ORIZZONTI augura buone ferie ai propri lettori, in agosto la rivista non uscirà: ci rivediamo a settembre!! IN QUESTO NUMERO: ASSOCIAZIONE CULTURALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORIZZONTI augura buone ferie ai propri lettori, in agosto la rivista non uscirà: ci rivediamo a settembre!! IN QUESTO NUMERO: ASSOCIAZIONE CULTURALE"

Transcript

1 ASSOCIAZIONE CULTURALE NUMERO 9 GIUGNO 2009 LA FIERA DI LAMPORECCHIO, UNA TRADIZIONE ANTICA IN QUESTO NUMERO: pag. 2 Fiera Lamporecchio 2009: il programma pag. 3/4 Ferruccio Ubaldi: La Fiera di Lamporecchio negli anni 50 pag. 5/6 Dott. Tommaso Rubino: Creme solari, che cosa c è da sapere pag. 7 Pro Loco - San Baronto: Arte in Fiera 2009 pag. 8/9 Stefano Ferrali: La storia del nostro paese, dalle origini fino all unità d Italia PARTE 3^ pag. 10 Intervista a Sara Bonacchi: La situazione turistica del Montalbano di Massimo Mancini pag. 11 Agraria Montalbano: Attenzione alla mosca pag. 12/13 Michela Cammilli: Pia de Tolomei > La Pia del nonno pag. 14 Il fontanello di Lamporecchio: un successo La Posta di Orizzonti pag. 15 Paola Biondi: Dalla parte della donna, contro la violenza > esprimi te stessa pag. 16 Valter Ciurli: Riflessioni post elettorali... pag. 17 pag. 18 pag. 19 pag. 20 pag. 21 pag. 22 pag. 23 Dott. Gualtiero Martini: A.P.S. Canna Lampo, una tradizione vincente del nostro paese Dott. Spartaco Capaccioli: La manovra d estate 2009, le novità sotto l ombrellone Simona Bertoncini: Tutti a cuccia, alla base di tutto, l amore per gli animali. Danilo Leporatti: C S I calcio open, Mastromarco campione d Italia... per la terza volta Stefano Ferrali: Federico Pacini è il Campione Europeo di Thai Box Calcio a 5 femminile: la Lampo 1919 conquista il Titolo Regionale e la Coppa di Lega Provinciale Giuliano Baronti, una vita per il ciclismo di Massimo Mancini ORIZZONTI augura buone ferie ai propri lettori, in agosto la rivista non uscirà: ci rivediamo a settembre!! DEA PARTY ORGANIZZA IL TUO EVENTO PRESSO IL TUO DOMICILIO O IN LOCATIONS APPOSITAMENTE PREDISPOSTE

2 pag. 2 N. 9 LUGLIO/AGOSTO 2009

3 N. 9 LUGLIO/AGOSTO 2009 LA FIERA DI LAMPORECCHIO NEGLI ANNI 50 di Ferruccio Ubaldi Questo è un personale amarcord della mia adolescenza, ma è anche la testimonianza di un mondo semplice, frugale e forse un po ingenuo che è passato per sempre. I giorni precedenti alla festa attendevamo con grande interesse l arrivo dei carrozzoni dei giostrai, i quali avrebbero eretto i baracconi che avrebbero costituito il Luna Park e pregustavamo quella specie di paese dei balocchi che sarebbero diventate le due piazze principali e fremevamo d impazienza. Il mattino del primo martedì d agosto c era praticamente un mercato più importante del solito, ma oltre alle normali merci, c erano parecchi banchi di giocattoli, di dolci e di bibite. Oltre a questi, in quell occasione, c erano anche diversi venditori, o meglio imbonitori delle merci più strane e per prima cosa noi ragazzi facevamo un giro per vedere tutto ciò che era in vendita o faceva spettacolo..c erano banchetti con bottiglie pieni di sciroppi coloratissimi e sbarre di ghiaccio che venivano grattate con una specie di pialletto metallico che accumulava al suo interno dei granuli come di sale grosso. L ordigno veniva poi aperto e vuotato in un bicchiere, il ghiaccio tritato veniva compresso e dopo l aggiunta di sciroppo di menta o di granatina, veniva consegnato con un cucchiaino al cliente. Che delizia col caldo d agosto! Che squisitezza! Allora nelle case non c era il frigorifero e sentirsi in bocca qualcosa di dolce e ghiacciato era una goduria indescrivibile. Piazza Nuova (IV novembre), l autopista, uno dei giochi più apprezzati, più un tiro a segno occupavano quasi completamente la piazza, mentre di fronte, vicino alla fontana c erano vari venditori di animali. Erano quasi tutte bestiole da cortile e molti contadini facevano corona a quello spazio intorno a maialini, conigli e gallinacei. Galline bianche livornesi si alternavano con le padovane rossicce e con le mugellesi col gallettino fiero e coloratissimo; c era perfino una razza di polli col collo nudo e spelacchiato, buffissimi, ma se vantavano le carni squisite. Altri offrivano paperi, anatre bianche o nere e faraone, c erano perfino due cucciolate, una di setter e l altra di pointer. Davanti al bar di Ilio, La Toscana, dove oggi c è il ristorante Masetto, due cantastorie si erano sfidati richiamando un folto pubblico che faceva tifo ora per l uno, ora per l altro a seconda delle battute. I cantastorie erano poeti estemporanei che cantavano di poesia in ottava rima e talvolta, appunto, si sfidavano allegramente a colpi di stornelli a dispetto e quando c era qualche doppio senso piccante la gente scoppiava in fragorose risate ed applausi. I versi che allora erano giudicati sfacciati, ora non turberebbero nemmeno i bambini di un asilo di suore. Un poco più i là, davanti all Albergo Ristorante Bar L Appennino di Guido del Moro dove oggi c è la farmacia, un altro cantastorie, di fronte a un cartellone con parecchi quadri orripilanti, cantava fonte Bernabei Giada - giovani alla fiera di Lamporecchio pag. 3 la fosca storia dell infame saponificatrice, un assassina allora celeberrima che aveva ucciso diverse donne e per farne sparire i cadaveri ne aveva fatto sapone. Spesso i cantastorie traevano ispirazione dalla cronaca nera più raccapricciante che aveva turbato profondamente l opinione pubblica. Proseguendo il giro, fermandoci a guardare i posti che i genitori definivano delle fregature, come la Rosina, una specie di roulette e le pesche, dove prendevamo un biglietto che avrebbe dovuto farci vincere premi meravigliosi esposti al nostro desiderio. In effetti non ho mai visto vincere qualcuno di quei premi, se non da qualche compare. Più interessante ancora era il gioco delle tre carte o dei tre campanelli che certi mariuoli proponevano con abilità e succedeva che qualche ingenuo ci rimettesse anche somme rilevanti nella smania di volersi rifare delle perdite. Davanti al bar Marino e nella curva di via Vitoni, tre imbonitori da tre punti diversi proponevano l acquisto di meravigliosi ritrovati. Il primo vantava le straordinarie qualità dello specifico del professor Clark, un geniale ricercatore dell Università del Kansas in odore di premio Nobel. Il ciarlatano spiegava la geniale scoperta del professore: come il vaccino allena il nostro corpo alla lotta contro il vaiolo, lo specifico addestra l organismo a resistere ai più svariati malanni, dal mal di testa alla nausea da gravidanza, dalla tosse alla gastrite... e non ricordo più da quanti e quali acciacchi ci avrebbe potuto salvare. Un altro banchetto offriva dei vasetti di vetro col tappo a vite contenenti una pomata che odorava fortemente di canfora e, a detta dell informatore scientifico, era una vera risorsa contro le contusioni, le scottature, le distorsioni, le punture d insetti e perfino come emolliente prebarba, ma quello che face va più affari era un altro ciarlatano che offriva vasetti di coccio contenenti uno scuro unguento nauseabondo dall odore rancido, composto, a suo dire, di grasso di tasso e d orso, insuperabile per il mal di schiena e le contusioni. Nello spiegare tutto questo mostrava un tasso impagliato ed una zampa d orso e molta gente comprava quei vasetti, perché lo sapevano tutti che quei grassi facevano davvero tanto bene alle ossa. La piazza del Comune era piena di giostre coi cavalli, con le automobiline e più avanti quella volante, detta popolarmente giostra a calci in culo, inoltre il Castello degli orrori, con fantasmi scheletri e divertenti specchi deformanti, il baraccone della donna-ragno dove una disinvolta ragazzotta spuntava da una palla di cartapesta nera con lunghe zampe metalliche piegate a somiglianza di un ragno. Quelli che uscivano dopo aver visto il fenomeno ridevano e dicevano che un trucco stupido come quello non avrebbero potuto immaginarlo, ma non se Associazione Culturale Orizzonti - Registrazione Tribunale di Pistoia n. 7/2008 del 11/11/2008 # Direttore Responsabile: Massimo Mancini - Redazione : Massimo Mancini - Pubblicità: Stefano Ferrali - Sede Via G. Di Vittorio, 25 - Lamporecchio (PT) - Tel/Fax 0573/ e.mail : - Stampa e Grafica: Nuova Tipografia Romani - Monsummano Terme (PT) - Fotografie: M. Mancini, S. Ferrali, Monia Leone e Foto Nucci - Anno 2 n. 7 Luglio/Agosto 2009

4 pag. 4 N. 9 LUGLIO/AGOSTO 2009 SEGUE: LA FIERA DI LAMPORECCHIO NEGLI ANNI 50 di Ferruccio Ubaldi la prendevano. Nel baraccone del vitello a due teste c era una specie di mummia animalesca bicefala e una gran dovizia di giornali incorniciati, anche con qualche fotografia, che davano la notizia dell evento. Avevano successo anche i tiri a segno, dove si sparava qualche serie di colpi coi fucili ad aria compressa e dove si poteva anche vincere un premio, normalmente una bottiglia di orribile spumante. Ma quello che attirava più di tutto noi ragazzi era l autopista dove il divertimento era il più grande e purtroppo il più costoso, specialmente dopo cena, quando i tempi erano raccorciati e con nostro disappunto suonava la cicalina e dovevamo consegnare un altro gettone ad un agile ragazzo che saltava da una macchina all altra. Non era solo la soddisfazione di guidare un automobilina, lo scopo era anche di invitare una ragazza a condividere la corsa e quando ci riuscivamo ne eravamo molto fieri. E vero che tutti avrebbero cercato di speronarci, ma questo faceva parte del gioco e accresceva il nostro orgoglio. Scrutavamo senza parere ma con interesse i cambiamenti delle nostre amiche, gli abiti estivi tradivano lo sbocciare di acerbe rotondità che provocavano in noi le prime pruriginose curiosità. IL FIERINO La mattina del Fierino i banchi erano smontati o coperti, la manifestazione principale di quel giorno era la fiera dei ciuchi e dei cavalli, oltre ai bovini, che cominciava nel primo pomeriggio e Via della Chiesa (N.d.R. Via Vitoni) per la vicinanza con la Piazza dei Macelli (N.d.R. Piazza La Marmora) e la presenza di tanti stimati barrocciai, costituiva la scena delle contrattazioni fra acquirenti, venditori e sensali. In piazza si contrattavano soprattutto i ciuchi e i bovini, ma gli affari di cavalli si concludevano davanti alla casa di Cencio Tesi che era considerato il più autorevole dei barrocciai. La strada si riempiva di appassionati di tutto Lamporecchio ed anche dei paesi limitrofi, oltre a quelli residenti in quella via. Mi ricordo di alcuni come Ugenio del mulino, Cadi (Gamenoni), Gigi e Berto Francesconi, Nipi (Ferretti), Gigetto Giannoni (il mugnaio), Didolo (Leporatti), Lulli (Cioli), Tassino (Venturini), Mone (Pierozzi), Topino (Vescovi) e tanti altri di cui non ricordo i nomi. Io ero Lamporecchio: giovani al bar nel 1953 FOTO NUCCI attirato dai cavalli, ma nello stesso tempo esitavo a prendermi troppe confidenze con loro perché avevo visto più volte gli equini scalciare ed anche mordere le persone. A onor del vero, le bestie in questione era anche troppo giusto che fossero nervose perché queste reazioni violente le avevo osservate in occasione della castrazione che il Veterinario Dott. Lassi organizzava due volte l anno nel cortile davanti al suo ambulatorio. Tutti questi appassionati prendevano parte alle contrattazioni e i mediatori si sforzavano ad afferrare le mani dei contraenti cercando di farle incontrare. - Tocca qui, tocca qui! - Urlavano e mentre i due facevano finta di non voler far l affare e si tiravano indietro, ma non troppo, se il sensale riusciva a far toccare le mani l affare era concluso ed ognuno dei contraenti simulava scontentezza, affermando di averlo preso in tasca. A quei tempi nemmeno i carrettieri praticavano comunemente il turpiloquio che oggi usano tranquillamente anche e forse soprattutto i giovani. Bisogna anche aggiungere, per la verità, che i loro discorsi erano punteggiati di resie spesso elaborate e pittoresche, ma forse anche questa brutta abitudine era una distorta manifestazione di fede. Naturalmente i più accreditati barrocciai erano consultati e davano il loro parere discretamente ai richiedenti, ma la bocca della verità e ultimo giudice era Cencio, perché il suo parere era il più autorevole e quindi definitivo. Il Dott. Lassi, impeccabile col suo vestito avorio, camicia bianca, cravattino nero col fiocco all anarchica e panama in testa, col suo mezzo toscano in bocca, veniva a dare uno sguardo, ma non voleva mai esprimere un parere sugli animali in vendita e si rifiutava di prender parte alle dispute. Talvolta andavo a casa e dalla finestra del salotto, con le persiane accostate assistevo con mia madre alle vertenze, ai detti ed ai proverbi sciorinati dai mediatori e dai presunti contraenti, uscivano fuori certe discussioni divertenti e spiritose anche quando tutti erano convinti e contenti per l affare che si sarebbe sicuramente concluso. Era un gioco ed un rito e s intrecciavano le dichiarazioni. --Un lo vedi che è brescio?-- --Guarda che schiena avvallata, questo tu l ha sfiancato!-- --E un tu mi convinci, questo lo deve avé avuto Garibaldi, è bell e vecchio, o un si vede?-- --Allora un te ne ntendi, guardagli i denti, Gennaro vien qua, quant anni pol avé questa bestia?-- --Ha visto? che ti dicevo io!-- --Te tu spregiudichi, ma chi disprezza vol comprare!-- Talvolta il cavallo veniva provato attaccandogli un barroccio e percorrendo di corsa la via fino all asilo delle suore e ritorno producendo una nuvola di polvere per la strada non ancora asfaltata e anche allora c erano contestazioni: --Ha vi- il mercato del bestiame sto come va, questa è una bestia di sangue Sie! Guarda che buo di culo infiammato che ha, te questa settimana tu gli ha dato altro che orzo e avena, eh ci credo che trotti!-- --Noe, questa è una bestia di forza e generosa. Anche se a Maestromarco tu fai una carica di mattoni, anche se è motoso, lui ti sale fino in cima senza trapelo dal fondo della fornace. Eh tu lo sai che è un gran cavallo!-- All imbrunire la fiera dei ciuchi e dei cavalli finiva e i banchi venivano di nuovo approntati. La sera, dopo cena, con i pochi soldi rimasti, noi ragazzi facevamo le ultime compere e gli ultimi giri dell autopista dosando bene le nostre spese per arrivare a mezzanotte, quando iniziava lo spettacolo pirotecnico. Feci diversi giri con la mia fidanzatina sulle vetturette dell autoscontro finché non rimasi senza una lira. Ci saremmo rivisti per assistere assieme ai fuochi artificiali. Non saremmo certo stati soli, le girandole erano in Piazza del Comune e i razzi partivano dal ponte del Parco, che allora attraversava la via per San Rocco; perciò saremmo stati vicini tra la folla, lei sarebbe stata con sua madre, ma io mi sarei portato come per caso accanto a lei e forse sarei riuscito a stringere qualche volta la manina del mio piccolo grande amore. Andò tutto come speravo e mentre tutti guardavano in alto riuscii a prenderle la manina sudata per l emozione e anche a stringerla alla vita. Che estasi! Allora ci si contentava di poco e poi ero un ragazzo... Dopo il pistolotto finale, tutti a casa. Rientrai pimpante trovando per la prima volta i miei genitori coricati prima di me. La mia fiera era finita ed era stata piena e meravigliosa, avevo impiegato bene ogni minuto, avevo visto tante cose e ad un banco di residuati di guerra americani avevo comprato un paio di potentissime calamite che avevano fatto parte di un cercamine, avevo assistito alle pittoresche contrattazioni e prove dei barrocciai, avevo toccato e carezzato parecchi cavalli senza troppo timore. Oltre a questo avevo vinto una bottiglia al tiro a segno, avevo fatto parecchi giri sulle macchinine dell autopista insieme alla mia ragazza e infine l avevo stretta a me in piazza durante i fuochi... Se sulla terra si può essere felici, quella sera lo ero. Ferruccio Ubaldi i fuochi del fierino

5 N. 9 LUGLIO/AGOSTO 2009 pag. 5 CREME SOLARI: che cosa c è da sapere a cura del Dott. Tommaso Rubino nche questo argomento di stagione mi sembra Apiuttosto complicato per cui cercherò di affrontarlo in modo serio evitando quindi le banalizzazioni che si ritrovano in questo periodo sui giornali per donne tipo Novella Bisogna innanzitutto dire che la luce solare viene comunemente associata al concetto di bellezza e di attrazione sessuale ed è quindi un mezzo per aumentare l autostima, per questo si tende a sovresporsi in età giovanile quando, volendo beccare, si scopre la maggior parte del corpo, mentre le vecchie che per giusta pudicizia si coprono (un milanese in sala d attesa leggendo la bozza di questo articolo mi dice che non si dice le vecchie, ma le signore anziane..), dovrebbero invece fare il contrario perché il sole è il principale attivatore della vitamina D contro l osteoporosi - questo concetto può valere anche per i bambini contro il rachitismo, oggi peraltro quasi scomparso -, la vitamina D inoltre risulta efficace nel prevenire il cancro del colon. Il sole ha infine anche un effetto antidepressivo per cui andare al mare, se non si trova la fila sull autostrada e casino fra gli ombrelloni e si trova subito il parcheggio, dice che rilassa. Gli effetti delle esposizioni solari sono cumulativi ed a 21 anni, secondo studi recenti, la maggior parte di noi ha già fatto il pieno, ha cioè acquisito l 80% della dose totale potenzialmente cancerogena, per questo è importante prenderlo bene il sole, cioè poco, specie da giovani e nell infanzia. I raggi solari emettono una luce visibile, gli infrarossi e gli ultravioletti - UV - e sono questi ultimi che interessano la nostra trattazione perché sono quelli che danneggiano provocando l attivazione ed inibendo l inattivazione dei radicali liberi (non quelli di Pannella che fanno comunque casino) e riducendo le concentrazioni cutanee di sostanze utili quali carotene e glutadione. Gli UV si distinguono poi in UVA ed UVB, i primi sono quelli delle lampade che si fanno dall estetista che abbronzano stimolando la melanina, questi UVA riescono anche ad andare più a fondo nella cute per cui sono responsabili del danno cronico (tumori ed invecchiamento), gli UVB hanno invece più energia ma, per loro caratteristiche particolari, non riescono a penetrare a fondo sulla nostra pelle per cui si stima che, anche per motivi ambientali, ne arrivino in media sulla nostra pelle circa 18 volte meno degli altri; questi UVB sono responsabili dell arrossamento e del danno acuto (in realtà questo avviene anche perchè la presenza di UVB varia a seconda delle ore della giornata mentre gli UVA sono costanti). La presenza sulla terra di queste radiazioni è massima durante quella che si chiama la controra cioè le o, secondo l ora legale, le 11-15; il loro assorbimento è pertanto diverso non solo a seconda dell ora ma anche dei mezzi attraverso cui questi raggi passano come ad esempio le nuvole, il vetro di casa o della macchina e gli abiti che indossiamo: si dice che una maglietta bianca ha un potere di protezione equivalente ad una crema fattore 9 mentre per un jeans i valori sono di circa 1571, 280 è la protezione che offre la seta e 16 la lana; inoltre, come tutti sanno, gli abiti scuri proteggono più di quelli chiari mentre i tessuti bagnati divengono trasparenti agli uv con facilità ma sono più graditi perché fanno vedere il disotto; il bagno in acqua e la sabbia riflettono il 20% dei raggi solari per cui aumenta il potere dell abbronzatura mentre il sole preso in alta montagna può corrispondere ad un grado di insolazione estrema a causa del riverbero della neve (80% di riflessione) e della maggiore vicinanza con la fascia atmosferica. I danni solari non riguardano solo l ustione o i tumori della pelle (che comunque non fanno parte di questa trattazione che si limita ad indicare un corretto uso delle creme solari), ma riguardano anche le interazioni con molti farmaci: fra i più importanti posso citare la pillola anticoncezionale, molti antinfiammatori, alcuni antibiotici (non tutti) ed alcuni diuretici usati per la cura della pressione arteriosa (idroclorotiazide - leggete sulla scatolina perché è contenuta in molti prodotti di uso quotidiano ed andando al sole ci si può bruciare); sono poi note le fotoallergie - vere e proprie allergie al sole con formazione anche di anticorpi - e le fototossicità cioè le ustioni provocate da sostanze chimiche ad es. il latte di fico che le nonne ci davano per abbronzarci o il bergamotto contenuto in molti profumi (mai andare al mare profumati perché se senza profumo si rischia di non acchiappare, sicuramente non si rimane ustionati - analogamente le creme solari con profumo andrebbero evitate). Ci sono quindi le fotodermatosi cioè delle malattie che sono peggiorate con il sole, la più nota fra le quali è il lupus, ma non è frequente e ci sono i danni da UV artificiali cioè, specie per l età giovanile, da abbronzatura artificiale: non sono molti infatti i controlli ed i regolamenti che devono rispettare i centri in cui si possono fare le lampade, spesso non c è una preselezione medica e chiunque può accedervi per cui i danni possono in qualche caso accadere: in questi centri l abbronzatura artificiale dovrebbe essere comunque vietata al di sotto dei 18 anni e al di sopra dei 60 ed alle donne in gravidanza (cosa la fanno a fare queste ultime due le lampade!!!), alle donne che assumono anticoncezionali, ai soggetti che hanno o hanno avuto malattie autoimmuni, ai soggetti in trattamento farmacologico con farmaci attivi alla luce, inoltre è dimostrato che l abbronzatura artificiale protegge meno di quella naturale. Il sole è infine responsabile del fotoinvecchiamento, cioè dell invecchiamento precoce della cute, che si manifesta in età matura ma che dipende per l 80% dal sole preso prima dei 21 anni, tale patologia si manifesta con secchezza, desquamazione, indurimento della cute e successiva comparsa di rughe, questo tipo di invecchiamento è tipico delle ex belle donne che da giovani hanno imitato un po troppo le salamandre e dipende non solo dalla quantità di luce solare assunta nel tempo ma anche dal fototipo cioè dal tipo di pelle di chi lo assume, come esposto nella tabella che segue in cui viene indicata anche la protezione da mettere:

6 pag. 6 N. 9 LUGLIO/AGOSTO 2009 segue: creme solari, che cosa c è da sapere Fototipo Sensibilità agli UV Comportamento in occasione dell esposizione al sole 1 Nordici Elevata PROTEZIONE ESTREMA oltre 50 (50+) in caso di insolazione Pelle chiara capelli rossi Si scotta sempre con PROTEZIONE ALTISSIMA 50 in caso di insolazione intensa o biondi occhi chiari facilità, non si abbronza PROTEZIONE ALTA 30 ed oltre in caso di insolazione media 2 Europei chiari Elevata PROTEZIONE ALTISSISMA 50 e 50+ in caso di insolazione elevata Si scotta sempre con PROTEZIONE ALTA 30 ed oltre in caso di insolazione intensa facilità, si abbronza poco PROTEZIONE MEDIA in caso di insolazione media 3 Europei scuri Media PROTEZIONE ALTA 30 in caso di insolazione elevata Si scotta sempre moderatamente, PROTEZIONE MEDIA in caso di insolazione intensa si abbronza gradualmente PROTEZIONE BASSA 6-10 in caso di insolazione media 4 Ispanici asiatici Scarsa PROTEZIONE BASSA 6-10 in caso di insolazione intensa o elevata Si scotta minimamente, si abbronza sempre e con rapidità 5 Popolazioni tropici Minima NESSUNA PROTEZIONE Raramente si scotta, si abbronza intensamente e con rapidità 6 Africani Nulla NESSUNA PROTEZIONE Non si scotta mai, sempre intensamente pigmentato Pertanto, per una corretta applicazione di una crema solare bisogna tener conto, oltre che del fototipo, cioè della costituzione individuale, anche delle condizioni ambientali di insolazione, si parla quindi di indice UV, comunicato da alcuni bollettini metereologici,, tale indice va da 1 a 10 ed esprime l indice di insolazione cioè i valori di irraggiamento che tengono conto oltre che della quantità di radiazioni che arrivano sulla terra anche di vari altri fattori quali altitudine, latitudine, umidità dell aria, terreno, presenza di nuvole, bagno in acqua ecc. ed il rischio varia di conseguenza e varia anche il grado di protezione e di abbronzante da darsi. Va da sé che le la diversa gradazione delle diverse creme solari è utile per prevenire il fotoinvecchiamento, le ustioni e quindi, a lungo termine, anche alcuni tumori della pelle (per il melanoma, il tumore dai nei, sembra valga il sole preso prima dei 15 anni), per tutte le altre patologie prima citate occorre una protezione estrema (fino a 50) indipendentemente dal grado di insolazione. Esistono 2 tipi principali di filtri solari: i fisici ed i chimici. I fisici semplicemente riflettono le radiazioni solari e bloccano tutto l UVB e d una parte dell UVA, sono poco allergizzanti e poco resistenti all acqua, i chimici di nuova generazione invece assorbono gli tutti gli UVB e fino al 98% degli UVA. La tendenza attuale delle industrie cosmetiche è quella di combinare un filtro fisico ad un filtro chimico per ottenere i migliori risultati di protezione, ci sono i filtri chimici cosiddetti organici di nuova generazione che sono delle grosse mol.ecole stabili che non si rompono in piccoli pezzi e quindi non danno allergia, questi particolari filtri chimici hanno quindi anche potere riflettente comportandosi come un filtro fisico. Il fattore di protezione (spf -sun protecting factor -) che trovate sulla confezione del filtro solare indica la capacità del filtro di proteggere dagli uvb: per esempio protezione 10 significa che il soggetto che senza filtro si scotterebbe dopo 10 minuti con il filtro potrà esporsi 10 volte di più cioè 100 minuti senza scottarsi. (ho messo fra virgolette questa frase perché non sono tutte parole mie ma, in parte, le ho scaricate da internet). I filtri vengono commercializzati in diverse forme (gel, crema, stick, oli, spray, ecc), gli spray sono molto graditi perché asciugano subito e non si attaccano alla sabbia, gli stick servono per coprire zone limitate esempio le macchie scure e sono utili per le labbra. I solari con soli filtri fisici, utili anche per coloro che hanno qualche allergia a sostanze chimiche, sono solari che in genere hanno una consistenza bianca pastosa e la cute appare pure biancastra (effetto mummia che rende l individuo poco beccabile) dopo la loro applicazione sono quindi poco gradevoli per l uso; come si è detto riflettono ma non assorbono gli uv. Per un solare normale si parla di protezione bassa 6-10, media 15-25, alta protezione a 30-50, altissima protezione o protezione estrema fino a 50+ (quando di trova un + accanto ad un solare è indice di protezione estrema). Per quanto riguarda i bambini c è da dire che, a seconda degli autori, gli schermi solari non dovrebbero essere usati prima dei sei mesi di età o prima dei tre anni: nei primi anni il bambino non dovrebbe comunque essere esposto al sole diretto e quindi non dovrebbe avere la necessità di usare uno schermo solare. Inoltre vi è il rischio che l assorbimento degli agenti chimici e degli altri prodotti applicati possa causare effetti collaterali di tipo allergico o tossico visto che fegato e rene nel bambino non funzionano ancora bene, per cui se proprio si deve dare un solare ad un bambino è preferibile usare un filtro fisico. Ogni solare ha un azione di circa 2 ore per cui dopo questo periodo andrebbe riapplicato; sconsiglio i solari resistenti all acqua perché in caso di allergia sono difficili da rimuovere, i solari resistenti all acqua di ultima generazione resistono all acqua ma non resistono invece allo strofinamento dell asciugamano. L esposizione deve essere graduale, così come la riduzione progressiva del fattore di protezione nel solare che si usa, ma la quantità di prodotto che si applica deve essere sempre abbondante - da uno studio fatto sembra che ne applichiamo solo un terzo del necessario -. Essendo poi tutte le creme veicolo di germi e batteri, la loro scadenza reale deve essere annuale altrimenti, se si usa la crema dell anno prima, oltre alla minore efficacia ed al maggior rischio di allergie causate dalla degradazione delle sostanze può anche essere causa di infezioni per i germi che essa contiene. Le creme snellenti o dimagranti contengono oltre al filtro solare anche altre sostanze (caffeina, centella, amidi ecc) che possono sensibilizzare, per cui sono sconsigliate, e poi ditemi voi quando una crema snellente ha mai funzionato. Ultimamente, infine, si sono diffuse anche le creme autoabbronzanti ma i loro effetti sulla salute della pelle non sono stati ancora studiati, per cui sarebbe meglio evitare di fare un uso sconsiderato di questi prodotti: lo sostiene una ricerca pubblicata sul Journal of the American Academy of Dermatology. Si tratta di fatto di creme contenenti delle sostanze che si scuriscono al sole ma non stimolano la produzione di melanina ( si può dire pertanto che come esistono i seni finti così ci sono anche le abbronzature finte ) Infine.. e qui devo fare un eccezione all obbligo che mi sono posto di non far nomi commerciali, poche informazioni riguardo l ustione solare: dopo che ci si è ustionati al sole meglio prendere del cortisone per bocca o in puntura (Bentelan o simili) ed evitare troppi impiastri locali; le creme idratanti dopo sole servono solo - come dice il nome - ad idratare la pelle dopo il sole, non a far guarire. Al limite, se l ustione si limita al I grado, con la pelle solo rossa anche se di un rosso molto intenso, consiglio di usare il Praesidium gel riparatore, una due volte al di molto efficace nelle 24 ore - non quindi nei minuti, come si vorrebbe a Lamporecchio, stressando anche il medico, dopo solo un quarto d ora di applicazione Dott. Tommaso Rubino

7 N. 9 LUGLIO/AGOSTO 2009 pag. 7

8 pag. 8 LAMPORECCHIO: LA STORIA DEL NOSTRO PAESE DALLE ORIGINI FINO ALL UNITA D ITALIA - parte 3 - a cura di Stefano Ferrali SEGUE DAL NUMERO PRECEDENTE: A questa epoca (1360 c.ca) risale il primo sigillo del nostro comune, che ancora si conserva nel museo fiorentino del Bargello. In questo stemma è rappresentato un leone rampante che tiene nella zampa destra un ramoscello di olivo. Di questo originario simbolo del nostro paese si erano per così dire perse le tracce, infatti quando nel 1864 il Barone Bettino Ricasoli commissionò al Cav. Luigi Passerini un elenco completo degli stemmi dei Comuni toscani, quest ultimo si trovò nella necessità di crearlo poiché, evidentemente, quello originario si era perduto nelle pieghe della burocrazia di allora. Fu allora che nacque l attuale stemma di Lamporecchio che, come possiamo apprendere dal sito internet ufficiale è così definito: D azzurro, alla fascia alternata di losanghe dello stesso nel campo d oro e d oro nel campo d azzurro, sormontata da una torre, di rosso aperta e finestrata del campo e accompagnata in punta da un albero movente da una pianura, il tutto al naturale - Il castello presente nello stemma ricorda l antica struttura fortificata, il cosiddetto Castellaccio che fu il primitivo nucleo abitato di Lamporecchio. La fascia di losanghe azzurre costituisce un chiaro riferimento allo stemma della potente famiglia Rospigliosi (N.d.R. della quale parleremo in un numero successivo), originaria di Milano ma presente e particolarmente attiva in questa zona del pistoiese fin dal quattrocento. L olivo infine costituisce, dal punto di vista naturalistico, l elemento emblematico di Lamporecchio, rappresentando la fertilità delle dolci colline del paese...e ne ricorda uno dei suoi prodotti più pregiati: l olio. Valerio Bonfanti Percorsi nella storia e nell arte di un paese del Montalbano: Lamporecchio, La legittimità dello stemma attuale, è L antico stemma del Comune di Lamporecchio conservato nel Museo del Bargello a Firenze Le losanghe della famiglia Rospigliosi L attuale stemma di Lamporecchio N. 9 LUGLIO/AGOSTO 2009 stata ufficialmente ratificata da una delibera del Consiglio Comunale del 28/12/1992. Ma torniamo agli inizi del 1700 quando Lamporecchio si trovò ad essere amministrata da Larciano, nell anno 1775 addirittura entrò a far parte della comunità di Serravalle Pistoiese. Finalmente nel 1810 si distaccò da tutti e divenne un comune autonomo con un proprio municipio (il palazzo comunale non si trovava nella dislocazione attuale ma bensì nella zona di Ceppeto, a circa metà strada sulla lunghezza dell attuale borgata) e in questa condizione amministrativa, potette presentarsi all annessione del Granducato di Toscana al Regno d Italia nel mese di marzo del Lamporecchio nel 1800, doveva essere comunque un piccolo centro senza molta continuità abitativa, come testimonia questa descrizione effettuata approssimativamente nel 1830 dallo storico Emanuele Repetti, per noi reperita dalla Dott.ssa Cammilli Michela: Emanuele Repetti nacque a Carrara nel 1776; farmacista appassionato di scienze e natura, è stato geografo e storico. A partire dal 1830 si dedicò a un opera ambiziosa: comporre un dizionario in cui descrivere la storia naturale e civile di ogni paese della Toscana. Cominciò così una serie di gite ed escursioni in tutta la regione, in modo da raccogliere il maggior numero di informazioni. Il Dizionario Geografico Fisico Storico della Toscana fu pubblicato a fascicoli tra il 1833 e il 1846 ed ebbe una grande diffusione. LAMPORECCHIO (Lamporeclum) sul Monte Albano nel Val d Arno inferiore. Villaggio spicciolato ch ebbe un qualche fortilizio, da cui ricevè l onorevole titolo di castello che dà nome ad una chiesa plebana (S. Stefano). [ ] Gli manca una riunione di fabbriche con strade che circoscrivono una porzione di terreno col nome specifico di questa popolazione, che è spicciolata in poderi, case e ville sparse su per la gibbosa pendice occidentale del Monte Albano. Tale può dirsi la villa di Spicchio dov è la maestosa casa di campagna

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi. In quale luogo puoi ascoltare i dialoghi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. DEVI SCRIVERE LE TUE

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero:

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero: in Kosovo Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini Numero 01, Gennaio 2009 In questo numero: Benvenuto caro sostenitore! Un regalo per me! I bambini dimostrano quello che sanno sull

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

piùinforma Genova, 13 giugno 2013 SOLE ROSSO Prevenzione delle malattie della pelle da raggi solari.

piùinforma Genova, 13 giugno 2013 SOLE ROSSO Prevenzione delle malattie della pelle da raggi solari. piùinforma GENOVA: VIAGGIO TRA CINEMA, ARTE, SPORT E CULTURA DELLA SALUTE Genova, 13 giugno 2013 SOLE ROSSO Prevenzione delle malattie della pelle da raggi solari. PREVENZIONE DELLE MALATTIE DELLA PELLE

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Intervista telematica a Sonia Grineva

Intervista telematica a Sonia Grineva BTA Bollettino Telematico dell'arte ISSN 1127-4883 Fondato nel 1994 Plurisettimanale Reg. Trib. di Roma n. 300/2000 dell'11 Luglio 2000 1 Gennaio 2010, n. 549 http://www.bta.it/txt/a0/05/bta00549.html

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: Ciao, Flavia. Mi sono divertito moltissimo sabato

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO

Parlare in famiglia. Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Parlare in famiglia Annella Bartolomeo s.p.a.e.e. Università Cattolica Milano 26 febbraio 2015 CUGGIONO Perché è importante? IMPORTANZA DEL DIALOGO IN FAMIGLIA stili educativi: autoritario, democratico,

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1

Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 Relazione Incontro del 30 Settembre 2008 BAMBINI ADOTTIVI E BIOLOGICI INSIEME IN FAMIGLIA Introduzione A cura del Dott. Cravero, psicologo de Il Cerchio - Centro Adozioni ASL Milano 1 La genitorialità

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

I consigli e i trattamenti selezionati da La Gardenia per un programma solare dedicato all abbronzatura perfetta

I consigli e i trattamenti selezionati da La Gardenia per un programma solare dedicato all abbronzatura perfetta segui le 3 fasi della bellezza I consigli e i trattamenti selezionati da La Gardenia per un programma solare dedicato all abbronzatura perfetta 0 Il programma permette di preservare lo splendore della

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

Emozioni e creatività

Emozioni e creatività Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Voglio che voi vi raffiguriate la tanto usata immagine del Pensatore di Rodin. Voglio che vi immaginiate

Dettagli

La Felicità con gli occhi di

La Felicità con gli occhi di La Felicità con gli occhi di Di Paolo Sichel, Giorgia Zanierato e Sidney Fontana Classe 4 BSU Indice Felicità: Con la spensieratezza di un bambino Con la grinta dell adolescente Con la serenità di un adulto

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo.

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. 1. stadio 2. ristorante 3. cinema 4. stazione 5. biblioteca 6. monumento 7. palazzo 8. fiume 9. _ catena di montagne 10. isola 11. casa 12.

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare

Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Livello: A2 Gruppo 1 Autori: Betto Michela, Camozzi Laura, Ros Laura Destinatari: Alunni di 2-3 elementare con conoscenza dell italiano di livello A2 Tempi

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Le rughe e la voglia di rimanere sempre giovani

Le rughe e la voglia di rimanere sempre giovani Le rughe e ll iinvecchiiamentto cuttaneo :: riisvollttii psiicollogiicii Le rughe e la voglia di rimanere sempre giovani La comparsa delle rughe è senza alcun dubbio uno dei primi segni dell invecchiamento

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

NEWSLETTER NUMERO 3 3 agosto 2007

NEWSLETTER NUMERO 3 3 agosto 2007 NEWSLETTER NUMERO 3 3 agosto 2007 E..STATE A CANTALUPA - Bilancio favorevole per la «Tre Denti Bike» del 15 Luglio - Ferragosto cantalupese - 2 Settembre: «Di nuovo in volo per la vita»:festa del Freidour,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI. Anno Scolastico 2012/2013 ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI ERICE TRENTAPIEDI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MAZZINI Anno Scolastico 2012/2013 Classe 4^ B PREFAZIONE UNA GRANDE AMICIZIA Questo giornalino è nato dall idea di mettere insieme

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O

Come va? I N O C C H I P E L L E C O P A N C I A R P O D E N T I R E S O R E C C H I E A T E S T A N P I E D I O Come va? 1 Trova nello schema le parti del corpo scritte di seguito e in orizzontale a cui si riferiscono le seguenti frasi. Le lettere rimaste completano l espressione indicata sotto. 1. Proteggila col

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Consigli pratici per gestire le tossicità cutanee

Consigli pratici per gestire le tossicità cutanee Consigli pratici per gestire le tossicità cutanee SALVE, SONO IL DOTTOR CHI. IN QUESTO OPUSCOLO TI DARÒ UNA SERIE DI CONSIGLI UTILI PER GESTIRE AL MEGLIO LE TOSSICITÀ DELLA PELLE. SEGUIMI! SARÒ AL TUO

Dettagli

Andrea Bajani La mosca e il funerale

Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Con la gente che piange io non so mai come fare. Non so come si fa a farla smettere. Certa gente è capace. Dice una parola, una sola, e gli altri

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

INNOVATIVA LINEA SOLARE ATTIVA E SICURA

INNOVATIVA LINEA SOLARE ATTIVA E SICURA natural protection INNOVATIVA LINEA SOLARE ATTIVA E SICURA con stimolatore di melanina SPF 20 UVA UVB SPF 30 UVA UVB SPF 50+ UVA UVB LATTE DOPO SOLE I consigli ESI per una corretta esposizione al sole:

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 5 uscita del 13 febbraio 2015 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi

Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi Il popolo Taooiy Questa storia parla di tre esploratori del popolo Taooiy, mandati avanti per trovare un posto adatto in cui vivere. All inizio del nostro viaggio noi esploratori abbiamo perlustrato la

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra.

1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra. 1. Usa le parole per creare i superlativi relativi. Attenzione alle concordanze. Es.: Gatti/animali/agile/terra. I gatti sono gli animali più agili della terra. 1. Gianni/bambino/bravo/classe 2. Barbara/ragazza/

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

I. Turismo e vacanze in Italia

I. Turismo e vacanze in Italia I. Turismo e vacanze in Italia Ogni anno tantissimi turisti passano le loro vacanze in Italia. Che cosa attira questi turisti? Il clima temperato, le bellezze naturali, la ricchezza del patrimonio storico,

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT N E W S O U T H W A L E S HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION 1998 ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT 2 ITEM 1 PAOLO PAOLO Ieri ho avuto una bella sorpresa; ho ricevuto una lettera da Paolo.

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 EDIZIONE 2014 LIBERAMENTE ISPIRATO A DIRITTI E ROVESCI

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE G.B. GUARINI Sezioni A B C Progetto di educazione ambientale AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE Anno scolastico 20011/2012 Le insegnanti hanno deciso di predisporre questo

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

E quindi un emorragia di cervelli

E quindi un emorragia di cervelli Intervistato: Angelo Colaiacovo, Sindaco di Aliano Soggetto: prospettive per i giovani, Parco Letterario Carlo Levi, vivibilità di Aliano Luogo e data dell intervista: Aliano, agosto 2007 Audio file: Colaiacovo_2

Dettagli