LA VALENZA EDUCATIVA DELLA TECNICA DI PIONIERISTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA VALENZA EDUCATIVA DELLA TECNICA DI PIONIERISTICA"

Transcript

1 LA VALENZA EDUCATIVA DELLA TECNICA DI PIONIERISTICA PROPOSTE DI ATTIVITÀ DI PIONIERISTICA CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI ATTREZZI E DEI MATERIALI USATI PER LA PIONIERISTICA MODALITÀ COSTRUTTIVE DI UNA RETE DI CORDA E DI ACCESSORI PER L ANGOLO DI SQUADRIGLIA AL CAMPO CARLO D ARGENZIO

2 INDICE Cap. 1 La valenza educativa della tecnica di pionieristica pag. 3 La progettazione educativa di una attività di pionieristica pag. 4 La didattica della pionieristica pag. 8 Cap. 2 Proposte di attività di pionieristica pag. 10 Staffette di nodi pag. 13 Gare di legature pag. 14 Staffetta di nodi con roulette pag. 16 QUIPU pag. 16 Gara di costruzione di un alzaguidone pag. 17 Costruzione di una catapulta pag. 18 Costruzione di oggetti utili pag. 19 Cap. 3 Caratteristiche degli attrezzi e dei materiali usati per la pionieristica pag.20 Gli attrezzi pag. 20 Le corde pag. 21 Cap. 4 Modalità costruttive di retine per gli angoli di squadriglia pag. 25 Rete quadrata pag. 25 Rete triangolare pag. 28 Modalità costruttive di una rete di corda pag. 29 Prima versione pag. 30 Seconda versione pag. 36 Cestino pensile per immondizie da campo pag. 41 Bibliografia pag. 46 2

3 CAPITOLO 1 LA VALENZA EDUCATIVA DELLA TECNICA DI PIONIERISTICA La vita all aperto è una delle componenti fondamentali della proposta educativa dello scoutismo e la pionieristica è proprio uno degli strumenti per renderla gradita ed appassionante per i giovani. Essa infatti permette di vivere all'aperto nel modo più consono alla visione che lo scoutismo ha della natura. La società attuale parla molto di rispetto della natura, ne fa una bandiera buona per tutte le idee, ma per gli scout questo significa innanzitutto conoscerla, cercare di vivere in sintonia con essa, utilizzando quanto offre, ma senza sfruttarla. Bisogna quindi cercare di progettare le costruzioni in modo, non tanto da utilizzare una minor quantità di legname, quanto di "rovinarlo" il meno possibile con incastri o tagli di lunghezze particolari, così da poterlo usare più volte. Ciò non significa che le costruzioni debbano essere fatte con materiale non adatto, magari mettendo a repentaglio la sicurezza (sostegni troppo sottili per i fornelli), oppure realizzando degli obbrobri con pali storti, ma progettando con attenzione, così da sfruttare al meglio quanto si ha. Non bisogna neppure rinunciare a costruire qualcosa di grande ed impegnativo, che trova la sua giustificazione nel mostrare quanto si sappia fare, nel mettere alla prova le doti di progettazione, di inventiva, di coraggio nell'affrontare situazioni con un certo rischio, perché queste sfide a se stessi danno un notevole contributo all'educazione dei giovani. Con questa attenzione potrà tornare utile portare al campo il legname che il gruppo possiede, così da non incentivare il taglio di alberi in zone che talvolta soffrono già di un troppo intenso disboscamento. Inoltre la disponibilità del legname prima della partenza permette di esigere dai ragazzi che preparino delle costruzioni più curate ed elaborate e di ridurre al campo il tempo destinato all'allestimento delle strutture. Normalmente quando si parla di pionieristica vengono alla mente le costruzioni fatte con nodi e legature, ma si può allargare il campo anche all uso di altre tecniche, che forse potranno far rabbrividire qualche purista dello scoutismo. Infatti, se è vero che i ragazzi possono essere attratti dall'usare solo mezzi e materiali che riecheggiano quelli disponibili ai primordi della civiltà, è altrettanto vero che il padroneggiare degli strumenti più attuali (e che a casa non hanno il permesso di toccare), ha un fascino 3

4 senz altro più avvincente. A nostro avviso si possono quindi usare tranquillamente i tondini di ferro o le barre filettate per realizzare costruzioni che peraltro saranno più leggere, robuste e sicure. E se per fare i fori nel legno si userà il trapano elettrico invece delle trivelle a mano non sarà poi il caso di farne una tragedia! Inoltre la pionieristica potrà servire come supporto per realizzazioni che coinvolgano altre tecniche: si può costruire con i pali un supporto per una dinamo che sfrutti l acqua di un torrente, per l'illuminazione elettrica di un angolo di squadriglia per un faro per realizzare delle ombre cinesi e per tante altre imprese. LA PROGETTAZIONE EDUCATIVA DI UNA ATTIVITÀ DI PIONIERISTICA DATI (SOGNI, NECESSITÀ) LIMITAZIONI SCELTE ESPERIENZA PROGETTO REALIZZAZIONE COLLAUDO dei risultati validi. Per un capo la realizzazione di una costruzione da parte di ragazzi, di qualunque età, può essere usata come veicolo per percorrere quel lungo e complesso sentiero che porta alla loro educazione. Perché il lavoro abbia una effettiva valenza educativa è bene procedere secondo uno schema logico ben preciso, che, senza togliere nulla allo entusiasmo, alla inventiva e alla capacità di affrontare situazioni impreviste, conduca a Esaminando dettagliatamente i punti del diagramma ripercorreremo tutti i passi che vanno dalla prima idea di costruire qualcosa, alla soddisfazione di vederla realizzata. DATI: è la decisione di costruire, mossa da una necessità contingente (gli angoli al campo per la branca E/G) o dal desiderio di fare qualcosa di bello e prestigioso (branche E/G ed R/S), di fine a se stesso o di inserito in un quadro più ampio, in una ambientazione avventurosa (branche L/C ed E/G). È indifferente che si tratti di costruzioni vere o di modellini. SCELTE: è la fase in cui si misurano la maturità e la capacità organizzativa del futuro costruttore, spesso in conflitto con la fantasia sbrigliata, con il desiderio di stupire gli altri e di dimostrare quanto si è bravi. D altra parte capita anche che il capo debba spingere perché le scelte non siano troppo minimali, per la paura, da parte dei ragazzi, di impegnarsi troppo o di fare brutte figure. La scelta di 4

5 come costruire deve tener conto del tipo di materiale che si ha a disposizione, delle tecniche che si conoscono o si possono apprendere in tempi brevi. Le scelte devono essere condizionate dalle: LIMITAZIONI: di cui è essenziale tener conto se non si vuole imbarcarsi in imprese che non si riuscirà poi a terminare. Le principali limitazioni riguardano: la forza lavoro ovvero le persone che dovranno realizzare il lavoro e che devono essere in numero sufficiente, robuste quanto basta, competenti, motivate e con la mentalità adatta, i costi del materiale, a cui si può anche far fronte con una attività di autofinanziamento (impresa nell impresa), le condizioni ambientali di cui bisogna tener conto se non si vuole correre il rischio che un'impresa ben progettata naufraghi perché il luogo non è adatto o perché il tempo non è favorevole, l attrezzatura che si ha e che deve essere adatta, o bisogna acquistare (vedi i costi) o imparare ad usare (vedi l esperienza). ESPERIENZA: è il requisito fondamentale, sulla cui base impostare prima le scelte e poi il progetto. È però importante che una esperienza limitata non condizioni troppo le scelte: c è, infatti, il rischio che, essendo poco esperti, si imposti un lavoro ripetitivo e quindi poco stimolante dal punto di vista educativo, si ripeta cioè quanto già si conosce, svilendo quindi tutta l'impresa. Un nuovo lavoro, più avanzato del precedente, deve essere preceduto da piccole esperienze che permettano di ampliare quelle già possedute. PROGETTO: questa fase è strettamente legata alla precedente e si svolge su due piani distinti, uno più strettamente educativo, ed un altro più operativo: piano educativo: fare il progetto di una costruzione non è solo una fase della sua realizzazione, ma anche un'esperienza che deve divenire familiare a chiunque proceda nel sentiero educativo che lo scoutismo propone: si parte dal progetto di una impresa e si giungerà ad un progetto di vita. Le situazioni sono certamente diverse nelle tre branche: 5

6 BRANCA L/C: bisogna che il bambino entri nello spirito del gioco, sia spronato (o frenato!), guidato e consigliato ad inventare qualcosa che renda il gioco più bello, più concreto, più "suo"; BRANCA E/G: è il momento in cui si matura e si prende coscienza di se: rendendosi conto delle proprie capacità e dei propri limiti, collegando il mondo delle idee con la realtà, imparando ad applicarsi e ad organizzarsi, trovando il coraggio di scegliere, ingegnandosi a prevedere le difficoltà, scoprendo capacità ancora sconosciute, accettando la lentezza dei tempi tecnici senza demoralizzarsi, avventurandosi in nuove attività. BRANCA R/S: si possono a questo punto saldare le conoscenze fornite dallo scoutismo con quelle apprese nel lavoro o nello studio scolastico, progettando con la serietà e la competenza che ci si può aspettare, data l'età. I punti accennati per la branca precedente qui trovano la loro piena concretizzazione, anche perché i rover e le scolte dovrebbero essere in grado di gestire autonomamente la realizzazione. piano operativo: si deve procedere partendo dagli schizzi e passando alle prove di fattibilità, ai modelli in scala, ai disegni quotati, alle schede di lavoro (disegni dei pezzi, spiegazioni delle fasi operative), all'organizzazione del lavoro, dividendosi i compiti e calcolando i tempi di esecuzione. REALIZZAZIONE: è il momento culminante, nel quale dare fondo all'entusiasmo, dimostrando non solo le proprie capacità, ma anche lo spirito di servizio nell'aiutare chi è meno abile o preparato. È bene che nel momento in cui si inizia la realizzazione tutto sia pronto e preparato, sia cioè "pronto il cantiere", con tutti gli attrezzi e i materiali disponibili e pronti all'uso, con lo spazio necessario sgombro, con le misure di sicurezza approntate. Nel primo passo (i dati) si è detto che la decisione di costruire può essere legata ad una necessità contingente o al desiderio di fare qualcosa di bello e prestigioso, di fine a se stesso o di inserito in un quadro più ampio. È molto importante che una attività di pionieristica non legata ad una necessità contingente, come gli angoli di squadriglia al campo, venga realizzata in un momento tale per cui possa poi essere effettivamente usata, oppure che possa fare la sua bella figura per un tempo sufficiente. In altre parole, è assurdo che un ponte, una torre, un bel portale al campo vengano costruiti due giorni 6

7 prima della fine del campo, quando nessuno li può "godere". Certo, il riuscire a realizzare deve essere di per se una soddisfazione, ma sappiamo bene che il fare qualcosa di utile agli altri procura ben maggiori gratificazioni, costringe a completare il lavoro in tempi brevi, perché non basta dimostrare che si è capaci di fare, ma anche che la costruzione funziona. Per lavori di una certa importanza è bene che il responsabile non sia coinvolto nel lavoro manuale di esecuzione, in quanto deve poter tener d'occhio il quadro generale, intervenire ove necessario, coordinare il lavoro degli altri. Questo ruolo, apparentemente una facile sinecura, non è necessariamente riservato al Capo squadriglia in virtù della sua capacità muscolare di scaricare sugli altri i lavori faticosi, ma dovrebbe spettare, senza contestazioni, a chi ha le maggiori capacità organizzative o tecniche (brevetti di competenza). L'ideale sarebbe che il ruolo fosse assegnato al pioniere di squadriglia o, in clan, al rover incaricato delle attività tecniche. Non bisogna assolutamente mai dimenticare che una realizzazione può dirsi completata solo quando tutto è stato rimesso in ordine, lo spazio pulito e sistemato e gli attrezzi riposti. È, infatti, una pessima abitudine, non solo dei ragazzi, lasciare tutto in disordine al termine di un lavoro. COLLAUDO: è l ultima fase, nella quale la costruzione viene provata, tutti vogliono salire, far vedere quanto siano bravi. È un momento delicato nel quale bisogna sfoderare tutta l abilità e la diplomazia che un capo possiede: se tutti vogliono provare a salire sulla costruzione bisogna convincere i ragazzi che il collaudo consiste nel provare cautamente se tutto è in regola, montando uno per volta, senza fretta. Può anche succedere che invece alcuni abbiano paura di provare a salire e bisogna far capire che un simile atteggiamento svilisce il lavoro fatto, fa sorgere negli altri il dubbio che il lavoro non sia realizzato bene. È proprio il collaudo riuscito che corona tutta l impresa, che le dà il valore educativo che le compete. 7

8 LA DIDATTICA DELLA PIONIERISTICA Oltre ad essere convinti che la pionieristica abbia una valenza educativa, oltre a possedere le necessarie conoscenze tecniche, bisogna anche possedere gli strumenti per presentarla ai giovani. Il capo deve avere delle conoscenze di base in ogni tecnica per non perdere la fiducia del ragazzo e perché la sua figura di educatore non sia falsa e ridicola. È importante però che sia ben preparato in almeno una delle tecniche. L aiuto e il rover in servizio devono essere preparati in più di una tecnica, per potersi accattivare la fiducia e la stima dei ragazzi in modo da poter efficacemente funzionare da tramite tra i ragazzi e il capo. È utile che in ogni gruppo ci sia un esperto per ogni tecnica, o almeno si sappia a chi rivolgersi, scout o no, in caso di necessità e che sia disponibile per occasioni particolari, come specialità o imprese. Per poter presentare una tecnica e per aiutare a realizzare un attività bisogna, non solo conoscerla meglio dei ragazzi, ma addirittura padroneggiarla per poterli guidare alla realizzazione, senza ridursi ad essere un istruttore o un controllore. BRANCA L/C: in questa branca, più che di pionieristica, è opportuno parlare di nodi, modellini e piccole costruzioni da usare nei giochi. La conoscenza dei nodi e delle legature è finalizzata ad usi quotidiani (allacciarsi le scarpe, confezionare un pacco), alle attività del branco e propedeutica alle tecniche che saranno usate nella branca successiva. Ai cuccioli i nodi previsti (piano, margherita, ecc) possono essere insegnati o dai lupetti anziani o dai vecchi lupi, direttamente, per metterli in grado di assolvere i piccoli impegni domestici e per partecipare alle attività. Le conoscenze gradualmente acquisite serviranno per realizzare costruzioni e modellini da usare nelle caccie per particolari ambientazioni (tenda indiana, forte, bighe, ecc) e nell allestimento di presepi (capanne, ponti, tralicci di sostegno per le montagne). L'utilizzazione di queste tecniche va vista nell'ottica ben più ampia dello sviluppo dell'abilità manuale, senza dimenticare che i capi non devono costruire tutto ma mettere i bambini nelle condizioni di realizzare, accettando che i manufatti siano imperfetti ed improbabili, ma dopo la realizzazione, possono e devono aiutarli a migliorarli, esaminando insieme i pregi e i difetti di quanto fatto, portando gradualmente i bambini al gusto del lavoro finito e ben fatto. Per i lupetti che abbiano disposizione all abilità manuale o al collezionismo, si può escogitare una serie di proposte, come trecce o nodi ornamentali, oggettini ricordo, carpegne, raccolta di modellini di costruzioni o nodi. Nel Consiglio d Akela possono direttamente essere 8

9 insegnati nodi più impegnativi e legature, in vista della salita al riparto in cui gli ex lupetti sono e devono essere dei novizi più capaci e preparati degli altri. BRANCA E/G: è quella in cui la pionieristica trova le sue applicazioni più significative e permette l esplicazione delle sue potenzialità educative. I nodi e le legature più usuali possono e devono essere presentati dagli scout più anziani nel quadro più ampio del trapasso delle nozioni, che ha un ruolo fondamentale nella progressione personale. Ai capi rimarrà eventualmente l opportunità di presentare quei nodi, legature o piombature di uso particolare o raffinato, che danno un tocco di classe o una eccezionale funzionalità alle realizzazioni e che consentono ai capi di conquistare maggiore considerazione da parte dei ragazzi. Lo stesso risultato si ottiene curando l ornamentazione dei guidoni o degli angoli di squadriglia con trecce e nodi ornamentali. Questo compito può anche essere demandato agli scout con la quarta tappa. Man mano che i ragazzi progrediscono nel loro sentiero scout, si potrà esigere e quindi aiutarli a realizzare, una maggior cura nel disegnare i progetti, nel tener conto dei problemi costruttivi, nel calcolo delle dimensioni del materiale, nella scelta e nel risparmio del legname. L'A. Sq. può infine essere richiesta di realizzare costruzioni particolari per funzionalità, grandiosità o inventiva, che siano di utilità per il riparto o di prestigio. Per utilizzare a pieno un aspetto spesso trascurato della metodologia scout, cioè quello degli incarichi di sq, sarà utile che un aiuto o un esperto visionino e discutano con i pionieri di squadriglia i modelli e le soluzioni tecniche per le costruzioni da campo o per altre imprese. Il magazziniere di gruppo potrà presentare ai magazzinieri di squadriglia le tecniche per la manutenzione degli attrezzi e la conservazione delle corde. Per il conseguimento di specialità che richiedano la conoscenza della pionieristica, nulla vieta che il ragazzo venga seguito, consigliato ed aiutato da un esperto, senza che il capo debba per questo sentirsi sminuito nella sua figura. 9

10 CAPITOLO 2 PROPOSTE DI ATTIVITA DI PIONIERISTICA 1. staffette di nodi, 2. gara tra le squadriglia con materiale assegnato, a tempo, 3. gara di reparto: nell'interno di questo sistema di sprone e coinvolgimento che si dipana per tutto l'anno, si possono distinguere tre momenti: gara degli angoli di squadriglia: nell'esigere che gli angoli non siano arredati con oggetti di provenienza domestica, oltre ai mobili costruiti dai ragazzi, si può invitarli a realizzare teche, mensole, abbellimenti costruiti utilizzando le tecniche proprie della pionieristica e premiando particolarmente quegli elementi aggiuntivi che possono essere realizzati da chi ha spiccate doti artistiche e manuali; gara di campo (prima parte): sia che si scelga il sistema delle costruzioni prefabbricate e sia che si preferisca o possa fare tutto al campo, a cominciare dall'abbattimento degli alberi, è sempre utile che le squadriglia abbiano in anticipo preparato i progetti e provato la costruzione delle attrezzature del campo. È quindi opportuno che entro maggio i C.Sq. vedano il terreno del campo e conoscano la pianta dell'area loro assegnata (presenza e disposizione degli alberi, orientamento, caratteristiche del terreno, ecc). Lo stesso ordine di assegnazione dell'area dell'angolo potrebbe essere determinato dalla posizione nella gara di riparto. Si può qui richiedere di seguire la sequenza indicata nella chiacchierata precedente, esigendo la presentazione e valutando non solo i progetti di massima, ma anche i modellini in scala delle costruzioni, con un elenco preciso del materiale occorrente, controllando la quantità, la qualità e lo stato di manutenzione degli attrezzi e delle corde; gara di campo (seconda parte): il campo è il momento in cui la pionieristica può essere meglio applicata e svolgere pienamente la sua valenza educativa. Il campo non è solo l occasione per imparare a vivere con gli amici, per scoprire la natura e sentirsi in rapporto con Dio, ma anche un modo per vivere da persona civile senza le comodità domestiche, con attrezzi e arredi che ci si è costruiti con le proprie mani, con povertà di mezzi. Quindi non bisogna assolutamente tollerare che l'angolo di squadriglia contenga mobili portati da casa o diventi un accampamento di straccioni sporchi, reduci da una calamità naturale e che si nutrono da cavernicoli. È necessario quindi curare non solo la pulizia, ma anche l ordine, la funzionalità e la comodità, realizzata con le proprie mani, e, 10

11 non ultima, la bellezza. È vero che talvolta non si hanno i mezzi (legname) e lo spazio che si vorrebbero, ma queste sono scuse, come pure è una scusa che troppi giorni vanno "sprecati" per costruire gli angoli. Se durante l'anno si è curata bene l'attività di pionieristica, possono essere sufficienti un giorno e mezzo (due se bisogna anche abbattere gli alberi) per costruire gli elementi essenziali dell angolo, cioè il tavolo, la cucina (magari uniti) e l armadio che nelle tende con abside senza pavimento può trovare posto in questa. È utile che in questa fase i capi diano consigli sulla sicurezza, stabilità e comodità delle costruzioni, ma è importante riuscire a limitarsi ai consigli o ai piccoli aiuti risolutivi, senza contribuire massicciamente alla realizzazione, a meno di casi molto particolari, per non falsare i valori della gara di campo, per non attizzare inutili antagonismi tra le squadriglie e per non mortificare la soddisfazione della realizzazione. È molto opportuno che nella gara di campo le costruzioni siano valutate come attività normali e non eccezionali, tenendo conto della robustezza, della genialità del progetto, della tecnica usata, del risparmio del materiale, della funzionalità. Nelle ispezioni, che devono essere quotidiane, è necessario che si valutino la robustezza e la durata delle realizzazioni. Nel corso del campo è utile, per l'educazione dei ragazzi e per evitare che dal terzo giorno si lasci andare tutto in malora (tanto ormai manca poco alla fine...), che nel quadro delle gare tecniche i ragazzi vengano spinti a costruire altri arredi per l angolo o ad abbellire e completare quelli già realizzati. Le costruzioni comuni del campo (altare, alzabandiera, portale, latrine) possono essere realizzate dalle squadriglie e in questo caso il tempo per il montaggio del campo viene portato a due giorni. È bene che siano le squadriglie a costruirle perché così sentiranno ancor più il campo come qualcosa di loro. Infine l A.Sq. può costruire o l'alzabandiera o un tavolo per le sue riunioni o qualche altra costruzione particolare per eleganza o per tecnica costruttiva e si darebbe così la possibilità ai ragazzi più grandi e quindi più esigenti, di avere qualcosa di particolare solo per loro o di contribuire al benessere comune con una realizzazione tecnica ad alto valore che serva di sprone e di modello ai più giovani. BRANCA R/S: è opportuno distinguere tra noviziato e clan e tra ragazzi che hanno già appreso la tecnica in branca E/G e quelli che provengono dall esterno: 11

12 Noviziato: questo periodo di ripensamento e di ricerca personale non può escludere le tecniche classiche dello scoutismo, anche perché i giovani, che magari le hanno praticate fino alla nausea tendono a disprezzarle e a snobbarle, ritenendosi superiori ad esse e del tutto padroni delle loro conoscenze. Per superare questa ottica distorta, è opportuno che i Maestri dei Novizi offrano e al limite impongano delle imprese un po al di sopra di quanto avevano fatto finora, per recuperare le conoscenze, per dare il gusto del lavoro finito, per misurare le proprie forze e per stuzzicare il senso del rischio e dell avventura. Non bisogna assolutamente accontentarsi del lavoro abborracciato e mal finito, ma esigere un intelligente applicazione dei criteri di progettazione e costruzione che sono stati illustrati precedentemente. Le realizzazioni più adatte sono ponti, torrette, scale di corda per uscite in grotta, nodi ed imbragature per ascensioni in montagna, reti ed uso della corda per salvataggio e pronto intervento. In alcuni gruppi il noviziato contribuisce alla manutenzione del materiale del gruppo e le attività specifiche possono essere il controllo dello stato delle tende, la catalogazione del legname da costruzione e la manutenzione delle corde. È questo un tipo di servizio umile e nascosto agli occhi degli altri, adatto a persone senza altri impegni associativi, che può essere svolto comunitariamente e in genere senza l assillo di scadenze, insomma adatto ad un noviziato; Clan: è il momento delle grandi realizzazioni che fanno epoca e che rimangono nella storia del gruppo, in occasione di attività specifiche del clan o di uscite di tutto il gruppo. Deve quindi essere completato il recupero delle conoscenze precedenti, curato l approfondimento della tecnica e valorizzato l aspetto naturalistico ed economico, sfruttando le acquisizioni personali (scolastiche e lavorative) dei rover, e ciò per realizzazioni decisamente al di sopra di quanto i reparti possano costruire. Anche al campo mobile si può cercare di mettere a frutto quanto l esperienza e l'inventiva suggeriscono, sostituendo le tende con ripari naturali, tempo permettendo, ed avvicinandosi quindi a quelle soluzioni di sopravvivenza che non dovrebbero essere estranee alla mentalità e alla preparazione di uno scout. Come esempio di una realizzazione, all altezza di quelle che dovrebbero essere le competenze tecniche e progettuali dì un Clan, nel capitolo quattro viene proposta la costruzione di una rete di corda, utilizzabile per un percorso Hebert, e in tantissimi altri giochi, oltre che come amaca comunitaria. 12

13 1) STAFFETTE DI NODI: si possono organizzare in diversi modi graduandone la difficoltà e variandone le caratteristiche in funzione dei livelli via via raggiunti dai ragazzi: a) il numero dei giocatori: 1) singoli, 2) coppia, 3) squadra, b) il numero dei nodi richiesti: 1) uno a testa, 2) ognuno li fa tutti, c) il tipo di nodi richiesti: 1) uguali per tutti, 2) diversi per ognuno, 3) disfare il nodo, d) sequenza dei nodi: 1) nota, 2) ragionata, 3) casuale, e) posizione di lavoro: 1) davanti, 2) con uno specchio, 3) dietro la schiena, 4) bendati, f) criteri di valutazione: 1) tempo, 2) esecuzione del nodo, 3) entrambi i criteri, a) il numero dei giocatori: 1) può essere il primo passo, in cui i singoli giocatori provano a fare i nodi, dimostrando di conoscerli. Bisogna che sia ben chiaro che la prova si considera terminata solo quando il nodo sia stato sciolto (eccetto il caso c 3) 2) si gioca a coppie, e ci si aiuta; può essere un sistema utile per ragazzi molto timidi o con un esperto che interviene solo se l'altro non sa, oppure con uno che fa il nodo e l'altro che lo scioglie, 3) è la classica staffetta a squadra, quando uno termina comincia l altro; b) il numero dei nodi richiesti: 1) è il sistema normale, 2) richiede tempi lunghi e quindi può essere noioso, ma può essere utilizzato se i nodi conosciuti sono pochi, oppure se ci si limita a pochi nodi particolari; c) il tipo di nodi richiesti: 1) è il sistema normale, se si vuole appurare che tutti i giocatori conoscano tutti i nodi, 2) in questo modo vengono ripassati tutti i nodi, 3) anche il saper disfare il nodo bene e rapidamente può essere una prova di conoscenza; d) sequenza dei nodi: 1) l'ordine con cui si susseguono i nodi può essere noto prima dell'inizio per cui i giocatori si dispongono nell'ordine migliore, 13

14 2) il capo assegna i nodi in funzione delle capacità dei ragazzi; questo sistema richiede molta fiducia reciproca, 3) è il sistema più entusiasmante, che rende il gioco più divertente. La scelta casuale può essere diversa per ogni giocatore per ogni squadra, oppure uguale per tutti quelli dello stesso turno; e) posizione di lavoro: 1) è il modo normale con cui cominciare la serie delle staffette, 2) dal momento che il giocatore vede la corda attraverso lo specchio deve avere una buona coordinazione dei movimenti perché i movimenti saranno rovesciati, 3) anche l'eseguire i nodi dietro la schiena dimostra il possesso di una buona coordinazione dei movimenti; il gioco può essere eseguito a coppie, con il secondo che consiglia l'altro senza toccare la corda, 4) l'eseguire i nodi essendo bendati richiede l'ottima conoscenza della dinamica del nodo e può essere considerato il livello massimo raggiungibile; f) criteri di valutazione: 1) si può usare questo sistema da solo, se si è sicuri che i giocatori conoscano i nodi e si voglia quindi renderli più sicuri e rapidi, 2) si considera la prova superata solo quando il nodo sia eseguito del tutto e bene, 3) è il sistema migliore che tiene conto della rapidità e della bravura. 2) GARE DI LEGATURE: anche queste attività possono essere organizzate in vario modo, sia in grandezza reale, con pali e corde e sia in scala ridotta (modellini), con listelli e spago: a) a tema: 1) fisso, 2) libero, 3) fisso con varianti libere b) conoscenza del tema: 1) sul momento, 2) in precedenza c) progetto: 1) assegnato, 2) libero d) materiale: 1) assegnato, 2) libero, 3) sufficiente, 4) in esubero e) legature da utilizzare: 1) assegnate, 2) libere f) criteri di valutazione: 1) tempo, 2) esecuzione, 3) entrambi i criteri a) tema: 1) è il sistema classico, che consente di svolgere la gara al momento, senza lunghi tempi di preparazione, 14

15 2) permette alla sq. di esprimere le sue capacità organizzative e tecniche; devono essere però resi noti i punti d) ed e); può essere specificato se il prodotto finale deve avere una sua utilità oppure no (v. c 3-4), 3) consente di far competere sq. con diversi gradi di preparazione; b) conoscenza del tema: 1) permette di evidenziare le capacità organizzative, 2) dà lo stimolo per migliorare le conoscenze; c) progetto: 1) è il sistema classico, (vedi. a 1, b 1), 2) è il sistema che ha le maggiori valenze educative; il progetto può essere valutato separatamente dalla realizzazione; d) materiale: 1) è il sistema classico, (vedi. a 1, b 1), 2) si può lasciare alle sq. il compito di reperire il materiale, fissando il tema e certi limiti, 3) si può vedere cosa siano capaci di fare, con un tema libero ed una certa quantità di materiale, 4) oltre a consentire delle varianti, permette di valutare le capacità costruttive e tecniche. Bisogna dire prima che non è obbligatorio usare tutto il materiale, e così si evitano aggiunte posticce ed ineleganti; e) legature da utilizzare: 1) è il sistema classico, (vedi. a 1, b 1), 2) dà lo stimolo per migliorare le conoscenze; g) criteri di valutazione: vale quanto detto per le staffette di nodi. 15

16 3) STAFFETTA DI NODI CON LA ROULETTE: materiale: alcuni cordini e bastoni, 1 roulette, regole del gioco: i giocatori vengono divisi in sq.; si decide quali nodi e legature richiedere; si stabilisce una relazione tra i numeri della roulette ed i nodi: per esempio: 1, 2, 3 n. piano; 4, 5, 6 n. rete; 25, 26, 27 legatura quadrata; 0 nulla (è utile che il numero di nodi sia sottomultiplo di 36,) e si inizia il gioco: arrivano i primi giocatori (1 x sq), si mette in moto la roulette e tutti fanno il nodo indicato dal numero uscito; si considera l'esecuzione ed il tempo; arrivano i secondi giocatori e si ripete l'operazione; se esce lo 0 si considera superata la prova perché lo 0 funziona da jolly; vince la sq. i cui giocatori hanno eseguito meglio e nel minor tempo i nodi. Possono essere scelte altre soluzioni, quali l'estrazione a sorte per ogni giocatore separatamente, la proibizione a ripetere lo stesso nodo, una diversa quantità di numeri a seconda della difficoltà dei nodi. 4) "QUIPU": il gioco riprende il sistema incaico per la trasmissione e registrazione di informazioni, consiste in serie di nodi di vario tipo e colore, disposti in modo convenzionale, con cui gli Incas, che non possedevano un alfabeto, si trasmettevano le informazioni e può essere usato in un grande gioco per trasmettere un messaggio cifrato. materiale: 1 bastoncino di legno, alcuni pezzi di cordino L cm 50, pezzi di cordella per tende L cm 20 bianca e verde, organizzazione e preparazione del gioco: assicurarsi che i ragazzi conoscano i nodi, stabilire preventivamente la relazione tra i nodi, le lettere ed i numeri, i colori assegnati e quant altro serva, 16

17 nodo cordella nodo cordella si potrebbero stabilire queste relazioni: bianca verde bianca verde il bastoncino rappresenta il messaggio, semplice piano rete pescatore carrik A B C D E N O P Q R prusik manicotto galera muratore ancora G H I L M T U V Z i pezzi di cordino corrispondono alle parole e i pezzi di cordella alle singole lettere o ai numeri, i cordini vengono legati per una estremità del bastoncino, una dopo paletto F 6 S mezzi colli lettere numeri l altro, a partire dall'alto del cordino, si eseguono i nodi, anteponendo i mezzi colli bianco o verde, a seconda se si tratti di lettere o di numeri (v. alfabeto semaforico); i nodi piano, rete e carrik si eseguono facendo un occhiello con il cordino e gli altri attorno al cordino stesso. Sono stati scelti dei nodi che possono essere eseguiti con pezzetti di cordella su un cordino senza particolari complessità e usando solo materiale facilmente reperibile (cordelle di altri colori, come quelle per alpinismo, sono molto costose). Ovviamente possono essere scelte molte altre soluzioni, utilizzando nodi distinguibili con difficoltà (paletto semplice e doppio), materiali diversi (spago, nastri), altri sistemi di crittografia. 5) GARA DI COSTRUZIONE DI UN ALZAGUIDONE: materiale (per ogni squadriglia): 3 bastoni scout (manici di scopa o canne), 3 picchetti, 1 mazzetta, 5 cordini Ø mm 5 m 3, modalità di svolgimento del gioco: le sq. al via, devono costruire, nel minor tempo possibile, un alzaguidone con i 3 bastoni, facendo 2 legature a manicotto e innalzarlo con 3 tiranti legati ai picchetti, prima dell inizio si può stabilire se le legature ed i nodi sono liberi o assegnati, si valutano, oltre al tempo, anche l esecuzione delle legature e le strategie usate. 17

18 6) COSTRUZIONE DI UNA CATAPULTA: materiale: 3 pali da m 2, 1 palo da m 3, 4 cordini Ø mm5 lungh. m 3, 1 gomitolo di spago, segatura. 3 corde elastiche da portabagagli, 1 barattolo di latta da kg 3, sacchetti di carta o da surgelatore, modalità di costruzione: costruire con tre pali da m 2 un triangolo e legare perpendicolarmente a metà di uno di essi il palo da m 3 in modo che l estremità arrivi all altezza dell altro vertice; la legatura deve essere fatta in modo che il palo lungo possa ruotare intorno all'altro, in quanto quello lungo rappresenta il braccio della catapulta; fissare 2 cordini dal palo lungo ai 2 vertici di quello corto su cui è fissato, per impedire al primo di perdere la perpendicolarità con quello corto; fissare sulla sommità dell'estremità lunga del braccio mobile il barattolo che conterrà i proiettili; fissare tra il terzo vertice del triangolo e il braccio mobile un cordino lento che serve da arresto della corsa del braccio; tendere le corde elastiche tra l'estremità corta del braccio ed i vertici adiacenti; riempire di segatura i sacchetti; fare delle prove per determinare la traiettoria e la gittata della catapulta. Questa costruzione, può essere utilizzata per un grande gioco e costruita da una sq. mentre l'altra realizza, con pali, corde teli o fogli di carta delle strutture che simulano un castello o delle costruzioni da abbattere con la catapulta. 18

19 È opportuno fare delle prove in precedenza per valutare la gittata dello strumento e quindi determinare le regole del gioco. La costruzione deve essere solida perché lo strumento deve essere trasportato a spalla e sopportare le vicende del gioco. 7) COSTRUZIONE DI OGGETTI UTILI: Dopo aver imparato a fare i nodi e le legature, dopo aver fatto dei giochi e delle gare in cui è necessario, per vincere, saper fare i nodi, si può passare a realizzare degli oggetti che possono essere usati o regalati nella festa di primavera, o addirittura venduti per autofinanziarsi, ma anche degli oggetti che possono essere utili al campo. La carpegna può essere regalata al novizio che fa la Promessa, la pallina può essere usata come porta chiave. Portachiavi Carpegna Le reti servono al campo come piani di appoggio. CUCINA In molti campi scout gli angoli di Sq. sono fatti con un quadripiedi e due treppiedi di pali che tre strutture possono essere legate le retine che funzionano da piani di appoggio per le stoviglie. La descrizione delle modalità costruttive delle retine è nel capitolo quattro. 19 TAVOLO sorreggono la cucina ed il tavolo. All interno delle

20 CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE TECNICHE DEGLI ATTREZZI E DEI GLI ATTREZZI: MATERIALI USATI PER LA PIONIERISTICA ELENCO E CARATTERISTICHE degli attrezzi necessari per eseguire un'attività di pionieristica in branca E/G: attrezzi personali: 1 accetta con ferro da 600 g,; 1 coltello a lama fissa o pieghevole, attrezzi di squadriglia che è bene che siano dieci oltre alle corde: 2 accette (ferro g 600), 1piccone, 2 seghe, 1rastrello, 1mazzetta (ferro g 1200), 1doppiometro e matita, 1badile, 1saracco, È bene possedere ed usare anche un mazzuolo di legno con cui battere sul ferro delle accette, ad esempio, ma può essere costruito in loco con gli altri attrezzi. La sq. può procurarsi due tubi in ferro unibili con un manicotto, per una lunghezza totale di cm e diametro tale da permettere l'inserimento nel tubo della punta del piccone che così potrà essere usato come palo di ferro con punta per scavare dei fori nel terreno. I due tubi di ferro possono essere trasportati nella sacca o cassa di sq. È inoltre opportuno che gli attrezzi voluminosi con manici di legno (picconi, badili) abbiano il manico estraibile per facilitare il trasporto ed anche che ci si premunisca dalle rotture portandosi dei manici di ricambio. attrezzi di riparto o di gruppo: riduttori e prolunghe, 2 asce a due mani, 1mola ad acqua, 2 vanghe, dadi e ranelle per le barre, 1 seghetto da ferro, 1 girabarchino, 2 picconi, 1trapano elettrico a due velocità, 2 mazze a manico lungo, trivelle diverse, 2martelli, filo di ferro di vario chiavi fisse di varie 1 punta di ferro, 2 seghe, diametro misure tondino filettato di varie punte da trapano diverse, serie di scalpelli, 2 pinze, misure, 2 paia di guanti di cuoio, 1 tenaglia, 1cartoccia, 20

Ne forniamo alcuni esempi.

Ne forniamo alcuni esempi. Con il termine coordinamento oculo-manuale si intende la capacità di far funzionare insieme la percezione visiva e l azione delle mani per eseguire compiti di diversa complessità. Per sviluppare questa

Dettagli

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO CLU LPINO ITLINO C I CLU LPINO ITLINO E S C U RSIONISMO Club lpino Italiano SEZIONE DI TREGNGO Ettore Castiglioni CLU LPINO ITLINO CLU LPINO ITLINO SEZIONE DI TREGNGO Vicolo Cipolla, 20-37039 Tregnago

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!!

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! SEZIONE PROGETTI AVAB Amici del Volo Aeromodellistico di Bovolone Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! Di Federico Fracasso In questo articolo spiegherò a grandi passi

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME - CEREA, VERONA IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME DALL AGNELLO F.LLI & C. s.n.c. di Dall Agnello Luigi Via Muselle, 377-37050 ISOLA RIZZA (VR) Tel. +39 045 6970644 - +39 045 7135697 - Fax +39 045

Dettagli

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI

ALLEGATO 10. Materie tessili e loro manufatti della sezione XI ALLEGATO 10 ELENCO DELLE LAVORAZIONI O TRASFORMAZIONI ALLE QUALI DEVONO ESSERE SOTTO- POSTI I MATERIALI NON ORIGINARI AFFINCHÉ IL PRODOTTO FINITO POSSA AVERE IL CARATTERE DI PRODOTTO ORIGINARIO Materie

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

TIP-ON per TANDEMBOX. Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia. www.blum.com

TIP-ON per TANDEMBOX. Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia. www.blum.com TIP-ON per TANDEMBOX Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia www.blum.com 2 Apertura facile basta un leggero tocco Nel moderno design del mobile, i frontali

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Appunti sull orientamento con carta e bussola

Appunti sull orientamento con carta e bussola Appunti sull orientamento con carta e bussola Indice Materiale necessario... 2 Orientiamo la carta topografica con l'aiuto della bussola... 2 Azimut... 2 La definizione di Azimut... 2 Come misurare l azimut...

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

Schede tecniche per lavoro su funi

Schede tecniche per lavoro su funi Schede tecniche per lavoro su funi Tecniche e materiali per i lavori in quota nell attività di soccorso, quadro didattico ANVVFC,, Presidenza Nazionale, marzo 2008 pag 1 Scheda : 0 PRINCIPI GENERALI: lavori

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

TIP-ON BLUMOTION. Due funzioni combinate in modo affascinante. www.blum.com

TIP-ON BLUMOTION. Due funzioni combinate in modo affascinante. www.blum.com TIP-ON BLUMOTION Due funzioni combinate in modo affascinante www.blum.com Tecnologia innovativa TIP-ON BLUMOTION unisce i vantaggi del supporto per l apertura meccanico TIP-ON con il collaudato ammortizzatore

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Turbine I-20 Ultra 2 N E I. l t. R r. Gli irrigatori dei professionisti per gli spazi verdi residenziali di piccole e medie dimensioni

Turbine I-20 Ultra 2 N E I. l t. R r. Gli irrigatori dei professionisti per gli spazi verdi residenziali di piccole e medie dimensioni R r INFORMAZIONE PRODOTTO Turbine I-20 Ultra Gli irrigatori dei professionisti per gli spazi verdi residenziali di piccole e medie dimensioni E I - 2 0 N I B U l t U a T a PRESENTAZIONE DEL PRODOTTO L

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio 2 3 4 Tipo 10 e Tipo 15 Affidabilità per i centri commerciali Appositamente studiati per i centri commerciali, i

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

www.altrex.com EN 1004 Manuale di montaggio e uso Ponteggi su ruote 5100 e 5200, Ponteggio con scale integrate 5300, Ponteggi pieghevoli 5400 e 5500

www.altrex.com EN 1004 Manuale di montaggio e uso Ponteggi su ruote 5100 e 5200, Ponteggio con scale integrate 5300, Ponteggi pieghevoli 5400 e 5500 Manuale di montaggio e uso Ponteggi su ruote 5100 e 5200, Ponteggio con scale integrate 5300, Ponteggi pieghevoli 5400 e 5500 EN 1004 752903 www.altrex.com 1 of 32 Manuale montaggio e uso N art. 752903

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

SONDE PASSACAVI DI ULTIMA GENERAZIONE

SONDE PASSACAVI DI ULTIMA GENERAZIONE SONDE PASSACAVI DI ULTIMA GENERAZIONE Linea anguila MATERIALI Comportamento delle sonde all interno di un tubo NYLON e BI-NYLON 4 Le sonde in Nylon sono molto flessibili nelle curve anguste ed hanno una

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Il rischio di caduta dall alto: dalla prevenzione/protezione all edilizia acrobatica

Il rischio di caduta dall alto: dalla prevenzione/protezione all edilizia acrobatica Laboratorio di sicurezza degli impianti industriali Docente: Prof. Ing. Lorenzo Fedele Il rischio di caduta dall alto: dalla prevenzione/protezione all edilizia acrobatica Andrea Spaziani 1318099 A. A.

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

PROGRESSIONE SU GHIACCIAIO DELLA CORDATA

PROGRESSIONE SU GHIACCIAIO DELLA CORDATA Dispensa informativa sulla PROGRESSIONE SU GHIACCIAIO DELLA CORDATA Nota: questa dispensa e stata realizzata a cura di M.Meroni e L.Castelli ed e frutto sia dell esperienza degli istruttori della Scuola

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Progetto di Zona 2012-2014

Progetto di Zona 2012-2014 Agesci Zona Udine Progetto di Zona 2012-2014 tempo (kronos o il tempo che scorre) Entusiasmo e leggerezza Responsabilità limite (kairos o il tempo giusto per) L insostenibile leggerezza dell essere Capi

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Originali Bosch! La prima livella laser

Originali Bosch! La prima livella laser Originali Bosch! La prima livella laser per superfici al mondo NOVITÀ! La livella laser per superfici GSL 2 Professional Finalmente è possibile rilevare con grande facilità le irregolarità su fondi in

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Martelli - mazze - mazzette 462 Utensili di percussione serie con guaina 472 462 464 467 Utensili di percussione 475 Mazzuole 468 475 468 476

Martelli - mazze - mazzette 462 Utensili di percussione serie con guaina 472 462 464 467 Utensili di percussione 475 Mazzuole 468 475 468 476 460 www.facom.com 10. Martelli, utensili di percussione Martelli - mazze - mazzette 462 Utensili di percussione serie con guaina 472 Martelli con impugnatura in Graphite... 462 Martelli con impugnatura

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

FAR s.r.l. ELETTRONICA ELETTROTECNICA TELECOMUNICAZIONI. Attrezzo di connessione unificato per strisce IDC centrali Matr. TELECOM 61116.

FAR s.r.l. ELETTRONICA ELETTROTECNICA TELECOMUNICAZIONI. Attrezzo di connessione unificato per strisce IDC centrali Matr. TELECOM 61116. Attrezzo di connessione unificato per strisce IDC centrali Matr. TELECOM 61116.0 Attrezzo N di connesssione moduli terminazioni. esterne IDC con testina in metallo Matr. TELECOM 31429.4 Attrezzo Inserzione

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16

Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16 Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16 Dal 1997, anno della sua fondazione, la Erhardt + Abt Automatisierungstechnik GmbH ha finora installato

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Uno spettroscopio fatto in casa

Uno spettroscopio fatto in casa Uno spettroscopio fatto in casa Angela Turricchia Laboratorio per la Didattica Aula Planetario Comune di Bologna, Włochy Ariel Majcher Centro di fisica teorica, PAS Varsava, Polonia Uno spettroscopio fatto

Dettagli

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano SERIE MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano PAG. 1 ESPLOSO ANTA MOBILE VISTA LATO AUTOMATISMO PAG. 2 MONTAGGIO GUARNIZIONE SU VETRO (ANTA MOBILE E ANTA FISSA) Attrezzi e materiali da utilizzare per il montaggio:

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

Il vantaggio della velocità. SpeedPulse, SpeedArc, SpeedUp. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività.

Il vantaggio della velocità. SpeedPulse, SpeedArc, SpeedUp. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività. Il vantaggio della velocità SpeedPulse, SpeedArc,. Saldare è ora chiaramente più veloce, offrendoti maggior produttività. Perche velocità = Produttività Fin da quando esiste l'umanità, le persone si sforzano

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando SCUOLA.. A cura dell insegnante Liliana Del Papa e della prof.ssa Maria Pia Saitta classe 1 ª Care colleghe, questo quaderno nasce dal desiderio di condividere

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli