Progetto finanziato con i Contributi regionali per la promozione della cultura della legalità democratica (L. R. 11/99) - Anno 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto finanziato con i Contributi regionali per la promozione della cultura della legalità democratica (L. R. 11/99) - Anno 2009"

Transcript

1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Luca Signorelli - Cortona Progetto finanziato con i Contributi regionali per la promozione della cultura della legalità democratica (L. R. 11/99) - Anno 2009 Scuola capofila: Istituto d Istruzione Superiore Luca Signorelli Cortona Scuole partner: Istituto d Istruzione Superiore A.Vegni Cortona Scuola Media Berrettini Pancrazi Cortona Istituto Comprensivo D. Alighieri Castiglion Fiorentino Istituto Comprensivo Marcelli Foiano della Chiana Istituto Comprensivo Lucignano Altri partner: Comuni di Cortona, Castiglion Fiorentino, Foiano della Chiana, Lucignano, Marciano della Chiana, SERT Valdichiana e Provincia di Arezzo Con il contributo della Banca Popolare di Cortona

2 SOMMARIO Presentazione progetto pag 2 Intervento del Sert... pag 3 Attività scuole superiori : Questionario informativo sui giochi d azzardo. pag 4 Istituto Vegni Analisi grafica delle risposte del questionario pag 6 ITC F.Laparelli di Cortona Studio delle probabilità matematiche dei giochi più diffusi pag 11 ITC F.Laparelli di Foiano. pag 15 Attività scuole secondarie di 1 grado Questionario su stili di vita e consumi responsabili.. pag 18 Scuola Media Berrettini Pancrazi.... pag 20 Istituto Comprensivo D.Alighieri.. pag 28 Istituto Comprensivo Marcelli.. pag 34 Istituto Comprensivo Lucignano.. pag 40

3 ESSERE RESPONSABILI PER NON RISCHIARE!! Il progetto ha riguardato le tematiche del consumo responsabile, del gioco d azzardo e delle facili illusioni. Si sono indagate queste realtà attraverso la somministrazione di due questionari, uno sulle tematiche dei consumi responsabili per le scuole Medie e uno sul gioco d azzardo per gli Studenti delle superiori. I risultati sono stati la base per lavori e riflessioni degli studenti che trovate in questo opuscolo. In un periodo economicamente critico come l attuale, si è ritenuto indispensabile proporre attività di formazione che favoriscano la responsabilità anche come responsabilità all uso del denaro. L educazione dei giovani a selezionare i propri bisogni e desideri in relazione ai mezzi economici a disposizione non può prescindere dalla famiglia e della società intesa come insieme dei cittadini in un territorio. Uno degli scopi del progetto è stato quello di costruire una rete di soggetti capaci di sviluppare nei giovani studenti una riflessione sulle insidie della cultura del facile successo economico e del gioco d azzardo, favorendo un uso consapevole del denaro e delle risorse. Sono stati partner del progetto, oltre all I. I. S. Signorelli con la sede dell ITC Laparelli di Cortona le seguenti scuole Istituto Tecnico Commerciale Laparelli Foiano Istituto d Istruzione Superiore A.Vegni Cortona Scuola Media Berrettini Pancrazi Cortona Istituto Comprensivo D.Alighieri di Castiglion Fiorentino Istituto Comprensivo Marcelli di Foiano della Chiana Istituto Comprensivo Lucignano di Lucignano e Marciano della Chiana Inoltre le seguenti Istituzioni pubbliche e private I Comuni di Cortona, Castiglion Fiorentino, Foiano della Chiana, Marciano della Chiana. La Provincia di Arezzo Il Ser.T Valdichiana della ASL 8 La Banca Popolare di Cortona Lucignano, È sicuramente un progetto di largo respiro perché ha coinvolto direttamente un totale di 250 ragazzi e molti altri indirettamente frequentanti classi parallele, circa 15 docenti, i genitori, il personale non docente delle scuole, il personale degli Enti Locali, del Ser.T e delle Associazioni. Le conclusioni che posso trarre come coordinatrice sono sicuramente positive, non solo riguardo all esperienza didattica, coinvolgente ed innovativa, ma anche per le relazioni umane che si sono create all interno della rete dei soggetti coinvolti. Sicuramente un valore aggiunto per il Progetto. Grazie a tutti, Lorena Tanganelli. 2

4 COLLABORAZIONE SERT Quando è stato chiesto al nostro Servizio di collaborare alla realizzazione del progetto sulla Cittadinanza responsabile presentato da alcune scuole del nostro territorio, mi ha subito interessato la possibilità di avvicinare i giovani ad una riflessione-sui-fondamenti-della-responsabilità. Questo per la centralità che l educazione alla responsabilità assume nel processo di crescita e nella formazione della personalità e che la pone fra i fattori di protezione preventivi dei comportamenti a rischio che possono manifestarsi in adolescenza. Il senso di responsabilità affonda le sue radici nel sentimento primario di appartenenza, si struttura gradualmente nel processo di crescita attraverso la relazione con l altro, e giunge a maturazione nell esercizio di una cittadinanza attiva e consapevole. Nel contesto della contemporaneità questo non può prescindere da una crescita di responsabilità nei confronti dell ambiente, crescita che implica la capacità di prefigurare le conseguenze dei comportamenti individuali e di saperne cogliere le inter-relazioni con il contesto. E a partire da questo approccio sistemico che l' intervento nelle classi a supporto del lavoro degli insegnanti sulle tematiche della legalità, si è sviluppato come una riflessione sugli stili di vita e di consumo. Dove per consumo si intende il complesso degli atteggiamenti di scelta, selezione, modo di utilizzo ed esposizione a comportamenti, prodotti, contenuti culturali, anche tecnologicamente mediati. Si è cercato quindi di mostrare l influenza dei consumi nella formazione dell identità e la ricaduta ambientale e sociale degli stili di vita personali. Questa esposizione dell identità personale al modello consumistico è carica di conseguenze per ognuno di noi, ma in particolare lo è per l adolescente, a causa di una sua particolare fragilità nei confronti dei comportamenti veicolati dal gruppo dei pari. Nel percorso formativo, l induzione, o la resa, ad uno stile di vita fortemente connotato in senso consumistico, si situa all opposto e in contrasto educativo rispetto allo sviluppo di capacità critiche e di partecipazione civile. Lavorando nel campo delle dipendenze in particolare si osserva, accanto al permanere delle problematiche di abuso di sostanze stupefacenti, un progressivo e trasversale emergere di nuove aree comportamentali a rischio di dipendenza, che vanno dal gioco d azzardo alle dipendenze tecnologiche. Una matrice comune di questi fenomeni è lo sganciamento dei consumi dal bisogno reale (fenomeno dell'eccedenza) e il loro riferimento sempre più marcato a motivazioni di status e relazione sociale, che si correlano a facile presa di modelli di vita illusori sulla coscienza dei singoli, conformismo e compulsività. Nello svolgimento del Progetto, i ragazzi, pur nella variabilità delle dinamiche proprie dei diversi gruppi classe e delle diverse età, si sono dimostrati capaci di riflessioni profonde ed articolate rispetto a questi temi La mia osservazione è che essi riconoscono lo spessore personale e sociale del problema e la sua improrogabile attualità. Allo stesso tempo manifestano la difficoltà ad abbandonare stili di consumo che sono divenuti pervasivi della quotidianità. In una strategia territoriale di prevenzione dal disagio è indispensabile un alleanza fra gli adulti che come genitori, insegnanti, operatori dei servizi, si trovano ad essere referenti educativi di una comunità sociale. Questo perché stili di vita maggiormente consapevoli possono avere sviluppo nelle giovani generazioni solo se trovano corrispondenza e coerenza nell ambito delle relazioni che si sperimentano nella famiglia e più in generale nella comunità di appartenenza. Dr.ssa Rossella Cocchi A.S.L 8 (Dipartimento delle Dipendenze) 3

5 Attività scuole superiori QQuueesstti iioonnaarri iioo iinnffoorrmmaatti i iivvoo ssuui ii ggi iioocchhi dd aazzzzaarrddoo ssoommmmi iinni iissttrraattoo aa... aal lluunnnni ii ddeel lll llee ssccuuool llee ssuuppeerri iioorri VVeeggnni ii ee SSi iiggnnoorreel lll lli ii.. 1) Quanti anni hai? 2) Sesso: M F 3) Dove vivi? centro urbano fuori dal centro urbano 4) Conosci le regole di giochi e delle scommesse? Sì No 5) Quanto spesso giochi? ogni giorno più volte a settimana una volta a settimana raramente 6) Dove giochi abitualmente? Camucia Cortona Terontola Castiglion Fiorentino Arezzo Foiano Altro 7) Quanto spendi mediamente alla settimana? da 1 a 5 da 5 a 10 superiore a 10 8) Quale tipo di gioco fai? (Anche più risposte) Gratta & Vinci Snai e Better On-line Lotto, Superenalotto e Win for Life Slot-machines Totocalcio Altro.. 9) Rinunci a qualcosa per giocare? Sì A cosa? No 10) In famiglia, sono informati che giochi? Sì No 11) Usufruisci di un tuo budget o di una paghetta? Sì No 12) La pubblicità ti induce a giocare? 4

6 Sì, abbastanza Sì, molto No, per niente 13) Una possibile perdita può far scaturire in te aggressività? Sì No 14) Una possibile vincita ti invoglia a continuare? Sì No 15) Hai familiari che giocano? Sì No 16) Se sì, quanto spendono mediamente alla settimana? da 1 a 5 da 5 a 10 superiore a 10 17) Secondo te, in tempo di crisi il gioco è un modo per risolvere i problemi economici? Sì No 18) Secondo te, l abitudine al gioco può aggravare le condizioni economiche? Sì No Tempo libero e socializzazione 1) Quali luoghi di aggregazione frequenti? centri per gioco gruppi parrocchiali o scout bar o sale giochi case di amici muretti, piazze, giardini altro. 2) Svolgi attività sportive? Sì Se sì, quali?.. No 3) Usufruisci di un collegamento internet a casa? Sì No 4) Per quali funzioni lo utilizzi prevalentemente? navigazione MSN facebook giochi 5) Quanto tempo trascorri giornalmente al computer? meno di mezz ora un ora più di un ora 5

7 I.S.I.S Angelo VEGNI Capezzine Istituto Tecnico Agrario Classe terza sez. A Agrario Classe terza sez. C Agrario ELABORAZIONE RISULTATI TEST SOMMINISTRATO PRESSO LE SCUOLE SUPERIORI INTRODUZIONE I risultati del test che è stato sottoposto alle classi partecipanti al progetto regionale sono stati inseriti su excel, poi rielaborati in forma grafica e infine trasformati in presentazioni power point. Dall esame dei grafici gli alunni delle classi III sez. A e III sez.c del corso agrario hanno scelto alcuni quesiti che, a loro 6

8 giudizio, potevano rivelarsi più significativi. Su questi gli studenti hanno avviato una discussione, dalla quale sono emerse le seguenti considerazioni. CONOSCI LE REGOLE DI GIOCHI E SCOMMESSE? SI NO VEGNI AGRARIO VEGNI ALBERGHIERO LICEO SEVERINI LAPARELLI & MARGARITONE DOMANDA N. 4 - CONOSCI LE REGOLE DI GIOCHI E SCOMMESSE? Alcuni alunni hanno inteso le regole come procedure del gioco e non come regole in termini di calcolo delle probabilità per cui la maggior parte dei ragazzi sa come si gioca, ma non è a conoscenza delle probabilità statistiche di vincita. Le regole più note fra i ragazzi sono quelle che riguardano le scommesse sportive (es. totocalcio, ). QUANTO SPESSO GIOCHI? capezzine Ogni giorno piu volte a settimana una volta a settmana raramente VEGNI AGRARIO VEGNI ALBERGHIERO LICEO SEVERINI LAPARELLI & MARGARITONE DOMANDA N. 5 - QUANTO SPESSO GIOCHI? Secondo i ragazzi le risposte date non rispecchiano la situazione reale poiché bisogna distinguere due categorie di giocatori: chi gioca regolarmente e chi occasionalmente. Chi gioca con una certa regolarità di solito lo fa una volta alla settimana 7

9 QUANTO SPENDI MEDIAMENTE ALLA SETTIMANA? < 5 E >5 E <10 E > 10 E VEGNI AGRARIO VEGNI ALBERGHIERO LICEO SEVERINI LAPARELLI & MARGARITONE DOMANDA N. 7 - QUANTO SPENDI ABITUALMENTE ALLA SETTIMANA? Dalla discussione è emerso che chi gioca abitualmente spende più di 10 euro alla settimana, mentre chi lo fa occasionalmente sta sempre al di sotto dei 5 euro. Inoltre le piccole vincite vengono quasi sempre rigiocate. IN FAMIGLIA, SONO INFORMATI CHE GIOCHI? SI NO VEGNI AGRARIO VEGNI ALBERGHIERO LICEO SEVERINI LAPARELLI & MARGARITONE DOMANDA N IN FAMIGLIA SONO INFORMATI CHE GIOCHI? Il grafico dei risultati non appare attendibile perché i ragazzi affermano che la maggioranza delle famiglie non sono a conoscenza delle loro scommesse, non perché vogliano nasconderlo, ma semplicemente perché non riferiscono nel dettaglio le piccole spese quotidiane. Un altro gruppo di studenti si meraviglia invece del fatto che, sebbene i genitori siano a conoscenza del fatto che giocano, non cerchino in qualche modo di impedirlo ai figli minorenni 8

10 USUFRUISCI DI UN TUO BUDGET O DI UNA PAGHETTA? SI NO VEGNI AGRARIO VEGNI ALBERGHIERO LICEO SEVERINI LAPARELLI & MARGARITONE DOMANDA N USUFRUISCI DI UN TUO BUDGET O DI UNA PAGHETTA? Spesso i ragazzi non hanno chiaro cosa significa percepire una paghetta; infatti affermano inizialmente di avere una paghetta settimanale, ma che, appena hanno finito tali soldi, i genitori spesso gliene danno degli altri. Quindi non hanno un preciso budget da gestire. In particolare alcuni fanno notare che la paghetta è rigida nelle famiglie con maggior numero di figli, specie se coetanei. LA PUBBLICITA' TI INDUCE A GIOCARE? Si abbastanza Si, molto No, per niente VEGNI AGRARIO VEGNI ALBERGHIERO LICEO SEVERINI LAPARELLI & MARGARITONE DOMANDA N LA PUBBLICITA TI INDUCE A GIOCARE? Anche in questo caso i ragazzi non sono convinti della giustezza del risultato del test. Infatti la pubblicità induce a giocare più di quanto ognuno di noi si renda conto in maniera razionale. Ad esempio, il caso di un grosso montepremi annunciato dai media spinge molte persone non abituate al gioco a tentare la fortuna. Ne consegue che non sempre siamo consapevoli dell effetto della pubblicità, che non è solo quella diretta, ma anche occulta. Alcuni studenti, infatti, fanno notare come i giochi più conosciuti siano proprio quelli menzionati in frequenti spot pubblicitari sui mass media. 9

11 HAI FAMILIARI CHE GIOCANO? SI NO VEGNI AGRARIO VEGNI ALBERGHIERO LICEO SEVERINI LAPARELLI & MARGARITONE DOMANDA N HAI FAMILIARI CHE GIOCANO? La risposta in massima parte negativa è dovuta al fatto che i genitori non sono certamente tenuti ad informare i figli delle loro eventuali abitudini di gioco; esse invece emergono solo se spinte ad un livello che potrebbe diventare problematico per l economia familiare. I ragazzi sono soprattutto informati riguardo alle abitudini di fratelli e sorelle. SECONDO TE, IN TEMPO DI CRISI IL GIOCO E' UN MODO PER RISOLVERE I PROBLEMI ECONOMICI? SI NO VEGNI AGRARIO VEGNI ALBERGHIERO LICEO SEVERINI LAPARELLI & MARGARITONE DOMANDA N SECONDO TE IN TEMPO DI CRISI IL GIOCO E UN MODO PER RISOLVERE I PROBLEMI ECONOMICI? Gli alunni non ritengono molto attendibile il risultato ottenuto nel test, perché sostengono che la maggioranza di coloro che giocano lo fa proprio sperando in cuor suo di migliorare la situazione economica personale e/o familiare. 10

12 Atttti ivvi ittàà ssvvool lttaa ddaal llaa ccl laassssee 33 a A IITCC FF..LLaappaarreel lli ddi i Coorrttoonnaa Ben Koubi Rahma; Bennati Chiara; Billi Aldo; Bruni Federica; Celli Sofia; Faragli Andrea; Galli Andrea; Ion Simona; Laera Martina; Marrini Federica; Mencacci Riccardo; Morinelli Pierpaolo; Nako Ina; Nika Giovanna; Pelucchini Simone; Pop Adriana; Romizi Giulia; Rossi Ilaria; Sabatino Martina; Sguerri Davide; Siciliano Luca. FFAACCIILLEE VVIINCCEERREE?????? Non esistono regole per essere fortunati e non ci possiamo affidare sempre alla fortuna per risolvere i nostri problemi economici. Invece oggi sempre più persone sono attratte dal guadagno facile con i giochi d azzardo. Questo anche perché le vincite promesse con la pubblicità dei giochi sno presentate come la soluzione di tutti i problemi dei giocatori. Essi incrociando le dita e fantasticando in una vincita favolosa spendono molto in quest attività. Noi abbiamo osservato ed esaminato da un punto di vista matematico i giochi d azzardo e possiamo constatare che: la probabilità di vincere è bassissima; sono dei giochi iniqui. Per comprendere bene il meccanismo dei giochi d azzardo abbiamo affrontato con la prof.ssa di Matematica il ramo della statistica che studia le probabilità. Per capire come funzionano veramente i giochi d azzardo e per calcolare le probabilità di vincita dobbiamo considerare tre tipi di probabilità: quella classica, quella frequentista e quella soggettiva. La probabilità classica indica la probabilità che si verifichi un evento, si può calcolare semplicemente dividendo il numero dei casi favorevoli per quello dei casi possibili poiché questi siano equiprobabili e il gioco non sia truccato. La probabilità frequentista, invece, è data dal numero di prove in cui si è verificato l evento, rapportato al numero di prove eseguite. Supponiamo per esempio che lanciando un dado volte il numero 3 sia uscito volte, quindi dividendo per

13 otteniamo 0,15, ovvero la probabilità che ha questo numero di uscire in questo caso. La probabilità soggettiva, a differenza delle altre, è il grado di fiducia che un individuo attribuisce al verificarsi di un evento basandosi sulle sue informazioni ed opinioni. Matematizzando possiamo dire che è dato dal rapporto della somma che si è disposti a pagare e la somma che si incasserà in caso di vincita, ovvero nel caso l evento si verifichi. La nostra classe ha esaminato la probabilità, ovvero la probabilità che si verifichi un evento, di alcuni giochi molto comuni, come: WIN FOR LIFE, SUPERENALOTTO e LOTTO. Win for Life è un gioco numerico che ti permette di aggiudicarsi una vincita che dura nel tempo: al mese per 20 anni. Per giocare bisogna scegliere 10 numeri su 20, e per ogni giocata il terminale assegna il Numerone, un ulteriore numero compreso tra 1 e 20. Il minimo della vincita ( al mese per 20 anni) si ottiene indovinando tutti i 10 numeri + il Numerone (quindi 11 numeri). Molte persone ritengono che sia facile indovinare i 10 numeri su 20, ma in realtà la statistica ci dice che anche in questo gioco la probabilità di vincere è bassissima. Probabilità di vincere a win for life: categoria vincente punti probabilità 1a a a a a 10+ il Numerone Come potete vedere, le combinazioni necessarie per avere la certezza di vincere sono migliaia infatti la probabilità di vincere è molto bassa. Win for life ha distribuito 181 vincite ventennali; dalla prima estrazione del 29/09/2009, in media ci sono stati 1,18 vincitori al giorno ventennali. 12

14 Il Superenalotto entra in vigore il 3 Dicembre 1997 in sostituzione dell'ormai obsoleto Enalotto. Il Superenalotto è un concorso con vincita variabile in funzione del montepremi detto Jackpot. Il jackpot di ogni concorso è suddiviso in 5 categorie di vincita. Al Superenalotto si gioca cercando di indovinare i 6 numeri estratti su 90. Il numero Jolly detto complementare è il Settimo numero ed è utilizzato per la vincita 5+1 (5 estratti più Jolly). E stato poi inserito un ottavo numero detto Superstar che è estratto di nuovo tra i 90 numeri. Esso serve ad aumentare la vincita de oppure dei Vediamo ora la probabilità di fare 6 al superenalotto: Formula: la probabilità di un evento è data dal rapporto dal numero dei casi favorevoli con il numero dei casi possibili. Facendo un calcolo approssimato la probabilità di fare 6 al superenalotto è molto bassa: P = PRATICAMENTE IMPOSSIBILE!!!!!!!!!!!!!! SUPERENALOTTO: probabilità di vincita su una singola colonna 6 numeri esatti: 1 su numeri esatti + 1 jolly 1 su numeri esatti: 1 su ,48 4 numeri esatti: 1 su ,95 3 numeri esatti: 1 su numeri esatti: 1 su 21,51 1 numero esatto: 1 su 3,36 0 numeri esatti 1 su 1,53 Praticamente è più probabile comporre a caso sul cellulare un numero di 10 cifre (del tipo 3xx/xxxxxxx) e sentirsi rispondere da un amico (1 su 100milioni di tentativi). 13

15 Le possibili giocate nel lotto sono:numero secco,ambo,terno,quaterna,cinquina. AMBBO Se gioco 2 numeri i casi possibili sono le cinquine ordinabili con i 90 numeri, i casi favorevoli sono tanti quante le cinquine che contengono i 2 numeri. La probabilità, cioè il rapporto tra i casi possibili e i casi favorevoli,di fare ambo al lotto è di 1 su 400. TTEERRNO La probabilità invece si abbassa se i numeri giocati sono tre (terno), i casi possibili sono le cinquine fattibili con i novanta numeri estraibili; i casi favorevoli sono le cinquine estraibili comprendenti i tre numeri giocati. La probabilità di fare terno al lotto è di 1 su QUUATTEERRNAA Per quanto riguarda la quaterna ovvero,quattro numeri giocati dei novanta possibili i casi possibili sono sempre le cinquine estraibili con i novanta numeri; i casi favorevoli sono le cinquine estraibili comprendenti i quattro numeri giocati. Pertanto la probabilità di fare la quaterna al lotto è di 1 su CCIINQUIINAA La cinquina ovvero 5 numeri giocabili su novanta numeri estraibili, i casi possibili sono sempre le cinquine possibili con i novanta numeri giocabili; a nostro favore invece c è una sola possibilità la cinquina giocata. Allora la probabilità di fare una cinquina al lotto è di 1 su È importante considerare che i numeri che non escono da molto tempo hanno la stessa probabilità di uscire come gli altri. Quindi i numeri ritardatari non vanno giocati con la speranza che sia più probabile che escano visto che al momento dell estrazione tutti e novanta i numeri possono essere estraibili!!! Praticamente è più probabile morire ustionato dall acqua del rubinetto (1 su ). 14

16 CCl llaassssee 33 a AA IITTCC FF..LLaappaarreel lll lli ii ddi ii FFooi iiaannoo ddeel lll laa CChhi iiaannaa PROFILI GIURIDICI ED ECONOMICI DEL GIOCO D AZZARDO Il gioco d azzardo consiste nella scommessa di denaro o di altri beni sul futuro esito di un evento; l evento può essere un gioco di società, l ordine di arrivo di una gara e, in genere, qualsiasi attività che presenti un margine di incertezza sul suo esito. La legge consente il gioco d azzardo in alcuni casi. Sono infatti leciti i giochi basati sulla sola abilità fisica, mentale e strategica - con o senza l uso di apparecchi elettronici- e quelli con l uso di apparecchi collegati alla rete telematica della SISAL. 1 Sono invece proibiti determinati giochi elencati in una tabella prevista per legge, che deve essere obbligatoriamente affissa in tutte le sale da biliardo o da gioco, negli altri esercizi compresi i circoli privati, autorizzati alla pratica del gioco o all istallazione di apparecchi da gioco. Vi sono compresi giochi di carte ( es: poker, ramino, sette e mezzo, bestia), di biliardo ( es: bazzica, buchette) e altri giochi (a es: testa o croce, dadi, roulette, morra). Alcuni giochi vietati negli altri luoghi pubblici sono però consentiti all interno dei casinò, che in Italia si trovano a Venezia, Sanremo, Campione d Italia, Saint-Vincent e Bagni di Lucca ( es: roulette francese, poker, slot machine, baccarà). 1 La Sisal SPA è un azienda privata italiana che ha in concessione dai Monopoli di Stato la gestione dei giochi di azzardo e scommesse, con più di terminali installati in locali pubblici di ogni tipo come bar, tabaccherie, edicole e centri scommesse. Esistono altre società di scommesse: fra le più importanti ci sono la SNAI (Società Nazionale Agenzie Ippiche) e Bwin (società austriaca di scommesse sportive). In seguito alla legalizzazione del poker ondine in Italia, sono sorte anche aziende operanti in questo settore. 15

17 Ai giochi illeciti si applicano le sanzioni previste dal codice penale; l art. 718 punisce con l arresto da tre mesi a un anno e con l ammenda non inferiore a 206 euro chiunque, in un luogo pubblico o aperto al pubblico, o in circoli privati di qualunque specie, tiene un gioco d azzardo o lo agevola; il successivo art. 719 prevede come circostanze aggravanti (con pena raddoppiata) se il colpevole ha istituito o tenuto una casa da gioco, se il fatto è commesso in un pubblico esercizio, se sono impegnate nel gioco poste rilevanti e se fra coloro che partecipano al gioco ci sono persone minorenni. Infine, a norma dell art. 720 è punito anche chi prende parte al gioco d azzardo. In tutti questi casi sono previste (art. 722) la pubblicazione della sentenza e la confisca del denaro esposto nel gioco e degli arnesi od oggetti ad esso destinati. Nel codice civile il gioco e la scommessa sono considerate obbligazioni naturali che, a differenza delle obbligazioni civili in senso stretto, non sono veri e propri obblighi giuridici imposti dalla legge, ma solo doveri di carattere morale o sociale, detti anche debiti d onore. Queste obbligazioni producono i seguenti effetti: se il debitore non adempie spontaneamente l obbligazione, il creditore non può agire in giudizio per ottenere l adempimento ( cosiddetta mancanza di azione ); se tuttavia ha adempiuto spontaneamente l obbligazione ed era capace di agire, il debitore non può pretendere la restituzione di quanto ha pagato. Sono escluse dalla prima delle regole precedenti le competizioni sportive, ma la domanda di pagamento può essere rigettata o ridotta dal giudice, qualora ritenga la posta eccessiva. Anche le lotterie, se legalmente autorizzate, danno diritto alla normale azione in giudizio. Il gioco può diventare una dipendenza per chi lo pratica, al punto che il giocatore d azzardo non è più in grado di provvedere ai propri interessi. La legge include il vizio del gioco fra i casi di prodigalità per i quali è prevista l inabilitazione, con l assistenza di un curatore per il compimento degli atti di straordinaria amministrazione. In alternativa, il giudice può nominare un amministratore di sostegno che assiste la persona in alcuni atti di natura patrimoniale. L Italia è uno dei paesi al mondo in cui si gioca di più, con una spesa annua pro-capite di 790 euro a persona nel In particolare in Sicilia, Campania e Abruzzo, le famiglie investono in gioco d azzardo circa il 6,5% del loro reddito. La spesa in Italia per il gioco è passata da 14,3 miliardi di euro nel 2000 a 47,5 miliardi nel Il gioco coinvolge le fasce più deboli della popolazione: da alcune statistiche risulta che giocano il 47% degli indigenti, il 56% degli appartenenti ai ceti medio-bassi e il 66% dei disoccupati. Dati della raccolta giochi pubblicati dall Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato che regola il comparto del gioco pubblico in Italia attraverso una verifica costante dell operato dei concessionari e una mirata azione di contrasto all irregolarità. 16

18 Anno 2009 Gioco Importo* Apparecchi (provvisorio) 24951,20 Bingo 1454,48 Gioco a base ippica 1978,37 Gioco a base sportiva 4167,23 Lotterie 9435,32 Lotto 5663,46 Giochi numerici a totalizzatore nazionale (superenalotto, win for life, superstar) 3776,21 Skill games (giochi di abilità) 2347,69 Totale 53773,96 (*) importo in milioni di Incidenza dei singoli comparti di gioco sul totale della raccolta Apparecchi Bingo 11% 7% 4% 45% Gioco a base ippica Gioco a base sportiva 18% Lotterie 8% 4% 3% Lotto Giochi numerici a totalizzatore nazionale Skill games 17

19 Attività scuole secondarie di 1 grado Queesstti ionarri io ssu sstti ilii dii vvi ittaa ee conssumi i rreessponssaabi ilii Tempo libero e socializzazione Nel tempo libero frequenti (puoi scegliere più di un'opzione) luoghi di aggregazione organizzati? sì no centri giovani gruppi parrocchiali o scout biblioteca cinema discoteca bar sala giochi altro.. Nel tempo libero frequenti (puoi scegliere più di un'opzione) luoghi di aggregazione informali? sì no case di amici muretti, piazze, giardini altro... Nel tempo libero frequenti attività sportive? sì no se sì, quali?... Gioco I tuoi giochi consueti sono: (se barri la casella esprimi il gradimento da 1 a 4) Giochi all'aperto Video-giochi (PlayStation, Game Boy, Wii..) Giochi per vincere soldi (gratta e vinci, slot machine ) Giochi di abilità manuale o di immaginazione (modellismo, costruzione, disegno ) Altro Lettura Ti piace leggere? sì no Leggi soprattutto: libri fumetti giornali Internet 1) possiedi un computer? sì no TECNOLOGIA: 2) usufruisci di un collegamento internet a casa? sì no 3) Per quali funzioni lo utilizzi prevalentemente: Ricerca Social Network ( facebook, MSN, chat etc) gioco online scaricare musica, film, etc. 4) Ti colleghi ad internet più volte nella stessa giornata? sì no 5) Tendi ad usare il computer quando: hai voglia di comunicare quando sei triste o annoiato contemporaneamente ad altre attività (studio etc) Cellulare 1) Possiedi un telefono cellulare? sì no 18

20 2) Ogni volta che esci lo porti con te? sì no 3) Controlli spesso se sei stato contattato? sì no 4) Lo utilizzi per: sms telefono foto internet telecamera Televisione 1) Hai un televisore in camera? sì no 2) In quali momenti della giornata tieni accesa la TV? Solo nei momenti di relax la mattina appena alzato mentre mangi mentre studi la notte 3) Quanto tempo mediamente stai davanti alla TV? 1 ora 2/3 ore oltre 3 ore Abbigliamento 1) Nella scelta dei tuoi capi d'abbigliamento segui un criterio di : comodità e utilità stile personale attenzione alla marca 2) Nel tuo gruppo di amici condividete uno stile di abbigliamento? sì no 3) Nel tuo gruppo di amici è importante possedere capi d'abbigliamento firmati? sì no Trasporti 1) Nei tuoi spostamenti usi prevalentemente mezzi: pubblici privati 2) E la tua famiglia? pubblici privati 3) Possiedi un motorino? sì no Consumi Alimentari 1) Nella tua famiglia si consumano quotidianamente: frutta e verdura prodotti agricoli locali e stagionali di altra provenienza prodotti cucinati in casa preconfezionati Smaltimento e Riciclaggio dei rifiuti Nella tua famiglia si effettua la raccolta differenziata dei rifiuti? sì no Se sì, di quali? carta plastica vetro organico Rapporto con il denaro 1) Usufruisci di un tuo budget o paghetta? sì no 2) Ricevi denaro dai tuoi familiari all'occorrenza? sì no 3) Decidi autonomamente come utilizzare il denaro a tua disposizione? sì no 4) Ti consulti con i tuoi? sì no 5) Quanto spendi per te giornalmente? 1/2 3 /4 5 o più di 5 6) Riesci a risparmiare qualcosa? sì no 19

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento!

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! GLI OGRIN Il sistema di Punti scambiabili nei servizi ANKAMA Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! Si tratta, in primo luogo, di un

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE-

Elaborazione grafica dei dati desunti dai questionari di valutazione -FASE FINALE- 13 ISTITUTO COMPRENSIVO "Albino LUCIANI" RIONE GAZZI FUCILE - 98147 MESSINA (ME) Codice Fiscale 80007440839 - Codice Meccanografico MEIC86100G Telefono 090687511 - Fax 090680598 - E-Mail: meic86100g@istruzione.it

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

BUONE AZIONI PER RISPARMIARE

BUONE AZIONI PER RISPARMIARE BUONE AZIONI PER RISPARMIARE A cura del Servizio Socio Assistenziale della Comunità Alta Valsugana e Bersntol in collaborazione con i dipendenti delle Casse Rurali di Pergine Valsugana, Caldonazzo, Levico

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1

Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 Esercizi di consolidamento di probabilità e calcolo combinatorio parte 1 1. Si lancia una moneta 2 volte: qual è la probabilità che esca TESTA 0 volte? 1 volta? 2 volte? 2. Si lancia una moneta 3 volte:

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Proteggi la tua faccia

Proteggi la tua faccia Proteggi la tua faccia Tutorial per i minori sull uso sicuro e consapevole di Facebook a cura di Clementina Crocco e Diana Caccavale È come se ogni giorno intingessimo una penna nell inchiostro indelebile

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli