Direzione Sanitaria Aziendale. Protocollo di farmaco-utilizzazione per la gestione della emesi da chemioterapici

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione Sanitaria Aziendale. Protocollo di farmaco-utilizzazione per la gestione della emesi da chemioterapici"

Transcript

1

2 1.BACKGROUND L emesi rappresenta un effetto colateraie assai comune nei pazienti sottoposti a chemioterapia antitumorale; l adeguata prevenzione di tale disturbo ne riduce notevolmente l incidenza (dal 90% al 30% circa dei pazienti), anche in coloro che ricevono i chemioterapici considerati a maggior rischio emetogeno. Un adeguata gestione dell emesi appare fondamentale in quanto essa influisce notevolmente sulla qualità di vita dei pazienti, potendo determinare una diminuzione della compliance al trattamento chemioterapico. Inoltre, il vomito ripetuto può determinare disidratazione e alterazione del quadro elettrolitico nel paziente, con declino del suo performance status e incremento del tasso di riospedalizzazione. Vengono distinti classicamente tre differenti tipi di emesi i quali, avendo caratteristiche diverse, richiedono un approccio terapeutico diversificato per la loro prevenzione e trattamento: emesi acuta, che insorge nelle prime 24 ore dopo la somministrazione del farmaco antitumorale; il picco solitamente viene raggiunto dopo 5-6 ore dalla somministrazione del farmaco. emesi ritardata, che insorge a partire da 24 ore dopo la somministrazione del farmaco antitumorale, può persistere per alcuni giorni e talora fino al ciclo successivo di chemioterapia; emesi anticipatoria, che insorge immediatamente prima della somministrazione della chemioterapia antitumorale in pazienti con pregressa esperienza di emesi acuta o ritardata da chemioterapia. È in genere scatenata dalla vista e/o dall odore dell ambulatorio dove la terapia viene somministrata. Il meccanismo fisiopatologico dell emesi indotta da chemioterapia è assai complesso e solo in parte compreso. Al centro del vomito, situato nella formazione reticolare del midollo allungato, arrivano stimoli attivatori dai chemorecettori della trigger zone (CTZ) situata nell area postrema del IV ventricolo, del tratto gastroenterico tramite le fibre vagali e della PAF 4 Protocollo gestione emesi da chemioterapici Rev 1 del 18/10/2011 2/14

3 corteccia cerebrale. Gli impulsi efferenti saranno poi inviati ai centri della salivazione, ai muscoli addominali, ai centri respiratori e ai nervi cranici. Il centro del vomito, la CTZ e il tratto gastrointestinale, sono ricchi di neurorecettori e l attivazione di questi da parte dei farmaci chemioterapici o dei loro metaboliti sarebbe responsabile dell emesi indotta dalla chemioterapia. I principali neurotrasmettitori e relativi recettori responsabili della risposta emetica sono la serotonina (5-idrossitriptamina/5-HT3) e la dopamina; altri neurorecettori coinvolti in questo complesso evento sono rappresentati dai recettori per l acetilcolina, i corticosteroidi, l istamina, cannabinoidi, oppioidi e neurochinina-1 (NK-1) che trovano la loro collocazione a livello cerebrale, nel centro vestibolare e del vomito. Gli agenti antiemetici possono bloccare l azione di questi neurorecettori a diversi livelli o avere un azione sinergica con altri farmaci antiemetici, ma possiedono comunque la capacità di contrastare prevalentemente un solo tipo di neurorecettore. Il complesso meccanismo che porta allo sviluppo dell emesi in corso di chemioterapia rende necessario, ai fini di una completa protezione, l impiego di più farmaci nelle diverse fasi di emesi. 2. SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE Prevenzione e trattamento della emesi da farmaci chemioterapici in conformità a un protocollo formulato secondo quanto descritto in letteratura. Sono esclusi dalla definizione di farmaci chemioterapici a farmaci antineoplastica a bersaglio molecolare poiché in generale non determinano un rischio di emesi e pertanto non richiedono una terapia specifica. 3. DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO Hesketh PJ. Comparative review of 5-HT3 receptor antagonists in the treatment of acute chemotherapy-induced nausea and vomiting.cancer Invest 2000; 18(2): Hesketh PJ. Chemotherapy-induced nausea and vomiting. N Engl J Med 2008; 358: PAF 4 Protocollo gestione emesi da chemioterapici Rev 1 del 18/10/2011 3/14

4 Aapro MS, Grunberg SM, Manikhas GM, et al. A phase III, double-blind, randomized trial of palonosetron, compared with ondansetron in preventing chemotherapy-induced nausea and vomiting following highly emetogenic chemotherapy. Ann Oncol 2006; 17: Saito M, Aogi K, Sekine I, et al. Palonosetron plus dexamethasone versus granisetron plus dexamethasone for prevention of nausea and vomiting during chemotherapy: a double-blind, double-dummy, randomised, comparative phase III trial. Lancet Oncol 2009; 10: Hesketh PJ. Potential role of the NK1 receptor antagonists in chemotherapyinduced nausea and vomiting. Support Care Cancer 2001; 9: Poli-Bigelli S, Rodrigues-Pereira J, Carides AD, et al. Addition of the neurokinin 1 receptor antagonist aprepitant to standard antiemetic therapy improves control of chemotherapy-induced nausea and vomiting. Cancer 2003; 97: Hesketh PJ, Grunberg SM, Gralla RJ et al. The oral neurokinin-1 antagonist aprepitant for the prevention of chemotherapy-induced nausea and vomiting: a multinational, randomized, double-blind, placebo-controlled trial in patients receiving high-dose cisplatin The Aprepitant Protocol 052 Study Group. J Clin Oncol 2003; 21: Grunberg SM, Rolski J, Strausz J, et al. Efficacy and safety of casopitant mesylate, a neurokinin-1 receptor antagonist,in prevention of chemotherapy-induced nausea and vomiting in patients receiving cisplatin-based highly emetogenic chemotherapy: a randomised, double-blind, placebo-controlled trial. Lancet Oncol 2009; 10: Schmoll HJ, Aapro MS, Poli-Bigelli S, et al. Comparison of an aprepitant regimen with a multiple-day ondansetron regimen, both with dexamethasone, for antiemetic efficacy in high-dose cisplatin treatment. Ann Oncol 2006; 17: PAF 4 Protocollo gestione emesi da chemioterapici Rev 1 del 18/10/2011 4/14

5 Warr DG, Hesketh PJ, Gralla RJ, et al. Efficacy and tolerability of aprepitant for the prevention of chemotherapy induced nausea and vomiting in patients with breast cancer after moderately emetogenic chemotherapy. J Clin Oncol 2005; 23: NCCN Clinical Practice Guidelines in Oncology: Antimesis. Version Roila F, Caserta C, Fatigoni S: Linee guida AIOM 2010: Terapia antimetica. Roila F, Herrstedt J, Aapro M et al: Guideline update for MASCC and ESMO in the prevention of chemotherapy and radiotherapy-induced nausea and vomiting: results of the Perugia consensus conference. Ann Oncol 21 (s5): , 2010 Likun Z, Xiang J, Yi B et al : A systematic review and meta-analysis of intravenous palonosetron in the prevention of chemotherapy-induces nausea and vomiting in adults. The Oncologist 16: , RESPONSABILITA Il medico specialista oncologo, in relazione alla malattia oncologica del paziente, al farmaco/farmaci chemioterapici somministrati e al tipo di emesi che il paziente presenta, imposta il trattamento antiemetico, eventualmente profilattico, secondo le indicazioni contenute nel protocollo aziendale. 5. GESTIONE DELLA EMESI DA CHEMIOTERAPICI 5.1 Potere emetogeno dei farmaci chemioterapici L incidenza e la severità dell emesi da chemioterapici sono determinate da diversi fattori: il farmaco chemioterapico somministrato il dosaggio e la schedula di somministrazione del chemioterapico PAF 4 Protocollo gestione emesi da chemioterapici Rev 1 del 18/10/2011 5/14

6 variabili presenti nel paziente (età, sesso, precedente storia di emesi ad esempio gravidica, abuso di alcool, cinetosi) Il potenziale emetogeno dei farmaci antitumorali, distinti a seconda della via di somministrazione (parenterale/per os), è stato classificato un 4 gruppi dall European Society of Medical Oncology (ESMO): alto (rischio di emesi acuta> 90%) moderato (tra 30 e 90%) basso (tra 10 e 30%) minimo (<10). Tale classificazione viene riportata in Tabella 1. In caso di polichemioterapia, la terapia antiemetica deve essere impostata considerando il trattamento previsto per il farmaco a più alto potere emetogeno. 5.2 Farmaci antiemetici I farmaci antiemetici possono essere somministrati per via orale, rettale, endovenosa o intramuscolare; la via orale, quando praticabile, risulta ugualmente efficace e più economica rispetto alla altre modalità di somministrazione. Nei pazienti con difficoltà nell assunzione orale, per la presenza di nausea o vomito, la via endovenosa o intramuscolare sono le più indicate. La terapia antiemetica si avvale di farmaci con diversi meccanismi di azione che possono essere combinati fra loro per contrastare i differenti meccanismi di insorgenza dell emesi. Tali farmaci sono: Antagonisti dei recettori della serotonina (5-HT3): agiscono bloccando i recettori per la serotonina a livello periferico (piccolo intestino). Appartengono a questa classe di farmaci ondasetron, granisetron, dolasetron, tropisetron e palonosetron. Sono i farmaci più efficaci nella terapia dell emesi acuta con un controllo del 50-70% dei pazienti sottoposti a terapia ad alto potere emetogeno e del 70-80% dei pazienti sottoposti a terapia a moderato potere emetogeno. In modo particolare ondasetron, granisetron e hanno dimostrato la loro superiorità rispetto alla alte dosi di PAF 4 Protocollo gestione emesi da chemioterapici Rev 1 del 18/10/2011 6/14

7 metoclopramide (standard antiemetico precedente) nella profilassi dell emesi da cisplatino e alla clorpromazina e metoclopramide nella gestione dell emesi da ciclofosfamide. L efficacia di questi farmaci sembra essere aumanetata dal desametasone. Il palonosetron, introdotto recentemente, è dotato di un affinità recettoriale 100 volte superiore rispetto agli altri farmaci anti-ht3; inoltre, presenta un emivita più lunga, di circa 40 ore. Esso, somministrato in dose unica il primo giorno della chemioterapia, si è dimostrato più efficace di ondasetron e dolasetron nel controllo dell emesi acuta e ritardata in pazienti trattati con chemioterapici a moderato potere emetogeno. Gli effetti collaterali più frequenti con l uso di 5-HT3 antagonisti sono rappresentati dalla cefalea (da lieve a moderata) e dalla costipazione. Antagonisti del recettore per la neurokinina 1 (NK-1): Il recettore per NK-1 è un componente centrale del riflesso del vomito con la funzione di mediare l attività emetogena della sostanza P. L aprepitant è un rappresentante dei farmaci antagonisti del recettore per la NK-1 e si è dimostrato efficace sia nell emesi acuta che ritardata, sia con farmaci altamente che moderatamente emetizzanti. In pazienti trattati con alte dosi di cisplatino, l aprepitant associato a granisetron e desametasone ha permesso un miglior controllo dell emesi nelle prime 24 ore e nei 5 giorni successivi alla somministrazione di chemioterapia rispetto alla combinazione di solo desametasone e granisetron. Gli stessi risultati sono stati ottenuti successivamente anche in pazienti sottoposti a chemioterapia con ciclofosfamide. L aprepitant è somministrato per via orale alla dose di 125 mg il primo giorno e 80 mg al secondo e terzo giorno. Gli effetti collaterali di questi farmaci sono lievi e poco frequenti e sono rappresentati soprattutto da fatigue, costipazione, singhiozzo e cefalea. La formulazione endovenosa di questa classe è il fosaprepitant, per ora approvato solo dal FDA. Corticosteroidi: il meccanismo con cui i corticosteroidi esplicano la loro azione antiemetica non è chiaro. L effetto antiemetico è stato però confermato in numerosi PAF 4 Protocollo gestione emesi da chemioterapici Rev 1 del 18/10/2011 7/14

8 studi clinici soprattutto per quei pazienti che ricevano chemioterapie a moderato potere emetizzante. I corticosteroidi più usati sono il desametasone e il metilprednisolone, mentre meno frequente è l impiego del prednisone. Il desametasone, secondo i dati di un recente studio randomizzato di dose-finding, è efficace nella dose di 8 mg in singola somministrazione nella prevenzione dell emesi acuta. I corticosteroidi dovrebbero essere usati come singoli agenti solo in caso di trattamenti con farmaci a basso potere emetogeno, mentre l uso in combinazione con gli altri antiemetici sarebbe ideale in caso di chemioterapie ad elevato potere emetico. Tra gli effetti collaterali, non sono descritti casi di insufficienza surrenalica quando somministrato come antiemetico nei 2-4 giorni successivi al trattamento chemioterapico e rari sono i casi di iperglicemia e insonnia clinicamente significativi. Altri farmaci antiemetici: sono i farmaci utilizzati prima dell introduzione dei 5-HT3 antagonisti. Tra questi la metoclopramide, antagonista dei recettori per la dopamina e le fenotiazine (proclorperazina, prometazina) risultano efficaci solo in pazienti sottoposti a trattamenti chemioterapici con moderato o basso potenziale emetogeno. Le benzodiazepine, dotate di scarso potere antiemetico, ma di spiccata azione sedativa e ansiolitica, possono essere utili come farmaci di combinazione e soprattutto in pazienti con nausea e vomito anticipatori o con particolari stati d ansia in corrispondenza della somministrazione della chemioterapia. 5.3 Trattamento dell emesi da farmaci ad alto potere emetogeno Emesi acuta da farmaci ad alto potere potere emetogeno La combinazione di un 5-HT3 antagonista con il desametasone è stata considerata fino a pochi anni fa il trattamento di scelta per la prevenzione dell emesi acuta di questa classe di farmaci e in particolar modo per il cisplatino. Due studi randomizzati multicentrici, in doppio cieco, condotti in circa 1000 pazienti trattati con cisplatino, hanno valutato l aggiunta di aprepitant, antagonista del recettore NK1, a questa terapia standard. In entrambi gli studi è stata confermata l efficacia superiore della combinazione a tre farmaci PAF 4 Protocollo gestione emesi da chemioterapici Rev 1 del 18/10/2011 8/14

9 (aprepitant + 5-HT3 antagonista + desametasone) nel controllo del vomito da chemioterapia, pur in assenza di una differenza statisticamente significativa nel controllo della nausea. Una recente metanalisi suggerisce, fra i 5-HT3 antagonisti, una superiorità del palonosetron. In seguito a tali evidenze, l associazione di desametasone, 5-HT3 antagonisti e aprepitant può essere considerata l attuale standard terapeutico nella prevenzione dell emesi acuta indotta da cisplatino. Per analogia, pur in assenza di studi clinici controllati, tale trattamento può essere applicato anche alla gestione delle altre chemioterapie ad alto potere emetogeno Emesi ritardata da farmaci ad alto potere emetogeno I farmaci appartenenti a questo gruppo (e in particolar modo il cisplatino) sono gravati da un elevato rischio di emesi ritardata. L associazione di desametasone e metoclopramide o i 5-HT3 antagonisti iniziati 24 ore dopo il trattamento chemioterapico per un minimo di 3 giorni permettevano di ottenere una protezione completa solo nel 50-60% dei casi. L aprepitant in associazione a desametasone ha dimostrato, negli studi di fase III randomizzati citati nel paragrafo precedente, di essere superiore al desametasone da solo nel controllo del vomito ritardato, senza differenze significative nei riguardi della nausea. In questi studi i pazienti avevano presentato un controlo non uniforme dell emesi acuta; inoltre non è stato utilizzato un trattamento standard per la prevenzione dell emesi ritardata (associazione di desametasone e metoclopramide o i 5-HT3 antagonisti); tuttavia la Consensus Conference sugli antiemetici tenutasi a Perugia nel 2009, ha concluso che nella prevenzione del vomito ritardato da cisplatino, in pazienti che nelle prime 24 ore abbiano assunto per la profilassi dell emesi acuta una combinazione di aprepitant, 5-HT3 antagonista e desametasone, una combinazione di aprepitant e desametasone è raccomandata perché dimostratasi superiore a desametasone da solo. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi che valutino specificatamente l attività di aprepitant + desametasone rispetto al regime standard (esempio metoclopramide+desametasone) nei pazienti adeguatamente trattati per la prevenzione acuta con aprepitant, 5-HT3 antagonista e desametasone. PAF 4 Protocollo gestione emesi da chemioterapici Rev 1 del 18/10/2011 9/14

10 5.4 Prevenzione dell emesi da chemioterapici a moderato potere emetogeno Emesi acuta da chemioterapici a moderato potere emetogeno. La combinazione di un 5-HT3 antagonista con il desametasone si è dimostrata significativamente più efficace del desametasone da solo o di un 5-HT3 da solo e dovrebbe essere considerata la prevenzione ottimale dell emesi acuta indotta da farmaci a moderato potere emetogeno. I 5-HT3 antagonisti possono essere utilizzati sia per via endovenosa sia per via orale. Dati recenti hanno dimostrato un uguaglianza del palonosetron rispetto agli altri farmaci di questa classe nel contrastare l emesi acuta, a fronte di una migliore efficacia nel controllo dell emesi tardiva. La dose, la via e la modalità di somministrazione ottimale dei corticosteroidi della prevenzione dell emesi acuta da farmaci a moderato potere emetogeno è stata determinata da un recente studio in doppio cieco controllato. La dose ottimale di desametasone è stata definita in 8 mg somministrati per via endovenosa immediatamente prima della chemioterapia. L aprepitant, quando aggiunto a questo standard, sembra migliorare il controllo dell emesi almeno nelle pazienti con carcinoma mammario, sottoposte a trattamento con antracicline + ciclofosfamide Emesi ritardata da chemioterapici a moderato potere emetogeno. Il farmaco di scelta nella prevenzione dell emesi ritardata da farmaci a moderato potere emetogeno è il desametasone; i 5-HT3 antagonisti rappresentano una valida alternativa, particolarmente nei pazienti che hanno avuto un buon controllo dell emesi acuta. Nelle pazienti con neoplasia mammaria trattate con antracicline e ciclofosfamide, l aprepitant è risultato migliore nel controllo dell emesi ritardata rispetto all ondasetron; non sono disponibili informazioni riguardo al confronto fra aprepitant e desametasone. I pazienti sottoposti a teraoia con basse dosi ripetute di cisplatino (20-40 mg/mq/die per 3-5 die) dovrebbero ricevere, per ogni giorno della terapia, la combinazione di desametasone e 5-HT3 antagonista. PAF 4 Protocollo gestione emesi da chemioterapici Rev 1 del 18/10/ /14

11 5.5 Prevenzione dell emesi da farmaci a basso potere emetogeno Prevenzione dell emesi acuta da farmaci a basso potere emetogeno Non esistono al momento studi sufficienti con questi farmaci per fornire delle valide raccomandazioni. Può essere suggerita una profilassi con un singolo farmaco antiemetico (desametasone o 5-HT3 antagonista o metoclopramide) prima della somministrazione della chemioterapia Prevenzione dell emesi ritardata da farmaci a basso potere emetogeno Il trattamento dell emesi ritardata in questo gruppo di pazienti deve essere raccomandato solo a coloro che hanno presentato una storia pregressa di nausea protratta o vomito. 5.6 Prevenzione dell emesi da farmaci a basso e minimo potere emetogeno Prevenzione dell emesi acuta da farmaci a basso e minimo potere emetogeno In questi pazienti il trattamento antiemetico preventivo può essere suggerito se è presente una storia pregressa di nausea e vomito. Sono farmaci indicati: desametasone o 5-HT3 antagonista o metoclopramide Prevenzione dell emesi ritardata da farmaci a basso e minimo potere emetogeno Il trattamento dell emesi ritardata in questo gruppo di pazienti deve essere raccomandato solo a coloro che hanno presentato una storia pregressa di nausea protratta o vomito. 5.7 Terapia dell emesi anticipatoria. L emesi anticipatoria risponde poco ai trattamenti antiemetici standard; alcuni risultati sono stati ottenuti con tecniche di desensibilizzazione (terapie comportamentali, ipnosi, ecc.) e con l uso di benzodiazepine, anche se il loro beneficio sembra ridursi nel corso dei cicli di chemioterapia. PAF 4 Protocollo gestione emesi da chemioterapici Rev 1 del 18/10/ /14

12 Tabella 1. Potere emetogeno dei farmaci chemioterapici. Potere emetogeno Chemioterapici somministrati del farmaco per via endovenosa Alto (> 90%) Cisplatino * Mecloretamina Streptozotocina Ciclofosfamide 1500 mg/mq Carmustina Dacarbazina* Moderato (30-90%) Oxaliplatino Citarabina > 1 gm/mq Carboplatino Ifosfamide Ciclofosfamide < 1500 mg/mq Doxorubicina Daunoromicina Epirubicina Idarubicina Irinotecan Azacitadina Bendamustina Clofarabina Basso (10-30%) Paclitaxel Docetaxel Mitoxantrone Doxorubicina liposomiale Ixabepilone Topotecan Etoposide Pemetrexed Metotrexate Mitomicina Gemcitabina Citarabina 1000 mg/mq 5-Fluorouracile Minima (< 10%) Bleomicina Busulfano Fludarabina Vinblastina Vincristina Vinorelbina Chemioterapici somministrati per via orale Exametilmelamina Procarbazina Ciclofosfamide Temozolamide Vinorelbina Capecitabina Tegafur Uracil Fludarabina Etoposide Clorambucil Idrosiurea Tioguanina Metotrexte *consideriamo dosi > di 75 mg/mq di cisplatino e > 1000 mg/mq di dacarbaziona quelle per le quali va considerata una terapia antiemetica per alto rischio PAF 4 Protocollo gestione emesi da chemioterapici Rev 1 del 18/10/ /14

13 Tabella 2. Trattamento dei diversi gradi di emesi Rischio emetogeno Alto (> 90%) Trattamento dell emesi Se Cisplatino 75 mg/mq o Ciclofosfamide 1500 mg/mq o altri farmaci chemioterapici a dosi elevate (intensificazione della dose, giudizio clinico) Giorno 1: Palonosetron 0,25 mg ev + Desametasone 12 mg ev + Aprepitant 120 mg po Giorno 2-3: Desametosone 8 mg po + Aprepitant 80 mg po Giorno 4: Desametasone 4 mg po Se altra chemioterapia Giorno 1: Palonosetron 0,25 mg ev + Desametasone 12 mg ev Giorno 2-3: Desametosone 8 mg po Giorno 4: Desametasone 4 mg po Moderato (30-90%) Se Antraciclina + Ciclofosfamide Giorno 1: Palonosetron 0,25 mg ev + Desametasone 8 mg ev Giorno 2-3: Desametosone 8 mg po Se altra chemioterapia Giorno 1: Ondasetron 8 mg ev + Desametasone 8 mg ev Giorno 2-3: Desametosone 8 mg po SE EMESI REFRATTARIA, DAL CICLO SUCCESSIVO INTRODURRE ANCHE APREPITANT Basso (10-30%) Moderata (< 10%) Giorno 1: Desametasone 8 mg ev o Ondasetron 8 mg ev o Metoclopramide 10 mg ev Non raccomandata terapia antiemetica profilattica PAF 4 Protocollo gestione emesi da chemioterapici Rev 1 del 18/10/ /14

14 Tabella 3: esempi di terapia antiemetica per cicli chemioterapici convenzionali CICLO DI CHEMIOTERAPIA DCF PEB Trattamento dell emesi Giorno 1: Cisplatino 75 mg/mq + Docetaxel 75 mg/mq + 5FU 750 mg/mq/die i.c 5 die Palonosetron 0,25 mg ev + Desametasone 12 mg ev +Aprepitant 120 mg po Clorferamina 10 mg 1 fl im Giorno 2-3: Desametosone 8 mg po + Aprepitant 80 mg po Giorno 4: Desametasone 4 mg po Giorno 1: Cisplatino 20 mg/mq + Etoposide 100 mg/mq Palonosetron 0,25 mg ev + Desametasone 12 mg ev Giorno 2: Cisplatino 20 mg/mq + Etoposide 100 mg/mq + Bleomicina 30 U Desametasone 8 mg ev Giorno 3: Cisplatino 20 mg/mq + Etoposide 100 mg/mq Desametasone 8 mg ev Giorno 4: Cisplatino 20 mg/mq + Etoposide 100 mg/mq Palonosetron 0,25 mg ev + Desametasone 8 mg ev Giorno 5: Cisplatino 20 mg/mq + Etoposide 100 mg/mq Desametasone 8 mg ev Giorno 6: Desametasone 4 mg po AC ADRIAMICINA E IFOSFAMIDE Giorno 1: Adriamicina 60 mg/mq + Ciclofosfamide 600 mg/mq Palonosetron 0,25 mg ev + Desametasone 12 mg ev Giorno 2-3: Desametasone 8 mg po Giorno 1, 2, 3: Adriamicina 20 mg/mq + Ifosfamide 3000 mg/mq + Mesna 2800 mg/mq Ondasetron 8 mg mg ev + Desametasone 12 mg ev Giorno 4: Desametasone 8 mg po FOLFOX4 Giorno 1: Oxaliplatino 85 mg/mq + 5FU 400 mg/mq in bolo + 5FU 600 mg/mq in ic 22 ore + Leucovorin 100 mg/mq Ondasetron 8 mg mg ev + Desametasone 12 mg ev Clorferamina 1 fl im Giorno 2: 5FU 400 mg/mq in bolo + 5FU 600 mg/mq in ic 22 ore + Leucovorin 100 mg/mq Desametasone 8 mg ev Giorno 3 : Desametasone 8 mg po CARBOPLATINO E TAXOLO TAXOLO settimanale Giorno 1: Taxolo 175 mg/mq + Carboplatino AUC6 Ondasetron 8 mg mg ev + Desametasone 12 mg ev Clorferamina 1 fl im Giorno 2, 3: Desametasone 8 mg po Giorno 1: Taxolo 80 mg/mq Ondasetron 8 mg ev mg ev + Desametasone 12 mg ev Clorferamina 1 fl im PAF 4 Protocollo gestione emesi da chemioterapici Rev 1 del 18/10/ /14

TERAPIA ANTIEMETICA. S. Fatigoni. Società Scientifiche che si sono occupate della revisione: AIOM (S. Chiara, A. Fabi, M.C. Locatelli, M.

TERAPIA ANTIEMETICA. S. Fatigoni. Società Scientifiche che si sono occupate della revisione: AIOM (S. Chiara, A. Fabi, M.C. Locatelli, M. 09S0364_LINEE guida_1_880 22-10-2009 14:34 Pagina 637 TERAPIA ANTIEMETICA Coordinatore: Estensori: Fausto Roila C. Caserta S. Fatigoni Società Scientifiche che si sono occupate della revisione: AIOM (S.

Dettagli

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII MULTINATIONAL ASSOCIATION OF SUPPORTIVE CARE IN CANCER CONSENSUS CONFERENCE SULLA TERAPIA ANTIEMETICA PERUGIA, 29-31 marzo, 2004 Ultimo aggiornamento: 1 settembre

Dettagli

Linee Guida AIOM Terapia Antiemetica

Linee Guida AIOM Terapia Antiemetica Linee Guida AIOM 2006 Terapia Antiemetica Aggiornamento: dicembre 2006 Responsabile: Fausto Roila Estensori: Carlo Basurto Silvana Chiara Elisabetta Campora M. Cristina Locatelli I pazienti sottoposti

Dettagli

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA In pazienti con carcinoma polmonare NSCLC in fase iniziale operabile, la chemioterapia adiuvante, aggiunta

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI APREPITANT A04AD12 (EMEND ) Presentata da Dott. Emanuele Angelucci Dir. SC Ematologia e Centro Trapianti P.O. Businco ASL 8 In data Marzo 2010 Per le seguenti motivazioni:

Dettagli

Studio INFERMIERISTICO,

Studio INFERMIERISTICO, Studio INFERMIERISTICO, osservazionale multicentrico di raccolta dati su nausea e vomito di Pazienti sottoposti a trattamento chemioterapico con farmaci altamente e moderatamente emetizzanti. Elenco persone

Dettagli

Nausea e vomito da chemioterapia

Nausea e vomito da chemioterapia Nausea e vomito da chemioterapia Quali meccanismi fisiologici generano la nausea e il vomito?...2 Quando si manifestano la nausea e il vomito da chemioterapia?...4 Quali sono i fattori di rischio?...6

Dettagli

CAPIRE E CURARE L EMESI

CAPIRE E CURARE L EMESI CAPIRE E CURARE L EMESI dott.ssa Claudia Corbo U.O. Oncologia Ospedale Sacro Cuore di Gesù Fatebenefratelli - Benevento Benevento 9 giugno 2011 Nel paziente neoplastico l emesi può essere: determinata

Dettagli

PROTOCOLLO PER IL CONTROLLO DELLA NAUSEA E DEL VOMITO DA TERAPIA ONCOLOGICA PRESSO L A.S.P. DI ENNA

PROTOCOLLO PER IL CONTROLLO DELLA NAUSEA E DEL VOMITO DA TERAPIA ONCOLOGICA PRESSO L A.S.P. DI ENNA Pagina 1 di 9 PROTOCOLLO PER IL CONTROLLO DELLA NAUSEA E DEL VOMITO DA TERAPIA ONCOLOGICA PRESSO L A.S.P. DI ENNA Nome/Funzione Data Firma Redazione Dott.ssa Giuseppa Cinzia Di Martino Responsabile UFA

Dettagli

ETICA E RICERCA per assistere e curare in oncologia

ETICA E RICERCA per assistere e curare in oncologia III CONGRESSO NAZIONALE AIIAO Ancona 29-30-31 maggio 2014 ETICA E RICERCA per assistere e curare in oncologia Buone pratiche assistenziali Nursing ed emesi Buone pratiche assistenziali: Nursing ed emesi

Dettagli

Potenziale emetogeno dei farmaci antitumorali somministrati per via parenterale

Potenziale emetogeno dei farmaci antitumorali somministrati per via parenterale TOSSICITà GASTROINTESTINALE EMESI 362 DIARREA 374 lareflusso GASTROESOfAGEO 379 SINGhIOzzO 383 tossicità gastrointestinale emesi L emesi è caratterizzata dalla presenza di tre componenti: il vomito, la

Dettagli

2. Se sì, specificare quale scala:

2. Se sì, specificare quale scala: INDAGINE CONOSCITIVA SULLE MODALITA DI PREVENZIONE E TRATTAMENTO DI NAUSEA E VOMITO INDOTTI DA CHEMIOTERAPIA NEI CENTRI AIEOP Coordinato da Dr.ssa Angelica Barone, Pediatria e Oncoematologia, Parma CENTRO

Dettagli

Linee guida 2016 per la terapia antiemetica in oncologia

Linee guida 2016 per la terapia antiemetica in oncologia Linee guida 2016 per la terapia antiemetica in oncologia Fonte: Multinational Association of Supportive Care in Cancer (MASCC) European Society for Medical Oncology (ESMO) Antiemetic Guideline 2016 Testi

Dettagli

Dir. Resp.: Ezio Mauro

Dir. Resp.: Ezio Mauro Lettori: 2.848.000 Diffusione: 431.913 Dir. Resp.: Ezio Mauro da pag. 17 Lettori: 2.540.000 Diffusione: 477.910 Dir. Resp.: Ferruccio de Bortoli da pag. 48 Lettori: 2.540.000 Diffusione: 477.910 Dir. Resp.:

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

EMESI E CHEMIOTERAPIA: L ASSISTENZA INFERMIERISTICA NELLA RETE ONCOLOGICA DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA

EMESI E CHEMIOTERAPIA: L ASSISTENZA INFERMIERISTICA NELLA RETE ONCOLOGICA DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA TESI DI LAUREA EMESI E CHEMIOTERAPIA: L ASSISTENZA INFERMIERISTICA NELLA RETE ONCOLOGICA DEL PIEMONTE

Dettagli

Antiemetici: aspetti generali

Antiemetici: aspetti generali Vomito Evento fisico che risulta nell evacuazione forzata dei contenuti gastrici attraverso la bocca Spesso preceduto da nausea (sensazione di disgusto o di vomito incipiente) Puo essere positivo (persino

Dettagli

Nausea e vomito da chemioterapia

Nausea e vomito da chemioterapia Nausea e vomito da chemioterapia La nausea e il vomito sono tra gli effetti collaterali più temuti dai soggetti che devono sottoporsi a una chemioterapia per un tumore perché hanno un grande impatto sulla

Dettagli

nella prevenzione della nausea e del vomito precoci e tardivi A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO)

nella prevenzione della nausea e del vomito precoci e tardivi A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazioni evidence-based Aprepitant nella prevenzione della nausea e del vomito precoci e tardivi A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n.15 Settembre 2011

Dettagli

rif. c) Set di somministrazione per farmaci antiblastici citotossici costituito da:

rif. c) Set di somministrazione per farmaci antiblastici citotossici costituito da: Azienda U.L.S.S. 12 Veneziana Dipartimento Risorse Economiche Unità Operativa Complessa Acquisti e Logistica Direttore : Dr.ssa Desi Zennaro ALLEGATO A AL CAPITOLATO TECNICO DI FORNITURA DI SISTEMI A CIRCUITO

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

Global & Regional Health Technology Assessment 2015 ; 2 ( 2) DOI: /GRHTA

Global & Regional Health Technology Assessment 2015 ; 2 ( 2) DOI: /GRHTA GRHTA ISSN 2284-2403 Global & Regional Health Technology Assessment 2015 ; 2 ( 2) 89-96 DOI: 10.5301/GRHTA.5000195 Original Article Analisi di cost-consequence di aprepitant rispetto alla terapia standard

Dettagli

ALLEGATO B ELENCO FARMACI ONCOLOGICI. Scheda monitoraggio AIFA (*) Note aggiuntive. Regime di rimborsabilita /Modalità di prescrizione

ALLEGATO B ELENCO FARMACI ONCOLOGICI. Scheda monitoraggio AIFA (*) Note aggiuntive. Regime di rimborsabilita /Modalità di prescrizione ALLEGATO B ELENCO FARMACI ONCOLOGICI CODICE PRINCIPI ATTIVI OS VIA DI SOMMINISTRAZIONE FORMA FARMACEUTICA INIETTABILE ALTRE Regime di rimborsabilita /Modalità di prescrizione Scheda monitoraggio AIFA (*)

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE

LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE DEL POLMONE Gianna Regis qualche informazione Il tumore del polmone rappresenta la prima tra le cause di morte tumorale in termini di frequenza tra i maschi e la seconda tra

Dettagli

Documento PTR n. 134 relativo a:

Documento PTR n. 134 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 134 relativo a: PACLITAXEL ALBUMINA Agg. Marzo 2013 Luglio 2011

Dettagli

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto

Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Nuovi regimi terapeutici nel trattamento del mieloma multiplo in pazienti non candidabili a trapianto Antonio Palumbo Divisione di Ematologia Universitaria, Ospedale Molinette, Torino Per più di quattro

Dettagli

Gestione e assistenza del paziente con nausea e vomito

Gestione e assistenza del paziente con nausea e vomito Gestione e assistenza del paziente con nausea e vomito Quali sono i tipi di nausea e vomito da chemioterapia?...2 Quali sono i fattori di rischio e le conseguenze?...4 Come si valutano la nausea e il vomito

Dettagli

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI

CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI CURRICULUM VITAE DOTT. SABINO CIRULLI Nato a Roma il 12-04-1961 e ivi residente in Via Antonino Giuffrè 129 Laureato in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di Roma La Sapienza il 07-04-1988

Dettagli

Farmaci Antineoplastici Generalità

Farmaci Antineoplastici Generalità Farmaci Antineoplastici Generalità Con il termine chemioterapia, si intende in una terapia medica capace di distruggere una popolazione cellulare. Le probabilità di successo di una chemioterapia, saranno

Dettagli

APREPITANT ( )

APREPITANT ( ) APREPITANT (20-06-2006) Specialità: Emend (Merck Sharp & Dohme) Forma farmaceutica: 1 cps da 125mg + 2 cps da 80mg - Prezzo: 88,77 Prezzo d banca dati Farmadati Novembre 2006 ATC: A04AD12 Categoria terapeutica:

Dettagli

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO COME E QUANDO GLI ASPETTI TECNICI DEI PROTOCOLLI POSSONO-DEVONO ESSERE OGGETTO-ARGOMENTO DI DECISIONI ETICHE? Fausto Roila Oncologia Medica, Terni NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE

Dettagli

Potenziale emetogeno dei farmaci antitumorali somministrati per via parenterale

Potenziale emetogeno dei farmaci antitumorali somministrati per via parenterale TOSSICITà GASTROINTESTINALE EMESI 384 DIARREA 396 lareflusso GASTROESOfAGEO 401 SINGhIOzzO 405 tossicità gastrointestinale emesi L emesi è caratterizzata dalla presenza di tre componenti: il vomito, la

Dettagli

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione resistente alla terapia farmacologica di Salvatore Di Salvo I dati della

Dettagli

LA TERAPIA FARMACOLOGICA

LA TERAPIA FARMACOLOGICA FATIGUE: INTERVENTISTI O MINIMALISTI? STATO DELL ARTE SULLE POSSIBILI TERAPIE LA TERAPIA FARMACOLOGICA Fausto Roila S.C. Oncologia, Terni FATIGUE DA CANCRO: DEFINIZIONE (NCCN) Sensazione soggettiva, stressante,

Dettagli

A.ULSS Euro 1,30

A.ULSS Euro 1,30 ALLEGATO A AL CAPITOLATO TECNICO DI FORNITURA DI SISTEMI A CIRCUITO CHIUSO DI PREPARAZIONE E SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI ANTIBLASTICI CITOTOSSICI E REGOLATORI DI FLUSSO PER L AZIENDA ULSS 12 VENEZIANA

Dettagli

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE.

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE. Riassunto LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE Data del documento originale: 7 novembre 2014 MUCOSITE

Dettagli

T.E.V. E CHEMIOTERAPIA. Dott. Pietro Masullo

T.E.V. E CHEMIOTERAPIA. Dott. Pietro Masullo T.E.V. E CHEMIOTERAPIA Dott. Pietro Masullo I MECCANISMI SONO MOLTEPLICI, SPESSO PRESENTI CONTEMPORANEAMENTE E NON ANCORA DEL TUTTO CHIARI LA CHEMIOTERAPIA PU0 AUMENTARE IL RISCHIO TEV ATTRAVERSO

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA G.Lazzari, G. Silvano S. C. Radioterapia Oncologica ASL TA/ 1 - Taranto Taranto, 21 gennaio 2005 BACKGROUND Le formulazioni orali di chemioterapia

Dettagli

Nausea e vomito da chemioterapia: cosa fare?

Nausea e vomito da chemioterapia: cosa fare? Nausea e vomito da chemioterapia: cosa fare? Sonia Fatigoni (medico) Mara Picciafuoco (caposala) Fausto Roila (medico) Divisione Oncologica Medica Ospedale Silvestrini Perugia INTRODUZIONE Cara Amica,

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR IDROMORFONE

SCHEDA DI VALUTAZIONE PER L INSERIMENTO DI FARMACI NON PRESENTI NEL PTR IDROMORFONE RICHIESTA DI INSERIMENTO IN PTR DI CLORIDRATO ATC N02AA03 (JURNISTA ) Presentata da Componente Commissione Prontuario Terapeutico Regionale In data: novembre 2007 Per le seguenti motivazioni (sintesi):

Dettagli

Antiemetici: aspetti generali

Antiemetici: aspetti generali Emesi Evento fisico che risulta nell evacuazione forzata dei contenuti gastrici attraverso la bocca Puo essere auto-indotta (bulimia) o involontaria (associata ad es. a influenza, gravidanza, chinetosi,

Dettagli

CARE. regioni. costi dell assistenza e risorse economiche EMESI E QUALITÀ DI VITA DEL PAZIENTE ONCOLOGICO. www.careonline.it

CARE. regioni. costi dell assistenza e risorse economiche EMESI E QUALITÀ DI VITA DEL PAZIENTE ONCOLOGICO. www.careonline.it CARE costi dell assistenza e risorse economiche regioni EMESI E QUALITÀ DI VITA DEL PAZIENTE ONCOLOGICO a Care n. 5 settembre-ottobre 2013 n INCONTRI Nausea e vomito in chemioterapia: una problematica

Dettagli

Cap 13 - Lo schema terapeutico

Cap 13 - Lo schema terapeutico LO SCHEMA TERAPEUTICO Il medico oncologo, al momento della diagnosi di tipo e stadio tumorale oppure all eventuale ricaduta/progressione di malattia già nota, prescrive una chemioterapia sotto forma di

Dettagli

PALONOSETRON ( )

PALONOSETRON ( ) PALONOSETRON (13-09-2006) Specialità: Aloxi (Italfarmaco) Forma Farmaceutica: 1flac.no ev Dosaggio: 0.25mg Prezzo: 112,89 Prezzo al pubblico da banca dati Farmadati Marzo 2007 ATC: A04AA05 Categoria terapeutica:

Dettagli

Educazione terapeutica a malati sottoposti a chemioterapia che presentano nausea e vomito.

Educazione terapeutica a malati sottoposti a chemioterapia che presentano nausea e vomito. Progetto ET Formazione in educazione per infermieri in oncologia I livello Educazione terapeutica a malati sottoposti a chemioterapia che presentano nausea e vomito. Progetto educativo presentato da Graziella

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

Allegato n 5. Studi clinici controllati condotti dalla Struttura Complessa di Oncologia Medica ed Ematologia nel quinquennio 2003-2007

Allegato n 5. Studi clinici controllati condotti dalla Struttura Complessa di Oncologia Medica ed Ematologia nel quinquennio 2003-2007 Allegato n 5 Studi clinici controllati condotti dalla Struttura Complessa di Oncologia Medica ed Ematologia nel quinquennio 2003-2007 Anno 2003 1. XRP6976/F/2501 Studio randomizzato di fase II che valuta

Dettagli

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE

LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE LINEE GUIDA PRATICHE MASCC/ISOO BASATE SULL EVIDENZA PER LA PREVENZIONE ED IL TRATTAMENTO DELLA MUCOSITE CAUSATA DA TERAPIE ONCOLOGICHE Riassunto Data del documento originale: 23 gennaio 2014 RACCOMANDAZIONI

Dettagli

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani Trial clinici in oncologia Corrado Magnani Check-list Protocollo Definizione degli obiettivi Chiarezza Aggiornamento rispetto alle conoscenze scientifiche Non replicazione / giustificazione Formulazione

Dettagli

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Studio clinico randomizzato, con gruppo di controllo, sull Agopuntura Tradizionale Cinese come Terapia di Supporto in pazienti sottoposti a trattamento Chemioterapico

Dettagli

Nausea e vomito. da chemioterapia IJN N.4/ Quali meccanismi fisiologici generano la nausea e il vomito? Evidence based nursing 47

Nausea e vomito. da chemioterapia IJN N.4/ Quali meccanismi fisiologici generano la nausea e il vomito? Evidence based nursing 47 IJN N.4/2012 Evidence based nursing 47 Nausea e vomito da chemioterapia Claudia Passoni e Chiara Pari Tratto da NURSINGFAD IPASVI MI-LO-MB Quesiti clinico-assistenziali From NURSINGFAD IPASVI MILO-MB Clinical

Dettagli

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO Cetuximab può ridurre la massa tumorale per permettere la resezione delle metastasi, anche, in pazienti inizialmente non resecabili,

Dettagli

Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva?

Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva? Prof. Dr. med. Claudio Marone eoc Ospedale San Giovanni, Schweiz Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva? Keywords: ipertensione, automisurazione della

Dettagli

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna L infermiere che gestisce la chemioterapia deve conoscere: - Farmaci

Dettagli

FARMACI CITOTOSSICI TRADIZIONALI Meccanismi di tossicità

FARMACI CITOTOSSICI TRADIZIONALI Meccanismi di tossicità FARMACI CITOTOSSICI TRADIZIONALI Meccanismi di tossicità Ivrea, 25 gennaio 2012 Paolo Abrate S.C. Farmacia Ospedaliera Ivrea/Ciriè Sommario Replicazione cellulare Meccanismi di danno I C.T.A. classici

Dettagli

Julia Curtis è una vedova di 64 anni che

Julia Curtis è una vedova di 64 anni che News2_07 26-07-2007 11:30 Page 36 pubblicazioni Nausea e vomito nella fase terminale del cancro Tratto da AJN, november 2004, vol.104, n.11 (40-48) di Anne Haughney, RNC, OCN, traduzione a cura di Elisa

Dettagli

ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO

ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO Il rapporto tra ormoni e carcinomi della mammella ormonodipendenti venne dimostrato per la prima volta nel 1896 da Beatson. L ovariectomia determinava

Dettagli

FARMACOLOGIA dei FARMACI ANTIBLASTICI

FARMACOLOGIA dei FARMACI ANTIBLASTICI FARMACOLOGIA dei FARMACI ANTIBLASTICI VS Dr.ssa Paola Lameri - Servizio di Farmacia Lodi, 03/02/2014; 18/03/2014 1) INTRODUZIONE 2) Meccanismo d azione 3) Tossicità NEOPLASIA, TUMORE, CANCRO indicano indistintamente

Dettagli

Commissione Regionale Farmaco METILNALTREXONE

Commissione Regionale Farmaco METILNALTREXONE Commissione Regionale Farmaco (D.G.R. 1540/2006 e D.G.R. 2330/2008) Documento relativo a: METILNALTREXONE Marzo 2010 Assessorato Politiche per la salute Commissione Regionale del Farmaco Indicazioni registrate

Dettagli

Ciascuna compressa rivestita con film contiene 2 mg di granisetron (in forma di cloridrato).

Ciascuna compressa rivestita con film contiene 2 mg di granisetron (in forma di cloridrato). 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Kytril compresse rivestite con film da 1 mg Kytril compresse rivestite con film da 2 mg 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA 2.1 Descrizione generale 2.2 Composizione

Dettagli

PERTUZUMAB - PERJETA

PERTUZUMAB - PERJETA giunta regionale Allegato C al Decreto n. 119 del 12 maggio 2015 pag. 1/9 Regione del Veneto Area Sanità e Sociale RACCOMANDAZIONI EVIDENCE BASED PERTUZUMAB - PERJETA Indicazione in esame: Pertuzumab (Perjeta

Dettagli

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati Dott.ssa D. Piccolo Come mai il cattivo controllo glicemico è tanto frequente tra i pazienti ospedalizzati? Le informazioni disponibili sul grado

Dettagli

Università degli studi di Bologna

Università degli studi di Bologna Università degli studi di Bologna Master in tossicologia forense Giugno 2013 Franco Cantagalli USI ALTERNATIVI DELLE BENZODIAZEPINE Lormetazepam in gocce 1 Analisi chimica benzodiazepina composto insaturo

Dettagli

La relazione infermiere-pazientemedico nella gestione della chemioterapia. 12 novembre 2002

La relazione infermiere-pazientemedico nella gestione della chemioterapia. 12 novembre 2002 La relazione infermiere-pazientemedico nella gestione della chemioterapia 12 novembre 2002 I farmaci antiblastici La chemioterapia antitumorale si può considerare relativamente recente. All inizio degli

Dettagli

MTC nel paziente oncologico

MTC nel paziente oncologico MTC nel paziente oncologico U.O Medicina Oncologica Ospedale di Carpi Giorgia Razzini La legge della domanda e dell offerta (1) L utilizzo delle Medicine Non Convenzionali subisce un incremento del 30%

Dettagli

Antiemetici: aspetti generali

Antiemetici: aspetti generali Emesi Evento fisico che risulta nell evacuazione forzata dei contenuti gastrici attraverso la bocca Puo essere auto-indotta (bulimia) o involontaria (associata ad es. a influenza, gravidanza, chinetosi,

Dettagli

Le nuove molecole in oncologia prostatica. Gianmauro Numico Direttore SC Oncologia Azienda USL della Valle d Aosta

Le nuove molecole in oncologia prostatica. Gianmauro Numico Direttore SC Oncologia Azienda USL della Valle d Aosta Le nuove molecole in oncologia prostatica Gianmauro Numico Direttore SC Oncologia Azienda USL della Valle d Aosta Castration 2013 Abiraterone 1996 Mitoxantrone 2004 Docetaxel Death Tumor volume Local Therapy

Dettagli

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005

Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Innovazioni terapeutiche in Oncologia Medica Cagliari 23/24 Giugno 2005 Associazione Trastuzumab e chemioterapia nel carcinoma mammario metastatico e localmente avanzato. Nostra casistica. Carlo Floris

Dettagli

Documento PTR n.212 relativo a:

Documento PTR n.212 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.212 relativo a: PAZOPANIB Aprile 2014 Pazopanib Indicazioni registrate

Dettagli

Farmaci & Tumori. bollettino di informazione indipendente sui farmaci utilizzati nella cura dei tumori CIFAV CENTRO

Farmaci & Tumori. bollettino di informazione indipendente sui farmaci utilizzati nella cura dei tumori CIFAV CENTRO Farmaci & Tumori bollettino di informazione indipendente sui farmaci utilizzati nella cura dei tumori n 0 F&TPubblicazione CIFAV CENTRO INFORM SUL FAR PER L'A quadrimestrale V.0 (1) 2015 Farmaci & Tumori

Dettagli

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Indicazione terapeutica Classificazione: Spesa per paziente trattato (euro, posologia/durata)

Dettagli

Years since Randomization No. at Risk 513 489

Years since Randomization No. at Risk 513 489 HER2Club in gastric cancer Obiettivi della terapia nel carcinoma gastrico metastatico e standard terapeutici. Carcinoma gastrico metastatico HER2-positivo: il ruolo di trastuzumab. Mario Scartozzi L ampliamento

Dettagli

Promuovere il cambiamento in ambito clinico: le strategie evidence based. based

Promuovere il cambiamento in ambito clinico: le strategie evidence based. based Promuovere il cambiamento in ambito clinico: le strategie evidence based Lucio Patoia Medicina Interna e Scienze Oncologiche E Ce.R.P.E.A (Centro regionale per la Promozione dell Efficacia e dell Appropriatezza

Dettagli

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I Adenoma con displasia alto grado o severa Escissione locale LINEE GUIDA ROL - COLON segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale Sostituisce carcinoma in situ o adenoma intramucoso. Stadio

Dettagli

I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO

I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO Nella risposta di stress si verificano specifiche variazioni nel rilascio di neurotrasmettitori, neuromodulatori

Dettagli

Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO Ceftarolina fosamil (Zinforo) Polvere per concentrato per soluzione

Dettagli

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel.

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. (09-09-2008) Specialità: Avastin(Roche spa) Forma farmaceutica:

Dettagli

Itumori maligni del polmone costituiscono da molti anni

Itumori maligni del polmone costituiscono da molti anni Tumori e terapie di supporto Tumori del polmone: standard terapeutici e complicanze Lucio Crinò Oncologia Medica Ospedale Santa Maria della Misericordia Perugia Itumori maligni del polmone costituiscono

Dettagli

31/10/2014. La centralizzazione al S. Orsola-Malpighi di Bologna. Esigenza di Informatizzazione

31/10/2014. La centralizzazione al S. Orsola-Malpighi di Bologna. Esigenza di Informatizzazione La centralizzazione al S. Orsola-Malpighi di Bologna 4 CORSO REGIONALE PER FARMACISTI, TECNICI E INFERMIERI DELL AREA ONCOLOGICA Servizio Politica del Farmaco, Regione Emilia-Romagna Bologna, 02 ottobre

Dettagli

Patologie Ematologiche Croniche e Terapie Antiblastiche: una gestione condivisa tra ospedale e territorio

Patologie Ematologiche Croniche e Terapie Antiblastiche: una gestione condivisa tra ospedale e territorio Patologie Ematologiche Croniche e Terapie Antiblastiche: una gestione condivisa tra ospedale e territorio Gli effetti collaterali della chemioterapia e la loro gestione Dott. Vincenzo Scannapieco Dirigente

Dettagli

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Corso per farmacisti operanti nei punti di erogazione diretta delle Aziende Sanitarie della Regione Emilia-Romagna AUSL Piacenza

Dettagli

LE TERAPIE ORALI IN ONCOLOGIA

LE TERAPIE ORALI IN ONCOLOGIA LE TERAPIE ORALI IN ONCOLOGIA Sabrina Pellachin S.C. Oncologia Medica ASO S. Giovanni Battista - Torino 1 2 COSTI Sorafenib (Nexavar) 112co 200mg 5.305,59 Erlotinib (Tarceva) 30co 100mg 2.466,59 30co 150mg

Dettagli

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69 -ALLEGATO 1 Eparine a Basso Peso Molecolare: prodotti in distribuzione e prodotti sostituiti. PROFILASSI TVP IN CHIRURGIA: dosi equipotenti da scheda tecnica Dalteparina PRODOTTO FORNITO SOLO QUANDO NON

Dettagli

TRATTAMENTO DEL DOLORE POSTOPERATORIO

TRATTAMENTO DEL DOLORE POSTOPERATORIO TRATTAMENTO DEL DOLORE POSTOPERATORIO SITUAZIONE ALGICA MAGGIORE PERIDURALE CONTINUA Analgesia OPPURE PERINERVOSO CONTINUO + AD ORARI FISSI OPPURE ENDOVENOSO CONTINUO * + AD ORARI FISSI * in mancanza di

Dettagli

SINDROME D ASTINENZA

SINDROME D ASTINENZA SINDROME D ASTINENZA Dipende dalla quantità di sostanza assunta e dalla velocità di eliminazione dall organismo. Nel caso del metadone i sintomi sono gli stessi, ma l insorgenza della sindrome è più lenta,

Dettagli

Apparato digerente. I movimenti

Apparato digerente. I movimenti Apparato digerente I movimenti MOTILITA GASTROINTESTINALE La masticazione Atto volontario (più frequentemente è un azione riflessa) Movimenti della mandibola controllati dai m. masticatori a cui partecipano

Dettagli

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE POLMONARE Dr. Antonio Ardizzoia, Dr.ssa Ilaria Colombo, Dr. Paolo Bidoli UO DI ONCOLOGIA MEDICA - AO SAN GERARDO DI MONZA CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC Il ruolo della terapia medica

Dettagli

Monitoraggio della tossicità

Monitoraggio della tossicità Cap 18 - Tossicità associata al trattamento Tossicità associata al trattamento Monitoraggio della tossicità Considerata la ristretta finestra terapeutica di molti farmaci citotossici, si comprende perché

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE IVEMEND 115 mg polvere per soluzione per infusione. 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ciascun flaconcino

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Corso di Statistica Medica I modelli di studio Corso di laurea in medicina e chirurgia - Statistica Medica Disegno dello studio

Dettagli

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò

Anticorpi monoclonali Anti-EGFR. -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri. Valentina Anrò Anticorpi monoclonali Anti-EGFR -Ruolo Biologico -Evidenze terapeutiche -Problemi -Sviluppi futuri Valentina Anrò Ruolo Biologico Epidermal Growth Factor Receptor Extracellular Domain Transmembrane Domain

Dettagli

Terapia in fase Avanzata

Terapia in fase Avanzata IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO 14 OTTOBRE 2011, ROMA Terapia in fase Avanzata Maria Sofia Rosati Oncologia A Policlinico Umberto I Roma Numeri.. e persone!! ***Solo il 56% *50% dei pz con CRC è over 70 degli

Dettagli

Comparabilità fra le somministrazioni successive effetto di trascinamento ( carry-over ) effetto di periodo

Comparabilità fra le somministrazioni successive effetto di trascinamento ( carry-over ) effetto di periodo Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 2 Gli studi crossover Periodo 1 Periodo 2 R A N D O M A B A B Valutazione Tempo 1 0 1 1 2 0 2 1 Gli studi crossover Metodo epidemiologici per la clinica

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79.

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79. CURRICULUM VITAE Dottor SERRANO FRANCESCO nato a Melito P.S. (RC) il 09-04-1960 abitante a Siderno M. in via Fiume 64 RC Cell. 348-9041758. e mail: serranofrancesco çyahoo,it Dal 01.10.1999 a tutt oggi,

Dettagli

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica:

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica: TRASTUZUMAB per l'indicazione: in associazione ad un inibitore dell aromatasi nel trattamento di pazienti in postmenopausa affetti da carcinoma mammario metastatico positivo per i recettori ormonali, non

Dettagli

La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia

La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia Dr. Raffaele Addeo U.O.C. Oncologia Frattamaggiore (NA) Benevento, 5 ottobre 2012 Introduzione La chemioterapia sistemica, divenuta

Dettagli

Attività Scientifica dal 2001.

Attività Scientifica dal 2001. INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Giustini Lucio Data di Nascita 02/11/1949 Qualifica Medico Oncologo Amministrazione ASUR ZT 11 FERMO Incarico attuale Direttore UOC Oncologia Numero telefonico dell

Dettagli

Combattere il cancro Insieme. Un cortometraggio sulla battaglia quotidiana contro il tumore

Combattere il cancro Insieme. Un cortometraggio sulla battaglia quotidiana contro il tumore COMUNICATO STAMPA Presentato a Venezia il primo cortometraggio sul cancro tratto da una storia vera Combattere il cancro Insieme. Un cortometraggio sulla battaglia quotidiana contro il tumore Presentato

Dettagli

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients Sinossi Principal Investigator e centro promotore dello studio: Dr.ssa Silvia Novello (Divisione di Oncologia Toracica, Università

Dettagli