Relazione Finanziaria Annuale 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione Finanziaria Annuale 2013"

Transcript

1 RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE 2013

2 Relazione Finanziaria Annuale 2013 P 2

3 Bilancio Consolidato al 31 Dicembre 2013 LETTERA DEL PRESIDENTE AGLI AZIONISTI P 3

4 Relazione Finanziaria Annuale 2013 LETTERA DEL PRESIDENTE Signori Azionisti, il 2013 ha segnato un passaggio significativo per la storia della nostra Società. Come sapete, lo scorso anno abbiamo varato un piano di riorganizzazione del Gruppo per aree geografiche che ha portato ad un cambiamento della nostra ragione sociale, passata da Lottomatica Group a GTECH S.p.A. Queste modifiche sono state realizzate per migliorare l efficienza e la redditività di tutti i business in cui operiamo, accelerando quell internazionalizzazione del Gruppo necessaria ad affrontare e soddisfare un mercato sempre più complesso e articolato, un mercato che in Italia continua a vederci protagonisti nel mantenere la nostra leadership e che nel resto del mondo si sta aprendo a nuove opportunità di crescita e sviluppo che vogliamo essere pronti a cogliere, sia nel settore delle lotterie che in quelli del gaming e dell interactive. All interno di un contesto macroeconomico che, anche nel 2013, si è dimostrato difficile e non privo di elementi di incertezza, il cambiamento organizzativo realizzato dal Gruppo ha rappresentato per tutti noi un passaggio fondamentale per fronteggiare le sfide che ci attendono negli anni a venire e, al tempo stesso, una grande prova che siamo stati in grado di superare, senza impatti negativi sul business e grazie alla convergenza e alla condivisione degli interessi di tutti. Il costante supporto degli azionisti, l eccellenza del team manageriale che guida la Società e il senso di responsabilità dimostrato da tutti i dipendenti, infatti, sono stati determinanti per proseguire il cammino di sviluppo dell azienda ed hanno costituito la leva per la creazione di una realtà globale del mercato dei giochi quale è oggi GTECH S.p.A.. Guardando ai risultati del 2013 posso confermare che abbiamo raggiunto risultati significativi di crescita in tutti i segmenti di mercato per noi strategici. I costi sostenuti per la risoluzione del contenzioso sulle macchine da gioco e in materia fiscale nonche le spese effettuate per la riorganizzazione societaria hanno avuto un impatto sui risultati dell anno ma, contestualmente, hanno eliminato importanti elementi di incertezza o facilitato un piu efficace approccio al mercato che ci rendono fiduciosi riguardo il futuro. A livello finanziario, la nostra politica è stata ancora indirizzata ad assicurare il pagamento di un sostanziale dividendo agli azionisti e a realizzare investimenti destinati a rafforzare e accrescere ulteriormente il business. Ritengo quest ultimo uno dei nostri punti di forza, in virtù del quale abbiamo destinato oltre 342 milioni alle attività di investimento. La politica finanziaria di GTECH, inoltre, ha confermato il proprio orientamento alla riduzione dell indebitamento che è migliorato anche l anno scorso, attestandosi a 2,51 miliardi rispetto ai 2,55 miliardi del Tale impegno verrà mantenuto nei prossimi anni, supportato anche da un piano di sinergie che permetteranno una riduzione strutturale di costi per 50 milioni annui tra il 2014 e il 2015, grazie ad una serie di iniziative già individuate e che abbiamo già avviato. Più in generale, nel 2013, GTECH S.p.A. ha registrato una significativa generazione di cassa facendo segnare un progresso dell 8% rispetto all anno precedente; l EBITDA è cresciuto dell 1% circa e i ricavi totali sono stati pari a 3,06 miliardi. Le vendite di Prodotti sono aumentate del 10%, mentre i ricavi same store delle lotterie nella regione Americhe sono cresciuti del 3,1%, grazie al continuo incremento delle vendite delle lotterie istantanee, in particolare in Texas, California e North Carolina. Stesso discorso per i ricavi same store delle lotterie della regione Internazionale che hanno registrato un incremento rispetto all anno precedente. Soffermandoci ai risultati ottenuti in Italia, abbiamo continuato a preservare le nostre quote all interno di un mercato oramai maturo e in grado di offrire margini di crescita limitati, con l obiettivo di mantenerne il valore nel corso del tempo. L analisi della performance ottenuta in Italia è importante dal momento che sul risultato operativo hanno influito, in parte, l accantonamento di 30 milioni relativo al Contenzioso AWP nonché l aumento della tassazione sulle macchine da gioco. Nonostante questo, il business ha generato livelli di redditività solidi e comparabili con quelli dell anno precedente, potendo così ascrivere la riduzione dell EBITDA rispetto al 2012 soltanto alle voci straordinarie. P 4

5 Bilancio Consolidato al 31 Dicembre 2013 Egregi Azionisti, i numeri sopra illustrati mostrano una Società sana, leader indiscussa del proprio mercato, molto competitiva e proiettata a svolgere un ruolo sempre più incisivo a livello globale. Nel ringraziarvi ancora per il sostegno e la fiducia dimostrate, desidero solo ricordare a tutti noi da dove siamo partiti e chi siamo oggi: una storia di successi, sfide e cambiamenti, che non sarebbe stata possibile senza il vostro prezioso contributo e senza una visione di lungo periodo che prevedesse anche una trasformazione del nostro modello organizzativo. Oggi possiamo definirci una Single Company strutturata su tre aree geografiche: la migliore risposta possibile alle esigenze di un mercato complesso e in continua evoluzione come il nostro; i risultati ottenuti nel 2013 che oggi siamo qui ad illustrarvi, rappresentano una solida base per mantenere questo trend positivo anche nei prossimi anni. Per concludere, se è vero che i numeri descrivono chiaramente l esercizio appena terminato, permettetemi di sintetizzarvi in pochi punti anche i fatti più importanti che hanno segnato il cammino di GTECH S.p.A. nel 2013: Gennaio Lottomatica completa il processo di riorganizzazione aziendale con la costituzione di una Single Company, strutturata su tre aree geografiche (Italia, Americhe, Resto del mondo). Gennaio GTECH Global Services Corporation firma l estensione contrattuale di cinque anni con l operatore tedesco Westdeutsche Lotterie GmbH & Co. OHG (WestLotto). Maggio Lottomatica cambia la denominazione sociale in GTECH Spa. La nuova denominazione sociale diventa effettiva il 3 giugno. Giugno Northstar New Jersey Lottery Group, una joint venture costituita da GTECH Corporation, firma un contratto della durata di 15 anni con la New Jersey Lottery per la gestione della lotteria. Si tratta del terzo contratto da operatore aggiudicato da GTECH negli Usa (New Jersey; Illinois; Indiana). Settembre GTECH Global Services Corporation firma un contratto di cinque anni per la fornitura in esclusiva di tecnologia e servizi a Entretenimientos Generales, S.A., l operatore privato che si è aggiudicato la gestione delle lotterie ad Asunción, in Paraguay. Luglio GTECH sigla estensione contrattuale di tre anni con la Kentucky Lottery. Ottobre Con la firma del contratto con la Oregon Lottery GTECH chiude un anno di buon consolidamento sui mercati internazionali. Lorenzo Pellicioli P 5

6 Relazione Finanziaria Annuale 2013 P 6

7 Bilancio Consolidato al 31 Dicembre 2013 P 7

8 Relazione Finanziaria Annuale 2013 BILANCIO CONSOLIDATO 2013 Profilo di GTECH S.p.A. 10 Profilo della Società 12 Relazione sulla Gestione 14 Sviluppi significativi dell esercizio Fattori di rischio ed incertezze 36 Evoluzione Prevedibile della Gestione 38 Andamento del Titolo GTECH S.p.A. 39 Descrizione dell Attività 40 Sviluppi contrattuali significativi avvenuti durante il Tabelle dei contratti con i clienti 45 Iniziative Ambientali 53 Piani di incentivazione a lungo termine 57 Prospetti di bilancio e Note esplicative 61 Prospetto della Situazione patrimoniale finanziaria Consolidata 62 Prospetto di Conto Economico Consolidato 63 Prospetto di Conto Economico Complessivo Consolidato 64 Rendiconto Finanziario Consolidato 65 Prospetto Consolidato delle Variazioni del Patrimonio Netto 66 Note esplicative al Bilancio Consolidato 67 Relazione della Società di Revisione 174 Informativa ai Sensi dell Articolo 149-duodecies del Regolamento Emittenti CONSOB (Compensi della Società di Revisione) 176 Tabella riepilogativa dei dati essenziali delle società controllate in base all art.2429 del Codice Civile 176 Informazioni aggiuntive ai sensi di obblighi specifici previsti dalla legge italiana 179 Attestazione relativa al bilancio consolidato ai sensi degli artt. 154 bis, co. 5, d.lgs 58/98 e 81-ter del Regolamento Consob n /1999 e successive modifiche e integrazioni 179 Attestazione ex art , commi 10 e 11 del Regolamento di Borsa sull esistenza delle condizioni di cui agli Artt. 36 e 37 della delibera Consob n del 29 Ottobre 2007 (c.d. Regolamento Mercati ) 180 Notifica di Rinuncia ai sensi dell art. 3 del Regolamento CONSOB n / Regolamenti dello Stato del Nevada in materia di Gaming 180 Elenco delle Società controllate e collegate di GTECH S.p.A. 184 P 8

9 Bilancio Consolidato al 31 Dicembre 2013 BILANCIO D ESERCIZIO 2013 Relazione sulla Gestione al 31 Dicembre Premessa 192 Analisi dei risultati reddituali 194 Costi di periodo ed analisi dell EBITDA 195 Investimenti al 31 Dicembre Sviluppi significativi al 31 Dicembre Eventi successivi al 31 Dicembre Fattori di rischio ed incertezza 202 Evoluzione prevedibile della gestione 202 Piani d incentivazione a lungo termine 202 Composizione azionariato GTECH S.p.A. 204 Quadro di riferimento normativo 205 Attestazione ex art , commi 12 e 13 del Regolamento di Borsa 207 Modello di Conformità al D.Lgs. n. 231/ Notifica di rinuncia ex art. 3 Regolamento Consob n del 20 Gennaio Proposta all Assemblea degli Azionisti 208 Attestazione del bilancio d esercizio ex art. 81-ter Regolamento Consob n / Prospetti di bilancio e Note esplicative al 31 Dicembre Prospetto della situazione patrimoniale e finanziaria 212 Prospetto di conto economico 213 Prospetto di conto economico complessivo 213 Rendiconto Finanziario 214 Prospetto delle variazioni del Patrimonio Netto 216 Principi contabili e note esplicative 220 Posizione Finanziaria Netta 288 Rapporti con Parti Correlate 291 Garanzie 297 Procedimenti giudiziari ed arbitrali rilevanti al 31 Dicembre Politiche ed obiettivi della gestione del rischio finanziario 299 Coperture del fair value 303 Leasing 304 Compensi Collegio Sindacale 306 Personale 306 Eventi successivi alla chiusura dell esercizio 306 Incassi e Pagamenti (D.P.R. n. 560 del ) 307 Bilancio della Società Controllante 308 Elenco delle Società Controllate e Collegate 309 Relazione Collegio Sindacale 312 Relazione Società di Revisione 320 P 9

10 Relazione Finanziaria Annuale 2013 PROFILO DI GTECH S.P.A. La Società è soggetta all attività di direzione e coordinamento di De Agostini S.p.A Denominazione Sociale GTECH- Società per Azioni Codice Fiscale Capitale Sociale Al 31 Dicembre 2013: ; sottoscritto e versato azioni del valore nominale di 1,00 cadauna (1) Sede Legale Roma - Viale del Campo Boario 56/d Consiglio di Amministrazione (2) Presidente Lorenzo PELLICIOLI Amministratore Delegato Marco SALA Consiglieri Pietro BOROLI Paolo CERETTI Alberto DESSY* Marco DRAGO Jaymin PATEL Donatella BUSSO* (3) Gianmario TONDATO DA RUOS ** Direttori Generale Renato ASCOLI (3) Fabio CAIROLI (4) Collegio Sindacale: (2) Presidente Sergio DUCA Sindaci Effettivi Angelo GAVIANI Francesco MARTINELLI Sindaci Supplenti Gian Piero BALDUCCI Giulio GASLOLI Umile Sebastiano IACOVINO Guido MARTINELLI Marco SGUAZZINI VISCONTINI Società di Revisione Reconta Ernst & Young S.p.A. P 10

11 Bilancio Consolidato al 31 Dicembre 2013 Membri del Comitato di Controllo e Rischi (6) Alberto DESSY (Presidente) (7) Paolo CERETTI (8) Donatella BUSSO (7) Membri del Comitato per la Remunerazione e nomine (9) Gianmario TONDATO DA RUOS (Presidente) Paolo CERETTI Alberto DESSY Note: * Consiglieri Indipendenti ** Primo Consigliere Indipendente (1) Il numero di azioni sottoscritte e versate da GTECH S.p.A., depositate presso il Registro delle Imprese Italiane e comunicato al mercato in data 25 Novembre 2013 è In conseguenza dell esercizio di alcuni beneficiari dei piani di incentivazione di GTECH S.p.A. tra il 25 Novembre e il 31 Dicembre 2013, il numero di azioni sottoscritte e versate è aumentato a (2) Nominati dall Assemblea degli Azionisti del 28 Aprile (3) Nominati dall Assemblea degli Azionisti del 9 Maggio (4) Nominati dal Consiglio di Amministrazione del 28 Aprile (5) Nominati dal Consiglio di Amministrazione del 30 Luglio (6) Nominati dal Consiglio di Amministrazione del 29 Aprile (7) Nominati dal Consiglio di Amministrazione del 9 Maggio (8) Nominati dal Consiglio di Amministrazione del 28 Luglio (9) Nominati dal Consiglio di Amministrazione del 29 Aprile 2011 P 11

12 Relazione Finanziaria Annuale 2013 PROFILO DELLA SOCIETÀ Premessa GTECH S.p.A. (già Lottomatica Group S.p.A.) è l operatore commerciale e fornitore di tecnologie leader nel mercato regolamentato mondiale dei giochi. Dal 3 Giugno 2013, Lottomatica Group S.p.A. ha cambiato la propria ragione sociale in GTECH S.p.A. al fine di sviluppare ulteriormente il suo business a livello mondiale utilizzando la visibilità del marchio GTECH nell industria mondiale dei giochi. GTECH è quotata alla Borsa Valori di Milano con il simbolo GTK e con il simbolo GTKYY nel programma Sponsored Level 1 American Depository Receipt (ADR) sul mercato over-the-counter degli Stati Uniti. In questo documento, i termini GTECH o la Società si riferiscono a GTECH S.p.A., la controllante ed a tutte le sue controllate. Nel mese di Gennaio 2013, la Società ha annunciato il piano per integrare ulteriormente le proprie attività su scala mondiale. Tali cambiamenti sono finalizzati a sostenere la crescita, aumentare l efficienza, dare impulso alla redditività e accelerare il processo di internazionalizzazione del Gruppo per sfruttare appieno tutte le potenzialità di sviluppo. La Società ora si presenta come una struttura unica ed organizzata in tre regioni geografiche Americhe, Internazionale ed Italia ed è supportata dalla struttura centrale di prodotti e servizi. La Società opera e fornisce una gamma completa di servizi e produce prodotti tecnologici all avanguardia per tutti i settori di giochi, tra cui le lotterie, soluzioni di gioco, scommesse sportive e giochi interattivi. Offre inoltre servizi di transazioni commerciali ad alto volume non legate alle lotterie. Le piattaforme ed i software di ultima generazione utilizzati dalla Società permettono la distribuzione dei prodotti tramite sistemi terrestri, internet nonché dispositivi mobili. Al 31 Dicembre 2013 la Società è attiva in circa 60 paesi dei sei continenti, ed opera con dipendenti. La struttura dell organizzazione interna della Società è suddivisa in tre aree geografiche. A seguito di tale divisione il management ha disposto l organizzazione dei settori operativi in altrettante aree: Americhe, Internazionale ed Italia. Ciascun settore operativo offre lotterie, soluzioni di gioco, scommesse sportive, servizi commerciali e giochi interattivi. Lotterie GTECH opera e fornisce sistemi di elaborazione ad alta sicurezza per le Lotterie online, progetta, vende e gestisce una gamma completa di terminali per punti vendita abilitati alla gestione delle lotterie e collegati elettronicamente ad un sistema centralizzato, che svolge il ruolo d intermediario tra punti vendita, dove si effettuano le singole transazioni, e le autorità competenti in materie di Lotterie. GTECH è anche fornitore di biglietti istantanei creati tramite tecnologie avanzate e dei servizi relativi. Utilizzandola tecnologia di stampa più avanzata, veloce e di alta qualità del mercato, GTECH è specializzata nella consegna veloce di biglietti istantanei di alta qualità. Inoltre offre ai suoi clienti un programma di sviluppo di marketing, di disegno grafico, programmazione, produzione, confezione, spedizione e consegna. GTECH opera quale gestore privato delle lotterie in un numero crescente di giurisdizioni, nelle quali è responsabile delle operazioni quotidiane e delle funzioni principali legate alle Lotterie. GTECH sfrutta la sua esperienza accumulata in anni di attività quale concessionario esclusivo in Italia del Gioco del Lotto. Le sue competenze comprendono la gestione di tutte le attività comprese nel ciclo di valore delle Lotterie e giochi online nonché delle lotterie tradizionali. P 12

13 Bilancio Consolidato al 31 Dicembre 2013 GTECH ha sviluppato e continua a sviluppare nuovi sistemi per Lotterie, a concedere in licenza nuovi marchi di giochi agli enti regolatori delle varie giurisdizioni e ad installare un intera gamma di nuovi apparecchi per la distribuzione dei biglietti delle lotterie. Tutte le attività sono ideate per assicurare un significativo livello di crescita delle vendite attraverso la rete distributiva esistente. Soluzioni di gioco GTECH progetta, sviluppa, produce e fornisce macchine, giochi, sistemi e software per il mercato regolamentato dei giochi nel mercato mondiale, è leader mondiale nella fornitura delle Video Lottery Terminal (VLT), dei relativi sistemi centrali e giochi in Nord America ed Europa, nonché fornitore leader di Video Lottery Terminal e giochi negli Stati Uniti. GTECH è anche fornitore leader di slot machine tradizionali e video slot machine, e di sistemi di gioco per casinò in Europa, Asia, America Latina, e negli Stati Uniti per i Native American. Inoltre, è fornitore di AWP e software di gioco in Europa. Scommesse Sportive GTECH offre una piattaforma di scommesse sportive che consiste in un nucleo centrale associato a moduli di supporto. La piattaforma è utilizzata dalle lotterie e dagli operatori commerciali più importanti nel mondo. Il nostro approccio modulare permette di adattare ogni componente alle architetture tecniche specifiche dei clienti e di creare in tal moso un prodotto unico. GTECH offre scommesse su eventi sportivi, corse di auto e moto ed eventi non sportivi legati al mondo dello spettacolo, musica, cultura ed eventi di cronaca nazionale ed internazionale. Servizi Commerciali GTECH offre servizi di processing su elevati volumi di transazioni commerciali non collegate alle Lotterie, tra cui ricariche prepagate per telefonia cellulare, pagamento delle utenze, e servizi di biglietterie sportiva e musicale. Offreinoltre servizi di riscossione, processing e servizi di rete. GTECH emette moneta elettronica attraverso la conversione immediata dei fondi ricevuti, nonché ulteriori servizi. Giochi Interattivi GTECH fornisce giochi interattivi online come il poker online, casinò, bingo ed altri giochi da tavola, tutti personalizzabili. Il gioco del poker di GTECH è il primo prodotto industriale poker perfettamente compatibile con Mac, e di conseguenza è al 100% compatibile con tutti i più importanti dispositivi e piattaforme. I prodotti di casinò online comprendono un ampia selezione di giochi da tavola e slot in modalità singola, multiplayer e torneo. Le nostre soluzioni relative al gioco del bingo offrono Bingo Live interattivo e sociale, disponibile in quattro Stati ed in quattro lingue, tutti con il contenuto aggiornato per essere più adeguati alle regioni specifiche. Per ulteriori informazioni sulla Società si prega di far riferimento al sito web: gtech.com/it/index.html. P 13

14 Relazione Finanziaria Annuale 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Analisi dell andamento economico e finanziario Di seguito sono presentati i principali indicatori finanziari della Società (in migliaia di euro, eccetto per gli importi relativi al numero delle azioni). Indicatori finanziari Per l esercizio chiuso al 31 Dicembre Variazioni (migliaia di euro) % Ricavi (12.851) (0,4) EBITDA ,5 Risultato operativo (24.015) (4,1) Risultato netto di pertinenza della Società (57.702) (24,8) Risultato diluito per azione 1,01 1,35 (0,34) (25,2) 31 Dicembre Variazioni (a) % Posizione finanziaria netta (41.612) (1,6) (a) Saldi riesposti per riflettere l adozione anticipata dell IFRS 11 al 1 Gennaio Ulteriori informazioni sono disponibili nella sezione Adozione dell IFRS 11 Accordi a controllo congiunto nella presente relazione sulla gestione e nelle Note 2 e 11 del presente Bilancio Consolidato al 31 Dicembre EBITDA L EBITDA viene considerato indicatore alternativo di performance, ma non è un indice definito in base agli International Financial Reporting Standards ( IFRS ) e può quindi non tenere conto dei requisiti disposti dagli IFRS in termini di rilevazione, valutazione e presentazione. Riteniamo che l EBITDA aiuti a spiegare gli andamenti delle performance operative, fornisca utili informazioni in merito alla capacità di gestire l indebitamento e sia comunemente utilizzato dagli analisti ed investitori del settore del gioco, quale indicatore di performance. L EBITDA non deve essere considerato alternativo al risultato operativo quale indicatore delle performance o ai flussi di cassa come misura della liquidità. Per come definito, l EBITDA potrebbe non essere comparabile con il medesimo indicatore utilizzato da altre società. La composizione dell EBITDA è la seguente: EBITDA Per l esercizio chiuso al 31 Dicembre Variazioni (migliaia di euro) % Risultato operativo (24.015) (4,1) Ammortamenti immobilizzazioni materiali ,9 Ammortamenti immobilizzazioni immateriali ,0 Costi di ristrutturazione >200.0 Perdite di valore, nette (169) (2,7) Altro ,9 EBITDA ,5 P 14

15 Bilancio Consolidato al 31 Dicembre 2013 I Costi di ristrutturazione sono relativi principalmente alla razionalizzazione delle attività inerenti al settore dei Giochi interattivi, ai progetti di ottimizzazioni nell ambito delle Lotterie, ed ai costi associati alla riorganizzazione gestionale della Società. Confronto tra l esercizio chiuso al 31 Dicembre 2013 ed al 31 Dicembre 2012 Ricavi Per l esercizio chiuso al 31 Dicembre Variazioni (migliaia di euro) % Settore operativo Americhe ,9 Internazionale (55.852) (14,4) Italia (78.841) (4,3) (13.037) (0,4) Rilevazione delle aggregazioni aziendali , (12.851) (0,4) I ricavi generati nel corso dell esercizio chiuso al 31 Dicembre 2013 sono diminuiti dello 0,4% rispetto all esercizio precedente. Tale variazione è dovuta principalmente ai minori ricavi generati nel settore Italia principalmente nelle Soluzioni di Gioco, ai minori ricavi generati dal settore Internazionale per effetto di vendite di prodotti più elevate nel corso del 2012, e all impatto sfavorevole del tasso di cambio in valuta estera ( 46,0 milioni). La variazione in diminuzione è parzialmente compensata dai maggiori ricavi nel settore Americhe relativi alla vendita di apparati di gioco in Canada. Risultato operativo Per l esercizio chiuso al 31 Dicembre Variazioni (migliaia di euro) % Settore operativo Americhe ,7 Internazionale (4.846) (8,7) Italia (41.891) (7,7) (13.334) (1,9) Supporto Corporate (56.065) (41.184) (14.881) 36,1 Rilevazione delle aggregazioni aziendali (57.283) (61.483) (6,8) (24.015) (4,1) Il risultato operativo registra una diminuzione del 4,1% nell esercizio chiuso al 31 Dicembre 2013 rispetto all esercizio precedente. Tale variazione deriva da una diminuzione del risultato operativo registrato nelle Soluzioni di Gioco del settore Italia dovuto in parte all accantonamento di 30 milioni relativo al Contenzioso AWP ed all aumento della tassazione sulle macchine da gioco, i cui effetti sono stati parzialmente compensati dalla minore percentuale di payout nelle scommesse sportive. La variazione nella voce Supporto Corporate è principalmente dovuta agli accantonamenti per oneri di ristrutturazione P 15

16 Relazione Finanziaria Annuale 2013 connessi alla suddetta riorganizzazione. La variazione nella voce Supporto Corporate è principalmente dovuta al processo di riadeguamento dei fondi rischi ed oneri avvenuto nell esercizio La variazione in diminuzione è parzialmente compensata dal maggiore risultato operativo registrato nel settore Americhe per effetto della vendita di apparati di gioco in Canada. Ricavi I ricavi generati nel corso dell esercizio chiuso al 31 Dicembre 2013, suddivisi in base alla tipologia di ricavo e settore operativo, sono così costituiti: Per l esercizio chiuso al 31 Dicembre Variazioni (migliaia di euro) % Ricavi da servizi Americhe ,0 Internazionale (10.934) (4,2) Italia (73.036) (4,0) (38.738) (1,4) Rilevazione delle aggregazioni aziendali , (38.552) (1,4) Vendita prodotti Americhe ,5 Internazionale (44.918) (35,1) Italia (5.805) (67,1) ,1 Rilevazione delle aggregazioni aziendali ,1 Totale ricavi Americhe ,9 Internazionale (55.852) (14,4) Italia (78.841) (4,3) (13.037) (0,4) Rilevazione delle aggregazioni aziendali , (12.851) (0,4) P 16

17 Bilancio Consolidato al 31 Dicembre 2013 Settore Americhe I ricavi relativi al settore Americhe sono così costituiti: Per l esercizio chiuso al 31 Dicembre Variazioni (migliaia di euro) % Ricavi da servizi Lotterie ,3 Soluzioni di gioco ,0 Servizi di gestione delle Lotterie ,2 Altro , ,0 Vendita prodotti Lotterie ,5 Soluzioni di gioco ,3 Altro , ,5 Totale ricavi Lotterie ,3 Soluzioni di gioco ,6 Servizi di gestione delle Lotterie ,2 Altro , ,9 I ricavi realizzati nel settore Americhe nell esercizio chiuso al 31 Dicembre 2013 sono aumentati del 13,9% rispetto all esercizio precedente, principalmente per effetto della vendita di apparati di gioco in Canada, dal rimborso di alcuni costi operativi dalla Lotterie dell Indiana dal 1 Luglio 2013, e dall incremento del 3,1% nei contratti esistenti per le Lotterie. Tali incrementi sono parzialmente compensati dall impatto sfavorevole del tasso di cambio in valuta estera. I ricavi generati dai contratti esistenti hanno beneficiato dell effetto del jackpot multistato accumulato dal gioco Power Ball nonché dal proseguimento della crescita delle vendite relative alle lotterie istantanee, in particolare negli Stati del Texas, Nord Carolina e California. Settore Internazionale I ricavi relativi al settore Internazionale sono così costituiti: Per l esercizio chiuso al 31 Dicembre Variazioni (migliaia di euro) % Ricavi da servizi Lotterie (4.318) (2,4) Soluzioni di gioco ,6 Altro (11.974) (21,0) (10.934) (4,2) Vendita prodotti Lotterie (35.682) (63,8) Soluzioni di gioco (6.809) (10,4) Altro (2.427) (37,4) (44.918) (35,1) Totale ricavi Lotterie (40.000) (17,0) Soluzioni di gioco (1.451) (1,7) Altro (14.401) (22,6) (55.852) (14,4) P 17

18 Relazione Finanziaria Annuale 2013 I ricavi realizzati nel settore Internazionale nel corso dell esercizio chiuso al 31 Dicembre 2013 sono diminuiti del 14,4% rispetto all esercizio precedente. Tale variazione è influenzata da un forte incremento nelle vendite di prodotti registrato nell esercizio 2012 a seguito delle operazioni di fornitura realizzate con clienti nel Regno Unito ed in Francia. I ricavi derivanti dalle lotterie realizzati nell esercizio chiuso al 31 Dicembre 2013 si sono, invece, mantenuti in linea con quelli relativi all esercizio chiuso al 31 Dicembre I ricavi totali hanno subito l impatto sfavorevole della conversione delle poste in valuta estera. La voce Altro riferibile sia al settore Americhe che Internazionale include i ricavi derivanti dalle Scommesse Sportive, Servizi Commerciali e Giochi Interattivi. Settore Italia I ricavi relativi al settore Italia sono così costituiti: Per l esercizio chiuso al 31 Dicembre Variazioni (migliaia di euro) % Ricavi da servizi Lotto ,4 Lotterie Istantanee (4.840) (1,3) Lotterie ,1 Soluzioni di gioco (84.044) (12,6) Scommesse sportive ,5 Servizi Commerciali ,8 Giochi Interattivi (9.803) (11,2) (73.036) (4,0) Vendita prodotti Soluzioni di gioco (5.805) (67,1) (5.805) (67,1) Totale ricavi Lotto ,4 Lotterie Istantanee (4.840) (1,3) Lotterie ,1 Soluzioni di gioco (89.849) (13,3) Scommesse sportive ,5 Servizi Commerciali ,8 Giochi Interattivi (9.803) (11,2) (78.841) (4,3) I ricavi derivanti dalle Soluzioni di gioco sono relativi prevalentemente alle attività riguardanti la gestione delle AWP e VLT svolte in regime di concessione e dalla partecipazione ai ricavi per le AWP e VLT gestite da altri concessionari. Di seguito viene riportata un analisi dell andamento dei prodotti offerti e dei servizi resi, per singola tipologia, nell ambito del settore Italia relativamente all esercizio chiuso al 31 Dicembre 2013 rispetto all esercizio precedente. P 18

19 Bilancio Consolidato al 31 Dicembre 2013 Lotto I ricavi relativi al Gioco del Lotto nell esercizio chiuso al 31 Dicembre 2013 sono aumentati dell 1,4% rispetto all esercizio precedente, principalmente per effetto dell incremento della raccolta relativa ai numeri ritardatari, parzialmente compensata dalla diminuzione della raccolta core così come evidenziato nella tabella di seguito riportata. La diminuzione della raccolta core è stata parzialmente compensata dall incremento della raccolta relativa al gioco 10eLotto. Lotto Per l esercizio chiuso al 31 Dicembre Variazioni (milioni di euro) Raccolta % Raccolta core 5.678, ,9 (2,4) (0,0) Raccolta su numeri ritardatari 654,2 540,3 113,9 21, , ,2 111,5 1,8 Lotterie istantanee I ricavi relativi alle Lotterie istantanee nell esercizio chiuso al 31 Dicembre 2013 sono diminuiti dell 1,3% rispetto all esercizio precedente, principalmente per effetto della diminuzione nelle vendite dei biglietti, così come di seguito riportato. Lotterie istantanee Per l esercizio chiuso al 31 Dicembre Variazioni Ammontare % Totale vendite (in milioni di euro) 9.573, ,0 (155,2) (1,6) Totale biglietti venduti (in milioni) 1.970, ,2 (127,4) (6,1) Prezzo medio di vendita (euro) 4,86 4,64 0,22 4,7 Soluzioni di Gioco I ricavi relativi alle Soluzioni di Gioco realizzati nell esercizio chiuso al 31 Dicembre 2013 sono diminuiti del 12,6% rispetto all esercizio precedente, principalmente per effetto dell aumento della tassazione sulle macchine di gioco, che ha avuto un impatto sulla raccolta e sulla produttività per macchina. Tale diminuzione è stata tuttavia parzialmente compensata dalla raccolta realizzata sulle nuove macchine installate. Soluzioni di Gioco Per l esercizio chiuso al 31 Dicembre Variazioni (milioni di euro) Ammontare % Raccolta VLT 6.458, ,9 (1.196,4) (15,6) Raccolta AWP 4.532, ,3 49,1 1,1 Totale raccolta , ,2 (1.147,3) (9,5) (Installate a fine Dicembre) VLT installate ,6 AWP installate ,4 Totale macchine installate ,5 P 19

20 Relazione Finanziaria Annuale 2013 Il totale della raccolta ed il totale delle macchine installate fa riferimento alle attività relative alla gestione delle AWP e VLT svolte in regime di concessione. Scommesse Sportive I ricavi relativi al settore Scommesse Sportive nell esercizio chiuso al 31 Dicembre 2013 sono aumentati del 13,5% rispetto all esercizio precedente, principalmente per effetto della minore percentuale di payout, parzialmente compensata da una diminuzione nella raccolta, così come riportato di seguito. Al 31 Dicembre 2013 il numero di punti vendita operativi è pari a n per le scommesse a quota fissa e n. 340 per i concorsi a pronostico. Scommesse Sportive Per l esercizio chiuso al 31 Dicembre Variazioni (milioni di euro) Raccolta % Raccolta Scommesse Sportive a quota fissa ed altri 778,5 885,3 (106,8) (12,1) Servizi Commerciali I ricavi relativi al settore Servizi Commerciali nell esercizio chiuso al 31 Dicembre 2013 sono aumentati dello 0,8% rispetto all esercizio precedente principalmente per effetto del maggior numero di transazioni processate. Giochi interattivi I ricavi generati dal settore Giochi interattivi nell esercizio chiuso al 31 Dicembre 2013 sono diminuiti dell 11,2% rispetto all esercizio precedente 2013 per effetto dalla contrazione nella raccolta relativa al gioco del poker. Giochi interattivi Per l esercizio chiuso al 31 Dicembre Variazioni (milioni di euro) Raccolta % Raccolta Giochi interattivi 1.990, ,7 (143,8) (6,7) Personale Di seguito si riporta la composizione del personale di GTECH: Numero dipendenti 31 Dicembre Media Organico Dirigenti Quadri Impiegati ed operai Lavoratori con contratti temporanei P 20

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli