SOMMARIO 1. IL MODELLO, GLI STRUMENTI, LE FASI DELLA RICERCA 2 2. L ANALISI DEI DATI 6 GLOSSARIO 31

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOMMARIO 1. IL MODELLO, GLI STRUMENTI, LE FASI DELLA RICERCA 2 2. L ANALISI DEI DATI 6 GLOSSARIO 31"

Transcript

1 Analisi delle competenze e dei fabbisogni formativi ICT Unione Europea Fondo Sociale Europeo Regione Autonoma della Sardegna Lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale

2 2006 EBAS Viale Bonaria, Cagliari tel fax sito: Analisi delle competenze e dei fabbisogni formativi - ICT L'indagine è stata coordinata dall'ebas (Ente Bilaterale Artigianato Sardegna) nella persona di Simona Guttuso che si è avvalsa della collaborazione delle Parti Sociali Esperte Luca Murgianu (Confartigianato) e Tonino Ortega (UIL) La responsabilità scientifica è stata di Simona Marchi, Saul Meghnagi direzione Realizzazione di una banca dati per il monitoraggio del fabbisogno formativo Misura 3.5 P.O.R. SARDEGNA - Progetto n

3 Analisi delle competenze e dei fabbisogni formativi nel settore ICT 1 SOMMARIO 1. IL MODELLO, GLI STRUMENTI, LE FASI DELLA RICERCA Il modello Gli strumenti Le fasi 4 2. L ANALISI DEI DATI La contestualizzazione delle competenze rilevate a livello nazionale Evidenziazione delle competenze essenziali (standard) per ambito di attività Individuazione dei fabbisogni formativi per la formazione continua: le competenze essenziali non presenti nel contesto Individuazione dei fabbisogni formativi per la formazione iniziale: figure professionali per competenze 29 GLOSSARIO 31

4 2 EBAS 1. Il modello, gli strumenti, le fasi della ricerca 1.1 Il modello Il modello di analisi è finalizzato all individuazione, per ciascun settore di attività economica considerato, delle competenze presenti in uno specifico contesto territoriale, all evidenziazione delle competenze essenziali (standard), all individuazione dei fabbisogni formativi per la formazione continua e per la formazione iniziale, e all individuazione di figure professionali per competenze. L analisi è stata realizzata nei settori: Informatica, Meccanica, Alimentare, Tessile Abbigliamento, Costruzioni e Turismo nella regione Sardegna. E stata sviluppata sulla base dei risultati già ottenuti in ambito nazionale per i medesimi settori di attività attraverso l Indagine Nazionale sui Fabbisogni Formativi nell Artigianato coordinata da EBNA (Ente Bilaterale Nazionale Artigianato), e ha applicato il modello di analisi, descritto nelle pagine che seguono, fondato sulla contestualizzazione delle competenze a partire dai dati nazionali.. L indagine nazionale Ebna ha prodotto informazioni dettagliate per ciascuno dei 20 settori indagati, a partire dalle quali è possibile avviare un processo di analisi dei fabbisogni formativi e delle competenze in specifici contesti territoriali regionali e subregionali. I dati nazionali consistono in: i risultati dell analisi strutturale del settore a livello nazionale la descrizione dei contesti organizzativi, basata sull analisi di singoli studi di caso aziendali la definizione di ambiti di attività a partire dalla descrizione delle attività aziendali e dei compiti svolti dai singoli lavoratori nelle varie situazioni e realtà organizzative la descrizione delle competente per ciascun ambito di attività L analisi delle competenze e dei fabbisogni formativi in specifici contesti territoriali, è realizzata distintamente per ciascun settore di attività economica mediante una metodologia di indagine articolata per fasi, strumenti e obiettivi specifici, si pone l obiettivo di descrivere le competenze presenti, non presenti, ed essenziali, in un determinato settore di attività in uno specifico contesto territoriale, di individuare figure professionali per competenze, e di fornire indicazioni utili per la pianificazione della formazione di base e continua. I risultati prodotti sono suscettibili di aggiornamento periodico, indispensabile soprattutto in quei settori caratterizzati da innovazione tecnologica continua. Tale modello di analisi consente di raggiungere i seguenti obiettivi: 1. la contestualizzazione delle competenze già analizzate e sintetizzate a livello nazionale sulla base delle descrizioni fornite direttamente dai lavoratori e dagli imprenditori in relazione alle attività svolte nelle aziende del settore; 2. l evidenziazione delle competenze essenziali, ossia di competenze che caratterizzano in modo ineludibile e rigoroso ciascun ambito di attività e/o ciascuna figura professionale (al di là delle altre attività che in modo più o meno ricorrente e più o meno preciso la figura stessa può svolgere). Tali competenze individuano gli standard minimi di competenza di un ambito o di una figura professionale per competenze; 3. l individuazione dei fabbisogni formativi connessi con la formazione continua in relazione a competenze essenziali e a competenze non presenti nel contesto dato; 4. l individuazione dei fabbisogni formativi connessi con la formazione iniziale in relazione alle competenze essenziali, in relazione anche a figure professionali per competenze. 2

5 Analisi delle competenze e dei fabbisogni formativi nel settore ICT Gli strumenti L analisi delle competenze e dei fabbisogni formativi realizzata nel settore dell Informatica (Codice Ateco 02 K72 Informatica e attività connesse) si sviluppa in tre fasi distinte, ciascuna avente propri obiettivi, caratteristiche metodologiche e propri strumenti (vedi schema1): la fase A) Contestualizzazione delle competenze individuate a livello nazionale, ha come obiettivo la contestualizzazione dei risultati ottenuti in ambito nazionale, o dei risultati già acquisiti in precedenza in uno stesso territorio, in relazione alle specificità che i medesimi settori assumono in un determinato contesto territoriale; la fase B) Evidenziazione delle competenze essenziali ha come obiettivo l evidenziazione di competenze essenziali per ambito di attività, tra quelle descritte nella fase A dell indagine. In tale fase vengono evidenziate le competenze che caratterizzano in modo ineludibile e rigoroso ciascun ambito di attività e/o ciascuna figura professionale (al di là delle altre attività che in modo più o meno ricorrente e più o meno preciso la figura stessa può svolgere); la fase C) Individuazione dei fabbisogni formativi per la formazione continua ha come obiettivo di indicare le competenze sulle quali nel contesto dato è essenziale concentrare la formazione continua; la fase D) Individuazione dei fabbisogni formativi per la formazione iniziale ha come obiettivo l individuazione di figure professionali per competenze. Si tratta di figure professionali che sono poste in relazione a più ambiti di attività e che vengono descritte in riferimento agli ambiti di attività. Sono connesse con le figure di sintesi, fondamentali di ciascun ambito di attività. Tali figure costituiscono la base per la progettazione curricolare e vanno utilizzate dai progettisti anche in relazione ai percorsi formativi già in essere. Ciascuna fase di analisi, in relazione agli obiettivi che si propone di raggiungere, assume specifiche caratteristiche metodologiche e prevede l utilizzo di determinati strumenti. Lo schema 1 indica gli strumenti in relazione a diversi aspetti della ricerca, di cui si anticipa il disegno complessivo della ricerca, successivamente precisata in relazione a ogni fase del suo sviluppo. Le fasi B e C sono proposte in forma congiunta in quanto gli schemi di sintesi riportano complessivamente i dati relativi alle due fasi. Schema 1 Disegno complessivo della ricerca FASI A) CONTESTUALIZZAZIONE DELLE COMPETENZE CARATTERISTICHE METODOLOGICHE INTERVISTE A PARTI SOCIALI ESPERTE DEI SINGOLI SETTORI SULLA BASE DI SCHEMI DI SINTESI DEI RISULTATI OTTENUTI IN AMBITO NAZIONALE SOGGETTI ESPERTI DEL SETTORE DI PARTE DATORIALE E SINDACALE PRODOTTI: VERIFICA, PRECISAZIONE, APPROFONDIMENTO E RIFORMULAZIONE DEI RISULTATI NAZIONALI IN RELAZIONE ALLE SPECIFICITA REGIONALI B) EVIDENZIAZIONE DI COMPETENZE ESSENZIALI. C) INDIVIDUAZIONE DEI FABBISOGNI FORMATIVI PER LA FORMAZIONE CONTINUA CONFRONTO TRA PARTI SOCIALI ESPERTE DEI SINGOLI SETTORI SULLA BASE DI SCHEMI DI SINTESI DEI RISULTATI OTTENUTI IN AMBITO NAZIONALE ESPERTI DEL SETTORE DI PARTE DATORIALE E SINDACALE EVIDENZIAZIONE DI COMPETENZE ESSENZIALI EVIDENZIAZIONE DEI FABBISOGNI FORMATIVI D) INDIVIDUAZIONE DEI FABBISOGNI FORMAZIVI PER LA FORMAZIONE INIZIALE: FIGURE PROFESSIONALI PER COMPETENZE CONFRONTO TRA ESPERTI SULLA BASE DI SCHEMI DI SINTESI DEI RISULTATI OTTENUTI NEGLI INCONTRI PRECEDENTI ESPERTI DEL SETTORE DI PARTE DATORIALE E SINDACALE INDIVIDUAZIONE DI FIGURE PROFESSIONALI PER COMPETENZE

6 4 EBAS 1.3 Le fasi Le fasi operativo della ricerca sono, come indicato, tre e si sviluppano in sequenza. Nella fase A) di Contestualizzazione delle competenze individuate a livello nazionale, la metodologia adottata è quella di una riunione di gruppo con parti sociali esperte del settore, e gli strumenti utilizzati nella riunione consistono in schemi sintetici dei risultati già ottenuti in ambito nazionale sul medesimo settore di attività. Tali schemi, opportunamente rielaborati, sono stati utilizzati come base per la realizzazione di interviste semistrutturate destinate alle parti sociali esperte del settore. Gli intervistati sono stati invitati ad individuare le competenze che, essendo presenti in ambito nazionale sono presenti anche nel contesto territoriale considerato, seppure talvolta diversamente diffuse, ad individuare le competenze che, pur essendo state individuate in ambito nazionale non sono presenti nelle aziende del settore nella provincia considerata, e infine a descrivere altre competenze che pur non essendo state rilevate in ambito nazionale sono invece presenti nelle aziende del settore nella regione considerata (specificità regionali). I risultati ottenuti, sintetizzati e rappresentati all interno di un unico prospetto di sintesi, sono stati ulteriormente discussi ed elaborati nel corso degli incontri successivi. Nella fase B) di Evidenziazione delle competenze essenziali, la metodologia adottata è quella di una riunione di gruppo con parti sociali esperte del settore, e gli strumenti utilizzati nella riunione consistono in schemi sintetici dei risultati già ottenuti in ambito nazionale sul medesimo settore di attività opportunamente contestualizzati e riformulati nella fase precedente in riferimento alle specificità regionali, e in una traccia di intervista che guidi la riflessione su tali risultati e favorisca l evidenziazione di competenze essenziali e il relativo fabbisogno formativo. Lavorando su schede riportanti i risultati della prima fase gli esperti di settore hanno contribuito alla produzione di un documento unico in cui hanno evidenziato competenze essenziali tra quelle indicate per ciascun ambito di attività. In tale fase, e in quella successiva, gli esperti possono talvolta indicare competenze che, pur non essendo presenti in ambito nazionale né in modo specifico in ambito regionale, sono considerate essenziali per lo sviluppo delle aziende del settore. Le competenze essenziali individuano gli standard minimi di competenza di un ambito o di una figura professionale per competenze; Nella fase C), di individuazione dei fabbisogni formativi per la formazione continua, questi sono evidenziati per ciascun ambito di attività, sono espressi in termini di competenze essenziali non presenti e/o poco diffuse nel contesto dato e nel settore considerato. Tali indicazioni esprimono spesso specifici fabbisogni formativi strettamente connessi alle realtà locali del settore. Nella fase D), di individuazione dei fabbisogni formativi per la formazione iniziale, sono definite alcune figure professionali per competenze. La metodologia adottata è quella di una riunione di gruppo con parti sociali esperte del settore, e gli strumenti utilizzati nella riunione consistono in schemi sintetici dei risultati già ottenuti in ambito nazionale sul medesimo settore di attività opportunamente contestualizzati e riformulati nelle fasi precedenti in riferimento alle specificità regionali e alle competenze essenziali per ciascun ambito di attività, e in una traccia di intervista che guidi la riflessione su tali risultati e favorisca l evidenziazione di figure professionali per competenze. A tali figure professionali corrispondono le competenze essenziali dell ambito di riferimento, più eventualmente altre competenze essenziali di altri ambiti di attività. Per ogni ambito di attività, e quindi per ciascuna figura professionale per competenze ad esso afferente, sono evidenziati anche i fabbisogni formativi, espressi in termini di competenze che, pur essendo state evidenziate come essenziali dagli esperti, non sono presenti nelle aziende del settore nella regione, oppure sono presenti ma ancora poco diffuse. A ciascuna fase di analisi corrisponde la produzione di specifici risultati: 4

7 Analisi delle competenze e dei fabbisogni formativi nel settore ICT 5 Al termine della fase A) di Contestualizzazione delle competenze già individuate a livello nazionale, viene prodotto un documento contenente i risultati della verifica, precisazione, riformulazione, aggiornamento a livello regionale delle competenze descritte a livello nazionale nel settore prescelto. Per uno studio approfondito dei risultati si rimanda ai cap Al termine della fase B) di Evidenziazione delle competenze viene prodotto un documento contenente la descrizione delle competente per ambito di attività, tenendo conto dei risultati ottenuti al punto precedente. Per uno studio approfondito dei risultati si rimanda ai cap. 2.2 e 2.3. Al temine della fase C) di Individuazione dei fabbisogni formativi per la formazione continua. viene prodotto un documento contenente la descrizione delle competente per ambito di attività, tenendo conto dei risultati ottenuti al punto precedente. Tale documento può essere integrato nel precedente. Per uno studio approfondito dei risultati si rimanda ai cap. 2.2 e 2.3. Al termine della fase D) di Individuazione dei fabbisogni formativi per la formazione iniziale viene prodotto un documento che evidenzia le figure professionali in relazione alle competenze essenziali di ciascun ambito di attività e in relazione ai fabbisogni formativi, emersi nella fase precedente. Per uno studio approfondito dei risultati si rimanda ai cap 2.4.

8 6 EBAS 2. L analisi dei dati Subsettore: Informatica e attività connesse Codice Ateco 02 K 72 Informatica e attività connesse 2.1 La contestualizzazione delle competenze rilevate a livello nazionale Gli ambiti di attività, esito dell indagine nazionale sono descritti dallo schema che segue: AMBITI DI ATTIVITA' SETTORE Riconducibili prevalentemente alla gestione Riconducibili prevalentemente alla produzione SERVIZI ALLE IMPRESE - INFORMATICA Imprenditoriale - Marketing Amministrazione Commerciale/vendita Sviluppo software e applicazioni web 1 Realizzazione siti web Gestione sistemi operativi 2 Assistenza clienti Formazione 3 A partire da tali ambiti e per ciascuno di essi è fornita la descrizione delle competenze presenti e non presenti nel contesto dato secondo una descrizione grafica corrispondente alla seguente LEGENDA: 1) in carattere normale sono riportate le competenze rilevate attraverso l indagine nazionale e presenti a livello regionale 2) in corsivo sono evidenziate le competenze rilevate attraverso l indagine nazionale e ritenuti non presenti in misura adeguata a livello regionale 3) in corsivo-grassetto sono evidenziate le competenze emerse ex novo a livello regionale e dunque assenti nell analisi svolta a livello nazionale 1 Rispetto all indagine nazionale nella quale l ambito era denominato sviluppo software, l analisi della realtà regionale ha portato ad ampliare la dicitura originale, includendo anche le applicazioni web. 2 Tale ambito comprende anche attività relative alla gestione dell hardware 3 Tale ambito è correlato anche alla tipologia di servizi forniti dall impresa. La formazione riguarda prevalentemente l alfabetizzazione informatica 6

9 Analisi delle competenze e dei fabbisogni formativi nel settore ICT 7 AMBITO DI ATTIVITA : IMPRENDITORIALE - MARKETING AREA DI COMPETENZA STRUMENTALE ORGANIZZATIVA RELAZIONALE STRATEGICA COMPETENZA CONNOTATIVA ARTICOLAZIONE CENTRALE AGGIUNTIVA Tecnica/tecnologica Concettuale Conoscenza del ciclo produttivo Uso di risorse interne (umane, di tempo, materie prime, finanze) Risorse esterne Interna(cura delle relazioni interpersonali) Esterna(cogliere gli elementi dei contesti di riferimento) Individuare procedure applicative a partire da un progetto o ex novo (da un idea) fronteggiare crisi innovare la produzione (processi- prodotti) allocare meglio i prodotti Applicazione di politiche di marketing per l allocazione dei prodotti e l acquisizione di nuovi clienti Applicazione di tecniche per la definizione di prezzi, offerte e promozioni Conoscenza delle caratteristiche dei prodotti e/o servizi forniti e/o venduti dall impresa Conoscenza delle varie lavorazioni e dei prodotti e delle loro specificità tecniche e tecnologiche Conoscenza dei prezzi e delle caratteristiche dei prodotti e/o servizi Organizzazione delle scadenze consegne lavori Programmazione delle fasi necessarie per la realizzazione dei prodotti e/o servizi Distribuzione del lavoro fra i settori operativi in base a specifiche competenze Organizzazione del lavoro nel settore software Ricerca di fonti di informazione sul mercato e su possibili nuovi clienti 7 Collaborazione con i clienti al fine di realizzare il prodotto e/o fornire il servizio richiesto Gestione dei rapporti con i fornitori 10 Gestione e cura dei rapporti con i clienti Interpretazione delle esigenze del cliente Aggiornamento sulle varie innovazioni dei prodotti e/o servizi offerti Ideazione di politiche di marketing (partecipazione a fiere, pubblicità su riviste specializzate) 11 Aggiornamento sulle varie innovazioni dei prodotti e/o servizi offerti Collaborazione con i clienti al fine di realizzare il prodotto e/o fornire il servizio richiesto Cura dei rapporti con la clientela 12 Applicazione di tecniche per la segmentazione del mercato Conoscenza delle tecniche di marketing e di comunicazione 4 Attribuzione delle chiamate di richiesta di assistenza ai tecnici competenti Organizzazione del lavoro nel settore hardware 5 Supervisione del lavoro trasmesso ai dipendenti 6 Formazione dei dipendenti mediante affiancamento Organizzazione di incontri e riunioni periodiche con i dipendenti 8 Condivisione con i collaboratori dello stato di avanzamento delle lavorazioni e delle eventuali difficoltà e problemi 9 Aggiornamento sulle tecniche di marketing e di gestione commerciale 13 Ricerca di modalità efficaci di comunicazione 14 Ricerca di modalità efficaci per presentare i prodotti 15 4 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 5 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 6 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 7 In imprese di piccole dimensioni tale competenze può diventare aggiuntiva. 8 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 9 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 10 In taluni casi gli acquisti avvengono attraverso ordini on-line e ciò condiziona tale competenza 11 In imprese di piccole dimensioni tale competenze può diventare aggiuntiva. 12 In imprese di piccole dimensioni tale competenze può diventare aggiuntiva. 13 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 14 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva.

10 8 EBAS promuoversi come soggetto Aggiornamento sulle tecniche di marketing e di gestione commerciale 16 Aggiornamento sulle varie innovazioni dei prodotti e/o servizi offerti Gestione del lavoro e rispetto delle relative consegne Verifica della qualità delle varie lavorazioni Acquisizione della certificazione di qualità 15 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 16 In imprese di piccole dimensioni tale competenze può diventare aggiuntiva. 8

11 Analisi delle competenze e dei fabbisogni formativi nel settore ICT 9 AMBITO DI ATTIVITA : AMMINISTRAZIONE AREA DI COMPETENZA STRUMENTALE COMPETENZA CONNOTATIVA ARTICOLAZIONE CENTRALE AGGIUNTIVA Tecnica/tecnologica Uso del software (gestionale amministrativo) Uso della modulistica 17 Uso di strumenti di comunicazione (fax, telefono, ) Applicazione di tecniche di registrazione delle chiamate di richiesta di assistenza clienti (uso di un software gestionale) Concettuale Conoscenza dei principi di ragioneria e contabilità Conoscenza del software (gestionale amministrativo) Conoscenza di modalità di archiviazione Conoscenza delle procedure di fatturazione Conoscenza di procedure per la realizzazione dei preventivi Conoscenza della normativa bancaria 18 Conoscenza della legislazione fiscale Conoscenza delle caratteristiche dei prodotti e/o servizi forniti e/o venduti dall impresa ORGANIZZATIVA Conoscenza del ciclo produttivo Conoscenza delle varie lavorazioni e dei prodotti e delle loro specificità tecniche e tecnologiche Conoscenza dei prezzi di vendita e delle caratteristiche dei prodotti e/o servizi Uso di risorse interne (umane, di tempo, materie prime, finanze) Gestione degli ordini Gestione scadenze fiscali e pagamenti 19 Attribuzione delle chiamate di richiesta di assistenza ai tecnici competenti RELAZIONALE STRATEGICA Risorse esterne Interna(cura delle relazioni interpersonali) Esterna(cogliere gli elementi dei contesti di riferimento) Individuare procedure applicative a partire da un progetto o ex novo (da un idea) fronteggiare crisi innovare la produzione (processi- prodotti) allocare meglio i prodotti promuoversi come soggetto Gestione dei rapporti con banche, commercialisti Gestione dei rapporti con i fornitori Gestione dei rapporti con i clienti Raccordo con il lavoro dei colleghi d altri settori dell impresa 20 Gestione dei rapporti con banche, commercialisti Gestione dei rapporti con i fornitori Gestione dei rapporti con i clienti Aggiornamento in materia fiscale 21 Applicazione e uso della documentazione relativa alla certificazione ISO Cura dei rapporti con la clientela Aggiornamento (es.: nuovi software, normativa, gestione risorse) 17 In imprese di piccole dimensioni tale competenze può diventare aggiuntiva. 18 In imprese di piccole dimensioni tale competenze può diventare aggiuntiva. 19 In imprese di piccole dimensioni tale competenze può diventare aggiuntiva. 20 In imprese di piccole dimensioni tale competenze può diventare aggiuntiva. 21 In imprese di piccole dimensioni tale competenze può diventare aggiuntiva.

12 10 EBAS AMBITO DI ATTIVITA : COMMERCIALE/ VENDITA AREA DI COMPETENZA STRUMENTALE COMPETENZA CONNOTATIVA ARTICOLAZIONE CENTRALE AGGIUNTIVA Tecnica/tecnologica Uso della modulistica Uso di un software gestionale Uso di strumenti di comunicazione (telefono, fax, mail) Applicazione di tecniche per la definizione di prezzi, offerte e promozioni Applicazione di tecniche per l elaborazione di preventivi Applicazione di tecniche di archiviazione (es: dati relativi ai nuovi clienti) Applicazione di tecniche per la realizzazione di Cd dimostrativi (es: cd relativi ai software offerti) ORGANIZZATIVA RELAZIONALE Concettuale Conoscenza del ciclo produttivo Uso di risorse interne (umane, di tempo, materie prime, finanze) Risorse esterne Interna(cura delle relazioni interpersonali) Esterna(cogliere gli elementi dei contesti di riferimento) Individuare Conoscenza delle caratteristiche dei prodotti e/o servizi forniti e/o venduti dall impresa Conoscenza di procedura per la stesura di preventivi Conoscenza dei prezzi e delle caratteristiche dei prodotti e/o servizi Pianificazione di telefonate ai clienti commerciali di fiducia per presentare le offerte e/o promozioni 23 Pianificazione di telefonate a possibili nuovi clienti per presentare offerte e/o promozioni 24 Pianificazione delle visite dei tecnici commerciali presso i clienti per presentare i prodotti Collaborazione con i colleghi nel settore tecnico Gestione dei rapporti con i clienti Ricerca di fonti di informazione sul mercato e su possibili nuovi clienti 25 Individuazione di modalità efficaci di comunicazione interna Coordinamento con le attività svolte dai colleghi nello stesso ambito di attività 26 Collaborazione con i colleghi nel settore tecnico Gestione dei rapporti con i clienti Conoscenza delle tipologie di cliente Interpretazione delle richieste del cliente Interpretazione delle richieste dei clienti Applicazione di tecniche per la segmentazione del mercato per individuare nuovi clienti sulla base dei prodotti e/o servizi offerti dall impresa Applicazione di tecniche di registrazione delle chiamate di richiesta di assistenza clienti (uso di un software gestionale) Applicazione di tecniche di assistenza clienti presso il punto vendita (es: riparazione di piccoli problemi tecnici) Conoscenza di tecniche per la segmentazione del mercato per individuare nuovi clienti sulla base dei prodotti e/o servizi offerti dall impresa Conoscenza di tecniche di comunicazione e di approccio al cliente Conoscenza di tecniche di vendita Conoscenza delle varie lavorazioni e dei prodotti e delle loro specificità tecniche e tecnologiche 22 Programmazione e controllo del piano consegne Attribuzione delle chiamate di richiesta di assistenza ai tecnici competenti Individuazione di modalità efficaci di comunicazione 22 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 23 In imprese di piccole dimensioni tale competenze può diventare aggiuntiva. 24 In imprese di piccole dimensioni tale competenze può diventare aggiuntiva. 25 In imprese di piccole dimensioni tale competenze può diventare aggiuntiva. 26 In imprese di piccole dimensioni tale competenze può diventare aggiuntiva. 10

13 Analisi delle competenze e dei fabbisogni formativi nel settore ICT 11 procedure applicative a partire da un progetto o ex novo (da un idea) fronteggiare crisi innovare la produzione (processi- prodotti) Aggiornamento sulle tecniche di marketing e di gestione allocare meglio i commerciale prodotti Ricerca di modalità efficaci di comunicazione promuoversi come soggetto Interpretazione delle richieste dei clienti Cura del portfolio delle offerte 27 Ricerca di modalità efficaci per presentare i prodotti 28 Aggiornamento sulle tecniche di marketing e di gestione commerciale 29 Aggiornamento sulle varie innovazioni dei prodotti e/o servizi offerti Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 28 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 29 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 30 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva.

14 12 EBAS AMBITO DI ATTIVITA : SVILUPPO SOFTWARE E APPLICAZIONI WEB AREA DI COMPETENZA STRUMENTALE COMPETENZA CONNOTATIVA ARTICOLAZIONE CENTRALE AGGIUNTIVA Tecnica/tecnologica Concettuale Uso di linguaggi di programmazione Uso di applicativi (es: Toolbok, Flash) Conoscenza di tecniche di progettazione software Applicazione di tecniche di progettazione sulla base delle richieste dei clienti Conoscenza di linguaggi di programmazione Conoscenza di applicativi (es: Toolbok, Flash) Conoscenza di tecniche di progettazione software Applicazione di tecniche di analisi fattibilità del lavoro Applicazione di tecniche di archiviazione ORGANIZZATIVA RELAZIONALE STRATEGICA Conoscenza del ciclo produttivo Uso di risorse interne (umane, di tempo, materie prime, finanze) Risorse esterne Interna(cura delle relazioni interpersonali) Esterna(cogliere gli elementi dei contesti di riferimento) Individuare procedure applicative a partire da un progetto o ex novo (da un idea) fronteggiare crisi innovare produzione (processi- prodotti) la allocare meglio i prodotti promuoversi come soggetto Traduzione delle esigenze del cliente in soluzioni possibili Organizzazione delle fasi di lavorazione nel proprio ambito di attività Pianificazione iniziale e in itinere del lavoro da svolgere Ricerca di informazioni utili per la risoluzione di problemi tecnici attraverso internet (forum, bacheche elettroniche) Confronto con i colleghi del settore tecnico Raccordo con il lavoro svolto in altri ambiti di attività (commerciale) Verifica in itinere del lavoro svolto mediante il rapporto con il cliente Interpretazione delle esigenze del cliente Aggiornamento attraverso Internet (forum, focus group), riviste di settore, confronto con colleghi Aggiornamento attraverso Internet (forum, focus group), riviste di settore, confronto con colleghi Aggiornamento attraverso Internet (forum, focus group), riviste di settore, confronto con colleghi Conoscenza delle varie lavorazioni e dei prodotti e delle loro specificità tecniche e tecnologiche 31 Individuazione delle fasi e delle modalità di lavorazione necessarie per la realizzazione dei prodotti (aspetti tecnici, tecnologici.) 32 Formazione dei clienti (es: uso dei software installati) Collaborazione con i colleghi nel settore tecnico 33 Programmazione del lavoro nel rispetto delle scadenze Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 32 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 33 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 34 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 12

15 Analisi delle competenze e dei fabbisogni formativi nel settore ICT 13 AMBITO DI ATTIVITA : REALIZZAZIONE SITI WEB AREA DI COMPETENZA STRUMENTALE ORGANIZZATIVA RELAZIONALE STRATEGICA COMPETENZA CONNOTATIVA ARTICOLAZIONE CENTRALE AGGIUNTIVA Tecnica/tecnologica Concettuale Conoscenza del ciclo produttivo Uso di risorse interne (umane, di tempo, materie prime, finanze) Risorse esterne Interna(cura delle relazioni interpersonali) Esterna(cogliere gli elementi dei contesti di riferimento) Individuare procedure applicative a partire da un progetto o ex novo (da un idea) fronteggiare crisi innovare produzione (processi- prodotti) la allocare meglio i prodotti promuoversi come soggetto Uso di internet Applicazione di tecniche di composizione grafica Applicazione di tecniche di progettazione grafica sulla base delle richieste dei clienti Uso di software per il trattamento e la lavorazione delle immagini Applicazione di tecniche per l aggiornamento dei siti web Conoscenza di software per il trattamento e la lavorazione delle immagini Conoscenza di tecniche di progettazione grafica Capacità di anticipazione dell immagine del prodotto finito Traduzione delle richieste del cliente in combinazione di immagini, testi e colori Conoscenza delle varie fasi e modalità di lavorazione per la realizzazione dei prodotti Organizzazione delle fasi di lavorazione nel proprio ambito di attività Organizzazione delle fasi di lavorazione nel proprio ambito di attività Pianificazione iniziale e in itinere del lavoro da svolgere Programmazione del lavoro nel rispetto delle scadenze Ricerca di informazioni utili per la risoluzione di problemi tecnici attraverso internet (forum, bacheche elettroniche) Capacità d interpretazione del messaggio che i clienti vogliono trasmettere Coordinamento tra le figure di sviluppo software Capacità d interpretazione del messaggio che i clienti vogliono trasmettere Interpretazione delle esigenze del cliente Aggiornamento attraverso Internet (forum, focus group), riviste di settore, confronto con colleghi Aggiornamento attraverso Internet (forum, focus group), riviste di settore, confronto con colleghi Ricerca di nuovi immagini da elaborare Aggiornamento attraverso Internet (forum, focus group), riviste di settore, confronto con colleghi Applicazioni di principi e di tecniche di grafica artistica 35 Applicazione di tecniche per la valutazione della fattibilità di un progetto grafico Collaborazione con i colleghi nel settore sviluppo software Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 36 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva.

16 14 EBAS AMBITO DI ATTIVITA : GESTIONE SISTEMI OPERATIVI AREA DI COMPETENZA STRUMENTALE COMPETENZA CONNOTATIVA ARTICOLAZIONE CENTRALE AGGIUNTIVA Tecnica/tecnologica Uso di tecniche per l assemblaggio dei computer 37 Applicazione di tecniche per l individuazione del problema sul quale intervenire 38 Uso di tecniche per la riparazione dell hardware Applicazione di tecniche per la realizzazione di reti Applicazione di tecniche per la gestione di reti Applicazione di tecniche per l installazione e gestione dei sistemi operativi Applicazione di tecniche per la riparazione e la manutenzione di macchine per ufficio Compilazione di schede di lavorazione ORGANIZZATIVA RELAZIONALE STRATEGICA Concettuale Conoscenza del ciclo produttivo Uso di risorse interne (umane, di tempo, materie prime, finanze) Risorse esterne Interna(cura delle relazioni interpersonali) Esterna(cogliere gli elementi dei contesti di riferimento) Individuare procedure applicative a partire da un progetto o ex novo (da un idea) fronteggiare crisi innovare la produzione (processi- prodotti) allocare meglio i prodotti promuoversi come soggetto Conoscenza delle caratteristiche tecniche dei diversi prodotti (computer, stampanti, etc.) Conoscenza delle caratteristiche dei sistemi operativi Conoscenza delle varie lavorazioni e dei prodotti e delle loro specificità tecniche e tecnologiche Individuazione delle fasi e delle modalità di lavorazione Programmazione del lavoro nel rispetto delle scadenze Pianificazione giornaliera delle attività di assistenza Ricerca di informazioni utili per la risoluzione di problemi tecnici attraverso internet (forum, bacheche elettroniche) Interventi presso i clienti per la risoluzione di problemi relativi al sistema gestionale Aggiornamento attraverso Internet (forum, focus group), riviste di settore, confronto con colleghi Aggiornamento attraverso Internet (forum, focus group), riviste di settore, confronto con colleghi Applicazione di tecniche per l installazione di sistemi di sicurezza 39 Applicazione di tecniche per il controllo di qualità del lavoro effettuato 40 Conoscenza di applicativi per l individuazione del problema su cui intervenire Formazione dei clienti (es: uso dei software installati) Organizzazione delle fasi di lavorazione nel proprio ambito di attività 41 Controllo e verifica delle scorte Ottimizzazione degli spazi interni al magazzino Consulenza commerciale presso i clienti (es: fornire suggerimenti per l acquisto di prodotti adatti al cliente, realizzazione di implementazione ai programmi ) Consulenza commerciale presso i clienti Controllo di qualità del lavoro effettuato In imprese di piccole dimensioni tale competenze può diventare aggiuntiva. 38 In imprese di piccole dimensioni tale competenze può diventare aggiuntiva. 39 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 40 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 41 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 42 Tale competenza è presente in maniera sistematica solo nelle aziende certificate 43 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 14

17 Analisi delle competenze e dei fabbisogni formativi nel settore ICT 15 AMBITO DI ATTIVITA : ASSISTENZA CLIENTI AREA DI COMPETENZA STRUMENTALE COMPETENZA CONNOTATIVA ARTICOLAZIONE CENTRALE AGGIUNTIVA Tecnica/tecnologica Applicazione di tecniche di installazione programmi Applicazione di tecniche di assistenza (diretta, telefonica, on line) software 44 Applicazione di tecniche di assistenza (diretta, telefonica, on line) hardware Applicazione di tecniche di assistenza (diretta, telefonica, on line) relativamente alle reti 45 ORGANIZZATIVA RELAZIONALE STRATEGICA Concettuale Conoscenza del ciclo produttivo Uso di risorse interne (umane, di tempo, materie prime, finanze) Risorse esterne Interna(cura delle relazioni interpersonali) Esterna(cogliere gli elementi dei contesti di riferimento) Individuare procedure applicative a partire da un progetto o ex novo (da un idea) fronteggiare crisi innovare la produzione (processi- prodotti) allocare meglio i prodotti promuoversi come soggetto Interpretazione delle richieste di assistenza tecnica del cliente (es: individuazione del problema) Conoscenza delle varie lavorazioni e dei prodotti e delle loro specificità tecniche e tecnologiche Individuazione delle fasi e delle modalità di lavorazione necessarie per la risoluzione del problema tecnico 46 Pianificazione del lavoro da svolgere Collaborazione con i colleghi nel settore tecnico Formazione dei clienti (es: uso di un software, uso di particolari funzioni del software ) Ricerca di informazioni utili per la risoluzione di problemi tecnici attraverso internet (forum, bacheche elettroniche, case madri che forniscono i software) Aggiornamento attraverso Internet (forum, focus group), riviste di settore, confronto con colleghi. Interpretazione delle richieste di assistenza tecnica del cliente Aggiornamento attraverso Internet (forum, focus group), riviste di settore, confronto con colleghi Aggiornamento attraverso Internet (forum, focus group), riviste di settore, confronto con colleghi Contabilizzazione dei lavori Assistenza a distanza dei clienti (es: uso di un software, uso di particolari funzioni del software ) 47 Individuazione di modalità efficaci di comunicazione interna 48 Coordinamento con le attività di assistenza svolte dai colleghi 49 Collaborazione con i colleghi nel settore tecnico 50 Interpretazione delle richieste di assistenza tecnica del cliente 51 Individuazione di modalità efficaci di comunicazione Tale competenza si differenza sulla base delle tipologie di software che vengono forniti ai clienti 45 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 46 Al contrario di quanto accade a livello nazionale, tale competenza non risulta essere presente a livello regionale in tale ambito di attività. 47 Rispetto all indagine nazionale nella quale tale competenza era denominata formazione a distanza dei clienti, l analisi della realtà regionale ha portato a modificare la dicitura originale in assistenza a distanza dei clienti. 48 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 49 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 50 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 51 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 52 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva.

18 16 EBAS AMBITO DI ATTIVITA : FORMAZIONE AREA DI COMPETENZA STRUMENTALE COMPETENZA CONNOTATIVA ARTICOLAZIONE CENTRALE AGGIUNTIVA Tecnica/tecnologica Applicazione di tecniche di progettazione didattica Applicazione di tecniche di valutazione Applicazione di tecniche di formazione Applicazione di tecniche per la predisposizione di aule attrezzate con Pc (es: installare software, mettere in rete i Pc) Formazione a distanza dei clienti (es: uso di un software, uso di particolari funzioni del software ) 53 ORGANIZZATIVA Concettuale Conoscenza del ciclo produttivo Conoscenza dei contenuti oggetto di formazione Verifica delle presenze, dell andamento del corso rispetto agli obiettivi RELAZIONALE STRATEGICA Uso di risorse interne (umane, di tempo, materie prime, finanze) Risorse esterne Interna(cura delle relazioni interpersonali) Esterna(cogliere gli elementi dei contesti di riferimento) Individuare procedure applicative a partire da un progetto o ex novo (da un idea) fronteggiare crisi innovare la produzione (processi- prodotti) allocare meglio i prodotti promuoversi come soggetto Formazione dei clienti (es: uso di un software, uso di particolari funzioni del software ) Coordinamento con altri ambiti di attività Verifica disponibilità e predisposizione di risorse interne (aule, materiali didattici, strumenti..) Applicazione di sistemi di gestione dei dati e di archiviazione degli stessi Programmazione delle lezioni e dei recuperi Programmazione delle lezioni e dei recuperi Interpretazione delle richieste di chiarimenti da parte degli utenti Individuazione di modalità efficaci di comunicazione Aggiornamento attraverso Internet (forum, focus group), riviste di settore, confronto con colleghi Aggiornamento attraverso Internet (forum, focus group), riviste di settore, confronto con colleghi Aggiornamento attraverso Internet (forum, focus group), riviste di settore, confronto con colleghi Formazione a distanza dei clienti (es: uso di un software, uso di particolari funzioni del software ) 53 Tale competenza risulta essere declinata sia nell area strumentale che nell area organizzativa. 16

19 Analisi delle competenze e dei fabbisogni formativi nel settore ICT Evidenziazione delle competenze essenziali (standard) per ambito di attività Gli ambiti di attività, esito dell indagine nazionale sono descritti dallo schema che segue: AMBITI DI ATTIVITA' SETTORE Riconducibili prevalentemente alla gestione Riconducibili prevalentemente alla produzione SERVIZI ALLE IMPRESE - INFORMATICA Imprenditoriale - Marketing Amministrazione Commerciale/vendita Sviluppo software e applicazioni web 54 Realizzazione siti web Gestione sistemi operativi 55 Assistenza clienti Formazione 56 A partire da tali ambiti, e da quanto emerso nella fase precedente, per ciascuno di essi sono state evidenziate le competenze essenziali presenti e non presenti in misura adeguata nel contesto dato secondo una descrizione grafica corrispondente alla seguente LEGENDA: 1. IN CARATTERE MAIUSCOLO SONO EVIDENZIATE LE COMPETENZE ESSENZIALI ossia le competenze che caratterizzano in modo ineludibile e rigoroso un ambito di attività e/o una figura professionale (al di là delle altre attività che in modo più o meno ricorrente e più o meno preciso la figura stessa può svolgere). Le competenze essenziali individuano gli standard minimi di competenza di un ambito o di una figura professionale per competenze. 2. IN CARATTERE MAIUSCOLO GRASSETTO SONO EVIDENZIATE LE COMPETENZE ESSENZIALI NON PRESENTI IN MISURA ADEGUATA A LIVELLO REGIONALE ossia le competenze non presenti nel contesto dato, ovvero presenti in misura non sufficiente ovvero presenti in modo non diffuso. Tali competenze, se essenziali, individuano i fabbisogni formativi di un ambito di attività o di una figura professionale per competenze. 3. IN CARATTERE MAIUSCOLO SONO EVIDENZIATE LE COMPETENZE ESSENZIALI ossia le competenze che caratterizzano in modo ineludibile e rigoroso un ambito di attività e/o una figura professionale (al di là delle altre attività che in modo più o meno ricorrente e più o meno preciso la figura stessa può svolgere). Le competenze essenziali individuano gli standard minimi di competenza di un ambito o di una figura professionale per competenze. 4. IN CARATTERE MAIUSCOLO GRASSETTO SONO EVIDENZIATE LE COMPETENZE ESSENZIALI NON PRESENTI IN MISURA ADEGUATA A LIVELLO REGIONALE ossia le competenze non presenti nel contesto dato, ovvero presenti in misura non sufficiente ovvero presenti in modo non diffuso. Tali competenze, se essenziali, individuano i fabbisogni formativi di un ambito di attività o di una figura professionale per competenze. 54 Rispetto all indagine nazionale nella quale l ambito era denominato sviluppo software, l analisi della realtà regionale ha portato ad ampliare la dicitura originale, includendo anche le applicazioni web. 55 Tale ambito comprende anche attività relative alla gestione dell hardware 56 Tale ambito è correlato anche alla tipologia di servizi forniti dall impresa. La formazione riguarda prevalentemente l alfabetizzazione informatica

20 18 EBAS AMBITO DI ATTIVITA : IMPRENDITORIALE - MARKETING AREA DI COMPETENZA STRUMENTALE COMPETENZA CONNOTATIVA ARTICOLAZIONE CENTRALE AGGIUNTIVA Tecnica/tecnologica Concettuale APPLICAZIONE DI TECNICHE PER LA DEFINIZIONE DI PREZZI, OFFERTE E PROMOZIONI ORGANIZZATIVA RELAZIONALE STRATEGICA Conoscenza del ciclo produttivo Uso di risorse interne (umane, di tempo, materie prime, finanze) CONOSCENZA DELLE VARIE LAVORAZIONI E DEI PRODOTTI E DELLE LORO SPECIFICITÀ TECNICHE E TECNOLOGICHE CONOSCENZA DEI PREZZI E DELLE CARATTERISTICHE DEI PRODOTTI E/O SERVIZI ORGANIZZAZIONE DELLE SCADENZE CONSEGNE LAVORI PROGRAMMAZIONE DELLE FASI NECESSARIE PER LA REALIZZAZIONE DEI PRODOTTI E/O SERVIZI DISTRIBUZIONE DEL LAVORO FRA I SETTORI OPERATIVI IN BASE A SPECIFICHE COMPETENZE ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NEL SETTORE SOFTWARE Risorse esterne RICERCA DI FONTI DI INFORMAZIONE SUL MERCATO E SU POSSIBILI NUOVI CLIENTI 59 COLLABORAZIONE CON I CLIENTI AL FINE DI REALIZZARE IL PRODOTTO E/O FORNIRE IL SERVIZIO RICHIESTO Interna(cura delle relazioni interpersonali) Esterna(cogliere gli GESTIONE DEI RAPPORTI CON I FORNITORI 62 elementi dei contesti di GESTIONE E CURA DEI RAPPORTI CON I CLIENTI riferimento) Individuare procedure INTERPRETAZIONE DELLE ESIGENZE DEL CLIENTE applicative a partire da AGGIORNAMENTO SULLE VARIE INNOVAZIONI DEI un progetto o ex novo PRODOTTI E/O SERVIZI OFFERTI (da un idea) IDEAZIONE DI POLITICHE DI MARKETING (PARTECIPAZIONE fronteggiare crisi A FIERE, PUBBLICITÀ SU RIVISTE SPECIALIZZATE) 63 AGGIORNAMENTO SULLE VARIE INNOVAZIONI DEI innovare la produzione PRODOTTI E/O SERVIZI OFFERTI (processi- prodotti) COLLABORAZIONE CON I CLIENTI AL FINE DI REALIZZARE IL PRODOTTO E/O FORNIRE IL SERVIZIO RICHIESTO CURA DEI RAPPORTI CON LA CLIENTELA 64 allocare meglio i prodotti promuoversi come soggetto AGGIORNAMENTO SULLE TECNICHE DI MARKETING E DI GESTIONE COMMERCIALE 68 AGGIORNAMENTO SULLE VARIE INNOVAZIONI DEI PRODOTTI E/O SERVIZI OFFERTI GESTIONE DEL LAVORO E RISPETTO DELLE RELATIVE CONSEGNE VERIFICA DELLA QUALITÀ DELLE VARIE LAVORAZIONI ATTRIBUZIONE DELLE CHIAMATE DI RICHIESTA DI ASSISTENZA AI TECNICI COMPETENTI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NEL SETTORE HARDWARE 57 SUPERVISIONE DEL LAVORO TRASMESSO AI DIPENDENTI 58 FORMAZIONE DEI DIPENDENTI MEDIANTE AFFIANCAMENTO ORGANIZZAZIONE DI INCONTRI E RIUNIONI PERIODICHE CON I DIPENDENTI 60 CONDIVISIONE CON I COLLABORATORI DELLO STATO DI AVANZAMENTO DELLE LAVORAZIONI E DELLE EVENTUALI DIFFICOLTÀ E PROBLEMI 61 AGGIORNAMENTO SULLE TECNICHE DI MARKETING E DI GESTIONE COMMERCIALE 65 RICERCA DI MODALITÀ EFFICACI DI COMUNICAZIONE 66 RICERCA DI MODALITÀ EFFICACI PER PRESENTARE I PRODOTTI 67 ACQUISIZIONE DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ 57 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 58 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 59 In imprese di piccole dimensioni tale competenze può diventare aggiuntiva. 60 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 61 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 62 In taluni casi gli acquisti avvengono attraverso ordini on-line e ciò condiziona tale competenza 63 In imprese di piccole dimensioni tale competenze può diventare aggiuntiva. 64 In imprese di piccole dimensioni tale competenze può diventare aggiuntiva. 65 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 66 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 67 Tale competenza è stata modificata nella sua connotazione, rispetto al dato nazionale, passando da centrale a aggiuntiva. 68 In imprese di piccole dimensioni tale competenze può diventare aggiuntiva. 18

21 Analisi delle competenze e dei fabbisogni formativi nel settore ICT 19 AMBITO DI ATTIVITA : AMMINISTRAZIONE AREA DI COMPETENZA STRUMENTALE ORGANIZZATIVA RELAZIONALE STRATEGICA COMPETENZA CONNOTATIVA ARTICOLAZIONE CENTRALE AGGIUNTIVA Tecnica/tecnologica Concettuale Conoscenza del ciclo produttivo Uso di risorse interne (umane, di tempo, materie prime, finanze) Risorse esterne Interna(cura delle relazioni interpersonali) Esterna(cogliere gli elementi dei contesti di riferimento) Individuare procedure applicative a partire da un progetto o ex novo (da un idea) fronteggiare crisi innovare la produzione (processi- prodotti) allocare meglio i prodotti promuoversi come soggetto USO DEL SOFTWARE (GESTIONALE AMMINISTRATIVO) CONOSCENZA DEI PRINCIPI DI RAGIONERIA E CONTABILITÀ CONOSCENZA DEL SOFTWARE (GESTIONALE AMMINISTRATIVO) CONOSCENZA DELLE PROCEDURE DI FATTURAZIONE CONOSCENZA DELLE VARIE LAVORAZIONI E DEI PRODOTTI E DELLE LORO SPECIFICITÀ TECNICHE E TECNOLOGICHE CONOSCENZA DEI PREZZI DI VENDITA E DELLE CARATTERISTICHE DEI PRODOTTI E/O SERVIZI GESTIONE DEGLI ORDINI GESTIONE SCADENZE FISCALI E PAGAMENTI 69 GESTIONE DEI RAPPORTI CON BANCHE, COMMERCIALISTI GESTIONE DEI RAPPORTI CON I FORNITORI GESTIONE DEI RAPPORTI CON I CLIENTI RACCORDO CON IL LAVORO DEI COLLEGHI D ALTRI SETTORI DELL IMPRESA 70 GESTIONE DEI RAPPORTI CON BANCHE, COMMERCIALISTI GESTIONE DEI RAPPORTI CON I FORNITORI GESTIONE DEI RAPPORTI CON I CLIENTI AGGIORNAMENTO (ES.: NUOVI SOFTWARE, NORMATIVA, GESTIONE RISORSE) ATTRIBUZIONE DELLE CHIAMATE DI RICHIESTA DI ASSISTENZA AI TECNICI COMPETENTI 69 In imprese di piccole dimensioni tale competenze può diventare aggiuntiva. 70 In imprese di piccole dimensioni tale competenze può diventare aggiuntiva.

SOMMARIO 1. IL MODELLO, GLI STRUMENTI, LE FASI DELLA RICERCA 2 2. L ANALISI DEI DATI. IL SETTORE TESSILE - ABBIGLIAMENTO 6 GLOSSARIO 67

SOMMARIO 1. IL MODELLO, GLI STRUMENTI, LE FASI DELLA RICERCA 2 2. L ANALISI DEI DATI. IL SETTORE TESSILE - ABBIGLIAMENTO 6 GLOSSARIO 67 Analisi delle competenze e dei fabbisogni formativi tessile Unione Europea Fondo Sociale Europeo Regione Autonoma della Sardegna Lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale 2006

Dettagli

Imprenditore stampa e attività di servizi connessi alla stampa

Imprenditore stampa e attività di servizi connessi alla stampa Imprenditore stampa e attività di servizi connessi alla stampa La figura è stata rilevata nei seguenti gruppi di attività economica della classificazione Ateco 91: DE 22.2 Stampa e attività di servizi

Dettagli

Responsabile tecnico

Responsabile tecnico Responsabile tecnico La figura è stata rilevata nei seguenti gruppi di attività economica della classificazione Ateco 91: G 50.2 Manutenzione e riparazione di autoveicoli Figure professionali contigue:

Dettagli

Alunni classi quarte Servizi Commerciali

Alunni classi quarte Servizi Commerciali UNITA DI APPRENDIMENTO 1bis Istruzione professionale: Indirizzo Servizi Commerciali Denominazione Gestione informatica dell Azienda, marketing on line e web marketing Utenti destinatari Alunni classi quarte

Dettagli

Imprenditore industria fabbricazione di mobili

Imprenditore industria fabbricazione di mobili Imprenditore industria fabbricazione di mobili La figura è stata rilevata nei seguenti gruppi di attività economica della classificazione Ateco 91: DN 36.1 Fabbricazione di mobili Figure professionali

Dettagli

A. Gestione d impresa B. Gestione organizzativa del lavoro C. Rapporto con i clienti D. Rapporto con i fornitori

A. Gestione d impresa B. Gestione organizzativa del lavoro C. Rapporto con i clienti D. Rapporto con i fornitori AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 5. TECNICO DELLE LAVORAZIONI ARTISTICHE Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6.1.1.3 Tagliatori

Dettagli

APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI

APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI Area Progettazione Area Acquisti Area Produzione Area Assistenza Tecnica Area Marketing

Dettagli

IMPRENDITORE SOCIALE

IMPRENDITORE SOCIALE AVVISO PUBBLICO SFIDE STRUMENTI FORMATIVI PER INNOVARE, DECOLLARE, EMERGERE, INSERITO NEL POR SARDEGNA FSE 2007-2013 LINEA D INTERVENTO C.2.2 IMPRENDITORE SOCIALE PROGETTO N 1 ANALISI DEL CONTESTO E PIANIFICAZIONE

Dettagli

Tecnico delle lavorazioni artistiche Standard della Figura nazionale (*)

Tecnico delle lavorazioni artistiche Standard della Figura nazionale (*) Tecnico delle lavorazioni artistiche Standard della Figura nazionale (*) (*) L insieme di competenze della presente figura costituisce elemento vincolante, ma non sufficiente dello standard nazionale,

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali

Anno scolastico 2013/2014. Curricolo verticale. Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Istituto Istruzione Superiore 'Mattei Fortunato' Eboli (SA) Anno scolastico 2013/2014 Curricolo verticale Servizi socio sanitario/ Servizi Commerciali Disciplina: DIRITTO ED ECONOMIA Al termine del percorso

Dettagli

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI Nel nostro Istituto sono attivi i seguenti indirizzi, articolati nelle classi e nei quadri orari di cui sotto. Meccanica, Meccatronica Elettrotecnica

Dettagli

Tecnico per l automazione industriale. Standard formativo minimo regionale

Tecnico per l automazione industriale. Standard formativo minimo regionale Tecnico per l industriale Standard formativo minimo regionale Denominazione della figura TECNICO PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche

Dettagli

FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI PER LA PARTECIPAZIONE AL GRAN PRIX DELLA FORMAZIONE EDIZIONE N 5 ANNO 2015

FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI PER LA PARTECIPAZIONE AL GRAN PRIX DELLA FORMAZIONE EDIZIONE N 5 ANNO 2015 FORMULARIO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI PER LA PARTECIPAZIONE AL GRAN PRIX DELLA FORMAZIONE EDIZIONE N 5 ANNO 2015 TITOLO DEL PROGETTO: ENTE/IMPRESA PROPONENTE 1 Alla GIURIA DEL GRAN PRIX

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI MARKETING E COMUNICAZIONE - DESCRIZIONE

Dettagli

TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO

TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente in

Dettagli

Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): Denominazione della FIGURA TECNICO ELETTRICO Referenziazioni della Figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e agricoltori. 6.1.3.7 Elettricisti nelle

Dettagli

Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere

Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere 6 MARZO 2014 BUSINESS VALUE SRL BUSINESS VALUE è una società di consulenza

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Tecnico per l automazione industriale. Standard della Figura nazionale

Tecnico per l automazione industriale. Standard della Figura nazionale Tecnico per l automazione industriale Standard della Figura nazionale Denominazione della figura TECNICO PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate 6. Artigiani,

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 4. TECNICO GRAFICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6. Artigiani, operai specializzati e agricoltori.

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Sistemi Informativi aziendali e Scienze bancarie Finanziarie e Assicurative Nodi concettuali

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 9. TECNICO PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE. Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 9. TECNICO PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE. Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 9. TECNICO PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): 6. Artigiani, operai

Dettagli

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche

L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Facoltà ECONOMIA (Sede di Rimini) Corso ECONOMIA DELL IMPRESA Classe L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale L-33 Scienze economiche Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione

Dettagli

Tecnico elettrico. Standard formativo minimo regionale

Tecnico elettrico. Standard formativo minimo regionale Tecnico elettrico Standard formativo minimo regionale Denominazione della figura TECNICO ELETTRICO Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate 6 Artigiani e operai specializzati e agricoltori

Dettagli

4. GESTIONE DELLE RISORSE

4. GESTIONE DELLE RISORSE Pagina 1 di 6 Manuale Qualità Gestione delle Risorse INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragraf i variati Pagine variate 1.0 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

Dettagli

Tecnico grafico. Standard della Figura nazionale

Tecnico grafico. Standard della Figura nazionale Tecnico grafico Standard della Figura nazionale 1 Denominazione della figura TECNICO GRAFICO Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche di riferimento: ATECO 2007/ISTAT

Dettagli

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale

Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale Profilo Ragioniere con diploma di Perito Commerciale il corso di studi mira a formare diplomati in grado di ricoprire figure professionali polivalenti in cui si possano coniugare in modo equilibrato una

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - ADDETTO ALLA SEGRETERIA - DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE

TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE 1 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente

Dettagli

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici

MIUR. I nuovi. Istituti Tecnici I nuovi Istituti Tecnici NUOVO IMPIANTO ORGANIZZATIVO 2 SETTORI, 11 INDIRIZZI SETTORE ECONOMICO SETTORE TECNOLOGICO 1. Amministrazione, Finanza e Marketing; 2. Turismo 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia

Dettagli

TECNICO DI SALA E BAR

TECNICO DI SALA E BAR PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DI SALA E BAR 113 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente in grado

Dettagli

Linee guida Secondo ciclo di istruzione

Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Grafica e comunicazione Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Teoria della comunicazione 60 89 Progettazione multimediale 119

Dettagli

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 Pagina 1 di 7 DATA I EMISSIONE: 12/01/2008 Resp. Redazione RGSQ Resp. Verifica RGSQ Resp. Approvazione DIR REVISIONI DATA MODIFICHE RESP. VERIFICA GESTIONE SISTEMA

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DEL DIPARTIMENTO ECONOMICO AZIENDALE Anno Scolastico: 2014-2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 16. TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO. Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO 16. TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO. Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 16. TECNICO DELL ABBIGLIAMENTO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professioni (NUP/ISTAT): 6. Artigiani, operai specializzati

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

C3 indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica Profilo

C3 indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica Profilo C3 indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica Profilo Il Diplomato in Elettronica ed Elettrotecnica : - ha competenze specifiche nel campo dei materiali e delle tecnologie costruttive dei sistemi elettrici,

Dettagli

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE Indice INDICE AZIENDA FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA - Risorse Umane - Sviluppo Organizzativo - Commerciale

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE

MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE MATERIA: ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : SCIENZE BANCARIE, FINANZIARIE ED ASSICURATIVE Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMIC0 DE FAZIO

ISTITUTO TECNICO ECONOMIC0 DE FAZIO ISTITUTO TECNICO ECONOMIC0 DE FAZIO UNITA DI APPRENDIMENTO CLASSI3 E AFM, SIA ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MATERIE PRODOTTO FINALE Lo studente dovrà essere in grado di realizzare un idea imprenditoriale,

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza

Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza CORSO SERALE Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza Sede e orario segreteria Sede: ITIS ROSSI Via Legione Gallieno 6100 Vicenza Orario segreteria: tutti i giorni dalle 10 alle

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. - Docenti coordinatori del progetto - Docenti di Italiano, Inglese, Disegno e Storia dell Arte, Matematica -Informatica

UNITA DI APPRENDIMENTO. - Docenti coordinatori del progetto - Docenti di Italiano, Inglese, Disegno e Storia dell Arte, Matematica -Informatica UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione IFS in Fiera Compito prodotto - Organizzazione evento (compiti, ruoli, mezzi) - Materiali pubblicitari (sito web, logo dell azienda, video, pieghevole, biglietti da

Dettagli

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA

DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA DIPLOMATO SISTEMA MODA ARTICOLAZIONE CALZATURE E MODA PROFILO PROFESSIONALE Il Diplomato nell Indirizzo "Sistema Moda" ha competenze specifiche nell ambito delle diverse realtà ideativo-creative, progettuali,

Dettagli

Tecnico dei trattamenti estetici. Standard della Figura nazionale

Tecnico dei trattamenti estetici. Standard della Figura nazionale Tecnico dei trattamenti estetici Standard della Figura nazionale 1 Denominazione della figura Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche di riferimento: ATECO 2007/ISTAT

Dettagli

DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI DOCENTE : MADEO NATALE MASSIMO

DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI DOCENTE : MADEO NATALE MASSIMO DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI DOCENTE : MADEO NATALE MASSIMO 1. ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA Ho conosciuto la classe nell anno scolastico 2011-2012 quando frequentavano la classe 2bt per poi

Dettagli

Tecnico commerciale delle vendite. Standard della Figura nazionale

Tecnico commerciale delle vendite. Standard della Figura nazionale Tecnico commerciale delle vendite Standard della Figura nazionale Denominazione della figura TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Corso Serale I.G.E.A. LA FORMAZIONE TRA SCUOLA ED AZIENDA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 DIRIGENTE SCOLASTICO : Dott.ssa ADDOLORATA BRAMATO RESPONSABILE DEL PROGETTO :Prof.ssa LOREDANA CAROPPO REFERENTE SCUOLA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014-2015 Dipartimento (1) : ECONOMIA AZIENDALE Coordinatore (1) : Prof.ssa BUETI FRANCESCA Classe: 4 Indirizzo: SERVIZI COMMERCIALI Ore di insegnamento

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 2. TECNICO ELETTRICO Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 6 Artigiani, operai specializzati e agricoltori.

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/078/CR08bis/C9

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/078/CR08bis/C9 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 14/078/CR08bis/C9 STANDARD FORMATIVO PER L ATTIVITÀ DI INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE STRAORDINARIA DI IMPIANTI ENERGETICI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI

Dettagli

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net Scheda n. 2 Alternanza Scuola Lavoro Il Progetto Rete telematica delle Imprese Formative Simulate-IFSper la diffusione dell innovazione metodologica ed organizzativa IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web:

Dettagli

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda

Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda Analizzare e gestire il CLIMA e la MOTIVAZIONE in azienda tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CLIMA E DELLA MOTIVAZIONE La spinta motivazionale delle persone che operano in azienda è

Dettagli

Linee guida per la definizione dei progetti di Servizio Civile per l anno 2007/2008 di ANCI Lombardia

Linee guida per la definizione dei progetti di Servizio Civile per l anno 2007/2008 di ANCI Lombardia Sala Manzoni Palazzo delle Stelline Milano aprile ore 14.30.30 ATTI DEL SEMINARIO Linee guida per la definizione dei progetti di Servizio Civile per l anno 2007/2008 di ANCI Lombardia L Ufficio Servizio

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SETTORE: AREA COMUNE (INCLUSIVA DEI SERVIZI ALLE IMPRESE) Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione

Dettagli

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E PER L ARTIGIANATO G. GIORGI specializzazioni: ODONTOTECNICA MECCANICA TERMICA ELETTRICA ELETTRONICA TELECOMUNICAZIONI Via Terraglio, 53 31100 TREVISO Tel.

Dettagli

I NUOVI ISTITUTI TECNICI

I NUOVI ISTITUTI TECNICI Istituto Tecnico Industriale Statale Liceo Scientifico Tecnologico Ettore Molinari Via Crescenzago, 110/108-20132 Milano - Italia tel.: (02) 28.20.786/ 28.20.868 - fax: (02) 28.20.903/26.11.69.47 Sito

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Accompagnamento individuale e di gruppo

Accompagnamento individuale e di gruppo Denominazione progetto FRIENDLY RECEPTION: CORSO DI FORMAZIONE per l acquisizione della certificazione di competenze relativa a ADA UC 541 Gestione dell accoglienza e ADA UC 543 Acquisire le prenotazioni

Dettagli

Tecnico per l automazione industriale. Standard formativo minimo regionale

Tecnico per l automazione industriale. Standard formativo minimo regionale Tecnico per l automazione industriale Standard formativo minimo regionale 1 Denominazione della figura TECNICO PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate

Dettagli

TECNICO DELL ACCOGLIENZA E DELL OSPITALITA

TECNICO DELL ACCOGLIENZA E DELL OSPITALITA AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO TURISMO E SPORT Denominazione della figura TECNICO DELL ACCOGLIENZA E DELL OSPITALITA Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

Dettagli

MACROSETTORE RISTORAZIONE, ALIMENTAZIONE E DISTRIBUZIONE

MACROSETTORE RISTORAZIONE, ALIMENTAZIONE E DISTRIBUZIONE MACROSETTORE RISTORAZIONE, ALIMENTAZIONE E DISTRIBUZIONE 1 LIVELLO BASE (prima annualità) 2 Competenze relazionali - Esprimersi in lingua italiana in forma corretta ed adeguata rispetto al contesto di

Dettagli

SETTORE ECONOMICO PROFILO DELL INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

SETTORE ECONOMICO PROFILO DELL INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ALLEGATO A: INDIRIZZI ATTIVI E DI PROSSIMA ATTIVAZIONE INDIRIZZI ATTIVI: SETTORE ECONOMICO: 1)AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING SETTORE TECNOLOGICO: 1)COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO 2)INFORMATICA

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

BIENNIO COMUNE a tutti gli indirizzi DISCIPLINE. Quadro Orario BIENNIO COMUNE. Nuovi Indirizzi Istituti Tecnici Pagina 1 1 BIENNIO

BIENNIO COMUNE a tutti gli indirizzi DISCIPLINE. Quadro Orario BIENNIO COMUNE. Nuovi Indirizzi Istituti Tecnici Pagina 1 1 BIENNIO Il seguente documento, redatto per estratti da documenti del Ministero della Pubblica Istruzione, illustra in modo sintetico ma completo l Offerta Formativa dei Nuovi Indirizzi degli Istituti Tecnici.

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - TECNICO CONDUZIONE CANTIERE: gestione tecnico amministrativa

Dettagli

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Referenziazioni della Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT):

AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO. Referenziazioni della Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): AREA PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO Denominazione della figura 13. TECNICO COMMERCIALE DELLE VENDITE Referenziazioni della figura Nomenclatura delle Unità Professionali (NUP/ISTAT): 5. Professioni qualificate

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 SERVIZI DI DISTRIBUZIONE COMMERCIALE Processo Sequenza di processo Area di Attività Qualificazione

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali.

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali. ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014 Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali Classe 5^ E / TO3 Il Progetto Alternanza Scuola-Lavoro costituisce un attività di interazione

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

Tecnico dei servizi di promozione e accoglienza. Standard formativo minimo regionale

Tecnico dei servizi di promozione e accoglienza. Standard formativo minimo regionale Tecnico dei servizi di promozione e accoglienza Standard formativo minimo regionale Denominazione della figura Referenziazioni della figura Professioni NUP/ISTAT correlate Attività economiche di riferimento:

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

Il Liceo scientifico. Il Liceo scientifico, opzione Scienze applicate

Il Liceo scientifico. Il Liceo scientifico, opzione Scienze applicate Il Liceo scientifico Il Liceo scientifico, opzione Scienze applicate Il percorso del liceo scientifico è indirizzato allo studio del nesso tra cultura scientifica e tradizione umanistica. Favorisce l acquisizione

Dettagli

CORSO GRATUITO CONTABILITA ORDINARIA E DEL PERSONALE SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA

CORSO GRATUITO CONTABILITA ORDINARIA E DEL PERSONALE SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA CORSO GRATUITO SEDI E CONTATTI CONTABILITA ORDINARIA ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA Frequenza infrasettimanale Corso gratuito Corpo docente formato da professionisti provenienti

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

Consorzio Nazionale Serramentisti. Insieme per fare la differenza

Consorzio Nazionale Serramentisti. Insieme per fare la differenza Consorzio Nazionale Serramentisti Insieme per fare la differenza Insieme LegnoLegno è un Consorzio Nazionale di servizi per la valorizzazione delle attività imprenditoriali del settore serramento. Il marchio

Dettagli

Tecnico dei servizi di animazione turistico-sportiva e del tempo libero. Standard formativo minimo regionale

Tecnico dei servizi di animazione turistico-sportiva e del tempo libero. Standard formativo minimo regionale Tecnico dei servizi di animazione turistico-sportiva e del tempo libero Standard formativo minimo regionale Denominazione della TECNICO DEI SERVIZI DI ANIMAZIONE TURISTICO-SPORTIVA E DEL TEMPO LIBERO Referenziazioni

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Prot. n. 10589/c42 Mirano 17/12/2013 PROGETTO INNOVATIVO AUTONOMO DI SPERIMENTAZIONE ASL. 1.Descrizione dell ordinamento e indirizzo di riferimento

Prot. n. 10589/c42 Mirano 17/12/2013 PROGETTO INNOVATIVO AUTONOMO DI SPERIMENTAZIONE ASL. 1.Descrizione dell ordinamento e indirizzo di riferimento ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE "8 MARZO K. LORENZ" Via Matteotti, 42A/3-30035 Mirano - Venezia Tel. 041430955 Fax 041434281 C. F. 90164450273 e-mail: veis02800q@istruzione.it info@8marzolorenz.it pec:

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

TECNICO DI CUCINA E DELLA RISTORAZIONE

TECNICO DI CUCINA E DELLA RISTORAZIONE PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DI CUCINA E DELLA RISTORAZIONE 105 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere

Dettagli

VADEMECUM DEL FORMATORE PER CREAZIONE IMPRESA SIMULATA

VADEMECUM DEL FORMATORE PER CREAZIONE IMPRESA SIMULATA VADEMECUM DEL FORMATORE PER CREAZIONE IMPRESA SIMULATA Le comunicazioni riportate in questo Vademecum del Formatore dell Impresa Simulata sono elaborate in funzione di un miglioramento continuo della rete,

Dettagli

Sintesi dei principali risultati 1

Sintesi dei principali risultati 1 Sintesi dei principali risultati 1 In quest indagine sul settore dei servizi per le imprese, sono state studiate imprese che svolgono servizi di ricerca, selezione e fornitura di personale; imprese di

Dettagli

NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTI PROFESSIONALI IPSIA C2 INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI. Settore

NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTI PROFESSIONALI IPSIA C2 INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI. Settore NUOVO ORDINAMENTO ISTITUTI PROFESSIONALI IPSIA C1 INDIRIZZO MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA C2 INDIRIZZO PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI CORSI di FORMAZIONE REGIONALE Tecnico industrie Tecnico elettroniche

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

PARTE 1 ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico X Ite I.Enogastronomia/ospitalità. Scuola media annessa. Liceo artistico

PARTE 1 ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico X Ite I.Enogastronomia/ospitalità. Scuola media annessa. Liceo artistico PIANO DI LAVORO ANNUALE ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico X Ite I.Enogastronomia/ospitalità Liceo artistico Scuola media annessa INSEGNANTE: DAL FARRA EDI MATERIA DI INSEGNAMENTO: ECONOMIA

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO

OFFERTA FORMATIVA INDIRIZZI DI STUDIO ISTITUTO TECNICO E. SCALFARO Piazza Matteotti, 1- CATANZARO Tel.: 0961 745155 - Fax: 0961 744438 E-mail:cztf010008@istruzione.it Sito: www.itiscalfaro.cz.it ANNO SCOLASTICO 2011 2012 OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

ALLEGATO A) al decreto STANDARD PROFESSIONALE COMPETENZE

ALLEGATO A) al decreto STANDARD PROFESSIONALE COMPETENZE ALLEGATO A) al decreto STANDARD PROFESSIONALE E FORMATIVO PER L ATTIVITÀ DI INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE STRAORDINARIA DI IMPIANTI ENERGETICI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI - FER STANDARD PROFESSIONALE

Dettagli

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior, di Esperto di servizi e tecnologie per l egovernment

Dettagli