LA VALENZA EDUCATIVA DELLA TECNICA DI PIONIERISTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA VALENZA EDUCATIVA DELLA TECNICA DI PIONIERISTICA"

Transcript

1 LA VALENZA EDUCATIVA DELLA TECNICA DI PIONIERISTICA PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI PIONIERISTICA CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI ATTREZZI E DEI MATERIALI USATI PER LA PIONIERISTICA MODALITÀ COSTRUTTIVE DI UNA RETE DI CORDA E DI ACCESSORI PER L ANGOLO DI SQUADRIGLIA AL CAMPO CARLO D ARGENZIO

2 INDICE Cap. 1 La valenza educativa della tecnica di pionieristica pag. 3 La progettazione educativa di una attività di pionieristica pag. 4 La didattica della pionieristica pag. 8 Cap. 2 Proposte di attività di pionieristica pag. 10 Staffette di nodi pag. 13 Gare di legature pag. 14 Staffetta di nodi con roulette pag. 16 QUIPU pag. 16 Gara di costruzione di un alzaguidone pag. 17 Costruzione di una catapulta pag. 18 Costruzione di oggetti utili pag. 19 Cap. 3 Caratteristiche degli attrezzi e dei materiali usati per la pionieristica pag.20 Gli attrezzi pag. 20 Le corde pag. 21 Cap. 4 Modalità costruttive di retine per gli angoli di squadriglia pag. 25 Rete quadrata pag. 25 Rete triangolare pag. 28 Modalità costruttive di una rete di corda pag. 29 Prima versione pag. 30 Seconda versione pag. 36 Cestino pensile per immondizie da campo pag. 41 Bibliografia pag. 46 2

3 CAPITOLO 1 LA VALENZA EDUCATIVA DELLA TECNICA DI PIONIERISTICA La vita all aperto è una delle componenti fondamentali della proposta educativa dello scoutismo e la pionieristica è proprio uno degli strumenti per renderla gradita ed appassionante per i giovani. Essa infatti permette di vivere all'aperto nel modo più consono alla visione che lo scoutismo ha della natura. La società attuale parla molto di rispetto della natura, ne fa una bandiera buona per tutte le idee, ma per gli scout questo significa innanzitutto conoscerla, cercare di vivere in sintonia con essa, utilizzando quanto offre, ma senza sfruttarla. Bisogna quindi cercare di progettare le costruzioni in modo, non tanto da utilizzare una minor quantità di legname, quanto di "rovinarlo" il meno possibile con incastri o tagli di lunghezze particolari, così da poterlo usare più volte. Ciò non significa che le costruzioni debbano essere fatte con materiale non adatto, magari mettendo a repentaglio la sicurezza (sostegni troppo sottili per i fornelli), oppure realizzando degli obbrobri con pali storti, ma progettando con attenzione, così da sfruttare al meglio quanto si ha. Non bisogna neppure rinunciare a costruire qualcosa di grande ed impegnativo, che trova la sua giustificazione nel mostrare quanto si sappia fare, nel mettere alla prova le doti di progettazione, di inventiva, di coraggio nell'affrontare situazioni con un certo rischio, perché queste sfide a se stessi danno un notevole contributo all'educazione dei giovani. Con questa attenzione potrà tornare utile portare al campo il legname che il gruppo possiede, così da non incentivare il taglio di alberi in zone che talvolta soffrono già di un troppo intenso disboscamento. Inoltre la disponibilità del legname prima della partenza permette di esigere dai ragazzi che preparino delle costruzioni più curate ed elaborate e di ridurre al campo il tempo destinato all'allestimento delle strutture. Normalmente quando si parla di pionieristica vengono alla mente le costruzioni fatte con nodi e legature, ma si può allargare il campo anche all uso di altre tecniche, che forse potranno far rabbrividire qualche purista dello scoutismo. Infatti, se è vero che i ragazzi possono essere attratti dall'usare solo mezzi e materiali che riecheggiano quelli disponibili ai primordi della civiltà, è altrettanto vero che il padroneggiare degli strumenti più attuali (e che a casa non hanno il permesso di toccare), ha un fascino 3

4 senz altro più avvincente. A nostro avviso si possono quindi usare tranquillamente i tondini di ferro o le barre filettate per realizzare costruzioni che peraltro saranno più leggere, robuste e sicure. E se per fare i fori nel legno si userà il trapano elettrico invece delle trivelle a mano non sarà poi il caso di farne una tragedia! Inoltre la pionieristica potrà servire come supporto per realizzazioni che coinvolgano altre tecniche: si può costruire con i pali un supporto per una dinamo che sfrutti l acqua di un torrente, per l'illuminazione elettrica di un angolo di squadriglia per un faro per realizzare delle ombre cinesi e per tante altre imprese. LA PROGETTAZIONE EDUCATIVA DI UNA ATTIVITÀ DI PIONIERISTICA DATI (SOGNI, NECESSITÀ) LIMITAZIONI SCELTE ESPERIENZA PROGETTO REALIZZAZIONE COLLAUDO dei risultati validi. Per un capo la realizzazione di una costruzione da parte di ragazzi, di qualunque età, può essere usata come veicolo per percorrere quel lungo e complesso sentiero che porta alla loro educazione. Perché il lavoro abbia una effettiva valenza educativa è bene procedere secondo uno schema logico ben preciso, che, senza togliere nulla allo entusiasmo, alla inventiva e alla capacità di affrontare situazioni impreviste, conduca a Esaminando dettagliatamente i punti del diagramma ripercorreremo tutti i passi che vanno dalla prima idea di costruire qualcosa, alla soddisfazione di vederla realizzata. DATI: è la decisione di costruire, mossa da una necessità contingente (gli angoli al campo per la branca E/G) o dal desiderio di fare qualcosa di bello e prestigioso (branche E/G ed R/S), di fine a se stesso o di inserito in un quadro più ampio, in una ambientazione avventurosa (branche L/C ed E/G). È indifferente che si tratti di costruzioni vere o di modellini. SCELTE: è la fase in cui si misurano la maturità e la capacità organizzativa del futuro costruttore, spesso in conflitto con la fantasia sbrigliata, con il desiderio di stupire gli altri e di dimostrare quanto si è bravi. D altra parte capita anche che il capo debba spingere perché le scelte non siano troppo minimali, per la paura, da parte dei ragazzi, di impegnarsi troppo o di fare brutte figure. La scelta di 4

5 come costruire deve tener conto del tipo di materiale che si ha a disposizione, delle tecniche che si conoscono o si possono apprendere in tempi brevi. Le scelte devono essere condizionate dalle: LIMITAZIONI: di cui è essenziale tener conto se non si vuole imbarcarsi in imprese che non si riuscirà poi a terminare. Le principali limitazioni riguardano: la forza lavoro ovvero le persone che dovranno realizzare il lavoro e che devono essere in numero sufficiente, robuste quanto basta, competenti, motivate e con la mentalità adatta, i costi del materiale, a cui si può anche far fronte con una attività di autofinanziamento (impresa nell impresa), le condizioni ambientali di cui bisogna tener conto se non si vuole correre il rischio che un'impresa ben progettata naufraghi perché il luogo non è adatto o perché il tempo non è favorevole, l attrezzatura che si ha e che deve essere adatta, o bisogna acquistare (vedi i costi) o imparare ad usare (vedi l esperienza). ESPERIENZA: è il requisito fondamentale, sulla cui base impostare prima le scelte e poi il progetto. È però importante che una esperienza limitata non condizioni troppo le scelte: c è, infatti, il rischio che, essendo poco esperti, si imposti un lavoro ripetitivo e quindi poco stimolante dal punto di vista educativo, si ripeta cioè quanto già si conosce, svilendo quindi tutta l'impresa. Un nuovo lavoro, più avanzato del precedente, deve essere preceduto da piccole esperienze che permettano di ampliare quelle già possedute. PROGETTO: questa fase è strettamente legata alla precedente e si svolge su due piani distinti, uno più strettamente educativo, ed un altro più operativo: piano educativo: fare il progetto di una costruzione non è solo una fase della sua realizzazione, ma anche un'esperienza che deve divenire familiare a chiunque proceda nel sentiero educativo che lo scoutismo propone: si parte dal progetto di una impresa e si giungerà ad un progetto di vita. Le situazioni sono certamente diverse nelle tre branche: 5

6 BRANCA L/C: bisogna che il bambino entri nello spirito del gioco, sia spronato (o frenato!), guidato e consigliato ad inventare qualcosa che renda il gioco più bello, più concreto, più "suo"; BRANCA E/G: è il momento in cui si matura e si prende coscienza di se: rendendosi conto delle proprie capacità e dei propri limiti, collegando il mondo delle idee con la realtà, imparando ad applicarsi e ad organizzarsi, trovando il coraggio di scegliere, ingegnandosi a prevedere le difficoltà, scoprendo capacità ancora sconosciute, accettando la lentezza dei tempi tecnici senza demoralizzarsi, avventurandosi in nuove attività. BRANCA R/S: si possono a questo punto saldare le conoscenze fornite dallo scoutismo con quelle apprese nel lavoro o nello studio scolastico, progettando con la serietà e la competenza che ci si può aspettare, data l'età. I punti accennati per la branca precedente qui trovano la loro piena concretizzazione, anche perché i rover e le scolte dovrebbero essere in grado di gestire autonomamente la realizzazione. piano operativo: si deve procedere partendo dagli schizzi e passando alle prove di fattibilità, ai modelli in scala, ai disegni quotati, alle schede di lavoro (disegni dei pezzi, spiegazioni delle fasi operative), all'organizzazione del lavoro, dividendosi i compiti e calcolando i tempi di esecuzione. REALIZZAZIONE: è il momento culminante, nel quale dare fondo all'entusiasmo, dimostrando non solo le proprie capacità, ma anche lo spirito di servizio nell'aiutare chi è meno abile o preparato. È bene che nel momento in cui si inizia la realizzazione tutto sia pronto e preparato, sia cioè "pronto il cantiere", con tutti gli attrezzi e i materiali disponibili e pronti all'uso, con lo spazio necessario sgombro, con le misure di sicurezza approntate. Nel primo passo (i dati) si è detto che la decisione di costruire può essere legata ad una necessità contingente o al desiderio di fare qualcosa di bello e prestigioso, di fine a se stesso o di inserito in un quadro più ampio. È molto importante che una attività di pionieristica non legata ad una necessità contingente, come gli angoli di squadriglia al campo, venga realizzata in un momento tale per cui possa poi essere effettivamente usata, oppure che possa fare la sua bella figura per un tempo sufficiente. In altre parole, è assurdo che un ponte, una torre, un bel portale al campo vengano costruiti due giorni 6

7 prima della fine del campo, quando nessuno li può "godere". Certo, il riuscire a realizzare deve essere di per se una soddisfazione, ma sappiamo bene che il fare qualcosa di utile agli altri procura ben maggiori gratificazioni, costringe a completare il lavoro in tempi brevi, perché non basta dimostrare che si è capaci di fare, ma anche che la costruzione funziona. Per lavori di una certa importanza è bene che il responsabile non sia coinvolto nel lavoro manuale di esecuzione, in quanto deve poter tener d'occhio il quadro generale, intervenire ove necessario, coordinare il lavoro degli altri. Questo ruolo, apparentemente una facile sinecura, non è necessariamente riservato al Capo squadriglia in virtù della sua capacità muscolare di scaricare sugli altri i lavori faticosi, ma dovrebbe spettare, senza contestazioni, a chi ha le maggiori capacità organizzative o tecniche (brevetti di competenza). L'ideale sarebbe che il ruolo fosse assegnato al pioniere di squadriglia o, in clan, al rover incaricato delle attività tecniche. Non bisogna assolutamente mai dimenticare che una realizzazione può dirsi completata solo quando tutto è stato rimesso in ordine, lo spazio pulito e sistemato e gli attrezzi riposti. È, infatti, una pessima abitudine, non solo dei ragazzi, lasciare tutto in disordine al termine di un lavoro. COLLAUDO: è l ultima fase, nella quale la costruzione viene provata, tutti vogliono salire, far vedere quanto siano bravi. È un momento delicato nel quale bisogna sfoderare tutta l abilità e la diplomazia che un capo possiede: se tutti vogliono provare a salire sulla costruzione bisogna convincere i ragazzi che il collaudo consiste nel provare cautamente se tutto è in regola, montando uno per volta, senza fretta. Può anche succedere che invece alcuni abbiano paura di provare a salire e bisogna far capire che un simile atteggiamento svilisce il lavoro fatto, fa sorgere negli altri il dubbio che il lavoro non sia realizzato bene. È proprio il collaudo riuscito che corona tutta l impresa, che le dà il valore educativo che le compete. 7

8 LA DIDATTICA DELLA PIONIERISTICA Oltre ad essere convinti che la pionieristica abbia una valenza educativa, oltre a possedere le necessarie conoscenze tecniche, bisogna anche possedere gli strumenti per presentarla ai giovani. Il capo deve avere delle conoscenze di base in ogni tecnica per non perdere la fiducia del ragazzo e perché la sua figura di educatore non sia falsa e ridicola. È importante però che sia ben preparato in almeno una delle tecniche. L aiuto e il rover in servizio devono essere preparati in più di una tecnica, per potersi accattivare la fiducia e la stima dei ragazzi in modo da poter efficacemente funzionare da tramite tra i ragazzi e il capo. È utile che in ogni gruppo ci sia un esperto per ogni tecnica, o almeno si sappia a chi rivolgersi, scout o no, in caso di necessità e che sia disponibile per occasioni particolari, come specialità o imprese. Per poter presentare una tecnica e per aiutare a realizzare un attività bisogna, non solo conoscerla meglio dei ragazzi, ma addirittura padroneggiarla per poterli guidare alla realizzazione, senza ridursi ad essere un istruttore o un controllore. BRANCA L/C: in questa branca, più che di pionieristica, è opportuno parlare di nodi, modellini e piccole costruzioni da usare nei giochi. La conoscenza dei nodi e delle legature è finalizzata ad usi quotidiani (allacciarsi le scarpe, confezionare un pacco), alle attività del branco e propedeutica alle tecniche che saranno usate nella branca successiva. Ai cuccioli i nodi previsti (piano, margherita, ecc) possono essere insegnati o dai lupetti anziani o dai vecchi lupi, direttamente, per metterli in grado di assolvere i piccoli impegni domestici e per partecipare alle attività. Le conoscenze gradualmente acquisite serviranno per realizzare costruzioni e modellini da usare nelle caccie per particolari ambientazioni (tenda indiana, forte, bighe, ecc) e nell allestimento di presepi (capanne, ponti, tralicci di sostegno per le montagne). L'utilizzazione di queste tecniche va vista nell'ottica ben più ampia dello sviluppo dell'abilità manuale, senza dimenticare che i capi non devono costruire tutto ma mettere i bambini nelle condizioni di realizzare, accettando che i manufatti siano imperfetti ed improbabili, ma dopo la realizzazione, possono e devono aiutarli a migliorarli, esaminando insieme i pregi e i difetti di quanto fatto, portando gradualmente i bambini al gusto del lavoro finito e ben fatto. Per i lupetti che abbiano disposizione all abilità manuale o al collezionismo, si può escogitare una serie di proposte, come trecce o nodi ornamentali, oggettini ricordo, carpegne, raccolta di modellini di costruzioni o nodi. Nel Consiglio d Akela possono direttamente essere 8

9 insegnati nodi più impegnativi e legature, in vista della salita al riparto in cui gli ex lupetti sono e devono essere dei novizi più capaci e preparati degli altri. BRANCA E/G: è quella in cui la pionieristica trova le sue applicazioni più significative e permette l esplicazione delle sue potenzialità educative. I nodi e le legature più usuali possono e devono essere presentati dagli scout più anziani nel quadro più ampio del trapasso delle nozioni, che ha un ruolo fondamentale nella progressione personale. Ai capi rimarrà eventualmente l opportunità di presentare quei nodi, legature o piombature di uso particolare o raffinato, che danno un tocco di classe o una eccezionale funzionalità alle realizzazioni e che consentono ai capi di conquistare maggiore considerazione da parte dei ragazzi. Lo stesso risultato si ottiene curando l ornamentazione dei guidoni o degli angoli di squadriglia con trecce e nodi ornamentali. Questo compito può anche essere demandato agli scout con la quarta tappa. Man mano che i ragazzi progrediscono nel loro sentiero scout, si potrà esigere e quindi aiutarli a realizzare, una maggior cura nel disegnare i progetti, nel tener conto dei problemi costruttivi, nel calcolo delle dimensioni del materiale, nella scelta e nel risparmio del legname. L'A. Sq. può infine essere richiesta di realizzare costruzioni particolari per funzionalità, grandiosità o inventiva, che siano di utilità per il riparto o di prestigio. Per utilizzare a pieno un aspetto spesso trascurato della metodologia scout, cioè quello degli incarichi di sq, sarà utile che un aiuto o un esperto visionino e discutano con i pionieri di squadriglia i modelli e le soluzioni tecniche per le costruzioni da campo o per altre imprese. Il magazziniere di gruppo potrà presentare ai magazzinieri di squadriglia le tecniche per la manutenzione degli attrezzi e la conservazione delle corde. Per il conseguimento di specialità che richiedano la conoscenza della pionieristica, nulla vieta che il ragazzo venga seguito, consigliato ed aiutato da un esperto, senza che il capo debba per questo sentirsi sminuito nella sua figura. 9

10 CAPITOLO 2 PROPOSTE DI ATTIVITA DI PIONIERISTICA 1. staffette di nodi, 2. gara tra le squadriglia con materiale assegnato, a tempo, 3. gara di reparto: nell'interno di questo sistema di sprone e coinvolgimento che si dipana per tutto l'anno, si possono distinguere tre momenti: gara degli angoli di squadriglia: nell'esigere che gli angoli non siano arredati con oggetti di provenienza domestica, oltre ai mobili costruiti dai ragazzi, si può invitarli a realizzare teche, mensole, abbellimenti costruiti utilizzando le tecniche proprie della pionieristica e premiando particolarmente quegli elementi aggiuntivi che possono essere realizzati da chi ha spiccate doti artistiche e manuali; gara di campo (prima parte): sia che si scelga il sistema delle costruzioni prefabbricate e sia che si preferisca o possa fare tutto al campo, a cominciare dall'abbattimento degli alberi, è sempre utile che le squadriglia abbiano in anticipo preparato i progetti e provato la costruzione delle attrezzature del campo. È quindi opportuno che entro maggio i C.Sq. vedano il terreno del campo e conoscano la pianta dell'area loro assegnata (presenza e disposizione degli alberi, orientamento, caratteristiche del terreno, ecc). Lo stesso ordine di assegnazione dell'area dell'angolo potrebbe essere determinato dalla posizione nella gara di riparto. Si può qui richiedere di seguire la sequenza indicata nella chiacchierata precedente, esigendo la presentazione e valutando non solo i progetti di massima, ma anche i modellini in scala delle costruzioni, con un elenco preciso del materiale occorrente, controllando la quantità, la qualità e lo stato di manutenzione degli attrezzi e delle corde; gara di campo (seconda parte): il campo è il momento in cui la pionieristica può essere meglio applicata e svolgere pienamente la sua valenza educativa. Il campo non è solo l occasione per imparare a vivere con gli amici, per scoprire la natura e sentirsi in rapporto con Dio, ma anche un modo per vivere da persona civile senza le comodità domestiche, con attrezzi e arredi che ci si è costruiti con le proprie mani, con povertà di mezzi. Quindi non bisogna assolutamente tollerare che l'angolo di squadriglia contenga mobili portati da casa o diventi un accampamento di straccioni sporchi, reduci da una calamità naturale e che si nutrono da cavernicoli. È necessario quindi curare non solo la pulizia, ma anche l ordine, la funzionalità e la comodità, realizzata con le proprie mani, e, 10

11 non ultima, la bellezza. È vero che talvolta non si hanno i mezzi (legname) e lo spazio che si vorrebbero, ma queste sono scuse, come pure è una scusa che troppi giorni vanno "sprecati" per costruire gli angoli. Se durante l'anno si è curata bene l'attività di pionieristica, possono essere sufficienti un giorno e mezzo (due se bisogna anche abbattere gli alberi) per costruire gli elementi essenziali dell angolo, cioè il tavolo, la cucina (magari uniti) e l armadio che nelle tende con abside senza pavimento può trovare posto in questa. È utile che in questa fase i capi diano consigli sulla sicurezza, stabilità e comodità delle costruzioni, ma è importante riuscire a limitarsi ai consigli o ai piccoli aiuti risolutivi, senza contribuire massicciamente alla realizzazione, a meno di casi molto particolari, per non falsare i valori della gara di campo, per non attizzare inutili antagonismi tra le squadriglie e per non mortificare la soddisfazione della realizzazione. È molto opportuno che nella gara di campo le costruzioni siano valutate come attività normali e non eccezionali, tenendo conto della robustezza, della genialità del progetto, della tecnica usata, del risparmio del materiale, della funzionalità. Nelle ispezioni, che devono essere quotidiane, è necessario che si valutino la robustezza e la durata delle realizzazioni. Nel corso del campo è utile, per l'educazione dei ragazzi e per evitare che dal terzo giorno si lasci andare tutto in malora (tanto ormai manca poco alla fine...), che nel quadro delle gare tecniche i ragazzi vengano spinti a costruire altri arredi per l angolo o ad abbellire e completare quelli già realizzati. Le costruzioni comuni del campo (altare, alzabandiera, portale, latrine) possono essere realizzate dalle squadriglie e in questo caso il tempo per il montaggio del campo viene portato a due giorni. È bene che siano le squadriglie a costruirle perché così sentiranno ancor più il campo come qualcosa di loro. Infine l A.Sq. può costruire o l'alzabandiera o un tavolo per le sue riunioni o qualche altra costruzione particolare per eleganza o per tecnica costruttiva e si darebbe così la possibilità ai ragazzi più grandi e quindi più esigenti, di avere qualcosa di particolare solo per loro o di contribuire al benessere comune con una realizzazione tecnica ad alto valore che serva di sprone e di modello ai più giovani. BRANCA R/S: è opportuno distinguere tra noviziato e clan e tra ragazzi che hanno già appreso la tecnica in branca E/G e quelli che provengono dall esterno: 11

12 Noviziato: questo periodo di ripensamento e di ricerca personale non può escludere le tecniche classiche dello scoutismo, anche perché i giovani, che magari le hanno praticate fino alla nausea tendono a disprezzarle e a snobbarle, ritenendosi superiori ad esse e del tutto padroni delle loro conoscenze. Per superare questa ottica distorta, è opportuno che i Maestri dei Novizi offrano e al limite impongano delle imprese un po al di sopra di quanto avevano fatto finora, per recuperare le conoscenze, per dare il gusto del lavoro finito, per misurare le proprie forze e per stuzzicare il senso del rischio e dell avventura. Non bisogna assolutamente accontentarsi del lavoro abborracciato e mal finito, ma esigere un intelligente applicazione dei criteri di progettazione e costruzione che sono stati illustrati precedentemente. Le realizzazioni più adatte sono ponti, torrette, scale di corda per uscite in grotta, nodi ed imbragature per ascensioni in montagna, reti ed uso della corda per salvataggio e pronto intervento. In alcuni gruppi il noviziato contribuisce alla manutenzione del materiale del gruppo e le attività specifiche possono essere il controllo dello stato delle tende, la catalogazione del legname da costruzione e la manutenzione delle corde. È questo un tipo di servizio umile e nascosto agli occhi degli altri, adatto a persone senza altri impegni associativi, che può essere svolto comunitariamente e in genere senza l assillo di scadenze, insomma adatto ad un noviziato; Clan: è il momento delle grandi realizzazioni che fanno epoca e che rimangono nella storia del gruppo, in occasione di attività specifiche del clan o di uscite di tutto il gruppo. Deve quindi essere completato il recupero delle conoscenze precedenti, curato l approfondimento della tecnica e valorizzato l aspetto naturalistico ed economico, sfruttando le acquisizioni personali (scolastiche e lavorative) dei rover, e ciò per realizzazioni decisamente al di sopra di quanto i reparti possano costruire. Anche al campo mobile si può cercare di mettere a frutto quanto l esperienza e l'inventiva suggeriscono, sostituendo le tende con ripari naturali, tempo permettendo, ed avvicinandosi quindi a quelle soluzioni di sopravvivenza che non dovrebbero essere estranee alla mentalità e alla preparazione di uno scout. Come esempio di una realizzazione, all altezza di quelle che dovrebbero essere le competenze tecniche e progettuali dì un Clan, nel capitolo quattro viene proposta la costruzione di una rete di corda, utilizzabile per un percorso Hebert, e in tantissimi altri giochi, oltre che come amaca comunitaria. 12

13 1) STAFFETTE DI NODI: si possono organizzare in diversi modi graduandone la difficoltà e variandone le caratteristiche in funzione dei livelli via via raggiunti dai ragazzi: a) il numero dei giocatori: 1) singoli, 2) coppia, 3) squadra, b) il numero dei nodi richiesti: 1) uno a testa, 2) ognuno li fa tutti, c) il tipo di nodi richiesti: 1) uguali per tutti, 2) diversi per ognuno, 3) disfare il nodo, d) sequenza dei nodi: 1) nota, 2) ragionata, 3) casuale, e) posizione di lavoro: 1) davanti, 2) con uno specchio, 3) dietro la schiena, 4) bendati, f) criteri di valutazione: 1) tempo, 2) esecuzione del nodo, 3) entrambi i criteri, a) il numero dei giocatori: 1) può essere il primo passo, in cui i singoli giocatori provano a fare i nodi, dimostrando di conoscerli. Bisogna che sia ben chiaro che la prova si considera terminata solo quando il nodo sia stato sciolto (eccetto il caso c 3) 2) si gioca a coppie, e ci si aiuta; può essere un sistema utile per ragazzi molto timidi o con un esperto che interviene solo se l'altro non sa, oppure con uno che fa il nodo e l'altro che lo scioglie, 3) è la classica staffetta a squadra, quando uno termina comincia l altro; b) il numero dei nodi richiesti: 1) è il sistema normale, 2) richiede tempi lunghi e quindi può essere noioso, ma può essere utilizzato se i nodi conosciuti sono pochi, oppure se ci si limita a pochi nodi particolari; c) il tipo di nodi richiesti: 1) è il sistema normale, se si vuole appurare che tutti i giocatori conoscano tutti i nodi, 2) in questo modo vengono ripassati tutti i nodi, 3) anche il saper disfare il nodo bene e rapidamente può essere una prova di conoscenza; d) sequenza dei nodi: 1) l'ordine con cui si susseguono i nodi può essere noto prima dell'inizio per cui i giocatori si dispongono nell'ordine migliore, 13

14 2) il capo assegna i nodi in funzione delle capacità dei ragazzi; questo sistema richiede molta fiducia reciproca, 3) è il sistema più entusiasmante, che rende il gioco più divertente. La scelta casuale può essere diversa per ogni giocatore per ogni squadra, oppure uguale per tutti quelli dello stesso turno; e) posizione di lavoro: 1) è il modo normale con cui cominciare la serie delle staffette, 2) dal momento che il giocatore vede la corda attraverso lo specchio deve avere una buona coordinazione dei movimenti perché i movimenti saranno rovesciati, 3) anche l'eseguire i nodi dietro la schiena dimostra il possesso di una buona coordinazione dei movimenti; il gioco può essere eseguito a coppie, con il secondo che consiglia l'altro senza toccare la corda, 4) l'eseguire i nodi essendo bendati richiede l'ottima conoscenza della dinamica del nodo e può essere considerato il livello massimo raggiungibile; f) criteri di valutazione: 1) si può usare questo sistema da solo, se si è sicuri che i giocatori conoscano i nodi e si voglia quindi renderli più sicuri e rapidi, 2) si considera la prova superata solo quando il nodo sia eseguito del tutto e bene, 3) è il sistema migliore che tiene conto della rapidità e della bravura. 2) GARE DI LEGATURE: anche queste attività possono essere organizzate in vario modo, sia in grandezza reale, con pali e corde e sia in scala ridotta (modellini), con listelli e spago: a) a tema: 1) fisso, 2) libero, 3) fisso con varianti libere b) conoscenza del tema: 1) sul momento, 2) in precedenza c) progetto: 1) assegnato, 2) libero d) materiale: 1) assegnato, 2) libero, 3) sufficiente, 4) in esubero e) legature da utilizzare: 1) assegnate, 2) libere f) criteri di valutazione: 1) tempo, 2) esecuzione, 3) entrambi i criteri a) tema: 1) è il sistema classico, che consente di svolgere la gara al momento, senza lunghi tempi di preparazione, 14

15 2) permette alla sq. di esprimere le sue capacità organizzative e tecniche; devono essere però resi noti i punti d) ed e); può essere specificato se il prodotto finale deve avere una sua utilità oppure no (v. c 3-4), 3) consente di far competere sq. con diversi gradi di preparazione; b) conoscenza del tema: 1) permette di evidenziare le capacità organizzative, 2) dà lo stimolo per migliorare le conoscenze; c) progetto: 1) è il sistema classico, (vedi. a 1, b 1), 2) è il sistema che ha le maggiori valenze educative; il progetto può essere valutato separatamente dalla realizzazione; d) materiale: 1) è il sistema classico, (vedi. a 1, b 1), 2) si può lasciare alle sq. il compito di reperire il materiale, fissando il tema e certi limiti, 3) si può vedere cosa siano capaci di fare, con un tema libero ed una certa quantità di materiale, 4) oltre a consentire delle varianti, permette di valutare le capacità costruttive e tecniche. Bisogna dire prima che non è obbligatorio usare tutto il materiale, e così si evitano aggiunte posticce ed ineleganti; e) legature da utilizzare: 1) è il sistema classico, (vedi. a 1, b 1), 2) dà lo stimolo per migliorare le conoscenze; g) criteri di valutazione: vale quanto detto per le staffette di nodi. 15

16 3) STAFFETTA DI NODI CON LA ROULETTE: materiale: alcuni cordini e bastoni, 1 roulette, regole del gioco: i giocatori vengono divisi in sq.; si decide quali nodi e legature richiedere; si stabilisce una relazione tra i numeri della roulette ed i nodi: per esempio: 1, 2, 3 n. piano; 4, 5, 6 n. rete; 25, 26, 27 legatura quadrata; 0 nulla (è utile che il numero di nodi sia sottomultiplo di 36,) e si inizia il gioco: arrivano i primi giocatori (1 x sq), si mette in moto la roulette e tutti fanno il nodo indicato dal numero uscito; si considera l'esecuzione ed il tempo; arrivano i secondi giocatori e si ripete l'operazione; se esce lo 0 si considera superata la prova perché lo 0 funziona da jolly; vince la sq. i cui giocatori hanno eseguito meglio e nel minor tempo i nodi. Possono essere scelte altre soluzioni, quali l'estrazione a sorte per ogni giocatore separatamente, la proibizione a ripetere lo stesso nodo, una diversa quantità di numeri a seconda della difficoltà dei nodi. 4) "QUIPU": il gioco riprende il sistema incaico per la trasmissione e registrazione di informazioni, consiste in serie di nodi di vario tipo e colore, disposti in modo convenzionale, con cui gli Incas, che non possedevano un alfabeto, si trasmettevano le informazioni e può essere usato in un grande gioco per trasmettere un messaggio cifrato. materiale: 1 bastoncino di legno, alcuni pezzi di cordino L cm 50, pezzi di cordella per tende L cm 20 bianca e verde, organizzazione e preparazione del gioco: assicurarsi che i ragazzi conoscano i nodi, stabilire preventivamente la relazione tra i nodi, le lettere ed i numeri, i colori assegnati e quant altro serva, 16

17 nodo cordella nodo cordella si potrebbero stabilire queste relazioni: bianca verde bianca verde il bastoncino rappresenta il messaggio, semplice piano rete pescatore carrik A B C D E N O P Q R prusik manicotto galera muratore ancora G H I L M T U V Z i pezzi di cordino corrispondono alle parole e i pezzi di cordella alle singole lettere o ai numeri, i cordini vengono legati per una estremità del bastoncino, una dopo paletto F 6 S mezzi colli lettere numeri l altro, a partire dall'alto del cordino, si eseguono i nodi, anteponendo i mezzi colli bianco o verde, a seconda se si tratti di lettere o di numeri (v. alfabeto semaforico); i nodi piano, rete e carrik si eseguono facendo un occhiello con il cordino e gli altri attorno al cordino stesso. Sono stati scelti dei nodi che possono essere eseguiti con pezzetti di cordella su un cordino senza particolari complessità e usando solo materiale facilmente reperibile (cordelle di altri colori, come quelle per alpinismo, sono molto costose). Ovviamente possono essere scelte molte altre soluzioni, utilizzando nodi distinguibili con difficoltà (paletto semplice e doppio), materiali diversi (spago, nastri), altri sistemi di crittografia. 5) GARA DI COSTRUZIONE DI UN ALZAGUIDONE: materiale (per ogni squadriglia): 3 bastoni scout (manici di scopa o canne), 3 picchetti, 1 mazzetta, 5 cordini Ø mm 5 m 3, modalità di svolgimento del gioco: le sq. al via, devono costruire, nel minor tempo possibile, un alzaguidone con i 3 bastoni, facendo 2 legature a manicotto e innalzarlo con 3 tiranti legati ai picchetti, prima dell inizio si può stabilire se le legature ed i nodi sono liberi o assegnati, si valutano, oltre al tempo, anche l esecuzione delle legature e le strategie usate. 17

18 6) COSTRUZIONE DI UNA CATAPULTA: materiale: 3 pali da m 2, 1 palo da m 3, 4 cordini Ø mm5 lungh. m 3, 1 gomitolo di spago, segatura. 3 corde elastiche da portabagagli, 1 barattolo di latta da kg 3, sacchetti di carta o da surgelatore, modalità di costruzione: costruire con tre pali da m 2 un triangolo e legare perpendicolarmente a metà di uno di essi il palo da m 3 in modo che l estremità arrivi all altezza dell altro vertice; la legatura deve essere fatta in modo che il palo lungo possa ruotare intorno all'altro, in quanto quello lungo rappresenta il braccio della catapulta; fissare 2 cordini dal palo lungo ai 2 vertici di quello corto su cui è fissato, per impedire al primo di perdere la perpendicolarità con quello corto; fissare sulla sommità dell'estremità lunga del braccio mobile il barattolo che conterrà i proiettili; fissare tra il terzo vertice del triangolo e il braccio mobile un cordino lento che serve da arresto della corsa del braccio; tendere le corde elastiche tra l'estremità corta del braccio ed i vertici adiacenti; riempire di segatura i sacchetti; fare delle prove per determinare la traiettoria e la gittata della catapulta. Questa costruzione, può essere utilizzata per un grande gioco e costruita da una sq. mentre l'altra realizza, con pali, corde teli o fogli di carta delle strutture che simulano un castello o delle costruzioni da abbattere con la catapulta. 18

19 È opportuno fare delle prove in precedenza per valutare la gittata dello strumento e quindi determinare le regole del gioco. La costruzione deve essere solida perché lo strumento deve essere trasportato a spalla e sopportare le vicende del gioco. 7) COSTRUZIONE DI OGGETTI UTILI: Dopo aver imparato a fare i nodi e le legature, dopo aver fatto dei giochi e delle gare in cui è necessario, per vincere, saper fare i nodi, si può passare a realizzare degli oggetti che possono essere usati o regalati nella festa di primavera, o addirittura venduti per autofinanziarsi, ma anche degli oggetti che possono essere utili al campo. La carpegna può essere regalata al novizio che fa la Promessa, la pallina può essere usata come porta chiave. Portachiavi Carpegna Le reti servono al campo come piani di appoggio. CUCINA In molti campi scout gli angoli di Sq. sono fatti con un quadripiedi e due treppiedi di pali che tre strutture possono essere legate le retine che funzionano da piani di appoggio per le stoviglie. La descrizione delle modalità costruttive delle retine è nel capitolo quattro. 19 TAVOLO sorreggono la cucina ed il tavolo. All interno delle

20 CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI ATTREZZI E DEI GLI ATTREZZI: MATERIALI USATI PER LA PIONIERISTICA ELENCO E CARATTERISTICHE degli attrezzi necessari per eseguire un'attività di pionieristica in branca E/G: attrezzi personali: 1 accetta con ferro da 600 g,; 1 coltello a lama fissa o pieghevole, attrezzi di squadriglia che è bene che siano dieci oltre alle corde: 2 accette (ferro g 600), 1piccone, 2 seghe, 1rastrello, 1mazzetta (ferro g 1200), 1doppiometro e matita, 1badile, 1saracco, È bene possedere ed usare anche un mazzuolo di legno con cui battere sul ferro delle accette, ad esempio, ma può essere costruito in loco con gli altri attrezzi. La sq. può procurarsi due tubi in ferro unibili con un manicotto, per una lunghezza totale di cm e diametro tale da permettere l'inserimento nel tubo della punta del piccone che così potrà essere usato come palo di ferro con punta per scavare dei fori nel terreno. I due tubi di ferro possono essere trasportati nella sacca o cassa di sq. È inoltre opportuno che gli attrezzi voluminosi con manici di legno (picconi, badili) abbiano il manico estraibile per facilitare il trasporto ed anche che ci si premunisca dalle rotture portandosi dei manici di ricambio. attrezzi di riparto o di gruppo: riduttori e prolunghe, 2 asce a due mani, 1mola ad acqua, 2 vanghe, dadi e ranelle per le barre, 1 seghetto da ferro, 1 girabarchino, 2 picconi, 1trapano elettrico a due velocità, 2 mazze a manico lungo, trivelle diverse, 2martelli, filo di ferro di vario chiavi fisse di varie 1 punta di ferro, 2 seghe, diametro misure tondino filettato di varie punte da trapano diverse, serie di scalpelli, 2 pinze, misure, 2 paia di guanti di cuoio, 1 tenaglia, 1cartoccia, 20

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di

Reparto Andromeda. Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO. Libretto di Gruppo Scout Castel Maggiore 1 IL MIO SENTIERO Libretto di La Promessa

Dettagli

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Una realizzazione - 1 Disposizioni di carattere generale I mezzi di sollevamento e di trasporto devono risultare appropriati per quanto

Dettagli

QUALCHE NOTIZIA SULLE CORDE

QUALCHE NOTIZIA SULLE CORDE QUALCHE NOTIZIA SULLE CORDE Corda ritorta È quella costituita da 3-4 legnuoli ritorti fra di loro: i legnuoli a loro volta sono costituiti dall intreccio di più trefoli detti anche filati formati ciascuno

Dettagli

La "sosta classica" Nella "sosta classica", i due ancoraggi sono collegati tra loro con due moschettoni ed un anello di cordino.

La sosta classica Nella sosta classica, i due ancoraggi sono collegati tra loro con due moschettoni ed un anello di cordino. La "sosta classica" 6 aprile 2005 La progressione della cordata su una parete è caratterizzata dal movimento non contemporaneo degli alpinisti. Durante la progressione della cordata, la sosta è il punto

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO 2007 / 2010

PROGETTO EDUCATIVO 2007 / 2010 gruppo scout Vicenza 3 PROGETTO EDUCATIVO 2007 / 2010 1. mandato e premesse Siamo consapevoli di aver ricevuto un mandato dai genitori, dalla Parrocchia e dall Associazione per l educazione secondo il

Dettagli

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue 1 Pali di fondazione Si possono avere: a) pali in legno: oggi quasi totalmente abbandonati e impiegati solo per modeste costruzioni che trasmettono carichi limitati, per lo più in zone con abbondante legname,

Dettagli

IL GIOCO NEL MINIBASKET

IL GIOCO NEL MINIBASKET 88 Premessa IL GIOCO NEL MINIBASKET Inizierò con un gioco di collaborazione e di rapidità per immergerci subito nel cuore di questa lezione. Poichè l argomento è Il Gioco nel Minibasket, vorrei partire

Dettagli

LE FORME GEOMETRICHE...TANTE SCATOLE...

LE FORME GEOMETRICHE...TANTE SCATOLE... LE FORME GEOMETRICHE...TANTE SCATOLE... INSEGNANTI: SIMONA MINNUCCI MICHELA BASTIANI ANNO SCOLASTICO 2011-2012 CLASSE: SECONDA TEMPI: GENNAIO-GIUGNO OBIETTIVO FORMATIVO ESPLORARE LA REALTÀ ATTRAVERSO ESPERIENZE

Dettagli

APPLICAZIONI. 3. Una scala ha uno staggio di 2,40 m e uno sbraccio di 1,60 m. A quale altezza da terra si trova il ponte?

APPLICAZIONI. 3. Una scala ha uno staggio di 2,40 m e uno sbraccio di 1,60 m. A quale altezza da terra si trova il ponte? PITGOR/esercizi/applicazione 1 PPLICZIONI 1 Quanto dovrà essere lungo il cavo di acciaio che trattiene l antenna televisiva? 180 cm 120 cm 2 Quanto è alta la parete centrale del solaio? 6 m 3 Una scala

Dettagli

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

Come costruire una vera casa sull'albero

Come costruire una vera casa sull'albero Come costruire una vera casa sull'albero COSA OCCORRE 30 viti tirafondi da 15 cm con relative rondelle quadrate 8 viti tirafondi da 20 cm con rondelle 32 viti tirafondi da 10 cm con rondelle travi da 7,5x10

Dettagli

Nodi di congiunzione. Nodo del Pescatore,il suo uso e' particolare, per unire corde dello stesso spessore

Nodi di congiunzione. Nodo del Pescatore,il suo uso e' particolare, per unire corde dello stesso spessore Classificazione NODI per USO Si classificano secondo il loro uso, in modo che, quando si presenta la necessità, tu abbia sempre una o più soluzioni possibili. Distinguiamo perciò: i nodi di congiunzione:

Dettagli

Nomenclatura: DORMIENTE: l'estremità della corda che nell'esecuzione del nodo viene tenuta ferma; CORRENTE: l'estremità che viene fatta girare.

Nomenclatura: DORMIENTE: l'estremità della corda che nell'esecuzione del nodo viene tenuta ferma; CORRENTE: l'estremità che viene fatta girare. Gruppo scout Pieve di Cento I I PRIMI NODI Nomenclatura: DORMIENTE: l'estremità della corda che nell'esecuzione del nodo viene tenuta ferma; CORRENTE: l'estremità che viene fatta girare. Nodo semplice

Dettagli

RECUPERO da CREPACCIO

RECUPERO da CREPACCIO recupero da crepaccio 1 RECUPERO da CREPACCIO G. Galli - maggio 2010 recupero da crepaccio 2 premessa 1 condizioni dell incidente la caduta in un crepaccio può verificarsi per un alpinista: legato e preventivamente

Dettagli

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da

il Dribbling MAINI DANIELE Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 Lezione ideata da Corso CONI-FIGC per Istruttori Scuola Calcio Piacenza 2005 il Dribbling Lezione ideata da MAINI DANIELE Si ringraziano Gli Esordienti dell U.S.D. BORGONOVESE In collaborazione con BERNINI GIANNI RATAZZI

Dettagli

La Zona Valbisagno. Il progetto della Zona Valbisagno. Le tappe del progetto. Gruppi della zona

La Zona Valbisagno. Il progetto della Zona Valbisagno. Le tappe del progetto. Gruppi della zona La Zona Valbisagno La Zona conta 9 gruppi e si estende geograficamente lungo tutta la vallata del torrente Bisagno. Per larga parte insiste sul Comune di Genova, nei seguenti municipi: I Centro Est, III

Dettagli

Le macchine come sistemi tecnici

Le macchine come sistemi tecnici Le macchine come sistemi tecnici L industrializzazione dell Europa e iniziata grazie alla comparsa di macchine capaci di trasformare energia termica in energia meccanica. Un motore a vapore e un esempio

Dettagli

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili.

Come utilizzare. le scale. a mano o portatili. Come utilizzare le scale a mano o portatili. SCALE A MANO NORME GENERALI Bisogna innanzitutto avere presente il concetto che le scale a mano devono servire esclusivamente per lavori assolutamente particolari

Dettagli

DOMENICA 9 SETTEMBRE 2012

DOMENICA 9 SETTEMBRE 2012 DOMENICA 9 SETTEMBRE 2012 Carissimi Capi Reparto, anche quest anno siamo qui a proporvi una grande opportunità per le nostre squadriglie, una appassionante e irrinunciabile sfida sul piano della competenza

Dettagli

A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani

A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani COMPOSIZIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO Il gruppo: Numero dei ragazzi per ciascuna unità Quanti della città, quanti fuori La Comunità capi I ragazzi

Dettagli

In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE

In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE La sicurezza sui sentieri attrezzati: materiali e tecniche Con la collaborazione del Centro Studi Materiali e Tecniche. Questo documento riporta

Dettagli

A.E. ABILITA' MANUALE ACCANTONAMENTO AGESCI AGI AKELA ALFIERE ALPENSTOCK ALTA SQUADRIGLIA ANGOLO DI SQUADRIGLIA ANNO SCOUT AQUILE RANDAGIE

A.E. ABILITA' MANUALE ACCANTONAMENTO AGESCI AGI AKELA ALFIERE ALPENSTOCK ALTA SQUADRIGLIA ANGOLO DI SQUADRIGLIA ANNO SCOUT AQUILE RANDAGIE A.E. ABILITA' MANUALE ACCANTONAMENTO AGESCI AGI AKELA ALFIERE ALPENSTOCK ALTA SQUADRIGLIA ANGOLO DI SQUADRIGLIA ANNO SCOUT AQUILE RANDAGIE ASSISTENTE ECCLESIASTICO ASSOCIAZIONE GUIDE E SCOUTS CATTOLICI

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

Piston Cane. di Andrea zinno

Piston Cane. di Andrea zinno Piston Cane di Andrea zinno L idea L'idea alla base del Piston Cane è stata quella di creare un ibrido fra un mezzo da Rock Crawling di tipo Torsionale (che vede il suo precursore nel Pimp Cane), per sfruttare

Dettagli

NODI E CORDE APPUNTI

NODI E CORDE APPUNTI NODI E CORDE APPUNTI I NODI di base, pag.1 I NODI Autobloccanti, pag.5 I NODI per l imbragatura e la sicura, pag.7 I NODI di giunzione. pag.11 1 I nodi di base: Pagina quadro I nodi autobloccanti I nodi

Dettagli

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 Fax 051/26.74.55 -

Dettagli

Molti degli utensili in commercio

Molti degli utensili in commercio Costruire gli utensili Immanicare gli utensili di Giacomo Malaspina Se le misure non coincidono, immanicare un ferro può essere una perdita di tempo. Il legno spacca e l allineamento col manico lascia

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO GIOCHI POPOLARI

REGOLAMENTO TECNICO GIOCHI POPOLARI REGOLAMENTO TECNICO GIOCHI POPOLARI 1) Ogni gioco popolare inserito nel programma del Palio delle Borgate contribuisce alla classifica generale come evento singolo. TIRO ALLA FUNE 2) La gara inizia quando

Dettagli

Ciao a tutti gli amici modellisti..

Ciao a tutti gli amici modellisti.. Ciao a tutti gli amici modellisti.. Volevo parlare un po del sempre presente problema relativo alla ricopertura dei ponti dei nostri modelli, affrontando contemporaneamente il fatto di dover simulare la

Dettagli

CDR LA SCALETTA DELLA SCALATA

CDR LA SCALETTA DELLA SCALATA CDR L E D I S P E N S E D E L C ORSO D I R O C C I A P R O G R E S S I O N E D E L L A C O R D A T A LA SCALETTA DELLA SCALATA Questa dispensa riporta in maniera schematica: 1. le fasi della progressione

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto IN LABORATORIO 6 Maggio 2010 Istruzioni per l allestimento della prova Materiale riservato per i docenti UNA BILANCIA MOLTO SENSIBILE Presentazione

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

Progressione della cordata Catena e tecniche di assicurazione

Progressione della cordata Catena e tecniche di assicurazione 11 Corso di Alpinismo su Roccia 2013 Scuola permanente di Alpinismo «Cosimo Zappelli» Progressione della cordata Catena e tecniche di assicurazione a cura di Claudio Luperini Stasera parleremo di: _ come

Dettagli

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure 1) Generalità I pannelli del sistema UNICLIC si possono fissare in due diversi modi: A Per incastrare i pannelli, si possono ruotare inserendo la

Dettagli

ATTIVITÀ PROMOSSE E SVILUPPATE DAL GS CAI NAPOLI

ATTIVITÀ PROMOSSE E SVILUPPATE DAL GS CAI NAPOLI ATTIVITÀ PROMOSSE E SVILUPPATE DAL GS CAI NAPOLI 179 CARLO TERRANOVA & PIERANGELO TERRANOVA NOTIZIE SULLE TECNICHE DI RISALITA SU SOLE CORDE, COME PROPOSTA DI DISCUSSIONE PER I SOCI DEL CAI. SEZ. DI NAPOLI

Dettagli

Realizzazione di ringhiere Gianpaolo Cusati

Realizzazione di ringhiere Gianpaolo Cusati Un suggerimento di Jp Ciao a tutti gli amici modellisti di Magellano Questa volta voglio parlare di alcuni metodi che ho utilizzato per realizzare le ringhiere (che brutto termine ma rende bene l idea

Dettagli

Collegamento degli ancoraggi Confronto tra le tecniche di assicurazione

Collegamento degli ancoraggi Confronto tra le tecniche di assicurazione Collegamento degli ancoraggi Confronto tra le tecniche di assicurazione ATTENZIONE Il materiale di questo "pdf" è una parte del PowerPoint "Soste e tecniche di assicurazione -2013" che trovate nel DVD

Dettagli

LA CORRETTA INDIVIDUAZIONE ED IL CORRETTO UTILIZZO DELLE SCALE A MANO

LA CORRETTA INDIVIDUAZIONE ED IL CORRETTO UTILIZZO DELLE SCALE A MANO OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) LA CORRETTA INDIVIDUAZIONE ED IL CORRETTO UTILIZZO DELLE SCALE A MANO a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI

Dettagli

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro.

TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. TU art. 113 Scale Le scale semplici portatili (a mano), se di legno, devono avere i pioli fissati ai montanti mediante incastro. I pioli devono essere privi di nodi. Tali pioli devono essere trattenuti

Dettagli

Calamite Poli magnetici Forza magnetica. A cura del responsabile del laboratorio di scienze Ins. Cristina Andrini

Calamite Poli magnetici Forza magnetica. A cura del responsabile del laboratorio di scienze Ins. Cristina Andrini Calamite Poli magnetici Forza magnetica A cura del responsabile del laboratorio di scienze Ins. Cristina Andrini Chi resiste all attrazione? Cosa serve? Oggetti di materiali diversi: vetro, legno, plastica,

Dettagli

SCUOLA CITTÀ PESTALOZZI

SCUOLA CITTÀ PESTALOZZI SCUOLA CITTÀ PESTALOZZI Scuola sperimentale statale - Centro Risorse per la formazione docenti Via delle Casine, n.1 50122 FIRENZE tel. 055-2340825 fax 055-2261070 e-mail: pestal@tin.it URL: http://www.bdp.it/pestalozzi

Dettagli

Il nodo Savoia che deve il suo nome al fatto di essere compreso nello stemma di Casa Savoia, conosciuto anche come nodo d'amore o nodo a otto.

Il nodo Savoia che deve il suo nome al fatto di essere compreso nello stemma di Casa Savoia, conosciuto anche come nodo d'amore o nodo a otto. I NODI Tutti gli Scouts devono sapere fare i nodi. Fare un nodo sembra una cosa molto semplice; però, c'è il giusto modo di farlo, e ci sono modi sbagliati, e gli Scouts devono conoscere la maniera giusta.

Dettagli

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA

SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA SISTEMI DI ARRESTO CADUTA UN SISTEMA DI ARRESTO CADUTA È SEMPRE COMPOSTO DA TRE ELEMENTI BASILARI: - ANCORAGGIO - COLLEGAMENTO - IMBRACATURA Prima dell uso occorre predisporre una procedura per il recupero

Dettagli

Gruppo Scout OSIMO 1 CARTA DI CLAN

Gruppo Scout OSIMO 1 CARTA DI CLAN CARTA DI CLAN La carta di che??? E la domanda che affiora nelle menti dei novizi, e che, persino dopo svariato tempo, a volte ritorna anche nei ragazzi/e del clan per cui può essere difficile coglierne

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 15 marzo 2001 Categoria Ecolier Per studenti di quarta e quinta elementare

Kangourou Italia Gara del 15 marzo 2001 Categoria Ecolier Per studenti di quarta e quinta elementare Kangourou Italia Gara del 15 marzo 2001 Categoria Ecolier Per studenti di quarta e quinta elementare Regole:! La prova è individuale. E vietato l uso di calcolatrici di qualunque tipo.! Vi è una sola risposta

Dettagli

Motorino elettrico fatto in casa

Motorino elettrico fatto in casa Realiz zato da Giovanni Gerardi VA P.N.I. a.s. 2010-11 Motorino elettrico fatto in casa Premesse. In una lezione di fisica verso metà marzo la professoressa di matematica e fisica Maria Gruarin ha introdotto

Dettagli

LA DIDATTICA DELLA DIFESA A TRE

LA DIDATTICA DELLA DIFESA A TRE Corso MSTER nno 2000 / 2001 L DIDTTIC DELL DIFES TRE di DVIDE BLLRDINI relatori : prof. prof. Roberto Clagluna Franco Ferrari 1 INDICE : PREMESS 4 LE CRTTERISTICHE DEI DIFENSORI 6 L DIDTTIC. 7 CONCLUSIONI.

Dettagli

TABELLE SEGNAVIA - preparazione e posizionamento

TABELLE SEGNAVIA - preparazione e posizionamento TABELLE SEGNAVIA - preparazione e posizionamento La collocazione delle tabelle segnavia va fatta su appositi pali di sostegno di altezza variabile fra i 2 e i 3 metri (med. 2,5 metri). Il palo sarà dello

Dettagli

Palio delle cinque Contrade di Fenegro 2 6 8 settembre 2012 - REGOLAMENTO GIOCHI -

Palio delle cinque Contrade di Fenegro 2 6 8 settembre 2012 - REGOLAMENTO GIOCHI - Palio delle cinque Contrade di Fenegro 2 6 8 settembre 2012 - REGOLAMENTO GIOCHI - 2 settembre 2012 GIOCO DEL CERCHIO Specifica del gioco: Staffetta a squadre attorno al percorso detto Castello (Piazza

Dettagli

A SCUOLA DI AVVENTURA : CERWOOD

A SCUOLA DI AVVENTURA : CERWOOD A SCUOLA DI AVVENTURA : CERWOOD Il Parco Cerwood è il Parco Avventura più grande di Italia con 22 differenti percorsi avventura :un vero bosco di Emozioni Nel Bosco delle Emozioni del Parco Avventura Cerwood

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

44 Dicembre 2014 / Gennaio 2015 ~ Elettronica In

44 Dicembre 2014 / Gennaio 2015 ~ Elettronica In 44 Dicembre 2014 / Gennaio 2015 ~ Elettronica In ROBOTICA ROBOT SPAZZANEVE di VITTORIO LOSCHIAVO e GIUSEPPE OLIVIERI Robot cingolato basato su Arduino Uno, comandato a distanza grazie al controller wireless

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE

MANUALE USO E MANUTENZIONE MANUALE USO E MANUTENZIONE Argano manuale con cavo Art. 0070/C ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione

Dettagli

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale L Osservatorio di Melquiades Presenta OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale Il Sole, le ombre e il tempo Domande guida: 1. E possibile l osservazione diretta del Sole? 2. Come è possibile determinare

Dettagli

Il Tchoukball: una breve presentazione

Il Tchoukball: una breve presentazione FEDERAZIONE TCHOUKBALL ITALIA Via Varese, 172 21047 Saronno (Varese) Tel. 0238595552 Fax 029625552 Email tchoukballitalia@yahoo.it www.tchoukball.it Il Tchoukball: una breve presentazione www.tchoukball.it

Dettagli

minimo cinque passaggi consecutivi e goal valido solo con colpo di testa sulla traversa oppure su una porticina.

minimo cinque passaggi consecutivi e goal valido solo con colpo di testa sulla traversa oppure su una porticina. PARTITA BOWLING si gioca una partita normale con due o più palloni. Chi abbatte il cono lascia il pallone agli avversari e corre verso la propria porta a sistemare il cono in linea con gli altri. Vince

Dettagli

PREMESSA INDICE. GRAMEGNA S.r.l. PAG. DESCRIZIONE DELLA MACCHINA... 2 DATI TECNICI... 4 NORME DI SICUREZZA... 4

PREMESSA INDICE. GRAMEGNA S.r.l. PAG. DESCRIZIONE DELLA MACCHINA... 2 DATI TECNICI... 4 NORME DI SICUREZZA... 4 INDICE PAG. PREMESSA Vi ringraziamo per la preferenza accordataci e siamo lieti di potervi annoverare tra i nostri affezionati clienti. La nostra spollonatrice, progettata e realizzata con i sistemi più

Dettagli

OPUSCOLO PER I LAVORATORI

OPUSCOLO PER I LAVORATORI 1 OPUSCOLO PER I LAVORATORI A cura: del Dott. Davide Antonelli 2 SCALE A MANO Tale attrezzatura È prevista per superare dislivelli e per effettuare lavorazioni straordinarie a carattere eccezionale e temporaneo.

Dettagli

LINEE, SPAZI E FIGURE GEOMETRICHE, UN PERCORSO ATTRAVERSO L ARTE

LINEE, SPAZI E FIGURE GEOMETRICHE, UN PERCORSO ATTRAVERSO L ARTE LINEE, SPAZI E FIGURE GEOMETRICHE, UN PERCORSO ATTRAVERSO L ARTE Per cominciare Prepariamo una serie di pannelli, con fogli di carta da pacco, sui quali raccogliere le esperienze e le osservazioni: un

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE.

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE. I componenti la catena di assicurazione li possiamo individuare semplicemente negli elementi che insieme concorrono alla sicurezza della cordata, ovviamente in caso di caduta. Gli elementi quali corda,

Dettagli

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano Rubiu Stefano Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011 IL TIRO IN PORTA Il tiro in porta rappresenta l azione conclusiva delle varie strategie di gioco, al fine di raggiungere l obiettivo

Dettagli

Piscineitalia.it. Indicazioni di montaggio per cabina sauna Modello con pareti in legno massello

Piscineitalia.it. Indicazioni di montaggio per cabina sauna Modello con pareti in legno massello Indicazioni di montaggio per cabina sauna Modello con pareti in legno massello 1 Raccomandazioni Si raccomanda di preforare sempre prima di avvitare, in modo da evitare che il legno si rompa. Nella tabella

Dettagli

Serie 900 Magnetica. Porta per cani Staywell - Manuale Utente. Quinta Edition. Porticina Staywell per animali domestici - Guida per l utente

Serie 900 Magnetica. Porta per cani Staywell - Manuale Utente. Quinta Edition. Porticina Staywell per animali domestici - Guida per l utente Serie 900 Magnetica Porta per cani Staywell - Manuale Utente Porticina Staywell per animali domestici - Guida per l utente Quinta Edition IT Porticina Staywell per animali domestici... Gatto Adatta per

Dettagli

a righe SCIARPA Accessori Ago da lana a punta Campione 40 m e 32 ferri = 10 cm a punto Twigg

a righe SCIARPA Accessori Ago da lana a punta Campione 40 m e 32 ferri = 10 cm a punto Twigg 3 I PROGETTI I diec seguenti sono stati realizzati per darvi una solida base del punto Twigg. Per un inizio facile, cominciate con la Sciarpa a righe (pagina 50), perché non è molto importante se non riuscite

Dettagli

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra 1 Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra Giochi di motricità generale con l utilizzo della palla. Dopo aver organizzato la palestra in tanti

Dettagli

TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO

TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo e Sci Alpinismo Scuola Centrale di Alpinismo Scuola Centrale di Sci Alpinismo TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO Approvato dalla CNSASA il

Dettagli

Istruzioni di servizio per quadri di esposizioni filateliche compreso imballaggi

Istruzioni di servizio per quadri di esposizioni filateliche compreso imballaggi Istruzioni di servizio per quadri di esposizioni filateliche compreso imballaggi Valide per la serie da 012005 a 032005 Istruzione_Rahmen_I.doc/18.03.2014/ml 1/13 Indice INDICE 2 MISURE DI SICUREZZA /

Dettagli

12. Le date possono essere scritte in forma numerica usando le otto cifre. Per esempio, il 19 gennaio 2005 può essere scritto come 19-01-2005.

12. Le date possono essere scritte in forma numerica usando le otto cifre. Per esempio, il 19 gennaio 2005 può essere scritto come 19-01-2005. Logica matematica 12. Le date possono essere scritte in forma numerica usando le otto cifre. Per esempio, il 19 gennaio 2005 può essere scritto come 19-01-2005. In quale anno cadrà la prossima data nella

Dettagli

Tiranti piatti di sollevamento in poliestere Funi tonde in poliestere ad anello chiuso corde e trecce

Tiranti piatti di sollevamento in poliestere Funi tonde in poliestere ad anello chiuso corde e trecce Tiranti piatti di sollevamento in poliestere Funi tonde in poliestere ad anello chiuso corde e trecce Istruzioni e manutenzione Controllare sempre che il tirante che si sta impiegando sia di portata idonea

Dettagli

INCARICHI DI SQUADRIGLIA

INCARICHI DI SQUADRIGLIA LA MISSIONE DI SQUADRIGLIA La missione è un uscita in cui gli obiettivi e le tecniche per raggiungerli non sono scelti dalla squadriglia ma vengono indicati dai capi reparto; è un occasione privilegiata

Dettagli

Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e di Arrampicata Libera Cosimo Zappelli Sezioni C.A.I. M. Bacci Viareggio - E.

Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e di Arrampicata Libera Cosimo Zappelli Sezioni C.A.I. M. Bacci Viareggio - E. Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e di Arrampicata Libera Cosimo Zappelli Sezioni C.A.I. M. Bacci Viareggio - E. Bertini Prato La parola chiave in montagna è Sicurezza 2 Materiale I cordini e i

Dettagli

Laboratorio di falegnameria

Laboratorio di falegnameria di: Laboratorio di falegnameria Anna Maria Galli PERCORSI DIDATTICI scuola: I.C. Jesi Centro area tematica: Scienze - Ed. Tecnica pensato per: 8-11 anni OBIETTIVI - Osservare e descrivere materiali: il

Dettagli

ELENCO DEL MATERIALE. i vertici di un quadrato (una serie per ogni gruppo di studenti) 25 righelli in cartoncino plastificato (uno per ogni studente)

ELENCO DEL MATERIALE. i vertici di un quadrato (una serie per ogni gruppo di studenti) 25 righelli in cartoncino plastificato (uno per ogni studente) ELENCO DEL MATERIALE FORZE IN EQUILIBRIO 1 piano triangolare forato, in plexiglas 3 gambe in alluminio 3 carrucole in alluminio montate su cuscinetti a sfere 3 masse in ottone, dello stesso peso, con dispositivo

Dettagli

d'auto"obeleuchtung"

d'autoobeleuchtung 09.807 Modellino "Impianto luci d'auto"obeleuchtung" Cenno I kit della OPITEC, una volta ultimati, non sono in primo luogo oggetti con caratteristiche ludiche oppure d utilizzo che si trovano normalmente

Dettagli

Considerazioni iniziali Il Paracadute

Considerazioni iniziali Il Paracadute Angela Turricchia Leopoldo Benacchio Grazia Zini Considerazioni iniziali Leonardo da Vinci è universalmente riconosciuto come eccelso pittore, ma anche come ingegnere, come costruttore, architetto, anatomista

Dettagli

Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/2010

Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/2010 Note sull esperienza Misura di g versione 1, Francesco, 7/05/010 L esperienza, basata sullo studio di una molla a spirale in condizioni di equilibrio e di oscillazione, ha diversi scopi e finalità, tra

Dettagli

INDICATORI DI PARTENZA

INDICATORI DI PARTENZA Sommario delle REGOLE DEL GOLF, ho cercato di farlo possibilmente semplice, con qualche esempio e mi auguro chiaro, Con alcuni campitoli principali ed alcuni richiami alle Regole Basi. AREA DI PARTENZA

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line LA PROSPETTIVA Indice Indice... 1 -Cenni sulla prospettiva e rispetto delle proporzioni.... 2 Amici del Presepe

Dettagli

Laboratorio di perline

Laboratorio di perline di: Mavale PERCORSI DIDATTICI Laboratorio di perline scuola: Cremona area tematica: Arte e creatività pensato per: 10-14 anni ABILITÀ - Utilizzare in modo consapevole e adeguato materiali, mezzi e tecniche

Dettagli

IL GIOCO DELLE PREDE E DEGLI IMPEGNI Riassumendo un pochino quel che abbiamo vissuto all incontro di branca LC 03.2013

IL GIOCO DELLE PREDE E DEGLI IMPEGNI Riassumendo un pochino quel che abbiamo vissuto all incontro di branca LC 03.2013 IL GIOCO DELLE PREDE E DEGLI IMPEGNI Riassumendo un pochino quel che abbiamo vissuto all incontro di branca LC 03.2013 E uno degli strumenti all interno della progressione personale che maggiormente ci

Dettagli

Ed ecco come funziona

Ed ecco come funziona Ed ecco come funziona scuola in movimento è un programma nazionale dell Ufficio federale dello sport che promuove e sostiene il movimento quotidiano a scuola. Le scuole e le classi partecipanti si impegnano

Dettagli

ASPETTI INTELLETTIVI IL SAPERE DI SAPER FARE

ASPETTI INTELLETTIVI IL SAPERE DI SAPER FARE Lo Sviluppo della Motricità Consapevole La partecipazione attiva dei nostri allievi al processo educativo, grazie ad una maturazione graduale dei processi intellettivi, permetterà nel corso degli anni

Dettagli

Il mondo dei materiali

Il mondo dei materiali Il mondo dei materiali Tutti i giorni usiamo moltissimi oggetti che sono fatti di materiali diversi come il legno, la plastica, il ferro, la stoffa. Alcuni materiali si trovano in natura, altri sono stati

Dettagli

Gruppo A.G.E.S.C.I. Genzano 2 Paolo Mocchetti

Gruppo A.G.E.S.C.I. Genzano 2 Paolo Mocchetti Gruppo A.G.E.S.C.I. Genzano 2 Paolo Mocchetti Guarda lontano e sorridi... Ma quando guardate, guardate lontano, e anche quando credete di star guardando lontano, guardate ancor più lontano! Robert Baden

Dettagli

GIOCHI SENZA SQUADRE

GIOCHI SENZA SQUADRE GIOCHI SENZA SQUADRE Età: 5-8 anni Questi giochi (50) sono proposti nel seguente modo: si ritaglia la descrizione del gioco, si piega il pezzo di carta e s inseriscono tutti i 50 foglietti in un sacchetto.

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO

LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO SPAZIO DEL PRESENTE Come si percepiscono i Capi e le Comunità Capi. Una serie di pensieri emersi dalle chiacchierate fatte nelle Zone e nelle CoCa. [siamo in emergenza

Dettagli

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO CLU LPINO ITLINO C I CLU LPINO ITLINO E S C U RSIONISMO Club lpino Italiano SEZIONE DI TREGNGO Ettore Castiglioni CLU LPINO ITLINO CLU LPINO ITLINO SEZIONE DI TREGNGO Vicolo Cipolla, 20-37039 Tregnago

Dettagli

Attività didattiche. I semi

Attività didattiche. I semi Attività didattiche I semi w w w. f o n d a z i o n e s l o w f o o d. i t Premessa Qui di seguito trovi quattro proposte di attività, suddivise per fasce d età, tutte relative al tema della semina e della

Dettagli

Comunità Capi Mogliano 2 Progetto Educativo di Gruppo (PEG)

Comunità Capi Mogliano 2 Progetto Educativo di Gruppo (PEG) Comunità Capi Mogliano 2 Progetto Educativo di Gruppo (PEG) Il Progetto Educativo di Gruppo (PEG) è uno strumento che: orienta l azione educativa della Comunità Capi; favorisce l unitarietà della proposta

Dettagli

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 Triennio 2009/2012 IL GRUPPO Trento 4 Il gruppo Tn4, nato nel 1947 nella parrocchia di Santa Maria, e lì cresciuto fino a che sono iniziati i lavori

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto IN LABORATORIO 8 Maggio 26 Istruzioni per l allestimento della prova Materiale riservato per i docenti LA DENSITÀ DELL OLIO Presentazione

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

I primi passi con un cucciolo

I primi passi con un cucciolo I primi passi con un cucciolo 15 I primi passi con un cucciolo Abbiamo preso Metchley dal canile quando aveva nove settimane. Già durante il suo primo giorno da noi ho iniziato l addestramento con il tocco

Dettagli

Percorsi, strategie e geometrie in gioco

Percorsi, strategie e geometrie in gioco Percorsi, strategie e geometrie in gioco Il Regno di Regiomonte e il gioco delle isole: osservazioni e complementi per la Scuola dell'infanzia e l'inizio della Primaria La storia Il Regno di Regiomonte

Dettagli

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 1 1^- 2^ ELEMENTARE Il percorso ginnico individuale Giocatori: Tutti gli alunni si mettono in fila ed uno alla volta eseguono il percorso tracciato Campo di gioco:

Dettagli

Il numero di ferro. Introduzione

Il numero di ferro. Introduzione Il numero di ferro Introduzione Una competenza fondamentale che si dovrebbe acquisire attraverso lo studio della matematica è quella di costruire modelli che permettano di interpretare la realtà, cogliendo

Dettagli

la vela che fa crescere

la vela che fa crescere I CORSI PER UNDER 18 la vela che fa crescere Settimane veliche Skiffsailing per bambini e adolescenti SKIFFSAILING scuola di vela sali a bordo del divertimento! In barca a vela. Perché non si vive di soli

Dettagli