrndovi nel corso di Introduzione ll economi, l interpretzione dell teori economic non presuppone conoscenze

Dettagli

Gioco Interno Tipologie e Norme

Gioco Interno Tipologie e Norme Gioco Interno Tipologie e Norme Per gioco interno si intende l misur complessiv di cui un nello si può spostre rispetto ll ltro in direzione oppost. E necessrio distinguere fr gioco rdile e gioco ssile.

Dettagli

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione

Conversione A/D e D/A. Quantizzazione Conversione A/D e D/A Per il trttmento dei segnli sempre più vengono preferite soluzioni di tipo digitle. È quindi necessrio, in fse di cquisizione, impiegre dispositivi che convertno i segnli nlogici

Dettagli

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna verso LA RILEVAZIONE INVALSI SCUOLA SECONDARIA DI secondo GRADO PROVA DI Mtemtic 30 quesiti Febbrio 0 Scuol... Clsse... Alunno... e b sono numeri reli che verificno quest uguglinz: Qunto vle il loro prodotto?

Dettagli

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione

Stabilità dei sistemi di controllo in retroazione Stbilità dei sistemi di controllo in retrozione Criterio di Nyquist Il criterio di Nyquist Estensione G (s) con gudgno vribile Appliczione sistemi con retrozione positiv 2 Criterio di Nyquist Stbilità

Dettagli

TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA

TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA Scuol di specilizzzione in: Allevmento, igiene, ptologi delle specie cqutiche e controllo dei prodotti derivti TECNOLOGIE PER L ACUACOLTURA PROF. MASSIMO LAZZARI Anno ccdemico 007-008 L movimentzione meccnic

Dettagli

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica

Nome.Cognome classe 5D 18 Marzo 2014. Verifica di matematica Nome Cognome cls 5D 18 Mrzo 01 Problem Verific di mtemtic In un sistem di riferimento crtesino Oy, si consideri l funzione: ln f ( > 0 0 e si determini il vlore del prmetro rele in modo tle che l funzione

Dettagli

Attuatori pneumatici 1400, 2800 e 2 x 2800 cm² Tipo 3271 Comando manuale Tipo 3273

Attuatori pneumatici 1400, 2800 e 2 x 2800 cm² Tipo 3271 Comando manuale Tipo 3273 Attutori pneumtici 00, 00 e x 00 cm² Tipo Comndo mnule Tipo Appliczione Attutore linere per il montggio su vlvole di regolzione Serie 0, 0 e 0 Dimensione: 00 e 00 cm² Cors: fino 0 mm Gli ttutori pneumtici

Dettagli

Modulo 6. La raccolta bancaria e il rapporto di conto corrente. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario

Modulo 6. La raccolta bancaria e il rapporto di conto corrente. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario 58 Modulo 6 L rccolt bncri e il rpporto di conto corrente I destintri del Modulo sono gli studenti del quinto nno che, dopo ver nlizzto e ppreso le crtteristiche fondmentli dell ttività delle ziende di

Dettagli

Attuatori pneumatici fino 700 cm 2 Tipo 3271 e Tipo 3277 per montaggio integrato del posizionatore

Attuatori pneumatici fino 700 cm 2 Tipo 3271 e Tipo 3277 per montaggio integrato del posizionatore Attutori pneumtici fino cm Tipo e Tipo per montggio integrto del posiziontore Appliczione Attutore linere per il montggio su vlvole di regolzione, soprttutto per l Serie,, e vlvol microflusso Tipo dimensione

Dettagli

LE SOLLECITAZIONI. Gli ingranaggi face gear, o a denti frontali (figura DEGLI INGRANAGGI A DENTI FRONTALI

LE SOLLECITAZIONI. Gli ingranaggi face gear, o a denti frontali (figura DEGLI INGRANAGGI A DENTI FRONTALI SANDRO BARONE, PAOLA FORTE LE SOLLECITAZIONI DEGLI INGRANAGGI A DENTI FRONTALI Un ingrnggio denti frontli (Fce Ger) offre vntggi si in termini di peso si in termini di riprtizione dei crichi sui denti,

Dettagli

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008

ANALISI REALE E COMPLESSA a.a. 2007-2008 ANALISI REALE E COMPLESSA.. 2007-2008 1 Successioni e serie di funzioni 1.1 Introduzione In questo cpitolo studimo l convergenz di successioni del tipo n f n, dove le f n sono tutte funzioni vlori reli

Dettagli

BOZZA. 1 2a S/2 S/2. Lezione n. 27. Le strutture in acciaio Le unioni bullonate Le unioni saldate

BOZZA. 1 2a S/2 S/2. Lezione n. 27. Le strutture in acciaio Le unioni bullonate Le unioni saldate Lezione n. 7 Le strutture in cciio Le unioni bullonte Le unioni sldte Unioni Le unioni nelle strutture in cciio devono grntire un buon funzionmento dell struttur e l derenz dell stess llo schem sttico

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto 7 I costi dell impres 7.1. Per l combinzione di equilibrio dei due input, si ved il grfico successivo. L pendenz dell line di isocosto e` pri ll opposto del rpporto tr i prezzi dei fttori: -10 = 2 = -5.

Dettagli

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez.

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez. Fcoltà di Economi - Università di Sssri Anno Accdemico 2004-2005 Dispense Corso di Econometri Docente: Lucino Gutierrez Algebr Linere Progrmm: 1.1 Definizione di mtrice e vettore 1.2 Addizione e sottrzione

Dettagli

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI Elis Gonizzi N mtricol: 3886 Lezione del -- :3-:3 IRRAGGIAMENO: APPLICAZIONI ED EERCIZI E utile l fine di comprendere meglio le ppliczioni e gli esercizi ricordre cos si intend con i termini CORPI NERI

Dettagli

2. PROPRIETÀ E TRASFORMAZIONI DELL ARIA

2. PROPRIETÀ E TRASFORMAZIONI DELL ARIA 2. PROPRIETÀ E TRASFORMAZIONI DELL ARIA UMIDA 2.1. Ari Atmosferic L'ri tmosferic é costituit d un insieme di componenti gssosi (N 2, O 2, Ar, CO 2, Ne, He, ) e d ltre sostnze che possono presentrsi in

Dettagli

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x)

lim lim lim + Nome.Cognome Classe 4D 7 Aprile 2011 Verifica di matematica Problema (punti 3) Sono date le funzioni: f ( x) Nome.Cognome Clsse D 7 Aprile 0 Verific di mtemtic Problem (punti ) Sono dte le funzioni: f ( ) =, g ( ) = ( ) ) determinre il dominio di f() e di g() b) determinre, senz l uso dell clcoltrice f ( ) c)

Dettagli

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi

Il volume del cilindro è dato dal prodotto della superficie di base per l altezza, quindi Mtemtic per l nuov mturità scientific A. Bernrdo M. Pedone 3 Questionrio Quesito 1 Provre che un sfer è equivlente i /3 del cilindro circoscritto. r 4 3 Il volume dell sfer è 3 r Il volume del cilindro

Dettagli

FORMULE DI AGGIUDICAZIONE

FORMULE DI AGGIUDICAZIONE Mnule di supporto ll utilizzo di Sintel per stzione ppltnte FORMULE DI AGGIUDICAZIONE gin 1 di 18 Indice AZIENDA REGIONALE CENTRALE ACQUISTI - ARCA S.p.A. 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Mtrice modlità offert/modlità

Dettagli

L offerta della singola impresa: l impresa e la massimizzazione del profitto

L offerta della singola impresa: l impresa e la massimizzazione del profitto L offert dell singol imres: l imres e l mssimizzzione del rofitto Qundo un imres ot er un ino di roduzione sceglie un certo livello di inut che le grntisc un dto outut L scelt del ino di roduzione h l

Dettagli

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti

Anno 5. Applicazione del calcolo degli integrali definiti Anno 5 Appliczione del clcolo degli integrli definiti 1 Introduzione In quest lezione vedremo come pplicre il clcolo dell integrle definito per determinre le ree di prticolri figure pine, i volumi dei

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO. FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di laurea in Ingegneria Meccanica. Tesina del corso di

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO. FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di laurea in Ingegneria Meccanica. Tesina del corso di UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di lure in Ingegneri Meccnic Tesin del corso di TRASMISSIONE DEL CALORE Docente Prof. Ing. Gennro Cuccurullo Tesin n.7a Effetti termici del

Dettagli

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per Funzioni di utilità (finlmente un po di geroglifici, dopo i grffiti) NB: non fte leggere queste pgine un mtemtico, ltrimenti mi msscr!. Definizione e proprietà Considerimo due eni e di interesse per un

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 14 del 30/11/2012 ARGOMENTO: IMPOSTA SOSTITUIVA TFR 2013 Scde il prossimo 16 dicembre il termine per pgre l impost sostitutiv sul TFR. Tle impost rppresent l nticipo di tsse dovute

Dettagli

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I)

Elettronica dei Sistemi Digitali Il test nei sistemi elettronici: guasti catastrofici e modelli di guasto (parte I) Elettronic dei Sistemi Digitli Il test nei sistemi elettronici: gusti ctstrofici e modelli di gusto (prte I) Vlentino Lierli Diprtimento di Tecnologie dell Informzione Università di Milno, 26013 Crem e-mil:

Dettagli

GEOTECNICA LEZIONE 11 PROBLEMI DI STABILITA ANALISI LIMITE SPINTA DELLE TERRE. Ing. Alessandra Nocilla

GEOTECNICA LEZIONE 11 PROBLEMI DI STABILITA ANALISI LIMITE SPINTA DELLE TERRE. Ing. Alessandra Nocilla GEOTECNICA LEZIONE 11 POBLEMI DI STABILITA ANALISI LIMITE SPINTA DELLE TEE Ing. Alessndr Nocill 1 POBLEMI DI STABILITA OPEE DI SOSTEGNO OPEE DI SOSTEGNO IGIDE FLESSIBILI L stbilità è legt l eso W dell

Dettagli

BREVE APPENDICE SULLE UNITA' LOGARITMICHE

BREVE APPENDICE SULLE UNITA' LOGARITMICHE BREVE APPENDICE SULLE UNITA' LOGARITMICHE Per esprimere gudgni e ttenuzioni, nonché cifre di rumore e rpporti segnle-rumore si usno frequentemente le unità logritmiche. Come risultto, l grndezz in questione

Dettagli

C A 10 [HA] C 0 > 100 K

C A 10 [HA] C 0 > 100 K Soluzioni Tmpone Le soluzioni tmpone sono soluzioni in cui sono presenti un cido debole e l su bse coniugt sotto form di sle molto solubile. Hnno l crtteristic di mntenere il ph qusi costnte nche se d

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA Dipartimento di Informatica Matematica Elettronica e Trasporti

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA Dipartimento di Informatica Matematica Elettronica e Trasporti UNIVRSITA DGLI STUDI MDITRRANA DI RGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGGNRIA Dirtimento di Informtic Mtemtic lettronic e Trsorti QD-SD 03/02 L vlutzione delle condizioni termiche negli mbienti severi Antonino

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Prm Temi specili di bilncio Le imposte (3) Il consolidto fiscle nzionle RIFERIMENTI Normtiv Artt. 117 129 del TUIR Art. 96 del TUIR Prssi contbile Documento OIC n. 25 Documento

Dettagli

Sessione Suppletiv PNI 006 Sessione Suppletiv PNI 006 Sessione Suppletiv PNI 006 PROBLEMA ) L prbol di equzione V ' (0,0). y h sse di simmetri prllelo ll sse delle ordinte e vertice in L prbol di equzione

Dettagli

Esercizi sulle Reazioni Acido-Base

Esercizi sulle Reazioni Acido-Base Insegnmento di himic Generle 08344 - S I e MT Esercizi sulle Rezioni cido-bse Prof. ttilio itterio Diprtimento MI Giulio Ntt http://iscmp.chem.polimi.it/citterio/eduction/generl-chemistry-exercises/ Sistemi

Dettagli

FASCICOLO TECNICO PRESTAZIONI ENERGETICHE SOLAI

FASCICOLO TECNICO PRESTAZIONI ENERGETICHE SOLAI Pgin di 7 Rel. ermic soli Fscicolo tecnico per il clcolo delle prestzioni energetiche di soli lstre trliccite ( predlles ) IN ACCORDO ALLA NORMA UNI EN ISO 6946:008 0 07.0.00 Rev. Dt Descrizione Redtto

Dettagli

UNITÀ DI GUIDA E SLITTE

UNITÀ DI GUIDA E SLITTE UNITÀ DI GUIDA E SLITTE TIPOLOGIE L gmm di unità di guid e di slitte proposte è molto mpi. Rggruppimo le guide in fmiglie: Unità di guid d ccoppire cilindri stndrd Si trtt di unità indipendenti, cui viene

Dettagli

COLPO D ARIETE: MANOVRE DI CHIUSURA

COLPO D ARIETE: MANOVRE DI CHIUSURA Università degli studi di Rom Tor Vergt Corso di Idrulic. Prof. P. Smmrco COLPO D ARIETE: MANOVRE DI CHIUSURA Appunti integrtivi l testo E. Mrchi, A. Rubtt - Meccnic dei Fluidi dlle lezioni del prof. P.

Dettagli

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2.

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2. Cp. 49 - Debiti verso bnche 49 DEBITI VERSO BANCHE Pssivo SP D.4 Prssi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 1 PREMESSA I debiti verso bnche ricomprendono tutti quei debiti in cui l controprte è un

Dettagli

Esercizi sulle Reazioni Acido-Base

Esercizi sulle Reazioni Acido-Base Insegnmento di himic Generle 08344 - S I e MT.. 015/016 (I Semestre) Esercizi sulle Rezioni cido-bse Prof. ttilio itterio Diprtimento MI Giulio Ntt http://ismp.chem.polimi.it/citterio Sistemi cido-bse

Dettagli

Esercizi sulle serie di Fourier

Esercizi sulle serie di Fourier Esercizi sulle serie di Fourier Corso di Fisic Mtemtic,.. 3- Diprtimento di Mtemtic, Università di Milno Novembre 3 Sviluppo in serie di Fourier (esponenzile) In questi esercizi, si richiede di sviluppre

Dettagli

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali

Equivalenza tra equazioni di Lagrange e problemi variazionali Equivlenz tr equzioni di Lgrnge e problemi AM Cherubini 20 Aprile 2007 1 / 21 Problemi Mostrimo or come si possono ricvre sistemi di equzioni con struttur lgrngin in un mbito diverso: prim si er crtterizzt

Dettagli

SISTEMA DI LUBROREFRIGERAZIONE MINIMALE DI UTENSILI NELLE LAVORAZIONI DI

SISTEMA DI LUBROREFRIGERAZIONE MINIMALE DI UTENSILI NELLE LAVORAZIONI DI SISTEM DI LUBROREFRIGERZIONE MINIMLE DI UTENSILI NELLE LVORZIONI DI TGLIO SORTZIONE TRUCIOLO STMGGIO FREDDO UTILIZZRE SOLO LIQUIDI LUBRIFICNTI SISTEM "MQLC" DI LUBRIFICZIONE RI OLIO SSICUR UN EFFETTO DI

Dettagli

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo:

, x 2. , x 3. è un equazione nella quale le incognite appaiono solo con esponente 1, ossia del tipo: Sistemi lineri Un equzione linere nelle n incognite x 1, x 2, x,, x n è un equzione nell qule le incognite ppiono solo con esponente 1, ossi del tipo: 1 x 1 + 2 x 2 + x +!+ n x n = b con 1, 2,,, n numeri

Dettagli

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423 Comune di Poviglio Provinci di Reggio Emili Relzione illustrtiv dell Delierzione Consilire di pprovzione, dei coefficienti e prmetri di conversione che ssicurno l equivlenz tr le definizioni e le modlità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI FISICA PRIMO BIENNIO CLASSI SECONDE

PROGRAMMAZIONE DI FISICA PRIMO BIENNIO CLASSI SECONDE PROGRAMMAZIONE DI FISICA PRIMO BIENNIO CLASSI SECONDE Nel pino di lvoro sono indicte con i numeri d 1 5 le competenze di bse che ciscun unit' didttic concorre sviluppre, secondo l legend riportt di seguito.

Dettagli

Elementi di meccanica dei fluidi

Elementi di meccanica dei fluidi IMPIANTI AEROSPAZIALI DISPENSE DEL CORSO, VERSIONE 005 Caitolo 3 Elementi di meccanica dei fluidi 3. IMPIANTI AEROSPAZIALI DISPENSE DEL CORSO, VERSIONE 005 3. Introduzione In molti imianti il collegamento

Dettagli

CAPITOLO 14 OPERE DI SOSTEGNO

CAPITOLO 14 OPERE DI SOSTEGNO Citolo 14 OPEE DI SOSTEGNO CAPITOLO 14 OPEE DI SOSTEGNO 14.1 Introduzione Esiste un grnde vrietà di strutture utilizzte er sostenere il terreno e/o l cqu si er lvori temornei che er oere definitive. In

Dettagli

LE RETTIFICHE DI STORNO

LE RETTIFICHE DI STORNO Cpitolo 11 LE RETTIFICHE DI STORNO cur di Alfredo Vignò Le scritture di rettific di fine esercizio Sono composte l termine del periodo mministrtivo per inserire nel sistem vlori stimti e congetturti di

Dettagli

tubi corrugati in polietilene

tubi corrugati in polietilene tubi corrugti in polietilene Sistemi integrli per trsporto ed il trttmento dei fluidi tubi corrugti in polietilene istino cvidotti e drenggi PERETE INTERNA PRODOTTA CON PE ADDITIVATO PER FACIITARE O SCORRIMENTO

Dettagli

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione MANUALE DI SUPPOTO ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFOMA SINTEL GUIDA ALLE FOMULE DI AGGIUDICAZIONE Pgin 1 di 21 AGENZIA EGIONALE CENTALE ACQUISTI Indice 1 INTODUZIONE... 3 1.1 Cso di studio... 4 2 FOMULE DI CUI

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

corrispondenza dal piano in sé, che ad ogni punto P del piano fa corrispondere il punto P' in

corrispondenza dal piano in sé, che ad ogni punto P del piano fa corrispondere il punto P' in Cpitolo 5 Le omotetie 5. Richimi di teori Definizione Sino fissti un punto C del pino ed un numero rele. Si chim omoteti di centro C e rpporto ( che si indic con il simolo O, ) l corrispondenz dl pino

Dettagli

m kg M. 2.5 kg

m kg M. 2.5 kg 4.1 Due blocchi di mss m = 720 g e M = 2.5 kg sono posti uno sull'ltro e sono in moto sopr un pino orizzontle, scbro. L mssim forz che può essere pplict sul blocco superiore ffinchè i blocchi si muovno

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia.

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia. ESERCIZI DI BASE 1. I soci proprietri di un piccol compgni gricol sono tre: i signori A, B, C. Mentre i signori A e C hnno l stess quot di prtecipzione ll ziend, il signor B h solo il 50% dell quot degli

Dettagli

kyla collaudata gamma Mixproof

kyla collaudata gamma Mixproof . kyl colludt gmm Mixproof Vlvol Mixproof SMP-BC Concetto SMP-BC è un vlvol sede pneumtic per ppliczioni snitrie progettt per grntire sicurezz e rilevmento di eventuli perdite qundo due prodotti diversi

Dettagli

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è:

1) In una equazione differenziale del tipo y (t)=a y(t), con a > 0, il tempo di raddoppio, cioè il tempo T tale che y(t+t)=2y(t) è: 1) In un equzione differenzile del tipo y (t)= y(t), con > 0, il tempo di rddoppio, cioè il tempo T tle che y(t+t)=y(t) è: A) T = B) 1 T = log e C) 1 T = log e ** D) 1 T = E) T = log e ) L equzione differenzile

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti termotecnici IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE SECONDA

Corso di Componenti e Impianti termotecnici IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE SECONDA IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE ECONDA 1 I ponti termici Il ponte termico può essere definito come: un elemento di elevt conduttività inserito in un prete o elemento di prete di minore conduttività. I ponti

Dettagli

La parabola. Fuoco. Direttrice y

La parabola. Fuoco. Direttrice y L prol Definizione: si definise prol il luogo geometrio dei punti del pino equidistnti d un punto fisso detto fuoo e d un rett fiss dett direttrie. Un rppresentzione grfi inditiv dell prol nel pino rtesino

Dettagli

I RADICALI. H La misura di un segmento non eá sempre esprimibile mediante un numero razionale; per esempio, se un

I RADICALI. H La misura di un segmento non eá sempre esprimibile mediante un numero razionale; per esempio, se un I RADICALI Per ricordre H L misur di un segmento non eá semre esrimiile medinte un numero rzionle er esemio, se un qudrto h lto unitrio, l misur dell su digonle, che eá, non eá rzionle. Per misurre occorre

Dettagli

LCA e prevenzione dei rifiuti: caso di studio sull acqua da bere

LCA e prevenzione dei rifiuti: caso di studio sull acqua da bere Anlisi del ciclo di vit del sistem di gestione rifiuti in Lombrdi Milno 8 Mggio 212 LCA e prevenzione dei rifiuti: cso di studio sull cqu d bere S. Nessi Politecnico di Milno DIIAR Sezione mbientle Obiettivo

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

La metodologia di calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC) degli operatori di rete mobile

La metodologia di calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC) degli operatori di rete mobile Allegto C ll Deliber n. 509/10/CONS L metodologi di clcolo del costo medio ponderto del cpitle (WACC) degli opertori di rete mobile 1. Introduzione 1. In bse ll rt. 50 del Codice delle Comuniczioni, l

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) =

1 b a. f(x) dx. Osservazione 1.2. Se indichiamo con µ il valore medio di f su [a, b], abbiamo che. f(x) dx = µ(b a) = Note ed esercizi di Anlisi Mtemtic - (Fosci) Ingegneri dell Informzione - 28-29. Lezione del 7 novembre 28. Questi esercizi sono reperibili dll pgin web del corso ttp://utenti.unife.it/dmino.fosci/didttic/mii89.tml

Dettagli

Convenzione sull'unificazione di taluni elementi del diritto dei brevetti d'invenzione

Convenzione sull'unificazione di taluni elementi del diritto dei brevetti d'invenzione Serie dei Trttti Europei - n 47 Convenzione sull'unificzione di tluni elementi del diritto dei revetti d'invenzione Strsurgo, 27 novemre 1963 Trduzione ufficile dell Cncelleri federle dell Svizzer Gli

Dettagli

Fisica Tecnica Ambientale

Fisica Tecnica Ambientale Università degli Studi di Perugi Sezione di Fisic Tecnic Fisic Tecnic Ambientle Lezione del 11 mrzo 2015 Ing. Frncesco D Alessndro dlessndro.unipg@cirif.it Corso di Lure in Ingegneri Edile e Architettur

Dettagli

Definizioni fondamentali

Definizioni fondamentali Definizioni fondmentli Sistem scisse su un rett 1 Un rett si ce orientt qundo su ess è fissto un verso percorrenz Dti due punti qulsisi A e B un rett orientt r, il segmento AB che può essere percorso d

Dettagli

Equazioni parametriche di primo grado

Equazioni parametriche di primo grado Polo Sivigli Equzioni prmetriche di primo grdo Premess Come si s dll lgebr elementre, si chim equzione un uguglinz fr due espressioni letterli che si verific soltnto ttribuendo prticolri vlori lle lettere,

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DIREZIONE DI AREA 3 Orgnizzzione e Risorse SETTORE SEDI, LOGISTICA E INTERVENTI PER LA SICUREZZA SERVIZIO DI INDAGINI PRELIMINARI AL PROGETTO DI RESTAURO DELLE SUPERFICI DECORATE DI ALCUNE SALE DEI PALAZZI

Dettagli

Capitolo 12. Dinamica relativa

Capitolo 12. Dinamica relativa Cpitolo 12 Dinmic reltiv 12.1 Le forze pprenti 1. Sppimo dll cinemtic reltiv che l ccelerzione di un punto P in un riferimento K e l ccelerzione ' di P in un riferimento K ' sono legte l un ll ltr dll

Dettagli

CON BENDING TUBI PERFETTAMENTE PIEGATI. SEMPRE

CON BENDING TUBI PERFETTAMENTE PIEGATI. SEMPRE CON BENDING TUBI PEFETTAMENTE PIEGATI. SEMPE Conveniente, ccurt ed eseguit su misur Siete ll ricerc di tui perfettmente piegti in 2 o 3D? Allor lscite che ce ne occupimo noi. Dteci semplicemente i rggi

Dettagli

Elementi grafici per Matematica

Elementi grafici per Matematica Elementi grfici per Mtemtic Sommrio: Sistemi di coordinte crtesine... Grfici di funzioni... 4. Definizione... 4. Esempi... 5.3 Verificre iniettività e suriettività dl grfico... 8.4 L rett... 9.5 Esempi

Dettagli

Transazioni al di fuori della normale gestione. Emissione del Prestito Obbligazionario 02/11/2010. Analisi della trasparenza Giovanni Andrea Toselli

Transazioni al di fuori della normale gestione. Emissione del Prestito Obbligazionario 02/11/2010. Analisi della trasparenza Giovanni Andrea Toselli Università degli studi di Pvi Fcoltà di Economi.. 2010-20112011 Sezione 26 Anlisi dell trsprenz Giovnni Andre Toselli 1 Sezione 26 Trnszioni l di fuori dell normle gestione Operzioni sull struttur finnziri

Dettagli

Imparare: cosa, come, perché.

Imparare: cosa, come, perché. GIOCO n. 1 Imprre: cos, come, perché. L pprendimento scolstico non è solo questione di metodo di studio, m di numerose situzioni di tipo personle e di gruppo, oppure legte l contesto in cui pprendimo.

Dettagli

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x

si definisce Funzione Integrale; si chiama funzione integrale in quanto il suo * x Appunti elorti dll prof.ss Biondin Gldi Funzione integrle Si y = f() un funzione continu in un intervllo [; ] e si 0 [; ]; l integrle 0 f()d si definisce Funzione Integrle; si chim funzione integrle in

Dettagli

I NUMERI INDICI. Numeri indici indici (misurano il livello di variabilità, concentrazione, dipendenza o interdipendenza, ecc.)

I NUMERI INDICI. Numeri indici indici (misurano il livello di variabilità, concentrazione, dipendenza o interdipendenza, ecc.) NUMER NDC Numeri indici indici (misurano il livello di variabilità, concentrazione, diendenza o interdiendenza, ecc.) si utilizzano er confrontare grandezze nel temo e nello sazio e sono dati dal raorto

Dettagli