Metodi quantitativi per il trade marketing Modulo 1 Valutazione dei rischi per il marketing a.a. 2010/2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Metodi quantitativi per il trade marketing Modulo 1 Valutazione dei rischi per il marketing a.a. 2010/2011"

Transcript

1 Metodi quantitativi per il trade marketing Modulo Valutazione dei rischi per il marketing a.a. 200/20 Problemi per esercitazione individuale (non svolti in aula NB: i problemi assegnati per esercitazione individuale e i relativi svolgimenti rientrano nel programma d esame.. Si intende costituire un gruppo di lavoro di cui facciano parte uno studente di laurea triennale, uno studente di laurea magistrale, uno studente di dottorato e un docente. Gli studenti di laurea triennale tra cui scegliere sono 400, quelli di laurea magistrale 200, quelli di dottorato 20 e i docenti 80. In quanti modi è possibile costituire il gruppo di lavoro? 2. Un codice alfanumerico è costituito da tre lettere seguite da tre cifre. Lettere e numeri possono ripetersi. Le lettere sono scelte dall alfabeto inglese (che ne contiene 26; le cifre sono numeri interi compresi tra 0 e 9. Quanti codici diversi si possono generare? 3. Supporre ora che non siano ammesse ripetizioni né di lettere né di cifre. Quanti sono i codici diversi che si possono generare? 4. Quanti numeri telefonici costituiti da 7 cifre si possono generare, se è ammesso che lo 0 sia la prima cifra? Quanti tra questi sono pari? (Considerare lo 0 un numero pari. Quanti numeri di telefono si possono comporre se la prima cifra non può essere 0? E se le cifre non possono ripetersi (ma lo 0 è ammesso come prima cifra? 5. In un gioco a premi, vengono estratti tre diversi numeri interi compresi tra 0 e 9. Può vincere il premio chi ha un numero di telefono che ha come primi tre elementi le tre cifre estratte (non è necessario che le tre cifre compaiano nello stesso ordine di estrazione, ma è necessario che compaiano ai primi tre posti del numero di telefono. Il numero di telefono è costituito da 7 cifre (sono ammesse ripetizioni; è ammesso lo 0 come prima cifra. Quanti sono i potenziali vincitori? (Il gioco prevede che ci sia un solo vincitore: la persona che, avendo un numero di telefono con i requisiti richiesti, chiama per prima il gestore del gioco, subito dopo l annuncio delle tre cifre. In quanti modi diversi il gestore del gioco può estrarre i tre numeri? 6. Ad una gara podistica partecipano 0 atleti. Escludendo ex-aequo, quante sono le possibili classifiche (cioè in quanti diversi ordini di arrivo i 0 atleti possono tagliare il traguardo? Supporre ora che alla gara partecipino 3 atleti professionisti e 7 atleti dilettanti; la gara si svolge contemporaneamente per professionisti e dilettanti, ma saranno stilate graduatorie distinte per le due categorie di atleti. Quante sono ora le possibili classifiche? (La classifica ora è l unione delle due graduatorie. 7. Si devono sistemare 0 libri su uno scaffale; 3 libri sono di narrativa, 5 di marketing e 2 sono fumetti. Si vuole che i libri dello stesso genere siano vicini tra di loro. In quanti modi si possono sistemare i libri? 8. Quanti sono gli anagrammi della parola TRADE? E della parola NUTELLA? E della parola COCACOLA? (Ignorando lo spazio che dovrebbe stare tra COCA e COLA.

2 9. In un torneo di scacchi vi sono 0 concorrenti: 4 russi, 3 statunitensi, 3 italiani. La classifica finale indica solo la nazionalità dei giocatori (e non i loro nomi; una classifica possibile è dunque: RRSSISRRII, dove R sta per russo, S per statunitense e I per italiano. Quanti sono gli esiti possibili? 0. In quanti modi diversi si possono estrarre 5 carte da un mazzo che ne contiene 52? Le carte sono estratte in successione, senza reimmissione, ma non viene considerato l ordine di estrazione (conta solo quali carte sono estratte.. In un gruppo di 20 persone, quante sono le strette di mano se ciascuno dà la mano a tutti gli altri? 2. Si intende costituire un gruppo di lavoro di cui facciano parte cinque studenti e due docenti. Gli studenti disposti a far parte del gruppo di lavoro sono 200, i docenti 2. In quanti modi è possibile costituire il gruppo di lavoro? 3. Quanti comitati composti da 3 donne e 3 uomini si possono formare da un gruppo di 6 donne e 7 uomini? Quanti sono i comitati se 2 uomini che hanno litigato non intendono far parte dello stesso comitato? (Suggerimento: considerare tre gruppi di persone: le donne, gli uomini che non hanno litigato e gli uomini che hanno litigato. Si tratta di scegliere 3 donne tra le 6, uno o nessun uomo tra quelli che hanno litigato, i rimanenti uomini tra quelli che non hanno litigato. 4. L esito di un esperimento è l ordine di arrivo in una corsa di 3 cavalli (A,B,C. Descrivere lo spazio degli stati, Ω (dire, innanzitutto, quante sono le possibili determinazioni; la descrizione di Ω può poi essere fatta elencando tutte le possibili determinazioni oppure descrivendone, in modo compatto, la caratteristica. Considerare ora l evento: E = A è il primo classificato ; descriverlo in termini di sottoinsieme di Ω (bisogna cioè indicare, in modo esteso o in modo compatto, quali tra le possibili determinazioni realizzano E. 5. L esito di un esperimento è dato dalle facce che possono uscire nel lancio di due dadi; un dado è rosso e un dado è blu. Descrivere lo spazio degli stati Ω (possibilmente in modo compatto e comunque calcolando, prima di descriverle, il numero di possibili determinazioni. Descrivere gli eventi: E = la somma delle facce è 9, E 2 = per il dado rosso esce faccia pari, per quello blu dispari. Descrivere quindi la loro unione e la loro intersezione. 6. Si lanciano due dadi. Considerare i due eventi E = la somma delle facce è 9, E 2 = escono una faccia pari e una dispari. Descrivere i due eventi, la loro unione e la loro intersezione. Perché risulta E E 2 = E 2 e E E 2 = E? 7. Il menù di un bar contiene due possibili scelte per il primo piatto (pasta o riso, tre per il secondo (pollo, pesce o insalata, quattro per il dessert (gelato, macedonia, torta di mele, panna cotta. Il barista applica un prezzo speciale a chi sceglierà un menù completo, cioè un piatto per portata. Per il barista, la scelta dei piatti che sarà fatta da un avventore che accetta l offerta è aleatoria. Lo spazio degli stati Ω è dato dall insieme delle possibili scelte, cioè dalle possibili terne costituite dal primo piatto, dal secondo piatto e dal dessert. Da quanti elementi è costituito lo spazio degli stati Ω? Si considerino i seguenti eventi (tutti definiti come sottoinsiemi dello spazio degli stati Ω: A il dessert selezionato è il gelato ; B il primo piatto selezionato è il riso ; C il secondo piatto selezionato è il pollo. Da quanti elementi è costituito ciascuno di questi eventi? Da quanti la loro intersezione? E la loro unione? 2

3 Il barista esprime queste valutazioni: P[A] = 0.30, P[B] = 0.40, P[C] = 0.20, P[A B C] = 0.80, P[A B C] = 0.0. Ha espresso le probabilità in modo coerente? 8. Si ritiene che un dado non sia equilibrato (quindi non si ritiene che, nel lancio del dado, le sei facce possano uscire con la stessa probabilità. Si valuta nel seguente modo la probabilità di alcuni possibili esiti del lancio del dado: P[E ] = 2, con E = {,3,5}; P[E 2 ] = 3, con E 2 = {,6}; P[E 3 ] = 5, con E 3 = {2,4}; P[E 4 ] = 3, con E 4 = {}; P[E 5 ] = 4 5, con E 5 = {,3,5,6}. Dopo aver notato che E 4 = E E 2, E 5 = E 3 e E 5 = E E 2, verificare se le probabilità sono state assegnate in modo coerente (cioè se rispettano le varie proprietà richieste. 9. Due amiche, Ada e Bice, siedono ad un tavolino all aperto di un bar. Vedono passare un uomo i cui abiti sono logori e sporchi di macchie di vernice. Tra Ada e Bice si svolge la seguente conversazione. Ada: E il CEO di un impresa multinazionale. Bice: Sembra poco probabile. Ada: E il CEO di un impresa multinazionale e oggi si è occupato di lavori di ristrutturazione del proprio ufficio. Bice: Ah, ora è più probabile. Ada: Meno probabile, vorrai dire. Ha ragione Ada; perché? (Ovviamente, la giustificazione deve essere data con ragionamento probabilistico. Chiamare A l evento E il CEO di un impresa multinazionale e B l evento E il CEO di un impresa multinazionale e oggi si è occupato di lavori di ristrutturazione del proprio ufficio. Che relazione c è tra i due eventi? E quindi quale relazione deve esserci tra le loro probabilità? 20. Si lanciano tre dadi. Qual è la probabilità che la somma delle facce sia 4? (Assumere che tutte le possibili determinazioni siano equiprobabili. 2. Un urna contiene 6 palline bianche e 5 nere. Se ne estraggono contemporaneamente 3. Qual è la probabilità che una sia bianca e le altre due nere? 22. Una commissione di concorso deve essere formata da cinque persone. Vengono estratti a caso cinque nominativi da un gruppo composto da 6 uomini e 4 donne. Qual è la probabilità che la commissione sia costituita da 3 uomini e 2 donne? Qual è la probabilità che la commissione sia costituita da 2 uomini e 3 donne? 23. Da un mazzo di carte, preleviamo le 3 carte di cuori. Le 3 carte sono ordinate in modo casuale. Le scopriamo una alla volta. Qual è la probabilità che l asso sia la quarta carta scoperta? 24. Le 52 carte di un mazzo sono ordinate in modo casuale. Le carte vengono scoperte una alla volta. Qual è la probabilità che la quarta carta scoperta sia un asso? E qual è la probabilità che la quarta carta scoperta sia il primo asso scoperto? 25. Si estraggono 5 palline a caso, contemporaneamente, da un urna che ne contiene 90 numerate da a 90 (non conta l ordine di estrazione. E più probabile estrarre la cinquina {,2,3,4,5} oppure la cinquina {0,25,39,73,89}? Se le palline fossero estratte in successione, senza reimmissione, e contasse anche l ordine di estrazione, quale sarebbe la più probabile tra le due sequenze (, 2, 3, 4, 5 e (0, 25, 39, 73, 89? 26. Si estraggono 5 palline a caso, contemporaneamente, da un urna che ne contiene 90 numerate da a 90 (non conta l ordine di estrazione. Un giocatore sceglie 5 numeri. Valutare la probabilità che faccia cinquina (cioè che indovini tutti e 5 i numeri estratti, ambo (cioè che ne indovini solo 2, terno (cioè che ne indovini solo 3, almeno ambo (cioè che ne indovini 2 o 3 o 4 o 5. 3

4 27. Si costituisce un gruppo di lavoro formato da quattro persone scelte a caso tra 400 studenti di laurea triennale, 200 studenti di laurea magistrale, 20 studenti di dottorato e 80 docenti. Qual è la probabilità che sia selezionato un rappresentante di ogni categoria (cioè uno studente di triennale, uno di magistrale, uno di dottorato e un docente? Qual è la probabilità che siano selezionati 2 studenti di laurea triennale e 2 di magistrale? Qual è la probabilità che non sia selezionato alcun docente? 28. L urna A contiene 3 palline rosse e 3 nere, l urna B ne contiene 4 rosse e 6 nere. Si estrae a caso una pallina da ciascuna delle due urne. Qual è la probabilità che abbiano lo stesso colore? Qual è la probabilità che almeno una sia rossa? 29. Scegliamo a caso una lettera della parola OTTANTA e una a caso della parola SCO- PERTA. Qual è la probabilità che le due lettere coincidano? 30. Ad una festa di compleanno partecipano 20 persone (oltre al festeggiato. Qual è la probabilità che almeno uno dei partecipanti abbia il compleanno nello stesso giorno del festeggiato? E qual è la probabilità che almeno uno abbia il compleanno il giorno dopo? Qual è la probabilità che solo uno dei partecipanti abbia data di compleanno uguale a quella del festeggiato? Qual è la probabilità che nessuno dei partecipanti abbia il compleanno in comune? (In tutte le valutazioni, fare riferimento solo ai 20 partecipanti, escludendo sempre il festeggiato. Per l ultima probabilità, è sufficiente indicare l espressione, senza eseguirne il calcolo. 3. Si lancia una moneta due volte. Si considerino i seguenti eventi: E esce testa entrambe le volte, A nel secondo lancio esce testa, B esce testa almeno una volta. Valutare: P[E], P[E A], P[E B]. 32. Un urna contiene 8 palline rosse e 4 palline bianche. Si estraggono, in sequenza e senza reimmissione, due palline. Qual è la probabilità che sia entrambe rosse? 33. Si estraggono, in successione e senza reimmissione, 3 palline da un urna che ne contiene 8 rosse e 4 bianche. Sapendo che sono state estratte 2 palline rosse, qual è la probabilità che la prima pallina estratta sia rossa? 34. Un assicuratore suddivide gli assicurati RCAuto in due classi: quelli che sono più propensi a realizzare incidenti e quelli che lo sono meno. La propensione a realizzare incidenti è valutata in base al numero di incidenti che ciascun assicurato ha denunciato in passato. Si stima che la probabilità di realizzare incidenti in un anno da un assicurato nella prima classe (quelli più propensi a realizzare incidenti sia 0.40, mentre sia solo 0.20 per gli altri. Il 30% degli assicurati è nella prima classe, e il rimanente 70% nella seconda classe. Qual è la probabilità che un nuovo assicurato realizzi incidenti nel primo anno di contratto? (NB: supporre che per questo assicurato l assicuratore non abbia nessuna informazione circa eventuali incidenti realizzati prima di stipulare il contratto in corso. 35. Due giocatori, A e B, dispongono entrambi di 2 euro. Lanciano una moneta; se esce testa (con probabilità 2 B deve dare euro a A; se esce croce, A deve dare euro a B. Il gioco va avanti finché un giocatore non si trova senza soldi. Qual è la probabilità che A vinca il gioco (cioè che si ritrovi con 4 euro? 36. Considerare il gioco precedente, ma supporre che B disponga solo di euro. Qual è la probabilità che A vinca il gioco? 4

5 37. Si dispone di tre carte identiche per forma, ma di diverso colore. Una carta ha entrambe le facce rosse, una le ha entrambe nere, una infine ne ha una rossa e una nera. Confrontando le varie facce delle carte, le facce dello stesso colore sono tra loro identiche. Una persona estrae una carta e la pone su un piano. Qual è la probabilità che la faccia visibile sia rossa? (Suggerimento: chiamare RR l evento entrambe le facce sono rosse, NN l evento entrambe le facce sono nere, RN l evento una faccia è rossa e l altra nera e R l evento la faccia visibile della carta scelta è rossa. Occorre valutare P[R]. 38. La probabilità che una nuova batteria d auto funzioni per più di km è 0.8, la probabilità che funzioni per più di km è 0.4 e la probabilità che funzioni per più di km è 0.. Una nuova batteria d auto funziona ancora dopo km. Qual è la probabilità che funzioni in totale per più di km? E che funzioni ancora per più di km (cioè in totale per più di km? 39. Un amico sceglie a caso due carte da un mazzo di 52. Valutare la probabilità che abbia estratto due assi. Valutare poi la probabilità che abbia estratto due assi, tenendo conto delle seguenti informazioni (una alternativa all altra. L amico ci dice che una delle due carte è l asso di picche. L amico ci dice che come prima carta ha estratto un asso. L amico ci dice che come seconda carta ha estratto un asso. L amico ci dice che almeno una delle due carte è un asso. (NB: lo schema di estrazione delle due carte può essere visto, alternativamente, come uno schema di estrazioni successive delle due carte, senza reimmissione, oppure come un estrazione contemporanea delle due carte. E più semplice pensare ad uno schema di estrazioni successive senza reimmissione. 40. Un tale ha inventato un sistema per vincere alla roulette. Decide di puntare sul rosso quando la roulette è andata sul nero nei 0 giri precedenti. Ritiene di avere buone probabilità di vincere, in quanto la probabilità che il nero esca volte è molto bassa. Cosa pensate di questo sistema? 4. In una colonia di batteri, in un dato intervallo ogni cellula può decedere, mantenersi immutata o dividersi in due, rispettivamente con probabilità /3, /3 e /3. Supporre che la colonia sia costituita inizialmente da una cellula. Qual è la probabilità che la popolazione originata dalla cellula si estingua prima o poi? 42. In una colonia di batteri, in un dato intervallo ogni cellula può decedere o dividersi in due, rispettivamente con probabilità /2 e /2. Supporre che la colonia sia costituita inizialmente da una cellula. Qual è la probabilità che la popolazione originata dalla cellula continui a riprodursi indefinitamente (cioè non si estingua mai? 43. In un gioco, il giocatore deve scegliere una carta tra tre. Una carta è di cuori e due sono di picche. Se il giocatore trova la carta di cuori, vince il premio in palio. Il giocatore sceglie una carta, ma la carta non viene scoperta. Il banco (che sa dove si trova la carta di cuori scopre una delle altre due carte e mostra una carta di picche. Il giocatore può decidere di cambiare carta. Qual è probabilità di vincere se decide di non cambiare carta? Dunque, gli conviene cambiare oppure no? 44. Partecipiamo ad una lotteria in cui vinciamo sicuramente un oggetto tra 0; gli oggetti hanno diverso valore commerciale. Gli oggetti ci verranno mostrati in sequenza, uno 5

6 alla volta. Le regole del gioco stabiliscono che: siamo obbligati a scegliere uno ed un solo oggetto; una volta che abbiamo visto n oggetti (n 0, non possiamo scegliere un oggetto precedente, ma solo quello corrente o uno dei successivi. Abbiamo come obiettivo quello di scegliere l oggetto di valore commerciale più elevato. Adottiamo la seguente strategia: lasciamo scorrere i primi tre oggetti, senza selezionarne nessuno; prendiamo nota dell oggetto, tra i primi tre, di valore commerciale più elevato e ipotizziamo che, ordinando i dieci oggetti in ordine decrescente di valore, sia il secondo. Tra i rimanenti sette oggetti, sceglieremo il primo che abbia valore commerciale più elevato rispetto a questo. Qual è la probabilità che scegliamo l oggetto di valore commerciale più elevato tra i dieci? 45. Un esperimento aleatorio ha spazio degli stati Ω = {ω,ω 2,ω 3 }. Si definiscano gli eventi: E = {ω,ω 2 }, E 2 = {ω 2,ω 3 }. L insieme B = {E,E 2 } è un algebra? Rispondere, verificando se sono rispettate tutte le proprietà richieste ad un algebra. Nel caso non si tratti di un algebra, completare l insieme B per ottenere un algebra. 46. Si consideri l esercizio 4. Costruire un algebra che contenga l evento E. 47. Un urna contiene 8 palline rosse e 4 palline bianche. Si estraggono, in sequenza e senza reimmissione, tre palline. Qual è la probabilità che la prima sia rossa? Qual è la probabilità che la seconda e la terza siano rosse, sapendo che la prima è rossa? Qual è la probabilità che la prima sia rossa, sapendo che la seconda e la terza sono rosse? 48. Si dispone di tre carte identiche per forma, ma di diverso colore. Una carta ha entrambe le facce rosse, una le ha entrambe nere, una infine ne ha una rossa e una nera. Confrontando le varie facce delle carte, le facce dello stesso colore sono tra loro identiche. Le tre carte, mescolate a caso, vengono appoggiate su un piano, una di fianco all altra. Se ne scelga una la cui faccia visibile sia rossa. Qual è la probabilità che l altra faccia sia nera? (Suggerimento: chiamare RR l evento entrambe le facce sono rosse, N N l evento entrambe le facce sono nere, RN l evento una faccia è rossa e l altra nera e R l evento la faccia visibile della carta scelta è rossa. Occorre valutare P[RN R]. 49. Supporre che il nuovo assicurato dell esercizio 34 denunci un incidente nell anno di contratto. Qual è la probabilità che si tratti di una persona propensa agli incidenti, e quindi che per il futuro debba essere collocata nella classe? (NB: l assicuratore adotta una regola per collocare gli assicurati nella prima o nella seconda classe, che nell esercizio non è descritta. Non è detto che sia sufficiente realizzare un incidente per essere collocati nella prima classe. 50. In un test a risposte multiple (per ciascuna domanda sono indicate m risposte alternative, uno studente può conoscere la risposta o rispondere a caso. Per una data domanda, sia p la probabilità che lo studente conosca la risposta. La probabilità di rispondere correttamente se si dà la risposta a caso è m. Lo studente risponde correttamente alla domanda; qual è la probabilità che conoscesse la risposta? 5. Per individuare una malattia che ha un livello di diffusione dello 0.5% nella popolazione, ci si sottopone ad un analisi del sangue che dà una risposta accurata con probabilità 90% (cioè, se la malattia è presente, con probabilità 90% il test dà una risposta positiva, mentre se la malattia non è presente con probabilità 90% il test dà una risposta negativa. Qual è la probabilità che una persona per cui il test è risultato negativo effettivamente non abbia la malattia? 6

7 52. A un certo stadio di una inchiesta investigativa, l ispettore è convinto al 60% della colpevolezza di un indagato. Acquisisce una nuova informazione, che indica che il colpevole ha una certa caratteristica fisica. L indagato ha questa caratteristica, ma ce l ha anche il 20% della popolazione. L ispettore come modifica la valutazione sulla colpevolezza dell indagato? Come avrebbe invece modificato la propria valutazione se la caratteristica fosse presente nel 90% della popolazione? 53. Un aereo è scomparso e si ritiene che, con uguale probabilità, possa trovarsi in una di tre zone possibili. La probabilità di non rintracciare l aereo se si trova nella zona i è b i, i =,2,3 (b i dipende dalle condizioni geografiche ed ambientali della zona. E stata fatta una ricognizione nella zona e l aereo non è stato rintracciato. Qual è la probabilità che l aereo si trovi però in tale zona? E qual è la probabilità che si trovi nella zona 2? E nella zona 3? 54. Una scatola contiene lampadine di tre tipi diversi. La probabilità che una lampadina duri più di 000 ore è pari a 0.7 per le lampadine di tipo, 0.4 per le lampadine di tipo 2 e 0.3 per le lampadine di tipo 3. Il 20% delle lampadine nella scatola è di tipo, il 30% di tipo 2 e il 50% di tipo 3. Si sceglie a caso una lampadina. Qual è la probabilità che duri più di 000 ore? Sapendo che la lampadina scelta è durata più di 000 ore, qual è la probabilità condizionata che si trattasse di una lampadina di tipo? E di tipo 2? E di tipo 3? 55. Due fabbriche locali producono radio. Ogni radio prodotta dalla fabbrica A è difettosa con probabilità 0.05, mentre ogni radio prodotta dalla fabbrica B è difettosa con probabilità 0.0; per ogni fabbrica, il fatto che una radio sia difettosa è indipendente dal fatto che altre lo siano. Acquistiamo una radio, ma non sappiamo da quale fabbrica sia stata prodotta. Attribuiamo uguale probabilità ( 2 al fatto che la radio sia stata prodotta dalla fabbrica A o dalla fabbrica B. Qual è la probabilità che la radio sia difettosa? 56. Con riferimento al problema precedente, scopriamo che la radio non è difettosa e decidiamo di acquistarne un altra; per questa seconda radio, sappiamo solo che è stata prodotta dalla stessa fabbrica che ha prodotto la prima. Qual è la probabilità condizionata che questa seconda radio sia difettosa? (Seguire la seguente traccia di svolgimento: chiamare ND l evento la prima radio non è difettosa, D l evento la prima radio è difettosa e D 2 l evento la seconda radio è difettosa. Nel problema precedente, si è valutato P[D ] ed è dunque semplice valutare P[ND ]. Ora bisogna valutare P[D 2 ND ] = P[D 2 ND ] P[ND ]. Per quanto riguarda la probabilità dell intersezione, per valutarla occorre sapere qual è la fabbrica di provenienza, che però è un informazione non disponibile. Bisogna allora calcolare la probabilità totale. Vale allora la relazione: P[D 2 ND ] = P[D 2 ND A] P[A]+P[D 2 ND B] P[B]. 57. Con riferimento ai problemi 34 e 49, supponiamo che l assicurato decida di rinnovare il contratto al termine del primo anno. L assicurato ha denunciato un incidente nel primo anno, ma l assicuratore non è ancora riuscito a stabilire a quale classe appartenga l assicurato. Qual è la probabilità condizionata che l assicurato denunci un incidente anche nel secondo anno? (Traccia di svolgimento. Sia I 2 l evento incidente nel secondo anno e I l evento incidente nel primo anno. Occorre valutare P[I 2 I ]. Gli eventi I e I 2 di per sé non sono dipendenti in effetti non viene detto nulla a tale riguardo; ragionevolmente, possiamo ritenere che un incidente in un anno sia indipendente da un incidente in un altro anno. Tuttavia, non conosciamo la classe a cui appartiene l assicurato, e I fornisce informazioni in tal senso. La valutazione iniziale circa l appartenenza a una data classe, 7

8 P[C ] = 0.30 e P[C 2 ] = 0.70, è stata aggiornata in seguito all informazione data dal fatto che l assicurato ha denunciato un incidente nel primo anno, P[C I ] = e P[C 2 I ] = P[C I ] = cfr. problema 49. Ha allora senso valutare la probabilità P[I 2 I ], in quanto I fornisce informazioni circa la classe di appartenenza. La probabilità P[I 2 I ] può essere valutata via probabilità totali, come è stato fatto per P[I ] nel problema 34, tenendo però conto delle probabilità aggiornate circa la classe di appartenenza. 58. Si ripetono n prove indipendenti. Ogni prova ha due esiti possibili: successo, con probabilità p, e insuccesso, con probabilità p. Qual è la probabilità che vi sia almeno un successo? E che vi siano k successi? E che tutte le prove abbiano successo? 59. Un urna contiene palline bianche e palline rosse. Le palline bianche sono in numero doppio rispetto a quelle rosse. Si estraggono, una alla volta e con reimmissione, 0 palline. Valutare la probabilità che tra le 0 palline estratte: non ce ne sia neanche una bianca; 2 ce ne siano 5 bianche; 3 ce ne siano 2 bianche oppure 3 rosse. 60. Le viti prodotte da una certa fabbrica possono essere difettose, in modo indipendente una dall altra, con probabilità 0.0. La fabbrica vende le viti in confezioni da 0 e sostituisce i pacchetti che contengono più di vite difettosa. Qual è la probabilità che un pacchetto debba essere sostituito? Se vengono venduti 000 pacchetti, per quanti se ne prevede la sostituzione? 6. Il numero di errori tipografici in una pagina di un volume ha una distribuzione di Poisson, con parametro λ = 2. Calcolare la probabilità che in una data pagina non ci siano errori tipografici. Calcolare poi la probabilità che ce ne sia almeno uno. 62. A un torneo partecipano due squadre, A e B. Il torneo prevede più partite, ciascuna delle quali deve concludersi con la vittoria di una delle due squadre. Vince il torneo la squadra che per prima accumula 3 vittorie. Qual è il numero minimo e il numero massimo di partite da giocare? La probabilità che la squadra A vinca una singola partita, indipendentemente dall esito delle altre partite, è 0.6. Qual è la probabilità che A vinca il torneo? 63. Un esame a risposta multipla propone 5 domande, ciascuna con tre possibili risposte. L esame è superato se si risponde correttamente ad almeno 4 domande. Uno studente impreparato risponde a caso. Qual è la probabilità che superi l esame? 64. I CD prodotti da una data azienda sono difettosi, in maniera indipendente uno dall altro, con probabilità pari a 0.0. L azienda vende i dischetti in scatole da 0. L azienda intende promuovere una campagna 3 2, predisponendo confezioni da tre scatole (che saranno vendute al prezzo di due. L azienda, a difesa della propria immagine, vuole però evitare che troppo frequentemente tra le tre scatole ve ne sia una con CD difettosi. Qual è la probabilità che tra le tre scatole ve ne sia una che contiene almeno un CD difettoso? E qual è invece la probabilità che almeno una delle tre scatole contenga CD difettosi? (Suggerimento: valutare innanzitutto la probabilità che in una scatola ci sia almeno un CD difettoso. Valutare, poi, la probabilità che, tra tre scatole di CD, una o almeno una contenga CD difettosi. 65. Il numero di clienti che si presentano a uno sportello di una data azienda di servizi in una data fascia oraria ha distribuzione di Poisson con parametro λ = 2.5. Valutare la probabilità che, nella fascia oraria di riferimento, non si presentino clienti e la probabilità 8

9 che se ne presentino almeno due. L addetto allo sportello deve decidere se può fare la pausa caffé in quella fascia oraria. Cosa si può suggerire? 66. Un urna contiene tre palline numerate da a 3. Si estraggono contemporaneamente due palline. Sia X la somma dei valori delle palline estratte. Descrivere la distribuzione di probabilità di X e rappresentarla graficamente. Scrivere la funzione di ripartizione di X e rappresentarla graficamente. Calcolarne il valore atteso e la varianza. Perché il valore atteso corrisponde alla media aritmetica semplice tra la più piccola e la più grande determinazione di X? Si può dare un interpretazione frequentista del valore atteso di X? Quale? 67. Un urna contiene tra palline numerate da a 3. Si estraggono due palline, in successione e con reimmissione. Sia Y la somma dei valori delle palline estratte. Descrivere la distribuzione di probabilità di Y e rappresentarla graficamente. Scrivere la funzione di ripartizione di Y e rappresentarla graficamente. Calcolarne il valore atteso e la varianza. Perché il valore atteso corrisponde alla media aritmetica semplice tra la più piccola e la più grande determinazione di Y? Confrontare Y con la variabile aleatoria X del problema precedente. Quale ha distribuzione più dispersa? In che termini lo si può descrivere? 68. Sia X il numero di teste ottenute in tre lanci di una moneta. Qual è la distribuzione di probabilità di X? Calcolarne valore atteso e varianza. Sia poi Y la variabile aleatoria definita come differenza tra il numero di teste e il numero di croci ottenuto in tre lanci di una moneta. Qual è la distribuzione di probabilità di Y? Calcolarne valore atteso e varianza. Ha senso confrontare le varianze delle due variabili aleatorie per stabilire quale tra le due ha distribuzione di probabilità più concentrata? 69. Si lancia quattro volte una moneta equilibrata. Sia X il numero totale di teste ottenute. Calcolarne valore atteso e varianza. Definire ora Y = X 2. Calcolarne valore atteso e varianza. Definire infine Z = 2X. Calcolarne valore atteso e varianza. (NB: si possono utilizzare alcuni tra i risultati del problema precedente cfr. commenti riportati nello svolgimento, oppure costruire per ogni variabile aleatoria la distribuzione di probabilità. 70. Un impresa propone un nuovo prodotto a 5 clienti, ad un prezzo promozionale di 00 euro. Supporre che ciascun cliente possa acquistare al più una unità del prodotto, e che la probabilità che lo acquisti (indipendentemente dalle scelte fatte dagli altri clienti sia Qual è il ricavo atteso dell impresa? Come si potrebbe misurare l incertezza del ricavo? 7. Una roulette ha 38 numeri; ciascun numero esce con la stessa probabilità (la roulette è cioè equilibrata. Si punta su un numero; se esce il numero, si vince 36 volte la puntata, altrimenti non si vince nulla. Un giocatore punta euro. Qual è il suo guadagno atteso? Il gioco è equo o è favorevole al banco? (NB: il gioco è equo quando il guadagno atteso è 0. Qual è l importo della vincita che rende equo il gioco? 72. In una data copertura assicurativa, l assicuratore pagherà 000 euro se si verifica un dato evento (ad esempio, un incidente. L assicuratore ritiene che l evento possa verificarsi con probabilità 0.0. Il premio del contratto (cioè il prezzo corrisposto dall assicurato è il valore atteso del pagamento dell assicuratore. Qual è il guadagno atteso dell assicuratore? Se l assicuratore volesse ottenere un guadagno atteso del 0% del premio incassato, a quanto dovrebbe ammontare il premio? 9

10 73. Si investono euro in un titolo il cui valore in un anno può aumentare del 0% con probabilità 0.25 o diminuire del 2% con probabilità Qual è il valore atteso dell investimento dopo un anno? Supporre che, in modo indipendente da quanto avvenuto nel primo anno, anche nel secondo anno il valore del titolo possa aumentare del 0% con probabilità 0.25 o diminuire del 2% con probabilità Qual è il valore atteso dell investimento dopo 2 anni supponendo che nel primo anno il rendimento sia stato del 0%? E se invece non si fa nessuna ipotesi sul rendimento del primo anno, qual è il valore atteso dell investimento dopo 2 anni? E il valore modale (cioè più probabile? 74. Una scatola contiene 20 articoli, di cui 4 difettosi. Si costruisce un campione di articoli, selezionandone 3 a caso dalla scatola. Sia X la variabile aleatoria che rappresenta il numero di articoli difettosi presenti nel campione. Calcolare il numero atteso di articoli difettosi presenti nel campione. 75. Il 0% delle scatole di merendine distribuite da una data azienda contiene un gadget particolare. In media, quante scatole deve acquistare un consumatore per trovare il gadget? (Interpretare il numero di scatole come un tempo d attesa del gadget una scatola corrisponde ad un intervallo di attesa del gadget. 0

11 Svolgimento (Consiglio vivamente di consultare lo svolgimento suggerito solo dopo aver elaborato in modo autonomo una risposta ai vari problemi.. Ci sono 400 modi per scegliere uno studente di laurea triennale; scelto uno studente di laurea triennale, ci sono 200 modi per scegliere uno studente di laurea magistrale; e via dicendo. Quindi, il numero di modi per costituire il gruppo di lavoro è: = Per ogni posizione assegnata alle lettere, si hanno 26 scelte disponibili. Per ciascuna posizione con valore numerico, ci sono invece 0 scelte possibili. Dunque i codici che si possono generare sono in numero: = Il primo elemento del codice può essere scelto tra 26 lettere, il secondo tra 25 (visto che una lettera è già stata scelta e il terzo tra 24. Il quarto elemento può essere scelto tra 0 numeri, il quinto tra 9 e il sesto tra 8. Dunque il numero di codici scende a: = Per ciascun elemento del numero telefonico, ci sono 0 scelte possibili (numeri da 0 a 9, e dunque si possono generare 0 7 = numeri di telefono. Quelli pari devono avere come ultima cifra una tra {0,2,4,6,8} (dunque ci sono 5 modi possibili per scegliere l ultima cifra. Per ciascuna delle posizioni precedenti ci sono comunque 0 scelte possibili. Dunque si possono comporre = numeri telefonici pari (d altra parte, dei di numeri considerati precedentemente, la metà è pari. Se la prima cifra non può essere 0, per la prima posizione si hanno solo 9 scelte possibili; per ciascuna delle rimanenti, invece, si hanno 0 scelte possibili. Dunque i numeri telefonici che non iniziano per 0 sono = Se le cifre non possono ripetersi, ci sono 0 possibili scelte per la prima posizione, 9 per la seconda, e così via. Dunque si possono generare = numeri telefonici. 5. Le prime tre cifre sono obbligate; supponiamo che compaiano nell ordine di estrazione. Per ciascuna delle rimanenti quattro posizioni, si hanno a disposizione 0 scelte. Dunque i numeri di telefono che hanno le tre cifre selezionate nelle prime tre posizioni (nell ordine di estrazione sono: 0 4 = Tuttavia, non conta l ordine in cui le cifre sono presenti nel numero telefonico. I possibili ordinamenti delle prime tre cifre (che sono tutte diverse, per ipotesi sono in numero 3! = 6. Dunque i potenziali vincitori sono in numero: 3! 0 4 = Per quanto riguarda i modi diversi di ottenere i tre numeri, visto che si tratta di numeri diversi, ci sono 0 possibili scelte per il primo, 9 per il secondo e 8 per il terzo. Dunque il numero di modi di estrarre i primi tre numeri è: = Se la graduatoria è indistinta (non tiene cioè conto del fatto che alcuni sono atleti professionisti e altri no, il numero possibile di classifiche è: 0! = (si tratta infatti di riordinare 0 oggetti diversi. Se le graduatorie sono distinte, se ne possono avere 3! = 6 per i professionisti e 7! = 5040 per i dilettanti. Per ogni graduatoria dei professionisti, sono possibili 5040 graduatorie per i dilettanti (o, viceversa, per ogni graduatoria dei dilettanti, sono possibili 6 graduatorie per i professionisti. Dunque il numero complessivo di classifiche è: 3! 7! = Supponendo di sistemare prima i libri di narrativa, poi quelli di marketing e quindi i fumetti, ci sono 3! 5! 2! = 440 riordinamenti possibili. Ci sono poi diverse scelte possibili circa l ordine dei generi dei libri: i libri di narrativa potrebbero essere seguiti

12 dai fumetti e quindi dai libri di marketing; oppure si potrebbero collocare per primi i libri di marketing, poi i libri di narrativa, poi i fumetti; oppure...complessivamente, ci sono 3! = 6 modi possibili per scegliere l ordine dei generi dei libri (visto che i generi sono 3. Quindi, in totale, i modi possibili per sistemare i libri sono: 3! 3! 5! 2! = La parola TRADE è costituita da 5 lettere diverse. Pertanto sono possibili 5! = 20 anagrammi, cioè riordinamenti delle lettere che la compongono. La parola NUTELLA è costituita da 7 lettere, di cui una (L ripetuta 2 volte. Se le 7 lettere fossero tutte diverse, i riordinamenti possibili sarebbero 7!. Ma, in questo modo, per la lettera L si considerano 2! volte i riordinamenti effettivi. Pertanto gli anagrammi sono in numero: 7! 2! = La parola COCACOLA è costituita da 8 lettere, di cui una (C ripetuta 3 volte e due (A,O ripetute due volte ciascuna. Quindi gli anagrammi possibili sono in numero: 8! 3! 2! 2! = E un problema simile a quello degli anagrammi. Si tratta di ordinare queste lettere: RRRRSSSIII. Sono 0 oggetti, di cui 4,3,3 uguali tra di loro. Pertanto il numero di possibili esiti è: 0! 4! 3! 3! = Siccome non conta l ordine di estrazione, i modi possibili per estrarre 5 carte da un mazzo di 52 sono in numero: ( 52 5 = Bisogna considerare quante coppie si possono formare tra 20 persone; ovviamente non conta l ordine (ma solo chi sono le due persone che si stringono la mano. Pertanto il numero di strette di mano è: ( 20 2 = Per i due docenti, c è una sola scelta possibile. Per gli studenti, bisogna sceglierne 5 tra i 200 disponibili. Non conta l ordine, ma solo quali sono gli studenti selezionati. Dunque, il numero di modi per costituire il gruppo di lavoro è: ( = Conta solo chi fa parte del comitato (mentre non conta in quale ordine sono stati individuati i vari componenti. Il modo di scegliere 3 donne tra 6 è: ( 6 3 = 20, mentre il modo di scegliere 3 uomini tra 7 è: ( 7 3 = 35. Scelte le donne che fanno parte del comitato, ci sono 35 scelte possibili per gli uomini (o, viceversa, una volta scelti gli uomini che fanno parte del comitato, ci sono 20 ( scelte possibili per le donne; pertanto il numero di modi per costituire il comitato è: 6 ( = 700. Teniamo ora conto del vincolo dato dai due uomini che hanno litigato. Si può considerare il gruppo degli uomini come se fosse costituito da due sottogruppi: i 2 uomini che hanno litigato e gli altri 5. Se il comitato contenesse i due uomini che hanno litigato, il terzo uomo dovrebbe essere scelto tra gli altri 5, e ci sono ( 5 = 5 per farlo. Queste soluzioni devono essere scartate dalle 35 ( precedentemente considerate. Dunque i modi possibili per costituire il comitato sono: 6 (( 3 7 ( 3 5 = 600. Un ragionamento alternativo per calcolare in quanti modi si possono scegliere gli uomini in presenza dei due litiganti è il seguente. Le scelte ammissibili sono quelle in cui non c è nessuno dei due litiganti oppure ce ne è solo uno. Ci sono ( ( = 0 modi per scegliere 3 uomini tra i 5 che non hanno litigato e nessuno tra quelli che hanno litigato, e ( ( = 20 modi di sceglierne tra quelli che hanno litigato e 2 tra gli altri. Quindi, in totale i modi per scegliere 3 uomini evitando che siano presenti entrambi gli uomini che hanno litigato è: ( ( ( ( 5 2 = Le possibili determinazioni sono i possibili ordini di arrivo. Essendoci 3 partecipanti, i possibili ordini di arrivo sono 3! = 6. In modo esteso, lo spazio degli stati può essere descritto nel seguente modo: Ω = {ω = {A,B,C},ω 2 = {A,C,B},ω 3 = {B,A,C}, ω 4 = {B,C,A},ω 5 = {C,A,B},ω 6 = {C,B,A}} (non ha importanza il modo in cui si 2

13 numerano le sequenze; è però necessario che in totale siano 6. In modo compatto, la descrizione di Ω può essere fatta nel seguente modo: Ω = {3! = 6 permutazioni degli oggetti A,B,C}, oppure nel seguente modo: Ω = {ω,ω 2,...,ω 6 } dove ciascun ω i è una diversa permutazione degli oggetti A,B,C. L evento E può essere descritto per esteso nel seguente modo: E = {ω = {A,B,C},ω 2 = {A,C,B}}. In modo compatto, può essere descritto nel seguente modo: E = {2! = 2 permutazioni degli oggetti A,B,C, collocando al primo posto l oggetto A}. Oppure ancora nel seguente modo: E = {ω i Ω tali che l oggetto A è collocato al primo posto}. 5. Le determinazioni possibili sono 6 2 = 36, in quanto ognuna delle 6 facce del primo dado si può combinare con ognuna delle 6 facce del secondo dado. Spazio degli stati: Ω = {(i,j;i,j =,2,...,6}; si tratta cioè delle coppie di numeri (i,j dove sia i sia j sono numeri interi compresi tra e 6. Evento E : E = {(3,6,(6,3,(4,5,(5, 4}; E 2 = {(2,,(2,3,(2,5,(4,, (4,3,(4,5, (6,,(6,3,(6, 5} oppure in modo più compatto E 2 = {(i,j;i = 2,4,6;j =,3,5} (convenzionalmente, è stato indicato per primo il dado rosso e per secondo il dado blu; ovviamente si sarebbe anche potuto indicare per primo il dado blu e per secondo il dado rosso. Unione: E E 2 = {(2,,(2,3,(2,5, (3, 6,(4,,(4, 3, (4,5,(5,4, (6,,(6,3, (6, 5}. Intersezione: E E 2 = {(4,5,(6,3}. 6. Evento E : E = {(3,6,(6,3,(4,5,(5,4}. Evento E 2 : E 2 = {(,2,(,4,(, 6, (2,, (2,3,(2,5,(3,2,(3,4, (3, 6,(4,,(4, 3, (4,5,(5,2, (5, 4,(5,6, (6,,(6,3,(6, 5}; si noti che le determinazioni che realizzano E 2 sono 8: per il primo dado, ci sono 6 risultati accettabili (i numeri da a 6, per il secondo dado ne restano 3 (una volta che è stata fissata la faccia del primo dado, e quindi il numero di determinazioni favorevoli a E 2 è 6 3 = 8. Unione E E 2 = {(,2,(,4,(,6,(2,, (2, 3,(2,5,(3, 2, (3,4,(3, 6, (4,, (4,3,(4,5,(5,2,(5,4, (5, 6,(6,,(6, 3, (6,5} = E 2. Intersezione: E E 2 = {(3,6, (6,3,(4,5,(5,4} = E. Si può notare che se si realizza l evento E, necessariamente si realizza anche E 2 ; infatti, siccome 9 è un numero dispari, i termini che ne costituiscono la somma devono essere uno pari e l altro dispari. Pertanto E è incluso in E 2 : E E 2. L insieme di determinazioni favorevoli a E 2 è più ampio di quello delle determinazioni favorevoli a E perché per il primo evento deve essere soddisfatto un vincolo in più (una faccia deve essere pari e l altra dispari ed inoltre devono sommare a 9. Siccome E E 2, risulta E E 2 = E 2 e E E 2 = E. 7. L insieme delle possibili determinazioni, cioè lo spazio degli stati Ω, è costituito da = 24 elementi, tanti quanti sono i modi di combinare le varie alternative disponibili per ogni portata. L evento A è costituito da 2 3 = 6 elementi, in quanto l unica scelta obbligata è quella relativa al dessert; l evento B è costituito da 3 4 = 2 elementi; l evento C da 2 4 = 8 elementi. L evento intersezione A B C è costituito da un solo elemento, visto che affinché siano realizzati contemporaneamente A, B, C per ogni portata la scelta è obbligata. L unione A B C, invece, coincide con lo spazio degli stati Ω, visto che qualunque scelta soddisfa almeno uno tra A, B, C. Le probabilità assegnate ai vari eventi sono tutte positive (e inferiori a. Dal modo in cui sono state assegnate le probabilità agli eventi A, B, C, si vede che il barista non ritiene che tutte le determinazioni sono equiprobabili (altrimenti, ad esempio, A avrebbe dovuto avere probabilità E rispettata la condizione tra la probabilità di A B C e quella dei singoli eventi A, B, C (siccome A B C è incluso in ciascuno di A, B, C, deve risultare P[A B C] min{p[a], P[B], P[C]}. Dovrebbe risultare P[A B C] =, visto che A B C = Ω. Le probabilità non sono dunque assegnate in modo coerente. 3

14 8. Tutte le probabilità sono positive, e inferiori a. Siccome E 4 = E E 2, risulta E 4 E e E 4 E 2 e quindi la probabilità di E 4 deve essere non superiore né alla probabilità di E, né a quella di E 2, e questo è verificato. Siccome E 5 = E 3, deve risultare P[E 5 ] = P[E 3 ], e questo è verificato. Infine, siccome E 5 = E E 2, deve risultare P[E 5 ] = P[E ] + P[E 2 ] P[E E 2 ] = = 50%, e questo non è verificato, visto che all evento E 5 è assegnata probabilità 4 5 = 80%. Le probabilità non sono dunque coerenti tra di loro. 9. L evento B è incluso nell evento A; infatti affinché sia verificato l evento B devono sussistere due circostanze (l uomo deve essere il CEO di un impresa multinazionale e oggi deve essersi occupato dei lavori di ristrutturazione, mentre ne serve solo una per realizzare l evento A (l uomo deve essere il CEO di un impresa multinazionale. Pertanto: B A e quindi P[B] P[A]. Data la tenuta dell uomo, forse è più realistico ritenere che, se è il CEO di una multinazionale, oggi l uomo si sia occupato di lavori di ristrutturazione. Tuttavia Bice utilizza in modo inappropriato un linguaggio probabilistico, e pertanto fa un affermazione sbagliata. 20. Le possibili determinazioni sono in numero: 6 3 (visto che per ogni dado, in modo indipendente dagli altri, può uscire una faccia da a 6. Per ottenere somma 4, devono uscire due e un 2. La faccia 2 può uscire in uno qualunque dei tre dadi (mentre per i rimanenti due deve uscire la faccia ; dunque ci sono 3 possibili modi per ottenere due e un 2. Si potrebbe anche ragionare nel seguente modo; ci sono ( 3 = 3 modi possibili per assegnare una posizione al numero 2. Quindi, la probabilità che la somma delle facce sia 4 è: P[E] = (3 6 3 = 72. ( 2. Le determinazioni possibili sono in numero: 3 (visto che le palline sono estratte contemporaneamente, non conta l ordine. Ci sono ( 6 modi possibili per estrarre una pallina bianca e, per ciascuno di questi, ( 5 2 di estrarne due nere. Dunque la probabilità cercata è: P[E] = (6 ( 5 2 = ( I modi possibili per estrarre i cinque nominativi sono:. I modi per estrarre tre uomini sono: ( 6 ( 3. Per ciascuno, ci sono 4 2 modi per estrarre due donne. Dunque la probabilità di avere una commissione costituita da tre uomini e due donne è: P[E] = ( 6 3 ( 4 2 = 35.76%. La probabilità che la commissione sia costituita da 2 uomini e 3 ( 30 5 donne è invece: P[E ] = ( 6 2 ( 4 3 = 30.65%. Risulta P[E ( 30 5 ] < P[E] perché si sceglie in un gruppo in cui le donne sono in numero inferiore agli uomini (e dunque la composizione 2 uomini 3 donne è meno probabile di quella 3 uomini 2 donne. 23. I modi in cui si possono presentare le carte sono 3!. I casi favorevoli all evento sono quelli in cui l asso è alla quarta posizione, mentre le rimanenti 2 carte sono ordinate in un modo qualunque (e occupano le rimanenti 2 posizioni. Dunque i casi favorevoli all evento sono in numero 2!. La probabilità cercata è dunque: P[E] = 2! 3! = 3. In generale, la probabilità che una carta tra le 3 occupi una fissata posizione è La risposta alla prima domanda è simile a quella dell esercizio precedente. Le 52 carte possono assumere uno qualunque tra i 52! ordinamenti possibili. Quelli favorevoli ad avere un asso nella quarta posizione sono 5! 4 (5! sono gli ordinamenti possibili delle carte che non occupano la quarta posizione; l asso in quarta posizione può essere uno qualunque tra i 4 presenti nel mazzo. Dunque la probabilità cercata è: P[E] = 4 5! 52! = (

15 4 52. In generale, la probabilità che una carta di un dato valore compaia in una fissata posizione è Per il secondo evento, si deve ragionare come segue. Gli ordinamenti possibili delle 52 carte sono sempre 52!. Nelle prime tre posizioni non deve comparire un asso (che per la prima volta deve essere scoperto nella quarta posizione. Scartati i quattro assi, per le prime tre posizioni ci sono dunque scelte possibili. Alla quarta posizione, si deve trovare un asso, e ci sono 4 diverse possibilità. Infine, nelle rimanenti 48 posizioni le rimanenti carte (48 possono assumere un ordinamento qualunque, e dunque ci sono 48! possibilità. Dunque la probabilità cercata è: P[E ] = ! 52!. Semplificando i due fattoriali a numeratore e denominatore, si può anche calcolare la probabilità come segue: P[E ] = , in cui ci si limita a considerare cosa può succedere nelle prime 4 posizioni. Ci sono infatti 48 casi favorevoli su 52 per la prima carta, 47 su 5 per la seconda (visto che la prima carta è stata scelta, 46 su 50 per la terza e infine 4 (gli assi su 49 per la quarta. 25. Se non conta l ordine di estrazione, ci sono ( 90 5 casi possibili. Per entrambe le cinquine, c è solo un caso favorevole. Dunque la probabilità delle due cinquine è la medesima, ed è pari a: ( 90 5 = Se conta l ordine di estrazione, ci sono casi possibili. Di nuovo, per entrambe le sequenze c è solo un caso favorevole. Dunque la probabilità delle due sequenze è la medesima, ed è ora pari a: = La probabilità di fare cinquina è: P[cinquina] = ( (cfr. esercizio precedente Per fare ambo, il giocatore deve avere scelto 2 numeri tra i 5 estratti e 3 numeri tra i rimanenti 85. Non contando l ordine, la probabilità cercata è: P[ambo] = (5 2 ( ( 90 5 Per fare terno, il giocatore deve avere scelto 3 numeri tra i 5 estratti e 2 numeri tra i rimanenti 85. La probabilità cercata è dunque: P[terno] = ( 5 3 ( ( 90 5 La probabilità di fare almeno ambo può essere calcolata come complemento a dell evento non si è indovinato nessun numero o se ne è indovinato solo. Si noti che tale evento è l unione di due eventi incompatibili. Seguendo ( un ragionamento simile a quelli precedenti, si ottiene: P[almeno ambo] = ( 85 5 ( ( 5 ( ( Siccome si estrae a caso, i casi possibili sono in numero di: ( 700 4, essendo 700 il numero totale di persone tra cui scegliere. Sia E l evento è selezionato un rappresentante per categoria. Ci sono 400 modi per scegliere uno studente di laurea triennale, per ognuno di questi 200 modi per scegliere uno studente di laurea magistrale, ecc. Dunque: P[E ] = =.29%. Sia E ( l evento sono selezionati due studenti di laurea triennale e due di laurea magistrale. Ci sono ( modi possibili per selezionare 2 studenti di laurea triennale (si ricordi che l ordine non conta, ma conta solo chi è selezionato e, per ciascuno di questi, ( modi per selezionare due studenti di laurea magistrale. Dunque: P[E 2 ] = ( ( = 6.0%. Sia E 3 l evento non è selezionato alcun ( docente, che equivale a sono selezionati solo studenti. In totale ci sono 620 studenti, tra cui sceglierne 4. Pertanto: P[E 4 ] = ( ( = 6.47%. 28. Consideriamo il primo evento: E palline dello stesso colore. Questo evento è realizzato se entrambe le palline sono rosse (evento E 2 o entrambe nere (evento E 3. Gli 5

16 eventi E 2 e E 3 sono incompatibili, dunque: P[E ] = P[E 2 E 3 ] = P[E 2 ]+P[E 3 ]. Il risultato dell estrazione dall urna A può essere considerato indipendente da quello dell urna B. Pertanto: P[E] = = 2. Conviene valutare la probabilità dell evento E 4 almeno una pallina è rossa come P[E 4 ] = P[E 4 ], dove E 4 è l evento nessuna pallina è rossa. La probabilità di non avere nessuna pallina rossa è: P[E 4 ] = = 3. E dunque la probabilità di averne almeno una rossa è: P[E 4 ] = 3 0 = 7 0. Ovviamente, si sarebbe potuto valutare P[E 4 ] anche direttamente. Le determinazioni che realizzano l evento sono: {R,R}, {R,N}, {N,R} (in ciascuna sequenza, è indicata per prima la pallina estratta dall urna A; le determinazioni sono, ovviamente, incompatibili. Si trova pertanto: P[E 4 ] = = Le lettere in comune sono A O T. La scelta delle lettere nelle due parole può essere ritenuta indipendente. OTTANTA è formata da 7 lettere, di cui 2 A, O e 3 T; SCOPERTA è formata da 8 lettere, di cui nessuna ripetuta. Pertanto, la probabilità cercata è: P[E] = P[lettere AA lettere OO lettere TT] = = 3 28 (si noti che gli eventi in entrambe le parole è estratta la lettera A, in entrambe le parole è estratta la lettera O, in entrambe le parole è estratta la lettera T sono eventi incompatibili e dunque la probabilità della loro unione è la somma delle probabilità dei singoli eventi. 30. Sia E = almeno un partecipante ha il compleanno in comune con il festeggiato. Conviene calcolare innanzitutto la probabilità di E, cioè che nessuno dei 20 partecipanti abbia compleanno nel giorno del festeggiato. Escludendo la data di compleanno del festeggiato, restano 364 giorni per ciascun partecipante (sui 365 dell anno; le date di compleanno dei partecipanti possono, con buona approssimazione, essere considerate indipendenti. Dunque la probabilità di E è: P[E ] = ( , 365 e quindi la probabilità di E : P[E ] = ( = 5.34%. Sia E 2 = almeno un partecipante ha il compleanno nel giorno successivo a quello del festeggiato. Il problema è simile a quello precedente. Conviene valutare innanzitutto E 2, escludendo per ciascun partecipante un giorno tra i 365 dell anno (l unica differenza è che ora il giorno è quello successivo a quello di compleanno del festeggiato, ma si tratta sempre di giorno su 365; successivamente si ottiene P[E 2 ] = P[E 2 ]. Per quanto detto, si trova: P[E 2 ] = P[E ]. Sia E 3 = solo un partecipante ha il compleanno nel giorno del festeggiato. Dei 20 partecipanti, solo uno deve avere compleanno nel giorno del festeggiato e tutti gli altri in uno qualunque dei rimanenti 364. Ci sono 20 modi per scegliere la persona che deve avere il compleanno in comune con il festeggiato. Pertanto la probabilità di E 3 è: P[E 3 ] = ( = 5.20%. Sia E 4 = nessuno dei partecipanti ha il compleanno in comune. Immaginiamo di mettere in ordine i partecipanti. Il primo può avere compleanno in un giorno qualunque; il secondo in uno dei 364 rimanenti (cioè escluso il compleanno del primo; il terzo in uno dei 363 rimanenti (cioè esclusi i compleanni dei primi due; e così via. Dunque si ha: P[E 4 ] = = 58.86%. 3. Le possibili determinazioni sono in numero: 2 2 = 4. Per esteso, l insieme degli stati è: Ω = {(T,T,(T,C,(C,T,(C,C}. C è una sola determinazione favorevole a E e dunque: P[E] = 4. Ci sono due determinazioni favorevoli a A: il risultato del secondo lancio è obbligato, ma nel primo lancio si può ottenere qualunque esito; dunque: P[A] = 2 4 = 2. La probabilità di B può essere valutata come complemento a dell evento contrario: B non esce nessuna testa. C è un unica determinazione favorevole a B 0 6

17 (dovendo uscire croce in entrambi i lanci, e dunque: P[B] = P[B] = 4 = 3 4. Infine: P[E A] = P[E A] P[A] = P[E] P[A] = /4 /2 = 2 (siccome E A, risulta E A = E; P[E B] = P[E B] P[B] = P[E] P[B] = /4 3/4 = 3 (anche in questo caso, E B = E, in quanto E B. Essendo lo spazio degli stati molto semplice, tutte le probabilità possono anche essere valutate considerando direttamente i casi favorevoli e i casi possibili in ciascuno stato di informazione. 32. Sia R i l evento l i-esima pallina estratta è rossa. Dobbiamo valutare P[R R 2 ]. Conviene ragionare come segue. La probabilità che la prima pallina estratta sia rossa è: P[R ] = 8 2. La probabilità condizionata che anche la seconda sia rossa è: P[R 2 R ] = 7. Infine: P[R R 2 ] = P[R ] P[R 2 R ] = = In alternativa si può procedere come segue, misurando direttamente la probabilità di R R 2. Lo schema di estrazioni successive senza reimmissione è equivalente ad uno schema di estrazione contemporanea di un certo numero di oggetti. Nel problema, sono estratte due palline. Dunque gli esiti possibili sono: ( 2 2 (vengono estratte 2 palline tra 2. Favorevoli all evento, sono ( 8 2 casi (le due palline devono essere estratte tra le 8 rosse. Si trova pertanto: P[R R 2 ] = ( 8 2 ( 2 2 = Consiglio di seguire la prima impostazione, più semplice. 33. Sia R l evento la prima pallina è rossa e R (2 in totale, sono state estratte 2 palline rosse. Dobbiamo valutare P[R R (2 ]. Possiamo ragionare direttamente sull informazione data da R (2. Sappiamo che di 3 palline estratte, 2 sono rosse. Dunque ci sono 2 su 3 possibilità che la prima estratta fosse rossa (infatti, si possono essere realizzate le sequenze: (RRB, (RBR, (BRR. Pertanto: P[R R (2 ] = Si definiscano i seguenti eventi: C l assicurato appartiene alla prima classe, C 2 l assicurato appartiene alla seconda classe, I l assicurato realizza incidenti nell anno in corso. Dobbiamo valutare P[I] e disponiamo delle seguenti informazioni: P[I C ] = 0.40, P[I C 2 ] = 0.20, P[C ] = 0.30, P[C 2 ] = Possiamo pertanto valutare la probabilità cercata come segue: P[I] = P[I C ] P[C ]+P[I C 2 ] P[C 2 ] = = Si può notare che P[I] è intermedia tra P[I C 2 ] e P[I C ], esprimendone una media. 35. Dopo un lancio della moneta, A si può ritrovare con 3 euro o con euro. Il gioco dunque può procedere. Dopo un ulteriore lancio, il giocatore A può ritrovarsi con 4 euro (il gioco si ferma ed A ha vinto, con 2 euro (il gioco è nello stato iniziale o con 0 euro (il gioco si ferma ed A ha perso. Conviene aiutarsi con una rappresentazione grafica (schema ad albero; in ogni nodo è rappresentata la situazione patrimoniale di A; ogni arco rappresenta il possibile esito del lancio della moneta: testa verso l alto, croce verso il basso. 3 euro 4 euro: A vince 2 euro 2 euro: il gioco è come all inizio euro 0 euro: A perde 7

18 Ogni arco del grafo ha probabilità 2 (cioè è 2 la probabilità di spostarsi da un nodo ad un altro, seguendo gli archi tracciati. Sia p la probabilità che A vinca il gioco quando ha 2 euro; la probabilità che vinca quando ha 4 euro è, mentre è 0 la probabilità che vinca quando ha 0 euro. Inoltre, è 2 2 = 4 la probabilità che A si ritrovi con 4 euro dopo due lanci (cioè che esca due volte testa, 2 2 = 4 la probabilità che A dopo due lanci si ritrovi con 0 euro (cioè che esca due volte croce, = 2 la probabilità che A si ritrovi dopo due lanci con 2 euro (cioè che escano una volta testa e una volta croce. Possiamo allora scrivere la seguente relazione: P[A vinca il gioco] = P[esca due volte testa]+p[esca una volta testa e una croce] P[A vinca il gioco]. Sostituendo: p = p, da cui: p = 2. I due giocatori hanno pertanto la stessa probabilità di vincere il gioco (il che è ragionevole, visto che hanno lo stesso patrimonio iniziale e in ciascun lancio hanno la stessa probabilità di vincere euro. 36. Si consideri la seguente rappresentazione grafica: 3 euro: A vince 2 euro 2 euro: il gioco è come all inizio euro 0 euro: A perde Ragionando come nel precedente esercizio, possiamo scrivere la seguente relazione: p = p, da cui: p = 2 3. Il giocatore A ha dunque una probabilità di vincere doppia rispetto a quella di B. 37. Dobbiamo calcolare P[R]. Se sapessimo quale carta è stata estratta, sarebbe semplice dire qual è la probabilità che la faccia visibile sia rossa. Infatti: P[R RR] =, P[R NN] = 0 e P[R RN] = 2. D altra parte, ciascuna carta ha probabilità 3 di essere estratta. Ragionando in termini di probabilità totali si trova: P[R] = P[R RR] P[RR]+P[R RN] P[RN] + P[R NN] P[NN] = = 2. Il risultato è facilmente interpretabile: su 6 facce possibili, 3 sono rosse. Pertanto la probabilità che la faccia visibile sia rossa è 3 6 = 2. (La risposta può anche essere data direttamente in questi termini. 38. Chiamiamo D 20 l evento la batteria funziona per più di km, D 40 l evento la batteria funziona per più di km e D 60 l evento la batteria funziona per più di km. La prima probabilità richiesta è: P[D 40 D 20 ] = P[D 40 D 20 ] 2 P[D 20 ] = P[D 40] P[D 20 ] = = (se la batteria funziona per più di km, necessariamente funziona anche per più di km; dunque D 40 D 20 e P[D 20 D 40 ] = P[D 40 ]. La seconda probabilità richiesta è: P[D 60 D 20 ] = P[D 60 D 20 ] P[D 20 ] = P[D 60] P[D 20 ] = = Chiamiamo AA l evento sono stati estratti due assi, A l evento la prima carta estratta è un asso, A 2 l evento la seconda carta estratta è un asso, Ap una delle due carte estratte è l asso di picche, A una delle due carte estratte è un asso. Si ottengono le seguenti valutazioni. Valutiamo P[AA] non tenendo conto di alcuna informazione. Facendo riferimento ad uno schema di estrazioni successive senza reimmissione, si trova: P[AA] = Se si facesse riferimento ad uno schema di estrazioni contemporanee, non conterebbe l ordine di estrazione, ma solo quali carte sono state estratte; pertanto la probabilità sarebbe valutata nel seguente modo: P[AA] = (4 2 ( 52 2 = = 7. 8

19 Valutiamo ora P[AA Ap], tenendo cioè conto che è stato estratto l asso di picche. Troviamo: P[AA Ap] = P[AA Ap] P[Ap un altro asso (non di picche] = 3 5 P[Ap] = P[Ap una carta qualsiasi delle rimanenti] = D altra parte, delle due carte estratte, una è nota (è l asso di picche; si tratta dunque di valutare solo la probabilità che l altra carta sia un asso, e restano 3 possibilità su 5. Valutiamo ora P[AA A ] = P[AA A ] P[A ] = P[AA] P[A ] = = 3 5 = 7. Di nuovo, se supponiamo di avere estratto un asso come prima carta, restano 3/5 possibilità che anche la seconda carta sia un asso. Dobbiamo ora valutare P[AA A 2 ] = P[AA A 2] P[A 2 ] = P[AA] P[A 2 ]. La probabilità di ottenere un asso come seconda carta, P[A 2 ], dipende da qual è la prima carta (un asso oppure no. Pertanto abbiamo: P[AA A 2 ] = 3 5 = P[AA] = P[A 2 A ] P[A ]+P[A 2 A ] P[A ] Che P[AA A ] = P[AA A 2 ] non deve sorprendere. Infatti, come detto, lo schema di estrazione può essere visto come schema di estrazioni contemporanee; pertanto, l ordine non conta. Considerare una carta come prima o seconda è una convenzione; la carta considerata come prima può sempre essere scambiata con quella considerata come seconda. Delle due carte estratte, una è nota (è un asso. Si tratta di valutare la probabilità che anche l altra sia un asso, e restano 3 possibilità su 5 (così come accade quando si sa che una delle due carte è un asso particolare. Dobbiamo ora valutare P[AA almeno una carta è un asso] = P[AA almeno una carta è un asso] P[almeno una carta è un asso] = P[AA] P[nessuna carta è un asso] = = E vero che la probabilità di ottenere volte di seguito nero è bassa. Supponendo che la metà dei numeri abbia colore nero, tale probabilità è: P[ volte nero] = ( 2 = Tuttavia, ogni esito della roulette è indipendente dal precedente, dunque: P[nero all -esima volta è uscito nero nelle 0 volte precedenti] = P[nero in un giro] = 2. La strategia del giocatore è inefficace, in quanto non migliora la sua probabilità di vincere. 4. La possibile evoluzione della popolazione inizialmente costituita da una cellula nel corso di un intervallo è descritta dal grafo seguente: = 0 cellule: la popolazione si estingue cellula cellula: una popolazione come quella iniziale 2 cellule: due popolazioni come quella iniziale Definiamo i seguenti eventi: E la popolazione inizialmente costituita da una cellula si estingue prima o poi, D la cellula decede nell intervallo, I nell intervallo, la cellula si mantiene immutata, R nell intervallo, la cellula si duplica. I tre eventi D, I, R sono incompatibili e complementari; sulla base dei dati, P[D] = P[I] = P[R] = 3. Inoltre, P[E D] =. Sia p = P[E]; possiamo affermare: P[E I] = p, in quanto se la cellula si mantiene immutata, la situazione è uguale a quella iniziale. Possiamo inoltre affermare: P[E R] = p 2, in quanto le due cellule hanno vite indipendenti e ciascuna dà origine 9

20 a una popolazione che ha le stesse caratteristiche di quella iniziale. Ricorrendo alle probabilità totali, si ha: P[E] = P[E D] P[D] + P[E I] P[I] + P[E R] P[R]. Sostituendo: p = 3 + p 3 + p2 3, verificata per p =. E dunque certo che la popolazione si estinguerà prima o poi. 42. Se al tempo 0 la popolazione è costituita da cellula, al tempo con probabilità /2 sarà costituita da 0 cellule (se la cellula decede e con probabilità /2 da 2 cellule (se la cellula si duplica: cellula 0 cellule: la popolazione si estingue 2 cellule: due popolazioni come quella iniziale Definiamo i seguenti eventi: E la popolazione si riproduce indefinitamente, R la cellula si duplica nel corso dell intervallo, D la cellula decede nel corso dell intervallo. Dobbiamo valutare P[E] e si può applicare il teorema delle probabilità totali: P[E] = P[E D] P[D] + P[E R] P[R]. Poniamo p = P[E]. Sulla base dei dati, P[D] = P[R] = 2. Inoltre, P[E D] = 0, visto che in caso di decesso della cellula nell intervallo, la popolazione cessa di esistere. Per quanto riguarda P[E R] possiamo ragionare come segue. Le due cellule danno origine a due popolazioni, ciascuna inizialmente costituita da cellula, e dunque ciascuna con la stessa struttura di quella considerata all epoca 0. Le due popolazioni avranno storie indipendenti. Dunque per ciascuna è pari a p la probabilità di riprodursi indefinitamente. Nel complesso, la popolazione si riproduce indefinitamente se almeno una delle due sottopopolazioni si riproduce indefinitamente; dunque: P[E R] = ( p 2 = 2p p 2. Sostituendo, si trova: p = 0 2 +(2p p2 2, verificata per p = 0. Un altro modo per risolvere il problema, è quello di valutare la probabilità di estinzione prima o poi della popolazione, la probabilità di riprodursi indefinitamente essendone il complemento a. Definiamo Ē l evento la popolazione costituita inizialmente da una cellula si estingue prima o poi. Si ha: P[Ē] = P[Ē D] 2 + P[Ē R] 2. Indicando con p il valore (incognito di P[Ē], si ha P[Ē R] = (p 2, in quanto se al tempo la popolazione è costituita da due cellule, l estinzione (prima o poi della popolazione nel suo complesso è verificata se ciascuna delle due popolazioni originate dalle cellule si estinguono prima o poi. Sostituendo i dati disponibili nella precedente equazione, si trova: p = 2 + (p 2 2, verificata per p =. Infine: p = p = 0. Si veda anche l esercizio 30 tra quelli svolti in aula. 43. La risposta deve essere data tenendo conto che il banco mostra sempre una carta che è picche. Si indichi con C i l evento la i-esima carta scelta è di cuori e P i l evento la i-esima carta scelta è di picche. Prima di scegliere la prima carta, il giocatore ha probabilità 3 di scegliere la carta di cuori: P[C ] = 3. Siccome il banco sa dov è la carta di cuori, P[C 2 ] = 0, mentre P[P 2 ] =. Pertanto: P[C 3 ] = P[C 3 C ] P[C ] + P[C 3 P ] P[P ] (l informazione data da P 2 è irrilevante, visto che il banco non fa una scelta casuale. Si ha: P[C 3 C ] = 0, in quanto è impossibile trovare cuori nella terza carta, se è stata scelta come prima carta; P[C 3 P ] =, in quanto la seconda carta 20

Ancora sull indipendenza. Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche

Ancora sull indipendenza. Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche Ancora sull indipendenza Se A e B sono indipendenti allora lo sono anche A e B Ā e B Ā e B Sfruttiamo le leggi di De Morgan Leggi di De Morgan A B = Ā B A B = Ā B P (Ā B) = P (A B) = 1 P (A B) = 1 (P (A)

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità Calcolo delle Probabilità Il calcolo delle probabilità studia i modelli matematici delle cosidette situazioni di incertezza. Molte situazioni concrete sono caratterizzate a priori da incertezza su quello

Dettagli

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 1. Si lancia una moneta 2 volte: qual è la probabilità che esca TESTA 0 volte? 1 volta? 2 volte? 2. Si lancia una moneta 3 volte:

Dettagli

Introduzione alla probabilità

Introduzione alla probabilità Introduzione alla probabilità CAPITOLO TEORIA Il dilemma di Monty Hall In un popolare show televisivo americano il presentatore mostra al concorrente tre porte chiuse. Dietro a una di esse si cela il premio

Dettagli

Calcolo combinatorio

Calcolo combinatorio Probabilità e Statistica Esercitazioni a.a. 2009/2010 C.d.L.S.: Ingegneria Civile-Architettonico, Ingegneria Civile-Strutturistico Calcolo combinatorio Ines Campa e Marco Longhi Probabilità e Statistica

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability

Dettagli

ESERCIZI. x + 3 x 2 1. a) y = 4x2 + 3x 2x + 2 ; b) y = 6x2 x 1. (x + 2) 2 c) y =

ESERCIZI. x + 3 x 2 1. a) y = 4x2 + 3x 2x + 2 ; b) y = 6x2 x 1. (x + 2) 2 c) y = ESERCIZI Testi (1) Un urna contiene 20 palline di cui 8 rosse 3 bianche e 9 nere; calcolare la probabilità che: (a) tutte e tre siano rosse; (b) tutte e tre bianche; (c) 2 rosse e una nera; (d) almeno

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

Esercizio 1. Svolgimento

Esercizio 1. Svolgimento Esercizio 1 Vengono lanciate contemporaneamente 6 monete. Si calcoli: a) la probabilità che si presentino esattamente 2 testa ; b) la probabilità di ottenere almeno 4 testa ; c) la probabilità che l evento

Dettagli

Esercizi di calcolo combinatorio

Esercizi di calcolo combinatorio CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi di calcolo combinatorio Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability di Sheldon Ross, quinta

Dettagli

8. Qual è la probabilità di estrarre da un mazzo di 40 carte napoletane una figura?

8. Qual è la probabilità di estrarre da un mazzo di 40 carte napoletane una figura? www.matematicamente.it Probabilità 1 Calcolo delle probabilità Cognome e nome: Classe Data 1. Quali affermazioni sono vere? A. Un evento impossibile ha probabilità 1 B. Un vento certo ha probabilità 0

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

Lezioni di STATISTICA MATEMATICA A

Lezioni di STATISTICA MATEMATICA A Università di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Lezioni di STATISTICA MATEMATICA A Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Laurea in Ingegneria dei Materiali - Anno Accademico 010/11

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA SCHEDA DIDATTICA N 1

FACOLTA DI INGEGNERIA SCHEDA DIDATTICA N 1 FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE ED IL TERRITORIO CORSO DI STATISTICA E CALCOLO DELLE PROBABILITA PROF. PASQUALE VERSACE SCHEDA DIDATTICA N ARGOMENTO: CALCOLO DELLE PROBABILITA

Dettagli

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k Pordenone Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità UNIVERSITAS STUDIORUM UTINENSIS Giorgio T. Bagni Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Matematica e Informatica

Dettagli

Stima per intervalli Nei metodi di stima puntuale è sempre presente un ^ errore θ θ dovuto al fatto che la stima di θ in genere non coincide con il parametro θ. Sorge quindi l esigenza di determinare una

Dettagli

CALCOLO COMBINATORIO E PROBABILITA

CALCOLO COMBINATORIO E PROBABILITA CALCOLO COMBINATORIO E PROBABILITA Con calcolo combinatorio si indica quel settore della matematica che studia i possibili modi di raggruppare ed ordinare oggetti presi da un insieme assegnato, con l obiettivo

Dettagli

Probabilità e statistica. Veronica Gavagna

Probabilità e statistica. Veronica Gavagna Probabilità e statistica Veronica Gavagna Testa o croce? Immaginiamo di lanciare una moneta facendola cadere su un piano liscio chiunque dirà che la probabilità dell evento testa sarà del 50%, al pari

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

Lezione 10. La Statistica Inferenziale

Lezione 10. La Statistica Inferenziale Lezione 10 La Statistica Inferenziale Filosofia della scienza Secondo Aristotele, vi sono due vie attraverso le quali riusciamo a formare le nostre conoscenze: (1) la deduzione (2) l induzione. Lezione

Dettagli

CALCOLO COMBINATORIO

CALCOLO COMBINATORIO CALCOLO COMBINATORIO 1 Modi di formare gruppi di k oggetti presi da n dati 11 disposizioni semplici, permutazioni Dati n oggetti distinti a 1,, a n si chiamano disposizioni semplici di questi oggetti,

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

Lo schema di Bernoulli (o delle prove indipendenti): un esempio di modello probabilistico applicabile a diversi contesti

Lo schema di Bernoulli (o delle prove indipendenti): un esempio di modello probabilistico applicabile a diversi contesti Lo schema di Bernoulli (o delle prove indipendenti): un esempio di modello probabilistico applicabile a diversi contesti Rita Giuliano (Pisa) 0. Introduzione. È ormai acquisizione comune il fatto che uno

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007

Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 Before the Wind By Torsten Landsvogt For 2-4 players, age 10+ Phalanx Games, 2007 IMPAGINAZIONE DELLE REGOLE 1.0 Introduzione 2.0 Contenuto del gioco 3.0 Preparazione 4.0 Come si gioca 5.0 Fine del gioco

Dettagli

Capitolo 8 - Introduzione alla probabilità

Capitolo 8 - Introduzione alla probabilità Appunti di Teoria dei Segnali Capitolo 8 - Introduzione alla probabilità Concetti preliminari di probabilità... Introduzione alla probabilità... Deinizione di spazio degli eventi... Deinizione di evento...

Dettagli

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α?

Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? QUESITO 1 Nel triangolo disegnato a lato, qual è la misura, in gradi e primi sessagesimali, di α? Applicando il Teorema dei seni si può determinare il valore di senza indeterminazione, in quanto dalla

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia?

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Danilo Pelusi 1 Gianpiero Centorame 2 Sunto: Il seguente articolo illustra le possibili analogie e differenze tra il calcolo delle

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1

LEZIONE 14. a 1,1 v 1 + a 1,2 v 2 + a 1,3 v 3 + + a 1,n 1 v n 1 + a 1,n v n = w 1 LEZIONE 14 141 Dimensione di uno spazio vettoriale Abbiamo visto come l esistenza di una base in uno spazio vettoriale V su k = R, C, permetta di sostituire a V, che può essere complicato da trattare,

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

Se si insiste non si vince

Se si insiste non si vince Se si insiste non si vince Livello scolare: 2 biennio Abilità interessate Valutare la probabilità in diversi contesti problematici. Distinguere tra eventi indipendenti e non. Valutare criticamente le informazioni

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato.

1a) Calcolare gli estremi dell intervallo di confidenza per µ al 90% in corrispondenza del campione osservato. Esercizio 1 Sia X 1,..., X un campione casuale estratto da una variabile aleatoria normale con media pari a µ e varianza pari a 1. Supponiamo che la media campionaria sia x = 2. 1a) Calcolare gli estremi

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO DI GIOCO DELLA ROULETTE (al Casino Municipale di Campione d Italia) adottato con delib. C.C. n. 83 del 2.12.1993 approvata dal CRC con atto n. 13 in data 4.1.1994

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE

DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE DISTRIBUZIONI DI VARIABILI CASUALI DISCRETE variabile casuale (rv): regola che associa un numero ad ogni evento di uno spazio E. variabile casuale di Bernoulli: rv che può assumere solo due valori (e.g.,

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE MODELLI STATISTICI NELLA SIMULAZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Modelli statistici nella simulazione

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

A i è un aperto in E. i=1

A i è un aperto in E. i=1 Proposizione 1. A è aperto se e solo se A c è chiuso. Dimostrazione. = : se x o A c, allora x o A = A o e quindi esiste r > 0 tale che B(x o, r) A; allora x o non può essere di accumulazione per A c. Dunque

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile.

ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ. Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. ORDINALI E NOMINALI LA PROBABILITÀ Statistica5 23/10/13 Nell ambito della manifestazione di un fenomeno niente è certo, tutto è probabile. Se si afferma che un vitello di razza chianina pesa 780 kg a 18

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

La guerra delle posizioni

La guerra delle posizioni www.maestrantonella.it La guerra delle posizioni Gioco di carte per il consolidamento del valore posizionale delle cifre e per il confronto di numeri con l uso dei simboli convenzionali > e < Da 2 a 4

Dettagli

Suggerimenti sulla distribuzione del montepremi nei tornei

Suggerimenti sulla distribuzione del montepremi nei tornei Suggerimenti sulla distribuzione del montepremi nei tornei Scopo del documento Questo documento si propone di fornire alcuni suggerimenti agli organizzatori sulla distribuzione del montepremi nei tornei.

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1

Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 = 1 Diaz - Appunti di Statistica - AA 2001/2002 - edizione 29/11/01 Cap. 3 - Pag. 1 Capitolo 3. L'analisi della varianza. Il problema dei confronti multipli. La soluzione drastica di Bonferroni ed il test

Dettagli

Matematica Discreta PARTE II

Matematica Discreta PARTE II Matematica Discreta PARTE II Giuseppe Lancia Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Indice 1 Piccioni e buche 1 1.1 Il principio della piccionaia, forma semplice............................

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue.

10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. 10. Insiemi non misurabili secondo Lebesgue. Lo scopo principale di questo capitolo è quello di far vedere che esistono sottoinsiemi di R h che non sono misurabili secondo Lebesgue. La costruzione di insiemi

Dettagli

Sommario. Corso di Statistica Facoltà di Economia. L'Algebra degli Eventi

Sommario. Corso di Statistica Facoltà di Economia. L'Algebra degli Eventi ommario Corso di tatistica Facoltà di Economia a.a. 2006-2007 2007 francesco mola L algebra degli eventi Diagrammi di Venn Teoremi fondamentali Probabilità Condizionata ed Indipendenza tocastica Lezione

Dettagli

La variabile casuale Binomiale

La variabile casuale Binomiale La variabile casuale Binomiale Si costruisce a partire dalla nozione di esperimento casuale Bernoulliano che consiste in un insieme di prove ripetute con le seguenti caratteristiche: i) ad ogni singola

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Funzioni tra insiemi niti Numeri di Stirling e Bell. Davide Penazzi

Funzioni tra insiemi niti Numeri di Stirling e Bell. Davide Penazzi Funzioni tra insiemi niti Numeri di Stirling e Bell Davide Penazzi 2 Funzioni tra insiemi niti: i numeri di Stirling e Bell 1 Contare il numero delle funzioni tra insiemi 1.1 Denizioni e concetti preliminari

Dettagli

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Blu che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Giallo che

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura La (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura Come funzionano i criteri di valutazione sulla temperatura Vi sono 5 parametri usati per la valutazione del

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

Il significato della MEDIA e della MEDIANA in una raccolta di dati numerici

Il significato della MEDIA e della MEDIANA in una raccolta di dati numerici Il significato della MEDIA e della MEDIANA in una raccolta di dati numerici Ogni qual volta si effettua una raccolta di dati di tipo numerico è inevitabile fornirne il valore medio. Ma che cos è il valore

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale

Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Liceo G. B. Vico - Napoli Sulla monotonia delle funzioni reali di una variabile reale Prof. Giuseppe Caputo Premetto due teoremi come prerequisiti necessari per la comprensione di quanto verrà esposto

Dettagli

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme

Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme 1. L insieme R. Per lo svolgimento del corso risulta particolarmente utile considerare l insieme R = R {, + }, detto anche retta reale estesa, che si ottiene aggiungendo all insieme dei numeri reali R

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

IV-1 Funzioni reali di più variabili

IV-1 Funzioni reali di più variabili IV- FUNZIONI REALI DI PIÙ VARIABILI INSIEMI IN R N IV- Funzioni reali di più variabili Indice Insiemi in R n. Simmetrie degli insiemi............................................ 4 2 Funzioni da R n a R

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

La Bella Addormentata e altre illusioni probabilistiche. volcic@unical.it

La Bella Addormentata e altre illusioni probabilistiche. volcic@unical.it La Bella Addormentata e altre illusioni probabilistiche Aljoša Volčič volcic@unical.it Firenze, 25 novembre 2009 1 Che cosa è la probabilità? La probabilità di un evento A è la misura del grado di fiducia

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1)

La probabilità di avere non più di un maschio, significa la probabilità di averne 0 o 1: ( 0) P( 1) Esercizi sulle distribuzioni binoiale e poissoniana Esercizio n. Una coppia ha tre figli. Calcolare la probabilità che abbia non più di un aschio se la probabilità di avere un aschio od una feina è sepre

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli