Come si forma l immagine digitale?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come si forma l immagine digitale?"

Transcript

1 SEZIONE BASE - CAPITOLO 2 Come si forma l immagine digitale? La luce Dalla luce ad un mondo di pixel e di bit Definizione di Pixel, di bit, di Byte Immagine Raster : una mappa di pixel Come calcolare la risoluzione La formazione del colore con la sintesi additiva (RGB) L immagine vettoriale Bit/colore

2 LA LUCE La luce è l elemento primario sia della fotografia analogica che della fotografia digitale, la materia prima del nostro lavoro. Quello che cambia, da un sistema all altro, sta ovviamente nel come vengono catturate le radiazioni luminose riflesse dai soggetti che desideriamo riprendere: tramite alogenuri d argento nel primo caso, mediante un sensore nel secondo caso. Altra differenza, parlando di rapporto con la luce tra sistemi di ripresa su pellicola e ripresa digitale, sta nella sensibilità allo spettro: le pellicole fotografiche sono - nelle versioni più consuete, ovvero quelle pancromatiche - sensibili ad uno spettro di radiazioni paragonabile all incirca a quello che viene percepito del nostro occhio umano (dal violetto al rosso, ovvero da 400 a 700µ), anche se leggermente allargata allo spettro dell ultravioletto che, infatti, viene filtrato debitamente sia all interno degli strati della pellicola che, spesso, anche in fase di ripresa tramite opportuni filtri anti-uv. I sensori sono, invece, molto sensibili alle radiazioni infrarosse e tale caratteristica impone l uso di un filtro che tagli tutte le radiazioni oltre i 700µ per non influire sulla riproduzione tonale dei soggetti da riprendere. DALLA LUCE AD UN MONDO DI PIXEL E DI BIT La luce raggiunge il sensore, cuore di un sistema di ripresa digitale, tramite un sistema ottico (obiettivo). Va detto, a titolo di inciso, che è diffusa nel settore l idea che da un obiettivo destinato alla ripresa digitale non sia richiesta la medesima qualità richiesta da un ottica destinata alla ripresa su pellicola, ma questo è assolutamente falso; vero, invece, che alcuni costruttori hanno sviluppato o stanno sviluppando ottiche specifiche per la ripresa digitale, le quali sono ottimizzate per rispondere meglio alle esigenze della riproduzione digitale ma, in ogni caso, la ripresa digitale richiede quanto meno la stessa qualità richiesta da una pellicola, per fornire il miglior risultato dal punto di vista qualitativo. Tornando al nostro tragitto luminoso, le radiazioni che raggiungono il sensore vengono convertite da esso in flussi elettrici direttamente proporzionali alla quantità di luce ricevuta. Si tratta di uno degli elementi più importanti dal punto di vista qualitativo: il sensore deve essere in grado di produrre una corrente elettrica priva di disturbo sia nelle zone più intense (laddove ha ricevuto più luce, ovvero nelle zone più chiare del soggetto) che in quelle più deboli (zone scure) e uno degli elementi per definire la qualità dei sensori sta proprio nell analisi del loro comportamento in questi due estremi. Alcune costruzioni prevedono soluzioni per eliminare o ridurre i difetti nella riproduzione dei punti più intensi della luce che altrimenti vengono riprodotti sotto forma di aloni e non di punti nitidi (difetto denominato blooming ) e per ridurre il rumore delle zone d ombra, che solitamente si ottiene raffreddando in modo forzato, oppure usando soluzioni costruttive di altro genere, il sensore. DEFINIZIONE DI PIXEL, BIT, BYTE Sono alcuni dei termini più usati nel mondo dell immagine digitale, e non hanno in realtà così tanti segreti come in molti ancora credono. Il PIXEL - nome derivato dal termine: Picture Element - è l elemento primario che descrive un immagine digitale di tipo raster (esiste un altro tipo di immagine non creata da pixel, che si chiama vettoriale, come vedremo più avanti); rappresenta, quindi, la base delle fotografie digitali, siano queste acquisite con uno scanner o frutto di una ripresa digitale diretta. Il pixel potrebbe, in termini metaforici, essere definito la grana dell immagine digitale. Le informazioni contenute all interno di ogni singolo pixel sono influenzate, come vedremo qui di seguito, dal campionamento A/D che il nostro sistema digitale ci fornisce; queste informazioni 1

3 (possiamo chiamarli dati, se volete) possono essere 8, 10, 12 per ogni pixel e si esprimono con un valore che viene chiamato BIT. In pratica il computer legge l informazione di un pixel, analizzando i singoli bit che lo descrivono. Il BYTE non è altro che un aggregamento di 8 bit, il che significa che se un pixel è formato (come spesso avviene) da 8 bit, si può anche dichiarare che quel determinato pixel è formato da 1 byte di informazione. Il byte, in quanto tale, serve forse a poco nella spiegazione del come i pixel vengono interpretati dal computer (dire 8 bit o 1 byte è la stessa cosa, e sembrerebbe quindi un equivalenza inutile). Nella realtà, il linguaggio dei computer parla di Kilobyte, di Megabyte, di Gigabyte, tutti valori che derivano direttamente dal byte, e quindi è bene abituarsi anche al byte per poter comprendere più facilmente i calcoli che vedremo più avanti per calcolare la risoluzione. È bene segnalare che 1024 byte formano un Kilobyte (Kb) 1024 Kb formano un Megabyte (Mb o mega ) 1024 Mb formano un Gigabyte (Gb, o giga ) e che, se proprio volete saperlo 1024 Gb formano un Terabyte (Tb, o tera ). IMMAGINE RASTER: UNA MAPPA DI PIXEL La caratteristica che influenza maggiormente la qualità dell immagine, ed anche l immaginario collettivo, è legato alla risoluzione spaziale del sensore, ovvero al numero di celle fotosensibili che sono disponibili sull area del sensore. Un numero elevato di celle è in grado di suddividere l immagine in più punti, consentendo quindi di catturare un numero superiore di dettagli. E corretto interpretare un immagine digitale come ad una mappa composta da tanti quadratini (i pixel) che suddividono l immagine in piccoli tasselli. Appare ovvio che se la nostra immagine viene rappresentata da una mappa di 2 milioni di tasselli ci fornirà una quantità di elementi di informazione inferiore rispetto ad una mappa di 6 milioni di pixel. Nella realtà, però, la quantità di pixel è determinante non in termini assoluti, ma in funzione della distanza di osservazione, del fattore di ingrandimento al quale vorremo sottoporre l immagine e della qualità che viene richiesta dal mezzo che useremo per la visualizzazione dell immagine (una stampa, un monitor, un fotocolor). Per essere ancora più corretti, esiste un rapporto diretto e fisico tra la quantità di pixel necessari per visualizzare correttamente un immagine digitale in una determinata area e la capacità percettiva dell occhio umano di distinguere o meno i singoli elementi che compongono l immagine. Un esempio pratico ci viene dalle pubblicità stampate sui cartelloni delle strade: finché li osserviamo a media o grande distanza, non siamo in grado di percepire che l immagine è prodotta da tanti punti di un retino, ma quando li osserviamo da vicino scopriamo la tramatura evidentissima di tale riproduzione. L occhio umano, infatti, non è in grado di distinguere singoli elementi di un immagine se essi sono più piccoli di una determinata dimensione, e quindi li fonde insieme ottenendo la percezione di un tono continuo. La dimensione dei singoli pixel non dovrebbe mai superare tale soglia, quindi è necessario interrogarsi sulle applicazioni previste per le immagini digitali che andremo a produrre, sia per evitare la carenza (che porterebbe a vedere ad occhio nudo la tramatura della mappa dei pixel), sia l eccesso (che ci impone di trasportare una quantità eccessiva ed inutile di informazioni, quindi di bit, byte, Kb, Mb ). La risoluzione, che in seguito vedremo come calcolare, è il risultato della definizione della QUANTITÀ di informazioni necessarie per una determinata applicazione, e per quanto riguarda il digitale, non è direttamente collegata alla QUALITÀ del- 2

4 l immagine in termini assoluti. COME CALCOLARE LA RISOLUZIONE Abbiamo visto che un immagine raster è composta da pixel, e che la quantità necessaria di pixel è influenzata dal rapporto tra dimensione finale dell immagine, distanza di visione e tipologia di mezzo usato per la visualizzazione. Partiamo da quest ultimo elemento, perché ci consente di fare subito un distinguo che ci faciliterà la comprensione successiva. Nominalmente, è stato determinato che per ottenere una stampa di buona qualità, da osservare ad una distanza normale di lettura (40/50 cm), sono necessari, circa, 300 punti per pollice. Il condizionamento dei valori espressi in pollici, invece che in centimetri, dovremo tenercelo per tutta la vita, perché i primi che hanno pensato di fare studi su questo tema usavano comunemente i valori espressi in pollici, e non in centimetri. Poco male, se ci teniamo in mente che 1 (pollice) è rappresentato da 2,54 cm. Questo significa, per essere molto pratici, com è necessario quando ci si esprime con calcoli matematici a persone che di professione si occupano di immagine e di creatività, che: una riga della lunghezza di 1 (2,54 cm) viene formata da 300 punti. E che in un quadratino di 1x1 pollice (1 pollice quadrato) potremo contare: 300x300 punti = punti. Per fare un confronto con dimensioni più reali, più vicine alla realtà fotografica, tutti noi sappiamo che la più conosciuta tra le pellicole di grande formato è il 4x5 pollici, ovvero una dimensione in centimetri pari a 10,2x12,7 cm. Se dovessimo acquisire con uno scanner questa pellicola per poi riprodurla sulla stampa in formato 1:1 (senza alcun ingrandimento, come se la riproducessimo a contatto ) alla risoluzione di 300 punti per pollice, dovremo fare questo calcolo: 4 pollici x 300 punti = 1200 punti 5 pollici x 300 punti = 1800 punti Questo significa che l area complessiva dei punti richiesti è di 1200x1800 = punti/immagine Questi punti sono ovviamente dei pixel, i punti/immagine che se descritti con un campionamento normale, contengono 8 bit (o 1 byte) ciascuno (vedere sezione dedicata alla profondità dei bit). Proseguendo il nostro calcolo (ma siamo quasi alla fine ), se i nostri pixel sono formati ciascuno da 1 byte di informazione ciascuno, allora: pixel = byte Abbiamo finalmente l equivalenza tra numero di pixel e dimensione del file che otteniamo, che, se seguiamo le equivalenze sopra citate, scopriamo che: byte: 1024 = 2110 Kb se desideriamo infine avere il valore in Mb, ovvero nei termini più consueti, dovremo ulteriormente dividere questo valore per 1024, ottenendo: 2110: 1024 = circa 2 Mb. Un immagine stampata quindi a 300 punti per pollice, di dimensione pari a 4x5 (10,2x12,7 cm) occupa, all incirca 2 Mb. SCORCIATOIA: Se non siete appassionati della precisione assoluta di calcolo, e volete avere una valutazione obbiettiva, ma pratica, della dimensione, in Mb, di un immagine digitale e ne 3

5 conoscete il numero di pixel (per esempio, sapete che una fotocamera digitale usa un sensore da 6 milioni di pixel), potete tranquillamente, con un briciolo di approssimazione, valutare che: 1 milione di pixel = 1 Mb. Come potete vedere dai calcoli sopra riportati, non è esattamente così, ma il risultato è simile e si risparmia un sacco di tempo. Attenzione: fino a questo momento, abbiamo parlato di immagini riprodotte con un unica mappatura di pixel, anche definita ad 1 canale. Questo significa che, nella realtà, noi abbiamo riprodotto un immagine solo considerando le componenti della densità (chiaro/scuro). Per dirla più banalmente, il calcolo che abbiamo sopra spiegato si riferisce ad un immagine in bianco e nero. La risoluzione, così come l abbiamo calcolata, si riferisce al parametro (300 punti) che è quello definito nominalmente per una stampa di qualità. Questo parametro cambia, però, se si usano le immagini per altre applicazioni. Qui di seguito riportiamo alcuni valori (sempre nominali) di risoluzione per applicazioni specifiche: Stampe d arte 400 Stampa su periodici/rotocalchi 225 Stampa su quotidiano 90 Monitor 72 Cosa significa tutto questo? Che se dobbiamo usare le immagini per applicazioni che richiedono una risoluzione inferiore, possiamo acquisire un numero inferiore di pixel, oppure - a parità di numero di pixel - si potrà ottenere una riproduzione più grande rispetto a quelle che potremmo ottenere ad una risoluzione più alta. Non ci stuferemo mai di ricordare che MAGGIORE RISOLUZIONE nel digitale non significa disporre di MIGLIORE QUALITA, ma di poter ottenere IMMAGINI PIU GRANDI, a parità di qualità finale. LA FORMAZIONE DEL COLORE CON LA SINTESI ADDITIVA (RGB) Una volta che abbiamo compreso il calcolo della risoluzione pixel di base x pixel di altezza x indice qualitativo (per esempio: 300 punti) sappiamo che questo calcolo ci fornisce un valore espresso in pixel e che ci definisce la risoluzione di un canale, ovvero dell immagine acquisita nelle sue componenti di densità, ma non di colore. Come fa un sistema di acquisizione digitale a riprodurre il colore? Unendo le componenti di densità relative alle tre componenti cromatiche primarie della sintesi additiva: il blu, il verde ed il rosso. Maggiori informazioni sulle tecniche di acquisizione di una fotocamera digitale, di un dorso o di uno scanner le potete trovare nella sezione dell input, direttamente collegata a questo discorso ovviamente, ma quello che ci preme è spiegare che, dal punto di vista della risoluzione, per riprodurre le immagini a colori dovremo sommare i tre canali - quello del blu, del verde e del rosso - come se avessimo tre fette di prosciutto in un panino. Se riprendiamo l esempio citato nel paragrafo precedente, avremo: pixel x canale = x 3 canali (RGB) = pixel La nostra immagine a colori (RGB) alla profondità di 8 bit (8 bit per pixel) occuperà quindi byte, e quindi all incirca 6 Mb (usando la logica della scorciatoia sopra citata. Quando si parlerà di immagini riprodotte in quadricromia (CMYK), scopriremo che dovremo confrontarci non con 3 canali, ma con quattro (come ben chiarisce il termine quadricromia ) e che quindi la dimensione del nostro file crescerà di un ulteriore canale, e quindi, sempre riferito all esempio di cui sopra, avremmo: x 4 canali =

6 TRANQUILLIZZATEVI: tutti questi calcoli, che sembrano complessi, in realtà sono molto semplici quando si capiscono nella loro logica. Per fornirvi ulteriori sicurezze vi diciamo che: 1. i calcoli si possono fare in automatico, aprendo un qualsiasi programma di elaborazione di immagini: si inserisce la dimensione che si desidera ottenere e la risoluzione di uscita (per esempio, i soliti 300 punti) ed ecco, per magia, che otterrete la dimensione, che potrà essere espressa in pixel, in Mb, oppure come preferirete. 2. per avere sotto mano una serie di dati che vi permettono di inquadrare il problema della risoluzione, eccovi una tabella che vi potete trascrivere o scaricare, per averla sempre sotto mano. TABELLA CALCOLO RISOLUZIONE PER IMMAGINI IN BIANCO E NERO. RAPPORTO TRA DIMENSIONE, RISOLUZIONE, DIMENSIONE IN MB (O KB) E NUMERO PIXEL DIMENSIONE RISOLUZIONE Kb/Mb Pixel 10x15 cm 300 2Mb 1181 x x15 cm 225 1,1 Mb 886 x x15 cm Kb 283 x x 18 cm 300 3,11 Mb 1535x x 18 cm 225 1,75 Mb 1152 x x kb 384 x x 29,7 (A4) 300 8,3 Mb 2480 x x 29,7 (A4) 225 4,6 Mb 1860 x x 29,7 (A4) Kb 595 x x 29,7 (A3) ,6 Mb 4961 x x 29,7 (A3) 225 9,3 Mb 3720 x x 29,7 (A3) Kb 1191 x 842 Per le immagini a colori, sarà sufficiente moltiplicare x 3 la dimensione in Mb/Kb. Per esempio: A4 (21x29,7 cm) 300 Kb/Mb = 8,3 x 3 (R, G B) = 24,9 Mb 5

7 L IMMAGINE VETTORIALE: QUANDO I PIXEL NON C ENTRANO Altro tipo di immagine, ma non composta - come nel caso delle immagini raster - da una mappa di pixel, è quella vettoriale. La differenza sostanziale sta nel fatto che essa viene descritta, come dice anche il suo termine, da vettori e non da pixel, e questa caratteristica consente di essere esente da quella che è una definizione di risoluzione : un vettore è un segno che viene calcolato descrivendo il suo punto di inizio e quello di fine; ma se modifichiamo tale distanza (banalmente, ingrandendo o rimpicciolendo l immagine) i valori che descrivono tale vettore vengono ricalcolati in funzione di questa variazione, ma la dimensione del file non viene condizionata dalla dimensione di visualizzazione della stessa. Viceversa, un immagine raster, per poterla riprodurre in dimensioni maggiori, richiede un maggior numero di pixel e, di conseguenza, la dimensione del file aumenta in modo considerevole. Le immagini vettoriali, dal punto di vista visivo sono di fatto dei disegni: non esiste infatti nessun sistema di ripresa digitale, né tantomeno scanner che siano in grado di creare immagini vettoriali; nel caso venga riprodotta una stampa con un disegno, pur creata in modo vettoriale, con uno scanner o con una fotocamera digitale, si otterrà una versione raster (fatta di pixel) della riproduzione su carta del disegno vettoriale. E consentito, invece, vettorializzare un immagine raster, usando opportuni programmi, ovvero creare un tracciato partendo da un immagine. Questa tecnica è molto utile quando si debbono riprodurre marchi e logotipi, partendo da un immagine acquisita con uno scanner. Alcune tecniche consentono di vettorializzare con buoni risultati anche delle immagini fotografiche ricche di dettaglio e a colori, ma ovviamente il risultato che si ottiene è quello di un disegno derivato da una fotografia. Le immagini vettoriali, tra le quali troviamo non solo i disegni, ma anche gli elementi di grafica delle pagine stampate (titoli, forme grafiche, testi, lettere), per essere riprodotte correttamente, richiedono un interprete per la stampa, denominato RIP, in grado di leggere gli elementi che sono descritti in modo vettoriale all interno della pagina. Nella quasi totalità dei casi, questo interprete utilizza un linguaggio che si chiama PostScript, sviluppato dalla Adobe. BIT / COLORE Una componente molto importante nella riproduzione dell immagine è però successiva al sensore: la corrente elettrica che il sensore ha ottenuto partendo dalle radiazioni luminose che l hanno colpito viene inviata ad un circuito denominato A/D converter che si occupa di trasformarla in dati binari, ovvero in bit. Questa conversione può essere più precisa o più grossolana in funzione della tipologia di campionamento del quale il convertitore è capace: 8 bit/colore, 10 bit/colore, eccetera. In pratica, ogni singola informazione (pixel) può essere descritta da un valore scelto per esempio tra: 2 valori - immagine campionata a 1 bit (nero e bianco) 256 valori - immagine campionata a 8 bit 4096 valori - immagine campionata a 12 bit Appare evidente che il flusso elettrico, trasformandosi in dato digitale, sarà quanto più preciso e fedele al soggetto originale, più ricco di sfumature se acquisito con un sistema in grado di campionare ogni singola informazione in oltre 4000 variabili rispetto ad un altro che può operare la scelta su 256 valori disponibili. 1

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali.

Le immagini digitali. Le immagini digitali. Caterina Balletti. Caterina Balletti. Immagini grafiche. Trattamento di immagini digitali. 1 Le immagini digitali Le immagini digitali Università IUAV di venezia Trattamento di immagini digitali immagini grafiche immagini raster immagini vettoriali acquisizione trattamento geometrico trattamento

Dettagli

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini

Il campionamento. La digitalizzazione. Teoria e pratica. La rappresentazione digitale delle immagini. La rappresentazione digitale delle immagini ACQUISIZIONE ED ELABORAZIONE DELLE IMMAGINI Teoria e pratica La digitalizzazione La digitalizzazione di oggetti legati a fenomeni di tipo analogico, avviene attraverso due parametri fondamentali: Il numero

Dettagli

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano Immagini digitali LA CODIFICA DELLE IMMAGINI Anche le immagini possono essere memorizzate in forma numerica (digitale) suddividendole in milioni di punti, per ognuno dei quali si definisce il colore in

Dettagli

Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE. Autore. Prof. Renato Avato. Faenza, ottobre 2000. Scansione dell immagine. R.

Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE. Autore. Prof. Renato Avato. Faenza, ottobre 2000. Scansione dell immagine. R. Corso pratico di Informatica LA SCANSIONE DELL IMMAGINE Autore Prof. Renato Avato Faenza, ottobre 2000 1 DIGITALIZZAZIONE DELL IMMAGINE 1.1 Considerazioni tecniche sulla scansione Le nuove tecnologie in

Dettagli

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts

L'algebra di Boole falso vero livello logico alto livello logico basso Volts L algebra di Boole L'algebra di Boole comprende una serie di regole per eseguire operazioni con variabili logiche. Le variabili logiche possono assumere solo due valori. I due possibili stati che possono

Dettagli

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali gestione e modifica di immagini fotografiche digitali il colore e le immagini la gestione delle immagini Il computer è in grado di gestire le immagini in formato digitale. Gestire vuol dire acquisirle,

Dettagli

Che cos'è la profondità di colore

Che cos'è la profondità di colore Che cos'è la profondità di colore 1 Vediamo che cos'è la Profondità di Bit e di Colore di una immagine o di un filmato video; vediamo inoltre cosa sono Gamma dinamica e Gamma di densità. La profondità

Dettagli

Risoluzione, dimensioni e stampa di un'immagine digitale

Risoluzione, dimensioni e stampa di un'immagine digitale 1 Risoluzione, dimensioni e stampa di un'immagine digitale Sembra che, per rendersi la vita più semplice, molto spesso gli "addetti ai lavori" abbiano la tendenza a sintetizzare in minuscole sigle concetti

Dettagli

INFORMATICA. Elaborazione delle immagini digitali. Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale

INFORMATICA. Elaborazione delle immagini digitali. Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale INFORMATICA Università degli Studi di Foggia Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale A.A. 2014/2015 II ANNO II SEMESTRE 2 CFU CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNICHE DELLE ATTIVITÀ MOTORIE

Dettagli

Immagini vettoriali. Immagini raster

Immagini vettoriali. Immagini raster Immagini vettoriali Le immagini vettoriali sono caratterizzate da linee e curve definite da entità matematiche chiamate vettori. I vettori sono segmenti definiti da un punto di origine, una direzione e

Dettagli

Giorgio Maria Di Nunzio

Giorgio Maria Di Nunzio Università degli Studi di Padova Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell Antichità Fondamenti di Informatica A.A. 2012/2013 Giorgio Maria Di Nunzio Immagini Digitali Ä Dispense aggiuntive

Dettagli

Il colore. IGEA 2006-07 7 febbraio 2007

Il colore. IGEA 2006-07 7 febbraio 2007 Il colore IGEA 2006-07 7 febbraio 2007 La luce Radiazione elettromagnetica 380 740 nanometri (790 480 THz) Percezione della luce /1 Organi sensoriali: Bastoncelli Molto sensibili (anche a un solo fotone:

Dettagli

Le immagini digitali: introduzione

Le immagini digitali: introduzione Le immagini digitali: introduzione 1 L immagine digitale Un immagine pittorica è compsta da milioni di pigmenti colorati molto piccoli che, messi vicino l uno all altro, danno l impressione dei vari oggetti.

Dettagli

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI LA CODIFICA DELLE IMMAGINI Anche le immagini possono essere memorizzate in forma numerica (digitale) suddividendole in milioni di punti, per ognuno dei quali si definisce il colore in termini numerici.

Dettagli

DIMENSIONI DELLE IMMAGINI e PROFONDITA DEL COLORE. Gruppo Iseo Immagine 10 novembre 2009. A cura di Giancarlo Caperna bfi

DIMENSIONI DELLE IMMAGINI e PROFONDITA DEL COLORE. Gruppo Iseo Immagine 10 novembre 2009. A cura di Giancarlo Caperna bfi DIMENSIONI DELLE IMMAGINI e PROFONDITA DEL COLORE Gruppo Iseo Immagine 10 novembre 2009 A cura di Giancarlo Caperna bfi I PIXEL I pixel di un immagine digitale sono l analogo dei granuli di sali della

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 7 -

Informatica per la comunicazione - lezione 7 - Informatica per la comunicazione - lezione 7 - Campionamento La codifica dei suoni si basa sulla codifica delle onde che li producono, a sua volta basata su una procedura chiamata campionamento.! Il campionamento

Dettagli

C M A P M IONAM A E M NT N O

C M A P M IONAM A E M NT N O IMMAGINE DIGITALE Nelle immagini digitali, il contenuto fotografico (radiometria) viene registrato sotto forma di numeri. Si giunge a tale rappresentazione (RASTER) suddividendo l immagine fotografica

Dettagli

Codifica dell informazione

Codifica dell informazione Codifica dell informazione Il calcolatore memorizza ed elabora vari tipi di informazioni Numeri, testi, immagini, suoni Occorre rappresentare tale informazione in formato facilmente manipolabile dall elaboratore

Dettagli

Modelli di colore. Un tocco di blu non guasta

Modelli di colore. Un tocco di blu non guasta Modelli di colore Un tocco di blu non guasta Obiettivi Come faccio a rappresentare i colori in una immagine? Per formati immagine raster e vettoriali Come specificare che il mare della mia foto è di colore

Dettagli

Rappresentazione delle Immagini

Rappresentazione delle Immagini Rappresentazione delle Immagini Metodi di rappresentazione Raster: Informazione grafica rappresentata come matrice di pixel Vettoriale: Informazione grafica rappresentata da relazioni matematiche (funzioni

Dettagli

La codifica delle immagini

La codifica delle immagini La codifica delle immagini La digitalizzazione La digitalizzazione di oggetti legati a fenomeni di tipo analogico, avviene attraverso due parametri fondamentali: 1. Il numero dei campionamenti o di misurazioni

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Rappresentazione binaria - operazioni. riporti

Un ripasso di aritmetica: Rappresentazione binaria - operazioni. riporti Un ripasso di aritmetica: Rappresentazione binaria - operazioni A queste rappresentazioni si possono applicare le operazioni aritmetiche: riporti 1 1 0 + 1 0 = 1 0 0 24 Un ripasso di aritmetica: Rappresentazione

Dettagli

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB Psicologia e comunicazione A.A. 2013/2014 Università degli studi Milano-Bicocca docente: Diana Quarti INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB A.A. 2013/2014 docente: Diana Quarti

Dettagli

Codifica delle immagini

Codifica delle immagini Codifica delle immagini Abbiamo visto come la codifica di testi sia (relativamente) semplice Un testo è una sequenza di simboli Ogni simbolo è codificato con un numero Ed ecco che il testo è trasformato

Dettagli

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Rappresentazione dell Informazione

Dettagli

Codifica delle Informazioni

Codifica delle Informazioni Codifica delle Informazioni Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Panoramica Le informazioni gestite dai sistemi di elaborazione devono essere codificate

Dettagli

Informazione analogica e digitale

Informazione analogica e digitale L informazione L informazione si può: rappresentare elaborare gestire trasmettere reperire L informatica offre la possibilità di effettuare queste operazioni in modo automatico. Informazione analogica

Dettagli

wave a 44,1 khz, 16 bit, PCM, stereo (standard cd audio) L utilizzo di una risoluzione dipende anche dal supporto che la dovrà ospitare.

wave a 44,1 khz, 16 bit, PCM, stereo (standard cd audio) L utilizzo di una risoluzione dipende anche dal supporto che la dovrà ospitare. Il Suono Digitale Capitolo 3 - Formati e standard digitali dei file audio Il formato Wave, Wave 64, AIFF pag 1 Il Transfert Rate pag 4 Il formato mp3 pag 5 Il trasferimento di file tramite Internet pag

Dettagli

FOTOGRAFIA DIGITALE GESTIONE BASE DEL COLORE VISUALIZZARE E STAMPARE CORRETTAMENTE LE IMMAGINI. A cura di Mauro Minetti

FOTOGRAFIA DIGITALE GESTIONE BASE DEL COLORE VISUALIZZARE E STAMPARE CORRETTAMENTE LE IMMAGINI. A cura di Mauro Minetti FOTOGRAFIA DIGITALE GESTIONE BASE DEL COLORE VISUALIZZARE E STAMPARE CORRETTAMENTE LE IMMAGINI Aprile 2005 A cura di Mauro Minetti INDICE CAPITOLI 1) PREMESSA 2) MONITOR E PROFILO COLORE 3) CALIBRAZIONE

Dettagli

L informazione grafica. Le immagini digitali. Esempi. Due grandi categorie. Introduzione

L informazione grafica. Le immagini digitali. Esempi. Due grandi categorie. Introduzione 1 2 L informazione grafica Le immagini digitali grafica a caratteri grafica vettoriale Introduzione grafica raster 3 4 Due grandi categorie Esempi Immagini reali: acquisite da una scena reale mediante

Dettagli

Informatica pratica. L'immagine digitale

Informatica pratica. L'immagine digitale Informatica pratica L'immagine digitale Riassunto della prima parte Fino ad ora abbiamo visto: le cose necessarie per utilizzare in modo utile il computer a casa alcune delle tante possibilità dell'uso

Dettagli

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine La Visione Artificiale La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine Copyright Alcune slide sono tratte dal testo: Digital Image Processing Materiale didattico relativo si trova

Dettagli

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu)

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Dipartimento DArTe A.A. 2015-2016 - Corso di Laurea Magistrale in Architettura Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) condotto

Dettagli

Codifica delle immagini (parte I)

Codifica delle immagini (parte I) Codifica delle immagini (parte I) Prof. Marco Dell Oro December 11, 2013 1 Elementi della codifica Le immagini digitali sono risultato della composizione sugli schermi di una serie di elementi di colore

Dettagli

Lezione 2: Immagini digitali (1)

Lezione 2: Immagini digitali (1) Lezione 2: Immagini digitali (1) Informatica e produzione Multimediale Docente: Umberto Castellani Immagini digitali Digitalizzazione o acquisizione di immagini del mondo reale (es. da una fotografia).

Dettagli

COMPUTER GRAFICA LINK

COMPUTER GRAFICA LINK COMPUTER GRAFICA COMPUTER GRAFICA RASTER V/S VETTORIALE Di cosa sono fatte le immagini digitali Qualità a confronto DPI/PPI e risoluzione adeguata al mezzo Applicazioni ACCENNI SUL COLORE CMYK - RGB LAB

Dettagli

La codifica dell informazione

La codifica dell informazione La codifica dell informazione Parte I Sui testi di approfondimento: leggere dal Cap. del testo C (Console, Ribaudo):.,. fino a pg.6 La codifica delle informazioni Un calcolatore memorizza ed elabora informazioni

Dettagli

CMS MUSEO&WEB Tutorial sulle immagini digitali, la loro elaborazione per il web, il caricamento nell archivio media del CMS

CMS MUSEO&WEB Tutorial sulle immagini digitali, la loro elaborazione per il web, il caricamento nell archivio media del CMS CMS MUSEO&WEB Tutorial sulle immagini digitali, la loro elaborazione per il web, il caricamento nell archivio media del CMS Maria Teresa Natale (OTEBAC) 12 aprile 2010 Introduzione Argomenti: terminologia

Dettagli

COME RIDIMENSIONARE UNA FOTO. piccolo studio teorico pratico di Fabrizio Livi

COME RIDIMENSIONARE UNA FOTO. piccolo studio teorico pratico di Fabrizio Livi COME RIDIMENSIONARE UNA FOTO piccolo studio teorico pratico di Fabrizio Livi 1 Introduzione Spesso sentiamo parlare delle dimensioni di una foto oppure ne leggiamo le misure entrando nelle proprietà di

Dettagli

IMMAGINE BITMAP E VETTORIALI

IMMAGINE BITMAP E VETTORIALI BITMAP VETTORIALE VETTORIALE BITMAP IMMAGINE BITMAP è una immagine costituita da una matrice di Pixel. PIXEL (picture element) indica ciascuno degli elementi puntiformi che compongono la rappresentazione

Dettagli

La scienza delle immagini a colori e dei CCD

La scienza delle immagini a colori e dei CCD INTRODUZIONE SULLE IMMAGINI A COLORI IMMAGINI A COLORI La scienza delle immagini a colori e dei CCD autore: Daniel Duggan traduzione e adattamento Alessandra Zanazzi Pag 1 di 6 Questo progetto è stato

Dettagli

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Il colore viene utilizzato nelle immagini digitali per due motivi principali: è un descrittore che semplifica l identificazione di un oggetto e la sua estrazione

Dettagli

Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni

Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni Info Sito del corso: http://home.dei.polimi.it/amigoni/informaticab.html Nicola Basilico, nicola.basilico@gmail.com Problema Abbiamo informazioni

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI

LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI ISTITUTO TECNICO E LICEO SCIENTIFICO TECNOLOGICO ANGIOY LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. G. Ciaschetti DATI E INFORMAZIONI Sappiamo che il computer è una macchina stupida, capace di eseguire

Dettagli

Capitolo V : Il colore nelle immagini digitali

Capitolo V : Il colore nelle immagini digitali Capitolo V : Il colore nelle immagini digitali Lavorare con il colore nelle immagini digitali L uso dei colori nella visione computerizzata e nella computer grafica implica l incorrere in determinate problematiche

Dettagli

La codifica delle immagini

La codifica delle immagini Lettere e numeri non costituiscono le uniche informazioni utilizzate dagli elaboratori ma si stanno diffondendo sempre di più applicazioni che utilizzano ed elaborano anche altri tipi di informazione:

Dettagli

Perché la traduzione in formato numerico è tanto importante? Come avviene la conversione? Perchè vogliamo convertire l'informazione?

Perché la traduzione in formato numerico è tanto importante? Come avviene la conversione? Perchè vogliamo convertire l'informazione? IL MONDO DIGITALE La rivoluzione digitale Sistema Le immagini diventano numeri Dal testo ai numeri e viceversa E i suoni? Anche il video diventa digitale La rivoluzione digitale Musica digitale, cinema

Dettagli

Informatica per i beni culturali

Informatica per i beni culturali Informatica per i beni culturali Corso di laurea magistrale in Archeologia Lezione 2 Architettura dei calcolatori e codifica di immagini Mario Alviano e Roberto Parise Sommario Hardware e software Grafica

Dettagli

Scheda di approfondimento gioco I pixel

Scheda di approfondimento gioco I pixel Scheda di approfondimento gioco I pixel IN CLASSE: per introdurre questo tema, dopo aver ricordato cos è la Rete, chiedere ai bambini se conoscono il sistema di comunicazione dei computer. Il computer

Dettagli

Convertitori numerici in Excel

Convertitori numerici in Excel ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA Convertitori numerici in Excel Prof. G. Ciaschetti Come attività di laboratorio, vogliamo realizzare dei convertitori numerici con Microsoft Excel

Dettagli

Marta Capiluppi marta.capiluppi@univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona

Marta Capiluppi marta.capiluppi@univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona Marta Capiluppi marta.capiluppi@univr.it Dipartimento di Informatica Università di Verona Classificazione delle immagini Le immagini si suddividono in raster e vettoriali. Le immagini raster sono di tipo

Dettagli

La codifica delle Immagini. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132Sesto San Giovanni

La codifica delle Immagini. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132Sesto San Giovanni La codifica delle Immagini Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132Sesto San Giovanni Lettere e numeri non costituiscono le uniche informazioni utilizzate dagli elaboratori, infatti

Dettagli

Appunti di informatica. Lezione 2 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio

Appunti di informatica. Lezione 2 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Appunti di informatica Lezione 2 anno accademico 2015-2016 Mario Verdicchio Sistema binario e logica C è un legame tra i numeri binari (0,1) e la logica, ossia la disciplina che si occupa del ragionamento

Dettagli

PHOTOSHOP ILLUSTRATOR

PHOTOSHOP ILLUSTRATOR Creare l effetto CHE GUEVARA (detto anche effetto STENCIL) in Photoshop e Illustrator -versione Adobe Suite CS5 - per utenti esperti - (realizzato da Rino Ruscio - art director) (effetto finale realizzato

Dettagli

Introduzione all immagine digitale. Laboratorio di Tecnologie Educative A.A. 2003/04

Introduzione all immagine digitale. Laboratorio di Tecnologie Educative A.A. 2003/04 Introduzione all immagine digitale Laboratorio di Tecnologie Educative A.A. 2003/04 immagine digitale RASTER tipologie caratteristiche VETTORIALE molte informazioni dimensione fissa dipendente dalla risoluzione

Dettagli

Immagini vettoriali Immagini bitmap (o raster) Le immagini vettoriali .cdr.swf .svg .ai.dfx .eps.pdf .psd

Immagini vettoriali Immagini bitmap (o raster) Le immagini vettoriali .cdr.swf .svg .ai.dfx .eps.pdf .psd Esistono due tipi di immagini digitali: Immagini vettoriali, rappresentate come funzioni vettoriali che descrivono curve e poligoni Immagini bitmap, (o raster) rappresentate sul supporto digitale come

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com Codifica di immagini Codifica di immagini o Un immagine è un insieme continuo di informazioni A differenza delle cifre e dei caratteri alfanumerici, per le immagini non esiste un'unità minima di riferimento

Dettagli

Origine delle immagini. Elaborazione delle immagini. Immagini vettoriali VS bitmap 2. Immagini vettoriali VS bitmap.

Origine delle immagini. Elaborazione delle immagini. Immagini vettoriali VS bitmap 2. Immagini vettoriali VS bitmap. Origine delle immagini Elaborazione delle immagini Adobe Photoshop I programmi per l elaborazione di immagini e la grafica permettono in genere di: Creare immagini ex novo (con gli strumenti di disegno)

Dettagli

Come è fatta una reflex

Come è fatta una reflex Come è fatta una reflex Per essere un fotografo consapevole iniziamo a conoscere e a familiarizzare con la propria attrezzatura: per migliorare le proprie capacità fotografiche bisogna sapere perché e

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Scienze dell'educazione, 2014-15 Lorenzo Bettini http://www.di.unito.it/~bettini Informazioni generali Ricevimento studenti su appuntamento Dipartimento di

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione dell informazione negli elaboratori Informazione e computer Si può rappresentare l informazione attraverso varie forme: Numeri Testi Suoni Immagini 0001010010100101010 Computer Cerchiamo di capire come tutte queste informazioni possano essere

Dettagli

Information Visualization

Information Visualization Information Visualization Introduzione alla CG Prof. Andrea F. Abate abate@unisa.it http://www.unisa.it/docenti/andreafrancescoabate/index CG e VR: cosa sono e a cosa servono Con il termine Computer Graphics,

Dettagli

Come si misura la memoria di un calcolatore?

Come si misura la memoria di un calcolatore? Come si misura la memoria di un calcolatore? Definizione Il byte è definito come unità di misura di memoria. I multipli del byte sono: KiloByte (KB) - 1 KB = 2 10 byte = 1024 byte MegaByte (MB) - 1 MB

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX. domenica 22 marzo 15

L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX. domenica 22 marzo 15 L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX Parleremo di : Caratteristiche dell 0biettivo Il Diaframma e le sue funzioni L otturatore e le sue caratteristiche L esposizione La coppia tempo diaframma l esposimetro

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE MODELLAZIONE 3D RENDERING ANIMAZIONE

CORSO DI FORMAZIONE MODELLAZIONE 3D RENDERING ANIMAZIONE RHINOCEROS FLAMINGO PENGUIN BONGO CORSO DI FORMAZIONE MODELLAZIONE 3D RENDERING ANIMAZIONE Gabriele Verducci RHINOCEROS FLAMINGO PENGUIN BONGO INDICE:.01 cenni di informatica differenza tra files bitmap

Dettagli

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Lezione 4: DIGITAL IMAGING PROCESSING 2. D. Cecchin, F. Bui. Esempi di scale colore

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Lezione 4: DIGITAL IMAGING PROCESSING 2. D. Cecchin, F. Bui. Esempi di scale colore UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1 Lezione 4: DIGITAL IMAGING PROCESSING 2 D. Cecchin, F. Bui Esempi di scale colore Bianco e nero: 1 solo bit per pixel Ogni pixel può essere bianco o

Dettagli

Fotografia corso base. Educazione Permanente Treviso. Specifiche digitali. Federico Covre. http://arcifotografiabase.wordpress.com

Fotografia corso base. Educazione Permanente Treviso. Specifiche digitali. Federico Covre. http://arcifotografiabase.wordpress.com Fotografia corso base Educazione Permanente Treviso Specifiche digitali http://arcifotografiabase.wordpress.com Federico Covre Pixel (picture element) Indica ciascuno degli elementi puntiformi che compongono

Dettagli

C=1.44. densità d accumulo, potente strumento di controllo del colore

C=1.44. densità d accumulo, potente strumento di controllo del colore C=1.44 k=1.45 M=1.41 Y=.76 densità d accumulo, potente strumento di controllo del colore di Mike Ruff (Chief Technology Officer di Nazdar Consulting Services) Trentasette anni di attività e consulenza

Dettagli

Unione Europea Repubblica Italiana Regione Calabria Cooperativa sociale

Unione Europea Repubblica Italiana Regione Calabria Cooperativa sociale INFORMATICA Lezione 1 Docente Ferrante Francesco fracco2004@alice.it Sito web: http://luis7.altervista.org Obiettivi del corso Una parte generale sull'introduzione dei concetti di base dell'informatica

Dettagli

LABORATORI PER L UTILIZZO DELLE TECONOLOGIE INFORMATICHE NELLA SCUOLA MINI GUIDA

LABORATORI PER L UTILIZZO DELLE TECONOLOGIE INFORMATICHE NELLA SCUOLA MINI GUIDA LABORATORI PER L UTILIZZO DELLE TECONOLOGIE INFORMATICHE NELLA SCUOLA MINI GUIDA USO DELLE IMMAGINI 1. I FORMATI E LA GRANDEZZA DEL FILE Alcune nozioni di base per lavorare con le immagini. Ogni volta

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB

INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB Psicologia e comunicazione A.A. 2015/2016 Università degli studi Milano-Bicocca docente: Diana Quarti LEZIONE 02 INFORMATICA E GRAFICA PER IL WEB A.A. 2015/2016 docente:

Dettagli

Elementi di Informatica

Elementi di Informatica Università degli Studi di Catania FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Elementi di Informatica Anno accademico: 2008/2009 Docente: angelo.nicolosi@unict.it Le immagini digitali scansione di fotografie esistenti

Dettagli

Codifica delle immagini

Codifica delle immagini FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Codifica delle immagini 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

www.italiagrafica.com Organo Ufficiale dell Associazione Nazionale Italiana Industrie Grafiche Cartotecniche e Trasformatrici

www.italiagrafica.com Organo Ufficiale dell Associazione Nazionale Italiana Industrie Grafiche Cartotecniche e Trasformatrici Organo Ufficiale dell Associazione Nazionale Italiana Industrie Grafiche Cartotecniche e Trasformatrici www.italiagrafica.com ISSN 0021-2784 Anno LXIV Mensile Poste Italiane Spa - Spedizione in abbonamento

Dettagli

Guida alla qualità del colore

Guida alla qualità del colore Pagina 1 di 7 Guida alla qualità del colore Nella presente guida vengono descritte le opzioni disponibili sulla stampante per la regolazione e la personalizzazione della resa del colore. Menu Qualità Modalità

Dettagli

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione Sistema binario Sommario informatica rappresentare informazioni la differenza Analogico/Digitale i sistemi di numerazione posizionali il sistema binario Informatica Definizione la scienza della rappresentazione

Dettagli

Rappresentazione dell informazione. Bogdan Maris (2014-2015)

Rappresentazione dell informazione. Bogdan Maris (2014-2015) Rappresentazione dell informazione 1 Rappresentare l informazione Per elaborare l informazione è necessario saperla rappresentare in una forma comprensibile per l esecutore Bisogna stabilire un codice

Dettagli

Cenni di Macrofotografia

Cenni di Macrofotografia Cenni di Macrofotografia Definiamo il termine MACROFOTOGRAFIA Per comprendere il termine «Macrofotografia», bisogna necessariamente introdurre il concetto di «rapporto di riproduzione» o semplicemente

Dettagli

La codifica delle immagini

La codifica delle immagini Analogamente possiamo codificare le immagini a colori. In questo caso si tratta di individuare un certo numero di sfumature, gradazioni di colore differenti e di codificare ognuna mediante un'opportuna

Dettagli

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità.

CODIFICA BINARIA. ... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. I METODI DI NUMERAZIONE I numeri naturali... sono rappresentati ricorrendo a simboli che sintezzano il concetto di numerosità. Il numero dei simboli usati per valutare la numerosità costituisce la base

Dettagli

PREPARIAMO LE NOSTRE IMMAGINI PER IL WEB. A cura di Mauro Minetti

PREPARIAMO LE NOSTRE IMMAGINI PER IL WEB. A cura di Mauro Minetti PREPARIAMO LE NOSTRE IMMAGINI PER IL WEB A cura di Mauro Minetti INDICE PREMESSA PREPARIAMO L IMMAGINE DIMENSIONE IMMAGINE MASCHERA DI CONTRASTO FORMATO DI REGISTRAZIONE REGISTRAZIONE CORNICI TRASFORMAZIONE

Dettagli

Lezione 2: Codifica binaria dell informazione. Codifica binaria

Lezione 2: Codifica binaria dell informazione. Codifica binaria Lezione 2: Codifica binaria dell informazione Codifica binaria Elaborazione di dati binari Materiale didattico Lucidi delle lezioni, disponibili al sito: http://wwwinfo.deis.unical.it/~irina Oppure sul

Dettagli

Sistemi Web per il turismo - lezione 2 -

Sistemi Web per il turismo - lezione 2 - Sistemi Web per il turismo - lezione 2 - 8 Considerare il computer coma una calcolatrice sembra un po limitativo rispetto a quello che solitamente vediamo succedere sui computer intorno a noi come ad esempio

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 4) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

A L'operatore NOT si scrive con una linea sopra la lettera indicante la variabile logica A ; 0 1 1 0. NOT di A =

A L'operatore NOT si scrive con una linea sopra la lettera indicante la variabile logica A ; 0 1 1 0. NOT di A = ALGEBRA DI BOOLE L'algebra di Boole è un insieme di regole matematiche; per rappresentare queste regole si utilizzano variabili logiche, funzioni logiche, operatori logici. variabili logiche: si indicano

Dettagli

I formati dei file immagine

I formati dei file immagine I formati dei file immagine Le immagini vettoriali Le immagini vettoriali sono caratterizzate da linee e curve definite da entità matematiche chiamate vettori I vettori sono segmenti definti da un punto

Dettagli

Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco

Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco Tecnica fotografica: Il bilanciamento del bianco Capita a tutti di ritrovarci con una foto dai colori irreali. Cosa è andato storto? Semplice, ci siamo dimenticati di impostare il corretto bilanciamento

Dettagli

Sappiamo rappresentare in formato digitale testi scritti e numeri. Ma come la mettiamo con le immagini e i suoni?

Sappiamo rappresentare in formato digitale testi scritti e numeri. Ma come la mettiamo con le immagini e i suoni? Sappiamo rappresentare in formato digitale testi scritti e numeri. Ma come la mettiamo con le immagini e i suoni? In questo caso la situazione sembra del tutto diversa. Il testo scritto è costruito combinando

Dettagli

RISOLUZIONE VIDEO tratto dal sito internet: Boliboop (my web identity) - 2007

RISOLUZIONE VIDEO tratto dal sito internet: Boliboop (my web identity) - 2007 RISOLUZIONE VIDEO tratto dal sito internet: Boliboop (my web identity) - 2007 La risoluzione, specie in fotografia digitale, è una misura della qualità di un immagine. Questo concetto può essere applicato

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli

Informatica (Sistemi di elaborazione delle informazioni)

Informatica (Sistemi di elaborazione delle informazioni) Informatica (Sistemi di elaborazione delle informazioni) Corso di laurea in Scienze dell'educazione Lezione 8 Ultimi concetti, elaborazione di poster e diagrammi Mario Alviano Sommario OpenOffice Draw

Dettagli

Codifica delle immagini

Codifica delle immagini FONDAMENTI DI INFORMATICA Ing. DAVIDE PIERATTONI Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Codifica delle immagini 2000-2007 P. L. Montessoro - D. Pierattoni (cfr.la nota di copyright alla

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA

LA MACCHINA FOTOGRAFICA D LA MACCHINA FOTOGRAFICA Parti essenziali Per poter usare la macchina fotografica, è bene vedere quali sono le sue parti essenziali e capire le loro principali funzioni. a) OBIETTIVO: è quella lente,

Dettagli

3. LA RISOLUZIONE Misura della risoluzione Modifica della risoluzione

3. LA RISOLUZIONE Misura della risoluzione Modifica della risoluzione 3. LA RISOLUZIONE La risoluzione di un immagine indica il grado di qualità di un immagine. Generalmente si usa questo termine parlando di immagini digitali, ma anche una qualunque fotografia classica ha

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano IL COMPUTER LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano LA TRASMISSIONE IN BINARIO I computer hanno un loro modo di rappresentare i

Dettagli

Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero

Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero 2. Approfondimento su immagini e grafica IMMAGINI l immagine digitale è una matrice bidimensionale di numeri,

Dettagli