Making Business Easier

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Making Business Easier"

Transcript

1 Making Business Easier Il settore Gaming & Betting in Italia Ottobre 2009 Documento strettamente riservato e confidenziale

2 Indice Introduzione Le tipologie di gioco nel mercato italiano e la normativa di riferimento... - Le tipologie di gioco nel mercato italiano... - Gli operatori del settore... - L evoluzione normativa del settore... - La normativa delle slot machines... - Il regime autorizzatorio delle new slot (apparecchi comma 6)... - Il regime autorizzatorio delle new slot 2 (apparecchi comma 6, a)... - Il regime autorizzatorio degli apparecchi comma La normativa dei giochi on line... - La normativa delle lotteries il lotto... - La normativa delle lotteries il superenalotto... - La normativa delle lotteries le lotterie tradizionali... - La normativa delle lotteries le lotterie istantanee... - Le scommesse a totalizzatore e a quota fissa... - La normativa dei concorsi pronostici... - La normativa delle scommesse... - La normativa del bingo La raccolta complessiva del gioco in Italia... - La raccolta del mercato italiano dei giochi... - La raccolta del mercato italiano dei giochi suddivisa per tipologia Il boom del gioco on line... - La raccolta del gioco on line... - La raccolta delle scommesse sportive on line... - La raccolta del poker e dell on line skill game... - La raccolta delle lotterie istantanee on line... Pag. 6 Pag. 7 Pag. 8 Pag. 10 Pag. 11 Pag. 15 Pag. 17 Pag. 18 Pag. 19 Pag. 20 Pag. 22 Pag. 23 Pag. 25 Pag. 26 Pag. 27 Pag. 28 Pag. 30 Pag. 33 Pag. 34 Pag. 35 Pag. 36 Pag. 37 Pag. 38 Pag. 40 Pag. 42 Pag. 46 2

3 Indice 4. Focus sui principali operatori del mercato italiano dei giochi on line... - Gli operatori del settore... - I principali operatori del mercato italiano dei giochi on line... - Il network Playtech... - Il network Playtech Snai... - Il network Playtech Matchpoint (Sisal)... - Il network Playtech Eurobet... - Il network Playtech Cogetech... - Il network Microgame... - Il network Microgame People s Poker... - Il network Microgame Scommesse Sportive On line... - Il network Leonardo Service Provider... - Player indipendenti Gioco Digitale... -Player indipendenti Lottomatica... - Player indipendenti Bwin... - Player indipendenti Pokerstars Le principali M&A transaction del settore... - L analisi delle recenti M&A transaction... Pag. 47 Pag. 48 Pag. 49 Pag. 50 Pag. 52 Pag. 53 Pag. 54 Pag. 55 Pag. 56 Pag. 57 Pag. 58 Pag. 59 Pag. 60 Pag. 62 Pag. 64 Pag. 66 Pag. 67 Pag I potenziali investitori ed i target del settore... Pag I potenziali investitori e target d investimento... Pag I potenziali investitori... Pag I target d investimento... Pag L andamento degli indici di settore... Pag. 77 3

4 Indice 7. Focus sugli operatori italiani del settore, quotati... - Lottomatica S.p.A Snai S.p.A I multipli di borsa degli operatori... Appendice I: i comparable europei... - I comparable europei... - Opap Sa... - William Hill Plc... - Ladbrokes Plc... - Party Gaming Plc... - Paddy Power Plc... - Bwin Interactive Entertainment... - Intralot Sa Integreted Lottery... - Unibet Group Plc... - Rank Group Plc... - Sportingbet Plc... - Betsson Ab... - Codere Sa Holding Plc... - Tipp24 Se... - Sportech Plc... - Gaming Vc Holdings Sa... - Bet-At-Home.com Ag... - Sceptre Leisure Plc... - Escor Casino& Entertainment Br Red Plc... - Probability Plc... - Leisure&Gaming Plc... Pag. 78 Pag. 79 Pag. 81 Pag. 83 Pag. 84 Pag. 85 Pag. 86 Pag. 87 Pag. 88 Pag. 89 Pag. 90 Pag. 91 Pag. 92 Pag. 93 Pag. 94 Pag. 95 Pag. 96 Pag. 97 Pag. 98 Pag. 99 Pag. 100 Pag. 101 Pag. 102 Pag. 103 Pag. 104 Pag. 105 Pag. 106 Pag

5 Introduzione 5

6 Introduzione Methorios Capital ha realizzato il presente studio che tratta l analisi del Gaming & Betting in Italia, in quanto trattasi di un settore che nel corso degli ultimi anni è stato caratterizzato da una forte crescita che, secondo previsioni, continuerà anche nei prossimi anni. Il documento che si compone di 7 capitoli e di un Appendice, può essere suddiviso in: una prima sezione (dal capitolo 1 al capitolo 4) nella quale, oltre ad operare una classificazione delle diverse tipologie i di gioco e ad evidenziare i la relativa normativa di riferimento, i si forniscono i dati della raccolta del mercato complessivo italiano e delle diverse tipologie di gioco. Si effettua, inoltre,unfocussulgiocoonlinein termini di raccolta, di quota di mercato e di principali operatori; una seconda sezione (dal capitolo 5 al capitolo 7) nella quale vengono illustrate le seguenti caratteristiche del settore: - le principali M&A transaction realizzate dal 2006 fino al primo semestre 2009; - i potenziali investitori e target di investimento del settore; - gli operatori italiani quotati (le informazioni sugli operatori quotati europei con capitalizzazione di mercato superiore a 10 milioni di euro, sono riportati in Appendice) e multipli di settore. 6

7 1. Le tipologie di gioco nel mercato italiano e la normativa a di riferimento 7

8 Le tipologie di gioco nel mercato italiano Il settore dei giochi e delle scommesse comprende le più svariate tipologie di estrazioni, eventi e manifestazioni che possono essere oggetto di diverse classificazioni. Ai fini del presente lavoro, si è ritenuto opportuno seguire la seguente classificazione (l ordine è stato determinato dall ammontare della raccolta totalizzata nei primi 6 mesi del 2009): apparecchi e congegni da divertimento ed intrattenimento (slot machines), al cui interno sono ricompresi: New Slot, definite anche apparecchi comma 6, in quanto disciplinati al comma 6 dell art. 110 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza ( TULPS ). Si tratta di apparecchi automatici, semiautomatici ed elettronici che si caratterizzano per il fatto di erogare direttamente, subito dopo la conclusione della partita dal costo non eccedente 50 centesimi di euro,vinciteindenaroilcuivalorenonpuòessere superiore a 50 euro. Secondo il dettato di legge, tali apparecchiature potranno restare in circolazione fino al 31/12/2009; New Slot 2, definite anche apparecchi comma 6 lettera a), in quanto disciplinati dal comma 6, lettera a), dell art. 110 del TULPS e che andranno a sostituire gradualmente le new slot. Si tratta di dispositivi obbligatoriamente collegati alla rete telematica e seppur genericamente ascrivibili alla tipologia new slot, risultano caratterizzati ti da parametri tidi funzionamento diversi: i per esempio il costo dll della partita non può essere superiore a 1 euro, il valore della vincita in denaro non può essere superiore a 100 euro; Videolottery, definite anche apparecchi comma 6 lettera b), in quanto disciplinati dal comma 6, lettera b) dell art art.110 del TULPS. L AAMS LAAMS dovrà emanare un apposita regolamentazione allo scopo di avviare la fase sperimentale di funzionamento di tali nuovi congegni da gioco che si affiancheranno all attuale parco macchine presente sul mercato; Apparecchi comma 7, art. 110 del TULPS che comprendono le redemption (privi di monitor che distribuiscono prodotti di piccola oggettistica, non convertibili in denaro) e gli altri apparecchi basati sull abilità del giocatore; 8

9 Le tipologie di gioco nel mercato italiano giochi on line, al cui interno sono ricompresi: lotteries: scommesse sportive; scommesse ippiche a quota fissa; poker e on line skill game; lotterie istantanee; altre scommesse (totocalcio, il 9, totogol, big match, big race); lotto; superenalotto; lotterie tradizionali; lotterie istantanee; scommesse a totalizzatore e a quote fisse e concorsi pronostici (totogol, totocalcio, il 9, totip); bingo. 9

10 Gli operatori del settore Al vertice di tutto il mercato dei giochi si pone la Pubblica Amministrazione che, attraverso l AAMS AAMS, regolamenta il funzionamento del settore. Al livello immediatamente successivo, si pongono i concessionari che, a seconda della tipologia di gioco, richiedono l autorizzazione direttamente all AAMS oppure si configurano come concessionari esclusivi (sono tali Lottomatica S.p.A. per il lotto nonché per le lotterie istantanee e differite; Sisal S.p.A. per il superenalotto e Snai S.p.A. per le scommesse sportive ed ippiche). All ultimo livello si pongono gli esercenti/operatori che erogano materialmente il prodotto/servizio al cliente finale. CONCESSIONARI DI APPARECCHI E CONGEGNI DA DIVERTIMENTO E INTRATTENIMENTO CONCESSIONARIO ESCLUSIVO DEL LOTTO, LOTTERIE ISTANTANEE E DIFFERITE CONCESSIONARIO ESCLUSIVO DEL SUPERENALOTTO CONCESSIONARIO ESCLUSIVO SCOMMESSE SPORTIVE ED IPPICHE CONCESSIONARI GIOCHI ON LINE ESERCENTI/ ESERCENTI/ ESERCENTI/ ESERCENTI/ OPERATORI OPERATORI OPERATORI OPERATORI OPERATORI 10

11 L evoluzione normativa del settore Il settore del gaming in Italia è assoggettato ad un regime di monopolio essenzialmente per tutelare: gli interessi finanziari correlati alla salvaguardia degli introiti erariali; la protezione dell ordine sociale e la prevenzione delle infiltrazioni criminali. La regolamentazione del settore gaming, per i molteplici profili d interesse che presenta, coinvolge diversi organismi statali a livello centrale i quali, ciascuno per gli aspetti di propria pertinenza, risultano investiti di specifiche funzioni. Gli organi dello Stato cui sono conferite le funzioni statali in materia di giochi sono: l Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato ( AAMS ), organo del Ministero dell Economia e delle Finanze. Con il DPR 33 del 24/01/2002 si è proceduto ad attribuire a quest ultima tutte le funzioni statali in materia di giochi e scommesse. In particolare AAMS si occupa di: regolare il riassetto di tutto il mercato al fine di favorirne l apertura e l efficienza, i attraverso il rilascio i delle autorizzazioni; svolgere tutte le funzioni in materia di giochi, scommesse e concorsi pronostici. È stato stabilito che in relazione alle attività di pertinenza del Coni (esercizio dei giuochi di abilità e di concorsi pronostici connessi con manifestazioni sportive svolte sotto il proprio controllo), svolge la funzione di gestione e controllo delle scommesse su tali eventi (compreso il potere di attribuzione o revoca delle concessioni); svolgere funzioni di amministrazione, riscossione e contenzioso delle entrate tributarie riferite ai giochi, anche di abilità, ai concorsi pronostici, alle scommesse e agli apparecchi da divertimento e intrattenimento (in precedenza affidate all Agenzia delle Entrate); svolgere le funzioni attribuite dal Ministero dell Economia e delle Finanze in materia di giochi, scommesse e concorsi pronostici, comprese quelle riguardanti i relativi tributi, ad eccezione delle imposte dirette e dell IVA (che continuano a far capo all Agenzia delle Entrate); 11

12 L evoluzione normativa del settore la Guardia di Finanza, orientata a contrastare ogni fenomeno illegale che comporti la lesione del monopolio di settore causando danni agli interessi erariali e a combattere l esercizio abusivo delle attività ludiche; gli altri organi statali ttlioperanti pr nel comparto prt che si occupano prevalentemente t dll della gestione e organizzazione zi della raccolta dei giochi, scommesse e pronostici. Rientrano in tale ambito: le commissioni incaricate di vigilare sulle estrazioni del gioco del lotto; la commissione di vigilanza e controllo sulla regolarità delle gare e del gioco relativi alle corse dei cavalli; il comitato generale per i giochi con funzione di direzione nell organizzazione delle lotterie nazionali; la commissione centrale del gioco del lotto, chiamata a decidere su eventuali reclami dei giocatori; la commissione per la trasparenza dei giochi, che vigila sulla regolarità dell esercizio del lotto, delle lotterie, delle scommesse e dei concorsi pronostici; la consulta tecnica nazionale dei giochi con funzioni propositive e consultive in materia di lotto, lotterie, giochi, scommesse e concorsi pronostici; l Agenzia dei Giochi, sitrattadiun agenziafiscaleperlagestione delle funzioni esercitate da AAMS alla quale trasferire i rapporti giuridici, i poteri e le competenze proprie dell AAMS AAMS. Tale agenzia è stata istituita il 1 marzo

13 L evoluzione normativa del settore Il 27 Giugno 2009, con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, è entrato in vigore il decreto legge per la ricostruzione dell Abruzzo contenente novità per il comparto giochi (art.12), che ha l'obiettivo di assicurare entrate non inferiori a 500 milioni di euro annui a decorrere dall'anno 2009, da destinare alla regione colpita dal sisma. A tale scopo sono stati introdotti: nuovi gratta e vinci; un nuovo gioco ippico in sostituzione del totip; in caso di bisogno, potranno essere effettuate ulteriori estrazioni del lotto, potranno essere concepite innovative modalità dliàdidi gioco dls del Superenalotto e sarà concesso alle tabaccherie di aprire anche la domenica. Ancheilregolamentodelgiocoonlineèstatoritoccato.Peril poker, è stata introdotta la modalità di gioco cash game (possibilità di fare partite senza doversi iscrivere necessariamente ad un torneo), un tempo considerata pericolosa ed illegale, sarà ora disponibile su tutte le poker room autorizzate dall AAMS AAMS. Allo stesso modo, si dà il via ai cosiddetti «giochi di sorte a quota fissa», vale a dire roulette e altri giochi da casinò in versione on line. 13

14 L evoluzione normativa del settore E previsto un rafforzamento dei poteri di controllo dei concessionari relativamente agli apparecchi da gioco lecito con vincite in denaro. Questi avranno: la possibilità di accedere, con propri incaricati, nei locali di gioco per effettuare ispezioni tecniche ed amministrative sul corretto esercizio degli apparecchi; l obbligo di segnalare all AAMS e agli organi di Polizia gli illeciti riscontrati, anche riferiti ad apparecchi di altri concessionari; Il decreto consente, inoltre, di avviare a regime le c.d. video lotteries. L AAMS potrà: stabilire il prelievo erariale unico ( PREU ), comunque non superiore al quattro per cento delle somme giocate, con la possibilità di graduare, nel tempo, le percentuali di tassazione in modo crescente, per favorire le fasi di avvio di dei nuovi sistemi i di gioco; definire le caratteristiche degli ambienti dedicati, nonché il rapporto tra loro superficie e numero di videoterminali; concedere l'autorizzazione ad installare videoterminali (fino ad un massimo del 14 per cento del numero di nulla osta già posseduti dai concessionari), previo versamento di una somma di euro per ogni videoterminale; identificare le procedure per l'individuazione dei nuovi concessionari. 14

15 La normativa delle slot machines La disciplina che regola l importazione, la produzione e l installazione degli apparecchi e congegni da divertimento e intrattenimento contemplati nel TULPS è stata oggetto di recente rivisitazione al fine di contrastare il proliferare di congegni utilizzati per il gioco d azzardo. Attualmente, il settore degli apparecchi con vincita in denaro è caratterizzato dalla presenza sul mercato di congegni dotati di nulla osta di distribuzione e per la messa in esercizio, rilasciati sulla base delle disposizioni contenute nella legge 388/2000 e sulla base delle regole tecniche di produzione e di funzionamento previste dal decreto direttivo ettvoaams. La riforma della normativa prevede oltre ad un regime di proroga (fino al 31/12/2009) per i congegni attualmente installati (le c.d. New Slot o apparecchi comma 6), l introduzione di nuove tipologie di apparecchi da gioco lecito in sostituzione dell attuale tipologia di apparecchi con vincita in denaro. La nuova tipologia prevede due categorie di apparecchi: quelli di cui alla lettera a) dell art. 110 comma 6 del TULPS (c.d New Slot 2), che pur essendo accomunati alle New Slot in quanto obbligatoriamente collegati alla rete telematica, risultano caratterizzati da parametri di funzionamento diversii dagli apparecchi attualmente t presenti sul mercato. Tli Tali apparecchi possono essere commercializzati e messi in funzione soltanto all esito dello sviluppo di un apposita sperimentazione sul territorio. La vincita conseguibile con gli apparecchi in questione è del tutto aleatoria, essendo determinata dai codici di funzionamento degli stessi. Detto codice è tarato in modo da garantire, su un ciclo complessivo non superiore a partite consecutive, la restituzione i ai giocatori i di un importo non inferiore i al 75% dll delle somme giocate. Tra le novità introdotte, è stato eliminato l obbligo di distribuzione delle vincite esclusivamente in monete metalliche; 15

16 La normativa delle slot machines quelli di cui alla lettera b) dell art. 110 comma 6 del TULPS che, pur facenti parte della rete telematica, hanno un meccanismo di funzionamento del tutto assimilabile alle Videolottery. Tali apparecchi si attiveranno esclusivamente in presenza di un collegamento a un sistema di elaborazione ubicato sempre sulla rete telematica di AAMS e il software di gioco, a differenza di quanto accade per gli attuali apparecchi, non sarà più memorizzato nella scheda installata all interno del cabinet della macchina ma sarà installato e funzionerà sulla rete telematica direttamente gestita da AAMS. Infine, il comma 7 dell art. 110 del TULPS prevedeede altre categorie di apparecchi: redemptions, privi di monitor che distribuiscono, in seguito a prove di capacità fisica, mentale o strategica, piccola oggettistica non convertibile in denaro o scambiabili con premi di diversa specie. Sono attivabili con l introduzione di monete metalliche di importo complessivo non superiore, per ciascuna partita, ad un euro mentre il valore di ogni premio erogabile non può eccedere di venti volte il costo della partita; altri apparecchi basati sulla sola abilità del giocatore che non distribuiscono premi e per i quali la durata della partita, che può avere costo superiore a 50 centesimi di euro, è direttamente proporzionale all abilità e capacità strategiche dell utilizzatore; videopoker che non risultano più classificabili tra gli apparecchi per il gioco lecito. 16

17 Il regime autorizzatorio delle new slot (apparecchi comma 6) Indipendentemente dalla tipologia di apparecchio, la produzione, l importazione, la distribuzione e l uso di ciascuno di essi è soggetta ad autorizzazione dell AAMS. Una volta che il produttore o l importatore ha ottenuto l omologazione lomologazione (cioè sia stata verificata la conformità del prototipo alle prestazioni di idoneità fissate per il gioco lecito), attestata dal rilascio di un apposito certificato di conformità, richiede il nulla osta di distribuzione per un determinato numero di apparecchi. L uso al pubblico degli apparecchi è successivamente subordinato al rilascio di un nulla osta per la messa in esercizio. A partire dal 1 novembre 2005, gli apparecchi comma 6 devono essere obbligatoriamente collegati ad una rete di gestione telematica affidata a soggetti concessionari, individuati sulla base di gara ad evidenza pubblica ai quali va corrisposto un canone pari al 3% delle somme giocate. Gli attori della filiera gestoria risultano essere: concessionario che, oltre ad assicurare l operatività della rete (per la quale gli viene riconosciuto un aggio non superiore al 3%), è il soggetto obbligato agli adempimenti connessi al rilascio del titolo autorizzatorio ed ha la diretta responsabilità della raccolta degli importi delle giocate non restituite dalla macchina; gestore, che svolge un attività ità diretta alla distribuzione, ib i installazione i e gestione economica degli apparecchi di cui ha pure il possesso. Il gestore è autorizzato da AAMS al collegamento degli apparecchi alla rete telematica; esercente che è il titolare del pubblico esercizio dove le macchine risultano installate (installazione che avviene a seguito della stipula di apposito contratto con il concessionario). Dietro pagamento di un compenso pari ad una certa percentuale delle giocate, fornisce lo spazio, l alimentazione elettrica, la custodia, ecc. 17

18 Il regime autorizzatorio delle new slot 2 (apparecchi comma 6, a) Gli apparecchi rientranti i nella categoria New Slot 2 possono essere installati i esclusivamente in esercizi ipubblici, i commerciali o punti di raccolta di altri giochi autorizzati, dotati di apparati che garantiscano la sicurezza e l immodificabilità della registrazione e della trasmissione dei dati di funzionamento e di gioco (c.d. Punti di Accesso o P.d.A.). Per questa nuova categoria di apparecchi è stata prevista una prima fase di sperimentazione della progettazione e della produzione delle schede di gioco dei nuovi congegni individuando così nella filiera gestoria la presenza, accanto a quelle già individuate per la gestione delle New Slot, di un altra figura: quella del produttore della scheda di gioco che per commercializzare i nuovi congegni deve ottenere l accreditamento al fine della successiva consegna del dispositivo di controllo di test. La verifica tecnica di conformità delle macchine da gioco inizia con l immissione sperimentale sul mercato per la quale l AAMS provvede arilasciare i una specifica autorizzazione i provvisoria i all installazione i di dei modelli dllipresso individuati id i punti vendita. Per la corretta gestione degli apparecchi nella fase di test, il concessionario deve assicurare che: l esercizio dove è ubicato l apparecchio sia stato precedentemente censito dal concessionario e deve quindi essere provvisto del codice AAMS; provvisto del codice AAMS; il P.d.A. deve essere stato a sua volta censito. Al termine del periodo di test, il modello sottoposto alle prove funzionali deve essere inviato all Organismo di certificazione i dopo aver effettuato una nuova richiesta ihi di verifica tecnica. Il produttore/importatore, prima di ottenere il nulla osta per la distribuzione e la messa in esercizio dei nuovi congegni, deve presentare un atto notorio nel quale si attesti la conformità di ogni singolo apparecchio all esemplare di modello certificato. Il procedimento per la richiesta e l attribuzione del nulla osta per la messa in esercizio da parte degli stessi concessionari di rete, segue lo stesso iter previsto per le New Slot, apparecchi comma 6). 18

19 Il regime autorizzatorio degli apparecchi comma 7 E stato stabilito che anche gli apparecchi di cui al comma 7 dell art. 110 del TULPS devono essere sottoposti alla verifica tecnica dell esemplare di modello. Quest ultima, volta ad accertare la conformità del prototipo stesso alle regole tecniche ih di produzione e di funzionamento introdotte dld dal decreto, è richiesta ihi mediante la presentazione da parte di tutti i produttori/importatori di apparecchi, dell esemplare di ciascun modello che intendono commercializzare alla Società Generale per l Informatica (Sogei S.p.A.), previo inoltro di apposita comunicazione all AAMS. A conclusione della verifica tecnica con esito positivo, l AAMS trasmette al produttore/importatore il certificato di conformità contenente anche il codice modello assegnato all esemplare sottoposto a verifica. Affinchè gli apparecchi possano essere distribuiti sul territorio, è necessario richiedere all ufficio periferico dell AAMS il nulla osta di distribuzione che contiene sia il codice modello definito nel certificato di conformità, sia il codice identificativo dell apparecchio. Anche se tali apparecchi non sono collegati ad una rete di gestione telematica, ne è stata comunque prevista una controllabilità a distanza mediante specifici sistemi elettronici di identificazione associati al nulla osta di distribuzione e di messa in esercizio. Si tratta di sistemi Radio Frequency Identification ( RFI ) o Paper e-sign che memorizzano i dati significativi in appositi chip leggibili da dispositivi portatili. 19

20 La normativa dei giochi on line La raccolta a distanza proveniente dai giochi o dalle scommesse effettuati su internet ha conosciuto negli ultimi tempi un consistente sviluppo a cui si è accompagnato il proliferare di fenomeni illeciti a causa della mancanza di una precisa codificazione normativa di contrasto provocando un certo impatto sulla stabilità dell intero impianto monopolistico. Non esistono attualmente una legge o una convenzione che vietino il gioco d azzardo esercitato su internet; il legislatore nazionale è intervenuto con previsioni di carattere inibitorio nei confronti delle società che erogano, in Italia, a, i servizi di connettività tà alla aarete internet. et. In particolare a l AAMS ha individuato dvduatoi siti st web illeciti (in quanto privi di autorizzazione statale), richiedendo ai provider nazionali che offrono i servizi di connettività alla rete internet, di inibirne l accesso agli utenti italiani. Con il D.L. 223 del 2006, è stata prevista la possibilità, con appositi provvedimenti da emanare a cura dell AAMS, di disciplinare i giochi di abilità a distanza con vincita in denaro, i c.d. skill game (vale a dire giochi in cui il risultato dipende in misura prevalente dall abilità del giocatore rispetto all elemento aleatorio). Le disposizioni introdotte prevedono che ai fini dell autorizzazione all esercizio dei giochi di abilità, il concessionario inoltri i ad AAMS apposita it istanza corredata dt dl dal progetto di piattaforma ittf di gioco; lo stesso vale per ottenere l autorizzazione all esercizio dei giochi di abilità tramite circuito di gioco. In caso di positivo riscontro, AAMS emanerà un apposito decreto autorizzativo. Solo i concessionari abilitati (cioè quelli titolari del diritto per l attivazione lattivazione della rete di gioco a distanza) possono presentare ad AAMS i propri schemi/progetti di gioco per la relativa approvazione. L elenco dei concessionari autorizzati è riportato sul sito dell AAMS. Tra i compiti del concessionario: promuovere i comportamenti responsabili di gioco e vigilare affinché il giocatore li adotti, nonché, impedire il gioco ai minori d età. 20

21 La normativa dei giochi on line L imposta unica di gioco è prevista nella misura del 3% della raccolta. La quota della raccolta destinata al montepremi è almeno pari all 80%. Il compenso del concessionario, a copertura della totalità dei costi per l esercizio del gioco, è costituito dalla quota residua della raccolta, al netto dell imposta unica e del montepremi. Il prezzo del diritto di partecipazione assume valori che oscillano tra multipli di 0,5 fino all importo massimo di 100. L importo della vincita o, nel caso in cui la medesima sessione di gioco consenta la corresponsione di più vincite, almeno l importo della vincita più alta, è superiore al prezzo del diritto di partecipazione. Il titolare del sistema (vale a dire il singolo concessionario autorizzato alla raccolta del gioco a distanza, in gradodi gestire un sistema di conti di gioco on line) esercita la raccolta di scommesse per via telefonica e telematica, tramite la sottoscrizione di un contratto di conto di gioco con il cliente scommettitore. La partecipazione a distanza al gioco è subordinata alla stipula del contratto tra giocatore e titolare di sistema. Dopo aver stipulato il contratto di conto di gioco, il titolare di sistema procede all apertura del conto scommesse o conto di gioco intestato allo scommettitore. Su tale conto vengono registrate le operazioni riguardanti il gioco con partecipazione a distanza. Il giocatore accede al proprio conto di gioco attraverso il codice di identificazione del conto e il codice personale segreto assegnatogli alla stipula del contratto di conto di gioco. Il titolare di sistema può esercitare l attività di commercializzazione di ricariche, nonché di distribuzione dello schema di contratto di conto di gioco anche mediante degli esercizi commerciali o punti di commercializzazione, previa stipula con questi ultimi di apposito contratto il cui schema tipo deve essere sottoposto all approvazione AAMS. 21

22 La normativa delle lotteries il lotto La disciplinai normativa che regola il gioco del lotto fa ancora riferimento, i in massima parte, al contenuto del R.D.L del 19/10/1938 e del R.D del 25/07/1940. Nel corso del tempo sono intervenute altre leggi a definire le modalità di esercizio del gioco. Tra le più recenti e importanti novità intervenute in materia, la possibilità a decorrere dal 3 luglio 2006 di giocare il lotto istantaneo. Si tratta di una nuova modalità di gioco che permette al giocatore interessato di concorrere con la stessa giocata effettuata per il lotto tradizionale a un ulteriore estrazione istantanea e personale. L apertura di una ricevitoria per la raccolta del gioco del lotto può essere effettuata soltanto da chi è già titolare di una rivendita ordinaria dei generi di monopolio. La domanda redatta su apposito modulo deve essere inoltrata all Ispettorato compartimentale competente per territorio nel periodo compreso tra 1 gennaio e il 1 marzo di ciascun anno. Ottenuta l assegnazione, il rivenditore provvede a sottoscrivere l atto di concessione alla raccolta dl del gioco dll del lotto presso l Ispettorato compartimentale competente, presentando la relativa documentazione richiesta (polizza assicurativa per furto e incendio, deposito cauzionale a garanzia del regolare versamento degli incassi, pagamento della somma, a titolo una tantum, di 1.291,14 per l installazione di ciascun terminale di gioco collegato telematicamente) allasocietà concessionaria i Lottomatica S.p.A. L esercizio dell attività di raccolta del gioco del lotto, dal punto di vista fiscale, viene gestita direttamente dall AAMS attraverso la concessionaria Lottomatica. Ciò consente di introitare direttamente tutte le somme giocate al netto delle vincite pagate dal rivenditore al quale, viene riconosciuto un aggio pari all 8% della raccolta complessiva delle giocate effettuate nella ricevitoria. Per il diritto esclusivo alla raccolta delle giocate, ogni raccoglitore è tenuto a corrispondere la tassa di concessione governativa. Al concessionario è riconosciuto un aggio, determinato con l applicazione di specifiche aliquote sugli scaglioni di incasso lordo delle giocate effettuate sui terminali meccanizzati. 22

23 La normativa delle lotteries il superenalotto Il superenalotto è stato istituito con il D.M. 29 del 29/10/1957 ma nel corso del tempo la disciplina di riferimento della materia ha subito numerose modificazioni. Per esempio, è stata introdotta una giocata opzionale abbinata, denominata superstar. Superenalotto e superstar rientrano in quelli che sono definiti giochi numerici a totalizzatore nazionale, vale a dire giochi di sorte basati sulla scelta di numeri da parte dei consumatori all atto della giocata, ovvero sull attribuzione alla giocata medesima di numeri determinati casualmente. L attribuzione delle concessioni per l esercizio della raccolta del concorso dopo che è confluito nei c.d. giochi numerici a totalizzatore nazionale, deve avvenire mediante apposita gara ad evidenza pubblica avviata il 29/06/2007. In precedenza la concessione è stata attribuita alla Sisal S.p.A. senza gara ad evidenza pubblica e di nuovo si è sancita l aggiudicazione provvisoria della procedura di selezione in favore della Sisal S.p.A. Per l apertura di una ricevitoria superenalotto è necessario presentare un istanza al concessionario (Sisal S.p.A.) che valuta la sussistenza dei requisiti e delle condizioni minime in capo ai richiedenti. La stessa società concessionaria può avviare sopralluoghi presso i locali destinati alla ricevitoria per valutarne l idoneità (per esempio il locale deve avere una distanza dll dalle altre ricevitorie it i non inferiore i a 200 mt). Il soggetto che intende diventare ricevitore del superenalotto deve attestare l insussistenza di procedimenti penali, un indiscussa affidabilità economica e una maturata esperienza nella gestione di attività commerciali. L attività di raccolta non può essere oggetto di cessione da parte del ricevitore senza l espresso consenso del concessionario. Il ricevitorepercepiscedirettamenteuncompenso pari all 8% della raccolta complessiva delle giocate effettuate nella propria ricevitoria. 23

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

Adotta il seguente regolamento:

Adotta il seguente regolamento: REGOLAMENTO RECANTE MODIFICAZIONI AL DECRETO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE 19 GIUGNO 2003, n. 179 RECANTE NORME CONCERNENTI I CONCORSI PRONOSTICI SU BASE SPORTIVA, AI SENSI DELL ARTICOLO 16

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni;

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; Prot. n. 4084 AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; VISTO l articolo 12, comma 1, lettera m), del decreto-legge

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Alessandro Gandolfo e Valeria De Bonis. Discussion Papers Collana di E-papers del Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa

Alessandro Gandolfo e Valeria De Bonis. Discussion Papers Collana di E-papers del Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa Discussion Papers Collana di E-papers del Dipartimento di Economia e Management Università di Pisa Alessandro Gandolfo e Valeria De Bonis Il modello italiano di tassazione del gioco d azzardo: linee guida

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario IMPRESE PROMOTRICI GTech S.p.A. con sede legale e amministrativa in Roma, Viale del Campo Boario, 56/d - Partita IVA e Codice Fiscale 08028081001

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 SOGGETTO PROMOTORE: F.C. Internazionale Milano Spa, Corso Vittorio Emanuele II 9, 20122 Milano P.IVA 04231750151 (di seguito Promotore ). SOGGETTO

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0

REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 430, 26 OTTOBRE 2001, CONCORSO A PREMI PIMP MY TEMPO 2.0 PROMOSSO DALLA SOCIETA SCA HYGIENE PRODUCTS SPA Via XXV Aprile, 2 55011 ALTOPASCIO (LU) PIVA 03318780966 REA 186295 SOCIETA

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

A CONTI FATTI Edizione 2014-2015

A CONTI FATTI Edizione 2014-2015 A CONTI FATTI Edizione 2014-2015 RAI-Radiotelevisione italiana dall 8 settembre 2014 al 29 maggio 2015 realizza un programma televisivo dal titolo A CONTI FATTI diffuso da RAIUNO tutti i giorni, dal lunedì

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

FAI IL PIENO DI CALCIO

FAI IL PIENO DI CALCIO REGOLAMENTO INTEGRALE DEL CONCORSO A PREMI FAI IL PIENO DI CALCIO La Beiersdorf SpA, con sede in Via Eraclito 30, 20128 Milano, promuove la seguente manifestazione, che viene svolta secondo le norme contenute

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP STANDARDIZZAZIONE PROCEDURE - NOTA 2/2014 Sommario CESSAZIONE ATTIVITÀ DI

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Tessera del Tifoso Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Indice degli argomenti Cos è la tessera del tifoso I punti

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE VERSIONE SPERIMENTALE

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE VERSIONE SPERIMENTALE 1 1. Cos è la Carta della qualità dei servizi La realtà sempre più completa ed articolata delle pubbliche amministrazioni, se da un lato consente di offrire servizi diversificati alla cittadinanza, dall

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli