PREPARAZIONE E GESTIONE DI UN CAMPO DI VOLONTARIATO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREPARAZIONE E GESTIONE DI UN CAMPO DI VOLONTARIATO"

Transcript

1 PREPARAZIONE E GESTIONE DI UN CAMPO DI VOLONTARIATO Volume II manuali campi volontariato 1

2 2

3 IL PROGETTO DI LAVORO Il progetto delle attività da svolgere nel campo deve essere condiviso dall'ente Locale che finanzia l'intervento (spesso si tratta di Enti Parco, dal momento che il 90% degli interventi avviene all interno di Aree Protette) e deve avere un evidente carattere di pubblica utilità. Non sono ammessi interventi in aree private, a meno che non si tratti di territori di pubblico passaggio dai quali nessun privato possa trarre un interesse economico, oppure che il circolo ha in gestione o dove svolge le proprie attività istituzionali. I volontari, in generale, svolgono attività per 5-6 ore al giorno e usufruiscono di un giorno libero a settimana. L organizzazione di un campo dovrà prevedere circa 30 ore di attività a settimana per volontario. E molto importante riuscire a dare a tutti questi progetti uno standard organizzativo e qualitativo di buon livello, indispensabile sia verso i volontari che verranno coinvolti, sia per acquisire referenze nei confronti degli Enti che dovranno sostenere questi progetti. Un campo di volontariato non deve in alcun caso sostituirsi al lavoro di impresa. Un campo è un evento associativo e non manodopera a basso costo. Nel progetto campo è quindi irrinunciabile che ci sia un valore aggiunto di cultura ambientalista. Per tornare al progetto di lavoro va detto che con un campo si può fare molto, ma non tutto. E pertanto importante che in fase di sopralluogo e stesura del progetto operativo che si tengano nella dovuta considerazione diversi fattori ambientali ed umani: la distanza dell alloggio dal luogo di lavoro e la difficoltà per il suo raggiungimento l esposizione al sole dei luoghi di lavoro ed altri fattori ambientali la disponibilità di attrezzi le collaborazioni con gruppi ed associazioni locali, che spesso sono una irrinunciabile ricchezza del campo, in particolare per la realizzazione di alcune opere, come muri a secco, dove certamente i nostri volontari non hanno grandi capacità Va ricordato che la realizzazione di alcune opere, come ad esempio piccoli ponti di attraversamento di torrenti, devono spesso essere autorizzati da Enti diversi dai Comuni. In questo caso deve essere l Ente stesso che finanzia il campo che ottenga l autorizzazione alla messa in opera del manufatto. Al di là comunque di questi elementi valutativi di primaria importanza, va detto che spesso la differenza tra un buono e un pessimo campo la fa da sola la bravura del responsabile di campo. Questa figura è veramente strategica per la buona riuscita dell evento. Egli deve avere una buona manualità nell usare gli attrezzi necessari alla realizzazione delle opere previste nel progetto. Deve conoscere l ambiente che ospita il campo, deve conoscere molto bene il progetto di lavoro e perciò è importante che abbia partecipato a tutti i sopralluoghi e si sia fatto una propria idea su come realizzare le opere previste. Il buon camp leader deve inoltre avere reali capacità nell organizzare la giornata lavorativa e nel motivare i volontari. Nel discorso motivazionale è pure importante riuscire a costruire legami tra il campo ed il territorio che ci ospita. Per quanto riguarda l aspetto finanziario del campo va ricordato che i fondi necessari a coprire tutte le spese del campo vanno trovati sul posto, sotto forma di contributi o donazioni. E utile che il responsabile di campo legga attentamente la richiesta effettuata all Ente che finanzia il campo e la conseguente Determinazione Dirigenziale o una Delibera di Giunta con cui l Ente ha di fatto deciso di approvare il progetto e di sostenerlo finanziariamente. 3

4 I RESPONSABILI DI CAMPO La scelta dei responsabili è fondamentale per una buona riuscita del campo. Già nella stesura del progetto bisogna avere in mente chi potrebbe ricoprire questo delicatissimo ruolo che richiede molte qualità: capacità organizzative, disponibilità verso gli altri, carisma, fermezza ed elasticità quando servono, autorevolezza, capacità manuali e culinarie, conoscenza dell inglese (per i campi internazionali) e dell associazione, serietà, ecc. E preferibile che il responsabile sia affiancato da una o due persone che lo aiutino a gestire le attività e la corvée, ma deve essere chiaro a tutti che il responsabile è uno solo. Inoltre i suoi rapporti con i vice responsabili devono essere sereni e di collaborazione, soprattutto davanti ai volontari. Inoltre è indispensabile poter contare per ogni campo su almeno 2 responsabili che si possano trattenere al campo 24 ore al giorno, da almeno 2 giorni prima dell inizio fino a quando, ripartiti tutti, si dovranno rimettere a posto le ultime cose. Ovviamente non si dovrebbe mai lasciare tutto il campo nelle sole mani dei responsabili. Il compito degli organizzatori deve essere quello di coinvolgerli già nelle fasi organizzative (sopralluoghi, scelta delle attività e degli attrezzi, conoscenza dei referenti esterni come gli amministratori, i tecnici comunali, ecc) e partecipare anche allo svolgimento. All inizio del campo il presidente e i soci attivi del circolo organizzatore devono andare a trovare i volontari arrivati e magari collaborare alle attività (è estremamente antipatico che i volontari non vedano per tutto il campo i soci del circolo per il quale prestano il loro entusiasmo). Poiché non è facile trovare persone con tali e tante capacità, è necessario che il circolo preveda un rimborso spese al responsabile (che può essere pagato con ritenuta d acconto) da caricare nelle richieste all Ente che finanzia il progetto. Questo rimborso, però, deve essere compatibile con le capacità e l esperienza del responsabile, con il periodo di impegno richiesto, e non dovrebbe mai allontanarsi dagli standard dei campi, per evitare, come accaduto in passato, che un circolo che gode di un finanziamento maggiore rubi un bravo responsabile ad un circolo che non può permettersi lo stesso rimborso. Il socio di associazioni di volontariato (L. 266/91) non può ricevere compensi dalla sua associazione, ma solo rimborsi documentati. Nel caso il responsabile fosse un esterno al Circolo deve essere tesserato con Legambiente (è obbligatorio per l assicurazione) attraverso il Nazionale o un circolo locale. In generale il responsabile deve avere già esperienza di campi, deve conoscere Legambiente e il circolo che organizza il campo, la località, gli amministratori, i tecnici, ecc. Il vice responsabile può essere un volontario con esperienza minore del responsabile, magari più giovane. Secondo le loro capacità potrebbero distribuirsi la competenza (ad esempio uno sulle attività di campo e l altro sul coordinamento della corvèe). Tutti i responsabili devono partecipare al seminario nazionale di formazione ed eventualmente anche a quelli regionali, ove proposti. L ALLOGGIO La struttura per l alloggio dei volontari deve avere una cucina attrezzata, uno o più bagni, una sala da pranzo, più camere da letto e uno o più spazi comuni, interni ed esterni. La struttura deve avere tutte le prescritte autorizzazioni tecnico-sanitarie rilasciate dalle competenti autorità quali i Comuni, i Vigili del Fuoco e le A.S.L. Meglio se durante uno dei primi sopralluoghi sia presente un rappresentante dell Ente finanziatore, cui poter presentare richieste di perfezionamento delle condizioni auspicate per il campo e per sottoscrivere un rapporto 4

5 di consegna della struttura dove elencare eventuali difetti o tutte le suppellettili presenti al momento della presa in carico. Se si tratta di una struttura priva delle prescritte autorizzazioni e prescrizioni tecnico-igienicosanitarie, necessarie all utilizzo della cucina e dei locali mensa, o delle camere adibite al pernottamento, si dovrà chiedere al Sindaco un autorizzazione temporanea o, in alternativa, cercare un altra struttura. E utile ribadire che non possono essere date autorizzazioni verbali. La cucina deve essere fornita di pentole (almeno 3 grandi di cui una da 5 litri per la pasta), padelle e tegami grandi, coltelli per pane, formaggio e carne, mestoli, forchettoni, palette di legno, uno o più scolapasta grandi, una teiera, un bricco per il latte, una caffettiera da 12, un passaverdure, una o più insalatiere grandi, stoviglie e posate per tutti i partecipanti al campo (prevedere un numero maggiore, in caso di ospiti): piatti fondi, piani e piccoli, bicchieri, tazze, forchette, cucchiai, coltelli, cucchiaini. Inoltre serve un frigo grande (ideale anche un congelatore) e almeno tre fornelli grandi, meglio se dotati di sistema di spegnimento automatico. In certi fabbricati il frigorifero può tranquillamente essere sostituito, per la maggior parte dei prodotti, da una buona cantina. E ovvio in questo caso che i prodotti alimentari dovranno essere scelti tenendo in considerazione che non possono essere conservati ai prescritti +4, ma prodotti come frutta e verdura, formaggi stagionati, salumi, possono essere tranquillamente conservati a C E vivamente sconsigliato l uso di stoviglie o posate di plastica. Se si deve offrire un aperitivo a molti ospiti meglio acquistare bicchieri di cartone, mater-bi o plastica dura (riutilizzabili). I bagni devono avere almeno 2 water e 2 docce (si possono montare docce da campo chiuse nel giardino, anche se non otterrebbero mai l autorizzazione sanitaria), devono essere perfettamente funzionanti e preferibilmente avere uno o più scaldacqua. La sala da pranzo deve essere grande e deve avere tavoli e sedie in numero sufficiente, calcolando anche eventuali ospiti. Le camere da letto devono essere fornite di reti, materassi e cuscini in numero e qualità sufficiente, inoltre devono essere dotate di armadi, sedie e appendiabiti. Ideale poter disporre di una cameretta per i soli responsabili di campo. Prima dell inizio del campo il responsabile deve verificare l assenza di muffe nei locali ed eventualmente disporre la sanificazione e la tinteggiatura delle pareti e dei soffitti con pitture chiare lavabili. I locali di preparazione dei cibi e i servizi igienici devono essere dotati di acqua calda corrente. E molto importante verificare la funzionalità del sistema elettrico, di quello idraulico e dell impianto a gas. Almeno un paio di settimane prima dell'inizio del campo si deve controllare che tutto sia presente, funzioni e sia pulito. E bene farsi una lista delle dotazioni della cucina presenti prima del campo e poi verificare tutto alla fine. Se manca qualcosa, perché si è rotta o persa, bisogna ricomprarla. Tra le opportunità di alloggi pubblici disponibili ci sono le scuole/seggi elettorali che, in quanto tali, sono munite di brandine, foresterie, edifici comunali, ex colonie, rifugi, palestre comunali, canoniche, ostelli o campeggi comunali, strutture degli Enti Parco. LA LETTERA AI VOLONTARI Due mesi prima dell inizio del campo nazionale bisogna inviare all Ufficio Nazionale una lettera sulla quale dovranno essere riportate: le modalità di arrivo al campo (con le indicazioni degli orari dei mezzi pubblici dalle città più vicine, delle compagnie di trasporti), il punto di ritrovo e l ora dell appuntamento, le attività previste, i numeri utili (del responsabile, del circolo, dell alloggio), l indirizzo della sede del campo. Per i campi internazionali la lettera ai volontari, infosheet, dovrà essere scritta in un buon inglese e le indicazioni sui trasporti dovranno essere il più dettagliate possibili. 5

6 Nel caso di volontari internazionali, poiché spesso partono molto tempo prima del campo e hanno bisogno di ricevere le informazioni utili con largo anticipo, si possono inserire la pagina web e i telefoni delle compagnie di trasporti. Per loro occorre indicare i mezzi e i rispettivi orari a partire dall aeroporto internazionale più vicino al campo. Nel caso dei campi under 18 è OBBLIGATORIO organizzare un appuntamento in una grande città, per poi portare tutti i giovani volontari alla sede del campo e fare lo stesso quando ripartono. 6

7 La lettera ai volontari è importantissima; essa deve contenere più informazioni possibili sul campo: la descrizione del progetto per il quale è stato proposto il campo, un programma di massima, a presentazione del Circolo, quella più in generale di Legambiente. Per le indicazioni di viaggio è preferibile indicare la via più semplice piuttosto che la più breve. Comunicato stampa Il Circolo Legambiente Laura Conti propone il 5 campo internazionale di volontariatodi Sabbioneta (MN). L evento avrò luogo dal 3 al 17 agosto 2010 e vedrà impegnati 15 volontari provenienti da Francia, Corea del Sud, Giappone, Messico, Spagna e Ucraina. Legambiente presenterà al pubblico i volontari ed il lavori del campo in occasione della conferenza stampa che si terrà presso l auditorium di Palazzo Forti in Sabbioneta, alle ore 21 del 4 agosto Al termine della presentazione verrà offerto un rinfresco con prodotti tipici mantovani. Siete invitati a partecipare. Per informazioni chiamare il Allegati: foto del campo e scheda dettagli campo manifesti e la diffusione di comunicati stampa. LA PROMOZIONE DEL CAMPO Fare un campo nel silenzio è buttare al vento un occasione. Un campo è anche un evento mediatico che vale la pena sfruttare per promuovere Legambiente e con esse le nostre vertenze territoriali e le nostre campagne associative. Per far ciò occorre che il responsabile di campo e soprattutto il Circolo curi in maniera particolare la promozione del campo e le relazioni istituzionali ed associative. Questo si può e si deve fare in particolare attraverso l affissione di I manifesti sull evento, almeno 2 settimane prima del campo devono essere affissi nei luoghi più frequentati della zona, in particolare dai giovani (vie principali del paese e dei centri più ove vicini, centri sociali, oratori, birrerie, locali, ecc.). E opportuno apporre sulla locandina o sul volantino il logo dell Ente che finanzia il Campo. Attenzione: per usare la dicitura con il patrocinio di occorre avere espressa autorizzazione da parte di chi lo rilascia. Per invitare a collaborare alle attività, alcune settimane prima del campo chiedere uno o più incontri con le altre associazioni locali e con i gruppi giovanili, le Guardie Ecologiche Volontarie, i gruppi di Protezione Civile che operano nell'area di intervento. Occorre preparare un comunicato stampa di presentazione dell'evento da spedire giorni prima per fax e/o posta elettronica a giornali, radio e tv locali. Un comunicato deve rispondere alle domande: chi (volontari e circolo di Legambiente), cosa (campo di volontariato), quando, dove e perché (finalità del campo e del progetto). Si deve lasciare un telefono per eventuali interviste e ulteriori approfondimenti. Dopo l invio del comunicato occorre sentire tutti i giornali contattati, per verificarne l arrivo e l interesse suscitato. Se si vuole organizzare una conferenza stampa si distribuisce il comunicato in quella occasione. Occorre invitare i giornalisti una settimana prima. Il giorno feriale precedente alla conferenza bisogna richiamarli tutti. Essa può avvenire prima dell arrivo dei volontari o il giorno dopo. In ogni caso dovranno essere presenti tutti i soggetti istituzionali coinvolti nell evento. Se si è riscosso interesse sui giornali, si può organizzare una conferenza alla fine del campo. Si possono invitare i giornalisti al campo per scattare foto e intervistare i volontari durante le attività (in tal caso tutti devono indossare le magliette). In ogni caso le foto possono essere scattate dai responsabili con macchina digitale e spedite insieme al comunicato. E bene scrivere un altro comunicato alla chiusura del campo portando più dati possibili sulle attività svolte e sul successo dell iniziativa. 7

8 L'ORGANIZZAZIONE LOGISTICA DEL CAMPO Sarebbe un errore credere che il campo cominci all arrivo dei volontari e finisca con la loro partenza. In realtà il responsabile dovrebbe entrare nell alloggio già qualche giorno prima del campo, per preparare tutto. Non bisogna dare nulla per scontato, soprattutto finché c è tempo per risolvere i problemi. Per quanto riguarda la spesa, una volta individuati i fornitori, è meglio fare scorta dei generi non deperibili prima del campo e comprare di giorno in giorno i prodotti di consumo quotidiano, anche perché ogni gruppo può avere gusti e appetito diversi. Dopo un paio di giorni ci si potrà regolare meglio sulla spesa da fare e sulle quantità. In ogni caso i volontari dovranno adeguarsi al campo e non viceversa. Sempre qualche giorno prima del campo occorre verificare l efficienza degli attrezzi di lavoro e dei dispositivi di protezione individuale. E buona norma, prima dell inizio del campo, inventariare tutti i suppellettili e gli attrezzi in dotazione al campo e spuntare alla fine se tutto è ancora presente e funzionante. In caso contrario è opportuno avvisare i proprietari della struttura o delle attrezzature che avete provveduto a sostituire ciò che si è rotto o perso. Verbale inventario materiali e suppellettili Il sottoscritto Ruud Gullit, in rappresentanza del Circolo Legambiente Valmadrera, alla presenza del Sig. Gianni Rivera, in rappresentanza del Parco del Campo di Fiori, dichiara di prendere atto del buon funzionamento della cucina, dei bagni e delle docce, della scuola che ospiterà il campo di volontariato di Luino. Prende inoltre in consegna: Nr.20 piatti Nr.4 pentole Nr.60 posate varie Nr.5 badili Nr.5 picconi Viene riscontrata la rottura di un vetro del magazzino scope al piano interrato della struttura. Luino (VA), 15 giugno 2010 Per il Circolo Per il Parco L ARRIVO DEI VOLONTARI Una settimana prima del campo l Ufficio Nazionale comunica ai responsabili l'elenco definitivo dei volontari, per conoscerne i nomi, la nazionalità, l'età, i recapiti utili, la professione e l'associazione di invio (se stranieri). Nella voce note vengono indicate tutte le particolarità conosciute sui volontari. Talvolta su questa voce compare attenzione : significa che il volontario ha manifestato qualche stranezza. Magari è solo un rompiballe, ma potrebbe essere un volontario svantaggiato o una persona problematica. Meglio prestargli un occhio in più nei primi giorni, per capire se c è qualcosa che non va ed eventualmente comunicarla all Ufficio Nazionale. Il punto di ritrovo per i volontari è un passaggio da non sottovalutare, soprattutto nel caso dei campi internazionali. Un mese prima del campo occorre verificare che le informazioni riportate sulla lettera ai volontari siano ancora esatte, in particolare se ci sono variazioni negli orari dei mezzi pubblici. Poi bisogna preparare le frecce con il cigno e la scritta appuntamento campo di (in inglese, se internazionale), da mettere lungo la strada per il campo. Il punto di accoglienza deve essere caratterizzato con bandiere e tutti i responsabili presenti devono indossare la maglietta e/o il cappellino. Qualche giorno prima del campo l Ufficio Nazionale invia le magliette per i volontari. Nel caso di campi under 18 (anche internazionali) occorre fissare l appuntamento in una grande città più o meno vicina al campo, in modo da portare tutti i volontari direttamente alla sede del campo stesso e riportarli lì al ritorno. 8

9 I volontari trovano nella lettera i numeri utili, pertanto possono chiamare i responsabili per chiedere informazioni. L Ufficio Nazionale vieta di portare animali nei campi (qualcuno potrebbe essere allergico o avere paura, l alloggio potrebbe non essere adatto, ecc.) e di arrivare o ripartire al di fuori dei giorni stabiliti (volontari in più o in meno possono creare problemi nell alloggio o sulle attività). Una volta arrivati i volontari, bisogna comunicarne l elenco alla Questura. Può capitare che qualcuno non arrivi. In questo caso bisogna informare l Ufficio Nazionale e, se il campo è internazionale e il volontario arriva in Italia con un visto d ingresso ottenuto su invito di Legambiente (colonna Viaggio dell elenco), dopo un paio di giorni bisogna segnalare alla Questura il suo mancato arrivo per mettersi al riparo da ogni responsabilità. Lo stesso discorso vale in caso di espulsione dal campo per gravi motivi di comportamento o per partenze anticipate rispetto alla prevista conclusione del campo. La normativa sull immigrazione è in continua evoluzione e c è una diversità di interpretazione della legge da parte delle questure. Di solito basta inviare per fax la lista dei volontari e la segnalazione dei mancati arrivi, avendo cura di conservare per cinque anni tutta la corrispondenza con la Questura, in particolare gli attestati di corretta trasmissione del fax così come le ricevute rilasciate dall ufficio protocollo. Se la Questura contatta i responsabili per tali problemi o se i volontari stessi chiedono di esservi accompagnati occorre rivolgersi all Ufficio Nazionale o al Coordinatore Regionale per capire come regolarsi. Il circolo deve rilasciare a tutti i volontari che portano il saldo del campo (l importo è stabilito di anno in anno dall Ufficio Nazionale e riguarda i soli campi nazionali) una ricevuta che contenga i seguenti dati: nome, indirizzo e codice fiscale del circolo, nome del volontario, data, motivo del versamento ( saldo contributo per il campo di ) e firma di un rappresentante. Inoltre il circolo darà ad ogni volontario una maglietta che dovrà indossare durante tutte 9

10 le attività del campo, in particolare se ci sarà qualcuno a fare foto. Infine il responsabile consegnerà a tutti un questionario che servirà ad avere informazioni utili sui volontari e a far loro firmare la dichiarazione di idoneità e quella di condivisione delle regole del campo. E buona norma evitare di organizzare il giorno di arrivo dei volontari eventi pubblici di presentazione del campo, ma proporli la sera del secondo giorno, quando i volontari sono meno stanchi dal viaggio e soprattutto hanno cominciato a conoscersi e ad ambientarsi. Conviene la prima sera riunire i volontari e, magari attraverso giochi, presentarsi e presentare il progetto. LO SVOLGIMENTO DEL CAMPO L ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA E bene, prima di cominciare le attività, presentarle ai volontari, magari con un sopralluogo, indicando il progetto, il contesto, le modalità di svolgimento, il perché il Circolo è impegnato in quel progetto. Subito la prima sera di arrivo è buona norma proporre un tabellone di organizzazione dei turni di corvée. E bene mischiare il più possibile i volontari in modo da favorire la reciproca conoscenza. In ogni caso il responsabile o il suo vice dovranno vigilare sulla corretta gestione della cucina e sull espletamento delle mansioni previste per la corvée (pulizia bagni, stanze, refettorio, piatti, ecc.) Per organizzare le attività occorre stabilire: - la sveglia mattutina: ci vuole almeno un'ora dalla sveglia all uscita. Inoltre il luogo delle attività potrebbe essere distante dalla base del campo, lunedì Paola Giovanni martedì Luigi Francesco mercoledì Luca Maria giovedì Federica Rosaria venerdì Simone Valentina sabato Debora Chiara domenica gita al lago lunedì Laura Antonio martedì Maria Luigi mercoledì Francesco Luca giovedì Francesco Francesco venerdì Paola Rosaria sabato tutti per pulizia finale domenica partenze Tbll l - gli orari delle attività (circa 30 ore settimanali, da rispettare assolutamente per evitare confronti tra un campo e l altro); possono essere organizzati in vari modi, tenendo in considerazione il caldo che può fare in certi posti in determinate ore. Spesso è meglio alzarsi prestissimo al mattino e poi dormire al pomeriggio, in altri casi, come in un bosco di montagna, è indifferente. E preferibile fare più attività nei primi giorni, quando tutti sono più freschi e motivati, anche per mettersi al riparo da eventuali scherzi meteorologici. E buona norma, anche perché ci aiuterà poi nella rendicontazione finale, tenere un diario quotidiano dei lavori svolti durante il giorno. - la gestione degli attrezzi: ci vuole molta attenzione, soprattutto se gli attrezzi sono in prestito. Conviene numerarli e affidarne uno per ogni volontario che dovrà rimetterlo a posto al rientro. Così ci si può accorgere subito se manca qualcosa ed avere più probabilità di ritrovarla. Tutti gli attrezzi prestati e persi vanno ricomprati. Bisogna concordare per ogni attrezzo un nome convenzionale (soprattutto nei campi internazionali). Non si deve usare lo stesso attrezzo tutto il giorno e occorre evitare l insorgere di vesciche o altri 10

11 fastidi che possano rendere il volontario impossibilitato a svolgere le attività. Prima di iniziare le attività lavorative il responsabile di campo deve tenere per tutti i volontari un piccolo corso sull utilizzo degli attrezzi, curando molto le posture assunte dai volontari ed eventualmente correggendole. Meglio evitare discussioni con i volontari sull organizzazione delle attività, che nessuno dovrebbe conoscere meglio del responsabile. L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI E DANNI A TERZI Tutti i volontari italiani tramite la tessera di Legambiente hanno una copertura assicurativa base. Inoltre, nei campi dove si usano gli attrezzi più pericolosi e nei campi sub viene stipulata una polizza integrativa che alza i massimali. I volontari stranieri, pur non avendo la tessera, godono della stessa copertura. Tutti gli italiani che partecipano alle attività del campo, anche se solo per un giorno, devono avere la tessera, altrimenti non sono coperti da assicurazione e ciò è contrario alle leggi vigenti. Ogni campo è anche coperto da una polizza per i danni che eventualmente potrebbero essere causati a terzi. L assicurazione copre anche le spese mediche sostenute dai volontari a seguito di infortuni. Si può decidere di offrire ai propri volontari un assicurazione integrativa che innalzi ulteriormente i massimali, contattando l Ufficio Nazionale. In caso di infortuni occorre che il responsabile accompagni l infortunato in ospedale e si faccia rilasciare il referto medico e tutto il materiale giustificativo delle eventuali spese mediche che sosterrà il volontario. Di tutto questo deve avere una copia (l originale rimane al volontario) e deve subito telefonare all Ufficio Nazionale affinché venga avvisata la compagnia assicuratrice. Deve poi inviare via fax la descrizione dell incidente, specificando il nome e le generalità dell infortunato, la dinamica dell accaduto, il luogo e l ora, il nome del campo ed eventuali testimoni. Inoltre deve inviare la copia del referto medico e delle spese sostenute. Per quanto riguarda gli spostamenti con mezzi privati in genere vale l assicurazione R.C.A. dei mezzi stessi (per i trasportati). Si può chiedere ad una compagnia un integrazione assicurativa per il guidatore. In nessun caso si devono usare macchine dei volontari per gli spostamenti e per la spesa, sia per ragioni assicurative che per correttezza verso i volontari stessi. Inoltre, se viene affidato un mezzo ai responsabili, essi dovranno essere gli unici a guidarlo. LA CUCINA La cucina è un aspetto fondamentale per una buona riuscita del campo. Se i volontari mangiano bene sono già per metà soddisfatti. Per mangiare bene non serve spendere molto, ma saper cucinare e fare la spesa. Chi vuole può ordinare prodotti del mercato equo e solidale. Bisogna prevedere un menù prevalentemente vegetariano, variabile, secondo i gusti dei volontari, con un paio di piatti a base di carne (in questo caso è bene offrire anche un alternativa). Nel questionario che compilano il primo giorno, i volontari indicano eventuali intolleranze alimentari che il responsabile deve tenere in considerazione. Nello stabilire le corvée, bisogna cercare di mettere insieme 2 volontari che si compensino (ad esempio uno che sappia cucinare con uno che si offra di fare le pulizie e tagliare le verdure). Il responsabile, soprattutto nei primi giorni, deve almeno sovrintendere alla cucina, se non proprio cucinare. I volontari inesperti possono essere capaci di tutto, dal non regolarsi con le dosi al mescolare ingredienti improbabili. Nei campi internazionali si può provare a far cucinare ai volontari i piatti tipici dei loro Paesi. L acquisto di particolari ingredienti potrebbe però risultare difficile e oneroso, perciò è meglio limitare il più possibile questa facoltà, tenendo presente che se il volontario ha scelto di fare un campo in Italia è giusto che ne scopra anche i sapori. 11

12 Meglio stabilire una razione giornaliera di vino e birra (preferibilmente la sera), perché quanto se ne mette a tavola, tanto ne viene consumato. E bene spiegare subito qual è il budget destinato al vitto, per evitare discussioni. Si può prevedere una cassa comune per il vitto o le bevande extra (dolci, vini costosi ). Partendo dal budget disponibile, occorre pensare a dove comprare ogni cosa considerando la qualità e il prezzo dei singoli prodotti. E preferibile che i fornitori di vitto quotidiano siano nelle vicinanze del campo o magari effettuino servizio a domicilio. Se il budget lo permette, e tra le finalità del campo è stata inserita quella di favorire le economie locali, è importante scegliere fornitori della zona. In ogni caso è preferibile evitare i prodotti delle multinazionali molto pubblicizzati o quelli con grandi e inutili imballaggi. Il menu vegetariano ha un minore impatto ambientale e sociale. E da escludere l uso di stoviglie usa e getta e di acqua minerale (a meno che l acqua non sia non potabile). Per quei circoli che organizzano più campi o per più campi non distanti tra loro, si può pensare ad acquisti comuni sui quali si riescono di solito ad ottenere maggiori sconti. Si può provare anche a chiedere a qualche produttore o commerciante locale di sponsorizzare il campo con piccoli finanziamenti o con prodotti vari. E bene cercare di ottenere convenzioni o sconti con alcuni commercianti locali, garantendo loro una spesa complessiva minima. Ciascun volontario compilerà un modulo in cui potrà specificare eventuali intolleranze o allergie. Essendo ambientalisti dovremmo fare sempre massima attenzione ai rifiuti, acquistando prodotti con il minimo imballaggio, riutilizzando tutto quello che si può, praticando la raccolta differenziata (mettere cartelli chiari e semplici). Anche l umido può essere separato dal resto e magari consegnato a un contadino come concime o mangime. In ogni caso bisogna sempre ridurre il volume dei rifiuti, schiacciandoli. IL TEMPO LIBERO Un campo è anche stare insieme, divertirsi, conoscere la gente e la zona, partecipare a iniziative culturali. Le iniziative del tempo libero non sono comprese nel contributo di partecipazione, perciò vanno pagate da ogni singolo volontario. Comunque si possono chiedere in regalo biglietti per una gita, per l ingresso in un area archeologica o in un museo, oppure farsi offrire una pizza da un ristoratore locale. Il responsabile presenterà al gruppo una serie di attività possibili (già previste nell organizzazione del campo) da realizzare nel tempo libero (gite, escursioni, visite culturali, incontri con le Istituzioni e le popolazioni locali, feste di piazza, incontri con altri campi vicini), lasciando ai volontari la scelta. E importante trascorrere insieme anche il tempo libero e avere un programma delle iniziative culturali nella zona nel periodo del campo. Alcuni preferiscono starsene tranquillamente in compagnia in mezzo alla natura piuttosto che stressarsi in lunghi spostamenti per vedere monumenti o città. Altri esattamente il contrario. E' sempre utile e piacevole riunire più campi per una festa, magari aprendola alla popolazione, e prevedere una cena offerta dalla gente del posto che si preoccuperà di preparare piatti tipici. Insomma c'è da sbizzarrirsi. Nei campi internazionali è bene impedire che qualcuno vada via dal campo per più giorni, poiché potrebbe non tornare. Inoltre, se giunto in Italia su invito di Legambiente, potrebbe creare dei problemi all associazione. Nei campi under 18 è molto importante che i volontari siano sempre insieme ai responsabili che devono evitare, anche nel tempo libero, situazioni a rischio, come il consumo di alcolici, il trovarsi in luoghi pericolosi, ecc. 12

13 LA CONTABILITA DEL CAMPO Questo è uno degli aspetti più pesanti del campo, ma anche uno dei più importanti. E utile avere un registro delle entrate e aggiornarlo in tempo reale. Sul registro bisogna annotare, tutte le spese di campo, suddivise per negozi, per ognuna delle quali si dovrà tenere una busta apposita che servirà a contenere tutto il materiale giustificativo di quella voce. Per la benzina è meglio dotarsi di una scheda carburante intestata al circolo e timbrata dal benzinaio ad ogni rifornimento. Se il responsabile usa la propria auto, si può prevedere un rimborso chilometrico, consegnandogli una lettera firmata dal rappresentante legale del circolo che ne autorizzi l uso. Per quantificare il rimborso esistono le tabelle A.C.I. oppure si può applicare un rimborso pari ad 1/5 del costo della benzina, opzione che solitamente applicano molti Enti o aziende. Rimborsi spese di trasporto forfetarie non sono fiscalmente ammesse a meno che non venga applicata la ritenuta d acconto. Il responsabile deve utilizzare i soldi disponibili per le spese di campo, conservando nelle buste apposite il materiale giustificativo: ricevute fiscali, fatture, scontrini: Ricevute fiscali e fatture: per essere valide devono indicare il nome dell esercizio, l indirizzo, la partita I.V.A. (o cod. fisc.) e la data. Le fatture devono essere intestate al circolo organizzatore, con il suo indirizzo e codice fiscale (può essere utile avere al campo un timbro del Circolo). Può servire a volte indicare il progetto nella causale di spesa. Scontrini: lo scontrino fiscale non è utilizzabile contabilmente perché non riporta i dati dell acquirente. Esso va tenuto solo nel caso in cui non sia possibile ottenere la ricevuta fiscale o la fattura. Spesso gli Enti non rimborsano le spese giustificate da scontrini oppure chiedono un autocertificazione che attesti che quella spesa sia stata effettivamente sostenuta per il campo. Spese non giustificate: Nel caso in cui non sia possibile ottenere alcun materiale giustificativo dal fornitore è necessario annotare su un pezzo di carta (da inserire nella busta corrispondente) la data, l importo e la causale della spesa.ricordatevi che queste spese non possono in alcun modo essere rendicontate dall Ente Pubblico. Comunque la normativa vigente impone ad ogni commerciante o prestatore di servizi l emissione di documento fiscalmente valido. 13

14 L importante è che ad ogni cifra (o per ogni totale speso da quel fornitore) sul registro delle uscite corrisponda una giustificazione cartacea in una delle buste di spesa. Alla conclusione del campo il responsabile annota i vari totali delle spese e tira le somme finali. Calcolare le spese durante il campo permette di accorgersi se si sta spendendo più di quanto previsto di spendere ogni giorno. Il registro della contabilità e le buste del materiale giustificativo devono essere consegnati subito dopo la fine dell ultimo campo alla persona del circolo che si occupa di amministrazione, insieme agli eventuali resti di soldi non spesi. Il Responsabile non deve assolutamente confondere i conti del proprio campo con altre spese, né affidare ai volontari la gestione economica del campo. Si consiglia di conservare in una busta, separata dalle altre, quel materiale giustificativo che riguarda le proprie spese personali e quelle di cassa comune, per coprire eventuali spese non giustificate. Ad esempio, quando si va a mangiare fuori (di solito una sera per campo), ciascuno paga per sé; il responsabile deve farsi fare una ricevuta con l importo totale pagato e segnare sotto a matita la quota relativa alla propria parte, che pagherà con i soldi di campo. Lo stesso vale per tutte quelle spese in cui l uscita dalla cassa del campo è parziale rispetto al totale giustificato dalla ricevuta. Se ci si rivolge più volte ad uno stesso fornitore è meglio accordarsi prima in modo da pagare di volta in volta, facendosi rilasciare gli scontrini non riscossi per poi, alla fine del campo, farsi rilasciare una fattura equivalente al totale speso da quel fornitore (cioè la somma degli scontrini, che saranno spillati alla fattura stessa). Non tutti i commercianti sono a conoscenza del fatto che sia possibile emettere degli scontrini non riscossi. Vi conviene pertanto contattare il negozio qualche giorno prima di effettuare la prima spesa e verificare che sia in grado di mettere in atto la corretta procedura, suggerendogli eventualmente di contattare il proprio commercialista o il tecnico esperto del registratore di cassa. In caso di smarrimento di una fattura è comunque possibile richiedere al commerciante una copia conforme della stessa. Per concludere il capitolo contabilità del campo analizziamo l eventuale compenso per il responsabile di campo. L unico modo regolare per poter pagare un compenso ad un collaboratore è quello in ritenuta d acconto. Si deve stabilire un compenso lordo, attraverso preferibilmente un contratto di collaborazione occasionale (che in ogni caso non deve superare con lo stesso committente più di.5.000,00 annue), sul compenso occorre praticare una ritenuta d acconto pari al 20% del compenso lordo che andrà versata in banca utilizzando il modello F24. Entro il 28 di febbraio dell anno successivo il Circolo dovrà poi rilasciare una dichiarazione al collaboratore dell avvenuto versamento della ritenuta d acconto, il quale la utilizzerà per la propria dichiarazione dei redditi. Le ritenute d acconto dovranno poi essere tenute in considerazione da parte del Circolo in fase di compilazione del modello 770. Le spese, cosiddette a piè di lista, saranno invece rimborsate al responsabile di campo o ad altro socio del Circolo che le ha sostenute, solo se saranno presentati i relativi giustificativi di spesa. Su questi rimborsi non si applica ritenuta d acconto. 14

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA!

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! Febbio (1200-2063 m.) Comune di Villa Minozzo, alle pendici del Monte Cusna; località inserita nel meraviglioso contesto

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI Ogni programma è preceduto da una testatina contenente, in forma sintetica, le informazioni relative al viaggio. Lo spazio a disposizione nella scheda è limitato

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Alassio AL MARE RESIDENZA. Stagione 2014-2015

Alassio AL MARE RESIDENZA. Stagione 2014-2015 RESIDENZA AL MARE Alassio Stagione 2014-2015 Periodi e tariffe giornaliere di soggiorno: PERIODO DAL AL SOCI AGOAL AGGREGATI NOTE Festività fine Anno 28/12/2014 02/01/2015 72,00 77,00 Periodo non frazionabile

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

3- Dove e come posso richiederla ed attivarla?

3- Dove e come posso richiederla ed attivarla? FAQ ITALO PIU 1- Cos è la Carta Italo Più? 2- Cosa puoi fare con Italo Più? 3- Dove e come posso acquistarla? 4- Quanto costa? 5- Come posso ricaricare la carta? 6- Dove posso controllare il saldo ed i

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1

Food Cost e gestione informatizzata della cucina. Marco Terrile 2008 ChefMaTe - Software per la Ristorazione 1 Food Cost e gestione informatizzata della cucina 1 Determinazione e controllo dei costi La locuzione economie di scala è usata in economia per indicare la relazione esistente tra aumento della scala di

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

IL BUDGET. Che cos è il budget.

IL BUDGET. Che cos è il budget. IL BUDGET Che cos è il budget. Ogni progetto deve possedere una sostenibilità economica che permette la realizzazione delle attività e il raggiungimento degli obiettivi. Questa sostenibilità economica

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

A ROMA DA PAPA FRANCESCO. Roma 31 Ottobre 2015

A ROMA DA PAPA FRANCESCO. Roma 31 Ottobre 2015 A ROMA DA PAPA FRANCESCO Roma 31 Ottobre 2015 Il Programma definitivo della giornata sarà disponibile sul sito www.ucid.it A ROMA DA PAPA FRANCESCO - Roma, 31 Ottobre 2015 PROPOSTE DI ACCOGLIENZA OPZ.

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE SELEZIONE PUBBLICA PER ESAMI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO DI ASSISTENTE AI SERVIZI AMMINISTRATIVI E CONTABILI CAT. C1. IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE,

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli

IL COST CONTROL. Il controllo dei Costi nella Ristorazione. a cura di Marco Comensoli IL COST CONTROL Il controllo dei Costi nella Ristorazione a cura di Marco Comensoli 1 La Ristorazione I Costi I Costi I principali costi delle attività di ristorazione sono: Le risorse umane; Gli alimenti;

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AL VIA LA CAMPAGNA AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO 1. ESSERE UN AGRONOMO E FORESTALE WAA for EXPO2015 Il grande appuntamento dell EXPO MILANO 2015 dal

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Negli UFFICI. 28 settembre 2010

Negli UFFICI. 28 settembre 2010 Negli UFFICI Come si fa 28 settembre 2010 Dai suggerimenti ai benefici Alcuni sono di facile attuazione, altri sono complessi o/e onerosi economicamente. Ovviamente non è necessario adottarli tutti e subito

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015

PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015 Poschiavo, 14 febbraio 2014 PROTOCOLLO ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA MCP 2015 L assemblea generale ordinaria del 2015 si è svolta presso il ristorante La Tana del Grillo a Pedemonte, in data 31 gennaio

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

AL SINDACO del COMUNE Via San Rocco, 9 63030 ACQUAVIVA PICENA

AL SINDACO del COMUNE Via San Rocco, 9 63030 ACQUAVIVA PICENA Marca da bollo Da. 14,62 Spazio per timbro protocollo AL SINDACO del COMUNE Via San Rocco, 9 63030 ACQUAVIVA PICENA per il successivo inoltro alla A.S.U.R. n. 12 Dipartimento di Prevenzione di SAN BENEDETTO

Dettagli