Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale"

Transcript

1 Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale TERAMO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Allegati o DELIBERAZIONE N. mmediatamen1e eseguibile AVENTE AD OGGETTO: Provvedimenti in merito alle j. istanze di concessione di permessi per diritto allo studio relativi all A.A L anno mese di addì O presso la sede dell Ente, il Direttore Generale dell Istituto. Pro!: Mauro Mattioli. Visto l art. 22 dei Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del personale del Comparto Sanità dei 20 settembre 2001, che disciplina la concessione, ai dipendenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato, di appositi permessi retribuiti per diritto allo studio nella misura massima di n. 150 ore annue individuali finalizzate al conseguimento dei titoli di studio in esso indicati; Preso allo che, sempre ai sensi del suddetto ari. 22, i permessi di cui trattasi possono essere concessi entro il limite massimo dei 3% del personale in servizio a tempo indeterminato all inizio di ogni anno, con arrotondamento all unità superiore; Visti i CCNL delle aree della dirigenza dei ruoli medicoveterinaria e sanitaria, professionale, tecnica ed amministrativa stipulati in data 10 febbraio 2004 che dispongono, rispettivamente agli articoli 45 e 46, la non applicabilità del suddetto beneficio al personale dirigente; Tenuto conto dell orientamento applicativo del 24 settembre 2011 espresso dall Aran in merito alla richiesta di permessi per diritto allo studio per la frequenza di corsi serali e applicabile anche al caso di frequenza di corsi in giomi non lavorativi che chiarisce che: I permessi per motivi di studio, di cui alfart. 22 del CCNL del 20 settembre 2001, dovrebbero essere fruiti solo per assentarsi dal lavoro perla frequenza dei corsi nei giorni e nelle ore durante te quali il dipendente dovrebbe rendere la sua ordinaria prestazione lavorativa, in quanto lo stesso, nell ipotesi di un corso di studi in orario serale o comunque al di fuori dell orario di lavoro settimanale, non avrebbe alcun interesse a fruire dei permessi stessi la cui utilità si evidenzia proprio in presenza di una coincidenza temporale delle due esigenze Vista la deliberazione del 10 novembre 2016 n. 733 di indizione del relativo avviso interno finalizzato

2 alla individuazione degli aventi diritto al beneficio di cui trattasi; Dato atto che l avviso interno finalizzato all individuazione degli aventi diritto al beneficio di cui trattasi è vembre 2016 tramite posta 6 stato trasmesso al personale dipendente del comparto in data 15 n elettronica dal mittente Preso atto che all i gennaio 2016 la consistenza del personale non dirigente in servizio presso l Istituto ammontava a n. 209 unità e che, conseguentemente, ai sensi del richiamato articolo 22 e del suddetto avviso, gli aventi diritto al beneficio di cui trattasi sono in numero di 7; Rilevato che entro il termine ultimo del 18 novembre 2016 fissato dall avviso per la presentazione delle domande è pervenuta n. i istanza da parte della seguente dipendente: Collaboratore tecnico ilt nata az_ professionale (nota del 17novembre2016, prot. n ); Dato allo che, successivamente al termine indicato nel bando, è altresi pervenuta l istanza di richiesta di concessione del beneficio da parte della seguente dipendente: qualifica di tecnico il 4, nata a L_, esito (nota del 21 novembre 2016, prot. n ) subordinata al positivo dell esame di ammissione previsto dalla Scuola di laureato addetto ai laboratori superamento con Specialiazione di Igiene e Tecnologia del latte svoltosi in data 10 novembre u.s.; Preso atto che le domande complessivamente pervenute risultano in numero inferiore al limite della massimo di concessione previsto dal CCNL e ritenuto di poter prendere in considerazione l istanza ;al fine & una eventuale ammissione al beneficio di cui trattasi, previo esame delle motivazioni presentate a giustificazione del ritardo nella presentazione delle relative richieste; ianno prodotto istanza per poter fruire del beneficio di di cui trattasi, subordinando la presentazione della documentazione attestante le iscrizioni ai corso studi prescelti al momento in cui potranno avvenire le iscrizioni i cui termini sono stabiliti successivamente alla data di scadenza dell avviso interno citato; Rilevato che le dipendentij Viste le note di seguito indicate con le quali le interessate hanno perfezionato la richiesta di poter fruire del beneficio di cui trattasi: nota del 28 dicembre 2016 prot. n a firma della. nota dell lo gennaio 2017 prot. n. 281 a firma della: di Esaminata la documentazione prodotta dai candidati e rilevato quanto segue in relazione a ciascuno essi: risulta, da quietanza di pagamento, di aver regolarmente effettuato l iscrizione al 3 anno del corso di dottorato in Scienze degli Alimenti dell Università degli Studi di Teramo; risulta, da ricevuta di immatricolazione, di aver regolarmente 2

3 DELIBERA per il corretto utilizzo dei permess in argomento: portato a conoscenza del medesimo responsabile con un anticipo di norma non inferiore a 15 giorni per Ritenuto, in relazione a quanto prodotto dai richiedenti, di ammettere i sopraelencati dipendenti alla Ritenuto inoltre di dover precisare quanto segue con riguardo alle modalità, condizioni e prescrizioni appartenenza ed apposizione da parte di quest ultimo del proprio visto sul relativo modulo di richiesta; assegni derivati dell Università degli Studi di Milano; fruizione del beneficio di cui trattasi; la il fruizione dei permessi dovrà avvenire previa informazione al responsabile della struttura di calendario delle lezioni che si intendono seguire ricorrendo ai permessi per studio deve essere che l interessato, per il solo giorno della prova, non intenda fruire dei permessi per esami previsti la fruizione del permesso deve essere attestata attraverso la timbratura in entrata ed in uscita; alla fruizione del permesso che lezione per e il rientro nella sede di lavoro si ha diritto per la frequenza dei corsi prescelti alla fruizione del permesso si ha diritto anche per sostenere gli esami relativi ai corsi indicati a meno dall art. 21, comma 1, primo alinea del CCNL 1 settembre 1995: la effettiva frequenza dei corsi deve essere dimostrata attraverso idonea documentazione giustificativa giorno e l ora di svolgimento della lezione; tale documentazione giustificativa può essere prodotta anche con cadenza mensile, in forma cumulativa e cioè con riferimento a tutte le lezioni seguite nel mese; al termine del corso seguito l interessato è tenuto a fornire idonea documentazione comprovante il fatto di aver sostenuto, anche se con esito negativo, l esame relativo; in mancanza delle predette certificazioni, i permessi già utilizzati vengono considerati come aspettativa senza per fruizione del beneficio agli aventi diritto in tempi brevi; 1. Dare atto di quanto riportato in premessa che si intende qui integralmente richiamato. 2. Concedere il godimento del beneficio delle 150 ore per diritto allo studio ai sottoelencati dipendenti, in possesso dei requisiti richiesti: nata 3 professionale e regolarmente iscritta per l anno accademico 2016/2017 ai 30 anno del corso di al il. Collaboratore tecnico Ritenuto di dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile, stante l esigenza di consentire la motivi personali o, a domanda, come ferie; rilasciata dall università e contenente l indicazione del corso al quale si riferisce la lezione seguita, il è esteso anche al tempo necessario per raggiungere la sede della consentire al medesimo un adeguata programmazione e distribuzione dell attività; effettuato l iscrizione all anno della Scuola di Specializzazione Igiene e tecnologia del latte e

4 dottorato di ricerca in Scienze degli Alimenti presso l Università degli Studi di Teramo; ij Thiata al laboratori tecnico laureato addetto ai e regolarmente iscritta al 1 anno della Scuola di Specializzazione Igiene e tecnologia del latte e derivati dell Università degli Studi di Milano. 3. Precisare quanto segue con riguardo alle modalità, condizioni e prescrizioni per il corretto utilizzo dei permessi in argomento: la fruizione dei permessi dovrà avvenire previa informazione al responsabile della struttura di appartenenza ed apposizione da parte di quest ultimo del proprio visto sul relativo modulo di richiesta; il calendario delle lezioni che si intendono seguire ricorrendo ai permessi per studio deve essere portato a conoscenza del medesimo responsabile con un anticipo di norma non inferiore a 15 giorni per consentire al medesimo un adeguata programmazione e distribuzione dell attività; la fruizione del permesso deve essere attestata attraverso la timbratura in entrata ed in uscita; alla fruizione del permesso che è esteso anche al tempo necessario per raggiungere la sede della lezione e per il rientro nella sede di lavoro si ha diritto per la frequenza dei corsi prescelti alla fruizione del permesso si ha diritto anche per sostenere gli esami relativi ai corsi indicati a meno che l interessato, per il solo giorno della prova, non intenda fruire dei permessi per esami previsti daii art. 21, comma 1, primo alinea del CCNL i settembre 1995; la effettiva frequenza dei corsi deve essere dimostrata attraverso idonea documentazione giustificativa rilasciata dall università e contenente l indicazione del corso al quale si riferisce la lezione seguita, il giorno e l ora di svolgimento della lezione; tale documentazione giustificativa può essere prodott a anche con cadenza mensile, in forma cumuiativa e cioè con riferimento a tutte le lezioni seguite nel mese; al termine del corso seguito l interessato è tenuto a fornire idonea documentazione comprovante il fatto di aver sostenuto, anche se con esito negativo, l esame relativo; in mancanza delle predette certificazioni, i permessi già utilizzati vengono considerati come aspettativa 4. senza assegni per motivi personali o, a domanda, come ferie, Precisare inoltre che il mancato rispetto delle modalità, condizioni e prescrizioni indicate (in particolare l omessa presentazione della documentazione come sopra specificata) obbligherà l istituto a considerare le giornate di permesso eventualmente utilizzate come aspettativa assegni 5. per motivi personali o, a domanda, come ferie. Dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile. 4 senza

5 dottorato di ricerca in Scienze degli Alimenti presso l Università degli Studi di Teramo; il: Thiata al tecnico laureato addetto ai laboratori e regolarmente iscritta al 1 anno della Scuola di Specializzazione Igiene e tecnologia del latte e derivati dell Università degli Studi di Milano. 3. Precisare quanto segue con riguardo alle modalità, condizioni e prescrizioni per il corretto utilizzo dei permessi in argomento: la fruizione dei permessi dovrà avvenire previa informazione al responsabile della struttura di appartenenza ed apposizione da parte di quest ultimo del proprio visto sul relativo modulo di richiesta; il calendario delle lezioni che si intendono seguire ricorrendo ai permessi per studio deve essere portato a conoscenza del medesimo responsabile con un anticipo di norma non inferiore a 15 giorni per consentire al medesimo un adeguata programmazione e distribuzione dell attività; la fruizione del permesso deve essere attestata attraverso la timbratura in entrata ed in uscita; alla fruizione del permesso che è esteso anche al tempo necessario per raggiungere la sede della lezione e per il rientro nella sede di lavoro si ha diritto per la frequenza dei corsi prescelti alta fruizione del permesso si ha diritto anche per sostenere gli esami relativi ai corsi indicati a meno che l interessato, per il solo giorno della prova, non intenda fruire dei permessi per esami previsti dall art. 21, comma 1, primo alinea del CCNL 1 settembre 1995; la effettiva frequenza dei corsi deve essere dimostrata attraverso idonea documentazione giustificativa rilasciata dall università e contenente l indicazione del corso al quale si riferisce la lezione seguita, il giorno e l ora di svolgimento della lezione; tale documentazione giustificaliva può essere prodotta anche con cadenza mensile, in forma cumulativa e cioè con riferimento a tutte le lezioni seguite nel mese; al termine del corso seguito l interessato è tenuto a fornire idonea documentazione comprovante il fatto di aver sostenuto, anche se con esito negativo, l esame relativo; in mancanza delle predette certificazioni, i permessi già utilizzati vengono considerati come aspettativa 4. senza assegni per motivi personali o, a domanda, come ferie. Precisare inoltre che il mancato rispetto delle modalità, condizioni e prescrizioni indicate (in particolare l omessa presentazione della documentazione come sopra specificata) obbligherà l istituto a considerare le giornate di permesso eventualmente utilizzate come aspettativa assegni 5. per motivi personali o, a domanda, come ferie. Dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile. 4 senza

6 dottorato di ricerca in Scienze degli Alimenti presso [Università degli Studi di Teramo; Thiata al laboratori i1 tecnico laureato addett o ai e regolarmente iscritta al 1 anno della Scuola di Specializzazione Igiene e tecnologia del latte e derivati dell Università degli Studi di Milano. 3. Precisare quanto segue con riguardo alle modalità, condizioni e prescrizioni per il corretto utilizzo dei permessi in argomento: la fruizione dei pemiessi dovrà avvenire previa informazione al responsabile della struttura di appartenenza ed apposizione da parte di quest ultimo del proprio visto sul relativo modulo di richiesta; il calendario delle lezioni che si intendono seguire ricorrendo ai permessi per studio deve essere portato a conoscenza del medesimo responsabile con un anticipo di norma non inferiore a 15 giorni per consentire al medesimo un adeguata programmazione e distribuzione dell attività; la fruizione del permesso deve essere attestata attraverso la timbratura in entrata ed in uscita; alla fruizione del permesso che è esteso anche al tempo necessario per raggiungere la sede della lezione e per il rientro nella sede di lavoro si ha diritto per la frequenza dei corsi prescelti alla fruizione del permesso si ha diritto anche per sostenere gli esami relativi ai corsi indicati a meno che l interessato, per il solo giorno della prova, non intenda fruire dei permessi per esami previsti dall art. 21, comma 1, primo alinea del CCNL 1 settembre 1995; la effettiva frequenza dei corsi deve essere dimostrata attraverso idonea documentazione giustificativa rilasciata dall università e contenente l indicazione del corso al quale si riferisce la lezione seguita, il giorno e l ora di svolgimento della lezione; tale documentazione giustificativa può essere prodotta anche con cadenza mensile, in forma cumulativa e cioè con riferimento a tutte le lezioni seguite nel mese; al termine del corso seguito l interessato è tenuto a tornire idonea documentazione comprovante il fatto di aver sostenuto, anche se con esito negativo, l esame relativo; in mancanza delle predette certificazioni, i permessi già utilizzati vengono considerati come aspettativa 4. senza assegni per motivi personali o, a domanda, come ferie. Precisare inoltre che il mancato rispetto delle modalità, condizioni e prescrizioni indicate (in particolare l omessa presentazione della documentazione come sopra specificata) obbligherà l istituto a considerare le giornate di permesso eventualmente utilizzate come aspettativa assegni 5. per motivi personali o, a domanda, come ferie. Dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile. 4 senza

7 SIGLA Si attesta la regolarità del procedimento svolto e la Si prende visione delle disposizioni contabili contenute nel ESTENSOR correttezza del presente atto, presente atto. E IL DIRIGENTE PROPONENTE IL RESPONSABILE DELLA SS. CONTABILITA E BILANCIO M P (Rio L.DI TOMMASO) il PARERE lì PARERE favorevole IL D1RETORE SANITARIO IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO Giovanni Savini ASSENTE Fao Giancarlo Cecchini IL DIRETTORE GENERALE Fao Prof. MAURO MATTIOLI ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE Si attesta che la presente deliberazione viene pubblicata all Albo di questo Istituto in data odierna e vi rimarrà affissa per giorni 15 consecutivi. Data IL DIRIGENTE RESPONSABILE F.to Fabrizio Piccari Copia conforme all originale per uso amministrativo. Terarno, IL DIRIGENTE RESPONSABILE (F.to Fabrizio Piccari) La presente delibera è immediatamente eseguibile

TERAMO. Allegati 2 Immediatamente eseguibile

TERAMO. Allegati 2 Immediatamente eseguibile - l articolo Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale TERAMO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Allegati 2 Immediatamente eseguibile DELIBERAZIONE N, AVENTE AD OGGETTO:

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E

D E T E R M I N A Z I O N E AREA AMMINISTRATIVA ED ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO RISORSE UMANE D E T E R M I N A Z I O N E OGGETTO: PERMESSI RETRIBUITI MOTIVI DI STUDIO - ANNO SOLARE 2016 RACCOLTA GENERALE PRESSO LA SEGRETERIA GENERALE

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI ITTIRI PROVINCIA DI SASSARI COMUNE DI ITTIRI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO (Allegato alla deliberazione G.C. n del ) INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art.

Dettagli

Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale

Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale TERAMO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Allegati Immediatamente eseguibile DELTBEZIONE N. 4 AVENTE AD OGGETTO: Prorvedirnenti

Dettagli

Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale TERAMO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale TERAMO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE per Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale TERAMO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Allegati n. 1 X Immediatamente eseguibile DELIBERAZIONEN, 86 AVENTE AD OGGETTO:

Dettagli

Direzione Generale Servizio Sviluppo Organizzativo e Valutazione del Personale Area Formazione

Direzione Generale Servizio Sviluppo Organizzativo e Valutazione del Personale Area Formazione Direzione Generale Servizio Sviluppo Organizzativo e Valutazione del Personale Area Formazione REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO EX ART. 22 C.C.N.L. INTEGRATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO COMUNE DI JESOLO PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 318 del 2 novembre 2010 1 REGOLAMENTO PER

Dettagli

TERAMO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

TERAMO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE - il Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale TERAMO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AlIegat$ E Immediatamente eseguibile DELIBERAZIONE N. 382 AVENTE AD OGGETTO:

Dettagli

AVVISO PER LA CONCESSIONE DI PERMESSI PER MOTIVI DI STUDIO ANNO 2010

AVVISO PER LA CONCESSIONE DI PERMESSI PER MOTIVI DI STUDIO ANNO 2010 COMUNE DI MELISSA -Provincia di Crotone- Via Provinciale Sud 88814 Melissa (KR) Ufficio Amministrativo- Tel. 0962835801 fax 0962835907- email ufficio.legale@comune.melissa.kr.it Pec: legale.melissa@asmepec.it

Dettagli

POLITECNICO DI BARI IL RETTORE. VISTO lo Statuto del Politecnico, in particolare gli artt. 11 e 12;

POLITECNICO DI BARI IL RETTORE. VISTO lo Statuto del Politecnico, in particolare gli artt. 11 e 12; POLITECNICO DI BARI IL RETTORE D.R.n. 256 VISTA La Legge 09.05.1989 n. 168; VISTO lo Statuto del Politecnico, in particolare gli artt. 11 e 12; RITENUTO opportuno dotarsi del Regolamento Permessi per Motivi

Dettagli

REGOLAMENTO 150 ORE DIRITTO ALLO STUDIO

REGOLAMENTO 150 ORE DIRITTO ALLO STUDIO REGOLAMENTO 150 ORE DIRITTO ALLO STUDIO Premessa Al fine di garantire una corretta informazione sul diritto allo studio, ed in base a quanto contenuto all art.22 del CCNL 7 aprile 1999, viene definito

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E

D E T E R M I N A Z I O N E SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI D E T E R M I N A Z I O N E DETERMINAZIONE CON IMPEGNO DI SPESA - OGGETTO: RIMBORSO ALLA SOC. C.S.I. S.P.A. PER PERMESSI CONCERNENTI CARICHE ELETTIVE DEL CONSIGLIERE COMUNALE

Dettagli

Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse O. Caporale TERAMO

Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse O. Caporale TERAMO presso Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse O. Caporale TERAMO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Allegati E E Immediatamente eseguibile DELIBERAZIONE N. o( AVENTE AD OGGETTO:

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 52 DEL 27/01/2016 OGGETTO: PERMESSI RETRIBUITI PER DIRITTO ALLO STUDIO ANNO 2016 APPROVAZIONE

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E

D E T E R M I N A Z I O N E AREA AMMINISTRATIVA ED ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO RISORSE UMANE D E T E R M I N A Z I O N E DETERMINAZIONE CON IMPEGNO DI SPESA - OGGETTO: ASPETTATIVA SINDACALE DIP.TE SALVATORE FRANCESCA. RACCOLTA

Dettagli

Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse O. Caporale TERAMO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse O. Caporale TERAMO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse O. Caporale TERAMO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Allegati [ Immediatamente eseguibile DELIBERAZIONE N. 4bi AVENTE AD OGGETTO: ADEGUAMENTO

Dettagli

COMUNE DI GRAGNANO Città Metropolitana di Napoli

COMUNE DI GRAGNANO Città Metropolitana di Napoli COPIA COMUNE DI GRAGNANO Città Metropolitana di Napoli VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO ( nominato con D.P.R. del 24-02-2016 ) n. 24 del 08-03-2016 OGGETTO: Prosieguo attività dei

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI Monaldi-Cotugno-CTO Sede: Via Leonardo Bianchi NAPOLI

AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI Monaldi-Cotugno-CTO Sede: Via Leonardo Bianchi NAPOLI AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI Monaldi-Cotugno-CTO Sede: Via Leonardo Bianchi 80131 NAPOLI Servizio proponente: UOC Servizio Gestione Risorse Umane DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n 1265 del 23/12/2016

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 1103 SETTORE Settore Lavori Pubblici NR. SETTORIALE 267 DEL 05/11/2014 OGGETTO: AUTORIZZAZIONE AD EFFETTUARE LAVORO PART-TIME DI TIPO VERTICALE AL DIPENDENTE

Dettagli

LII. [j] Immediatamente eseguibile TERAMO. Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale

LII. [j] Immediatamente eseguibile TERAMO. Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale in Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale TERAMO Allegati LII DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE [j] Immediatamente eseguibile DELIBERAZIONE N, AVENTE AD OGGETtO:

Dettagli

COMUNE DI RIPARBELLA

COMUNE DI RIPARBELLA COMUNE DI RIPARBELLA Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Seduta del 18 Giugno 2013 Verbale n. 1 COPIA OGGETTO: Articolo 1, comma 557, Legge 30 Dicembre 2004 n. 311 ed articolo

Dettagli

Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale TERAMO

Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale TERAMO Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale TERAMO DELIBERAZIONE DEL DIRE1TORE GENERALE Allegati Immediatamente eseguibile DELIBERAZIONE N,jl3f,.. AVENTE AD OGGETTO: Provvedimenti

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico G. Martino di Messina

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico G. Martino di Messina AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA Policlinico G. Martino di Messina Deliberazione del Direttore Sanitario nelle funzioni di Direttore Generale n 37 del 14/09/20169 A seguito di Proposta n. 1042 in data

Dettagli

COMUNE DI SARTEANO PROVINCIA DI SIENA. Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI SARTEANO PROVINCIA DI SIENA. Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale ORIGINALE Deliberazione N 83 del 01/07/2015 COMUNE DI SARTEANO PROVINCIA DI SIENA Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: CONCESSIONE PATROCINIO HORROR VACUI PROJECT PER L'INIZIATIVA "IL

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E

D E T E R M I N A Z I O N E AREA AMMINISTRATIVA ED ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO RISORSE UMANE N : 480/2014 del 06/12/2014 D E T E R M I N A Z I O N E OGGETTO: DR. QUIRINO VOLPE - PRESA D ATTO DIMISSIONI INCARICO ART. 110 C.1 D.LGS.

Dettagli

Università degli Studi di Bari

Università degli Studi di Bari Università degli Studi di Bari In data 11.1.2005, presso il Rettorato dell'università degli Studi di Bari, la DELEGAZIONE TRATTANTE DI PARTE PUBBLICA e LA DELEGAZIONE TRATTANTE DI PARTE SINDACALE CONSIDERATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEI LAVORATORI DIPENDENTI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n.

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEI LAVORATORI DIPENDENTI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEI LAVORATORI DIPENDENTI (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n.179 del 6/12/2016) 1 Art. 1 - Premessa Il presente regolamento contiene le norme che disciplinano

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 556 DEL 28/07/2014

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 556 DEL 28/07/2014 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 556 DEL 28/07/2014 OGGETTO: Ammissione candidati e nomina commissione

Dettagli

Regolamento per la concessione di permessi retribuiti per motivi di studio

Regolamento per la concessione di permessi retribuiti per motivi di studio Regolamento per la concessione di permessi retribuiti per motivi di studio Approvato con Delibera di Consiglio n. 9 del 30.03.2017 A cura dell Ufficio Personale 1 Art. 1 Obiettivi ed ambito di applicazione

Dettagli

ACCORDO SINDACALE. le parti concordano

ACCORDO SINDACALE. le parti concordano ACCORDO SINDACALE CRITERI DI CONCESSIONE E MODALITA DI UTILIZZO DEI PERMESSI PER MOTIVI DI STUDIO in applicazione dell art. 11 del C.C.N.L. del Comparto Università - II biennio economico 2000/2001 - d.d.

Dettagli

Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale

Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale TERAMO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Allegati linmediatamente eseguibile DELIBERAZIONE N,.4L AVENTE AD OGGETTO: MANUTENZIONE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 534 SETTORE Settore Programmazione Economico Finanziario e Fiscalità NR. SETTORIALE 57 DEL 11/05/2015

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. Nr. GENERALE 534 SETTORE Settore Programmazione Economico Finanziario e Fiscalità NR. SETTORIALE 57 DEL 11/05/2015 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 534 SETTORE Settore Programmazione Economico Finanziario e Fiscalità NR. SETTORIALE 57 DEL 11/05/2015 OGGETTO: COLLOCAMENTO IN ASPETTATIVA NON RETRIBUITA

Dettagli

Via Brembio, Via dei Robilant, Roma. Ai docenti A tutto il personale

Via Brembio, Via dei Robilant, Roma. Ai docenti A tutto il personale Via Brembio,97-00188 - Via dei Robilant,2-00194 Roma Circ. n.79 Prot. n. 6238/C06b Roma, 21 ottobre 2014 Ai docenti A tutto il personale Oggetto: permessi retribuiti per motivi di studio - anno 2015 Per

Dettagli

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 102 DEL 28/03/2013

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 102 DEL 28/03/2013 REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 102 DEL 28/03/2013 OGGETTO: Richieste di aggiornamento obbligatorio tecnico scientifico. Il Direttore Sanitario

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DIRITTO ALLO STUDIO

REGOLAMENTO AZIENDALE DIRITTO ALLO STUDIO REGOLAMENTO AZIENDALE DIRITTO ALLO STUDIO In applicazione della normativa vigente in materia di diritto allo studio (art. 22 del C.C.N.L. Integrativo del personale del Comparto Sanità siglato il 20.09.2001,

Dettagli

Deliberazione N. 193 del 25/05/2017

Deliberazione N. 193 del 25/05/2017 Deliberazione N. 193 del 25/05/2017 PROPONENTE: UOC GESTIONE RISORSE UMANE OGGETTO: AVVISO DI MOBILITA' INTERREGIONALE, PER TITOLI E PROVA COLLOQUIO, PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N. 2 POSTI

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COPIA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA DELIBERAZIONE N. 25 in data: 29.03.2011 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONCESSIONE ASPETTATIVA NON RETRIBUITA A DIPENDENTE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Copia per: Sindaco Segretario Generale Albo Pretorio Ragioneria Dirigente Staff Dirigente Organizzazione e Sviluppo Risorse Umane Altri: CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile

Dettagli

IL COORDINATORE UNICO DI S.C. RISORSE UMANE

IL COORDINATORE UNICO DI S.C. RISORSE UMANE ATTI del DIRETTORE GENERALE dell anno 2017 Deliberazione n. 0000101 del 26/01/2017 - Atti U.O. Risorse Umane Oggetto: CONCESSIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO (150 ORE) AL PERSONALE DIPENDENTE

Dettagli

C O M U N E D I C E R V A (Provincia di Catanzaro) COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 30

C O M U N E D I C E R V A (Provincia di Catanzaro) COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 30 C O M U N E D I C E R V A (Provincia di Catanzaro) COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 30 OGGETTO: Approvazione Regolamento per il Servizio di distribuzione e gestione dell acqua potabile. L

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI Monaldi-Cotugno-CTO Sede: Via Leonardo Bianchi NAPOLI

AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI Monaldi-Cotugno-CTO Sede: Via Leonardo Bianchi NAPOLI AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI Monaldi-Cotugno-CTO Sede: Via Leonardo Bianchi 80131 NAPOLI Servizio proponente: UOC Servizio Gestione Risorse Umane DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n 33 del 13/01/2017

Dettagli

Ripartizione Personale Pos Assunzioni e Cessazioni

Ripartizione Personale Pos Assunzioni e Cessazioni Data Adozione: 17/03/2014 Altri Settori: C O M UN E D I BARI Determinazione 2014/03034 2014/090/00139 Ripartizione Personale Pos Assunzioni e Cessazioni Estensore: Responsabile Proponente: Sottoscrizione

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI Monaldi-Cotugno-CTO Sede: Via Leonardo Bianchi NAPOLI

AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI Monaldi-Cotugno-CTO Sede: Via Leonardo Bianchi NAPOLI AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI Monaldi-Cotugno-CTO Sede: Via Leonardo Bianchi 80131 NAPOLI Servizio proponente: UOC Servizio Gestione Risorse Umane DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n 432 del 18/04/2017

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E

D E T E R M I N A Z I O N E AREA AMMINISTRATIVA ED ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E BILANCIO D E T E R M I N A Z I O N E DETERMINAZIONE CON IMPEGNO DI SPESA - OGGETTO: EX DIPENDENTE MATRICOLA N.04280. LIQUIDAZIONE

Dettagli

DETERMINA DEL DIRIGENTE DELLA AREA VASTA N. 4 N. 407/AV4 DEL 18/07/2014

DETERMINA DEL DIRIGENTE DELLA AREA VASTA N. 4 N. 407/AV4 DEL 18/07/2014 1 DETERMINA DEL DIRIGENTE DELLA AREA VASTA N. 4 N. 407/AV4 DEL 18/07/2014 Oggetto: AVVISO PUBBLICO, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO A TEMPO DETERMINATO DI DIRIGENTE MEDICO

Dettagli

REGOLAMENTO SUL DIRITTO ALLO STUDIO

REGOLAMENTO SUL DIRITTO ALLO STUDIO REGOLAMENTO SUL DIRITTO ALLO STUDIO (approvato con la Deliberazione del D.G. n. 1373 del 19/06/2017) Regolamento sul diritto allo studio ASL TARANTO Pagina 1 INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Destinatari

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E

D E T E R M I N A Z I O N E STRUTTURE DI STAFF POLIZIA MUNICIPALE D E T E R M I N A Z I O N E DETERMINAZIONE CON IMPEGNO DI SPESA - OGGETTO: CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA LOCALE RACCOLTA GENERALE

Dettagli

DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE. 300 / 2016 del 11/11/2016

DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE. 300 / 2016 del 11/11/2016 DELIBERA DEL DIRETTORE GENERALE 300 / 2016 del 11/11/2016 Oggetto: DIMISSIONI VOLONTARIE, ASPETTATIVA SENZA RETRIBUZIONE, COMANDO: DIPENDENTE C. NISO PROROGA INCARICO DI SUPPLENZA: DIPENDENTE V. TORCHIA

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E

D E T E R M I N A Z I O N E SERVIZIO RISORSE UMANE D E T E R M I N A Z I O N E DETERMINAZIONE CON IMPEGNO DI SPESA - OGGETTO: DIPENDENTE MATRICOLA N. 17445 - TRASFORMAZIONE RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE RACCOLTA

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 378 DEL 21/ 07/2011

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 378 DEL 21/ 07/2011 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 378 DEL 21/ 07/2011 OGGETTO: Approvazione atti della pubblica

Dettagli

COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO

COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO COMUNE DI PALOMONTE PROVINCIA DI SALERNO COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 28 del 06/12/2013 Oggetto: MODIFICA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONTRIBUZIONE AL PAGAMENTO DELLE TARIFFE

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 43 O G G E T T O PRESA D ATTO RINUNCIA INDENNITA DI FUNZIONE VICE SINDACO. L anno 2015 addì QUINDICI del

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO PER IL PERSONALE DEL COMPARTO SANITA

REGOLAMENTO AZIENDALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO PER IL PERSONALE DEL COMPARTO SANITA REGOLAMENTO AZIENDALE DEL DIRITTO ALLO STUDIO PER IL PERSONALE DEL COMPARTO SANITA NORMATIVE DI RIFERIMENTO: - Legge 20.05.1970, n. 300, art. 10 lavoratori studenti - Legge 29.03.1983, n. 93, art. 23 estensione

Dettagli

REGIONE LAZIO AZIENDA OSPEDALIERA COMPLESSO OSPEDALIERO SAN GIOVANNI ADDOLORATA L.R. Lazio , n. 18 D.G.R. Lazio , n.

REGIONE LAZIO AZIENDA OSPEDALIERA COMPLESSO OSPEDALIERO SAN GIOVANNI ADDOLORATA L.R. Lazio , n. 18 D.G.R. Lazio , n. REGIONE LAZIO AZIENDA OSPEDALIERA COMPLESSO OSPEDALIERO SAN GIOVANNI ADDOLORATA L.R. Lazio 16.06.94, n. 18 D.G.R. Lazio 30.06.94, n. 5163 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE numero data Oggetto: Attuazione

Dettagli

COMUNE di ALBISSOLA MARINA Provincia di Savona

COMUNE di ALBISSOLA MARINA Provincia di Savona Num. 108 del Registro COMUNE di ALBISSOLA MARINA Provincia di Savona DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONCESSIONE, IN VIA STRAORDINARIA PROTRAZIONE D ORARIO PER LE SERATE DELL 11 E 22 MAGGIO

Dettagli

Deliberazione N. 58 del 11/04/2017

Deliberazione N. 58 del 11/04/2017 Deliberazione N. 58 del 11/04/2017 PROPONENTE: UOC GESTIONE RISORSE UMANE OGGETTO: AVVISO DI MOBILITA' REGIONALE E INTERREGIONALE, PER TITOLI E PROVA COLLOQUIO, PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie DECRETO DEL DIRIGENTE Assunto il 31 MAR 2016 Prot. n. 0159 CODICE N DIPARTIMENTO n 8 SETTORE n 1 SERVIZIO n " Registro

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DEL FRIGNANO

UNIONE DEI COMUNI DEL FRIGNANO UNIONE DEI COMUNI DEL FRIGNANO Sede : PAVULLO NEL FRIGNANO Provincia di Modena Class. Uff. n. 15/2017 SERVIZIO PERSONALE DETERMINAZIONE N. 115 del 31/03/2017 C O P I A OGGETTO : ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

OGGETTO: CONCESSIONE PERIODO DI ASPETTATIVA PER MOTIVI PERSONALI E FAMILIARI AL DIRIGENTE DR. ITALO LA ROCCA

OGGETTO: CONCESSIONE PERIODO DI ASPETTATIVA PER MOTIVI PERSONALI E FAMILIARI AL DIRIGENTE DR. ITALO LA ROCCA OGGETTO: CONCESSIONE PERIODO DI ASPETTATIVA PER MOTIVI PERSONALI E FAMILIARI AL DIRIGENTE DR. ITALO LA ROCCA LA GIUNTA MUNICIPALE ESAMINATA l allegata proposta di deliberazione del SETTORE SVILUPPO ECONOMICO,

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 02 O G G E T T O CONCESSIONE ASPETTATIVA NON RETRIBUITA AL DIPENDENTE M.L. PER IL PERIODO 01.02.2017-31.07.2017.

Dettagli

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 375 DEL 24/10/2013

REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 375 DEL 24/10/2013 REGIONE DEL VENETO ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 375 DEL 24/10/2013 OGGETTO: Concessione aspettativa senza retribuzione con conservazione del posto, della

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 11 Oggetto: AGGIORNAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI TORTONA. Allegati: 1 L'anno 2016 addì 28

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n Verona - tel. 045/ Fax 045/

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n Verona - tel. 045/ Fax 045/ AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n. 42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 Deliberazione del Direttore Generale n. 753 del 15/12/2016 Il Direttore Generale dell Azienda U.L.S.S.

Dettagli

COMUNE DI BUSSETO. Provincia di Parma VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BUSSETO. Provincia di Parma VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. ATTO 53 ANNO 2016 SEDUTA DEL 15/04/2016 ORE 12:00 OGGETTO: DIPENDENTE CHEZZI MONICA - CONCESSIONE ORARIO DI LAVORO PART-TIME PERIODO 21.04.2016-31.12.2016

Dettagli

Comune di Pontecagnano Faiano PROVINCIA DI SALERNO SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE RISORSE UMANE

Comune di Pontecagnano Faiano PROVINCIA DI SALERNO SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE RISORSE UMANE Comune di Pontecagnano Faiano PROVINCIA DI SALERNO DETERMINAZIONE N. 675 Data di registrazione 01/06/2017 SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE RISORSE UMANE OGGETTO: CONFERMA IN SERVIZIO DI N.2 UNITA' DI PERSONALE

Dettagli

COMUNE DI PORTO MANTOVANO PROVINCIA DI MANTOVA

COMUNE DI PORTO MANTOVANO PROVINCIA DI MANTOVA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione n. 45 del 20/04/2017 OGGETTO: CONCESSIONE DI UN PERIODO DI ASPETTATIVA PER MOTIVI FAMILIARI AI SENSI DELL'ART. 11 DEL CCNL DEL 14/09/2000 A

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI TERAMO. Nr. DEL.P del 13/01/2017

DELIBERAZIONE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI TERAMO. Nr. DEL.P del 13/01/2017 DELIBERAZIONE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI TERAMO Nr. DEL.P-2017-0000012 del 13/01/2017 OGGETTO: Concessione Patrocinio e autorizzazione all'utilizzo del logo L'anno duemiladiciassette, il giorno

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 56 DATA 02.08.2011 OGGETTO: AFFITTO DI TERRENI COMUNALI PER USO AGRICOLO.

Dettagli

COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI

COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI COMUNE DI SAN GENESIO ED UNITI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NUM. 14 DEL 06-02-2014 COPIA CONFORME ALL'ORIGINALE PER USO AMMINISTRATIVO E D'UFFICIO 06-02-2014 CODICE ENTE 11272 Oggetto: BUONI PASTI

Dettagli

DI R I T T O A L L O S T U DI O

DI R I T T O A L L O S T U DI O AVVISO AL PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO DEL COMPARTO SANITA DI R I T T O A L L O S T U DI O ANNO SOLARE 2015 In conformità a quanto previsto dall art. 22 del C.C.N.L. Comparto Sanità integrativo del

Dettagli

COMUNE DI FOLIGNO Provincia di Perugia

COMUNE DI FOLIGNO Provincia di Perugia COMUNE DI FOLIGNO Provincia di Perugia Determinazione Dirigenziale n. 617 del 19/05/2016 Proposta di Determinazione Dirigenziale n. 53 del 19/05/2016 5.7 SERVIZIO - GESTIONE ECONOMICA RISORSE UMANE OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI TORRECUSO Provincia di Benevento

COMUNE DI TORRECUSO Provincia di Benevento COPIA COMUNE DI TORRECUSO Provincia di Benevento VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Delibera n. 8 Adunanza del 15/01/2014 OGGETTO: AUTORIZZAZIONE AL RESPONSABILE DELL AREA TECNICA PER INCARICO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI PERMESSI RETRIBUITI PER MOTIVI DI STUDIO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI PERMESSI RETRIBUITI PER MOTIVI DI STUDIO COMUNE DI GUIGLIA ( P r o v i n c i a d i M o d e n a ) *********************************************************** REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI PERMESSI RETRIBUITI PER MOTIVI DI STUDIO Approvato

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI TERAMO. Nr. DEL.P del 16/06/2015

DELIBERAZIONE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI TERAMO. Nr. DEL.P del 16/06/2015 DELIBERAZIONE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI TERAMO Nr. DEL.P-2015-0000248 del 16/06/2015 OGGETTO: SETTORE B4 - Affari Generali. Art. 22 del vigente Regolamento sull accesso ai documenti amministrativi,

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 316 DEL 31/08/2016 OGGETTO: Ammissione candidati e nomina

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E

D E T E R M I N A Z I O N E STRUTTURE DI STAFF AVVOCATURA D E T E R M I N A Z I O N E DETERMINAZIONE CON IMPEGNO DI SPESA - OGGETTO: PAGAMENTO N. 10 CONTRIBUTI UNIFICATI PER N. 10 RICORSI IN APPELLO AVANTI LA COMMISSIONE TRIBUTARIA

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI Monaldi-Cotugno-CTO Sede: Via Leonardo Bianchi NAPOLI

AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI Monaldi-Cotugno-CTO Sede: Via Leonardo Bianchi NAPOLI AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI Monaldi-Cotugno-CTO Sede: Via Leonardo Bianchi 80131 NAPOLI Servizio proponente: UOC Servizio Gestione Risorse Umane DETERMINA DIRIGENZIALE n 18 del 01/06/2017 OGGETTO:Concessione

Dettagli

CITTÀ DI MODUGNO PROVINCIA DI BARI

CITTÀ DI MODUGNO PROVINCIA DI BARI CITTÀ DI MODUGNO PROVINCIA DI BARI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE REG. GEN. N. 177 / 2012 RIFERIMENTI 17/04/2012 PROPONENTE SET01/DD/2012/98 OGGETTO Selezione pubblica, per titoli ed esami, per la copertura

Dettagli

REGIONE MOLISE. DIREZIONE GENERALE PER LA SALUTE (L. R. 23 marzo 2010, n 10) DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 377 DEL

REGIONE MOLISE. DIREZIONE GENERALE PER LA SALUTE (L. R. 23 marzo 2010, n 10) DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 377 DEL REGIONE MOLISE DIREZIONE GENERALE PER LA SALUTE (L. R. 23 marzo 2010, n 10) DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 377 DEL 08-09-2017 OGGETTO: D.LGS 17 AGOSTO 1999 N. 368, E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E

D E T E R M I N A Z I O N E STRUTTURE DI STAFF AVVOCATURA D E T E R M I N A Z I O N E DETERMINAZIONE CON IMPEGNO DI SPESA - OGGETTO: PRATICA N. 19285. PAGAMENTO CONTRIBUTO UNIFICATO INTEGRATIVO SU RICORSO PER CASSAZIONE AVANTI LA

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E

D E T E R M I N A Z I O N E SERVIZIO RISORSE UMANE D E T E R M I N A Z I O N E DETERMINAZIONE CON IMPEGNO DI SPESA - OGGETTO: DIPENDENTE MATRICOLA 05749 - FRUIZIONE PERMESSI LEGGE N. 104 1992 RACCOLTA GENERALE PRESSO LA SEGRETERIA

Dettagli

COMUNE di CURINGA Provincia di Catanzaro VERBALE di DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE

COMUNE di CURINGA Provincia di Catanzaro VERBALE di DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE COMUNE di CURINGA Provincia di Catanzaro VERBALE di DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE N. 03 del 07/01/2016 OGGETTO: Approvazione proroga convenzione dell 11/11/2014 ex art.14 del CCNL del 22/01/2004

Dettagli

TERAMO. addì 1Sy..Jz)J presso la sede dell Ente, il Direttore Generale dell istituto,

TERAMO. addì 1Sy..Jz)J presso la sede dell Ente, il Direttore Generale dell istituto, . I Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale TERAMO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Allegati n. i X Immediatamente eseguibile DELIB ERAZIONEN. TE AP O GG 11,0 IS

Dettagli

Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale TERAMO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE. Immediatamente eseguibile

Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale TERAMO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE. Immediatamente eseguibile Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Abruzzo e del Mouse G. Caporale TERAMO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Allegati E Immediatamente eseguibile DELIBERAZIONE N, AVENTE AD OGGETTO: MESSA IN

Dettagli

SCADENZA 30 SETTEMBRE 2006

SCADENZA 30 SETTEMBRE 2006 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA UFFICIO STAGE E ORIENTAMENTO AL LAVORO Decreto n. 1791/06 del 29/08/2006 Prot. n. 30887 Tit. V/8 SCADENZA 30 SETTEMBRE 2006 OGGETTO: Bando per la partecipazione al Progetto

Dettagli

COMUNE DI CASTELLANA SICULA

COMUNE DI CASTELLANA SICULA COMUNE DI CASTELLANA SICULA PROVINCIA DI PALERMO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 8 Data 01/02/2016 Oggetto: Presa atto dimissioni della dipendente a tempo determinato Silvestri Dorotea per assumere

Dettagli

C O M U N E D I S A S S A N O P r o v i n c i a d i S a l e r n o

C O M U N E D I S A S S A N O P r o v i n c i a d i S a l e r n o COPIA Copia conforme all'originale, in carta libera per uso amministrativo C O M U N E D I S A S S A N O P r o v i n c i a d i S a l e r n o Ufficio RESPONSABILE UTC Proposta n. 236 del 02/05/2017 istruita

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ooooo

PROVINCIA DI BRINDISI ooooo PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DETERMINAZIONI DIRIGENZIALI N. 2136 del 29-12-2010 SERVIZIO: GESTIONE RISORSE UMANE UFFICIO: AMMINISTRAZIONE PERSONALE OGGETTO: Concorso pubblico

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 240 DEL 20/03/2014

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 240 DEL 20/03/2014 AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI Via Coppino, 26-07100 SASSARI C.F. - P. IVA 02268260904 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 240 DEL 20/03/2014 OGGETTO: Congedo aspettativa ai sensi dell

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA PISANA (Istituita con L.R.T , n.40)

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA PISANA (Istituita con L.R.T , n.40) AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA PISANA (Istituita con L.R.T. 24.02.2005, n.40) Deliberazione del Direttore Generale Struttura organizzativa proponente: U.O. Politiche e Gestione delle Risorse Umane Responsabile

Dettagli

COMUNE DI PRIGNANO SULLA SECCHIA

COMUNE DI PRIGNANO SULLA SECCHIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI PRIGNANO SULLA SECCHIA PROVINCIA DI MODENA C O P I A Trasmessa ai Capigruppo Consiliari il Affissa all'albo Pretorio il 30/06/2017 CONCESSIONE ASPETTATIVA

Dettagli

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale C O P I A Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: CONCESSIONE PATROCINIO ALL'EVENTO "TERRA MADRE DAY" CON UTILIZZO GRATUITO DI LOCALI COMUNALI PRESSO PALAZZO GUARIENTI. Oggi sei del mese

Dettagli

COMUNE DI SARTEANO Provincia di Siena

COMUNE DI SARTEANO Provincia di Siena COMUNE DI SARTEANO Provincia di Siena VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: CONCESSIONE PATROCINIO ALL ASSOCIAZIONE INSIEME PER CASO ONLUS CON SEDE IN CHIANCIANO TERME PER INIZIATIVA

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI Monaldi-Cotugno-CTO Sede: Via Leonardo Bianchi NAPOLI

AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI Monaldi-Cotugno-CTO Sede: Via Leonardo Bianchi NAPOLI AZIENDA OSPEDALIERA DEI COLLI Monaldi-Cotugno-CTO Sede: Via Leonardo Bianchi 80131 NAPOLI Servizio proponente: Direzione Generale DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n 78 del 23/01/2017 OGGETTO:Approvazione

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E

D E T E R M I N A Z I O N E SERVIZIO AMBIENTE, IGIENE E SANITA D E T E R M I N A Z I O N E DETERMINAZIONE CON IMPEGNO DI SPESA - OGGETTO: PAGAMENTO DIRITTO ANNUALE 2016 - CC.II.AA. - FARMACIA COMUNALE 2. RACCOLTA GENERALE PRESSO

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE DATA 17.7.2012 N. 66 OGGETTO: Integrazione orario di lavoro della dipendente Dr.ssa D Amico Benedetta Assistente Sociale da tempo parziale 24 h. settimanali

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Facoltà di Scienze Politiche Dipartimento di Ricerche Europee DIRE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Facoltà di Scienze Politiche Dipartimento di Ricerche Europee DIRE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Facoltà di Scienze Politiche Dipartimento di Ricerche Europee DIRE BANDO n. 1/2011 per l affidamento di Attività di Supporto alla Didattica ai sensi dell art. 33 dello

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE Sede Legale: Strada delle Scotte, Siena C.F. e P.I

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE Sede Legale: Strada delle Scotte, Siena C.F. e P.I IL DIRETTORE GENERALE Dott. Pierluigi Tosi coadiuvato dal: Direttore Amministrativo Dott. Giacomo Centini Direttore Sanitario Dott.ssa Silvia Briani Letta e valutata la proposta allegata al presente provvedimento

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina C O P IA D E L IB E R A Z IO N E D E L L A G IU N T A C O M U N A L E

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina C O P IA D E L IB E R A Z IO N E D E L L A G IU N T A C O M U N A L E COMUNE di FORMIA Provincia di Latina C O P IA D E L IB E R A Z IO N E D E L L A G IU N T A C O M U N A L E N. 381 del 22.12.2016 OGGETTO: DISTACCO IN POSIZIONE DI COMANDO PRESSO IL COMUNE DI FORMIA DEL

Dettagli

COMUNE DI TORRECUSO. Provincia di Benevento VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI TORRECUSO. Provincia di Benevento VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI TORRECUSO Provincia di Benevento COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Delibera n. 57 Adunanza del 03.06.2015 OGGETTO: FONDO NAZIONALE PER IL SOSTEGNO ALL ACCESSO ALLE ABITAZIONI

Dettagli