I DIRITTI REALI IN RE ALIENA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I DIRITTI REALI IN RE ALIENA"

Transcript

1 Prof. Corso di Istituzioni di diritto privato Prof. Prof. VINCENZO FRANCESCHELLI SCHEMI del Corso di DIRITTO PRIVATO - ad uso degli studenti vietata la riproduzione- (Avvertenza- Gli schemi costituiscono una traccia delle lezioni svolte. Possono servire per un ripasso della materia. Non sono sufficienti per la preparazione dell esame). Parte Terza I diritti reali X. I DIRITTI REALI DI GODIMENTO Il libro III del Codice Civile Decima Lezione Prof. Argomenti della lezione di oggi IX. I DIRITTI REALI DI GODIMENTO - I DIRITTI REALI IN RE ALIENA - SUPERFICIE la superficie (art ).- ENFITEUSI (art ) - USUFRUTTO (art ) - USO ED ABITAZIONE (art ) - (art ) nozione e costituzione servitù coattive (art ) passaggio coattivo (art ) tipi di servitù esercizio delle servitù (art ) estinzione delle servitù (art ) azioni a difesa delle servitù (art. 1079) 1. I DIRITTI REALI IN RE ALIENA Prof. diritti reali su cosa altrui, detti anche iura in re aliena, o diritti reali minori, o parziari, o limitati Prof. Prof. Si è visto come i diritti reali si distinguano in diritti reali in re propria (proprietà) ed in diritti reali in re aliena (diritti reali su cosa di proprietà di altri). i diritti reali in re aliena vengono a loro volta classificati in due sottocategorie: i diritti reali di godimento consistono nel diritto di godere della cosa altrui, i diritti reali di garanzia consistono in un limite al diritto reale altrui a scopo di garanzia. I DIRITTI REALI SI DISTINGUONO IN DIRITTI IN RE PROPRIA (PROPRIETÀ) IN RE ALIENA 1

2 Prof. Corso di Istituzioni di diritto privato Prof. Prof. I diritti reali in re aliena vengono a loro volta classificati in due sottocategorie: DIRITTI REALI DI GODIMENTO superficie Diritti reali di godimento Diritti reali di garanzia Consistono nel diritto di godere della cosa altrui Consistono in un limite al diritto reale altrui a scopo di garanzia enfiteusi usufrutto uso abitazione servitù prediali Prof. Prof. La categoria dei diritti reali di godimento è contraddistinta dal fatto che la limitazione del diritto di proprietà corrisponde ad un diritto di godimento attribuito ad un altro soggetto. Il diritto reale in re propria è la proprietà la cui definizione è contenuta nell'art. 832 (diritto di godere in modo pieno ed esclusivo della cosa). I diritti reali di godimento, sotto il profilo generale, hanno la caratteristica comune di costituire un limite al diritto assoluto di proprietà. Questi diritti reali «limitati» «comprimono» il potere di godimento del proprietario. Il diritto di proprietà è il solo diritto autonomo; i diritti reali di godimento, non essendo diritti autonomi, sono limitazioni al dominio. Cessato, per qualsivoglia motivo, il diritto reale di godimento, la proprietà, in virtù dell'elasticità, riacquista la sua pienezza. 2. Prof. I DIRITTI REALI IN RE ALIENA SUPERFICIE (artt ) è il diritto di proprietà su una costruzione, separata dalla proprietà del suolo Prof. Superficie ( ). LA SUPERFICIE È IL DIRITTO DI PROPRIETÀ SU UNA COSTRUZIONE, SEPARATA DALLA PROPRIETÀ DEL SUOLO 2

3 Prof. Corso di Istituzioni di diritto privato Prof. Superficie (art. 952). Prof. PROPRIETÀ SUPERFICIARIA «Il proprietario può costituire il diritto di fare e mantenere al disopra del suolo una costruzione a favore di altri, che ne acquista la proprietà. Del pari può alienare la proprietà della costruzione già esistente, separatamente dalla proprietà del suolo» PROPRIETÀ PROPRIETÀ DELLA COSTRUZIONE PROPRIETÀ DEL SUOLO Prof. Prof. PROPRIETÀ PROPRIETÀ SUPERFICIARIA PROPRIETÀ DELLA COSTRUZIONE PROPRIETÀ DEL SUOLO (PROPRIETÀ SUPERFICIARIA) SUPERFICIE Si è visto che, ai sensi dell'art in tema di accessione- qualunque costruzione od opera esistente sopra o sotto il suolo appartiene al proprietario del fondo. Si è inoltre visto che la proprietà della costruzione o dell opera non può essere trasferita separatamente dalla proprietà del suolo. La legge tuttavia ammette (art. 952) che il proprietario del suolo possa costituire il diritto di fare e mantenere al di sopra del suolo, o al di sotto di esso (ma non sulle piantagioni - art. 956) una costruzione a favore di altri, che ne acquista la proprietà. Prof. Prof. Diritto di superficie perpetua e a tempo determinato Il diritto reale di superficie consiste nella proprietà della costruzione sopra o sotto il suolo, separata dalla proprietà del suolo (proprietà superficiaria) o nel diritto che il proprietario del suolo concede ad altri di costruire sopra o sotto il suolo. SUPERFICIE PERPETUA A TEMPO DETERMINATO allo scadere del termine il diritto di superficie si estingue e il proprietario del suolo diventa proprietario della costruzione 3

4 Prof. Corso di Istituzioni di diritto privato Prof. DIRITTO DI SUPERFICIE SOTTO IL SUOLO Il diritto di superficie è ritornato di attualità per la costruzione di parcheggi sotterranei. Prof. 3. I DIRITTI REALI IN RE ALIENA ENFITEUSI (artt ) l enfiteusi è il diritto reale che attribuisce all'enfiteuta gli stessi diritti sul fondo che avrebbe il proprietario, salvo l'obbligo di migliorare il fondo e di pagare il canone periodico Prof. L ENFITEUSI È IL DIRITTO REALE CHE ATTRIBUISCE ALL'ENFITEUTA GLI STESSI DIRITTI SUL FONDO CHE AVREBBE IL PROPRIETARIO, SALVO L'OBBLIGO DI MIGLIORARE IL FONDO E DI PAGARE IL CANONE PERIODICO Prof. Enfiteusi (art. 959). «L'enfiteuta ha gli stessi diritti che avrebbe il proprietario sui frutti del fondo, sul tesoro e relativamente alle utilizzazioni del sottosuolo in conformità delle disposizioni delle leggi speciali. Il diritto dell'enfiteuta si estende alle accessioni» ENFITEUSI - Il proprietario del fondo cede all'enfiteuta il godimento del fondo, con l'obbligo di migliorarlo e di pagare il canone periodico. Prof. Prof. E il diritto reale di godimento di contenuto più intenso, che lo rende simile alla proprietà (salvo l'obbligo - come si è detto - di migliorare il fondo e di pagare il canone periodico). Per questo lo si è anche chiamato dominio utile in antitesi con il diritto del (nudo) proprietario, chiamato dominio diretto (che in sostanza si riduce al diritto di ricevere il pagamento del canone). 4

5 Prof. Corso di Istituzioni di diritto privato Prof. Prof. ENFITEUSI DOMINIO UTILE DOMINIO DIRETTO L enfiteusi è un istituto che il legislatore vide come un possibile strumento di politica legislativa per lo sviluppo e l'esercizio dell'impresa agricola. Per le sue caratteristiche l'enfiteusi è vista come diritto perpetuo o, se a tempo, come un diritto che deve esistere per un periodo sufficientemente esteso - non inferiore ai 20 anni - (art. 958) e ciò diversamente dagli altri diritti reali di godimento (come l'usufrutto, l'uso o l'abitazione) che hanno durata temporanea. Prof. Prof. Estinzione dell'enfiteusi (963) Istituto di origini antiche, collegato ad una economia prevalentemente agricola, ha come funzione economica e sociale di consentire la valorizzazione del fondo, consentendo al nudo proprietario di percepire una rendita (il canone enfiteutico) Siena. Scena di campagna nell'affresco del Buongoverno di Ambrogio Lorenzetti a) per affrancazione (971) b) per devoluzione (972) c) per scadenza del termine d) per prescrizione (970) e) per perimento totale del fondo (963) Prof. Prof. Affrancazione (971) Il fondo enfiteutico può essere affrancato. L'enfiteuta paga al proprietario una somma risultante dalla capitalizzazione del canone annuo. Il proprietario non può opporsi. Affrancato il fondo, l'enfiteuta ne diventa pieno proprietario. 5

6 Prof. Corso di Istituzioni di diritto privato Prof. Prof. Devoluzione (972) Il nudo proprietario può chiedere ma l'ipotesi è rara la devoluzione del fondo enfiteutico. Attraverso la devoluzione il rapporto si risolve, e l'enfiteusi cessa. La devoluzione del fondo enfiteutico può essere chiesta in due soli casi: se l'enfiteuta deteriora il fondo o non adempie all'obbligo di migliorarlo se l'enfiteuta è in mora nel pagamento del canone 4. I DIRITTI REALI IN RE ALIENA USUFRUTTO (artt ) l usufrutto è lo ius utendi fruendi salva rerum substantia Prof. Prof. L USUFRUTTO È LO IUS UTENDI FRUENDI SALVA RERUM SUBSTANTIA. È IL DIRITTO DI GODERE DELLA COSA ALTRUI RISPETTANDONE LA DESTINAZIONE ECONOMICA PROPRIETÀ USUFRUTTO NUDA PROPRIETÀ Prof. Prof. L'usufrutto consiste nel diritto di godere della cosa altrui con l'obbligo di rispettarne la destinazione economica (art. 981). L'usufruttuario può trarre dalla cosa ogni utilità che questa può dare salvo i limiti previsti dalla legge. jus utendi fruendi salva rerum substantia L'usufrutto permette la separazione temporanea del godimento dalla proprietà rispetto ad uno stesso bene, consentendo di frazionare nel tempo l'utilizzabilità del medesimo 6

7 Prof. Corso di Istituzioni di diritto privato Prof. Prof. In sintesi si può dire che l'usufruttuario si trova materialmente nella stessa posizione in cui si troverebbe il proprietario salvo questi due limiti: il primo di natura strettamente giuridica cioè che all'altro capo dell'usufrutto si trova la nuda proprietà cosi nel momento in cui l'usufrutto viene a cessare il proprietario riacquista la piena disponibilità del bene. il secondo di natura materiale che è il rispetto della destinazione economica del bene. DURATA DELL'USUFRUTTO (art.979) L'usufrutto ha, per sua natura, durata temporanea. Ai sensi dell art. 979, infatti, la durata dell'usufrutto non può eccedere la vita dell'usufruttuario Se l'usufrutto è costituito a favore di una persona giuridica, non può durare più di 30 anni. Di regola, l usufrutto è costituito per una durata pari alla vita dell'usufruttuario. Prof. Prof. DURATA DELL'USUFRUTTO (art.979) Usufrutto costituito per una durata pari alla vita dell'usufruttuario. Alla morte dell'usufruttuario, usufrutto e nuda proprietà si ricongiungono, e la proprietà si ricostituisce nella sua pienezza, anche se il termine eventualmente previsto all atto della costituzione non fosse ancora scaduto. L USUFRUTTO E STABILITO DALLA LEGGE DALLA VOLONTÀ DELL UOMO PER USUCAPIONE Prof. Prof. Costituzione dell'usufrutto (art.978) L'usufrutto è stabilito dalla legge (art. 324) (per esempio, i genitori esercenti la potestà hanno in comune l'usufrutto dei beni del figlio minore); dalla volontà dell'uomo (l'usufrutto può essere costituito per testamento, o con contratto); o per usucapione. Obblighi nascenti dall'usufrutto. Le obbligazioni poste a carico dell'usufruttuario sono: diligenza dell'usufruttuario (1001) restituzione delle cose date in usufrutto (1001) inventario dei beni (1002) L'usufruttuario deve usare, nell'esercizio del diritto, la diligenza del buon padre di famiglia (art ultimo comma) Al termine dell'usufrutto, l'usufruttuario deve restituire le cose date in usufrutto (art primo comma) Al momento della costituzione, l'usufruttuario è tenuto a fare, a sue spese, l'inventario dei beni (art. 1002) 7

8 Prof. Corso di Istituzioni di diritto privato Prof. Spese, imposte, riparazioni e altri pesi Prof. ESTINZIONE DELL USUFRUTTO spese a carico del nudo proprietario le riparazioni straordinarie imposte e altri carichi che gravano sulla proprietà spese a carico dell'usufruttuario le spese e in genere gli oneri relativi alla custodia amministrazione e manutenzione ordinaria le riparazioni straordinarie, rese necessarie dall'inadempimento degli obblighi di ordinaria manutenzione Di regola, l'usufrutto si estingue per morte dell'usufruttuario, se l'usufrutto è stato costituito per una durata pari alla vita dell'usufruttario, o per scadenza del termine, se è stato fissato un termine. Quando l'usufrutto si estingue, il nudo proprietario riacquista la piena disponibilità del bene. Prof. Prof. Quasiusufrutto (995) o usufrutto su cose consumabili. Oggetto di usufrutto può essere qualunque bene, sia mobile che immobile. Deve però trattarsi di bene inconsumabile. Tuttavia si ammette il (quasi)usufrutto di cose consumabili. L'usufruttuario acquista la proprietà della cosa consumabile. Al termine dovrà pagarne il valore, se v'è stata stima, oppure restituirne altre in eguale qualità e quantità. Prof. 5. I DIRITTI REALI IN RE ALIENA USO e ABITAZIONE (artt ) Prof. L USO È IL DIRITTO DI SERVIRSI DI UN BENE e, se questo è fruttifero, di raccogliere i frutti, LIMITATAMENTE AI BISOGNI PROPRI E DELLA PROPRIA FAMIGLIA 8

9 Prof. Corso di Istituzioni di diritto privato Prof. Prof. PROPRIETÀ DIRITTO D USO NUDA PROPRIETÀ L ABITAZIONE È IL DIRITTO DI ABITARE LA CASA ALTRUI LIMITATAMENTE AI BISOGNI PROPRI E DELLA PROPRIA FAMIGLIA Prof. Prof. PROPRIETÀ DIRITTO DI ABITAZIONE NUDA PROPRIETÀ I diritti di uso e di abitazione non si possono cedere o dare in locazione. I diritti di uso e di abitazione sono collegati ai bisogni propri e della propria famiglia. L'art. 1023, nel determinare l'ambito della famiglia si riferisce al nucleo familiare del titolare del diritto. Comprende il coniuge e i figli, inclusi quelli nati o adottati dopo la costituzione del diritto reale Prof. 6. I DIRITTI REALI IN RE ALIENA (artt / 1099) la servitù prediale consiste in un peso imposto sul fondo servente per l'utilità del fondo dominante Prof. LA PREDIALE CONSISTE IN UN PESO IMPOSTO SUL FONDO SERVENTE PER L'UTILITÀ DEL FONDO DOMINANTE 9

10 Prof. Corso di Istituzioni di diritto privato Prof. Prof. FONDO DOMINANTE (artt ) NOZIONI GENERALI FONDO SERVENTE Prof. 7. COSTITUZIONE di una (artt / 1099) la servitù prediale consiste in un peso imposto sul fondo servente per l'utilità del fondo dominante Prof. La servitù può nascere: da contratto Le parti possono convenire per contratto la costituzione di una servitù da testamento Il testatore può, nel dividere il fondo, gravarne una parte (che assegna per legato ad un soggetto) con una servitù a favore di una altra parte del fondo (assegnata a diverso proprietario) dalla legge La servitù può avere anche la sua fonte nella legge. Può essere costituita anche contro la volontà del proprietario del fondo servente Prof. Prof. La servitù può nascere: per destinazione del padre di famiglia Quando due fondi, attualmente divisi, sono stati posseduti dallo stesso proprietario ed egli ha posto o lasciato le cose nello stato dal quale risulta la servitù per usucapione La servitù può anche nascere per usucapione (non però, la servitù non apparente) Presupposti necessari per aversi una servitù 1. Praedia vicina esse debent I fondi debbono essere contigui. Non è pensabile una servitù tra fondi lontani. 2. I fondi debbono essere di diverso proprietario (nemini res sua servit) Non è pensabile un fondo che serva se stesso. Nemini res sua servit (nessuno può servire una cosa propria. Nessuno può avere un diritto di servitù sul proprio fondo). 3. Utilità La servitù consiste in una utilità arrecata al fondo dominante. L'utilità può consistere nella maggiore comodità o amenità del fondo dominante, o essere inerente alla destinazione industriale del fondo. 4. Peso All'utilità deve corrispondere un peso che grava sul fondo servente. 10

11 Prof. Corso di Istituzioni di diritto privato Prof. 8. CLASSIFICAZIONE delle (artt / 1099) la servitù prediale consiste in un peso imposto sul fondo servente per l'utilità del fondo dominante Prof. CLASSIFICAZIONI DELLE SERVITU SERVITU COATTIVE SERVITU VOLONTARIE (SERVITU CONVENZIONALI) SERVITU PER DESTINAZIONE DEL PADRE DI FAMIGLIA SERVITU PER USUCAPIONE Prof. Prof. servitù apparenti servitù non apparenti si manifestano in opere visibili (es. servitù di passaggio di linee teleferiche, ove sono ben visibili i piloni che attraversano il fondo) non si manifestano in opere visibili (es. condotta sotterranea) servitù positive servitù negative quando il proprietario del fondo dominante le esercita con un proprio comportamento (es. servitù di passaggio) quando impongono al proprietario del fondo servente di non fare qualcosa (es. servitù di non edificare) Prof. Prof. In ragione del loro nascere, le servitù possono così essere classificate: 1. servitù coattive 2. servitù volontarie (servitù convenzionali) 3. servitù per destinazione del padre di famiglia 4. servitù per usucapione 9. COATTIVE (artt ) la servitù prediale consiste in un peso imposto sul fondo servente per l'utilità del fondo dominante 11

12 Prof. Corso di Istituzioni di diritto privato Prof. Prof. SERVITU COATTIVE Si intendono per servitù coattive quelle che il proprietario del fondo dominante può, in virtù di legge, ottenere coattivamente dal proprietario del fondo servente per l'utilità del proprio fondo. Esse, in mancanza di accordo tra le parti, possono essere costituite con sentenza o, in alcuni casi, con atto amministrativo. Le servitù coattive sono destinate a soddisfare una necessità del fondo dominante, non una mera utilità Dell acquedotto e dello scarico Dell appoggio e dell infissione di chiusa Della somministrazione coattiva di acqua ad un edificio o ad un fondo Del passaggio coattivo Prof. Prof. Dell'acquedotto e dello scarico coattivo ( ) Dell'appoggio e dell'infissione di chiusa ( ) Ai sensi dell'art. 1033, il proprietario è tenuto a dare passaggio per i suoi fondi alle acque di ogni specie che si vogliono condurre da parte di chi ha, anche solo temporaneamente, il diritto di utilizzarle per i bisogni della vita, o per usi agrari o industriali Chi ha diritto di deviare acque da fiumi, torrenti, rivi, canali, laghi o serbatoi può, qualora sia necessario, appoggiare o infiggere una chiusa alle sponde, con l'obbligo però di pagare l'indennità e di fare e mantenere le opere atte ad assicurare i fondi da ogni danno Prof. Prof. Dell'elettrodotto coattivo e del passaggio coattivo di linee teleferiche ( ) PASSAGGIO COATTIVO (Art ) Ogni proprietario è tenuto a dare passaggio per i suoi fondi alle condutture elettriche, e alle gomene di vie funicolari aeree, in conformità alle leggi in materia Tra le servitù coattive, particolare importanza pratica ha la servitù di passo. Il proprietario, il cui fondo è circondato da fondi altrui, e che non ha uscita sulla via pubblica né può procurarsela senza eccessivo dispendio o disagio, ha diritto di ottenere il passaggio sul fondo vicino per la coltivazione e il conveniente uso del proprio fondo 12

13 Prof. Corso di Istituzioni di diritto privato Prof. 10. VOLONTARIE (artt ) PER USUCAPIONE e PER DESTINAZIONE DEL PADRE DI FAMIGLIA (artt ) Prof. La servitù possono essere costituite per contratto o per testamento. Le servitù volontarie possono essere costituite sia a titolo oneroso che a titolo gratuito la servitù prediale consiste in un peso imposto sul fondo servente per l'utilità del fondo dominante Prof. Prof. SERVITU PER DESTINAZIONE DEL PADRE DI FAMIGLIA La destinazione del padre di famiglia ha luogo quando consta, mediante qualunque genere di prova, che due fondi, attualmente divisi, sono stati posseduti dallo stesso proprietario, e che questi ha posto o lasciato le cose nello stato dal quale risulta la servitù. Se i due fondi cessarono di appartenere allo stesso proprietario, senza alcuna disposizione relativa alla servitù, questa si intende stabilita attivamente e passivamente a favore e sopra ciascuno dei fondi separati SERVITU PER USUCAPIONE LE POSSONO ACQUISIRSI PER USUCAPIONE (ma non quelle non apparenti). Non apparenti sono le servitù quando non si hanno opere visibili e permanenti destinate al loro esercizio. Prof. 11. ESERCIZIO Delle (artt ) titolo. soddisfacimento del bisogno del fondo dominante col minor aggravio del fondo servente Prof. Esercizio delle servitù ( ) Ai sensi dell art. 1063, LA ESTENSIONE E L ESERCIZIO DELLE SONO REGOLATI DAL TITOLO. Il titolo, che regola l estensione o l esercizio della servitù, può essere il testamento, la convenzione, il contratto o la sentenza, se si tratta di servitù coattiva o legale. Quando manca il titolo, l estensione e l esercizio della servitù sono regolate dalla legge (art e ss., Capo V) 13

14 Prof. Corso di Istituzioni di diritto privato Prof. Prof. Ove il contenuto e le modalità di esercizio risultino puntualmente e inequivocabilmente determinati dal titolo, a questo deve farsi riferimento. Se vi sono incertezze o dubbi, si ricorre al criterio generale del soddisfacimento del bisogno del fondo dominante col minor aggravio del fondo servente. SODDISFACIMENTO DEL BISOGNO DEL FONDO DOMINANTE MINOR AGGRAVIO DEL FONDO SERVENTE Prof. adminicula servitutis Il diritto di servitù comprende tutto ciò che è necessario per usarne Per esempio, la servitù di attingere acqua comprende, quale adminiculum servitutis, il diritto di passaggio sul fondo in cui la sorgente si trova Prof. 12. ESTINZIONE delle (artt ) Prof. Prof. Estinzione delle servitù ( ) ESTINZIONE DELLE (artt ) AZIONI A DIFESA DELLE (artt. 1079) La servitù si estingue: per confusione per prescrizione per impossibilità d uso per mancanza di utilità 14

15 Prof. Corso di Istituzioni di diritto privato confusione (art. 1072) prescrizione (art. 1073) impossibilità d'uso (art. 1074) mancanza di utilità (art. 1074) Prof. la servitù si estingue quando in una sola persona si riunisce la proprietà del fondo dominante con quella del fondo servente la servitù si estingue per prescrizione quando non se ne usa per vent'anni la servitù si estingue quando l uso della servitù diviene impossibile la servitù si estingue quando viene meno l utilità Prof. AZIONI A DIFESA DELLE (artt. 1079) Prof. AZIONI A DIFESA DELLE SERVITU Il titolare della servitù può fare riconoscere in giudizio l esistenza contro chi ne contesta l esercizio. Può fare cessare gli eventuali impedimenti e turbative. Può anche chiedere la rimessione delle cose in pristino, oltre il risarcimento dei danni. 15

Si tratta di diritti che consentono varie forme di utilizzazione della res: Superficie Enfiteusi Usufrutto Uso Abitazione Servitù prediali.

Si tratta di diritti che consentono varie forme di utilizzazione della res: Superficie Enfiteusi Usufrutto Uso Abitazione Servitù prediali. DIRITTI REALI DI GODIMENTO SU COSA ALTRUI Funzione: attribuiscono ad un soggetto diverso dal proprietario della res alcune delle facoltà e/o dei poteri che tipicamente spettano al proprietario. Si tratta

Dettagli

Indice dei quesiti di diritto Civile per la preselezione informatica del concorso a 350 posti di uditore giudiziario.

Indice dei quesiti di diritto Civile per la preselezione informatica del concorso a 350 posti di uditore giudiziario. 2100 Se é perito un edificio che era stato assicurato contro tale evento dall'usufruttuario ed il nudo proprietario intende ricostruirlo con la somma conseguita come indennità, l'usufruttuario può opporsi?

Dettagli

Il nuovo Codice Civile facile da comprendere

Il nuovo Codice Civile facile da comprendere Il nuovo Codice Civile facile da comprendere SMEMBRAMENTI DEL DIRITTO DI PROPRIETA Gli smembramenti del diritto di proprietà sono regolamentati dal Nuovo Codice Civile al titolo III, art. 693-772. Questi

Dettagli

Istituzioni di Diritto Privato I. Indice

Istituzioni di Diritto Privato I. Indice INSEGNAMENTO DI ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO I LEZIONE IX I DIRITTI REALI SU BENI ALTRUI PROF.SSA ANNAFLORA SICA Indice 1 La superficie -----------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Terra nuda. Opere di miglioramento fondiario ESEMPI DI MIGLIORAMENTI FONDIARI

Terra nuda. Opere di miglioramento fondiario ESEMPI DI MIGLIORAMENTI FONDIARI STIMA DEI MIGLIORAMENTI FONDIARI (CAP. 12) Cosa sono i miglioramenti fondiari Un miglioramento fondiario è dato da qualsiasi investimento stabile e duraturo di capitale e lavoro effettuato su un terreno

Dettagli

Nuovi percorsi di diritto ed economia 1

Nuovi percorsi di diritto ed economia 1 O E S S332 Collana giuridico-economica per la scuola riformata diretta da Federico del Giudice A cura delle Redazioni Simone per la Scuola Nuovi percorsi di diritto ed economia 1 Per il secondo biennio

Dettagli

GENOVA, 15 APRILE 2015 Sede Regione Liguria via Fieschi 15 sala A piano terra Ore 14-18 L'ABITAZIONE BRUNO PASTORINO

GENOVA, 15 APRILE 2015 Sede Regione Liguria via Fieschi 15 sala A piano terra Ore 14-18 L'ABITAZIONE BRUNO PASTORINO GENOVA, 15 APRILE 2015 Sede Regione Liguria via Fieschi 15 sala A piano terra Ore 14-18 L'ABITAZIONE BRUNO PASTORINO INCIDENZA DELLA POPOLAZIONE ANZIANA Numero famiglie in Italia: 21.810.676 Over 65 in

Dettagli

IMU I SOGGETTI PASSIVI. a cura di Giordano Tedoldi

IMU I SOGGETTI PASSIVI. a cura di Giordano Tedoldi IMU I SOGGETTI PASSIVI a cura di Giordano Tedoldi ABITAZIONE PRINCIPALE BREVE EXCURSUS NORMATIVO D.L. 201/2011 ha reintrodotto il pagamento dell imposta sull abitazione principale, ciò ponendosi in contrasto

Dettagli

QUIZ DIRITTO CIVILE. 1) Quale fra i seguenti è un diritto imprescrittibile?

QUIZ DIRITTO CIVILE. 1) Quale fra i seguenti è un diritto imprescrittibile? QUIZ DIRITTO CIVILE 1) Quale fra i seguenti è un diritto imprescrittibile? A [*] La proprietà B [ ] L usufrutto; C [ ] Il pegno. 2) A quale distanza minima devono essere tenute le costruzioni su fondi

Dettagli

NORME REGOLAMENTARI PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE DI BENI IMMOBILI A TERZI

NORME REGOLAMENTARI PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE DI BENI IMMOBILI A TERZI COMUNE DI MODENA NORME REGOLAMENTARI PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE DI BENI IMMOBILI A TERZI Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 20.11.1997 - delibera n. 192 IN VIGORE DAL 27.11.1997

Dettagli

COMUNE DI CALANNA Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI CALANNA Provincia di Reggio Calabria COMUNE DI CALANNA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE DEI BENI IMMOBILI DI PROPRIETÀ Approvato con Deliberazione del Consiglio comunale n 21 del 28/10/2011 INDICE

Dettagli

INDICE SOMMARIO LIBRO TERZO DELLA PROPRIETÀ

INDICE SOMMARIO LIBRO TERZO DELLA PROPRIETÀ INDICE SOMMARIO LIBRO TERZO DELLA PROPRIETÀ TITOLO III Della superficie Art. 952. Costituzione del diritto di superficie...................... 1» 953. Costituzione a tempo determinato.......................

Dettagli

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Anno accademico 2014/2015 II semestre. Prof. Raffaele Tuccillo

DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO. Anno accademico 2014/2015 II semestre. Prof. Raffaele Tuccillo DIRITTO PRIVATO DIRITTO PRIVATO Prof. Raffaele Tuccillo Anno accademico 2014/2015 II semestre 1 LA PROPRIETÀ E I DIRITTI REALI DI GODIMENTO IL POSSESSO 2 DIRITTI ASSOLUTI: RELATIVI: - DIRITTI DELLA - DIRITTI

Dettagli

TITOLO II COMUNIONI TACITE FAMILIARI IN AGRICOLTURA CAPITOLO I. Generalità

TITOLO II COMUNIONI TACITE FAMILIARI IN AGRICOLTURA CAPITOLO I. Generalità TITOLO II COMUNIONI TACITE FAMILIARI IN AGRICOLTURA CAPITOLO I Generalità 1) NOZIONE DELLA COMUNIONE TACITA FAMILIARE Si ha comunione tacita familiare nell esercizio dell agricoltura, quando più persone

Dettagli

REGOLAMENTO UTILIZZAZIONE BENI IMMOBILI TERRENI E FABBRICATI DI PROPRIETA COMUNALE

REGOLAMENTO UTILIZZAZIONE BENI IMMOBILI TERRENI E FABBRICATI DI PROPRIETA COMUNALE COMUNE DI BARI REGOLAMENTO UTILIZZAZIONE BENI IMMOBILI TERRENI E FABBRICATI DI PROPRIETA COMUNALE - 1 - Articolo 1 Finalità ed ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina l uso dei beni immobili

Dettagli

GLI IMMOBILI PARROCCHIALI CONCESSI

GLI IMMOBILI PARROCCHIALI CONCESSI GLI IMMOBILI PARROCCHIALI CONCESSI IN USO A TERZI I Venerdì dell Avvocatura 10-11 aprile 2014 Curia Arcivescovile Piazza Fontana, 2 - Milano Elisabetta Mapelli IMMOBILI: USO DIRETTO E CESSIONE A TERZI

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DETERMINAZIONE DEI CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI BENI IN USO GRATUITO (AI SENSI DELL ART. 39 DEL D.I. N.

REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DETERMINAZIONE DEI CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI BENI IN USO GRATUITO (AI SENSI DELL ART. 39 DEL D.I. N. 1 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DETERMINAZIONE DEI CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI BENI IN USO GRATUITO (AI SENSI DELL ART. 39 DEL D.I. N. 44 DEL 1 FEBBRAIO 2001) (Delibera del Consiglio d Istituto del 08 settembre

Dettagli

Art. 1571 Nozione Art. 1572 Locazioni e anticipazioni eccedenti l'ordinaria amministrazione Art. 1573 Durata della locazione

Art. 1571 Nozione Art. 1572 Locazioni e anticipazioni eccedenti l'ordinaria amministrazione Art. 1573 Durata della locazione Art. 1571 Nozione La locazione è il contratto col quale una parte si obbliga a far godere all'altra una cosa mobile o immobile per un dato tempo (1572 e seguenti), verso un determinato corrispettivo (att.

Dettagli

CODICE CIVILE. Titolo V - Dell'usufrutto, dell'uso e dell'abitazione Capo I - Dell'usufrutto Sezione I - Disposizioni generali

CODICE CIVILE. Titolo V - Dell'usufrutto, dell'uso e dell'abitazione Capo I - Dell'usufrutto Sezione I - Disposizioni generali CODICE CIVILE Titolo V - Dell'usufrutto, dell'uso e dell'abitazione Capo I - Dell'usufrutto Sezione I - Disposizioni generali Art. 978. Costituzione. L'usufrutto è stabilito dalla legge o dalla volontà

Dettagli

Provincia di Prato. Regolamento per la disciplina della concessione di beni immobili a terzi

Provincia di Prato. Regolamento per la disciplina della concessione di beni immobili a terzi Provincia di Prato Regolamento per la disciplina della concessione di beni immobili a terzi Testo approvato con Deliberazione C.P. n. 71 del 14/12/2011 INDICE: Art. 1 - Tipologia dei beni immobili concedibili

Dettagli

FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE

FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI Insegnamento di diritto privato SSD JUS 01 CFU 8- A.A. 2014-2015 Docente: Margherita Oliva Mail: margherita.oliva@unicusano.it

Dettagli

B. Situazioni reali di godimento.

B. Situazioni reali di godimento. B. Situazioni reali di godimento. 18 I beni. I beni sono le cose che possono formare oggetto di diritto (art. 810 c.c.). Per cose non s intendono solo le cose materiali, ma anche quelle immateriali. Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI LIBRI DI TESTO IN COMODATO D USO

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI LIBRI DI TESTO IN COMODATO D USO S CUOLA S ECONDARIA S TATALE DI 1 GRADO D.ALIGHIERI Via A.Pende,2 Tel. E Fax 080.673501 70010 CASAMASSIMA C.F. 80009340722 bamm109004@istruzione.it - www.smediadante.it REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI

Dettagli

VENEZIA 2012. Matteo A. Pollaroli Diritto Privato. 5 luglio 2011

VENEZIA 2012. Matteo A. Pollaroli Diritto Privato. 5 luglio 2011 5 luglio 2011 I contratti di utilizzazione di beni -locazione (affitto) -comodato Art. 1571 Codice civile Contratto di locazione La locazione è il contratto con il quale una parte si obbliga a far godere

Dettagli

Anno 2010 N. RF 55. La Nuova Redazione Fiscale. Sintesi: si analizzano gli aspetti civilistici e fiscali del contratto di comodato gratuito.

Anno 2010 N. RF 55. La Nuova Redazione Fiscale. Sintesi: si analizzano gli aspetti civilistici e fiscali del contratto di comodato gratuito. ODCEC VASTO Anno 2010 N. RF 55 La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 5 OGGETTO IL CONTRATTO DI COMODATO RIFERIMENTI ART. 1803 COD. CIV. RM 196/2008 CIRCOLARE DEL 01/04/2010 Sintesi:

Dettagli

IL MUTUO E LE SUE DIVERSE TIPOLOGIE:

IL MUTUO E LE SUE DIVERSE TIPOLOGIE: IL MUTUO E LE SUE DIVERSE TIPOLOGIE: DEFINIZIONE: Il mutuo è quel contratto con cui una parte (mutuante) consegna all'altra (mutuatario) una determinata quantità di denaro o di altre cose fungibili, e

Dettagli

DIRITTO PRIVATO. Parte Quarta Obbligazioni CESSIONE DEL CREDITO DELEGAZIONE ESPROMISSIONE ACCOLLO. SCHEMI del Corso di DIRITTO PRIVATO

DIRITTO PRIVATO. Parte Quarta Obbligazioni CESSIONE DEL CREDITO DELEGAZIONE ESPROMISSIONE ACCOLLO. SCHEMI del Corso di DIRITTO PRIVATO VINCENZO FRANCESCHELLI SCHEMI del Corso di DIRITTO PRIVATO - ad uso degli studenti vietata la riproduzione- (Avvertenza- Gli schemi costituiscono una traccia delle lezioni svolte. Possono servire per un

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

COMUNE DI PALAZZO ADRIANO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO

COMUNE DI PALAZZO ADRIANO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO COMUNE DI PALAZZO ADRIANO PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DEI LOCALI DEL CENTRO CULTURALE POLIVALENTE Approvato con delibera del Consiglio Comunale N. 13 del

Dettagli

CORSO DI DIRITTO PRIVATO Docente: Sara D Urso

CORSO DI DIRITTO PRIVATO Docente: Sara D Urso CORSO DI DIRITTO PRIVATO Docente: Sara D Urso I CONTRATTI IL DEPOSITO Fonte: Diritto Privato Vincenzo Franceschelli terza edizione Contratti TIPICI IV LIBRO TITOLO III IL DEPOSITO Capo XII (art.1766-1797

Dettagli

GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) PER LA RIDUZIONE DELLE TASSE UNIVERSITARIE A.A.

GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) PER LA RIDUZIONE DELLE TASSE UNIVERSITARIE A.A. GUIDA PER LA DETERMINAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) PER LA RIDUZIONE DELLE TASSE UNIVERSITARIE A.A. 2009-2010 DATI ANAGRAFICI Indicare il proprio nome, cognome e,

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa generale del manuale... Premessa al I volume... Collaboratori... PARTE PRIMA NOZIONI GENERALI

INDICE SOMMARIO. Premessa generale del manuale... Premessa al I volume... Collaboratori... PARTE PRIMA NOZIONI GENERALI INDICE SOMMARIO Premessa generale del manuale... Premessa al I volume... Collaboratori... IX XI XIX PARTE PRIMA NOZIONI GENERALI CAPITOLO I Le situazioni giuridiche. Gli strumenti di tutela 1. Il diritto

Dettagli

Art. 2 Strumenti destinati alla didattica e alle produzioni.

Art. 2 Strumenti destinati alla didattica e alle produzioni. REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE DEGLI STRUMENTI MUSICALI, DELLE APPARECCHIATURE TECNOLOGICHE E DELLA DOTAZIONE DELLE AULE DEL CONSERVATORIO DI MUSICA G. VERDI DI COMO. (art. 14, comma 4 del D.P.R.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE DI LOCALI E STRUTTURE FISSE DI PROPRIETA DEL COMUNE AD ENTI ED ASSOCIAZIONI COMUNE DI NORMA

REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE DI LOCALI E STRUTTURE FISSE DI PROPRIETA DEL COMUNE AD ENTI ED ASSOCIAZIONI COMUNE DI NORMA REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE DI LOCALI E STRUTTURE FISSE DI PROPRIETA DEL COMUNE AD ENTI ED ASSOCIAZIONI COMUNE DI NORMA Art. 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

IL REGOLAMENTO DI CONDOMINIO. Maurizio Voi

IL REGOLAMENTO DI CONDOMINIO. Maurizio Voi IL REGOLAMENTO DI CONDOMINIO Maurizio Voi Il regolamento di condominio è previsto dal codice civile all art. 1138 c.c. L articolo è l unico, nel capo dedicato al condominio, che prevede la necessità del

Dettagli

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI.

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. 1 LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. Art. 1372 c.c.: forza vincolante del contratto. Contenuto: autonomia privata + fonti di integrazione: legge (anche buona fede), usi ed equità,

Dettagli

Il diritto del conduttore è opponibile al terzo acquirente se la locazione ha data CERTA ANTERIORE al trasferimento

Il diritto del conduttore è opponibile al terzo acquirente se la locazione ha data CERTA ANTERIORE al trasferimento CONTRATTO DI LOCAZIONE (ART. 1571 cod. civ.) - Consensuale - Produce effetti obbligatori - Ha per oggetto una cosa mobile o immobile - Non può eccedere i trent anni di durata OBBLIGHI DEL LOCATORE (art.

Dettagli

Il dopo di noi La sostituzione fedecommissaria L usufrutto

Il dopo di noi La sostituzione fedecommissaria L usufrutto Il dopo di noi E comune, per i genitori o per il coniuge o comunque per gli stretti parenti di una persona con disabilità, la preoccupazione per l ipotesi in cui il loro familiare abbia da sopravvivere

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

IMU GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA PER L ANNO 2012

IMU GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA PER L ANNO 2012 COMUNE DI RIVERGARO Provincia di Piacenza IMU GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA PER L ANNO 2012 N.B.: IL CONSIGLIO COMUNALE DI RIVERGARO AD OGGI NON HA ADOTTATO ALCUN REGOLAMENTO SULLA

Dettagli

CITTA DI VIGEVANO. Regolamento per l assegnazione di beni immobili di proprietà del Comune di Vigevano

CITTA DI VIGEVANO. Regolamento per l assegnazione di beni immobili di proprietà del Comune di Vigevano CITTA DI VIGEVANO Regolamento per l assegnazione di beni immobili di proprietà del Comune di Vigevano Approvato con Deliberazione di C.C. n. 9 dell11/02/2010 Regolamento per l assegnazione di beni immobili

Dettagli

Fabio Bravo. Professore Aggregato di Diritto Privato presso l Università di Bologna. Le obbligazioni

Fabio Bravo. Professore Aggregato di Diritto Privato presso l Università di Bologna. Le obbligazioni Fabio Bravo Professore Aggregato di Diritto Privato presso l Università di Bologna Le obbligazioni Parte Prima Fonti, Definizione, Cenni Storici, Struttura, Elementi Soggettivi e Oggettivi del Rapporto

Dettagli

LICEO SIGONIO I.T.C. BAROZZI LA PROPRIETA LA PROPRIETA E I DIRITTI REALI. Fausta Labidonisia 22/09/2013

LICEO SIGONIO I.T.C. BAROZZI LA PROPRIETA LA PROPRIETA E I DIRITTI REALI. Fausta Labidonisia 22/09/2013 LICEO SIGONIO I.T.C. BAROZZI LA PROPRIETA LA PROPRIETA E I DIRITTI REALI Fausta Labidonisia 22/09/2013 La proprietà; i diritti reali di godimento; la comunione e il condominio; il possesso 1.5 I modi di

Dettagli

PROGRAMMA EDILIZIO 3.000 CASE PER L AFFITTO E LA PRIMA CASA DI PROPRIETÀ

PROGRAMMA EDILIZIO 3.000 CASE PER L AFFITTO E LA PRIMA CASA DI PROPRIETÀ PROGRAMMA EDILIZIO 3.000 CASE PER L AFFITTO E LA PRIMA CASA DI PROPRIETÀ I locatari o assegnatari in godimento a termine e permanente e gli acquirenti e assegnatari in proprietà degli alloggi devono essere

Dettagli

Roma, 30 ottobre 2008

Roma, 30 ottobre 2008 RISOLUZIONE N. 405/E Roma, 30 ottobre 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000. Immobili di tipo residenziale - Cessione

Dettagli

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile Milano, 7 marzo 2014 TECNICHE REDAZIONALI E CONVIVENZE (ovvero come ovviare sul piano negoziale all assenza di una normativa sulla convivenza) Giovanni

Dettagli

Disposizioni regolamentari in materia di Imposta Municipale Propria (I.M.U.)

Disposizioni regolamentari in materia di Imposta Municipale Propria (I.M.U.) Allegato A) Disposizioni regolamentari in materia di Imposta Municipale Propria (I.M.U.) Art. 1 Oggetto del Regolamento Le presenti disposizioni regolamentano le modalità di applicazione dell Imposta Municipale

Dettagli

CAPITOLO I L EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO SULL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA

CAPITOLO I L EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO SULL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA CAPITOLO I L EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO SULL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA 1.1. Il concetto di prima casa... 17 1.2. Il vantaggio derivante dall applicazione dell agevolazione prima casa e la penalizzazione

Dettagli

Si tratta di diritti che consentono varie forme di utilizzazione della res: Superficie Enfiteusi Usufrutto Uso Abitazione Servitù prediali

Si tratta di diritti che consentono varie forme di utilizzazione della res: Superficie Enfiteusi Usufrutto Uso Abitazione Servitù prediali 盾 1 DIRITTI REALI DI GODIME TO SU COSA ALTRUI Funzione: attribuiscono ad un soggetto diverso dal proprietario della res alcune delle facoltà e/o dei poteri che tipicamente spettano al proprietario. Si

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA INTRODUZIONE. Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA INTRODUZIONE. Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA INTRODUZIONE Capitolo 1 L ORDINAMENTO GIURIDICO 1. Diritto, regola, norma... Pag. 1 2. L idea di «fonti del diritto»...» 3 3. L ordinamento giuridico...» 4 4. Le fonti del diritto

Dettagli

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Situazioni giuridiche soggettive - dispense 1 DIRITTO PRIVATO LE SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE (dispense a cura di Carlo Dore) SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Premesso che la principale funzione della

Dettagli

RISOLUZIONE n. 188/E

RISOLUZIONE n. 188/E RISOLUZIONE n. 188/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 20 luglio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 - Cessione di fabbricato seguente la consolidazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE NR.41 DELL 11 LUGLIO 2008 INDICE TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 Finalità del Regolamento TITOLO

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO CON PROMESSA DI FUTURA COMPRAVENDITA

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO CON PROMESSA DI FUTURA COMPRAVENDITA CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO CON PROMESSA DI FUTURA COMPRAVENDITA I sottoscritti: - Arch. Giorgio Nena nato a Carbonera il 21/12/1952, domiciliato per la carica ove appresso che interviene

Dettagli

Maternità e congedi. Congedo del padre lavoratore dipendente obbligatorio e facoltativo (art. 1 D.M. 22 dicembre 2012); Circolare Inps n.

Maternità e congedi. Congedo del padre lavoratore dipendente obbligatorio e facoltativo (art. 1 D.M. 22 dicembre 2012); Circolare Inps n. Maternità e congedi L art.4, commi 24, 25 e 26 della legge 28 giugno 2012, n.92, introduce in via sperimentale, per gli anni 2013-2015, due istituti sostegno della genitorialità. 2 Maternità e congedi

Dettagli

ISEEU (Indicatore della Situazione Economica Equivalente per l Università)

ISEEU (Indicatore della Situazione Economica Equivalente per l Università) Area Studenti ISEEU (Indicatore della Situazione Economica Equivalente per l Università) ISEEU = (ISRU + 20% ISPU)/P ISRU = indicatore della situazione reddituale; se questo valore è negativo deve essere

Dettagli

a) strumenti musicali e loro accessori destinati alla didattica ordinaria e alle produzioni;

a) strumenti musicali e loro accessori destinati alla didattica ordinaria e alle produzioni; REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE DEGLI STRUMENTI E DELLE APPARECCHIATURE MUSICALI DI PROPRIETA DEL CONSERVATORIO DI MUSICA G. PIERLUIGI DA PALESTRINA DI CAGLIARI, (art. 14, comma 4 del D.P.R. 28 febbraio

Dettagli

AGEVOLAZIONI ACQUISTO PRIMA CASA La Guida 2016

AGEVOLAZIONI ACQUISTO PRIMA CASA La Guida 2016 AGEVOLAZIONI ACQUISTO PRIMA CASA La Guida 2016 Notizie e ricerche a cura del Rag.Paolo Sardi In merito alla residenza ai fini del godimento delle agevolazioni fiscali I requisiti necessari per usufruire

Dettagli

Il Modello UNICO per persone fisiche

Il Modello UNICO per persone fisiche Immacolata Di Rienzo (Commercialista in Caserta) Il Modello UNICO per persone fisiche Persone fisiche non esercenti attività di lavoro autonomo Persone fisiche esercenti attività di impresa o di arti e

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE. Con la presente scrittura privata, redatta in triplice copia, tra il CO-

CONTRATTO DI LOCAZIONE. Con la presente scrittura privata, redatta in triplice copia, tra il CO- ALLEGATO ALLA D.G. N. 97/2002. COMUNE CASTEL MAGGIORE (Prov.Bologna) REP. CONTRATTO DI LOCAZIONE Con la presente scrittura privata, redatta in triplice copia, tra il CO- MUNE DI CASTEL MAGGIORE, in persona

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ISTITUZIONE PRIVILEGIO EX ART. 4 C. 5 L. 49/1985

REGIONE PIEMONTE ISTITUZIONE PRIVILEGIO EX ART. 4 C. 5 L. 49/1985 REGIONE PIEMONTE ISTITUZIONE PRIVILEGIO EX ART. 4 C. 5 L. 49/1985 INDICE-SOMMARIO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO. 2. LE GARANZIE PREVISTE DAL NOSTRO ORDINAMENTO. 2.1 Privilegi 2.2 Garanzie reali 3. LE GARANZIE

Dettagli

ART. 315/333 DEL CODICE CIVILE. Titolo IX Della potestà dei genitori. Art. 315. Doveri del figlio verso i genitori.

ART. 315/333 DEL CODICE CIVILE. Titolo IX Della potestà dei genitori. Art. 315. Doveri del figlio verso i genitori. ART. 315/333 DEL CODICE CIVILE Titolo IX Della potestà dei genitori Art. 315. Doveri del figlio verso i genitori. Il figlio deve rispettare i genitori e deve contribuire, in relazione alle proprie sostanze

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO. l sottoscritt nat a il residente a Prov. Via n.

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO. l sottoscritt nat a il residente a Prov. Via n. Marca da da bollo bollo 14,62 DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO l sottoscritt nat a il residente a Prov. Via n. CHIEDE l assegnazione di un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica adeguato al proprio

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER. IMMOBILE AD USO COMMERCIALE (art. 27 della legge n. 392 del 27 luglio 1978)

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER. IMMOBILE AD USO COMMERCIALE (art. 27 della legge n. 392 del 27 luglio 1978) CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILE AD USO COMMERCIALE (art. 27 della legge n. 392 del 27 luglio 1978) L anno duemiladodici (2012), il giorno ( ) del mese di.., in Santa Fiora (GR), tra: Maurizio ONOFRI,

Dettagli

CAPITOLO 2 La mediazione, la proposta di acquisto e l accettazione

CAPITOLO 2 La mediazione, la proposta di acquisto e l accettazione SOMMARIO CAPITOLO 1 - Le trattative precontrattuali 1. Fase preparatoria 1.1. Gli atti prodromici 1.2. Il recesso dalle trattative 2. L oggetto delle trattative 2.1. Dovere di informazione e pubblicità

Dettagli

I.T.E.S. VALTURIO RIMINI PROGRAMMA DI DIRITTO CIVILE ANNO SCOLASTICO 2015-2016

I.T.E.S. VALTURIO RIMINI PROGRAMMA DI DIRITTO CIVILE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 I.T.E.S. VALTURIO RIMINI PROGRAMMA DI DIRITTO CIVILE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CLASSE III B SIA MATERIA: DIRITTO CIVILE INSEGNANTE: Prof.ssa Imma Trimarco UNITA' 1 INTRODUZIONE AL DIRITTO Le norme giuridiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA COMUNE DI SENIGALLIA PROVINCIA DI ANCONA --ooo-- LOCAZIONE LOCALE AL AD USO COMMERCIALE. DITTA:.. --ooo-- L'anno duemilaquattordici, addì del mese di in Senigallia nella Residenza Municipale Con la presente

Dettagli

CAPITOLATO RELATIVO AL LEASING

CAPITOLATO RELATIVO AL LEASING Capitolato per l affidamento, previa acquisizione del progetto definitivo in sede di offerta, dell appalto misto di lavori e servizi, per la progettazione esecutiva, la realizzazione e la locazione finanziaria

Dettagli

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II)

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) CODICE CIVILE Artt. 14-42 CAPO II Delle associazioni e delle fondazioni Art. 14. Atto costitutivo Art. 15.Revoca dell atto costitutivo della

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER FINALITA' TURISTICA. TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato locatore,

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER FINALITA' TURISTICA. TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato locatore, CONTRATTO DI LOCAZIONE PER FINALITA' TURISTICA TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato locatore, assistito (2) dell'associazione territoriale della , di , in

Dettagli

CONCESSIONE LIBRI E STRUMENTI MUSICALI IN COMODATO D'USO

CONCESSIONE LIBRI E STRUMENTI MUSICALI IN COMODATO D'USO CONCESSIONE LIBRI E STRUMENTI MUSICALI IN COMODATO D'USO In data 22 aprile 2013, il Consiglio di Istituto ha approvato il Regolamento concernente le norme per la concessione in comodato d'uso di libri

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO COMMERCIALE. ai sensi degli artt. 27 e seguenti della legge n 392/78

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO COMMERCIALE. ai sensi degli artt. 27 e seguenti della legge n 392/78 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO COMMERCIALE ai sensi degli artt. 27 e seguenti della legge n 392/78 Il giorno / /200 con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge IL LOCATORE: nato/a

Dettagli

FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI

FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI TUTELA PATRIMONIALE FONDO, TRUST, VINCOLO DI DESTINAZIONE NOTAIO EMANUELE DE MICHELI Fonti normative FONDO PATRIMONIALE: artt. 167 ss. cod. civ. Fonti normative FONDO PATRIMONIALE: artt. 167 ss. cod. civ.

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. (stipulato ai sensi dell art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431)

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. (stipulato ai sensi dell art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431) CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (stipulato ai sensi dell art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431) TRA: la Signora ROSSI MARIA nata a ROMA (RM) il 03/08/1966 domiciliata in ROMA (RM), VIA DELLE

Dettagli

Capitolo I Generalità

Capitolo I Generalità Prefazione................................. VII Capitolo I Generalità 1. Principi generali sul regime patrimoniale fra coniugi.......... 1 1.1. Introduzione......................... 1 1.2. Le convenzioni

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE CONSULENTI LAVORO REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI DAGLI ISCRITTI ALL ALBO DEI CONSULENTI DEL LAVORO Approvato con delibera n. 314 del 25 settembre 2014 Indice

Dettagli

COMUNE DI CALASCIBETTA I M U IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI CALASCIBETTA I M U IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CALASCIBETTA I M U IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA UNA NUOVA IMPOSTA SUGLI IMMOBILI FONTI decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504 decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 decreto legge 06 dicembre

Dettagli

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Con decreto del Ministero dell economia e delle finanze 31 gennaio

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA. UFFICIO del GIUDICE TUTELARE RELAZIONE PERIODICA

TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA. UFFICIO del GIUDICE TUTELARE RELAZIONE PERIODICA TRIBUNALE ORDINARIO DI ROMA Sezione Civile I Bis UFFICIO del GIUDICE TUTELARE Procedimento RG. N. RELAZIONE PERIODICA ANNO o PERIODO di VALUTAZIONE: Dati anagrafici persona sottoposta a gestione / amministrazione

Dettagli

Liceo scientifico e liceo scientifico opzione scienze applicate. Prot. n. 7001/C25a Aversa, 04/10/2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Liceo scientifico e liceo scientifico opzione scienze applicate. Prot. n. 7001/C25a Aversa, 04/10/2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prot. n. 7001/C25a Aversa, 04/10/2014 A tutti i genitori Alla Funzione Strumentale Area 3 OGGETTO: fornitura di libri di testo in comodato d'uso a.s. 2014/15 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 23 dicembre

Dettagli

Si veda G. Rebecca, Piani particolareggiati, aree lottizzate e aree già urbanizzate: agevolazione dell'imposta di registro, in "il fisco'' n.

Si veda G. Rebecca, Piani particolareggiati, aree lottizzate e aree già urbanizzate: agevolazione dell'imposta di registro, in il fisco'' n. La procedura riepiloga in forma tabellare il trattamento fiscale applicabile alla cessione e alla locazione dei terreni. Inoltre, viene illustrato il trattamento impositivo applicabile alle operazioni

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 42/28 DEL 23.10.2012

DELIBERAZIONE N. 42/28 DEL 23.10.2012 DELIBERAZIONE N. 42/28 Oggetto: Concessione in comodato d uso immobile di proprietà dell amministrazione regionale sito a Cagliari in via Cino da Pistoia, 20, distinto al catasto fabbricati al Fg. A/19

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione.

LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione. LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione. La società fiduciaria, attraverso l ampio novero di soluzioni applicabili, risulta essere uno strumento molto valido al fine di soddisfare le esigenze

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER L AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE E PER L OSPITALITA TEMPORANEA IN ALLOGGI DI E.R.P, DI CUI AGLI ARTT. 25, c. 6 d) E 27 DELLA L.R. N. 24/2001. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

CODICE CIVILE E LE ALTRE FONTI DEL DIRITTO PRIVATO

CODICE CIVILE E LE ALTRE FONTI DEL DIRITTO PRIVATO INDICE-SOMMARIO XI PREFAZIONE Capitolo Primo IL CODICE CIVILE E LE ALTRE FONTI DEL DIRITTO PRIVATO 1 Presentazione 2 1.1. Diritto privato e diritto pubblico 5 1.2. Fonti del diritto privato 6 1.3. La Costituzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (REGOLAMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE IN DATA 30.10.2012 CON DELIBERAZIONE N. 60/121562) INDICE Art. 1 Oggetto..pag. 3 Art. 2 Abitazione

Dettagli

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI C O M U N E PROVINCIA D I S E N N O R I DI SASSARI ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI ASSEGNO DI MATERNITA' ANNO 2012 L assegno è stato istituito dall art.66 della legge n.448/98 con effetto dal 01.01.1999

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI.

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. ARTICOLO 1 1. Il Comune di Capalbio ha a disposizione una sala denominata Cinema

Dettagli

A CURA DI DINA d'onofrio CACCAVAIO PRESIDENTE REGIONALE F.I.M.A.A. MOLISE

A CURA DI DINA d'onofrio CACCAVAIO PRESIDENTE REGIONALE F.I.M.A.A. MOLISE A CURA DI DINA d'onofrio CACCAVAIO PRESIDENTE REGIONALE F.I.M.A.A. MOLISE NUDA PROPRIETA : Come acquistare una casa pagandola meno del valore di mercato. In diritto la nuda proprietà è un caso di proprietà

Dettagli

PROCEDURA --------------------------------------

PROCEDURA -------------------------------------- PROCEDURA PER L ACQUISIZIONE DI BENI IMMOBILI (AREE O FABBRICATI) FUNZIONALI ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO -------------------------------------- La PROVINCIA DI GENOVA, nella sua qualità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, IN CONTO INTERESSI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, IN CONTO INTERESSI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, IN CONTO INTERESSI SU MUTUI PER ACQUISTO, COSTRUZIONE E RISTRUTTURAZIONE DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO DEGLI AGRICOLTORI

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO DEGLI AGRICOLTORI IL SISTEMA CONTRIBUTIVO DEGLI AGRICOLTORI Coltivatori diretti e Iap (Imprenditori agricoli professionali) pagano i contributi previdenziali in base alla fascia di reddito agrario in cui è inquadrata l

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 A) LOCATORE CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ex art. 2, comma 1, l. 09.12.1998, n. 431 COGNOME E NOME, nato a Luogo (CO) in data data e residente in Luogo(CO), Indirizzo e n. civico, C.F. Se società:

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212

OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 RISOLUZIONE N. 112/E Roma, 28 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 La Direzione Regionale del Friuli Venezia Giulia

Dettagli

Contratto di locazione per finalità turistica. Il/La sig./soc. <...> (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di

Contratto di locazione per finalità turistica. Il/La sig./soc. <...> (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di Contratto di locazione per finalità turistica Il/La sig./soc. (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone giuridiche, indicare:

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO www.collegioperitiagrarisa.it - e-mail: collegio.salerno@pec.peritiagrari.it - collegio.salerno@peritiagrari.it Prot.

Dettagli